C o m u n e d i S a r r o c h P r o v i n c i a d i C a g l i a r i S e t t o r e S e r v i z i S o c i a l i

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C o m u n e d i S a r r o c h P r o v i n c i a d i C a g l i a r i S e t t o r e S e r v i z i S o c i a l i"

Transcript

1 C o m u n e d i S a r r o c h P r o v i n c i a d i C a g l i a r i S e t t o r e S e r v i z i S o c i a l i Allegato alla determinazione N del - Reg Gen n CAPITOLATO SPECIALE RELATIVO ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E PORTATORI DI HANDICAP, SEGRETARIATO SOCIALE Il presente disciplinare contiene le indicazioni delle prestazioni a carico dell appaltatore, la disciplina del corrispettivo e quella regolante i rapporti contrattuali nascenti dall aggiudicazione dell appalto Il servizio rientra nella categoria 25, CPC 93 (servizi sanitari e sociali) dell allegato II B del D Lg 167/2006; CODICE IDENTIFICATIVO CIG Per quanto afferisce le modalità di pagamento si rinvia al bando di gara del presente capitolato ART 1 - OGGETTO DELL APPALTO Oggetto del presente appalto è la prestazione del Servizio di Assistenza Domiciliare in agli anziani e portatori di handicap residenti nel Comune di Sarroch, in conformità con quanto previsto dall art 15 della L 328/2000 inerente la Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali e la LR 23/2005 sul Sistema integrato dei servizi alla persona Abrogazione della legge regionale n 4 del 1988 (Riordino delle funzioni socio-assistenziali) ART 2 - DURATA DELL APPALTO La durata del contratto è di 12 mesi a decorrere dalla data effettiva di inizio del servizio che verrà concordata con il Responsabile del Settore Servizi Sociali presumibilmente dal 01/02/2013 ART 3 IMPORTO DELL APPALTO E AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO L importo complessivo d appalto a base d asta del Servizio di Assistenza domiciliare per anziani e portatori di handicap, segretariato sociali è ,00 (inclusa IVA al 4%) con esclusione delle offerte in aumento, di cui 4500,00 (IVA 21% INCLUSA)per gli oneri della sicurezza NON SOGGETTI A RIBASSO ripartiti nella seguente modalità:

2 Il prezzo orario soggetto solo a ribasso ed esclusa IVA - stabilito per le seguenti figure professionali, di comprovata esperienza biennale, per la gara in oggetto, è il seguente: ASSISTENTE DOMICILIARE DEI SERVIZI TUTELARI 18,25 + IVA orari per i servizi prestati in orario feriale e diurno a ore circa per la durata di mesi dodici; 23,73 + IVA orari e servizi prestati in orario festivo e notturno a 100 ore circa per la durata di mesi dodici AUSILIARIO 16,50+ IVA orari per i servizi prestati in orario feriale e diurno a circa 624 ore per la durata di mesi dodici; EDUCATORE PROFESSIONALE/ ASSISTENTE SOCIALE (qualora dette figure professionali si rendano necessarie) 21,40 + IVA orari per i servizi prestati in orario feriale e diurno con un monte ore presunto pari a 2400 circa per la durata di mesi dodici Il monte ore sopra indicati sono da considerarsi puramente indicativi e possono subire delle variazioni sulla base delle esigenze che possono emergere nel periodo di affidamento del Servizio Si ricorda che, qualora la gara sarà aggiudicata a una ditta che fatturerà con costo di IVA al 21%, esso sarà riparametrato sulla base dell importo effettivamente disponibile I prezzi sono comprensivi di tutti gli oneri a carico dell aggiudicatario per la gestione e l esecuzione, a perfetta regola d arte, del servizio dato in appalto e da svolgersi secondo le modalità e le specifiche indicate nel presente Capitolato Speciale d Appalto e nel progetto presentato in sede di gara Altresì su richiesta della stazione appaltante, qualora si renda necessario per assicurare la continuità dell erogazione del servizio, nelle more dello svolgimento della successiva gara, la Ditta sarà obbligata a prorogare il Servizio, alle medesime condizioni previste nel contratto e per il tempo strettamente necessario all espletamento di una nuova procedura e conseguente aggiudicazione L appalto del Servizio, verrà affidato al soggetto che totalizzerà il punteggio massimo tra l offerta tecnica descrittiva e l offerta economica L amministrazione si riserva di aggiudicare la gara, anche in presenza di una sola offerta valida L aggiudicazione è comunque subordinata alla verifica del possesso dei requisiti richiesti per la partecipazione Il numero degli operatori proposti dovrà essere in numero sufficiente per garantire le finalità e la qualità degli interventi individualizzati Si rende noto che eventuali ribassi o economie derivanti dall espletamento della procedura di gara o altresì dall esecuzione del servizio saranno reimpiegati per un estensione oraria proporzionale del Servizio ART 4 MODALITA DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO E FINALITA Per Assistenza Domiciliare si intende un complesso di interventi e prestazioni di carattere socio-assistenziale, anche temporanei, erogati prevalentemente presso l abitazione dell utente La finalità del servizio è quella di prevenire e rimuovere le situazioni di bisogno e di disagio, favorire l integrazione familiare e sociale, evitare l allontanamento dell utente dal proprio ambiente di vita e supportarlo in relazione alle difficoltà insite nella sua condizione Pertanto, gli obiettivi del servizio sono, in particolare:

3 a) la permanenza dell utente nell ambiente familiare e sociale di appartenenza, riducendo il ricorso a ospedalizzazione impropria ed evitando, per quanto possibile, il ricovero in strutture residenziali; b) cura della persona e dell ambiente domestico, quest ultimo destinato solo a coloro individuati dai Servizi Sociali del Comune; c) conservazione e recupero dell autonomia personale e dello svolgimento delle funzioni e delle relazioni sociali ed il miglioramento della vita di relazione; d) supporto in situazioni di emergenza familiare; e) la prevenzione ed il contrasto dei processi di emarginazione sociale e di condizioni di isolamento, di solitudine e di bisogno, ed il miglioramento della qualità della vita in generale attraverso anche azioni pedagogiche, educative e psicologiche; f) favorire l integrazione scolastica dei portatori di handicap; g) operare per salvaguardare l unicità della persona, intesa nel suo insieme di vita e interessi, attraverso una valutazione multidimensionale della situazione per creare reali presupposti a un miglioramento della qualità della vita; h) attivazione di un adeguato lavoro di rete tra paziente, istituzione e operatori, mediante un efficace azione di indirizzo, invio e segretariato sociale; a) Attività di servizio sociale professionale La ditta aggiudicataria dovrà garantire il servizio con le seguenti figure professionali munite del titolo sotto richiesto: Assistenti Domiciliari e dei servizi tutelari e/o Operatori Socio-Sanitari in possesso del titolo professionale specifico e riconosciuto per legge, le mansioni che rientrano tra i compiti degli ADEST sono quelli elencati nel presente capitolato La ditta aggiudicataria si impegna a dotarsi, sulla base delle esigenze del servizio e previa comunicazione ufficiale relativa alla figura, monte orario e funzioni da espletare da parte della stazione appaltante di altre figure professionali individuate quali: Ausiliario, Assistente sociale/educatore Professionale/Psicologo imputandone la spesa nel medesimo budget d importo d asta specificato all art 3 del presente capitolato La ditta aggiudicataria, si impegna a dotarsi di ulteriore personale qualora dovessero mutare le esigenze e/o il numero degli utenti e durante il periodo di ferie Le sostituzioni del personale potranno essere temporanee o definitive Le sostituzioni temporanee (ferie, malattia, permessi ecc ) e le sostituzioni definitive (es dimissioni ) dovranno essere effettuate con altro personale di pari qualifica, dandone tempestiva comunicazione alla stazione appaltante La ditta si impegna a fornire all ente appaltante i nominativi del personale prima che lo stesso venga immesso nel servizio oggetto d appalto La Ditta aggiudicataria deve provvedere con propria organizzazione alla esecuzione delle prestazioni assumendosi in proprio tutte le responsabilità attinenti la mancata, parziale o inadeguata assistenza agli utenti Le prestazioni del Servizio di assistenza domiciliare socio-assistenziale da garantire sono, in via generale, le seguenti : A) Prestazioni riferite alla persona al proprio domicilio : - aiuto nell attività della persona; - aiuto ad alzarsi dal letto e a rimettersi nel letto; - pulizia e cura personale, compreso prestazioni di podologia (cura e igiene del piede); - vestizione; - assunzione dei pasti; - deambulazione assistita interne/esterna all alloggio;

4 - uso di accorgimenti o attrezzi per lavarsi, vestirsi, mangiare da soli, camminare; - mobilizzazione della persona costretta allettata; - aiuto volto alla tutela igienico-sanitaria; - prestazioni igienico-sanitarie di semplice attuazione complementari alle attività assistenziali; - rilevamento della temperatura e del polso, e assistenza per la corretta somministrazione delle prescrizioni farmacologiche, opportuna segnalazione di sintomi e malattie; - segnalazione agli operatori sociali e sanitari di anormalità evidenziate nel corso delle attività lavorative, e di problemi che comportino interventi e programmi esterni B) prestazioni riferite al contesto di vita dell utente: - aiuto per il governo dell alloggio e per le attività domestiche; - cura delle condizioni igieniche dell alloggio con particolare riferimento a quelle destinate a funzioni primarie ( camera, cucina, bagno ); - cambio e lavaggio della biancheria (il lavaggio della biancheria si intende tramite elettrodomestico fornito dall assistito o dai parenti); - cura del servizio di stireria; - preparazione dei pasti; - acquisto generi alimentari, medicinali, materiali igienico-sanitari; - indicazione sulle corrette norme igienico-sanitarie; - interventi per favorire la promozione, il sostegno e l integrazione sociale a livello familiare ed extra familiare; - stimolo alla comunicatività ed alla socializzazione; - coinvolgimento di parenti, amici, vicini; - rapporti con strutture ricreative e culturali del territorio; - svolgimento di piccole commissioni; - disbrigo pratiche varie; - aiuto nell impostazione ed evasione di pratiche amministrative, pensionistiche e previdenziali di interesse dell utente; - aiuto al mantenimento di abilità (uso telefono, elettrodomestici, autobus, etc ); - accompagnamento dell utente presso strutture sociali e sanitarie per cura, per visite mediche, prelievi, controlli, dialisi, per la tenuta dei contatti con il medico di base e gli operatori sanitari della ASL; - accompagnamento dell utente per attività ricreative e culturali, per l effettuazione della spesa, per il mantenimento dei rapporti parentali, amicali etc, nonché per l accesso ad uffici pubblici e lo svolgimento di pratiche amministrative urgenti e/o indispensabili; - sostegno in caso di ricovero presso strutture sanitarie pubbliche o private ( pulizia personale, cambio e lavaggio biancheria, disbrigo pratiche urgenti, etc) - interventi tesi a ridurre la situazione di solitudine e di emarginazione, quali la compagnia, l aiuto nel favorire le relazioni amicali e parentali, informazione circa i servizi presenti sul territorio); - assistenza scolastica portatori di handicap attraverso accompagnamento presso le strutture scolastiche e assistenza in sede; - assistenza durante i ricoveri ospedalieri; - ogni altra prestazione socio-assistenziale atta a rispondere al bisogno Qualora l utente viva da solo, dovrà essere garantito l ausilio per il governo dell abitazione e delle attività correlate all igiene della stessa In caso invece di convivenza dell assistito con altre persone non fruitrici del medesimo, verrà effettuata solo l igiene della camera dell assistito e dei servizi igienici se utilizzato esclusivamente da quest ultimo

5 In casi particolari, in assenza dei parenti, potranno essere effettuate pulizie eccezionali (vetri, scale, terrazze, lampadari e altro) regolarmente programmate previste all interno dell orario di intervento e quelle straordinarie di inizio intervento in caso di condizioni igieniche precarie C) Prestazioni interagenti con l area sanitaria - Concorrere agli interventi riabilitativi nell area della psichiatria, disagio relazionale, handicap, che comportino attività di semplice attuazione non legate a situazioni di rischio specifico e che siano valutate essenziali all attuazione di un programma di recupero; - Controllo nell assuzione dei farmaci ed effettuazione o cambio di piccole medicazioni su prestazione medica o infermieristica; - Massaggio e frizioni per prevenire piaghe da decubito; - Presentazioni coordinate con quelle di competenza infermieristica che richiede il possesso di specifica qualifica infermieristica; Sono escluse terapie infettive, fleboclisi, cateterizzazione e ogni altra prestazione che richieda il possesso di specifica 1qualifica infermieristica Tali compiti di aiuto possono essere integrativi di un attività avviata da strutture o presidi sanitari di riabilitazione e devono essere seguiti dietro prescrizione medica che indichi i movimenti da svolgere e quelli da evitare D) Segretariato Sociale e interventi tendenti a favorire la vita di relazione, la mobilità, la socializzazione, supporto ad utenti e familiari - Informazione su diritti, pratiche, servizio socio sanitari presenti nel territorio; - Collegamento fra l anziano e i servizi sanitari territoriali; - Ricerca e coordinamento di forme solidaristiche; Rapporti con strutture ricreative e culturali del territorio al fine di favorire il loro utilizzo da parte degli utenti del servizio; - Assistenza scolastica disabili; - Servizio socio educativo sofferenti mentali; - Sostegno per favorire le relazione interpersonali; - Interventi finalizzati all apprendimento da parte dell utente, se parzialmente autosufficiente, o dei suoi familiari delle corrette tecniche operative per la tutela assistenziale del medesimo e per la gestione dell ambiente di vita; - Attività di servizio sociale professionale; - Valutazione del bisogno espresso dalla cittadinanza; - Presa in carico, gestione del caso e attivazione di percorsi assistenziali Gli interventi di cui al punto a), b), c) sono di competenza dell assistente domiciliare Per gli interventi di cui al punto d), in funzione delle attività che si rendessero necessarie, potranno essere individuate le seguenti figure professionali: assistente sociale, educatore professionale, psicologo coordinati dall assistente sociale comunale La Ditta si impegna altresì a mettere a disposizione, nei casi in cui si renda necessario per l espletamento dei servizi suddetti, idoneo autoveicolo, con adeguata copertura assicurativa ART 5 MODALITA ORGANIZZATIVE RUOLI DEI DIVERSI SOGGETTI COINVOLTI NELLA PROGRAMMAZIONE, REALIZZAZIONE, VERIFICA DEL SERVIZIO E MODALITA DI INTEGRAZIONE E RACCORDO Il Servizio di Assistenza Domiciliare per anziani e portatori di handicap svolto dagli assistenti domiciliari e ausiliari deve mantenere caratteristiche di flessibilità nei tempi e nelle

6 modalità di erogazione delle prestazioni, nel rispetto di orari modulati sulle esigenze dell utente Di norma il Servizio viene erogato per un numero massimo di 2 ore giornaliere per utente, da ripartirsi nell arco della giornata (mattina e sera), indicativamente nella fascia oraria ,00 per n6 giorni settimanali (dal lunedì al sabato) Le ore di servizio non sono comunque compatibili ne tra utenti, ne per lo stesso utente tra diversi periodi considerati Il servizio notturno e festivo verrà erogato in favore di particolari situazioni soltanto previa autorizzazione da parte del Servizio Sociale Comunale Prestazioni di servizio inferiori al minimo determinato dall Amministrazione non saranno retribuite ed il corrispettivo sarà detratto dal rateo mensile e daranno motivo all applicazione di penalità, successivamente specificate, costituendo inadempimento contrattuale Potranno essere previste sostituzioni solo in gravi casi di incompatibilità tra utente ed assistente e solo previo consenso del Servizio Sociale Comunale Ogni sostituzione dovrà essere, anticipatamente o tempestivamente comunicata al referente del Comune, unitamente al nominativo del sostituto Dovranno altresì essere previste delle sostituzioni di personale su richiesta del Servizio Sociale Comunale, in caso di problemi di tipo organizzativo, inadeguatezza alla gestione del caso o incompatibilità caratteriale tra assistente ed utente In caso di assenza del personale per malattia questo dovrà essere immediatamente sostituito senza interruzioni del servizio L orario lavorativo per ciascun utente sarà quello fornito dall Assistente Sociale Comunale In caso di particolari esigenze dell utente, quali situazioni straordinarie o di emergenza (ricovero in ospedale, malore etc) è consentita una prestazione superiore a quella concordata, ma di ciò dovrà darsi preventiva comunicazione al Servizio Sociale Comunale, precisando le cause che hanno determinato la necessità, al fine di esplicita autorizzazione da parte di questi ultimi Il servizio di assistenza domiciliare si estende a tutto il territorio comunale, quindi la Ditta garantisce l espletamento del servizio anche nelle zone esterne al centro abitato, che provvederà a raggiungere con mezzi propri Erogazioni superiori alle 2 ore giornaliere possono essere attivate in casi eccezionali (es Assistenza Specialistica) L Ufficio Servizio Sociale fornirà all affidatario, l elenco nominativo degli utenti da assistere Tale elenco iniziale potrà essere modificato in corso di esecuzione del servizio, a seconda delle necessità stabilite dal Comune, senza che per questo l affidatario possa accampare pretese o diritti di sorta Gli interventi di assistenza domiciliare vengono programmati dall Ufficio Servizio Sociale d intesa ed in collaborazione con la Ditta affidataria Le situazioni da prendere in carico vengono pertanto segnalate al Responsabile individuato dalla Ditta che provvede, d intesa con il competente servizio comunale, a stilare una proposta di piano di intervento individualizzato Tale piano comprende, in funzione degli obiettivi assistenziali individuati, l indicazione della durata dell intervento, la quantità di ore da svolgere ed i contenuti dell intervento stesso Le prestazioni vengono, quindi, erogate dall assistente domiciliare secondo il piano di lavoro specifico concordato, che viene sottoposto a verifica mensilmente con il competente ufficio comunale Il Responsabile della Ditta deve, in ogni caso, segnalare al servizio comunale referente ogni ulteriore bisogno rilevato nelle situazioni seguite, proponendo le necessarie modifiche del progetto di intervento individuale

7 La sospensione /chiusura dell intervento è disposta dal Comune, previa valutazione, da parte dell Assistente Sociale, della situazione complessiva del caso Lo stesso provvede a comunicare, in forma scritta, alle persone interessate le decisioni assunte Eventuali osservazioni e reclami da parte degli utenti/parenti saranno raccolti dal Servizio Sociale che provvederà a fare le opportune verifiche sia direttamente sia con il Responsabile della Ditta Le attività di assistenza domiciliare cessano, comunque, in caso di : - richiesta dell utente; - decesso dello stesso; - ricovero definitivo presso strutture residenziali; - qualora vengano meno i requisiti di ammissione Le attività di assistenza domiciliare saranno sospese in caso di: - assenza temporanea dell utente dal territorio - ricovero temporaneo presso strutture ospedaliere e/o socio-assistenziali o socio-sanitarie Resta inteso che il periodo di tempo necessario allo spostamento dell operatore da un luogo d intervento ad un altro, all interno del territorio urbano, sarà a totale carico della Ditta aggiudicataria, pertanto la prestazione di servizio dovrà essere di effettivi sessanta minuti Per quanto attiene il territorio extra urbano verrà computato quale orario di servizio anche il periodo di tempo necessario al trasferimento dell operatore In tale fattispecie però non vanno ricompresi i costi di consumo di vettura, carburante, biglietti/abbonamenti di mezzi pubblici Qualora l espletamento del servizio venga effettuato fuori dal territorio comunale per visite mediche, ricoveri ospedalieri (debitamente autorizzati dal Servizio Sociale Comunale) sarà cura della ditta produrre idonea scheda di rendiconto mensile con allegate le relative pezze giustificative indicando i chilometri percorsi, per il cui compenso la stazione appaltante rimborserà 1/5 del prezzo della benzina al litro, per chilometro percorso È fatto assoluto divieto al personale della Ditta appaltatrice richiedere compensi aggiuntivi agli assistiti per le prestazioni effettuate in nome e per conto del Comune negli orari di lavoro con lo stesso concordati Gli interventi di Segretariato Sociale e di presa in carico degli utenti operati dai professionisti Assistente Sociale/Educatore, svolgeranno la propria attività compatibilmente con gli orari di apertura degli uffici del servizio sociale comunale e comunicati all avvio del servizio sulla base del budget orario individuato e delle necessità esternate in sede di esecuzione dell appalto Gli interventi professionali, erogabili in sede d ufficio, nel territorio comunale (da intendersi comprensivo delle zone periferiche e dell agro) o presso sedi di altri Enti, saranno concordati con gli operatori sulla base delle necessità e delle mansioni assegnate Resta inteso che, sulla base del caso preso in carico, saranno richiesti spostamenti anche nell intero territorio regionale da parte degli operatori designati, al fine della gestione delle pratiche e pertanto delle esigenze di servizio L orario effettivo da considerarsi ai fini di liquidazione delle competenze sarà corrispondente a quello delle attività svolte Resta inteso che il periodo di tempo necessario allo spostamento dell operatore da un luogo d intervento ad un altro, all interno del territorio urbano, sarà a totale carico della Ditta, per gli spostamenti extra urbani valgono le medesime regole riportate nel paragrafo relativo al servizio domiciliare per anziani e portatori di handicap Resta inteso che: Dovranno altresì essere previste delle sostituzioni di personale su richiesta del Servizio Sociale Comunale, in caso di problemi di tipo organizzativo, inadeguatezza alla gestione del caso;

8 In caso di prolungata assenza del personale per malattia questo dovrà essere sostituito al fine di scongiurare disservizi; ART 6 - RAPPORTI CON L ENTE A GARANZIA DELL EFFICIENZA E DELLA QUALITA La Ditta aggiudicataria dovrà comunicare al Comune il nominativo del/dei referente/i designato/i a coordinare le attività oggetto del presente appalto, che dovrà/dovranno essere rintracciabile/i telefonicamente negli orari delle attività (fascia oraria 7,00 20,00) al fine di assicurare le necessarie comunicazioni con il Comune e gli operatori Qualora sorga la necessità è richiesto che il coordinamento, su richiesta del servizio, sia presente in loco e disponibile per incontri urgenti con il servizio entro le 12 ore dalla richiesta effettuata La Ditta aggiudicataria si impegna a presentare ai Responsabili del Settore Servizi Sociali Comunale una apposita relazione a cadenza trimestrale sull andamento dei diversi servizi e le eventuali difficoltà e i progressi conseguiti La qualifica degli operatori che svolgeranno il servizio dovrà essere obbligatoriamente quella richiesta dal presente Capitolato e risultante dall elenco presentato in fase di gara La ditta aggiudicataria dovrà assicurare una continuità dell'intervento determinata dalla presenza degli stessi operatori per tutto l'arco di tempo stabilito per l'affidamento del servizio La momentanea sostituzione dell operatore deve essere fatta con altro operatore ricompreso nell elenco; qualora ciò non fosse possibile, anche per sovrapposizione di orari, può essere utilizzato un operatore non ricompreso nell elenco purché in possesso di una complessiva esperienza lavorativa specifica di almeno due anni I motivi che determinano la momentanea sostituzione dell operatore titolare devono essere comunicati ed esplicitati in modo da permettere una verifica da parte dell Ente appaltante In ogni caso, qualora la ditta, a causa di eventi imprevedibili, non fosse in grado di garantire il servizio, è tenuta ad informare il responsabile del settore servizi sociali del Comune con assoluta urgenza e comunque ripristinare il servizio non oltre il giorno successivo, previa detrazione dal monte ore del servizio non prestato Qualora il servizio sociale comunale dovesse motivatamente accertare che l operatore non si è inserito adeguatamente nell ambito familiare o nel servizio in generale, verrà proposta la sostituzione In caso di sostituzione definitiva dell operatore il servizio sociale e la ditta aggiudicataria concorderanno le modalità della sostituzione prevedendo, in casi particolari, la possibilità della compresenza dei due operatori L appaltatore garantisce l erogazione delle prestazioni e servizi secondo gli standard individuati dal titolo III del DPGR 12/89 e successive modifiche e integrazioni ed in conformità con quanto previsto dalla legge regionale n 23/2005, e del presente capitolato d oneri Spetta alla Ditta aggiudicataria : - garantire funzionalità, adattabilità ed immediatezza di interventi; - assicurare capacità di valutazione e di indirizzo per quanto concerne la tipologia, la qualità e la quantità delle prestazioni, le modalità di attuazione delle stesse, le scansioni operative ed i tempi conseguentemente impiegati; - verificare gli aspetti tecnico-operativi degli assistenti domiciliari; - obbligarsi a far partecipare gli operatori agli incontri che saranno richiesti dal Servizio Sociale comunale quale referente del Comune che svolgerà nei confronti del servizio funzioni di coordinamento e di supervisione tecnica; - ritirare dagli utenti le ricevute dei versamenti effettuati e consegnarle mensilmente all Assistente Sociale

9 - collaborare, nell ambito di una concezione globale ed integrata degli interventi, con i Servizi della ASL, e con i servizi di altri Enti presenti sul territorio, ivi comprese le associazioni o forme organizzate di volontariato; - trasmettere mensilmente, una relazione tecnica sull andamento della gestione del servizio, allo scopo di consentire al Comune la valutazione in merito all efficacia ed efficienza dello stesso con riferimento ai risultati raggiunti e nel contempo riportando nella stessa per ogni singolo caso il monte ore effettuato, la tipologia di prestazione resa e novità e/o variazioni intercorse nella situazione del paziente che possano essere d interesse al Servizio Sociale per una riqualificazione o variazione degli obiettivi e delle azioni; - comunicare per iscritto eventuali inconvenienti che potrebbero determinare limitazioni o disservizi nelle prestazioni contrattuali; - assicurare il trasporto dell utente ove vi sia l esigenza La Ditta curerà la qualificazione del proprio personale con corsi di formazione professionale Gli operatori hanno l obbligo di partecipare agli eventuali incontri di informazione e chiarificazione promossi dal servizio sociale comunale, miranti alla corretta gestione dei rapporti interpersonali con i disabili psico-fisici e con i soggetti anziani Le ore utilizzate e i predetti incontri di informazione e chiarificazione socio-sanitaria non sono retribuite e rimangono a carico dell appaltatore La ditta appaltatrice deve avere un mezzo di trasporto proprio da utilizzarsi in caso di necessità, in regola con le dovute coperture assicurative, per l accompagnamento degli assistiti La stazione appaltante si riserva il diritto di effettuare controlli sul servizio di cui trattasi, negli ambiti e per le competenze attribuitegli dalla legge Il coordinamento sulla programmazione e la gestione generale del servizio verranno espletati, da parte del Comune, attraverso la supervisione tecnico operativa del Servizio sociale Comunale e con verifiche periodiche L appaltatore dovrà fare riferimento al Responsabile del Servizio Sociale Comunale o in sua assenza ai collaboratori del Settore E facoltà dell Ente appaltante, nelle more dell espletamento di un nuovo appalto, stabilire una proroga per il periodo strettamente necessario a espletare una nuova procedura di gara E inoltre facoltà del Comune di Sarroch recedere dal contratto nel caso di soppressione del Servizio, o variazione delle modalità gestionali di esso senza che l aggiudicatario possa vantare alcun diritto di risarcimento o per prestazioni non effettuate ART 7 PERSONALE L aggiudicataria è obbligata ad impiegare, per l espletamento del servizio, personale assunto secondo le disposizioni di legge, e a retribuirlo in misura non inferiore a quella stabilita dal contratto collettivo di lavoro di categoria e ad assolvere tutti i conseguenti oneri, compresi quelli assicurativi e similari L aggiudicataria è tenuta al rispetto del DLgs 626/94 e, in particolare, a dotare il personale di attrezzature antinfortunistiche L aggiudicataria è tenuta all integrale applicazione dell art 37 lett B) del CCNL delle cooperative sociali, secondo il quale: L azienda subentrante nel caso in cui siano rimaste invariate le prestazioni richieste e risultanti nel Capitolato d Appalto, o convenzione, assumerà, nei modi e condizioni previsti dalle leggi vigenti, ferma restando la risoluzione del rapporto di lavoro da parte dell impresa cessante, il personale addetto all appalto o convenzione stessi, salvo quanto previsto al successivo punto D) Le imprese interessate prenderanno preventivi accordi per effettuare il passaggio diretto delle lavoratrici e dei lavoratori addetti all appalto convenzione medesimi La riassunzione del personale da parte

10 della Cooperativa aggiudicataria non potrà essere condizionata dalla adesione dei lavoratori in qualità di soci L aggiudicataria s impegna inoltre a : prevenire e contrastare il fenomeno del turn over data l importanza della massima continuità di rapporto assistenziale; garantire la supervisione e la formazione nonché l aggiornamento del personale; fornire tutti gli operatori di tesserino di riconoscimento L Amministrazione Comunale si riserva la facoltà di indicare all aggiudicataria gli operatori che a loro giudizio non risultassero idonei allo svolgimento del servizio e a definire, in accordo con essa, le modalità del loro avvicendamento L appaltatore si obbliga a garantire la presenza quotidiana del seguente personale: N minimo 7 Assistenti domiciliari e dei servizi tutelari, inquadrati nella IV qualifica funzionale, in possesso del titolo specifico, per un totale di ore circa di servizio feriale e diurno e 100 di servizio notturno e festivo, distribuite nell arco della durata dell appalto N 1 Ausiliari con esperienza in servizi similari a quelli oggetto dell appalto Figure di Educatore professionale/assistente sociale inquadrati nelle rispettive qualifiche funzionali qualora tali figure si rendano necessarie per l espletamento del servizio, per un monte ore di circa 2800 distribuite nell arco della durata dell appalto Il personale dovrà essere in numero adeguato all articolazione dell orario di lavoro e adeguato al numero di utenza Altresì il personale addetto al servizio dovrà essere in possesso di uno dei seguenti titoli: Per la figura di assistente domiciliare: Qualifica di assistente domiciliare e dei servizi tutelari conseguito a seguito di corso regionale per il IV livello; Titolo acquisito e riconosciuto dall Agenzia Regionale del lavoro per il III Livello (sono escluse le qualifiche rilasciate da Enti Privati) Qualificazione o Ri-qualificazione riconosciuta dalla regione di Operatore Socio Sanitario; Per la figura dell Assistente Sociale: Diploma Universitario in servizio sociale, Laurea in servizio sociale o titolo equipollente; Iscrizione all albo professionale degli assistenti sociali (sia sez A che sez B) Per la figura di educatore professionale: Laurea in Scienze dell educazione o titolo equipollente; Si richiede che il personale sopra indicato abbia comprovata esperienza biennale, in servizi oggetto del presente appalto Non sono ammessi operatori che non siano in possesso dei titoli richiesti L appaltatore è tenuto a trasmettere all Ufficio Servizio Sociale del Comune, prima della stipula del contratto, l elenco nominativo del personale del quale si avvarrà per l espletamento del servizio, allegando: - Titolo di studio; - Titolo professionale; - Curriculum Vitae - Certificato medico attestante l idoneità all impiego rilasciato dal medico competente L Amministrazione si riserva la facoltà di richiedere all aggiudicataria variazioni in più o in meno, rispetto al monte ore preventivamente stimato per adeguarlo alle esigenze del servizio, alle stesse condizioni offerte in sede di gara L Amministrazione Comunale si riserva la facoltà di destinare l eventuale ribasso d asta per l integrazione del monte ore previsto dal presente capitolato

11 L affidatario solleva il Comune da qualsiasi obbligo e responsabilità per retribuzione, contributi assicurativi, previdenziali ed in genere tutti gli obblighi derivanti dalle disposizioni legislative e regolamentari in materia di lavoro e di assicurazioni sociali, assumendone a proprio carico tutti gli oneri relativi, per cui nessun rapporto diretto con il Comune potrà mai essere configurato Il Comune è esonerato da ogni responsabilità per danni, infortuni o altro che dovessero accadere al personale dell affidatario, per qualsiasi causa nell esecuzione del servizio, intendendosi al riguardo che ogni eventuale onere è già compreso nel corrispettivo del contratto L affidatario risponde pure per danni alle persone o alle cose che potrebbero derivare al Comune per il fatto dell affidatario medesimo e dei suoi dipendenti nell espletamento del servizio e si obbliga a stipulare allo scopo idonea assicurazione, sollevando il Comune da qualsiasi controversia che al riguardo venisse mossa L'appaltatore, in particolare, a pena di decadenza dal contratto, dovrà: 1 iscrivere i propri dipendenti agli enti o istituti previdenziali ed assistenziali, per i quali l'iscrizione è prevista obbligatoriamente dalle norme vigenti 2 corrispondere il trattamento economico previsto nel contratto collettivo nazionale di lavoro della categoria, sia a favore di soci che di dipendenti La stazione appaltante inoltre, in ottemperanza a quanto previsto dalla legge regionale n 3 del 05 Marzo 2008, art 6, comma 8, si impegna ad attivare le idonee procedure di verifica dell applicazione dei contratti di lavoro degli operatori dell appaltatore e contestualmente la regolarità dei versamenti previdenziali e assicurativi a favore degli stessi lavoratori Tutti gli operatori dovranno frequentare, al di fuori dell orario di lavoro e senza alcun compenso da parte del Comune, corsi di aggiornamento sui temi inerenti le attività da svolgere con l utenza Il Comune si riserva di chiedere i documenti relativi alla formazione dai quali dovranno risultare: gli argomenti trattati, durata, agenzia formativa, partecipanti Tutti gli operatori dovranno partecipare almeno a due corsi all anno Gli operatori dovranno inoltre partecipare, con oneri a carico della Ditta, alle riunioni di pianificazione, definizione e verifica degli interventi disposti dal Servizio Sociale, in via ordinaria con cadenza trimestrale ed in via straordinaria ogni qualvolta dovesse ravvisarsi la necessità da parte del Servizio Sociale Inoltre, su specifica segnalazione da parte del servizio sociale professionale riguardanti le attività formative attinenti all attività svolta, la Ditta si impegna a garantire la partecipazione del personale individuato Le ore destinate alla partecipazione alle riunioni saranno a totale carico della Ditta ART 8 CARTELLA E SCHEDA UTENTE Per ogni utente del servizio di assistenza domiciliare deve essere predisposta idonea cartella contenente i principali dati personali socio-economici e familiari La cartella conterrà copia del piano d intervento individuale, il tipo di intervento e di prestazioni erogate, gli operatori incaricati, i tempi previsti Sulla cartella andranno registrati l andamento degli interventi ed ogni variazione del piano di lavoro La cartella è predisposta dall Ufficio Servizio Sociale comunale, in collaborazione con il Responsabile della Ditta affidataria, e conservata agli atti del predetto servizio Ogni operatore addetto all assistenza, inoltre, dovrà quotidianamente far firmare all utente la scheda personale, opportunamente predisposta dal Servizio Sociale comunale, riportandovi le precise prestazioni fornite ad ogni utente, l orario di inizio e di fine lavoro effettivamente prestato (non approssimativo) e il nome degli operatori impegnati

12 Le schede individuali debitamente compilate, dovranno essere sottoscritte dall assistito o da un proprio familiare, vistate dal Responsabile della Ditta affidataria ed inviati in originale al Comune mensilmente, all atto della presentazione della fattura Art 10 ULTERIORI DISPOSIZIONI SUL PERSONALE L affidatario si impegna ad impiegare il personale in modo continuativo e secondo le esigenze del servizio e a comunicare tempestivamente e per iscritto, motivandola con documentazione probante, ogni variazione che dovesse verificarsi in corso di esecuzione del contratto L affidatario è obbligato ad adibire al servizio operatori fissi e, in caso di astensione, per qualsiasi motivo, dal lavoro di personale continuativamente assegnato, è tenuto ad assicurare la continuità e regolarità delle prestazioni provvedendo all immediata sostituzione dell assistente domiciliare assente con personale in possesso dei necessari requisiti, entro e non oltre le 12 ore successive L affidatario deve provvedere a proprie spese a dotare il personale del corredo più idoneo all espletamento del servizio e ogni altro materiale di cui si indicheranno la necessità La Ditta appaltatrice dovrà altresì provvedere in caso di assenze, dovute a qualsiasi causa o motivo, alle opportune sostituzioni o integrazioni con personale avente pari qualifica, senza che ciò dia titolo ad ulteriori compensi L appaltatore deve comunque dare al servizio sociale tempestiva comunicazione della sostituzione e dei motivi che l hanno determinata Gli operatori dovranno essere muniti, a cura e spese della Ditta, di pass di riconoscimento appuntato in maniera visibile, contenente: nome, cognome, fotografia, ditta di appartenenza L affidatario è tenuto ad osservare il trattamento economico e normativo vigente per tutto il personale utilizzato, nei modi e termini di legge e dei contratti nazionali di lavoro L affidatario deve trasmettere, su richiesta del Comune, copia della documentazione comprovante il versamento dei contributi previdenziali ed assicurativi effettuato per il proprio personale, fermo restando la facoltà, per il Comune stesso, di richiedere direttamente opportuni accertamenti in merito ai competenti uffici Qualora risulti che l affidatario non abbia ottemperato a qualcuno degli obblighi suddetti, il Comune ha la facoltà di operare una trattenuta cautelativa sulle fatture da liquidare pari al 20% del corrispettivo mensile, fino ad avvenuta regolarizzazione Resta inteso, in ogni modo, che il Comune rimane del tutto estraneo ai rapporti, ivi compreso qualsiasi vertenza economica e/o giuridica, che andranno ad instaurarsi fra l affidatario ed il personale dipendente La ditta appaltatrice è obbligata a pagare il personale dipendente e/o in convenzione entro il giorno 15 del mese successivo alla prestazione resa Art 11 COMPORTAMENTO E DOVERI DEGLI OPERATORI Il personale utilizzato deve essere di assoluta fiducia e di provata riservatezza, attenendosi scrupolosamente al segreto d ufficio La Ditta si impegna a garantire la riservatezza delle informazioni riguardanti l utente e la sua famiglia I rapporti tra il personale ed i destinatari del servizio devono essere improntati al reciproco rispetto, esprimersi nelle forme di un comportamento deontologicamente corretto anche nei confronti dei colleghi di lavoro e dell Amministrazione Comunale Gli Assistenti domiciliari e dei servizi tutelari devono attenersi a quanto segue: - far firmare agli utenti le schede individuali relative al servizio prestato; - avvertire il Coordinatore del servizio (che a sua voltà avviserà il Servizio Sociale Comunale) dell eventuale assenza dell utente; - non apportare modifiche né all orario di lavoro né al calendario assegnato; - partecipare alle riunioni periodiche di servizio per la programmazione e la verifica del lavoro svolto

13 - partecipare ai corsi di aggiornamento Detto personale dovrà mantenere un contegno riguardoso e corretto nei confronti dell assistito, verso il quale sarà sollecito e rispettoso, in modo da garantirgli serenità e sicurezza Il servizio dovrà essere reso anche in presenza di particolari patologie o condizioni disagiate dell utente E fatto divieto assoluto al personale della Ditta di accettare alcuna forma di compenso, di qualsiasi natura, da parte degli utenti o loro parenti Il Comune può in qualunque momento richiedere alla Ditta, esponendo per iscritto le motivazioni, la sostituzione momentanea o definitiva di quello operatore rivelatosi causa accertata di grave disservizio o accertato malcontento da parte degli assistiti e dimostri di perseverare negli stessi comportamenti pregiudizievoli L appaltatore si impegna a richiamare, multare e, se è il caso, sostituire i dipendenti che non osservino una condotta irreprensibile Le richieste del Comune in questo senso saranno impegnative per l appaltatore ART 12 MODALITA DI PAGAMENTO Il pagamento dei corrispettivi sarà effettuato secondo le modalità in uso presso l Amministrazione Comunale di Sarroch, a seguito di presentazione di regolari fatture mensili presentate dall aggiudicataria, previa attestazione di regolarità del servizio svolto dagli operatori preposti del Comune di Sarroch Assieme alla fattura l aggiudicataria dovrà produrre: il rendiconto mensile delle ore effettuate presso ogni singolo destinatario del servizio, attestante le reali prestazioni rese e recante la firma del coordinatore dell organizzazione aggiudicataria e dei beneficiari (o del familiare di riferimento); la relazione mensile sulle attività svolte per ciascun utente il documento attestante i dati necessari per la richiesta del DURC da parte dell Ente (N dipendenti, tipologie di contratto applicato, numero di matricola INPS, Numero di Matricola INAIL) Si specifica altresì a tal proposito che nella fattura va riportato il numero di impegno di spesa previsto all atto dell aggiudicazione, pena ritardi nella liquidazione delle stesse La stazione appaltante procederà alla liquidazione di quanto dovuto previa verifica della regolarità del servizio svolto e contestualmente una volta acquisito il Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) attestante l inesistenza di irregolarità in relazione agli adempimenti contributivi come previsto dalla normativa vigente in materia La mancata rendicontazione determinerà automaticamente la sospensione dei pagamenti Le fatture verranno liquidate con apposito provvedimento del Responsabile del Settore entro sessanta giorni Per i pagamenti uguali o superiori agli 10000,00 l Amministrazione Comunale prima di effettuare il pagamento provvederà a verificare che la Ditta Aggiudicataria non risulti inadempiente nei confronti dell Equitalia, con le procedure di cui al Decreto 18/01/2008 n 40 del Ministero del Lavoro e delle Finanze ART 13-OBBLIGHI DELLA DITTA AGGIUDICATARIA La ditta aggiudicataria si obbliga a stipulare, a favore degli operatori, idonee assicurazioni al fine di coprire i rischi da infortuni e/o danni provocati durante l'esercizio delle prestazioni oggetto del presente capitolato con un massimale di almeno Euro ,00

14 L aggiudicatario è altresì obbligato a stipulare polizza assicurativa di copertura dei rischi di infortunio e di responsabilità civile per gli assistiti destinatari del presente appalto La ditta aggiudicataria si impegna ad osservare tutte le disposizioni di legge sulla prevenzione degli infortuni degli operatori impiegati nel servizio, nonché sul divieto di intermediazione e interposizione nelle prestazioni di lavoro, e libera sin d'ora l'amministrazione comunale da qualsiasi responsabilità derivante da eventuali infortuni sul lavoro e/o da ogni altro danno che potesse derivare dall'espletamento del servizio in appalto Trattandosi di un Servizio di pubblico interesse, la Ditta aggiudicataria assicura e garantisce l erogazione delle prestazioni di cui al presente Capitolato sempre e in ogni caso, anche in presenza di agitazioni sindacali, vertenze aziendali, ecc nella misura prevista da eventuali accordi in applicazione della normativa sui servizi definiti come essenziali La Ditta aggiudicataria ha l'obbligo di osservare, oltre le norme del presente capitolato, le norme in vigore o emanate in corso d'opera e che disciplinano i contratti di servizio, la prevenzione e l'infortunistica, i contratti di lavoro, le assicurazioni sociali, le norme sanitarie, nonché le leggi antinquinamento e le norme della sicurezza sul lavoro (DLgs 81/08 e successive modificazioni e integrazioni) e ogni altra disposizione normativa applicabile al servizio di cui trattasi La ditta aggiudicataria si impegna ad operare in linea con i principi della tutela fisica e psichica dei cittadini e nel rispetto dei diritti individuali A tal fine la ditta aggiudicataria si impegna a presentare prima dell inizio del servizio una dichiarazione del legale rappresentante attestante la regolarità in riferimento alle norme che disciplinano il diritto al lavoro dei disabili, nonché apposita certificazione rilasciata dagli uffici competenti dalla quale risulti l ottemperanza alle norme di cui all art 17 L n 68 del La Ditta aggiudicataria si impegna a comunicare entro 10 giorni dall inizio del servizio il nominativo del responsabile ai sensi del D Lgs n 196, e del personale della ditta che materialmente ha accesso ai dati sensibili, dando atto che l attività di trattamento dei dati avverrà sotto la diretta sorveglianza e le indicazioni stabilite dalle Amministrazioni Comunali La Ditta aggiudicataria dovrà fornire a tutto il personale tutte le attrezzature necessarie per l espletamento degli interventi, in particolare: 1 Tesserino di riconoscimento con fotografia, nome dell operatore e della Cooperativa di appartenenza; Inoltre, alle assistenti domiciliari andrà fornito: 2 camici bianchi e divise (da utilizzare elusivamente all interno delle abitazioni degli utenti); 3 mascherine, se necessario; 4 guanti in lattice monouso; 5 ogni materiale utile alle disposizioni sulla sicurezza del personale ART 14 DEPOSITO CAUZIONALE DEFINITIVO Il deposito cauzionale definitivo, costituito secondo le modalità previste dal Bando di Gara per la costituzione del deposito cauzionale provvisorio, è a garanzia del corretto adempimento di tutti gli obblighi derivanti dall appalto, del risarcimento dei danni, nonché delle spese che eventualmente l Amministrazione Comunale dovrà sostenere a causa dell inadempimento o dell inesatto adempimento degli obblighi da parte dell aggiudicataria La cauzione definitiva è restituita al termine del contratto, previa attestazione da parte del responsabile del Settore Servizi Sociali, circa il regolare svolgimento delle prestazioni dedotte nello stesso ART 15 -VERIFICHE E CONTROLLI

15 Il Servizio Sociale Comunale sovrintenderà alla programmazione delle attività e all organizzazione delle stesse e verificherà, contestualmente, l andamento del servizio L affidataria si obbliga a garantire l effettivo adempimento delle prestazioni secondo le modalità stabilite dall Ufficio di Servizio Sociale e ad accettare le eventuali variazioni che possono intervenire e che verranno comunicate entro tre giorni dal loro verificarsi Il predetto Ufficio si asterrà comunque dal fare qualsiasi osservazione diretta ai dipendenti dell aggiudicataria, rivolgendo le osservazioni verbali o per iscritto direttamente al Coordinatore dell aggiudicataria, il cui nominativo dovrà essere comunicato all Amministrazione comunale all atto dell attivazione del servizio Tutte le contestazioni per inadempienze fatte in contraddittorio con il predetto incaricato, avranno lo stesso valore come se fossero fatte direttamente all aggiudicataria L aggiudicataria può senz altro avanzare per iscritto proposte di eventuali modifiche o integrazioni relative alle metodologie o modalità di intervento e quant altro ritenuto utile per l esecuzione di un servizio sempre migliore Le proposte di cui sopra verranno valutate dall Amministrazione comunale ed eventualmente attuate L Amministrazione Comunale vigilerà sull andamento del servizio, anche nella sede di lavoro Attraverso l ufficio servizio sociale o anche con interventi diretti di appurarne il corretto svolgimento Per quanto riguarda il rispetto delle condizioni igienico-sanitarie, esse saranno sottoposte a verifiche periodiche secondo le modalità di cui all art 24, comma 9 ed art 25, comma 2 del DPGR 12/89 e successive modifiche e integrazioni ART 16 SOSPENSIONE DEL SERVIZIO Il servizio contemplato nel presente Capitolato, non può essere sospeso, abbandonato o non eseguito per nessun motivo In caso di sospensione, abbandono o comunque non esecuzione, anche parziale di tale servizio, il Responsabile del Settore Servizi Sociali procederà, previa diffida a mezzo fax, alla richiesta di immediata riattivazione fatto salvo, in ogni caso, il risarcimento dei danni subiti Nell ipotesi prevista dal comma precedente, fatta salva l applicazione delle penali contrattuali ed il risarcimento del maggior danno subito, nel caso in cui si ravvisi il configurarsi nel fatto medesimo degli estremi di reato previsto dall art 340 CP il Responsabile del Settore Servizi Sociali segnalerà il fatto alla competente Autorità Giudiziaria ART 17 ASSICURAZIONE INFORTUNI E DANNI L aggiudicataria si impegna a disporre di adeguata copertura assicurativa per i danni che possono derivare ai beni, agli utenti, agli operatori o che questi possono arrecare a persone o alle cose durante l espletamento del servizio, esonerando le Amministrazioni Comunali coinvolte da ogni responsabilità al riguardo Prima della stipulazione del contratto dovrà essere consegnata al Comune di Sarroch Responsabile del Settore Servizi Sociali copia della polizza di responsabilità civile stipulata dall aggiudicataria per massimali idonei all oggetto dell appalto In ogni caso per ottenere il rimborso delle spese e la rifusione dei danni che dovesse a qualsiasi titolo sopportare, il Responsabile del Settore Servizi Sociali potrà rivalersi, mediante trattenute, sui crediti dell'aggiudicataria o sul deposito cauzionale che dovrà, in ogni caso, essere immediatamente reintegrato L appaltatore risponderà direttamente e sarà civilmente e penalmente responsabile, dei danni arrecati alle persone o alle cose comunque provocati nell esecuzione del servizio, restando a suo completo ed esclusivo carico qualsiasi risarcimento, senza diritto di rivalsa o di compensi da parte del Comune, salvi gli interventi da parte di società assicuratrici presso le quali l appaltatore abbia eventualmente contratto apposita polizza

16 ART 18 TRATTAMENTO DEI DATI Informativa di cui all art 13 del DLgs 196/2003 Titolare del trattamento è il Comune di Sarroch Il Responsabile del trattamento è individuato nel Responsabile del Settore Servizi Sociali Assistente Sociale Specialista Dottssa Tomasina Mulvoni I dati forniti dalle ditte partecipanti alla gara sono utilizzati solo ed esclusivamente per le finalità strettamente connesse all attività dell Ente locale e in particolare per lo svolgimento della presente gara d appalto Per poter partecipare alla gara il conferimento dei dati è obbligatorio; il mancato conferimento dei dati richiesti comporta l esclusione della ditta partecipante La conservazione dei dati avviene tramite documenti cartacei e/o informatici Ulteriori informazioni sull appalto, possono essere richieste ai seguenti numeri telefonici: 070/ / / ; oppure via fax al numero 070/ ; e- mail: ART 19 RISERVATEZZA Tutti i documenti e i dati che sono prodotti dall aggiudicataria nell ambito delle attività di appalto sono di proprietà del Comune di Sarroch L aggiudicataria deve mantenere riservata e non divulgare a terzi estranei, ovvero impiegare in modo diverso da quello occorrente per realizzare qualsivoglia attività contemplata nello stesso, che non sia resa nota direttamente dal Comune ovvero la cui divulgazione non sia precedentemente autorizzata dagli stessi L aggiudicataria, con la sottoscrizione del contratto, si impegna altresì a non utilizzare a fini propri o comunque non connessi con l espletamento dell appalto, i dati personali venuti in suo possesso nel corso dell esecuzione del contratto L aggiudicataria tratterà i dati personali di cui verrà a conoscenza nell esecuzione del contratto in qualità di titolare ai sensi della legge 196/2003, assicurandone il rispetto di tutte le prescrizioni con gli obblighi civili e penali conseguenti ART 20 SUBAPPALTO E AFFIDAMENTO DI SERVIZIO A TERZI E vietato subappaltare il servizio assunto sotto la comminatoria dell immediata risoluzione del contratto e la perdita della cauzione a titolo di risarcimento danni, salvo maggiori danni accertati ART 21 DIVIETO DI CESSIONE E' vietata la cessione totale o parziale del presente contratto, a pena di risoluzione di diritto dello stesso ART 22 PENALI In caso di parziale o totale inadempimento degli obblighi assunti, l aggiudicataria, oltre all obbligo di ovviare entro il termine stabilito dal Comune all infrazione a esso contestata ed al pagamento degli eventuali maggiori danni subiti dal Comune e/o dagli utenti a causa dell inadempimento e fatte salve le eventuali conseguenze penali, è tenuta al pagamento di una penalità di importo variabile a seconda della tipologia dell inadempimento e/o del ritardo nell adempimento Si riportano di seguito, a titolo esemplificativo, alcune tipologie di penali previste per inadempimenti e/o ritardi nell esecuzione del servizio Il Comune di Sarroch Responsabile del Settore Servizi Sociali si riserva in ogni caso la facoltà di applicare penali per i casi non contemplati nel seguente elenco, entro la somma massima di Euro 500,00, procedendo a specifica valutazione delle singole situazioni rilevate: progetti di intervento elaborati in modo non congruente con il progetto presentato in sede di gara: 500,00;

17 utilizzo di personale con qualifiche professionali non corrispondenti a quanto previsto dal presente capitolato: 500,00; ingiustificato ritardo nella presentazione del progetto di intervento: 500,00; ripetuta e ingiustificata sostituzione (più di quattro operatori nel corso dell anno): 350,00; interruzioni del servizio non concordate con il Comune: 250,00; mancato rispetto delle modalità previste dal capitolato di comunicazione all autorità giudiziaria: 400,00; mancata comunicazione relativa a eventi straordinari accaduti nel corso dell esecuzione del servizio: 300,00; omessa o tardiva comunicazione del personale impiegato per lo svolgimento del servizio: 300,00; mancato rispetto della procedura relativa alla presentazione della rendicontazione degli interventi e della documentazione del servizio: 250,00; mancata comunicazione dell avvenuta variazione della sede referente: 150,00; mancato rispetto delle modalità e degli obblighi relativi alla comunicazione esterna: 200,00; mancato utilizzo da parte del personale del tesserino di riconoscimento: 50,00 Le penali di cui al precedente comma sono applicate in misura doppia nel caso di recidiva specifica L applicazione della penale deve essere preceduta da regolare contestazione dell inadempimento, a mezzo di raccomandata con ricevuta di ritorno, da effettuarsi a cura del Comune di Sarroch Responsabile del Settore Servizi Sociali entro 10 (dieci) giorni dall accertamento dell inadempimento L aggiudicataria ha facoltà di presentare, anche a mezzo fax, le proprie controdeduzioni, entro 10 (dieci) giorni dal ricevimento della raccomandata Le suddette controdeduzioni saranno valutate dal Responsabile del Settore Servizi Sociali del Comune di Sarroch Il Comune di Sarroch Responsabile del Settore Servizi Sociali procede all applicazione delle penali, mediante ritenuta diretta sul corrispettivo nel quale è assunto il provvedimento definitivo di applicazione della penale Verificandosi deficienze od abuso nell adempimento degli obblighi contrattuali ed ove l aggiudicataria regolarmente diffidata, non ottemperi agli ordini ricevuti e nei tempi indicati, Il Comune di Sarroch Responsabile del Settore Servizi Sociali avrà la facoltà di rivolgersi ad altra impresa del settore per fare eseguire d ufficio, a spese dell aggiudicataria, quanto necessario per il regolare adempimento del servizio, fatta salva l applicazione delle penali contrattuali ed il risarcimento del maggior danno subito dal Comune ART 23 RECESSO Resta salva la facoltà del Comune di Sarroch Responsabile del Settore Servizi Sociali di recedere dal contratto, anche se è stata iniziata la prestazione del servizio, salvo il pagamento a favore dell aggiudicataria delle spese sostenute, delle prestazioni eventualmente eseguite e di un corrispettivo pari al 10% (dieci per cento) dell importo contrattuale annuo a titolo di mancato guadagno e di risarcimento del danno Il Comune di Sarroch ha diritto di recedere dal Contratto con un preavviso di 30 giorni da comunicarsi alla Ditta aggiudicataria con lettera raccomandata A/R nei seguenti casi: Grave dissesto economico e finanziario della Ditta aggiudicataria;

18 Perdita dei requisiti minimi richiesti per la partecipazione alla gara pubblica attraverso la quale la Ditta si è aggiudicato il Contratto, nonché dei requisiti richiesti per la stipula del Contratto medesimo; Condanna, con sentenza passata in giudicato per delitti contro la Pubblica Amministrazione, siano assoggettati alle misure previste dalla normativa antimafia,taluno dei componenti l organo di amministrazione, o l amministratore delegato, o il direttore generale o il responsabile tecnico della Ditta aggiudicataria; Ogni altra fattispecie che faccia venir meno il rapporto di fiducia instaurato con il Contratto fra l Ente appaltante e la Ditta aggiudicataria La Ditta aggiudicataria dovrà, comunque proseguire il Servizio la cui interruzione o sospensione possono provocare danno al Servizio stesso In caso di recesso dell Amministrazione Comunale, l aggiudicatario ha diritto al pagamento dei servizi prestati, purché eseguiti correttamente, secondo il corrispettivo e le condizioni contrattuali, rinunciando espressamente a qualsiasi ulteriore ed eventuale pretesa, anche di natura risarcitoria, ed a ogni ulteriore compenso o indennizzo e/o rimborso delle spese, anche in deroga a quanto previsto dall art 1671 cod civ ART 24 RISOLUZIONE DEL CONTRATTO Salvi i casi di risoluzione per inadempimento previsti dalla Legge, la stazione appaltante ha facoltà di risolvere il contratto di diritto, ai sensi e per gli effetti dell art 1456 cc, salvo ogni rivalsa per danni e l applicazione delle penali di cui al precedente art 17, nei seguenti casi : a) Recidiva specifica per gli inadempimenti di cui all art 22; b) Qualora l impresa per sua grave negligenza dia motivo di non avvio o interruzione del servizio; c) Qualora le penali computate a norma dell art 17 superino il 10% dell importo contrattuale; d) Cessione del contratto; e) Subappalto, anche parziale, del servizio oggetto dell appalto; f) Grave violazione della normativa in materia di sicurezza sul lavoro, ovvero grave inosservanza delle disposizioni in materia di assolvimento degli oneri retributivi, previdenziali, assicurativi e similari La risoluzione del contratto è notificata dall Ente appaltante, tramite lettera raccomandata con avviso di ricevimento ART 25 ESECUZIONE IN DANNO Considerata la particolare natura delle prestazioni, la stazione appaltante si riserva la facoltà di affidare a terzi l effettuazione delle prestazioni per qualsiasi motivo non rese dall aggiudicataria con addebito dell intero costo sopportato e dell eventuale danno e ciò senza pregiudizio, ove ne ricorrano gli estremi, per l applicazione di quanto previsto all art 17 del Capitolato ART 26 FALLIMENTO E SUCCESSIONE Il fallimento dell aggiudicataria comporta lo scioglimento del contratto, ovvero del vincolo giuridico sorto a seguito dell aggiudicazione definitiva, salva la speciale disciplina prevista dall art 94 del DPR , n 554 che si intende qui integralmente richiamata ART 27 COSTITUZIONE IN MORA Tutti i termini e le comminatorie contenute nel presente Capitolato operano di pieno diritto senza obbligo per il Comune di costituzione in mora dell aggiudicataria

19 ART 28 FORO COMPETENTE Eventuali controversie che dovessero insorgere in dipendenza del presente Capitolato o del conseguente contratto, saranno definite dall Autorità Giudiziaria del Foro di Cagliari ART 29 SPESE IMPOSTE E TASSE Tutte le spese, imposte e tasse inerenti al contratto, quali quelle di quietanza, diritti fissi, di segreteria, di scritturazione e di carta bollata, ivi compresa l imposta di registrazione saranno a carico dell organizzazione aggiudicataria Per quanto riguarda l IVA si fa espresso rinvio alle disposizioni di legge in materia IL RESPONSABILE DEL SETTORE AS Dottssa Tomasina Mulvoni

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale Da riportare su carta intestata Mod. 1 sez A Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ENTI DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 14 PER

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli