Bilancio Sociale. Anno 2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio Sociale. Anno 2008"

Transcript

1 Cooperativa Sociale G.O.S.C. Bilancio Sociale Anno l'unico pericolo che senti veramente è quello di non riuscire più a sentire niente di non riuscire più a sentire niente il battito di un cuore dentro al petto la passione che fa crescere un progetto l'appetito la sete l'evoluzione in atto l'energia che si scatena in un contatto io lo so che non sono solo anche quando sono solo io lo so che non sono solo. Fango Jovanotti

2 Sommario 1. INTRODUZIONE Primo paragrafo COOPERATIVA E CONTESTO ANALISI DEL CONTESTO TERRITORIALE LA STORIA DELLA COOPERATIVA SOCIALE GOSC I SERVIZI GESTITI PROFILO DELLA COOPERATIVA DATI IDENTIFICATIVI LA COMPAGINE SOCIALE E LA FORZA LAVORO GLI ORGANI SOCIALI L ORGANIZZAZIONE GESTIONALE L organigramma IL FUNZIONIGRAMMA FORMA E SOSTANZA CHI SIAMO E IN COSA CREDIAMO LA NOSTRA MISSION LA NOSTRA VISION LE POLITICHE POLITICA DELLA QUALITA POLITICA DELLA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE POLITICA ECONOMICA E FINANZIARIA Dare conto Gli STAKEHOLDER MATRICE DEGLI OBIETTIVI E MAPPA STAKEHOLDER SCHEMA DI RICLASSIFICAZIONE DEL VALORE AGGIUNTO GLOSSARIO

3 3

4 Se è vero che adesso possiamo parlare di libera scelta del bene e del male di tecnologia votata a cambiare ti chiedi a che prezzo e chi deve pagare. L'amore che cerchi l'amore che vuoi non farti ingannare non fermarti mai non chiudere gli occhi non chiuderli mai l'amore che prendi l'amore che dai l'amore che prendi l'amore che dai... Amore che prendi, amore che dai. Nomadi 1. INTRODUZIONE 1.1 Primo paragrafo Siamo convinti che per essere veramente responsabili, una cooperativa sociale non possa essere isolata nel proprio universo, ma debba essere consapevole dell impatto, del contributo e della relazione con la società. La decisione di redigere il primo Bilancio Sociale della Cooperativa G.O.S.C rappresenta una scelta maturata dalla direzione della Cooperativa per creare uno strumento che dia conto ai propri stakeholder, attraverso una informazione chiara e veritiera, degli scopi che persegue, dei tempi e delle modalità di attuazione dei servizi svolti. Il Bilancio Sociale è una fotografia indispensabile per mettere in luce le peculiarità di un impresa non profit nella quale si evidenziano altri elementi essenziali tra i quali il rapporto con gli stakeholder, la determinazione del valore aggiunto e la verifica della mission aziendale della cooperativa. 4

5 Il Bilancio sociale rappresenta per noi un atto comunicativo attraverso il quale raccontare la nostra storia, i nostri valori di riferimento, gli obbiettivi e i risultati raggiunti e le criticità affrontate e da risolvere. Tale documento rappresenta inoltre uno strumento di legittimazione poiché esplicita l intenzione e la volontà dell organizzazione di essere trasparente ed aperta nei confronti dell ambiente ed il cui effetto è quello di favorire la fiducia nei propri confronti. E anche uno strumento di gestione, in quanto facilita il sistema delle relazioni tra l attività di direzione e di governo dell organizzazione permettendo di valutare, programmare e pianificare di anno in anno le proprie strategie in funzione degli obiettivi e dei valori sociali in cui si riconosce. Il nostro Bilancio Sociale punta quindi a fornire una lettura complessiva sintetica e facilmente accessibile, esponendo i dati di diversa natura (contabili, quantitativi, qualitativi) in logica connessione, vale a dire in grado di rendere trasparente il disegno complessivo sottostante alle diverse politiche intraprese. Quello che segue è una prima stesura del documento Bilancio Sociale che rappresenta un primo passo per iniziare a condividere il nostro lavoro e la nostra mission con i nostri stakeholder con l intento di coinvolgerli in futuro in maniera sempre più attiva nella costruzione di questo strumento. 5

6 6

7 La storia siamo noi, siamo noi che scriviamo le lettere, siamo noi che abbiamo tutto da vincere, tutto da perdere. E poi la gente, (perchè è la gente che fa la storia) quando si tratta di scegliere e di andare, te la ritrovi tutta con gli occhi aperti, che sanno benissimo cosa fare. Quelli che hanno letto milioni di libri e quelli che non sanno nemmeno parlare, ed è per questo che la storia dà i brividi, perchè nessuno la può fermare. La Storia - De Gregori 2. COOPERATIVA E CONTESTO 2.1 ANALISI DEL CONTESTO TERRITORIALE La cooperativa lavora principalmente nel distretto socio-sanitario Aprilia-Cisterna che è costituito da 4 Comuni: Aprilia, Cisterna di Latina, Cori e Rocca Massima e si colloca nella zona a Nord dell area pontina, a ridosso della provincia di Roma. L ambito distrettuale socio-sanitario di Aprilia - Cisterna si estende su una superficie complessiva di Km 2 424,60 così distinta: Tab. 1 Aprilia Km 2 177,7 Cisterna di Latina Km 2 142,82 Cori Km 2 86,01 Rocca Massima Km 2 18,07 Fonte: Ufficio Urbanistica dei comuni. Elaborazione Ufficio di Piano con una popolazione residente complessiva di abitanti così distribuita tra i Comuni del Distretto: Tab.2 7

8 Residenti Maschi Residenti Femmine Totale Aprilia Cisterna di Latina Cori Rocca Massima Fonte: Ufficio Anagrafe dei comuni. Elaborazione Ufficio di Piano L area delimitata dai Comuni di Aprilia e Cisterna di Latina, pur definita da tratti positivi sul versante dello sviluppo economico e del tasso demografico, racchiude gli elementi propri delle grandi aree metropolitane in cui benessere e disagio si fronteggiano quotidianamente in una coesistenza contraddittoria. Ovviamente lo squilibrio nella redistribuzione della ricchezza è soltanto un aspetto del problema, che vede nello sfilacciamento del tessuto sociale e nel venir meno dei solidi retroterra culturali i fattori cardine dell allentarsi dei vincoli comunitari. In questo ambito è più marcato il rischio di marginalità e di devianza sociale. Il fenomeno più allarmante per tali contesti risulta la precarietà della condizione minorile. Diverso è il discorso per i Comuni di Cori e Rocca Massima, che invece si caratterizzano per la forte incidenza di popolazione anziana e per un quadro problematico del mercato del lavoro. La struttura produttiva è ancora molto condizionata dal settore agricolo centrato su piccolissime coltivazioni che insieme ad attività di allevamenti di animali continuano a svolgere un ruolo piuttosto rilevante nella formazione dei redditi locali. La collocazione territoriale lontana da vie di comunicazione importanti e la distanza da centri urbani, disegnano inoltre dei microcosmi in cui la compattezza del tessuto socio-culturale, 8

9 centrato sulla tradizione, si configura come contenitore privilegiato di percorsi di vita solidi, da ciò deriva un atteggiamento sostanzialmente positivo nei confronti degli interventi a favore dei soggetti più deboli che produce un attivazione di meccanismi di solidarietà da parte delle reti sociali primarie. Dal punto di vista dei servizi socio-assistenziali l offerta generale avviene nel territorio del distretto in modo abbastanza omogeneo. I tre Comuni più grandi sono dotati di un servizio sociale strutturato che da anni opera nei propri territori, mentre in quello più piccolo, avviene grazie l attivazione delle progettualità dei Piani di Zona. In particolare la nostra Cooperativa in associazione con la Cooperativa Sociale Astrolabio attraverso il Consorzio Parsifal gestisce diversi servizi socio-assistenziali a supporto dei Servizi Sociali Comunali del Distretto (Segretariato Sociale, La Famiglia: un percorso di crescita, ADI/ADEM, Verso l Autonomia). Anche le Strutture Sanitarie pubbliche presenti sul territorio distrettuale sono dislocate in modo abbastanza omogeneo: sono operativi 3 Consultori familiari (Aprilia, Cisterna di Latina e Cori) e due unità operative di TSRMEE (Aprilia e Cisterna di Latina). Il Ser.T. è presente solo ad Aprilia rendendo difficoltoso l accesso al servizio da parte dell utenza non residente. Tali difficoltà sono accentuate per i residenti a Cori e Rocca Massima, per problemi legati prevalentemente alla mancanza di collegamenti di trasporto pubblico. Il D.S.M. è articolato nella Struttura Complessa C.S.M.-C.D. Aprilia-Cisterna di Latina, comprendente il Centro di Salute Mentale (C.S.M.) di Aprilia, il C.S.M. di Cisterna di Latina ed il Centro Diurno (C.D.) di Aprilia che è specificamente preposto ad attività riabilitative, in regime semiresidenziale, per pazienti psichiatrici. 9

10 Da questa lettura del Territorio si evince la complessa situazione del Distretto dove accanto a fenomeni quali la dispersione territoriale, l immigrazione, la precarietà socioeconomica, l invecchiamento della popolazione, convivono risorse positive e opportunità di sviluppo, come la capacità forte degli abitanti del Distretto di promuovere reti informali di solidarietà, soprattutto nei confronti delle fasce deboli (anziani, minori, ecc.), e di promuovere l economia tipica locale. 2.2 LA STORIA DELLA COOPERATIVA SOCIALE GOSC Nel 1986 un gruppo di persone che credevano fortemente nel valore del lavoro sociale e che avevano l obiettivo di creare servizi educativi e punti di incontro aggregazione e crescita per la popolazione giovanile di Cisterna decisero di unirsi e di creare il Gruppo Operatori Socioculturali Cisterna : così nasce il nostro acronimo e la Cooperativa G.O.S.C.. L intento dei fondatori della Cooperativa era quello di dare alla città di Cisterna la possibilità di avere spazi e servizi creati per i giovani e gestiti dai giovani stessi opportunamente formati. Nel 1988 grazie ad un finanziamento del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale hanno origine i centri di animazione del Progetto Pollyanna : Il progetto aveva il duplice scopo di creare occasioni di lavoro per i giovani operatori socio culturali e contestualmente di offrire ai ragazzi di età scolare uno spazio costruito sui loro bisogni e sulle loro aspettative per poter acquisire una maggiore conoscenza di sé stessi e la capacità di vivere con maggior consapevolezza le relazioni sociali utilizzando lo strumento del gioco e del confronto. 10

11 I centri sono stati attivi per circa 4 anni e molti degli operatori coinvolti in questi progetti hanno continuato il loro percorso lavorativo e formativo specializzandosi sempre di più nel campo del sociale e del terzo settore e partecipando in maniera attiva alla crescita della Cooperativa. Da lì alla progettazione ed alla gestione di servizi sempre più rispondenti ai bisogni della popolazione il passo è breve: La cooperativa nel 1993 progetta il servizio di Ludoteca Comunale una delle prime presenti nella Provincia di Latina. Punto di forza della Ludoteca è l estrema attenzione al personale impiegato, i ludotecari di Cisterna sono infatti tra i primi della Provincia ad essere formati mediante un corso di formazione professionale e ad avere l attestato di ludotecario. La Ludoteca è gestita per più di dieci anni diventando un vero e proprio punto di incontro per i bambini del Comune, ed in particolare del quartiere di San Valentino, dove poter riscoprire la bellezza del gioco e della condivisione di esperienze con i propri genitori e con gli altri. Nel quartiere San Valentino nascono i Centri diurni per disabili L Agorà e per minori La Tartaruga ed i soci della cooperativa partecipano attivamente alla progettazione delle attività ed all organizzazione dei centri in collaborazione con un altra cooperativa locale, l Astrolabio La collaborazione con la Cooperativa Astrolabio da allora diventa una collaborazione proficua e ricca: l esperienza accumulata negli anni rende finalmente possibile rispondere alla gara d appalto per la gestione dei servizi Sociali del Comune di Cisterna e così nel 11

12 2001 la GOSC in ATI con la Cooperativa Astrolabio inizia e gestire i Centri Socio Educativi per disabili e per minori e i servizi di Assistenza Scolastica ed Assistenza Domiciliare gestiti ancora oggi e cresciuti nel tempo grazie alla professionalità di quanti ci hanno lavorato negli ultimi otto anni. Il 2001 è anche l anno in cui grazie a finanziamenti della provincia la Cooperativa progetta e gestisce insieme all Astrolabio lo sportello di informazione per cittadini immigrati Maison du Monde e la casa di accoglienza I Girasoli. Nel 2002 grazie alla legge 285/97 la cooperativa progetta e gestisce il servizio Spazio famiglia di supporto alla genitorialità. Un ulteriore svolta alla nostra avventura si ha nel 2004 quando la Cooperativa entra a far parte del Consorzio Parsifal e inizia a rispondere a gare di appalto per servizi attivi sui Comuni di Aprilia Cori e Latina: nascono così il servizio di Segretariato Sociale e viene riconfermata la progettualità di Spazio Famiglia. Il 2004 è anche l anno in cui grazie ai finanziamenti erogati da Sviluppo Italia la GOSC si dota finalmente di una sede amministrativa ed inizia lì esperienza de L Albero di Baobab, servizio privato di doposcuola e baby parking. Negli ultimi anni la crescita della cooperativa è stata notevole ad oggi gestisce tutti i servizi legati al settore sociale del distretto Sociosanitario Aprilia- Cisterna. 2.3 I SERVIZI GESTITI Gestione per conto del Consorzio Parsifal dal 2008 in Convenzione con il Comune di Cisterna di Latina insieme con la Cooperativa Astrolabio dei seguenti servizi: 12

13 Fatturato annuale da contratto : ,12, percentuale di partecipazione della cooperativa 30,10 %, ovvero ,65, durata del contratto due anni con possibilità di proroga CENTRO SOCIO EDUCATIVO PER MINORI LA TARTARUGA Equipe: Coordinatore Assistente Sociale, Pedagogista, Educatori Professionali Il Centro si caratterizza come una struttura a carattere educativo e preventivo preposta ad accogliere minori a rischio, in condizioni di disagio familiare, disadattamento ed emarginazione, di evasione dell obbligo scolastico. Il centro si rivolge a minori tra i 6 e i 18 anni per i quali viene elaborato un progetto educativo individualizzato in collaborazione con i servizi sociali, il TSRMEE, la scuola e le altre risorse presenti sul territorio. Il servizio persegue i fini generali della prevenzione del disagio e devianza minorile e lotta all abbandono scolastico attraverso lo svolgimento di numerose attività che vanno dal recupero scolastico con la realizzazione di programmi individualizzati accordati con la scuola e laboratori creativi - espressivi, attività sportive e ludiche. Periodo: dal 1994 ad oggi CENTRO SOCIO-EDUCATIVO PER DISABILI L AGORA Equipe: coordinatore Assistente Sociale, Psicologo, Educatori Professionali, Assistenti Domiciliari e dei Servizi Tutelari Il Centro ha come obiettivi principali quello dell integrazione e della normalizzazione degli utenti diversamente abili per offrir loro percorsi e condizioni del vivere quotidiano 13

14 che siano il più possibile vicine alle normali circostanze di vita. In particolare gli interventi previsti dall equipe operativa sono: di natura assistenziale a sostegno di coloro i quali la menomazione ha prodotto una situazione di oggettiva impossibilità a svolgere autonomamente le normali attività della vita quotidiana; di gruppo tendenti a sviluppare dinamiche positive di integrazione sociale; di gruppo tendenti a sviluppare abilità psicomotorie; individuali, tesi a sviluppare abilità cognitive e funzionali mancanti. Da segnalare inoltre il Laboratorio Teatrale che ha messo in scena diversi spettacoli, tutti molto apprezzati ed applauditi ed il laboratorio di ceramica che vede gli utenti impegnati in un vero e proprio lavoro a carattere artigianale supportati oltre che dall equipe operativa anche a un maestro d Arte. Periodo: dal 2001 ad oggi SERVIZIO D INTEGRAZIONE SCOLASTICA Equipe: Coordinatore Psicologo, Educatori Professionali, Assistenti Scolastici con diploma di scuola superiore Il servizio è rivolto tutti gli alunni segnalati dai Servizi Sociali del Comune di Cisterna che presentano una minorazione psichica, fisica o sensoriale da cui scaturisce una difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione. Per ognuno di loro, sulla base delle indicazioni dei servizi di competenza, viene fornita un assistenza che agevoli il ragazzo nella propria autonomia. In particolare il lavoro dell operatore è finalizzato ad aiutare il ragazzo nello sviluppo, nei limiti del possibile, 14

15 dell autosufficienza e dell autonomia nella cura e nell igiene personale, nella deambulazione, nell alimentazione e nelle attività svolte nell ambiente scolastico. Periodo: dal 2001 ad oggi SERVIZIO D ASSISTENZA DOMICILIARE Equipe: Coordinatore Assistente Sociale, Assistenti Domiciliari e dei Servizi Tutelari Il servizio è rivolto alle persone esposte ad una serie di situazioni di svantaggio: anziani con malattie croniche invalidanti, bambini e ragazzi in difficoltà, malati psichici. Tra le prestazioni erogate particolare attenzione è data alla pulizia dell'ambiente domestico dell'assistito; all aiuto nella pulizia della persona; alla preparazione ed assunzione di pasti per persone non autosufficienti ed infine all accompagnamento degli utenti persona Uffici, Servizi Medici e/o sociali Periodo: dal 2001 ad oggi MAISON DU MONDE Ideazione e gestione, in ATI con la Coop.Astrolabio, dello sportello di accoglienza, orientamento, accompagnamento e valorizzazione delle diverse espressioni etniche, per i Comuni di Cisterna di Latina, Latina ed Aprilia, progetto realizzato nell ambito della L. R. 268/98 Equipe: Coordinatore Assistente Sociale, Mediatore Culturale Lo sportello sociale che mira a promuovere iniziative utili per l inserimento sociale degli extra-comunitari offre i seguenti servizi: 15

16 informazione sulla legislazione vigente sull immigrazione in Italia; informazioni su accesso a prestazioni socio-sanitarie e legali; servizio pasti; informazioni e orientamento sulle opportunità di qualificazione professionale e lavorative; organizzazione di corsi rivolti a cittadini extracomunitari; seminari e feste di incontro. Periodo: dal 2001 ad oggi I GIRASOLI Ideazione e gestione, in ATI con la Coop.Astrolabio, della Casa di accoglienza, in convenzione con il Comune di Cisterna di Latina, Latina ed Aprilia, progetto realizzato grazie alla L.R. n. 38/96 Equipe: Coordinatore Assistente Sociale, Educatori Professionali, Operatore Notturno Il servizio si rivolge a persone passate attraverso circuiti di istituzionalizzazione (Carcere, ospedale psichiatrico) e ad utenti con problemi di alcolismo, tossicodipendenza, e disagio psichico offrendo loro accoglienza e soprattutto un luogo dove poter trovare gli stimoli per il cambiamento ed il riscatto, in particolare la casa offrirà: Alloggio, impianti di doccia e servizi igienici, disponibilità i latrice ed asciugatrice, deposito degli effetti e dei bagagli personali, pasti ed attività di Segretariato Sociale, di promozione e supporto psicosociale. Periodo: dal 2001 ad ottobre 2008 SEGRETARIATO SOCIALE 16

17 Gestione per conto del Consorzio Parsifal in Convenzione con il Distretto Aprilia Cisterna (Comune capofila Aprilia) con la Cooperativa Astrolabio: Fatturato annuale da contratto : 51927,48, percentuale di partecipazione della cooperativa 61,29 %, ovvero ,35, durata del contratto due anni Equipe: Assistenti Sociali II servizio di segretariato sociale, o servizio di base per l informazione sociale, costituisce la risposta istituzionale al bisogno, presente a tutti i livelli, di informazioni esatte, aggiornate, controllate e verificate, alla formazione delle quali concorrono, a vario titolo, i soggetti presenti in un territorio Periodo: Aprile 2007 per un annualità e da Maggio 2008 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA E ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA PER MINORI Gestione per conto del Consorzio Parsifal in Convenzione con il Distretto Aprilia Cisterna (Comune capofila Aprilia) con la Cooperativa Astrolabio: Fatturato annuale da contratto : ,50, percentuale di partecipazione della cooperativa 40 %, ovvero ,00, durata del contratto tre anni Equipe: Coordinatore Assistente Sociale, Psicologo, Educatori Professionali, Assistenti Domiciliari e dei Servizi Tutelari L obiettivo specifico dell ADI e dell ADEM è quello di accompagnare gli individui e le famiglie lungo l intero percorso della vita, per rispondere ai bisogni che insorgono nei diversi momenti dell esistenza, promovendo le capacità individuali, le responsabilità 17

18 familiari, le reti primarie e secondarie, le relazioni virtuose di reciprocità e cura. In particolare l ADI, in relazione ai bisogni dell utente, garantisce presso il domicilio dello stesso un insieme di prestazioni socio-assistenziali integrate con altri interventi di carattere sanitario svolti dall Azienda ASL secondo un Piano Individualizzato di Trattamento. L ADEM, invece, si colloca nell area della prevenzione del disagio al fine di mantenere il minore nel proprio ambiente familiare e sociale, offrendo alla famiglia un supporto temporaneo. Attraverso la promozione di processi di autonomizzazione del nucleo preso in carico, la ricerca delle risorse interne ad esso e presenti sul territorio e la loro organizzazione, l ADEM intende favorire il rafforzamento delle figure genitoriali ed il miglioramento della qualità delle relazioni. Periodo da GIUGNO 2008 per tre annualità LA FAMIGLIA UN PERCORSO DI CRESCITA Gestione per conto del Consorzio Parsifal in Convenzione con il Distretto Aprilia Cisterna (Comune capofila Cisterna di Latina) con le Cooperative Astrolabio e Nuova Era Fatturato annuale da contratto : ,80, percentuale di partecipazione della cooperativa 40 %, ovvero ,12, durata del contratto tre anni Equipe: Coordinatore Psicologo, Mediatore familiare, Consulente legale, Assistenti Sociali, Educatori Professionali La progettualità La famiglia un percorso di crescita, nata nell ambito delle azioni relative alla Legge 285/97, intende potenziare le attività di aiuto alla famiglia. In particolare si fornisce sostegno alla genitorialità nei momenti critici fornendo mezzi e strumenti per poter 18

19 affrontare crisi evolutive, dubbi educativi, difficoltà negli impegni di cura, conciliazione dei tempi. Il servizio inoltre offre percorsi articolati sull affido che vanno dall informazione alla formazione delle potenziali famiglie affidatarie per giungere alla messa in atto della pratica stessa dell affido. Affinché tutto ciò venga realizzato uno degli strumenti utilizzati è quello della mediazione familiare con l obiettivo principale di attenuare o se possibile risolvere i conflitti familiari. Periodo: da settembre 2008 SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE Gestione per conto del Consorzio Parsifal in Convenzione con il Distretto Aprilia Cisterna (Comune capofila Cori) con la Cooperativa Astrolabio: Fatturato annuale da contratto : percentuale di partecipazione della cooperativa 45,83 %, ovvero ,53, durata del contratto tre anni Equipe: Assistenti Sociali, Psicologi L elemento centrale del servizio sociale professionale è il processo di aiuto alle persone, prese singolarmente o come gruppo, a partire da situazioni individuali o da bisogni collettivi. Attraverso tale processo, con un adeguato uso della relazione interpersonale nei confronti dell utenza e degli elementi significativi del sistema ambientale in cui opera, il servizio sociale professionale individua i problemi, promuove le risorse personali, istituzionali e collettive, raccorda la domanda e l offerta di prestazioni sociali, organizza e gestisce i servizi, progetta e sviluppa nuove risposte in relazione a bisogni emergenti. Le funzioni del servizio sociale professionale sono svolte da assistenti sociali e da psicologi. 19

20 Periodo: da Marzo 2008 per un annualità e da aprile 2009 per due annualità INSIEME CONTRO IL DISAGIO Gestione per conto del Consorzio Parsifal in Convenzione con il Distretto Aprilia Cisterna (Comune capofila Cisterna di Latina) con la Cooperativa Astrolabio: Fatturato annuale da contratto : ,24 percentuale di partecipazione della cooperativa: 42,50%, ovvero ,20, durata del contratto: anno scolastico Equipe: Coordinatore Psicologo, Assistenti Sociali, Psicologi La progettualità Insieme contro il disagio nasce per attuare interventi di prevenzione e recupero del disagio, dell abbandono e della dispersione scolastica, opera con azione coordinata tra le scuole dell infanzia, elementari e medie di primo grado, i servizi sociali e i servizi sanitari. Scopo primario è quindi quello di fronteggiare le problematiche meno evidenti dell età infantile (bullismo, disagio ambientale e relazionale) intercettandole e segnalandole in ambiente scolastico. Periodo: anno scolastico LA MENTE COLORATA in convenzione con la Provincia di Latina ed in partenariato con le cooperative Astrolabio, Arte Insieme, Il Gabbiano, Prisma e Modavi In convenzione con la Provincia di Latina per una spesa complessiva di ,75 Equipe: Coordinatore Psicologo, Sociologo, Educatori Professionali, Psicologi 20

21 Il progetto è rivolto ai ragazzi di età compresa tra i 13 e i 15 anni presenti nei 33 Comuni della Provincia di Latina e frequentanti le classi seconde delle scuole medie inferiori ed i ragazzi facenti parte di centri di aggregazione giovanili Il progetto ha l obiettivo di promuovere il protagonismo dei giovani nella costruzione di un proprio percorso di crescita e del proprio benessere utilizzando la metodologia della peer education. Tale metodologia sfrutta le spiccate capacità dei ragazzi di trasmettere le conoscenze ai propri coetanei, di sviluppare e di rafforzare le competenze cognitive e relazionali dei singoli e insieme di valorizzare la funzione educativa del gruppo. Quello che non ho sono le mani in pasta quello che non ho è un indirizzo in tasca quello che non ho sei tu dalla mia parte quello che non ho è di fregarti a carte. Quello che non ho è una camicia bianca quello che non ho è di farla franca quello che non ho sono le sue pistole per conquistarmi il cielo per guadagnarmi il sole. 21

22 3. PROFILO DELLA COOPERATIVA 3.1 DATI IDENTIFICATIVI Denominazione G.O.S.C. (Gruppo Operatori socioculturali Cisterna) società Cooperativa Sociale a r.l. Sede Legale ed amministrativa Via Brigate Partigiane n. 28 Cisterna di Latina CAP P. IVA Recapiti Tel e Fax 06/ Mobile Direzione: 348/ / LA COMPAGINE SOCIALE E LA FORZA LAVORO La compagine sociale della Cooperativa è composta interamente da donne, la cooperativa al 31 Dicembre 2008 conta 24 socie ordinarie di cui 21 lavoratrici e 3 socie volontarie Tutti i soci al momento dell ingresso in cooperativa si impegnano a versare entro diciotto mesi 43 quote di capitale sociale dal valore nominale di 25,82 per un totale di 1110,26 e la quota associativa di 258,26. Al 31 Dicembre 2008 il Capitale sociale sottoscritto ammonta ad ,24 di cui ,58 interamente versato. Solitamente l ingresso a socio in cooperativa avviene dopo un primo periodo di conoscenza reciproca. L aspirante socio inizia a lavorare come dipendente o collaboratore nei servizi gestiti dalla cooperativa venendo così a conoscenza direttamente delle modalità 22

23 attraverso cui la cooperativa opera, degli standard richiesti nell espletamento della propria funzione e delle politiche che la cooperativa attua a favore dei propri dipendenti e soci. La direzione della cooperativa inizia a sua volta ad interagire con il nuovo dipendente per tutte le pratiche annesse alla sua assunzione ed al monitoraggio del lavoro svolto.se l aspirante socio dimostra propensione e attitudine verso le attività che costituiscono lo scopo della cooperativa ed è interessato a partecipare attivamente allo sviluppo dell impresa, può presentare domanda di ammissione al Consiglio che la vaglierà attentamente e deciderà se accettarla o meno. La forza lavoro della cooperativa al 31 dicembre 2008 risulta composta da: 28 dipendenti (21 sono soci lavoratori) di cui 23 a tempo indeterminato e 6 a tempo determinato con contratti da uno a tre anni a seconda della durata del servizio in cui operano così come da capitolato di gara. Tutti i dipendenti sono assunti part-time con un monte ore definito in base quanto richiesto dal capitolato di gara e dall Ente committente 2 contratti di collaborazione a progetto 2 contratti di collaborazione coordinata e continuativa per gli amministratori della cooperativa 1 collaboratore a partita IVA Tutti i dipendenti ed i collaboratori hanno titoli di studio adeguati al servizio da loro svolto, in particolare la cooperativa conta tra la propria forza lavoro: 7 assistenti sociali di cui 2 con compiti di coordinamento di servizi 1 pedagogista 23

24 4 educatori professionali 2 psicologi 12 assistenti domiciliari e dei servizi tutelari o operatori Sociosanitari 2 operatori sociali 1 mediatore culturale 1 autista La direzione è composta da un laureato in filosofia in indirizzo pedagogico e da un educatore professionale 3.3 GLI ORGANI SOCIALI Gli organi Sociali della cooperativa sono: L Assemblea dei soci che esprime la volontà della compagine sociale, approva i regolamenti interni della società e dà mandato di governo agli amministratori Il Consiglio di amministrazione che riceve un mandato triennale e governa la cooperativa stabilendone le politiche e dirigendo le strategie che devono attuare i vari settori organizzativi, verificandone i risultati ottenuti. L attuale Consiglio di amministrazione è stato nominato in data 24/02/2007 con incarico triennale ed è così composto: d Emilio Valeria: Presidente Carone Daniela : Vicepresidente Alessandrini Tiziana: Consigliere 24

25 Nieddu Antonietta: Consigliere Timotini Paola: Consigliere In particolare i compiti degli organi sociali sono definiti dagli articoli 28 e segg. dello Statuto della cooperativa di cui ne riportiamo qui di seguito la parti principali: ART.28 L assemblea dei soci può essere ordinaria o straordinaria L assemblea ordinaria: a) approva il bilancio annuale; b) elegge i consiglieri; c) determina il compenso degli amministratori e dei sindaci, a norma dei successivi artt. 31 e 35; d) approva i regolamenti interni della Società; e) delibera sulla responsabilità degli amministratori e dei sindaci, nonché su tutti gli oggetti attinenti alla gestione della Cooperativa e riservati alla sua competenza dal presente statuto o dalla legge, purchè iscritti nell ordine del giorno; f) delibera circa i programmi e le linee direttive in osservanza agli scopi della Cooperativa. L assemblea ordinaria deve essere convocata almeno una volta all anno, entro 120 giorni ed eccezionalmente entro 180 giorni dalla chiusura dell esercizio sociale, e può essere convocata, altresì, ogni qualvolta il Consiglio di Amministrazione lo ritenga opportuno, o quando ne facciano richiesta scritta almeno un quinto dei soci o il Collegio Sindacale. 25

Allegato B Strutture soggette a Dich. Inizio Attività (regol. di cui alla L.R. 11/2007 del C.S.S. Alta Irpinia)

Allegato B Strutture soggette a Dich. Inizio Attività (regol. di cui alla L.R. 11/2007 del C.S.S. Alta Irpinia) DENOMINAZIONE SERVIZIO 01 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CON SERVIZI SANITARI Il servizio di assistenza domiciliare integrata consiste in interventi da fornire ai cittadini al fine di favorire la permanenza

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE DISTRETTO SOCIO SANITARIO APRILIA/CISTERNA REGOLAMENTO CASA FAMIGLIA PER DISABILI LA CASA DEI LILLA Allegato alla delibera di CC n.33 dell

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Ambito di Seriate L.328/00 Seriate, Albano S.Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate, Torre de Roveri REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO POZZO DI GIACOBBE - ONLUS STATUTO SOCIALE

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO POZZO DI GIACOBBE - ONLUS STATUTO SOCIALE ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO POZZO DI GIACOBBE - ONLUS STATUTO SOCIALE 1 Titolo I - L Associazione e i suoi scopi Art. 1 - Denominazione e sede 1.1 Continuando l attività in precedenza svolta si è costituita

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI CARTA DEI SERVIZI SOCIALI (ai sensi della L. n. 328/2000 e della L. R. n. 4/2007) Centro Diurno e Sostegno Educativo Domiciliare Aggiornata al Gennaio 2015 Consorzio C.S. Potenza CONFCOOPERATIVE FEDERSOLIDARIETA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE UN ALTRA TRIESTE Opinione ed impegno per Trieste. TITOLO I Costituzione e sede

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE UN ALTRA TRIESTE Opinione ed impegno per Trieste. TITOLO I Costituzione e sede STATUTO DELL ASSOCIAZIONE UN ALTRA TRIESTE Opinione ed impegno per Trieste TITOLO I Costituzione e sede Articolo 1 Costituzione È costituita, ai sensi degli artt. 14 e ss. c.c., l associazione UN ALTRA

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI

LA CARTA DEI SERVIZI Carta dei Servizi LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è il principale strumento di un organizzazione per far conoscere i progetti che realizza, per informare sulle risorse e le attività a disposizione,

Dettagli

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO Comuni di: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere. REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA INDICE ART.

Dettagli

ALLEGATO B STATUTO MUTUA NUOVA SANITA

ALLEGATO B STATUTO MUTUA NUOVA SANITA ALLEGATO B ART. 1 Denominazione STATUTO MUTUA NUOVA SANITA E costituita una società di Mutuo Soccorso con la denominazione di "MUTUA NUOVA SANITÀ " che nel presente statuto viene indicata, per brevità,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 43 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 75/14031 P.G. NELLA SEDUTA DEL 26/05/1994 - MODIFICATO CON DELIBERAZIONE N. 75/I23765 P.G. NELLA

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

EDUCATIVA TERRITORIALE

EDUCATIVA TERRITORIALE EDUCATIVA TERRITORIALE L attivazione di questo servizio è subordinata al finanziamento della L. 285/97 (Disposizioni per la promozione di diritti e opportunità per l infanzia e l adolescenza). DEFINIZIONE

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 NOME PROGETTO: COMUNE DI FORMIA IMPARO A VOLARE - 2009 AMBITO D INTERVENTO: assistenza educativa domiciliare sociale, scolastico a favore di minori con disagio

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA Documentazione Sistema Qualità Pag. 1 di 11 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA DELLA ZONA ALTA VALDELSA Numero Revisione Motivo Data 1 APPROVAZIONE CONSIGLIO

Dettagli

20 anni al servizio delle persone

20 anni al servizio delle persone 20 anni al servizio delle persone CHI SIAMO Nata a Bologna nel 1994, Àncora è una Cooperativa sociale di servizi alla persona che si occupa della gestione di servizi socio assistenziali, sanitari ed educativi

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma. COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.it REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI,

Dettagli

Consorzio Regionale Network Etico Consorzio di Imprese Cooperative Sociali

Consorzio Regionale Network Etico Consorzio di Imprese Cooperative Sociali Consorzio Regionale Network Etico Consorzio di Imprese Cooperative Sociali PREMESSA La scelta di redigere il presente documento nasce dalla volontà di far conoscere l ambito di attività del Consorzio Regionale

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO VISTI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO Regolamento sull Affido Familiare la L.184/1983 Disciplina dell'adozione e dell'affidamento

Dettagli

Guida per accedere al Servizio Civile Regionale

Guida per accedere al Servizio Civile Regionale Guida per accedere al Servizio Civile Regionale Per partecipare ai progetti di Servizio Civile Regionale di questo Comune, è necessario accedere al programma Garanzia Giovani. L accesso al programma è

Dettagli

COMUNE DI MONTEROTONDO

COMUNE DI MONTEROTONDO COMUNE DI MONTEROTONDO Provincia di Roma CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO delle ATTIVITA del Servizio di Assistenza Domiciliare per i i Bambini e gli Adolescenti. ARTICOLO 1 OGGETTO Oggetto del presente capitolato

Dettagli

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS Area Persone Anziane Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS OBIETTIVI Scopo del servizio è permettere agli anziani, parzialmente o totalmente non

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere Indice Art. 1 - Individuazione del servizio - Tipologia

Dettagli

3. Allo scopo di realizzare le finalità sociali l Associazione potrà:

3. Allo scopo di realizzare le finalità sociali l Associazione potrà: STATUTO DELL ASSOCIAZIONE A.PA.V. SEDE, COSTITUZIONE, DURATA, OGGETTO SOCIALE ART. 1) 1. E costituita l Associazione denominata A.PA.V. - Associazione Parole che Volano ART. 2) 1. L Associazione ha sede

Dettagli

Presenti, come le montagne

Presenti, come le montagne Servizio sociale dei Comuni dell Ambito distrettuale n. 3.1 Gemonese, Canal del Ferro, Val Canale A.S.S. n. 3 Alto Friuli Progetto Azioni di sistema per la promozione dell Accessibilità e della Domiciliarità

Dettagli

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che Protocollo d intesa metodologico-operativo tra la Provincia di Fermo Settore Formazione Professionale, Scuola e Politiche del Lavoro e Settore Politiche Sociali, gli Ambiti Territoriali Sociali XIX e XX

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

Gli obiettivi generali di crescita del sistema di welfare locale

Gli obiettivi generali di crescita del sistema di welfare locale Gli obiettivi generali di crescita del sistema di welfare locale Una opzione di fondo della L. 328/2000 è la qualità, intesa non solo come metodo di valutazione degli interventi sociali, ma come strategia

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD)

COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) Art. 1 - DEFINIZIONE L assistenza domiciliare è costituita dal complesso di prestazioni di

Dettagli

COMUNE di FORMIA REGOLAMENTO CENTRO DIURNO SOCIO-EDUCATIVO-RIABILITATIVO PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI. Art. 1) Definizione

COMUNE di FORMIA REGOLAMENTO CENTRO DIURNO SOCIO-EDUCATIVO-RIABILITATIVO PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI. Art. 1) Definizione COMUNE di FORMIA Provincia di Latina REGOLAMENTO CENTRO DIURNO SOCIO-EDUCATIVO-RIABILITATIVO PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI Art. 1) Definizione Il Centro Diurno Socio-educativo-riabilitativo (di seguito

Dettagli

CENTRO DI AIUTO PSICOLOGICO ONLUS Associazione Psicoanalitica per la Prevenzione e la Cura del Disagio Psichico

CENTRO DI AIUTO PSICOLOGICO ONLUS Associazione Psicoanalitica per la Prevenzione e la Cura del Disagio Psichico CENTRO DI AIUTO PSICOLOGICO ONLUS Associazione Psicoanalitica per la Prevenzione e la Cura del Disagio Psichico R E G O L A M E N T O 2012 Art. 1 SCOPI DELL' ASSOCIAZIONE Al fine di realizzare gli scopi

Dettagli

Statuto Associazione Professionale Counselling (A.Pro.Co)

Statuto Associazione Professionale Counselling (A.Pro.Co) 1 Statuto Associazione Professionale Counselling (A.Pro.Co) L'anno 2013 (duemilatredici) il giorno 22 (ventidue) del mese di luglio si costituisce l'associazione culturale denominata Associazione Professionale

Dettagli

Regolamento Associazione delle Donne del Credito Cooperativo idee

Regolamento Associazione delle Donne del Credito Cooperativo idee Regolamento Associazione delle Donne del Credito Cooperativo idee PREMESSA Il Regolamento dell Associazione Idee descrive il disegno organizzativo e rappresenta sinteticamente il complesso delle attribuzioni

Dettagli

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l.

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. onlus IL PUNTO DI PARTENZA Società Cooperativa sociale a.r.l. ONLUS

Dettagli

STATUTO. PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 1. 2. L Associazione opera a livello locale, nazionale ed internazionale, e ha sede sociale a Lampedusa (AG).

STATUTO. PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 1. 2. L Associazione opera a livello locale, nazionale ed internazionale, e ha sede sociale a Lampedusa (AG). STATUTO PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 1 1. ALTERNATIVA GIOVANI è un Associazione culturale ONLUS Organizzazione non lucrativa di utilità sociale fondata sul volontariato, libera e senza scopo di lucro, regolata

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: COMUNE DI CARBONE (PZ) Titolo del progetto: SEMPRE MENO SOLI 6) Descrizione del contesto territoriale

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA FAMIGLIA, INFANZIA ADOLESCENZA E MINORI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Pablo Picasso Maternità INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

Associazione di Volontariato La Dimora Accogliente STATUTO

Associazione di Volontariato La Dimora Accogliente STATUTO Associazione di Volontariato La Dimora Accogliente STATUTO Art. 1 Costituzione 1. E costituita l Associazione di volontariato denominata La Dimora Accogliente, che in seguito sarà denominata l Organizzazione:

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO MENTALE Approvato con Deliberazione di C.C. n. 52 del

Dettagli

Caratteristiche e obiettivi del servizio

Caratteristiche e obiettivi del servizio Allegato 2 Specifica Tecnica contenente le caratteristiche del servizio Assistenza domiciliare Disabili Sociale ed Integrata dei Comuni dell Ambito S3 ex S5 Eboli Capofila- Caratteristiche e obiettivi

Dettagli

CONSULTA DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE. Premessa della Dirigente

CONSULTA DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE. Premessa della Dirigente Allegato n. 1 C.I. del 29.04.2014 ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEMARCIANO MARINA Via G. Marotti, 26 60018 MONTEMARCIANO (AN) ic.montemarciano@libero.it - www.icsmontemarciano.it Tel. 071 915239 - Fax 071 915050

Dettagli

REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNALI - AMBITO TERRITORIALE - VALLE SERIANA -

REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNALI - AMBITO TERRITORIALE - VALLE SERIANA - REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNALI - AMBITO TERRITORIALE - VALLE SERIANA - Art. 1 Finalità del Regolamento Questo Regolamento è finalizzato alla realizzazione del processo di coordinamento e d integrazione

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

Viene anticipato all approvazione il presente punto all ordine del giorno.

Viene anticipato all approvazione il presente punto all ordine del giorno. Viene anticipato all approvazione il presente punto all ordine del giorno. OGGETTO: CONFERIMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI ALLA PERSONA PER IL PERIODO 2009/2013 ALL'AZIENDA SPECIALE CONSORTILE RETESALUTE

Dettagli

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ DI BENEVENTO REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Titolo I Principi generali Art. 1 Il Forum della Gioventù della Provincia di Benevento è un organismo di partecipazione, rappresentanza

Dettagli

OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE

OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE BREVE DESCRIZIONE PREREQUISITI Operatore socio-sanitario Sanitario, sociale, socio-sanitario Finalità: L attività dell operatore

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. In Arte Lab. Associazione Culturale

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. In Arte Lab. Associazione Culturale STATUTO DELL ASSOCIAZIONE In Arte Lab Associazione Culturale Articolo 1 - E costituita l Associazione denominata In Arte Lab, libera associazione di fatto, apartitica, apolitica e aconfessionale, con durata

Dettagli

COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI

COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI Nell ambito delle azioni previste dalla Legge 328/2000, volte ad assicurare l esistenza

Dettagli

ESENTE DA IMPOSTA DI BOLLO IN MODO ASSOLUTO COME PRECISATO DA ART. 17D.LGS. 460/97. STATUTO della Associazione Karibu Afrika - ONLUS

ESENTE DA IMPOSTA DI BOLLO IN MODO ASSOLUTO COME PRECISATO DA ART. 17D.LGS. 460/97. STATUTO della Associazione Karibu Afrika - ONLUS STATUTO della Associazione Karibu Afrika - ONLUS DENOMINAZIONE art.1 - È costituita l Associazione denominata Karibu Afrika - Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale (Onlus), in breve nominabile

Dettagli

COOPERAZIONEFAMIGLIE

COOPERAZIONEFAMIGLIE COOPERAZIONEFAMIGLIE Chi siamo La Cooperativa Sociale CAF nasce nel 2011 a Romano di Lombardia ( BG ) dalla filiazione dell Associazione di Volontariato Sociale CAF Centro Aiuto Famiglia, sorta nel 1986,

Dettagli

CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU

CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU (Estratto dalla CARTA DEI SERVIZI RESIDENZIALI approvata dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 69 del 29/09/2010, esecutiva ai sensi di legge) CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU FINALITA ED

Dettagli

L.266/91. presso lo Studio notarile associato BULFERI via Carducci n. 32 Pescara

L.266/91. presso lo Studio notarile associato BULFERI via Carducci n. 32 Pescara denominazione: CENTRO DI SOLIDARIETA DI PESCARA- ASSOCIAZIONE GRUPPO SOLIDARIETA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale ONLUS Organizzazione di volontariato Associazione riconosciuta legalmente

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE. LoveItaly! Associazione Culturale. Articolo 1. Denominazione sede durata

STATUTO DI ASSOCIAZIONE. LoveItaly! Associazione Culturale. Articolo 1. Denominazione sede durata STATUTO DI ASSOCIAZIONE LoveItaly! Associazione Culturale Articolo 1 Denominazione sede durata È costituita, ai sensi degli art. 14 e seguenti del Codice Civile, l Associazione denominate LoveItaly! Associazione

Dettagli

(D.A. n 300 del 20 febbraio 2012 Delibera Aziendale n. n 332 del 30 Marzo 2012)

(D.A. n 300 del 20 febbraio 2012 Delibera Aziendale n. n 332 del 30 Marzo 2012) Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 DIREZIONE GENERALE AVVISO PUBBLICO PER INDIVIDUAZIONE DI ASSOCIAZIONE PARTNER COLLABORATRICE DI PROGETTO Piano Aziendale di Prevenzione

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Comune di Nuoro Ente Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART 1 Oggetto del regolamento. Il presente regolamento disciplina, nell ambito dei principi dell ordinamento e nel rispetto

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO voce 4 - TITOLO DEL PROGETTO:Unicità della persona nel sociale voce 5 - SETTORE e Area di Intervento: Assistenza: A1 - Anziani voce 7 - OBIETTIVI DEL PROGETTO:

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: LA CASA DELLE GENTI SETTORE e Area di Intervento: A12 Assistenza ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO FINALITA GENERALE Finalità generale del progetto

Dettagli

DISCIPLINARE PER L ACCREDITAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

DISCIPLINARE PER L ACCREDITAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISCIPLINARE PER L ACCREDITAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE - SAD - Servizio di assistenza domiciliare - ADH - Servizio educativo domiciliare disabili - SED - Servizio educativo minori Art.

Dettagli

il Presidente della Cooperativa I Percorsi Maurizio Cavalli

il Presidente della Cooperativa I Percorsi Maurizio Cavalli Cooperativa SoCiale i percorsi è importante costruire ponti, reti, sinergie, lavorare per la creazione di comunità locali nelle quali mettere sempre più al centro la persona, svantaggiata o meno, nuova

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) Servizio Civile Nazionale Provincia di Foggia SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: PROVINCIA DI FOGGIA Piazza XX Settembre

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

SOCIETA DELLA SALUTE DEL MUGELLO

SOCIETA DELLA SALUTE DEL MUGELLO Allegato A C.F. e P. IVA 05517830484 Via Palmiro Togliatti, 29-50032 BORGO SAN LORENZO (FI) Tel. 0558451430 Fax 0558451414 - e-mail: sds.mugello@asf.toscana.it Indirizzi per la ripartizione dei finanziamenti,

Dettagli

COMUNITA' ALLOGGIO DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO

COMUNITA' ALLOGGIO DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO COMUNITA' ALLOGGIO DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio per disabili di Strada Torino 32 a Moncalieri denominata "C O2 Case" costituisce una reale e concreta alternativa al ricovero

Dettagli

Associazione Culturale, "Settecamini. Quartiere di Roma" STATUTO TITOLO I COSTITUZIONE E SCOPI

Associazione Culturale, Settecamini. Quartiere di Roma STATUTO TITOLO I COSTITUZIONE E SCOPI Associazione Culturale, "Settecamini. Quartiere di Roma" STATUTO TITOLO I COSTITUZIONE E SCOPI ART. 1 DENOMINAZIONE E SEDE. É costituita con sede in Roma, Via Carlo Cassola 23, l Associazione culturale

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Dislessia Discalculia Lodi"

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Dislessia Discalculia Lodi Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Dislessia Discalculia Lodi" Art. 1 - Costituzione e Sede E costituita l Organizzazione di Volontariato denominata Associazione Dislessia Discalculia

Dettagli

Servizi Sociali COMUNE DI ALLUMIERE. Denominazione del Servizio Servizio Sociale Professionale Minori Famiglia Adulti - Disabili - Anziani

Servizi Sociali COMUNE DI ALLUMIERE. Denominazione del Servizio Servizio Sociale Professionale Minori Famiglia Adulti - Disabili - Anziani COMUNE DI ALLUMIERE Servizi Sociali CHE COSA E LA CARTA DEI SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE DI ALLUMIERE La presente carta dei servizi sociali vuole essere uno strumento per i cittadini per conoscere gli elementi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Approvato con deliberazione del C.C. n. 40 del 30.6.2003 Comune di Cusano Milanino REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Art.1 OGGETTO

Dettagli

INSEGNANTE DI SCUOLA DELL INFANZIA

INSEGNANTE DI SCUOLA DELL INFANZIA INSEGNANTE DI SCUOLA DELL INFANZIA 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 7 Quali competenze sono necessarie... 7 Conoscenze... 10

Dettagli

IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO

IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO Corso finanziato dalla Provincia di Torino SEMINARIO IL PROGETTO NEONATI DELLA CITTA DI TORINO Storia e prospettive dell affidamento di bambini piccolissimi Considerazioni e questioni aperte, a partire

Dettagli

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia PREMESSA L OSA (operatore/operatrice socioassistenziale) - Ha uno statuto di professionista qualificato con Attestato

Dettagli

SINTESI PROGETTO S.M.S. Scuola Sostegno, Motivazione e Successo

SINTESI PROGETTO S.M.S. Scuola Sostegno, Motivazione e Successo SINTESI PROGETTO S.M.S. Scuola Sostegno, Motivazione e Successo POR SARDEGNA 2000/2006 Misura 3.6 Azione 3.6.a Bando 2005/2006 Il progetto denominato SMS Scuola Sportello di ascolto, orientamento e informazione

Dettagli

BANDO DI ACCREDITAMENTO 2014/15 PER LA FORNITURA DI PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE MEDIANTE VOUCHER SOCIALE

BANDO DI ACCREDITAMENTO 2014/15 PER LA FORNITURA DI PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE MEDIANTE VOUCHER SOCIALE DISTRETTO SOCIO - SANITARIO D54 Comuni di Castelvetrano - Campobello di Mazara- Partanna- Poggioreale-Salaparuta-Santa Ninfa Partanna Poggioreale Salaparuta - Santa Ninfa Piazza G. Cascino, n. 8 91022

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 DIRETTIVE GENERALI DI ATTUAZIONE

LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 DIRETTIVE GENERALI DI ATTUAZIONE Direzione Qualità della Vita, Beni ed Attività Culturali, Sicurezza e Promozione Sociale Servizio Servizi Sociali LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 Norme in materia di servizi educativi per la prima

Dettagli

Per il raggiungimento dei suoi fini, l Associazione, in via esemplificativa e non tassativa, potrà svolgere le seguenti attività:

Per il raggiungimento dei suoi fini, l Associazione, in via esemplificativa e non tassativa, potrà svolgere le seguenti attività: STATUTO Art. 1 Denominazione E costituita l Associazione non lucrativa di utilità sociale Associazione Icaro c è l ha fatta O.- N.L.U.S. L ente si impegna ad utilizzare nella denominazione ed in qualsivoglia

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: Una Casa e un Sorriso sono già cura

TITOLO DEL PROGETTO: Una Casa e un Sorriso sono già cura TITOLO DEL PROGETTO: Una Casa e un Sorriso sono già cura SETTORE e Area di intervento: Assistenza Minori ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO: Contribuire a migliorare le condizioni

Dettagli

REGOLAMENTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

REGOLAMENTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti REGOLAMENTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ART. 1) PREMESSA L Associazione CNCP rappresenta i suoi associati in tutte le istanze nazionali ed internazionali

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ASSOCIAZIONE PENELOPE Coordinamento Solidarietà Sociale 2) Codice di accreditamento: NZ00321

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

STATUTO DI QUILTING TUSCIA

STATUTO DI QUILTING TUSCIA STATUTO DI QUILTING TUSCIA Articolo 1. E costituita l associazione culturale denominata Quilting Tuscia. L' associazione è apolitica e non ha scopo di lucro. La durata della associazione è illimitata e

Dettagli

Piano di Zona 2010-2012 AREA DISABILI CODICE - H -

Piano di Zona 2010-2012 AREA DISABILI CODICE - H - AREA DISABILI CODICE - H - COD AZIONE PAG. H 1 AIUTO DOMESTICO AI DISABILI GRAVI 175 H 2 ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI ONCOLOGICI 180 H 3 ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI DI ALZHEIMER E ALLE LORO 184

Dettagli

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci CRONOPROGRAMMA GENERALE ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI, TERZO SETTORE, COOP. SVILUPPO, POLITICHE GIOVANILI, PARI OPPORTUNITA PARTE 1: AZIONI DI SISTEMA 1. Assetti organizzativi e istituzionali a. Ruolo

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto (Approvato con deliberazione del C.C. n. 101 del 16/11/2006) REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto Il Comune di Mogliano Veneto nell ottica di promozione

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE (PROGETTO) - PRASSI OPERATIVA SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D

SPECIFICHE TECNICHE (PROGETTO) - PRASSI OPERATIVA SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D ALLEGATO D SPECIFICHE TECNICHE (PROGETTO) - PRASSI OPERATIVA SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) A FAVORE DI PERSONE: ANZIANE, DISABILI, IN SITUAZIONE DI DISAGIO PSICHICO E/O SOCIALE (Il presente

Dettagli

Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare

Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare A cura di Dr.ssa BOVE Daniela Laura Cooperativa Sociale AMANI Comune di Brindisi Roma, 18 Gennaio 2010 cambiamenti

Dettagli

Casa Irene. Comunità educativa di tipo familiare

Casa Irene. Comunità educativa di tipo familiare Casa Irene Comunità educativa di tipo familiare CARTA dei SERVIZI Ed. 2009 Premessa Questa Carta dei servizi è parte integrante della Carta dei Valori e dei Servizi della cooperativa sociale Irene 95 (cfr.

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SGUINZAGLIATI

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SGUINZAGLIATI STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SGUINZAGLIATI ARTICOLO 1 - DENOMINAZIONE E SEDE E costituita l associazione di promozione sociale, ai sensi della L. 383/2000 e della L.R. 9/2004, denominata SGUINZAGLIATI L associazione

Dettagli