SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2013"

Transcript

1 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2013 Titolo progetto CO-ESISTERE Ambito/settore di intervento ASSISTENZA DISABILI Tipologia destinatari DISABILI Giorni /ore di servizio 6 Vitto/Alloggio NO VITTO/ALLOGGIO N. giovani in servizio civile richiesti 6 Sede di attuazione Cooperativa sociale Progetto Uomo Viale Trieste NUORO TEL. 0784/30343-fax 0784/33801 mail: Descrizione del progetto Il presente progetto si realizza nella SAP Coop. Progetto Uomo 2 ed è articolato su diversi servizi: servizio di assistenza domiciliare e scolastica, servizio di animazione domiciliare, supporto alle utenti inserite presso Casa Satta e servizio di mobilità sul territorio. Presso Casa Satta sono accolte massimo 8 donne con disagio mentale, inviate dalla ASL di Nuoro. L obiettivo del servizio è quello di restituire e garantire il diritto alla casa e alla socialità a utenti che possano vivere una vita autonoma anche in piccoli gruppi e ad utenti che non hanno un adeguata supporto dalla rete parentale. Per favorire il reinserimento sociale la SAP attiva sul territorio reti con famiglie, con imprese e cooperative, che possano portare a processi di inclusione sociale e lavorativa correlati ai progetti individualizzati. La socialità rappresenta un aspetto essenziale per favorire l inclusione sociale; a tal fine la SAP offre servizi di supporto che favoriscono la fruizione delle opportunità culturali, artistiche avvalendosi della collaborazione di risorse/associazioni/parrocchie presenti nel territorio. secondo i quali gli interventi sono progettati in funzione della persona e delle sue esigenze/caratteristiche. I PTRP, elaborati dal DSM nell ambito del processo di cura, tengono conto sia dell aspetto socio- sanitario (bisogni dell abitare, della socialità, dell inclusione lavorativa) sia del benessere sociale degli utenti/cittadini, più che della malattia del paziente. Essi quindi sono volti alla valorizzazione delle risorse individuali piuttosto che alla ricerca delle aree problematiche. Casa Satta, per realizzare gli obiettivi dei PTRP collabora costantemente con il DSM, con associazioni di volontariato, sportive, culturali, ricreative, agenzie educative, cooperative, organizzazioni imprenditoriali, parrocchie, cingoli cittadini/volontari del territorio. Accanto alle attività di supporto all autonomia sono quindi particolarmente rilevanti ai fini del progetto le attività svolte all esterno, insieme a tutti gli attori locali sopra citati; le utenti sono supportate nella fruizione delle opportunità culturali, nella partecipazione a laboratori di espressività/creatività, a iniziative sportive presso palestre o all aperto, a feste, a manifestazioni religiose, a manifestazioni folkloristiche e a tutte le opportunità offerte dal territorio. Per favorire il recupero delle abilità individuali e la valorizzazione delle autonomie di ognuna, le utenti sono coadiuvate nella gestione delle piccole spese quotidiane, nel disbrigo delle pratiche sul territorio (pagamenti, commissioni presso uffici pubblici ), negli spostamenti in città (anche con l utilizzo dei mezzi pubblici). SERVIZIO DI MOBILITA SUL TERRITORIO

2 Il servizio mobilità garantisce la mobilità nel territorio delle persone con disabilità, anche temporanea, e delle persone anziane. Il servizio è di tipo misto, cioè alcune attività sono svolte in convenzione con il Comune di Nuoro, altre con la ASL n. 3 di Nuoro, altre ancora infine su richiesta individuale degli utenti interessati. Gli utenti possono fruire del servizio tutti i giorni, compresi i festivi e la domenica, dalle ore 7.00 alle e, a seconda delle esigenze individuali, anche oltre tale orario. È importante evidenziare come il servizio sia sempre più richiesto per partecipare ad eventi ed attività culturali, spettacoli musicali, teatrali e folkloristici e come venga richiesto anche dai Comuni del circondario. Si tratta, infatti, dell unico servizio presente nel territorio, è erogato in modo flessibile e dotato di n. 7 mezzi omologati per il trasporto di persone con disabilità e di tutti gli ausili necessari per gli spostamenti nel territorio cittadino. Il coordinatore del servizio riceve le richieste del servizio di mobilità, espresse dal Comune, dalla ASL o privatamente dagli utenti ed elabora i piani di intervento individuali e programma settimanalmente il servizio, i turni del personale, il numero degli interventi Il servizio deve essere flessibile, per cui si prevede sempre la possibilità che possano essere apportate delle modifiche giornaliere alla programmazione per venire incontro alle esigenze degli utenti. Le segnalazioni provenienti dagli utenti per trasporti non programmati sono ricevute dalla centrale di coordinamento, inserite nel programma giornaliero con il visto del coordinatore. La domanda proviene da tutti coloro che necessitano di un servizio di trasporto dedicato, spesso con mezzi dotati di speciali ausili (pedana idraulica ) per recarsi presso presidi sanitari, luoghi di lavoro, per poter frequentare le scuole cittadine, per partecipare alle occasioni di socializzazione offerte dal territorio. Il servizio così organizzato consente di fruire con meno restrizioni delle opportunità formative e lavorative offerte dal territorio oltre che di partecipare a tutte le attività ludico-ricreative e culturali. Negli ultimi anni si è registrata una variazione nel profilo dei bisogni dell utenza che fruisce del servizio di mobilità: infatti sono sempre più gli utenti (circa il 30% del totale) con gravi limitazioni che necessitano del supporto sia dell autista che di un accompagnatore aggiuntivo per la fruizione dei servizi territoriali e delle vari opportunità cittadine SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E SCOLASTICA Il servizio di assistenza domiciliare presente nella città di Nuoro è gestito dalla SAP in convenzione con il Comune di Nuoro; le famiglie interessate inoltrano la domanda al Comune di Nuoro: l assistente sociale del Comune, insieme ai coordinatori del servizio interni alla SAP, valuta il bisogno e determina il numero delle ore di servizio e le attività da svolgere mensilmente a favore dell utente. Segue così un incarico formale per l attivazione del servizio a favore della cooperativa: a questo punto l assistente sociale coordinatore individua l operatore o gli operatori in possesso di qualifica (operatori socio-sanitari) più adatti per seguire il caso e elaborano il piano di assistenza individualizzato nel quale si descrivono le condizioni in ingresso dell utente, si stabiliscono obiettivi di mantenimento e, laddove possibile,di miglioramento, e periodicamente si annotano i risultati conseguiti o i cambiamenti intervenuti. Il servizio di assistenza domiciliare è rivolto alle persone non autosufficienti e ha l obiettivo di alleviare le sofferenze familiari che nascono dai problemi causati da carichi di cura difficilmente sostenibili oltre il breve periodo. Il servizio è rivolto a persone con disabilità temporanee o permanenti, persone anziane con problemi di non autosufficienza fisica o psichica, a persone affette da malattie croniche che necessitano di cure e supporto sociale permanente. Le prestazioni previste dal servizio sono di seguito elencate: - valutazione del bisogno e predisposizione del piano di intervento; - pulizia e cura dell abitazione, igiene personale; - preparazione e somministrazione dei pasti; - supporto psicologico; - contatti con il medico di base e collegamento con il servizio infermieristico e riabilitativo domiciliare garantito dalla ASL; - disbrigo pratiche e commissioni.

3 Per una migliore gestione e valutazione del servizio la SAP si avvale di un software denominato Atlante, uno strumento di valutazione multidimensionale utile per la stesura dei piani individualizzati, il monitoraggio circa le attività svolte e il grado di raggiungimento degli obiettivi prefissati. Attività complementare a quella assistenziale in senso stretto è rappresentata dal disbrigo di pratiche si segretariato sociale a cura dell assistente sociale interno alla SAP o degli operatori: l età avanzata o lo stato di disabilità spesso comportano una difficoltà nel reperire le informazioni sui servizi presenti nel territorio, nell accedere agli stessi e nel conoscere la normativa di settore o le novità che li riguardano. Il servizio di segretariato sociale offre un supporto importante nel disbrigo di pratiche, nel fornire informazioni e consente agli utenti di essere sostenuti nelle difficoltà che spesso comporta la burocrazia. Le pratiche più frequenti riguardano: richieste di ausili e dispositivi sanitari presso la ASL pratiche pensionistiche prenotazione visite specialistiche fruizione di servizi territoriali informazione e consulenza per eliminazione di barriere architettoniche: alla domotica è oggi riconosciuta ampia importanza anche dagli Enti Locali che consentono a chi ha una disabilità di richiedere ausili specifici o l abbattimento delle barriere architettoniche dentro casa (es. presenza di sollevatori, servoscala, interruttori e prese elettriche ad altezza di carrozzina ) o nei luoghi di lavoro. Gli interessati, in occasione di periodici bandi pubblici, possono presentare progetti personalizzati e la SAP Coop Progetto Uomo 2, nell ambito del segretariato sociale, offre un qualificato servizio di assistenza nella valutazione del bisogno, individuazione delle opportunità e presentazione dei progetti di adattamento. Da alcuni anni, nell ambito del servizio di assistenza domiciliare la SAP ha inserito tra le prestazioni erogate un servizio di sostegno relazionale e di animazione fruito da circa utenti (si tengono vivi i contatti con i familiari e gli amici, si partecipa ad occasioni di incontro e svago realizzate nel territorio, si vedono film, si leggono libri, riviste e quotidiani a domicilio, si gioca a carte ) che in genere hanno, rispetto agli altri, un maggior grado di autosufficienza. Il servizio è curato dall animatore e da alcuni operatori socio sanitari ed educatori. Il servizio si svolge su richiesta delle famiglie e sulla base di una valutazione dell assistete sociale coordinatore e dell animatore e nasce per consentire agli utenti la possibilità di fruire delle occasioni di socializzazione del territorio, di partecipare a laboratori di creatività ed espressività, di partecipare a gite ed escursioni. Principalmente questo servizio è fruito nel periodo estivo, perché si tratta di una stagione durante la quale il bisogno di relazione e sostegno cresce. Così, durante la bella stagione, si organizzano uscite al mare, al Monte Ortobene, gite ai santuari presenti nei territori limitrofi. Nel periodo invernale i servizi sono differenti: si svolge animazione a domicilio (visione di film, partite a carta, chiacchierate, lettura di libri e giornali, attività grafico-pittoriche, attività di manipolazione ed espressive, recupero di ricette tradizionali sarde...) o sul territorio (gli utenti sono accompagnati in chiesa, in cimitero, alle feste folkloristiche, in biblioteca, al circolo bocciofilo, al bowling, al museo, o semplicemente a fare passeggiate. Esistono collaborazioni stabili con la GTN di Deiana & C. snc di Nuoro (che gestisce la piscina comunale di Nuoro) la quale mette a disposizione la struttura a favore degli utenti disabili del servizio di assistenza domiciliare che possono così svolgere l attività di nuoto con il supporto di operatori specializzati. Nel corso dell anno si realizzano progetti articolati, della durata di diversi mesi, per l allestimento di spettacoli teatrali o musicali aperti al pubblico, nei quali gli utenti portatori di handicap ricoprono ruoli da protagonisti ed esprimono tutte le loro abilità relazionali. Il laboratorio teatrale e l allestimento di spettacoli favorisce anche lo sviluppo del senso di gruppo e valorizza le abilità residue soprattutto dei disabili gravi. Attività Funzionamento del servizio di assistenza scolastica Il servizio di assistenza scolastica è l unico erogato nella città di Nuoro a favore degli utenti in età scolare; gli utenti che fruiscono del servizio

4 nell anno scolastico 2011/2012 sono complessivamente 31 nelle scuole dell infanzia, primarie e medie inferiori. Gli alunni disabili che fruiscono del servizio frequentanti gli istituti di istruzione superiore sono 42. È necessario operare una distinzione tra il servizio erogato a favore dei disabili che frequentano le scuole comunali (scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola media inferiore) e quello erogato presso le scuole superiori in convenzione con l Amministrazione Provinciale. In entrambi i casi il servizio si pone l obiettivo di tutelare i soggetti più deboli garantendone la scolarizzazione in un ottica di accesso alle opportunità, ma nel primo caso il servizio è di tipo prettamente assistenziale e prevede la presenza di personale specializzato (operatori OSS e/o ADEST), è coordinato dall Assistente Sociale della SAP, la quale, assieme all Assistente Sociale del Comune di Nuoro valuta il bisogno e predispone il piano di intervento individualizzato sul quale si stabiliscono obiettivi di mantenimento e miglioramento e si annotano i fatti salienti e i miglioramenti intervenuti nel periodo. Le famiglie e le scuole locali si rivolgono, per l attivazione del servizio, al Comune di Nuoro, il quale gestisce le liste d attesa. L operatore OSS e/o ADEST coadiuva l alunno negli spostamenti all interno dell istituto, duranti i pasti e nel corso della giornata favorendo lo scambio e la relazione con la classe, accompagna l utente alle gite di istruzione e durante le uscite nel territorio consentendo che si realizzi la piena partecipazione a tutte le attività. Questo servizio è attualmente rivolto a 31 minori in età scolare ed è finalizzato a garantire ai fruitori la possibilità di frequentare la scuola ed inserirsi nel gruppo dei pari. Nel secondo caso (convenzione con l Amministrazione Provinciale) il servizio erogato è di due tipi, sia assistenziale che educativo, per cui ci si avvale di personale differente (OSS o educatori professionali) seconda dei casi. Gli utenti frequentanti le scuole superiori sono 42 ripartiti su 13 istituti scolastici. Le prestazioni erogate sono differenti e possono comprendere: - accompagnamento a scuola - supporto nel corso della mattinata (l utente è accompagnato al bagno, è supportato in classe nella relazione con compagni e insegnanti.) - accompagnamento in occasione di uscite, brevi escursioni, gite Obiettivi del progetto Servizio : Casa Satta Destinatari : 8 donne sofferenti mentali ospiti della SAP Beneficiari: familiari delle utenti seguite dalla SAP; ASL di Nuoro (ente inviante). Garantire la fruizione delle occasioni culturali, sportive e di socializzazione offerte dal territorio Favorire il superamento delle difficoltà del vivere quotidiano derivanti dallo stato di disabilità Valorizzare le abilità residue e le risorse individuali. Servizio: mobilità sul territorio Consentire alle persone anziane e disabili o con ridotta mobilità temporanea di avere accesso a tutte le occasioni (di lavoro, sanitarie, ludiche ) offerte dal territorio - Potenziare l animazione domiciliare realizzata dalla SAP Coop. Progetto Uomo 2, garantendo agli utenti un servizio il più possibile flessibile - Sostenere gli anziani, i disabili e le loro famiglie nella cura della persona e degli ambienti di vita, della socialità, delle relazioni.

5 Servizio di assistenza domiciliare e scolastica Favorire il superamento di difficoltà derivanti dallo stato di disabilità attraverso la valorizzazione delle risorse individuali presenti - Intensificare le relazioni interpersonali e realizzazione di interventi integrativi, che abbiano finalità rieducative e di aggregazione attraverso la realizzazione di progetti specifici e lo svolgimento di attività di animazione Superare le difficoltà di accesso a servizi e informazioni attraverso il disbrigo di pratiche di segretariato sociale (pagamento bollette, accesso ai presidi sanitari ) Potenziare le abilità residue e favorire la socializzazione dei minori disabili frequentanti la scuola B) Intensificare le relazioni interpersonali e l integrazione col gruppo classe Ruolo dei giovani in servizio civile Si prevede l inserimento di n. 6 volontari così ripartiti: n. 3 volontari sul servizio di mobilità sul territorio n. 1 volontario presso il servizio di supporto alle utenti inserite in Casa Satta n. 2 volontari per il servizio di assistenza domiciliare e scolastica CASA SATTA OBIETTIVO SPECIFICO: Garantire la fruizione delle occasioni culturali, sportive e di socializzazione offerte dal territorio - Supportare l equipe educativa nel monitoraggio delle opportunità di svago offerte dal territorio, attraverso la lettura dei quotidiani, la consultazione di siti internet di enti e organizzazioni locali e con il contatto diverso con diverse associazioni/istituzioni/ organizzazioni presenti nel territorio - Supportare l equipe nell individuazione delle opportunità più interessanti ed per le utenti - Supporto all equipe nella programmazione periodica delle attività da svolgere all interno e all esterno della SAP - supportare gli operatori nelle attività svolte all interno della SAP: realizzazione di attività espressive all interno della SAP anche col coinvolgimento di organismi esterni (laboratori teatrali, di espressività ) - Supportare gli operatori nelle attività svolte all esterno della SAP: accompagnamento delle utenti sul territorio per passeggiate, brevi escursioni, partecipazione a feste, manifestazioni pubbliche, al cinema, a teatro, al museo, celebrazioni religiose e per la fruizione di tutte le opportunità culturali, sociali, sportive, folkloristiche offerte dal territorio e ritenute valide. - Accompagnare le utenti all esterno per la partecipazione a laboratori di vario tipo (di espressività, artistici o altro) organizzati dalla SAP o da altre organizzazioni/istituzioni - Accompagnare le utenti presso la Biblioteca Comunale di Nuoro per la programmazione e realizzazione dei laboratori di animazione alla lettura insieme agli operatori del copromotore Consorzio Pubblica Lettura S Satta OBIETTIVO: Favorire il superamento delle difficoltà del vivere quotidiano derivanti dallo stato di disabilità e valorizzare le abilità residue e le risorse individuali - Supportare l equipe educativa nella programmazione periodica delle attività da svolgere all esterno della SAP - Partecipare alle attività di supervisione del servizio - Supportare l equipe e all utente nel disbrigo di pratiche di segretariato sociale Accompagnare le utenti all esterno della SAP nell ambito del percorso di recupero di autonomie personali (conoscenza del territorio e dei principali servizi presenti es. edicola, supermercato, bar ), nella gestione delle piccole spese quotidiane, nell utilizzo e fruizione dei servizi territoriali (mezzi pubblici, uffici pubblici. SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E SCOLASTICA OBIETTIVO: Sostenere gli anziani, i disabili e le loro famiglie nella cura della persona e degli ambienti di vita, della socialità, delle relazioni - Collaborare nelle attività organizzative (contattare gli operatori per l organizzazione degli incontri di coordinamento, archiviazione dei documenti inerenti l utenza, archiviazione dei dati con l utilizzo del software di valutazione del servizio, somministrazione di questionari.) e di gestione quotidiana dei servizi (compagnia a favore degli utenti adulti e minori disabili, accompagnamento sul

6 territorio per consentire agli utenti interessati la partecipazione alle iniziative territoriali, accompagnamento a eventuali gite e escursioni.) - Collaborare, se in possesso di idoneo titolo di studio, nella programmazione degli interventi, nella pianificazione del lavoro degli assistenti domiciliari e dei servizi tutelari, nella verifica dei casi, - Affiancare gli operatori nella predisposizione e utilizzo degli strumenti utilizzati dagli operatori nel lavoro quotidiano (compilazione e diffusione, se necessaria di diari, modulistica, verbali ) - Accompagnare gli utenti sul territorio per la fruizione di servizi di diverso tipo (presso presidi sanitari, uffici pubblici,scuole ) OBIETTIVO SPECIFICO: Favorire il superamento di difficoltà derivanti dallo stato di disabilità Valorizzare le risorse individuali presenti Intensificare le relazioni interpersonali attraverso le attività di animazione - promuovere il servizio di animazione presso gli utenti del servizio di assistenza domiciliare - accompagnare gli utenti sul territorio di appartenenza per partecipare alle iniziative culturali, celebrazioni religiose, feste folkloristiche, per andare in chiesa, in cimitero, in biblioteca - partecipare alle attività di animazione a domicilio dell utente (conversazione, partite a carte, lettura di brani, ascolto della musica, recupero ricette, attività di manipolazione ) - Accompagnare, insieme agli operatori, gli utenti al bowling per trascorrere serate piacevoli e partecipare a mini tornei - Accompagnare, insieme agli operatori, gli utenti disabili presso la piscina comunale o altre strutture sportive cittadine, per consentire loro di partecipare ai percorsi di nuoto individualizzati - Offrire supporto nella programmazione, preparazione e realizzazione dello spettacolo teatrale /musicale allestito con gli utenti del servizio di animazione. - Partecipare, insieme all animatore e agli operatori della Pasticceria L Arte del Dolce di Scanu Stefano copromotore del progetto ai laboratori di pasticceria e alla organizzazione delle due feste successive, rivolte alle famiglie (i volontari saranno un importante supporto per aiutare gli utenti nella manipolazione degli alimenti, nel recupero di antichi saperi, nella preparazione dei dolci e nel coinvolgimento attivo delle famiglie) - Accompagnare degli utenti presso la Biblioteca Comunale di Nuoro per la programmazione e realizzazione dei laboratori di animazione alla lettura insieme agli operatori del copromotore Consorzio Pubblica Lettura S Satta - partecipare all organizzazione dei laboratori di espressività creatività insieme al MAN: i laboratori saranno organizzati in orario pomeridiano e i volontari ne promuoveranno la partecipazione presso gli utenti, collaboreranno con gli operatori del MAN e con l animatore per favorire lo svolgimento delle attività manuali ed espressive, supporteranno gli utenti che riscontreranno le maggiori difficoltà OBIETTIVO SPECIFICO Superare le difficoltà di accesso alle informazioni e ai servizi attraverso il disbrigo di pratiche di segretariato sociale - Collaborare nelle attività organizzative (contattare gli operatori per l organizzazione degli incontri di coordinamento, archiviazione dei documenti inerenti l utenza, archiviazione dei dati con l utilizzo del software di valutazione del servizio, somministrazione di questionari.) e di gestione quotidiana dei servizi (accompagnamento sul territorio per consentire agli utenti interessati, laddove possibile, il disbrigo di pratiche burocratiche presso gli uffici competenti) - Supportare gli operatori nella evasione delle pratiche avviate - Erogare consulenza agli utenti e loro famiglie per favorire l eliminazione delle barriere architettoniche (raccolta richieste, analisi delle situazioni, individuazione insieme all assistente sociale della normativa di riferimento e erogazione della consulenza) e per l adeguamento strutturale delle loro abitazioni e dei luoghi di lavoro (progetti di domotica) OBIETTIVO SPECIFICO Potenziare le abilità residue e favorire la socializzazione dei minori disabili frequentanti la scuola - Collaborare nelle attività organizzative (contattare gli operatori per l organizzazione degli incontri di coordinamento, archiviazione dei documenti inerenti l utenza, archiviazione dei dati con l utilizzo del software di valutazione del servizio, somministrazione di questionari.) - Collaborare, previa indicazione dell assistente sociale responsabile, nella programmazione degli interventi, nella pianificazione del lavoro degli assistenti domiciliari e dei servizi tutelari, nella verifica dei casi - Affiancare nella predisposizione e utilizzo degli strumenti utilizzati dagli operatori nel lavoro quotidiano (compilazione e diffusione, se necessaria di diari, modulistica, verbali )

7 - Raccordarsi col servizio mobilità per l accompagnamento degli utenti più bisognosi presso le scuole cui sono destinati SERVIZIO DI MOBILITA SUL TERRITORIO OBIETTIVO SPECIFICO Potenziare il servizio di animazione domiciliare garantendo agli utenti la massima mobilità sul territorio - Supporto nelle attività di trasporto e accompagnamento rivolte agli utenti del servizio di animazione domiciliare e territoriale per consentire la partecipazione a funzioni religiose, occasioni ricreative, manifestazioni. - Aiuto nei momenti di trasporto (scendere e salire dal mezzo), sollevare e sistemare le carrozzelle con apposite attrezzature OBIETTIVO SPECIFICO Consentire alle persone anziane e disabili o con ridotta mobilità temporanea di avere accesso a tutte le occasioni offerte dal territorio - Supporto nelle attività di trasporto e accompagnamento rivolte ai disabili che fruiscono del servizio (affiancamento all autista accompagnatore) - Aiuto nei momenti di trasporto (scendere e salire dal mezzo), sollevare e sistemare le carrozzelle con apposite attrezzature - Gestione dei contatti con gli utenti inerenti le richieste del servizio che pervengono alla centrale di coordinamento - Affiancamento nella programmazione delle attività giornaliere (definizione delle priorità, urgenze, interventi abituali) Collaborazione nella predisposizione e utilizzo degli strumenti utilizzati dagli operatori nel lavoro quotidiano (predisposizione e compilazione modulistica qualità, verbali di coordinamento ) Obblighi per i giovani durante il servizio Requisiti aggiuntivi per i giovani canditati Tirocini/ crediti formativi riconosciuti Competenze e professionalità acquisibili durante il servizio civile e certificabili ai fini c.v. Per ulteriori informazioni Nell ambito del progetto sono previsti i seguenti obblighi particolari: - Rispetto del regolamento interno - Flessibilità oraria e rispetto ai giorni lavorativi - Disponibilità a operare anche nei giorni festivi - Disponibilità a spostarsi sul territorio per accompagnare gli utenti e favorire la loro partecipazione a iniziative di tipo culturale e sportivo, di socializzazione, di animazione - Disponibilità a spostarsi nel territorio per la promozione e l organizzazione di attività di animazione e socializzazione a favore degli utenti delle SAP Per la partecipazione al progetto,si richiede il possesso del diploma di scuola media superiore. È preferibile il possesso della laurea a indirizzo umanistico-educativo, la laurea in scienze sociali o laurea in scienze dell educazione Nessuno Competenze relazionali, organizzative e professionali rispetto ai servizi svolti. Le competenze acquisite saranno certificate dal Consorzio Sol.Co. Nuoro e dalla cooperativa sociale Lariso di Nuoro Consorzio Sol.co. Nuoro Piazza Mameli, 32 Nuoro Dove presentare la domanda:

8 Consorzio Sol.co. Nuoro Piazza Mameli, Nuoro tel. 0784/ profilo facebook SolCo Nuoro, sito Web [per avere informazioni potete contattare Grazietta Ganga)

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PRESENTAZIONE E OBIETTIVI Il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) è un servizio di aiuto a carattere professionale realizzato presso il domicilio delle

Dettagli

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO DISABILI

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: BANDO ALL INDIFFERENZA SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A01 Anziani, A06 Disabili ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI

Dettagli

CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU

CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU (Estratto dalla CARTA DEI SERVIZI RESIDENZIALI approvata dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 69 del 29/09/2010, esecutiva ai sensi di legge) CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU FINALITA ED

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: COMUNE DI CARBONE (PZ) Titolo del progetto: SEMPRE MENO SOLI 6) Descrizione del contesto territoriale

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

COMUNE DI CHIARAVALLE Provincia di Ancona

COMUNE DI CHIARAVALLE Provincia di Ancona COMUNE DI CHIARAVALLE Provincia di Ancona Centro socio-educativo riabilitativo diurno per disabili Arcobaleno PREFAZIONE La Carta dei Servizi del Centro socio-educativo riabilitativo diurno per disabili

Dettagli

Articolo 4 Oggetto Sociale

Articolo 4 Oggetto Sociale Articolo 4 Oggetto Sociale La Cooperativa, con riferimento ai requisiti e agli interessi dei soci, ha per oggetto: 1. Istituire o gestire comunità alloggio, a carattere residenziale o semiresidenziale,

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Nuove abilità 2014 (Palermo) Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari N. giovani in servizio civile richiesti

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

Un anno per il sociale in provincia di Lecco 2012

Un anno per il sociale in provincia di Lecco 2012 Scheda progetto Un anno per il sociale in provincia di Lecco 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE Ente: COOPERATIVA SOCIALE VILLA MARIA Indirizzo: PIAZZA S. MARTINO - LENZIMA DI ISERA 2 - ISERA Recapito telefonico: 0464 387801 Indirizzo e-.mail: segreteria@coopvillamaria.org

Dettagli

SCHEDA SINTETICA DEL SERVIZIO SOLLIEVO LISTA D ATTESA DISABILI-

SCHEDA SINTETICA DEL SERVIZIO SOLLIEVO LISTA D ATTESA DISABILI- SCHEDA SINTETICA DEL SERVIZIO SOLLIEVO LISTA D ATTESA DISABILI- Nome Ente COOPERATIVA SOCIALE SOCIO SANITARIA FUTURA ONLUS Servizio SOLLIEVO LISTE DI ATTESA DISABILI- Municipio X- Sede legale: Via Marino

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

Si riportano nel dettaglio i compiti assegnati ai volontari in servizio civile nel presente progetto

Si riportano nel dettaglio i compiti assegnati ai volontari in servizio civile nel presente progetto UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 205 Titolo progetto Non siamo così soli Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari ANZIANI Giorni /ore di 5 giorni per 30 ore Vitto/Alloggio

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI CARTA DEI SERVIZI SOCIALI (ai sensi della L. n. 328/2000 e della L. R. n. 4/2007) Centro Diurno e Sostegno Educativo Domiciliare Aggiornata al Gennaio 2015 Consorzio C.S. Potenza CONFCOOPERATIVE FEDERSOLIDARIETA

Dettagli

DISCIPLINARE PER L ACCREDITAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

DISCIPLINARE PER L ACCREDITAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISCIPLINARE PER L ACCREDITAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE - SAD - Servizio di assistenza domiciliare - ADH - Servizio educativo domiciliare disabili - SED - Servizio educativo minori Art.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: TI STO ASPETTANDO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori, A01 Anziani, A06 Disabili OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE DISTRETTO SOCIO SANITARIO APRILIA/CISTERNA REGOLAMENTO CASA FAMIGLIA PER DISABILI LA CASA DEI LILLA Allegato alla delibera di CC n.33 dell

Dettagli

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l.

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. onlus IL PUNTO DI PARTENZA Società Cooperativa sociale a.r.l. ONLUS

Dettagli

TITOLO PROGETTO ABBRACCI

TITOLO PROGETTO ABBRACCI CASA FAMIGLIA S. OMOBONO Fondazione ONLUS Sede legale: Via Ippocastani, 14 26100 CREMONA. Tel. 0372 25500; Fax 0372 568390; e-mail: casa famiglia@fastpiu.it CASA FAMIGLIA S. OMOBONO Fondazione ONLUS Via

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N 109 DEL 11/12/14 1 INDICE ART. 1 DEFINIZIONE.. ART. 2 OBIETTIVI

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007 Titolo progetto Attività Integrative all Assistenza Domiciliare Integrata Tipologia destinatari A06 Disabili Giorni /ore di servizio 5 giorni

Dettagli

Allegato B Strutture soggette a Dich. Inizio Attività (regol. di cui alla L.R. 11/2007 del C.S.S. Alta Irpinia)

Allegato B Strutture soggette a Dich. Inizio Attività (regol. di cui alla L.R. 11/2007 del C.S.S. Alta Irpinia) DENOMINAZIONE SERVIZIO 01 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CON SERVIZI SANITARI Il servizio di assistenza domiciliare integrata consiste in interventi da fornire ai cittadini al fine di favorire la permanenza

Dettagli

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli.

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli. Carta dei Servizi AREA ANZIANI E NON AUTOSUFFICIENTI L area comprende i seguenti servizi 1. Servizio di assistenza Domiciliare (SAD) 2. Centro aggregazione anziani 3. Comunità alloggio Il presente documento

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO voce 4 - TITOLO DEL PROGETTO:Unicità della persona nel sociale voce 5 - SETTORE e Area di Intervento: Assistenza: A1 - Anziani voce 7 - OBIETTIVI DEL PROGETTO:

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Istituto Figlie della Misericordia e della Croce L'Istituto delle Figlie della Misericordia

Dettagli

AREA PERSONE DIVERSAMENTE ABILI

AREA PERSONE DIVERSAMENTE ABILI IV.5. AREA PERSONE DIVERSAMENTE ABILI IV.5.1. Analisi dei problemi e definizione degli obiettivi Problemi e fabbisogni dell Ambito Costa sud 2 nell area Disabilità : Bisogno di supporto per le famiglie

Dettagli

COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI

COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI Nell ambito delle azioni previste dalla Legge 328/2000, volte ad assicurare l esistenza

Dettagli

MODELLO DI CONVENZIONE

MODELLO DI CONVENZIONE MODELLO DI CONVENZIONE In applicazione del Piano Sanitario Regionale 2003/2006 Un alleanza per la salute (D.A. n. 97 del 30.06.2003) e dell atto di indirizzo concernente Sistema dei servizi per gli anziani

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari N. giovani in servizio civile richiesti Descrizione

Dettagli

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci.

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci. BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO IL MIO SPAZIO SETTORE D INTERVENTO AREA D INTERVENTO OBIETTIVO GENERALE OBIETTIVI SPECIFICI ASSISTENZA MINORI Il progetto qui presentato ha l obiettivo generale di alleviare

Dettagli

CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.)

CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.) CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.) CENNI STORICI Il CSE (Centro Socio Educativo) di Piario, ora CDD (Centro Diurno per persone con Disabilità) è stato aperto nel 1982 su iniziativa degli

Dettagli

SCHEDA SINTETICA: progetto centro socio ricreativo per disabili

SCHEDA SINTETICA: progetto centro socio ricreativo per disabili SCHEDA SINTETICA: progetto centro socio ricreativo per disabili Comuni coinvolti: Casteldaccia (sede del Centro) Altavilla Milicia Ficarazzi Destinatari:Le attività del centro sono rese nei confronti di

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: OREFO 10 SETTORE e Area di Intervento: ASSISTENZA DISABILI COD.A06 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI Il progetto intende favorire

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto NO-E (ALESSANDRIA1) Ambito/settore di intervento Codifica: A12 Settore: ASSISTENZA Area d intervento: DISAGIO ADULTO Tipologia

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO

COMUNE DI CRESPELLANO COMUNE DI CRESPELLANO Prov. di Bologna REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER LA GESTIONE E L ACCESSO AI CENTRI DIURNI PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AZIENDA USL DI BOLOGNA DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO 1 LEGENDA

Dettagli

SINTESI FILI D ARGENTO 5 Prov. ANCONA

SINTESI FILI D ARGENTO 5 Prov. ANCONA SINTESI FILI D ARGENTO 5 Prov. ANCONA CARATTERISTICHE PROGETTO 1) Titolo del progetto: FILI D ARGENTO 5 Prov. Ancona 2) Descrizione dell area di intervento: Il presente progetto intende promuovere azioni

Dettagli

SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2

SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2 COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Socio-Assistenziali U.O. Attuazione e Gestione Piano Infanzia e Adolescenza SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2 Titolo intervento Centro Aggregativo sovra circoscrizionale

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Pronto! Io ci sono ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A01 OBIETTIVI DEL PROGETTO Con il Progetto la P.A Ente Corpo Volontari Protezione Civile

Dettagli

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS Area Persone Anziane Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS OBIETTIVI Scopo del servizio è permettere agli anziani, parzialmente o totalmente non

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il Progetto: LEGA NAZIONALE COOPERATIVE E MUTUE Recapiti territoriali: Numero Verde: 800 910677 Sito Internet: www.serviziocivilepegaso.org

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

COMUNE di FORMIA REGOLAMENTO CENTRO DIURNO SOCIO-EDUCATIVO-RIABILITATIVO PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI. Art. 1) Definizione

COMUNE di FORMIA REGOLAMENTO CENTRO DIURNO SOCIO-EDUCATIVO-RIABILITATIVO PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI. Art. 1) Definizione COMUNE di FORMIA Provincia di Latina REGOLAMENTO CENTRO DIURNO SOCIO-EDUCATIVO-RIABILITATIVO PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI Art. 1) Definizione Il Centro Diurno Socio-educativo-riabilitativo (di seguito

Dettagli

Valle Imagna Villa d Almè. Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile

Valle Imagna Villa d Almè. Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile Valle Imagna Villa d Almè Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile Comunità Familiare di Berbenno CARTA DEL SERVIZIO E PIANO EDUCATIVO GENERALE INTRODUZIONE La Carta

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Principi Generali Finalità del servizio Il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA Documentazione Sistema Qualità Pag. 1 di 11 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA DELLA ZONA ALTA VALDELSA Numero Revisione Motivo Data 1 APPROVAZIONE CONSIGLIO

Dettagli

Area Persone con disabilità

Area Persone con disabilità Area Persone con disabilità Componente dell U. d. P. referente e responsabile d Area Nome e cognome Enrichetta La Ragione - Buono Rita - Samuele Guardascione Angela Ferrara Indirizzo e sede Via Vigna,

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio INDICE IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio 1. Dove siamo pag. 3 2. Chi siamo pag. 3 3. Orari e giorni di apertura del centro pag. 5 4. Pernottamento pag. 6 5.Trasporto con mezzo e accompagnatore pag.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Insieme si può ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A08 OBIETTIVI DEL PROGETTO Per meglio descrivere gli obiettivi che il progetto Insieme si può

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Ultima revisione: Aprile 2014 PARTE GENERALE 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE SCARPARI FORATTINI ONLUS L ente trae origine dalle disposizioni testamentarie

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA SOCIO SANITARIO

Servizio Sanitario Nazionale Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA SOCIO SANITARIO Servizio Sanitario Nazionale Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA L OPERATORE SOCIO SANITARIO Per informazioni : Centro formazione sanitaria Corsi per Operatori Socio - Sanitari Via San Bortolo 85

Dettagli

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare Piano di Zona 2010-2013 La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare I servizi di assistenza domiciliare Servizio di assistenza domiciliare territoriale a totale carico

Dettagli

INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI

INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI ASSISTENZA DOMICILIARE A.D.A. Che cos è? L assistenza domiciliare è un servizio di Ambito del Piano Sociale di Zona che punta ad aiutare le persone anziane e quelle

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Le Nuvole Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari N. giovani in servizio civile richiesti IMMIGRATI, Giorni

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

Nomenclatore dei servizi

Nomenclatore dei servizi Nomenclatore dei servizi REGOLAMENTO REGIONALE 18 gennaio 2007, n. 4 e sue modifiche REGOLAMENTO REGIONALE 07 agosto 2008, n. 19 Legge Regionale 10 luglio 2006, n. 19 Disciplina del sistema integrato dei

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto (Approvato con deliberazione del C.C. n. 101 del 16/11/2006) REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto Il Comune di Mogliano Veneto nell ottica di promozione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI GRAVI E GRAVISSIMI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI GRAVI E GRAVISSIMI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI GRAVI E GRAVISSIMI ART. 1 DEFINIZIONE DEI SERVIZI OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina il Servizio di

Dettagli

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO RM G 6

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO RM G 6 DISTRETTO SOCIO-SANITARIO RM G 6 ACCORDO DI PROGRAMMA TRA I COMUNI DI ARTENA, CARPINETO ROMANO, COLLEFERRO, GAVIGNANO, GORGA, LABICO, MONTELANICO, SEGNI, VALMONTONE, XVIII COMUNITA' MONTANA DEI MONTI LEPINI-AREA

Dettagli

Progetto "ABC ( Asilo nido, Biblioteca, Comune)" Ente. Comune di TORRE PELLICE. Settore d'intervento

Progetto ABC ( Asilo nido, Biblioteca, Comune) Ente. Comune di TORRE PELLICE. Settore d'intervento Progetto "ABC ( Asilo nido, Biblioteca, Comune)" Ente Comune di TORRE PELLICE Settore d'intervento Educazione e promozione culturale - Animazione sul territorio Obiettivi del progetto Coinvolgere i giovani,

Dettagli

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Indice Allegato A - Indice Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Struttura residenziale per persone disabili gravi con attestazione di gravità

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 205 Titolo progetto Arcobaleno H Ambito/settore di Tipologia destinatari DISABILI Giorni /ore di servizio N. giovani in servizio 5 Sede di civile

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI TORTOLI 2) Codice di accreditamento: NZ01504 3) Albo e classe di iscrizione: R 20

Dettagli

Comune di Modena. Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione. Carta dei Servizi. Assistenza Domiciliare Sociale Integrata

Comune di Modena. Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione. Carta dei Servizi. Assistenza Domiciliare Sociale Integrata Comune di Modena Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione Carta dei Servizi Assistenza Domiciliare Sociale Integrata Principi Generali Finalità del servizio Il Servizio di

Dettagli

Scopo e metodologia di lavoro

Scopo e metodologia di lavoro 1. LA CARTA PER IL CENTRO DIURNO IL MOSAICO Scopo e metodologia di lavoro Per Questa è la carta per il centro diurno Il Mosaico. La cooperativa Progetto 5 ha realizzato la Carta del Servizio sulla base

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 NOME PROGETTO: COMUNE DI FORMIA IMPARO A VOLARE - 2009 AMBITO D INTERVENTO: assistenza educativa domiciliare sociale, scolastico a favore di minori con disagio

Dettagli

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti :

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti : Gli spazi e i servizi standard 18 I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE Assistenza alla sona 24 h su 24 Assistenza medica diurna (secondo necessità) Assistenza infermieristica diurna Assistenza

Dettagli

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità Servizi Sociali in evoluzione: da selettività ad universalità Complessità Non Non si si limitano ad ad un un tempo preciso della della vita vita Pluralità di di interventi Personalizzazione degli degli

Dettagli

OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE

OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE BREVE DESCRIZIONE PREREQUISITI Operatore socio-sanitario Sanitario, sociale, socio-sanitario Finalità: L attività dell operatore

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

IPPOCRATE SRL Versione 1.2 del 21.07.2011

IPPOCRATE SRL Versione 1.2 del 21.07.2011 IPPOCRATE SRL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA PER L AUTONOMIA E LA COMUNICAZIONE DI ALUNNI PORTATORI DI HANDICAP GRAVE FREQUENTANTI LE SCUOLE DEL COMUNE DI CIVITAVECCHIA (LEGGE

Dettagli

di assistenza educativa scolastica per alunni con disabilità

di assistenza educativa scolastica per alunni con disabilità 1 di assistenza educativa scolastica 2 La Cooperativa ALEMAR ONLUS gestisce un gran numero di servizi rivolti al mondo della scuola: asili nido, scuole dell infanzia, assistenza e sostegno scolastico e

Dettagli

Funzionigramma Comunità Panta Rei

Funzionigramma Comunità Panta Rei Funzionigramma Comunità Panta Rei Sanitario Psicoterapia/Psichiatra: In collaborazione con la Psicoterapeuta/Psicologa/NPI si occupa della valutazione clinica degli utenti nella fase del preingresso e

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Allegato alla del. C.C. n. 101 del 27/11/2002 REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Art.1 FINALITA L assistenza domiciliare è un servizio teso a favorire la ripresa

Dettagli

Comune di Empoli. Provincia di Firenze. Attività e competenze dei servizi del Settore Servizi alla Persona

Comune di Empoli. Provincia di Firenze. Attività e competenze dei servizi del Settore Servizi alla Persona Comune di Empoli Provincia di Firenze Settore VII Serviizii alllla Persona Attività e competenze dei servizi del Settore Servizi alla Persona Servizio Biblioteca - Organizzazione e funzionamento del servizio

Dettagli

LA NOSTRA STORIA DOVE SIAMO FINALITÀ OBIETTIVI

LA NOSTRA STORIA DOVE SIAMO FINALITÀ OBIETTIVI LA NOSTRA STORIA Casa Betania nasce da una diversa destinazione d uso di una ridente villetta di proprietà delle Suore di S. Onofrio ed è ubicata nel territorio di competenza della Parrocchia di San Raffaele.

Dettagli

Congresso regionale SIGG 2012

Congresso regionale SIGG 2012 Congresso regionale SIGG 2012 15 dicembre 2012, Brescia Università degli Studi di Brescia - Facoltà di Medicina e Chirurgia LE CURE DOMICILIARI ALL ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE Servizio di Adattamento degli

Dettagli

VIVERE INSIEME Soc. Coop. Sociale Cod. Fisc. 03307050876. Via Oliveto Scammacca, 16 Catania Tel. 095/444246 Fax 095/431057 CARTA DEI SERVIZI

VIVERE INSIEME Soc. Coop. Sociale Cod. Fisc. 03307050876. Via Oliveto Scammacca, 16 Catania Tel. 095/444246 Fax 095/431057 CARTA DEI SERVIZI VIVERE INSIEME Soc. Coop. Sociale Cod. Fisc. 03307050876 Via Oliveto Scammacca, 16 Catania Tel. 095/444246 Fax 095/431057 CARTA DEI SERVIZI Edizione 2012 1 Sommario PREMESSA... 3 PRESENTAZIONE... 3 PRINCIPI

Dettagli

Un anno per il sociale in provincia di Pavia 2012

Un anno per il sociale in provincia di Pavia 2012 Scheda progetto Un anno per il sociale in provincia di Pavia 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

QUESTIONARIO sull OPERATORE SOCIO-SANITARIO - OPERATORE

QUESTIONARIO sull OPERATORE SOCIO-SANITARIO - OPERATORE GUIDA ALLA COMPILAZIONE Il questionario è composto da 6 sezioni: 1. DATI SOCIO-ANAGRAFICI 2. PROCESSI ED ATTIVITA PRIMARI e DI SERVIZIO 3. CONOSCENZE 4. ABILITA 5. COMPORTAMENTI LAVORATIVI o COMPETENZE

Dettagli

COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma)

COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma) COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma) (Allegato all atto consiliare n. 12/2005) REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI AI PORTATORI DI HANDICAP, AI MINORI A RISCHIO DI DEVIANZE.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: SECONDA STELLA A DESTRA SETTORE e Area di Intervento: E. EDUCAZIONE E PROMOZIONE CULTURALE 02 ANIMAZIONE CULTURALE VERSO MINORI 09 ATTIVITÀ

Dettagli

1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS REGIONE PUGLIA

1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS REGIONE PUGLIA Estratto scheda Progetto ENTE 1) Ente proponente il progetto: UNA MANO PER TE SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS 2) Codice di accreditamento: NZ04068 3) Albo e classe di iscrizione: REGIONE PUGLIA 4 CARATTERISTICHE

Dettagli

Domus Pasotelli Romani Casa di Riposo

Domus Pasotelli Romani Casa di Riposo FONDAZIONE OPERA IMMACOLATA CONCEZIONE ONLUS CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO INTEGRATO LA SPERANZA Il servizio consiste nell ospitare ed assistere 15 persone dei Comuni di Bozzolo e limitrofi, dalle 8.00

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Insieme per fare, insieme per ESSERE SETTORE e Area di Intervento: Settore: Assistenza Ambito: A06 - Disabili OBIETTIVI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Il

Dettagli

Azione Disabilità. Per raggiungere gli obiettivi enunciati si perseguiranno sue punti: Le attività previste verranno realizzate in tre fasi:

Azione Disabilità. Per raggiungere gli obiettivi enunciati si perseguiranno sue punti: Le attività previste verranno realizzate in tre fasi: Azione Disabilità Num. Scheda 2 TITOLO AZIONE o o Assistenza domiciliare per disabili LIVEAS OBIETTIVI Scopo dell intervento è consentire alle persone disabili la permanenza nell abituale contesto di vita

Dettagli

Educando tra Milano e Monza

Educando tra Milano e Monza Scheda progetto Educando tra Milano e Monza Il progetto si sviluppa in quattordici comuni delle provincie di Milano e Monza e in un Associazione di Milano. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto

Dettagli

Piano di Zona 2010-2012 AREA DISABILI CODICE - H -

Piano di Zona 2010-2012 AREA DISABILI CODICE - H - AREA DISABILI CODICE - H - COD AZIONE PAG. H 1 AIUTO DOMESTICO AI DISABILI GRAVI 175 H 2 ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI ONCOLOGICI 180 H 3 ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI DI ALZHEIMER E ALLE LORO 184

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 Premessa L'Amministrazione Comunale di Pianoro, nell'ambito della rete dei servizi socioassistenziali (a favore della popolazione residente : non

Dettagli