DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 49. Francofonte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 49. Francofonte"

Transcript

1 t -r::=!:&i!dim<<'e ~~-::-,.. 7!:.-,.:::'..':::. ~---~---=- =--=-- =-- =---= "' - = --=- --=-- = =- -= -= ---=---:-:::-~::::..-::::..---= ::::..... ":r".'"''''""''-'= - -= -'--=---~-==== :::: \ ' '., : ':+ ~ -,\.. ~..::::...-:-:...:::: ==---= DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 49 Carentini Lentini Capofia -~ Francofonte A.S.P. Siracusa ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA INTEGRATO E LA GESTIONE DEI FONDI P.A.C.- SECONDO RIPARTO L'anno duemiaquindici, i giorno qàtitocc:/i g; de mese di \'Y'c\ffi.Q ae ore 0~ 1 OQ e seguenti, nea sede de Comune Capofia di Lentiui, previa convocazione de Presidente de Comitato dei Sindaci de Distretto Socio Sauitario 49, i Distretto Socio Sanitario 49 rappresentato dai Sndaci e/o oro deegati, dei Comuui di: Lentini, Rappresentato da Sindaco Afio Santo Mangiamei ( C.F. Ente ); Tra Carentini, Rappresentato,h i' AssFSSO ve. e oh u::~:fo...-edto (C.F. Ente ); Francofonte, Rappresentato J~ S'; h dèe v~ o v e. \)d e v iho (C.F. Ente ); 'Azienda Sanitaria Provinciae _8 dtsiracusa, rappresentata da Dirigente de Distretto SanitarioASPN.8 Dott. Sò\v<)'-Gove \?,yu<fòet -ò ; E VISTI - 'articoo dea egge 328/2000, rubricato "Principi generai e finaità'' che così recita: "La Repubbica assicura ae persone e ae famigie un sistema integrato di interventi e servizi sociai, promuove interventi per garantire a quaità dea vita, pari opportunità, non discriminazione e diritti di cittadinanza, previene, eimina o riduce e condizioni di disabiità, di bìsògno e di disagio individuae è famiiare, derivanti da inadeguatezza de reddito, difficotà sociai è condizioni di non autonomia, in coerenza con gi.articoi 2, 3 e 38 dea Costituzione";! ALLEGATO AL DECRETO DEL SIND~CO 1 4 MAG DE

2 -~ ~""""''"' - i programma regionae dee poitiche socio - sanitarie e sociai 2010/2012, approvato daa Giunta di Governo dea Regione Siciiana in data 23/12/2008; " e "Linee Guida regionai per 'accesso e i governo de sistema integrato dee cure domiciiari" approvate daa Regione Siciiana con D.P. 26 gennaio 2011, con 'obiettivo di favorire 'integrazione dee poitiche sociai e sanitarie regionai e di individuare meccanismi regoati vi adeguati tra i diversi ivei istituzionai coinvoti; - i protocoo d'intesa per "'attuazione di un sistema regionae integrato socio-sanitario in Siciia" mirato a superamento dea frammentarietà degi interventi reaizzati in ambito sociosanitario approvato daa Regione Siciia con D.P;R.S. n. 546 de23!12/2011; PREMESSO CRE: i Quadro Strategico Nazionae 2007/2013 (QSN) individua tra gi obiettivi di servizio, destinati ad un migioramento dea quaità di vita dei cittadini, queo dea "Presa in carico degi anziani per i servizio di assistenza domiciiare integrata" (A.D.I.); con deibera CIPE de 26 ottobre decreto O gennaio 2013 i Ministero de'interno è stato nominato responsabie de'autorità di gestione de Programma Nazionae Servizi di Cura a'infunzia e agi Anziani, over 65, non autosufficienti; con Decreto Autorità di Gestione n 3 de 20 marzo 2013 è stato adottato i Documento de PrograrnÌna comprensivo de sistema di gestione e controo SIGECO - Nazionae servizi di cura a'infanzia e agi anziani non autosufficienti; Programma - che con Decréto Autorità di Gestione n. 240/PAC de 7 ~ttobre 2014, è stato adottato i Secondo Atto di Riparto dee risorse finanziarie de Programma Nazionae Servizi di cura a'infanzia e agi Anziani non autosufficienti, a favore degi Ambiti Distretti socio - sanitari, aventi sede nee Quattro Regioni de' obiettivo "Convergenza" (Campania, Pugia, Caabria, Siciia) suddiviso nei due aegati - Ser_vi?,:i di cwa a'infanzia.e Servizi di cura agi anziani ~on autosufficienti; - che con Decreto Autorità di Gestione n. 557/PAC de 22 aprie 2015, sono state rideterminate e risorse finanziarie compessive destinate con i 2 Riparto ai Servizi di cura a'infanzia e agi Anziani non autosufficienti a favore degi ambiti e Distretti Socio Sanitari come riportato negi aegati - Servizi di cura a'infanzia e Servizi di cura agi anziani non autosufficienti; in Siciia, ai sensi dea Legge 328/200, sono stati individuati i Distretti Socio Sanitari quai...,.... soggetti beneficiari, preposti aa presentazione dei Piani di Intervento, aa programmazione e!

3 ~ <,.,. _.,. gestione dei programmi di intervento a vaenza Distrettuae voti a reaizzare poitiche di integrazione socio sanitaria; DATO ATTO CHE: ' i J. j a documentazione richiesta dae Linee Guida per 'accesso a Secondo Riparto dei finanziamenti di cui ai fondi P.A.C. da parte de Ministero de'interno prevede, fra 'atro, a sottoscrizione di un Accordo di Programma specifico tra i Distretto Socio Sanitario 49 e ' ASP N. 8 di Siracusa per e cure domiciiari integrate (ADI) in favore di anziani e disabii, over 65, con ridotta o competa non autosufficienza temporanea e permanente; - è nè'interesse de Distretto Socio Sanitario 49 e de' ASP di Siracusa n.8, confermare un modeo di servizio di assistenza domiciiare integrata caratterizzato da una presa in carico congiunta de 'utenza sopra menzionata, in modo da offiire a paziente accoto ne sistema integrato di cure domiciiari, un servizio mutidiscipinare che soddisfi a contempo i bisogni di natura assistenziae e quei di natura sanitaria; - è necessario, pertanto, condividere una procedura tra ' ASP ed i Comuni de Distretto SS49 circa e modaità operative di attuazione de servizio ADI/ADA e di integrazione dee prestazioni e dee competenze socio-sanitarie a vaere dei Fondi PAC 2 Riparto, come riportato ne'aegato "Regoamento Distrettuae per a reaizzazione de servizio integrato di cure domiciiari" a presente Accordo di Programma; Le Parti, come sopra costituite, concordano di adottare i presente Accordo di Programma e 'aegato "Regoamento Distrettuae per a reaizzazione de servizio integrato di cure domiciiari" e di impegnarsi come segue: ART. La premessa è parte integrante de presente accordo e vae come patto. ART.2 CAMPO DI APPLICAZIONE DELL'ACCORDO ' I presente Accordo di Progranuna, quae atto specifico per 'accesso ai Fondi PAC 2 Riparto, è finaizzato a'adozione de nuovo "Regoamento Distrettuae per a reàizzazione de servizio integrato di cure domiciiari" che discipina e modaità di accesso unitario a sistema, a struttura, ' organizzazioìè dèi servizio, e risorse professionai, gi strumenti e e modaità di gestione. ~ Iri iriea coifquiito prèvisto dae Linee Guida det servizi di cura PAC. Anziani 2 Riparto, i.'0_~\resente Accordo discipina e note informative rispetto ai servizi precedenteme!te erogati e -~;~~'impegno che e parti pongono in essere per a gestione dei fondi PAC Anziani 2 Riparto. o/

4 attraverso i consoidamento dei servizi, con 'obiettivo di intensificare e quaificare e prestazioni domiciiari socio assistenziai, assegnando un ambito prioritario ai servizi ADI per offrire un servizio quaitativamente più ampio e vicino ai bisogni dei destinatari. Neo specifico vengono ampiate e figure professionai erogatrici degi interventi, aa figura de'osa, già prevista, viene affiancata nea misura de'so% quea de'oss. Ciò comporta una diversificazione dea spesa con una diversa assegnazione di voucher. ART.3 NOTE INFORMATIVE SUI SERVIZI ADI EROGATI DALL'ASP E DAL DISTRETTO SS49 -ANNO 2014 Si riportano di seguito i dati trasmessi da' ASP su personae, e prestazioni e a spesa per 'erogazione de servizio sanitario (ADI). ADI/ASP ore erogate spesa pubbica FIGURE Infermieri professionai PROF.LI N ,72 oss ANNO N , FKT N ,22 Logopedisti. N ,93 TOTALE N h ,34 ADI/ Comuni o o dedss49 I dati di cui sopra sono reativi eséusivamente a Servizio ADI avviato da' ASP per e prestazioni sanitarie/tuteari in quanto ne'anno 2014 i Comuni de DSS49 non hanno integrato ì Servizio ADI.

5 ART.4 INDIVIDUAZIONE ORIENTAMENTI STRATEGICI ED OPERATIVI PER IL 2 RIPARTO In inea con quanto previsto dae regoe e dai criteri per 'accesso a secondo riparto finanziario de PAC- PNSCIA per i programma per i servizi di cura per gi anziani non autosufficienti, i Distretto Sanitario ASP n.8 e i Comuni de DSS49, si impegnano prioritariamente a soddisfare i ivei di prestazione socio assistenziae compementari a'adi, tenendo conto de bisogno esistente ne territorio distrettuae in rapporto ae istanze pervenute e a bisogno rappresentato dagi utenti con e oro richieste. In considerazione a'anaisi effettuata su fabbisogno e Parti si impegnano a utiizzare e risorse PACe NON PAC per garantire a n. 71 utenti di ricevere e cure domiciiari integrate a fronte dei 34 destinatari de o Riparto e si impegnano ad utiizzare e risorse rimanenti per 'erogazione dei servizi non in ADI. ART.5 IMPEGNI DEI SOGGETTI FIRMATARI Le Parti firmatarie de presente Accordo si impegnano ad ampiare 'offerta compessiva dei sevizi domiciiari ne territorio dei Comuni de DSS49. L'attuazione de contenuto de'accordo avviene ad opera dei sottoscrittori che si impegnano a reaizzare gi interventi, ciascuno in reazione aa propria competenza in inea con quanto previsto ne'aegato "Regoamento Distrettuae per a reaizzazione de servizio integrato di cure domiciiari". In riferimento ae risorse de2 Riparto e ai servizi attivabii attraverso i Servizio Integrato di cure domiciiari e parti in causa i Comuni di Lentini, Carentini e Francofonte si impegnano ad erogare gi interventi socio assistenziai e ' ASP si impegna a garantire e prestazioni sanitarie. Assistenza Domiciiare socio- assistenziae integrata a'assistenza Socio -Sanitaria Anno Utenti Totae ore Utenti Interventi da reaizzare con N ,00 PAC 1 Riuarto Interventi da reaizzare con 2015 atre risorse N , Totai interventi (previsioni) N ,00

6 Utenti Totae ore Utenti Interventi da reaizzare con N. 37per20h ,59 Anno PAC 2 Rigarto mensii 2016 Interventi da reaizzare con N. 34per20h ,00 atre risorse mensii Totai interventi N. 71 utenti ,59 (previsioni) Anno 2015 Assistenza Domiciiare Socio- Assistenziae (ADA) Utenti Totae ore Utenti Interventi da reaizzare con N ,00 PAC 1 Rinarto Interventi da reaizzare con Con atre risorse F N.P.S N ,00 Totai interventi N ,00 (previsioni) Utenti Totae ore Utenti Interventi da reaizzare con N) Q6 pe~ 16h !92,&2. PAC 2 Rinarto mensii Anno Interventi da reaizzare con N. 47 per 16h , atre risorse mensii Totae interventi N ,76 (previsioni) r: ::: -... ' '" ~ ~ i \\)

7 ~~~;~.. -f}q. "t1>\.\t; \~i /,, rò''.;.,, u~ ~~ /~;~ ~] :!f; 'ome si evince dae schede riassuntive, i finanziamento de PAC 2 Riparto è programmato ne'anno 2016 a prosecuzione de PAC 1 Riparto che si concuderà i Rispetto a Primo Riparto ne quae era previsto per i Servizio ADI un numero compessivo di h per 34 utenti, per 20 h mensii ad utente e per una spesa pari ad ,00 (di cui ,00 a vaere sui PAC e ,00 risorse non PAC), per i 2 Riparto si prevede di assistere compessivamente n.7 utenti, di cui n. 37 a vaere dei fondi PAC per 20h mensii e n.34 a vaere dee risorse proprie. Neo specifico, in riferimento ae somme finanziate con i secondo riparto pari a ,00 e Parti si impegnano a destinare interamente e risorse P AC assegnate ai Comuni de Distretto SS49 per 'erogazione dee prestazioni (tuteari) de servizio di ADI e di ADA, come segue: ,59 per i servizio di ADI per un monte ore per n. 37utenti per 20 h mensii; ,82 per i servizio di ADA per un monte ore per n. 06 utenti per 16 h mensii. Inotre, i Comuni con risorse proprie si impegnano ad incrementare i numero degi utenti beneficiari, come segue: ,00 per i servizio di ADI per un monte ore per n. 34 utenti per 20 h mensii; ,44 per i servizio di ADA per un monte ore per n. 47 utenti per 16 h mensii. L' ASP si impegna ad erogare e prestazioni sanitarie per e cure domiciiare (ADI) mettendo a disposizione risorse proprie economiche, ogistiche e professionai. In riferimento ai tre Comuni, in inea con e indicazioni de Ministero de'interno riguardo ae percentuai di finanziamento assegnate, quee che seguono sono e somme che ciascun Ente utiizzerà per i Sistema Integrato di cure domiciiari: - Comune di Lentini ,85; -Comune di Carentini ,63; -Comune di Francofonte ,52. Come sopra descritto, si ribadisce che ad integrazione dee risorse de secondo riparto dei fondi PAC, i Comuni metteranno a disposizione dei Servizi ADI e ADA proprie risorse p!ovenienti ~ F.N.P.S. per hinazare i iveo quaitativo e q\umtitati.;o d~! ~ervizio di cure domiciiari. ART.6 IMPEGNO A MANTENERE ATTIVO IL PUNTO UNICO DI ACCESSO ( P.U.A.) A fine di favorire a reaizzazione de Sistema Integrato di Cure Domiciiari (ADI) e Parti si impegnano come segue: ~ \.! - 1" i.; ~?~~ç/

8 omoogare i criteri di accesso a servizio per tutti i cittadini destinatari attraverso i ricorso a'uvm con 'integrazione rispetto ae figure professionai de' ASP di una unità di assistente sociae de Comune di residenza de'assistito; redigere e utiizzare una moduistica unica per 'accesso e per un percorso omoogo e integrato rispetto ae esigenze di cure e di assistenza de richiedente; mantenere attivo i PUA e gi sportei di accesso nee singoe aree territoriai de Distretto a copertura de fabbisogno di accesso integrato socio sanitario; rispettare a composizione, e funzioni ricoperte i principai dati di attività, gi strumenti di vautazione mutidimensionae, come preyisti ne'aegato Regoamento. ART.7 IMPEGNO A MANTENEREATTIVA L'UNITA' DI VALUTAZIONE MULTIDISCIPLINARE La vautazione mutidiscipinare, 'anaisi dettagiata dei probemi e dei bisogni che ogni soggetto presenta, deve essere 'adempimento prioritario ai fini dea definizione de progetto socio-sanitario personaizzato e dea presa in carico integrata de soggetto. La vautazione de'ammissibiità dea domanda è di competenza escusiva de'equipe professionae, de'u.v.m. integrata con a componente sociae de Comune, con competenze mutidiscipinari in grado di comprendere e esigenze dei pazienti con bisogni sanitari e sociai compessi. La vautazione avverrà con a scheda SVAMA (scheda per a vautazione muti dimensionae dee persone adute e anziane per 'accesso ae prestazioni residenziai, semiresidenziai e domiciiari per anziani, disabii, non autosufficienti e fragii che consente una definizione quantitativa e quaitativa de servizio domiciiare). ART.8 IMPEGNO A INTRODURRE MODALITÀ DI y ~LUT~~IQNE COMPATIBILI CON IL SINA (SISTEMA INFORMATIVO SUI SERVIZI SOCIALI PER LE NON AUTOSUFFICIENZE E CON IL NUOVO SISTEMA INFORMATIVO SANITARIO PER IL MONITO RAGGIO DELL'ASSISTENZA DOMICILIARE ( SIAD) Le parti si impegnano pertanto ad adottare modaità di vautazione muiti dimensionae de grado di non autosufficienza compatibii con i SINA (Sistema Informativo sui servizi sociai per e Non autosufficienze e con i nuovo sistema informativo sanitario per i monitoraggio de'assistenza domiciiare ( SIAD)... ' \' '

9 ' ;\ '(;)\ \('Ù ]-~.f / ~J ~V fine di favorire criteri oggettivi di verifica degi interventi da un punto di vista quai - quantitativo, e parti si impegnano nea redazione e' ne'utiizzo di specifica moduistica da somministrare a! 'utenza ao scopo di rendere gi interventi previsti quanto più cogenti e coerenti in termini di prossimità con un approccio fessibie e non statico, con 'obiettivo di permettere, ove necessario, una rimoduazione de'offerta di servizi puntuae ed efficace. II Monitoraggio e a vautazione de servizio vedrà coinvota 'intera governance de sistema integrato di cure domiciiari, professionae, organizzativa e istituzionae. Le Parti si impegnano ad adottare modaità di vautazione mutidimensionae de grado di non auto sufficienza compatibii con 'aimentazione de Sistema Informativo per a Non Autosufficienza (SINA) e de nuovo Sistema Informativo Sanitario per i monitoraggio de'assistenza Domiciiare ( NSIS- DIAD). ART.9 SISTEMA DI ACCREDITAMENTO In riferimento ae prestazioni di tipo socio assistenziae i Distretto S.S. 49 ha attuato un importante cambiamento sue modaità di erogazione dei servizi tuteari: si è passati da un sistema di affidamento dei servizi domiciiari attraverso gare d'appato ad un sistema di accreditamento dei soggetti erogatori a fine di sneire i modi e i tempi di erogazione de servizio e di responsabiizzare 'utenza coinvota in una sceta più consapevoe e quaitativarnente rispondente ai suoi bisogni espressi. Riguardo ai servizi de o Riparto con i "Regoamento Distrettuae per 'Accreditamento dei servizi ADA/ADI", approvato con verbae n. 8 de , sono stati stabiiti i requisiti di iscrizione a'abo: di idoneità generae di cui a'art. 38 de D.Lgs 163/06; di idoneità professionae tra cui 'iscrizione a'abo regionae in apposita sezione; requisiti strutturai ed organizzativi tra cui esperienza ne servizio per cui si chiede 'accreditamento, obbigo di garantire e figure professionai richieste, 'aggiornamento professionae_dep()rsonae,ia Carta dei Servizi, ecce. - Per 'eiogazìone dei ~ervizi di cui a presente Accordo reativi azo Riparto, per i quai è prevista otre a figura professionae di Operatore Socio Assistenzia~ (OSA), soprattutto a figura de' Operatore Socio Sanitario (OSS) e di conseguenza 'adeguamento de vaore de voucher, si attiverà una nuova procedura di Accreditamento degi Enti erogatori di prestazioni socioassistenzìai e socio-sanitari in conformità ae indicazioni de Ministero de'interno. L'iscrizione a'abo Distrettuae avviene a seguito di istruzione dee istanze di accreditamento presentate dae Ditte partecipanti da parte di una Commissione a'uopo costituita che ha anche

10 /. ~~ >:~~'(.~):. '~\. ~~:~\~~~ '_);) '<'/f.~,goni di vìcri!anza e di... ::r' controo su mantenimento dei requisiti nea fase di avvio ed erogazione dei servizi. I servizio verrà erogato tramite i buoni voucher assegnati agi aventi diritto che iberamente scegieranno a ditta accreditata da cui si faranno erogare e prestazioni in conformità a quanto previsto ne Piano Assistenziae Individuae. ~ ART.O PRESTAZIONI SOCIO-SANITARIE Tra e azioni di sistema i Distretto Socio Sanit~rio 49 ha adottato i " Patto di accreditamento" per discipinare i rapporto tra e Amministrazioni Comunai e i soggetti accreditati a'abo Distrettuae per 'erogazione dei servizi domiciiari. I sistema di accreditamento è fondato sua ibera sceta de soggetto accreditato da parte de cittadino che usufruisce de servizio. Con questo sistema si vogiono garantire a cittadino eevati standard quaitativi dei soggetti accreditati, centraizzare i ruoo attivo de cittadino- utente sia in ordine a'eaborazione de proprio progetto assistenziae, sia aa sceta de soggetto erogatore. Gi interventi e e prestazioni socio-assistenziai saranno erogate tramite voucher spendibii presso e ditte accreditate co Distretto Socio Sanitario 49 a favore dee persone richiedenti e dee oro famigie, sua base de Piano Assistenziae Individuae o P.A.I. predisposto da'u.v.m. integrata con a componente sociae de Comune. ART. VOUCHER SOCIALE I voucher sociae si concretizza ne'erogazione di un contributo progettuae personaizzato e finanziato a favore dei singoi cittadini che fruiscono di interventi assistenziai. I voucher è o strumento con i quae i Distretto tramite i Comuni si impegna a'erogazione de servizio, riconoscendo a necessità de' intervento assistenziae personaizzato. In termini economici i voucher ha un importo corrispondente a vaore orario de servizjo ehe )ejio spècifico per 'Assistenza Domiciiare Integrata (ADD èp~ri ~ ÌS,90, com~ indicato ne Piano Anziani. I voucher è 'unico strumento vaido per 'acquisizione di interventi socio-assistenziai da utiizzarsi soo presso fornitori egittimati da Distretto Socio Sanitario, iscritti a'albo Distrettuae, che costituiscono i Cataogo de' Offerta.

11 --~ '~ ~;~:.:~:~. '..,_ , ART.12 GRATUITA' E COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DEL SERVIZIO In riferimento a Servizio di Assistenza Domiciiare Integrata (ADI) si precisa che aa uce dea esperienza fatta con i o Riparto si ritiene opportuno annuare a quota di compartecipazione a costo de servizio da parte dei beneficiari, in quanto, seppur in presenza di utenti che percepiscono indennità di accompagnamento, tai proventi debbono assicurare agi stessi a possibiità di poter integrare e prestazioni oro garantite gratuitamente da servizio pubbico con atri interventi socio sanitari di cui necessitano. Per e prestazioni assistenziai domiciiari (ADA) gi anziani uitrasessanta cinquenni non autosufficienti o con ridotta autosufficienza sono tenuti aa compartecipazione a costo de servizio nea misura prevista daa normativa regionae (Decreto Assessoriae n.867/s7 ART.4- cacoato in proporzione a! reddito posseduto (Attestazione ISEE). I servizio verrà erogato gratuitamente ai soggetti i cui reddito non superi a fascia esente otre a quae è prevista a compartecipazione ai costo de servizio di cure domiciiari. La quota di compartecipazione, se dovuta sarà comunicata a!'assistito in occasione dea sottoscrizione de P.A.I. e dea sua accettazione. La quota di compartecipazione viene versata direttamente da'utente aa ditta accreditata sceta per 'erogazione dee prestazioni. I mancato pagamento dea quota di compartecipazione aa ditta entro 30 giorni da'avvio de servizio comporta in automatico a sospensione de servizio e 'immediata comunicazione di so!ecito de pagamento dee spettanze da parte dea ditta fornitrice. ART.13 MODIFICHE Eventuai modifiche de'accordo sono possibii, purché condivise unanimemente tra i soggetti coinvoti. ART.14 APPROVAZIONE I presente Accordo, ai sensi de'art. 34 de D.Lgs. n.267 de , verrà approvato con atto formae de Sindaco de Comune Capofia e successivamente trasmesso iù Ministero de'interno. I presente atto verrà pubbicato ai sensi di egge. ART.15 DURATA.. La cutata de presente Accordo è connessa aa reaizzazione de Piano di Intervento Anziani di cui a Fondi PAC- Secondo Riparto- e verrà a scadere con a sua concusione e rendicontazione. _

12 ART.16 NORME DI RINVIO Per quanto non previsto da presente accordo si rinvia aa vigente discipina generae de'accordo di programma, di cui a'art. 34 TUEL (d.gs. 267/2000) In fede e a piena confenna di quanto sopra, e parti si sottoscrivono come segue: COMUNI NOME/COGNOME FIRMA DELEGATO : Carentini : Francofonte A.S.P. n.8 di. Siracusa -----~-,.,-.,....

Determinazione nr. 3 -i del 21 APR. 20!4

Determinazione nr. 3 -i del 21 APR. 20!4 CITTA' DI CASTELLAMMARE DI STABIA AMBITO 27 egge 328/00 Determinazione nr. 3 -i de 21 APR. 20!4 N 3't L; de Registro Generae de 2 3 APR. 2014 Oggetto: Tirocinante Di Maio Serena : autorizzazione ad effettuare

Dettagli

il DM 27012004 "Modifiche al Regolamento recante norme concernenti l'autonomia

il DM 27012004 Modifiche al Regolamento recante norme concernenti l'autonomia carica presso a sede de'università; e La Federazione CONFAL-UNSA Coordinamento Nazionae Beni Cuturai (di seguito denominata Federazione) con sede c/o Ministero per i Beni e e AttivitA Cuturai. Via de Coegio

Dettagli

Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiliare

Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiliare Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiiare Convenzione fra 'Amministrazione provinciae di Pistoia e a PROD. 84 di Pistoia (PT) ai sensi de'art. 5 Legge 381191 e S. di puizia dei

Dettagli

Provincia di Terni DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Repertorio Generale delle Determinazioni dirigenziali n. 114 del 27/02/2015

Provincia di Terni DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Repertorio Generale delle Determinazioni dirigenziali n. 114 del 27/02/2015 Tit. SETTRE: DIRIGENTE: SERVIZI: Ambiente e Difesa de Suoo Arch. Donatea Venti Gestione amm.va contabie Repertorio U.. dee determinazioni dirigenziai n. 2 de 26/01/2015 GGETT: Piano di Azione Ambientae

Dettagli

-- -1. n. l istanza. nel termine di scadenza previsto dal bando, è pervenuta CONCESSIONE PER POSTEGGIO AL MERCATO COPERTO DI P MARZOLI.

-- -1. n. l istanza. nel termine di scadenza previsto dal bando, è pervenuta CONCESSIONE PER POSTEGGIO AL MERCATO COPERTO DI P MARZOLI. { CONCESSONE PER POSTEGGO AL MERCATO COPERTO D P MARZOL. L'anno duemiaquindici (20L5) addì...-...( ) de resid enza comunae di Bernada, con a presente scrittura privata da vaere ad ogni effetto di egge

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258 PROVINCIA DI ASTI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258 OGGETTO APPROVAZIONE REGOLAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE 20/62 L anno duemiasei i giorno trenta de

Dettagli

Un mondo di vantaggi. Un offerta personalizzata. Là dove i Papi vanno in vacanza CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL TECNOLOGIA PER IL CLIENTE

Un mondo di vantaggi. Un offerta personalizzata. Là dove i Papi vanno in vacanza CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL TECNOLOGIA PER IL CLIENTE ECONOMIA CULTURA SOLIDARIETÀ TERRITORIO SPORT PLEIADI N 62 - Semestrae - Aprie 2013 CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL Un mondo di vantaggi TECNOLOGIA PER IL CLIENTE Un offerta personaizzata CASTELLI ROMANI

Dettagli

CONCESSIONE DELLA COLTIVAZIONE DI ORTI SOCIALI SU APPEZZAMENTO DI TERRENO COMUNALE.

CONCESSIONE DELLA COLTIVAZIONE DI ORTI SOCIALI SU APPEZZAMENTO DI TERRENO COMUNALE. Lavori Pubbici Urbanistica Ecoogia e Ambiente Ediizia Privata Moniga de Garda, ì 28/09/2015 CONCESSIONE DELLA COLTIVAZIONE DI ORTI SOCIALI SU APPEZZAMENTO DI TERRENO COMUNALE. IL RESPONSABILE DELL'AREA

Dettagli

~~~(!?d;ne Jf/~~. @rouffu.~~.e @r~.j~

~~~(!?d;ne Jf/~~. @rouffu.~~.e @r~.j~ ~~~(!?d;ne Jf/~~ @rouffu~~e @r~j~ Jt~U&?o r~/if:~/m::u r 96~"g~ 96ur: n o ~ 30110/2009 4228/2009 AS/amp Ai Sigri Presidenti degi Ordini Provinciai dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestai Ai Sigri Presidenti

Dettagli

GOAP.0263931.2006 ~~-~~~~-5000-08/08/2008-0263931-2008

GOAP.0263931.2006 ~~-~~~~-5000-08/08/2008-0263931-2008 DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generae dee Risorse Materiai, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I M IRIRIRIR IY IIIIIIII GOAP.0263931.2006 ~~-~~~~-5000-08/08/2008-0263931-2008

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER L ACCREDITAMENTO DEI SERVIZI ADI / ADA

REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER L ACCREDITAMENTO DEI SERVIZI ADI / ADA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 49 Carlentini Lentini Francofonte A.S.P. Siracusa Capofila REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER L ACCREDITAMENTO DEI SERVIZI ADI / ADA Approvato con verbale n.8 del 04/12/2013 del Comitato

Dettagli

Atto costitutivo dell'associazione di volontariato

Atto costitutivo dell'associazione di volontariato Esente da imposte di boo e registro ex artt. 6-8 Legge 266/1991. Atto costitutivo de'associazione di voontariato ART. 1 - È costituita fra i suddetti comparenti 'associazione di voontariato costituita

Dettagli

SETTORE : AMBIENTE. DETERMINAZIONE N. 0 s-- DEL '2.3 GEN. 2015

SETTORE : AMBIENTE. DETERMINAZIONE N. 0 s-- DEL '2.3 GEN. 2015 CITTÀ DI CASTELLAMMARE DI STABIA (Provincia di Napoi ) SETTORE AMBIENTE Via De Turris n.16 "Paazzo S.Anna" Te. 081 3900212 Fax 081 39005382 PEC: ambiente.stabia@asmepec.it SETTORE : AMBIENTE DETERMINAZIONE

Dettagli

Sistemi di gestione per la qualità UNI EN ISO 9001. (edizione 2015)

Sistemi di gestione per la qualità UNI EN ISO 9001. (edizione 2015) Sistemi di gestione per a quaità UNI EN ISO 9001 (edizione 2015) 1 4) CONTESTO DELL'ORGANIZZAZIONE 4.1 Comprendere 'organizzazione e i suo contesto L'organizzazione deve determinare i fattori esterni ed

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE

SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE Focus TU Articoo SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE di Fausto Di Tosto, primo tecnoogo, Sezione Impianti e apparecchiature eettriche - ISPESL

Dettagli

PIANO DI LAVORO. docente: Lancellotti Canio. classe: 5^ A IGEA. disciplina: ECONOMIA AZIENDALE. consegnato in data: 11 dicembre 2012

PIANO DI LAVORO. docente: Lancellotti Canio. classe: 5^ A IGEA. disciplina: ECONOMIA AZIENDALE. consegnato in data: 11 dicembre 2012 ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO STATALE DI SAN DANIELE DEL FRIULI Istituto Statae d Istruzione Superiore Vincenzo Manzini di San Daniee de Friui Piazza IV Novembre 33038 SAN DANIELE DEL FRIULI (prov. di Udine)

Dettagli

Le grandi imprese. nascono da piccole opportunita...

Le grandi imprese. nascono da piccole opportunita... Le grandi imprese nascono da piccoe opportunita... CHI SIAMO Direzione Lavoro è una Società speciaizzata in Ricerca & Seezione, Formazione e Gestione Risorse Umane. Nasce da unione di un gruppo di professionisti

Dettagli

74 Quadro RF. Unico 2009 Società di capitali ed enti commerciali

74 Quadro RF. Unico 2009 Società di capitali ed enti commerciali 74 Per i beni mobii registrati, con costo ammortizzabie ai fini fiscai in un periodo non inferiore a dieci anni, a cui utiizzazione richieda un equipaggio di ameno sei persone, quaora siano concessi in

Dettagli

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 740 DEL 27/09/2013 APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVI E GRAVISSIME DISABILITA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2013

Dettagli

Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza

Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza Allegato A MODALITÀ DI UTILIZZO DEL FONDO PER LE NON AUTOSUFFICIENZE E DEL FONDO FINALIZZATO ALLA PERMANENZA O RITORNO IN FAMIGLIA DI PERSONE PARZIALMENTE

Dettagli

SCHEMA DI D.LGS SULLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI L APPRENDISTATO

SCHEMA DI D.LGS SULLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI L APPRENDISTATO SCHEMA DI D.LGS SULLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI L APPRENDISTATO A cura deo studio egae Aberto Guariso Livio Neri Aggiornamento a 04.03.2015 Art 39: Definizione I contra*o di apprendistato è definito secondo

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO 1tEGIONiì CAABR ~~~."fscoastico Regionae ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLE DELL'INFANZIA, PRIMARIE, SECONDARIE DI 1 GRADO DI AMENDOLARA, ORIOLO E ROSETO CAPO SPULICO Via Roma, 1-87071- AMENDOLARA (CS) I PROT.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (S.A.D.)

AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (S.A.D.) AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (S.A.D.) In attuazione del II Piano di intervento servizi di cura per gli anziani del Piano di Azione e Coesione,

Dettagli

CITTA DI PALAGONIA Provincia di Catania

CITTA DI PALAGONIA Provincia di Catania CITTA DI PALAGONIA Provincia di Catania DISTRETTO SOCIO SANITARIO D20 (PALAGONIA, SCORDIA, MILITELLO V.C., RADDUSA, RAMACCA, CASTEL DI IUDICA) Prot. n. 21087 del 20.12.2013 P.A.C - PIANO DI AZIONE COESIONE

Dettagli

Le pensioni dal 1 gennaio 2014

Le pensioni dal 1 gennaio 2014 Argomento A cura deo Spi-Cgi de Emiia-Romagna n. 1 gennaio 2014 Le pensioni da 1 gennaio 2014 Perequazione automatica 2014 pensioni, assegni e indennità civii assistenziai importo aggiuntivo per anno 2013

Dettagli

RSU ELEZIONI DEL 3-4-5 MARZO 2015 BREVI NOTE SULLA CONTRATTAZIONE D ISTITUTO

RSU ELEZIONI DEL 3-4-5 MARZO 2015 BREVI NOTE SULLA CONTRATTAZIONE D ISTITUTO RSU ELEZIONI DEL 3-4-5 MARZO 2015 BREVI NOTE SULLA CONTRATTAZIONE D ISTITUTO RSU eezioni de 3-4-5 marzo 2015 3 Caendario e tempistica dee procedure eettorai e termine per e adesioni 13 gennaio 2015 annuncio

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO Approvato con Deliberazione di Giunta Esecutiva n 93 del 01/07/2015 UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO AVVISO DI RIDEFINIZIONE NORME ASSEGNAZIONE VOUCHER SOCIALI PER SOSTENERE LA VITA

Dettagli

PERIODO 1 LUGLIO 2015 31 DICEMBRE 2015

PERIODO 1 LUGLIO 2015 31 DICEMBRE 2015 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI VOUCHER PER L ACQUISTO DI PRESTAZIONI SOCIO ASSISTENZIALI DI POTENZIAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE, A FAVORE DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Richiamati: PERIODO

Dettagli

BANCA POPOLARE FRIULADRIA ALLEGATO DELL'ACCORDO 17 MARZO 201 0 COSTITUZIONE DELLA RAPPRESENTANZA DEI LAVORATORI PER SICUREZZA IN FRIULADRIA

BANCA POPOLARE FRIULADRIA ALLEGATO DELL'ACCORDO 17 MARZO 201 0 COSTITUZIONE DELLA RAPPRESENTANZA DEI LAVORATORI PER SICUREZZA IN FRIULADRIA REGOLAMENTO PER L'ELEZIONE DEI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO ("RRLLSS") BANCA POPOLARE FRIULADRIA SPA (aegato a'accordo 17 marzo 2010) Art 1 - INDRIONE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DOMANDA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSEGNO DI CURA

AVVISO PUBBLICO DOMANDA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSEGNO DI CURA COMUNE DI SENIGALLIA AVVISO PUBBLICO DOMANDA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSEGNO DI CURA Deliberazione della Giunta Regionale n. 6 del 09/01/2012

Dettagli

CERNUSCO SUL NAVIGLIO

CERNUSCO SUL NAVIGLIO 1 Area: Servizi al Cittadino Settore: Servizi Sociali Ufficio: Piano di Zona FONDO SOCIALE REGIONALE 2014 - CRITERI DI RIPARTO APPROVATI CON DELIBERA DELL ASSEMBLEA DEI SINDACI DEL 01.10.2014. DOCUMENTO

Dettagli

BANDO DI ACCREDITAMENTO 2014/15 PER LA FORNITURA DI PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE MEDIANTE VOUCHER SOCIALE

BANDO DI ACCREDITAMENTO 2014/15 PER LA FORNITURA DI PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE MEDIANTE VOUCHER SOCIALE DISTRETTO SOCIO - SANITARIO D54 Comuni di Castelvetrano - Campobello di Mazara- Partanna- Poggioreale-Salaparuta-Santa Ninfa Partanna Poggioreale Salaparuta - Santa Ninfa Piazza G. Cascino, n. 8 91022

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI EROGAZIONE TITOLI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA` GRAVE O ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI

AVVISO PUBBLICO DI EROGAZIONE TITOLI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA` GRAVE O ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI U f f i c i o d i P i a n o Varese, lì 7 marzo 2014 Prot. n. 12720 AVVISO PUBBLICO DI EROGAZIONE TITOLI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA` GRAVE O ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI DISTRETTO VARESE

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI

INFORMAZIONI GENERALI INFORMAZIONI GENERALI SEDE Ergife Paace Hote Roma Via Aureia, 619-00165 ROMA Come raggiungere a sede IN AEREO: Da Aeroporto Internazionae Leonardo da Vinci di Fiumicino a km.25 taxi treno Fiumicino/Roma

Dettagli

G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE -~ ' UNIVERSITÀ AREA AFFARI GENERAU mtuzionali E LEGAU Ufficio Ediizia Universitaria e Contratti prot SòeaA dei cd?;\ o:t..wx::. G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ART, -OGGETTO, 1. L'Università

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. N. 52 DEL 30.11.2010 MODIFICATO CON D.C.C. N. 43 DEL 26.10.2011 ART. 1 PREMESSA

Dettagli

17 MARZO 2014/ 15 APRILE 2014 CRITERI PER L EROGAZIONE DI BUONI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA GRAVE E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI

17 MARZO 2014/ 15 APRILE 2014 CRITERI PER L EROGAZIONE DI BUONI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA GRAVE E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI 17 MARZO 2014/ 15 APRILE 2014 CRITERI PER L EROGAZIONE DI BUONI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA GRAVE E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ART. 1 OGGETTO e FINALITA Il presente documento disciplina

Dettagli

SEITORE POLITICHE GIOVANILI E PUBBLICA ISTRUZIONE

SEITORE POLITICHE GIOVANILI E PUBBLICA ISTRUZIONE Gim 41 Cutrtt ""mare d s.a ; ~rmrr ~,.,,tj,,mi~:u Finauiario 'rofocoo N. 'i. 8 DI C 2011 CITTA' DI CASTELLAMMARE DI STABIA Provincia di Napoi SEITORE POLITICHE GIOVANILI E PUBBLICA ISTRUZIONE Determinazione

Dettagli

CITTÀ DI CLUSONE. Provincia di Bergamo. Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve

CITTÀ DI CLUSONE. Provincia di Bergamo. Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve CITTÀ DI CLUSONE Provincia di Bergamo Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve CRITERI PER L EROGAZIONE DEL VOUCHER SOCIO-EDUCATIVO ED ASSISTENZIALE PER L ACQUISTO DI PRESTAZIONI

Dettagli

Comune Capofila : VETRALLA

Comune Capofila : VETRALLA PROGETTI DI INTERVENTI E SERVIZI PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI APPARTENENTI AL DISTRETTO SOCIALE VT 4 -Anno 2010- Comune Capofila : VETRALLA Comuni di : Barbarano Romano Villa San Giovanni in Tuscia

Dettagli

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART.

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART. LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART. 1 (OGGETTO) L Amministrazione Comunale di Casina condividendo le finalità

Dettagli

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive

Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Il Piano di Azione e Coesione: quali azioni, quali prospettive Luciana Saccone Dipartimento per le politiche della famiglia Piano di Azione per la Coesione Nel corso del 2011, l azione del Governo nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE E DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI E SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO DEI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE E DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI E SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO DEI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE E DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI E SOCIOSANITARIE I N D I C E Art. 1 Oggetto Art. 2 Ambito di applicazione Art. 3 Determinazione della quota di compartecipazione

Dettagli

Ordine del Giorno. 2. Esame ed approvazione della bozza di bilancio di esercizio chiuso al 3 1.12.2014;

Ordine del Giorno. 2. Esame ed approvazione della bozza di bilancio di esercizio chiuso al 3 1.12.2014; UNGAS DSTRBUZONE S.R.L. - VA LOMBARDA N. 27-24027 NEMBRO (BG) - C.F. P..V.A. 03083850168 LBRO DELLE DECSON DEGL AMMNSTRATOR VERBALE DEL CONSGLO D AMMNSTRAZONE DEL 26 FEBBRAO 2015 Oggi, 26 febbraio 2015,

Dettagli

I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI

I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI CIGO, CIGS, CdS, Fondi biaterai Roberto Benagia - Giugno 2015 Lavoratori beneficiari Operai, impiegati, quadri + apprendisti in professionaizzante per Cigo e Cigs crisi aziendae

Dettagli

Ambito Territoriale dei Servizi Sociali. Comune Capofila Marcianise

Ambito Territoriale dei Servizi Sociali. Comune Capofila Marcianise Ambito Territoriale dei Servizi Sociali Comune Capofila Marcianise REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI ART. 1 FINALITÀ DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.63 del 21.12.2010 ART. 1 OGGETTO Il presente

Dettagli

UOC: Sviluppo Competenze e Formazione DIRETTORE: Dott. M. Bizzoca Te!' 0746 278769 - FAX 0746 278742 - e-mail: formazione@as!.rieti.

UOC: Sviluppo Competenze e Formazione DIRETTORE: Dott. M. Bizzoca Te!' 0746 278769 - FAX 0746 278742 - e-mail: formazione@as!.rieti. +ASL RET AZENDA UNTÀ SANTARA LOCALE RET Via de Terminio, 42-02100 RET - Te. 0746.2781 - PEe: as.rieti@pec.it C.F. e P.1. 00821180577 REGONE T LAZO.. UOC: Sviuppo Competenze e Formazione DRETTORE: Dott.

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila 1 DISTRETTO SOCIO SANITARIO D12 Adrano Biancavilla S.M. Licodia ASP 3 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Art. 1

Dettagli

A seguito dei criteri definiti dall Assemblea dei Sindaci in data viene aperto il BANDO A SPORTELLO (dal 25/05/2015 al 31/12/2015)

A seguito dei criteri definiti dall Assemblea dei Sindaci in data viene aperto il BANDO A SPORTELLO (dal 25/05/2015 al 31/12/2015) INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 2883 DEL 12/12/2014 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVE DISABILITA E NON AUTOSUFFICIENZA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2014. ULTERIORI

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI EROGAZIONE TITOLI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA` GRAVE O ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI

AVVISO PUBBLICO DI EROGAZIONE TITOLI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA` GRAVE O ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI U f f i c i o d i P i a n o Varese, lì 4 marzo 2015 Prot. n. 16082 AVVISO PUBBLICO DI EROGAZIONE TITOLI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA` GRAVE O ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI DISTRETTO VARESE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scolastico 2014-15

PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scolastico 2014-15 PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scoastico 2014-15 CORSO: DOCENTE COORDINATORE: DOCENTE SOSTEGNO: ASSISTENTE FISICA: 8 9 10 11 12 14 15 16 17 1. ORARIO DEFINITIVO DELLA CLASSE(in giao:orario

Dettagli

U.N.I.T.A.L.S.I. REGOLAMENTO GENERALE REGOLAMENTO ELETTORALE

U.N.I.T.A.L.S.I. REGOLAMENTO GENERALE REGOLAMENTO ELETTORALE U.N.I.T.A.L.S.I. Unione Nazionae Itaiana Trasporto Ammaati a Lourdes e Santuari Internazionai REGOLAMENTO GENERALE * * * * REGOLAMENTO ELETTORALE * * * * SECONDA EDIZIONE INDICE GENERALE PREFAZIONE ALLA

Dettagli

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 Approvazione criteri per l assegnazione contributi ai Soggetti gestori delle funzioni socioassistenziali per le attività delle Equipe Adozioni e per la promozione dell affidamento

Dettagli

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari Regolamento per il Servizio di Assistenza Domiciliare e dei Servizi Tutelari SOMMARIO: Art. 1 Finalità del Servizio; Art. 2 Gestione del Servizio; Art.

Dettagli

BUONO SOCIALE. Via Turati 2/b - 22036 Erba (C0) - P. IVA 02984610135 - Tel. 031 6474525 - Fax 031 6474539 - ufficiodipiano@consorzioerbese.

BUONO SOCIALE. Via Turati 2/b - 22036 Erba (C0) - P. IVA 02984610135 - Tel. 031 6474525 - Fax 031 6474539 - ufficiodipiano@consorzioerbese. BUONO SOCIALE CRITERI E MODALITA PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE A FAVORE DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITE A DOMICILIO DAI FAMILIARI O CON ASSISTENZA INFORMALE Art. 1 Finalità: Il buono sociale

Dettagli

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO Approvato con Deliberazione di Giunta Esecutiva n 22. del 4 marzo 2014 UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO NORME VOUCHER-SAD PER POTENZIAMENTO PRESTAZIONI SOCIO ASSISTENZIALI DOMICILIARI

Dettagli

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di:

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: 1. Interventi socio educativi finalizzati al sostegno di minori in affido e/o famiglie affidatarie; 2. Interventi socio educativi

Dettagli

COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO)

COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO) COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO) Tel. 055 875011 Fax 055 8750301 P.I. 00255160970 C.F. 01342090485 www.comune.carmignano.po.it REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI COMPARTECIPAZIONE

Dettagli

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale delle Risorse Materiali, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale delle Risorse Materiali, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I MOD. 40/255 DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generae dee Risorse Materiai, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I LETTERA CIRCOLARE Ai Proweditori Regionai LORO SEDI AUfficio

Dettagli

COMUNE DI MIRA. Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

COMUNE DI MIRA. Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N. 66 DEL 15/06/2011 SOMMARIO: ART. 1 FINALITA ART. 2 OGGETTO

Dettagli

CITTA DI VENTIMIGLIA Provincia di Imperia

CITTA DI VENTIMIGLIA Provincia di Imperia COPIA CITTA DI VENTIMIGLIA Provincia di Imperia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. 179/2010 Oggetto: DEFINIZIONE DELLE QUOTE DI COMPARTECIPAZIONE DEI CITTADINI AI COSTI DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI PERSONE ADULTE E ANZIANE CHE NECESSITANO DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI

COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI PERSONE ADULTE E ANZIANE CHE NECESSITANO DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI PERSONE ADULTE E ANZIANE CHE NECESSITANO DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI (Approvato con deliberazione consiliare n 36 nella seduta del 27 settembre

Dettagli

Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S.

Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S. Consorzio Intercomunale di Servizi C.I. di S. REGOLAMENTO MISURE DI SOSTEGNO ALLA DOMICILIARITA DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 13 del 22-12-2014

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI ENTE D AMBITO SOCIALE N. 34 VESTINA REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI 1 Articolo 1 DEFINIZIONI 1. Ai fini del presente regolamento per Piano Sociale di zona si intende quel provvedimento

Dettagli

BANDO DAL 15.03.2014 AL 30.06.2014

BANDO DAL 15.03.2014 AL 30.06.2014 INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 740 DEL 27/09/2013 APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVI E GRAVISSIME DISABILITA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2013

Dettagli

&RPXQHGL6DQ0DUWLQR%XRQ$OEHUJR

&RPXQHGL6DQ0DUWLQR%XRQ$OEHUJR &23,$ 'HOLEHUDQž 'DWD &RPXQHGL6DQ0DUWLQR%XRQ$OEHUJR Provincia di Verona 9HUEDOHGLGHOLEHUD]LRQHGHOOD*LXQWD&RPXQDOH 2JJHWWR ATTO DI INDIRIZZO PER L UTILIZZO DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI ANNO

Dettagli

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias)

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) BANDO PUBBLICO PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI CONTRASTO DELLE POVERTA - Linea di intervento 3 - CONCESSIONE DI SUSSIDI PER LO SVOLGIMENTO

Dettagli

ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 64 DEL 11.07.20ll SCHEDE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 64 DEL 11.07.20ll SCHEDE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 64 DEL 11.07.20 SCHEDE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE VALUTAZIONE ANNO DIPENDENTE: CATEGORIA: B (amministrativo)

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle cooperative

Dettagli

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS Area Persone Anziane Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS OBIETTIVI Scopo del servizio è permettere agli anziani, parzialmente o totalmente non

Dettagli

Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale

Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale REGOLAMENTO PER IL PAGAMENTO DELL INTEGRAZIONE RETTE DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI A CARATTERE SOCIO-SANITARIO (RSA E CASA PROTETTA) INDICE

Dettagli

BANDO A SPORTELLO (DAL 16.03.2015 AL 30.10.2015 O FINO AD ESAURIMENTO FONDI)

BANDO A SPORTELLO (DAL 16.03.2015 AL 30.10.2015 O FINO AD ESAURIMENTO FONDI) INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 2883 DEL 12/12/2014 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVI DISABILITA E NON AUTOSUFFICIENZA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2014. ULTERIORI

Dettagli

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI Ufficio di Piano dei Servizi e degli Interventi Sociali dei Comuni appartenenti al Distretto di Menaggio Sede legale: Via Lusardi 26 22017 Menaggio (Co) Sede operativa:

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA GESTIONE DEL VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA PERIODO 2008/2010

DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA GESTIONE DEL VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA PERIODO 2008/2010 All. A DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA GESTIONE DEL VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA PERIODO 2008/2010 FONDO SOCIALE EUROPEO OB. 2 COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.G.R. n. 9/15 del 12.2.2013 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

N. 6 23.01. LA GIUNTA COMUNALE

N. 6 23.01. LA GIUNTA COMUNALE N. 6 del 23.01.2006 OGGETTO: AFFIDAMENTO SERVIZI DI ASSISTENZA ESPLETAMENTO PRATICHE E RELATIVE CERTIFICAZIONI PER L OTTENIMENTO DI PROVVIDENZE ASSISTENZIALI. LA GIUNTA COMUNALE VISTO il D. Lgs. 31 marzo

Dettagli

Comuni di SOMMA VESUVIANA (CAPOFILA) SANT ANASTASIA VOLLA CERCOLA POLLENA TROCCHIA MASSA DI SOMMA

Comuni di SOMMA VESUVIANA (CAPOFILA) SANT ANASTASIA VOLLA CERCOLA POLLENA TROCCHIA MASSA DI SOMMA DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI VOUCHER A FINALITA MULTIPLA D.D. REG. CAMPANIA N.805 DEL 7\11\2012 La Regione Campania ha avviato una sperimentazione relativa alla diffusione del Voucher quale strumento

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI SOCIALI DELL OLGIATESE

CONSORZIO SERVIZI SOCIALI DELL OLGIATESE CRITERI E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE DEI VOUCHER A FAVORE DELLE PERSONE CON DISABILITA' GRAVE E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (D.G.R. N. 2883 DEL 12.12.2014) 1 Definizione del Voucher Il Voucher a favore

Dettagli

La solarità nelle varie zone italiane per il fotovoltaico

La solarità nelle varie zone italiane per il fotovoltaico Energia e Ambiente La soarità nee varie zone itaiane per i fotovotaico Modena 5 marzo 2008 Gianni Leanza Energia e Ambiente QUANTA ENERGIA ARRIVA DAL SOLE? Da Soe, si iberano enormi quantità di energia

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SOCIALE REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SOCIALE ART.1 FINALITA DEL SERVIZIO Il Comune promuove il benessere dei propri cittadini, in particolare di quelli più svantaggiati, con il fine di inserire ed integrare socialmente

Dettagli

COMUNE DI OSTRA VETERE AVVISO PUBBLICO DOMANDA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSEGNO DI CURA

COMUNE DI OSTRA VETERE AVVISO PUBBLICO DOMANDA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSEGNO DI CURA COMUNE DI OSTRA VETERE AVVISO PUBBLICO DOMANDA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSEGNO DI CURA PREMESSO CHE Deliberazione della Giunta Regionale n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO TRASPORTO DI PERSONE DISABILI PRESSO CENTRI RIABILITATIVI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO TRASPORTO DI PERSONE DISABILI PRESSO CENTRI RIABILITATIVI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO TRASPORTO DI PERSONE DISABILI PRESSO CENTRI RIABILITATIVI Approvato con deliberazione del Coordnamento Istituzionale n.1 del 28/01/2015 ART. 1 FINALITA DEL SERVIZIO Il Servizio

Dettagli

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda L'anno addì.. del mese di, in Desenzano del Garda, nella Residenza Municipale T R A La Dr.ssa nata a ( ) il, nella sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda abilitato alla stipulazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SUSSIDI FINANZIARI NEL PAGAMENTO DI RETTE DI RICOVERO IN SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI E DISABILI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SUSSIDI FINANZIARI NEL PAGAMENTO DI RETTE DI RICOVERO IN SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI E DISABILI COMUNE DI LONGONE AL SEGRINO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SUSSIDI FINANZIARI NEL PAGAMENTO DI RETTE DI RICOVERO IN SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI E DISABILI PREMESSE L

Dettagli

MODALITA DI ACCESSO E APPLICAZIONE DELL ISEE ALLE PRESTAZIONI DELL AREA DELLA NON AUTOSUFFICIENZA

MODALITA DI ACCESSO E APPLICAZIONE DELL ISEE ALLE PRESTAZIONI DELL AREA DELLA NON AUTOSUFFICIENZA MODALITA DI ACCESSO E APPLICAZIONE DELL ISEE ALLE PRESTAZIONI DELL AREA DELLA NON AUTOSUFFICIENZA Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 dicembre 2013, n. 159 Nuove modalità di calcolo dell

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI E SOGGETTI SVANTAGGIATI

OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI E SOGGETTI SVANTAGGIATI OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI E SOGGETTI SVANTAGGIATI I L C O N S I G L I O C O M U N A L E PREMESSO che l assistenza domiciliare

Dettagli

Iscrizione N: T000629 Il Presidente della Sezione regionale del Piemonte dell'albo Nazionale Gestori Ambientali

Iscrizione N: T000629 Il Presidente della Sezione regionale del Piemonte dell'albo Nazionale Gestori Ambientali J Abo Nazionae Gestori Ambientai SE ZIONE REGIONALE DEL PIEMONTE a presso a Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricotura di TORINO Iscrizione N: T000629 I Presidente dea Sezione regionae de Piemonte

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LE MODALITA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna Direzione Generale Ufficio 4

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna Direzione Generale Ufficio 4 Ministero de struzione, de Università e dea Ricerca Ufficio Scoastico Regionae per a Sardegna Direzione Generae Ufficio 4 AOODRSA.REG.UFF. prot. n. 7373 Cagiari, 9 maggio 206 Ai Dirigenti Scoastici Direzioni

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D22 BANDO

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D22 BANDO DISTRETTO SOCIO SANITARIO D22 Comune Calascibetta Comune Catenanuova Comune Centuripe Comune Erma Comune Valguaniera Comune Vitlarosa BANDO per l'assegnazione di buoni di servizio (voucher) assistenza

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISCRIZIONE ALL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E PER LA CONCESSIONE DI SUSSIDI E CONTRIBUTI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISCRIZIONE ALL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E PER LA CONCESSIONE DI SUSSIDI E CONTRIBUTI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI. Comune di Roè Volciano Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISCRIZIONE ALL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E PER LA CONCESSIONE DI SUSSIDI E CONTRIBUTI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI. Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE PRESSO LA MENSA COMUNALE DI CUCCIAGO COMUNE DI CUCCIAGO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE PRESSO LA MENSA COMUNALE DI CUCCIAGO COMUNE DI CUCCIAGO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI CUCCIAGO ASSESSORATO ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE PRESSO LA MENSA COMUNALE DI CUCCIAGO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 26.09.2008 MODIFICATO

Dettagli

NORME PROCEDIMENTALI E ORGANIZZATIVE RELATIVE AL RILASCIO BUONO DI SERVIZIO PER L ACCESSO AI SERVIZI DI TELEASSISTENZA A CASA MIA

NORME PROCEDIMENTALI E ORGANIZZATIVE RELATIVE AL RILASCIO BUONO DI SERVIZIO PER L ACCESSO AI SERVIZI DI TELEASSISTENZA A CASA MIA COMUNE DI PARMA NORME PROCEDIMENTALI E ORGANIZZATIVE RELATIVE AL RILASCIO BUONO DI SERVIZIO PER L ACCESSO AI SERVIZI DI TELEASSISTENZA A CASA MIA di cui al Regolamento approvato con Deliberazione di Consiglio

Dettagli