EDITORIALE. Sommario. Rocco Di Lorenzo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EDITORIALE. Sommario. Rocco Di Lorenzo"

Transcript

1 EDITORIALE Bentrovati nella lettura della nostra Newsletter, sempre aggiornata di notizie dal mondo socio-sanitario e delle associazioni No Profit. In questo numero di Aprile affronteremo argomenti eterogenei: parleremo di salute e alimentazione, di oncologia, di autismo e di ricerca scientifica, con particolare attenzione alle novità nel campo dei servizi al cittadino e dell informazione. Fondamentale diventa allora iscrivervi al nostro bollettino online, per restare sempre aggiornati sulle news che riguardano il nostro territorio e vi invitiamo sempre a collaborare alla redazione delle notizie attraverso la stesura di articoli o semplicemente attraverso la segnalazione di informazioni inviando il materiale all indirizzo mail affinché l informazione possa arrivare sempre più limpida agli ospedali, ai pazienti e ai cittadini tutti. Sommario Rocco Di Lorenzo 2. Corso di Riqualifica Operatore Socio Sanitario (OSS) 9. Oncologia in Sicilia: lavorare in Rete 3. SOCIAL INFO POINT:Dalla ricerca alla realtà! 11. Per Esempio Giornata Mondiale dell Autismo 12. Educazione Continua in Medicina( ECM) 5. La Nuova veste del Sito Ipovisione.org 14. Nuovo Nuomero Rivista Trimestrale 6. Biologicamente Sicilia Ipovisione. 7. Ail:un uovo di Pasqua a favore della ricerca, BlindSight Project a fianco del Malato

2 Corso di Riqualifica Oss( Operatore Socio Sanitario) L Aris( Associazione Retinopatici ed Ipovedenti Siciliani), organizza il corso di Riqualifica Oss, rivolto ai soggetti già in possesso delle seguenti qualifiche: Assistente Domiciliare e dei Servizi Tutelari (ADEST), denominato anche Operatore Socio Assistenziale e dei Servizi Tutelari; Operatore Socio Assistenziale (OSA), denominato anche OSA per le infanzie/demenze/per l Handicap e per gli anziani; Operatore addetto all assistenza delle persone diversamente abili; Operatore tecnico del Assistenza (OTA) Per Maggiori informazioni: Segreteria Organizzativa ARIS Tel/ Fax: Sito: A.R.I.S. Associazione Retinopatici ed Ipovedenti Siciliani Visto il Decreto Assessoriale n.1613 del 8 ottobre 2014 recante "Riqualificazione in Operatore Socio Sanitario" vista l'autorizzazione del DASOE Assessorato alla Salute n del 31/03/2015 Organizza corso di riqualifica per O.S.S. Operatore Socio Sanitario Durata: 420 ore (180 ore di teoria, 240 ore di tirocinio) Scadenza iscrizione: entro le ore del 30 aprile 2015 Numero di corsisti ammessi: massimo 25 partecipanti Data inizio corso: 1 Giugno 2015 Soggetti in possesso delle seguenti qualifiche: Assistente domiciliare e dei servizi tutelari- ADEST, denominato anche Operatore socio assistenziale e dei servizi tutelari; Operatore socio assistenziale- OSA, denominato anche OSA per l infanzia, OSA per le demenze, OSA per l handicap e OSA per gli anziani ; Operatore addetto all assistenza delle persone diversamente abili; Operatore tecnico dell Assistenza OTA. Sono ammessi unicamente gli attestati dei corsi con una durata non inferiore alle 700 ore eccetto per coloro che hanno conseguito la qualifica di Operatore tecnico dell assistenza il cui corso ai sensi del D.M.295 del 26 luglio 1991, ha una durata pari a 670 ore e conseguite ai sensi di legge. PER INFORMAZIONI Segreteria organizzativa A.R.I.S. TEL: / SITO:

3 SOCIAL INFO POINT Dalla ricerca alla realtà! L A.R.I.S. (Associazione Retinopatici ed Ipovedenti Siciliani), nel mese di dicembre 2014, ha istituito lo Sportello di orientamento e assistenza Social InfoPoint, creando un solido punto di riferimento ospedaliero territoriale che, in collegamento funzionale con le realtà formali e informali della comunità palermitana, è in grado di fornire un supporto alle persone con disabilità visiva e non solo, in merito al riconoscimento delle misure previdenziali spettanti in quanto portatori di bisogni socio-sanitari complessi. Per realizzare ciò, l Associazione ha disposto del gruppo dei ragazzi volontari del servizio civile nazionale e dell assistente sociale specialista- anch ella volontaria, per implementare una ricerca-intervento e somministrare appositi questionari strutturati, in collaborazione con il Servizio Sociale Aziendale del Presidio Ospedaliero Vincenzo Cervello, presso il Centro di Ipovisione e Riabilitazione A.R.I.S. e le Unità Operative di Cardiologia e Medicina interna dello medesimo complesso ospedaliero e l Unità Operativa di Oculistica del Presidio Ospedaliero CTO. Il fine è stato quello di sondare i bisogni previdenziali e la domanda socio-sanitaria delle persone che vi accedono, sviluppando gli opportuni percorsi assistenziali mediante la gestione, in forma gratuita, del servizio -Social Info Point- che in partenariato con un Patronato della città di Palermo ha formalizzato la presa in carico dell utenza affiancandola nell avvio delle pratiche previdenziali a tutela dei diritti di assistenza, previdenza e salute. Il campione esaminato consta più di 100 unità di analisi valutate in rapporto a diverse variabili (il genere, l età, il titolo di studio, la condizione lavorativa, lo stato di salute e la conoscenza della legislazione previdenziale) rappresentate in forma tabellare e grafica in un accurato report di ricerca, redatto da assistenti sociali specialiste a seguito della minuziosa raccolta dati. La somministrazione, avvenuta direttamente nei luoghi di cura, ha rilevato appieno la mission fondante la ricerca stessa ossia la promozione dell in-formazione inerente l accesso ai diritti previdenziali connesso ad uno stato soggettivo patologico e il concreto accompagnamento del paziente durante il percorso previdenziale opportunamente attivato: dinnanzi ad una sub-cultura e a prassi di disinformazione diffusa in materia, l A.R.I.S. ha assicurato, quindi, dapprima l informazione e successivamente la presa di consapevolezza dell esercizio dei propri diritti di partecipazione sociale e assistenza, talvolta trascurati all interno delle strutture ospedaliere. Nel mese di febbraio la ricerca è volta al termine e a seguito della redazione del conseguente report di rendicontazione dei risultati, l Associazione è intenta ad organizzare, in primavera, una giornata formativa rivolta al personale medico-sanitario, sociale e previdenziale nonché a familiari ed utenti al fine di divulgare i significativi dati e risultati ottenuti e contestualmente analizzarre nuovi processi di buone prassi (corsi di formazione mirati, gruppi informativi, servizi alla persona ecc.) fondati sulla continuità assistenziale e sulla tutela giuridica dei diritti socio-sanitari dei soggetti ipovedenti e disabili, previo approccio operativo interdisciplinare che coinvolge dinamicamente assistenti sociali, medici, psicologi ed esperti della riabilitazione in un sistema di cura integrato e di qualità. M.I

4 Giornata Mondiale dell Autismo Come ogni anno, sono numerosi gli appuntamenti e le iniziative in tutto il mondo e anche in Italia per sensibilizzare, informare, ma principalmente agire nei confronti dell autismo, o i disturbi dello spettro autistico (Dsa), una condizione cronica che interessa lo sviluppo del sistema nervoso centrale e che si manifesta principalmente nei bambini causando una disabilità complessa che coinvolge diversi ambiti, da quello sociale a quello comunicativo e comportamentale. Il Comitato L Autismo Parla organizza anche questa volta una fiaccolata in occasione della Giornata Mondiale della sensibilizzazione dell Autismo istituita nel 2007 dall ONU, giovedì 2 aprile alle ore al Teatro Politeama e in piazza Politeama a Palermo con collegamenti nazionali con la Rai. Una fiaccolata simbolo della rivendicazione di servizi e diritti per tutte le persone con autismo, i cui tassi d incidenza, secondo gli studi epidemiologici, sono in costante aumento. Le ipotesi circa le cause sono diverse, eppure non si è ancora compreso del tutto quale ne sia la reale origine. Quello che si sa con certezza è che a esserne colpiti sono più i maschi, rispetto alle femmine, con 4,5 maggiori probabilità. Una manifestazione che ha dunque come obiettivo proprio quello di sensibilizzare l opinione pubblica e promuovere la conoscenza di questa complessa condizione: ciò che può fare la differenza è la diagnosi precoce, per questo è indispensabile la partecipazione di tutte le realtà che a vario livello si occupano di disabilità fisica e psichica. A.C.

5 La Nuova veste del Sito Ipovisione.org È online il nuovo sito dell ARIS, in una veste grafica totalmente rinnovata e con nuove funzioni e obiettivi. Oltre alle consuete comunicazioni sui nuovi convegni e corsi di formazione, il sito si proporrà come vero e proprio punto di informazione nel mondo socio- sanitario: costantemente aggiornato sulle novità del mondo della salute, condivisibili attraverso il social network Facebook, sarà arricchito da servizi giornalistici multimediali e da un comparto di accessibilità per ipovedenti che assicurerà una più facile consultazione anche per i pazienti con difficoltà visive. Al suo interno potrete: consultare tutte le informazioni sui servizi del Centro di Ipovisione e Riabilitazione Visiva e prenotare la vostra visita oculistica gratuita con un semplice click; accedere comodamente alla lettura online delle numerose pubblicazioni tra le quali la rivista nazionale Ipovisione: Scienza, informazione, cultura e mercato e Unione News, nonché il bollettino mensile Unione Newsletter ; guardare le puntate del format televisivo Ipovisione, la rubrica d informazione medica che pone particolare attenzione alle problematiche visive; rimanere aggiornati sui bandi di Servizio Civile Nazionale e sugli eventi di prevenzione sensibilizzazione che ogni giorno riguardano la nostra isola.

6 Biologicamente Sicilia Per secoli la terra sicula si è contraddistinta per i numerosi prodotti alimentari lasciati in eredità dai popoli invasori e dai mercanti più astuti. Oggi questo bagaglio alimentare può diventare un baluardo notevole nel campo della gastronomia internazionale. L Orto Botanico di Palermo nella settimana che va dal 16 al 22 Marzo ha organizzato la manifestazione la fiera della biodiversità alimentare della Sicilia. Per la prima volta il terzo settore, nello specifico l Istituto della Dieta Mediterranea, l Anci Sicilia e quindi l aggregazione di tutti i comuni siciliani e l Università degli studi di Palermo con alcuni dipartimenti in particolare, diventano aggregazione rispetto al dialogare insieme. Un evento a costo zero che vede l impegno di studiosi, ricercatori e professionisti del settore. Questo evento è il segno della transculturalità che anticiperà l expo 2015; la Fiera della biodiversità alimentare della Sicilia è un trampolino, un collegamento tra linguaggi diversi in una logica sistemica ( natura, incontro e cooperazione). Riuscire a legare momenti di ricerca, innovazione e trasmissione nei confronti delle altre popolazioni del mediterraneo. questo ha dichiarato Francesca Cerami, Psicologa esperta di Progettazione e Gestione Interventi Strategici nonché Segretario Generale dell I.Di.Med Istituto per la valorizzazione e promozione della Dieta Mediterranea. D.I.

7 Ail: un uovo di Pasqua a favore della ricerca, a fianco del malato Come ogni anno, in occasione della Santa Pasqua si acquistano le tradizionali uova di cioccolata. Ma perchè comprarne uno buono, quando si può scegliere uno buono due volte? Magari un uovo che oltre ad addolcirvi la Pasqua, sia un passo avanti, una nuova forza, una nuova speranza per i malati di leucemia. Per cercare di rendere leucemie, linfomi e mieloma sempre più guaribili è stata infatti organizzata la ventiduesima edizione della manifestazione Uovo di Pasqua AIL, il tradizionale appuntamento di solidarietà promosso dall AIL (Associazione Italiana contro le leucemie, i linfomi e il mieloma), che dal 1994, associata alla già affermata campagna delle Stelle di Natale, ha permesso di raccogliere fondi per importanti progetti di Ricerca e Assistenza e ha contribuito a far conoscere i progressi della ricerca scientifica nel campo delle malattie del sangue. Il e 22 marzo si è svolta infatti con successo la manifestazione delle Uova dell AIL in più di 4000 piazze d Italia per offrire un uovo di cioccolato, contraddistinto dal logo dell Ail, con un contributo minimo associativo di 12 euro. I fondi raccolti saranno impiegati per sostenere la ricerca scientifica; finanziare il Gruppo GIMEMA (Gruppo Italiano Malattie Ematologiche dell Adulto) cui fanno capo oltre 150 Centri di Ematologia; collaborare al servizio di assistenza domiciliare per adulti e bambini; realizzare Case Alloggio AIL nei pressi dei Centri di Terapia per ospitare i pazienti non residenti e permettere loro di affrontare i lunghi periodi di trattamento; supportare il funzionamento dei Centri di Ematologia e di Trapianto di cellule staminali e sostenere i laboratori per la diagnosi e per la ricerca; promuovere la formazione e l aggiornamento professionale di medici, biologi, infermieri e tecnici di laboratorio. È necessario sostenere queste iniziative per raggiungere ulteriori obiettivi, perchè anche con un piccolo gesto, si può agire in grande. A.P

8

9 Oncologia in Sicilia:lavorare in rete Si è tenuto il 10 aprile, a Caltanissetta, il Convegno Oncologia in Sicilia: lavorare in rete promosso e organizzato dal CEFPAS, in collaborazione con il Centro di Riferimento Oncologico IRCCS di Aviano e l Istituto Nazionale Tumori IRCCS Fondazione G. Pascale di Napoli. L iniziativa, si è avvalsa del contributo di importanti realtà nazionali e dei Centri di riferimento della Rete Oncologica Siciliana (Re.O.S.) per un focus con i professionisti sugli aspetti di più recente acquisizione scientifica in tema di prevenzione, diagnosi e cura delle patologie oncologiche. L evento è stato propedeutico alla definizione di percorsi formativi specifici di tipo tecnico-professionale e organizzativo-gestionale che il CEFPAS svilupperà nel corso del 2015 per supportare i professionisti e gli operatori della Re.O.S., nello sviluppo di un modello organizzativo integrato e multidisciplinare che risponda ai bisogni e alla complessità dell offerta assistenziale per il cittadino nelle varie forme della malattia. Il Piano Sanitario Regionale prevede il miglioramento del funzionamento della rete ospedaliera regionale secondo precisi indirizzi fissati anche dal Piano Sanitario Nazionale. Per raggiungere questi obiettivi la rete ospedaliera regionale è stata riorganizzata secondo due modelli complementari: le reti cliniche integrate e le aree di attività di livello regionale (secondo il modello Hub & Spoke). Le reti cliniche integrate rappresentano i servizi presenti negli ospedali di tutte le aziende sanitarie che, attraverso l integrazione con i servizi distrettuali e di sanità pubblica, assicura ai cittadini il livello primario dell assistenza in un determinato territorio. All interno della rete dei servizi è previsto che siano garantite per tutti i cittadini, in condizioni di equità, le prestazioni necessarie ai loro bisogni assistenziali, e che si tenga conto del fatto che, quando è possibile, siano gli operatori sanitari ad andare verso il cittadino e non viceversa. Il modello Hub & Spoke (letteralmente: mozzo e raggi) parte dal presupposto che per determinate situazioni e complessità di malattia siano necessarie competenze rare e costose che non possono essere assicurate in modo diffuso, ma devono invece essere concentrate in Centri regionali di alta specializzazione (HUB) a cui vengono inviati gli ammalati dai servizi ospedalieri periferici (SPOKE). L Assessorato Regionale della Salute, con il D.A. 1902/2014, ha definito obiettivi e organizzazione della Rete Oncologica (Re.O.S.) per la presa in carico e la cura globale della persona malata, attraverso percorsi assistenziali omogenei che assicurino la piena continuità delle cure, approcciandosi in maniera multidisciplinare alle patologie oncologiche. Il modello Hub & Spoke adottato individua l elemento cardine nel Dipartimento Oncologico Provinciale (DIPO). I DIPO inter-aziendali delle tre aree metropolitane di Palermo, Messina e Catania rappresentano gli Hub regionali di cui fanno parte le Aziende ospedaliere e territoriali pubbliche e le Strutture private accreditate, tra loro collegate anche attraverso una rete informatica dipartimentale. Nelle altre province vengono costituiti i DIPO intra-aziendali, di tipo funzionale o strutturale. I vari DIPO fruiranno di una rete informatica altamente evoluta che consentirà l accesso a un database di comune consultazione che collega tutte le unità operative e i servizi diagnostici coinvolti nel percorso del paziente oncologico. A.P

10

11 Per Esempio... In un periodo di crisi economica e, in particolare, di tagli alla sanità, ci sono due modi di affrontare i problemi emergenti: o lamentandosi per la scarsità delle risorse e del personale, o rimboccandosi le maniche e facendo funzionare al meglio quello che si ha. In questo caso il riferimento è al settore reumatologico, che in Sicilia è stato sempre deficitario, perché non si è mai avvertita la gravità di un problema che interessa una popolazione sempre crescente e soprattutto in età lavorativa. Il D.A. del , pubblicato sulla G.U.R.S. del , dell allora assessore Massimo Russo, fortemente voluto dalle Associazioni dei Malati Reumatici, con il contributo deicomitati Consultivi, dei Reumatologi e di Cittadinazattiva,ha istituito una Rete Reumatologica Siciliana, che sarà funzionante quando ci sarà la possibilità di completare gli organici previsti: e intanto?! Intanto i pazienti affetti da malattie reumatiche continuano ad utilizzare gli ambulatori territoriali, mentre per le forme più gravidi Artritriaffluiscono con notevoli difficoltà, legate alle liste d attesa, agli ambulatori ospedalieri esistenti. Il livello ospedaliero, assente nelle province di Enna e Caltanissetta, permette di ottenere una diagnosi più approfondita, farmaci innovativi e controlli periodici. Questi ambulatori, nati in modo quasi spontaneo, per la maggior parte aggregati ad Unità di Medicina, soffrono gravi carenze strutturali e di organico, nonché di posti letto dedicati, per cui spessoi pazienti sono costretti a recarsi in altre regioni incrementando la mobilità passiva. Tutto ciò ha spinto le Associazioni dei Malati reumatici Siciliani a chiedere un colloquio con le istituzioni, al fine cercare una soluzione alle criticità più manifeste nelle singole realtà, utilizzando al meglio le risorse esistenti. Una prima disponibilità di ascolto è arrivata dal direttore generale dell ASP di Siracusa, dr.salvatorebrugaletta che si è prontamente adoperato per allocare l ambulatorio di reumatologia, condiviso con le malattie infettive, in una sede più opportuna. In un colloquio successivo il drbrugaletta ha promesso a Lucia Zappulla, referente dell Associazione Italiana Lotta alla Sclerodermia (AILS) che avrebbe valutato l opportunità di rendere il servizio di reumatologia più funzionale, avvalendosi delle varie professionalità operanti nella stessa ASP. A questo si aggiunge l incontro avvenuto tra il dr Giacomo Scalzo, dirigente dell assessorato alla salute, e una rappresentanza delle Associazioni che operano nella particolare realtà Palermitana,alla presenza del segretario regionale di Cittadinanzattiva, dr Giuseppe greco. Il dr Scalzo, dopo un attento ascolto dei problemi che gli erano evidenziati, si è formalmente impegnato a trasferire ai direttori generali, delle varie aziende sanitarie, la necessità di dialogare con i rappresentanti dei pazienti reumatici per migliorare l operatività degli ambulatori di reumatologia. Inoltre ha assicurato che si farà promotore di un incontro tra le Associazioni e i direttori generali dell area metropolitana di Palermo, per valutare insieme possibili soluzioni ai gravi disagi dei pazienti, nell ambito del riordino in atto. Questo metodo di lavoro,che si affida al dialogo tra i decisori e gli utenti, sembra essere il modo migliore per adeguare i servizi ai reali bisogni dei malati e risparmiare sui costi dell assistenza sanitaria. Quando le istituzioni collaborano con i Pazienti e soprattutto con le Associazioni, quando c è la disponibilità ad ascoltare e a prodigarsi per risolvere i problemi, una soluzione si trova sempre, anche se non è pienamente soddisfacente, ma è già qualcosa. Purtroppo qualche volta il Cittadino Utente trova di fronte a se muri invalicabili o sorrisi di circostanza: questo aggrava i problemi esistenti! Salvatore Filetti

12 Educazione Continua in Medicina (ECM) La professionalità di un operatore della sanità può essere definita da da tre caratteristiche fondamentali: il possesso di conoscenze teoriche aggiornate (sapere); il possesso di abilità tecniche o manuali (fare); il possesso di capacità comunicative e relazionali (essere). Il rapido e continuo sviluppo della medicina, delle conoscenze biomediche e l accrescersi continuo delle innovazioni tecnologiche e organizzative, inducono l operatore della sanità a mantenersi aggiornato e competente. Ecco il motivo per cui, in tutti i Paesi del mondo, sono nati i programmi di Educazione Continua in Medicina (ECM): l avvio del Programma nazionale nel 2002, prevede, infatti, l obbligo della formazione continua per il personale sanitario, medico e non medico, dipendente o libero professionista, operante nella sanità, sia privata che pubblica. Dal 2008, la gestione amministrativa del programma di ECM ed il supporto alla Commissione Nazionale per la Formazione Continua, competenze del Ministero della salute, sono stati trasferiti all Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas). La Formazione continua è un requisito essenziale per la corretta prassi e per il mantenimento dell abilitazione all esercizio professionale di ogni operatore sanitario: essa comprende l acquisizione di nuove conoscenze, abilità e attitudini utili a una pratica competente ed esperta. Il credito è riconosciuto in funzione della qualità dell attività formativa e del tempo ad essa dedicato in ragione delle specifiche professionalità: ogni professionista deve acquisire 150 crediti ECM nel triennio stabilito rispettivamente 50 crediti/anno (minimo 25, massimo 75 ogni anno). È esonerato dall obbligo dell ECM. il personale sanitario che frequenta, in Italia o all estero, corsi di formazione post-base propri della categoria di appartenenza (corso di specializzazione, dottorato di ricerca, master, corso di perfezionamento scientifico e laurea specialistica, corso di formazione specifica in medicina generale, formazione complementare, corsi di formazione e di aggiornamento professionale) per tutto il periodo di formazione (anno di frequenza). Sono esonerati, altresì, i soggetti che usufruiscono delle disposizioni in materia di tutela della gravidanza. Partecipare ai programmi di ECM. è un dovere, richiamato anche dal Codice Deontologico, per mettere in pratica le nuove conoscenze e competenze per offrire una assistenza qualitativamente utile. Prendersi, quindi, cura dei propri pazienti con competenze aggiornate, senza conflitti di interesse, in modo da poter essere un buon professionista della sanità. L ECM è anche un diritto dei cittadini, che giustamente richiedono operatori attenti, aggiornati e sensibili. Ciò è oggi particolarmente importante ove si pensi che il cittadino è sempre più informato sulle possibilità della medicina di rispondere, oltre che a domande di cura, a domande più complessive di salute. A.P

13 Canale 612 NEWS 612 il primo Canale Digitale ALL NEWS

14 Nuovo Numero Rivista Trimestrale Ipovisione È gia disponibile nel sito il nuovo numero del trimestrale Ipovisione : Scienza, Informazione, Cultura e Mercato. La rivista, affronta la tematica della disabilità visiva, approfondendo argomenti di natura scientifica, legislativa, lavorativa, psicologica, sociale e culturale. Registrata al Tribunale di Palermo con decreto n. 19 del 20/07/2000, è composta da un numero variabile di 7-8 articoli più box di approfondimento, per un totale di pagine a colori ed ha una tiratura di 2000 copie con una distribuzione a tutti gli abbonati, e di facile consultazione sul sito. BlindSight Project BlindSight è una nuova applicazione gratuita per sistemi Google Android e Apple ios! L applicazione, disponibile per tutti, offre la possibilità chiamando il numero 008 di segnalare qualsiasi tipo di inciviltà, tra cui: barriere architettoniche, un locale pubblico che rifiuta un cane guida, un auto parcheggiata dove non dovrebbe e tanto altro, sempre rispettando la privacy. Con questa applicazione è possibile inviare foto, video e testo, che sarà selezionato ed inviato alle forze dell ordine, Associazioni e difesa consumatori. EDITORE REDATTORI SEGRETERIA Aris/UnANPASS Antonino Coffaro, Salvatore Filetti Sara Giordanella Marta Ienzi, Daniele Inglese, DIRETTORE RESPONSABILE Antonina G. Paruta, Matteo Volpe GESTIONE WEB Rocco Di Lorenzo Andrea Giambona CAPO REDATTORE Maria Foti

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA

LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA A cura del Nucleo di coordinamento per la rete regionale dei servizi di genetica medica dell Emilia-Romagna Con il contributo di Laura Biagetti (Azienda Ospedaliera-Universitaria

Dettagli

La quota di partecipazione al corso è pari a 1.800 (esente IVA) per ogni partecipante ed è comprensiva del materiale didattico di supporto.

La quota di partecipazione al corso è pari a 1.800 (esente IVA) per ogni partecipante ed è comprensiva del materiale didattico di supporto. Assessorato della Salute Dipartimento Regionale Attività Sanitarie ed Osservatorio Epidemiologico Allegato B CONDIZIONI GENERALI Il corso di riqualificazione in OSS Operatore Socio Sanitario (Regione Siciliana

Dettagli

www.consorzioulisse.net OFFERTA FORMATIVA per Professioni Sanitarie

www.consorzioulisse.net OFFERTA FORMATIVA per Professioni Sanitarie www.consorzioulisse.net OFFERTA FORMATIVA per Professioni Sanitarie Provider ECM Regione Siciliana Il Consorzio Ulisse è un Ente di Formazione accreditato dall Assessorato Regionale della Salute della

Dettagli

www.lacrisalide.it 1

www.lacrisalide.it 1 www.lacrisalide.it 1 CHI SIAMO La Crisalide srl si occupa di formazione in ambito sanitario secondo il progetto ECM (Educazione Continua in Medicina) promosso e reso obbligatorio per tutti gli operatori

Dettagli

4) Ente organizzatore

4) Ente organizzatore REGOLAMENTIO DELL AVVISO PUBBLICO Corso di riqualificazione per Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) 1) Riferimenti normativi - Accordo stipulato il 22 febbraio 2001 in sede di conferenza Stato Regioni tra

Dettagli

AISM. Associazione Italiana Sclerosi Multipla

AISM. Associazione Italiana Sclerosi Multipla AISM Associazione Italiana Sclerosi Multipla La sclerosi multipla La sclerosi multipla è una malattia cronica del sistema nervoso centrale spesso progressivamente invalidante. Un processo infiammatorio

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona. Centro H RAPPORTO SULLE ATTIVITA DEL CENTRO H GENNAIO - DICEMBRE 2005

Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona. Centro H RAPPORTO SULLE ATTIVITA DEL CENTRO H GENNAIO - DICEMBRE 2005 Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona A.I.A.S. Ferrara Associazione di Volontariato Associazione Centro H In collaborazione con: - Azienda USL Ferrara - Centro Servizi alla Persona

Dettagli

PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015

PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015 PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015 1 2 INDICE Premessa pag. 3 Piano e Obiettivi formativi pag. 3 Popolazione destinataria pag. 4 Metodologia pag. 5 Valutazione della formazione

Dettagli

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus La risoluzione dell enigma endometriosi. Per affrontare con successo l enigma endometriosi, occorre

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 642 in data 8 maggio 2015. PREMESSA

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA L Università degli studi di Messina In collaborazione con il Comitato Pari Opportunità Piano di Azioni positive triennio 2008/2011 Le azioni positive sono, com è noto, lo strumento fondamentale per l attuazione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Avere cura: un valore, un impegno, una opportunità SETTORE e Area di Intervento: ASSISTENZA Pazienti affetti da patologie temporaneamente e/o permanentemente

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: Una Casa e un Sorriso sono già cura

TITOLO DEL PROGETTO: Una Casa e un Sorriso sono già cura TITOLO DEL PROGETTO: Una Casa e un Sorriso sono già cura SETTORE e Area di intervento: Assistenza Minori ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO: Contribuire a migliorare le condizioni

Dettagli

SEGRETERIA SCIENTIFICA Lorenzo Pavesi Fondazione IRCCS Fondazione Maugeri, Pavia Paolo Pedrazzoli Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia

SEGRETERIA SCIENTIFICA Lorenzo Pavesi Fondazione IRCCS Fondazione Maugeri, Pavia Paolo Pedrazzoli Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia 2 SEGRETERIA SCIENTIFICA Lorenzo Pavesi Fondazione IRCCS Fondazione Maugeri, Pavia Paolo Pedrazzoli Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia Andrea Sagona Istituto Clinico Humanitas, Milano Adele

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE. IRCCS CENTRO S. GIOVANNI DI DIO FATEBENEFRATELLI Brescia

REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE. IRCCS CENTRO S. GIOVANNI DI DIO FATEBENEFRATELLI Brescia REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE IRCCS CENTRO S. GIOVANNI DI DIO FATEBENEFRATELLI Brescia PREMESSA Il presente documento regolamenta in tutti i suoi aspetti la formazione dell IRCCS Centro S. Giovanni di Dio

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore FLERES COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 21 MAGGIO 2012 Norme per l istituzione di strutture di riferimento per il

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 1 IDENTITA DEL CENTRO DISABILI E istituito presso i locali di proprietà dell Ipab Manlio Canepa in V.le Vittoria loc. San Terenzo, un Centro diurno per disabili

Dettagli

Autismo e scuola: modelli e percorsi di inclusione scolastica a favore di alunni con disturbo dello spettro autistico

Autismo e scuola: modelli e percorsi di inclusione scolastica a favore di alunni con disturbo dello spettro autistico COD. 3008 Autismo e scuola: modelli e percorsi di inclusione scolastica a favore di alunni con disturbo dello spettro autistico Dal 2007 la Provincia di Milano, in collaborazione con il Coordinamento Autismo,

Dettagli

d iniziativa dei senatori BORNACIN, GUSTAVINO, PINOTTI, RIZZI, SACCOMANNO e COSTA

d iniziativa dei senatori BORNACIN, GUSTAVINO, PINOTTI, RIZZI, SACCOMANNO e COSTA Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2437 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BORNACIN, GUSTAVINO, PINOTTI, RIZZI, SACCOMANNO e COSTA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 10 NOVEMBRE 2010 Disposizioni

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e promozione culturale

Dettagli

ALLEGATO A (il presente allegato è costituito da n. 3 pagine)

ALLEGATO A (il presente allegato è costituito da n. 3 pagine) ALLEGATO A (il presente allegato è costituito da n. 3 pagine) CORSO DI RIQUALIFICAZIONE IN OPERATORI SOCIO SANITARI PER ADEST (Assistente Domiciliare e dei Servizi Tutelari) CORSO DI 330 ORE ARTICOLAZIONE

Dettagli

Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova?

Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova? L A.I.L. - Sezione di Padova ONLUS e la Clinica di Oncoematologia Pediatrica di Padova dal 1975 INSIEME per la VITA Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova? Passato, presente,

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Testo aggiornato al 6 luglio 2012 Accordo 16 dicembre 2010, n. 239/Csr Gazzetta Ufficiale 18 gennaio 2011, n. 13 Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il

Dettagli

disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento

disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento Esame abbinato disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento RELATORE: NAZZARENO SALERNO IL DIRIGENTE Piero Modafferi IL PRESIDENTE Nazzareno Salerno Art. 1 (Obiettivi e definizioni)

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LAFFRANCO, FUCCI, BERNARDO, BIANCONI, CIRACÌ, COR- SARO, FABRIZIO DI STEFANO, MAROTTA, SALTAMARTINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LAFFRANCO, FUCCI, BERNARDO, BIANCONI, CIRACÌ, COR- SARO, FABRIZIO DI STEFANO, MAROTTA, SALTAMARTINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2614 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LAFFRANCO, FUCCI, BERNARDO, BIANCONI, CIRACÌ, COR- SARO, FABRIZIO DI STEFANO, MAROTTA, SALTAMARTINI

Dettagli

Progetto Mattone Internazionale Il Patto per l internazionalizzazione dei SSR: impegni dei livelli regionali"

Progetto Mattone Internazionale Il Patto per l internazionalizzazione dei SSR: impegni dei livelli regionali Regione Siciliana Assessorato della Salute Progetto Mattone Internazionale Il Patto per l internazionalizzazione dei SSR: impegni dei livelli regionali" Roma 12-13 febbraio 2014 Dirigente Area Interdipartimentale

Dettagli

CON TE POSSO! Abstract del progetto di Servizio Civile. Titolo del progetto: Con te posso!

CON TE POSSO! Abstract del progetto di Servizio Civile. Titolo del progetto: Con te posso! CON TE POSSO! Abstract del progetto di Servizio Civile Titolo del progetto: Con te posso! Settore di intervento del progetto: Area di intervento generale. Settore educazione e promozione culturale. Il

Dettagli

Progetto La casa di Pollicino

Progetto La casa di Pollicino Progetto La casa di Pollicino Un servizio completo per rispondere alle necessità di bambini autistici e delle loro famiglie Mai più soli insieme si può! www.solidarietaeservizi.it 1 L ORIGINE Il progetto

Dettagli

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica L Assistente Sociale e la Rete Oncologica Tavola Rotonda Paola Giribaldi Torino, 14 settembre 2013 La Rete degli Assistenti Sociali E stata istituita con Determinazione Regionale n. 265 dell' 8 settembre

Dettagli

PROFILI PROFESSIONALI BIENNIO COMUNE

PROFILI PROFESSIONALI BIENNIO COMUNE PROFILI PROFESSIONALI ITAS Tecnico per le Attività Sociali Durata degli studi: 5 anni. Titolo di studio rilasciato: Diploma di Maturità Tecnica per Attività Sociali Indirizzo: a) Dirigenti di Comunità

Dettagli

VOLONTARI LATINA SISTEMA SISTEMA SANITARIO REGIONALE. Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio

VOLONTARI LATINA SISTEMA SISTEMA SANITARIO REGIONALE. Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio VOLONTARI NEL IN DISTRETTO RETE 1 - ASL DI APRILIA ASL ASL LATINA SISTEMA SISTEMA SANITARIO REGIONALE Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio VOLONTARI NEL IN DISTRETTO RETE 1 - ASL DI APRILIA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Comune e Ausl realizzano il Centro per l Autismo per dare una risposta integrata alle famiglie

COMUNICATO STAMPA. Comune e Ausl realizzano il Centro per l Autismo per dare una risposta integrata alle famiglie COMUNICATO STAMPA Comune e Ausl realizzano il Centro per l Autismo per dare una risposta integrata alle famiglie Parma, 2 aprile 2010. Sorgerà in via La Spezia, nei locali della ex scuola elementare San

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ CLASSE LM 51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale in Psicologia si propone di formare

Dettagli

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia Direzione Regionale Sanità e Servizi Sociali Centro di Riferimento Oncologico Regionale Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia L esperienza del CRO e il programma di una Rete Oncologica Regionale

Dettagli

DAL DEGAN SONIA 34, VIA ROMA CALDOGNO (VI) - ITALIA Ab. 0444.905623 cell. 348.6996584 0444.905623 soniadaldegan@gmail.com daldegansonia@legalmail.

DAL DEGAN SONIA 34, VIA ROMA CALDOGNO (VI) - ITALIA Ab. 0444.905623 cell. 348.6996584 0444.905623 soniadaldegan@gmail.com daldegansonia@legalmail. FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail DAL DEGAN SONIA 34, VIA ROMA CALDOGNO (VI) - ITALIA Ab. 0444.905623 cell. 348.6996584 0444.905623 soniadaldegan@gmail.com

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA Legge regionale 11 novembre 2011, n. 24 (BUR n. 85/2011) [sommario] [RTF] Art. 1 - Finalità. 1. La Regione

Dettagli

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 Direttore del corso Cognome Nome Qualifica SSD Poli Albino Prof. Ordinario

Dettagli

MESE DEL BENESSERE PSICOLOGICO (MBP) 1 31 OTTOBRE 2015

MESE DEL BENESSERE PSICOLOGICO (MBP) 1 31 OTTOBRE 2015 MESE DEL BENESSERE PSICOLOGICO (MBP) 1 31 OTTOBRE 2015 Una rete di oltre 400 professionisti psicologi e psicoterapeuti aprono i loro studi per offrire a tutta la cittadinanza, per l intero mese di ottobre,

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE: Articolo 1 (Premesse)

TUTTO CIO PREMESSO SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE: Articolo 1 (Premesse) CONVENZIONE TRA LA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA E LA REGIONE PIEMONTE PER LA REALIZZAZIONE DI UN CENTRO INTERREGIONALE DI COORDINAMENTO PER LE MALATTIE RARE. TRA la Regione Piemonte, codice fiscale 800876770016,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FEDERAZIONE ITALIANA MEDICI DI MEDICINA GENERALE FIMMG E EUROPA DONNA ITALIA

PROTOCOLLO D INTESA FEDERAZIONE ITALIANA MEDICI DI MEDICINA GENERALE FIMMG E EUROPA DONNA ITALIA PROTOCOLLO D INTESA FEDERAZIONE ITALIANA MEDICI DI MEDICINA GENERALE FIMMG E EUROPA DONNA ITALIA Protocollo d intesa tra FEDERAZIONE ITALIANA MEDICI di MEDICINA GENERALE e EUROPA DONNA ITALIA Il giorno

Dettagli

Felicetti Carmela. Psicologo-Psicoterapeuta ASP Cosenza. npi.rossano@gmail.com

Felicetti Carmela. Psicologo-Psicoterapeuta ASP Cosenza. npi.rossano@gmail.com C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 01.06.1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Psicologo Numero telefonico dell ufficio 0983/517352 Fax dell ufficio 0983/517360

Dettagli

La professionalità di un Professionista della Salute può venire definita da tre caratteristiche fondamentali:

La professionalità di un Professionista della Salute può venire definita da tre caratteristiche fondamentali: APPROFONDIMENTI. IL SISTEMA E.C.M. NAZIONALE 1) Cos è l Educazione Continua in Medicina? La professionalità di un Professionista della Salute può venire definita da tre caratteristiche fondamentali: il

Dettagli

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO DISABILI

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007 Titolo progetto Attività Integrative all Assistenza Domiciliare Integrata Tipologia destinatari A06 Disabili Giorni /ore di servizio 5 giorni

Dettagli

RELAZIONE Sintesi Attività svolta nell anno 2007 a livello Nazionale. Assemblea Nazionale Roma, 7 e 8 giugno 2008

RELAZIONE Sintesi Attività svolta nell anno 2007 a livello Nazionale. Assemblea Nazionale Roma, 7 e 8 giugno 2008 RELAZIONE Sintesi Attività svolta nell anno 2007 a livello Nazionale Assemblea Nazionale Roma, 7 e 8 giugno 2008 Rispetto alle 5 principali Aree di intervento: AREA ATTIVITA ISTITUZIONALI AREA POLITICHE

Dettagli

Quando un figlio è malato: diritti e servizi sociali per la famiglia

Quando un figlio è malato: diritti e servizi sociali per la famiglia diritti e servizi sociali per la famiglia Cari Genitori, Questa brochure si propone di offrirvi sinteticamente informazioni utili e consigli pratici per orientarvi nel sistema dei servizi sociali e scolastici,

Dettagli

RAPPORTO INFERMIERE CITTADINO

RAPPORTO INFERMIERE CITTADINO RAPPORTO INFERMIERE CITTADINO RAPPORTO INFERMIERE CITTADINO GIORNATE DELLA SALUTE E DELLA PREVENZIONE: CASTELLO MANIACE (2013) RETE CIVICA DELLA SALUTE Tiziana Genovese Ministero della Salute Regioni

Dettagli

Progetti di marketing sociale 2011

Progetti di marketing sociale 2011 Progetti di marketing sociale 2011 Clown in corsia La medicina del buonumore Il sorriso e il buonumore portati da un clown possono incidere positivamente sui tempi di guarigione del paziente. Il progetto

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento prevenzione - valutazione - diagnosi - trattamento

Disturbi dell Apprendimento prevenzione - valutazione - diagnosi - trattamento MASTER ONLINE Disturbi dell Apprendimento prevenzione - valutazione - diagnosi - trattamento in collaborazione con Firera & Liuzzo Group Quindicesima Edizione Chi siamo Edizioni Galton (casa editrice)

Dettagli

DGR 1232 dd. 14.5.2004

DGR 1232 dd. 14.5.2004 DGR 1232 dd. 14.5.2004 VISTA la rilevazione del fabbisogno occupazionale e formativo di operatori sociali in Regione, promossa dalla Direzione Centrale della Salute e della Protezione Sociale, condotta

Dettagli

CON IL PATROCINIO MORALE PROGETTO DI FORMAZIONE AUTISMO: CONOSCERE, INCONTRARE, COMUNICARE

CON IL PATROCINIO MORALE PROGETTO DI FORMAZIONE AUTISMO: CONOSCERE, INCONTRARE, COMUNICARE 1 Associazione Nazionale Aperta/MENTE IL MONDO INTERNO Onlus ASSOCIAZIONE ITALIANA MAESTRI CATTOLICI Provincia di Napoli Soggetto qualificato per la formazione dal M.I.U.R. con D.M. del 10 luglio 2000

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. Telefono 0667665321 Fax 0667665330 E-mail r.coglitore@provincia.roma.it

F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. Telefono 0667665321 Fax 0667665330 E-mail r.coglitore@provincia.roma.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Telefono 0667665321 Fax 0667665330 E-mail r.coglitore@provincia.roma.it Data di nascita 09.01.1965 ESPERIENZA

Dettagli

Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo?

Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo? Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo? Francesco Cognetti Istituto Regina Elena Camera dei Deputati 2 Dicembre 2010 Perché una rete oncologica? Integrare tutte le

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ. COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD

PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ. COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD Il bambino con malattie rare, croniche e complesse, presenta

Dettagli

Mod. B - copia pag. 3 Dgr n. del

Mod. B - copia pag. 3 Dgr n. del OGGETTO: Attivazione dell applicativo regionale informatizzato per la prescrizione, la dispensazione e il monitoraggio dell ormone della crescita (GH). NOTA PER LA TRASPARENZA: il presente provvedimento

Dettagli

Alzheimer a casa: buone prassi per l assistenza domiciliare

Alzheimer a casa: buone prassi per l assistenza domiciliare Alzheimer a casa: buone prassi per l assistenza domiciliare Un contributo di A. Zaro (Direttore Generale), E. Maccianti (Direttore Sanitario), T.Bernacchi (Psicologo) e M. Mainini (Assistente Sociale),

Dettagli

A relazione degli Assessori Cavallera, Porchietto:

A relazione degli Assessori Cavallera, Porchietto: REGIONE PIEMONTE BU27S1 05/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 17 giugno 2013, n. 10-5950 Nuove disposizioni in merito alla promozione di corsi formativi integrativi per gli operatori occupati

Dettagli

IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO.

IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO. IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO. SABATO 21 E DOMENICA 22 NOVEMBRE Centro d Abruzzo Ipercoop San Giovanni Teatino www.centrodabruzzo.com Chi

Dettagli

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Piano d intervento Il piano di lavoro elaborato per l anno scolastico 2011/2012 dallo specialista dell

Dettagli

Bando di selezione per psicologi

Bando di selezione per psicologi Bando di selezione per psicologi 1. Obiettivo generale del corso Il progetto formativo regionale sulle Cure Palliative, ai sensi del D.A. 21911 dell 11 aprile 1997, istituito con D.D.G. 8849 del 17/10/2006

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

Scheda di rilevazione dei bisogni formativi delle Organizzazioni di Volontariato in provincia di Varese

Scheda di rilevazione dei bisogni formativi delle Organizzazioni di Volontariato in provincia di Varese Scheda di rilevazione dei bisogni formativi delle Organizzazioni di Volontariato in provincia di Varese I questionari compilati devono essere consegnati entro il 28/02/2011 al Cesvov: Per e-mail (scannerizzato)

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

LINEE GUIDA. Per il corretto utilizzo della Comunicazione Facilitata Tecnica Aumentativa Alternativa Alfabetica del Linguaggio

LINEE GUIDA. Per il corretto utilizzo della Comunicazione Facilitata Tecnica Aumentativa Alternativa Alfabetica del Linguaggio LINEE GUIDA Per il corretto utilizzo della Comunicazione Facilitata Tecnica Aumentativa Alternativa Alfabetica del Linguaggio con marchio registrato a Brescia il 09/02/2010 dalla Intervento Società Cooperativa

Dettagli

Oggetto: Invito alla Conferenza Internazionale sulla distrofia muscolare di Duchenne e Becker.

Oggetto: Invito alla Conferenza Internazionale sulla distrofia muscolare di Duchenne e Becker. Roma, 09.01.2014 Oggetto: Invito alla Conferenza Internazionale sulla distrofia muscolare di Duchenne e Becker. Gentilissimi, con la presente desideriamo inoltrarvi l invito per la XII Conferenza Internazionale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MISURACA Modifiche alla legge 16 marzo 1987, n. 115, recante disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Legge regionale 11 aprile 2012, n. 10

Legge regionale 11 aprile 2012, n. 10 Legge regionale 11 aprile 2012, n. 10 Disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento (BUR n. 7 del 16 aprile 2012, supplemento straordinario n. 1 del 18 aprile 2012) Art. 1

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Giulia Fabiano Indirizzo Via Miglioli 75, Soresina, Cr Telefono 3394508370 E-mail giuliafabiano@virgilio.it

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 01-09-2014 (punto N 3 ) Delibera N 724 del 01-09-2014 Proponente STEFANIA SACCARDI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it 1 La Mutua per la Maremma La Banca della Maremma che, coerentemente con i propri principi ispiratori, valorizza la centralità della persona, ha deli berato

Dettagli

Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo

Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo Prof. Lucio Moderato Psicologo Psicoterapeuta - Direttore Servizi Diurni e Territoriali Fondazione

Dettagli

CITTA APERTA TRASMISSIONE DEL 11 e 16 FEBBRAIO 2010 CANNOCCHIALE... 1 CANNOCCHIALE... 2 CANNOCCHIALE... 3 PANORAMA... 4 UNA PAROLA AL GIORNO...

CITTA APERTA TRASMISSIONE DEL 11 e 16 FEBBRAIO 2010 CANNOCCHIALE... 1 CANNOCCHIALE... 2 CANNOCCHIALE... 3 PANORAMA... 4 UNA PAROLA AL GIORNO... CITTA APERTA TRASMISSIONE DEL 11 e 16 FEBBRAIO 2010 CANNOCCHIALE... 1 Oncoguida... 1 CANNOCCHIALE... 2 Giornata nazionale del Braille... 2 CANNOCCHIALE... 3 droganews.it, più informazione su tossicodipendenze...

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

ANIMATORE di COMUNITÁ

ANIMATORE di COMUNITÁ M.I.U.R. ISTITUTO PROFESSIONALE di STATO per i SERVIZI SOCIO SANITARI Giuseppe Moscati Via Urbano II - Salerno - Tel. 089253151 Fax 089253794 Codice Fiscale: 80023220652 Codice Meccanografico: SARF04000N

Dettagli

STRUTTURA. Denominazione. Ubicazione ORGANIZZAZIONE

STRUTTURA. Denominazione. Ubicazione ORGANIZZAZIONE STRUTTURA Denominazione AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla) Onlus Sezione Provinciale di Chieti Responsabile Giulia Franco Di Aimola Biase Ubicazione Viale Abruzzo, 322 66100 Chieti Scalo (CH)

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015 ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015 RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE INTEGRAZIONE ED INCLUSIONE SCOLASTICA Prof.ssa Mariagrazia Mastrangelo Durante

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA CURRICULUM VITAE

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA CURRICULUM VITAE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MANNONE IRINA MADALINA Residenza 6, VIA GIROLAMO ITALIA, 91025, MARSALA (TP) Telefono 3459215136 E-mail Irymada87@libero.it Nazionalità Italiana Data e Luogo

Dettagli

Si riportano nel dettaglio i compiti assegnati ai volontari in servizio civile nel presente progetto

Si riportano nel dettaglio i compiti assegnati ai volontari in servizio civile nel presente progetto UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 205 Titolo progetto Non siamo così soli Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari ANZIANI Giorni /ore di 5 giorni per 30 ore Vitto/Alloggio

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

OGGETTO: Comunicazione ai soci lavoratori della Cooperativa OSA

OGGETTO: Comunicazione ai soci lavoratori della Cooperativa OSA Operatori Sanitari Associati OGGETTO: Comunicazione ai soci lavoratori della Cooperativa OSA Il 28 Febbraio è ripresa l attività formativa prevista dal corso AIACE (Assistenza domiciliare Integrata A Complessità

Dettagli

Programma per la Ricerca Sanitaria 2008: attività di Ricerca Finalizzata

Programma per la Ricerca Sanitaria 2008: attività di Ricerca Finalizzata Programma per la Ricerca Sanitaria 2008: attività di Ricerca Finalizzata (art.12 e 12 bis del D.Lgs. 502/92, come modificato ed integrato dal Decreto Legislativo n.229/99) INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI

Dettagli

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 agosto 2010 Pag. 1 di 5 1. Denominazione, sede e

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA DISABILI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Massimo Pisu Abbiamo una gran voglia di far festa INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

Le associazioni dei pazienti nell era dei social network e dei social media

Le associazioni dei pazienti nell era dei social network e dei social media Le associazioni dei pazienti nell era dei social network e dei social media Eugenio Santoro Laboratorio di Informatica Medica Dipartimento di Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri

Dettagli

IL SERVIZIO INFORMAHANDICAP

IL SERVIZIO INFORMAHANDICAP CARTA DEI SERVIZI DEL COMUNE DI ROVIGO IL SERVIZIO INFORMAHANDICAP 1. OBIETTIVO DEL SERVIZIO L obiettivo primario del Servizio è quello di migliorare l intervento nelle politiche sociali promuovendo, anche

Dettagli

di cucina, estetica, maglia e cucito, ginnastica dolce, musicoterapia);

di cucina, estetica, maglia e cucito, ginnastica dolce, musicoterapia); ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: PERUGIA - DADI: disabili anziani diritti inclusione SETTORE e Area di Intervento: Settore: Assistenza Area d intervento: Disabilità (prevalente)

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione: Regione Campania

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 932 30/12/2014 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 22729 DEL 24/12/2014 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: INTEGRAZIONE

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona AREA PSICOLOGI SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI e AFFIDI FAMILIARI DISTRETTUALE SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI Il servizio ha l obiettivo di garantire in sinergia

Dettagli

Master di I Livello Comunicazione Multimediale dell Enogastronomia

Master di I Livello Comunicazione Multimediale dell Enogastronomia Master di I Livello Comunicazione Multimediale dell Enogastronomia Responsive Edition V ed. / A. A. 2014 2015 Il master di I livello (Comunicazione multimediale dell enogastronomia) Responsive Edition

Dettagli

SPECIALE TRENTENNALE TRIBUNALE PER I DIRITTI DEL MALATO di CITTADINANZATTIVA: PREMIO ANDREA ALESINI

SPECIALE TRENTENNALE TRIBUNALE PER I DIRITTI DEL MALATO di CITTADINANZATTIVA: PREMIO ANDREA ALESINI SPECIALE TRENTENNALE TRIBUNALE PER I DIRITTI DEL MALATO di CITTADINANZATTIVA: PREMIO ANDREA ALESINI BANDO di concorso buone pratiche per l Umanizzazione delle cure Sembra assurdo che i servizi nati per

Dettagli

- Perchè definire un modello ideale di assistenza

- Perchè definire un modello ideale di assistenza - Perchè definire un modello ideale di assistenza La Federazione UNIAMO, attraverso numerosi incontri e momenti di riflessione e confronto realizzati con le associazioni federate e non all interno di percorsi

Dettagli

disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento

disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento Esame abbinato p.l. 82/9^- 153/9^ disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento RELATORE: NAZZARENO SALERNO Il Dirigente F.TO ANTONIO CORTELLARO Il Presidente F.TO Nazzareno

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE Scuola LICEO SCIENTIFICO STATALE E. FERMI di MASSA a.s. 2014/2015 PIA ANNUALE PER L INCLUONE Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) Da settembre 2005 a tutt oggi

CURRICULUM VITAE. Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) Da settembre 2005 a tutt oggi CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo NOEMI MONTANI Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) E-mail noemi.montani@virgilio.it Nazionalità Italiana di nascita 10 novembre 1960 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli