I Diritti del bambino tra protezione e garanzie: le nuove figure di tutela del minore

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Diritti del bambino tra protezione e garanzie: le nuove figure di tutela del minore"

Transcript

1 Comune di Roma MUNICIPIO ROMA IX U.O.S.E.C.S. Centro Famiglie Villa Lais ATTI DEL CONVEGNO I Diritti del bambino tra protezione e garanzie: le nuove figure di tutela del minore Roma 30 Marzo 2004 SALONE CONFERENZE ISTITUTO SALESIANO PIO XI

2 2

3 3 INDICE Presentazione Dott.ssa Adriana Santangelo Saluto del Presidente del Municipio Roma IX Maurizio Oliva Introduzione ai lavori Prof.ssa Marisa Malagoli Togliatti (Chairman) Apertura dei lavori (I Parte) Intervento della Dott.ssa Alessandra Pecorella Responsabile del Centro Famiglie Villa Lais Tutela del MINORE nella Mediazione Familiare Intervento dell Avv. Antonio Rizzo Consulente legale del Centro Famiglie Villa Lais Promozione, Ascolto, Vigilanza, Segnalazione, Esperienza del Pubblico Tutore nel Veneto Intervento del Prof. Lucio Strumendo Pubblico Tutore dei Minori, Regione Veneto Allegato Apertura dei lavori (II Parte) Relatore: Prof. Massimo Bianca Direttore del Master su Diritto del Minore Università di Roma La Sapienza Intervento Avv. Milanese Prospettive e Progetti Relatrice: Dott.ssa Simonetta Matone Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Roma

4 4 La Tutela dei Minori nei Procedimenti che li riguardano: Problemi e Prospettive Relatrice: Avv. Anna Maria Marchio Avvocato Membro del Direttivo del Centro Interd. Di Studi e Ricerche per la Tutela della Persona Interventi e discussione: Conclusioni Prof. Massimo Bianca

5 5 PRESENTAZIONE Il Centro Famiglie Villa Lais, ponendosi anche come punto di riferimento per gli operatori sociali, sanitari ed educativi, nel corso del 2004 ha organizzato due convegni su tematiche generali che hanno affrontato le problematiche inerenti ai bambini ed alle loro famiglie. Il primo ha riguardato il servizio di Spazio d Incontro, i cui atti sono stati già pubblicati; il secondo si è svolto nel salone conferenze dell Istituto Salesiano Pio XI -Via Umbertide n.11 - il giorno 30 marzo La giornata è stata un momento di confronto e di approfondimento sull istituzione delle nuove figure sancite dal legislatore a tutela del minore e sul lavoro in questi anni svolto per realizzare quanto previsto non solo nella nostra città, ma anche in altre città e regioni. Si è infatti discusso ampiamente su ciò che è cambiato e su ciò che sta cambiando nei confronti dei minori e della famiglia, sia rispetto alla creazione di nuove figure a tutela dei minori, sia rispetto alle modifiche del codice di procedura civile nell ambito delle separazioni coniugali; tutti argomenti che riguardano la vita dei bambini e delle loro famiglie ed ai quali il Centro Famiglie, proprio per la sua natura istituzionale, è particolarmente attento. Voglio, quindi, ringraziare tutti coloro che hanno contribuito ed hanno reso possibile sia l ideazione che l attuazione di questa giornata di studio. Auguro, dunque, una buona lettura. Il Dirigente U.O.S.E.C.S. Dott.ssa Adriana Santangelo

6 6

7 COMUNE DI ROMA MUNICIPIO ROMA IX U.O.S.E.C.S. Centro Famiglie Villa Lais Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche per la Tutela della Persona del Minore SALONE CONFERENZE ISTITUTO SALESIANO PIO XI Via Umbertide n Roma 30 Marzo ORE GIORNATA DI STUDIO I diritti del Bambino tra Protezione e Garanzie: Le Nuove Figure di Tutela del Minore Saluto del Presidente del Municipio Roma IX Maurizio Oliva Apertura dei lavori: Alessandra Pecorella Responsabile del Centro Famiglie Villa Lais Chairman: Prof.ssa Marisa Malagoli Togliatti Direttore del Centro Interdipartimentale per la Tutela del Persona del Minore Università di Roma La Sapienza Avv. Antonio Rizzo Consulente legale del Centro Famiglie Villa Lais Tutela del Minore nella Mediazione familiare Prof. Lucio Strumendo Pubblico Tutore dei Minori, Regione Veneto Promozione, Ascolto, Vigilanza, Segnalazione, Esperienza del Pubblico Tutore nel Veneto Coffee Break Chairman: Prof. Massimo Bianca Direttore del Master Diritto del Minore Università di Roma La Sapienza Dr.ssa Simonetta Matone Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Roma Prospettive e Progetti Avv. Anna Maria Marchio Avvocato Membro del Direttivo del Centro Interd. di Studi e Ricerche per la Tutela della Persona del Minore La Tutela del Minore nei Procedimenti che li riguardano: Problemi e Prospettive Conclusioni: Prof. Massimo Bianca

8 8

9 9 SALUTO DEL PRESIDENTE DEL MUNICIPIO ROMA IX Maurizio Oliva Presidente del IX Municipio Buongiorno a tutti, innanzitutto ringrazio la Prof.ssa Malagoli Togliatti, la Dott.ssa Alessandra Pecorella, un grazie anche a tutti gli operatori del Centro Famiglie Villa Lais, a tutti voi presenti per essere qui ed, infine, grazie alla comunità salesiana che ci ospita. Come diceva la professoressa Malagoli, l istituzionalizzazione del Pubblico Tutore è un iniziativa importante che dobbiamo sforzarci di compiere, di far crescere e di estendere. Con questo augurio lascio lo spazio ai numerosi interventi previsti per questa giornata di studio, vi ringrazio di cuore e vi auguro buon lavoro.

10 10

11 Introduzione ai lavori 11 INTRODUZIONE AI LAVORI Relatrice: Marisa Malagoli Togliatti (Chairman) Direttore del Centro Interdipartimentale per la Tutela della Persona del Minore Università di Roma La Sapienza Siamo qui, oggi, per approfondire una serie di situazioni che vanno delineandosi sia grazie alle nuove proposte legislative sia grazie alle Convenzioni Internazionali ed alla loro applicazione in ambito nazionale; da qui, la possibilità di andare ad individuare le nuove figure di tutela del minore. L Italia si muove in modo abbastanza variegato in questo senso, nonostante quelle che potrebbero essere delle opportune tendenze da coltivare in ambito di maggiore autonomia delle Regioni; come vedremo solo alcune Regioni, anzi pochissime, hanno - per esempio - introdotto questa nuova figura di tutela del minore definita pubblico Tutore per i minori. È presente qui, oggi, il pubblico Tutore della Regione Veneto a cui potremo chiedere informazioni, stimolando così, come è solito negli incontri da noi organizzati, un ricco e vivace dibattito. E opportuno, infatti, approfittare di certe presenze proprio per individuare ed indicare bene tutte le problematiche relative a questa figura. Abbiamo, quindi, una giornata molto densa di studi, ringrazio tutti quanti ed invito a porre qualsiasi domanda ed a sciogliere gli eventuali dubbi.

12 12

13 Apertura dei lavori 13 APERTURA DEI LAVORI Relatrice: Alessandra Pecorella Responsabile del Centro Famiglie Villa Lais Mi presento: sono Alessandra Pecorella, Responsabile del Centro Famiglie Villa Lais. Voglio per prima cosa darvi il mio benvenuto e ringraziarvi per essere venuti qui questa mattina. Un particolare ringraziamento va ai Padri Salesiani che oggi ci accolgono nella loro struttura e che, sin da sempre con il loro impegno sociale, oltre che religioso, hanno dimostrato la loro sensibilità rispetto alle problematiche giovanili. Con molti di voi ci siamo già incontrati circa un mese fa, in occasione della giornata seminariale sullo Spazio d Incontro. Illustrerò brevemente, per chi non ci conosce ancora, il Centro Famiglie per capire perché oggi abbiamo voluto organizzare, insieme con l Università, questa giornata che vuole approfondire aspetti giuridici e legali. Il Centro Famiglie, sin dal suo inizio, si è configurato come un luogo dove affluiscono più interventi e Servizi. La sfida è stata quella di costruire un Servizio non prettamente sociale con caratteristiche riparative, e di prevenzione secondaria, intervenendo quando i problemi sono già esplosi, ma di costruire un Servizio con più sfaccettature, un Servizio rivolto a tutti. Così nasce un Centro Famiglie che riunisce in sé interventi e Servizi a carattere certamente sociale e psicologico, ma anche pedagogico, educativo, culturale e ricreativo. Un Centro Famiglie che vuole essere un punto di riferimento per i genitori, un punto di incontro, scambio e conoscenza, un luogo dove poter discutere con altri genitori, o con esperti, le piccole e grandi difficoltà che si incontrano nel mestiere di genitore, dove poter conoscere altri genitori, dove poter giocare con i propri figli insieme ad altri genitori e bambini, un luogo dove poter vedere un film che parla proprio della loro vita, ma che è insieme un momento di svago, dove poter ascoltare della musica, dove poter pren-

14 14 dere un tea con altri genitori, dove poter approfondire un argomento particolare attraverso la lettura di un libro interessante e poterlo prendere in prestito per leggerlo a casa con il proprio figlio. Il Centro Famiglie offre, inoltre, una serie di Servizi specialistici alle famiglie che stanno attraversando un periodo di crisi, inteso come momento di crescita e di trasformazione, quali il Sostegno Psicologico, la Mediazione Familiare, la Consulenza Legale, lo Spazio d Incontro. Il Centro Famiglie, inoltre, non si rivolge solo ai genitori, ma anche alle figure parentali - es. i nonni e le figure accudenti, a tutti coloro che accompagnano i nostri figli nel loro cammino di crescita. Si rivolge, quindi, anche ad Educatori ed Insegnanti dei Nidi, delle Scuole dell Infanzia ed elementari, anche attraverso percorsi di formazione complessi che vedono coinvolti non solo gli insegnanti, ma anche i genitori ed i bambini-alunni. A proposito di ciò, proprio in questo momento stiamo portando avanti due progetti dai titoli: I bambini e le paure, rivolto agli Asili nido del nostro Municipio e Leggere Insieme, rivolto alle Scuole dell Infanzia. Il Centro Famiglie, rivolgendosi quindi a chi si prende cura della crescita dei bambini, ha sempre ben presente quale sia il loro bene. Occupandoci quindi dell interesse dei bambini, che oggi definiamo minori, siamo molto attenti a tutto ciò che accade al di fuori, ai cambiamenti anche dal punto di vista legislativo. Oggi, ci vogliamo proporre anche come punto di riferimento per gli operatori sociali, sanitari ed educativi per un aggiornamento ed una crescita condivisa, discutendo su ciò che è cambiato e su ciò che sta cambiando nei confronti dei minori e della famiglia, sia rispetto alla creazione di nuove figure a tutela dei minori sia rispetto alle modifiche del codice di procedura civile nell ambito delle separazioni coniugali; tutti argomenti che riguardano la vita dei bambini e delle loro famiglie.

15 La tutela dei minori nella mediazione familiare 15 LA TUTELA DEI MINORI NELLA MEDIAZIONE FAMILIARE Relatore: Avv. Antonio Rizzo Consulente legale del Centro Famiglie Villa Lais Le ragioni che possono portare al fallimento di un matrimonio o di una convivenza sono varie. Tra le più importanti e ricorrenti vi sono un generale decadimento dei valori, un accentuato edonismo ed egocentrismo ed una organizzazione familiare stravolta rispetto a quella tradizionale, con entrambi i genitori assenti da casa per molte ore del giorno. In Famiglia circolano tante idee e non manca nulla a livello materiale, ma scarseggiano la solidarietà, il sacrificio e la disponibilità verso gli altri. Spesso la Famiglia naufraga non per singoli, gravi problemi, ma per quelle forme di insicurezza, immaturità ed aggressività che sembrano essere oggi i caratteri rinvenibili con più frequenza e che hanno sostituito la coesione e la disponibilità proprie della coppia. La crisi che ne consegue coinvolge sempre, in maniera più o meno grave, i figli, la cui vita viene alterata (a volte anche distrutta) dal comportamento dei genitori. Chi quotidianamente si trova ad assistere al dramma di una separazione, sia esso l Avvocato, chiamato a conseguire i risultati pretesi dal Cliente, sia esso il Giudice, investito dell onere di adottare i provvedimenti, constata che anche il genitore più disinteressato (con ciò intendo quello per il quale la richiesta di affido del minore non è strumentale per altre domande) considera i figli come oggetto di sua proprietà, da difendere con ogni mezzo dall altro genitore. Il coinvolgimento dei minori nella contesa tra i genitori, tanto più lunga quanto maggiore sarà l impegno profuso dai Difensori, crea in loro gravissimi pregiudizi: essi sentono di esserne l oggetto e quindi la causa, ne riportano perciò un senso di colpa (che spesso incide in maniera profonda sulla loro vita futura) ritenendo di aver perso l amore del genitore che va a vivere altrove, patiscono la rabbia del non affidatario (anche se non diretta verso di loro) e, in alcuni casi, assumono su di loro l ingrato ed innaturale compito di proteggere il genitore perdente, crescendo con l errata convinzione di dover nascondere o giustificare costantemente i loro sentimenti. Se, inoltre, si riflette che i minori devono affrontare siffatti stati d animo

16 16 mentre si trovano a dover accettare la realtà della separazione dei loro genitori ed a subire la paura dell abbandono, si comprende come il problema della loro tutela avrebbe meritato e meriti ben altro impegno e considerazione sia a livello normativo (da parte del Legislatore), sia a livello operativo (da parte di tutti coloro che sono coinvolti a vario titolo, ai quali dovrebbe essere richiesta una ben più profonda specializzazione nell esercizio delle loro attività). Le vigenti norme di procedura in materia di separazione e/o di affido di figli naturali non sono adeguate ad evitare i gravi risvolti psicologici subiti dai minori, né a garantire che essi rimangano estranei alla conflittualità dei genitori. Dette norme sono da tempo in via di modifica in Parlamento: sono, infatti, state presentate in Commissione diverse proposte di legge. Purtroppo, nonostante l urgenza che la delicatezza e l importanza della materia imporrebbe, ancora oggi non è stato concordato un testo da presentare all approvazione dell aula. In tutte le proposte, in modo più o meno vincolante si prevede l utilizzazione, preventiva al giudizio, della Mediazione Familiare, cui oggi si ricorre (purtroppo molto raramente) solo in corso di causa su espressa indicazione di alcuni Magistrati. La Mediazione Familiare è un percorso che (cito testualmente dalla pubblicazione Il Centro Famiglie Villa Lais ) si propone di: creare un clima che garantisca l equilibrio di potere fra le parti; favorire la riapertura dei canali comunicativi; contribuire alla gestione dei conflitti per raggiungere soluzioni concrete ai problemi generati dalla separazione; valorizzare le competenze e l esercizio unitario della genitorialità in un clima di responsabilità comune; lavorare su obiettivi specifici portati dalla coppia; accogliere la sofferenza personale che accompagna il processo di separazione dei coniugi; prendere in carico gli accordi raggiunti e/o da raggiungere; superare in termini evolutivi il conflitto distruttivo. Devo confessare che prima di un anno e mezzo fa, momento in cui ho iniziato la collaborazione con il IX Municipio e prestato consulenza legale presso il Centro di Mediazione Famiglie di Villa Lais, ero scettico sull opportunità di strutture intermedie tra la coppia e le aule di giustizia. In questo periodo ho avuto molti contatti con i Mediatori, dei quali ho apprezzato capacità e sensibilità. Essi tentano quotidianamente di far recuperare ai genitori, senza coinvolgere i minori, un clima collaborativo e costruttivo, valorizzando le competenze e l esercizio unitario della genitorialità, in modo da tutelare la crescita equilibrata dei figli

17 La tutela dei minori nella mediazione familiare 17 dopo la fine del rapporto coniugale. La tutela dei minori è sempre presente durante gli incontri, e tutte le decisioni che di volta in volta vengono raggiunte dai coniugi, sperimentate tra un incontro e l altro (siano esse relative alla regolamentazione del regime di affido e di visite, ovvero alla destinazione della casa familiare oppure alle questioni economiche), tengono conto del loro preminente interesse. Ho riscontrato ciò nei colloqui che ho avuto con le coppie che hanno seguito il percorso di Mediazione Familiare, ed anche con l ulteriore servizio che, mio tramite, il Centro presta all utenza. Le condizioni contenute nei Protocolli d Intesa, cioè negli accordi che vengono sottoscritti dai coniugi o dai conviventi al termine del percorso di mediazione, sono infatti da me riversate in un ricorso (al Tribunale ordinario in caso di separazione consensuale, o al Tribunale per i Minori per la regolamentazione del regime dell affido e delle visite e per la determinazione del contributo economico), che viene consegnato alla coppia con le istruzioni per la sua presentazione. In tutti i protocolli ho rilevato la marcata attenzione alle necessità dei figli, presente in ogni singola condizione concordata. Questo dovrebbe essere l impegno preminente in ogni separazione. Invece, come ho già detto, ciò avviene molto raramente. E necessario uno sforzo deciso del Legislatore per mutare tale indirizzo. Uno sforzo che dovrà preliminarmente mirare ad unificare le varie forme attraverso le quali attualmente si articola la tutela della Famiglia (di quell istituzione, cioè, che è stata e continua ad essere la cellula fondamentale in cui la personalità umana si forma e si evolve), eliminando l incongrua ed ingiustificabile frammentazione di competenze tra il Tribunale ordinario e quello per i Minori. Uno sforzo che dovrà stabilire che, quando si delinea una crisi familiare, è necessario rivolgersi a delle strutture specializzate che aiutino a conoscere a fondo le motivazioni del contrasto, consentendo ai coniugi di comprendere ciò che sta accadendo, tentando di risolvere la crisi ricorrendo, anziché subito all Avvocato ed al Tribunale, ad altre forme di negoziazione e di mediazione, quali appunto la Mediazione Familiare (come quella che è fornita dal Centro Famiglie Villa Lais). Uno sforzo, infine, che dovrà muovere dal presupposto indefettibile che i figli, sia durante la vita familiare sia, ed ancor più dopo la separazione, non sono l oggetto di diritti dei genitori, ma titolari dell inalienabile diritto di essere assistiti ed educati da entrambi e di godere del loro instancabile impegno e della loro disponibilità.

18 18

19 Promozione, ascolto, vigilanza, segnalazione, esperienza del pubblico tutore nel veneto 19 PROMOZIONE, ASCOLTO, VIGILANZA, SEGNALAZIONE, ESPERIENZA DEL PUBBLICO TUTORE NEL VENETO Relatore: Lucio Strumendo Pubblico Tutore dei Minori, Regione Veneto Come è ormai noto, l Italia con la Legge n. 77 del 20/03/2004 ha ratificato la Convenzione del Consiglio d Europa sull esercizio dei diritti del bambino (Strasburgo 1996). Il 4/7/2003 ha consegnato la Dichiarazione di deposito indicando, ai sensi dell art. 1 della Convenzione, che i procedimenti a cui si applica la Convenzione sono quelli relativi ad alcune marginali parti degli artt. 145, 244, 247, 264, 274, 322, 323 del Codice Civile. Si tratta, come si vede, di una applicazione marginale e residuale, che ha deluso largamente le aspettative di tanta parte dei cultori del Diritto in senso lato e degli operatori del diritto minorile e familiare, convinti che la ratifica della Convenzione incentrata sulle forme per l esercizio dei diritti del fanciullo fosse un occasione per aggiornare e perfezionare le norme che presiedono al processo minorile e alle garanzie giurisdizionali e pre-giurisdizionali che lo riguardano. Sono aspettative deluse anche per chi come me e, credo, la prof.ssa Malagoli nel marzo del 2003, proprio alla vigilia della ratifica, discutevamo a Padova per dare un contributo all immanente dibattito parlamentare. Voglio ricordare che le aspettative di allora erano giustificate alla luce del dibattito che nella precedente legislatura si era avviato al Senato ove, secondo il testo della relatrice: senatrice Ersilia Salvato, si prevedeva che con la Legge di ratifica si desse delega al Governo ad emanare uno o più decreti legislativi recanti le disposizioni per l adattamento dell ordinamento giudiziario italiano ai principi e alle norme della Convenzione al fine di assicurare al minore il diritto ad essere consultato, ad esprimere le proprie opinioni e ad essere informato, nonché di prevedere l istituzione di forme di mediazione. (atto Camera 7411 XIII Legislatura). Così non è stato, ragion per cui oggi alla Legge di ratifica dobbiamo guardare da un lato consapevoli dei suoi limiti, della occasione mancata e della persistente incertezza in ordine ad alcuni istituti giudiziari, dall altro assumerla come un documento di indirizzo, uno stimolo quasi

20 20 pedagogico ad implementare il nostro ordinamento interno per rafforzare gli istituti di garanzia per l esercizio dei diritti dell infanzia. Inoltre, ancora apprezzare e dare valore a quelle forti raccomandazioni che la Convenzione contiene (art. 12 e 13: Garante del minore e mediazione) e il cui scopo è quello di ridurre per quanto possibile il ricorso alla sottoposizione del minore al procedimento giudiziario. E ciò non a caso, proprio in un testo intitolato all esercizio dei diritti, cioè alle regole per il processo giudiziario relativo ad un minore! Quindi una disciplina di garanzie per l ascolto, la rappresentanza e l assistenza del minore nel processo, ma anche e prima una sollecitazione a porre in essere istituzioni di amichevolezza, di conciliazione, di prevenzione e facilitazione, sempre all insegna della effettività e della priorità dei diritti del fanciullo, iscritti nella Carta di New York. Considero quindi la ratifica non soltanto per i suoi limiti e le sue problematicità, ma anche per le opportunità e le prospettive che può aprire. La prospettiva sulla quale vorrei intrattenermi è quella richiamata soprattutto nell art. 12 della Convenzione e denominata Garante dell infanzia, Difensore civico dell infanzia o Pubblico Tutore dei Minori. Cioè una Istituzione Pubblica che in sinergia con l Amministrazione ed i Servizi, può promuovere la cultura dei diritti, inseminare stili e priorità nei processi educativi, vigilare, promuovere, facilitare e segnalare i casi di omissione, trascuratezza o violazione dei diritti dell infanzia. Si tratta di una Istituzione che forse pochi conoscono e, ancor più, pochi conoscono nella sua specifica configurazione di funzioni e di attività. Mi permetterò, quindi, in modo anche descrittivo, di parlarvi di questo ufficio, sperando che da tali considerazioni sia possibile ricavare qualche motivo di interesse per quanti si occupano di Diritto familiare e minorile. Non è un caso, del resto, che attorno a questo tema vi sia una ripresa di interesse sia a livello parlamentare (ove sono state presentate e sono in corso di elaborazione varie iniziative per una legge di principi nazionali sul Garante dell infanzia); sia a livello internazionale ad opera delle Organizzazioni internazionali, che si preoccupano di far sviluppare, fra gli Stati membri, Istituzioni per la promozione e la tutela dei diritti umani e dei bambini. Basta citare le Raccomandazioni espresse dal Comitato delle Nazioni Unite in sede di esame del Rapporto dell Italia, ai sensi dell art. 44 della Convenzione di New York, ma anche l art. 12 della Convenzione di Strasburgo.

21 Promozione, ascolto, vigilanza, segnalazione, esperienza del pubblico tutore nel veneto 21 La scelta che ha fatto il Veneto nel 1988 con la Legge Regionale n. 42 è caratterizzata da alcuni elementi fondamentali, direi quasi prerequisiti : 1) nasce nel contesto di una nuova cultura dei diritti e della loro effettività: non a caso la Legge è contemporanea con quella istitutiva del Difensore Civico regionale ed è coeva con la Convenzione internazionale di New York 1989; 2) recepisce il principio della sussidiarietà, non soltanto in termini di relazioni istituzionali fra Stato e Regioni, ma anche fra Servizi amministrativi Autorità Giudiziaria ed Autorità indipendente; 3) nasce con caratteristiche e funzioni coerenti con una Autorità indipendente per promuovere i diritti e sostenerne la effettività. In concreto, non si tratta di una Istituzione che garantisce la tutela giurisdizionale dei diritti, che è di competenza della Magistratura, né esercita in proprio attività amministrativa di funzioni assistenziali. Semmai, promuove una tutela non conflittuale dei diritti della persona, esercitando quel magistero della persuasione (promozione, vigilanza, tutela, segnalazione) che sta al limite fra il principio di legalità e quello di beneficialità, tra protezione e tutela facilitando, incoraggiando e sostenendo l esercizio dei diritti dei bambini rendendone socialmente visibile la soggettività e le esigenze. La modalità operativa che la contraddistingue e caratterizza è la pratica dell ascolto, ed il paradigma che ne fonda e orienta l azione è costituito dai diritti dei minori, così come sono enunciati e riconosciuti nella Convenzione Internazionale di New York del 1989 nella loro indivisibilità. Vi sono, tra questi, due diritti che si pongono più di tutti come principi guida e allo stesso tempo ragione fondante dell Istituto di garanzia: l art. 3 e l art. 12 della citata Convenzione. L art. 3 come è noto - stabilisce che l interesse superiore del minore di età, nelle decisioni che lo riguardano, deve essere una considerazione preminente, sia che le decisioni siano di competenza di Istituzioni pubbliche o private di assistenza sociale sia che siano di Tribunali, di Autorità amministrative, di Organi legislativi. In base all art. 12, invece, il minore capace di discernimento, ha il diritto di esprimere la sua opinione su ogni questione che lo interessa e di vederla presa in considerazione. Pertanto, deve avere la possibilità di essere ascoltato nei modi più consoni alla sua età e al suo grado di maturità.

22 22 Come è evidente, si tratta di quei diritti che costituiscono la base ed il presupposto della Convenzione di Strasburgo e della disciplina che essa fa dei diritti dell ascolto, della rappresentanza e dell assistenza del minore nell ambito dei procedimenti che lo riguardano. Il Pubblico Tutore dei minori, per l appunto, secondo la Legge regionale del Veneto e nel contesto della cultura delle Istituzioni indipendenti raccomandate dall ONU e dal Consiglio d Europa, opera per quanto possibile affinché in ogni circostanza l interesse del minore sia rispettato e utilizza l ascolto per indagare sul rispetto di tale interesse. Rispettare o far rispettare il best interest del minore significa porsi in suo ascolto per riconoscere, accogliere e soddisfare i bisogni da egli espressi. Se l ascolto si pone dunque come l elemento chiave nelle azioni di protezione e tutela dell infanzia e dell adolescenza del Pubblico Tutore dei minori, esso si configura diversamente a seconda del contesto. Se ne possono esaminare e rintracciare le forme nell ambito delle azioni promozionali e preventive, nell ambito dell esercizio delle attività di protezione ed assistenza, nell ambito delle attività di monitoraggio e vigilanza, nell ambito delle forme e delle responsabilità della segnalazione. In qualche misura, la ricognizione sulle funzioni che la Legge regionale veneta assegna al Pubblico Tutore dei Minori, consente di ripercorrere questi tre ambiti e di riscontrarne il loro elemento unificante. La L.R. n. 42/88 del Veneto assegna sostanzialmente tre funzioni, sulle quali si è sviluppata la definizione dell identità, la strategia e l attività dell ufficio in questi tre anni. Fondamentale è la funzione di promozione dei diritti dell infanzia e dell adolescenza che mira ad innescare un cambiamento culturale basato sulla centralità del bambino e del suo interesse, su un idea positiva dell infanzia. Questa azione di promozione è il primo e più efficace strumento di prevenzione rispetto alle situazioni di disadattamento, maltrattamento e abuso. L obiettivo è quello di creare una società culturalmente attenta al bambino, alle sue necessità, rispettosa della sua dignità di persona. E essenziale che il bambino cresca circondato da figure adulte significative capaci di ascoltarlo e accoglierlo, di promuoverne lo sviluppo emotivo, cognitivo e fisico, nonché di valorizzarne le potenzialità. In quanto soggetto in formazione, il bambino ha diritto di crescere accompagnato da adulti educanti che condividano, in una sorta di patto educativo, i principi e le finalità del loro agire.

23 Promozione, ascolto, vigilanza, segnalazione, esperienza del pubblico tutore nel veneto 23 Su questo versante, l impegno del Pubblico Tutore si va concretizzando nel Progetto informazione e sensibilizzazione per una cultura dei diritti dell infanzia e dell adolescenza, che comprende alcune azioni negli ambiti in cui bambini e ragazzi vivono. Con riferimento all ambiente più frequentato dai ragazzi in età scolare vi è il Progetto Scuola e diritti dell infanzia e dell adolescenza, che propone corsi di formazione e una consulenza specializzata agli educatori che lavorano e si incontrano nella scuola (dirigenti scolastici, insegnanti, genitori). Il Progetto sport e diritti dell infanzia e dell adolescenza guarda ad un altro importante ambito extrafamiliare per bambini e ragazzi e punta ad attivare, in collaborazione con il CONI, percorsi di sensibilizzazione e formazione sui diritti dei minori di età, rivolti agli allenatori e ai dirigenti sportivi. Il Progetto Informazione e bambini si configura come un percorso di ricerca e riflessione per scoprire di quali bambini e adolescenti parlano i giornali e la TV, come e perché promuovere un informazione che sia dalla parte dei bambini. Il Progetto bambini in ospedale affronta una riflessione finalizzata all aggiornamento delle Carte dei diritti dei bambini in ospedale e alla promozione di linee guida per garantire l ascolto e la cura dei loro bisogni fondamentali. Infine, il Progetto partecipazione intende individuare, partendo da un indagine dell esistente, alcune linee guida per la costruzione di esperienze partecipative per bambini e ragazzi con valenza educativa. Insomma, un impianto impegnativo, ma appassionante, volto a promuovere contenuti, stili e metodi educativi attenti ai diritti dei fanciulli negli ambiti della vita sociale più contigui e sensibili all infanzia ed alla adolescenza. Al Pubblico Tutore è attribuito dalla Legge istitutiva anche un secondo compito, quello di vigilare sull assistenza prestata ai minori in Istituto o Comunità. E una funzione questa che deve essere condotta in stretta collaborazione sia con la Magistratura, cui spetta l azione di ispezione, sia con la Regione che detiene la funzione di controllo. La vigilanza attuata dal Pubblico Tutore, in tale contesto, non si configura quindi in termini censori o autoritativi che spettano ad altre autorità, ma assume piuttosto il significato del monitoraggio finalizzato alla persuasione, alla facilitazione, alla collaborazione e alla segnalazione agli organi deputati. L obiettivo è quello di dare valore alle accresciute autonomie e

Convegno nazionale Associazione italiana dei Magistrati per i minorenni e la famiglia 1

Convegno nazionale Associazione italiana dei Magistrati per i minorenni e la famiglia 1 ƒ&rqyhjqrghoo $VVRFLD]LRQH,WDOLDQD GHL0DJLVWUDWLSHUL0LQRUHQQLHOD)DPLJOLD *! " # $ % '&( )) * + #, 3DUPDQRYHPEUH ³1XRYLPRGHOOLGLIDPLJOLDTXDOLUHOD]LRQLTXDOHWXWHODGHLVRJJHWWLGHEROL /XFLR6WUXPHQGR Mi inserisco

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DE POLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DE POLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 349 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato DE POLI Istituzione del Garante nazionale dei diritti dell infanzia e dell adolescenza Presentata

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1380 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori DE POLI, BUTTIGLIONE, CICCANTI e TREMATERRA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 8 MARZO 2007 Istituzione del Garante nazionale

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 12 Presentata dai Consiglieri Ritossa, Di Natale Presentata

Dettagli

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE BUONE PRASSI PREMESSA L affidamento familiare, intervento di protezione e tutela nei confronti di minori temporaneamente privi di idoneo ambiente familiare,

Dettagli

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Laura Baldadassarre Responsabile Advocacy Istituzionale Roma, 13 febbraio 2012 La Convenzione sui diritti dell infanzia Il Comitato ONU sui diritti

Dettagli

Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza TRA

Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza TRA Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza MIUR PROTOCOLLO D INTESA TRA L UFFICIO DEL GARANTE DEI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA DELLA REGIONE

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

Ordine degli Avvocati d Messina AIMeF Associazione Italiana Mediatori Familiari

Ordine degli Avvocati d Messina AIMeF Associazione Italiana Mediatori Familiari Ordine Avvocati Messina Associazione Italiana Mediatori Familiari Ordine degli Avvocati d Messina AIMeF Associazione Italiana Mediatori Familiari Protocollo d intesa per l istituzione di un Punto Informativo

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE Premessa normativa Art.1 - Principi generali Art.2 - Tipologia e modalità di affidamento Art.3 - Durata dell affidamento Art.4 - Come

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL GARANTE DEI DIRITTI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA. TITOLO I Disposizioni generali

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL GARANTE DEI DIRITTI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA. TITOLO I Disposizioni generali Allegato 1 parte integrante della proposta di Deliberazione di Consiglio Comunale n. 603 avente ad oggetto: Istituzione del Garante dei Diritti per l Infanzia e l Adolescenza e contestuale approvazione

Dettagli

Convegno UNICEF La crisi la pagheranno i bambini? Roma 8 novembre 2011

Convegno UNICEF La crisi la pagheranno i bambini? Roma 8 novembre 2011 Convegno UNICEF La crisi la pagheranno i bambini? Roma 8 novembre 2011 Sintesi intervento della dottoressa Liviana Marelli - Il diritto alla protezione dei bambini e dei ragazzi è un concetto ampio che

Dettagli

"IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO"

IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO Intervento al Convegno organizzato dall associazione assistenti sociali il 3 dicembre 2011 sul tema "IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO" Titolo dell intervento:

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE Sede: Distretto Sanitario - Via San Valentino 20, 3 piano Udine Numero Verde: 800.531.135

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15 Neoassunti 2015/16 BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale Versione del 09/12/15 Sommario Sommario Sommario... 1 Introduzione... 2 La guida per la compilazione del Bilancio di Competenze... 2 A cosa

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Dar voce a bambini e ragazzi Un esperienza

Dar voce a bambini e ragazzi Un esperienza Dar voce a bambini e ragazzi Un esperienza ((((( Piacenza, 23 febbraio 2012 Marco Bonamici, Dirigente Psicologo Azienda ULSS 17, Veneto L istituzione - la norma L UPTM è istituito con la L.R. n. 42/1988.

Dettagli

Diritti dei cittadini e responsabilità della Pubblica Amministrazione nei servizi della Famiglia e della Tutela minori

Diritti dei cittadini e responsabilità della Pubblica Amministrazione nei servizi della Famiglia e della Tutela minori DirittideicittadinieresponsabilitàdellaPubblicaAmministrazioneneiservizidellaFamigliae dellatutelaminori Milano,17Novembre2011 L assistentesocialetradeontologia,dirittievincoli MargheritaGallina Il codice

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

Il contributo delle associazioni familiari all affermazione dei diritti dei minori

Il contributo delle associazioni familiari all affermazione dei diritti dei minori Il contributo delle associazioni familiari all affermazione dei diritti dei minori Annamaria Columbu, UBI MINOR 1994 alcune associazioni operanti in Toscana si incontrano per preparare la Conferenza Nazionale

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA. tra

PROTOCOLLO DI INTESA. tra N. 35 Registro di raccolta dei contratti REGIONE AUTONOMA TRENTINO-ALTO ADIGE/SǕDTIROL CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROTOCOLLO DI INTESA tra la Regione Autonoma Trentino-Alto Adige/Südtirol

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE GIOVANILI CONVENZIONE 2015 2017 Testo approvato con deliberazioni consiliari di Martellago del, n., Mirano del, n., Noale del,

Dettagli

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI In uno strumento complesso e articolato come l affidamento familiare, intervento di rete per eccellenza, è fondamentale definire i compiti di ogni tecnico. Una prima chiarezza

Dettagli

Progetto giovani, oggi e domani

Progetto giovani, oggi e domani Progetto giovani, oggi e domani Progetto per le Politiche Giovanili nei comuni di Ceresole d Alba (cn) Pocapaglia (cn) Sanfrè (cn) Sommariva Perno (cn) In collaborazione con Consorzio Socio Assistenziale

Dettagli

Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali

Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali PROVINCIA DI POTENZA Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali Protocollo d Intesa tra : Provincia di Potenza - Tribunale per i Minori- Comuni del territorio provinciale PROTOCOLLO D INTESA

Dettagli

O GG E TTO : DELIBERA QUADRO - SISTEMA SOCIOEDUCATIVO DI PROMOZIONE, PREVENZIONE E TUTELA PER BAMBINI E ADOLESCENTI LA GIUNTA REGIONALE

O GG E TTO : DELIBERA QUADRO - SISTEMA SOCIOEDUCATIVO DI PROMOZIONE, PREVENZIONE E TUTELA PER BAMBINI E ADOLESCENTI LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : DELIBERA QUADRO - SISTEMA SOCIOEDUCATIVO DI PROMOZIONE, PREVENZIONE E TUTELA PER BAMBINI E ADOLESCENTI N. 535 IN 27/03/2015 RICHIAMATI: LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA -

Dettagli

PROGETTO AFFIDO FAMILIARE sintesi Attività di sensibilizzazione e formazione Famiglie affidatarie (Ottobre 2001 Ottobre 2002)

PROGETTO AFFIDO FAMILIARE sintesi Attività di sensibilizzazione e formazione Famiglie affidatarie (Ottobre 2001 Ottobre 2002) L Affidamento etero familiare inteso come risposta qualificata a garantire il diritto di tanti bambini e ragazzi ad avere una famiglia, in grado anche temporaneamente di aiutarli a crescere ha costituito

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

Capitolo 5 Qual è il mandato della scuola? Pagina 1 di 6 Qual è il "mandato" della scuola? 5.1 Ogni scuola deve avere un "mandato" 5.2 Le nostre idee-guida 5.3 Le dimensioni dell apprendimento 5.4 La funzione educativa del rispetto delle regole

Dettagli

Calendario. Vorrei salire sul trenino dei colori nel mondo dove siamo tutti migliori, e molti diritti hanno i bambini, sia i grandi che i piccini.

Calendario. Vorrei salire sul trenino dei colori nel mondo dove siamo tutti migliori, e molti diritti hanno i bambini, sia i grandi che i piccini. Vorrei salire sul trenino dei colori nel mondo dove siamo tutti migliori, e molti diritti hanno i bambini, sia i grandi che i piccini. Un mondo per giocare, correre e cantare, dove ho il sorriso di chi

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA - ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Francesco D Este MASSA LOMBARDA (RA) PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Il PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA è un documento che viene deliberato

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER ALLEGATO A (Il presente allegato consta di n. 8 pagine.) REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E FORMATIVA DEGLI STUDENTI CON DISABILITA (Legge 5 febbraio 1992 n. 104) 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che: Sindaco Paolo Mascaro paolo.mascaro@comune.lamezia-terme.cz.it Presidente del consiglio comunale Francesco De Sarro francesco.desarro@comune.lamezia-terme.cz.it Oggetto: mozione ex art. 18 regolamento

Dettagli

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO FINALITA Proposta di un protocollo di buone prassi per l accoglienza di minori adottati: - promuovere una rete di supporto, comunicazione,

Dettagli

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento: Regolamento L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine di diventare

Dettagli

IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI

IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI CONFERENZA INTERNAZIONALE IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE CONTRO I BAMBINI Roma, 29-30 novembre 2012 Sala delle Conferenze Internazionali P.le della Farnesina,

Dettagli

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA Cap 06060 P.zza della Repubblica n. 4 P.IVA 00436320543 Tel. 075.830186 e-mail: info@comune.paciano.pg.it fax. 075.830447 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3)

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) Allegato alla deliberazione consiliare n. 04 del 7 febbraio 2007 ART. 1 DEFINIZIONE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. L affidamento familiare è

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA SEDE

AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA SEDE Consiglio Regionale della Basilicata - Gruppo LB / FRATELLI D ITALIA ALLEANZA NAZIONALE AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA SEDE PROPOSTA DI LEGGE ISTITUZIONE DEL SERVIZIO REGIONALE PER

Dettagli

Avocats sans Frontières Italia

Avocats sans Frontières Italia Avocats sans Frontières Italia BAMBINI SOLDATO IN AFRICA UN DRAMMA NEL DRAMMA Presentazione del Rapporto di Amnesty International 21.000 bambini soldato in Liberia Roma 8 Novembre 2004 Processabilità e

Dettagli

Edizione di marzo 2012

Edizione di marzo 2012 ADOZIONE NAZIONALE E INTERNAZIONALE Edizione di marzo 2012 Indice Capitolo 1 - I protagonisti 1.1 - Il bambino 1.2 - I genitori adottivi Capitolo 2 - Le tappe nel cammino dell adozione Capitolo 3 - Le

Dettagli

SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10

SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10 Settore Servizi Socio-Assistenziali U.O. Attuazione e Gestione Piano Infanzia e Adolescenza SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10 Intervento Premessa Intervento integrativo in ambito penale di Giustizia Riparativa.

Dettagli

Criteri di segnalazione nel casi di maltrattamento e abuso. Dott. G.B. Camerini Università di Modena e Reggio Emilia

Criteri di segnalazione nel casi di maltrattamento e abuso. Dott. G.B. Camerini Università di Modena e Reggio Emilia Criteri di segnalazione nel casi di maltrattamento e abuso Dott. G.B. Camerini Università di Modena e Reggio Emilia ALCUNI ELEMENTI GIURIDICI La segnalazione: chi la effettua La segnalazione all Autorità

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA L ISCRIZIONE Le iscrizioni dei minori stranieri, indipendentemente dalla regolarità

Dettagli

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 1 PREMESSA Il CNSA riconosce e valorizza le specificità di ciascun Ente Locale, delle singole professionalità e delle

Dettagli

SPAZI PER BAMBINI E ADULTI

SPAZI PER BAMBINI E ADULTI PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE ISTRUZIONE, FORMAZIONE, LAVORO E POLITICHE SOCIALI allegato e Gruppo di Coordinamento Provinciale dei servizi integrativi SPAZI PER BAMBINI E ADULTI QUESTIONI, RIFLESSIONI

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

SERVIZI DELLO STUDIO FARO

SERVIZI DELLO STUDIO FARO Accoglienza e ascolto della persona, delle famiglie e dei minori. Consulenza per arginare, gestire, migliorare e risolvere situazioni di crisi nelle relazioni tra coniugi, nelle relazioni genitori - figli.

Dettagli

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Indice Affidamento familiare Più forme di accoglienza I veri protagonisti dell affidamento: i bambini La Famiglia del bambino La Famiglia affidataria

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA La nascita di un figlio rappresenta per il sistema familiare l ingresso in una nuova fase

Dettagli

Premessa alle Raccomandazioni e direttrici sperimentali per i servizi di consulenza psicologica nelle Farmacie del FVG

Premessa alle Raccomandazioni e direttrici sperimentali per i servizi di consulenza psicologica nelle Farmacie del FVG CONSIGLIO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA 34121 TRIESTE - Piazza Niccolò Tommaseo, 2 Tel. 040 366 602 e-mail ordinepsicologifvg@pec.aruba.it Premessa alle Raccomandazioni e direttrici sperimentali per i servizi

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 78 del 26 settembre 1997 e N 13 del 12 marzo 1998 TITOLO 1 Finalità

Dettagli

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003.

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003. Regolamento Premessa L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI

UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI UFFICIO FAMIGLIA CONSULTA NAZIONALE DI PASTORALE FAMILIARE CEI Roma, 13-14 settembre 2008 Nei giorni 13-14 settembre 2008 si è svolta, presso l Hotel CASCINA PALACE, in Via Attilio Benigni, 7 - Roma, la

Dettagli

Relazione presentata al convegno Modelli sistemici e contesti che cambiano Milano, 15-17 Ottobre 1998, parzialmente modificata

Relazione presentata al convegno Modelli sistemici e contesti che cambiano Milano, 15-17 Ottobre 1998, parzialmente modificata Lo psicologo e il Distretto Sociale 1 Atti del convegno AUPI su Il lavoro dello psicologo nell U.S.L.: specificità ed integrazione con altre figure professionali. Ritengo utile fare alcune premesse al

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA I SESSIONE 2004 Illustri la candidata un progetto di intervento sociale, focalizzandone

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 AFFIDO FAMILIARE

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 AFFIDO FAMILIARE DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 16 2. TITOLO AZIONE AFFIDO FAMILIARE 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio

Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio Flash** Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio di Laurie Israel* Uno degli aspetti più interessanti e soddisfacenti del mio lavoro è assistere le persone

Dettagli

IL COMITATO DEI SINDACI

IL COMITATO DEI SINDACI IL COMITATO DEI SINDACI VISTO il documento istruttorio allegato, nel quale si propone di approvare lo schema di accordo di programma con l Az. USL n. 2 di Urbino per l attivazione della Equipe adozione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando.

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando. CHE COS' E' L'ADOZIONE? E' l'istituto giuridico che tende a garantire al bambino in stato di abbandono il diritto a vivere serenamente all'interno di una famiglia. La legge n. 476 del 31 dicembre 1998

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA PROGETTO SPAZIO D ASCOLTO PSICOLOGICO PER ALLIEVI E FAMIGLIE E SUPPORTO ALLE DINAMICHE PONTE NEL CONTESTO SCOLASTICO Insegnante Valeria Sassu ISTITUTO

Dettagli

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Cagliari, 22 luglio 2010 ore 10.00 Intervento di apertura dei lavori del Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili Simona Pellegrini Vi

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto ANNO SCOLASTICO 2011/2012 IL PROGETTO EDUCATIVO (P.E.I.) è il documento fondamentale che espone l orientamento

Dettagli

Nel 1987. Associazione GeA - Genitori Ancora

Nel 1987. Associazione GeA - Genitori Ancora Nel 1987 è stata fondata l Associazione GeA - Genitori Ancora l associazione a sostegno di genitori e figli che ha introdotto in Italia la conoscenza e la pratica della mediazione familiare per prevenire

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

ANPAS Pubbliche Assistenze Toscane Regolamento Formazione Perché iniziare un regolamento, che si presenta principalmente come strumento tecnico per disciplinare una serie di attività, con la parola Etica?

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

Autorità Garante dell Infanzia e dell Adolescenza

Autorità Garante dell Infanzia e dell Adolescenza Autorità Garante dell Infanzia e dell Adolescenza TITOLO AZIONE: La tutela dei diritti dei minori: la governance delle azioni del Garante per l'infanzia e l'adolescenza della Regione Campania Premessa

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e educazione 2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e I documenti presentati presentano nella maggior parte dei casi ripetuti riferimenti alla Dichiarazione Universale

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

Workcare synergies. Il progetto in Italia. Social care and work-care balance

Workcare synergies. Il progetto in Italia. Social care and work-care balance Workcare synergies Il progetto in Italia Social care and work-care balance Newsletter n. 1 del 1/05/2011 Il progetto Gli obiettivi del progetto WORKCARE SYNERGIES è un progetto di supporto per diffondere

Dettagli

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE LA CONFERENZA DEI PRESIDI

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli