LA COOPERAZIONE SOCIALE PIEMONTE. Le Cooperative di tipo A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA COOPERAZIONE SOCIALE PIEMONTE. Le Cooperative di tipo A"

Transcript

1 r e g i o n e p i e m o LA COOPERAZIONE SOCIALE IN PIEMONTE Le Cooperative di tipo A n t e

2

3 LA COOPERAZIONE SOCIALE IN PIEMONTE Le Cooperative di tipo A

4 ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Direzione Politiche sociali Direttore Attilio Miglio Settore promozione attività altri soggetti pubblici e del privato sociale Dirigente Sergio Di Giacomo Corso Stati Uniti Torino Tel fax Pubblicazione a cura di: Maria Ludovica Chiambretto Responsabile ufficio Promozione del terzo settore Con il contributo di: Cristina Gallasso cooperative di tipo A Annalisa Maggiorotto cooperative di tipo B Con la collaborazione di: Carmen Prado Nadia Miletto C.S.I. Piemonte Si ringraziano inoltre le funzionarie dell Assessorato Antonella Gianesin (responsabile ufficio formazione del personale socio-assistenziale) Giovanna Tresso (responsabile ufficio sistema informativo servizi sociali) Nel sito internet della Regione Piemonte Nella sezione tematica Famiglia e politiche sociali è attiva la voce cooperazione sociale N.B. Si può digitare direttamente 4

5 INDICE Le Cooperative Sociali di tipo A 7 Provincia di Alessandria 41 Provincia di Asti 51 Provincia di Biella 61 Provincia di Cuneo 71 Provincia di Novara 83 Provincia di Torino 93 Provincia del Verbano Cusio Ossola 109 5

6

7 LE COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO A Le cooperative sociali, che comunemente vengono definite di tipo A, sono cooperative che operano nel settore dei servizi sociali e, in modo specifico, secondo il dettato dell art. 1 della legge quadro n. 381/91, hanno lo scopo di.. perseguire l interesse generale della comunità alla promozione umana e all integrazione sociale dei cittadini attraverso la gestione di servizi socio-sanitari ed educativi. Come è noto, da anni i servizi sociali pubblici sono gestiti o in forma diretta con personale dipendente o attraverso convenzioni con le cooperative sociali di tipo A. Quest ultima modalità gestionale si inserisce appieno nel moderno sistema di Welfare, così come delineatosi alla luce della recente riforma del Titolo V della Costituzione, nel quale è riconosciuto alle formazioni sociali un importante ruolo nell ambito della sussidiarietà orizzontale. La specifica finalità del perseguire l interesse generale da parte della cooperazione sociale, già evidenziata dalla Legge quadro n. 381 Disciplina delle cooperative sociali è stata inoltre ripresa e sottolineata dalla legge n. 328 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali nonché dal legislatore regionale con L.R n. 1 Norme per la realizzazione del sistema regionale integrato di interventi e servizi sociali e riordino della legislazione di riferimento Ciò premesso, è fuori dubbio che l albo regionale costituisca anche il primo ambito di riferimento per gli operatori pubblici e le cooperative sociali che intendano entrare a far parte della rete integrata dei servizi. Ed è in considerazione di ciò che la presente trattazione è dedicata esclusivamente alle cooperative di tipo A cui, per la prima volta in sede regionale, è dedicato un approfondimento. Non è possibile, pertanto, come per le cooperative di tipo B disporre di un quadro di confronto per il commento dei dati. Ai sensi dell art. 2, della L.R. n. 18/94, è previsto che l albo sia pubblicato, almeno una volta all anno, sul B.U.R.. Secondo i dati relativi all ultima pubblicazione le cooperative sociali di tipo A attive, iscritte al sono Supplemento al n. 39 del B.U. del , dalla data della rilevazione all ultima pubblicazione si registra l iscrizione di 36 nuove cooperative. 7

8 Le informazioni riportate nella presente pubblicazione risalgono all epoca della rilevazione congiunta con l ISTAT, quando le cooperative A iscritte erano 216. Queste cooperative costituiscono pertanto l universo considerato. Come è noto, dal 1 gennaio 2002, le competenze relative alla tenuta dell albo, con l istituzione delle sezioni provinciali dello stesso, sono state trasferite alle Province. In considerazione di ciò, a questa parte introduttiva di carattere generale, segue una sezione dedicata alla presentazione delle singole realtà provinciali. Per un approfondimento specifico sulle cooperative A si rimanda, sia alla numerosa pubblicistica, sia alla normativa di settore e ai successivi atti di indirizzo e applicativi. La presenza sul territorio Rapportando il numero delle 216 cooperative attive nel 2002 alla popolazione piemontese di quello stesso anno ( abitanti), si ha la presenza di una cooperativa sociale di tipo A ogni abitanti, vale a dire 5,28 cooperative ogni abitanti. Le sezioni provinciali dell albo regionale Province Cooperative % Alessandria 23 11% Asti 12 6% Biella 8 4% Cuneo 29 13% Novara 17 8% Torino % V.C.O. 7 3% Vercelli 13 6% Piemonte 216 8

9 Come prevedibile, la realtà della provincia di Torino rappresenta la metà della cooperazione sociale di tipo A in Piemonte. In particolare, su 107 cooperative di questa provincia, 69 (il 65%) hanno sede legale nel capoluogo, 38 (il 35%) nelle altre città; segue la Provincia di Cuneo con una presenza pari al 13,4% e Alessandria con il 10,6%. Per avere un idea del radicamento sul territorio delle cooperative, può risultare forse più interessante il confronto tra il numero di cooperative iscritte nelle sezioni provinciali e la densità della popolazione dei vari territori, ne emerge la situazione illustrata dal grafico che segue. La situazione si presenta abbastanza omogenea nelle varie Province e il rapporto cooperative/abitanti si attesta in generale intorno alla media regionale, con un picco di 7,4 cooperative nel territorio della Provincia di Vercelli. 9

10 L anzianità Il dato relativo all anno di costituzione è stato rilevato dall ISTAT, per cui ha un valore indicativo, risultando calcolato per 145 cooperative pari al 67% dell universo considerato. 2 Dai dati relativi agli anni di costituzione, si ricava la seguente situazione. Il 51,7% delle cooperative attive alla data del 2002 si è costituito nell ultimo decennio, cioè nel periodo successivo alla legge quadro nazionale, 1992/2002, con un picco tra il 1992 e il Una cooperativa risulta costituita nel 1966, trascorrono 10 anni (1976) prima delle successive costituzioni. Si può senz altro concludere che, pur trattandosi di una realtà relativamente recente, in Piemonte, la cooperazione sociale di servizi alla persona era ampiamente presente quando il legislatore nazionale è intervenuto a disciplinare e riconoscere il fenomedata costituzione cooperative % sul totale prima del % % % % % Coop Come precisato in premessa rispetto alla 216 iscritte alla data del censimento, soltanto 145 cooperative hanno compilato il questionario dell ISTAT, inoltre le informazioni ISTAT sono al

11 no; infatti circa il 49% delle cooperative, oggi presenti ed operanti, si era già costituito prima del 1991, (il 39,2% nel periodo 1982/1991 e il 9% prima del 1982). Se si considera la data di iscrizione all albo regionale il quadro che ne risulta è seguente: anno iscriz. Coop. 1994/ / / / / Tot. *276 *N.B. Il totale di 276 è comprensivo delle 24 cooperative in seguito cancellate. Con l entrata in vigore della L.R. n. 18/94 e, quindi, a pochi mesi dall istituzione dell albo regionale delle cooperative sociali, si registra il picco delle iscrizioni. Successivamente il fenomeno si è stabilizzato su una media di circa 23 nuove iscrizioni all anno ed un incremento di 51 nuove iscrizioni tra il 2002 e il 2004, in coincidenza con il passaggio delle competenze dalla Regione alle Province. Se ne può dedurre che il fenomeno imprenditoriale, collegato alla cooperazione sociale A, oltre ad essere relativamente recente, è ancora in espansione e, malgrado vi siano difficoltà soprattutto dovute alla situazione di esposizione al credito delle cooperative, che in prevalen- 11

12 za lavorano con gli enti pubblici, mostra notevole tenuta e vitalità. Infatti, il numero delle cooperative iscritte negli ultimi tre anni è superiore a quello delle cooperative sociali cancellate dal 1994 ad oggi. 3 Le risorse umane Al , le risorse umane, complessivamente considerate, presenti nelle 216 cooperative sociali di tipo A sono costituite da persone 4, secondo la seguente collocazione in cooperativa: Occupati Collaboratori Volontari 765 Obiettori 274 Altri soci Totale risorse Nel corso degli anni, in base al disposto dell art. 5 della L.R. n. 18/94, sono state cancellate dall albo, 24 cooperative; in realtà le cancellazioni sono state 26, ma due di queste, sono state successivamente riscritte. La legge regionale n. 18 prescrive che una cooperativa cancellata non abbia la possibilità di ripresentare domanda se non trascorso un anno dalla cancellazione. Si tratta di una norma di doppia garanzia sia per l amministrazione che tiene l albo sia per le cooperative sociali. 4 Si può credibilmente presumere che, ad oggi, considerato l incremento di 36 nuove iscrizioni nel periodo 2003/2004, complessivamente le risorse umane siano intorno alle unità. 12

13 La compagine sociale è così composta: Soci persone fisiche Soci persone giuridiche 58 Tot. Soci % persone fisiche 99,65% % persone giuridiche 0,35% I soci sono di cui persone fisiche (99,65%) e 58 persone giuridiche (0,35%). Queste ultime si compongono di 27 cooperative sociali, 22 associazioni e 9 persone giuridiche private. Tra i soci persone giuridiche, malgrado la legge nazionale ne preveda la possibilità, non vi sono persone giuridiche pubbliche. Le persone giuridiche nelle cooperative A sono numericamente inferiori rispetto alle cooperative B. La presenza nella compagine sociale anche di persone giuridiche è importante e può essere un indicatore della propensione a lavorare in rete con altri soggetti del terzo settore, nonché della capacità di gestire un servizio in raccordo con il territorio. Si tenga peraltro presente che tali esigenze possono già in parte essere soddisfatte con la partecipazione ad un consorzio sociale. I soci persone fisiche sono così suddivisi: soci persone fisiche lavoratori % volontari 765 5% Altri soci* % totale % *La significativa voce altri soci, indica un numero piuttosto elevato di soci, pari al 16% dell intera compagine sociale, che non sono stati indicati né come volontari, né come lavoratori in senso stretto, si può supporre che siano soci fondatori, lavoratori momentaneamente non impiegati, forme di volontariato atipico, collaboratori occasionali, qualche religioso, etc. E sembrato opportuno mettere in evidenza questa categoria anche al fine di stimolare un successivo ulteriore approfondimento al riguardo. 13

14 La composizione di genere della compagine sociale. La cooperazione sociale di tipo A ha una composizione di genere prevalentemente femminile: l 81% (13.579) dei soci sono donne, mentre il 19% (3.155) sono maschi. E interessante constatare come in ambito provinciale si registrino delle differenze notevoli. In alcune Province (Alessandria, Asti, Novara, Verbano Cusio Ossola, Vercelli) la presenza dei soci maschi non raggiunge la quota media regionale del 19%. Il quadro provinciale è il seguente: Province Soci totale soci % di Femmine Femmine Maschi sul totale AL % AT % BI % CN % NO % TO % VCO % VC % Piemonte % 14

15 I volontari e gli obiettori di coscienza Una significativa presenza, quella femminile, che diventa invece quasi paritetica a quella maschile nell ambito della categoria dei soci volontari: 385 sono le socie volontarie e 380 i volontari maschi. Complessivamente i soci volontari rappresentavano il 5% della totalità dei soci. Siamo di fronte ad un dato molto al di sotto della previsione dell art.2 della legge n 381/91 e ancora al di sotto del dato della Lombardia, dove le volontarie nelle coop.a sono circa il 10% (9,6). Si tenga peraltro presente che qualche forma di volontariato può essere presente nel 16% di soci che sono stati definiti altro non essendo né lavoratori né volontari in senso stretto. La presenza dei 765 soci volontari e degli obiettori nelle Province: Province Soci Volontari Obiettori Totale soci %volontari sui soci AL % AT % BI % CN % NO % TO % V.C.O % VC % PIEMONTE % Gli obiettori di coscienza sono 274, un dato molto basso considerato l insieme di risorse umane che muove la cooperazione A. In alcune province la presenza di obiettori è quasi inesistente, si tratta di una circostanza su cui riflettere anche in vista delle possibilità che si offrono, per il futuro, con l introduzione del servizio civile volontario 5. 5 La sospensione della leva obbligatoria ha aperto le porte al servizio civile nazionale, regolato dalla legge 6 marzo 2001 n. 64. Dal 1 gennaio 2005 tutti i ragazzi (uomini e donne) tra i 18 e i 28 anni possono scegliere di dare volontariamente il proprio contributo alla difesa della Patria con mezzi e attività non militari svolgendo appunto il servizio civile nazionale. Un servizio che può rappresentare per i giovani un occasione di formazione ed un esperienza di solidarietà nei settori dell assistenza, della protezione civile, della difesa dell ambiente e della promozione culturale. Per le cooperative sociali e per gli altri enti che in passato hanno accolto gli obiettori di coscienza impiegandoli come supporto nella loro attività e che ora con la sospensione della leva rischiano di veder venir meno il loro contributo, la legge 64 costituisce una nuova possibilità. E previsto infatti uno specifico percorso di accreditamento al termine del quale diviene possibile per gli enti presentare progetti di servizio civile nazionale e richiedere per la realizzazione degli stessi un certo numero di volontari da inserire nel proprio organico. 15

16 Gli occupati Nelle cooperative A gli occupati in modo stabile sono Fra loro sono soci lavoratori (86,5%) e lavoratori dipendenti (13,5%). Secondo i dati dell Osservatorio regionale del lavoro, in Piemonte, nel 2002, sono occupate persone. La percentuale degli occupati, in modo stabile, nelle cooperative di tipo A rappresenta quindi, lo 0,86% degli occupati a livello regionale, con una media di occupati per cooperativa pari a 71 unità. Ancora una volta bisogna sottolineare la significativa presenza di donne, così suddivise fra lavoratrici socie e dipendenti: socie lavoratrici (75%) e (25%) dipendenti. Fra i lavoratori, il dato relativo alla presenza di genere è superiore in percentuale rispetto alla stessa presenza registrata tra i soci. Infatti se l 81% dei soci della A sono donne, fra gli occupati rappresentano l 86% dei lavoratori, con punte, come nella Provincia di Asti, del 95%. Provincia Socie Dipendenti Tot. lav. Tot. % di femmine lavoratrici donne donne occupanti sul tot. degli occ. AL % AT % BI % CN % NO % TO % V.C.O % VC % PIEMONTE % 16

17 Rapporto tra gli occupati e il totale degli occupati nelle Regione. occupati occupati nelle coop. nelle coop. A Totale occupati ogni lavoratori AL AT BI CN NO TO VCO VC PIEMONTE Come emerge dalla rappresentazione grafica, in alcuni territori provinciali, la consistenza numerica degli occupati nella cooperazione sociale dei servizi alla persona è considerevole; nella Provincia di Alessandria e in quella di Vercelli, in particolare, è molto superiore alla media regionale di 86 unità lavorative. Tra i dipendenti, il 78% (1.606 lavoratori) è a tempo indeterminato, il 21,4% (441 lavoratori) a tempo determinato, mentre lo 0,6% (13 lavoratori) sono in contratto di formazione lavoro. Si tratta dunque di situazioni lavorative che presentano caratteristiche di stabilità. Le figure professionali che ricorrono maggiormente sono:adest, educatori professionali, infermieri professionali, fisioterapisti, psicoterapeuti, docenti, badanti, assistenti d infanzia, animatori, consulenti di progetti, operatori di teleassistenza e, negli ultimi anni, anche mediatori culturali, musicoterapisti. 17

18 La forza lavoro complessivamente considerata. La forza lavoro delle cooperative sociali di tipo A è caratterizzata, inoltre, dalla presenza di un certo numero di collaborazioni e consulenze:1.452 sono le collaborazioni continuate, 804 le prestazioni di lavoro autonomo occasionale, per un totale di unità. La forza lavoro complessiva soci lavoratori dipendenti collaborazioni Totale Gli operatori impiegati in attività di assistenza alla persona. 6 Dei lavoratori (collocati stabilmente in cooperativa o in forma di collaboratori), , il 73%, risultano impegnati a vario titolo in attività di assistenza (di cui ben nella Provincia di Torino e nella Provincia di Alessandria), il restante è impegnato in attività diverse, quali funzioni di carattere amministrativo e contabile, trasporto, mensa, pulizie delle strutture etc.. Il dato conferma il forte 6 Per disporre del quadro complessivo delle varie figure professionali nelle cooperative di tipo A e della situazione, concernente il possesso in capo agli operatori dei requisiti professionali necessari allo svolgimento delle mansioni, la scheda di rilevazione conteneva una sezione riservata agli operatori impegnati nell attività di assistenza diretta alla persona e/o in attività di supervisione e di coordinamento tecnico. Oltre alle esigenze informative appena evidenziate, la rilevazione di dettaglio è servita anche a svolgere alcune considerazioni più specifiche sulla presenza delle cooperative sociali nei servizi piemontesi. 18

19 peso della cooperazione sociale nella gestione dei servizi sociali piemontesi. Il quadro che ne emerge è il seguente: Provincia Occupanti soci e collaborazioni Totale Operatori alla Op. alla persona/ dipendenti persona altro person. Alessandria % Asti % Biella % Cuneo % Novara % Torino % Verbania % Vercelli % Regione % Entrando nel dettaglio dei vari profili del personale impiegato in attività di servizio alla persona, risulta che la figura professionale prevalente è quella dell assistente domiciliare e dei servizi tutelari (7.253), seguono gli educatori professionali o specializzati (3.030), gli infermieri e i terapisti della riabilitazione (556), gli animatori professionali (340), gli assistenti sociali (210). Per quanto riguarda le qualifiche professionali che hanno una definizione normativa a livello regionale, educatori professionali (E.P.) e assistenti domiciliari e dei servizi tutelari (ADEST), la situazione rispetto alla presenza nelle varie Province e al possesso dei titoli risulta la seguente: 7 7 Nel 2002, anno di riferimento per l indagine, era appena stata attivata la laurea triennale interfacoltà per educatore professionale, contestualmente alla soppressione dei corsi regionali di base per E.P., e venivano attivati i primi corsi per operatore socio sanitario: pertanto le qualifiche prescritte erano ancora quelle di E.P. e ADEST, ottenute in esito alla frequenza dei corsi di formazione regionali. 19

20 ASSISTENTI DOMICILIARI E DEI SERVIZI TUTELARI Totali Qualifica Gié iscritti con req. Senza req. O.T.A. Altro ai corsi di per riqual. per riqual. riqual. AL AT BI CN NO TO VCO VC PIEMONTE EDUCATORI PROFESSIONALI O SPECIALIZZATI Totali Qualifica Gié iscritti con req. Senza req. Laurea Altro ai corsi di per riqual. per riqual. con ind. riqual. E.P. AL AT BI CN NO TO VCO VC PIEMONTE Si rileva una buona presenza di operatori in possesso delle qualifiche o frequentanti i corsi di riqualificazione (1.724 E.P. e ADEST) 8. 8 La situazione risulta fotografata alla fine del 2002, pertanto, la gran parte degli operatori al momento iscritti a corsi di riqualificazione dovrebbero aver conseguito il titolo. E sembrato ugualmente interessante riportare l informazione come era stata, a suo tempo, rilevata. Come è noto fino all anno 2002, gli operatori di base nei servizi erano l OTA ( operatore 20

21 Rimane ancora consistente, al 2002, il numero di operatori in possesso dei requisiti per accedere ai corsi di riqualificazione, non ancora inseriti negli stessi (644 E.P. e 810 ADEST): è, peraltro, ipotizzabile che una quota consistente sia stata nel frattempo inscritta ai corsi. 9 Un dato problematico è invece la presenza di operatori che svolgono le funzioni di E.P. e di ADEST senza aver ancora maturato i requisiti per l accesso alle riqualificazioni (fra cui, si ricorda, l aver conseguito due anni di servizio nella funzione). Si tratta di 293 E.P. e di 635 ADEST. Nonostante già nel 1995 la L.R. 62/95 prescrivesse l obbligo del possesso delle qualifiche suddette, anche negli anni più recenti sono stati evidentemente reclutati operatori senza qualifica. Non si è in grado, peraltro, di affermare se tale situazione sia dovuta o meno a una difficoltà di reperimento di operatori qualificati in determinate aree della Regione. E comunque auspicabile che si tratti di una situazione in via di esaurimento, a fronte del costante gettito formativo di operatori qualificati. Per quel che riguarda questi operatori è probabile che un congruo numero possa aver maturato i requisiti per la riqualificazione entro i termini prescrittivi previsti dalla L.R. 8/01/2004, n. 1 Norme per la realizzazione del sistema regionale integrato di interventi e servizi sociali e riordino della legislazione di riferimento e che possa quindi vedere sanata la propria situazione in tempi brevi. tecnico addetto all assistenza, figura istituita nel 1991, che a seguito di un corso di 670 ore veniva inserito nei servizi sanitari) e l ADEST. Quest ultimo operatore, che aveva trovato una definizione normativa dal 1984, a seguito di un percorso formativo di 900 ore, veniva inserito nell ambito dei servizi sociali.vi era, peraltro, la necessità di individuare una figura unica ed integrata di operatore di base, spendibile sia in campo sanitario sia nei servizi sociali. Con D.M si prevedeva l istituzione di questo operatore, il cui profilo professionale è stato definito nella Conferenza Stato Regioni del febbraio Con deliberazione della Giunta regionale n del sono state definite le linee di indirizzo per la formazione di base per il conseguimento della qualifica professionale di operatore socio-sanitario O.S.S. Il nuovo percorso formativo prevede un programma di studio di complessive 1000 ore. A seguito delle definizione del profilo, la Regione Piemonte ha attivato la formazione integrativa per il raggiungimento delle 1000 ore, destinata agli OTA e agli ADEST, pertanto non si attivano più corsi sui vecchi profili. Rimane inteso che gli operatori in possesso delle qualifiche di ADEST e OTA, che non intendano conseguire il titolo di OSS, possono continuare ad operare esclusivamente nei servizi dei rispettivi comparti. 9 Negli anni 2002 e 2003 sono stati attivati, infatti, 7 corsi di riqualificazione per E.P. e 34 corsi di riqualificazione destinati agli ADEST per il conseguimento della nuova qualifica di operatore socio sanitario OSS. 21

22 Più controverso è il dato relativo alla figura dell animatore professionale, evidenziato nella tabella di seguito riportata: ANIMATORI PROFESSIONALI Con Senza TOTALI qualifica qualifica AL AT BI CN NO TO V.C.O VC PIEMONTE A fronte di 340 operatori che svolgono tale funzione, si riscontrano solo 73 operatori in possesso della qualifica. Si tratta di una figura professionale relativamente nuova, in cerca di una definitiva legittimazione, sia per quanto riguarda il percorso formativo, sia per quanto riguarda la collocazione dello stesso nell ambito della formazione professionale o a livello universitario. La Regione, infatti, ha sospeso al momento i corsi di formazione, in attesa di un chiarimento nazionale con l approvazione della legge nazionale sulle professioni sociali, che deve ancora essere emanata. Le altre figure presenti sono le seguenti: Ass.sociali psicologi medici inf.prof.li terapisti altro riabilitazione AL AT BI CN NO TO V.C.O VC Piemonte Dalla scheda emerge una consistente presenza di operatori sanitari (infermieri, terapisti della riabilitazione, medici: nel complesso

23 unità) cui vanno aggiunti 178 psicologi, impiegati in massima parte nei servizi socio sanitari in convenzione con le A.S.L. Ciò testimonia il forte impegno delle cooperative sociali nei servizi degli enti del sistema sanitario piemontese. Tale circostanza è inoltre evidenziata dal fatto che anche una quota consistente di operatori, con funzioni di E.P. e ADEST, sono impiegati in servizi convenzionati con la Sanità. Quest ultima considerazione emerge dal confronto con i dati sugli operatori del comparto socio assistenziale, ricavabili da altre fonti di rilevazione regionali. Ci si riferisce in particolare alla Relazione annuale sull attività degli enti gestori dei servizi socio assistenziali e la Scheda ISTAT - Regione sui presidi socio assistenziali 10.I dati relativi alle due rilevazioni, con opportune normalizzazioni, consentono di avere una fotografia degli operatori presenti nei servizi, esclusivamente per il settore socio assistenziale. Prendendo come riferimento l anno 2002, risultano lavorare nei servizi socio assistenziali facenti capo agli enti gestori dei servizi sociali, complessivamente ADEST e E.P. 11 Si tratta di operatori alle dirette dipendenze dell ente gestore, e di operatori impiegati nei servizi in convenzioni con cooperative sociali. Confrontando questi dati con quelli emergenti dalla rilevazione sulle cooperative sociali, in base ai quali ADEST e gli E.P. sono rispettivamente e 3.030, si può ragionevolmente dedurre che una quota consistente di essi lavori 10 Si tratta di due strumenti utilizzati con cadenza annuale dalla Direzione regionale Politiche Sociali per raccogliere informazioni di varia natura sui servizi socio assistenziali presenti nel territorio regionale, all interno dei quali è presente una sezione dedicata al personale. In particolare la relazione annuale serve ad acquisire informazioni di varia natura sulle attività svolte dagli enti gestori dei servizi sociali e sulle spese relative, mentre la scheda presidi è rivolta a tutti i presidi socio assistenziali piemontesi. 11 Si tenga presente che il dato è sottostimato a causa delle mancate risposte da parte dei presidi, pari a circa il 15%. 23

24 in servizi in convenzione. In particolare, per gli E.P., è ipotizzabile che una buona parte si impiegata nel comparto sanitario, considerato che vi é quasi coincidenza fra gli E.P. delle cooperative e dei servizi socio-assistenziali. Passando all esame degli altri profili riscontrati nelle cooperative sociali, risultano presenti 210 assistenti sociali. Un numero abbastanza consistente, se si considera che si tratta di una figura che per il suo specifico professionale lavora in buona parte alle dipendenze di enti pubblici e che non trova difficoltà di collocazione lavorativa presso gli stessi.a titolo di raffronto si cita il dato relativo alle assistenti sociali operanti presso gli enti gestori dei servizi sociali e i presidi socio assistenziali, pari rispettivamente a 854 e a 82, per un totale di 936 (dato ricavato dalle citate Relazione enti gestori e Scheda presidi ). Un ultima considerazione riguarda la voce altro prevista dal questionario, che raccoglie ben operatori impegnati nell attività di assistenza diretta alla persona non compresi nelle figure professionali summenzionate. Rientrano in questa voce: psicomotori, musicoterapisti, assistenti scolastici, puericultrici, insegnanti di scuola materna, badanti, sociologi, pedagogisti, mediatori culturali. Una molteplicità di figure professionali, molte delle quali, evidentemente, impiegate in servizi socio educativi.tuttavia la presenza in questa voce di figure afferenti al settore socio - sanitario (es. badanti, mediatori culturali, psicomotori), da un lato, arricchisce il quadro delle tipologie di figure professionali presenti nei servizi nonché sollecita i diversi livelli istituzionali coinvolti ad una seria riflessione sulle figure professionali del sociale e sulla loro legittimazione, dall altro, conferma l ampio ventaglio di servizi coperti dalle cooperative sociali, anche in aree molto specifiche e relativamente nuove. Gli organi sociali I Consigli di Amministrazione: Su 216 cooperative sociali attive nel 2002, si contano 980 amministratori che ricoprono le cariche di presidente, vicepresidente e consigliere. Se, come visto, la cooperazione sociale di tipo A è composta in prevalenza da socie e lavoratrici femmine il rapporto di genere risulta pressoché equivalente nei consigli di amministrazione, dove la prevalenza femminile è di poco superiore, infatti, dei 985 consiglieri: 485 sono gli uomini (49,5%) e 495 le donne (50,5%). 24

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 71 approvata il 2 aprile 2015 DETERMINAZIONE:

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO

DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO 9749 31/10/2012 Identificativo Atto n. 766 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO APPROVAZIONE DEI REQUISITI E DELLE MODALITÀ OPERATIVE PER LA RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL'ALBO REGIONALE

Dettagli

Qualità, merito e semplificazione

Qualità, merito e semplificazione Allegato 1 alla D.G.R. nr. del REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE D ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, FORMAZIONE, ISTRUZIONE E POLITICHE SOCIALI SERVIZIO POLITICHE DELLA TRANSNAZIONALITÀ DELLA

Dettagli

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 2013 BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 1. Premessa 1.1 Lettera agli stakeholder 1.2 Metodologia 2. Identità dell organizzazione 2.1 Informazioni generali 2.2 Attività

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS.

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. RISOLUZIONE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 gennaio 2015 OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. Con l interpello

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE

ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema I CAS DELLE AZIENDE OSPEDALIERE DOTT. A. CAPALDI I.R.C.C.s Candiolo Regione

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N.

COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N. COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N. 1/2008) Nome Cognome in qualità di legale rappresentante pro tempore

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012

CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012 CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012 ACCORDI SINDACALI BITRON SpA IL CONTESTO Il Gruppo Bitron è presente nella provincia di Cuneo con due unità produttive In provincia

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se FAQ REQUISITI PER IL COMMERCIO D: La pratica svolta per 2 anni negli ultimi 5, in qualità di coadiuvante in un attività di commercio al dettaglio di alimentari, può essere riconosciuta valida, ai fini

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli