CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO"

Transcript

1 COMUNE DI CABRAS SERVIZI SOCIALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E AGGREGAZIONE ANZIANI Codice CIG B1 1

2 ART. 1 Oggetto dell appalto L appalto ha per oggetto il servizio di Assistenza Domiciliare e Aggregazione anziani. Il Servizio di Assistenza Domiciliare erogato nell ambito del territorio comunale di Cabras, è costituito dal complesso delle prestazioni di natura socio-assistenziale destinate agli utenti che presentano evidenti problemi determinati da una condizione di non completa autosufficienza. Le prestazioni sono rese, di norma, presso il domicilio dell utente o in altro luogo indicato dal Servizio Sociale Comunale, con l obiettivo e lo scopo di favorire la permanenza dei soggetti interessati nel proprio ambiente di vita garantendo il coinvolgimento della rete familiare e parentale, convivente e non. Il Servizio di Aggregazione Anziani si propone di promuovere le relazioni e l integrazione sociale e culturale tra persone anziane, in particolare sole, e di queste con altre fasce di età omogenee, sia nella comunità di Cabras che nel territorio. Il Servizio di Aggregazione Anziani si svolge presso la struttura comunale ubicata in Via Matteotti snc. Art. 2 - Durata dell appalto L appalto ha durata triennale (3 anni), a far data dalla stipula del contratto. Ai sensi dell'art. 57 comma 5 lett. b) del D.Lgs. 163/06, nei tre anni successivi alla stipulazione del contratto potranno essere affidati mediante procedura negoziata senza previa pubblicazione di un bando di gara per un periodo massimo di tre anni, nuovi servizi consistenti nella ripetizione di servizi analoghi già affidati all'operatore economico aggiudicatario del contratto iniziale, conformemente al progetto oggetto del presente capitolato. L'Ente si riserva inoltre, nelle more dello svolgimento delle ordinarie procedure di scelta del contraente, nella misura strettamente necessaria, di procedere alla proroga tecnica del servizio, intesa come acquisizione in economia di servizi agli stessi patti, prezzi e condizioni del contratto scaduto. E inoltre facoltà dell Amministrazione procedere all affidamento, ai sensi dell art. 57, comma 5, lettera a) del D.Lgs , n. 163 e ss.mm.ii. e dell art. 39 della L.R , n. 5 e ss.mm.ii., di servizi complementari, non compresi nel progetto iniziale né nel contratto iniziale, che a seguito di una circostanza imprevista sono divenuti necessari per l esecuzione dei servizi oggetto del presente appalto. Art. 3 - Destinatari Come affermato nel Regolamento del Servizio di Assistenza Domiciliare approvato con Delibera del C.C. n 2 del 18/02/2011: Destinatari del SAD sono persone anziane (ultrasessantacinquenni) o adulti inabili che, a causa di ridotte capacità funzionali, non sono in grado di provvedere autonomamente alle proprie necessità quotidiane e che fanno domanda di accesso al Servizio. Sono destinatari del Servizio di Assistenza Domiciliare: i soggetti totalmente e permanentemente non autosufficienti cioè incapaci di provvedere a se stessi; i soggetti parzialmente e permanentemente non autosufficienti (affetti da patologie croniche irreversibili ); i soggetti temporaneamente non autosufficienti (a seguito di eventi patologici acuti suscettibili di modificazioni positive con temporanea perdita, parziale o totale, di abilità fisiche e/o psichiche). Sono destinatari del Servizio di Aggregazione Anziani: le persone anziane sole e con ridotte relazioni sociali e tutte le persone segnalate dai Servizi Sociali. Art. 4 - Canone d appalto 2

3 L importo a base d asta è il seguente: 1) Importo annuale complessivo: ,58 al netto dell IVA; 2) Importo triennale complessivo: ,76 al netto dell IVA, distinti come segue: A) Servizio Assistenza Domiciliare: Importo annuale netto ,55, IVA esclusa; Importo triennale netto ,66, IVA esclusa; B) Servizio Aggregazione Anziani: Importo annuale netto ,03, IVA esclusa; Importo triennale netto ,10, IVA esclusa; PROSPETTO RIEPILOGATIVO SAD Totale netto IVA 4% Totale lordo ANNUALE , , ,26 TRIENNIO , , ,78 PROSPETTO RIEPILOGATIVO SERVIZIO AGGREGAZIONE Totale netto IVA 4% - 20% Totale lordo ANNUALE , , ,80 TRIENNIO , , ,40 Non sono ammesse offerte in aumento. Il canone d appalto sarà soggetto a revisione prezzi a partire dal 2 anno, secondo quanto previsto dall art. 115 del D. Lgs. 163/2006. La revisione verrà operata sulla base di una istruttoria condotta dal Responsabile del servizio sulla base dei dati di cui all art. 7, comma 4, lett. C e comma 5 del medesimo D.Lgs. 163/2006. Art. 5 Finalità, Obiettivi e Prestazioni Il Servizio di Assistenza Domiciliare persegue le seguenti finalità ed obiettivi: La tutela della salute psico-fisico-relazionale degli anziani, prioritariamente di quelli allettati, e delle persone non autosufficienti o parzialmente tali, all interno della propria famiglia e comunità di appartenenza e delle proprie reti di relazioni; La prevenzione dell insorgere o dell acuirsi di rischi e/o danni alla salute degli anziani e delle persone che vivono sole o in famiglie prive o carenti di una adeguata tutela psico-fisicorelazionale. La valorizzazione delle risorse familiari e della rete istituzionale e sociale delle persone e nuclei familiari in carico al Servizio, delle persone con problemi di autonomia psicofisico-relazionale, favorendone la permanenza nel loro ambiente di vita; rafforzare i processi di autonomia e di mantenimento delle capacità residue delle persone in carico al Servizio, favorendo il loro recupero, anche parziale, sul piano psicofisico e relazionale, evitando la cronicizzazione delle situazioni di dipendenza e di isolamento sociale, operando per il mantenimento dei livelli di capacità residua, Con l obiettivo di: Rispondere alle necessità di aiuto socio-assitenziale delle persone/cittadini e famiglie che non sono in grado di accudire se stesse e/o i loro congiunti; Alleviare il carico assistenziale delle famiglie con persone non-autosufficienti o parzialmente autosufficienti; Integrare il Servizio, le azioni, gli interventi e le prestazioni, con quelle erogate da altri 3

4 Servizi locali e/o del territorio per creare sinergie e relazioni stabili in funzione di percorsi di aiuto specifici; Sviluppare qualitativamente il Servizio anche con azioni innovative e di monitoraggio, oltre che con il costante/periodico aggiornamento professionale. Il Servizio di Assistenza Domiciliare SAD, prevede l erogazione delle seguenti prestazioni socio- assistenziali: a) Prestazioni alla persona: aiuto per l igiene personale, aiuto per il bagno anche dell Utente allettato, aiuto per l alzata, la vestizione, il posizionamento e la postura sia a letto che in carrozzina, aiuto per i piccoli spostamenti all interno dell abitazione, aiuto nell assunzione dei pasti, aiuto e nel movimento di arti invalidi su indicazioni del fisioterapista; b) Prestazioni rivolte alla cura dell ambiente: controllo sull igiene dell ambiente ed eventuale aiuto per il recupero e mantenimento della stessa, aiuto nel governo della casa, controllo guardaroba. c) Prestazioni rivolte all esterno: cura di pratiche assistenziali di vario tipo, riscossione di pensioni (previa autorizzazione scritta dell interessato, dei familiari o dell Assistente Sociale referente), rapporti con i medici curanti, operatori sanitari di base, ospedalieri, ecc. d) Cura delle relazioni: interventi tesi ad attivare, rafforzare, stimolare i rapporti di relazione ed aiuto della famiglia, del vicinato, del volontariato, di tutte le risorse ed opportunità formali ed informali presenti sul territorio. Nel SAD, l intervento dell assistente domiciliare è inserito in un programma individualizzato e finalizzato al sostegno, alla prevenzione, alla modifica di comportamenti e stili di vita pregiudizievoli o semplicemente dannosi per il ben-essere degli utenti interessati, in stretta collaborazione con tutti i servizi coinvolti nella gestione del caso. In particolare gli interventi si articolano nelle seguenti aree: 1) Aiuto e coinvolgimento per il governo della casa : Riordino del letto e della stanza; Pulizia dei servizi e dei vani dell alloggio ad uso dell utente e dallo stesso utilizzati, curando l areazione e l illuminazione dell ambiente; Cambio della biancheria; Lavaggio della biancheria e del vestiario dell utente mediante lavatrice in dotazione dell utente stesso; Spesa e rifornimenti; Preparazione dei pasti ed eventuale pulizia delle stoviglie; 2) Aiuti atti a favorire e/o mantenere l autosufficienza nell attività giornaliera: Alzare l utente dal letto; Curare, sollecitare e controllare l igiene della persona (aiuto per il bagno, l igiene del cavo orale e delle orecchie, pulizia delle unghie e la cura della persona in generale); Prevenzione delle piaghe da decubito; Vestizione; Aiuto nell assunzione dei pasti; Aiuto nell uso di accorgimenti o attrezzi per lavarsi, vestirsi, mangiare da soli, camminare ecc; Accompagnamento per visite mediche e cura del rapporto con il medico di base e con i familiari rispetto ai quali, la sostituzione è giustificata solo in assenza dei medesimi; Supporto nella gestione del denaro. 3) Supporto alla vita e alla rete di relazione nonché agli interventi di tipo sociale 4

5 La prestazione riguarda gli interventi da effettuare per conservare alla persona, compatibilmente con il suo livello di autonomia, le relazioni interpersonali e sociali con il contesto in cui vive, facendole superare stati di passività e di rinuncia, ed in particolare: Accompagnamento e spostamenti sul territorio per le commissioni quotidiane (spesa, medico, terapie ecc.) con mezzi pubblici o messi a disposizione dai Comuni; Facilitazione dei contatti con i centri sociali anziani e/o altri centri di aggregazione presenti sul territorio e stimolo alla partecipazione alle diverse attività proposte dai suddetti centri e ogni altra iniziativa che venga dal territorio; Informazione (anche attraverso la lettura di quotidiani e riviste varie o con commenti di eventi riportati dai media; Promozione, laddove è possibile, delle relazioni di buon vicinato; Facilitazione e stimolo delle relazioni tra la persona (l anziano) e la famiglia. L Operatore ha l obbligo di segnalare al Coordinatore del Servizio ogni evento, bisogno, esigenza relativa all Utente assistito al fine di consentire la tempestiva attivazione di ogni intervento necessario a garantire un assistenza puntuale e qualificata all Utente. L Operatore deve anche essere in grado di valutare quali informazioni devono essere date tempestivamente ai familiari dell Utente e quali devono essere riferite, con priorità, al Coordinatore del Servizio. La valutazione di cui sopra è facilitata dalla elaborazione di un Piano Assistenziale Individuale (P.A.I.) dove saranno esplicitate le competenze, gli interventi a cura dell Operatore e le fasce orarie in cui dovranno essere erogati e gli interventi a cura dei familiari. Il P.A.I. è elaborato dall equipe del Comune composta da: il Responsabile del Servizio e/o dall Operatore Sociale che ha in carico il singolo Utente, dal Coordinare del Servizio dell impresa sociale aggiudicataria dell appalto e dall Operatore che seguirà a domicilio l Utente, integrata dal MMG (se necessario il suo coinvolgimento in fase di preparazione dell intervento) e/o da un familiare oltre, chiaramente, all Utente stesso. Sarà cura dell Operatore aggiornare, ad ogni accesso, la Cartella Sociale dell Utente. Resta a cura del Coordinatore effettuare periodiche riunioni mensili con gli Operatori al fine di monitorare il buon funzionamento del Servizio. A seguito di ciascun incontro copia del report o del verbale dell incontro dovrà essere consegnato all Operatore Sociale Referente del caso. Il Servizio di Assistenza Domiciliare dovrà, inoltre, integrarsi con i programmi sperimentali di intervento inseriti nel Fondo Regionale per la Non Autosufficienza, istituito dall art. 34 della L.R. n 2/2007, quali: L. 162/98, Ritornare a casa, Interventi immediati che, di frequente, prevedono una gestione mista diretta, con operatore (di norma generico) individuato dall Utente o dai suoi familiari, indiretta, con l integrazione del SAD per le prestazioni assistenziali erogate da personale qualificato (OSS). Servizio di Aggregazione Anziani: Il Servizio di Aggregazione anziani persegue le seguenti finalità ed obiettivi: Promuovere le relazioni sociali e socio-culturali tra persone anziane, in particolare sole, e di queste con quelle di altre classi di età omogenee, sia nella comunità di Cabras che del territorio circostante. Promuovere, nelle medesime persone, l arricchimento socio-culturale in un ottica di educazione permanente. Obiettivi generali: migliorare le relazioni sociali e culturali delle persone anziane, in particolare sole, sia nella comunità di Cabras che nel territorio o altrove, anche attraverso Enti e Istituzioni pubbliche e private. favorire e promuovere l aggregazione in gruppi di auto-aiuto di e tra persone anziane, volte ad azioni di solidarietà e inclusione sociale. 5

6 Le finalità e gli obiettivi sopra individuati vengono perseguiti dall Amministrazione Comunale e dall Impresa Sociale aggiudicataria anche in collaborazione con altri Servizi Sociali e/o Associazioni locali e territoriali anche Private che gestiscono Servizi di rilevanza socio-culturale. Le Azioni del Servizio di Aggregazione Anziani per il perseguimento degli obiettivi e finalità suddette, dovranno essere articolate, implementate e sviluppate come segue: Promuovere, organizzare e sostenere azioni socio-culturali, di educazione permanente di gruppi di persone anziane e di queste con quelle di altre classi d età, con la comunità di appartenenza e con il territorio circostante. Favorire l animazione di gruppi di anziani in iniziative e laboratori socio-culturali e creativi, mediante attività di scambio di studio e di ricerca all'interno della cultura locale e di altre culture, includendo l'esperienza stessa della conoscenza, dell'apprendimento e della creazione di strumenti ideativi ed espressivi, comunicativi e di socializzazione con la comunità. Art. 6 Tempi e modalità di intervento In coerenza con i criteri già definiti all interno del Regolamento del Servizio di Assistenza Domiciliare, approvato con Delibera del C.C. n 2 in data 18/02/2011, il SAD sarà erogato secondo i tempi e le modalità di seguito indicate: Il Servizio di Assistenza Domiciliare sarà erogato ogni giorno dell anno, in base alle esigenze ed ai bisogni dell Utente, per un massimo di 8 ore la settimana, in relazione alle risorse disponibili per il triennio ed a eventuali risorse aggiuntive rese disponibili in bilancio. Il Servizio di Aggregazione anziani sarà erogato cinque giorni la settimana per 12 mesi all anno, escluse feste e ferialità, fatte salve eventuali modifiche determinate da esigenze espresse dagli Utenti, concordate con il Responsabile del Servizio Sociale sulla base degli indirizzi Politico Istituzionali forniti dall Amministrazione comunale, nonché dalla effettiva disponibilità del bilancio. Per entrambi i Servizi citati, le prestazioni erogate fuori dall orario stabilito, rese necessarie per cause di forza maggiore o per imprevedibili urgenze, dovranno essere preventivamente autorizzate ed eseguite nel rispetto delle leggi e relativi regolamenti, compensate sulla base degli importi previsti dal CCNL vigente. Art. 7 Localizzazione e modalità di intervento Le prestazioni assistenziali previste dal Servizio di Assistenza Domiciliare devono essere svolte, di norma, presso il domicilio degli Utenti in carico, ovvero, presso le strutture dove gli stessi dovessero recarsi per ragioni di cura o per prestazioni sanitarie immediate o di breve durata, ovvero in strutture ospitanti gli stessi per un tempo stabilito, preventivamente autorizzato dal Responsabile del Servizio Sociale comunale, sulla base delle esigenze dell Utente e della sua situazione familiare (assenza o presenza di una rete familiare adeguata, ect.). L aggiudicataria, pertanto, si obbliga ad accompagnare gli Utenti presso le strutture socio-assistenziali, sociosanitarie e/o sanitarie, con proprio automezzo, qualora richiesto dall Ufficio di Servizio Sociale, prevedendo, allo scopo, apposito rimborso spese compreso nell importo posto a base d asta dell appalto. L Ente Locale provvederà a liquidare, con apposito atto, dietro presentazione di regolare fattura, le spese sostenute. Le attività/azioni svolte all interno del Servizio di Aggregazione Anziani saranno effettuate principalmente presso la struttura adibita a Centro Aggregazione, sita in via Matteotti o, eventualmente, in altra struttura individuata dall Amministrazione, nonché in ogni altro luogo, anche all aperto, allo scopo individuato, in relazione alle attività da realizzare. Art. 8 Personale: definizione dei ruoli e delle competenze Il personale impiegato nell espletamento del servizio di Assistenza Domiciliare, in numero non inferiore a 10 unità, è il seguente: 6

7 N 2 Assistenti Domiciliari e dei Servizi Tutelari (ADEST), con qualifica conseguita attraverso corso regionale riconosciuto; N 8/9 Operatori Socio Sanitari (OSS), in possesso di qualifica conseguita attraverso idoneo e riconosciuto corso regionale. Il personale impiegato nell espletamento del servizio di Aggregazione è il seguente: N 1 Animatori in possesso di diploma ad indirizzo educativo e con qualifica conseguita attraverso corso regionale. E inoltre richiesto all aggiudicataria la disponibilità del seguente personale: N 1 Assistente Sociale con funzioni di Coordinatore del Servizio; N 1 addetto al Segretariato Sociale con formazione amministrativo-contabile. L ADEST è una figura professionale con adeguata qualifica documentata mediante attestato di conseguimento di appositi percorsi professionali. I compiti dell ADEST sono così individuati: Incentiva lo sviluppo dell autonomia personale; Favorisce l autosufficienza nelle attività quotidiane; Presta aiuto per l igiene personale agli Utenti non autosufficienti; Prepara e somministra i pasti tenendo conto delle eventuali diete seguite dagli Utenti in carico; Presta aiuto per l igiene degli ambienti e degli spazi di vita; Provvede al disbrigo di semplici pratiche e commissioni e accompagna l Utente per le visite mediche o per disbrigo pratiche burocratiche; Favorisce, nei limiti del possibile, l integrazione sociale dell Utente mediante lo sviluppo di relazioni positive con il vicinato, i familiari, i parenti, gli amici, le associazioni di volontariato e culturali presenti nel territorio e con altri gruppi locali; Collabora con le eventuali altre figure professionali, quali: medico di base, infermiere, psicologo, assistenti sociali, educatore, volontari, etc. che, per ragioni diverse ruotano attorno all Utente. Sostanzialmente l ADEST interviene con l obiettivo principale di migliorare le condizioni e la qualità di vita delle persone in condizione di bisogno, prestando aiuto e assistenza con interventi diretti alla persona sia dal punto di vista fisico che psicologico e favorendo il massimo grado di autonomia personale. L Operatore Socio Sanitario (OSS), possiede competenze sia in ambito sociale sia in ambito sanitario a seguito di specifica formazione professionale. E in grado di svolgere attività indirizzate al soddisfacimento di bisogni primari della persona e a favorirne il benessere e l autonomia. La professione è riconosciuta a livello nazionale ma la formazione specifica è di competenza delle Regioni che provvedono all organizzazione di corsi e delle relative attività didattiche nel rispetto delle disposizioni di legge. I compiti dell OSS sono, invece, così descritti: Collaborare con le altre figure professionali e con la famiglia al fine di soddisfare i bisogni primari della persona; Assistere l Utente nello svolgimento delle attività domestiche; Effettuare i necessari interventi igienico sanitari; Agevolare la persona ed i suoi familiari nell accesso alle risorse ed ai servizi socio sanitari presenti sul territorio; Collaborare con altre figure professionali in interventi di riabilitazione e attività di socializzazione. Questa figura si differenzia dall ADEST, di cui mantiene buona parte delle attività operative, in quanto prioritariamente impegnata in prestazioni rivolte a soggetti in condizioni di non 7

8 autosufficienza ed in tutte le situazioni in cui si ritiene necessaria una maggiore integrazione operativa con la dimensione sanitaria. Tutti gli Operatori coinvolti negli interventi di domiciliarità dovranno: Conoscere i compiti degli altri Operatori e la specificità della professionalità di ciascuno al fine di garantire armonia e integrazione professionale, soprattutto sotto il profilo operativo; Conoscere lo Statuto ed i Regolamenti degli Enti per i quali lavorano e attenersi agli accordi fissati tra i Responsabili delle parti coinvolte (es.: Comune e Impresa Sociale); Curare costantemente l aggiornamento per svolgere la propria professionalità con competenza, in modo sempre più mirato e adeguato alle novità ed ai mutamenti dei processi assistenziali; Mantenere il segreto professionale ed il rispetto della privacy dei cittadini (Utente e suoi familiari); Proporsi all Utente ed ai suoi familiari con atteggiamento di apertura e disponibilità evitando inutili quanto pericolose relazioni confidenziali, entrando in un adeguato rapporto empatico ma garantendo la giusta distanza, soprattutto emotiva, dall Utente e dai suoi familiari; Presentarsi, anche fisicamente, in modo appropriato al tipo di attività svolta: evitare trucchi pesanti, unghie lunghe e smaltate o, addirittura, l uso di unghie finte rimovibili. Ciò al fine di garantire un adeguato livello di igiene non solo nell Utente ma anche, e in particolare, nell Operatore. Allo stesso modo è richiesto, obbligatoriamente, l uso di una divisa, casacca e pantaloni, uguale per tutti gli Operatori, pulita e in ordine, che differenzi l ADEST dall OSS. Ai sensi della Legge sulla sicurezza negli ambienti di lavoro, sono richieste scarpe adeguate da utilizzare nell abitazione degli utenti, durante l espletamento delle proprie funzioni. Alla ditta aggiudicataria del Servizio appaltato, è richiesto di individuare un Coordinatore, Assistente Sociale, con provata esperienza nel settore e con adeguate competenze anche amministrative, al quale affidare il compito di referente della Ditta nei rapporti con l Ente appaltante e con gli Utenti del Servizio. Egli deve assumere, pertanto, il ruolo organizzativo del Servizio in coerenza con le disposizioni contenute nel presente Capitolato e nel Regolamento del Servizio già approvato dal competente organo Consiliare con propria Delibera n 2 del 18/02/2011. Per garantire il migliore svolgimento di tale attività è chiesto al Coordinatore di poter garantire la propria presenza presso l Ente appaltante secondo un piano orario che tenga conto delle esigenze organizzative del servizio stresso. Il Coordinatore ha il compito di curare, in modo particolare, i seguenti aspetti: Il monitoraggio del budget di ore assegnato, di solito parametrato su base settimanale, organizzato per giorni prestabiliti e per fasce orarie, in relazione ai bisogni di ciascun Utente; Il monitoraggio del P.A.I. con particolare attenzione alle modifiche e variazioni dei bisogni al fine di effettuare con sollecitudine una rimodulazione, se necessario, del Piano e delle risorse attribuite in una logica di ottimizzazione delle risorse disponibili; L attribuzione dei compiti assegnati agli Operatori impegnati nel Servizio in coerenza con le indicazioni fornite dal P.A.I.; L organizzazione del lavoro e degli interventi che consenta l attivazione di percorsi e modalità atti a garantire l attivazione di interventi tempestivi ed immediati anche in situazione di emergenza sia in relazione ad Utenti già in carico, sia in relazione a nuove situazioni; Le modalità attuative dei Piani Personalizzati garantendo l obiettivo della continuità del rapporto tra l Utente e l Operatore assegnato, salvo diversa indicazione del Responsabile del Servizio Sociale comunale; Tempi di attivazione degli interventi; Modalità di introduzione dell Operatore presso le famiglie ed i nuclei nei quali deve operare; 8

9 Modalità di sostituzione del personale temporaneamente assente, specificando il numero di unità a disposizione per effettuare e garantire le sostituzioni, la qualifica degli stessi ed i tempi di attivazione; Modalità e strumenti per la verifica, il monitoraggio e la valutazione degli interventi. Il Coordinatore deve, altresì, provvedere a fornire alla stazione appaltante, idonea rendicontazione mensile del Servizio svolto. Art. 9 Coordinamento interno e organizzazione del lavoro Alla Ditta aggiudicataria è richiesto, come sopra evidenziato, un Assistente Sociale con esperienza nel settore, con funzioni di Coordinatore per conto dell aggiudicataria che collaborerà con il Responsabile del Servizio Sociale del Comune, e con gli altri Operatori coinvolti, nella organizzazione del Servizio. Tutti gli operatori assistenziali, nell espletamento delle loro funzioni, sono coordinati dall operatore suddetto, il quale, in collaborazione e su indicazione del Responsabile del Servizio Sociale comunale o di altro funzionario incaricato dal medesimo, pianifica i servizi, determinando e attuando: Nuove ammissioni; Variazioni nei singoli piani d intervento; La valutazione di processo e di risultato e il controllo di gestione del servizio; La programmazione e l organizzazione generale del servizio e supervisione dello stesso; Controllo delle prestazioni eseguite dai singoli operatori, relativamente al rispetto dell orario, alla qualità delle prestazioni erogate, al grado di soddisfazione degli utenti. Art. 10 Orario del servizio L orario di servizio svolto dagli operatori deve essere caratterizzato da un alto livello di flessibilità in dipendenza dei bisogni dell utenza assistita e da eventuali situazioni emergenza. Di norma si collocano nella fascia oraria 07,00 e 21,00 dal lunedì al sabato. In relazione a gravi situazioni di bisogno, il servizio può essere articolato anche in orario festivo ma solo ed esclusivamente in situazioni di particolare urgenza e per periodi limitati nel tempo. La valutazione dell intervento non deve essere antieconomica per l Ente che diventerebbe immediatamente non rispondente ai bisogni dell Utente in quanto, l esiguità della disponibilità finanziaria, costringerebbe ad una immediata interruzione dell intervento. In presenza di eventi eccezionali, imprevedibili ed urgenti, l aggiudicataria dovrà garantire l attivazione tempestiva del Servizio di Assistenza Domiciliare. La stessa è altresì responsabile dell attuazione degli interventi previsti nei Piani Personalizzati di cui garantisce, attraverso il suo Coordinatore, la piena attuazione nel rispetto degli indirizzi ricevuti dal Responsabile del Servizio Sociale comunale in sede di equipe e, in particolare dall Operatore sociale del Comune, referente del caso. Qualsiasi variazione, pertanto, dovrà essere concordata con la struttura organizzativa di riferimento dell Ente Locale. Art. 11 Formazione, supervisione e controlli La garanzia della continuità e della formazione professionale del personale impiegato per il servizio di assistenza domiciliare sono ritenuti elementi qualitativi di particolare rilevanza. All aggiudicataria è richiesto di assicurare, con cadenza almeno annuale, l aggiornamento professionale del proprio personale mediante la partecipazione ad occasioni di formazione e riqualificazione. 9

10 Il Comune esercita sull aggiudicataria le proprie funzioni di indirizzo e controllo attraverso il suo Responsabile del Servizio Sociale. Tuttavia, nell ambito della propria autonomia organizzativa, l aggiudicatario sarà responsabile del conseguimento dei risultati ad esso assegnati nell ambito del rapporto contrattuale, meglio regolamentato dal presente Capitolato. L aggiudicataria, pertanto, è tenuta a garantire il raccordo con le strutture operative con le quali entra in contatto nella realizzazione del Servizio, attraverso il proprio Coordinatore, il cui nominativo deve essere comunicato alla stazione appaltante all atto dell aggiudicazione del Servizio posto a gara unitamente al suo curriculum. L aggiudicatario, inoltre, è tenuto a comunicare, prima dell avvio della gestione del Servizio, l elenco dei nominativi del personale assegnato a ciascun Servizio oggetto del presente capitolato, nonché dei nominativi di coloro che dovranno effettuare le eventuali sostituzioni dei titolari. Il Coordinatore incaricato dall aggiudicataria, pertanto, dovrà, senza nulla pretendere: Partecipare alle riunioni di equipe realizzate per la predisposizione dei Piani Personalizzati nonché ad ogni altra iniziativa utile e necessaria per lo svolgimento del Servizio; Presentare al Responsabile del Servizio Sociale l elenco nominativo degli Operatori ed i curricula vitae dei medesimi, nonché il nominativo di coloro che effettueranno le sostituzioni; Assicurare l attivazione degli interventi nei tempi, con le modalità e la frequenza concordati al momento della elaborazione del PAI garantendo, al bisogno (malattia, ferie, altro) le necessarie sostituzioni con tempestività prevista e la sostituzione del personale che non dovesse risultare idoneo allo svolgimento delle prestazioni o dannoso all equilibrio del servizio attuato; Garantire la continuità degli operatori impiegati nel periodo di durata del contratto. L interruzione del rapporto di continuità degli operatori in servizio, salvo nel caso di comprovata negligenza, potrà essere giustificata solo dalla loro personale espressa rinuncia al rapporto, da documentare e giustificare nei confronti del Responsabile del Servizio, prima della loro sostituzione con Operatori di pari qualità professionale. L affidataria si impegna, inoltre, a: Assicurare i rapporti di collaborazione con i competenti livelli operativi del Servizio Sociale Comunale; Dotare il personale di strumenti di riconoscimento e di idoneo abbigliamento da lavoro, calzature comprese, in ottemperanza alle norme sulla sicurezza, D.Lgs n 81/2008 e ss.mm.ii.; Fornire al personale in servizio gli obiettivi affidati a ciascun Operatore in relazione ai singoli Piani di intervento con evidenziato: orario di inizio e termine di ogni intervento. Il riscontro sull attività svolta verrà effettuata sulla base delle schede mensili riepilogative facenti parte della Cartella Sociale dell Utente. Unitamente alle schede di cui sopra, il Coordinatore dovrà stilare anche la scheda di rendicontazione degli interventi effettuati nel mese da consegnare al Responsabile del Servizio Sociale comunale a corredo della fattura per gli opportuni controlli, pregiudiziali alla liquidazione delle spettanze dovute per il periodo di riferimento. Art. 12 Obblighi a carico dell aggiudicataria L aggiudicataria dovrà: Predisporre tutto quanto necessario per avviare il Servizio nei termini che saranno fissati dall a stazione appaltante; Garantire la fedele esecuzione del servizio e organizzare le risorse (umane) necessarie all esecuzione dello stesso secondo le indicazioni di cui al presente capitolato; Garantire la disponibilità del personale nel numero e con la qualifica professionale e/o esperienza lavorativa idonea all espletamento del servizio oggetto del presente appalto; Sollevare la stazione appaltante da ogni obbligo e responsabilità inerente il rapporto di lavoro del personale impiegato nello svolgimento delle attività previste dal presente capitolato, 10

11 compresi gli obblighi e le responsabilità per retribuzioni, contributi assicurativi e previdenziali ed in genere da tutti gli obblighi risultanti dalle disposizioni legislative e regolamenti in materia di lavoro e di assicurazioni sociali, assumendone a proprio carico tutti gli oneri e le responsabilità relative. L aggiudicataria, inoltre, dovrà: - Dimostrare che il personale occupato per la realizzazione del Servizio viene regolarmente retribuito e che sono regolarmente versati i contributi previdenziali e assistenziali dovuti; - Osservare nei confronti dei propri dipendenti le norme in materia di trattamento economico previsto dai contratti collettivi del settore, anche dopo la scadenza dei contratti stessi e fino alla loro sostituzione; - Ottemperare a tutti gli obblighi verso i propri dipendenti e/o collaboratori previsti dalle leggi vigenti sulle assicurazioni sociali e alle disposizioni legislative e regolamentari in materia di lavoro; Il personale addetto dovrà essere sottoposto a tutte le visite previste dalla medicina preventiva del lavoro. L aggiudicataria è l unica responsabile dell osservanza di tutte le disposizioni relative all assunzione dei lavoratori, alla tutela infortunistica e sociale degli operatori addetti ai servizi affidati, oggetto del presente Capitolato. E facoltà del Comune di Cabras condurre verifiche presso gli Istituti di Assicurazione Sociale le varie posizioni contributive degli addetti. Il Comune di Cabras si riserva altresì il diritto di controllare attraverso i competenti organi dello Stato che l assunzione del personale impiegato nei servizi sia conforme alla normativa vigente. L assunzione del personale dipendente in inottemperanza alla normativa vigente e la mancata assicurazione degli stessi presso gli enti previdenziali ed assistenziali determina ipso iure la risoluzione del Contratto nonché la segnalazione alle autorità competenti. Oltre alla rendicontazione mensile, citata all Art. 11, essenziale per l aggiudicataria ai fini dell elaborazione della fattura e, per il Comune, per l espletamento dei necessari controlli sul servizio svolto, che precede ogni liquidazione, la presentazione, con scadenza semestrale (entro il 30 giugno ed entro il 31 dicembre di ciascun anno), la relazione generale sul Servizio di Assistenza Domiciliare e sulle attività svolte presso il Centro di Aggregazione anziani. Art. 13 Obblighi del personale impiegato nella erogazione del servizio Per l esecuzione del Servizio di cui al presente capitolato l aggiudicataria utilizzerà personale qualificato, dotato di professionalità atta a garantire il corretto svolgimento del servizio, nel rispetto della normativa vigente. Il personale assegnato ai Servizi dovrà tenere un comportamento improntato al rispetto, all educazione, alla correttezza e professionalità. L aggiudicataria dovrà, inoltre, assicurare che il proprio personale: Sia munito di idoneo cartellino di riconoscimento; Mantenga il segreto e la totale riservatezza di fatti e circostanze di cui sia venuto a conoscenza durante l espletamento del servizio (nel rispetto dei limiti e delle condizioni di cui al D.Lgs 196/03 e ss.mm.ii.). L aggiudicataria è responsabile del comportamento del proprio personale e delle inosservanze alle prescrizioni del presente capitolato. Art. 14 Corrispettivi I compensi saranno corrisposti in ratei mensili posticipati, calcolati sulla base delle ore di servizio effettivamente prestate, dietro presentazione di regolare fattura corredata da un rendiconto riepilogativo dei singoli interventi effettuati nel mese precedente, come previsto dal presente capitolato. 11

12 L importo complessivo del Contratto è pari a ,76 al netto dell IVA, per il triennio dal 01/08/2011 al 31/07/2014 ripartiti come segue: Assistenza Domiciliare: Importo triennale ,66, al netto dell IVA per un numero di ore di servizio pari a circa ,09 ore nel triennio, comprensivi di 669,18 al netto dell IVA nel triennio, quale rimborso spese per materiali e strumenti di consumo e rimborso costo carburante per l accompagnamento degli utenti del Servizio di Assistenza Domiciliare presso strutture sanitarie e/o assistenziali, con mezzo dell aggiudicataria; Aggregazione Anziani: ,10 al netto dell IVA per un numero di ore di servizio pari a circa 1950 ore nel triennio, comprensivi di ,53 al netto dell IVA nel triennio, quale rimborso spese per materiali, strumenti di consumo e attività, nonché rinnovo polizza assicurativa del Centro Aggregazione. Nel costo del Servizio di Assistenza Domiciliare sono anche compresi gli oneri riferiti al Coordinatore del Servizio per conto dell Aggiudicataria e dell Amministrativo per lo svolgimento delle funzioni di segretariato sociale. Per il Servizio di Assistenza Domiciliare e Aggregazione Anziani la tariffa oraria del personale coinvolto è soggetta ad adeguamento in relazione al CCNL vigente. I relativi importi verranno liquidati mensilmente, in rate posticipate, dietro presentazione di regolare fattura, con allegato il prospetto economico mensile debitamente vistata dal Responsabile del Servizio o dal Responsabile del Procedimento e previo rilascio del D.U.R.C. da parte dello sportello unico previdenziale territorialmente competente. Il mancato rilascio del D.U.R.C. o il rilascio di un D.U.R.C. irregolare comportano la sospensione dei pagamenti e la ditta non può vantare il pagamento di un suo credito in alcun modo. L Amministrazione ha facoltà di sospendere i pagamenti all aggiudicatario nel caso siano constatate inadempienze e fino alla loro regolarizzazione, nel caso in cui pervengano pignoramenti e/o sequestri delle somme a favore di terzi, in ogni altro caso in cui il pagamento risulti pregiudizievole per l Amministrazione o nei confronti di terzi. Gli eventuali ritardi nei pagamenti non daranno diritto alla Ditta di richiedere la risoluzione del contratto. Art. 15 Modalità di pagamento Il Comune di Cabras, quale corrispettivo per le prestazioni eseguite in ottemperanza al Contratto, corrisponderà mensilmente all aggiudicataria, nel mese successivo a quello di riferimento, la somma derivante dal costo orario per operatore moltiplicato per il numero di ore effettivamente richieste ed erogate per ciascuno dei due servizi, dietro presentazione di regolare fattura alla quale andrà allegata la documentazione indicata nel precedente art. 14 di cui al presente Capitolato. Ogni fattura verrà vistata per regolarità dal Responsabile del Procedimento o dal Responsabile del Servizio Sociale comunale. Art. 16 Obblighi assicurativi L aggiudicataria si assume la responsabilità, senza riserve ed eccezioni, di ogni danno che può derivare alla stazione appaltante o a terzi, cose o persone per fatti connessi al Servizio. Per quanto sopra indicato l aggiudicataria dovrà contrarre idonea assicurazione contro i rischi inerenti le diverse fasi di esecuzione del Servizio. L aggiudicataria dovrà disporre di una idonea polizza per RCT che copra ogni rischio derivante dalla esecuzione del Servizio. La stazione appaltante è inoltre esonerata da ogni responsabilità per danni, infortuni o altro, comprese le attività in itinere che dovessero accadere al personale impiegato dalla stazione appaltante, durante l esecuzione del servizio, convenendosi a tale riguardo che qualsiasi eventuale onere è da intendersi già compreso o compensato nel corrispettivo del servizio. A tale riguardo dovrà essere stipulata idonea polizza RCO (responsabilità civile prestatori d opera o di lavoro). 12

13 Art. 17 Cauzione L aggiudicatario è obbligato a costituire una garanzia fideiussoria nella misura stabilita dall art. 113 del D.Lgs. 163/2006. La garanzia fideiussoria, prevista con le modalità di cui all articolo 75, comma 3 del D. Lgs n 163 del 2006, deve prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, la rinuncia all eccezione di cui all art. 1957, comma 2, del codice civile, nonché l operatività della garanzia medesima entro quindici giorni, a semplice richiesta scritta della stazione appaltante. Tale cauzione viene posta a garanzia dell esatto adempimento degli obblighi derivanti dal presente capitolato, dell eventuale risarcimento di danni, nonché del rimborso delle spese che il Comune dovesse eventualmente sostenere durante la gestione a causa di inadempimento dell obbligazione o cattiva esecuzione del servizio da parte dell appaltante, ivi compreso il maggior prezzo che il Comune dovesse pagare qualora dovesse provvedere, in caso di risoluzione del contratto per inadempienze dell appaltante, a diversa assegnazione del servizio aggiudicato all appaltante. Resta salvo per il Comune l esperimento di ogni altra azione nel caso in cui la cauzione risultante insufficiente. La mancata costituzione della garanzia determina la revoca dell affidamento. Art. 18 Disposizioni in materia di sicurezza L appaltatore, al fine di garantire la sicurezza sui luoghi di lavoro, dovrà attenersi strettamente al D. Lgs. 626 del e successive modificazioni ed integrazioni. Inoltre, dieci giorni prima dell inizio del servizio dovrà presentare all amministrazione comunale copia del documento redatto ai sensi dell art. 4 del summenzionato decreto. Art. 19 Responsabili della sicurezza Il Comune comunicherà il nominativo del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione ed il nominativo di un suo rappresentante in loco. L appaltatore dovrà comunicare al Comune il nominativo del proprio responsabile del servizio di Prevenzione e protezione ed il nominativo del suo rappresentante in loco, onde consentire a quest ultimo di attivare, quando necessario, le procedure e le misure di coordinamento. Art. 20 Segnaletica di sicurezza L Appaltatore deve predisporre ed affiggere a proprie spese cartelli illustrativi relativi alle principali norme in materia di prevenzione e antinfortunistica all interno dei locali del Centro di Aggregazione, come previsto dalla normativa vigente (D. Lgs. 493 del ). Art. 21 Piano di evacuazione L appaltatore deve predisporre un piano di allontanamento repentino dal Centro di Aggregazione nell eventualità di incidenti casuali e dovrà essere esposto secondo le modalità previste dalla normativa vigente. Art. 22 Sanzioni La Ditta aggiudicataria del servizio si impegna a garantire la piena osservanza di tutte le disposizioni del presente capitolato, pena l applicazione di sanzioni e/o la rescissione del contratto. Tutte le infrazioni agli obblighi che derivano da disposizioni legislative e regolamentari, da ordinanze municipali e dal presente capitolato saranno riscontrate dal personale dell Ufficio competente. Per negligenze e deficienze accertate che compromettono l efficienza del servizio l Amministrazione Comunale applicherà una penale, variabile in relazione alla gravità ed eventuale recidiva dell infrazione, da 100,00 a 1.000,00. L Amministrazione Comunale provvederà a contestare la violazione a mezzo raccomandata A.R. dal ricevimento della quale la ditta avrà a disposizione dieci giorni per far pervenire le proprie controdeduzioni. 13

14 Qualora non pervenisse riscontro, o le controdeduzioni non fossero ritenute congrue, a giudizio insindacabile dell Amministrazione, si provvederà ad applicare la penale a valere sui corrispettivi futuri o, in via subordinata, sul deposito cauzionale, senza ulteriore formalità. Art. 23 Risoluzione del Contratto E facoltà dell Amministrazione comunale risolvere anticipatamente il contratto di appalto, ai sensi e per gli effetti di cui all art del Codice Civile, nei seguenti casi: - Mancato avvio del servizio alla data stabilita - Interruzione non motivata del servizio - Inosservanza reiterata delle norme di legge, dei regolamenti e degli obblighi previsti dal presente capitolato - Cessione del contratto o subappalto ad altri - Mancata applicazione dei contratti nazionali relativi al personale impiegato - In caso di scioglimento, cessazione o fallimento della ditta - In caso di gravi e ripetute irregolarità di ordine amministrativo e gestionale - Qualora l aggiudicatario impedisca o renda difficili i controlli del servizio da parte del personale autorizzato dal Comune - Qualora l aggiudicatario non ottemperi agli obblighi assicurativi - Ogni altra inadempienza qui non contemplata che renda impossibile la prosecuzione dell appalto ai sensi dell art del Codice Civile Nei suddetti casi si darà luogo, a giudizio insindacabile dell Amministrazione Comunale, alla risoluzione del contratto, a termine dell art del Codice Civile, e la cauzione sarà trattenuta a parziale o totale risarcimento dei danni. E inoltre riconosciuta all Amministrazione Comunale la facoltà di richiedere all aggiudicatario la corresponsione dell importo delle penali di cui all art. 22 del presente capitolato e gli ulteriori danni. Art. 24 Recesso Il Comune si riserva la facoltà, in caso di sopravvenute gravi e motivate esigenze di interesse pubblico, di recedere in ogni momento dalla convenzione con preavviso di almeno un mese, da comunicarsi con Raccomandata A/R. Art. 25 Riservatezza L aggiudicataria si impegna ad osservare ed a far osservare al proprio personale ed ai propri collaboratori la piena riservatezza sulle informazioni, documenti o altri elementi dei quali si venisse a conoscenza nella erogazione del servizio, pur assicurando nel contempo la trasparenza delle attività svolte, nel rispetto delle prescrizioni previste dal D.lgs. 196/2003. Art. 26 Spese imposte e tasse Tutte le spese, imposte e tasse, nessuna eccettuata, inerenti e conseguenti alla gara ed alla stipulazione, scritturazione, bolli e registrazione del contratto di affidamento del servizio, ivi comprese le relative variazioni nel corso della sua esecuzione, nonché quelle relative al deposito della cauzione, sono a carico dell appaltatore che verserà quanto dovuto prima della stipulazione del contratto. Art. 27 Normativa di riferimento 14

15 Per tutto quanto non espressamente previsto dal presente capitolato si fa riferimento al Codice Civile ed alle disposizioni legislative vigenti in materia. Art. 28 Controversie Per le eventuali controversie derivanti dall applicazione del presente contratto è competente il Foro di Oristano. Art. 29 Sottoscrizione del contratto La Ditta vincitrice dell appalto dovrà sottoscrivere il contratto entro 10 giorni dall invito da parte dell Amministrazione Comunale, a pena di decadenza dall aggiudicazione. 15

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale Da riportare su carta intestata Mod. 1 sez A Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ENTI DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 14 PER

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli