Deliberazione di Consiglio Comunale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Deliberazione di Consiglio Comunale"

Transcript

1 Comune di Selargius Numero Data Prot /10/2000 Deliberazione di Consiglio Comunale Oggetto: MOZIONI SUL SERVIZIO DI ASSISTENZA SCOLASTICA AGLI ALUNNI PORTATORI DI HANDICAP E SERVIZIO PRE E POST SCUOLA. ORIGINALE L'anno duemila addì venti del mese di Ottobre convocato per le ore nella sala delle adunanze, ai sensi del'at.14 della Legge n.81 e in seguito ad avvisi scritti, consegnati nei termini e nei modi prescritti dal Vigente Statuto Comunale, si è riunito alle ore il Consiglio Comunale. All'appello risultano : Cognome e Nome Qualifica Presente Cognome e Nome Qualifica Presente ABIS PIER LUIGI Consigliere SI MELONI MARISTELLA Consigliere SI AMBU MARCO Consigliere SI ORTU REMO Consigliere SI AMBU PIER PAOLO Consigliere SI PACIFICO NAllARENO Consigliere NO ARGIOLU ROSANNA Consigliere SI PISCHEDDA ALBERTO Consigliere SI CAMBA FRANCO Consigliere SI SALIS CARLO Consigliere SI CAPPAI GIANFRANCO Consigliere SI SANVIDO FERRUCCIO Consigliere SI COCCO EMILIO Consigliere SI SAU MARIO Consigliere SI COCCO LUCA Consigliere SI SECCI BARBARA Consigliere SI CONTU ILARIO Sindaco SI SECCI PIERPAOLO Consigliere SI MAMELI FRANCESCO Consigliere SI TRUDU ENRICO Consigliere SI MELIS ANTONIO Consigliere NO Totale Presenti 19 Totale Assenti 2 Assiste il Segretario Generale Dott.ssa FADDA M. BENEDETTA Riconosciuta valida la seduta, essendo legale il numero degli intervenuti, il Sig. TRUDU ENRICO - CONSIGLIERE ANZIANO assume la presidenza, dichiara aperta la seduta e chiama a fungere da scrutatori i signori: SIG. SECCI BARBARA SIG. CAPPAI GIANFRANCO SIG. PISCHEDDA ALBERTO

2 Il Presidente sottopone all'attenzione del Consiglio il l punto all'ordine del giorno: "Mozione sul servizio di assistenza scolastica ai portatori di handicap e servizio pre e posto orario scolastico", e dà la parola al Consigliere Sig. Ambu Pier Paolo per l'illustrazione della proposta. Il Consigliere Sig. Ambu Pier Paolo riferisce che la mozione prende spunto dal fatto che, tempo fa, fu affisso un avviso di selezione pubblica per la formazione di una graduatoria, che aveva lo scopo di redigere un elenco di persone che potessero essere convenzionate per prestare assistenza agli alunni portatori di handicap della scuola dell'obbligo, e per accompagnare gli alunni sugli scuolabus. Ricorda che quel primo avviso di selezione pubblica fu approvato in data , quindi legge la mozione nel testo da loro presentato. Sostiene che questa mozione vuole essere un invito forte agli uffici perché mettano in atto tutte le procedure per attivare il servizio e offrire opportunità di lavoro a tutte quelle persone che già, precedentemente, sulla base di convenzioni che furono stipulate negli anni passati, prestarono a favore di questa categoria di utenti la loro opera. Apertasi la discussione, interviene il Consigliere Sig. Franco Camba che dichiara di ritenere che il punto posto all'o.d.g. debba essere diversificato, perché i bandi gli pare siano due e non uno, che si tratta di due tipologie di servizio, uno il servizio di assistenza ai portatori di handicap e l'altro il servizio pre e post orario scolastico. A suo avviso l'argomento deve essere ripreso in mano, condivide l'osservazione che vuole che venga trasmesso agli uffici, sulla base di indirizzi che il Consiglio darà, sperando che questa volta gli uffici recepiscano le osservazioni del Consiglio. Ricorda che, qualche mese fa, si era parlato di questa problematica e si era andati a precisare che proprio un bando, che prevedeva come titolo di ammissione la qualifica di assistente domiciliare dei servizi tutelari, aveva tagliato fuori proprio le persone che possedevano quel titolo. Sostiene che, alla luce di nuove disposizioni, che pur non essendo disposizioni di legge, comunque sono comprese all'interno di un provvedimento approvato dal Ministero della Pubblica Istruzione, vengono individuate 3 tipologie di servizi differenti. Per la prima, l'assistenza agli alunni disabili, la competenza è attribuita da questo protocollo di intesa, all'ente Locale, quindi al Comune, per quanto riguarda i compiti di assistenza specialistica ai disabili e tale servizio deve essere svolto da personale qualificato, all'interno dell'istituzione scolastica. Ovviamente, sostiene, avranno una maggiore considerazione coloro che hanno il titolo specifico, cioè la qualifica di assistente domiciliare dei servizi tutelari, o altri titoli che si possono considerare equipollenti. L'altro tipo di attività, continua, che il citato protocollo contempla, è l'attività di assistenza pre e post orario scolastico, attività rivolta anche ai bambini normo dotati. Per svolgere questo tipo di attività ritiene non sia necessario il titolo di assistente domiciliare per i portatori di handicap, ma chiunque in possesso di un diploma magistrale, di responsabile di servizi dell'infanzia, assistente all'infanzia, oppure dirigente di comunità infantili, e tutti i titoli di diploma o qualifiche similari, ha il pieno possesso della competenza professionale per svolgere l'attività di in questione. Un altro servizio che questo protocollo individua, sostiene, è quello di accoglienza e sorveglianza degli alunni, un altro tipo di attività che viene svolto previo accordo tra l'ente Locale e l'istituzione scolastica. Alla luce di quanto esposto, crede che il problema delle graduatorie debba essere rivisto, fermo restando che, all'interno delle graduatorie, si dovranno individuare quisiti possed i. A

3 suo avviso, l'argomento deve essere ripreso reintervenendo all'interno delle graduatorie, perché vengano riconosciuti il possesso dei requisiti alle persone che hanno presentato regolarmente le domande. Replica l'assessore ai Servizi Sociali per esprimere il parere favorevole della Giunta su questo o.d.g., e questo non deve apparire, a suo avviso, in contraddizione con quanto gli uffici hanno posto in essere, causando un nocumento alle assistenti che da tempo hanno lavorato presso i plessi scolastici di Selargius per l'espletamento del servizio di assistenza scolastica agli alunni portatori di handicap. Questo intendimento della Giunta è suffragato, a suo dire, da una volontà politica che si è manifestata a più riprese anche in incontri informali tenuti con le assistenti scolastiche, incontri nel corso dei quali aveva manifestato le perplessità che suscitavano in lui e nei colleghi della maggioranza questi bandi rettificati, che andavano a disciplinare i titoli professionali di accesso al servizio di assistenza scolastica agli alunni portatori di handicap, di assistenza per il servizio pre e post scuola e di assistenza per il servizio extra domiciliare ed extra scolastico, sempre di assistenza agli alunni portatori di handicap. Afferma che la differenziazione c'è stata lo scorso anno scolastico e c'è stata anche quest'anno, ma rispetto allo scorso anno quest'anno è stato specificato nel bando rettificato, pubblicato nel mese di agosto, che il titolo essenziale era quello di assistente domiciliare e dei servizi tutelari. Sostiene che questo titolo è stato richiesto nel momento in cui si è sottolineato che la selezione procedeva ai sensi dell'art. 55 della Legge n. 4, nella cui stesura sono indicate una serie di professionalità specifiche, tra le quali gli educatori professionali, i pedagogisti, gli psicologi, etc. Riferisce che, sulla base di quanto veniva affermato nell'interpellanza, l'ufficio ha ritenuto di dover rettificare il bando in senso restrittivo, precludendo a tutti coloro che possedevano titoli diversi da quello di assistente domiciliare dei servizi tutelari, l'ammissione alla selezione. Ritiene che l'esperienza maturata nel settore assistenziale non può essere tralasciata, non può essere buttata alle ortiche, perché l'esperienza acquisita, se di qualificazione si deve parlare, deve valere senz'altro quanto vale il titolo conseguito con le 600 ore di corso previste, appunto, dal piano di formazione regionale. Sostiene che per tali motivi la mozione è condivisa pienamente dalla Giunta, in quanto è necessario recuperare attraverso la rivalutazione dei titoli, il rapporto con tutte coloro che hanno maturato, in questi anni, esperienza e sono in grado di fornire professionalità e capacità al servizio dell'amministrazione Comunale. Dice questo anche alla luce di quanto sta accadendo in questi giorni, e cioè una graduatoria per assistenti scolastiche agli alunni portatori di handicap limitata a 9 persone, di cui 4 sullo scuolabus, quindi a disposizione dei 25 plessi scolastici soltanto 5 assistenti. Afferma che le persone che sono state selezionate hanno la professionalità, ma senza dubbio in alcuni casi è venuto meno il principio di continuità, che deve essere posto in primo piano e che deve muovere l'azione dell'amministrazione, soprattutto quando gli interessi riguardano soggetti così deboli come i disabili. Ricorda che dallo scorso anno si è riusciti a convenzionare le assistenti, garantendo loro una dignità di lavoratrici, attraverso anche una remunerazione economica che consentisse loro di emanciparsi, anche rispetto alla famiglia di provenienza e di progettare un futuro dignitoso che consentisse un minimo di programmazione. Sostiene che la posizione della Giunta vuole in qualche modo sottolineare, anche alla luce degli accadimenti di questi giorni, non ultimo la presentazione anche di un ricorso da parte delle assistenti dotate di titolo socio educ. 'vo, ma, ripete, questa O resident

4 opportunità non è limitata a chi ha un titolo differente, ma è estesa a tutte coloro che hanno maturato l'esperienza in questi anni. Fa notare che il protocollo di intesa tra ANCI e Ministero della Pubblica Istruzione ha sancito, pur stendendo un velo pietoso su alcune questioni, una suddivisione delle competenze in materia di assistenza nell'ambito scolastico rimettendo, così come era stato sino all'anno precedente, prima che il personale ATA transitasse in capo all'amministrazione Statale, l'assistenza specialistica nei confronti dei disabili, e quando si dice specialistica si intende che l'assistenza generica è rimessa alla scuola e, quindi, il personale ausiliario della scuola dovrebbe farsi carico dell'assistenza generica. Questo è un qualcosa che, in termini normativi, impedirebbe, a suo avviso, e usa il condizionale perché in effetti non lo impedisce di fatto, di fornire assistenza generica agli alunni disabili, cosa che invece non si fa e che si continuerà a fornire, viste le carenze evidenziate nella scuola, dove il basso numero di bidelli impedisce di fatto alla scuola, almeno queste sono le tesi, e le giustificazioni, di fornire direttamente anche l'assistenza generica. Per cui l'assistente che va a supportare il disabile lo assiste, sia dal punto di vista dell'assistenza generica, sia dal punto di vista dell'assistenza specialistica. Sostiene, ancora, che con il programma socio assistenziale anche questo aspetto dovrebbe essere in qualche modo dipanato, poiché era stata già annunciata la volontà di formare in qualche modo bidelli, volontari, personale ausiliario della scuola volontario, collaboratori che avessero gradito svolgere questo servizio, non per sostituire assistenti, ma proprio per concentrare le risorse del Comune, anche in termini economici, sull'assistenza specialistica ai disabili. Riprende un ultimo aspetto della questione, cioè il contratto stipulato lo scorso anno in base all'accertamento dei requisiti, una ragione che le assistenti hanno esposto, anche davanti a lui, ma che, evidentemente, non è servita a far cambiare idea agli uffici. E rispetto a questo, riferisce di essersi mosso personalmente, andando anche alla Regione, formulando un quesito al quale la Regione ha risposto in termini laconici, non dando soluzioni definitive, ma la Regione ha anche specificato che l'articolo 55 riguarda i servizi di coordinamento e non le funzioni socio assistenziali e, quindi, in qualche modo non dovrebbe essere richiamato, così in termini specifici. Afferma che la Regione non chiarisce se il richiamo debba essere fatto soltanto per il convenzionamento, ovvero anche per la valutazione delle qualifiche, ma gli sembra che, comunque, quel protocollo d'intesa in qualche modo ponga la parola fine, poiché richiama in tema di assistenza la qualificazione del personale. Quindi, chiede al Consiglio di votare questo documento, perché potrebbe essere un ulteriore sostegno rispetto alle tesi finora espresse da lui personalmente, e dall'intera maggioranza. Prende la parola il Consigliere Sig. Gian Franco Cappai sostenendo che sono ampiamente condivisibili, sia le ragioni portate dal Consigliere Camba, sia le ragioni che nella mozione ha espresso il Consigliere Ambu, sia le precisazioni che ha fatto l'assessore. Ma giusto perché non rimangano solo dichiarazioni di principio, chiede se si terrà conto delle domande che sono pervenute tra il 1 ed il 2 bando, se l'amministrazione, anche in tempi brevi, prenderà una decisione tenendo conto dei due bandi, oppure riaprirà i bandi per dieci giorni, per cui sulla base delle domande che perverranno si stilerà poi una graduatoria. Risponde l'assessore ai Servizi Sociali dichiarando di non poter rispondere a pieno titolo, poiché l'atto non compete la parte politica, quindi non compete l'assessore, ma se dovesse decidere lui, se avesse la possibilità di decidere, integrerebbe direttamen i raduatoria esistente, li P siden

5 ammettendo direttamente le persone che sono state finora escluse a causa delle motivazioni prima espresse. Però, poiché la decisione spetta all'ufficio, spera che agisca in questo modo. Interviene, ancora, il Consigliere Sig. Gian Franco Cappai che esprime delle perplessità, perché in questo modo l'indirizzo politico rischia di essere vanificato per la seconda volta, e sostiene che se decide il Capo Settore è inutile che il Consiglio Comunale faccia questi dibattiti, basterebbe, secondo lui, integrare il dispositivo di delibera. Crede che, poiché il Consiglio si sta assumendo la responsabilità di dare un indirizzo di carattere politico, valga la pena di farlo anche per i tempi del bando, oppure per le scelte che il Consiglio riterrà opportuno fare, eventualmente tenendo conto dei due bandi precedenti. Prende la parola, ancora, il Consigliere Sig. Franco Camba sostenendo che il dispositivo debba essere integrato precisando che si terrà conto delle domande pervenute all'amministrazione, sia in risposta al 1 che al 2 bando. Poiché, sostiene, è obiettivo dell'amministrazione evitare risorsi amministrativi a danno della stessa Pubblica Amministrazione, nulla vieta che in questo dispositivo si dica che vengono fatte salve, per questa rielaborazione di graduatoria, tutte le domande pervenute all'amministrazione per il 1 e per il 2 bando, secondo quanto espresso anche dal Consigliere Cappai, perché, diversamente, vanno riaperti i termini. Interviene il Consigliere Sig. Pier Paolo Ambu per precisare che lo scopo della mozione non era limitato solo ed esclusivamente alla seconda trance di domande, che era quella che andava a scadere ad agosto, ma intendeva recuperare sin dall'origine tutti i concorrenti iniziali. Chiusa la discussione, il Presidente mette in votazione, per alzata di mano, la mozione presentata dai Consiglieri Comunali Argiolu Rosanna e Ambu Pier Paolo, emendata in conformità alle proposte formulate dal Consiglio e, con l'assistenza degli scrutatori designati, accerta il seguente risultato: Consiglieri presenti n. 16 Consiglieri votanti n. 16 Consiglieri astenuti n. == Voti favorevoli n. 16 Voti contrari n. == La proposta è approvata all'unanimità. Si dà atto che sono assenti i Signori Sanvido, Ortu, Contu. Successivamente, il Presidente mette in votazione l'immediata esecutività dell'atto testè approvato, accertando il seguente risultato: Consiglieri presenti n. 17 Consiglieri votanti n. 17 Consiglieri astenuti n. == Voti favorevoli n. 17 Voti contrari n. == Si dà atto che è rientrato in aula il Consigliere Sanvido. La proposta di immediata esecutività è approvata all'unanimità. pr rie,' Co RALE

6 IL CONSIGLIO COMUNALE Vista la mozione presentata dai Consiglieri Signori Argiolu Rosanna e Ambu Pier Paolo, emendata in conformità alla proposta formulata ed approvata dal Consiglio; Uditi gli interventi dei Consiglieri che hanno preso parte al dibattito; Udito l'esito delle votazioni, proclamato dal Presidente; DELIBERA Di approvare la mozione presentata dai Consiglieri Signori Argiolu Rosanna e Ambu Pier Paolo, nel testo di seguito trascritto: "Premesso che è stato approvato il bando di selezione per assistenti scolastiche agli alunni portatori di handicap pubblicato in data ; Che in seguito alla pubblicazione di tale avviso sono pervenute circa 80 domande di ammissione sulla base dei requisiti richiesti nello stesso bando di selezione; Considerato che successivamente l'ufficio Servizi Sociali ha proceduto, a seguito d'interpellanza scritta del Consigliere Comunale Franco Camba, in data , all'annullamento del predetto avviso ed alla pubblicazione di nuovo avviso la cui scadenza era prevista per il , dove era considerato titolo essenziale per l'ammissione la qualifica di assistente domiciliare e dei servizi tutelari; Appurato che tale rettifica ha comportato l'esclusione di circa 70 richiedenti tra le quali anche coloro che per anni avevano efficacemente svolto tale servizio; Constatata inoltre l'insufficienza delle richieste presentate da persone in possesso della qualifica richiesta; Tutto ciò premesso; Il Consiglio Comunale impegna Il Segretario Comunale e gli uffici preposti a procedere, nel rispetto della normativa vigente, all'ammissione alla selezione in oggetto di coloro che pur privi della qualifica richiesta nei due bandi, abbiano però maturato esperienza nel settore dell'assistenza scolastica degli alunni portatori di handicap. Selargius F.to: Rosanna Argiolu F.to: Pier Paolo Ambu" Di dichiarare il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell'art. 134, comma 4, del D. Lgs.vo n. 267/2000. il Pt sicie.nte el Consiglio

7 Letto confermato e sottoscritto. LESIDE TE...--4, CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE consecutivi Si dichiara che dal il presente verbak verrà affisso all'albo Pretorio del Comune 2 7 O T T n.142 dell ' ai sensi e per gli effetti di cui all'art comma per q 1 u della ind ici giorni Legge Selargius, 2 7 O T T Divenuta esecutiva: ESTREMI DI ESECUTIVITA, ( ) a norma dell'art. 47,comma 3), della Legge n. 1 42/1990 il ( ) decorsi 10 giorni dalla data di pubblicazione, non essendo controllo, il pervenute richieste di invio a IL SEGRETARIO GENERALE n. Trasmessa 1 al e Comitato degli artt. Regionale 29 di Controllo - di Cagliari, ai sensi deli e 31 della Legge Regionale n. 38/1994. g artt artt. 45 e 46 della Legge Divenuta esecutiva il. (com.ne prot. n. del IL SEGRETARIO GENERALE

Deliberazione di Consiglio Comunale

Deliberazione di Consiglio Comunale Comune di Selargius Numero Data Prot. 58 29/04/98 Deliberazione di Consiglio Comunale Oggetto: Sanzioni amministrative pecuniarie per i tributi annuali - Criteri per la determinazione delle sanzioni e

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale

Deliberazione di Giunta Comunale Comune di Selargius Numero Data Prot. 203 06/12/2001 Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: NOTIFICAZIONE ATTI - DETERMINAZIONE TARIFFE PER L' ANNO 2002. ORIGINALE L'anno duemilauno addì sei del mese

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI SAN VITO PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI SAN VITO PROVINCIA DI CAGLIARI N. 45 DEL 27.09.2012 ORIGINALE DELLA DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Istituzione Scuola Civica di Musica - Statuto - Regolamento-: approvazione. L anno

Dettagli

COMUNE DI INCISA SCAPACCINO

COMUNE DI INCISA SCAPACCINO COPIA ALBO COMUNE DI INCISA SCAPACCINO Prov. di ASTI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.43 del 12/06/2014 OGGETTO: AFFIDAMENTO GESTIONE CENTRO ESTIVO 2014 - DETERMINAZIONI L anno DUEMILAQUATTORDICI

Dettagli

VÉÅâÇx w _xààéåtçéññxääé ;cüéäa w cxávtüt< COPIA DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE

VÉÅâÇx w _xààéåtçéññxääé ;cüéäa w cxávtüt< COPIA DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE VÉÅâÇx w _xààéåtçéññxääé ;cüéäa w cxávtüt< COPIA DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N 12 Data 22/04/201 0 OGGETTO: REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI INTERNI.

Dettagli

COMUNE DI VALGUARNERA CAROPEPE PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

COMUNE DI VALGUARNERA CAROPEPE PROVINCIA REGIONALE DI ENNA COMUNE DI VALGUARNERA CAROPEPE PROVINCIA REGIONALE DI ENNA Nr. 33 Registro Delibere ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL CONGLIO COMUNALE MOZIONE RRQT- N^ 43 2 DEL(27,Q3-201^W FIRMA DEL CONGLIERE DI ASSÌSTENZAf{ÀNZÌANÌ

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale

Deliberazione di Giunta Comunale Comune di Selargius Numero Data Prot. 155 25/05/99 Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: LAVORI DI ADEGUAMENTO E MESSA A NORMA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEGLI EDIFICI SCOLASTICI. APPROVAZIONE PROGETTO

Dettagli

Deliberazione n 17 Adunanza del 05/10/2015

Deliberazione n 17 Adunanza del 05/10/2015 Deliberazione n 17 Adunanza del 05/10/2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D'INTESA PER LA GESTIONE DELLE RELAZIONI CON SOCIETA' CHE GESTIOSCONO IMPIANTI

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Comune di SELARGIUS Pag. Numero Data Provincia di Cagliari G.C. 1 343 09/05/1996' Oggetto: Approvazione bando per la pubblicita' degli incarichi di progettazione e di direzione dei lavori che l'amministrazione

Dettagli

COMUNE DI GIULIANA Provincia Palermo

COMUNE DI GIULIANA Provincia Palermo COMUNE DI GIULIANA Provincia Palermo CODICE FISCALE 02655100820 www.comune.giuliana.pa.it e-mail: comunedigiuliana@alice.it tei. 0918356357 Fax 0918356077 AREA AMMINISTRATIVA - SETTORE AFFARI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI CASALGRANDE. Provincia di Reggio Emilia N 24 DEL 31/03/2015

COMUNE DI CASALGRANDE. Provincia di Reggio Emilia N 24 DEL 31/03/2015 Reg. Pubbl. N. 80 COMUNE DI CASALGRANDE Provincia di Reggio Emilia ESTRATTO DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA N 24 DEL 31/03/2015 OGGETTO: PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA'

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini VERBALE APPROVATO E SOTTOSCRITTO IL PRESIDENTE IL SEGRETARIO GENERALE dott. Paolo Russomanno dott.ssa Mara Minardi Comune di Cattolica Provincia di Rimini VERBALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa Letto, confermato e sottoscritto IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO F.TO: B. BUSCEMA F.TO: G. QUARRELLA CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE La presente deliberazione verrà affissa all albo Pretorio

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. ORIGINALE N 90 del 29/08/2015

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. ORIGINALE N 90 del 29/08/2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE N 90 del 29/08/2015 OGGETTO: DETERMINAZIONE DELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO A CARICO DELLE FAMIGLIE DEGLI ALUNNI FRUITORI AGEVOLAZIONI

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo

Comune di San Martino Buon Albergo COPIA Delibera nº Data 24 12/04/2010 Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale adunanza di prima convocazione - Seduta pubblica Oggetto: APPROVAZIONE

Dettagli

Istituzione Servizi Al Cittadino

Istituzione Servizi Al Cittadino COPIA Delibera nº Data 60 22/12/2009 Istituzione Servizi Al Cittadino Verbale di deliberazione del Consiglio di Amministrazione Oggetto: DETERMINAZIONE TARIFFE SERVIZI PUBBLICI - ANNO 2010 L'anno duemilanove,

Dettagli

COMUNE DI USINI PROVINCIA DI SASSARI ( v i a R i s o r g i m e n t o n 7 0 - C. A. P. 0 7 0 4 9 )

COMUNE DI USINI PROVINCIA DI SASSARI ( v i a R i s o r g i m e n t o n 7 0 - C. A. P. 0 7 0 4 9 ) COMUNE DI USINI PROVINCIA DI SASSARI ( v i a R i s o r g i m e n t o n 7 0 - C. A. P. 0 7 0 4 9 ) Tel. 079 3817000/3817008 Fax 079 380699 c.f. 00206220907 E. Mail: comunediusini@cert.legalmail.it VERBALE

Dettagli

G.C. addi' venti di GENNAIO alle ore 10.30, nella Residenza Comunale, a nei modi di legge, si e' riunita la Giunta Comunale.

G.C. addi' venti di GENNAIO alle ore 10.30, nella Residenza Comunale, a nei modi di legge, si e' riunita la Giunta Comunale. Comune di SELARGIUS Provincia di Cagliari 1 Numero 29 Oggetto: Lavori di Ricorso installazione impianti santintrusione negli edifici comunali. ll'impresa ALARM SYSTEM snc. ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO PROVINCIA DI TARANTO

COMUNE DI MARUGGIO PROVINCIA DI TARANTO N. 41 REGISTRO DELIBERE COMUNE DI MARUGGIO PROVINCIA DI TARANTO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Contributo Ministero dell Interno PON Sicurezza Sistema di videosorveglianza nel Comune di

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 01/06/2007Nr. Prot. 10004 APPROVAZIONE DELLA CONVENZIONE CON L'UNIVERSITÀ

Dettagli

COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona. Seduta straordinaria URGENTE Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona. Seduta straordinaria URGENTE Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona Seduta straordinaria URGENTE Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 24 del 29/07/2014 OGGETTO: ACCETTAZIONE CON BENEFICIO D'INVENTARIO

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Verbale di deliberazione della Giunta Comunale COPIA Delibera nº Data Protocollo 202 20/09/2000 27918 Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: CONFERIMENTO INCARICO PROFESSIONALE

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Cod. ISTAT COM 42011 DELIBERAZIONE NUMERO 53 DEL 27-10-14 OGGETTO: MODIFICA REGOLAMENTO PER CONFERIMENTO BORSE DI STUDIO AL MERITO ALLA MEMORIA DEL PROF. ANTONIO

Dettagli

Progetto partecipazione e comunicazione. Stampa periodica di manifesti, locandine e dèpliants informativi.

Progetto partecipazione e comunicazione. Stampa periodica di manifesti, locandine e dèpliants informativi. COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 3 EST Brenta Venezia Forcellini - Camin DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CIRCOSCRIZIONALE N. 3 Est N. 02 di Reg.Originale (quartiere) Seduta del 12 febbraio 2007 N. di Reg.Speciale

Dettagli

COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino

COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 102 Del 28-09-2015 C O P I A Oggetto: Istituto Comprensivo Pratola Serra- determinazioni L'anno duemilaquindici

Dettagli

Il giorno 20 aprile 2012, alle ore 11,00 in Spoleto presso la sala. di rappresentanza della presidenza della Cassa di Risparmio di

Il giorno 20 aprile 2012, alle ore 11,00 in Spoleto presso la sala. di rappresentanza della presidenza della Cassa di Risparmio di VERBALE DELL'ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 20 APRILE 2012 Il giorno 20 aprile 2012, alle ore 11,00 in Spoleto presso la sala di rappresentanza della presidenza della Cassa di Risparmio di Spoleto Spa in via

Dettagli

C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani

C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 174 del Reg. DATA: 6.10.2010 OGGETTO: approvazione criteri di selezione e schemi di bando di selezione per

Dettagli

DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COPIA Seduta in data : 29/08/2014 Atto n. 66 OGGETTO: Adesione a convenzione con il Tribunale di Lecco per svolgimento di lavoro di pubblica utilità ai sensi dell'art. 54

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI PROVINCIA DI PALERMO

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI PROVINCIA DI PALERMO COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI PROVINCIA DI PALERMO IMMEDIATA ESECUZIONE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 134 Del 22.09.2014 OGGETTO: Commissario governativo per i lavori di RISTRUTTURAZIONE

Dettagli

C O M U N E D I C I S E R A N O PROVINCIA DI BERGAMO

C O M U N E D I C I S E R A N O PROVINCIA DI BERGAMO C O M U N E D I C I S E R A N O PROVINCIA DI BERGAMO DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE Numero 17 Del 07-03-06 Codice : 10076 ORIGINALE Oggetto: MOZIONE DEL GRUPPO CONSILIARE "SOLIDARIETA' E PRO= GRESSO

Dettagli

COMUNE DI GIULIANA Provincia Palermo

COMUNE DI GIULIANA Provincia Palermo COMUNE DI GIULIANA Provincia Palermo CODICE FISCALE 02655100820 www.comune.giuliana.pa.it e-rnail: comunedigiuliana@alice.it tei. 0918356357 Fax 0918356077 AREA AMMINISTRATIVA - SETTORE AFFARI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI MARACALAGONIS

COMUNE DI MARACALAGONIS COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. DEL 128 OGGETTO: ATTIVAZIONE CORSI EDA (EDUCAZIONE DEGLI ADULTI). APPROVAZIONE IPOTESI DI PROTOCOLLO D'INTESA

Dettagli

COMUNE DI ESCOLCA PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI ESCOLCA PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI ESCOLCA PROVINCIA DI CAGLIARI COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N 26 DEL 31.08.2015 OGGETTO: INDIVIDUAZIONE CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE DI STUDIO PER GLI STUDENTI

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E NUMERO 46 DATA 05.08.2014 OGGETTO: Richiesta autorizzazione occupazione suolo pubblico

Dettagli

U N I O N E D E I C O M U N I

U N I O N E D E I C O M U N I U N I O N E D E I C O M U N I ALTO VERDURA E GEBBIA COIA DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELL ASSEMBLEA DELL UNIONE N. 01 del Registro del 20/05/2011 O G G E T T O : Nomina scrutatori. Lettura ed approvazione

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E NUMERO 54 DATA 19/08/2015 OGGETTO Richiesta assegnazione n. 1 loculo cimiteriale

Dettagli

COMUNE DI MESE Provincia di Sondrio

COMUNE DI MESE Provincia di Sondrio COPIA COMUNE DI MESE Provincia di Sondrio n di prot. n 6 registro delibere DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: Individuazione del tasso di interesse applicabile ai tributi locali per l anno 2011,

Dettagli

COMUNE DI SASSARI Deliberazione del Consiglio Comunale

COMUNE DI SASSARI Deliberazione del Consiglio Comunale N. del Reg. 11 COMUNE DI SASSARI Deliberazione del Consiglio Comunale OGGETTO: APPROVAZIONE DEL PIANO DELLE DISMISSIONI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE, EX II.PP.AA.BB. E DEGLI ALLOGGI E.R.P. NELL'ARCO DEL

Dettagli

Unione Lombarda dei comuni della Ciria Comuni di CORTE DE FRATI GRONTARDO OLMENETA

Unione Lombarda dei comuni della Ciria Comuni di CORTE DE FRATI GRONTARDO OLMENETA Deliberazione n 2 Adunanza del 29/01/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA DELL UNIONE OGGETTO: FORNITURA PASTI A DOMICILIO A FAVORE DI PERSONE RESIDENTI NEI COMUNI DLL'UNIONE - COOP. S. LUCIA ONLUS

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza ordinaria in prima convocazione - Seduta pubblica -

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza ordinaria in prima convocazione - Seduta pubblica - COMUNE DI SAVIGNO Provincia di Bologna COPIA DELIBERAZIONE N 110 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza ordinaria in prima convocazione - Seduta pubblica - OGGETTO: ADOZIONE SCHEMA DI

Dettagli

Comune di Campegine Provincia di Reggio nell Emilia

Comune di Campegine Provincia di Reggio nell Emilia Comune di Campegine Provincia di Reggio nell Emilia V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 49 DEL 27/06/2015 OGGETTO IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' E DIRITTI SULLE

Dettagli

COMUNE DI SANT'OMERO PROVINCIA DI TERAMO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Oggetto: 26/11/2012. Del

COMUNE DI SANT'OMERO PROVINCIA DI TERAMO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Oggetto: 26/11/2012. Del COMUNE DI SANT'OMERO PROVINCIA DI TERAMO Copia N. Del 46 26/11/2012 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA' DI PUBBLICAZIONI DI ATTI, NOTIZIE E INFORMAZIONI

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N. 77 Data 30.11.2009 ADUNANZA ORDINARIA DI PRIMA CONVOCAZIONE - SEDUTA PUBBLICA

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N. 77 Data 30.11.2009 ADUNANZA ORDINARIA DI PRIMA CONVOCAZIONE - SEDUTA PUBBLICA ORIGINALE Comune di Fauglia Provincia di Pisa ============= DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 77 Data 30.11.2009 ADUNANZA ORDINARIA DI PRIMA CONVOCAZIONE - SEDUTA PUBBLICA OGGETTO: PROTOCOLLO D'INTESA

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale ORIGINALE COMUNE DI ERACLEA Provincia di Venezia Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Prot. N. DELIBERAZIONE N. 37 DEL 04/08/2006 OGGETTO: REALIZZAZIONE DI UN'INDAGINE CONOSCITIVA RIVOLTA AI

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 2013-71 Data 04-07-2013 OGGETTO: PROROGA TRIMESTRALE DEL CONTRATTO DI LEASING DELLA VETTURA ALFA 147 E ASSEGNAZIONE

Dettagli

UNIONE COMUNI D OGLIASTRA

UNIONE COMUNI D OGLIASTRA UNIONE COMUNI D OGLIASTRA COMUNE DI LANUSEI COMUNE DI ELINI COMUNE DI ARZANA COMUNE DI LOCERI COMUNE DI BARI SARDO COMUNE DI ILBONO DELIBERAZIONE COPIA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. DEL 27 21.07.2015

Dettagli

COMUNE DI BRANDICO Provincia di Brescia. Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale

COMUNE DI BRANDICO Provincia di Brescia. Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale COMUNE DI BRANDICO Provincia di Brescia N. del Registro Delibere Codice Ente: 10276 ORIGINALE La presente deliberazione consta di n. fogli, n. pag. e n. / allegati Verbale di deliberazione del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 6 OVEST

COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 6 OVEST COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 6 OVEST DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CIRCOSCRIZIONALE N. 6 OVEST N. 20 di Reg. Originale (quartiere) Seduta del 16/05/2005 N..di Reg. Speciale (Uff. coord.) OGGETTO: Convenzione

Dettagli

COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 4 SUD-EST DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CIRCOSCRIZIONALE N. 4 SUD-EST

COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 4 SUD-EST DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CIRCOSCRIZIONALE N. 4 SUD-EST COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 4 SUD-EST DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CIRCOSCRIZIONALE N. 4 SUD-EST N. 13 di Reg. Originale (quartiere) Seduta del 26.03.2012 N. di Reg.Speciale (Uff.coord.) OGGETTO: Mozione:

Dettagli

COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce

COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 10 del 11-05-2009 COPIA OGGETTO:PROTOCOLLO D'INTESA PER LO SVILUPPO TERRITORIALE DEL SUD SALENTO ATTRAVERSO LA VALORIZZAZIONE

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI PIERANICA Provincia di Cremona DELIBERAZIONE N. 34 Adunanza del 28/11/2011 Codice Ente 10776 9 Pieranica Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: EROGAZIONE BORSE DI STUDIO A.S.

Dettagli

Prop. N. 366 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Prop. N. 366 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI FORMIGINE Provincia di Modena Prop. N. 366 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 18 del 23/04/2012 OGGETTO: DISCUSSIONE DELLA MOZIONE PER LA RIDUZIONE DELLE TARIFFE SUI RIFIUTI E SUL

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E NUMERO 62 DATA 20/10/2015 OGGETTO: Nomina del Responsabile del Procedimento di Conservazione

Dettagli

COMUNE DI CASTRIGNANO DEL CAPO

COMUNE DI CASTRIGNANO DEL CAPO COMUNE DI CASTRIGNANO DEL CAPO PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 180 Del 14-12-2006 Oggetto: CRITERI PER L'AMMISSIONE DI CITTADINI DEL COMUNE A PRESTAZIONIO SOCIALI

Dettagli

Comune di Tradate Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Comune di Tradate Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Comune di Tradate Verbale di deliberazione della Giunta Comunale N. 036 Registro Deliberazioni Oggetto: erogazione micro credito a persone in condizione di disagio L ANNO DUEMILADODICI addì VENTITRE del

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO ORIGINALE VERBALE N. 56 DEL 24.03.2010 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE DEI NUOVI ORARI DI SERVIZIO E DI APERTURA AL PUBBLICO

Dettagli

COMUNE DI SASSARI Deliberazione del Consiglio Comunale

COMUNE DI SASSARI Deliberazione del Consiglio Comunale N. del Reg. 9 COMUNE DI SASSARI Deliberazione del Consiglio Comunale OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI AL FINE DI CONTRASTARE LA LUDOPATIA - Sessione straord. urgente convocazione

Dettagli

CITTA DI NOVATE MILANESE (Provincia di Milano) ----------------- Cod. 11045

CITTA DI NOVATE MILANESE (Provincia di Milano) ----------------- Cod. 11045 CITTA DI NOVATE MILANESE (Provincia di Milano) ----------------- Cod. 11045 G.C. n.ro 160 del 21/10/2010 ORIGINALE Prot. N.... Data... O G G E T T O CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI NOVATE MILANESE E SCUOLE

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale ORIGINALE COMUNE DI ERACLEA Provincia di Venezia Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Prot. N. DELIBERAZIONE N. 58 DEL 28/09/2006 OGGETTO: OGGETTO: INSERIMENTO IN STRUTTURA RESIDENZIALE PROTETTA

Dettagli

Comune di Sarroch VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Comune di Sarroch VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE \ Comune di Sarroch Provincia di Cagliari copia N 19 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: L. R. 15 ottobre 1997 n. 28. Istittizione delle Scuole civiche di musica. Costittizione dell'associazione

Dettagli

COMUNE DI CAPOLIVERI

COMUNE DI CAPOLIVERI COMUNE DI CAPOLIVERI PROVINCIA DI LIVORNO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 30/07/2015Nr. Prot. 11869 SERVIZIO POSTALIZZAZIONE TARI 2015 - IMBUSTAMENTO,

Dettagli

DEL CONSIGLIO COMUNALE

DEL CONSIGLIO COMUNALE COIA COMUNE DI SENNORI ROVINCIA DI SASSARI DELIBERAZIONE N. 115 in data: 14/11/2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA ORDINARIA DI SECONDA CONVOCAZIONE - SEDUTA UBBLICA. OGGETTO

Dettagli

Unione Lombarda dei comuni Oglio - Ciria

Unione Lombarda dei comuni Oglio - Ciria Deliberazione n 87 Adunanza del 09/10/2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA DELL UNIONE OGGETTO: ATTIVAZIONE SERVIZIO INVIO SMS PER I CITTADINI DITTA L'anno duemilaquattordici, addì nove del mese

Dettagli

- che l Assemblea ordinaria dei soci della s.c. a r.l. Oreste Salomone, come da verbale del 4 marzo 2009, deliberava l ammissione dell Ente Provincia

- che l Assemblea ordinaria dei soci della s.c. a r.l. Oreste Salomone, come da verbale del 4 marzo 2009, deliberava l ammissione dell Ente Provincia COMUNE DI CAPUA PROVINCIA DI CASERTA Medaglia d Oro al Valor Civile di deliberazione del Numero Data O g g e t t o 35 18.05.2009 Autorizzazione alla cessione di una quota del capitale sociale della s.

Dettagli

COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE Provincia di Roma

COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE Provincia di Roma COMUNE DI MONTE PORZIO CATONE Provincia di Roma ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Delibera N. 23 del 9 settembre 2014 OGGETTO: REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI SCILLATO Provincia di Palermo

COMUNE DI SCILLATO Provincia di Palermo COMUNE DI SCILLATO Provincia di Palermo Originale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 37 DEL 29.05.2013 OGGETTO: Atto di indirizzo affidamento ditta Halley Consulting S.P.A servizio assistenza software

Dettagli

COMUNE DI CAMPO SAN MARTINO PROVINCIA DI PADOVA

COMUNE DI CAMPO SAN MARTINO PROVINCIA DI PADOVA COMUNE DI CAMPO SAN MARTINO PROVINCIA DI PADOVA COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE - N. 3 Sessione ORDINARIA - Seduta PUBBLICA di PRIMA Convocazione F:to Verbale letto, approvato e sottoscritto.

Dettagli

Lavori per il trasferimento delle classi di scuola Primaria S. Agnello presso altri plessi scolastici

Lavori per il trasferimento delle classi di scuola Primaria S. Agnello presso altri plessi scolastici CITTA' DI SAN GIORGIO A CREMANO COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Delibera n. 70 del 28 febbraio 2013 OGGETTO: Lavori per il trasferimento delle classi di scuola Primaria S. Agnello presso altri

Dettagli

Oggetto Lavori d si stemazione fabbricato da adibire a bar caffe' nella piazza S e' Boi. Approvazione piano finanziario e determinazioi

Oggetto Lavori d si stemazione fabbricato da adibire a bar caffe' nella piazza S e' Boi. Approvazione piano finanziario e determinazioi Provincia di Cagliari i Numero 156 21/11/1 995 Oggetto Lavori d si stemazione fabbricato da adibire a bar caffe' nella piazza S e' Boi. Approvazione piano finanziario e determinazioi ne siste a d gara.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI TRASPORTO SU STRADA DI MERCI E VIAGGIATORI

REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI TRASPORTO SU STRADA DI MERCI E VIAGGIATORI REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI TRASPORTO SU STRADA DI MERCI E VIAGGIATORI Art. 1. Fonti normative. 1. Ai sensi del Decreto Legislativo

Dettagli

COMUNE DI BORNO PROVINCIA DI BRESCIA ALTOPIANO DEL SOLE

COMUNE DI BORNO PROVINCIA DI BRESCIA ALTOPIANO DEL SOLE COMUNE DI BORNO PROVINCIA DI BRESCIA ALTOPIANO DEL SOLE ORIGINALE Codice Ente 10272 DELIBERAZIONE N. 11 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza ORDINARIA di PRIMA convocazione seduta pubblica

Dettagli

COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona. Seduta ordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona. Seduta ordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona Seduta ordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 27 del 08/07/2015 OGGETTO: CONFERMA ALIQUOTE DELL'ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 1 copia - VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Straordinaria Seduta Pubblica N. 1 Del 10.03.2009 OGGETTO: PROROGA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DEL

Dettagli

Città di Campi Salentina PROVINCIA DI LECCE

Città di Campi Salentina PROVINCIA DI LECCE Città di Campi Salentina PROVINCIA DI LECCE Originale di Deliberazione del Consiglio Comunale N. 11 DEL 15/03/2011 OGGETTO: CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS METANO. DETERMINAZIONI ATTO

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 36 del 16.12.2013 OGGETTO: Accordo di programma tra Ministero ambiente e Regione Lazio. intervento n. 48 consolidamento del versante occidentale della rupe.

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA VICENTINA Provincia di Vicenza

COMUNE DI NOVENTA VICENTINA Provincia di Vicenza Deliberazione N. 221 COMUNE DI NOVENTA VICENTINA Provincia di Vicenza in data 01/09/2014 COPIA Verbale di Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: INTERVENTO ECONOMICO A FAVORE DI 27/14 L annoduemilaquattordici,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI TORRI DEL BENACO Provincia di Verona Viale F.lli Lavanda, 3 - Cap. 37010 0456205888 - fax 0456205800 P.IVA 00661030239 sito internet: www.comune.torridelbenaco.vr.it e-mail: comune@torridelbenaco.vr.it

Dettagli

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce

COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce COMUNE DI ALLISTE Provincia di Lecce Piazza Terra 73040 0833.902711 www.comune.alliste.le.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 36 DEL 22/03/2013 OGGETTO: CONCESSIONE UTILIZZO SALA COMUNALE E PATROCINIO

Dettagli

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO C O P I A DELIBERAZIONE N. 11 DEL 07/03/2012 Deliberazione del Consiglio Comunale OGGETTO: MOZIONE CONTRO LA TESORERIA UNICA STATALE. L anno 2012 addì sette del mese di Marzo alle ore 19:00 nella sala

Dettagli

Comune di Suisio Provincia di Bergamo

Comune di Suisio Provincia di Bergamo Comune di Suisio Provincia di Bergamo Codice: 10209 C.C. Numero 39 del 15-11-2010 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DI BORSE DI STUDIO

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 23 COMUNE DI VILLACIDRO PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO VERBALE ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA ORDINARIA - SEDUTA PUBBLICA OGGETTO: Imposta Unica Comunale IUC - componenti TARI

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E NUMERO 43 DATA 01/06/2011 OGGETTO: Acquisto di una autovettura da adibire al servizio

Dettagli

Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale

Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale ORIGINALE COMUNE DI ERACLEA Provincia di Venezia Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Prot. N. DELIBERAZIONE N. 10 DEL 01/02/2007 OGGETTO: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL'IMPOSTA

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO PROVINCIA DI PALERMO COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE. N. 35 del 03/06/2014

COMUNE DI COLLESANO PROVINCIA DI PALERMO COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE. N. 35 del 03/06/2014 COMUNE DI COLLESANO PROVINCIA DI PALERMO COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 35 del 03/06/2014 OGGETTO: Concessione contributo per i festeggiamenti in onore di San Antonio da Padova Anno

Dettagli

COMUNE DI FLORESTA. OGGETTO: Carta di qualificazione del conducente per conduzione scuolabus - Determinazioni.

COMUNE DI FLORESTA. OGGETTO: Carta di qualificazione del conducente per conduzione scuolabus - Determinazioni. COPIA COMUNE DI FLORESTA Provincia Messina DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 73 del Reg. Data 17.09.2015 OGGETTO: Carta di qualificazione del conducente per conduzione scuolabus - Determinazioni.

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale

Deliberazione di Giunta Comunale Comune di Selargius Numero 51 Data 05/03/99 Prot. Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: RICHIESTA ATTIVAZIONE COR REGIONALI DI FORMAZIONE PROFESONALE. ORIGINALE L'anno millenovecentonovantanove addì

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO JONICO (Provincia di Taranto) cap. 74027 Telefono 099 5915 111 - fax 099/5915258 P. IVA 00811120732 C.F.

COMUNE DI SAN GIORGIO JONICO (Provincia di Taranto) cap. 74027 Telefono 099 5915 111 - fax 099/5915258 P. IVA 00811120732 C.F. COMUNE DI SAN GIORGIO JONICO (Provincia di Taranto) cap. 74027 Telefono 099 5915 111 - fax 099/5915258 P. IVA 00811120732 C.F. 80009010739 AVVISO DI MOBILITA' VOLONTARIA ESTERNA (art. 30 d.lgs. n. 165/2001),

Dettagli

COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 2012-77 Data 25-07-2012 OGGETTO: INSTALLAZIONE DI UN IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA NELL AMBITO DELLA CASA COMUNALE.

Dettagli

COMUNE DI BARIANO PROVINCIA DI BERGAMO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI BARIANO PROVINCIA DI BERGAMO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI BARIANO PROVINCIA DI BERGAMO Deliberazione N. 113 Codice Ente 10021 C O P I A OGGETTO: VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE APPROVAZIONE OBIETTIVI DI ACCESSIBILITÀ DEL SITO WEB PER

Dettagli

COMUNE DI ANGHIARI Provincia di Arezzo Ufficio Segreteria

COMUNE DI ANGHIARI Provincia di Arezzo Ufficio Segreteria COMUNE DI ANGHIARI Provincia di Arezzo Ufficio Segreteria N.43/20.04.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: REALIZZAZIONE PORTALE TURISTICO DI ANGHIARI-INDIRIZZI OPERATIVI.= L'anno

Dettagli

COMUNE DI CARINARO AREA TECNICA

COMUNE DI CARINARO AREA TECNICA COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 2013-30 Data 25-03-2013 OGGETTO: PROPOSTA DI CLASSIFICAZIONE DI INDUSTRIA INSALUBRE I ^ CLASSE - LETTERA B PUNTO

Dettagli

TITOLO I - IL REFERENDUM CONSULTIVO CAPO I - PRINCIPI GENERALI. Art. 1 (Oggetto, limiti e materie del referendum consultivo)

TITOLO I - IL REFERENDUM CONSULTIVO CAPO I - PRINCIPI GENERALI. Art. 1 (Oggetto, limiti e materie del referendum consultivo) REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL REFERENDUM CONSULTIVO E DELLE CONSULTAZIONI POPOLARI (Deliberazioni del Consiglio Comunale nn. 10/19 del 21.01.1999, 102/21 del 07.02.2000, 358/43 del 23.04.2001 e 685/92

Dettagli

COMUNE DI LOIANO CITTA METROPOLITANA DI BOLOGNA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI LOIANO CITTA METROPOLITANA DI BOLOGNA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI LOIANO CITTA METROPOLITANA DI BOLOGNA DELIBERAZIONE N. 80 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE PERIZIA E AFFIDAMENTO LAVORI A GESCO LOIANO SRL PER I NUOVI

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI TORRI DEL BENACO Provincia di Verona Viale F.lli Lavanda, 3 - Cap. 37010 0456205888 - fax 0456205800 P.IVA 00661030239 sito internet: www.comune.torridelbenaco.vr.it e-mail: comune@torridelbenaco.vr.it

Dettagli

C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani

C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 43 del Reg. OGGETTO: approvazione del regolamento per i servizi funebri e cimiteriali DATA: 18.06.2015 L anno

Dettagli

OGGETTO:APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE

OGGETTO:APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE ENTE DI DIRITTO PUBBLICO PARCO VALLE LAMBRO CDG 64 18/12/2014 OGGETTO:APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE L'anno duemilaquattordici

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO VERBALE N. 46 DEL 15.11.2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza di prima convocazione - seduta pubblica COPIA OGGETTO: ESTINZIONE ANTICIPATA

Dettagli