CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO"

Transcript

1 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL'APPALTO PRESTAZIONI Oggetto dell'appalto è il Servizio di Assistenza Domiciliare agli Anziani ed inabili residenti nel Comune di Noci. Il servizio di assistenza domiciliare deve mantenere caratteristiche di flessibilità nei tempi e nelle modalità di erogazione delle prestazioni, nel rispetto di orari modulati sulle esigenze dell utente. Ogni intervento dovrà svolgersi in orario diurno e nella fascia oraria dalle ore 7,00 alle ore 20,30 dal lunedì al sabato. Il monte ore complessivo annuale (mesi dodici) è di n Le prestazioni di aiuto domestico che gli operatori della ditta aggiudicataria devono espletare a domicilio dell'utente sono le seguenti: - Governo e pulizia dell'alloggio dell'anziano e disbrigo dei lavori domestici, piccolo bucato e stiratura, rammendo, acquisto della spesa e aiuto nella preparazione dei pasti, aiuto per la pulizia e il riordino personale dell'anziano e/o inabile, piccole commissioni esterne (ambulatori medici per rilascio prescrizioni, pagamento tickets, bollette ENEL, GAS, TELEFONO, ecc.), accompagnamento dell'anziano presso studi medici, Enti, Istituzioni, ecc. presenti sul territorio comunale. - Sostegno e stimolo degli anziani e del loro ambiente di vita (parenti, vicini, volontari, ecc.) per una fattiva collaborazione che permetta la giusta utilizzazione del servizio ed il raggiungimento dei fini che lo stesso si prefigge. 1

2 ART. 2 PERSONALE La ditta appaltatrice assicurerà il Servizio con rapporto di lavoro subordinato con le seguenti figure: N. 1 Assistente Sociale Coordinatrice/Coordinatore del Servizio, con almeno un anno di comprovata esperienza nel servizio oggetto dell appalto. Il nominativo ed il curriculum di tale figura deve essere preventivamente comunicato all'ente appaltante in sede di presentazione dell'offerta di gara. In caso di assenza, l aggiudicatario è tenuto a comunicare immediatamente all Ufficio il nominativo del sostituto, che deve possedere gli stessi requisiti ed esperienza del titolare della funzione. N. 7 Operatori addetti all'assistenza, non occasionali e adeguatamente preparati, garantendo comunque la piena regolare esecuzione delle scelte operative del Comune nell'attuazione del Servizio. La ditta è tenuta all'osservanza dei Contratti Collettivi di Lavoro del settore di riferimento pena la decadenza del contratto. La stessa garantisce la copertura contributiva ed assicurativa degli operatori in dipendenza del servizio prestato, sia durante lo svolgimento dell'attività professionale, sia "in itinere" per raggiungere i luoghi di servizio, esonerando il Comune da ogni responsabilità. La ditta appaltatrice è obbligata a mantenere in servizio un numero di unità idoneo a garantire la tempestiva sostituzione di personale assente per qualsiasi motivo per il regolare espletamento delle incombenze ad essa affidate. Gli operatori dovranno avere adeguata capacità professionale, derivante da corsi di qualificazione e di aggiornamento, ovvero dall'aver prestato servizio, per almeno un anno, alle dipendenze di altra ditta, società e/o Cooperativa nel settore socio-assistenziale in favore delle persone anziane o inabili. In considerazione della peculiarità del Servizio, ovvero destinato a persone in condizioni di fragilità, la ditta, in virtù anche di quanto previsto dal Regolamento Regionale n. 4/07 art. 21 comma 6, è invitata ad utilizzare il personale attualmente occupato nel medesimo servizio. ART. 3 COMPITI DEGLI OPERATORI Le figure professionali da impiegare dovranno appartenere, rispettivamente per le attività da espletarsi, ai seguenti profili professionali: 1- Assistente domiciliare e dei servizi tutelari o operatore socio-assistenziale addetto all assistenza di base o operatore con esperienza documentata in attività socioassistenziali in favore delle persone anziane o inabili, di almeno un anno; Gli operatori addetti all assistenza a domicilio dovranno essere in grado di garantire le 2

3 prestazioni minime inderogabili di aiuto domestico familiare di cui all art. 1 del presente Capitolato prescritte dal programma personalizzato elaborato dall ufficio Servizi Sociali in collaborazione con l Assistente Sociale incaricata/o dall aggiudicatario, l utente ed eventuali familiari. 2- Assistente Sociale coordinatore per lo svolgimento dei sotto elencati compiti: individuazione delle modalità di intervento previa visita domiciliare, predisposizione programma di intervento individuale modi,tempi e tipologia delle prestazioni concordato con l ufficio servizi sociali,utente ed eventuali familiari; verifica del programma attraverso l effettuazione di visite periodiche a domicilio; coordinamento degli interventi degli operatori domiciliari per garantire lo svolgimento e la continuità del servizio; indizioni di periodiche riunioni mensili del personale per l analisi e la verifica degli interventi attuati e da attuare,redigendo apposita relazione da far pervenire all Ufficio Servizi Sociali; verifica del regolare svolgimento del servizio e custodia di tutta la documentazione relativa (registri operatori, archivio cartaceo e/o informatico ecc) avendo cura di comunicare all Ufficio Servizi Sociali tutte le variazioni e difficoltà inerenti il personale di servizio (sostituzione del collaboratore o collaboratrice assente, spostamento di orario del collaboratore/trice previo avviso all utente interessato); collegamento con i servizi socio-sanitari per la implementazione di eventuali interventi complementari al servizio. ART. 4 OBBLIGHI DEL PERSONALE Il personale dovrà essere dotato di idoneo tesserino di identificazione munito di foto e autenticato dal Comune. Tutti gli addetti dovranno mantenere, nell'espletamento del loro compito, un contegno serio e disciplinato e serbare, nei rapporti con gli utenti, un comportamento corretto e dignitoso; dovranno inoltre essere dotati della necessaria autonomia per una tempestiva esecuzione degli adempimenti connessi al Servizio appaltato. La ditta è inoltre sottoposta a tutti gli obblighi, verso i propri dipendenti, risultanti dalle disposizioni legislative e regolamentari vigenti in materia di lavoro e assicurazioni sociali ed assumere a proprio carico tutti gli oneri relativi. ART. 5 COORDINAMENTO DEL SERVIZIO All Ufficio Servizio Sociale, attraverso propria Assistente Sociale, compete svolgere un'azione di controllo generale e di verifica sull'andamento delle prestazioni e sul rispetto delle norme contenute nel presente Capitolato. 3

4 Al suddetto Ufficio spetta l avvio degli utenti al servizio, la pianificazione delle attività in collaborazione con l Assistente Sociale incaricato/a della ditta aggiudicataria, assicurando una organizzazione uniforme ed efficiente, una rispondenza delle prestazioni alle finalità del servizio ed una assistenza qualitativamente idonea a soddisfare i bisogni degli utenti. All'Ufficio Servizi Sociali dovranno essere preventivamente comunicati i nominativi delle unità da impiegare e la loro posizione professionale. Ogni variazione di nominativo verrà immediatamente segnalata all'ufficio, restando esclusa la possibilità di affidare prestazioni professionali a lavoratori autonomi, anche se occasionalmente. ART. 6 SISTEMA DI AFFIDAMENTO Si procederà all affidamento del Servizio con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa per l Ente ai sensi dell art. 83 D.Lgs. n. 163/06, con gli indirizzi di cui all art. 55 della L.R. n. 19/06 e del Regolamento Regionale n. 4 del 18/01/07 e ss.mm.ii., con valutazione, da parte di apposita Commissione di gara, delle offerte economiche, dell organizzazione della ditta e del servizio e dei servizi prestati e documentati. ART. 7 COMMISSIONE DI GARA La Commissione di gara è nominata con apposito atto del Responsabile del Settore Socio- Culturale dopo la scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte. A seguito del giudizio di questa, si provvederà alla relativa aggiudicazione. Il giudizio della Commissione sarà emesso previa valutazione tecnico-economica delle offerte e sulla scorta dell Avviso di Gara e del presente Capitolato. La Commissione nell espletamento del proprio compito, opera per valutare l offerta economicamente più vantaggiosa, coniugata con l accertamento di caratteristiche sostanziali di qualità, ai sensi del D.Lgs. n. 163/06. La decisione della Commissione è insindacabile nel merito, fermo restando l obbligo del rispetto di ogni criterio e requisito di cui al presente Capitolato. ART. 8 MODALITA DI VALUTAZIONE E PROCEDIMENTO I criteri in base ai quali la Commissione procederà alla valutazione delle offerte sono i seguenti: A) QUALITÀ DEL SERVIZIO E QUALITÀ ED ORGANIZZATIVE DELL IMPRESA MAX PUNTI 70 B) PREZZO MAX PUNTI 30 PUNTEGGIO MASSIMO ATTRIBUIBILE PUNTI 100 L aggiudicazione avverrà a favore della ditta che avrà conseguito il maggior punteggio risultante dalla sommatoria dei punti attribuiti rispettivamente alle qualità tecniche/organizzative e al prezzo, secondo l applicazione dei seguenti parametri: 4

5 A) QUALITÀ DEL SERVIZIO E ORGANIZZAZIONE DELL IMPRESA Criteri per la valutazione dell Offerta Tecnica Criteri Punti Sottocriteri Punti Criteri motivazionali e indicatori valutati 1) Qualità del Servizio 46 Originalità e coerenza del progetto nel suo insieme anche in relazione all adattabilità della proposta alle esigenze dell utenza del servizio 20 - Correttezza e completezza della descrizione del contesto territoriale di riferimento, con particolare attenzione alla consistenza e alle necessità della popolazione anziana ( da 1 a 6 punti, scarsa punti 1, media punti 2,5, buona punti 6); - Completezza della descrizione della metodologia e delle attività previste ( da 1 a 6 punti, scarsa punti 1, media punti 2,5, buona punti 6); - Adozione di uno strumento standardizzato di monitoraggio del servizio (max 4 punti ); - Adozione di un modello di un Piano di assistenza individualizzato ( max 4 punti). Proposte innovative e/o aggiuntive 12 Previsione di attività innovative aggiuntive: - Se il progetto garantisce lo svolgimento del servizio, all occorrenza, nei fine settimana e nei festivi, saranno attribuiti 5 punti; - Attività di socializzazione extra domiciliari ( max punti 2). Se il progetto garantisce la realizzazione di momenti di socializzazione ed aggregazione, soprattutto nel periodo estivo, saranno attribuiti 0,5 punti per ogni attività prevista fino ad un massimo di 4 attività; - Servizi aggiuntivi offerti dalla ditta oltre quelli previsti dal Capitolato senza alcuno onere aggiuntivo per l Ente (max 5 punti). 5

6 Disponibilità all utilizzo del personale già operante nel servizio Rapporti con le famiglie e con i Servizi Sociali del Comune 6 - Dichiarazione di disponibilità ad utilizzare personale già operante nel servizio. In ragione di: punti 2 per una percentuale non inferiore al 40% del personale già operante nel servizio; punti 4 per una percentuale non inferiore al 80% del personale già operante nel servizio; punti 6 per una percentuale pari al 100% del personale già operante nel servizio. 4 - Previsione di un raccordo operativo periodico e di un piano di scambi informativi con i responsabili dei servizi sociali del Comune. La commissione attribuirà un punteggio tra 0 e 2 punti. Se assente 0 punti, se presente 2 punti; - Previsione di strumenti per la rilevazione del grado di soddisfazione dell utenza, da 0 a 2 punti, 0 punti se assenti 2 punti se presenti; (una rilevazione all inizio del servizio per valutare le aspettative, una rilevazione a metà servizio e una alla fine per verificare se le aspettative sono state soddisfatte). Capacità di attivazione della rete territoriale 4 Verrà valutata la capacità del concorrente di attivare le risorse del territorio al fine di creare sinergie operative in fase di realizzazione delle attività. - Saranno valutati il numero e la tipologia di protocolli di intesa con realtà del territorio in grado di supportare il servizio. I protocolli di intesa dovranno specificare il ruolo di supporto offerto dai firmatari alla realizzazione del servizio: 0 punti se non ci sono protocolli (oppure se i protocolli presentati risultino generici e mancanti degli impegni dei contraenti), 1 punto per ogni protocollo di intesa (max 4 punti assegnabili). Al fine dell attribuzione dei punteggi, la ditta dovrà presentare un elaborato sotto forma di progetto tecnicoorganizzativo (complessivamente non oltre venticinque facciate, formato A4, di righi n. 25, per facciata, oltre alle eventuali schede e fac-simili). L elaborato progettuale dovrà essere debitamente sottoscritto dal legale rappresentante del soggetto concorrente (in caso di R.T.I. da ciascun legale rappresentante dei soggetti temporaneamente raggruppati). L elaborato dovrà illustrare la proposta di gestione del servizio in modo tale da consentire alla Commissione Giudicatrice l attribuzione dei punteggi di cui innanzi. 6

7 Criteri Punti Sottocriteri Punti Criteri e indicatori valutati 2)Qualità e Organizzazione dell impresa 24 Certificato di qualità 3 - Possesso di Certificazione di qualità UNI EN ISO 9001:2000 riferita all attività oggetto dell appalto, nel caso di raggruppamento di imprese, tale certificato potrà essere posseduto anche da una sola delle imprese associate. Sede operativa 3 - Nella misura di punti 3 se nel territorio di Noci; punti 1 se nel territorio dell Ambito del Distretto Socio-Sanitario n. 14. Sarà riconosciuto il relativo punteggio solo se tali sedi risultino dal certificato di iscrizione alla CCIAA alla data di pubblicazione dell Avviso di Gara. In caso di raggruppamento di imprese il requisito potrà essere posseduto anche da una sola impresa associata. Mezzi di trasporto Esperienza attività pregressa 4 - Nella misura di punti 2 per automezzo con pedana per disabili; punti 1 per ogni altro mezzo di trasporto (max 4 punti assegnabili); L attribuzione del punteggio è subordinata alla dichiarazione di disponibilità all utilizzazione dei mezzi per il servizio oggetto dell appalto e alla presentazione della documentazione che dimostri la disponibilità dei mezzi (titolo di proprietà, contratto di locazione, ecc.) Esperienza per attività pregressa nel settore dell Assistenza Domiciliare agli Anziani (S.A.D.) nella misura di punti 0,5 per ogni semestre continuativo di comprovata esperienza. Non saranno prese in considerazione frazioni inferiori a sei mesi se non continuativi; saranno conteggiati i singoli servizi prestati dalla stessa ditta per più Enti anche se i periodi si sovrappongono (max 12 punti). - Esperienza per attività pregressa nel settore socio-assistenziale nella misura di punti 0,25 per ogni semestre continuativo di comprovata esperienza. Non saranno prese in considerazione frazioni inferiori a sei mesi se non continuativi; saranno conteggiati i singoli servizi prestati dalla stessa ditta per più Enti anche se i periodi si sovrappongono (max 2 punti). 7

8 Al fine dell attribuzione dei punteggi, la ditta dovrà produrre idonea documentazione probatoria del possesso dei requisiti e dei servizi prestati rilasciati dagli Enti committenti in cui dovrà essere indicato l oggetto del servizio, la durata e la dichiarazione che il servizio è stato svolto con esito positivo e piena soddisfazione dell Ente committente, ovvero dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà resa ai sensi del DPR 445/2000, fermo restando in ogni caso l obbligo per la ditta aggiudicataria di produrre la relativa documentazione prima della stipula della definitiva aggiudicazione. Non saranno ammessi alle fasi successive di gara i concorrenti che non avranno conseguito cumulativamente almeno 40 punti complessivi riferiti agli elementi: 1) Qualità del servizio - 2) Qualità e organizzazione dell impresa. B) PREZZO MAX PUNTI 30/100 Al prezzo orario offerto verranno attribuiti punti 30 per il più basso, ossia per il più vantaggioso per l Ente; agli altri prezzi saranno assegnati punteggi proporzionali secondo la progressione ottenuta applicando la seguente formula: A (prezzo orario più basso) X 30 (punteggio massimo attribuito) B (prezzo altre offerte da valutare) La Commissione, nell ora e nel giorno fissato dal bando di gara procederà in seduta pubblica alla verifica della documentazione per l ammissione alla gara, contenuta nella busta b. Completata tale prima fase di gara, in una o più sedute riservate, la Commissione procederà alla valutazione degli elementi organizzativi, tecnici e qualitativi contenuti nella busta c procedendo all assegnazione dei relativi punteggi. Successivamente, in seduta pubblica, alla data ed ora che sarà comunicata via fax o con telegramma ai concorrenti con almeno 3 (tre) giorni lavorativi di anticipo, la Commissione darà lettura dei punteggi attribuiti alle singole ditte relativamente agli elementi organizzativi, tecnici e qualitativi e procederà all apertura della offerta economica contenuta nella busta a di cui darà pubblica lettura. Alla fine della lettura delle offerte procederà all attribuzione del relativo punteggio. Saranno sottoposte a verifica le offerte ritenute anormalmente basse ai sensi e per gli effetti dell art. 86 del D.Lgs. n. 163/06. Si procederà all aggiudicazione anche in presenza di una sola offerta valida. ART. 9 GARANZIE La ditta appaltatrice sarà responsabile ( art e 2059 dei Codice Civile) di eventuali danni che, in relazione al servizio affidatole, dovesse derivare a beni mobili ed immobili, agli utenti, a terze persone o al Comune di Noci. 8

9 A garanzia di ciò presterà adeguata garanzia bancaria o assicurativa rilasciata da idonea società, nella misura del 10% del valore di aggiudicazione dell'appalto. ART. 10 CORRISPETTIVO PER IL SERVIZIO A fronte del Servizio prestato, il Comune di Noci erogherà un corrispettivo orario onnicomprensivo uguale a quello offerto dalla ditta aggiudicataria dell appalto e per il numero effettivo di ore prestate dagli operatori. La tariffa oraria aggiudicata rimarrà invariata per tutta la durata dell'appalto. Altresì il Comune erogherà, a favore della ditta aggiudicataria, un corrispettivo forfettario onnicomprensivo di uro 0,25 al Km., per le prestazioni effettuate a favore di utenti residenti fuori dal Centro abitato del Comune di Noci; è inteso "Fuori dal Centro abitato", tutto il territorio comunale esterno al perimetro che delimita il Centro urbano così come da planimetria allegata sotto la lettera "A". Per il calcolo chilometrico, il punto di origine coincide con la sede dell Assessorato alle Politiche Sociali di via Romanazzi (Centro Sociale Polivalente). Il corrispettivo verrà liquidato con periodicità mensile, dietro presentazione di regolare fattura e per le ore effettivamente prestate. Contestualmente alla fattura la ditta appaltatrice dovrà trasmettere il rendiconto del servizio svolto, con l'indicazione degli utenti e delle ore di servizio prestate. Gli utenti dovranno apporre la firma a fianco dell'elenco delle prestazioni e/o delle ore di servizio usufruite su apposito modulo predisposto dalla ditta stessa di concerto con l'ufficio Servizi Sociali dei Comune. La ditta, unitamente alla fattura è obbligata a presentare il Mod. D.U.R.C. (Documento Unico Regolarità Contabile). Il Comune ha diritto, cui corrisponde l'obbligo dell'appaltatore di adeguarsi, di variare l'orario di inizio e fine del servizio, inoltre, il Comune potrà variare le ore di servizio per operatore in più o in meno rispetto a quelle fissate in sede di gara entro i limiti di un quinto ai sensi dell'art. 11 R. D. n. 2440/23, nel caso di variazione il corrispettivo sarà rapportato alla maggiore/minore quantità di ore rispetto a quelle fissate fermo il diritto dell'appaltatore di recedere dal contratto con preavviso di giorni 30 qualora la variazione eccede il suddetto limite di un quinto. ART. 11 OBBLIGHI DELLA DITTA AGGIUDICATARIA La ditta aggiudicataria si obbliga, decorsi 10 giorni dall inizio del Servizio, a presentare: - Copia del libro matricola aggiornato. La ditta, inoltre, si obbliga a comunicare ogni variazione relativa al personale impiegato nel servizio trasmettendo altresì tutta la documentazione innanzi indicata per il personale che dovesse variare. - Dichiarazione sostitutiva di atto notorio a firma del legale rappresentante della ditta, attestante l applicazione del CCNL per tutti gli Operatori impiegati nel Servizio. 9

10 - Copia autenticata dei libretti sanitari dei dipendenti o documentazione equivalente. ART. 12 INADEMPIENZE CONTRATTUALI Sul servizio svolto dalla ditta appaltatrice sono riconosciute al Comune, mediante l'intervento del personale dell'ufficio Servizi Sociali, ampie facoltà di controllo e di vigilanza in merito all'adempimento puntuale e preciso dei programmi di lavoro previsti nel presente appalto e dal Regolamento approvato dal C. C. con delibera n. 23/96. Le eventuali inosservanze delle norme che regolano l'esecuzione del servizio dovrà essere segnalata per iscritto mediante raccomandata A.R. alla ditta aggiudicataria, la quale entro il termine di 10 giorni, festivi esclusi, dalla data di ricevimento della segnalazione, potrà far pervenire le proprie osservazioni. Il Comune si riserva la facoltà di risolvere l'appalto ai sensi dell'ex art c.c. e segg., dopo aver accertato in contraddittorio le violazioni degli obblighi assunti dalla controparte con la stipula del contratto d'appalto, previa diffida. ART. 13 RISOLUZIONE DEL CONTRATTO Oltre a quanto previsto dal precedente art. 12, si attuerà la risoluzione automatica del contratto, ex art c.c., previa semplice comunicazione mediante Raccomandata A.R., in caso di: - violazione ed inadempienze alle disposizioni di legge circa la prevenzione degli infortuni, l'assistenza dei lavoratori impiegati nell'esecuzione dei servizio concesso in appalto; - cessazione di attività senza giusta causa, ovvero di sospensione non autorizzata del servizio che si protragga oltre i 5 (cinque) giorni; - accertato subappalto. ART. 14 CONTROVERSIE Le controversie che potrebbero insorgere in conseguenza del presente Capitolato Speciale di Appalto, dell Avviso di Gara, dal Regolamento approvato dal. C.C. con delibera n. 23/96 e/o del contratto sottoscritto, non definibili in via breve tra le parti contraenti, saranno demandate ad un collegio arbitrale composto da tre membri, di cui uno scelto dall'amministrazione Comunale, uno dalla ditta appaltatrice ed il terzo da designarsi di comune accordo o, in mancanza, dal Presidente del Tribunale di Bari. Il collegio giudicherà secondo le norme di diritto e non secondo quelle di equità. 10

11 ART. 15 DURATA DELL'APPALTO E IMPORTO La durata del servizio oggetto del presente appalto è fissata in anni 1 (uno) a decorrere dalla data di affidamento. E facoltà dell Amministrazione, allo scadere dell appalto, rinnovare l affidamento previa negoziazione con l aggiudicatario, utilizzando la procedura di cui all art. 57, comma 5, lett. b) del D.Lvo 163/06 per un periodo ulteriore massimo di 24 mesi o indire nuova gara di appalto. In caso di indizione di nuova procedura di appalto, ci potrà essere proroga tecnica solo per il tempo necessario alla stipula di un nuovo contratto, a seguito espletamento nuova gara L ammontare complessivo dell appalto è calcolato in relazione al presumibile numero di 8684 ore annue di servizio prestate, pari quindi a: ,00= oltre IVA nella misura di legge se dovuta. ART. 16 ORGANIZZAZIONE Il numero degli operatori, le qualifiche degli stessi, l'organizzazione del servizio e altre forme e metodi organizzativi sono disciplinati dal presente Capitolato, dal Avviso di Gara e dal Regolamento approvato dal C. C. con delibera n. 23/96. ART. 17 DIVIETI Le prestazioni effettuate in ordine al presente Capitolato, all'avviso di Gara e dal Regolamento approvato dal C. C. con delibera n. 23/96, non potranno in alcun caso costituire rapporto di impiego né pubblico né privato dei membri della ditta aggiudicataria e/o dei suoi operatori nei confronti dell'ente pubblico. ART. 18 SPESE CONTRATTUALI Tutte le spese inerenti e conseguenti alla stipula dei contratto di appalto, nessuna esclusa, sono a carico della ditta aggiudicataria. ART. 19 RIFERIMENTI NORMATIVI Per quanto non previsto nel presente Capitolato, nell'avviso di Gara e dal Regolamento approvato dal C. C. con delibera n. 23/96, si fa riferimento alla normativa Comunale, Regionale e Statale vigente. AMC/fs 11

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 20 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA AVVISO PUBBLICO E DISCIPLINARE DI GARA D APPALTO Affidamento di servizio di cui all allegato II B Art. 20 D. Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii. Affidamento di n. 1 azione progettuale denominata Sportello sociale

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Gara pubblica europea SERVIZI DI FACCHINAGGIO E TRASPORTO

Gara pubblica europea SERVIZI DI FACCHINAGGIO E TRASPORTO QUESITO n. 1 con riferimento all'elenco dei servizi analoghi prestati nell'ultimo triennio (2004/2005/2006) volevo cortesemente sapere se i certificati di buona esecuzione rilasciati dai committenti devono

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO R E G I O N E V E N E T O R E J O N V E N E T O P R O V I N C I A D I B E L L U N O P R O V I N Z I A D E B E L U N COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO CAP 32043 Corso Italia, 33 Tel. 0436 4291

Dettagli

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA. PREORDINATA ALL AFFIDAMENTO AI SENSI DEL D. LGS. 163/06 DEI SERVIZI DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DELLE ATTREZZATURE PRESSO IL CENTRO SPORTIVO DELLA

Dettagli

DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale).

DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale). Allegato al MOD. PRES. Mod. DICH/14. DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale). DELLA IMPRESA (denominazione e ragione sociale). SEDE LEGALE

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale Da riportare su carta intestata Mod. 1 sez A Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ENTI DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 14 PER

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 MOD. 2 - Busta A AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra-

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra- . ROMA CAPITALE BANDO DI GARA D'APPALTO SEZIONE I) AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale - Dipartimento Risorse Economiche - Direzione per la

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo:

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo: Avviso pubblico per l istituzione di un Albo di esperti da impegnare nelle attività di realizzazione di programmi e progetti di studio, ricerca e consulenza. Art. 1 Premessa E indetto Avviso Pubblico per

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Largo Luigi Daga, 2 00164 ROMA Tel.06/665911 fax 06/66165233 C.F.

ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Largo Luigi Daga, 2 00164 ROMA Tel.06/665911 fax 06/66165233 C.F. ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Largo Luigi Daga, 2 00164 ROMA Tel.06/665911 fax 06/66165233 C.F. 96154220584 BANDO PER ISTITUZIONE ELENCO IMPRESE DA INVITARE ALLE

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II 2015/S 082-144972 Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II Bando di gara relativo a un appalto di servizi Ubicazione tutti i paesi ACP 1.Riferimento della

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI

A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI I.1) STAZIONE APPALTANTE: A.R.T.E. Azienda Regionale Territoriale per l Edilizia della Provincia di Genova via B. Castello civ.3 16121 Genova tel. 010.53901

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN PAOLO MILANO - Via A. Di Rudinì, 8 U.O. Amministrazione risorse umane/pd BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli