REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I SERVIZI RESIDENZIALI E DIURNI EROGATI DALLA COMUNITA MONTANA GRAND COMBIN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I SERVIZI RESIDENZIALI E DIURNI EROGATI DALLA COMUNITA MONTANA GRAND COMBIN"

Transcript

1 COMUNITA MONTANA GRAND COMBIN SERVIZI A FAVORE DELLE PERSONE ANZIANE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I SERVIZI RESIDENZIALI E DIURNI EROGATI DALLA COMUNITA MONTANA GRAND COMBIN CAPO 1 OGGETTO, FINALITA E NORME GENERALI ARTICOLO 1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l erogazione dei seguenti servizi: - Microcomunità - Centro diurno - Comunità Alloggio - Centro d incontro e si ispira alle disposizioni della Costituzione e della legislazione nazionale e regionale in materia di interventi e servizi sociali. ARTICOLO 2 FINALITA Nella disciplina dei servizi il presente regolamento persegue i seguenti fini : - tutela dei diritti degli utenti e delle loro famiglie; - rispetto della libertà e della dignità della persona umana; - presa in carico delle problematiche degli utenti; - qualità dei servizi finalizzati alla prevenzione ed al recupero; - efficienza della gestione. ARTICOLO 3 NORME GENERALI L ammissione degli utenti ai servizi avviene nel rispetto delle norme regionali di settore ed è subordinata alla presentazione di apposita domanda all Assistente Sociale del distretto di residenza dell interessato e al successivo parere dell Unità di Valutazione Geriatrica. L Unità di Valutazione Geriatrica è il gruppo multidisciplinare che esamina le proposte di inserimento in strutture residenziali e semi-residenziali. I compiti dell U.V.G. sono i seguenti : 1. Esaminare le proposte di inserimento in strutture residenziali e semi-residenziali avanzate dalle équipe multiprofessionali di zona (costituite dagli operatori di riferimento del domicilio dell utente : medico di medicina generale, assistente sociale, infermiere e assistente domiciliare dei servizi tutelari). 2. Disporre l utilizzo della rete dei servizi residenziali socio-sanitari e pertanto decidere in via esclusiva l inserimento e la dimissione degli utenti. Regolamento disciplinante i servizi residenziali e diurni erogati dalla Comunità Montana Grand-Combin Pag. 1

2 Per tutte le informazioni inerenti i servizi per anziani ed eventuali reclami che si intende presentare è necessario rivolgersi : - all Assistente Sociale del distretto socio sanitario n.4 per gli aspetti sociali quali : inserimento, adattamento, dimissioni, ecc. - all Infermiere Professionale del servizio di riferimento per quanto riguarda l aspetto sanitario; - all ufficio servizi anziani della Comunità Montana Grand Combin per quanto riguarda la parte amministrativa. La Comunità Montana Grand Combin, in qualità di gestore dei servizi per anziani, declina ogni responsabilità per danni che possono derivare, agli utenti e alle loro cose, per cause non imputabili direttamente alla stessa. ARTICOLO 4 UFFICI AMMINISTRATIVI La gestione amministrativa dei servizi per anziani è affidata all ufficio servizi anziani della Comunità Montana Grand Combin. Il personale amministrativo è presente presso gli uffici della Comunità Montana Grand Combin dal lunedì al venerdì, esclusi i festivi, con apertura al pubblico dalle ore 9.00 alle ore Poiché il personale amministrativo talvolta deve assentarsi dalla sede degli uffici per esigenze di servizio, si consiglia di contattare preventivamente il personale telefonicamente. ARTICOLO 5 CONTRIBUZIONE DEGLI UTENTI E DEI FAMILIARI Per le modalità e la determinazione delle quote di contribuzione degli utenti dei servizi per anziani e dei loro familiari si rinvia al provvedimento annuale della Giunta regionale, con il quale vengono approvate le direttive agli Enti locali gestori di servizi per anziani, ai sensi delle leggi regionali , n.93 e , n.18, e al provvedimento annuale del Consiglio dei Sindaci della Comunità Montana Grand Combin n. 20 del CAPO 2 MICROCOMUNITA ARTICOLO 6 CONTENUTO DEL SERVIZIO La microcomunità è costituita da un complesso di vani, munito di servizi generali idonei alla convivenza, destinato ad accogliere permanentemente o temporaneamente persone anziane che hanno bisogno di sostegno di tipo sanitario, infermieristico e domestico, conforme agli standard stabiliti dalla Regione Autonoma Valle d Aosta. L accoglienza permanente in microcomunità è destinata a rispondere ai bisogni di coloro per i quali i servizi di tipo domiciliare e diurno si rivelino insufficienti in relazione ad un quadro fisico, psichico o relazionale che non presenti elementi tali da farne prevedere una possibile positiva evoluzione nel breve periodo. L accoglienza temporanea in microcomunità è destinata a rispondere ai bisogni di coloro per i quali è ragionevole prevedere che nel breve periodo sia possibile il ripristino di condizioni tali da permetterne il rientro nel normale ambiente di vita. Regolamento disciplinante i servizi residenziali e diurni erogati dalla Comunità Montana Grand-Combin Pag. 2

3 In ogni caso i servizi offerti nella microcomunità dovranno tendere al recupero ed alla riabilitazione dell ospite, al fine di valorizzarne ogni possibile elemento di autonomia e di promuoverne, se possibile, anche nel lungo periodo, il rientro a domicilio. La microcomunità sarà aperta verso l esterno, consentendo e promuovendo nella quantità e nella qualità la conservazione o il ripristino dei rapporti individuali degli ospiti con parenti, amici e conoscenti, oltre che i rapporti collettivi degli ospiti nel loro complesso con la comunità territoriale, ed in particolare con le organizzazioni di volontariato. ARTICOLO 7 AMMISSIONE AL SERVIZIO L ammissione al servizio è disposta, ai sensi delle norme vigenti, dall Unità di Valutazione Geriatrica competente per territorio, su richiesta dell interessato o, nel caso in cui egli sia incapace di intendere e di volere, dei familiari o da chi ne abbia la tutela. ARTICOLO 8 DIRITTI DEGLI UTENTI Gli ospiti della microcomunità hanno il diritto di : - ricevere le prestazioni di tipo domestico, assistenziale e sanitario necessarie per garantire risposta appropriata alle necessità personali, in conformità al progetto individualizzato che verrà predisposto al momento dell inserimento in accordo con l interessato e/o i familiari, che conterrà gli obiettivi di recupero/mantenimento ritenuti possibili, e che sarà successivamente oggetto di valutazione ed aggiornamento secondo una periodicità predeterminata; - ricevere al momento dell inserimento l assegnazione della camera da parte del personale, tenuto conto delle esigenze dell utente e della disponibilità delle stesse. E possibile che mutando le esigenze vengano effettuati dei cambiamenti nel corso della permanenza dell utente in struttura, previa comunicazione all utente interessato e ai familiari; - ricevere telefonate da parenti e conoscenti; - utilizzare il telefono della microcomunità in caso di necessità previa autorizzazione del personale in servizio; - personalizzare la camera assegnata con oggetti propri compatibilmente con l organizzazione della struttura stessa; - ricevere al momento dell inserimento, e successivamente in ogni occasione di variazione, tutte le opportune informazioni circa le caratteristiche delle prestazioni e dei servizi, oltre ad una copia del presente regolamento; - ricevere visite nell orario di apertura ai visitatori (dalle 8.00 alle 21.00, al di fuori dell orario dei pasti), fatte salve precise esigenze assistenziali; le visite nelle stanze personali saranno disciplinate dalle singole strutture in relazione alle specifiche caratteristiche delle strutture stesse, a quelle particolari delle stanze e alle condizioni degli ospiti; - ricevere dal personale di servizio un trattamento improntato al massimo rispetto e alla tutela della dignità personale; - entrare ed uscire liberamente dalla struttura, tra le ore 9 e le ore 20, fatta salva la comunicazione al personale di servizio, e in altro orario previo accordo con il personale; - depositare presso l eventuale cassaforte della microcomunità, e limitatamente alle concrete possibilità della stessa di offrire adeguata custodia, eventuali oggetti di valore e denaro, ottenendo ricevuta; la microcomunità non risponde di furti o smarrimenti di quanto detenuto personalmente dagli ospiti; - conservare il posto a tempo indeterminato in caso di ricovero ospedaliero. Regolamento disciplinante i servizi residenziali e diurni erogati dalla Comunità Montana Grand-Combin Pag. 3

4 ARTICOLO 9 DOVERI DEGLI UTENTI Gli ospiti della microcomunità hanno il dovere di : - avvisare sempre il personale in occasione delle uscite dalla microcomunità, indicando anche l orario presumibile per il rientro e, volontariamente, la destinazione; - dotarsi al momento dell inserimento di un adeguato corredo personale e reintegrarlo al bisogno, nonché cucire il numero di riconoscimento assegnato su tutti gli indumenti (biancheria intima e vestiario); - non fumare, se non negli spazi a ciò eventualmente dedicati; - non introdurre nelle stanze fornelli di qualsiasi tipo e materiali pericolosi, fatta salva l eventuale dotazione della stanza assegnata; - non introdurre nelle stanze cibi, bevande alcoliche o farmaci senza aver avvisato il personale, ove ciò sia previsto dal progetto individualizzato; - non usare nelle camere televisori, radio ed altri apparecchi sonori a volume tale da arrecare disturbo agli altri ospiti, tenuto conto dell ora; - collaborare, in base alle proprie possibilità, nelle attività della microcomunità; - intrattenere rapporti corretti e rispettosi con gli altri ospiti ed il personale; - porre in essere un comportamento consapevole non solo dei doveri previsti dal presente regolamento, ma anche di quelli che naturalmente derivano dalla vita in comunità; - rispettare, in caso di inserimenti temporanei, il periodo di permanenza concordato preventivamente; - fornire la documentazione relativa ai redditi ed al patrimonio per la determinazione della quota alberghiera giornaliera di contribuzione prima dell inserimento in microcomunità; - comunicare tempestivamente eventuali redditi percepiti successivamente all inserimento dell ospite (es. indennità di accompagnamento, pensioni di invalidità, cecità, ecc.); - produrre annualmente la documentazione relativa ai redditi e patrimonio aggiornati per il ricalcalo della quota alberghiera giornaliera di contribuzione entro il 30 giugno di ogni anno; - corrispondere puntualmente, sulla base di quanto comunicato bimestralmente dagli uffici amministrativi della Comunità Montana Grand Combin, la contribuzione dovuta per il servizio microcomunità stabilita dalla vigente normativa regionale; comunicare tempestivamente eventuali variazioni del proprio reddito, nonché fornire la relativa documentazione; - sottoscrivere al momento dell inserimento, e successivamente ad ogni occasione di variazione, il presente regolamento; - non accedere in cucina, lavanderia, infermeria, depositi, stanze degli utenti se non autorizzati dal personale. ARTICOLO 10 INADEMPIENZE In caso di violazione da parte degli ospiti capaci di intendere e di volere dei doveri stabiliti dal presente regolamento, sarà cura del personale relazionarsi con gli interessati. Ove, nonostante gli interventi, di cui al comma precedente, le violazioni continuino, l Amministrazione potrà sospendere il servizio, previa diffida e segnalazione all equipe di base, la quale richiederà all U.V.G l autorizzazione di competenza. Regolamento disciplinante i servizi residenziali e diurni erogati dalla Comunità Montana Grand-Combin Pag. 4

5 ARTICOLO 11 ORARI DI APERTURA ALLE VISITE L accesso alla microcomunità è libero dalle ore 8.00 alle ore In caso di richiesta di accesso durante l orario di chiusura, il personale in servizio è tenuto a : - verificare il motivo e l effettiva urgenza e necessità di un accesso alla struttura durante le ore notturne; - individuare l identità della persona accolta in struttura. ARTICOLO 12 VITTO Il vitto per gli utenti della microcomunità prevede un menù approvato dall Ufficiale Sanitario e dal Servizio di Dietetica dell U.S.L. Colazione, pranzo, merenda e cena sono serviti nel refettorio nei seguenti orari : colazione : dalle ore 8.00 alle ore 9.00 circa pranzo : dalle ore 11,30 alle ore 12,45 circa merenda : dalle ore alle ore 16,30 circa cena : dalle ore alle ore 20,00 circa A metà mattinata e dopo il riposo pomeridiano sono distribuite bevande (acqua tè-succhi di frutta) a tutti gli utenti. L ingresso nel refettorio durante i pasti è vietato ai visitatori non autorizzati. Nei giorni festivi il pasto viene fornito dalla cucina comunitaria di Chez-Roncoz per le microcomunità di Roisan, Gignod l Oberdze ed il Centro di Saint Oyen. Agli utenti viene erogata un assistenza di base e una sorveglianza, in rapporto alle condizioni psicofisiche, da personale qualificato (ADEST) che copre l intero arco delle 24 ore. ARTICOLO 13 SERVIZIO DI ASSISTENZA SANITARIA Il servizio di assistenza sanitaria agli utenti viene assicurato di norma dal medico di base e dal medico di continuità assistenziale nei giorni di sabato e domenica e orari notturni. All interno della microcomunità è garantito un servizio qualificato di assistenza infermieristica per gli ospiti, in ottemperanza a quanto stabilito dai parametri regionali. Il personale infermieristico è presente nei seguenti orari: Microcomunità di Roisan dalle ore 7.00 alle ore 13,00; Microcomunità di Loc. Chez Roncoz dalle ore 7 alle 13,00 dalle 17 alle 19,30; Microcomunità di Gignod dalle 10,00 alle 12,00 un giorno alla settimana; Microcomunità di Doues ed il Centro di Saint Oyen al bisogno. Gli utenti con patologie di tipo traumatico, neurologico, ortopedico, possono avvalersi del servizio di fisiocinesiterapia previa visita fisiatrica. ARTICOLO 14 ATTIVITA OCCUPAZIONALI E DI ANIMAZIONE L utente è libero di organizzare il proprio tempo libero a disposizione nel modo che ritiene più opportuno, compatibilmente con le proprie capacità psicotiche. Attività ricreative, culturali o Regolamento disciplinante i servizi residenziali e diurni erogati dalla Comunità Montana Grand-Combin Pag. 5

6 occupazionali, spontaneamente scelte, possono essere svolte dagli utenti che ne sono in grado, sia all interno che all esterno della struttura. Le attività proposte dal personale possono coinvolgere i singoli utenti o l intera microcomunità. La struttura è dotata di apparecchi audiovisivi. La microcomunità accoglie persone singole o gruppi che organizzano manifestazioni a carattere ricreativo a favore degli utenti. L uscita dalla struttura per attività di animazione (gite, passeggiate) è subordinata al parere del personale sanitario e al consenso espresso dai familiari, qualora gli utenti non siano in grado di esprimere un parere personale in merito. ARTICOLO 15 SERVIZIO LAVANDERIA La microcomunità garantisce in servizio di lavanderia, stireria e guardaroba che cura i cambi della biancheria personale, da bagno, da letto e da tavola. ARTICOLO 16 ASSISTENZA RELIGIOSA E assicurata la libertà di professione di ogni culto o religione, compatibilmente con le esigenze organizzative e le caratteristiche strutturali proprie della microcomunità. ARTICOLO 17 RAPPORTI TRA GLI UTENTI E IL PERSONALE L utente può esigere dal personale assistente ed infermieristico le prestazioni previste dal profilo professionale di riferimento. Non sono ammessi compensi al personale. ARTICOLO 18 REGOLE PER I FAMILIARI E VISITATORI Ai visitatori non è consentito : - fumare all interno della struttura; - l accesso in cucina, lavanderia, infermeria, depositi; - portare cibi, bevande alcoliche, farmaci senza autorizzazione del personale; L accesso alle camere degli utenti deve sempre essere autorizzato dal personale in servizio. Il personale della microcomunità è autorizzato a richiedere e fotocopiare i documenti necessari all identificazione delle persone sconosciute e ad impedire l accesso alle persone ritenute sospette o inopportune. ARTICOLO 19 DOVERI DEI FAMILIARI DEGLI UTENTI I familiari degli utenti sono tenuti: - a chiedere preventivamente l autorizzazione al personale prima di somministrare alimenti o bevande agli utenti; Regolamento disciplinante i servizi residenziali e diurni erogati dalla Comunità Montana Grand-Combin Pag. 6

7 - ad assistere l utente durante il ricovero ospedaliero e, a rendersi disponibili per l accompagnamento dello stesso presso la struttura ospedaliera od altro per visite specialistiche o esami strumentali. Qualora il trasporto venga effettuato mediante l utilizzo del 118, il familiare deve essere disponibile per la presa in carico dell ospite al suo arrivo presso la struttura a cui è stato richiesto il servizio; - a visitare il proprio congiunto, evitando di delegare totalmente l assistenza psicologica, morale e materiale dell utente al personale della microcomunità ; - a fornire, al momento dell inserimento, il corredo personale dell utente ed a reintegrarlo al momento del bisogno, nonché a cucire il numero assegnato su tutti gli indumenti (biancheria intima e vestiario); - ad accettare le regole del servizio come previsto dal regolamento; - a collaborare con il personale, in caso di bisogno, per l assistenza del proprio congiunto (aiuto per imboccare, assistenza in fase terminale, ecc.); - a rispettare il termine del periodo di permanenza in caso di inserimenti temporanei; - a comunicare tempestivamente eventuali variazioni del proprio reddito e patrimonio, nonché a fornire la relativa documentazione; - a pagare tempestivamente, se dovuto e sulla base di quanto comunicato dagli uffici amministrativi della Comunità Montana Grand Combin la quota di integrazione dovuta per l inserimento del proprio congiunto in microcomunità. CAPO 3 CENTRO DIURNO ARTICOLO 20 CONTENUTO DEL SERVIZIO Il Centro diurno è un servizio semi-residenziale che ospita, in regime diurno, persone anziane nell ambito della microcomunità e ha l obiettivo di offrire all utente che vive in condizioni di isolamento una risposta a bisogni di vario tipo quali : - socializzazione; - occupazione del tempo libero; - alimentazione adeguata; - infermieristici. Il Centro diurno si rivolge ad utenti che possiedono ancora una certa autonomia fisica e psichica e che ben sopportano il trasferimento con mezzi propri dal proprio domicilio alla microcomunità, ed agisce prevalentemente nell ambito della prevenzione di situazioni di non autosufficienza per il mantenimento delle capacità residue e, laddove possibile, per il recupero di quelle perse. Il Centro diurno assicura le seguenti tipologie di prestazioni : - assistenziali : preparazione e somministrazione dei pasti, cura ed igiene personale; - infermieristiche : somministrazione terapia, medicazioni; - di animazione : attività di occupazione del tempo libero. Non vengono svolte attività al di fuori della struttura a favore di un singolo utente a carattere personale (commissioni, accompagnamenti ). In particolare, il Centro diurno sarà aperto verso l esterno, consentendo e promuovendo nella quantità e nella qualità la conservazione o il ripristino dei rapporti individuali degli ospiti con parenti, amici e conoscenti, oltre che i rapporti collettivi degli ospiti nel loro complesso con la comunità territoriale, ed in particolare con le organizzazioni di volontariato. Regolamento disciplinante i servizi residenziali e diurni erogati dalla Comunità Montana Grand-Combin Pag. 7

8 ARTICOLO 21 ORARI DEL SERVIZIO Il Centro diurno è aperto agli utenti tutti i giorni con orari da concordare in modo tale da garantire risposta adeguata alle necessità personali, in conformità al progetto individualizzato che verrà predisposto al momento dell inserimento in accordo con l interessato e/o i familiari, che conterrà gli obiettivi di recupero/mantenimento ritenuti possibili, e che sarà successivamente oggetto di valutazione ed aggiornamento secondo una periodicità predeterminata. ARTICOLO 22 AMMISSIONE AL SERVIZIO L ammissione al servizio è disposta, ai sensi delle norme vigenti, dall Unità di Valutazione Geriatrica competente per territorio, su richiesta dell interessato o, nel caso in cui egli sia incapace di intendere e di volere, dei familiari o da chi ne abbia la tutela. Sono possibili inserimenti di durata variabile: mezza giornata, giornata intera, a giorni alterni o in modo continuativo, a seconda del progetto concordato con l utente ed i familiari. ARTICOLO 23 DIRITTI DEGLI UTENTI Gli utenti ammessi al servizio hanno il diritto di : - godere del servizio in condizioni di parità effettiva, e quindi di ricevere le attenzioni appropriate alle loro condizioni personali e secondo un progetto concordato al momento dell inserimento; - essere personalmente e direttamente informati delle caratteristiche dei servizi esistenti e di quelli loro concessi; - conservare la disponibilità del servizio anche in caso di ricovero ospedaliero o di assenza di altro tipo fino ad un massimo di sei mesi continuativi. ARTICOLO 24 DOVERI DEGLI UTENTI Gli utenti ammessi al servizio hanno il dovere di : - utilizzare il servizio nel rispetto del presente regolamento, una copia del quale verrà loro consegnata al momento dell assegnazione del servizio e andrà sottoscritta per accettazione; - conformarsi, in quanto trattasi di servizio caratterizzato dalla presenza di altri utenti, alle regole della serena e cordiale convivenza; - avvisare il personale della microcomunità e gli uffici amministrativi della Comunità Montana Grand Combin, non appena possibile, nel caso in cui per qualsiasi ragione non intendano anche per una sola volta usufruire del servizio assegnato; - corrispondere alla Comunità Montana Grand Combin le quote di contribuzione stabilite nel rispetto della vigente normativa regionale; - comunicare con preavviso di almeno un mese l eventuale intenzione di non usufruire più del servizio; - non richiedere agli operatori prestazioni non pertinenti alle finalità del Centro diurno (accompagnamenti, disbrigo di incombenze..) che devono essere garantite dai familiari o, in assenza di questi ultimi, dal servizio domiciliare; Regolamento disciplinante i servizi residenziali e diurni erogati dalla Comunità Montana Grand-Combin Pag. 8

9 - non frequentare il Centro diurno in caso di malattia, qualora le condizioni patologiche non dovessero più consentire il trasporto dell utente dal domicilio alla microcomunità; - provvedere personalmente alle spese di tipo sanitario, quali, ad esempio, la fornitura di farmaci e materiale parafarmaceutico non dispensati dal servizio sanitario regionale, il pagamento di ticket di ogni genere, eventuali trasporti in ambulanza, ecc. - non introdurre bevande alcoliche; - non introdurre e distribuire alimenti e bevande senza l autorizzazione del personale. ARTICOLO 25 INADEMPIENZE Il servizio potrà essere sospeso previa diffida e segnalazione all equipe di base, la quale richiederà all U.V.G l autorizzazione di competenza, in caso di: mancato pagamento delle quote di contribuzione previste; inadempienza ripetuta dei doveri stabiliti dal presente regolamento. CAPO 4 COMUNITA ALLOGGIO ARTICOLO 26 CONTENUTO DEL SERVIZIO La Comunità alloggio consiste in complessi di alloggi assegnati ad anziani, singoli o conviventi, autosufficienti o parzialmente autosufficienti. Agli ospiti della Comunità alloggio sono garantiti i medesimi servizi domiciliari offerti all utenza del servizio di assistenza domiciliare. Gli utenti della Comunità alloggio possono usufruire del Centro d incontro esistente all interno della struttura e aperto anche all utenza del territorio comunitario, dalle ore alle Durante tale orario è prevista la somministrazione dei pasti e lo svolgimento di attività di animazione e di promozione dei rapporti collettivi degli ospiti con la comunità territoriale, parenti, amici e conoscenti. ARTICOLO 27 AMMISSIONE AL SERVIZIO Per gli anziani con più di 65 anni, l ammissione al servizio è disposta, ai sensi delle norme vigenti, dall Unità di Valutazione Geriatria competente per territorio, su richiesta dell interessato, dei familiari o da chi ne abbia la tutela. Per le persone di età compresa tra 55 ed i 65 anni l ammissione al servizio è proposta dall équipe di base alla competente Unità di Valutazione Geriatrica. ARTICOLO 28 DIRITTI DEGLI UTENTI Gli ospiti della Comunità Alloggio hanno diritto di : Regolamento disciplinante i servizi residenziali e diurni erogati dalla Comunità Montana Grand-Combin Pag. 9

10 - integrare l arredo già predisposto dall ente gestore con mobili e con oggetti propri compatibilmente con lo spazio a disposizione ; - entrare ed uscire dalla Comunità Alloggio, rispettando l orario di chiusura delle ore 19.00, fatto salvo l impegno di comunicare alle assistenti in servizio presso il centro d incontro diurno la propria assenza e concordare eventuali proroghe per esigenze particolari; - di ricevere visite; - conservare la disponibilità del servizio anche in caso di ricovero ospedaliero per un massimo di sei mesi; ARTICOLO 29 DOVERI DEGLI UTENTI Gli ospiti della Comunità Alloggio hanno il dovere di : - utilizzare le unità immobiliari nel rispetto del presente regolamento, di cui una copia verrà consegnata e sottoscritta per accettazione al momento dell inserimento; - utilizzare gli alloggi, i servizi ed i locali comuni nel rispetto dei beni e dei diritti degli altri utenti ed in particolare: utilizzare con cura quanto concesso in modo da evitare danni e mantenere gli ambienti in modo dignitoso; - comunicare alle assistenti in servizio presso il centro d incontro diurno la propria assenza; - corrispondere puntualmente il canone di locazione stabilito dalla vigente normativa della Comunità Montana Grand Combin e le quote di contribuzione per i singoli servizi di cui si usufruisce; - non introdurre animali domestici; - non introdurre ed utilizzare, se non autorizzati, negli spazi comuni della Comunità alloggio, bevande alcoliche; - utilizzare gli spazi comuni del Centro d incontro diurno e del Servizio mensa, conformandosi alle regole della serena e cordiale convivenza. ARTICOLO 30 INADEMPIENZE Il servizio potrà essere sospeso previa diffida e segnalazione all equipe di base, la quale richiederà all U.V.G l autorizzazione di competenza, in caso di: - mancato pagamento delle quote di contribuzione previste; - abbandono senza comunicazione della residenza; - inadempienza ripetuta dei doveri stabiliti dal presente regolamento. CAPO 5 CENTRO D INCONTRO DIURNO ARTICOLO 31 CONTENUTO DEL SERVIZIO Il Centro d incontro diurno è un ambiente fornito di sussidi ed arredi idonei per lo svolgimento di attività culturali e del tempo libero, dove si svolgono attività di animazione e si promuovono i rapporti collettivi degli ospiti con la comunità territoriale, parenti, amici e conoscenti. Regolamento disciplinante i servizi residenziali e diurni erogati dalla Comunità Montana Grand-Combin 10 Pag.

11 Il Centro d incontro è gratuito ed è aperto all utenza del territorio comunitario, dalle ore 11,00 alle Nei locali del Centro d incontro è disponibile un servizio mensa, dalle ore 11,30 alle 12,45 circa, aperto all utenza del territorio comunitario. Per le modalità di ammissione e di contribuzione, del servizio mensa, si rinvia ai provvedimenti citati nell art.5 del presente regolamento. ARTICOLO 32 DIRITTI DEGLI UTENTI Gli ospiti del Centro d incontro hanno diritto di : - entrare ed uscire liberamente dal Centro d incontro; ARTICOLO 33 DOVERI DEGLI UTENTI Gli ospiti del Centro d incontro diurno hanno il dovere di : - utilizzare gli spazi comuni del Centro d incontro, nel rispetto del presente regolamento, di cui una copia verrà consegnata e sottoscritta per accettazione al momento dell inserimento; - utilizzare i locali comuni nel rispetto dei beni e dei diritti degli altri utenti ed in particolare: utilizzare con cura quanto concesso in modo da evitare danni e mantenere gli ambienti in modo dignitoso; - non introdurre animali domestici; - non introdurre ed utilizzare, se non autorizzati, negli spazi comuni del Centro d incontro e nella Comunità alloggio, bevande alcoliche; - utilizzare gli spazi comuni del Centro d incontro diurno, conformandosi alle regole della serena e cordiale convivenza. ARTICOLO 34 INADEMPIENZE Il servizio potrà essere sospeso in caso di inadempienza ripetuta dei doveri stabiliti dal presente regolamento. Regolamento disciplinante i servizi residenziali e diurni erogati dalla Comunità Montana Grand-Combin 11 Pag.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

VILLA FRANCIA CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO

VILLA FRANCIA CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO Distretto Di Casalecchio Di Reno CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO Carta dei Servizi Il testo della Carta dei servizi è stato condiviso dal Gruppo Tecnico costituito ai sensi della L.R. 377/2004, istituito

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi)

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi) Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali (Allegato alla Carta dei Servizi) REGOLAMENTO INTERNO RSA ************* TITOLO 1 OGGETTO, FINALITA, CARATTERISTICHE Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Gentili Ospiti, Cittadini e Istituzioni, abbiamo il piacere di presentare la Carta dei Servizi della Casa Sabate, struttura dedicata al benessere

Gentili Ospiti, Cittadini e Istituzioni, abbiamo il piacere di presentare la Carta dei Servizi della Casa Sabate, struttura dedicata al benessere Gentili Ospiti, Cittadini e Istituzioni, abbiamo il piacere di presentare la Carta dei Servizi della Casa Sabate, struttura dedicata al benessere fisico, m entale e sociale di tutte le persone che desiderano

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

PARTE SECONDA DEUXIÈME PARTIE ACTES DU PRÉSIDENT DE LA RÉGION ATTI DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE. VAL- LET d ARVIER ARVIER MORGEX.

PARTE SECONDA DEUXIÈME PARTIE ACTES DU PRÉSIDENT DE LA RÉGION ATTI DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE. VAL- LET d ARVIER ARVIER MORGEX. PARTE SECONDA DEUXIÈME PARTIE ATTI DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE ARVIER di MORGEX IL PRESIDENTE DELLA REGIONE Omissis - ARVIER, di derivare dalla Dora MORGEX, moduli - - Art 2 - - - - - Il Presidente Augusto

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 MODALITÀ RICHIESTE (TRASFORMAZIONE E/O MODIFICA) DURATA ORARIO : ARTICOLAZIONE E INTERVALLO CRITERI PRINCIPALI ACCOGLIMENTO DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Alassio AL MARE RESIDENZA. Stagione 2014-2015

Alassio AL MARE RESIDENZA. Stagione 2014-2015 RESIDENZA AL MARE Alassio Stagione 2014-2015 Periodi e tariffe giornaliere di soggiorno: PERIODO DAL AL SOCI AGOAL AGGREGATI NOTE Festività fine Anno 28/12/2014 02/01/2015 72,00 77,00 Periodo non frazionabile

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE.

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE. COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza. Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155 REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale Da riportare su carta intestata Mod. 1 sez A Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ENTI DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 14 PER

Dettagli

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 MINIMI ED ALTRI ISTITUTI ECONOMICI 130 euro al 5 livello; 112 euro al 3 livello; 132 euro in media Tranche: 1/1/ 13 35 euro; 1/1/ 14 45 euro; 1/1/ 15 50 euro Conglobamento

Dettagli

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 2013 BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 1. Premessa 1.1 Lettera agli stakeholder 1.2 Metodologia 2. Identità dell organizzazione 2.1 Informazioni generali 2.2 Attività

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione.

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione. 1. Per l entrata ed il soggiorno in campeggio è obbligatoria la registrazione di ogni singola persona. All arrivo ogni ospite è tenuto a depositare un documento d identità e controllare l esattezza delle

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

CCNL sulla disciplina del rapporto di lavoro domestico. CCNL sulla disciplina del rapporto di lavoro domestico e familiare

CCNL sulla disciplina del rapporto di lavoro domestico. CCNL sulla disciplina del rapporto di lavoro domestico e familiare CCNL sulla disciplina del rapporto di lavoro domestico e familiare Decorrenza 8 marzo 2001 Scadenza 7 marzo 2005 Articolo 1 SFERA DI APPLICAZIONE Il presente contratto collettivo nazionale di lavoro, stipulato

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli