LA COOPERAZIONE SOCIALE PIEMONTE. Le Cooperative di tipo A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA COOPERAZIONE SOCIALE PIEMONTE. Le Cooperative di tipo A"

Transcript

1 r e g i o n e p i e m o LA COOPERAZIONE SOCIALE IN PIEMONTE Le Cooperative di tipo A n t e

2

3 LA COOPERAZIONE SOCIALE IN PIEMONTE Le Cooperative di tipo A

4 ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Direzione Politiche sociali Direttore Attilio Miglio Settore promozione attività altri soggetti pubblici e del privato sociale Dirigente Sergio Di Giacomo Corso Stati Uniti Torino Tel fax Pubblicazione a cura di: Maria Ludovica Chiambretto Responsabile ufficio Promozione del terzo settore Con il contributo di: Cristina Gallasso cooperative di tipo A Annalisa Maggiorotto cooperative di tipo B Con la collaborazione di: Carmen Prado Nadia Miletto C.S.I. Piemonte Si ringraziano inoltre le funzionarie dell Assessorato Antonella Gianesin (responsabile ufficio formazione del personale socio-assistenziale) Giovanna Tresso (responsabile ufficio sistema informativo servizi sociali) Nel sito internet della Regione Piemonte Nella sezione tematica Famiglia e politiche sociali è attiva la voce cooperazione sociale N.B. Si può digitare direttamente 4

5 INDICE Le Cooperative Sociali di tipo A 7 Provincia di Alessandria 41 Provincia di Asti 51 Provincia di Biella 61 Provincia di Cuneo 71 Provincia di Novara 83 Provincia di Torino 93 Provincia del Verbano Cusio Ossola 109 5

6

7 LE COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO A Le cooperative sociali, che comunemente vengono definite di tipo A, sono cooperative che operano nel settore dei servizi sociali e, in modo specifico, secondo il dettato dell art. 1 della legge quadro n. 381/91, hanno lo scopo di.. perseguire l interesse generale della comunità alla promozione umana e all integrazione sociale dei cittadini attraverso la gestione di servizi socio-sanitari ed educativi. Come è noto, da anni i servizi sociali pubblici sono gestiti o in forma diretta con personale dipendente o attraverso convenzioni con le cooperative sociali di tipo A. Quest ultima modalità gestionale si inserisce appieno nel moderno sistema di Welfare, così come delineatosi alla luce della recente riforma del Titolo V della Costituzione, nel quale è riconosciuto alle formazioni sociali un importante ruolo nell ambito della sussidiarietà orizzontale. La specifica finalità del perseguire l interesse generale da parte della cooperazione sociale, già evidenziata dalla Legge quadro n. 381 Disciplina delle cooperative sociali è stata inoltre ripresa e sottolineata dalla legge n. 328 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali nonché dal legislatore regionale con L.R n. 1 Norme per la realizzazione del sistema regionale integrato di interventi e servizi sociali e riordino della legislazione di riferimento Ciò premesso, è fuori dubbio che l albo regionale costituisca anche il primo ambito di riferimento per gli operatori pubblici e le cooperative sociali che intendano entrare a far parte della rete integrata dei servizi. Ed è in considerazione di ciò che la presente trattazione è dedicata esclusivamente alle cooperative di tipo A cui, per la prima volta in sede regionale, è dedicato un approfondimento. Non è possibile, pertanto, come per le cooperative di tipo B disporre di un quadro di confronto per il commento dei dati. Ai sensi dell art. 2, della L.R. n. 18/94, è previsto che l albo sia pubblicato, almeno una volta all anno, sul B.U.R.. Secondo i dati relativi all ultima pubblicazione le cooperative sociali di tipo A attive, iscritte al sono Supplemento al n. 39 del B.U. del , dalla data della rilevazione all ultima pubblicazione si registra l iscrizione di 36 nuove cooperative. 7

8 Le informazioni riportate nella presente pubblicazione risalgono all epoca della rilevazione congiunta con l ISTAT, quando le cooperative A iscritte erano 216. Queste cooperative costituiscono pertanto l universo considerato. Come è noto, dal 1 gennaio 2002, le competenze relative alla tenuta dell albo, con l istituzione delle sezioni provinciali dello stesso, sono state trasferite alle Province. In considerazione di ciò, a questa parte introduttiva di carattere generale, segue una sezione dedicata alla presentazione delle singole realtà provinciali. Per un approfondimento specifico sulle cooperative A si rimanda, sia alla numerosa pubblicistica, sia alla normativa di settore e ai successivi atti di indirizzo e applicativi. La presenza sul territorio Rapportando il numero delle 216 cooperative attive nel 2002 alla popolazione piemontese di quello stesso anno ( abitanti), si ha la presenza di una cooperativa sociale di tipo A ogni abitanti, vale a dire 5,28 cooperative ogni abitanti. Le sezioni provinciali dell albo regionale Province Cooperative % Alessandria 23 11% Asti 12 6% Biella 8 4% Cuneo 29 13% Novara 17 8% Torino % V.C.O. 7 3% Vercelli 13 6% Piemonte 216 8

9 Come prevedibile, la realtà della provincia di Torino rappresenta la metà della cooperazione sociale di tipo A in Piemonte. In particolare, su 107 cooperative di questa provincia, 69 (il 65%) hanno sede legale nel capoluogo, 38 (il 35%) nelle altre città; segue la Provincia di Cuneo con una presenza pari al 13,4% e Alessandria con il 10,6%. Per avere un idea del radicamento sul territorio delle cooperative, può risultare forse più interessante il confronto tra il numero di cooperative iscritte nelle sezioni provinciali e la densità della popolazione dei vari territori, ne emerge la situazione illustrata dal grafico che segue. La situazione si presenta abbastanza omogenea nelle varie Province e il rapporto cooperative/abitanti si attesta in generale intorno alla media regionale, con un picco di 7,4 cooperative nel territorio della Provincia di Vercelli. 9

10 L anzianità Il dato relativo all anno di costituzione è stato rilevato dall ISTAT, per cui ha un valore indicativo, risultando calcolato per 145 cooperative pari al 67% dell universo considerato. 2 Dai dati relativi agli anni di costituzione, si ricava la seguente situazione. Il 51,7% delle cooperative attive alla data del 2002 si è costituito nell ultimo decennio, cioè nel periodo successivo alla legge quadro nazionale, 1992/2002, con un picco tra il 1992 e il Una cooperativa risulta costituita nel 1966, trascorrono 10 anni (1976) prima delle successive costituzioni. Si può senz altro concludere che, pur trattandosi di una realtà relativamente recente, in Piemonte, la cooperazione sociale di servizi alla persona era ampiamente presente quando il legislatore nazionale è intervenuto a disciplinare e riconoscere il fenomedata costituzione cooperative % sul totale prima del % % % % % Coop Come precisato in premessa rispetto alla 216 iscritte alla data del censimento, soltanto 145 cooperative hanno compilato il questionario dell ISTAT, inoltre le informazioni ISTAT sono al

11 no; infatti circa il 49% delle cooperative, oggi presenti ed operanti, si era già costituito prima del 1991, (il 39,2% nel periodo 1982/1991 e il 9% prima del 1982). Se si considera la data di iscrizione all albo regionale il quadro che ne risulta è seguente: anno iscriz. Coop. 1994/ / / / / Tot. *276 *N.B. Il totale di 276 è comprensivo delle 24 cooperative in seguito cancellate. Con l entrata in vigore della L.R. n. 18/94 e, quindi, a pochi mesi dall istituzione dell albo regionale delle cooperative sociali, si registra il picco delle iscrizioni. Successivamente il fenomeno si è stabilizzato su una media di circa 23 nuove iscrizioni all anno ed un incremento di 51 nuove iscrizioni tra il 2002 e il 2004, in coincidenza con il passaggio delle competenze dalla Regione alle Province. Se ne può dedurre che il fenomeno imprenditoriale, collegato alla cooperazione sociale A, oltre ad essere relativamente recente, è ancora in espansione e, malgrado vi siano difficoltà soprattutto dovute alla situazione di esposizione al credito delle cooperative, che in prevalen- 11

12 za lavorano con gli enti pubblici, mostra notevole tenuta e vitalità. Infatti, il numero delle cooperative iscritte negli ultimi tre anni è superiore a quello delle cooperative sociali cancellate dal 1994 ad oggi. 3 Le risorse umane Al , le risorse umane, complessivamente considerate, presenti nelle 216 cooperative sociali di tipo A sono costituite da persone 4, secondo la seguente collocazione in cooperativa: Occupati Collaboratori Volontari 765 Obiettori 274 Altri soci Totale risorse Nel corso degli anni, in base al disposto dell art. 5 della L.R. n. 18/94, sono state cancellate dall albo, 24 cooperative; in realtà le cancellazioni sono state 26, ma due di queste, sono state successivamente riscritte. La legge regionale n. 18 prescrive che una cooperativa cancellata non abbia la possibilità di ripresentare domanda se non trascorso un anno dalla cancellazione. Si tratta di una norma di doppia garanzia sia per l amministrazione che tiene l albo sia per le cooperative sociali. 4 Si può credibilmente presumere che, ad oggi, considerato l incremento di 36 nuove iscrizioni nel periodo 2003/2004, complessivamente le risorse umane siano intorno alle unità. 12

13 La compagine sociale è così composta: Soci persone fisiche Soci persone giuridiche 58 Tot. Soci % persone fisiche 99,65% % persone giuridiche 0,35% I soci sono di cui persone fisiche (99,65%) e 58 persone giuridiche (0,35%). Queste ultime si compongono di 27 cooperative sociali, 22 associazioni e 9 persone giuridiche private. Tra i soci persone giuridiche, malgrado la legge nazionale ne preveda la possibilità, non vi sono persone giuridiche pubbliche. Le persone giuridiche nelle cooperative A sono numericamente inferiori rispetto alle cooperative B. La presenza nella compagine sociale anche di persone giuridiche è importante e può essere un indicatore della propensione a lavorare in rete con altri soggetti del terzo settore, nonché della capacità di gestire un servizio in raccordo con il territorio. Si tenga peraltro presente che tali esigenze possono già in parte essere soddisfatte con la partecipazione ad un consorzio sociale. I soci persone fisiche sono così suddivisi: soci persone fisiche lavoratori % volontari 765 5% Altri soci* % totale % *La significativa voce altri soci, indica un numero piuttosto elevato di soci, pari al 16% dell intera compagine sociale, che non sono stati indicati né come volontari, né come lavoratori in senso stretto, si può supporre che siano soci fondatori, lavoratori momentaneamente non impiegati, forme di volontariato atipico, collaboratori occasionali, qualche religioso, etc. E sembrato opportuno mettere in evidenza questa categoria anche al fine di stimolare un successivo ulteriore approfondimento al riguardo. 13

14 La composizione di genere della compagine sociale. La cooperazione sociale di tipo A ha una composizione di genere prevalentemente femminile: l 81% (13.579) dei soci sono donne, mentre il 19% (3.155) sono maschi. E interessante constatare come in ambito provinciale si registrino delle differenze notevoli. In alcune Province (Alessandria, Asti, Novara, Verbano Cusio Ossola, Vercelli) la presenza dei soci maschi non raggiunge la quota media regionale del 19%. Il quadro provinciale è il seguente: Province Soci totale soci % di Femmine Femmine Maschi sul totale AL % AT % BI % CN % NO % TO % VCO % VC % Piemonte % 14

15 I volontari e gli obiettori di coscienza Una significativa presenza, quella femminile, che diventa invece quasi paritetica a quella maschile nell ambito della categoria dei soci volontari: 385 sono le socie volontarie e 380 i volontari maschi. Complessivamente i soci volontari rappresentavano il 5% della totalità dei soci. Siamo di fronte ad un dato molto al di sotto della previsione dell art.2 della legge n 381/91 e ancora al di sotto del dato della Lombardia, dove le volontarie nelle coop.a sono circa il 10% (9,6). Si tenga peraltro presente che qualche forma di volontariato può essere presente nel 16% di soci che sono stati definiti altro non essendo né lavoratori né volontari in senso stretto. La presenza dei 765 soci volontari e degli obiettori nelle Province: Province Soci Volontari Obiettori Totale soci %volontari sui soci AL % AT % BI % CN % NO % TO % V.C.O % VC % PIEMONTE % Gli obiettori di coscienza sono 274, un dato molto basso considerato l insieme di risorse umane che muove la cooperazione A. In alcune province la presenza di obiettori è quasi inesistente, si tratta di una circostanza su cui riflettere anche in vista delle possibilità che si offrono, per il futuro, con l introduzione del servizio civile volontario 5. 5 La sospensione della leva obbligatoria ha aperto le porte al servizio civile nazionale, regolato dalla legge 6 marzo 2001 n. 64. Dal 1 gennaio 2005 tutti i ragazzi (uomini e donne) tra i 18 e i 28 anni possono scegliere di dare volontariamente il proprio contributo alla difesa della Patria con mezzi e attività non militari svolgendo appunto il servizio civile nazionale. Un servizio che può rappresentare per i giovani un occasione di formazione ed un esperienza di solidarietà nei settori dell assistenza, della protezione civile, della difesa dell ambiente e della promozione culturale. Per le cooperative sociali e per gli altri enti che in passato hanno accolto gli obiettori di coscienza impiegandoli come supporto nella loro attività e che ora con la sospensione della leva rischiano di veder venir meno il loro contributo, la legge 64 costituisce una nuova possibilità. E previsto infatti uno specifico percorso di accreditamento al termine del quale diviene possibile per gli enti presentare progetti di servizio civile nazionale e richiedere per la realizzazione degli stessi un certo numero di volontari da inserire nel proprio organico. 15

16 Gli occupati Nelle cooperative A gli occupati in modo stabile sono Fra loro sono soci lavoratori (86,5%) e lavoratori dipendenti (13,5%). Secondo i dati dell Osservatorio regionale del lavoro, in Piemonte, nel 2002, sono occupate persone. La percentuale degli occupati, in modo stabile, nelle cooperative di tipo A rappresenta quindi, lo 0,86% degli occupati a livello regionale, con una media di occupati per cooperativa pari a 71 unità. Ancora una volta bisogna sottolineare la significativa presenza di donne, così suddivise fra lavoratrici socie e dipendenti: socie lavoratrici (75%) e (25%) dipendenti. Fra i lavoratori, il dato relativo alla presenza di genere è superiore in percentuale rispetto alla stessa presenza registrata tra i soci. Infatti se l 81% dei soci della A sono donne, fra gli occupati rappresentano l 86% dei lavoratori, con punte, come nella Provincia di Asti, del 95%. Provincia Socie Dipendenti Tot. lav. Tot. % di femmine lavoratrici donne donne occupanti sul tot. degli occ. AL % AT % BI % CN % NO % TO % V.C.O % VC % PIEMONTE % 16

17 Rapporto tra gli occupati e il totale degli occupati nelle Regione. occupati occupati nelle coop. nelle coop. A Totale occupati ogni lavoratori AL AT BI CN NO TO VCO VC PIEMONTE Come emerge dalla rappresentazione grafica, in alcuni territori provinciali, la consistenza numerica degli occupati nella cooperazione sociale dei servizi alla persona è considerevole; nella Provincia di Alessandria e in quella di Vercelli, in particolare, è molto superiore alla media regionale di 86 unità lavorative. Tra i dipendenti, il 78% (1.606 lavoratori) è a tempo indeterminato, il 21,4% (441 lavoratori) a tempo determinato, mentre lo 0,6% (13 lavoratori) sono in contratto di formazione lavoro. Si tratta dunque di situazioni lavorative che presentano caratteristiche di stabilità. Le figure professionali che ricorrono maggiormente sono:adest, educatori professionali, infermieri professionali, fisioterapisti, psicoterapeuti, docenti, badanti, assistenti d infanzia, animatori, consulenti di progetti, operatori di teleassistenza e, negli ultimi anni, anche mediatori culturali, musicoterapisti. 17

18 La forza lavoro complessivamente considerata. La forza lavoro delle cooperative sociali di tipo A è caratterizzata, inoltre, dalla presenza di un certo numero di collaborazioni e consulenze:1.452 sono le collaborazioni continuate, 804 le prestazioni di lavoro autonomo occasionale, per un totale di unità. La forza lavoro complessiva soci lavoratori dipendenti collaborazioni Totale Gli operatori impiegati in attività di assistenza alla persona. 6 Dei lavoratori (collocati stabilmente in cooperativa o in forma di collaboratori), , il 73%, risultano impegnati a vario titolo in attività di assistenza (di cui ben nella Provincia di Torino e nella Provincia di Alessandria), il restante è impegnato in attività diverse, quali funzioni di carattere amministrativo e contabile, trasporto, mensa, pulizie delle strutture etc.. Il dato conferma il forte 6 Per disporre del quadro complessivo delle varie figure professionali nelle cooperative di tipo A e della situazione, concernente il possesso in capo agli operatori dei requisiti professionali necessari allo svolgimento delle mansioni, la scheda di rilevazione conteneva una sezione riservata agli operatori impegnati nell attività di assistenza diretta alla persona e/o in attività di supervisione e di coordinamento tecnico. Oltre alle esigenze informative appena evidenziate, la rilevazione di dettaglio è servita anche a svolgere alcune considerazioni più specifiche sulla presenza delle cooperative sociali nei servizi piemontesi. 18

19 peso della cooperazione sociale nella gestione dei servizi sociali piemontesi. Il quadro che ne emerge è il seguente: Provincia Occupanti soci e collaborazioni Totale Operatori alla Op. alla persona/ dipendenti persona altro person. Alessandria % Asti % Biella % Cuneo % Novara % Torino % Verbania % Vercelli % Regione % Entrando nel dettaglio dei vari profili del personale impiegato in attività di servizio alla persona, risulta che la figura professionale prevalente è quella dell assistente domiciliare e dei servizi tutelari (7.253), seguono gli educatori professionali o specializzati (3.030), gli infermieri e i terapisti della riabilitazione (556), gli animatori professionali (340), gli assistenti sociali (210). Per quanto riguarda le qualifiche professionali che hanno una definizione normativa a livello regionale, educatori professionali (E.P.) e assistenti domiciliari e dei servizi tutelari (ADEST), la situazione rispetto alla presenza nelle varie Province e al possesso dei titoli risulta la seguente: 7 7 Nel 2002, anno di riferimento per l indagine, era appena stata attivata la laurea triennale interfacoltà per educatore professionale, contestualmente alla soppressione dei corsi regionali di base per E.P., e venivano attivati i primi corsi per operatore socio sanitario: pertanto le qualifiche prescritte erano ancora quelle di E.P. e ADEST, ottenute in esito alla frequenza dei corsi di formazione regionali. 19

20 ASSISTENTI DOMICILIARI E DEI SERVIZI TUTELARI Totali Qualifica Gié iscritti con req. Senza req. O.T.A. Altro ai corsi di per riqual. per riqual. riqual. AL AT BI CN NO TO VCO VC PIEMONTE EDUCATORI PROFESSIONALI O SPECIALIZZATI Totali Qualifica Gié iscritti con req. Senza req. Laurea Altro ai corsi di per riqual. per riqual. con ind. riqual. E.P. AL AT BI CN NO TO VCO VC PIEMONTE Si rileva una buona presenza di operatori in possesso delle qualifiche o frequentanti i corsi di riqualificazione (1.724 E.P. e ADEST) 8. 8 La situazione risulta fotografata alla fine del 2002, pertanto, la gran parte degli operatori al momento iscritti a corsi di riqualificazione dovrebbero aver conseguito il titolo. E sembrato ugualmente interessante riportare l informazione come era stata, a suo tempo, rilevata. Come è noto fino all anno 2002, gli operatori di base nei servizi erano l OTA ( operatore 20

21 Rimane ancora consistente, al 2002, il numero di operatori in possesso dei requisiti per accedere ai corsi di riqualificazione, non ancora inseriti negli stessi (644 E.P. e 810 ADEST): è, peraltro, ipotizzabile che una quota consistente sia stata nel frattempo inscritta ai corsi. 9 Un dato problematico è invece la presenza di operatori che svolgono le funzioni di E.P. e di ADEST senza aver ancora maturato i requisiti per l accesso alle riqualificazioni (fra cui, si ricorda, l aver conseguito due anni di servizio nella funzione). Si tratta di 293 E.P. e di 635 ADEST. Nonostante già nel 1995 la L.R. 62/95 prescrivesse l obbligo del possesso delle qualifiche suddette, anche negli anni più recenti sono stati evidentemente reclutati operatori senza qualifica. Non si è in grado, peraltro, di affermare se tale situazione sia dovuta o meno a una difficoltà di reperimento di operatori qualificati in determinate aree della Regione. E comunque auspicabile che si tratti di una situazione in via di esaurimento, a fronte del costante gettito formativo di operatori qualificati. Per quel che riguarda questi operatori è probabile che un congruo numero possa aver maturato i requisiti per la riqualificazione entro i termini prescrittivi previsti dalla L.R. 8/01/2004, n. 1 Norme per la realizzazione del sistema regionale integrato di interventi e servizi sociali e riordino della legislazione di riferimento e che possa quindi vedere sanata la propria situazione in tempi brevi. tecnico addetto all assistenza, figura istituita nel 1991, che a seguito di un corso di 670 ore veniva inserito nei servizi sanitari) e l ADEST. Quest ultimo operatore, che aveva trovato una definizione normativa dal 1984, a seguito di un percorso formativo di 900 ore, veniva inserito nell ambito dei servizi sociali.vi era, peraltro, la necessità di individuare una figura unica ed integrata di operatore di base, spendibile sia in campo sanitario sia nei servizi sociali. Con D.M si prevedeva l istituzione di questo operatore, il cui profilo professionale è stato definito nella Conferenza Stato Regioni del febbraio Con deliberazione della Giunta regionale n del sono state definite le linee di indirizzo per la formazione di base per il conseguimento della qualifica professionale di operatore socio-sanitario O.S.S. Il nuovo percorso formativo prevede un programma di studio di complessive 1000 ore. A seguito delle definizione del profilo, la Regione Piemonte ha attivato la formazione integrativa per il raggiungimento delle 1000 ore, destinata agli OTA e agli ADEST, pertanto non si attivano più corsi sui vecchi profili. Rimane inteso che gli operatori in possesso delle qualifiche di ADEST e OTA, che non intendano conseguire il titolo di OSS, possono continuare ad operare esclusivamente nei servizi dei rispettivi comparti. 9 Negli anni 2002 e 2003 sono stati attivati, infatti, 7 corsi di riqualificazione per E.P. e 34 corsi di riqualificazione destinati agli ADEST per il conseguimento della nuova qualifica di operatore socio sanitario OSS. 21

22 Più controverso è il dato relativo alla figura dell animatore professionale, evidenziato nella tabella di seguito riportata: ANIMATORI PROFESSIONALI Con Senza TOTALI qualifica qualifica AL AT BI CN NO TO V.C.O VC PIEMONTE A fronte di 340 operatori che svolgono tale funzione, si riscontrano solo 73 operatori in possesso della qualifica. Si tratta di una figura professionale relativamente nuova, in cerca di una definitiva legittimazione, sia per quanto riguarda il percorso formativo, sia per quanto riguarda la collocazione dello stesso nell ambito della formazione professionale o a livello universitario. La Regione, infatti, ha sospeso al momento i corsi di formazione, in attesa di un chiarimento nazionale con l approvazione della legge nazionale sulle professioni sociali, che deve ancora essere emanata. Le altre figure presenti sono le seguenti: Ass.sociali psicologi medici inf.prof.li terapisti altro riabilitazione AL AT BI CN NO TO V.C.O VC Piemonte Dalla scheda emerge una consistente presenza di operatori sanitari (infermieri, terapisti della riabilitazione, medici: nel complesso

23 unità) cui vanno aggiunti 178 psicologi, impiegati in massima parte nei servizi socio sanitari in convenzione con le A.S.L. Ciò testimonia il forte impegno delle cooperative sociali nei servizi degli enti del sistema sanitario piemontese. Tale circostanza è inoltre evidenziata dal fatto che anche una quota consistente di operatori, con funzioni di E.P. e ADEST, sono impiegati in servizi convenzionati con la Sanità. Quest ultima considerazione emerge dal confronto con i dati sugli operatori del comparto socio assistenziale, ricavabili da altre fonti di rilevazione regionali. Ci si riferisce in particolare alla Relazione annuale sull attività degli enti gestori dei servizi socio assistenziali e la Scheda ISTAT - Regione sui presidi socio assistenziali 10.I dati relativi alle due rilevazioni, con opportune normalizzazioni, consentono di avere una fotografia degli operatori presenti nei servizi, esclusivamente per il settore socio assistenziale. Prendendo come riferimento l anno 2002, risultano lavorare nei servizi socio assistenziali facenti capo agli enti gestori dei servizi sociali, complessivamente ADEST e E.P. 11 Si tratta di operatori alle dirette dipendenze dell ente gestore, e di operatori impiegati nei servizi in convenzioni con cooperative sociali. Confrontando questi dati con quelli emergenti dalla rilevazione sulle cooperative sociali, in base ai quali ADEST e gli E.P. sono rispettivamente e 3.030, si può ragionevolmente dedurre che una quota consistente di essi lavori 10 Si tratta di due strumenti utilizzati con cadenza annuale dalla Direzione regionale Politiche Sociali per raccogliere informazioni di varia natura sui servizi socio assistenziali presenti nel territorio regionale, all interno dei quali è presente una sezione dedicata al personale. In particolare la relazione annuale serve ad acquisire informazioni di varia natura sulle attività svolte dagli enti gestori dei servizi sociali e sulle spese relative, mentre la scheda presidi è rivolta a tutti i presidi socio assistenziali piemontesi. 11 Si tenga presente che il dato è sottostimato a causa delle mancate risposte da parte dei presidi, pari a circa il 15%. 23

24 in servizi in convenzione. In particolare, per gli E.P., è ipotizzabile che una buona parte si impiegata nel comparto sanitario, considerato che vi é quasi coincidenza fra gli E.P. delle cooperative e dei servizi socio-assistenziali. Passando all esame degli altri profili riscontrati nelle cooperative sociali, risultano presenti 210 assistenti sociali. Un numero abbastanza consistente, se si considera che si tratta di una figura che per il suo specifico professionale lavora in buona parte alle dipendenze di enti pubblici e che non trova difficoltà di collocazione lavorativa presso gli stessi.a titolo di raffronto si cita il dato relativo alle assistenti sociali operanti presso gli enti gestori dei servizi sociali e i presidi socio assistenziali, pari rispettivamente a 854 e a 82, per un totale di 936 (dato ricavato dalle citate Relazione enti gestori e Scheda presidi ). Un ultima considerazione riguarda la voce altro prevista dal questionario, che raccoglie ben operatori impegnati nell attività di assistenza diretta alla persona non compresi nelle figure professionali summenzionate. Rientrano in questa voce: psicomotori, musicoterapisti, assistenti scolastici, puericultrici, insegnanti di scuola materna, badanti, sociologi, pedagogisti, mediatori culturali. Una molteplicità di figure professionali, molte delle quali, evidentemente, impiegate in servizi socio educativi.tuttavia la presenza in questa voce di figure afferenti al settore socio - sanitario (es. badanti, mediatori culturali, psicomotori), da un lato, arricchisce il quadro delle tipologie di figure professionali presenti nei servizi nonché sollecita i diversi livelli istituzionali coinvolti ad una seria riflessione sulle figure professionali del sociale e sulla loro legittimazione, dall altro, conferma l ampio ventaglio di servizi coperti dalle cooperative sociali, anche in aree molto specifiche e relativamente nuove. Gli organi sociali I Consigli di Amministrazione: Su 216 cooperative sociali attive nel 2002, si contano 980 amministratori che ricoprono le cariche di presidente, vicepresidente e consigliere. Se, come visto, la cooperazione sociale di tipo A è composta in prevalenza da socie e lavoratrici femmine il rapporto di genere risulta pressoché equivalente nei consigli di amministrazione, dove la prevalenza femminile è di poco superiore, infatti, dei 985 consiglieri: 485 sono gli uomini (49,5%) e 495 le donne (50,5%). 24

LA COOPERAZIONE SOCIALE PIEMONTE. Le Cooperative di tipo B

LA COOPERAZIONE SOCIALE PIEMONTE. Le Cooperative di tipo B r e g i o n e p i e m o LA COOPERAZIONE SOCIALE IN PIEMONTE Le Cooperative di tipo B n t e LA COOPERAZIONE SOCIALE IN PIEMONTE Le Cooperative di tipo B ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Direzione Politiche

Dettagli

In data 24 settembre 1976 ha conseguito il Diploma di Educatore Specializzato, presso la Scuola per Educatori Specializzati di Torino

In data 24 settembre 1976 ha conseguito il Diploma di Educatore Specializzato, presso la Scuola per Educatori Specializzati di Torino Dott. Luisa Ferrara Residente a Oleggio (No) Nata a Brescia il 22 giugno 1953 ISTRUZIONE E FORMAZIONE In data 24 settembre 1976 ha conseguito il Diploma di Educatore Specializzato, presso la Scuola per

Dettagli

LA COOPERAZIONE SOCIALE IN PIEMONTE Le cooperative di tipo A. Anno 2009

LA COOPERAZIONE SOCIALE IN PIEMONTE Le cooperative di tipo A. Anno 2009 LA COOPERAZIONE SOCIALE IN PIEMONTE Le cooperative di tipo A Anno 2009 A cura della Direzione regionale Politiche sociali e politiche per la famiglia Direzione Politiche sociali e politiche per la famiglia

Dettagli

Osservatorio sull Imprenditoria femminile in provincia di Cuneo 4 edizione. Lunedì 24 novembre 2008 ore 15.00

Osservatorio sull Imprenditoria femminile in provincia di Cuneo 4 edizione. Lunedì 24 novembre 2008 ore 15.00 Osservatorio sull Imprenditoria femminile in provincia di Cuneo 4 edizione Lunedì 24 novembre 2008 ore 15.00 1 L IMPRESA E E FEMMINILE (cfr. L. 215/92) SE: Ditta individuale con titolare donna Società

Dettagli

Anno 2001 RILEVAZIONE STATISTICA SUI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

Anno 2001 RILEVAZIONE STATISTICA SUI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE Anno 2001 RILEVAZIONE STATISTICA SUI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE Per una corretta compilazione si consiglia di Consultare la "Guida alla compilazione del questionario" Per informazioni telefonare

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Dipartimento: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE Direzione Regionale: FORMAZIONE E LAVORO Area:

DELIBERAZIONE N. DEL. Dipartimento: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE Direzione Regionale: FORMAZIONE E LAVORO Area: REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 381 02/09/2011 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 12312 DEL 09/06/2011 STRUTTURA PROPONENTE Dipartimento: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE Direzione Regionale:

Dettagli

Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari. Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte

Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari. Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte 1 Integrazione socio-sanitaria Per integrazione socio-sanitaria

Dettagli

Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro

Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro Obiettivo della esposizione Fornire (attingendo alle diverse fonti) le principali informazioni sulle dinamiche occupazionali

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

Banca Dati Rete Consortile. Questionario raccolta dati cooperative di tipo A

Banca Dati Rete Consortile. Questionario raccolta dati cooperative di tipo A Pagina 1 di 14 Questionario raccolta dati cooperative di tipo A Il presente questionario intende promuovere un indagine finalizzata a rilevare le informazioni necessarie per la redazione del bilancio sociale

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010 Ministero Lavoro e le Politiche sociali Conferenza le Regioni e le Province Autonome Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010 SEGRETO STATISTICO, OBBLIGO DI

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

A relazione degli Assessori Cavallera, Porchietto:

A relazione degli Assessori Cavallera, Porchietto: REGIONE PIEMONTE BU27S1 05/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 17 giugno 2013, n. 10-5950 Nuove disposizioni in merito alla promozione di corsi formativi integrativi per gli operatori occupati

Dettagli

Istituto Nazionale di Statistica RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI - ANNO 2009

Istituto Nazionale di Statistica RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI - ANNO 2009 Istituto Nazionale di Statistica RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI - ANNO 2009 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Il questionario deve essere compilato

Dettagli

Dicembre 2014 Ufficio Studi Confartigianato Imprese Piemonte

Dicembre 2014 Ufficio Studi Confartigianato Imprese Piemonte Dicembre 2014 Ufficio Studi Confartigianato Imprese Piemonte Via Andrea Doria, 15-10123 Torino - Tel. 011/8127500 011/8127416 Fax 011/8125775 www.confartigianato.piemonte.it e-mail: info@confartigianato.piemonte.it

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

REGIONE PUGLIA Assessorato Sanità e Servizi Sociali Settore Servizi Sociali

REGIONE PUGLIA Assessorato Sanità e Servizi Sociali Settore Servizi Sociali REGIONE PUGLIA Assessorato Sanità e Servizi Sociali Settore Servizi Sociali PIANO REGIONALE DELLE POLITICHE SOCIALI Interventi e Servizi Sociali in Puglia (approvato con Del. G.R. n. 1104/2004 in attuazione

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

20 anni al servizio delle persone

20 anni al servizio delle persone 20 anni al servizio delle persone CHI SIAMO Nata a Bologna nel 1994, Àncora è una Cooperativa sociale di servizi alla persona che si occupa della gestione di servizi socio assistenziali, sanitari ed educativi

Dettagli

si conviene e si stipula quanto segue

si conviene e si stipula quanto segue Allegato A) Convenzione tra la Regione Piemonte e l Università degli Studi di Torino, stipulata ai senti dell art. 15 della L. 7 agosto 1990, n. 241 Nuove norme in materia di procedimento amministrativo

Dettagli

Catalogo Welfare. Attività formative e servizi

Catalogo Welfare. Attività formative e servizi Catalogo Welfare Attività formative e servizi Irecoop Emilia Romagna, in qualità di ente di formazione di emanazione di Confcooperative Emilia Romagna, dal 1979 sviluppa progetti di formazione a servizio

Dettagli

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT 16 Aprile 2014 IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT ALLA LUCE DELL ULTIMO CENSIMENTO Prosegue il processo di diffusione dei dati del Censimento delle istituzioni non profit. Oggi viene presentato un

Dettagli

Ai Direttori Generali Delle ASL della Lombardia. Ai Direttori Sociali Delle ASL della Lombardia

Ai Direttori Generali Delle ASL della Lombardia. Ai Direttori Sociali Delle ASL della Lombardia Ai Direttori Generali Delle ASL della Lombardia Ai Direttori Sociali Delle ASL della Lombardia Ai Responsabili degli Uffici di Piano Per tramite delle ASL Ai responsabili degli Uffici Autorizzazione al

Dettagli

A cura dell Osservatorio provinciale sulle Cooperative Sociali. Realizzato da. in collaborazione con A.G.C.I. FVG

A cura dell Osservatorio provinciale sulle Cooperative Sociali. Realizzato da. in collaborazione con A.G.C.I. FVG ESTERNALIZZAZIONE DI SERVIZI A COOPERATIVE SOCIALI E CONSORZI DI COOPERATIVE SOCIALI DA PARTE DELLE AZIENDE E STRUTTURE SANITARIE DELLA PROVINCIA DI UDINE A cura dell Osservatorio provinciale sulle Cooperative

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. Telefono 0667665321 Fax 0667665330 E-mail r.coglitore@provincia.roma.it

F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. Telefono 0667665321 Fax 0667665330 E-mail r.coglitore@provincia.roma.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Telefono 0667665321 Fax 0667665330 E-mail r.coglitore@provincia.roma.it Data di nascita 09.01.1965 ESPERIENZA

Dettagli

Caratteristiche e obiettivi del servizio

Caratteristiche e obiettivi del servizio Allegato 2 Specifica Tecnica contenente le caratteristiche del servizio Assistenza domiciliare Disabili Sociale ed Integrata dei Comuni dell Ambito S3 ex S5 Eboli Capofila- Caratteristiche e obiettivi

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Laurea in Sociologia Diploma Perito edile

CURRICULUM VITAE. Laurea in Sociologia Diploma Perito edile CURRICULUM VITAE Nome GIODANO VIDALE Luogo e data di nascita Adria (RO), 7.4.1963 Qualifica Istruttore direttivo categoria D Amministrazione Comune di Valmadrera Incarico attuale Responsabile del Settore

Dettagli

CONTRIBUTO ECONOMICO A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITÀ IN LUNGOASSISTENZA

CONTRIBUTO ECONOMICO A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITÀ IN LUNGOASSISTENZA ALLEGATO A) ISTITUZIONE DEL CONTRIBUTO ECONOMICO A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITÀ IN LUNGOASSISTENZA A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITÀ NON AUTOSUFFICIENTI DI ETA INFERIORE A 65 ANNI. La Regione Piemonte

Dettagli

SCHEDE REGIONALI DI SPESA DISTINTE PER AREE DI INTERVENTO DEL COMUNE DI RIMINI

SCHEDE REGIONALI DI SPESA DISTINTE PER AREE DI INTERVENTO DEL COMUNE DI RIMINI SCHEDE REGIONALI DI SPESA DISTINTE PER AREE DI INTERVENTO DEL COMUNE DI RIMINI 2 MICRO 2007 1. Ente Comune: Denominazione RIMINI Ente Associato: Denominazione PREVENTIVO PER MICROAREE 2007 Dati identificativi

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia; Oggetto: Piano di utilizzazione annuale 2011 degli stanziamenti per il sistema integrato regionale di interventi e servizi sociali. Approvazione documento concernente Linee guida ai Comuni per l utilizzazione

Dettagli

Documento n. 5 Studio di fattibilità servizi per l infanzia

Documento n. 5 Studio di fattibilità servizi per l infanzia Progetto T&O (Tempi&Orari) I tempi nelle nostre mani Codice identificativo VA/Varese n 31/2005 - Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 405 del 22/06/05 e Delibera di Giunta Comunale n. 45 del 31/10/07

Dettagli

LA RETE PRIVATASSISTENZA

LA RETE PRIVATASSISTENZA La prima rete nazionale di servizi per l'assistenza alla persona LA RETE PRIVATASSISTENZA PrivatAssistenza nasce nel 1993 con l obiettivo di creare una Rete di centri di assistenza domiciliare, che con

Dettagli

A cura del Coordinamento Regionale GAP Sottogruppo Attività clinica

A cura del Coordinamento Regionale GAP Sottogruppo Attività clinica Indagine descrittiva sui soggetti con problemi di Gioco d Azzardo Patologico afferenti ai Servizi per le Dipendenze Patologiche del Piemonte (2006 2007) A cura del Coordinamento Regionale GAP Sottogruppo

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ASSEGNAZIONE E GESTIONE DEI VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA

LINEE GUIDA PER L ASSEGNAZIONE E GESTIONE DEI VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA LINEE GUIDA PER L ASSEGNAZIONE E GESTIONE DEI VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA P.O.R. 2007/2013 OBIETTIVO 2 COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE ASSE II, OBIETTIVO SPECIFICO

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio Allegato A INTESA SUI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE FINALITA, LE MODALITA ATTUATIVE NONCHE IL MONITORAGGIO DEL SISTEMA DI INTERVENTI PER FAVORIRE LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO,

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e nome Caltabiano Maria Francesca Numero civico, strada o piazza, codice postale, città, paese 34, Contrà

Dettagli

A relazione del Vicepresidente Pichetto Fratin:

A relazione del Vicepresidente Pichetto Fratin: REGIONE PIEMONTE BU15 10/04/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2014, n. 20-7210 Approvazione Fabbisogni Formativi delle Professioni Sanitarie e dei Laureati magistrali delle Professioni

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci CRONOPROGRAMMA GENERALE ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI, TERZO SETTORE, COOP. SVILUPPO, POLITICHE GIOVANILI, PARI OPPORTUNITA PARTE 1: AZIONI DI SISTEMA 1. Assetti organizzativi e istituzionali a. Ruolo

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU23 05/06/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 7 maggio 2014, n. 24-7560 Definizione del "Programma regionale di Spesa Corrente per gli anni 2012 e 2013 per gli interventi finalizzati

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006 Glossario INTERVENTI E SERVIZI A) Attività di Servizio sociale professionale: Gli interventi di servizio sociale professionale

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU31 02/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 12 luglio 2012, n. 29-4146 Controllo sugli atti delle AA.SS.RR.- l.r. 31/92 s.m.i. - DGR 18-23906 del 2.2.1998. Sessione istruttoria

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) Da settembre 2005 a tutt oggi

CURRICULUM VITAE. Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) Da settembre 2005 a tutt oggi CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo NOEMI MONTANI Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) E-mail noemi.montani@virgilio.it Nazionalità Italiana di nascita 10 novembre 1960 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

Invio del curriculum formativo professionale in formato sintetico ed in formato europeo.

Invio del curriculum formativo professionale in formato sintetico ed in formato europeo. Spettle Ente Torino, 2013 Oggetto: Invio del curriculum formativo professionale in formato sintetico ed in formato europeo. Curriculum sintetico in relazione all incarico riferito Titoli di studio: Laurea

Dettagli

Newsletter n. 5. L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi

Newsletter n. 5. L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi Newsletter n. 5 L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi Presentazione Nell ambito del nostro progetto sull agricoltura multifunzionale, realizzato nel quadro del Piano di sviluppo rurale (Psr),

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali LEGGE REGIONALE 14 APRILE 1999, n.22 "Interventi educativi per l infanzia e gli adolescenti" INDICE TITOLO I Disposizioni generali art. 1. Finalità TITOLO II Soggetti, programmazione e organizzazione Capo

Dettagli

Residenza per anziani "Le Querce"

Residenza per anziani Le Querce Residenza per anziani "Le Querce" La residenza Nata da una sinergia tra il Comune di Cavenago Brianza e la C.R.M Cooperativa Sociale a r.l., la Residenza «Le querce» è pensata per l assistenza agli anziani

Dettagli

Chi paga per l assistenza socio-sanitaria ai disabili? L orientamento delle regioni

Chi paga per l assistenza socio-sanitaria ai disabili? L orientamento delle regioni In APPUNTI sulle politiche sociali, n. 5-2006 Franco Pesaresi, Dirigente servizi sociali, educativi e sanità del Comune di Ancona Chi paga per l assistenza socio-sanitaria ai disabili? L orientamento delle

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Ultima revisione: Aprile 2014 PARTE GENERALE 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE SCARPARI FORATTINI ONLUS L ente trae origine dalle disposizioni testamentarie

Dettagli

SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INNOVATIVI. art. 4, comma 2, lettere b) e g) ANNO 2008

SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INNOVATIVI. art. 4, comma 2, lettere b) e g) ANNO 2008 Allegato 3 SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INNOVATIVI ai sensi della l.r. n. 23/99 Politiche regionali per la famiglia art. 4, comma 2, lettere b) e g) ANNO 2008 Progetto presentato all

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Bollettino Ufficiale della Regione Campania n 19 del 08 aprile 2002 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 15 marzo 2002 - Deliberazione n. 1079 - Area Generale di Coordinamento Att. Soc. - Ass.

Dettagli

SCHEDA DI ISCRIZIONE

SCHEDA DI ISCRIZIONE (Si prega di compilare il questionario in stampatello) 1. DATI ANAGRAFICI SCHEDA DI ISCRIZIONE Denominazione (riportare per esteso la denominazione prevista nello Statuto societario)...... (sigla)......

Dettagli

PERSONALE: funzioni, profili, requisiti, tempi di adeguamento.

PERSONALE: funzioni, profili, requisiti, tempi di adeguamento. Allegato B PERSONALE: funzioni, profili, requisiti, tempi di adeguamento. MINORI - COMUNITA FAMILIARE ALLA DATA DI ENTRATA IN VIGORE DEL PRESENTE REGOLA Coordinamento Famiglia Almeno tre anni di esperienza

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI Settore Istruzione, Formazione, Lavoro e Politiche Sociali Servizio Lavoro LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA P.O.R.

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU3 17/01/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 11 dicembre 2012, n. 21-5035 Controllo sugli atti delle AA.SS.RR.- l.r. 31/92 s.m.i. - DGR 18-23906 del 2.2.1998. Sessione istruttoria

Dettagli

Analisi comparata tra le Province piemontesi relativa alla popolazione straniera residente (1996-2007).

Analisi comparata tra le Province piemontesi relativa alla popolazione straniera residente (1996-2007). Provincia di Torino Ufficio Statistica Analisi comparata tra le Province piemontesi relativa alla popolazione straniera residente (1996-2007). di Franco A. Fava 1. La popolazione straniera residente. Secondo

Dettagli

Cooperativa Orso. via Carducci 22 - Asti via Coppa 3/b Alba - (CN) Servizi. Storia

Cooperativa Orso. via Carducci 22 - Asti via Coppa 3/b Alba - (CN) Servizi. Storia Cooperativa Orso Ragione sociale Presidente Indirizzo sede legale Indirizzo sede operativa Cooperativa sociale a.r.l Marco Canta Via Bobbio n.21/a TORINO via Bobbio 21 - Torino via Carducci 22 - Asti via

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L INFORMAZIONI PERSONALI

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L INFORMAZIONI PERSONALI F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome GROSSI EUGENIA Indirizzo Corso Garibaldi n 5-26100 Cremona - ITALIA Telefono 0372/32458 320/4387599 Fax E-mail

Dettagli

Integrazione IIPP e personale di supporto. Collegio IPASVI Como e Provincia

Integrazione IIPP e personale di supporto. Collegio IPASVI Como e Provincia Integrazione IIPP e personale di supporto Collegio IPASVI Como e Provincia 1 Agenda Le figure di supporto dell assistenza infermieristica in ambito sanitario e sociale: ricognizione storica L ASA e l Operatore

Dettagli

DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO

DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO DELLA RIABILITAZIONE La definizione del fabbisogno delle risorse infermieristiche

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO "Norme in materia di autorizzazione all'apertura ed al funzionamento di strutture che prestano servizi socio-assistenziali" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

DGR 1232 dd. 14.5.2004

DGR 1232 dd. 14.5.2004 DGR 1232 dd. 14.5.2004 VISTA la rilevazione del fabbisogno occupazionale e formativo di operatori sociali in Regione, promossa dalla Direzione Centrale della Salute e della Protezione Sociale, condotta

Dettagli

LINEE GUIDA PER I PIANI DI ZONA

LINEE GUIDA PER I PIANI DI ZONA Milano Milano LINEE GUIDA PER I PIANI DI ZONA La legge 328/00 attribuisce agli enti locali, alle regioni ed allo Stato il compito di realizzare la programmazione degli interventi e delle risorse del sistema

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

ALL. B LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL VOUCHER ALLA PERSONA PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI

ALL. B LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL VOUCHER ALLA PERSONA PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALL. B LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL VOUCHER ALLA PERSONA PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI Le presenti disposizioni hanno lo scopo di definire le modalità e le procedure per la gestione del voucher alla

Dettagli

OPERATORE SOCIO ASSISTENZIALE Misure compensative

OPERATORE SOCIO ASSISTENZIALE Misure compensative Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 3 del 17 gennaio 2005 Allegato A REGIONE CAMPANIA OPERATORE SOCIO ASSISTENZIALE Misure compensative Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 3 del 17

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE DI OPERATORE SOCIO-SANITARIO

FIGURA PROFESSIONALE DI OPERATORE SOCIO-SANITARIO Allegato A alla D.G.R. 28.09.2012, nr. 621 FIGURA PROFESSIONALE DI OPERATORE SOCIO-SANITARIO ARTICOLO 1 NOZIONE 1. Il profilo professionale dell operatore socio-sanitario è stato regolamentato a livello

Dettagli

BANDO DI ACCREDITAMENTO 2014/15 PER LA FORNITURA DI PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE MEDIANTE VOUCHER SOCIALE

BANDO DI ACCREDITAMENTO 2014/15 PER LA FORNITURA DI PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE MEDIANTE VOUCHER SOCIALE DISTRETTO SOCIO - SANITARIO D54 Comuni di Castelvetrano - Campobello di Mazara- Partanna- Poggioreale-Salaparuta-Santa Ninfa Partanna Poggioreale Salaparuta - Santa Ninfa Piazza G. Cascino, n. 8 91022

Dettagli

Comunità solidali. Equità e giustizia sociale. Aalborg Commitment 9. Capitolo 9

Comunità solidali. Equità e giustizia sociale. Aalborg Commitment 9. Capitolo 9 Capitolo 9 Aalborg Commitment 9 Ci impegniamo a costruire comunità solidali e aperte a tutti. Lavoreremo quindi per: adottare le misure necessarie per alleviare la povertà assicurare un equo accesso ai

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: COMUNE DI CARBONE (PZ) Titolo del progetto: SEMPRE MENO SOLI 6) Descrizione del contesto territoriale

Dettagli

3 I servizi per la domiciliarità

3 I servizi per la domiciliarità LE POLITICHE SOCIO-SANITARIE. PARTE PRIMA. I SERVIZI PER LE PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI 3 I servizi per la domiciliarità In considerazione dell importanza di mantenere l anziano nel proprio ambiente

Dettagli

FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO DETERMINAZIONE. Estensore GUIDONI MAURO. Responsabile del procedimento G.D.

FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO DETERMINAZIONE. Estensore GUIDONI MAURO. Responsabile del procedimento G.D. REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: FORM., RICE. E INNOV., SCUOLA UNIVER., DIR. STUDIO ORGANIZZ. E ATTUAZ. INTERV. CAPITALE UMANO DETERMINAZIONE N. G01762 del 07/11/2013 Proposta n. 17220 del 31/10/2013

Dettagli

A.S.P. BASSA EST SAN MAURO ABATE Consiglio di Amministrazione IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Deliberazione n 26 del 25 ottobre 2011

A.S.P. BASSA EST SAN MAURO ABATE Consiglio di Amministrazione IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Deliberazione n 26 del 25 ottobre 2011 Deliberazione n 26 del 25 ottobre 2011 A.S.P. BASSA EST SAN MAURO ABATE Consiglio di Amministrazione OGGETTO: RIDETERMINAZIONE DOTAZIONE ORGANICA E PROGRAMMAZIONE TRIENNALE DEL FABBISOGNO DI PERSONALE

Dettagli

COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD)

COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) Art. 1 - DEFINIZIONE L assistenza domiciliare è costituita dal complesso di prestazioni di

Dettagli

Le prestazioni destinate alle persone non autosufficienti

Le prestazioni destinate alle persone non autosufficienti Corso di formazione ed aggiornamento sulla gestione dei servizi sociali con riferimento alle prestazioni agevolate Le prestazioni destinate alle persone non autosufficienti Rimini, 24 gennaio 2012 Le modalità

Dettagli

ISTITUZIONI NONPROFIT DELLA PROVINCIA DI ASTI

ISTITUZIONI NONPROFIT DELLA PROVINCIA DI ASTI CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO DI ASTI ISTITUZIONI NONPROFIT DELLA PROVINCIA DI ASTI Elaborazione dei risultati della prima rilevazione censuaria ISTAT Anno 1999 Ufficio Studi Marzo 2003 1 L

Dettagli

POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014

POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014 POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014 Monitoraggio e best practices delle imprese piemontesi POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014 L Indagine sulla conciliazione

Dettagli

Cartella stampa. Indice. Uno sguardo sul Gruppo C.S.A...Pag. 2. C.S.A. Cooperativa Servizi Assistenziali... Pag. 3

Cartella stampa. Indice. Uno sguardo sul Gruppo C.S.A...Pag. 2. C.S.A. Cooperativa Servizi Assistenziali... Pag. 3 Cartella stampa Indice Uno sguardo sul Gruppo C.S.A...Pag. 2 C.S.A. Cooperativa Servizi Assistenziali... Pag. 3 C.S.A. Cooperativa Servizi Ambiente...Pag. 6 C.S.A. Cooperativa Sant Anselmo...Pag. 7 Le

Dettagli

Legge 8 novembre 2000, n. 328. "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali"

Legge 8 novembre 2000, n. 328. Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali Legge 8 novembre 2000, n. 328 "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 265 del 13 novembre 2000 - Supplemento ordinario

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO DI AMBITO DISTRETTUALE PER L ACCESSO E LA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI E SOCIO SANITARIE AGEVOLATE IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. Capitolo 2 L assistenza sociale e le principali prestazioni assistenziali Sommario 1. La riforma dell assistenza sociale operata dalla L. 8 novembre 2000, n. 328. 2. Il sistema integrato di interventi

Dettagli

Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali

Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali Università degli Studi di Milano Bicocca Facoltà di Sociologia Corso di laurea in Servizio Sociale Anno Accademico 2008/09 Corso Organizzare un servizio Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali

Dettagli

Bilancio di missione. 2013 Cooperativa. Sociale G. Fanin. sintesi

Bilancio di missione. 2013 Cooperativa. Sociale G. Fanin. sintesi Bilancio di missione 2013 Cooperativa Sociale G. Fanin sintesi Bilancio 2013 Missione La Cooperativa Sociale G. Fanin opera senza finalità di lucro per la promozione della persona e della famiglia nella

Dettagli

SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA

SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA UFFICIO DI DIREZIONE - la funzione di gestione del servizio sociale di comuni direzione del Servizio

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l.

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. onlus IL PUNTO DI PARTENZA Società Cooperativa sociale a.r.l. ONLUS

Dettagli

L analisi del welfare nelle Valli Bresciane per un nuovo sistema d offerta dei servizi alla persona

L analisi del welfare nelle Valli Bresciane per un nuovo sistema d offerta dei servizi alla persona L analisi del welfare nelle Valli Bresciane per un nuovo sistema d offerta dei servizi alla persona Focus sulla VALLE CAMONICA Socialis, Università degli Studi di Brescia Brescia, 10 dicembre 2014 1 Premessa

Dettagli

Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro

Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro Dispositivo 6 Lavoro e benessere: interventi a sostegno della conciliazione vita e lavoro Premesse Le politiche per la conciliazione rappresentano un importante fattore di innovazione dei modelli sociali,

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 2/7 DEL 22.1.2014

DELIBERAZIONE N. 2/7 DEL 22.1.2014 Oggetto: Intesa tra il Governo e le Regioni, le Province autonome di Trento e Bolzano e le Autonomie locali, ai sensi dell art. 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131, concernente l utilizzo di

Dettagli

MODELLO DI CONVENZIONE

MODELLO DI CONVENZIONE MODELLO DI CONVENZIONE In applicazione del Piano Sanitario Regionale 2003/2006 Un alleanza per la salute (D.A. n. 97 del 30.06.2003) e dell atto di indirizzo concernente Sistema dei servizi per gli anziani

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 23-10-2007 REGIONE CAMPANIA LEGGE PER LA DIGNITA' E LA CITTADINANZA SOCIALE. ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328.

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 23-10-2007 REGIONE CAMPANIA LEGGE PER LA DIGNITA' E LA CITTADINANZA SOCIALE. ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328. LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 23-10-2007 REGIONE CAMPANIA LEGGE PER LA DIGNITA' E LA CITTADINANZA SOCIALE. ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA

Dettagli

Comune Capofila : VETRALLA

Comune Capofila : VETRALLA PROGETTI DI INTERVENTI E SERVIZI PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI APPARTENENTI AL DISTRETTO SOCIALE VT 4 -Anno 2010- Comune Capofila : VETRALLA Comuni di : Barbarano Romano Villa San Giovanni in Tuscia

Dettagli

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità Servizi Sociali in evoluzione: da selettività ad universalità Complessità Non Non si si limitano ad ad un un tempo preciso della della vita vita Pluralità di di interventi Personalizzazione degli degli

Dettagli

CERNUSCO SUL NAVIGLIO

CERNUSCO SUL NAVIGLIO 1 Area: Servizi al Cittadino Settore: Servizi Sociali Ufficio: Piano di Zona FONDO SOCIALE REGIONALE 2014 - CRITERI DI RIPARTO APPROVATI CON DELIBERA DELL ASSEMBLEA DEI SINDACI DEL 01.10.2014. DOCUMENTO

Dettagli

Le professioni sociali nei sistemi di welfare regionali

Le professioni sociali nei sistemi di welfare regionali Le professioni sociali nei sistemi di welfare regionali di Emilia Presutti Bari, 12 Aprile 2006 Contesto nazionale Ricerche ed analisi sull offerta formativa professionale nel comparto sociale hanno evidenziato

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Dott.ssa Cazzulino Laura Psicologa Psicoterapeuta (Iscrizione Ordine degli Psicologi Regione Piemonte N 1422-07/02/1994)

CURRICULUM VITAE. Dott.ssa Cazzulino Laura Psicologa Psicoterapeuta (Iscrizione Ordine degli Psicologi Regione Piemonte N 1422-07/02/1994) La sottoscritta Dott.ssa Psicologa Psicoterapeuta (Iscrizione Ordine degli Psicologi Regione Piemonte N 1422-07/02/1994) ai sensi e per gli effetti delle disposizioni contenute negli articoli 46 e 47 del

Dettagli