EDITORIALE. Sommario. Rocco Di Lorenzo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EDITORIALE. Sommario. Rocco Di Lorenzo"

Transcript

1 EDITORIALE Bentrovati nella lettura della nostra Newsletter, sempre aggiornata di notizie dal mondo socio-sanitario e delle associazioni No Profit. In questo numero di Aprile affronteremo argomenti eterogenei: parleremo di salute e alimentazione, di oncologia, di autismo e di ricerca scientifica, con particolare attenzione alle novità nel campo dei servizi al cittadino e dell informazione. Fondamentale diventa allora iscrivervi al nostro bollettino online, per restare sempre aggiornati sulle news che riguardano il nostro territorio e vi invitiamo sempre a collaborare alla redazione delle notizie attraverso la stesura di articoli o semplicemente attraverso la segnalazione di informazioni inviando il materiale all indirizzo mail affinché l informazione possa arrivare sempre più limpida agli ospedali, ai pazienti e ai cittadini tutti. Sommario Rocco Di Lorenzo 2. Corso di Riqualifica Operatore Socio Sanitario (OSS) 9. Oncologia in Sicilia: lavorare in Rete 3. SOCIAL INFO POINT:Dalla ricerca alla realtà! 11. Per Esempio Giornata Mondiale dell Autismo 12. Educazione Continua in Medicina( ECM) 5. La Nuova veste del Sito Ipovisione.org 14. Nuovo Nuomero Rivista Trimestrale 6. Biologicamente Sicilia Ipovisione. 7. Ail:un uovo di Pasqua a favore della ricerca, BlindSight Project a fianco del Malato

2 Corso di Riqualifica Oss( Operatore Socio Sanitario) L Aris( Associazione Retinopatici ed Ipovedenti Siciliani), organizza il corso di Riqualifica Oss, rivolto ai soggetti già in possesso delle seguenti qualifiche: Assistente Domiciliare e dei Servizi Tutelari (ADEST), denominato anche Operatore Socio Assistenziale e dei Servizi Tutelari; Operatore Socio Assistenziale (OSA), denominato anche OSA per le infanzie/demenze/per l Handicap e per gli anziani; Operatore addetto all assistenza delle persone diversamente abili; Operatore tecnico del Assistenza (OTA) Per Maggiori informazioni: Segreteria Organizzativa ARIS Tel/ Fax: Sito: A.R.I.S. Associazione Retinopatici ed Ipovedenti Siciliani Visto il Decreto Assessoriale n.1613 del 8 ottobre 2014 recante "Riqualificazione in Operatore Socio Sanitario" vista l'autorizzazione del DASOE Assessorato alla Salute n del 31/03/2015 Organizza corso di riqualifica per O.S.S. Operatore Socio Sanitario Durata: 420 ore (180 ore di teoria, 240 ore di tirocinio) Scadenza iscrizione: entro le ore del 30 aprile 2015 Numero di corsisti ammessi: massimo 25 partecipanti Data inizio corso: 1 Giugno 2015 Soggetti in possesso delle seguenti qualifiche: Assistente domiciliare e dei servizi tutelari- ADEST, denominato anche Operatore socio assistenziale e dei servizi tutelari; Operatore socio assistenziale- OSA, denominato anche OSA per l infanzia, OSA per le demenze, OSA per l handicap e OSA per gli anziani ; Operatore addetto all assistenza delle persone diversamente abili; Operatore tecnico dell Assistenza OTA. Sono ammessi unicamente gli attestati dei corsi con una durata non inferiore alle 700 ore eccetto per coloro che hanno conseguito la qualifica di Operatore tecnico dell assistenza il cui corso ai sensi del D.M.295 del 26 luglio 1991, ha una durata pari a 670 ore e conseguite ai sensi di legge. PER INFORMAZIONI Segreteria organizzativa A.R.I.S. TEL: / SITO:

3 SOCIAL INFO POINT Dalla ricerca alla realtà! L A.R.I.S. (Associazione Retinopatici ed Ipovedenti Siciliani), nel mese di dicembre 2014, ha istituito lo Sportello di orientamento e assistenza Social InfoPoint, creando un solido punto di riferimento ospedaliero territoriale che, in collegamento funzionale con le realtà formali e informali della comunità palermitana, è in grado di fornire un supporto alle persone con disabilità visiva e non solo, in merito al riconoscimento delle misure previdenziali spettanti in quanto portatori di bisogni socio-sanitari complessi. Per realizzare ciò, l Associazione ha disposto del gruppo dei ragazzi volontari del servizio civile nazionale e dell assistente sociale specialista- anch ella volontaria, per implementare una ricerca-intervento e somministrare appositi questionari strutturati, in collaborazione con il Servizio Sociale Aziendale del Presidio Ospedaliero Vincenzo Cervello, presso il Centro di Ipovisione e Riabilitazione A.R.I.S. e le Unità Operative di Cardiologia e Medicina interna dello medesimo complesso ospedaliero e l Unità Operativa di Oculistica del Presidio Ospedaliero CTO. Il fine è stato quello di sondare i bisogni previdenziali e la domanda socio-sanitaria delle persone che vi accedono, sviluppando gli opportuni percorsi assistenziali mediante la gestione, in forma gratuita, del servizio -Social Info Point- che in partenariato con un Patronato della città di Palermo ha formalizzato la presa in carico dell utenza affiancandola nell avvio delle pratiche previdenziali a tutela dei diritti di assistenza, previdenza e salute. Il campione esaminato consta più di 100 unità di analisi valutate in rapporto a diverse variabili (il genere, l età, il titolo di studio, la condizione lavorativa, lo stato di salute e la conoscenza della legislazione previdenziale) rappresentate in forma tabellare e grafica in un accurato report di ricerca, redatto da assistenti sociali specialiste a seguito della minuziosa raccolta dati. La somministrazione, avvenuta direttamente nei luoghi di cura, ha rilevato appieno la mission fondante la ricerca stessa ossia la promozione dell in-formazione inerente l accesso ai diritti previdenziali connesso ad uno stato soggettivo patologico e il concreto accompagnamento del paziente durante il percorso previdenziale opportunamente attivato: dinnanzi ad una sub-cultura e a prassi di disinformazione diffusa in materia, l A.R.I.S. ha assicurato, quindi, dapprima l informazione e successivamente la presa di consapevolezza dell esercizio dei propri diritti di partecipazione sociale e assistenza, talvolta trascurati all interno delle strutture ospedaliere. Nel mese di febbraio la ricerca è volta al termine e a seguito della redazione del conseguente report di rendicontazione dei risultati, l Associazione è intenta ad organizzare, in primavera, una giornata formativa rivolta al personale medico-sanitario, sociale e previdenziale nonché a familiari ed utenti al fine di divulgare i significativi dati e risultati ottenuti e contestualmente analizzarre nuovi processi di buone prassi (corsi di formazione mirati, gruppi informativi, servizi alla persona ecc.) fondati sulla continuità assistenziale e sulla tutela giuridica dei diritti socio-sanitari dei soggetti ipovedenti e disabili, previo approccio operativo interdisciplinare che coinvolge dinamicamente assistenti sociali, medici, psicologi ed esperti della riabilitazione in un sistema di cura integrato e di qualità. M.I

4 Giornata Mondiale dell Autismo Come ogni anno, sono numerosi gli appuntamenti e le iniziative in tutto il mondo e anche in Italia per sensibilizzare, informare, ma principalmente agire nei confronti dell autismo, o i disturbi dello spettro autistico (Dsa), una condizione cronica che interessa lo sviluppo del sistema nervoso centrale e che si manifesta principalmente nei bambini causando una disabilità complessa che coinvolge diversi ambiti, da quello sociale a quello comunicativo e comportamentale. Il Comitato L Autismo Parla organizza anche questa volta una fiaccolata in occasione della Giornata Mondiale della sensibilizzazione dell Autismo istituita nel 2007 dall ONU, giovedì 2 aprile alle ore al Teatro Politeama e in piazza Politeama a Palermo con collegamenti nazionali con la Rai. Una fiaccolata simbolo della rivendicazione di servizi e diritti per tutte le persone con autismo, i cui tassi d incidenza, secondo gli studi epidemiologici, sono in costante aumento. Le ipotesi circa le cause sono diverse, eppure non si è ancora compreso del tutto quale ne sia la reale origine. Quello che si sa con certezza è che a esserne colpiti sono più i maschi, rispetto alle femmine, con 4,5 maggiori probabilità. Una manifestazione che ha dunque come obiettivo proprio quello di sensibilizzare l opinione pubblica e promuovere la conoscenza di questa complessa condizione: ciò che può fare la differenza è la diagnosi precoce, per questo è indispensabile la partecipazione di tutte le realtà che a vario livello si occupano di disabilità fisica e psichica. A.C.

5 La Nuova veste del Sito Ipovisione.org È online il nuovo sito dell ARIS, in una veste grafica totalmente rinnovata e con nuove funzioni e obiettivi. Oltre alle consuete comunicazioni sui nuovi convegni e corsi di formazione, il sito si proporrà come vero e proprio punto di informazione nel mondo socio- sanitario: costantemente aggiornato sulle novità del mondo della salute, condivisibili attraverso il social network Facebook, sarà arricchito da servizi giornalistici multimediali e da un comparto di accessibilità per ipovedenti che assicurerà una più facile consultazione anche per i pazienti con difficoltà visive. Al suo interno potrete: consultare tutte le informazioni sui servizi del Centro di Ipovisione e Riabilitazione Visiva e prenotare la vostra visita oculistica gratuita con un semplice click; accedere comodamente alla lettura online delle numerose pubblicazioni tra le quali la rivista nazionale Ipovisione: Scienza, informazione, cultura e mercato e Unione News, nonché il bollettino mensile Unione Newsletter ; guardare le puntate del format televisivo Ipovisione, la rubrica d informazione medica che pone particolare attenzione alle problematiche visive; rimanere aggiornati sui bandi di Servizio Civile Nazionale e sugli eventi di prevenzione sensibilizzazione che ogni giorno riguardano la nostra isola.

6 Biologicamente Sicilia Per secoli la terra sicula si è contraddistinta per i numerosi prodotti alimentari lasciati in eredità dai popoli invasori e dai mercanti più astuti. Oggi questo bagaglio alimentare può diventare un baluardo notevole nel campo della gastronomia internazionale. L Orto Botanico di Palermo nella settimana che va dal 16 al 22 Marzo ha organizzato la manifestazione la fiera della biodiversità alimentare della Sicilia. Per la prima volta il terzo settore, nello specifico l Istituto della Dieta Mediterranea, l Anci Sicilia e quindi l aggregazione di tutti i comuni siciliani e l Università degli studi di Palermo con alcuni dipartimenti in particolare, diventano aggregazione rispetto al dialogare insieme. Un evento a costo zero che vede l impegno di studiosi, ricercatori e professionisti del settore. Questo evento è il segno della transculturalità che anticiperà l expo 2015; la Fiera della biodiversità alimentare della Sicilia è un trampolino, un collegamento tra linguaggi diversi in una logica sistemica ( natura, incontro e cooperazione). Riuscire a legare momenti di ricerca, innovazione e trasmissione nei confronti delle altre popolazioni del mediterraneo. questo ha dichiarato Francesca Cerami, Psicologa esperta di Progettazione e Gestione Interventi Strategici nonché Segretario Generale dell I.Di.Med Istituto per la valorizzazione e promozione della Dieta Mediterranea. D.I.

7 Ail: un uovo di Pasqua a favore della ricerca, a fianco del malato Come ogni anno, in occasione della Santa Pasqua si acquistano le tradizionali uova di cioccolata. Ma perchè comprarne uno buono, quando si può scegliere uno buono due volte? Magari un uovo che oltre ad addolcirvi la Pasqua, sia un passo avanti, una nuova forza, una nuova speranza per i malati di leucemia. Per cercare di rendere leucemie, linfomi e mieloma sempre più guaribili è stata infatti organizzata la ventiduesima edizione della manifestazione Uovo di Pasqua AIL, il tradizionale appuntamento di solidarietà promosso dall AIL (Associazione Italiana contro le leucemie, i linfomi e il mieloma), che dal 1994, associata alla già affermata campagna delle Stelle di Natale, ha permesso di raccogliere fondi per importanti progetti di Ricerca e Assistenza e ha contribuito a far conoscere i progressi della ricerca scientifica nel campo delle malattie del sangue. Il e 22 marzo si è svolta infatti con successo la manifestazione delle Uova dell AIL in più di 4000 piazze d Italia per offrire un uovo di cioccolato, contraddistinto dal logo dell Ail, con un contributo minimo associativo di 12 euro. I fondi raccolti saranno impiegati per sostenere la ricerca scientifica; finanziare il Gruppo GIMEMA (Gruppo Italiano Malattie Ematologiche dell Adulto) cui fanno capo oltre 150 Centri di Ematologia; collaborare al servizio di assistenza domiciliare per adulti e bambini; realizzare Case Alloggio AIL nei pressi dei Centri di Terapia per ospitare i pazienti non residenti e permettere loro di affrontare i lunghi periodi di trattamento; supportare il funzionamento dei Centri di Ematologia e di Trapianto di cellule staminali e sostenere i laboratori per la diagnosi e per la ricerca; promuovere la formazione e l aggiornamento professionale di medici, biologi, infermieri e tecnici di laboratorio. È necessario sostenere queste iniziative per raggiungere ulteriori obiettivi, perchè anche con un piccolo gesto, si può agire in grande. A.P

8

9 Oncologia in Sicilia:lavorare in rete Si è tenuto il 10 aprile, a Caltanissetta, il Convegno Oncologia in Sicilia: lavorare in rete promosso e organizzato dal CEFPAS, in collaborazione con il Centro di Riferimento Oncologico IRCCS di Aviano e l Istituto Nazionale Tumori IRCCS Fondazione G. Pascale di Napoli. L iniziativa, si è avvalsa del contributo di importanti realtà nazionali e dei Centri di riferimento della Rete Oncologica Siciliana (Re.O.S.) per un focus con i professionisti sugli aspetti di più recente acquisizione scientifica in tema di prevenzione, diagnosi e cura delle patologie oncologiche. L evento è stato propedeutico alla definizione di percorsi formativi specifici di tipo tecnico-professionale e organizzativo-gestionale che il CEFPAS svilupperà nel corso del 2015 per supportare i professionisti e gli operatori della Re.O.S., nello sviluppo di un modello organizzativo integrato e multidisciplinare che risponda ai bisogni e alla complessità dell offerta assistenziale per il cittadino nelle varie forme della malattia. Il Piano Sanitario Regionale prevede il miglioramento del funzionamento della rete ospedaliera regionale secondo precisi indirizzi fissati anche dal Piano Sanitario Nazionale. Per raggiungere questi obiettivi la rete ospedaliera regionale è stata riorganizzata secondo due modelli complementari: le reti cliniche integrate e le aree di attività di livello regionale (secondo il modello Hub & Spoke). Le reti cliniche integrate rappresentano i servizi presenti negli ospedali di tutte le aziende sanitarie che, attraverso l integrazione con i servizi distrettuali e di sanità pubblica, assicura ai cittadini il livello primario dell assistenza in un determinato territorio. All interno della rete dei servizi è previsto che siano garantite per tutti i cittadini, in condizioni di equità, le prestazioni necessarie ai loro bisogni assistenziali, e che si tenga conto del fatto che, quando è possibile, siano gli operatori sanitari ad andare verso il cittadino e non viceversa. Il modello Hub & Spoke (letteralmente: mozzo e raggi) parte dal presupposto che per determinate situazioni e complessità di malattia siano necessarie competenze rare e costose che non possono essere assicurate in modo diffuso, ma devono invece essere concentrate in Centri regionali di alta specializzazione (HUB) a cui vengono inviati gli ammalati dai servizi ospedalieri periferici (SPOKE). L Assessorato Regionale della Salute, con il D.A. 1902/2014, ha definito obiettivi e organizzazione della Rete Oncologica (Re.O.S.) per la presa in carico e la cura globale della persona malata, attraverso percorsi assistenziali omogenei che assicurino la piena continuità delle cure, approcciandosi in maniera multidisciplinare alle patologie oncologiche. Il modello Hub & Spoke adottato individua l elemento cardine nel Dipartimento Oncologico Provinciale (DIPO). I DIPO inter-aziendali delle tre aree metropolitane di Palermo, Messina e Catania rappresentano gli Hub regionali di cui fanno parte le Aziende ospedaliere e territoriali pubbliche e le Strutture private accreditate, tra loro collegate anche attraverso una rete informatica dipartimentale. Nelle altre province vengono costituiti i DIPO intra-aziendali, di tipo funzionale o strutturale. I vari DIPO fruiranno di una rete informatica altamente evoluta che consentirà l accesso a un database di comune consultazione che collega tutte le unità operative e i servizi diagnostici coinvolti nel percorso del paziente oncologico. A.P

10

11 Per Esempio... In un periodo di crisi economica e, in particolare, di tagli alla sanità, ci sono due modi di affrontare i problemi emergenti: o lamentandosi per la scarsità delle risorse e del personale, o rimboccandosi le maniche e facendo funzionare al meglio quello che si ha. In questo caso il riferimento è al settore reumatologico, che in Sicilia è stato sempre deficitario, perché non si è mai avvertita la gravità di un problema che interessa una popolazione sempre crescente e soprattutto in età lavorativa. Il D.A. del , pubblicato sulla G.U.R.S. del , dell allora assessore Massimo Russo, fortemente voluto dalle Associazioni dei Malati Reumatici, con il contributo deicomitati Consultivi, dei Reumatologi e di Cittadinazattiva,ha istituito una Rete Reumatologica Siciliana, che sarà funzionante quando ci sarà la possibilità di completare gli organici previsti: e intanto?! Intanto i pazienti affetti da malattie reumatiche continuano ad utilizzare gli ambulatori territoriali, mentre per le forme più gravidi Artritriaffluiscono con notevoli difficoltà, legate alle liste d attesa, agli ambulatori ospedalieri esistenti. Il livello ospedaliero, assente nelle province di Enna e Caltanissetta, permette di ottenere una diagnosi più approfondita, farmaci innovativi e controlli periodici. Questi ambulatori, nati in modo quasi spontaneo, per la maggior parte aggregati ad Unità di Medicina, soffrono gravi carenze strutturali e di organico, nonché di posti letto dedicati, per cui spessoi pazienti sono costretti a recarsi in altre regioni incrementando la mobilità passiva. Tutto ciò ha spinto le Associazioni dei Malati reumatici Siciliani a chiedere un colloquio con le istituzioni, al fine cercare una soluzione alle criticità più manifeste nelle singole realtà, utilizzando al meglio le risorse esistenti. Una prima disponibilità di ascolto è arrivata dal direttore generale dell ASP di Siracusa, dr.salvatorebrugaletta che si è prontamente adoperato per allocare l ambulatorio di reumatologia, condiviso con le malattie infettive, in una sede più opportuna. In un colloquio successivo il drbrugaletta ha promesso a Lucia Zappulla, referente dell Associazione Italiana Lotta alla Sclerodermia (AILS) che avrebbe valutato l opportunità di rendere il servizio di reumatologia più funzionale, avvalendosi delle varie professionalità operanti nella stessa ASP. A questo si aggiunge l incontro avvenuto tra il dr Giacomo Scalzo, dirigente dell assessorato alla salute, e una rappresentanza delle Associazioni che operano nella particolare realtà Palermitana,alla presenza del segretario regionale di Cittadinanzattiva, dr Giuseppe greco. Il dr Scalzo, dopo un attento ascolto dei problemi che gli erano evidenziati, si è formalmente impegnato a trasferire ai direttori generali, delle varie aziende sanitarie, la necessità di dialogare con i rappresentanti dei pazienti reumatici per migliorare l operatività degli ambulatori di reumatologia. Inoltre ha assicurato che si farà promotore di un incontro tra le Associazioni e i direttori generali dell area metropolitana di Palermo, per valutare insieme possibili soluzioni ai gravi disagi dei pazienti, nell ambito del riordino in atto. Questo metodo di lavoro,che si affida al dialogo tra i decisori e gli utenti, sembra essere il modo migliore per adeguare i servizi ai reali bisogni dei malati e risparmiare sui costi dell assistenza sanitaria. Quando le istituzioni collaborano con i Pazienti e soprattutto con le Associazioni, quando c è la disponibilità ad ascoltare e a prodigarsi per risolvere i problemi, una soluzione si trova sempre, anche se non è pienamente soddisfacente, ma è già qualcosa. Purtroppo qualche volta il Cittadino Utente trova di fronte a se muri invalicabili o sorrisi di circostanza: questo aggrava i problemi esistenti! Salvatore Filetti

12 Educazione Continua in Medicina (ECM) La professionalità di un operatore della sanità può essere definita da da tre caratteristiche fondamentali: il possesso di conoscenze teoriche aggiornate (sapere); il possesso di abilità tecniche o manuali (fare); il possesso di capacità comunicative e relazionali (essere). Il rapido e continuo sviluppo della medicina, delle conoscenze biomediche e l accrescersi continuo delle innovazioni tecnologiche e organizzative, inducono l operatore della sanità a mantenersi aggiornato e competente. Ecco il motivo per cui, in tutti i Paesi del mondo, sono nati i programmi di Educazione Continua in Medicina (ECM): l avvio del Programma nazionale nel 2002, prevede, infatti, l obbligo della formazione continua per il personale sanitario, medico e non medico, dipendente o libero professionista, operante nella sanità, sia privata che pubblica. Dal 2008, la gestione amministrativa del programma di ECM ed il supporto alla Commissione Nazionale per la Formazione Continua, competenze del Ministero della salute, sono stati trasferiti all Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas). La Formazione continua è un requisito essenziale per la corretta prassi e per il mantenimento dell abilitazione all esercizio professionale di ogni operatore sanitario: essa comprende l acquisizione di nuove conoscenze, abilità e attitudini utili a una pratica competente ed esperta. Il credito è riconosciuto in funzione della qualità dell attività formativa e del tempo ad essa dedicato in ragione delle specifiche professionalità: ogni professionista deve acquisire 150 crediti ECM nel triennio stabilito rispettivamente 50 crediti/anno (minimo 25, massimo 75 ogni anno). È esonerato dall obbligo dell ECM. il personale sanitario che frequenta, in Italia o all estero, corsi di formazione post-base propri della categoria di appartenenza (corso di specializzazione, dottorato di ricerca, master, corso di perfezionamento scientifico e laurea specialistica, corso di formazione specifica in medicina generale, formazione complementare, corsi di formazione e di aggiornamento professionale) per tutto il periodo di formazione (anno di frequenza). Sono esonerati, altresì, i soggetti che usufruiscono delle disposizioni in materia di tutela della gravidanza. Partecipare ai programmi di ECM. è un dovere, richiamato anche dal Codice Deontologico, per mettere in pratica le nuove conoscenze e competenze per offrire una assistenza qualitativamente utile. Prendersi, quindi, cura dei propri pazienti con competenze aggiornate, senza conflitti di interesse, in modo da poter essere un buon professionista della sanità. L ECM è anche un diritto dei cittadini, che giustamente richiedono operatori attenti, aggiornati e sensibili. Ciò è oggi particolarmente importante ove si pensi che il cittadino è sempre più informato sulle possibilità della medicina di rispondere, oltre che a domande di cura, a domande più complessive di salute. A.P

13 Canale 612 NEWS 612 il primo Canale Digitale ALL NEWS

14 Nuovo Numero Rivista Trimestrale Ipovisione È gia disponibile nel sito il nuovo numero del trimestrale Ipovisione : Scienza, Informazione, Cultura e Mercato. La rivista, affronta la tematica della disabilità visiva, approfondendo argomenti di natura scientifica, legislativa, lavorativa, psicologica, sociale e culturale. Registrata al Tribunale di Palermo con decreto n. 19 del 20/07/2000, è composta da un numero variabile di 7-8 articoli più box di approfondimento, per un totale di pagine a colori ed ha una tiratura di 2000 copie con una distribuzione a tutti gli abbonati, e di facile consultazione sul sito. BlindSight Project BlindSight è una nuova applicazione gratuita per sistemi Google Android e Apple ios! L applicazione, disponibile per tutti, offre la possibilità chiamando il numero 008 di segnalare qualsiasi tipo di inciviltà, tra cui: barriere architettoniche, un locale pubblico che rifiuta un cane guida, un auto parcheggiata dove non dovrebbe e tanto altro, sempre rispettando la privacy. Con questa applicazione è possibile inviare foto, video e testo, che sarà selezionato ed inviato alle forze dell ordine, Associazioni e difesa consumatori. EDITORE REDATTORI SEGRETERIA Aris/UnANPASS Antonino Coffaro, Salvatore Filetti Sara Giordanella Marta Ienzi, Daniele Inglese, DIRETTORE RESPONSABILE Antonina G. Paruta, Matteo Volpe GESTIONE WEB Rocco Di Lorenzo Andrea Giambona CAPO REDATTORE Maria Foti

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE corso di aggiornamento GESTIONE DELLA CARDIOPATIA ISCHEMICA CRONICA STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare Direttore scientifico: 18 aprile 2015 Sala Rosangelo Mazzarino (CL) edizione 1 PROGRAMMA

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AL VIA LA CAMPAGNA AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO 1. ESSERE UN AGRONOMO E FORESTALE WAA for EXPO2015 Il grande appuntamento dell EXPO MILANO 2015 dal

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO Rif. Organizzatore 8568-10035201 IN COLLABORAZIONE CON ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione 1 di 11 ID_Candidato 19 Nome Cognome Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione fabrizio di bella Data_Nascita 31/01/1962 Luogo_Nascita Provincia_Nascita Residenza_Comune

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli