PROVINCIA DI COSENZA SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI COSENZA SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE"

Transcript

1 PROVINCIA DI COSENZA SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE P.A.F.F. Progetto Analisi del Fabbisogno Formativo in funzione dell Obbligo Formativo Distretto territoriale 1 - PIT 3 e PIT 4 Risultati dell analisi socio-economica, prospettive di sviluppo a partire dalla formazione professionale Data incontro: 11 Marzo A cura di: Dott.sa Maria Grazia Guaragna Dott. Cristiano Magnelli Pag. 1 di 13

2 INDICE 1. Premessa Posizione Geografica - Dati Demografici Analisi Socio Economica Profili Professionali...11 Allegati: A: Grafico Popolazione PIT Area 3 Pollino B: Tabella Dati Istat 2001 Popolazione PIT Area 3 Pollino C: Grafico Popolazione PIT Area 4 Alto Ionio Cosentino D: Tabella Dati Istat 2001 Popolazione PIT Area 4 Alto Ionio Cosentino E: Grafico Suddivisione in Fasce d età della Popolazione dell Area 3 PIT Pollino e dell Area 4 Alto Ionio Cosentino F: Grafico Edifici Scuole Medie Inferiori e Superiori presenti nell Area 3 PIT del Pollino G: Grafico Edifici Scuole Medie Inferiori e Superiori presenti nell Area 4 PIT Alto Ionio Cosentino H: Tabella Comunità Albanesi presenti nell Area 3 PIT Pollino e nell Area 4 Alto Ionio Cosentino I: Grafico Comunità Albanesi presenti nell Area 3 PIT Pollino e nell Area 4 Alto Ionio Cosentino Pag. 2 di 13

3 1. Premessa Il Progetto per la rivelazione del Fabbisogno Formativo in funzione dell Obbligo Formativo, è partito dalla suddivisione del territorio in cinque distretti, aggregando aree PIT limitrofe sulla base di alcuni tratti di omogeneità territoriale e socio economica. Il distretto preso in considerazione, è identificato dalle Aree PIT 3 (Pollino) e PIT 4 (Alto Ionio Cosentino). La scelta politica di prendere in considerazione le Aree PIT è data da due ordini di motivi: o Sfruttare le indagini e la rete sociale costituitasi grazie ai Progetti Integrati Territoriali; o Tener conto dei punti deboli e delle linee di sviluppo individuate attraverso i PIT con l accordo degli attori territoriali. Obiettivo del progetto è quello di giungere alla definizione di figure professionali adeguate allo sviluppo economico e sociale dei distretti presi in considerazione. Pag. 3 di 13

4 2. Posizione Geografica - Dati Demografici Il distretto preso in esame si estende nell estremo Nord della Provincia di Cosenza al confine con la Basilicata, copre una superficie di circa 2.047,7 Km 2 e comprende 37 Comuni: Laino Borgo Laino Castello Mormanno Morano Calabro San Basile Saracena- Lungo Acquaformosa Firmo Castrovillari Frascineto Civita - San Lorenzo Bellizzi Nocara Canna Rocca Imperiale Oriolo Montegiordano Roseto Capo Spulico Castroregio Alessandria del Carretto Amendolara Albidona Palataci Trebisacce Cerchiara di Calabria Villapiana Francavilla Marittima Cassano allo Ionio Spezzano Albanese - San Lorenzo del Vallo Terranova da Sibari Corigliano Calabro San Giorgio Albanese San Cosmo Albanese Vaccarizzo Albanese Rossano.(allegato A-B-C-D). La popolazione dell area è così suddivisa: 8 comuni popolazione inferiore ai abitanti, 7 comuni pop. inferiore ai abitanti, 17 pop. comuni inferiore ai abitanti, 1 pop. comune inferiore ai abitanti (Trebisacce), 4 comuni hanno popolazione superiore ai abitanti(castrovillari, Cassano allo Ionio, Rossano, Corigliano). La densità abitativa dell area considerata è in media di 85,8 abitanti/kmq. Questo distretto ha una eterogenea configurazione territoriale, se, infatti, si considera che: comuni dell Area in questione sono bagnati dal mar Ionio: Rocca Imperiale - Montegiordano Roseto Capo Spulico - Amendolara Albidona - Trebisacce Villapiana Corigliano Calabro - San Giorgio Albanese - Rossano 2. Il territorio di 17 Comuni è inserito nel Parco Nazionale del Pollino che estendendosi per ettari, dei quali ricadenti in Basilicata e Pag. 4 di 13

5 in Calabria, risulta essere il Parco Nazionale più grande d Italia e il secondo Parco più grande d Europa. Laino Borgo Laino Castello Mormanno Morano Calabro San Basile Saracena- Lungro Acquaformosa Firmo Castrovillari Frascineto Civita - San Lorenzo Bellizzi Plataci - - Alessandria del Carretto - Cerchiara di Calabria - Francavilla Marittima. Pertanto, il territorio dell intera Area è riconducibile, per alcuni versi alle categorie della montagna interna e della collina interna, per altri versi, invece, una gran parte della superficie, si può definire pianeggiante (dato, quest ultimo, ancor più interessante se si pensa che la pianura in Calabria connota solo il 9% del territorio complessivo). Questa variegata configurazione del territorio ha determinato una diversa distribuzione della popolazione, così come un discontinuo grado di urbanizzazione. Infatti, la popolazione residente nell intero territorio è di abitanti (dati Istat 2001), composta per il 50,9% ( ) da uomini e il rimanente 49,1% ( unità) da donne, di questi sono giovani e circa anziani, la rimanente parte è rappresentata da popolazione adulta, circa. (allegato E) La distribuzione è da collocarsi per lo più nei comuni costieri: Rossano, Corigliano (entrambi contano circa abitanti), Trebisacce (9.000), o nei comuni più popolosi, che da sempre costituiscono centri attrattori per i comuni limitrofi della zona: Cassano alla Ionio ( abitanti) e Castrovillari ( abitanti) (qui, infatti si concentra il 43% della popolazione complessiva di questa area PIT). L età della popolazione dei comuni che ricadono nell area è abbastanza elevata; nella sola città di Castrovillari, infatti, gli anziani (oltre i 65 anni di età) rappresentano il 20% della popolazione (circa unità) e, in genere hanno un livello di alfabetizzazione medio basso, dato dalla scuola media, in contrasto con una nuova tendenza riscontrabile Pag. 5 di 13

6 soprattutto nell Area del Pollino che registra una media di laureati pari al10% della popolazione totale (i laureati risultano 2.200). Riguardo ai dati della dispersione scolastica all interno dell area, il Centro per l Impiego di Castrovillari, in base ai dati in suo possesso, ammonta a 60 il numero dei giovani che, terminata la scuola dell obbligo, non ha continuato il percorso di studi nella scuola superiore. Per quanto riguarda, invece gli istituti di secondo grado in cui più alto risulta il tasso di abbandono scolastico sono gli istituti secondari ad indirizzo tecnico- professionale. Anche la distribuzione delle strutture scolastiche risente della tipologia d insediamento dell intera Area; queste, infatti, sono in maggioranza concentrate nei comuni più popolati; nelle città di Castrovillari, Rossano, Corigliano, Cassano sono presenti, infatti, istituti scolastici di ogni ordine e grado, mentre nei restanti comuni vi è la presenza di istituti scolastici di primo grado (unica eccezione Lungro che pur essendo comune con solo 3000 abitanti vede la presenza oltre che delle scuole di primo grado anche di un liceo).(allegato F-G) Pag. 6 di 13

7 3. Analisi Socio Economica L Area è dotata di una pregevole valenza storico monumentale: sono presenti ben 17 siti archeologici che coprono un arco temporale che va dal paleolitico superiore, al medioevo, con una prevalente concentrazione, nella zona di Castrovillari, di ville romane (la più alta della Calabria); ma la concentrazione più significativa è collocata nella zona di Sibari, in cui sono venuti alla luce gli scavi delle antiche città di Sibari, Thurii e di Copia, e i cui reperti sono fruibili nel Museo Archeologico della Sibaritide. A ciò si aggiunga anche la presenza di numerose chiese, abbazie, santuari e cappelle; Da sottolineare, inoltre che 11 comuni ( abitanti-dati ISTAT 2001) sono di origine Albanese: Plataci Spezzano Albanese San Cosmo Albanese Vaccarizzo Albanese S. Giorgio Albanese Firmo Lungro San Basile Civita Acquaformosa Frascineto.(allegato H-I) Le comunità Arbëreshë sono di interessante valenza storico culturale, in quanto conservano da circa cinque secoli la lingua, il rito religioso, gi usi e i costumi della terra d origine. Di rara bellezza sono poi i nuclei storici di molti centri urbani, sia grandi che piccoli, del territorio, che costituiscono un patrimonio storico-artistico ancora in gran parte sconosciuto e sotto-rappresentato. La parte del territorio inserita nel Parco Nazionale del Pollino, istituito con Legge 11 Marzo 1988, n.67, presenta caratteristiche con un alto grado di naturalità, e di diversità, quest ultima intesa sia come varietà di ricchezze di specie animali e vegetali, che come varietà di paesaggi. Il Parco, infatti, contiene innumerevoli bellezze, dal maestoso pino loricato, alla presenza del lupo appenninico, a tracce di antichi ghiacciai, alla presenza delle gole del Raganello, che si estende per oltre 8 Km, ed è il più lungo d Italia oltre che il più spettacolare. Pag. 7 di 13

8 Tutto questo favorisce la nascita di tutta una serie di forme d ipotetico turismo (es. parapendio, rafting, trekking, free-climbing, itinerari religiosi). Nel complesso l Area è dotata, a prima vista, di un sistema di infrastrutture discrete. Il sistema viario è caratterizzato dalla presenza di una rete primaria, l autostrada SA-RC che attraversa l area del Pollino, da nord a sud, e dal cruciale svincolo di Firmo, che funge da raccordo con la SS 106, che attraversa da nord a sud l area dell Alto Ionio costituendo un ponte ideale con le vicine Basilicata e Puglia. L unica direttrice ferroviaria è quella che attraversa l Alto Ionio e che corre parallelamente lungo la costa. La fascia costiera, è inoltre, dotata di due importanti infrastrutture portuali: il porto di Corigliano, destinato al cabotaggio e alla nautica commerciale e che ospita attualmente la più numerosa flottiglia di pescherecci della Calabria, e il porto dei Laghi di Sibari, attrezzato per la nautica di diporto. Sempre nella fascia costiera vi è la presenza di importanti località termali: Cassano allo Ionio, Cerchiara di Calabria, Spezzano Albanese. L area è caratterizzata da una difficoltà occupazionale che risulta più accentuata tra i giovani in cerca di prima occupazione (stimata al 62%), che tra i lavoratori precedentemente occupati e alla ricerca di nuova occupazione; Alquanto critico appare il tasso di disoccupazione femminile: infatti, le donne senza lavoro sono oltre la metà di quelle attive (dati PIT Pollino e Alto Ionio anno 2002), livelli estremi di inoccupazione si registrano ad Alessandria del Carretto, Cassano allo Ionio, San Lorenzo del Vallo, Plataci e Rossano. Inoltre, circa il 30% delle unità di lavoro complessive è costituito da lavoratori irregolari. L elevata incidenza degli irregolari nel mercato del lavoro locale è spiegabile con il fatto che il sistema economico dell area vede un maggior peso di quei settori di attività quali agricoltura, costruzioni, commercio e turismo che più frequentemente sono caratterizzati per un maggiore ricorso a forme di lavoro sommerso. Pag. 8 di 13

9 All interno dell area il settore primario rappresenta ancora uno dei comparti trainanti dell economia locale, infatti, risulta occupato circa il 26% della popolazione residente attiva e si registra una densità media di 13.5 aziende ogni 100 abitanti. Prendendo in considerazione il settore extragricolo si registra una prevalenza del settore del commercio, che nell area rappresenta oltre il 47% del totale delle unità locali. L altro settore che, in ordine d importanza, assume un ruolo prevalente è quello dei servizi alle imprese (15.7%) seguito dall industria manifatturiera (11.1%) e dal settore costruzioni (9.5%) (Dati PIT Pollino e Alto Ionio anno 2002). Le aziende presenti sul territorio sono poche e dal punto di vista spaziale sono concentrate in poche zone: a Cammarata (nei pressi di Castrovillari), punti d eccellenza sono le azienda agricola OSAS e Torre di Mezzo. Mentre consistente, soprattutto lungo la costa, risulta la presenza delle aziende dedite alla coltivazione di frutteti (pescheti, agrumeti) e ortaggi. Nell area di Sibari negli ultimi trent anni si è consolidata una rete di piccole e medie imprese agroindustriali (oleifici, industrie di conservazione della frutta, di trasformazione agrumaria, di surgelati) innovative e fortemente orientate al mercato. Accanto a queste imprese si è venuto via via costituendo un nucleo di strutture cooperative di servizi alla produzione e alla promozione commerciale. Nell insieme la piana di Sibari presenta una significativa tendenza alla distrettualizzazione di tipo agroalimentare. Rilevante è inoltre la numerosità d imprenditori(10) e addetti operativi(circa 100) (Dati PIT Alto ionio 2002) nel settore della pesca che si concentrano prevalentemente nei Comuni di Corigliano, Cassano, Rossano e Trebisacce. Nonostante ciò, il territorio in analisi, presenta un debole sistema economico produttivo perché é caratterizzato da micro attività produttive e forme giuridiche elementari oltre ad un basso livello medio di imprenditorialità. Pag. 9 di 13

10 Infatti, nell area considerata operano per circa l 80% ditte individuali, le quali rappresentano la tipologia organizzativa dominante, seguita a grande distanza dalle società cooperative, dalle società di persone e dalle scarsissime società di capitali. Tanti, inoltre sono i punti di debolezza dell area presa in considerazione; innanzitutto Ia risorsa Parco nella coscienza collettiva non è ancora considerata volano capace di generare sviluppo e ricchezza; Le risorse archeologiche, culturali, architettoniche artistiche e ambientali sono scarsamente valorizzate; La valenza quali quantitativa dell offerta di ricettività turistica è spesso insufficiente, così come non adeguata è la professionalità degli operatori locali del settore e la qualità dei servizi; I Flussi turistici sono deboli e concentrati nei principali luoghi di attrazione ed esclusivamente si concentrano nei mesi estivi; Non esiste buona integrazione funzionale tra costa e area interne; A ciò si aggiunga lo spopolamento dei territori, soprattutto di quelli interni, causati da alti livelli di disoccupazione giovanile, situazione drammaticamente accentuata tra i giovani in cerca di prima occupazione, che non permette il facile inserimento nel ciclo produttivo alimentando in questo modo o forme di criminalità o forme di emigrazione verso zone più favorevoli all inserimento lavorativo, a ciò si aggiunga come lo spopolamento contribuisca con effetti negativi tanto sullo stato di conservazione del patrimonio edilizio e dell ambiente naturale quanto sulla protezione dei territori dai rischi idrogeologici. Alla luce di quanto sopra, ad evitare l acuirsi del ritardo economico che comunque caratterizza l area, e considerate le vocazioni evidenziate, una probabile opportunità formativa potrebbe riguardare i seguenti settori: Agroalimentare, Turismo, Ambiente e Servizi alla Persona. Pag. 10 di 13

11 4. Profili Professionali Area Agroalimentare: Denominazione Profilo Addetto al Magazzino Prodotti Ortofrutticoli Agricoltore Biologico Esperto di marketing di prodotti Agro-Alimentari Esperto nella Costituzione e Gestione di Impresa nel settore Agro-Alimentare Itticoltore Agro- Operatore alimentare Agricolo- Operatore ambientale Operatore Controllo Qualità nel settore Agro- Alimentare Potatore Profilo O.F. Descrizione profilo L Addetto al Magazzino Prodotti Ortofrutticoli è in grado di gestire le fasi di stoccaggio e confezionamento di prodotti ortofrutticoli. L Agricoltore Biologico è in grado di intervenire sulle tecniche di coltivazione più opportune, sulle modalità di concimazione e fertilizzazione con sostanza organiche a seconda del prodotto coltivato e del terreno agricolo. L Esperto di marketing di prodotti Agroalimentari è in grado di: 1. definire le strategie di sviluppo dei prodotti/mercati, le politiche commerciali, le azioni promozionali, 2. gestire l organizzazione e il coordinamento della forza di vendita. L Esperto nella Costituzione e Gestione di Impresa nel settore Agro-Alimentare è in grado di sviluppare un Businesse Plan e di gestire risorse umane e strumentali. Conosce le normative di carattere fiscale e legate alla igienicità e salubrità dei prodotti agro-alimentari (H.A.C.C.P.). L Itticoltore è in grado di allevare e riprodurre pesci, attendere alla lavorazione, trasformazione e conservazione del prodotto nonché alla sua preparazione e confezione per l immissione sul mercato. Trova impiego in aziende e cooperative ittiche e in attività autonoma L Operatore agricolo-ambientale è in grado di coltivare piante da semina e da frutto in campo e in ambiente protetto e di allevare animali. Può operare all interno di un azienda agricola e/o di un allevamento. L Operatore agro-alimentare è in grado di gestire le diverse fasi del processo produttivo agro-alimentare, utilizzando macchine e strumenti propri degli specifici ambiti e cicli di lavorazione. Può operare all interno di un azienda alimentare industriale o artigianale. L Operatore Controllo Qualità è in grado di effettuare i controlli di qualità sui prodotti in sede di accettazione, in process e a valle del processo produttivo. Il Potatore è in grado di programmare e controllare lo sviluppo vegetativo e il livello di produttività di un frutteto. Pag. 11 di 13

12 Area Turistica Denominazione Profilo Esperto di turismo integrato Guida di percorsi storico-culturali e religiosi Guida Naturalistica Operatore agrituristico Operatore alla Promozione e all Accoglienza Turistica Operatore alle Cure Estetiche Esperto di Cultura Arberesh Tecnico esperto nel rimessaggio barche Profilo O.F. Descrizione profilo L Esperto di turismo integrato è in grado di creare pacchetti turistici comprendenti diversi comparti come ad esempio, natura, cultura e gastronomia. La Guida di percorsi storico, culturali e religiosi è in grado di organizzare itinerari e percorsi turistici trasversali, capaci di coniugare la rilevanza storico-culturale dei luoghi con la loro valenza religiosa La Guida Naturalistica è in grado di organizzare gite e escursioni offrendo informazioni sulla flora e sulla fauna del territorio. L Operatore Agrituristico è in grado, attraverso l utilizzazione della propria azienda, di organizzare attività ricreative o culturali nell ambito della stessa. L Operatore alla Promozione e all Accoglienza Turistica è in grado di promuovere l offerta turistica di un area, di fornire informazioni e consigli per orientare la scelta dei turisti. L Operatore alle Cure Estetiche è in grado di allestire spazi e preparare prodotti per i trattamenti estetici, termali e di acconciatura unisex L Esperto di Cultura Arberesh è in grado di offrire informazioni sugli usi sui costumi, sulle tradizioni della cultura albanofona avendo anche buona dimestichezza con la lingua. Il Tecnico esperto nel rimessaggio barche è in grado di mantenere in perfetto stato di manutenzione tutte le tipologie di imbarcazioni. Area Ambiente Denominazione Profilo Esperto in gestione di impianti per il trattamento delle acque Esperto in Sistemi di Gestione Ambientale Operatore del verde Operatore di parco naturale Operatore Faunista Profilo O.F. Descrizione profilo L Esperto in gestione di impianti per il trattamento delle acque è in grado di mantenere in perfetto stato di efficienza gli impianti per il trattamento delle acque. L Esperto in Sistemi di gestione Ambientale è in grado di progettazione e implementare Sistemi di Gestione Ambientale in conformità con la normativa internazionale ISO ed europea EMAS. L Operatore del verde è in grado di predisporre e gestire aree verdi curando crescita, sviluppo e salute di piante e fiori. Può trovare occupazione in aziende pubbliche e private di manutenzione del verde, del patrimonio boschivo e florovivaistiche. L Operatore di parco naturale è in grado di predisporre misure idonee per la migliore valorizzazione turistica delle risorse naturali fornite dall ambiente L Operatore Faunista è in grado di eseguire il censimento della fauna, predisporre l ambiente di allevamento, Pag. 12 di 13

13 Tecnico progettista di spazi verdi Area Servizi alla Persona Denominazione Profilo Operatore all Assistenza Domiciliare addetto Assistente nei servizi tutelari Operatore di Comunità per Anziani Profilo O.F. definire l alimentazione e somministrare i farmaci prescritti dal veterinario. Il Tecnico progettista di spazi verdi è in grado di progettare aree pubbliche e private da adibire a giardini e parchi curandone anche l esecuzione Descrizione profilo L Operatore addetto all Assistenza Domiciliare è in grado di offrire assistenza ad anziani e disabili sia presso case di riposo che a domicilio L Assistente nei servizi tutelari è in grado di fornire il superamento delle difficoltà connesse all autonomo svolgimento dei fondamentali atti della vita quotidiana favorendo l integrazione nell ambiente sociale. L Operatore di Comunità per Anziani è in grado di promuovere e di contribuire allo sviluppo delle potenzialità di inserimento e partecipazione sociale Pag. 13 di 13

Progetto Analisi del Fabbisogno Formativo In funzione dell Obbligo Formativo

Progetto Analisi del Fabbisogno Formativo In funzione dell Obbligo Formativo PROVINCIA DI COSENZA SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE Progetto Analisi del Fabbisogno Formativo In funzione dell Obbligo Formativo Gruppo di Lavoro Servizio Formazione Professionale Mercoledì 23 marzo

Dettagli

SEAT Leon TDI 15.550 199 /mese TAN 2,99% TAEG 4.96% per 60 mesi con 4 anni di Garanzia

SEAT Leon TDI 15.550 199 /mese TAN 2,99% TAEG 4.96% per 60 mesi con 4 anni di Garanzia Pagina 1 di 6 Home Chi Siamo Contatti Disclaimer & Copyright Pubblicità SEAT Leon TDI 15.550 199 /mese TAN 2,99% TAEG 4.96% per 60 mesi con 4 anni di Garanzia Notizie Acri Aiello Calabro Albidona Alessandria

Dettagli

ORARI SANTE MESSE. Festivo Invernale 8,30; 11,00; 18,00 (19,00 nel mese di maggio) Estivo 8,30; 20,00

ORARI SANTE MESSE. Festivo Invernale 8,30; 11,00; 18,00 (19,00 nel mese di maggio) Estivo 8,30; 20,00 ORARI SANTE MESSE Parrocchia S. Michele Arcangelo Albidona Festivo Invernale 8,30; 10,30 Estivo 8,30; 10,30 Parrocchia Sant Alessandro Martire Alessandria del Carretto Feriale Invernale 8,30 Estivo 8,30

Dettagli

Sezione Prima. Caratteristiche Generali della Popolazione, del Territorio, dell Economia insediata e dei Servizi dell Ente

Sezione Prima. Caratteristiche Generali della Popolazione, del Territorio, dell Economia insediata e dei Servizi dell Ente Sezione Prima Caratteristiche Generali della Popolazione, del Territorio, dell Economia insediata e dei Servizi dell Ente 40 Dati Geografici della Regione Calabria Regione dell'italia peninsulare, la più

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

DISPONIBILITA' A028 DISPONIBILITA' A043 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO CATTEDRE DOCENTE CASSANO LAUROPOLI ( 30 GIUGNO) 1 SPEZZONI ORARIO

DISPONIBILITA' A028 DISPONIBILITA' A043 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO CATTEDRE DOCENTE CASSANO LAUROPOLI ( 30 GIUGNO) 1 SPEZZONI ORARIO DISPONIBILITA' A028 AIELLO + CLETO 6 + 6 AMENDOLARA + ORIOLO 10 + 6 BIANCHI + COLOSIMI 6 + 6 CAMPANA +SCALA COELI 6 + 2 CROPALATI +CALOVETO 6 + 6 CROSIA MIRTO 12 FIRMO +LUNGRO 8 + 6 FRASCINETO + SAN BASILE

Dettagli

COMUNE DI CORIGLIANO CALABRO SAN COSMO ALBANESE SAN DEMTRIO CORONE SAN GIORGIO ALBANESE VACCARIZZO ALBANESE

COMUNE DI CORIGLIANO CALABRO SAN COSMO ALBANESE SAN DEMTRIO CORONE SAN GIORGIO ALBANESE VACCARIZZO ALBANESE COMUNE DI CORIGLIANO CALABRO SAN COSMO ALBANESE SAN DEMTRIO CORONE SAN GIORGIO ALBANESE VACCARIZZO ALBANESE PIANO TERRITORIALE A FAVORE DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Iniziative a tutela della famiglia

Dettagli

LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO.

LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO. LA TUA OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO. LAINO CASTELLO Praia a Mare Parco Nazionale del Pollino UBICAZIONE UN LUOGO UNICO L antico borgo di

Dettagli

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER UNIONE EUROPEA Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Regione Puglia Attuazione dell impostazione LEADER Cos è il GAL? Il Gruppo di Azione Locale (GAL) è un gruppo formato da soggetti

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Settembre 2012) 1/372 4.5.2. Patrimonio Culturale 4.5.2.1. Obiettivo Specifico

Dettagli

Territorio POSIZIONI E CONFINI. Italia: meridionale Sud: Mar Ionio Nord:Basilicata Est: Mar Ionio Ovest: Mar Tirreno

Territorio POSIZIONI E CONFINI. Italia: meridionale Sud: Mar Ionio Nord:Basilicata Est: Mar Ionio Ovest: Mar Tirreno POSIZIONI E CONFINI Italia: meridionale Sud: Mar Ionio Nord:Basilicata Est: Mar Ionio Ovest: Mar Tirreno PAESAGGIO Montuoso (41%) Collinare(50%) Pianeggiante(9%) Territorio montuoso pianeggiante collinare

Dettagli

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I Progetti interregionali dell Assessorato al Turismo Nell ottica di valorizzazione e di una maggiore fruibilità di siti e beni a carattere storicoartistico,

Dettagli

1 Censimento dei Disabili della Provincia di Cosenza SOMMARIO 1. PREFAZIONE... 3 2. LA CLASSIFICAZIONE DI DISABILITA ED HANDICAP DELL OMS...

1 Censimento dei Disabili della Provincia di Cosenza SOMMARIO 1. PREFAZIONE... 3 2. LA CLASSIFICAZIONE DI DISABILITA ED HANDICAP DELL OMS... SOMMARIO 1. PREFAZIONE... 3 2. LA CLASSIFICAZIONE DI DISABILITA ED HANDICAP DELL OMS... 4 3. IL TERRITORIO... 14 4. I DISABILI... 33 I SORDOMUTI... 35 I CIECHI... 38 LA DISABILITÀ FISICA E MENTALE... 47

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli

GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013 PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER

GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013 PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER Programma di Sviluppo Locale BASSO TIRRENO COSENTINO SCHEDA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA PRESENTAZIONE DI PROGETTI

Dettagli

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA GRUPPO D AZIONE LOCALE SARRABUS GERREI TREXENTA CAMPIDANO DI CAGLIARI Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 Presentazione

Dettagli

Dal tracciato alla fruizione turistica.

Dal tracciato alla fruizione turistica. Progetto Turismo Equestre Ippovie del Veneto Dal tracciato alla fruizione turistica. Franco Norido Settore Divulgazione Tecnica, Formazione Professionale ed Educazione Naturalistica. Cos è una Ippovia

Dettagli

Le attività umane. Mondadori Education

Le attività umane. Mondadori Education Le attività umane L economia di uno Stato comprende le risorse naturali e le attività lavorative praticate dai suoi cittadini. L economia è divisa in tre settori: primario, secondario, terziario. Il settore

Dettagli

GLI SCENARI. 3. L analisi SWOT

GLI SCENARI. 3. L analisi SWOT 3. L analisi SWOT L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. E una tecnica sviluppata da più di 50 anni come supporto

Dettagli

SOTTOSISTEMI TERRITORIALI

SOTTOSISTEMI TERRITORIALI RELAZIONE DI PIANO Volume VI SOTTOSISTEMI TERRITORIALI Ufficio Pianificazione Rotonda Aprile 2011 INDICE 1.PREMESSA... 3 PARTE PRIMA: IL SISTEMA DI FRUIZIONE E LA RETE DEI SENTIERI... 5 I CENTRI VISITA

Dettagli

Il territorio, l economia, le imprese

Il territorio, l economia, le imprese Il territorio, l economia, le imprese Il territorio e la popolazione La Puglia è suddivisa dal punto di vista amministrativo in cinque province e 258 comuni, distribuiti su un territorio di oltre 300.000

Dettagli

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Commissione Europea Regione Puglia COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

Dettagli

Il mercato fondiario in Italia

Il mercato fondiario in Italia FEDERAZIONE NAZIONALE DELLA PROPRIETA FONDIARIA ASSEMBLEA GENERALE - CICA - Confederazione Internazionale di Credito Agricolo RELAZIONE Il mercato fondiario in Italia Québec, 29-30 settembre 2006 PRESENTAZIONE

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

Introduzione. TECHTOUR Tecnologia e turismo: la realtà aumentata per la promozione degli itinerari romano e bizantino.

Introduzione. TECHTOUR Tecnologia e turismo: la realtà aumentata per la promozione degli itinerari romano e bizantino. TECHTOUR Tecnologia e turismo: la realtà aumentata per la promozione degli itinerari romano e bizantino Introduzione Mara Manente Sala Europa, Unioncamere del Veneto Venezia 1 Marzo 2013 Il quadro di riferimento

Dettagli

Comuni: 115 Superficie: 1770,57 Kmq Popolazione residente (1.1.2006): 348.367. Fonte: Comuni (dati aggiornati all 1.1.2006)

Comuni: 115 Superficie: 1770,57 Kmq Popolazione residente (1.1.2006): 348.367. Fonte: Comuni (dati aggiornati all 1.1.2006) Territorio La provincia di Cremona si estende a sud della Lombardia al confine con l Emilia Romagna. E completamente pianeggiante, appena digradante verso il Po, con un altitudine che oscilla mediamente

Dettagli

Progetto Identithings Relazione socio-demografica Rosita Forastiere

Progetto Identithings Relazione socio-demografica Rosita Forastiere Territorio e popolazione La Basilicata può essere considerata una regione prevalentemente rurale, con una superficie di circa 10.000 kmq, quasi totalmente collinare o montana, occupata in buona parte da

Dettagli

Sviluppo dell agricoltura multifunzionale nell area del Parco Agricolo Sud Milano. I casi dei circuiti ciclo turistici LET e dei servizi

Sviluppo dell agricoltura multifunzionale nell area del Parco Agricolo Sud Milano. I casi dei circuiti ciclo turistici LET e dei servizi Sviluppo dell agricoltura multifunzionale nell area del Parco Agricolo Sud Milano. I casi dei circuiti ciclo turistici LET e dei servizi di catering PARC Maria Pia Sparla Responsabile Servizio Valorizzazione

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA BIOLOGICA NICOLA ROMANO

AZIENDA AGRICOLA BIOLOGICA NICOLA ROMANO AZIENDA AGRICOLA BIOLOGICA NICOLA ROMANO quando tradizione, passione e innovazione diventano sapere d impresa 1 L azienda agricola L azienda agricola biologica Nicola Romano si trova nel Parco Nazionale

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

Valorizzazione e recupero del patrimonio locale nelle Politiche di Sviluppo

Valorizzazione e recupero del patrimonio locale nelle Politiche di Sviluppo GIORNATE BANDIERA ARANCIONE 2011 Progetto di Sviluppo Sostenibile: economia, Valorizzazione e recupero del patrimonio locale nelle Politiche di Sviluppo identità, integrazione. Il QTR/P individua i Territori

Dettagli

Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica

Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica Potenza, 10 febbraio 2015 Agli organi di informazione Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica L andamento turistico dell anno appena trascorso, benchè fortemente segnato dalla gravità

Dettagli

Programmi Integrati di Agevolazione PIA TURISMO (Art. 50 Reg. Regionale 17/2014)

Programmi Integrati di Agevolazione PIA TURISMO (Art. 50 Reg. Regionale 17/2014) Programmi Integrati di Agevolazione PIA TURISMO (Art. 50 Reg. Regionale 17/2014) Avviso a sportello a partire dal 03 giugno 2015 La gestione del presente strumento è di competenza della Regione Puglia

Dettagli

Turismo di Comunità in Val di Rabbi

Turismo di Comunità in Val di Rabbi Turismo di Comunità in Val di Rabbi Sintesi del progetto Il Turismo di Comunità : definizione Il turismo responsabile di comunità è una nuova forma di accoglienza turistica, recentemente sviluppatasi in

Dettagli

Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale. 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias

Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale. 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias Abteilung 32 - Forstwirtschaft Ripartizione 32 Foreste Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale Il ruolo e funzioni del maso

Dettagli

Progetto Eco-Turistico

Progetto Eco-Turistico Progetto Eco-Turistico Morro de San Paolo - Bahía Nord Est del Brasile Spiaggia di Garapuà Indice 1) MORRO DI SAN PAOLO Introduzione 2) TAMACA - LOCALIZZAZIONE - LE FASI DEL PROGETTO DI SVILUPPO URBANISTICO

Dettagli

CURRICOLO DI GEOGRAFIA della scuola primaria

CURRICOLO DI GEOGRAFIA della scuola primaria CURRICOLO DI GEOGRAFIA della scuola primaria CURRICOLO DI GEOGRAFIA al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI GEOGRAFIA al termine della classe seconda della scuola primaria...3

Dettagli

Le castagne della Valle del Lujo

Le castagne della Valle del Lujo Le castagne della Valle del Lujo Istituto Tecnico Agrario Statale di Bergamo Classe 5 C a.s. 2007/2008 Banca Tutor Banca Popolare di Bergamo Credito Varesino Le castagne della Valle del Lujo EXECUTIVE

Dettagli

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori 1 L INDAGINE Nel giugno 2003, il Servizio per le politiche dei Fondi strutturali comunitari del Dipartimento per le politiche di sviluppo del Ministero dell Economia e delle Finanze ha affidato, a seguito

Dettagli

TURISMO, ENOGASTRONOMIA E ARTIGIANATO: UNA RETE PER LO SVILUPPO

TURISMO, ENOGASTRONOMIA E ARTIGIANATO: UNA RETE PER LO SVILUPPO TURISMO, ENOGASTRONOMIA E ARTIGIANATO: UNA RETE PER LO SVILUPPO Lo sviluppo turistico dell area sud della Basilicata attraverso la valorizzazione delle risorse e delle produzioni locali e la creazione

Dettagli

Programma escursione ai DDieri di Bauly e Complesso monumentale di Santa Lucia di Mendola

Programma escursione ai DDieri di Bauly e Complesso monumentale di Santa Lucia di Mendola PROGRAMMA DDIERI DI BAULY E SANTA LUCIA DI MENDOLA 1 GUIDA NATURALISTICA GAE PAOLINO UCCELLO Paolino Uccello, guida naturalistica autorizzata, è dirigente regionale dell'ente Fauna Siciliana, volto noto

Dettagli

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE E/O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA.

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE E/O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA. Schema della relazione paesaggistica ai sensi dell'art. 3 del D.C.P.M. 12 dicembre 2005 approvato dall'osservatorio Regionale per la qualità del Paesaggio nella seduta del 13.07.2006 SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE

Dettagli

PIANO PER LE AZIONI DI COMUNICAZIONE G.A.L. TERRE DELL ETNA E DELL ALCANTARA

PIANO PER LE AZIONI DI COMUNICAZIONE G.A.L. TERRE DELL ETNA E DELL ALCANTARA LEADER + SICILIA 2000-2006 PIANO PER LE AZIONI DI COMUNICAZIONE G.A.L. TERRE DELL ETNA E DELL ALCANTARA 1 1. Dati di base del GAL Terre dell Etna e dell Alcantara TERRITORIO Il territorio in cui ricade

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE SICILIA 2007-20132013 Antonino Drago Dirigente Area Studi e Programmazione DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE

Dettagli

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Una laurea: Bah!!! Ti laurei Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Fonte: Rapporto Almalaurea sull occupazione Una laurea: Bah!!! 1/2 Ma,

Dettagli

RIMINI - ALTA VALMARECCHIA FOR A GREENER FUTURE OF RURAL AREA

RIMINI - ALTA VALMARECCHIA FOR A GREENER FUTURE OF RURAL AREA RIMINI - ALTA VALMARECCHIA FOR A GREENER FUTURE OF RURAL AREA TERRE.IL PROGETTO Possibilità di sviluppo con le Fonti Energetiche Rinnovabili La Provincia di Rimini è Lead Partner del Progetto TERRE, finalizzato

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE In base all art. 19 del TUEL approvato con D. Lgs. 267 del 18 agosto 2000 spettano alla provincia le funzioni amministrative di interesse provinciale

Dettagli

AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze

AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze Attività produttive Artigianato e Agricoltura Questo progetto si pone quattro diversi obiettivi: OBIETTIVO 1: Implementare un modello di economia

Dettagli

GITE GIORNALIERE 2010

GITE GIORNALIERE 2010 ASSESSORATO TERZA ETA CONSULTA TERZA ETA GITE GIORNALIERE 2010 L Assessorato alla Terza Età in collaborazione con Turismovest nei mesi di luglio, agosto e settembre organizza le gite giornaliere rivolte

Dettagli

L esperienza dell 'Area di Crisi di Tossilo. Il PSL dell Areadi Crisi di Porto Torres

L esperienza dell 'Area di Crisi di Tossilo. Il PSL dell Areadi Crisi di Porto Torres Contenuti del seminario 3 Modello I PFSL: un nuovo modello di intervento per contrastare la crisi a favore dello sviluppo locale Esperienze L esperienza dell 'Area di Crisi di Tossilo Focus Area di Crisi

Dettagli

I servizi per la fruizione delle risorse ambientali

I servizi per la fruizione delle risorse ambientali I servizi per la fruizione delle risorse ambientali Raffaello Cervigni Servizi ai cittadini e modernizzazione Amministrativa: fatti e numeri sul Sud che cambia FORUM P.A. 12 Maggio 2004 Sommario La politica

Dettagli

Nome del Progetto: TERRA DEI CASTELLI. Comune Capofila: COMUNE DI AGUGLIANO

Nome del Progetto: TERRA DEI CASTELLI. Comune Capofila: COMUNE DI AGUGLIANO ALLEGATO B ESTRATTO DEL PROGETTO ESECUTIVO Nome del Progetto: TERRA DEI CASTELLI Comune Capofila: COMUNE DI AGUGLIANO 1. DATI PROGETTO Nome del Progetto: TERRA DEI CASTELLI Comune capofila: (AGUGLIANO

Dettagli

ELENCO NAZIONALE DELLE ULTERIORI ARTICOLAZIONI DELLE AREE DI INDIRIZZO DEI PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI IN OPZIONI

ELENCO NAZIONALE DELLE ULTERIORI ARTICOLAZIONI DELLE AREE DI INDIRIZZO DEI PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI IN OPZIONI A LLEGATO B ELENCO NAZIONALE DELLE ULTERIORI ARTICOLAZIONI DELLE AREE DI INDIRIZZO DEI PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI IN OPZIONI ALLEGATO B1 Indirizzo: Manutenzione e assistenza tecnica - Opzione:

Dettagli

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 EDIZIONE 2014 LIBERAMENTE ISPIRATO A DIRITTI E ROVESCI

Dettagli

Comune di Tortona Settore Territorio e Ambiente

Comune di Tortona Settore Territorio e Ambiente Sistema Ambiente - Indagine conoscitiva Il questionario inerente al quarto forum sul sistema infrastrutturale produttivo è organizzato in dodici domande, di cui n. 7 a risposta singola e n. 5 a risposta

Dettagli

Manifesto di Agrigento PRINCIPI PER LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA TURISTICO PER TUTTI

Manifesto di Agrigento PRINCIPI PER LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA TURISTICO PER TUTTI Manifesto di Agrigento PRINCIPI PER LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA TURISTICO PER TUTTI 1 Il presente documento è il frutto delle giornate di lavoro del convegno " Per Tutti Una Valle Incantata...- Prospettive

Dettagli

Imago Report mercato turistico

Imago Report mercato turistico Imago Report mercato turistico REPORT SULLE NUOVE TENDENZE DEL TURISTA ITALIANO ED ESTERO FOCUS SUL TURISTA ENOGASTRONOMICO 22 LUGLIO 2015 Indice: I principali trend del turismo in Italia Il turista ESTERO

Dettagli

TAVOLE DI OSSERVAZIONE

TAVOLE DI OSSERVAZIONE Presidenza della Giunta TAVOLE DI OSSERVAZIONE Tavole di osservazione Le tabelle di seguito contengono per ciascun obiettivo una prima batteria di indicatori di descrizione e di osservazione dell evoluzione

Dettagli

Roma. I numeri del comune. Abitanti* 2.863.322 4.321.244 Superficie (km 2 ) 1.287,36 5.363,28 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Roma. I numeri del comune. Abitanti* 2.863.322 4.321.244 Superficie (km 2 ) 1.287,36 5.363,28 Densità (ab. per km 2 ) 2. Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Roma I numeri del comune Capoluogo Abitanti*.8..1. Superficie (km ) 1.87,.,8 Densità (ab. per km ).,18 8,71 * al 1.1.1 Numero Addetti unità

Dettagli

PROGETTI AFFIDATI ALL R.T.

PROGETTI AFFIDATI ALL R.T. Unione Europea Fondo Sociale Europeo Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale

Dettagli

GAL Oltrepo Mantovano Piano di Sviluppo Locale (sintesi)

GAL Oltrepo Mantovano Piano di Sviluppo Locale (sintesi) GAL Oltrepo Mantovano Agricoltura e Ambiente Un binomio tra sostenibilità e produttività per migliorare lo sviluppo delle aree rurali dell oltrepòmantovano 1 1. Il Gruppo di Azione Locale (GAL) Oltrepò

Dettagli

Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA. Lessico di base

Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA. Lessico di base Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA Lessico di base Lezione n. 6/10 1 CARTOGRAFIA DI BASE: rappresentazione plano-altimetrica o

Dettagli

REPORT MERCATO TURISTICO

REPORT MERCATO TURISTICO REPORT MERCATO TURISTICO Report sulle nuove tendenze del turismo italiano ed estero Focus sul turista enogastronomico 22 luglio 2015 INDICE Trend del turismo estero in Italia.. pag. 3 Trend del turismo

Dettagli

FONDI EUROPEI. PER UN SUD D ITALIA CHE CAMBIA.

FONDI EUROPEI. PER UN SUD D ITALIA CHE CAMBIA. FONDI EUROPEI. PER UN SUD D ITALIA CHE CAMBIA. NOI E L'EUROPA, INSIEME PER LO SVILUPPO. L'azione dell'unione Europea mira a ridurre il divario tra i livelli di sviluppo delle varie regioni e il ritardo

Dettagli

I]ngapejc Pannepkne]ha Accademia delle Imprese Europea YbcU[f]Ufh

I]ngapejc Pannepkne]ha Accademia delle Imprese Europea YbcU[f]Ufh Partner Patrocinato dal INDICE 1) Premessa 2) Accademia delle Imprese Europea 3) Tipicità delle produzioni calabresi 4) Artigianato 5) Turismo 6) Sociale 7) Presentazione PROGETTO EnoAgriArt Calabria 8)

Dettagli

TrasporTi e infrastrutture in Calabria

TrasporTi e infrastrutture in Calabria TrasporTi e infrastrutture in Calabria STRADE E AUTOSTRADE L AUTOSTRADA A3 SALERNO - REGGIO CALABRIA Considerata la maggiore opera realizzata direttamente dallo Stato, la tratta è gestita dall ANAS senza

Dettagli

Il DAQ di Sibari: aspetti normativi e governance

Il DAQ di Sibari: aspetti normativi e governance PROVINCIA DI COSENZA Settore Programmazione ed Internazionalizzazione Il DAQ di Sibari: aspetti normativi e governance INDICE 1. Il concetto di distretto agroalimentare 3 2. La L. R. della Calabria n.

Dettagli

Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume.

Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume. Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume. Gruppo di lavoro diretto da Ado Franchini. Con Andrea

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER L AGRICOLTURA

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER L AGRICOLTURA ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER L AGRICOLTURA Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg. CE 1698/2005 MISURA

Dettagli

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Dott.ssa Elena Iacoviello Dipartimento Presidenza Ufficio Turismo Terziario Promozione Integrata 1 Gli Obiettivi Tematici R.A.

Dettagli

DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese

DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese Manifesto per l adesione delle aziende Il Distretto Neorurale delle tre acque di Milano

Dettagli

Oggetto: Piano Regionale Trasporti; aeroporto sibarita.

Oggetto: Piano Regionale Trasporti; aeroporto sibarita. C.so Fera 69, Cosenza tel. 0984408751 segreteria@confesercenticosenza.it Cosenza, 26 Settembre 2013 prot. CS/133/13 Al Presidente IV Commissione Consiliare Regione Calabria on.le Gianluca Gallo p.c. Al

Dettagli

I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA

I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA Il sistema educativo L assolvimento del diritto dovere di istruzione e formazione è possibile all interno di tre sistemi : Il

Dettagli

Risorse e potenzialità turistiche della Media Valle del Po

Risorse e potenzialità turistiche della Media Valle del Po UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE SEDE DI PIACENZA FACOLTA DI ECONOMIA MASTER IN MANAGER SVILUPPO TURISTICO TERRITORIALE MUST Risorse e potenzialità turistiche della Media Valle del Po SINTESI PER IL

Dettagli

Scheda di richiesta di attivazione di Regimi di Aiuto

Scheda di richiesta di attivazione di Regimi di Aiuto Scheda di richiesta di attivazione di Regimi di Aiuto 1. INFORMAZIONI GENERALI SUL REGIME DI AIUTO DA ATTIVARE 1.1 PISL: ContrATTO IMPrESA Contributo all Azione Territoriale per l Occupazione qualificata.

Dettagli

IL GREEN LAND SOCIAL HOUSING : per L IDENTITA TERRITORIALE e SOCIOECONOMICA

IL GREEN LAND SOCIAL HOUSING : per L IDENTITA TERRITORIALE e SOCIOECONOMICA IL GREEN LAND SOCIAL HOUSING : il SISTEMA AGROALIMENTARE come RISORSA per L IDENTITA TERRITORIALE e SOCIOECONOMICA VERSO Gennaio 2014 A cura di: Fondazione Cogeme Onlus Federazione Provinciale Coldiretti

Dettagli

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 1. CARATTERISTICHE DELLA LINEA Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 2. IL RUOLO DELLE GREENWAYS

Dettagli

Proposta progettuale in risposta all Avviso Pubblico di cui al Decreto n. 10317/2008 nel quadro del

Proposta progettuale in risposta all Avviso Pubblico di cui al Decreto n. 10317/2008 nel quadro del Proposta progettuale in risposta all Avviso Pubblico di cui al Decreto n. 10317/2008 nel quadro del PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE CALABRIA 2007-2013 ASSE III: QUALITÀ DELLA VITA NELLE ZONE

Dettagli

CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario

CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario 2.1 Il terziario a Roma: dimensioni e tendenze evolutive 2.2 Caratteristiche della realtà romana 2.3 Le attività del terziario nel comune di Roma:

Dettagli

LISTA N. 3 "SI PUO' FARE DI PIU'" candidato alla carica di Sindaco BERTI GIANPIERO. candidati alla carica di Consiglieri Comunali

LISTA N. 3 SI PUO' FARE DI PIU' candidato alla carica di Sindaco BERTI GIANPIERO. candidati alla carica di Consiglieri Comunali LISTA N. 3 "SI PUO' FARE DI PIU'" candidato alla carica di Sindaco BERTI GIANPIERO candidati alla carica di Consiglieri Comunali LOMBARDI GIULIANO CRESPIANI ROMANO FRANCINI GIUSEPPE MICHELI FRANCESCO MOSTI

Dettagli

TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE

TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE MAGHREBINE I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE Gruppo di Torino

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA EINAUDI CHIODO

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA EINAUDI CHIODO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA EINAUDI CHIODO L Istituto di Istruzione Superiore L. Einaudi D. Chiodo ha solide radici nel patrimonio di competenze educative e didattiche delle due distinte istituzioni

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE 1 marzo 2008 IL CONTESTO STORICO Negli ultimi 20 anni l industria turistica ha aumentato la sua complessità. Dagli anni 90 fenomeni innovativi hanno modificato la natura

Dettagli

!"" #""$%&! #'$ " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$

! #$%&! #'$  # &%!$! ' &! &$)#$*!!# + $!# &'$!$!#$$ !"" #""$%&! #'$ % ( " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$ L anno duemilasette il giorno trenta del mese di maggio nella sala Informalavoro del Comune di Busalla, TRA Il Presidente in rappresentanza

Dettagli

I FABBISOGNI DEL TURISMO PUGLIESE IL TERRITORIO, L ECONOMIA, I TURISTI, I PUGLIESI. Claudio Cipollini. 24 Novembre 2006

I FABBISOGNI DEL TURISMO PUGLIESE IL TERRITORIO, L ECONOMIA, I TURISTI, I PUGLIESI. Claudio Cipollini. 24 Novembre 2006 I FABBISOGNI DEL TURISMO PUGLIESE IL TERRITORIO, L ECONOMIA, I TURISTI, I PUGLIESI Claudio Cipollini Direttore Generale Retecamere (Unioncamere) 24 Novembre 26 IL PROGRAMMA DI SENSIBILIZZAZIONE DEGLI OPERATORI

Dettagli

local marketing progetti di rete

local marketing progetti di rete local marketing progetti di rete local marketing e progetti di rete I territori sono da sempre al centro del nostro interesse. Da sempre CoopCulture è impegnata nella scoperta del territorio e della sua

Dettagli

Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI

Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI Comune di Scandicci Provincia di Firenze Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

CAPITOLO PRIMO L AREA DEL VULTURE-MELFESE AGLI INIZI DEGLI ANNI NOVANTA

CAPITOLO PRIMO L AREA DEL VULTURE-MELFESE AGLI INIZI DEGLI ANNI NOVANTA CAPITOLO PRIMO L AREA DEL VULTURE-MELFESE AGLI INIZI DEGLI ANNI NOVANTA 1.1 aspetto geografico dell area La zona del Vulture-Melfese inserita nel cuore del mezzogiorno appenninico si distingue dalle aree

Dettagli

CUSTOMER CARE TURISTI

CUSTOMER CARE TURISTI OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con CUSTOMER CARE TURISTI RAPPORTO ANNUALE Marzo 2011 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Versione: 1.0

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313

GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313 GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313 BANDO MISURA 311 Diversificazione in attività non agricole La misura 413. 311 viene attivata per favorire la permanenza delle attività agricole laddove

Dettagli

MICROCREDITO 5 STELLE. CONTRIBUTO 10 MLN

MICROCREDITO 5 STELLE. CONTRIBUTO 10 MLN MICROCREDITO 5 STELLE. CONTRIBUTO 10 MLN Il Movimento 5 Stelle presenta l innovativo progetto, realizzato con il taglio e la restituzione di parte degli stipendi dei parlamentari pentastellati, rivolto

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4342 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NASTRI Norme per la promozione delle attività turistiche legate al vino piemontese e istituzione

Dettagli

LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE

LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE IL PROGETTO PILOTA DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO PER LA RISOLUZIONE URBANISTICA DELLA MAGLIA 21 ESPANSIONE C2 SCOPRIAMO BARI: STRUMENTI

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA Fonti di legittimazione: Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18.12.2006 - Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012 SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA

Dettagli

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 Piattaforma Tecnologica Nazionale Marittima PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 PROPOSTA DI Azioni Connesse sulle Tecnologie Marine {1} 4/09 L Italia e il Mare L Italia ha oltre 8.000 chilometri di coste ed una innata

Dettagli

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.13 *

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.13 * Interventi per favorire la diversificazione delle attività agricole e lo sviluppo di quelle affini allo scopo di implementare fonti alternative di reddito (art.33 comma 2 - trattino 7 del Reg. (CE) 1257/99)

Dettagli