Delibera della Giunta Regionale n. 363 del 09/09/2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Delibera della Giunta Regionale n. 363 del 09/09/2013"

Transcript

1 n. 54 del 7 Ottobre 2013 Delibera della Giunta Regionale n. 363 del 09/09/2013 A.G.C. 17 Istr. Educ. Form. Prof. Pol. Giov.le del Forum Regionale Ormel Settore 5 Formazione professionale Oggetto dell'atto: APPROVAZIONE DI PERCORSI FORMATIVI - INTEGRAZIONE DELIBERA DI G.R. N. 45 DEL 21/01/2005 E SS.MM.II.

2 n. 54 del 7 Ottobre 2013 Alla stregua dell istruttoria compiuta dal Settore e delle risultanze e degli atti tutti richiamati nelle premesse che seguono, costituenti istruttoria a tutti gli effetti di legge, nonché dell espressa dichiarazione di regolarità della stessa resa dal Dirigente del Settore a mezzo di sottoscrizione della presente Premesso che: a. con Accordo sancito in Conferenza Stato-Regioni e Province Autonome del 22 febbraio 2001 (rep. atti n. 1161), tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano, sono stati disciplinati la figura ed il profilo professionale dell operatore socio-sanitario e si definisce l ordinamento didattico dei corsi di formazione; b. con il citato Accordo del 22 febbraio 2001 sono state individuate le principali attività previste per l'operatore socio-sanitario (All. A), le competenze dell'operatore sociosanitario (All. B), gli obiettivi di modulo e le materie di insegnamento (All. C) ed è stato altresì stabilito che la formazione dell operatore socio-sanitario è di competenza delle Regioni e delle Province autonome che provvedono alla organizzazione dei corsi e delle relative attività didattiche, all accreditamento delle strutture e al rilevamento dei fabbisogni su base annuale nel rispetto delle disposizioni previste dall Accordo stesso; c. con Decreto-Legge n. 402 del 12 novembre 2001, recante Disposizioni urgenti in materia di personale sanitario e convertito, con modificazioni, dalla Legge 8 gennaio 2002, n. 1 (in G.U. 10/01/2002, n. 8), all art. 1, comma 8, sono state confermate le disposizioni dell Accordo del 22 febbraio 2001 ed è stata disciplinata, per l'operatore socio-sanitario, la formazione complementare in assistenza sanitaria che consente a detto operatore di collaborare con l'infermiere o con l'ostetrica e di svolgere alcune attività assistenziali in base all'organizzazione dell'unità funzionale di appartenenza e conformemente alle direttive del responsabile dell'assistenza infermieristica od ostetrica o sotto la sua supervisione; d. con Delibera n del 7 agosto 2001 la Giunta Regionale della Campania ha recepito l Accordo sancito in Conferenza Stato-Regioni e Province Autonome del 22 febbraio 2001, stabilendo altresì l avvio della formazione degli operatori socio-sanitari ai sensi del citato Accordo del 22 febbraio 2001 sancito tra il Ministro della Sanità, il Ministro per la Solidarietà Sociale e le Regioni e Province Autonome di Trento e Bolzano; e. con Delibera n dell 8 ottobre 2003, la Giunta Regionale della Campania ha approvato le figure professionali sociali della Regione Campania, tra cui il profilo di operatore socio-sanitario, la cui qualifica è conseguibile con un percorso formativo della durata di 1000 ore; f. con Delibera n. 45 del 21 gennaio 2005 la Giunta Regionale della Campania ha approvato gli Indirizzi operativi dei percorsi di formazione professionale autofinanziati, definendo i percorsi formativi ed il codice identificativo di riferimento (in base al sistema classificatorio dei settori ISFOL-ORFEO) e descrivendo, per ciascun profilo professionale in uscita, le conoscenze e competenze tecnico-professionali in termini di moduli di base e di moduli di specializzazione; g. con Delibera n. 995 del 28 luglio 2005, la Giunta Regionale della Campania ha approvato l attuazione degli obiettivi formativi e previsto il completamento della fase di qualificazione per O.S.S. per il personale delle strutture sanitarie pubbliche, l avvio della fase di qualificazione in O.S.S. del personale dipendente delle strutture sanitarie private

3 n. 54 del 7 Ottobre 2013 accreditate e non dal Servizio Sanitario Nazionale e l avvio della fase di qualificazione in O.S.S. di soggetti non dipendenti di strutture socio-sanitarie pubbliche o private; h. con Decreto Dirigenziale n. 63 del 28 ottobre 2005, emanato dall A.G.C. 19, è stato approvato l Atto di gestione recante criteri e modalità per la corretta tenuta delle attività formative per operatori socio sanitari previste dalla citata D.G.R. n. 995/2005; i. con Decreto Dirigenziale n. 1 del 16 gennaio 2006, emanato dall A.G.C. 19, è stato disposto l avvio delle attività formative per operatore socio sanitario O.S.S. e modificato l Atto di gestione approvato con Decreto Dirigenziale n. 63 del 28 ottobre 2005 recante criteri e modalità per la corretta tenuta delle attività formative per operatori socio sanitari previste dalla citata D.G.R. n. 995/2005; j. con L.R. n. 21 del 14 ottobre 2006 è stato approvato il Programma di formazione professionale per operatore socio sanitario per soggetti non dipendenti da strutture sanitarie ; k. che la predetta L.R. n. 21 del 14 ottobre 2006 prevede all art 1 che le strutture sanitarie pubbliche della Regione, già sedi didattiche di attività formative socio sanitarie, di Educazione Continua in Medicina, del corso di Formazione Specifica in Medicina Generale, nonché di lauree triennali in ambito sanitario, nel rispetto della circolare assessorile n.2659/sp/02 e del decreto dirigenziale n. 63 del 28 ottobre 2005, in conformità all accordo tra il Ministero della sanità, il Ministero per la solidarietà sociale, le Regioni e Province del 22 febbraio 2001 e della delibera della Giunta regionale n. 995 del 28 luglio 2005, devono avviare la relativa fase di qualificazione di operatore socio sanitario anche di soggetti non dipendenti di strutture sanitarie pubbliche o private ; l. sinora i provvedimenti predisposti dalle competenti strutture regionali per dare attuazione alle disposizioni della richiamata L.R. n. 21 del 14 ottobre 2006 ed ai relativi atti di indirizzo non hanno trovato compiuta definizione per problematiche di natura procedurale; m. con L.R. n. 14 del 18/11/2009 è stato approvato il Testo Unico della normativa della Regione Campania in materia di lavoro e formazione professionale per la promozione della qualità del lavoro ; n. - con delibera di G.R. n del 18/12/2009 è stato approvato il Regolamento Attuativo di cui all art. 54 comma 1 lett. B) della richiamata L.R. n. 14 del 18/11/2009; o. che il TAR Campania, con sentenza n. 1377/2013 dell ha annullato le note nn del e del , con cui il dirigente del Settore Aggiornamento e Formazione del Personale dell A.G.C. 19 Piano Sanitario ha denegato l autorizzazione allo svolgimento di corsi per operatori socio-sanitari non gravanti sulla finanza regionale; Considerato che : a. con Accordo sancito in Conferenza Stato-Regioni e Province Autonome del 16 gennaio 2003 (rep. atti n. 1604), tra il Ministro della salute, il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, si è provveduto a disciplinare la formazione complementare in assistenza sanitaria della figura professionale dell operatore socio-sanitario, di cui all articolo 1, comma 8, del Decreto- Legge 12 novembre 2001, n. 402, convertito, con modificazioni, dalla Legge 8 gennaio 2001, n. 1, al fine di consentire allo stesso di collaborare con l infermiere o con l ostetrica

4 n. 54 del 7 Ottobre 2013 e di svolgere alcune attività assistenziali in base all organizzazione dell unità funzionale di appartenenza e conformemente alle direttive del responsabile dell assistenza infermieristica od ostetrica o sotto la supervisione della stessa; b. con il citato Accordo del 16 gennaio 2003 si è stabilito che, per far fronte alle crescenti esigenze di assistenza sanitaria nelle strutture sanitarie e socio-sanitarie, pubbliche e private, le Regioni possono provvedere alla organizzazione di moduli di formazione complementare di assistenza sanitaria, per un numero di ore non inferiore a 300, di cui la metà di tirocinio, riservati agli operatori socio sanitari in possesso dell attestato di qualifica di cui all articolo 12 dell Accordo del 22 febbraio 2001 o di un titolo riconosciuto equipollente ai sensi dell articolo 13 dello stesso Accordo, definendo altresì le materie di insegnamento e di tirocinio e prevedendo le principali attività che possono essere svolte dall operatore socio-sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria; c. con la citata D.G.R. n. 45/2005 è stato definito, tra i percorsi di formazione professionale dell Area C Servizi, quello di operatore socio-assistenziale - O.S.A. (cod. 2802/16 del sistema classificatorio dei settori ISFOL-ORFEO) mentre non sono stati definiti i percorsi di formazione professionale dell area socio-sanitaria (identificati dallo stesso sistema classificatorio dei settori ISFOL-ORFEO con il cod. 2801) relativi al profilo professionale di operatore socio-sanitario (O.S.S.) di cui all Accordo Stato-Regioni del 22 febbraio 2001, così come recepito con D.G.R. n. 2843/2003, ed al profilo professionale di operatore socio-sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria (O.S.S.S.) di cui all Accordo Stato-Regioni del 16 gennaio 2003; Constatato che: a) con D.lgs. n. 59 del 26 marzo 2010 è stata recepita la Direttiva 2006/123/CE del 12 dicembre 2006 relativa ai servizi nel mercato interno (cd. Direttiva Bolkestein ) che, al fine di garantire la libertà di concorrenza secondo condizioni di pari opportunità e il corretto ed uniforme funzionamento del mercato, nonché per assicurare ai consumatori finali un livello minimo e uniforme di condizioni di accessibilità ai servizi sul territorio nazionale, stabilisce (art. 1, co. 2) che i principi desumibili dalle disposizioni di cui alla Parte prima del decreto costituiscono norme fondamentali di riforma economico-sociale della Repubblica e principi dell'ordinamento giuridico dello Stato e che (art. 1, co. 3), relativamente alle materie oggetto di competenza concorrente, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano esercitano la potestà normativa nel rispetto dei principi fondamentali contenuti nelle norme del decreto stesso; b) con il citato D.lgs. n. 59/2010 si è inoltre stabilito (art. 10) che l'accesso e l'esercizio delle attività di servizi costituiscono espressione della libertà di iniziativa economica e non possono essere sottoposti a limitazioni non giustificate o discriminatorie, che l accesso e l'esercizio delle attività di servizi possono essere subordinati agli specifici requisiti elencati dall art. 11 solo per motivi imperativi di interesse generale, stabilendo altresì (art. 14, co. 3) che Il numero dei titoli autorizzatori per l'accesso e l'esercizio di un'attività di servizi può essere limitato solo se sussiste un motivo imperativo di interesse generale o per ragioni correlate alla scarsità delle risorse naturali o delle capacità tecniche disponibili ; c) pertanto il quadro normativo regionale in materia di contingentamento numerico dei corsi attivabili, oltre che inattuato per mancanza di attività programmatoria, risulta superato dalla legislazione nazionale e comunitaria sopravvenuta, come del resto rilevato dallo stesso TAR Campania, in parte motiva della richiamata sentenza n. 1377/13 dell ;

5 n. 54 del 7 Ottobre 2013 d) allo stato, la formazione fornita in regime di autofinanziamento non rientra in alcuna delle ipotesi di esclusione previste dal Capo I del Dlgs 59/10; Tenuto conto: a) che la Conferenza dei Presidenti delle Regioni del 24 dicembre 2006 ha indicato il percorso complementare per gli operatori in possesso di titoli professionali dell area sanitaria conseguiti all estero e non riconosciuti dal Ministero della Salute; b) che la Regione Campania intende recepire il citato Accordo sancito in Conferenza Stato- Regioni e Province Autonome del 16 gennaio 2003 (rep. atti n. 1604), tra il Ministro della salute, il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, con cui si disciplina la formazione complementare in assistenza sanitaria della figura professionale dell operatore socio-sanitario; c) che, in ogni caso, appare opportuno, al fine di monitorare costantemente ed efficacemente l andamento delle attività formative, procedere alla istituzione di un apposito tavolo tecnico del quale saranno chiamati a farne parte le rappresentanze sindacali e le associazioni di categoria più rappresentative; d) che con Decreto legislativo n. 13 del 16/1/2013 sono state definite le norme generali e dei livelli essenziali delle prestazioni per l individuazione e validazione degli apprendimenti non formali e informali e degli standard minimi di servizio del sistema nazionale di certifi cazione delle competenze, a norma dell articolo 4, commi 58 e 68, della legge 28 giugno 2012, n. 92; Ritenuto: a) di dover recepire l Accordo sancito in Conferenza Stato-Regioni del 16 gennaio 2003 (rep. atti n. 1604), tra il Ministro della salute, il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, con cui si disciplina la formazione complementare in assistenza sanitaria della figura professionale dell operatore sociosanitario; b) di dover approvare il percorso di formazione professionale dell area socio-sanitaria relativi al profilo professionale di operatore socio-sanitario (O.S.S.) di cui all Accordo Stato-Regioni del 22 febbraio 2001, così come recepito con D.G.R. n. 3956/2001 e definito con successiva D.G.R. 2843/2003, come settore economico di appartenenza Codice ATECO N Sanità e Assistenza, di cui all Allegato A della presente delibera; c) di dover recepire l Accordo sancito in Conferenza Stato-Regioni del 16 gennaio 2003, definendo il profilo professionale di operatore socio-sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria (O.S.S.S.) come settore economico di appartenenza Codice ATECO N Sanità e Assistenza e di approvare il relativo percorso di formazione professionale come descritto nell Allegato B della presente delibera; d) di dare mandato alle AGC 17 e 19, per quanto di rispettiva competenza, di adottare gli atti connessi e consequenziali all'adozione della presente deliberazione; e) di dover integrare la D.G.R. n. 45 del 21 gennaio 2005, inserendo, tra i percorsi di formazione professionale dell Area C Servizi, i percorsi di formazione professionale dell area socio-sanitaria relativi al profilo professionale di operatore socio-sanitario (O.S.S.) e di operatore socio-sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria (O.S.S.S.) come descritti rispettivamente negli allegati A e B della presente delibera;

6 n. 54 del 7 Ottobre 2013 f) di dover procedere alla istituzione di un apposito tavolo tecnico per il monitoraggio costante dell andamento dell attività formative, il rilevamento dei fabbisogni e delle percentuali di placement relative al Profilo oggetto della presente deliberazione, composto dai dirigenti del Settore Aggiornamento e Formazione Professionale dell A.G.C. 19, del Settore Formazione Professionale dell A.G.C. 17 e dell'arlas, o loro delegati, al quale saranno chiamati a far parte, con funzione consultiva, i rappresentanti delle OO.SS. e delle associazioni regionali di categoria più rappresentative; Visti: a) la Legge n. 845 del 21 dicembre 1978, Legge-quadro in materia di formazione professionale; b) il D.lgs. n. 13 del 16 gennaio 2013, Definizione delle norme generali e dei livelli essenziali delle prestazioni per l individuazione e validazione degli apprendimenti non formali e informali e degli standard minimi di servizio del sistema nazionale di certifi cazione delle competenze, a norma dell articolo 4, commi 58 e 68, della legge 28 giugno 2012, n. 92 il D.lgs. n. 502 del 30 dicembre 1992, Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell art.1 della legge 23 ottobre 1992, n. 421 ; c) l Accordo sancito in Conferenza Stato-Regioni e Province Autonome del 22 febbraio 2001 (rep. atti n. 1161), tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano; d) l Accordo sancito in Conferenza Stato-Regioni e Province Autonome del 16 gennaio 2003 (rep. atti n. 1604), tra il Ministro della salute, il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano; e) la D.G.R dell 8 ottobre 2003; f) la D.G.R. n. 45 del 21 gennaio 2005 di approvazione degli Indirizzi operativi per i percorsi di formazione professionale autofinanziati in coerenza con i criteri stabiliti dalla L.R. 28 marzo 1987, n. 19; g) la D.G.R. n. 226 del 21 febbraio 2006 di modifiche ed integrazioni alla D.G.R. n. 808/2004 avente ad oggetto gli "Indirizzi operativi per l'accreditamento degli organismi di Formazione e di Orientamento"; h) la D.G.R. n. 793 del 16 giugno 2006 di approvazione degli Indirizzi operativi per l accreditamento degli organismi di formazione autofinanziati; i) la L.R. n. 14 del 18 novembre 2009 di approvazione del Testo unico della normativa della Regione Campania in materia di lavoro e formazione professionale per la promozione della qualità del lavoro ; j) la D.G.R. n del 18 dicembre 2009 di approvazione del Regolamento attuativo di cui all'art. 54, comma 1, lettera B) della legge 18 novembre 2009 n. 14 recante "Disposizioni regionali per la formazione professionale"; k) la D.G.R. n. 315 del 21 giugno 2011 di approvazione delle Nuove disposizioni per l'autorizzazione e la vigilanza delle attività di formazione professionale autofinanziata ; l) la sentenza del TAR Campania n. 1377/13 dell ; propone e la Giunta all unanimità

7 n. 54 del 7 Ottobre 2013 DELIBERA per le motivazioni e le considerazioni espresse in narrativa, che si intendono integralmente riportate e trascritte, di: 1. approvare i percorsi di formazione professionale dell area socio-sanitaria relativi al profilo professionale di operatore socio-sanitario (O.S.S.) di cui all Accordo Stato-Regioni del 22 febbraio 2001, così come recepito con D.G.R. n. 3956/2001 e definito con successiva D.G.R. 2843/2003 come settore economico di appartenenza Codice ATECO N Sanità e Assistenza, di cui all Allegato A della presente delibera; 2. recepire l Accordo sancito in Conferenza Stato-Regioni del 16 gennaio 2003, definendo il profilo professionale di operatore socio-sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria (O.S.S.S.) come settore economico di appartenenza Codice ATECO N Sanità e Assistenza e di approvare il relativo percorso di formazione professionale come descritto nell Allegato B della presente delibera; 3. dare mandato alle AGC 17 e 19, per quanto di rispettiva competenza, di adottare gli atti connessi e consequenziali all'adozione della presente deliberazione; 4. integrare la D.G.R. n. 45 del 21 gennaio 2005, inserendo, tra i percorsi di formazione professionale dell Area C Servizi, i percorsi di formazione professionale dell area sociosanitaria relativi al profilo professionale di operatore socio-sanitario (O.S.S.) e di operatore socio-sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria (O.S.S.S.), come descritti rispettivamente negli allegati A e B della presente delibera; 5. procedere alla istituzione di un apposito tavolo tecnico per il monitoraggio costante dell andamento delle attività formative, il rilevamento dei fabbisogni e delle percentuali di placement, composto dai dirigenti del Settore Aggiornamento e Formazione Professionale dell A.G.C. 19, del Settore Formazione Professionale dell A.G.C. 17 e dell'arlas, o loro delegati, al quale saranno chiamati a far parte, con funzione consultiva, i rappresentanti delle OO.SS. e delle associazioni regionali di categoria più rappresentative; 6. trasmettere il presente atto al Presidente della Giunta Regionale, all Assessore alla Formazione Professionale, ai Coordinatori dell A.G.C. 17 e A.G.C. 19, ai Settori Formazione Professionale e Aggiornamento e Formazione Professionale delle A.G.C., all ARLAS, alle Amministrazioni provinciali competenti per territorio per il prosieguo di competenza e al Settore Stampa Documentazione e Informazione a Bollettino Ufficiale per la pubblicazione.

8 Allegato A DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE Il profilo dell Operatore socio-sanitario (OSS) è definito dall Accordo sancito dalla Conferenza Stato-Regioni nella seduta del 22 febbraio 2001 tra il Ministro della Sanità, il Ministro della Solidarietà, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano. La Regione Campania ha recepito l Accordo con D.G.R. n. 3956/2001. E in grado di svolgere attività di cura e di assistenza alle persone in condizione di disagio o di non autosufficienza sul piano fisico e/o psichico, al fine di soddisfarne i bisogni primari e favorirne il benessere e l autonomia, nonché l in tegrazione sociale. L Operatore Socio-Sanitario - a seguito dell attestato di qualifica conseguito al termine di specifica formazione professionale regionale - svolge attività indirizzate a soddisfare i bisogni primari della persona, nell ambito delle proprie aree di competenza, in un contesto sia sociale che sanitario, favorendo il benessere e l autonomia dell utente. L operatore socio sanitario svolge la sua attività in collaborazione con gli altri operatori professionali preposti all assistenza sanitaria e a quella sociale, secondo il criterio del lavoro multi-professionale. AREA PROFESSIONALE Servizi socio, sanitari SETTORE ECONOMICO DI APPARTENENZA Codice ATECO: N 85 SANITA E ASSISTENZA SOCIALE PROFILI COLLEGATI COLLEGABILI ALLA FIGURA Sistema di riferimento Sistema classificatorio ISCO Sistema classificatorio ISTAT Sistema informativo EXCELSIOR Sistema classificatorio del MINISTERO DEL LAVORO Repertorio delle professioni ISFOL Denominazione 5133 Assistenti socio-sanitari a domicilio Professioni qualificate nei servizi sanitari Addetti all assistenza personale in istituzioni Addetti all assistenza personale a domicilio Addetti dell'assistenza socio-sanitaria Ausiliario di assistenza per anziani Ausiliario sociosanitario Assistente domiciliare e dei servizi tutelari Assistente sociosanitario con funzioni di sostegno in istituzioni Assistente socio-sanitario Assistente domiciliare Operatore sociale per assistenza (di vario genere) a domicilio Servizi socio-sanitari Assistente domiciliare e dei servizi tutelari

9 UN IT À D I COMPETENZA 1. Promozione benessere psicologico e relazionale della persona (100 ore) 2. Adattamento domestico/ambientale (100 ore) 3. Assistenza alla salute della Persona (100 ore) 4. Cura bisogni primari della Persona (150 ore) C AP ACITÀ (ESSERE IN GR ADO DI) stimolare le capacità espressive e psico-motorie dell assistito attraverso attività ludico-ricreative e favorendo il mantenimento delle abilità residue impostare l adeguata relazione di aiuto, adottando comportamenti in sintonia con i bisogni psicologici e relazionali dell assistito, compreso il sostegno affettivo ed emotivo sostenere processi di socializzazione ed integrazione favorendo la partecipazione attiva ad iniziative in ambito residenziale e non incoraggiare il mantenimento ed il recupero dei rapporto parentali ed amicali rilevare esigenze di allestimento e di riordino degli ambienti di vita e cura dell assistito, individuando soluzioni volte ad assicurarne l adeguatezza, la funzionalità e la personalizzazione applicare le procedure di sanificazione e disinfezione dell ambiente di vita e di cura dell utente applicare protocolli e procedure per la disinfezione, sterilizzazione e decontaminazione degli strumentari e dei presidi sanitari adottare comportamenti idonei alla prevenzione/ riduzione del rischio professionale, ambientale e degli utenti comprendere ed applicare le indicazioni definite dal personale preposto circa l utilizzo di semplici apparecchi medicali e per l aiuto all assunzione dei farmaci riconoscere i parametri vitali dell assistito e percepirne le comuni alterazioni: pallore, sudorazione, ecc. adottare le procedure ed i protocolli previsti per la raccolta e lo stoccaggio dei rifiuti, il trasporto del materiale biologico, sanitario e dei campioni per gli esami diagnostici applicare, secondo i protocolli definiti, tecniche di esecuzione di semplici medicazioni od altre minime prestazioni di carattere sanitario supportare e agevolare l utente nell espletamento delle funzioni primarie, igiene personale, vestizione, mobilità e assunzione dei cibi, in relazione ai diversi gradi di inabilità e di non-autosufficienza - applicare tecniche per la corretta mobilizzazione e per il mantenimento delle capacità motorie dell utente nell espletamento delle funzioni primarie - adottare misure e pratiche adeguate per l assunzione di posture corrette e per la prevenzione di sindromi da immobilizzazione e da allettamento riconoscere le specifiche dietoterapiche per la preparazione dei cibi CONOSCENZE (CONOSCERE) Principali tipologie di utenza e problematiche di servizio Tecniche comunicative e relazionali in rapporto alle diverse condizioni di malattia/disagio e dipendenza, con particolare riferimento alle situazioni di demenza Strumenti informativi per la registrazione e/o trasmissione di dati Tecniche e protocolli di intervento e di primo soccorso Strumenti e tecniche per l alzata, il trasferimento, la deambulazione Strumenti e tecniche per l igiene personale e la vestizione Strumenti e tecniche per l assistenza nell assunzione dei cibi Principali protocolli e piani di assistenza, anche individualizzati, e loro utilizzo Caratteristiche e sintomi rilevanti delle principali patologie fisiche e neurologiche Principi di base della dietoterapia ed igiene degli alimenti Tecniche di igiene e sicurezza negli ambienti di vita e di cura dell assistito Procedure igienico-sanitarie per la composizione e il trasporto della persona in caso di decesso Tecniche e procedure per la sterilizzazione e decontaminazione degli strumentari e dei presidi sanitari Principali riferimenti legislativi e normativi per l attività di cura e di assistenza Principali tecniche di animazione individuale e di gruppo La sicurezza sul lavoro: principi generali, aspetti applicativi, regole e modalità di comportamento

10 MODALITA DI ACCERTAMENTO DELLE COMPETENZE UN ITÀ D I COMPETENZA O GG ETTO D I OSSERVAZIONE Le operazioni di promozione del benessere psicologico e relazionale della persona IN D ICATORI RISULTATO ATTESO MODALITÀ 1. Promozione benessere psicologico e relazionale della persona realizzazione di attività ludico-ricreative attuazione di interventi di stimolo alla partecipazione sociale sostegno e compagnia all assistito assistenza informativa sullo stato di salute psico-fisica dell assistito alla famiglia e ai servizi Relazione d aiuto impostata in sintonia con i bisogni psicologici e relazionali dell assistito 2. Adattamento domestico / ambientale 3. Assistenza alla salute della persona Le operazioni di adattamento domestico e ambientale Le operazioni di assistenza alla salute della persona riordino e pulizia degli ambienti di vita e di cura dell assistito prevenzione/ riduzione dei fattori di rischio disinfezione, sterilizzazione e decontaminazione degli strumentari e dei presidi sanitari esecuzione di misure non invasive di primo soccorso attuazione di procedure e di semplici prestazioni di carattere sanitario rilevazione e segnalazione di dati ed informazioni significative stato di salute dell assistito raccolta, stoccaggio e trasporto di rifiuti e materiale biologico e sanitario Ambienti di vita e di cura dell assistito confortevoli e rispondenti agli standard di igiene, sicurezza ed accessibilità previsti dalle normative vigenti Utente assistito secondo i protocolli definiti e nel rispetto delle indicazioni del personale preposto Prova pratica in situazione 4. Cura bisogni primari della persona Le operazioni di cura dei bisogni primari della persona assistenza in igiene, funzioni fisiologiche e vestizione dell utente supporto alla mobilità dell utente: alzata, mobilizzazione, trasporto e/o deambulazione, accesso ai servizi predisposizione e supporto all assunzione dei cibi prevenzione danni da immobilizzazione ed allettamento Utente assistito in tutte le funzioni primarie nel rispetto dei canoni di riservatezza e in relazione ai diversi gradi di inabilità

11 DURATA DEL CORSO DI OPERATORE SOCIO SANITARIO I corsi devono prevedere una durata di mille ore (450 ore di teoria 100 ore di esercitazioni/stage e 450 ore di tirocinio). Al corso è consentito l accesso a coloro che hanno assolto l obbligo scolastico e compiuto il 17 anno di età. Al corso è altresì consentito l accesso agli operatori socio-assistenziali già in possesso del relativo attestato di qualifica (OSA) il cui percorso formativo avrà la durata di 400 ore (160 ore di teoria 40 ore di esercitazioni e 200 ore di tirocinio). Le 160 ore di teoria dovranno essere così ripartite per unità di competenza: Adattamento domestico / ambientale 40 ore, Assistenza alla salute della persona 40 ore; Cura bisogni primari della persona 80 ore. Sono autorizzati all erogazione dei servizi di formazione le strutture universitarie, anche telematiche, e gli enti accreditati presso la Regione Campania. Riferimenti alle fonti informative e bibliografia: 1. Regione Emilia Romagna; Repertorio delle qualifiche regionali; 2007: 2. Thesaurus Borsa nazionale del lavoro; Repertorio delle Figure professionali della Regione Toscana; Repertorio delle professioni ISFOL; D.L. 12 novembre 2001 n. 402, Disposizioni urgenti in materia di personale sanitario, convertito in Legge 8 gennaio 2002 n Conferenza Stato Regioni del 22 febbraio 2001 n. 1161, Accordo tra Ministro della Sanità, Ministro per la solidarietà sociale, Regioni e Province autonome Trento e Bolzano per individuazione figura e profilo professionale operatore socio-sanitario e ordinamento didattico corsi formazione. 8. Conferenza Stato-Regioni 16 gennaio n. 1604, Accordo tra il Ministro della salute, il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano per la disciplina della formazione complementare in assistenza sanitaria della figura professionale dell Operatore socio-sanitario di cui all articolo 1, comma 8, del decreto-legge 12 novembre 2001, n. 402, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 gennaio 2002, n.1 7. DGR Campania 3956/2001 DGR Campania n. 2843/2003.

12 Allegato B DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROFILO PROFESSIONALE L Operatore socio-sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria, oltre a svolgere tutte le attività tipiche dell Operatore Socio Sanitario (cfr. la descrizione della figura professionale OSS) coadiuva l infermiere o l ostetrica e, in base all organizzazione dell unità funzionale di appartenenza e conformemente alle direttive del responsabile dell assistenza infermieristica od ostetrica o sotto la sua supervisione, è in grado di eseguire la somministrazione, per via naturale, della terapia prescritta, terapia intramuscolare e sottocutanea su specifica pianificazione infermieristica, bagni terapeutici, impacchi medicali e frizioni; la rilevazione e l annotazione di alcuni parametri vitali (frequenza cardiaca, frequenza respiratoria e temperatura) del paziente; raccolta di escrezioni e secrezioni a scopo diagnostico; medicazioni semplici, bendaggi e clisteri; mobilizzazione dei pazienti non autosufficienti per la prevenzione di decubiti e alterazioni cutanee; respirazione artificiale e massaggio cardiaco esterno; cura, lavaggio e preparazione del materiale per la sterilizzazione; pulizia, disinfezione e sterilizzazione delle apparecchiature, delle attrezzature sanitarie e dei dispositivi medici; trasporto del materiale biologico ai fini diagnostici; sorveglianza delle fleboclisi, conformemente alle direttive del responsabile dell assistenza infermieristica od ostetrica o sotto la sua supervisione. AREA PROFESSIONALE Servizi socio, sanitari SETTORE ECONOMICO DI APPARTENENZA Codice ATECO: N 85 SANITA E ASSISTENZA SOCIALE PROFILI COLLEGATI COLLEGABILI ALLA FIGURA Sistema di riferimento Sistema classificatorio ISCO Sistema classificatorio ISTAT Sistema informativo EXCELSIOR Sistema classificatorio del MINISTERO DEL LAVORO Repertorio delle professioni ISFOL Denominazione 5133 Assistenti socio-sanitari a domicilio Professioni qualificate nei servizi sanitari Addetti all assistenza personale in istituzioni Addetti all assistenza personale a domicilio Addetti dell'assistenza socio-sanitaria Ausiliario di assistenza per anziani Ausiliario sociosanitario Assistente domiciliare e dei servizi tutelari Assistente sociosanitario con funzioni di sostegno in istituzioni Assistente socio-sanitario Assistente domiciliare Operatore sociale per assistenza (di vario genere) a domicilio Servizi socio-sanitari Assistente domiciliare e dei servizi tutelari

13 UN IT À D I COMPETENZA 1. Essere in grado di coadiuvare il personale ostetrico-infermieristico nell attività di assistenza sanitaria (30 ore) 2. Essere in grado di effettuare il supporto gestionale, organizzativo e formativo (30 ore) 3. Essere in grado di effettuare l assistenza domestica e alberghiera verso persone con diversi livelli di non autosufficienza psicofisica (40 ore) 4. Essere in grado di fornire assistenza socio sanitaria di base a persone con diversi livelli di non autosufficienza psico-fisica (40 ore) C AP ACITÀ (ESSERE IN GR ADO DI) Applicare metodologie per monitorare lo stato di salute psicofisica dell utente non autosufficiente Applicare procedure di sanificazione, sanitizzazione e sterilizzazione di ambienti, materiali ed apparecchiature Applicare tecniche di somministrazione dei farmaci Applicare tecniche di supporto all utente non autosufficiente nell uso di presidi, ausili e attrezzature Applicare metodi di controllo periodico del decorso della malattia Applicare metodologie di compilazione scheda sanitaria individuale Applicare tecniche di verifica degli interventi socio-sanitari Utilizzare strumenti informatici per la registrazione dei dati relativi agli interventi sanitari Applicare tecniche di animazione con disabili e anziani Applicare tecniche di sostegno all integrazione sociale per utenti non autosufficienti Applicare tecniche di preparazione dei cibi Applicare tecniche di supporto all utente non autosufficiente nella mobilizzazione, deambulazione e trasporto Applicare tecniche di supporto alla vestizione e cura nell abbigliamento dell utente non autosufficiente Applicare tecniche di supporto al movimento dell utente non autosufficiente Applicare tecniche di supporto all assunzione dei pasti per utenti non autosufficienti Applicare tecniche di supporto all espletamento delle funzioni fisiologiche dell utente non autosufficiente Applicare tecniche di supporto all igiene personale dell utente non autosufficiente Applicare metodologie per monitorare lo stato di salute psicofisica dell utente non autosufficiente Applicare modalità di comunicazione partecipata con l utente non autosufficiente Applicare procedure igienico-sanitarie per trasporto e composizione della salma Applicare procedure per supportare la corretta assunzione dei farmaci prescritti CONOSCENZE (CONOSCERE) Elementi di igiene applicata Elementi di patologia Elementi di rischio delle più comuni sindromi da prolungato allettamento e immobilizzazione Elementi di scienze infermieristiche ostetrico-ginecologiche Elementi di sterilizzazione Procedure medico-sanitarie utilizzate nell assistenza sanitaria di base all utente Processi di assistenza infermieristica rivolti a persone malate/disabili Tecniche per l approccio di lavoro con malati terminali Elementi di organizzazione dei servizi socio-sanitari Metodologie di valutazione interventi in area socio-assistenziale Procedure medico-sanitarie utilizzate nell assistenza sanitaria di base all utente Processi di assistenza infermieristica rivolti a persone malate/disabili Tecniche di gestione della relazione di aiuto Educazione sanitaria Elementi di assistenza socio-educativa, con particolare riferimento a standard di servizio privati Educazione alimentare Elementi di dietoterapia Elementi di gestione delle capacità residue Processi di assistenza infermieristica rivolti a persone malate/disabili Tecniche di riabilitazione Elementi di igiene personale Elementi di anatomia e fisiologia del movimento Elementi di anatomia umana Elementi di etica nei servizi alla persona Elementi di igiene applicata Elementi di patologia 5.Essere in grado di garantire le condizioni di igiene e sicurezza degli ambienti domestici e di cura (30 ore) Applicare tecniche di rilevazione dei bisogni psico-fisici di utenti non autosufficienti Applicare tecniche di supporto al movimento dell utente non autosufficiente Applicare tecniche di supporto all utente non autosufficiente nel mantenimento capacità residue e di recupero funzionale Applicare tecniche di supporto all utente non autosufficiente nella mobilizzazione, deambulazione e trasporto Applicare procedure di sicurezza in ambienti domestici Applicare tecniche di igienizzazione degli ambienti Applicare tecniche di pulizia degli ambienti Applicare tecniche per l igienizzazione della biancheria dell utente Elementi di rischio delle più comuni sindromi da prolungato allettamento e immobilizzazione Tecniche di gestione della relazione di aiuto Elementi di igiene ambientale Elementi di igiene personale Elementi di sterilizzazione Igiene e sanità pubblica Sicurezza e prevenzione negli ambienti domestici

14 MODALITA DI ACCERTAMENTO DELLE COMPTENZE UN ITÀ D I COMPETENZA O GG ETTO D I OSSERVAZIONE IN D ICATORI risultato MODALITÀ 1. Essere in grado di coadiuvare il personale ostetrico-infermieristico nell attività di assistenza sanitaria 2. Essere in grado di effettuare il supporto gestionale, organizzativo e formativo Le operazioni di coadiuvare il personale ostetrico-infermieristico nell attività di assistenza sanitaria Le operazioni di supporto gestionale, organizzativo e formativo - Eseguire la somministrazione, per via naturale, della terapia prescritta, conformemente alle direttive del responsabile dell assistenza infermieristica od ostetrica o sotto la sua supervisione - Eseguire la terapia intramuscolare e sottocutanea su specifica pianificazione infermieristica, conformemente alle direttive del responsabile dell assistenza infermieristica od ostetrica o sotto la sua supervisione - Eseguire i bagni terapeutici, impacchi medicali e frizioni - Eseguire la rilevazione e l annotazione di alcuni parametri vitali (frequenza cardiaca, frequenza respiratoria e temperatura) del paziente - Eseguire la raccolta di escrezioni e secrezioni a scopo diagnostico - Eseguire le medicazioni semplici e bendaggi - Eseguire i clisteri - Eseguire la mobilizzazione dei pazienti non autosufficienti per la prevenzione di decubiti e alterazioni cutanee - Eseguire la respirazione artificiale ed il massaggio cardiaco esterno - Eseguire la cura e il lavaggio e preparazione del materiale per la sterilizzazione - Eseguire la pulizia, disinfezione e sterilizzazione delle apparecchiature, delle attrezzature sanitarie e dei dispositivi medici - Eseguire il trasporto del materiale biologico ai fini diagnostici - Eseguire la sorveglianza delle fleboclisi, conformemente alle direttive del responsabile dell assistenza infermieristica-ostetrica o sotto la sua supervisione Sintonia con il personale ostetricoinfermieristic o nell attività di assistenza sanitaria Utilizzare strumenti informativi di uso comune Utilizzare per la registrazione di quanto rilevato durante il strumenti servizio informativi, - Preparare rapporti sulle attività svolte, sui qualità del progressi del paziente, su eventuali problemi e servizio, analisi sui possibili interventi per dei propri risolverli bisogni - Collaborare alla verifica della qualità del formativi servizio - Partecipare alla formazione di tirocinanti - Collaborare alla definizione dei propri bisogni di formazione e frequentare corsi di aggiornamento Prova pratica in situazione 3. Essere in grado di effettuare l assistenza domestica e alberghiera verso persone con diversi livelli di non autosufficienza psicofisica Le operazioni di assistenza domestica e alberghiera verso persone con diversi livelli di non autosufficienza psicofisica Acquisire informazioni presso la famiglia sulle Utente assistito abitudini e sulle esigenze della persona assistita secondo i - Accompagnare la persona non autosufficiente protocolli fuori casa per commissioni o visite mediche definiti e nel - Occuparsi dei lavori domestici e della cura rispetto delle della persona indicazioni del - Informare la famiglia sullo stato psicofisico dell assistito e sui metodi migliori per aiutarlo personale - Fare da tramite tra il paziente e la sua famiglia preposto e le istituzioni sanitarie o sociali - Promuovere la socializzazione mediante attività di animazione individuali o di gruppo - Collaborare con gli operatori sanitari e sociali

15 4. Essere in grado di fornire assistenza socio sanitaria di base a persone con diversi livelli di non autosufficienza psico-fisica Le operazioni di assistenza socio sanitaria di base a persone con diversi livelli di non autosufficienza psicofisica Attività finalizzate all igiene personale all espletamento delle funzioni fisiologiche, all aiuto nella deambulazione, all apprendimento e mantenimento di posture corrette - Assistenza alla corretta assunzione dei farmaci prescritti - Osservare, riconoscere e riferire alcuni dei più comuni sintomi di allarme che l utente può presentare (pallore, sudorazione...) - Controllare e assistere la somministrazione delle diete - Provvedere al trasporto di utenti, anche allettati, in barella-carrozzella - Interagire con il malato in fase terminale - Collaborare alla composizione della salma e provvedere al suo trasferimento -Utilizzare specifici protocolli per mantenere la sicurezza dell utente Utente assistito in tutti i bisogni correlati ai diversi livelli di non autosufficienza psico-fisica 5.Essere in grado di garantire le condizioni di igiene e sicurezza degli ambienti domestici e di cura Le operazioni di garantire le condizioni di igiene e sicurezza degli ambienti domestici e di cura Curare la pulizia e l igiene degli ambienti di vita e di cura - Collaborare con l utente e la sua famiglia nella pulizia della casa e dell ambiente di vita - Curare l igiene nel cambio della biancheria, nella preparazione e nell aiuto all assunzione dei pasti - Curare la pulizia, la conservazione e la sicurezza degli arredi ed attrezzature utilizzate abitualmente dal paziente Ambiente di vita dell assistito confortevoli e rispondenti agli standard di igiene sicurezza

16 DURATA DEL CORSO DI OPERATORE SOCIO SANITARIO CON FORMAZIONE COMPLEMENTARE I corsi devono prevedere una durata di 400 ore (170 ore di teoria 30 di esercitazioni e 200 di tirocinio) Al corso è consentito l accesso agli operatori socio-sanitari già in possesso del relativo attestato di qualifica (OSS). Sono autorizzati all erogazione dei servizi di formazione le strutture universitarie, anche telematiche, e gli enti accreditati presso la Regione Campania. Riferimenti alle fonti informative e bibliografia: 1. Regione Emilia Romagna; Repertorio delle qualifiche regionali; 2007: 2. Thesaurus Borsa nazionale del lavoro; Repertorio delle Figure professionali della Regione Toscana; Repertorio delle professioni ISFOL; D.L. 12 novembre 2001 n. 402, Disposizioni urgenti in materia di personale sanitario, convertito in Legge 8 gennaio 2002 n Conferenza Stato Regioni del 22 febbraio 2001 n. 1161, Accordo tra Ministro della Sanità, Ministro per la solidarietà sociale, Regioni e Province autonome Trento e Bolzano per individuazione figura e profilo professionale operatore socio-sanitario e ordinamento didattico corsi formazione. 8. Conferenza Stato-Regioni 16 gennaio n. 1604, Accordo tra il Ministro della salute, il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano per la disciplina della formazione complementare in assistenza sanitaria della figura professionale dell Operatore socio-sanitario di cui all articolo 1, comma 8, del decreto-legge 12 novembre 2001, n. 402, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 gennaio 2002, n.1 7. DGR Campania 3956/2001 DGR Campania n. 2843/

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 25 DEL 5 GIUGNO 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 25 DEL 5 GIUGNO 2006 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 25 DEL 5 GIUGNO 2006 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 12 maggio 2006 - Deliberazione N. 593 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Agosto 2004. Pagina 1 di 1

Agosto 2004. Pagina 1 di 1 Progetto per la riorganizzazione dell attività di assistenza infermieristica, ostetrica e di supporto nelle Unità Organizzative del Policlinico S. Orsola-Malpighi Gruppo di lavoro P. Taddia L. Angelini

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE Testo aggiornato al 20 settembre 2013 Decreto ministeriale 26 marzo 2013 Gazzetta Ufficiale 8 agosto 2013, n. 185 Contributo alle spese dovuto dai soggetti pubblici e privati e dalle società scientifiche

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

VISTI gli articoli 4 e 5 della L.R. n. 7/97; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98 e s.m.i.; VISTI gli artt. 4 e 16 del D.Lgs.

VISTI gli articoli 4 e 5 della L.R. n. 7/97; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98 e s.m.i.; VISTI gli artt. 4 e 16 del D.Lgs. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 19 del 05 02 2015 4275 Di notificare il presente provvedimento: Sindaco del Comune di Mola di Bari (BA); Al Sindaco del Comune di Rutigliano (BA); Al Sindaco

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, l 8 luglio 2015, ha approvato, con modificazioni, il seguente disegno di legge, già approvato dalla Camera dei deputati in un testo risultante

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e, in particolare,

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

NORME GENERALI SULL'ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE

NORME GENERALI SULL'ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE 1 1 LEGGE REGIONALE 23 dicembre 2004, n. 29 #LR-ER-2004-29# NORME GENERALI SULL'ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R.

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

CARATTERISTICHE PROGETTO

CARATTERISTICHE PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO 1) Ente proponente il progetto: Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia 2) Codice di accreditamento: NZ00042 3) Albo e classe di iscrizione: Nazionale

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale Da riportare su carta intestata Mod. 1 sez A Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ENTI DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 14 PER

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 "Revisione del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 191, recante attuazione della direttiva 2002/98/CE che stabilisce norme di qualita' e di sicurezza per

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli