PROVINCIA DI COSENZA SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI COSENZA SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE"

Transcript

1 PROVINCIA DI COSENZA SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE P.A.F.F. Progetto Analisi del Fabbisogno Formativo in funzione dell Obbligo Formativo Distretto territoriale 1 - PIT 3 e PIT 4 Risultati dell analisi socio-economica, prospettive di sviluppo a partire dalla formazione professionale Data incontro: 11 Marzo A cura di: Dott.sa Maria Grazia Guaragna Dott. Cristiano Magnelli Pag. 1 di 13

2 INDICE 1. Premessa Posizione Geografica - Dati Demografici Analisi Socio Economica Profili Professionali...11 Allegati: A: Grafico Popolazione PIT Area 3 Pollino B: Tabella Dati Istat 2001 Popolazione PIT Area 3 Pollino C: Grafico Popolazione PIT Area 4 Alto Ionio Cosentino D: Tabella Dati Istat 2001 Popolazione PIT Area 4 Alto Ionio Cosentino E: Grafico Suddivisione in Fasce d età della Popolazione dell Area 3 PIT Pollino e dell Area 4 Alto Ionio Cosentino F: Grafico Edifici Scuole Medie Inferiori e Superiori presenti nell Area 3 PIT del Pollino G: Grafico Edifici Scuole Medie Inferiori e Superiori presenti nell Area 4 PIT Alto Ionio Cosentino H: Tabella Comunità Albanesi presenti nell Area 3 PIT Pollino e nell Area 4 Alto Ionio Cosentino I: Grafico Comunità Albanesi presenti nell Area 3 PIT Pollino e nell Area 4 Alto Ionio Cosentino Pag. 2 di 13

3 1. Premessa Il Progetto per la rivelazione del Fabbisogno Formativo in funzione dell Obbligo Formativo, è partito dalla suddivisione del territorio in cinque distretti, aggregando aree PIT limitrofe sulla base di alcuni tratti di omogeneità territoriale e socio economica. Il distretto preso in considerazione, è identificato dalle Aree PIT 3 (Pollino) e PIT 4 (Alto Ionio Cosentino). La scelta politica di prendere in considerazione le Aree PIT è data da due ordini di motivi: o Sfruttare le indagini e la rete sociale costituitasi grazie ai Progetti Integrati Territoriali; o Tener conto dei punti deboli e delle linee di sviluppo individuate attraverso i PIT con l accordo degli attori territoriali. Obiettivo del progetto è quello di giungere alla definizione di figure professionali adeguate allo sviluppo economico e sociale dei distretti presi in considerazione. Pag. 3 di 13

4 2. Posizione Geografica - Dati Demografici Il distretto preso in esame si estende nell estremo Nord della Provincia di Cosenza al confine con la Basilicata, copre una superficie di circa 2.047,7 Km 2 e comprende 37 Comuni: Laino Borgo Laino Castello Mormanno Morano Calabro San Basile Saracena- Lungo Acquaformosa Firmo Castrovillari Frascineto Civita - San Lorenzo Bellizzi Nocara Canna Rocca Imperiale Oriolo Montegiordano Roseto Capo Spulico Castroregio Alessandria del Carretto Amendolara Albidona Palataci Trebisacce Cerchiara di Calabria Villapiana Francavilla Marittima Cassano allo Ionio Spezzano Albanese - San Lorenzo del Vallo Terranova da Sibari Corigliano Calabro San Giorgio Albanese San Cosmo Albanese Vaccarizzo Albanese Rossano.(allegato A-B-C-D). La popolazione dell area è così suddivisa: 8 comuni popolazione inferiore ai abitanti, 7 comuni pop. inferiore ai abitanti, 17 pop. comuni inferiore ai abitanti, 1 pop. comune inferiore ai abitanti (Trebisacce), 4 comuni hanno popolazione superiore ai abitanti(castrovillari, Cassano allo Ionio, Rossano, Corigliano). La densità abitativa dell area considerata è in media di 85,8 abitanti/kmq. Questo distretto ha una eterogenea configurazione territoriale, se, infatti, si considera che: comuni dell Area in questione sono bagnati dal mar Ionio: Rocca Imperiale - Montegiordano Roseto Capo Spulico - Amendolara Albidona - Trebisacce Villapiana Corigliano Calabro - San Giorgio Albanese - Rossano 2. Il territorio di 17 Comuni è inserito nel Parco Nazionale del Pollino che estendendosi per ettari, dei quali ricadenti in Basilicata e Pag. 4 di 13

5 in Calabria, risulta essere il Parco Nazionale più grande d Italia e il secondo Parco più grande d Europa. Laino Borgo Laino Castello Mormanno Morano Calabro San Basile Saracena- Lungro Acquaformosa Firmo Castrovillari Frascineto Civita - San Lorenzo Bellizzi Plataci - - Alessandria del Carretto - Cerchiara di Calabria - Francavilla Marittima. Pertanto, il territorio dell intera Area è riconducibile, per alcuni versi alle categorie della montagna interna e della collina interna, per altri versi, invece, una gran parte della superficie, si può definire pianeggiante (dato, quest ultimo, ancor più interessante se si pensa che la pianura in Calabria connota solo il 9% del territorio complessivo). Questa variegata configurazione del territorio ha determinato una diversa distribuzione della popolazione, così come un discontinuo grado di urbanizzazione. Infatti, la popolazione residente nell intero territorio è di abitanti (dati Istat 2001), composta per il 50,9% ( ) da uomini e il rimanente 49,1% ( unità) da donne, di questi sono giovani e circa anziani, la rimanente parte è rappresentata da popolazione adulta, circa. (allegato E) La distribuzione è da collocarsi per lo più nei comuni costieri: Rossano, Corigliano (entrambi contano circa abitanti), Trebisacce (9.000), o nei comuni più popolosi, che da sempre costituiscono centri attrattori per i comuni limitrofi della zona: Cassano alla Ionio ( abitanti) e Castrovillari ( abitanti) (qui, infatti si concentra il 43% della popolazione complessiva di questa area PIT). L età della popolazione dei comuni che ricadono nell area è abbastanza elevata; nella sola città di Castrovillari, infatti, gli anziani (oltre i 65 anni di età) rappresentano il 20% della popolazione (circa unità) e, in genere hanno un livello di alfabetizzazione medio basso, dato dalla scuola media, in contrasto con una nuova tendenza riscontrabile Pag. 5 di 13

6 soprattutto nell Area del Pollino che registra una media di laureati pari al10% della popolazione totale (i laureati risultano 2.200). Riguardo ai dati della dispersione scolastica all interno dell area, il Centro per l Impiego di Castrovillari, in base ai dati in suo possesso, ammonta a 60 il numero dei giovani che, terminata la scuola dell obbligo, non ha continuato il percorso di studi nella scuola superiore. Per quanto riguarda, invece gli istituti di secondo grado in cui più alto risulta il tasso di abbandono scolastico sono gli istituti secondari ad indirizzo tecnico- professionale. Anche la distribuzione delle strutture scolastiche risente della tipologia d insediamento dell intera Area; queste, infatti, sono in maggioranza concentrate nei comuni più popolati; nelle città di Castrovillari, Rossano, Corigliano, Cassano sono presenti, infatti, istituti scolastici di ogni ordine e grado, mentre nei restanti comuni vi è la presenza di istituti scolastici di primo grado (unica eccezione Lungro che pur essendo comune con solo 3000 abitanti vede la presenza oltre che delle scuole di primo grado anche di un liceo).(allegato F-G) Pag. 6 di 13

7 3. Analisi Socio Economica L Area è dotata di una pregevole valenza storico monumentale: sono presenti ben 17 siti archeologici che coprono un arco temporale che va dal paleolitico superiore, al medioevo, con una prevalente concentrazione, nella zona di Castrovillari, di ville romane (la più alta della Calabria); ma la concentrazione più significativa è collocata nella zona di Sibari, in cui sono venuti alla luce gli scavi delle antiche città di Sibari, Thurii e di Copia, e i cui reperti sono fruibili nel Museo Archeologico della Sibaritide. A ciò si aggiunga anche la presenza di numerose chiese, abbazie, santuari e cappelle; Da sottolineare, inoltre che 11 comuni ( abitanti-dati ISTAT 2001) sono di origine Albanese: Plataci Spezzano Albanese San Cosmo Albanese Vaccarizzo Albanese S. Giorgio Albanese Firmo Lungro San Basile Civita Acquaformosa Frascineto.(allegato H-I) Le comunità Arbëreshë sono di interessante valenza storico culturale, in quanto conservano da circa cinque secoli la lingua, il rito religioso, gi usi e i costumi della terra d origine. Di rara bellezza sono poi i nuclei storici di molti centri urbani, sia grandi che piccoli, del territorio, che costituiscono un patrimonio storico-artistico ancora in gran parte sconosciuto e sotto-rappresentato. La parte del territorio inserita nel Parco Nazionale del Pollino, istituito con Legge 11 Marzo 1988, n.67, presenta caratteristiche con un alto grado di naturalità, e di diversità, quest ultima intesa sia come varietà di ricchezze di specie animali e vegetali, che come varietà di paesaggi. Il Parco, infatti, contiene innumerevoli bellezze, dal maestoso pino loricato, alla presenza del lupo appenninico, a tracce di antichi ghiacciai, alla presenza delle gole del Raganello, che si estende per oltre 8 Km, ed è il più lungo d Italia oltre che il più spettacolare. Pag. 7 di 13

8 Tutto questo favorisce la nascita di tutta una serie di forme d ipotetico turismo (es. parapendio, rafting, trekking, free-climbing, itinerari religiosi). Nel complesso l Area è dotata, a prima vista, di un sistema di infrastrutture discrete. Il sistema viario è caratterizzato dalla presenza di una rete primaria, l autostrada SA-RC che attraversa l area del Pollino, da nord a sud, e dal cruciale svincolo di Firmo, che funge da raccordo con la SS 106, che attraversa da nord a sud l area dell Alto Ionio costituendo un ponte ideale con le vicine Basilicata e Puglia. L unica direttrice ferroviaria è quella che attraversa l Alto Ionio e che corre parallelamente lungo la costa. La fascia costiera, è inoltre, dotata di due importanti infrastrutture portuali: il porto di Corigliano, destinato al cabotaggio e alla nautica commerciale e che ospita attualmente la più numerosa flottiglia di pescherecci della Calabria, e il porto dei Laghi di Sibari, attrezzato per la nautica di diporto. Sempre nella fascia costiera vi è la presenza di importanti località termali: Cassano allo Ionio, Cerchiara di Calabria, Spezzano Albanese. L area è caratterizzata da una difficoltà occupazionale che risulta più accentuata tra i giovani in cerca di prima occupazione (stimata al 62%), che tra i lavoratori precedentemente occupati e alla ricerca di nuova occupazione; Alquanto critico appare il tasso di disoccupazione femminile: infatti, le donne senza lavoro sono oltre la metà di quelle attive (dati PIT Pollino e Alto Ionio anno 2002), livelli estremi di inoccupazione si registrano ad Alessandria del Carretto, Cassano allo Ionio, San Lorenzo del Vallo, Plataci e Rossano. Inoltre, circa il 30% delle unità di lavoro complessive è costituito da lavoratori irregolari. L elevata incidenza degli irregolari nel mercato del lavoro locale è spiegabile con il fatto che il sistema economico dell area vede un maggior peso di quei settori di attività quali agricoltura, costruzioni, commercio e turismo che più frequentemente sono caratterizzati per un maggiore ricorso a forme di lavoro sommerso. Pag. 8 di 13

9 All interno dell area il settore primario rappresenta ancora uno dei comparti trainanti dell economia locale, infatti, risulta occupato circa il 26% della popolazione residente attiva e si registra una densità media di 13.5 aziende ogni 100 abitanti. Prendendo in considerazione il settore extragricolo si registra una prevalenza del settore del commercio, che nell area rappresenta oltre il 47% del totale delle unità locali. L altro settore che, in ordine d importanza, assume un ruolo prevalente è quello dei servizi alle imprese (15.7%) seguito dall industria manifatturiera (11.1%) e dal settore costruzioni (9.5%) (Dati PIT Pollino e Alto Ionio anno 2002). Le aziende presenti sul territorio sono poche e dal punto di vista spaziale sono concentrate in poche zone: a Cammarata (nei pressi di Castrovillari), punti d eccellenza sono le azienda agricola OSAS e Torre di Mezzo. Mentre consistente, soprattutto lungo la costa, risulta la presenza delle aziende dedite alla coltivazione di frutteti (pescheti, agrumeti) e ortaggi. Nell area di Sibari negli ultimi trent anni si è consolidata una rete di piccole e medie imprese agroindustriali (oleifici, industrie di conservazione della frutta, di trasformazione agrumaria, di surgelati) innovative e fortemente orientate al mercato. Accanto a queste imprese si è venuto via via costituendo un nucleo di strutture cooperative di servizi alla produzione e alla promozione commerciale. Nell insieme la piana di Sibari presenta una significativa tendenza alla distrettualizzazione di tipo agroalimentare. Rilevante è inoltre la numerosità d imprenditori(10) e addetti operativi(circa 100) (Dati PIT Alto ionio 2002) nel settore della pesca che si concentrano prevalentemente nei Comuni di Corigliano, Cassano, Rossano e Trebisacce. Nonostante ciò, il territorio in analisi, presenta un debole sistema economico produttivo perché é caratterizzato da micro attività produttive e forme giuridiche elementari oltre ad un basso livello medio di imprenditorialità. Pag. 9 di 13

10 Infatti, nell area considerata operano per circa l 80% ditte individuali, le quali rappresentano la tipologia organizzativa dominante, seguita a grande distanza dalle società cooperative, dalle società di persone e dalle scarsissime società di capitali. Tanti, inoltre sono i punti di debolezza dell area presa in considerazione; innanzitutto Ia risorsa Parco nella coscienza collettiva non è ancora considerata volano capace di generare sviluppo e ricchezza; Le risorse archeologiche, culturali, architettoniche artistiche e ambientali sono scarsamente valorizzate; La valenza quali quantitativa dell offerta di ricettività turistica è spesso insufficiente, così come non adeguata è la professionalità degli operatori locali del settore e la qualità dei servizi; I Flussi turistici sono deboli e concentrati nei principali luoghi di attrazione ed esclusivamente si concentrano nei mesi estivi; Non esiste buona integrazione funzionale tra costa e area interne; A ciò si aggiunga lo spopolamento dei territori, soprattutto di quelli interni, causati da alti livelli di disoccupazione giovanile, situazione drammaticamente accentuata tra i giovani in cerca di prima occupazione, che non permette il facile inserimento nel ciclo produttivo alimentando in questo modo o forme di criminalità o forme di emigrazione verso zone più favorevoli all inserimento lavorativo, a ciò si aggiunga come lo spopolamento contribuisca con effetti negativi tanto sullo stato di conservazione del patrimonio edilizio e dell ambiente naturale quanto sulla protezione dei territori dai rischi idrogeologici. Alla luce di quanto sopra, ad evitare l acuirsi del ritardo economico che comunque caratterizza l area, e considerate le vocazioni evidenziate, una probabile opportunità formativa potrebbe riguardare i seguenti settori: Agroalimentare, Turismo, Ambiente e Servizi alla Persona. Pag. 10 di 13

11 4. Profili Professionali Area Agroalimentare: Denominazione Profilo Addetto al Magazzino Prodotti Ortofrutticoli Agricoltore Biologico Esperto di marketing di prodotti Agro-Alimentari Esperto nella Costituzione e Gestione di Impresa nel settore Agro-Alimentare Itticoltore Agro- Operatore alimentare Agricolo- Operatore ambientale Operatore Controllo Qualità nel settore Agro- Alimentare Potatore Profilo O.F. Descrizione profilo L Addetto al Magazzino Prodotti Ortofrutticoli è in grado di gestire le fasi di stoccaggio e confezionamento di prodotti ortofrutticoli. L Agricoltore Biologico è in grado di intervenire sulle tecniche di coltivazione più opportune, sulle modalità di concimazione e fertilizzazione con sostanza organiche a seconda del prodotto coltivato e del terreno agricolo. L Esperto di marketing di prodotti Agroalimentari è in grado di: 1. definire le strategie di sviluppo dei prodotti/mercati, le politiche commerciali, le azioni promozionali, 2. gestire l organizzazione e il coordinamento della forza di vendita. L Esperto nella Costituzione e Gestione di Impresa nel settore Agro-Alimentare è in grado di sviluppare un Businesse Plan e di gestire risorse umane e strumentali. Conosce le normative di carattere fiscale e legate alla igienicità e salubrità dei prodotti agro-alimentari (H.A.C.C.P.). L Itticoltore è in grado di allevare e riprodurre pesci, attendere alla lavorazione, trasformazione e conservazione del prodotto nonché alla sua preparazione e confezione per l immissione sul mercato. Trova impiego in aziende e cooperative ittiche e in attività autonoma L Operatore agricolo-ambientale è in grado di coltivare piante da semina e da frutto in campo e in ambiente protetto e di allevare animali. Può operare all interno di un azienda agricola e/o di un allevamento. L Operatore agro-alimentare è in grado di gestire le diverse fasi del processo produttivo agro-alimentare, utilizzando macchine e strumenti propri degli specifici ambiti e cicli di lavorazione. Può operare all interno di un azienda alimentare industriale o artigianale. L Operatore Controllo Qualità è in grado di effettuare i controlli di qualità sui prodotti in sede di accettazione, in process e a valle del processo produttivo. Il Potatore è in grado di programmare e controllare lo sviluppo vegetativo e il livello di produttività di un frutteto. Pag. 11 di 13

12 Area Turistica Denominazione Profilo Esperto di turismo integrato Guida di percorsi storico-culturali e religiosi Guida Naturalistica Operatore agrituristico Operatore alla Promozione e all Accoglienza Turistica Operatore alle Cure Estetiche Esperto di Cultura Arberesh Tecnico esperto nel rimessaggio barche Profilo O.F. Descrizione profilo L Esperto di turismo integrato è in grado di creare pacchetti turistici comprendenti diversi comparti come ad esempio, natura, cultura e gastronomia. La Guida di percorsi storico, culturali e religiosi è in grado di organizzare itinerari e percorsi turistici trasversali, capaci di coniugare la rilevanza storico-culturale dei luoghi con la loro valenza religiosa La Guida Naturalistica è in grado di organizzare gite e escursioni offrendo informazioni sulla flora e sulla fauna del territorio. L Operatore Agrituristico è in grado, attraverso l utilizzazione della propria azienda, di organizzare attività ricreative o culturali nell ambito della stessa. L Operatore alla Promozione e all Accoglienza Turistica è in grado di promuovere l offerta turistica di un area, di fornire informazioni e consigli per orientare la scelta dei turisti. L Operatore alle Cure Estetiche è in grado di allestire spazi e preparare prodotti per i trattamenti estetici, termali e di acconciatura unisex L Esperto di Cultura Arberesh è in grado di offrire informazioni sugli usi sui costumi, sulle tradizioni della cultura albanofona avendo anche buona dimestichezza con la lingua. Il Tecnico esperto nel rimessaggio barche è in grado di mantenere in perfetto stato di manutenzione tutte le tipologie di imbarcazioni. Area Ambiente Denominazione Profilo Esperto in gestione di impianti per il trattamento delle acque Esperto in Sistemi di Gestione Ambientale Operatore del verde Operatore di parco naturale Operatore Faunista Profilo O.F. Descrizione profilo L Esperto in gestione di impianti per il trattamento delle acque è in grado di mantenere in perfetto stato di efficienza gli impianti per il trattamento delle acque. L Esperto in Sistemi di gestione Ambientale è in grado di progettazione e implementare Sistemi di Gestione Ambientale in conformità con la normativa internazionale ISO ed europea EMAS. L Operatore del verde è in grado di predisporre e gestire aree verdi curando crescita, sviluppo e salute di piante e fiori. Può trovare occupazione in aziende pubbliche e private di manutenzione del verde, del patrimonio boschivo e florovivaistiche. L Operatore di parco naturale è in grado di predisporre misure idonee per la migliore valorizzazione turistica delle risorse naturali fornite dall ambiente L Operatore Faunista è in grado di eseguire il censimento della fauna, predisporre l ambiente di allevamento, Pag. 12 di 13

13 Tecnico progettista di spazi verdi Area Servizi alla Persona Denominazione Profilo Operatore all Assistenza Domiciliare addetto Assistente nei servizi tutelari Operatore di Comunità per Anziani Profilo O.F. definire l alimentazione e somministrare i farmaci prescritti dal veterinario. Il Tecnico progettista di spazi verdi è in grado di progettare aree pubbliche e private da adibire a giardini e parchi curandone anche l esecuzione Descrizione profilo L Operatore addetto all Assistenza Domiciliare è in grado di offrire assistenza ad anziani e disabili sia presso case di riposo che a domicilio L Assistente nei servizi tutelari è in grado di fornire il superamento delle difficoltà connesse all autonomo svolgimento dei fondamentali atti della vita quotidiana favorendo l integrazione nell ambiente sociale. L Operatore di Comunità per Anziani è in grado di promuovere e di contribuire allo sviluppo delle potenzialità di inserimento e partecipazione sociale Pag. 13 di 13

Progetto Analisi del Fabbisogno Formativo In funzione dell Obbligo Formativo

Progetto Analisi del Fabbisogno Formativo In funzione dell Obbligo Formativo PROVINCIA DI COSENZA SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE Progetto Analisi del Fabbisogno Formativo In funzione dell Obbligo Formativo Gruppo di Lavoro Servizio Formazione Professionale Mercoledì 23 marzo

Dettagli

SEAT Leon TDI 15.550 199 /mese TAN 2,99% TAEG 4.96% per 60 mesi con 4 anni di Garanzia

SEAT Leon TDI 15.550 199 /mese TAN 2,99% TAEG 4.96% per 60 mesi con 4 anni di Garanzia Pagina 1 di 6 Home Chi Siamo Contatti Disclaimer & Copyright Pubblicità SEAT Leon TDI 15.550 199 /mese TAN 2,99% TAEG 4.96% per 60 mesi con 4 anni di Garanzia Notizie Acri Aiello Calabro Albidona Alessandria

Dettagli

ORARI SANTE MESSE. Festivo Invernale 8,30; 11,00; 18,00 (19,00 nel mese di maggio) Estivo 8,30; 20,00

ORARI SANTE MESSE. Festivo Invernale 8,30; 11,00; 18,00 (19,00 nel mese di maggio) Estivo 8,30; 20,00 ORARI SANTE MESSE Parrocchia S. Michele Arcangelo Albidona Festivo Invernale 8,30; 10,30 Estivo 8,30; 10,30 Parrocchia Sant Alessandro Martire Alessandria del Carretto Feriale Invernale 8,30 Estivo 8,30

Dettagli

PROVINCIA DI COSENZA SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE

PROVINCIA DI COSENZA SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE PROVINCIA DI COSENZA SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE P.A.F.F. Progetto Analisi del Fabbisogno Formativo in funzione dell Obbligo Formativo Distretto territoriale PIT 7 - Basso Tirreno e PIT 10 - Savuto

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo Articolo 6 Misure Innovative. PROVINCIA di COSENZA

UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo Articolo 6 Misure Innovative. PROVINCIA di COSENZA UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo Articolo 6 Misure Innovative PROVINCIA di COSENZA P r o g e tt tt o A r tt ii c o ll o 6 F S E S.. L.. O.. C S S tt rr a tt e g ii e ll o c a ll ii p e rr ll ' o c

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DELL OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA BRUZIO

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DELL OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA BRUZIO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA DELL OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA BRUZIO Art.1 Denominazione La denominazione di origine controllata Bruzio, accompagnata obbligatoriamente

Dettagli

Sezione Prima. Caratteristiche Generali della Popolazione, del Territorio, dell Economia insediata e dei Servizi dell Ente

Sezione Prima. Caratteristiche Generali della Popolazione, del Territorio, dell Economia insediata e dei Servizi dell Ente Sezione Prima Caratteristiche Generali della Popolazione, del Territorio, dell Economia insediata e dei Servizi dell Ente 27 Dati Geografici della Regione Calabria Regione dell'italia peninsulare, la più

Dettagli

Sezione Prima. Caratteristiche Generali della Popolazione, del Territorio, dell Economia insediata e dei Servizi dell Ente

Sezione Prima. Caratteristiche Generali della Popolazione, del Territorio, dell Economia insediata e dei Servizi dell Ente Sezione Prima Caratteristiche Generali della Popolazione, del Territorio, dell Economia insediata e dei Servizi dell Ente 40 Dati Geografici della Regione Calabria Regione dell'italia peninsulare, la più

Dettagli

Rilevazione del Fabbisogno Formativo del territorio Provinciale 2011

Rilevazione del Fabbisogno Formativo del territorio Provinciale 2011 Provincia di Cosenza Assessorato alla Formazione Professionale e Mercato del Lavoro SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE (Dirigente Avv. Gaetano Pignanelli) Rilevazione del Fabbisogno Formativo del territorio

Dettagli

LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA

LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA 19 gennaio 2012 Anno 2010 LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA Nel 2010 le aziende agricole autorizzate all esercizio dell agriturismo sfiorano le 20 mila unità, quasi mille in più rispetto all anno precedente

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo Articolo 6 Misure Innovative. PROVINCIA di COSENZA

UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo Articolo 6 Misure Innovative. PROVINCIA di COSENZA UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo Articolo 6 Misure Innovative PROVINCIA di COSENZA P r o ge t to A r t ico lo 6 FS E S. L. O. C S S tt r a tt e g ii e ll o c a ll ii p e r ll ' o c c u p a z ii o n

Dettagli

2. ASPETTI DEMOGRAFICI e SOCIO-ECONOMICI. 2.1. Inquadramento. 2.2. Fonte dei dati ed informazioni disponibili. 2.3. Indicatori selezionati

2. ASPETTI DEMOGRAFICI e SOCIO-ECONOMICI. 2.1. Inquadramento. 2.2. Fonte dei dati ed informazioni disponibili. 2.3. Indicatori selezionati 2. ASPETTI DEMOGRAFICI e SOCIO-ECONOMICI 2.1. Inquadramento L inquadramento socio - economico del territorio oggetto di analisi permette di cogliere alcuni suoi aspetti fondamentali. Anche se non direttamente

Dettagli

DISPONIBILITA' A028 DISPONIBILITA' A043 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO CATTEDRE DOCENTE CASSANO LAUROPOLI ( 30 GIUGNO) 1 SPEZZONI ORARIO

DISPONIBILITA' A028 DISPONIBILITA' A043 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO CATTEDRE DOCENTE CASSANO LAUROPOLI ( 30 GIUGNO) 1 SPEZZONI ORARIO DISPONIBILITA' A028 AIELLO + CLETO 6 + 6 AMENDOLARA + ORIOLO 10 + 6 BIANCHI + COLOSIMI 6 + 6 CAMPANA +SCALA COELI 6 + 2 CROPALATI +CALOVETO 6 + 6 CROSIA MIRTO 12 FIRMO +LUNGRO 8 + 6 FRASCINETO + SAN BASILE

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA

LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA 11 novembre 2013 Anno 2012 LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA Nel 2012 il numero di aziende agrituristiche si conferma superiore alle 20 mila unità: le aziende agricole autorizzate all esercizio dell

Dettagli

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C MISURA 312 I BANDI Sostegno allo sviluppo di attività economiche Le opportunità disponibili da Lunedì 11 Ottobre 1 Beneficiari: : Microimprese (Partita iva e Registro Imprese Camera Commercio) Obiettivi:

Dettagli

Beneficiario Operazioni ammissibili a finanziamento Importo finanziato Tipologia PISL provincia

Beneficiario Operazioni ammissibili a finanziamento Importo finanziato Tipologia PISL provincia CZ RC VV totale Tipologia Contrasto allo Spopolamento Qualità della Sistemi Produttivi Locali Sistemi Turistici Locali Borghi di Eccellenza Totale Importo 1.981.676,60 1.425.000,00 900.000,00 600.000,00

Dettagli

LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA

LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA 10 ottobre 2014 Anno 2013 LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN ITALIA Nel 2013 il numero delle aziende agrituristiche (aziende agricole autorizzate all esercizio dell agriturismo) è pari a 20.897, 423 in più rispetto

Dettagli

Scheda Sistema Territoriale

Scheda Sistema Territoriale VERONA E LE VALLI PREALPINE Scheda Sistema Territoriale Dati identificativi del Sistema Territoriale Nome: Verona e le valli prealpine Stato: Italia Centro urbano di riferimento: Verona Regione: Veneto

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA Annone Brianza Canzo Civate Eupilio Suello Valmadrera PER LA SALVAGUARDIA E LA VALORIZZAZIONE DEL MONTE CORNIZZOLO, MONTE RAI, CORNI DI CANZO E MOREGALLO Premesso che: con la firma

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE Agenzia Regionale Parchi Fabio Brini PIT aree protette Condizioni e opportunità per la

Dettagli

LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO.

LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO. LA TUA OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO. LAINO CASTELLO Praia a Mare Parco Nazionale del Pollino UBICAZIONE UN LUOGO UNICO L antico borgo di

Dettagli

Agriturismo biologico

Agriturismo biologico E Turismo sostenibile Secondo una indagine di Coldiretti-SWG, nel 2011, l 8% degli italiani ha scelto una vacanza improntata al relax nella natura, a stretto contatto con aziende agricole che producono

Dettagli

MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali. TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050)

MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali. TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050) MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone. (ex M. 313, M. 321, M. 322, 323, artt. 19 e 20 Reg. UE 1305/2013) TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050) Per le spese ammissibili

Dettagli

Prima di fare una breve presentazione della pubblicazione desidero fornire alcuni elementi di contesto e di prospettiva:

Prima di fare una breve presentazione della pubblicazione desidero fornire alcuni elementi di contesto e di prospettiva: 1 La pubblicazione I Fondi europei e il turismo raccoglie alcune schede delle Regioni del Sud con le quali viene rappresentato il ruolo dei Fondi comunitari nell innescare processi di sviluppo turistico

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli

IL SISTEMA TURISTICO

IL SISTEMA TURISTICO IL SISTEMA TURISTICO LA SUBLIMAZIONE DELL ACQUA Sviluppo, valorizzazione e promozione del turismo integrato come modello di responsabilizzazione sociale dei territori a vocazione turistica INDICE IL SISTEMA

Dettagli

SEGGI ELETTORALI PROVINCIA DI COSENZA

SEGGI ELETTORALI PROVINCIA DI COSENZA COMUNI SEGGIO Acquappesa Scuole Elementari Intavolata Acri Comunità Montana Acri Aiello Calabro Casa delle Culture Aieta Centro Anziani p.zza Giugni Altilia 1 Palazzo Comunale via Convento Altomonte Locale

Dettagli

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER UNIONE EUROPEA Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Regione Puglia Attuazione dell impostazione LEADER Cos è il GAL? Il Gruppo di Azione Locale (GAL) è un gruppo formato da soggetti

Dettagli

Relazione di: Mauro Conficoni Presidente Cooperativa Atlantide Titolo dell intervento: Turismo ambientale e opportunità professionali.

Relazione di: Mauro Conficoni Presidente Cooperativa Atlantide Titolo dell intervento: Turismo ambientale e opportunità professionali. Relazione di: Mauro Conficoni Presidente Cooperativa Atlantide Titolo dell intervento: Turismo ambientale e opportunità professionali. TURISMO AMBIENTALE E NUOVE OPPORTUNITA PROFESSIONALI Che il mercato

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE Dipartimento Territorio e Ambiente SERVIZIO 6 Protezione Patrimonio Naturale Via Ugo La Malfa, 169 90146 Palermo Fondo Europeo di

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1382 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore RIPAMONTI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 8 MARZO 2007 (*) Disciplina dell agriturismo (*) Testo ritirato dal presentatore.

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Settembre 2012) 1/372 4.5.2. Patrimonio Culturale 4.5.2.1. Obiettivo Specifico

Dettagli

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I Progetti interregionali dell Assessorato al Turismo Nell ottica di valorizzazione e di una maggiore fruibilità di siti e beni a carattere storicoartistico,

Dettagli

La rete dei Gac Pugliesi

La rete dei Gac Pugliesi La rete dei Gac Pugliesi I Gruppi di Azione Costiera (GAC) nascono per l attuazione del cosiddetto Piano di Sviluppo Costiero (PSC), ovvero quell insieme di azioni, programmi e progetti finalizzati allo

Dettagli

Il territorio, l economia, le imprese

Il territorio, l economia, le imprese Il territorio, l economia, le imprese Il territorio e la popolazione La Puglia è suddivisa dal punto di vista amministrativo in cinque province e 258 comuni, distribuiti su un territorio di oltre 300.000

Dettagli

GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013 PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER

GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013 PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER Programma di Sviluppo Locale BASSO TIRRENO COSENTINO SCHEDA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA PRESENTAZIONE DI PROGETTI

Dettagli

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente di cui all allegato A), costituisce il riferimento per tutti gli indirizzi

Dettagli

TRA PITTORESCHI PAESAGGI E STORICHE CULTURE

TRA PITTORESCHI PAESAGGI E STORICHE CULTURE FRANCESCO ADDUCI SULLE TRACCE TRA PITTORESCHI PAESAGGI E STORICHE CULTURE SULLE TRACCE Con il patrocinio di: Calabria Castrovillari, Frascineto ed Eianina, Civita, Francavilla Marittima, Cerchiara di Calabria,

Dettagli

Turismo di Comunità in Val di Rabbi

Turismo di Comunità in Val di Rabbi Turismo di Comunità in Val di Rabbi Sintesi del progetto Il Turismo di Comunità : definizione Il turismo responsabile di comunità è una nuova forma di accoglienza turistica, recentemente sviluppatasi in

Dettagli

Territorio POSIZIONI E CONFINI. Italia: meridionale Sud: Mar Ionio Nord:Basilicata Est: Mar Ionio Ovest: Mar Tirreno

Territorio POSIZIONI E CONFINI. Italia: meridionale Sud: Mar Ionio Nord:Basilicata Est: Mar Ionio Ovest: Mar Tirreno POSIZIONI E CONFINI Italia: meridionale Sud: Mar Ionio Nord:Basilicata Est: Mar Ionio Ovest: Mar Tirreno PAESAGGIO Montuoso (41%) Collinare(50%) Pianeggiante(9%) Territorio montuoso pianeggiante collinare

Dettagli

NATURA, AGRICOLTURA, ECOTURISMO STORIA, TRADIZIONI E PERSONE PARCO LOMBARDO DELLA VALLE DEL TICINO

NATURA, AGRICOLTURA, ECOTURISMO STORIA, TRADIZIONI E PERSONE PARCO LOMBARDO DELLA VALLE DEL TICINO NATURA, AGRICOLTURA, ECOTURISMO STORIA, TRADIZIONI E PERSONE PARCO LOMBARDO DELLA VALLE DEL TICINO Parco Lombardo della Valle del Ticino 91410 ettari suddivisi in: 22.249 Parco Naturale 69.161 Parco Regionale

Dettagli

p r o g e t t o r o s s a s e r a *

p r o g e t t o r o s s a s e r a * progetto rossa sera* il contesto Nonostante Alcamo sia una delle città più ricche del territorio trapanese, grazie alla vocazione essenzialmente agraria che vede i suoi oli e vini tra i migliori del territorio

Dettagli

1 Censimento dei Disabili della Provincia di Cosenza SOMMARIO 1. PREFAZIONE... 3 2. LA CLASSIFICAZIONE DI DISABILITA ED HANDICAP DELL OMS...

1 Censimento dei Disabili della Provincia di Cosenza SOMMARIO 1. PREFAZIONE... 3 2. LA CLASSIFICAZIONE DI DISABILITA ED HANDICAP DELL OMS... SOMMARIO 1. PREFAZIONE... 3 2. LA CLASSIFICAZIONE DI DISABILITA ED HANDICAP DELL OMS... 4 3. IL TERRITORIO... 14 4. I DISABILI... 33 I SORDOMUTI... 35 I CIECHI... 38 LA DISABILITÀ FISICA E MENTALE... 47

Dettagli

COMUNE DI CORIGLIANO CALABRO SAN COSMO ALBANESE SAN DEMTRIO CORONE SAN GIORGIO ALBANESE VACCARIZZO ALBANESE

COMUNE DI CORIGLIANO CALABRO SAN COSMO ALBANESE SAN DEMTRIO CORONE SAN GIORGIO ALBANESE VACCARIZZO ALBANESE COMUNE DI CORIGLIANO CALABRO SAN COSMO ALBANESE SAN DEMTRIO CORONE SAN GIORGIO ALBANESE VACCARIZZO ALBANESE PIANO TERRITORIALE A FAVORE DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Iniziative a tutela della famiglia

Dettagli

Turismo rurale e fattorie didattiche: un opportunità di sviluppo nelle aree rurali

Turismo rurale e fattorie didattiche: un opportunità di sviluppo nelle aree rurali ADRIATIC IONIAN INTIATIVE: SUSTAINABLE CHILD AND YOUTH TOURISM FOR RURAL DEVELOPMENT IN ADRIATIC- IONIAN REGION Turismo rurale e fattorie didattiche: un opportunità di sviluppo nelle aree rurali International

Dettagli

Piano Integrato Transfrontaliero Marittime Mercantour. Seminario di studi IRES AISRe. Sala Conferenze IRES Piemonte Via Nizza 18, Torino

Piano Integrato Transfrontaliero Marittime Mercantour. Seminario di studi IRES AISRe. Sala Conferenze IRES Piemonte Via Nizza 18, Torino Piano Integrato Transfrontaliero Marittime Mercantour L APPROCCIO INTEGRATO ALLA PIANIFICAZIONE PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE DELLE AREE PROTETTE: IL CASO DEL PARCO NATURALE DELLE ALPI MARITTIME Angela

Dettagli

MONTAGNA DATI DI SINTESI AGRICOLTURA E FORESTE Regione Lombardia

MONTAGNA DATI DI SINTESI AGRICOLTURA E FORESTE Regione Lombardia MONTAGNA DATI DI SINTESI AGRICOLTURA E FORESTE Regione Lombardia DATI DI CONTESTO Il territorio Il territorio regionale, pari a 23.862 kmq, è caratterizzato da una compresenza di aree montuose (40,5%)

Dettagli

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Applicazione del Modello di Gestione sostenibile della Destinazione turistica Area di verifica AUTOVALUTAZIONE Elenco Domande per area tematica NECSTOUR

Dettagli

Un opportunità di Vacanza en plein-air in Calabria FORESTERIA. Mormanno. Parco del Pollino - Cosenza

Un opportunità di Vacanza en plein-air in Calabria FORESTERIA. Mormanno. Parco del Pollino - Cosenza Un opportunità di Vacanza en plein-air in Calabria Mormanno Parco del Pollino - Cosenza Mormanno Parco del Pollino - Cosenza Mormanno, paese di origini longobarde, arroccato alle pendici del Pollino e'

Dettagli

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA PIT N TITOLO DEL PIT PROVINCIA 7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA IDEA FORZA Caratteristiche L idea forza del PIT proposto parte dall assunto che il territorio del Comune di Palermo, collocato

Dettagli

MASTERPLAN DEL CARSO Progetto per lo sviluppo rurale dell area del Carso Triestino 2012-2016

MASTERPLAN DEL CARSO Progetto per lo sviluppo rurale dell area del Carso Triestino 2012-2016 MASTERPLAN DEL CARSO Progetto per lo sviluppo rurale dell area del Carso Triestino 2012-2016 (La presentazione è su sfondo scuro per risparmio energetico) Come nasce il Masterplan del Carso? Predisposto

Dettagli

PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO

PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO PROGRAMMA di SVILUPPO TURISTICO del SISTEMA TURISTICO delle OROBIE BERGAMASCHE DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO INIZIALE (legge regionale 14 aprile 2004, n. 8, Norme per il turismo in Lombardia ) Albino 20 settembre

Dettagli

Curriculum vitae DATI PERSONALI ISTRUZIONE

Curriculum vitae DATI PERSONALI ISTRUZIONE Curriculum vitae DATI PERSONALI ISTRUZIONE Giacomantonio D Angelo Stato civile: coniugato Nazionalità: italiana Luogo di nascita: Cosenza Data di nascita: 6 febbraio 1971 Residenza: 87012 Castrovillari,

Dettagli

REGIONE CALABRIA Dipartimento Trasporti. I principali aspetti progettuali delle Greenways di Calabria. arch. Paola Zoccarato

REGIONE CALABRIA Dipartimento Trasporti. I principali aspetti progettuali delle Greenways di Calabria. arch. Paola Zoccarato REGIONE CALABRIA Dipartimento Trasporti I principali aspetti progettuali delle Greenways di Calabria arch. Paola Zoccarato Ferrovie Calabro Lucane La Società Mediterranea per le Ferrovie Calabro - Lucane

Dettagli

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO APPENDICE B I MATERIALI DI INDIRIZZO PER GLI APPROFONDIMENTI DEI TAVOLI DI CONCERTAZIONE CON RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO Premessa Il

Dettagli

TURISMO, ENOGASTRONOMIA E ARTIGIANATO: UNA RETE PER LO SVILUPPO

TURISMO, ENOGASTRONOMIA E ARTIGIANATO: UNA RETE PER LO SVILUPPO TURISMO, ENOGASTRONOMIA E ARTIGIANATO: UNA RETE PER LO SVILUPPO Lo sviluppo turistico dell area sud della Basilicata attraverso la valorizzazione delle risorse e delle produzioni locali e la creazione

Dettagli

Comuni: 115 Superficie: 1770,57 Kmq Popolazione residente (1.1.2006): 348.367. Fonte: Comuni (dati aggiornati all 1.1.2006)

Comuni: 115 Superficie: 1770,57 Kmq Popolazione residente (1.1.2006): 348.367. Fonte: Comuni (dati aggiornati all 1.1.2006) Territorio La provincia di Cremona si estende a sud della Lombardia al confine con l Emilia Romagna. E completamente pianeggiante, appena digradante verso il Po, con un altitudine che oscilla mediamente

Dettagli

Il DAQ di Sibari: aspetti normativi e governance

Il DAQ di Sibari: aspetti normativi e governance PROVINCIA DI COSENZA Settore Programmazione ed Internazionalizzazione Il DAQ di Sibari: aspetti normativi e governance INDICE 1. Il concetto di distretto agroalimentare 3 2. La L. R. della Calabria n.

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA PREMESSA

PROTOCOLLO D'INTESA TRA PREMESSA PROTOCOLLO D'INTESA TRA La Regione Basilicata La Regione Calabria La Regione Puglia PREMESSA Quadro di riferimento Il Turismo rappresenta una delle più grandi sfide per lo sviluppo del Mezzogiorno. E acquisita

Dettagli

Dal tracciato alla fruizione turistica.

Dal tracciato alla fruizione turistica. Progetto Turismo Equestre Ippovie del Veneto Dal tracciato alla fruizione turistica. Franco Norido Settore Divulgazione Tecnica, Formazione Professionale ed Educazione Naturalistica. Cos è una Ippovia

Dettagli

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani Note Brevi vi danno appuntamento alla seconda metà di Gennaio 2014 Note brevi n 14 / Dicembre 2013 www.cslegacoop.coop centrostudi@legacoop.coop Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1 L economia reale

Dettagli

Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica

Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica Potenza, 10 febbraio 2015 Agli organi di informazione Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica L andamento turistico dell anno appena trascorso, benchè fortemente segnato dalla gravità

Dettagli

Progetto Identithings Relazione socio-demografica Rosita Forastiere

Progetto Identithings Relazione socio-demografica Rosita Forastiere Territorio e popolazione La Basilicata può essere considerata una regione prevalentemente rurale, con una superficie di circa 10.000 kmq, quasi totalmente collinare o montana, occupata in buona parte da

Dettagli

Sviluppo dell agricoltura multifunzionale nell area del Parco Agricolo Sud Milano. I casi dei circuiti ciclo turistici LET e dei servizi

Sviluppo dell agricoltura multifunzionale nell area del Parco Agricolo Sud Milano. I casi dei circuiti ciclo turistici LET e dei servizi Sviluppo dell agricoltura multifunzionale nell area del Parco Agricolo Sud Milano. I casi dei circuiti ciclo turistici LET e dei servizi di catering PARC Maria Pia Sparla Responsabile Servizio Valorizzazione

Dettagli

BANCA DELL IDENTITÀ E DELLA MEMORIA DELLA GARFAGNANA: UN PERCORSO INNOVATIVO DI MUSEO DIFFUSO DEL TERRITORIO.

BANCA DELL IDENTITÀ E DELLA MEMORIA DELLA GARFAGNANA: UN PERCORSO INNOVATIVO DI MUSEO DIFFUSO DEL TERRITORIO. BANCA DELL IDENTITÀ E DELLA MEMORIA DELLA GARFAGNANA: UN PERCORSO INNOVATIVO DI MUSEO DIFFUSO DEL TERRITORIO. Identità culturale motore per uno sviluppo eco - compatibile MASSA CARRARA EMILIA ROMAGNA Il

Dettagli

Repertorio Cartografico REGIONE CALABRIA

Repertorio Cartografico REGIONE CALABRIA Repertorio Cartografico REGIONE CALABRIA Geografia regionale La Calabria è una regione meridionale di oltre 2.000.000 di abitanti, con capoluogo Reggio Calabria. Costituisce la punta dello stivale italiano,

Dettagli

GLI SCENARI. 3. L analisi SWOT

GLI SCENARI. 3. L analisi SWOT 3. L analisi SWOT L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. E una tecnica sviluppata da più di 50 anni come supporto

Dettagli

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA GRUPPO D AZIONE LOCALE SARRABUS GERREI TREXENTA CAMPIDANO DI CAGLIARI Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 Presentazione

Dettagli

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Commissione Europea Regione Puglia COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

Dettagli

Borgo di Mezzana. Comune di Cantagallo. Invest in Prato: Opportunità localizzative SETTORE TURISTICO. Scheda di valutazione. Comune di Cantagallo

Borgo di Mezzana. Comune di Cantagallo. Invest in Prato: Opportunità localizzative SETTORE TURISTICO. Scheda di valutazione. Comune di Cantagallo Invest in Prato: il progetto di Marketing territoriale della Provincia di Prato Opportunità localizzative SETTORE TURISTICO Comune di Cantagallo Scheda di valutazione Sezione 1 Scheda riassuntiva Mappa

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata Regionale Palude del Conte e duna costiera 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata

Dettagli

PROGETTARE IL TURISMO NELLE ISOLE:

PROGETTARE IL TURISMO NELLE ISOLE: OSSERVATORIO SUL TURISMO DELLE ISOLE EUROPEE OBSERVATORY ON TOURISM IN THE EUROPEAN ISLANDS OBSERVATOIRE SUR LE TOURISME DANS LES ILES EUROPÉENNES DIPARTIMENTO RICERCA CODICE: PA-3/08-I PROGETTARE IL TURISMO

Dettagli

Azienda Agrituristica - Fattoria Didattica

Azienda Agrituristica - Fattoria Didattica L Azienda Agrituristica Fattoria Didattica L Agrumeto è situata nella regione del Parteolla, in agro di Donori, piccolo paese a vocazione agricola a circa 25 Km. da Cagliari. Il paesaggio è collinare,

Dettagli

Piano dei Musei, delle Aree e dei Parchi Archeologici

Piano dei Musei, delle Aree e dei Parchi Archeologici Gli interventi finanziabili: Piano dei Musei, delle Aree e dei Parchi Archeologici Realizzazione del Parco Archeologico di Sibari Area Archeologica Area archeologica di Castiglione di Paludi - completamento

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE In base all art. 19 del TUEL approvato con D. Lgs. 267 del 18 agosto 2000 spettano alla provincia le funzioni amministrative di interesse provinciale

Dettagli

FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO

FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO Il Piano di Sviluppo Rurale del Piemonte Qualità e sicurezza alimentare Claudia Cominotti R&P Ricerche e Progetti Torino E- mail : c.cominotti@repnet.it 1

Dettagli

IDENTIKIT delle FATTORIE DIDATTICHE della Regione EMILIA-ROMAGNA

IDENTIKIT delle FATTORIE DIDATTICHE della Regione EMILIA-ROMAGNA IDENTIKIT delle FATTORIE DIDATTICHE della Regione EMILIA-ROMAGNA Ottobre 2009 Sono passati dieci anni dall avvio del progetto regionale Fattorie Didattiche che ha creato nel periodo un apertura di dialogo

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

BASILICATA SVOLTA DA : ALICE, SIMONE E FRANCESCO CLASSE 5 B SCUOLA PRIMARIA S. GIUSEPPE ANNO SCOLASTICO 2014/2015

BASILICATA SVOLTA DA : ALICE, SIMONE E FRANCESCO CLASSE 5 B SCUOLA PRIMARIA S. GIUSEPPE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 BASILICATA SVOLTA DA : ALICE, SIMONE E FRANCESCO CLASSE 5 B SCUOLA PRIMARIA S. GIUSEPPE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SUPERFICIE POPOLAZIONE DENSITA CAPOLUOGO PROVINCIA 9 992 kmq 59 055 59 abitanti per kmq

Dettagli

DISTRETTO NEORURALE SPALANCA LA TUA FINESTRA SU UN NUOVO MONDO

DISTRETTO NEORURALE SPALANCA LA TUA FINESTRA SU UN NUOVO MONDO DISTRETTO NEORURALE SPALANCA LA TUA FINESTRA SU UN NUOVO MONDO Distretto Neorurale Il percorso e le modalità di adesione Il documento illustra le caratteristiche e i vantaggi del costituente distretto

Dettagli

Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale. 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias

Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale. 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias Abteilung 32 - Forstwirtschaft Ripartizione 32 Foreste Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale Il ruolo e funzioni del maso

Dettagli

Programmi Integrati di Agevolazione PIA TURISMO (Art. 50 Reg. Regionale 17/2014)

Programmi Integrati di Agevolazione PIA TURISMO (Art. 50 Reg. Regionale 17/2014) Programmi Integrati di Agevolazione PIA TURISMO (Art. 50 Reg. Regionale 17/2014) Avviso a sportello a partire dal 03 giugno 2015 La gestione del presente strumento è di competenza della Regione Puglia

Dettagli

Il mercato fondiario in Italia

Il mercato fondiario in Italia FEDERAZIONE NAZIONALE DELLA PROPRIETA FONDIARIA ASSEMBLEA GENERALE - CICA - Confederazione Internazionale di Credito Agricolo RELAZIONE Il mercato fondiario in Italia Québec, 29-30 settembre 2006 PRESENTAZIONE

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Ente proponente il progetto COMUNE DI SARROCH Titolo del progetto STORIA, TURISMO, CULTURA E SOSTENIBILITA Settore ed area di intervento del progetto Settore D: PATRIMONIO

Dettagli

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani.

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. ALLEGATO A REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. 1 PREMESSA Molti avvenimenti in questi

Dettagli

proposta di atto amministrativo n. 32/11

proposta di atto amministrativo n. 32/11 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA IX LEGISLATURA DOCUMENTI PROPOSTE DI LEGGE E DI ATTO AMMINISTRATIVO RELAZIONI proposta di atto amministrativo n. 32/11 a iniziativa della Giunta regionale presentata

Dettagli

Per quanto riguarda le aree marine protette l approccio scelto è quello di considerare per intero i comuni ricadenti nelle singole aree.

Per quanto riguarda le aree marine protette l approccio scelto è quello di considerare per intero i comuni ricadenti nelle singole aree. NOTA METODOLOGICA Le informazioni presenti nelle pagine di questo portale fanno riferimento al complesso dei comuni più significativi per ciascuna tipologia di area protetta. Con il concetto di comuni

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE SICILIA 2007-20132013 Antonino Drago Dirigente Area Studi e Programmazione DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE

Dettagli

Azienda Agricola biologica Costa Dorothea

Azienda Agricola biologica Costa Dorothea Azienda Agricola biologica Costa Dorothea Qualità e ricerca in una produzione di nicchia 1 L azienda agricola L azienda agricola Dorothea Costa nasce nel 2007 con i fondi del Piano di Sviluppo Rurale 2007/2013

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

PROGETTI AFFIDATI ALL R.T.

PROGETTI AFFIDATI ALL R.T. Unione Europea Fondo Sociale Europeo Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale

Dettagli

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Una laurea: Bah!!! Ti laurei Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Fonte: Rapporto Almalaurea sull occupazione Una laurea: Bah!!! 1/2 Ma,

Dettagli

IL SISTEMA PMI DEL PICENO

IL SISTEMA PMI DEL PICENO BOZZA PER DISCUSSIONE KPMG ADVISORY IL SISTEMA PMI DEL PICENO Ascoli, 30 settembre 2009 2009 KPMG Advisory S.p.A., an Italian member firm of KPMG International, a Swiss cooperative. All rights reserved.

Dettagli

PROGETTO DISTRETTI CULTURALI

PROGETTO DISTRETTI CULTURALI PROGETTO DISTRETTI CULTURALI Il progetto Distretti culturali nasce da un idea di Fondazione Cariplo per integrare la valorizzazione del patrimonio culturale con una più generale strategia di sviluppo del

Dettagli

Allegato 11. Premessa. Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO. Regione del Veneto

Allegato 11. Premessa. Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO. Regione del Veneto Allegato 11. Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Premessa 108 Questo progetto intende affrontare le tematiche del cambiamento della persona con disabilità all innalzarsi

Dettagli