Bilancio Sociale. Anno 2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio Sociale. Anno 2008"

Transcript

1 Cooperativa Sociale G.O.S.C. Bilancio Sociale Anno l'unico pericolo che senti veramente è quello di non riuscire più a sentire niente di non riuscire più a sentire niente il battito di un cuore dentro al petto la passione che fa crescere un progetto l'appetito la sete l'evoluzione in atto l'energia che si scatena in un contatto io lo so che non sono solo anche quando sono solo io lo so che non sono solo. Fango Jovanotti

2 Sommario 1. INTRODUZIONE Primo paragrafo COOPERATIVA E CONTESTO ANALISI DEL CONTESTO TERRITORIALE LA STORIA DELLA COOPERATIVA SOCIALE GOSC I SERVIZI GESTITI PROFILO DELLA COOPERATIVA DATI IDENTIFICATIVI LA COMPAGINE SOCIALE E LA FORZA LAVORO GLI ORGANI SOCIALI L ORGANIZZAZIONE GESTIONALE L organigramma IL FUNZIONIGRAMMA FORMA E SOSTANZA CHI SIAMO E IN COSA CREDIAMO LA NOSTRA MISSION LA NOSTRA VISION LE POLITICHE POLITICA DELLA QUALITA POLITICA DELLA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE POLITICA ECONOMICA E FINANZIARIA Dare conto Gli STAKEHOLDER MATRICE DEGLI OBIETTIVI E MAPPA STAKEHOLDER SCHEMA DI RICLASSIFICAZIONE DEL VALORE AGGIUNTO GLOSSARIO

3 3

4 Se è vero che adesso possiamo parlare di libera scelta del bene e del male di tecnologia votata a cambiare ti chiedi a che prezzo e chi deve pagare. L'amore che cerchi l'amore che vuoi non farti ingannare non fermarti mai non chiudere gli occhi non chiuderli mai l'amore che prendi l'amore che dai l'amore che prendi l'amore che dai... Amore che prendi, amore che dai. Nomadi 1. INTRODUZIONE 1.1 Primo paragrafo Siamo convinti che per essere veramente responsabili, una cooperativa sociale non possa essere isolata nel proprio universo, ma debba essere consapevole dell impatto, del contributo e della relazione con la società. La decisione di redigere il primo Bilancio Sociale della Cooperativa G.O.S.C rappresenta una scelta maturata dalla direzione della Cooperativa per creare uno strumento che dia conto ai propri stakeholder, attraverso una informazione chiara e veritiera, degli scopi che persegue, dei tempi e delle modalità di attuazione dei servizi svolti. Il Bilancio Sociale è una fotografia indispensabile per mettere in luce le peculiarità di un impresa non profit nella quale si evidenziano altri elementi essenziali tra i quali il rapporto con gli stakeholder, la determinazione del valore aggiunto e la verifica della mission aziendale della cooperativa. 4

5 Il Bilancio sociale rappresenta per noi un atto comunicativo attraverso il quale raccontare la nostra storia, i nostri valori di riferimento, gli obbiettivi e i risultati raggiunti e le criticità affrontate e da risolvere. Tale documento rappresenta inoltre uno strumento di legittimazione poiché esplicita l intenzione e la volontà dell organizzazione di essere trasparente ed aperta nei confronti dell ambiente ed il cui effetto è quello di favorire la fiducia nei propri confronti. E anche uno strumento di gestione, in quanto facilita il sistema delle relazioni tra l attività di direzione e di governo dell organizzazione permettendo di valutare, programmare e pianificare di anno in anno le proprie strategie in funzione degli obiettivi e dei valori sociali in cui si riconosce. Il nostro Bilancio Sociale punta quindi a fornire una lettura complessiva sintetica e facilmente accessibile, esponendo i dati di diversa natura (contabili, quantitativi, qualitativi) in logica connessione, vale a dire in grado di rendere trasparente il disegno complessivo sottostante alle diverse politiche intraprese. Quello che segue è una prima stesura del documento Bilancio Sociale che rappresenta un primo passo per iniziare a condividere il nostro lavoro e la nostra mission con i nostri stakeholder con l intento di coinvolgerli in futuro in maniera sempre più attiva nella costruzione di questo strumento. 5

6 6

7 La storia siamo noi, siamo noi che scriviamo le lettere, siamo noi che abbiamo tutto da vincere, tutto da perdere. E poi la gente, (perchè è la gente che fa la storia) quando si tratta di scegliere e di andare, te la ritrovi tutta con gli occhi aperti, che sanno benissimo cosa fare. Quelli che hanno letto milioni di libri e quelli che non sanno nemmeno parlare, ed è per questo che la storia dà i brividi, perchè nessuno la può fermare. La Storia - De Gregori 2. COOPERATIVA E CONTESTO 2.1 ANALISI DEL CONTESTO TERRITORIALE La cooperativa lavora principalmente nel distretto socio-sanitario Aprilia-Cisterna che è costituito da 4 Comuni: Aprilia, Cisterna di Latina, Cori e Rocca Massima e si colloca nella zona a Nord dell area pontina, a ridosso della provincia di Roma. L ambito distrettuale socio-sanitario di Aprilia - Cisterna si estende su una superficie complessiva di Km 2 424,60 così distinta: Tab. 1 Aprilia Km 2 177,7 Cisterna di Latina Km 2 142,82 Cori Km 2 86,01 Rocca Massima Km 2 18,07 Fonte: Ufficio Urbanistica dei comuni. Elaborazione Ufficio di Piano con una popolazione residente complessiva di abitanti così distribuita tra i Comuni del Distretto: Tab.2 7

8 Residenti Maschi Residenti Femmine Totale Aprilia Cisterna di Latina Cori Rocca Massima Fonte: Ufficio Anagrafe dei comuni. Elaborazione Ufficio di Piano L area delimitata dai Comuni di Aprilia e Cisterna di Latina, pur definita da tratti positivi sul versante dello sviluppo economico e del tasso demografico, racchiude gli elementi propri delle grandi aree metropolitane in cui benessere e disagio si fronteggiano quotidianamente in una coesistenza contraddittoria. Ovviamente lo squilibrio nella redistribuzione della ricchezza è soltanto un aspetto del problema, che vede nello sfilacciamento del tessuto sociale e nel venir meno dei solidi retroterra culturali i fattori cardine dell allentarsi dei vincoli comunitari. In questo ambito è più marcato il rischio di marginalità e di devianza sociale. Il fenomeno più allarmante per tali contesti risulta la precarietà della condizione minorile. Diverso è il discorso per i Comuni di Cori e Rocca Massima, che invece si caratterizzano per la forte incidenza di popolazione anziana e per un quadro problematico del mercato del lavoro. La struttura produttiva è ancora molto condizionata dal settore agricolo centrato su piccolissime coltivazioni che insieme ad attività di allevamenti di animali continuano a svolgere un ruolo piuttosto rilevante nella formazione dei redditi locali. La collocazione territoriale lontana da vie di comunicazione importanti e la distanza da centri urbani, disegnano inoltre dei microcosmi in cui la compattezza del tessuto socio-culturale, 8

9 centrato sulla tradizione, si configura come contenitore privilegiato di percorsi di vita solidi, da ciò deriva un atteggiamento sostanzialmente positivo nei confronti degli interventi a favore dei soggetti più deboli che produce un attivazione di meccanismi di solidarietà da parte delle reti sociali primarie. Dal punto di vista dei servizi socio-assistenziali l offerta generale avviene nel territorio del distretto in modo abbastanza omogeneo. I tre Comuni più grandi sono dotati di un servizio sociale strutturato che da anni opera nei propri territori, mentre in quello più piccolo, avviene grazie l attivazione delle progettualità dei Piani di Zona. In particolare la nostra Cooperativa in associazione con la Cooperativa Sociale Astrolabio attraverso il Consorzio Parsifal gestisce diversi servizi socio-assistenziali a supporto dei Servizi Sociali Comunali del Distretto (Segretariato Sociale, La Famiglia: un percorso di crescita, ADI/ADEM, Verso l Autonomia). Anche le Strutture Sanitarie pubbliche presenti sul territorio distrettuale sono dislocate in modo abbastanza omogeneo: sono operativi 3 Consultori familiari (Aprilia, Cisterna di Latina e Cori) e due unità operative di TSRMEE (Aprilia e Cisterna di Latina). Il Ser.T. è presente solo ad Aprilia rendendo difficoltoso l accesso al servizio da parte dell utenza non residente. Tali difficoltà sono accentuate per i residenti a Cori e Rocca Massima, per problemi legati prevalentemente alla mancanza di collegamenti di trasporto pubblico. Il D.S.M. è articolato nella Struttura Complessa C.S.M.-C.D. Aprilia-Cisterna di Latina, comprendente il Centro di Salute Mentale (C.S.M.) di Aprilia, il C.S.M. di Cisterna di Latina ed il Centro Diurno (C.D.) di Aprilia che è specificamente preposto ad attività riabilitative, in regime semiresidenziale, per pazienti psichiatrici. 9

10 Da questa lettura del Territorio si evince la complessa situazione del Distretto dove accanto a fenomeni quali la dispersione territoriale, l immigrazione, la precarietà socioeconomica, l invecchiamento della popolazione, convivono risorse positive e opportunità di sviluppo, come la capacità forte degli abitanti del Distretto di promuovere reti informali di solidarietà, soprattutto nei confronti delle fasce deboli (anziani, minori, ecc.), e di promuovere l economia tipica locale. 2.2 LA STORIA DELLA COOPERATIVA SOCIALE GOSC Nel 1986 un gruppo di persone che credevano fortemente nel valore del lavoro sociale e che avevano l obiettivo di creare servizi educativi e punti di incontro aggregazione e crescita per la popolazione giovanile di Cisterna decisero di unirsi e di creare il Gruppo Operatori Socioculturali Cisterna : così nasce il nostro acronimo e la Cooperativa G.O.S.C.. L intento dei fondatori della Cooperativa era quello di dare alla città di Cisterna la possibilità di avere spazi e servizi creati per i giovani e gestiti dai giovani stessi opportunamente formati. Nel 1988 grazie ad un finanziamento del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale hanno origine i centri di animazione del Progetto Pollyanna : Il progetto aveva il duplice scopo di creare occasioni di lavoro per i giovani operatori socio culturali e contestualmente di offrire ai ragazzi di età scolare uno spazio costruito sui loro bisogni e sulle loro aspettative per poter acquisire una maggiore conoscenza di sé stessi e la capacità di vivere con maggior consapevolezza le relazioni sociali utilizzando lo strumento del gioco e del confronto. 10

11 I centri sono stati attivi per circa 4 anni e molti degli operatori coinvolti in questi progetti hanno continuato il loro percorso lavorativo e formativo specializzandosi sempre di più nel campo del sociale e del terzo settore e partecipando in maniera attiva alla crescita della Cooperativa. Da lì alla progettazione ed alla gestione di servizi sempre più rispondenti ai bisogni della popolazione il passo è breve: La cooperativa nel 1993 progetta il servizio di Ludoteca Comunale una delle prime presenti nella Provincia di Latina. Punto di forza della Ludoteca è l estrema attenzione al personale impiegato, i ludotecari di Cisterna sono infatti tra i primi della Provincia ad essere formati mediante un corso di formazione professionale e ad avere l attestato di ludotecario. La Ludoteca è gestita per più di dieci anni diventando un vero e proprio punto di incontro per i bambini del Comune, ed in particolare del quartiere di San Valentino, dove poter riscoprire la bellezza del gioco e della condivisione di esperienze con i propri genitori e con gli altri. Nel quartiere San Valentino nascono i Centri diurni per disabili L Agorà e per minori La Tartaruga ed i soci della cooperativa partecipano attivamente alla progettazione delle attività ed all organizzazione dei centri in collaborazione con un altra cooperativa locale, l Astrolabio La collaborazione con la Cooperativa Astrolabio da allora diventa una collaborazione proficua e ricca: l esperienza accumulata negli anni rende finalmente possibile rispondere alla gara d appalto per la gestione dei servizi Sociali del Comune di Cisterna e così nel 11

12 2001 la GOSC in ATI con la Cooperativa Astrolabio inizia e gestire i Centri Socio Educativi per disabili e per minori e i servizi di Assistenza Scolastica ed Assistenza Domiciliare gestiti ancora oggi e cresciuti nel tempo grazie alla professionalità di quanti ci hanno lavorato negli ultimi otto anni. Il 2001 è anche l anno in cui grazie a finanziamenti della provincia la Cooperativa progetta e gestisce insieme all Astrolabio lo sportello di informazione per cittadini immigrati Maison du Monde e la casa di accoglienza I Girasoli. Nel 2002 grazie alla legge 285/97 la cooperativa progetta e gestisce il servizio Spazio famiglia di supporto alla genitorialità. Un ulteriore svolta alla nostra avventura si ha nel 2004 quando la Cooperativa entra a far parte del Consorzio Parsifal e inizia a rispondere a gare di appalto per servizi attivi sui Comuni di Aprilia Cori e Latina: nascono così il servizio di Segretariato Sociale e viene riconfermata la progettualità di Spazio Famiglia. Il 2004 è anche l anno in cui grazie ai finanziamenti erogati da Sviluppo Italia la GOSC si dota finalmente di una sede amministrativa ed inizia lì esperienza de L Albero di Baobab, servizio privato di doposcuola e baby parking. Negli ultimi anni la crescita della cooperativa è stata notevole ad oggi gestisce tutti i servizi legati al settore sociale del distretto Sociosanitario Aprilia- Cisterna. 2.3 I SERVIZI GESTITI Gestione per conto del Consorzio Parsifal dal 2008 in Convenzione con il Comune di Cisterna di Latina insieme con la Cooperativa Astrolabio dei seguenti servizi: 12

13 Fatturato annuale da contratto : ,12, percentuale di partecipazione della cooperativa 30,10 %, ovvero ,65, durata del contratto due anni con possibilità di proroga CENTRO SOCIO EDUCATIVO PER MINORI LA TARTARUGA Equipe: Coordinatore Assistente Sociale, Pedagogista, Educatori Professionali Il Centro si caratterizza come una struttura a carattere educativo e preventivo preposta ad accogliere minori a rischio, in condizioni di disagio familiare, disadattamento ed emarginazione, di evasione dell obbligo scolastico. Il centro si rivolge a minori tra i 6 e i 18 anni per i quali viene elaborato un progetto educativo individualizzato in collaborazione con i servizi sociali, il TSRMEE, la scuola e le altre risorse presenti sul territorio. Il servizio persegue i fini generali della prevenzione del disagio e devianza minorile e lotta all abbandono scolastico attraverso lo svolgimento di numerose attività che vanno dal recupero scolastico con la realizzazione di programmi individualizzati accordati con la scuola e laboratori creativi - espressivi, attività sportive e ludiche. Periodo: dal 1994 ad oggi CENTRO SOCIO-EDUCATIVO PER DISABILI L AGORA Equipe: coordinatore Assistente Sociale, Psicologo, Educatori Professionali, Assistenti Domiciliari e dei Servizi Tutelari Il Centro ha come obiettivi principali quello dell integrazione e della normalizzazione degli utenti diversamente abili per offrir loro percorsi e condizioni del vivere quotidiano 13

14 che siano il più possibile vicine alle normali circostanze di vita. In particolare gli interventi previsti dall equipe operativa sono: di natura assistenziale a sostegno di coloro i quali la menomazione ha prodotto una situazione di oggettiva impossibilità a svolgere autonomamente le normali attività della vita quotidiana; di gruppo tendenti a sviluppare dinamiche positive di integrazione sociale; di gruppo tendenti a sviluppare abilità psicomotorie; individuali, tesi a sviluppare abilità cognitive e funzionali mancanti. Da segnalare inoltre il Laboratorio Teatrale che ha messo in scena diversi spettacoli, tutti molto apprezzati ed applauditi ed il laboratorio di ceramica che vede gli utenti impegnati in un vero e proprio lavoro a carattere artigianale supportati oltre che dall equipe operativa anche a un maestro d Arte. Periodo: dal 2001 ad oggi SERVIZIO D INTEGRAZIONE SCOLASTICA Equipe: Coordinatore Psicologo, Educatori Professionali, Assistenti Scolastici con diploma di scuola superiore Il servizio è rivolto tutti gli alunni segnalati dai Servizi Sociali del Comune di Cisterna che presentano una minorazione psichica, fisica o sensoriale da cui scaturisce una difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione. Per ognuno di loro, sulla base delle indicazioni dei servizi di competenza, viene fornita un assistenza che agevoli il ragazzo nella propria autonomia. In particolare il lavoro dell operatore è finalizzato ad aiutare il ragazzo nello sviluppo, nei limiti del possibile, 14

15 dell autosufficienza e dell autonomia nella cura e nell igiene personale, nella deambulazione, nell alimentazione e nelle attività svolte nell ambiente scolastico. Periodo: dal 2001 ad oggi SERVIZIO D ASSISTENZA DOMICILIARE Equipe: Coordinatore Assistente Sociale, Assistenti Domiciliari e dei Servizi Tutelari Il servizio è rivolto alle persone esposte ad una serie di situazioni di svantaggio: anziani con malattie croniche invalidanti, bambini e ragazzi in difficoltà, malati psichici. Tra le prestazioni erogate particolare attenzione è data alla pulizia dell'ambiente domestico dell'assistito; all aiuto nella pulizia della persona; alla preparazione ed assunzione di pasti per persone non autosufficienti ed infine all accompagnamento degli utenti persona Uffici, Servizi Medici e/o sociali Periodo: dal 2001 ad oggi MAISON DU MONDE Ideazione e gestione, in ATI con la Coop.Astrolabio, dello sportello di accoglienza, orientamento, accompagnamento e valorizzazione delle diverse espressioni etniche, per i Comuni di Cisterna di Latina, Latina ed Aprilia, progetto realizzato nell ambito della L. R. 268/98 Equipe: Coordinatore Assistente Sociale, Mediatore Culturale Lo sportello sociale che mira a promuovere iniziative utili per l inserimento sociale degli extra-comunitari offre i seguenti servizi: 15

16 informazione sulla legislazione vigente sull immigrazione in Italia; informazioni su accesso a prestazioni socio-sanitarie e legali; servizio pasti; informazioni e orientamento sulle opportunità di qualificazione professionale e lavorative; organizzazione di corsi rivolti a cittadini extracomunitari; seminari e feste di incontro. Periodo: dal 2001 ad oggi I GIRASOLI Ideazione e gestione, in ATI con la Coop.Astrolabio, della Casa di accoglienza, in convenzione con il Comune di Cisterna di Latina, Latina ed Aprilia, progetto realizzato grazie alla L.R. n. 38/96 Equipe: Coordinatore Assistente Sociale, Educatori Professionali, Operatore Notturno Il servizio si rivolge a persone passate attraverso circuiti di istituzionalizzazione (Carcere, ospedale psichiatrico) e ad utenti con problemi di alcolismo, tossicodipendenza, e disagio psichico offrendo loro accoglienza e soprattutto un luogo dove poter trovare gli stimoli per il cambiamento ed il riscatto, in particolare la casa offrirà: Alloggio, impianti di doccia e servizi igienici, disponibilità i latrice ed asciugatrice, deposito degli effetti e dei bagagli personali, pasti ed attività di Segretariato Sociale, di promozione e supporto psicosociale. Periodo: dal 2001 ad ottobre 2008 SEGRETARIATO SOCIALE 16

17 Gestione per conto del Consorzio Parsifal in Convenzione con il Distretto Aprilia Cisterna (Comune capofila Aprilia) con la Cooperativa Astrolabio: Fatturato annuale da contratto : 51927,48, percentuale di partecipazione della cooperativa 61,29 %, ovvero ,35, durata del contratto due anni Equipe: Assistenti Sociali II servizio di segretariato sociale, o servizio di base per l informazione sociale, costituisce la risposta istituzionale al bisogno, presente a tutti i livelli, di informazioni esatte, aggiornate, controllate e verificate, alla formazione delle quali concorrono, a vario titolo, i soggetti presenti in un territorio Periodo: Aprile 2007 per un annualità e da Maggio 2008 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA E ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA PER MINORI Gestione per conto del Consorzio Parsifal in Convenzione con il Distretto Aprilia Cisterna (Comune capofila Aprilia) con la Cooperativa Astrolabio: Fatturato annuale da contratto : ,50, percentuale di partecipazione della cooperativa 40 %, ovvero ,00, durata del contratto tre anni Equipe: Coordinatore Assistente Sociale, Psicologo, Educatori Professionali, Assistenti Domiciliari e dei Servizi Tutelari L obiettivo specifico dell ADI e dell ADEM è quello di accompagnare gli individui e le famiglie lungo l intero percorso della vita, per rispondere ai bisogni che insorgono nei diversi momenti dell esistenza, promovendo le capacità individuali, le responsabilità 17

18 familiari, le reti primarie e secondarie, le relazioni virtuose di reciprocità e cura. In particolare l ADI, in relazione ai bisogni dell utente, garantisce presso il domicilio dello stesso un insieme di prestazioni socio-assistenziali integrate con altri interventi di carattere sanitario svolti dall Azienda ASL secondo un Piano Individualizzato di Trattamento. L ADEM, invece, si colloca nell area della prevenzione del disagio al fine di mantenere il minore nel proprio ambiente familiare e sociale, offrendo alla famiglia un supporto temporaneo. Attraverso la promozione di processi di autonomizzazione del nucleo preso in carico, la ricerca delle risorse interne ad esso e presenti sul territorio e la loro organizzazione, l ADEM intende favorire il rafforzamento delle figure genitoriali ed il miglioramento della qualità delle relazioni. Periodo da GIUGNO 2008 per tre annualità LA FAMIGLIA UN PERCORSO DI CRESCITA Gestione per conto del Consorzio Parsifal in Convenzione con il Distretto Aprilia Cisterna (Comune capofila Cisterna di Latina) con le Cooperative Astrolabio e Nuova Era Fatturato annuale da contratto : ,80, percentuale di partecipazione della cooperativa 40 %, ovvero ,12, durata del contratto tre anni Equipe: Coordinatore Psicologo, Mediatore familiare, Consulente legale, Assistenti Sociali, Educatori Professionali La progettualità La famiglia un percorso di crescita, nata nell ambito delle azioni relative alla Legge 285/97, intende potenziare le attività di aiuto alla famiglia. In particolare si fornisce sostegno alla genitorialità nei momenti critici fornendo mezzi e strumenti per poter 18

19 affrontare crisi evolutive, dubbi educativi, difficoltà negli impegni di cura, conciliazione dei tempi. Il servizio inoltre offre percorsi articolati sull affido che vanno dall informazione alla formazione delle potenziali famiglie affidatarie per giungere alla messa in atto della pratica stessa dell affido. Affinché tutto ciò venga realizzato uno degli strumenti utilizzati è quello della mediazione familiare con l obiettivo principale di attenuare o se possibile risolvere i conflitti familiari. Periodo: da settembre 2008 SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE Gestione per conto del Consorzio Parsifal in Convenzione con il Distretto Aprilia Cisterna (Comune capofila Cori) con la Cooperativa Astrolabio: Fatturato annuale da contratto : percentuale di partecipazione della cooperativa 45,83 %, ovvero ,53, durata del contratto tre anni Equipe: Assistenti Sociali, Psicologi L elemento centrale del servizio sociale professionale è il processo di aiuto alle persone, prese singolarmente o come gruppo, a partire da situazioni individuali o da bisogni collettivi. Attraverso tale processo, con un adeguato uso della relazione interpersonale nei confronti dell utenza e degli elementi significativi del sistema ambientale in cui opera, il servizio sociale professionale individua i problemi, promuove le risorse personali, istituzionali e collettive, raccorda la domanda e l offerta di prestazioni sociali, organizza e gestisce i servizi, progetta e sviluppa nuove risposte in relazione a bisogni emergenti. Le funzioni del servizio sociale professionale sono svolte da assistenti sociali e da psicologi. 19

20 Periodo: da Marzo 2008 per un annualità e da aprile 2009 per due annualità INSIEME CONTRO IL DISAGIO Gestione per conto del Consorzio Parsifal in Convenzione con il Distretto Aprilia Cisterna (Comune capofila Cisterna di Latina) con la Cooperativa Astrolabio: Fatturato annuale da contratto : ,24 percentuale di partecipazione della cooperativa: 42,50%, ovvero ,20, durata del contratto: anno scolastico Equipe: Coordinatore Psicologo, Assistenti Sociali, Psicologi La progettualità Insieme contro il disagio nasce per attuare interventi di prevenzione e recupero del disagio, dell abbandono e della dispersione scolastica, opera con azione coordinata tra le scuole dell infanzia, elementari e medie di primo grado, i servizi sociali e i servizi sanitari. Scopo primario è quindi quello di fronteggiare le problematiche meno evidenti dell età infantile (bullismo, disagio ambientale e relazionale) intercettandole e segnalandole in ambiente scolastico. Periodo: anno scolastico LA MENTE COLORATA in convenzione con la Provincia di Latina ed in partenariato con le cooperative Astrolabio, Arte Insieme, Il Gabbiano, Prisma e Modavi In convenzione con la Provincia di Latina per una spesa complessiva di ,75 Equipe: Coordinatore Psicologo, Sociologo, Educatori Professionali, Psicologi 20

21 Il progetto è rivolto ai ragazzi di età compresa tra i 13 e i 15 anni presenti nei 33 Comuni della Provincia di Latina e frequentanti le classi seconde delle scuole medie inferiori ed i ragazzi facenti parte di centri di aggregazione giovanili Il progetto ha l obiettivo di promuovere il protagonismo dei giovani nella costruzione di un proprio percorso di crescita e del proprio benessere utilizzando la metodologia della peer education. Tale metodologia sfrutta le spiccate capacità dei ragazzi di trasmettere le conoscenze ai propri coetanei, di sviluppare e di rafforzare le competenze cognitive e relazionali dei singoli e insieme di valorizzare la funzione educativa del gruppo. Quello che non ho sono le mani in pasta quello che non ho è un indirizzo in tasca quello che non ho sei tu dalla mia parte quello che non ho è di fregarti a carte. Quello che non ho è una camicia bianca quello che non ho è di farla franca quello che non ho sono le sue pistole per conquistarmi il cielo per guadagnarmi il sole. 21

22 3. PROFILO DELLA COOPERATIVA 3.1 DATI IDENTIFICATIVI Denominazione G.O.S.C. (Gruppo Operatori socioculturali Cisterna) società Cooperativa Sociale a r.l. Sede Legale ed amministrativa Via Brigate Partigiane n. 28 Cisterna di Latina CAP P. IVA Recapiti Tel e Fax 06/ Mobile Direzione: 348/ / LA COMPAGINE SOCIALE E LA FORZA LAVORO La compagine sociale della Cooperativa è composta interamente da donne, la cooperativa al 31 Dicembre 2008 conta 24 socie ordinarie di cui 21 lavoratrici e 3 socie volontarie Tutti i soci al momento dell ingresso in cooperativa si impegnano a versare entro diciotto mesi 43 quote di capitale sociale dal valore nominale di 25,82 per un totale di 1110,26 e la quota associativa di 258,26. Al 31 Dicembre 2008 il Capitale sociale sottoscritto ammonta ad ,24 di cui ,58 interamente versato. Solitamente l ingresso a socio in cooperativa avviene dopo un primo periodo di conoscenza reciproca. L aspirante socio inizia a lavorare come dipendente o collaboratore nei servizi gestiti dalla cooperativa venendo così a conoscenza direttamente delle modalità 22

23 attraverso cui la cooperativa opera, degli standard richiesti nell espletamento della propria funzione e delle politiche che la cooperativa attua a favore dei propri dipendenti e soci. La direzione della cooperativa inizia a sua volta ad interagire con il nuovo dipendente per tutte le pratiche annesse alla sua assunzione ed al monitoraggio del lavoro svolto.se l aspirante socio dimostra propensione e attitudine verso le attività che costituiscono lo scopo della cooperativa ed è interessato a partecipare attivamente allo sviluppo dell impresa, può presentare domanda di ammissione al Consiglio che la vaglierà attentamente e deciderà se accettarla o meno. La forza lavoro della cooperativa al 31 dicembre 2008 risulta composta da: 28 dipendenti (21 sono soci lavoratori) di cui 23 a tempo indeterminato e 6 a tempo determinato con contratti da uno a tre anni a seconda della durata del servizio in cui operano così come da capitolato di gara. Tutti i dipendenti sono assunti part-time con un monte ore definito in base quanto richiesto dal capitolato di gara e dall Ente committente 2 contratti di collaborazione a progetto 2 contratti di collaborazione coordinata e continuativa per gli amministratori della cooperativa 1 collaboratore a partita IVA Tutti i dipendenti ed i collaboratori hanno titoli di studio adeguati al servizio da loro svolto, in particolare la cooperativa conta tra la propria forza lavoro: 7 assistenti sociali di cui 2 con compiti di coordinamento di servizi 1 pedagogista 23

24 4 educatori professionali 2 psicologi 12 assistenti domiciliari e dei servizi tutelari o operatori Sociosanitari 2 operatori sociali 1 mediatore culturale 1 autista La direzione è composta da un laureato in filosofia in indirizzo pedagogico e da un educatore professionale 3.3 GLI ORGANI SOCIALI Gli organi Sociali della cooperativa sono: L Assemblea dei soci che esprime la volontà della compagine sociale, approva i regolamenti interni della società e dà mandato di governo agli amministratori Il Consiglio di amministrazione che riceve un mandato triennale e governa la cooperativa stabilendone le politiche e dirigendo le strategie che devono attuare i vari settori organizzativi, verificandone i risultati ottenuti. L attuale Consiglio di amministrazione è stato nominato in data 24/02/2007 con incarico triennale ed è così composto: d Emilio Valeria: Presidente Carone Daniela : Vicepresidente Alessandrini Tiziana: Consigliere 24

25 Nieddu Antonietta: Consigliere Timotini Paola: Consigliere In particolare i compiti degli organi sociali sono definiti dagli articoli 28 e segg. dello Statuto della cooperativa di cui ne riportiamo qui di seguito la parti principali: ART.28 L assemblea dei soci può essere ordinaria o straordinaria L assemblea ordinaria: a) approva il bilancio annuale; b) elegge i consiglieri; c) determina il compenso degli amministratori e dei sindaci, a norma dei successivi artt. 31 e 35; d) approva i regolamenti interni della Società; e) delibera sulla responsabilità degli amministratori e dei sindaci, nonché su tutti gli oggetti attinenti alla gestione della Cooperativa e riservati alla sua competenza dal presente statuto o dalla legge, purchè iscritti nell ordine del giorno; f) delibera circa i programmi e le linee direttive in osservanza agli scopi della Cooperativa. L assemblea ordinaria deve essere convocata almeno una volta all anno, entro 120 giorni ed eccezionalmente entro 180 giorni dalla chiusura dell esercizio sociale, e può essere convocata, altresì, ogni qualvolta il Consiglio di Amministrazione lo ritenga opportuno, o quando ne facciano richiesta scritta almeno un quinto dei soci o il Collegio Sindacale. 25

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Approvato con. D.C.C. n.17/2008

Approvato con. D.C.C. n.17/2008 Approvato con. D.C.C. n.17/2008 REGOLAMENTO UNICO PER L ACCESSO AL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIO -ASSISTENZIALI E PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 2013 BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 1. Premessa 1.1 Lettera agli stakeholder 1.2 Metodologia 2. Identità dell organizzazione 2.1 Informazioni generali 2.2 Attività

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli