DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 49. Francofonte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 49. Francofonte"

Transcript

1 t -r::=!:&i!dim<<'e ~~-::-,.. 7!:.-,.:::'..':::. ~---~---=- =--=-- =-- =---= "' - = --=- --=-- = =- -= -= ---=---:-:::-~::::..-::::..---= ::::..... ":r".'"''''""''-'= - -= -'--=---~-==== :::: \ ' '., : ':+ ~ -,\.. ~..::::...-:-:...:::: ==---= DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 49 Carentini Lentini Capofia -~ Francofonte A.S.P. Siracusa ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA INTEGRATO E LA GESTIONE DEI FONDI P.A.C.- SECONDO RIPARTO L'anno duemiaquindici, i giorno qàtitocc:/i g; de mese di \'Y'c\ffi.Q ae ore 0~ 1 OQ e seguenti, nea sede de Comune Capofia di Lentiui, previa convocazione de Presidente de Comitato dei Sindaci de Distretto Socio Sauitario 49, i Distretto Socio Sanitario 49 rappresentato dai Sndaci e/o oro deegati, dei Comuui di: Lentini, Rappresentato da Sindaco Afio Santo Mangiamei ( C.F. Ente ); Tra Carentini, Rappresentato,h i' AssFSSO ve. e oh u::~:fo...-edto (C.F. Ente ); Francofonte, Rappresentato J~ S'; h dèe v~ o v e. \)d e v iho (C.F. Ente ); 'Azienda Sanitaria Provinciae _8 dtsiracusa, rappresentata da Dirigente de Distretto SanitarioASPN.8 Dott. Sò\v<)'-Gove \?,yu<fòet -ò ; E VISTI - 'articoo dea egge 328/2000, rubricato "Principi generai e finaità'' che così recita: "La Repubbica assicura ae persone e ae famigie un sistema integrato di interventi e servizi sociai, promuove interventi per garantire a quaità dea vita, pari opportunità, non discriminazione e diritti di cittadinanza, previene, eimina o riduce e condizioni di disabiità, di bìsògno e di disagio individuae è famiiare, derivanti da inadeguatezza de reddito, difficotà sociai è condizioni di non autonomia, in coerenza con gi.articoi 2, 3 e 38 dea Costituzione";! ALLEGATO AL DECRETO DEL SIND~CO 1 4 MAG DE

2 -~ ~""""''"' - i programma regionae dee poitiche socio - sanitarie e sociai 2010/2012, approvato daa Giunta di Governo dea Regione Siciiana in data 23/12/2008; " e "Linee Guida regionai per 'accesso e i governo de sistema integrato dee cure domiciiari" approvate daa Regione Siciiana con D.P. 26 gennaio 2011, con 'obiettivo di favorire 'integrazione dee poitiche sociai e sanitarie regionai e di individuare meccanismi regoati vi adeguati tra i diversi ivei istituzionai coinvoti; - i protocoo d'intesa per "'attuazione di un sistema regionae integrato socio-sanitario in Siciia" mirato a superamento dea frammentarietà degi interventi reaizzati in ambito sociosanitario approvato daa Regione Siciia con D.P;R.S. n. 546 de23!12/2011; PREMESSO CRE: i Quadro Strategico Nazionae 2007/2013 (QSN) individua tra gi obiettivi di servizio, destinati ad un migioramento dea quaità di vita dei cittadini, queo dea "Presa in carico degi anziani per i servizio di assistenza domiciiare integrata" (A.D.I.); con deibera CIPE de 26 ottobre decreto O gennaio 2013 i Ministero de'interno è stato nominato responsabie de'autorità di gestione de Programma Nazionae Servizi di Cura a'infunzia e agi Anziani, over 65, non autosufficienti; con Decreto Autorità di Gestione n 3 de 20 marzo 2013 è stato adottato i Documento de PrograrnÌna comprensivo de sistema di gestione e controo SIGECO - Nazionae servizi di cura a'infanzia e agi anziani non autosufficienti; Programma - che con Decréto Autorità di Gestione n. 240/PAC de 7 ~ttobre 2014, è stato adottato i Secondo Atto di Riparto dee risorse finanziarie de Programma Nazionae Servizi di cura a'infanzia e agi Anziani non autosufficienti, a favore degi Ambiti Distretti socio - sanitari, aventi sede nee Quattro Regioni de' obiettivo "Convergenza" (Campania, Pugia, Caabria, Siciia) suddiviso nei due aegati - Ser_vi?,:i di cwa a'infanzia.e Servizi di cura agi anziani ~on autosufficienti; - che con Decreto Autorità di Gestione n. 557/PAC de 22 aprie 2015, sono state rideterminate e risorse finanziarie compessive destinate con i 2 Riparto ai Servizi di cura a'infanzia e agi Anziani non autosufficienti a favore degi ambiti e Distretti Socio Sanitari come riportato negi aegati - Servizi di cura a'infanzia e Servizi di cura agi anziani non autosufficienti; in Siciia, ai sensi dea Legge 328/200, sono stati individuati i Distretti Socio Sanitari quai...,.... soggetti beneficiari, preposti aa presentazione dei Piani di Intervento, aa programmazione e!

3 ~ <,.,. _.,. gestione dei programmi di intervento a vaenza Distrettuae voti a reaizzare poitiche di integrazione socio sanitaria; DATO ATTO CHE: ' i J. j a documentazione richiesta dae Linee Guida per 'accesso a Secondo Riparto dei finanziamenti di cui ai fondi P.A.C. da parte de Ministero de'interno prevede, fra 'atro, a sottoscrizione di un Accordo di Programma specifico tra i Distretto Socio Sanitario 49 e ' ASP N. 8 di Siracusa per e cure domiciiari integrate (ADI) in favore di anziani e disabii, over 65, con ridotta o competa non autosufficienza temporanea e permanente; - è nè'interesse de Distretto Socio Sanitario 49 e de' ASP di Siracusa n.8, confermare un modeo di servizio di assistenza domiciiare integrata caratterizzato da una presa in carico congiunta de 'utenza sopra menzionata, in modo da offiire a paziente accoto ne sistema integrato di cure domiciiari, un servizio mutidiscipinare che soddisfi a contempo i bisogni di natura assistenziae e quei di natura sanitaria; - è necessario, pertanto, condividere una procedura tra ' ASP ed i Comuni de Distretto SS49 circa e modaità operative di attuazione de servizio ADI/ADA e di integrazione dee prestazioni e dee competenze socio-sanitarie a vaere dei Fondi PAC 2 Riparto, come riportato ne'aegato "Regoamento Distrettuae per a reaizzazione de servizio integrato di cure domiciiari" a presente Accordo di Programma; Le Parti, come sopra costituite, concordano di adottare i presente Accordo di Programma e 'aegato "Regoamento Distrettuae per a reaizzazione de servizio integrato di cure domiciiari" e di impegnarsi come segue: ART. La premessa è parte integrante de presente accordo e vae come patto. ART.2 CAMPO DI APPLICAZIONE DELL'ACCORDO ' I presente Accordo di Progranuna, quae atto specifico per 'accesso ai Fondi PAC 2 Riparto, è finaizzato a'adozione de nuovo "Regoamento Distrettuae per a reàizzazione de servizio integrato di cure domiciiari" che discipina e modaità di accesso unitario a sistema, a struttura, ' organizzazioìè dèi servizio, e risorse professionai, gi strumenti e e modaità di gestione. ~ Iri iriea coifquiito prèvisto dae Linee Guida det servizi di cura PAC. Anziani 2 Riparto, i.'0_~\resente Accordo discipina e note informative rispetto ai servizi precedenteme!te erogati e -~;~~'impegno che e parti pongono in essere per a gestione dei fondi PAC Anziani 2 Riparto. o/

4 attraverso i consoidamento dei servizi, con 'obiettivo di intensificare e quaificare e prestazioni domiciiari socio assistenziai, assegnando un ambito prioritario ai servizi ADI per offrire un servizio quaitativamente più ampio e vicino ai bisogni dei destinatari. Neo specifico vengono ampiate e figure professionai erogatrici degi interventi, aa figura de'osa, già prevista, viene affiancata nea misura de'so% quea de'oss. Ciò comporta una diversificazione dea spesa con una diversa assegnazione di voucher. ART.3 NOTE INFORMATIVE SUI SERVIZI ADI EROGATI DALL'ASP E DAL DISTRETTO SS49 -ANNO 2014 Si riportano di seguito i dati trasmessi da' ASP su personae, e prestazioni e a spesa per 'erogazione de servizio sanitario (ADI). ADI/ASP ore erogate spesa pubbica FIGURE Infermieri professionai PROF.LI N ,72 oss ANNO N , FKT N ,22 Logopedisti. N ,93 TOTALE N h ,34 ADI/ Comuni o o dedss49 I dati di cui sopra sono reativi eséusivamente a Servizio ADI avviato da' ASP per e prestazioni sanitarie/tuteari in quanto ne'anno 2014 i Comuni de DSS49 non hanno integrato ì Servizio ADI.

5 ART.4 INDIVIDUAZIONE ORIENTAMENTI STRATEGICI ED OPERATIVI PER IL 2 RIPARTO In inea con quanto previsto dae regoe e dai criteri per 'accesso a secondo riparto finanziario de PAC- PNSCIA per i programma per i servizi di cura per gi anziani non autosufficienti, i Distretto Sanitario ASP n.8 e i Comuni de DSS49, si impegnano prioritariamente a soddisfare i ivei di prestazione socio assistenziae compementari a'adi, tenendo conto de bisogno esistente ne territorio distrettuae in rapporto ae istanze pervenute e a bisogno rappresentato dagi utenti con e oro richieste. In considerazione a'anaisi effettuata su fabbisogno e Parti si impegnano a utiizzare e risorse PACe NON PAC per garantire a n. 71 utenti di ricevere e cure domiciiari integrate a fronte dei 34 destinatari de o Riparto e si impegnano ad utiizzare e risorse rimanenti per 'erogazione dei servizi non in ADI. ART.5 IMPEGNI DEI SOGGETTI FIRMATARI Le Parti firmatarie de presente Accordo si impegnano ad ampiare 'offerta compessiva dei sevizi domiciiari ne territorio dei Comuni de DSS49. L'attuazione de contenuto de'accordo avviene ad opera dei sottoscrittori che si impegnano a reaizzare gi interventi, ciascuno in reazione aa propria competenza in inea con quanto previsto ne'aegato "Regoamento Distrettuae per a reaizzazione de servizio integrato di cure domiciiari". In riferimento ae risorse de2 Riparto e ai servizi attivabii attraverso i Servizio Integrato di cure domiciiari e parti in causa i Comuni di Lentini, Carentini e Francofonte si impegnano ad erogare gi interventi socio assistenziai e ' ASP si impegna a garantire e prestazioni sanitarie. Assistenza Domiciiare socio- assistenziae integrata a'assistenza Socio -Sanitaria Anno Utenti Totae ore Utenti Interventi da reaizzare con N ,00 PAC 1 Riuarto Interventi da reaizzare con 2015 atre risorse N , Totai interventi (previsioni) N ,00

6 Utenti Totae ore Utenti Interventi da reaizzare con N. 37per20h ,59 Anno PAC 2 Rigarto mensii 2016 Interventi da reaizzare con N. 34per20h ,00 atre risorse mensii Totai interventi N. 71 utenti ,59 (previsioni) Anno 2015 Assistenza Domiciiare Socio- Assistenziae (ADA) Utenti Totae ore Utenti Interventi da reaizzare con N ,00 PAC 1 Rinarto Interventi da reaizzare con Con atre risorse F N.P.S N ,00 Totai interventi N ,00 (previsioni) Utenti Totae ore Utenti Interventi da reaizzare con N) Q6 pe~ 16h !92,&2. PAC 2 Rinarto mensii Anno Interventi da reaizzare con N. 47 per 16h , atre risorse mensii Totae interventi N ,76 (previsioni) r: ::: -... ' '" ~ ~ i \\)

7 ~~~;~.. -f}q. "t1>\.\t; \~i /,, rò''.;.,, u~ ~~ /~;~ ~] :!f; 'ome si evince dae schede riassuntive, i finanziamento de PAC 2 Riparto è programmato ne'anno 2016 a prosecuzione de PAC 1 Riparto che si concuderà i Rispetto a Primo Riparto ne quae era previsto per i Servizio ADI un numero compessivo di h per 34 utenti, per 20 h mensii ad utente e per una spesa pari ad ,00 (di cui ,00 a vaere sui PAC e ,00 risorse non PAC), per i 2 Riparto si prevede di assistere compessivamente n.7 utenti, di cui n. 37 a vaere dei fondi PAC per 20h mensii e n.34 a vaere dee risorse proprie. Neo specifico, in riferimento ae somme finanziate con i secondo riparto pari a ,00 e Parti si impegnano a destinare interamente e risorse P AC assegnate ai Comuni de Distretto SS49 per 'erogazione dee prestazioni (tuteari) de servizio di ADI e di ADA, come segue: ,59 per i servizio di ADI per un monte ore per n. 37utenti per 20 h mensii; ,82 per i servizio di ADA per un monte ore per n. 06 utenti per 16 h mensii. Inotre, i Comuni con risorse proprie si impegnano ad incrementare i numero degi utenti beneficiari, come segue: ,00 per i servizio di ADI per un monte ore per n. 34 utenti per 20 h mensii; ,44 per i servizio di ADA per un monte ore per n. 47 utenti per 16 h mensii. L' ASP si impegna ad erogare e prestazioni sanitarie per e cure domiciiare (ADI) mettendo a disposizione risorse proprie economiche, ogistiche e professionai. In riferimento ai tre Comuni, in inea con e indicazioni de Ministero de'interno riguardo ae percentuai di finanziamento assegnate, quee che seguono sono e somme che ciascun Ente utiizzerà per i Sistema Integrato di cure domiciiari: - Comune di Lentini ,85; -Comune di Carentini ,63; -Comune di Francofonte ,52. Come sopra descritto, si ribadisce che ad integrazione dee risorse de secondo riparto dei fondi PAC, i Comuni metteranno a disposizione dei Servizi ADI e ADA proprie risorse p!ovenienti ~ F.N.P.S. per hinazare i iveo quaitativo e q\umtitati.;o d~! ~ervizio di cure domiciiari. ART.6 IMPEGNO A MANTENERE ATTIVO IL PUNTO UNICO DI ACCESSO ( P.U.A.) A fine di favorire a reaizzazione de Sistema Integrato di Cure Domiciiari (ADI) e Parti si impegnano come segue: ~ \.! - 1" i.; ~?~~ç/

8 omoogare i criteri di accesso a servizio per tutti i cittadini destinatari attraverso i ricorso a'uvm con 'integrazione rispetto ae figure professionai de' ASP di una unità di assistente sociae de Comune di residenza de'assistito; redigere e utiizzare una moduistica unica per 'accesso e per un percorso omoogo e integrato rispetto ae esigenze di cure e di assistenza de richiedente; mantenere attivo i PUA e gi sportei di accesso nee singoe aree territoriai de Distretto a copertura de fabbisogno di accesso integrato socio sanitario; rispettare a composizione, e funzioni ricoperte i principai dati di attività, gi strumenti di vautazione mutidimensionae, come preyisti ne'aegato Regoamento. ART.7 IMPEGNO A MANTENEREATTIVA L'UNITA' DI VALUTAZIONE MULTIDISCIPLINARE La vautazione mutidiscipinare, 'anaisi dettagiata dei probemi e dei bisogni che ogni soggetto presenta, deve essere 'adempimento prioritario ai fini dea definizione de progetto socio-sanitario personaizzato e dea presa in carico integrata de soggetto. La vautazione de'ammissibiità dea domanda è di competenza escusiva de'equipe professionae, de'u.v.m. integrata con a componente sociae de Comune, con competenze mutidiscipinari in grado di comprendere e esigenze dei pazienti con bisogni sanitari e sociai compessi. La vautazione avverrà con a scheda SVAMA (scheda per a vautazione muti dimensionae dee persone adute e anziane per 'accesso ae prestazioni residenziai, semiresidenziai e domiciiari per anziani, disabii, non autosufficienti e fragii che consente una definizione quantitativa e quaitativa de servizio domiciiare). ART.8 IMPEGNO A INTRODURRE MODALITÀ DI y ~LUT~~IQNE COMPATIBILI CON IL SINA (SISTEMA INFORMATIVO SUI SERVIZI SOCIALI PER LE NON AUTOSUFFICIENZE E CON IL NUOVO SISTEMA INFORMATIVO SANITARIO PER IL MONITO RAGGIO DELL'ASSISTENZA DOMICILIARE ( SIAD) Le parti si impegnano pertanto ad adottare modaità di vautazione muiti dimensionae de grado di non autosufficienza compatibii con i SINA (Sistema Informativo sui servizi sociai per e Non autosufficienze e con i nuovo sistema informativo sanitario per i monitoraggio de'assistenza domiciiare ( SIAD)... ' \' '

9 ' ;\ '(;)\ \('Ù ]-~.f / ~J ~V fine di favorire criteri oggettivi di verifica degi interventi da un punto di vista quai - quantitativo, e parti si impegnano nea redazione e' ne'utiizzo di specifica moduistica da somministrare a! 'utenza ao scopo di rendere gi interventi previsti quanto più cogenti e coerenti in termini di prossimità con un approccio fessibie e non statico, con 'obiettivo di permettere, ove necessario, una rimoduazione de'offerta di servizi puntuae ed efficace. II Monitoraggio e a vautazione de servizio vedrà coinvota 'intera governance de sistema integrato di cure domiciiari, professionae, organizzativa e istituzionae. Le Parti si impegnano ad adottare modaità di vautazione mutidimensionae de grado di non auto sufficienza compatibii con 'aimentazione de Sistema Informativo per a Non Autosufficienza (SINA) e de nuovo Sistema Informativo Sanitario per i monitoraggio de'assistenza Domiciiare ( NSIS- DIAD). ART.9 SISTEMA DI ACCREDITAMENTO In riferimento ae prestazioni di tipo socio assistenziae i Distretto S.S. 49 ha attuato un importante cambiamento sue modaità di erogazione dei servizi tuteari: si è passati da un sistema di affidamento dei servizi domiciiari attraverso gare d'appato ad un sistema di accreditamento dei soggetti erogatori a fine di sneire i modi e i tempi di erogazione de servizio e di responsabiizzare 'utenza coinvota in una sceta più consapevoe e quaitativarnente rispondente ai suoi bisogni espressi. Riguardo ai servizi de o Riparto con i "Regoamento Distrettuae per 'Accreditamento dei servizi ADA/ADI", approvato con verbae n. 8 de , sono stati stabiiti i requisiti di iscrizione a'abo: di idoneità generae di cui a'art. 38 de D.Lgs 163/06; di idoneità professionae tra cui 'iscrizione a'abo regionae in apposita sezione; requisiti strutturai ed organizzativi tra cui esperienza ne servizio per cui si chiede 'accreditamento, obbigo di garantire e figure professionai richieste, 'aggiornamento professionae_dep()rsonae,ia Carta dei Servizi, ecce. - Per 'eiogazìone dei ~ervizi di cui a presente Accordo reativi azo Riparto, per i quai è prevista otre a figura professionae di Operatore Socio Assistenzia~ (OSA), soprattutto a figura de' Operatore Socio Sanitario (OSS) e di conseguenza 'adeguamento de vaore de voucher, si attiverà una nuova procedura di Accreditamento degi Enti erogatori di prestazioni socioassistenzìai e socio-sanitari in conformità ae indicazioni de Ministero de'interno. L'iscrizione a'abo Distrettuae avviene a seguito di istruzione dee istanze di accreditamento presentate dae Ditte partecipanti da parte di una Commissione a'uopo costituita che ha anche

10 /. ~~ >:~~'(.~):. '~\. ~~:~\~~~ '_);) '<'/f.~,goni di vìcri!anza e di... ::r' controo su mantenimento dei requisiti nea fase di avvio ed erogazione dei servizi. I servizio verrà erogato tramite i buoni voucher assegnati agi aventi diritto che iberamente scegieranno a ditta accreditata da cui si faranno erogare e prestazioni in conformità a quanto previsto ne Piano Assistenziae Individuae. ~ ART.O PRESTAZIONI SOCIO-SANITARIE Tra e azioni di sistema i Distretto Socio Sanit~rio 49 ha adottato i " Patto di accreditamento" per discipinare i rapporto tra e Amministrazioni Comunai e i soggetti accreditati a'abo Distrettuae per 'erogazione dei servizi domiciiari. I sistema di accreditamento è fondato sua ibera sceta de soggetto accreditato da parte de cittadino che usufruisce de servizio. Con questo sistema si vogiono garantire a cittadino eevati standard quaitativi dei soggetti accreditati, centraizzare i ruoo attivo de cittadino- utente sia in ordine a'eaborazione de proprio progetto assistenziae, sia aa sceta de soggetto erogatore. Gi interventi e e prestazioni socio-assistenziai saranno erogate tramite voucher spendibii presso e ditte accreditate co Distretto Socio Sanitario 49 a favore dee persone richiedenti e dee oro famigie, sua base de Piano Assistenziae Individuae o P.A.I. predisposto da'u.v.m. integrata con a componente sociae de Comune. ART. VOUCHER SOCIALE I voucher sociae si concretizza ne'erogazione di un contributo progettuae personaizzato e finanziato a favore dei singoi cittadini che fruiscono di interventi assistenziai. I voucher è o strumento con i quae i Distretto tramite i Comuni si impegna a'erogazione de servizio, riconoscendo a necessità de' intervento assistenziae personaizzato. In termini economici i voucher ha un importo corrispondente a vaore orario de servizjo ehe )ejio spècifico per 'Assistenza Domiciiare Integrata (ADD èp~ri ~ ÌS,90, com~ indicato ne Piano Anziani. I voucher è 'unico strumento vaido per 'acquisizione di interventi socio-assistenziai da utiizzarsi soo presso fornitori egittimati da Distretto Socio Sanitario, iscritti a'albo Distrettuae, che costituiscono i Cataogo de' Offerta.

11 --~ '~ ~;~:.:~:~. '..,_ , ART.12 GRATUITA' E COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DEL SERVIZIO In riferimento a Servizio di Assistenza Domiciiare Integrata (ADI) si precisa che aa uce dea esperienza fatta con i o Riparto si ritiene opportuno annuare a quota di compartecipazione a costo de servizio da parte dei beneficiari, in quanto, seppur in presenza di utenti che percepiscono indennità di accompagnamento, tai proventi debbono assicurare agi stessi a possibiità di poter integrare e prestazioni oro garantite gratuitamente da servizio pubbico con atri interventi socio sanitari di cui necessitano. Per e prestazioni assistenziai domiciiari (ADA) gi anziani uitrasessanta cinquenni non autosufficienti o con ridotta autosufficienza sono tenuti aa compartecipazione a costo de servizio nea misura prevista daa normativa regionae (Decreto Assessoriae n.867/s7 ART.4- cacoato in proporzione a! reddito posseduto (Attestazione ISEE). I servizio verrà erogato gratuitamente ai soggetti i cui reddito non superi a fascia esente otre a quae è prevista a compartecipazione ai costo de servizio di cure domiciiari. La quota di compartecipazione, se dovuta sarà comunicata a!'assistito in occasione dea sottoscrizione de P.A.I. e dea sua accettazione. La quota di compartecipazione viene versata direttamente da'utente aa ditta accreditata sceta per 'erogazione dee prestazioni. I mancato pagamento dea quota di compartecipazione aa ditta entro 30 giorni da'avvio de servizio comporta in automatico a sospensione de servizio e 'immediata comunicazione di so!ecito de pagamento dee spettanze da parte dea ditta fornitrice. ART.13 MODIFICHE Eventuai modifiche de'accordo sono possibii, purché condivise unanimemente tra i soggetti coinvoti. ART.14 APPROVAZIONE I presente Accordo, ai sensi de'art. 34 de D.Lgs. n.267 de , verrà approvato con atto formae de Sindaco de Comune Capofia e successivamente trasmesso iù Ministero de'interno. I presente atto verrà pubbicato ai sensi di egge. ART.15 DURATA.. La cutata de presente Accordo è connessa aa reaizzazione de Piano di Intervento Anziani di cui a Fondi PAC- Secondo Riparto- e verrà a scadere con a sua concusione e rendicontazione. _

12 ART.16 NORME DI RINVIO Per quanto non previsto da presente accordo si rinvia aa vigente discipina generae de'accordo di programma, di cui a'art. 34 TUEL (d.gs. 267/2000) In fede e a piena confenna di quanto sopra, e parti si sottoscrivono come segue: COMUNI NOME/COGNOME FIRMA DELEGATO : Carentini : Francofonte A.S.P. n.8 di. Siracusa -----~-,.,-.,....

Le pensioni dal 1 gennaio 2014

Le pensioni dal 1 gennaio 2014 Argomento A cura deo Spi-Cgi de Emiia-Romagna n. 1 gennaio 2014 Le pensioni da 1 gennaio 2014 Perequazione automatica 2014 pensioni, assegni e indennità civii assistenziai importo aggiuntivo per anno 2013

Dettagli

BANDO DI GARA D' APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento

BANDO DI GARA D' APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento , ROMA CAPTALE '21M~ BANDO D GARA D' APPALTO SEZONE ) AMMNSTRAZONE AGGUDCATRCE. N PUBBLCAZONE DAL~...1:Jj~jM.~ A L _.2 /~L-MZ: = 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitae Dipartimento

Dettagli

Roma, 18 settembre 2014. Claai

Roma, 18 settembre 2014. Claai .:.ontratto Coettivo Nazionae di Lavoro per i dipendenti dae imprese artigiane esercenti Servizi di puizia, Disinfezione, Disinfestazione, Derattizzazione e Sanificazione Roma, 18 settembre 2014 Caai Si

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento

BANDO DI GARA D'APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento Po) AA/AZ ft.'f ROMA CAPTALE BANDO D GARA D'APPALTO SEZONE ) AMMNSTRAZONE AGGUDCATRCE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitae Dipartimento Sviuppo nfrastrutture e Manutenzione

Dettagli

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle Nota metooogica sua strategia i campionamento e sistema nazionae i vautazione ee competenze per e cassi secona e quinta e primo cico ea scuoa primaria Stefano Faorsi. Obiettivi I Sistema Nazionae i Vautazione

Dettagli

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO Standard Internazionai di Vautazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) cacoo dei prezzi marginai Docente: geom. Antonio Eero CORSO PRATICANTI 205 I PREZZI MARGINALI I prezzo

Dettagli

J yy > Jxx. l o H A R A R B

J yy > Jxx. l o H A R A R B oitecnico di Torino I cedimento di una struttura soggetta a carichi statici può avvenire in acuni casi con un meccanismo diverso da queo di superamento dei imiti di resistena de materiae. Tae meccanismo

Dettagli

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale Da riportare su carta intestata Mod. 1 sez A Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ENTI DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 14 PER

Dettagli

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA C0MMISSIOHE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DIRE!ZIONE GENERALE DELLA CONCORRENZA IV/A._3 STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA - Costruzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

5. Limiti di funzione.

5. Limiti di funzione. Istituzioni di Matematiche - Appunti per e ezioni - Anno Accademico / 6 5. Limiti di funzione. 5.. Funzioni imitate. Una funzione y = f(x) definita in un intervao [ a b] imitata superiormente in tae intervao

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DIREZIONE GENERALE DELLA CONCORRENZA IV/ A-3 STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA - Industria aimentare in compesso - Industria

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Punte a cannone. Hartner 2007. Made in Germany SEF MECCANOTECNICA. E mail: sef@sefmecc.it Web : www.sefmeccanotecnica.it

Punte a cannone. Hartner 2007. Made in Germany SEF MECCANOTECNICA. E mail: sef@sefmecc.it Web : www.sefmeccanotecnica.it Made in Germany Hartner 2007 Punte a cannone SEF MECCANOTECNICA SEE Via degi Orefici - Bocco 26 40050 FUNO (BO) ITALIA Te. 051 66.48811 Fax 051 86.30.59 FILIALE I MILANO Piazzae Martesana, 6 20128 Miano

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al L verbae n"..8j... Ogg, se marzo duemaqundc, ae ore 13.00, s è runta nea sede d questa sttuzone Scoastca a commssone Eettorae così composta RBEZZO ASSUNTA Presdente; VAL SABNA Segretaro, FATORELLO GAMPETRO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE

RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE COMMISSIONE DELLE. COMUNITÀ EUROPEE COMUNITÀ EUROPEA DEL CARBONE E DELL'ACCIAIO RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE Le maestranze deo stabiimento tasider di Taranto Atteggiamenti operai e avoro siderurgico

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa

Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale. La fase amministrativa Procedura per il riconoscimento della Protezione Internazionale La fase amministrativa Nella prima fase, amministrativa, le autorità competenti in materia di protezione sono la Polizia uffici di frontiera

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

Art. 1) Finalità. Art. 2) Riparto del Fondo

Art. 1) Finalità. Art. 2) Riparto del Fondo Regolamento per l erogazione dei contributi socio-economici di cui al Fondo di Solidarietà costituito dal Comune di Fabriano con la partecipazione di alcuni privati. Approvato con D.C.C. n. 160 del 10/.09.2009

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 71 approvata il 2 aprile 2015 DETERMINAZIONE:

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS.

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. RISOLUZIONE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 gennaio 2015 OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. Con l interpello

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

FORMULARIO. Allegato 2) REGIONE TOSCANA. P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012

FORMULARIO. Allegato 2) REGIONE TOSCANA. P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012 Allegato 2) REGIONE TOSCANA P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012 Direzione Generale Competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze FORMULARIO Area Istruzione e educazione

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01535/019 Servizio Anziani e Tutele Tel. 31509

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01535/019 Servizio Anziani e Tutele Tel. 31509 Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01535/019 Servizio Anziani e Tutele Tel. 31509 CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 74 approvata il 10 aprile

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli