1) Quale figura professionale si intende identificare con l acronimo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1) Quale figura professionale si intende identificare con l acronimo"

Transcript

1 Questionario n. 1 L O.S.S. e l O.S.S. con formazione complementare 1) Quale figura professionale si intende identificare con l acronimo OTA? A) L operatore tecnico ausiliario B) L operatore di assistenza di base C) L operatore tecnico addetto all assistenza D) L operatore socio-sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria 2) Quale delle seguenti competenze non afferisce al profilo professionale dell OTA? A) Attuare manovre di pronto intervento e di primo soccorso B) Rifacimento del letto non occupato e igiene dell unità di vita del paziente C) Trasporto degli infermi in barella e in carrozzella e loro accompagnamento se deambulanti con difficoltà D) Aiuto al paziente nel cambio della biancheria e nelle operazioni fisiologiche 3) Chi è l AADB? A) L addetto assistenziale domiciliare B) L addetto all assistenza di base C) L assistente aiuto di base D) L aiuto assistenziale disabili 4) Quale di questi interventi igienico-sanitari di semplice attuazione non spetta all AADB? A) Il controllo nell assunzione farmacologica B) L effettuazione e/o il cambio di piccole medicazioni C) La prevenzione di piaghe da decubito D) L utilizzo di apparecchi medicali

2 8 Parte I - Ambito istituzionale e legislativo 5) Qual è la competenza dell operatore socio-assistenziale multicul turale? A) Offrire supporto dal punto di vista psicologico a persone con problemi di dipendenza B) Offrire supporto alle persone in età avanzata C) Offrire supporto alle persone straniere ed extracomunitarie nel processo di integrazione sociale D) Non esiste tale figura professionale 6) Chi è l ADEST? A) L assistente domiciliare per il periodo estivo B) L assistente domiciliare e dei servizi tutelari C) L aiuto domestico tecnico assistenziale D) Non esiste tale figura professionale 7) L operatore socio-sanitario è una figura professionale istituita con: A) D.M. 10 febbraio 1984 B) D.P.R. 28 novembre 1990, n. 384 C) Atto del 22 febbraio 2001 della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome D) Piano sanitario nazionale ) Quali sono gli enti che provvedono alla formazione professionale dell operatore socio-sanitario? A) Le Regioni e le e Province autonome B) Le aziende UU.SS.LL. e le aziende ospedaliere C) I policlinici universitari D) Le istituzioni private, purché accreditate secondo legge 9) Quali sono i requisiti per l accesso ai corsi di formazione per operatore socio-sanitario? A) L aver conseguito il diploma di scuola media secondaria di I grado B) L aver conseguito il diploma di scuola dell obbligo e aver compiuto il diciassettesimo anno di età alla data di iscrizione al corso C) La circostanza di ricoprire l incarico professionale di operatore tecnico addetto all assistenza

3 Questionario n. 1 - L O.S.S. e l O.S.S. con formazione complementare 9 D) I requisiti sono definiti dalle singole Regioni che vi provvedono con determinazione del rispettivo Assessorato alla sanità e/o Assessorato alle politiche sociali 10) Il corso di formazione per operatore socio-sanitario si articola: A) In un modulo di base e in un modulo facoltativo B) In un modulo professionalizzante e in un modulo di formazione integrativa C) In un modulo di base e in un modulo professionalizzante, cui può aggiungersi uno di formazione integrativa D) I moduli sono discrezionalmente definiti dalle singole Regioni che vi provvedono con determinazione del rispettivo Assessorato alla sanità e/o Assessorato alle politiche sociali 11) Quali mansioni rientrano nell area delle competenze relative agli interventi igienico-sanitari e di carattere sociale che compie l operatore socio-sanitario? A) Osservare e collaborare alla rilevazione dei bisogni e delle condizioni di rischio-danno dell utente, collaborare all attuazione degli interventi assistenziali, valutare, per quanto di competenza, gli interventi più appropriati da proporre, collaborare all attuazione di sistemi di verifica degli interventi, riconoscere e utilizzare linguaggi e sistemi di comunicazione e relazione appropriati in riferimento alle condizioni operative, mettere in atto relazioni-comunicazioni di aiuto con l utente e la famiglia, per l integrazione sociale e il mantenimento e recupero della identità personale B) Utilizzare strumenti informativi di uso comune per la registrazione di quanto rilevato durante il servizio, collaborare alla verifica della qualità del servizio, concorrere, rispetto agli operatori dello stesso profilo, alla realizzazione dei tirocini e alla loro valutazione, collaborare alla definizione dei propri bisogni di formazione e frequenza corsi di aggiornamento, collaborare, anche nei servizi assistenziali non di ricovero, alla realizzazione di attività semplici C) Assistere la persona, in particolare non autosufficiente o allettata, nelle attività quotidiane e di igiene personale, realizzare attività semplici di supporto diagnostico e terapeutico, collaborare ad attività finalizzate al mantenimento delle ca-

4 10 Parte I - Ambito istituzionale e legislativo pacità psico-fisiche residue, alla rieducazione, riattivazione, recupero funzionale, realizzare attività di animazione e socializzazione di singoli e gruppi, coadiuvare il personale sanitario e sociale nell assistenza al malato anche terminale e morente, aiutare la gestione dell utente nel suo ambito di vita, cura la pulizia e l igiene ambientale D) Tutte le mansioni e le competenze sono discrezionalmente definite dalle singole Regioni che vi provvedono con determinazione del rispettivo Assessorato alla sanità e/o Assessorato alle politiche sociali 12) Quali sono i professionisti dell area socio-sanitaria che possono essere ammessi al percorso formativo per operatore sociosanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria? A) Coloro che abbiano conseguito il titolo di infermiere professionale B) Coloro che abbiano conseguito il titolo di assistente sociale C) Coloro che siano in possesso dell attestato di qualifica di operatore socio-sanitario D) Coloro che provengono dal profilo ad esaurimento dell operatore tecnico addetto all assistenza (OTA), di cui al D.M. 26 luglio 1991, n ) Qual è la fonte normativa che istituisce la figura professionale dell operatore socio-sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria? A) La legge regionale B) L Atto del 22 febbraio 2001 C) La L. 42/1999 sulle professioni sanitarie D) Il D.L. 12 novembre 2001, n. 402, come convertito 14) Le mansioni dell operatore socio-sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria sono definite: A) Dalle singole Regioni che vi provvedono con determinazione del rispettivo Assessorato alla sanità e/o Assessorato alle politiche sociali B) Dall allegato A all Atto del 22 febbraio 2001 C) Dall allegato A all Accordo 16 gennaio 2003 D) Dalla legge quadro sui servizi sociali, L. 328/2000

5 Questionario n. 1 - L O.S.S. e l O.S.S. con formazione complementare 11 15) Quale tra le seguenti mansioni non è di stretta competenza dell operatore socio-sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria? A) La mobilizzazione dei pazienti non autosufficienti per la prevenzione di decubiti e alterazioni cutanee B) La cura, il lavaggio e la preparazione del materiale sanitario per la sterilizzazione C) La rilevazione e l annotazione di alcuni parametri vitali (frequenza cardiaca, frequenza respiratoria e temperatura) del paziente D) La registrazione del carico e dello scarico dei medicinali, dei disinfettanti, dei veleni e degli stupefacenti, la loro custodia e sorveglianza sulla distruzione, nonché la custodia delle apparecchiature e delle dotazioni di reparto 16) Qual è il monte ore minimo per il modulo di formazione complementare in assistenza sanitaria? A) 300 ore B) 200 ore C) 250 ore D) 100 ore 17) L O.S.S. con formazione complementare in assistenza sanitaria è in grado di eseguire la somministrazione, per via naturale, per via intramuscolare e sottocutanea della terapia prescritta: A) Non può eseguire la somministrazione, per via naturale, per via intramuscolare e sottocutanea della terapia prescritta B) In assoluta autonomia decisionale C) Conformemente alle direttive del responsabile dell assistenza infermieristica od ostetrica o sotto la sua supervisione D) Può procedere alla somministrazione della terapia esclusivamente per via naturale, mai per via intramuscolare e sottocutanea 18) Nello svolgimento dei propri compiti l O.S.S. e l O.S.S. con formazione complementare in assistenza sanitaria operano: A) Su delega dell infermiere professionale B) Su delega del medico responsabile C) Su precisa attribuzione dell infermiere o dell ostetrica D) Come unici responsabili del risultato assistenziale

6 12 Parte I - Ambito istituzionale e legislativo 19) Tra i contesti residenziali nei quali svolgono la propria professione l O.S.S. e l O.S.S. con formazione complementare in assistenza sanitaria non rientrano: A) Gli hospice B) Le residenze sanitarie assistenziali C) I convitti e i semiconvitti D) Le comunità terapeutiche 20) Cosa sono le strutture semiresidenziali nelle quali l O.S.S. e l O.S.S. con formazione complementare in assistenza sanitaria prestano la propria attività professionale? A) Centri che offrono accoglienza permanente a coloro che sono bisognosi di cure e/o che non sono più in grado di vivere autonomamente presso il proprio domicilio B) Centri che offrono alle persone parzialmente non autosufficienti la possibilità di un assistenza tutelare diurna C) Articolazioni organizzativo-funzionali della ASL sul territorio D) Ospedali destinati a centro di riferimento della rete di servizi di emergenza 21) Cos è l home care? A) L assistenza ospedaliera domiciliare resa ad alcune categorie di assistiti B) L ospedalizzazione diurna C) L assistenza sanitaria territoriale ambulatoriale D) L assistenza sanitaria territoriale semiresidenziale 22) Quale dei seguenti servizi non rientra nell home care? A) Servizio lavanderia e guardaroba B) Servizio di igiene ambientale e di riordino dell abitazione C) Servizio di accompagnamento nel disbrigo delle pratiche sanitarie D) Servizio di assistenza medico-geriatrica 23) Che cos è il day hospital geriatrico? A) Una forma di ospedalizzazione dei pazienti anziani di due giorni B) Una forma di ospedalizzazione effettuata a casa del paziente anziano

7 Questionario n. 1 - L O.S.S. e l O.S.S. con formazione complementare 13 C) Una forma di ospedalizzazione diurna che non richiede la degenza dei pazienti anziani D) Una forma di ricovero dei pazienti anziani in casa di riposo 24) A quali strutture fa riferimento l acronimo RSA? A) Residenze sociali anziani B) Residenze anziani senza famiglia C) Residenze sanitarie assistenziali D) Residenze sanitarie anziani 25) Le residenze sanitarie assistenziali operano come: A) Strutture di accoglienza a carattere semiresidenziale B) Strutture di accoglienza a carattere residenziale C) Centri di eccellenza medico-sanitaria D) Presidi ospedalieri non costituiti in azienda 26) Quale dei seguenti non è un requisito tecnico-strutturale delle RSA? A) Una capacità ricettiva numericamente quantificata B) Un area destinata alla residenzialità C) Un area destinata alla valutazione e alla terapia D) Un area di ospitalità per le famiglie dei degenti 27) Cosa sono gli hospice? A) Strutture assistenziali destinate ad offrire ospitalità a tutti i malati di cancro in fase terminale di malattia B) Piccole strutture (o appartamenti strutturati come vere e proprie comunità familiari) destinate ad accogliere persone anziane con un adeguato grado di autonomia o persone in stato di difficoltà sociale C) Strutture con attività di prestazione assistenziale diurna normalmente destinate all accoglienza dei disabili D) Non esistono tali strutture 28) I centri socio-riabilitativi svolgono attività di prestazione assistenziale a carattere: A) Semiresidenziale notturna B) Semiresidenziale diurna C) Residenziale D) Non esistono tali strutture

8 14 Parte I - Ambito istituzionale e legislativo 29) La «casa protetta» può essere definita: A) Presidio assistenziale per anziani non autosufficienti B) Ospedale non costituito in azienda ospedaliera C) Ospedale scorporato dall azienda ASL e costituito in azienda autonoma dotata di personalità giuridica e autonomia imprenditoriale D) Dipartimento di emergenza di secondo livello 30) Cosa si vuole intendere con l espressione «lavoro multi professionale» riferita all attività espletata dall O.S.S. e dall O.S.S. con formazione complementare in assistenza sanitaria? A) La sinergia professionale ed operativa con altri operatori sanitari B) La formazione multidisciplinare prevista per le citate figure professionali C) L esercizio della professione intramoenia D) La formazione permanente e continua cui sono sottoposte le citate figure professionali 31) Non rientrano fra le strutture del SSN presso le quali l O.S.S. e l O.S.S. con formazione complementare in assistenza sanitaria svolgono la propria attività: A) I consultori B) Gli asili nido comunali C) I SERT D) Le strutture ospedaliere 32) Nel lavoro di assistenza prestato in day hospital l O.S.S. e l O.S.S. con formazione complementare in assistenza sanitaria: A) Non svolgono alcun compito B) Collaborano con l infermiere nelle attività dell assistenza di base C) Eseguono le indicazioni dei medici D) È ammesso esclusivamente l O.S.S. con formazione complementare in assistenza sanitaria 33) La procedura: A) Aumenta la discrezionalità dei comportamenti del singolo B) Promuove i comportamenti del singolo

9 Questionario n. 1 - L O.S.S. e l O.S.S. con formazione complementare 15 C) Valuta i risultati raggiunti D) Riduce la discrezionalità dei comportamenti del singolo 34) Quali sono le fasi del processo assistenziale? A) Informativa, organizzativa ed esecutiva B) Informativa, organizzativa, esecutiva, valutativa C) Informativa e organizzativa D) Organizzativa ed esecutiva 35) Nel processo assistenziale, l analisi dei dati raccolti confluisce: A) Nel PAI B) Nel protocollo C) Nella procedura D) In nessun documento 36) L infermiere, nello svolgimento dell attività assistenziale: A) Delega attività all OSS B) Delega responsabilità all OSS C) Delega attività e responsabilità all OSS D) Non delega, ma attribuisce attività

10 1) Risposta esatta: C Risposte al questionario n. 1 L OTA è l operatore tecnico addetto all assistenza, la cui figura è stata introdotta nel comparto sanità con il D.P.R. 28 novembre 1990, n. 384 (Regolamento per il recepimento delle norme risultanti dalla disciplina prevista dall accordo del 6 aprile 1990 concernente il personale del comparto del Servizio Sanitario Nazionale) e regolamentata sotto il profilo dello stretto mansionario e dei contenuti dei corsi di qualificazione dal D.M. 26 luglio 1991, n Si tratta di una figura professionale nella quale convergono competenze di tipo igienico ed alberghiero, oltre che assistenziali in forma di collaborazione subordinata con l infermiere. In particolare, l operatore tecnico addetto all assistenza svolge la propria attività nei seguenti campi, operando sotto la diretta responsabilità dell operatore professionale della 1 a categoria con funzione di coordinatore (Capo sala) o, in assenza di quest ultimo, dell infermiere professionale responsabile del turno di lavoro: attività alberghiere; pulizia e manutenzione di utensili, apparecchi, presidi usati dal paziente e dal personale medico ed infermieristico per l assistenza al malato; collaborazione con l infermiere professionale per atti di accudimento semplici al malato. Questa figura è oggi definita, dalla contrattazione collettiva valida per il comparto Sanità, profilo ad esaurimento contestualmente all istituzione, nelle dotazioni organiche di ciascuna azienda del SSN, del profilo dell operatore socio-sanitario. 2) Risposta esatta: A Ai sensi del D.M. 26 luglio 1991, n. 295 che ne definisce il profilo professionale, l OTA operatore tecnico addetto all assistenza esegue le seguenti funzioni: lavaggio, asciugatura e preparazione del materiale da inviare alla sterilizzazione e relativa conservazione; trasporto degli infermi in barella ed in carrozzella e loro accompagnamento se deambulanti con difficoltà; trasporto del materiale biologico, sanitario ed economale secondo protocolli stabiliti; rifacimento del letto non occupato e igiene dell unità di vita del paziente (comodino, letto, apparecchiature); preparazione dell ambiente e dell utente per il pasto e aiuto nella distribuzione e nell assunzione; riordino del materiale e pulizia del malato dopo il pasto; aiuto al paziente nel cambio della biancheria e nelle operazioni fisiologiche; comunicazione all infermiere professionale di quanto sopravviene durante il suo lavoro in quanto ritenuto incidente sull assistito e sull ambiente;

11 Risposte al questionario n partecipazione con l équipe di lavoro, limitatamente ai propri compiti; esecuzione dei compiti affidati dal Capo sala. Non afferisce al profilo professionale dell operatore tecnico addetto all assistenza lo svolgimento delle manovre di pronto intervento e di primo soccorso. 3) Risposta esatta: B L AADB è l addetto all assistenza di base che svolge la sua attività nell assistenza diretta e nella cura dell ambiente di vita del malato, sia presso il domicilio dell assistito che nelle strutture di cura residenziali di natura pubblica e/o privata, anche convenzionate. Le sue aree di intervento sono: aiuto per il governo della casa; aiuto alle attività della persona; aiuto per favorire l autosufficienza nella quotidianità del malato. 4) Risposta esatta: D All AADB spettano i seguenti interventi igienico-sanitari di semplice attuazione: controllo dell assistito nell assunzione farmacologica; effettuazione e cambio di piccole medicazioni; prevenzione delle piaghe di decubito. Non è affidato alla competenza dell AADB, invece, l utilizzo di apparecchi medicali. 5) Risposta esatta: C L OSA (operatore socio-assistenziale) lavora nel sociale in enti pubblici e privati con diversi ambiti assistenziali. In particolare si riconoscono: l operatore socio-assistenziale per l infanzia; l operatore socio-assistenziale per gli anziani; l operatore socio-assistenziale per disabili; l operatore socio-assistenziale per tossicodipendenti; l operatore socio-assistenziale turistico per disabili. L operatore socio-assistenziale multiculturale, in particolare, offre supporto e affiancamento al processo di integrazione sociale delle persone straniere ed extracomunitarie presenti nel territorio italiano. 6) Risposta esatta: B L acronimo ADEST indica la figura professionale dell assistente domiciliare e dei servizi tutelari. Si tratta di un operatore dotato di una specifica preparazione professionale di tipo teorico-pratico che fornisce prestazioni sostitutive delle cure familiari attraverso attività integrate di aiuto domestico, assistenza diretta alla persona, aiuto nella vita di relazione, prestazioni igienico-sanitarie di semplice attuazione, qualora esse siano complementari alle attività socio-assistenziali e

12 18 Parte I - Ambito istituzionale e legislativo coincidano con quelle svolte ordinariamente da un familiare. Le funzioni svolte da tale operatore, siano esse di supporto al malato o riassumibili nei cosiddetti interventi igienico-sanitari di semplice attuazione, vengono svolte in collegamento funzionale e in collaborazione con il personale sanitario competente (medico/ infermiere). 7) Risposta esatta: C Con proprio provvedimento datato 22 febbraio 2001, la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome ha dato atto all accordo intercorso tra il Ministro della Salute, il Ministro per la Solidarietà sociale, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, finalizzato all individuazione della figura e del relativo profilo professionale dell operatore socio-sanitario, operante nell ambito socio-sanitario, e per la definizione dell ordinamento didattico dei corsi di formazione, ciò in attuazione di quanto disposto dall art. 3octies, comma 3, del D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502, laddove il legislatore rinvia alla norma regolamentare il compito dell individuazione dei profili professionali dell area socio-sanitaria. 8) Risposta esatta: A La formazione professionale dell operatore socio-sanitario è materia di competenza delle Regioni e Province autonome, le quali provvedono all organizzazione dei corsi di qualificazione e alla definizione delle relative attività didattiche. Le Regioni e le Province autonome, in particolare, sulla base del proprio fabbisogno annualmente determinato, provvedono all accreditamento delle aziende sanitarie locali e delle aziende ospedaliere e delle istituzioni pubbliche e private che rispondono ai requisiti minimi specificati dal Ministero della Salute con apposite linee guida, ritenuti indispensabili per l effettuazione dei corsi di formazione. 9) Risposta esatta: B Il titolo di studio, richiesto per l accesso ai corsi, varia a seconda della Regione: può essere previsto anche il diploma di scuola secondaria di secondo grado. Secondo la Conferenza Stato-Regioni, per l accesso ai corsi di formazione dell operatore socio-sanitario è richiesto il diploma di scuola dell obbligo e il compimento del diciassettesimo anno di età alla data di iscrizione al corso. 10) Risposta esatta: C Il corso di formazione per operatore socio-sanitario, di durata annuale, comprende i seguenti moduli didattici: un modulo di base per un numero minimo di ore 200; un modulo professionalizzante per un numero minimo di ore 250. Alle Regioni e alle Province autonome è riconosciuta, inoltre, la facoltà di prevedere moduli didattici riferiti a tematiche specifiche sia mirate all utenza (ospedalizzata, anziana, portatrice di handicap, psichiatrica, con dipendenze patologiche etc.) sia alla struttura di riferimento (residenza assistita, domicilio, casa di riposo, comunità, etc.). In questo caso, oltre al corso di qualificazione di base sono pre-

13 Risposte al questionario n visti moduli di formazione integrativa mirati a specifiche utenze quali utenti anziani, portatori di handicap, utenti psichiatrici, malati terminali, e specifici contesti operativi, quali contesto residenziale, ospedaliero, casa alloggio, RSA, centro diurno, domicilio etc., per un massimo di 200 ore di cui 100 di tirocinio. A questi si aggiungono esercitazioni/stages per un numero minimo di 100 ore ed il tirocinio guidato, presso le strutture e i servizi nel cui ambito la figura professionale dell operatore socio-sanitario è prevista, per un numero minimo di 450 ore. La frequenza ai corsi è obbligatoria. 11) Risposta esatta: A L operatore socio-sanitario svolge attività indirizzata a soddisfare i bisogni primari della persona, nell ambito delle proprie aree di competenza, in un contesto sia sociale che sanitario, nonché a favorire il benessere e l autonomia dell utente. Nell area delle competenze relative agli interventi igienico-sanitari e di carattere sociale rientrano le seguenti mansioni: osservare e collaborare alla rilevazione dei bisogni e delle condizioni di rischio-danno dell utente, collaborare alla attuazione degli interventi assistenziali, valutare, per quanto di competenza, gli interventi più appropriati da proporre, collaborare alla attuazione di sistemi di verifica degli interventi, riconoscere ed utilizzare linguaggi e sistemi di comunicazione e relazione appropriati in riferimento alle condizioni operative, mettere in atto relazioni-comunicazioni di aiuto con l utente e la famiglia, per l integrazione sociale e il mantenimento e recupero della identità personale. 12) Risposta esatta: C Il percorso formativo dell operatore socio-sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria è aperto agli operatori in possesso dell attestato di qualifica di operatore socio-sanitario o di titolo equipollente, come sancito dall articolo 13 dell accordo del 22 febbraio In materia, tuttavia, si ritiene che le Regioni abbiano discrezionalità nel decidere in merito all equipollenza degli attestati pregressi, in ossequio al principio della possibilità di equiparare precedenti percorsi formativi o, quanto meno, di riconoscere una sorta di credito formativo per quanto svolto nel passato e formalmente dimostrabile. Infatti, i percorsi formativi per qualifiche riconosciute dal SSN (ad es. OTA, etc.) sono regolamentati con atti ministeriali validi a livello nazionale, le qualifiche regolamentate in ambito sociale si sono da sempre caratterizzate per la peculiarità dei percorsi formativi. 13) Risposta esatta: D L art. 1, comma 8 del D.L. 12 novembre 2001, n. 402, convertito con modificazioni, in L. 8 gennaio 2002, n. 1 consente all operatore socio-sanitario di operare in forma collaborativa con l infermiere o con l ostetrica e di svolgere alcune attività assistenziali in base all organizzazione dell unità funzionale di appartenenza e conformemente alle direttive dell assistenza infermieristica od ostetrica o sotto la loro supervisione. In questo caso occorre che l operatore socio-sanitario completi il percorso formativo con un modulo di formazione complementare in assistenza sanitaria che può essere regolamentato dalle Regioni, ma deve avere una durata minima di 300 ore.

14 20 Parte I - Ambito istituzionale e legislativo 14) Risposta esatta: C Il profilo dell O.S.S. con formazione complementare in assistenza sanitaria è disciplinato espressamente con Accordo 16 gennaio 2003 tra il Ministro della Salute, l allora Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano il cui allegato A ne definisce le mansioni. 15) Risposta esatta: D L allegato A all Accordo 16 gennaio 2003, che disciplina il profilo dell O.S.S. con formazione complementare in assistenza sanitaria, precisa che quest ultimo oltre a svolgere le competenze professionali del proprio profilo, coadiuva l infermiere o l ostetrica/o e, conformemente alle loro direttive o sotto la loro supervisione, è in grado di compiere le seguenti mansioni: la somministrazione, per via naturale, della terapia prescritta; la terapia intramuscolare e sottocutanea su specifica pianificazione infermieristica; i bagni terapeutici, impacchi medicali e frizioni; la rilevazione e l annotazione di alcuni parametri vitali (frequenza cardiaca, frequenza respiratoria e temperatura) del paziente; la raccolta di escrezioni e secrezioni a scopo diagnostico; le medicazioni semplici e bendaggi; i clisteri; la mobilizzazione dei pazienti non autosufficienti per la prevenzione di decubiti e alterazioni cutanee; la respirazione artificiale e il massaggio cardiaco esterno; la cura, il lavaggio e la preparazione del materiale per la sterilizzazione; l attuazione e il mantenimento dell igiene della persona; la pulizia, disinfezione e sterilizzazione delle apparecchiature, delle attrezzature sanitarie e dei dispositivi medici; la raccolta e lo stoccaggio dei rifiuti differenziati; il trasporto del materiale biologico ai fini diagnostici; la somministrazione dei pasti e delle diete; la sorveglianza delle fleboclisi. La registrazione del carico e dello scarico dei medicinali, dei disinfettanti, dei veleni e degli stupefacenti, la loro custodia e sorveglianza sulla distruzione, nonché la custodia delle apparecchiature e delle dotazioni di reparto rientrano tra le mansioni dell infermiere professionale ai sensi del D.P.R. 225/ ) Risposta esatta: A Il modulo di formazione complementare in assistenza sanitaria, disciplinato con ampia discrezionalità dalle Regioni, deve avere una durata minima di 300 ore. 17) Risposta esatta: C L O.S.S. con formazione complementare in assistenza sanitaria, conformemente alle direttive del responsabile dell assistenza infermieristica od ostetrica o sotto la sua supervisione, è in grado di eseguire la somministrazione, per via naturale e per via intramuscolare e sottocutanea della terapia prescritta.

15 Risposte al questionario n ) Risposta esatta: C L O.S.S. e l O.S.S. con formazione complementare in assistenza sanitaria si definiscono stretti collaboratori al processo di assistenza infermieristica, nel quale svolgono precipui compiti e attività assistenziali che sono loro attribuiti dal responsabile dell assistenza infermieristica od ostetrica e della cui corretta esecuzione sono responsabili. Infatti, il profilo professionale dell OSS testualmente declara che tale operatore «osserva e collabora alla rilevazione dei bisogni e delle condizioni di rischio dell utente». 19) Risposta esatta: C Tra i servizi residenziali nei quali svolge la sua opera l O.S.S. e l O.S.S. con formazione complementare in assistenza sanitaria rientrano, con elencazione non esaustiva, i seguenti: case protette; case albergo; comunità alloggio o gruppi appartamento; residenze sanitarie assistenziali; comunità terapeutiche; hospice. Non vi rientrano, invece, i convitti e i semiconvitti, contesti di tipo scolastico nei quali non hanno luogo d essere prestazioni di tipo socio-sanitario. 20) Risposta esatta: B Le strutture semiresidenziali nelle quali l O.S.S. e l O.S.S. con formazione complementare in assistenza sanitaria prestano la propria attività professionale sono i centri che offrono alle persone parzialmente non autosufficienti la possibilità di un assistenza tutelare diurna attraverso prestazioni di natura alberghiera, prestazioni sociali e tutelari, prestazioni che favoriscono la socializzazione, l animazione e l autonomia delle persone. 21) Risposta esatta: A L home care è la cd. ospedalizzazione domiciliare, ovvero l assistenza sanitaria prestata presso il domicilio dell assistito. Si tratta, solitamente, di un servizio assistenziale di base in cui vengono erogate prestazioni integrate tra vari operatori sanitari, sociali, assistenziali, la cui sede è il distretto. La tipologia dell assistito a domicilio è molto variabile, di norma, comunque, si tratta di: persone anziane; persone anziane non autosufficienti o con disturbi neurologici dovuti all età (demenza senile); persone affette da malattie respiratorie e cardiovascolari; diabetici cronici; pazienti oncologici; pazienti paraplegici o portatori di protesi.

16 22 Parte I - Ambito istituzionale e legislativo 22) Risposta esatta: C Solitamente nell ospedalizzazione domiciliare rientrano i seguenti servizi assistenziali: servizio alimentazione, per coloro che non hanno la possibilità di provvedere alla propria nutrizione; servizio alloggio o case protette, specie per anziani autosufficienti che non richiedono cure particolari e non posseggono un proprio domicilio; servizio recupero e riabilitazione per tossicodipendenti e disadattati; servizio di lavanderia e guardaroba; servizio di assistenza sociale; servizio di assistenza psicologica; servizio di igiene ambientale e di riordino dell abitazione; servizio di assistenza infermieristica; servizio di assistenza medico-geriatrica. Non vi rientra il servizio di accompagnamento nel disbrigo delle pratiche sanitarie. 23) Risposta esatta: C Con l espressione day hospital geriatrico si intende una forma di ospedalizzazione diurna nella quale si effettuano terapie di durata limitata e interventi chirurgici che non richiedono la degenza dei pazienti anziani, in modo da evitare l allontanamento traumatico dal proprio nucleo familiare. 24) Risposta esatta: C L acronimo RSA ha il significato di: Residenze sanitarie assistenziali. 25) Risposta esatta: B Le residenze sanitarie assistenziali (RSA) operano in qualità di strutture di accoglienza a carattere residenziale che ospitano per un periodo temporaneo persone non auto suf fi cienti, che non possono essere assistite in casa e che necessitano di specifiche cure mediche prestate da un équipe di specialisti e di una complessa assistenza sanitaria. Le residenze sanitarie assistenziali sono gestite da enti pubblici o privati ed offrono: l assistenza medica ed infermieristica; l assistenza nella riabilitazione; l assistenza nello svolgimento delle attività quotidiane; l attività di animazione e socializzazione; le prestazioni alberghiere (servizio di ristorazione, lavanderia e pulizia degli ambienti di vita). 26) Risposta esatta: D Le Residenze sanitarie assistenziali (RSA) devono presentare determinati requisiti tecnici e strutturali, vale a dire: una capacità ricettiva non inferiore a una determinata soglia (in genere almeno 20 posti letto) e non superiore ad un altra (in genere 120 posti letto);

17 Risposte al questionario n un area destinata alla residenzialità, composta da camere da letto, servizi igienici attrezzati per la non autosufficienza, ambulatorio e medicheria, cucina attrezzata, spazi collettivi di vita anche comune; un area destinata alla valutazione e alla terapia, come locali con attrezzature idonee per prestazioni assistenziali, o locali per l erogazione delle prestazioni di riabilitazione; un area di socializzazione; un area generale di supporto con uffici amministrativi, cucina, magazzini, camera ardente, depositi. Non rientra fra i suddetti requisiti tecnico-strutturali, invece, la dotazione di un area riservata all ospitalità delle famiglie dei degenti. 27) Risposta esatta: A Gli hospice sono strutture ad elevato livello di assistenza sanitaria e infermieristica destinate ad offrire ospitalità a tutti i malati di cancro (anche di età pediatrica) in fase terminale di malattia. Per «malati terminali» si intendono persone affette da cancro per le quali non vi è più l indicazione di un trattamento chemioterapico o radioterapico volto alla guarigione o al rallentamento della malattia tumorale. 28) Risposta esatta: B Si tratta di strutture a carattere semiresidenziale con attività di prestazione assistenziale diurna normalmente destinate all accoglienza dei disabili, alle quali sono affidate attività di assistenza e cura della persona collegate ai bisogni primari e al benessere psicofisico; attività educative indirizzate all autonomia personale; attività terapeutico-riabilitative mirate all acquisizione e/o al mantenimento delle capacità comportamentali, cognitive e affettivo-relazionali; attività ludiche, motorie e ricreative; attività espressive; attività di socializzazione e d uso degli spazi di vita del territorio; attività con significato occupazionale. 29) Risposta esatta: A Si tratta di un presidio assistenziale in cui vengono accolti temporaneamente e permanentemente anziani parzialmente o totalmente non autosufficienti (per stati degenerativi tipici della vecchiaia o per motivi legati a specifiche patologie pregresse e stabilizzate), privi di validi supporti familiari e parentali e, quindi, nella impossibilità di permettere una adeguata assistenza domiciliare. 30) Risposta esatta: A Per lavoro multiprofessionale si intende la metodica organizzativa dell attività professionale in virtù della quale l operatore socio-sanitario e l operatore sociosanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria svolgono le mansioni afferenti il proprio profilo professionale in collaborazione e in sinergia con gli altri operatori professionali preposti all assistenza sanitaria e a quella sociale ed educativa.

18 24 Parte I - Ambito istituzionale e legislativo 31) Risposta esatta: B Le strutture del SSN presso le quali l OSS e l OSS con formazione complementare in assistenza sanitaria svolgono la propria attività assistenziale sono le seguenti: centri di accoglienza quali consultori e SERT; strutture ospedaliere; dipartimenti di salute mentale; distretti sanitari di base. Fra le suddette strutture non rientrano, quindi, gli asili nido comunali. 32) Risposta esatta: B Nell erogazione dei servizi assistenziali relativi al day hospital l OSS e l OSS con formazione complementare in assistenza sanitaria collaborano con l infermiere nelle attività dell assistenza di base: igiene, alimentazione, vestizione, deambulazione etc., nonché in tutte le attività inerenti all igiene e al comfort ambientale. 33) Risposta esatta: D Per procedura si intende la formalizzazione di una sequenza di comportamenti, anche piccoli, allo scopo di standardizzare un attività assistenziale, riducendo, dunque, la discrezionalità dei comportamenti del singolo. La procedura corrisponde a un insieme di azioni professionali finalizzate a un obiettivo; in generale descrive le modalità di esecuzione di un azione assistenziale ed ha come scopo quello di rendere oggettivo, sistematico e verificabile lo svolgimento di un attività. Si tratta di uno strumento che intende uniformare determinate azioni, al fine di garantire la qualità dei risultati delle azioni stesse. In sintesi, la procedura è solo quella parte del protocollo che serve a dettagliare le modalità con cui si realizza una determinata azione assistenziale. Il protocollo, invece, non si limita a questo, ma considera formalmente problemi e soluzioni, così da costituire uno strumento metodologico assai più potente, anche ai fini della valutazione dell efficacia delle prestazioni. 34) Risposta esatta: B Il processo assistenziale infermieristico (nursing), in quanto metodo scientifico di risoluzione dei problemi della persona, consiste in fasi distinte che mirano a risolvere i problemi e a soddisfare i bisogni dell assistito e che si possono raggruppare nel modo seguente: Fase informativa (o di accertamento dei dati), questa può avvenire attraverso: intervista e osservazione diretta e prevede l analisi dei dati, l identificazione dei bisogni e problemi, la pianificazione, per consentire a tutti i professionisti, compreso l OSS, di lavorare insieme per il raggiungimento dello stesso obiettivo prefissato in questa fase; Fase organizzativa: preparazione del materiale occorrente. Ciò permette di attuare l intervento con efficacia ed efficienza; Fase esecutiva (o attuazione degli interventi) in cui ci si adopera per soddisfare i bisogni dell assistito, in base alle proprie competenze, con particolare

19 Risposte al questionario n attenzione a lasciarle i suoi tempi, si osserva con attenzione la presenza di eventuali segni o sintomi e si riferisce, in tempi e luoghi idonei, alla figura professionale di riferimento (interazione con l equipe di lavoro); durante questa fase bisogna tenere presente due aspetti molto importanti: il primo è la relazione empatica ed il secondo è l attenzione a non contaminare l ambiente; Fase valutativa o autovalutazione, in cui si svolge la verifica del risultato raggiunto, cioè dell efficacia del progetto assistenziale. 35) Risposta esatta: A L analisi di tutti i dati raccolti è finalizzata alla coordinazione e definizione del PAI (Piano di assistenza individualizzato): analizzando i problemi reali o potenziali del paziente, definendo obiettivi, priorità, decisioni operative, tempi e verifica di figure coinvolte, si giunge alla individuazione delle aspettative assistenziali dell utente. In questa fase vengono formalizzati o modificati gli interventi già attuati prima della stesura del PAI, secondo una logica di priorità riportando su schede inserite nella cartella infermieristica le decisioni per ogni problema. 36) Risposta esatta: D A norma di legge (D.P.R. 739/1994 e L. 42/1999) l infermiere è il responsabile dell assistenza infermieristica, intesa come la risposta ai bisogni della persona non più autosufficiente, finalizzata a promuoverne il miglioramento della salute e del benessere: l infermiere, in quanto unico responsabile del risultato assistenziale, non delega attività o responsabilità all O.S.S. e all O.S.S. con formazione complementare in assistenza sanitaria, ma può (ove necessario) attribuire attività in base all organizzazione dell unità funzionale di appartenenza. Ciò vuol dire che nell ambito del campo proprio di competenza, l infermiere può far svolgere compiti di tipo esecutivo a figure di supporto, mantenendo la responsabilità del processo decisionale.

OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto

OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto OSS E OSS COMPLEMENTARE: Analisi dell'evoluzione del profilo professionale delle figure di supporto Tiziana De Donno TORINO 12 febbraio 2010 Tiziana De Donno Cisl 1 Nascita dell OSS: perché? Tiziana De

Dettagli

16 2001, 20 (BUR 75/2001) LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO

16 2001, 20 (BUR 75/2001) LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO Art. 1 - Figura professionale e profilo. 1. È individuata la figura professionale dell operatore socio-sanitario. 2. L operatore socio-sanitario è

Dettagli

EvOLuzIONE STORIcO-NORmATIvA DELLA figura PROfESSIONALE DELL OPERATORE SOcIO-SANITARIO Sommario: 1. PREmESSA operatore socio-sanitario sintesi

EvOLuzIONE STORIcO-NORmATIvA DELLA figura PROfESSIONALE DELL OPERATORE SOcIO-SANITARIO Sommario: 1. PREmESSA operatore socio-sanitario sintesi Capitolo Primo Evoluzione storico-normativa della figura professionale dell operatore socio-sanitario Sommario: 1. Premessa. - 2. L ausiliario socio-sanitario specializzato e l operatore tecnico addetto

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA.

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA. FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA di concerto con IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA SOCIALE VISTO il decreto

Dettagli

ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001

ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001 ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001 Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le regioni e province autonome di Trento e Bolzano, per la

Dettagli

Allegato B DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE

Allegato B DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE Allegato B DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE L Operatore socio-sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria, oltre a svolgere tutte le attività tipiche dell Operatore Socio

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Aspetti normativi, deontologici e di responsabilità nel nuovo paradigma della professione infermieristica: dalla teoria alla prassi

Aspetti normativi, deontologici e di responsabilità nel nuovo paradigma della professione infermieristica: dalla teoria alla prassi Aspetti normativi, deontologici e di responsabilità nel nuovo paradigma della professione infermieristica: dalla teoria alla prassi Guido, i vorrei che tu e Lapo e io : ruolo, competenze e responsabilità

Dettagli

processo di sterilizzazione, competenza infermieristica competenza OSS L interrogativo della Responsabilità

processo di sterilizzazione, competenza infermieristica competenza OSS L interrogativo della Responsabilità processo di sterilizzazione, competenza infermieristica competenza OSS L interrogativo della Responsabilità 1 Le norme che costituiscono la professione infermieristica L.42/99 delle professioni sanitarie

Dettagli

L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre. mv - 2010-2011

L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre. mv - 2010-2011 L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre figure mv - 2010-2011 è l operatore che, al termine di specifica formazione professionale consegue un attestato di qualifica ed è abilitato

Dettagli

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Catalogo delle Agenzie formative

Dettagli

Il corso per Operatore Socio-Sanitario Sanitario (OSS) LA VALUTAZIONE FINALE DEGLI STUDENTI

Il corso per Operatore Socio-Sanitario Sanitario (OSS) LA VALUTAZIONE FINALE DEGLI STUDENTI Il corso per Operatore Socio-Sanitario Sanitario (OSS) LA VALUTAZIONE FINALE DEGLI STUDENTI Conoscere Le funzioni attribuite agli esperti quali componenti della Commissione per la valutazione finale del

Dettagli

APPROFONDIMENTO COMMENTATO DEL PROFILO DELL OSS

APPROFONDIMENTO COMMENTATO DEL PROFILO DELL OSS APPROFONDIMENTO COMMENTATO DEL PROFILO DELL OSS PROVVEDIMENTO DELLA CONFERENZA STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001 Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni

Dettagli

Art. 4 Modifica dell articolo 8 della legge regionale 16 agosto 2001, n. 20

Art. 4 Modifica dell articolo 8 della legge regionale 16 agosto 2001, n. 20 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE DEL VENETO - 13-8-2002 - N. 78 21 LEGGE REGIONALE 9 agosto 2002, n. 17 Modifiche alla legge regionale La figura professionale dell operatore socio-sanitario. Il Consiglio

Dettagli

CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO

CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO ELENIA Via Ungaretti, 84 62100 Macerata (Mc) Tel. 0733.33844 (r.a.) Fax 0733.33811 segreteriaoss@grupposinergie.com CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO INFORMATIVA GENERALE & SCHEDA D ISCRIZIONE CORSO

Dettagli

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 1000 ore. Operatore Socio Sanitario 1000 ore

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.) 1000 ore. Operatore Socio Sanitario 1000 ore Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 1000 ore Titolo Destinatari Obiettivi e Finalità Operatore Socio Sanitario 1000 ore Il corso è rivolto a tutti gli interessati all ottenimento della qualifica

Dettagli

LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO- SANITARIO. Formazione ed Attività

LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO- SANITARIO. Formazione ed Attività LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO- SANITARIO Formazione ed Attività MAPPA CONCETTUALE PROFILO PROFESSIONALE FORMAZIONE CONTESTI OPERATIVI CONTESTO RELAZIONALE ATTIVITÀ COMPETENZE ORGANIZZAZIONE

Dettagli

INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE. Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata

INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE. Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata L infermiere Dal D.M. 14 Settembre 1994 n, 739: Art. 1: l infermiere è responsabile dell assistenza

Dettagli

L Infermiere e l OSS: Valorizzazione delle Competenze per l integrazione Dott. Francesco Germini Dirigente Sanitario Area Infermieristica e Ostetrica

L Infermiere e l OSS: Valorizzazione delle Competenze per l integrazione Dott. Francesco Germini Dirigente Sanitario Area Infermieristica e Ostetrica L Infermiere e l OSS: Valorizzazione delle Competenze per l integrazione Dott. Francesco Germini Dirigente Sanitario Area Infermieristica e Ostetrica ASL Taranto La figura dell OSS Nasce dall accordo sancito

Dettagli

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 400 ore. Operatore Socio Sanitario 400 ore

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.) 400 ore. Operatore Socio Sanitario 400 ore Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 400 ore Titolo Destinatari Obiettivi e Finalità Operatore Socio Sanitario 400 ore Il corso è rivolto a tutti gli interessati all ottenimento della qualifica

Dettagli

LA FIGURA PROFESSIONALE DELL'OPERATORE SOCIO-SANITARIO Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 20. B.U.R. n. 75/2001

LA FIGURA PROFESSIONALE DELL'OPERATORE SOCIO-SANITARIO Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 20. B.U.R. n. 75/2001 LA FIGURA PROFESSIONALE DELL'OPERATORE SOCIO-SANITARIO Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 20. B.U.R. n. 75/2001 Art. 1 - Figura professionale e profilo. 1. e' individuata la figura professionale dell'operatore

Dettagli

ORE TIROCINIO 450 ORE ESERCITAZIONI:

ORE TIROCINIO 450 ORE ESERCITAZIONI: ALLEGATO 1 Programma CORSO OSS 1000 ore Il programma analitico è suddiviso in moduli ed unità didattiche secondo le UC di riferimento; ore di aula complessive 450. Per i soggetti che intendono erogare

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Formazione Professionale

REGIONE PUGLIA Area politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l Innovazione Servizio Formazione Professionale SOGGETTO ATTUATORE RIQUALIFICATI 13 ADDETTI GENERICI DI ASSISTENZA IN OPERATORI SOCIO SANITARI ILL I PPROFFI R ILLO L Operatore Socio Sanitario svolge attività indirizzata a soddisfare i bisogni primari

Dettagli

JOB DESCRIPTION. DSRI - Responsabile Infermieristica (P.O.)

JOB DESCRIPTION. DSRI - Responsabile Infermieristica (P.O.) Mod. JD SID DSRI Data 05/05/09 Pagina 1 di 6 DSRI - Responsabile Infermieristica (P.O.) Dipendenza gerarchica (Scopo della posizione) organizzative Posizione organizzativa Responsabile delle attività infermieristiche

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO Riqualificazione in Operatore Socio Sanitario

PROGETTO FORMATIVO Riqualificazione in Operatore Socio Sanitario PROGETTO FORMATIVO Riqualificazione in Operatore Socio Sanitario Il progetto è redatto sulla base dell Allegato 1 del D.A.n.1613 del 08/10/2014 Linee guida per la riqualificazione in Operatore Socio Sanitario

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10 2015 ALLEGATI

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10 2015 ALLEGATI Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10 201 6173 ALLEGATI 617 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10 201 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 138 del 22 10

Dettagli

DGR 1232 dd. 14.5.2004

DGR 1232 dd. 14.5.2004 DGR 1232 dd. 14.5.2004 VISTA la rilevazione del fabbisogno occupazionale e formativo di operatori sociali in Regione, promossa dalla Direzione Centrale della Salute e della Protezione Sociale, condotta

Dettagli

Corso di O.S.S. Operatore Socio sanitario. web: scuolasi.it INFO 800 03 51 41. Premessa:

Corso di O.S.S. Operatore Socio sanitario. web: scuolasi.it INFO 800 03 51 41. Premessa: Corso di O.S.S. Operatore Socio sanitario Premessa: Il corso di OSS - Operatore Socio sanitario -, riguarda tutti coloro che vogliono sviluppare abilità finalizzate all'assistenza socio sanitaria di persone

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Competenze dell' O.S.S.

Competenze dell' O.S.S. Competenze dell' O.S.S. Perché nasce l O.S.S. Con la professionalizzazione ed il percorso formativo universitario c è sta la necessità di una nuova figura sanitaria di supporto all Infermiere maggiormente

Dettagli

Il Corso di Preparazione Privato OSS da 1000 ore è rivolto a persone in possesso dei seguenti requisiti:

Il Corso di Preparazione Privato OSS da 1000 ore è rivolto a persone in possesso dei seguenti requisiti: Destinatari. Il Corso di Preparazione Privato OSS da 1000 ore è rivolto a persone in possesso dei seguenti requisiti: tutti coloro che, rispetto all età, abbiano assolto l obbligo scolastico; inoccupati,

Dettagli

Associazione CNOS/FAP Regione Abruzzo Viale Don Bosco nr. 6 - L Aquila

Associazione CNOS/FAP Regione Abruzzo Viale Don Bosco nr. 6 - L Aquila Associazione CNOS/FAP Regione Abruzzo Viale Don Bosco nr. 6 - L Aquila AVVISO di SELEZIONE PER SOLI TITOLI PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI INSEGNAMENTO NELL AMBITO DEI CORSI PER IL CONSEGUIMENTO DELLA

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE LOMBARDIA N. VII / 5428 DL 6 LUGLIO

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE LOMBARDIA N. VII / 5428 DL 6 LUGLIO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE LOMBARDIA N. VII / 5428 DL 6 LUGLIO 2001 Individuazione della figura e del profilo dell Operatore Socio Sanitario ( O.S.S.) RICHIAMATE le disposizioni della normativa

Dettagli

Integrazione IIPP e personale di supporto. Collegio IPASVI Como e Provincia

Integrazione IIPP e personale di supporto. Collegio IPASVI Como e Provincia Integrazione IIPP e personale di supporto Collegio IPASVI Como e Provincia 1 Agenda Le figure di supporto dell assistenza infermieristica in ambito sanitario e sociale: ricognizione storica L ASA e l Operatore

Dettagli

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività.

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. L Ausiliario Socio Assistenziale è un operatore di interesse socio-assistenziale

Dettagli

L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario. 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM

L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario. 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM L Operatore Socio Sanitario: l inserimento dell allievo in ambito sanitario 25 febbraio -2 marzo 2011 Progetto Formativo ECM LE FIGURE DI SUPPORTO Personale di supporto previsto dall attuale normativa

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 363 del 09/09/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 363 del 09/09/2013 n. 54 del 7 Ottobre 2013 Delibera della Giunta Regionale n. 363 del 09/09/2013 A.G.C. 17 Istr. Educ. Form. Prof. Pol. Giov.le del Forum Regionale Ormel Settore 5 Formazione professionale Oggetto dell'atto:

Dettagli

Le figure di supporto all assistenza

Le figure di supporto all assistenza Le figure di supporto all assistenza Laurea Master Perfezionamento Laurea magistrale Dottorato Università Legislazione Aggiornamento E.C.M. Apprendimento permanente Formazione Professione infermiere Di

Dettagli

LEGGE REGIONALE 16 agosto 2001, n. 20 La figura professionale dell operatore socio-sanitario. e socio-sanitario, residenziali e semiresidenziali.

LEGGE REGIONALE 16 agosto 2001, n. 20 La figura professionale dell operatore socio-sanitario. e socio-sanitario, residenziali e semiresidenziali. BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE DEL VENETO - 21-8-2001 - N. 75 7 LEGGE REGIONALE 16 agosto 2001, n. 20 La figura professionale dell operatore socio-sanitario. Il Consiglio regionale ha approvato Il

Dettagli

SERVIZIO INFERMIERISTICO E TECNICO L OPERATORE SOCIO SANITARIO VINCOLO O OPPORTUNITÁ

SERVIZIO INFERMIERISTICO E TECNICO L OPERATORE SOCIO SANITARIO VINCOLO O OPPORTUNITÁ SERVIZIO INFERMIERISTICO E TECNICO L OPERATORE SOCIO SANITARIO VINCOLO O OPPORTUNITÁ Importante non è ciò che facciamo, ma quanto amore mettiamo in ciò che facciamo; bisogna fare piccole cose con grande

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA SOCIO SANITARIO

Servizio Sanitario Nazionale Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA SOCIO SANITARIO Servizio Sanitario Nazionale Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA L OPERATORE SOCIO SANITARIO Per informazioni : Centro formazione sanitaria Corsi per Operatori Socio - Sanitari Via San Bortolo 85

Dettagli

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE Modifiche al R.D. 2 maggio 1940, numero 1310, sulle mansioni degli infermieri professionali e infermieri generici. TITOLO I - Mansioni dell infermiere professionale

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO 21 maggio 2001, n. 308 REGOLAMENTO "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio

Dettagli

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE Decreto ministeriale 21 maggio 2001, n. 308 Gazzetta Ufficiale 28 luglio 2001, n. 174 Testo aggiornato al 1 giugno 2004 Regolamento concernente «Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione

Dettagli

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti :

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti : Gli spazi e i servizi standard 18 I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE Assistenza alla sona 24 h su 24 Assistenza medica diurna (secondo necessità) Assistenza infermieristica diurna Assistenza

Dettagli

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali";

VISTA la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione DECRETO MINISTERIALE 21 maggio 2001, n. 308 Regolamento concernente "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale e

Dettagli

D.M 21 maggio 2001, n.308

D.M 21 maggio 2001, n.308 D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO DEL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE 21 maggio 2001, n. 308 "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale

Dettagli

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400;

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

Corso di formazione per Operatore Socio Sanitario

Corso di formazione per Operatore Socio Sanitario ALLEGATO B Corso di formazione per Operatore Socio Sanitario Il corso per Operatore Socio Sanitario è volto a fornire una formazione specifica di carattere teorico e tecnico-pratico per un profilo assistenziale

Dettagli

OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE

OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE BREVE DESCRIZIONE PREREQUISITI Operatore socio-sanitario Sanitario, sociale, socio-sanitario Finalità: L attività dell operatore

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE DI OPERATORE SOCIO-SANITARIO

FIGURA PROFESSIONALE DI OPERATORE SOCIO-SANITARIO Allegato A alla D.G.R. 28.09.2012, nr. 621 FIGURA PROFESSIONALE DI OPERATORE SOCIO-SANITARIO ARTICOLO 1 NOZIONE 1. Il profilo professionale dell operatore socio-sanitario è stato regolamentato a livello

Dettagli

PROFILO FORMATIVO OSS (Operatore Socio Sanitario) Delibera 5101 del 18/07/2007 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività.

PROFILO FORMATIVO OSS (Operatore Socio Sanitario) Delibera 5101 del 18/07/2007 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. PROFILO FORMATIVO OSS (Operatore Socio Sanitario) Delibera 5101 del 18/07/2007 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. Pagina 1 PROFILO PROFESSIONALE E AMBITO DI ATTIVITÀ L Operatore Socio sanitario

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 55 Presentata dai Consiglieri Blasoni, Camber, Ciriani,

Dettagli

Corso di Qualifica Professionale Operatore Socio-Sanitario (O.S.S.) ELEMENTI DI IGIENE. Profilo professionale e competenze dell O.S.S.

Corso di Qualifica Professionale Operatore Socio-Sanitario (O.S.S.) ELEMENTI DI IGIENE. Profilo professionale e competenze dell O.S.S. Corso di Qualifica Professionale Operatore Socio-Sanitario (O.S.S.) ELEMENTI DI IGIENE Profilo professionale e competenze dell O.S.S. Dr. Mario Esposito Tecnico della Prevenzione Azienda Sanitaria Locale

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

Roma, 02 ottobre 2007

Roma, 02 ottobre 2007 RISOLUZIONE N. 275/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 02 ottobre 2007 OGGETTO: Istanza di interpello art. 11 legge 27 luglio 2000, n. 212 IVA Aliquota agevolate- n. 41-bis) della Tabella

Dettagli

Mattina: 10:00 14:00. Ore totali corso: 1000: di cui 550 d aula e 450 di stage. 2.100,00 euro (con possibilità di pagamento rateizzato)

Mattina: 10:00 14:00. Ore totali corso: 1000: di cui 550 d aula e 450 di stage. 2.100,00 euro (con possibilità di pagamento rateizzato) Titolo: OSS - OPERATORE SOCIO SANITARIO Ente organizzatore: GLOBALFORM Area Tematica: Socio-Sanitaria Destinatari: Il corso è rivolto a DISOCCUPATI ed OCCUPATI con 17 anni compiuti, in possesso di diploma

Dettagli

OSPEDALE DI COMUNITÀ. CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC

OSPEDALE DI COMUNITÀ. CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC OSPEDALE DI COMUNITÀ CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC 1. OSPEDALE DI COMUNITÀ (OdC)... 3 1.1. Premessa... 3 1.2. La struttura residenziale... 3 1.3. Ingresso... 3 1.4. Come avviene il ricovero...

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

CRITERI PER LA SELEZIONE AL CORSO DI Operatore Socio Sanitario di cui all avviso 12/2009

CRITERI PER LA SELEZIONE AL CORSO DI Operatore Socio Sanitario di cui all avviso 12/2009 CRITERI PER LA SELEZIONE AL CORSO DI Operatore Socio Sanitario di cui all avviso 12/2009 Possono iscriversi al corso operatori già in servizio presso le strutture sanitarie ospedaliere private (nonché

Dettagli

Nomenclatore dei servizi

Nomenclatore dei servizi Nomenclatore dei servizi REGOLAMENTO REGIONALE 18 gennaio 2007, n. 4 e sue modifiche REGOLAMENTO REGIONALE 07 agosto 2008, n. 19 Legge Regionale 10 luglio 2006, n. 19 Disciplina del sistema integrato dei

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA AllegatoRSA rev1 feb2014 ALLEGATO RSA 1. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE (RSA)... 3 1.1. La struttura residenziale... 3 1.2. Coordinamento dei servizi... 3 1.3.

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO CORSO DI RIQUALIFICAZIONE IN OPERATORE SOCIO SANITARIO (OSS)

PROGETTO FORMATIVO CORSO DI RIQUALIFICAZIONE IN OPERATORE SOCIO SANITARIO (OSS) PROGETTO FORMATIVO CORSO DI RIQUALIFICAZIONE IN OPERATORE SOCIO SANITARIO (OSS) REQUISITI PER LA PARTECIPAZIONE AL CORSO DI RIQUALIFICAZIONE Il corso di riqualificazione in OSS Operatore Socio Sanitario

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

XI 35121 5 35129 049.658601 049.8788148 P.IVA

XI 35121 5 35129 049.658601 049.8788148 P.IVA Carta dei Servizi SB FAMILY CARES s.c.a.r.l Sede Operativa Via G. Falloppio,37 35121 Padova Sede Legale XI Strada, 5 35129 Padova Tel. 049.658601 Fax. 049.8788148 P.IVA e C.F 04551340286 CARTA DEI SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO PROGETTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE RIVOLTO AD ANZIANI, PORTATORI DI HANDICAP E FAMIGLIE MULTI PROBLEMATICHE Il servizio di assistenza domiciliare consiste nel

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina gli interventi relativi al Servizio di Assistenza

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 43 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 75/14031 P.G. NELLA SEDUTA DEL 26/05/1994 - MODIFICATO CON DELIBERAZIONE N. 75/I23765 P.G. NELLA

Dettagli

ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI LIBERI-PROFESSIONISTI CHE SVOLGONO ATTIVITA SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIO-EDUCATIVE Legge n.

ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI LIBERI-PROFESSIONISTI CHE SVOLGONO ATTIVITA SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIO-EDUCATIVE Legge n. Marca da bollo 10 Spett.le Ufficio del Lavoro SEDE ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI LIBERI-PROFESSIONISTI CHE SVOLGONO ATTIVITA SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIO-EDUCATIVE Legge n.28/1991 Il sottoscritto Cod.

Dettagli

Notizie generali sulla Psichiatria

Notizie generali sulla Psichiatria Notizie generali sulla Psichiatria Psichiatria: è la branca della medicina specializzata nello studio, nella diagnosi e nella terapia dei disturbi mentali. Oggi si privilegia considerare la Psichiatria

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

IL FARE INCONTRA IL SAPERE

IL FARE INCONTRA IL SAPERE IL FARE INCONTRA IL SAPERE LA FORMAZIONE DELL OSS: IL RUOLO DELLA PORFESSIONE Ischia, 11 settembre 2009 fvallicella 1 Formare l operatore socio-sanitario Obiettivi, metodi e strumenti fvallicella 2 1984

Dettagli

LA FORMAZIONE BASE DELL'OSS. QUALE POSSIBILE INTEGRAZIONE CON LE ALTRE PROFESSIONI E QUALI STRUMENTI ACCIARRI CINZIA

LA FORMAZIONE BASE DELL'OSS. QUALE POSSIBILE INTEGRAZIONE CON LE ALTRE PROFESSIONI E QUALI STRUMENTI ACCIARRI CINZIA LA FORMAZIONE BASE DELL'OSS. QUALE POSSIBILE INTEGRAZIONE CON LE ALTRE PROFESSIONI E QUALI STRUMENTI ACCIARRI CINZIA Coordinatore Infermieristico Residenza Sanitaria Riabilitativa e Attività Ambulatoriali

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

Dalla responsabilità dell infermiere alla responsabilità dell OSS:aspetti giuridici e integrazione. Dott. Antonino Zagari

Dalla responsabilità dell infermiere alla responsabilità dell OSS:aspetti giuridici e integrazione. Dott. Antonino Zagari Dalla responsabilità dell infermiere alla responsabilità dell OSS:aspetti giuridici e integrazione Dott. Antonino Zagari DA DOVE INIZIAMO? 2 3 GIOCO DI SQUADRA Il Gioco di Squadra risulta lo scopo primario

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI COMUNE DI VILLABATE PROV. DI PALERMO ALLEGATO ALLA DELIBERA COMMISSARIALE N. DEL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI (Legge 9.5.1986 n.22; Decreto Presidenziale

Dettagli

R E G O L A M E N T O R E S I D E N Z A P R O T E T T A L A G I N E S T R A

R E G O L A M E N T O R E S I D E N Z A P R O T E T T A L A G I N E S T R A COMUNE DI CHIARAVALLE Provincia di Ancona Residenza Protetta La Ginestra R E G O L A M E N T O R E G O L E N T O PER LA GESTIONE DELLA R E S I D E N Z A P R O T E T T A L A G I N E S T R A ART.1 DEFINIZIONE

Dettagli

Residenza Sanitaria Assistenziale. Vivere Insieme Baroni

Residenza Sanitaria Assistenziale. Vivere Insieme Baroni Residenza Sanitaria Assistenziale Vivere Insieme Baroni La struttura L RSA di Via Baroni si sviluppa su tre piani fuori terra di circa 1.500 metri quadri, oltre ad un piano interrato e ad un sottotetto

Dettagli

Il profilo professionale dell operatore socio-assistenziale Evoluzione storico-normativa della figura professionale dell OS A

Il profilo professionale dell operatore socio-assistenziale Evoluzione storico-normativa della figura professionale dell OS A INDICE Parte I Il profilo professionale dell operatore socio-assistenziale Capitolo 1: Evoluzione storico-normativa della figura professionale dell OS A 1. L ausiliario socio-assistenziale (asa), l ausiliario

Dettagli

SOMMARIO FINALITA DELLA STRUTTURA...1 MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA...3 AMMISSIONE...3 CUSTODIA VALORI...4 COMPORTAMENTO DEGLI OSPITI...

SOMMARIO FINALITA DELLA STRUTTURA...1 MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA...3 AMMISSIONE...3 CUSTODIA VALORI...4 COMPORTAMENTO DEGLI OSPITI... SOMMARIO FINALITA DELLA STRUTTURA...1 MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA...3 AMMISSIONE...3 CUSTODIA VALORI...4 COMPORTAMENTO DEGLI OSPITI...5 VITTO...5 REGOLE DELLA VITA COMUNITARIA...6 COLLABORAZIONE

Dettagli

A V V I S O. Corso Genova, 70-16033 LAVAGNA (GE) c.f. 01041570993 Ente di Diritto Pubblico

A V V I S O. Corso Genova, 70-16033 LAVAGNA (GE) c.f. 01041570993 Ente di Diritto Pubblico SELEZIONE PUBBLICA MEDIANTE PROVA PRATICA ATTITUDINALE PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO A TEMPO PIENO INDETERMINATO DI OPERATORE SOCIO SANITARIO (Categoria B3 del C.C.N.L. Regioni -Autonomie Locali) A V

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA DEL CENTRO DIURNO

SCHEDA INFORMATIVA DEL CENTRO DIURNO SCHEDA INFORMATIVA DEL CENTRO DIURNO CENTRO DIURNO BIBBIANO CENTRO DIURNO BIBBIANO Via ROSEMBERG,8 42021 BIBBIANO(RE) TEL. 0522 882003 FAX 0522 240624 mail : cd-bibbiano@coopselios.com Pag. 1/7 Rev. del

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Ambito di Seriate L.328/00 Seriate, Albano S.Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate, Torre de Roveri REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI

Dettagli

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N. 55

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N. 55 ALLEGATO B latafimi Castellammare del Golfo Alcamo Calatafimi Segesta A.S.P. N. 9 DISTRETTO SOCIO-SANITARIO N. 55 COMUNE DI ALCAMO CALATAFIMI SEGESTA CASTELLAMMARE DEL GOLFO A.S.P. N. 9 DISTRETTO SANITARIO

Dettagli

Cartella 02: Requisiti ulteriori specifici di accreditamento strutture sanitarie e sociosanitarie.

Cartella 02: Requisiti ulteriori specifici di accreditamento strutture sanitarie e sociosanitarie. Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 25/ 29 del 1.7.2010 Elenco documentazione Cartella 01: Requisiti generali strutture sanitarie e sociosanitarie. Requisiti generali autorizzativi delle strutture sanitarie

Dettagli

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G.

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. I Sessione ore 9,30 La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. Gabriele Carbone Responsabile medico Centro Demenze Unità

Dettagli

Assistenza Domiciliare Integrata Socio Assistenziale

Assistenza Domiciliare Integrata Socio Assistenziale Assistenza Domiciliare Integrata Socio Assistenziale CARTA DEI SERVIZI Pagina 1 di 11 Questa CARTA DEI SERVIZI è una guida,un impegno scritto nei confronti dei cittadini che vengono messi a conoscenza

Dettagli

COME DIFENDERSI DAGLI ABUSI

COME DIFENDERSI DAGLI ABUSI COME DIFENDERSI DAGLI ABUSI La legge è veramente uguale per tutti? Non sembra che sia uguale quando si tratta di rispettare il ruolo istituzionale dell infermiere. Quando si deve decidere chi debba svolgere

Dettagli

L Operatore Socio Sanitario. Dopo un lungo e travagliato dibattito. Perché nasce l OSS? Perché nasce l OSS?

L Operatore Socio Sanitario. Dopo un lungo e travagliato dibattito. Perché nasce l OSS? Perché nasce l OSS? posso farlo? Le competenze dell'operatore Socio Sanitario e la collaborazione con l'infermiere L Operatore Socio Sanitario IL PROFILO DELL'OSS: ANALISI DELLE COMPETENZE Dopo un lungo e travagliato dibattito

Dettagli

ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA

ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA ALLEGATO N. 1 ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA 2 AREA MATERNO INFANTILE LIVELLI DI ASSISTENZA Assistenza sanitaria e sociosanitaria alle donne, ai

Dettagli

L EVOLUZIONE DELL OSS ALL INTERNO DELLA SALA OPERATORIA (alla luce delle skill mix )

L EVOLUZIONE DELL OSS ALL INTERNO DELLA SALA OPERATORIA (alla luce delle skill mix ) L EVOLUZIONE DELL OSS ALL INTERNO DELLA SALA OPERATORIA (alla luce delle skill mix ) Marinella Cassai, dott.ssa in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche infermiera blocco operatorio San Donato, Asl Sudest

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

nale incaricato dell effettuazione del controllo tutti i libri, i registri e i documenti e di fornire altresì i dati, le informazioni e i chiarimenti

nale incaricato dell effettuazione del controllo tutti i libri, i registri e i documenti e di fornire altresì i dati, le informazioni e i chiarimenti 20 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 181 suppl. del 19-12-2007 nale incaricato dell effettuazione del controllo tutti i libri, i registri e i documenti e di fornire altresì i dati, le informazioni

Dettagli

2. REQUISITI ORGANIZZATIVE E STRUTTURALI DELLE COMUNITA DI TIPO FAMILIARE E DEI GRUPPI CONVIVENZA. 2.1. Le Case famiglia e i gruppi di convivenza

2. REQUISITI ORGANIZZATIVE E STRUTTURALI DELLE COMUNITA DI TIPO FAMILIARE E DEI GRUPPI CONVIVENZA. 2.1. Le Case famiglia e i gruppi di convivenza Requisiti per l autorizzazione al funzionamento delle strutture sociali di cui alle lettere a), b), c) d) dell art. 4 del regolamento di attuazione della LR n. 23/2005 Organizzazione e funzionamento delle

Dettagli

Art. 1 - OGGETTO. Art. 2 - FINALITA

Art. 1 - OGGETTO. Art. 2 - FINALITA Art. 1 - OGGETTO Il presente regolamento disciplina, nell ambito del territorio comunale, l intervento del Servizio di Assistenza Domiciliare diretto a garantire al cittadino il libero sviluppo della propria

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Ultima revisione: Aprile 2014 PARTE GENERALE 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE SCARPARI FORATTINI ONLUS L ente trae origine dalle disposizioni testamentarie

Dettagli

REGOLAMENTO CENTRO DIURNO INTEGRATO PER ANZIANI

REGOLAMENTO CENTRO DIURNO INTEGRATO PER ANZIANI Comune di Calusco d Adda REGOLAMENTO CENTRO DIURNO INTEGRATO PER ANZIANI (approvato con deliberazione del C.C. n.20 del 11.05.2007 e modificato con deliberazioni del C.C. n.22 del 26.04.2010 e n.14 del

Dettagli