CONVENZIONI EX LEGGE N. 68/99

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONVENZIONI EX LEGGE N. 68/99"

Transcript

1 PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA SETTORE 8 FORMAZIONE PROFESSIONALE - POLITICHE DEL LAVORO PP.OO. SERVIZIO COMMISSIONE PROVINCIALE TRIPARTITA Via S. Anna II Tronco Spirito Santo Tel REGOLAMENTO PER LA STIPULA E LA GESTIONE DELLE CONVENZIONI EX LEGGE N. 68/99 Art. 1 Disposizioni generali Il presente regolamento disciplina la stipula e la gestione delle Convenzioni con i datori di lavoro pubblici e privati, con le cooperative sociali, le organizzazioni di volontariato ed i disabili liberi professionisti, per realizzare l'obiettivo dell'inserimento lavorativo e la stabilizzazione del rapporto di lavoro delle persone disabili secondo quanto previsto dalla seguente normativa di riferimento: legge 68/99 e s.m.i ed in particolare art.11; D.P.R 333/2000 (regolamento di esecuzione della legge 68/99); legge regionale n 32/2001 ed il suo regolamento attuativo; l art. 18 della legge 196/97 ed il suo regolamento attuativo - DM. 142/98; artt. 2 e 6 della Conferenza Unificata presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri del 16 novembre 2006; art.1 comma 37 e segg. della legge 247/2007; legge n. 183 del 12/11/2011; - 1 -

2 legge n. 92 del 28/06/2012; Decreto del Dirigente Generale della Regione Calabria Dipartimento n. 10 Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato n del Art. 2 Finalita' delle convenzioni Per favorire il raccordo tra le esigenze delle aziende e quelle dei lavoratori disabili sono previste apposite Convenzioni, sottoscritte dalle parti interessate, attraverso le quali, è possibile definire un programma personalizzato di interventi per l'inserimento lavorativo dei disabili. Art.3 Ufficio per la stipula delle convenzioni E' istituita all'interno della Provincia, ai sensi dell'art.6 D. lgs 469/97 così come innovato dalla legge 68/99 e s.m.i, la Commissione Provinciale per le Politiche del Lavoro (CPT), quale organo tripartito permanente di concertazione e di consultazione delle parti sociali. Nell ambito del Settore Lavoro dell Amministrazione Provinciale, è individuato il Servizio CPT quale ufficio competente per la stipula delle Convenzioni, ferme restando le competenze del Comitato Tecnico previsto dall'art. 6 comma 2 lettera b legge 68/99). Art. 4 Tipi di convenzione Sono previsti vari tipi di Convenzioni, che possono essere stipulate fra il Servizio CPT e i datori di lavoro pubblici e privati: - 2 -

3 a) Convenzione ordinaria di programma con i privati (ex art. 11 legge 68/99 comma 1 e 2); b) Convenzione ordinaria di programma con la Pubblica Amministrazione Tirocini (art. 2 Conferenza unificata PCM del 16/11/2006); c) Convenzione di integrazione lavorativa (ex art.11 comma 4 legge 68/99); d) Convenzione di inserimento lavorativo temporaneo con finalità formative - art.1, comma 37 lettera a) legge 247/2007 sostitutivo dell art. 12 legge 68/99; e) Convenzione di inserimento lavorativo (art. 1, comma 37 lett. b - dopo l art. 12 è inserito l art. 12 bis - legge 247/2007); f) Convenzioni finalizzate all inserimento lavorativo dei detenuti disabili (legge 247/2007). Art. 5 Convenzioni ordinarie di programma ex art.11 legge 68/99 da stipulare con i datori di lavoro privati. Ai sensi dell art. 11 della legge 68/99, il servizio CPT, acquisito il parere del Comitato Tecnico, può stipulare con i datori di lavoro soggetti all obbligo di cui all art. 3 della legge 68/99, Convenzioni aventi ad oggetto la determinazione di un programma, mirante al conseguimento degli obiettivi occupazionali dei lavoratori disabili. All interno della Convenzione sono stabiliti: tempi e modalità di inserimento; il datore di lavoro privato ha facoltà di assumere con chiamata nominativa fino alla copertura di tutti i posti disponibili; - 3 -

4 lo svolgimento di un tirocinio; l assunzione con contratto a termine della durata non inferiore a nove mesi, fermo restando la copertura della quota d obbligo; la possibilità di scegliere periodi di prova più ampi di quelli previsti dal CCNL, fermo restando che l'esito negativo della prova, qualora sia riferibile alla menomazione da cui è affetto il soggetto, non può costituire motivo di risoluzione del rapporto di lavoro. Art. 6 Convenzioni con la Pubblica Amministrazione. A) Convenzione di Programma Limitatamente ai lavoratori da inquadrare nei livelli retributivofunzionali per i quali non è richiesto un titolo di studio superiore alla scuola dell'obbligo, il datore di lavoro pubblico può stipulare apposita Convenzione di programma ed avvalersi della facoltà di assumere nominativamente i lavoratori disabili, che presentano una riduzione della capacità lavorativa non inferiore al 67% o invalidità ascritta dalla prima alla quarta categoria del Testo Unico delle Pensioni di Guerra, approvato con D.P.R. n. 915/1978 e successive modificazioni ed integrazioni, o invalidi del lavoro, o lavoratori disabili con handicap intellettivo-psichico, indipendentemente dalle percentuali di invalidità, fermo restante la percentuale individuata e riservata ai tirocini formativi (regolamentati di seguito) così come previsto dall'art. 2 comma 1 della Conferenza Unificata del 16 novembre Le assunzioni con chiamata nominativa dei soggetti disabili dovranno essere improntate a criteri di trasparenza e a procedure - 4 -

5 aperte alla partecipazione di tutti i soggetti disabili di cui al primo comma, conformemente ai seguenti principi: adeguata pubblicità della selezione e modalità di svolgimento, che garantiscono l'imparzialità e assicurino economicità e celerità di espletamento, ricorrendo, ove opportuno, all'ausilio di sistemi automatizzati, diretti anche a realizzare forme di preselezione; adozione di meccanismi oggettivi e trasparenti, idonei a verificare il possesso dei requisiti attitudinali e professionali richiesti in relazione alla posizione da ricoprire; rispetto delle pari opportunità tra lavoratrici e lavoratori. La Pubblica Amministrazione, che intende stipulare Convenzioni con ricorso alla chiamata nominativa, si dovrà attenere ai seguenti criteri: a) avviso pubblico di selezione. Nell'avviso l'ente deve indicare: 1. il numero dei posti e le tipologie di professionalità da assumere e le eventuali qualifiche specifiche necessarie per ricoprire il posto nel ruolo disponibile; 2. le mansioni ed il luogo di lavoro; 3. il titolo di studio richiesto; 4. il possesso dei requisiti previsti per l'accesso al pubblico impiego; 5. le modalità e i criteri di selezione (reddito, carico di famiglia, situazione socio-sanitaria di particolare difficoltà) e il loro peso relativo; 6. i contenuti e le modalità di esecuzione delle prove di idoneità o dei colloqui attitudinali cui potranno essere sottoposti i lavoratori; 7. l'iscrizione nell'elenco del collocamento mirato, che deve essere anteriore alla pubblicazione dell'avviso, nonché il termine ultimo di presentazione della domanda

6 L'avviso pubblico dovrà contenere anche i criteri che l'ente richiedente adotterà per la selezione. Copia di tale avviso dovrà essere inviato alla CPT, al Centro per l'impiego competente per territorio e a tutte le organizzazioni sindacali e datoriali, nonché alle associazioni dei disabili presenti nella CPT; b) le adesioni verranno raccolte dal Centro per l'impiego competente per territorio, che procederà alla verifica dei requisiti indicati nell'avviso pubblico e le trasmetterà all'ente richiedente; c) l'ente, all'interno della lista predetta, può ricorrere alla chiamata nominativa nel rispetto dei criteri di trasparenza suddetti. B) Tirocini Formativi L art. 2 della Conferenza Unificata presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri del 16/11/2006 stabilisce che, fermo restando le quote di riserva di cui all art.3 della legge 68/99, la Pubblica Amministrazione individua entro il mese di febbraio di ciascun anno, una percentuale di posti, comunque non inferiore al 30% e non superiore all 80% di quelli non coperti e da coprire con i lavoratori disabili, attraverso l attivazione di tirocini finalizzati all assunzione. La Convenzione, da stipularsi ai sensi dell art. 11 della legge 68/99 e della Conferenza Unificata presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri del 16/11/2006, deve indicare: la durata del tirocinio (massimo 24 mesi); le linee fondamentali in base alle quali dovrà svolgersi il periodo di tirocinio finalizzato all assunzione; il numero dei posti riservati ai tirocini formativi (non inferiore al 30% e non superiore all 80% di quelli da coprire); - 6 -

7 i tempi e le modalità delle assunzioni, che la singola amministrazione si impegna ad effettuare, con individuazione dei servizi territoriali, incaricati di promuovere e guidare il tirocinio, fermo restando il limite territoriale provinciale; l attività di monitoraggio prevista dall art. 6 lettera d) della Conferenza Unificata e consistente in verifiche periodiche da effettuarsi con cadenza almeno trimestrale, volte all accertamento del regolare svolgimento dei tirocini e del programma di assunzione, verrà assicurata dal competente Settore Lavoro di questo Ente. Nell'ambito dei tirocini di cui all'art. 6 della Conferenza unificata, in ottemperanza a quanto previsto dal comma 2 del predetto articolo, la Convenzione può prevedere l inserimento con chiamata nominativa fino ad un massimo del 40% dei posti, quale ulteriore modalità di scelta dei lavoratori disabili, che presentano una riduzione della capacità lavorativa non inferiore al 67% o invalidità ascritta dalla prima alla quarta categoria del T.U. delle Pensioni di Guerra o invalidi del lavoro o lavoratori disabili con handicap intellettivo - psichico, con la percentuale di legge, da avviare al tirocinio, finalizzato all assunzione. La chiamata nominativa è comunque assoggettata ai criteri di trasparenza già individuati nella Convenzione ordinaria di programma per la Pubblica Amministrazione. La quota restante del 60% dovrà essere inserita con chiamata numerica, secondo le modalità contemplate dalla normativa vigente. Art. 6 bis Possesso dei requisiti Tutti i lavoratori disabili dovranno essere in possesso dei requisiti per l ingresso nella Pubblica Amministrazione, nonché degli altri - 7 -

8 requisiti di base, relativi alla preparazione professionale, richiesti dall Ente e dovranno possederli al momento dell'inserimento nella graduatoria e all'atto dell'avviamento a selezione. Art. 7 Convenzioni di integrazione lavorativa art. 11 comma 4 legge 68/99 Il Servizio CPT può stipulare con i datori di lavoro pubblici e privati Convenzioni di integrazione lavorativa per l avviamento di disabili, che presentino particolari caratteristiche e difficoltà di inserimento nel ciclo lavorativo, tramite assunzione nominativa. Le Convenzioni di integrazione lavorativa devono: indicare dettagliatamente le mansioni attribuite al lavoratore disabile e le modalità del loro svolgimento; prevedere forme di sostegno, di consulenza e di tutoraggio; prevedere verifiche periodiche sull'andamento del percorso formativo. Art. 8 Convenzioni di inserimento lavorativo temporaneo con finalità formative con i datori di lavoro privati (ex art. 12 legge 68/99 modificato dall art 1 comma 37 lettera a) legge 247/2007). Il servizio CPT può stipulare Convenzioni di inserimento lavorativo temporaneo con finalità formative con i datori di lavoro privati soggetti all obbligo di assunzione ed i seguenti soggetti: - 8 -

9 cooperative sociali (L. 381/1991); imprese sociali ( D. Lgs. 155/2006); disabili liberi professionisti (anche operanti come ditta individuale); datori di lavoro privati non soggetti ad obbligo di assunzione. di seguito denominati soggetti ospitanti. Tali Convenzioni, finalizzate all impiego temporaneo dei disabili presso i soggetti ospitanti, sono subordinate al possesso dei seguenti requisiti: 1. assunzione contestuale del disabile a tempo indeterminato da parte del datore di lavoro; 2. computabilità ai fini dell assolvimento dell obbligo; 3. impiego del disabile presso i soggetti ospitanti, con oneri retributivi previdenziali ed assistenziali a carico di quest ultimi per la durata della Convenzione, che non può superare i dodici mesi prorogabili di ulteriori dodici mesi da parte degli uffici competenti; 4. l'ammontare delle commesse, che il datore di lavoro si impegna ad affidare ai soggetti ospitanti, deve garantire la parte economica e normativa prevista dal CCNL e lo svolgimento dell attività di inserimento lavorativo; 5. nominativi dei soggetti da inserire; - 9 -

10 6. descrizione del piano personalizzato di inserimento lavorativo. Art. 9 Convenzioni di inserimento lavorativo per soggetti dotati di particolare disabilità e difficoltà di inserimento nel ciclo lavorativo ordinario (art. 1, comma 37 lettera b - dopo l art. 12 è inserito l art. 12 bis - legge 247/2007). Il servizio CPT può stipulare, con i datori di lavoro privati tenuti all obbligo di assunzione (soggetti conferenti) di cui all art. 3 legge 68/99 ed soggetti denominati soggetti destinatari (cooperative sociali di tipo a e b e loro consorzi, imprese sociali di cui all art. 2 comma 2 lettera a e b D. lgs. 155/2006, datori di lavoro privati non soggetti all obbligo di assunzione) convenzioni d inserimento lavorativo finalizzate all assunzione da parte dei soggetti destinatari di persone disabili, che presentino particolari caratteristiche e difficoltà di inserimento nel ciclo lavorativo ordinario, ai quali i soggetti conferenti si impegnano ad affidare commesse di lavoro. La stipula della Convenzione è ammessa esclusivamente a copertura dell aliquota d obbligo ed in ogni caso nei limiti del 10% della quota di riserva di cui all art. 3 comma 1 legge 68/99 con arrotondamento all unità più vicina. Requisiti per la stipula della Convenzione sono: 1. individuazione delle persone disabili da inserire, previo loro consenso, sentito il Comitato Tecnico, e definizione di un piano personalizzato di inserimento lavorativo; 2. durata non inferiore a tre anni; 3. determinazione del valore della commessa, che non può essere inferiore al costo previsto nel piano personalizzato di inserimento lavorativo;

11 4. conferimento della commessa di lavoro e contestuale assunzione delle persone disabili da parte del soggetto destinatario. In ogni caso i soggetti destinatari: non devono avere in corso procedure concorsuali; devono essere in regola con gli adempimenti di cui al D. lgs. 626/94 e s.m.i; devono essere dotati di locali idonei; non devono aver proceduto nei dodici mesi precedenti l avviamento lavorativo del disabile a risoluzioni del rapporto di lavoro, escluse quelle per giusta causa e giustificato motivo soggettivo; avere nell organico almeno un lavoratore dipendente, che possa svolgere le funzioni di tutor. Alla scadenza della Convenzione, il datore di lavoro committente può: acquisito il parere della CPT, rinnovare la Convenzione per altri due anni; oppure assumere il lavoratore disabile dedotto in Convenzione con contratto a tempo indeterminato, mediante chiamata nominativa. In tal caso il datore di lavoro potrà accedere al fondo nazionale per il diritto al lavoro dei disabili, nei limiti delle disponibilità ivi previste, con diritto di prelazione nell assegnazione delle risorse

12 Art. 10 Convenzioni finalizzate all inserimento lavorativo dei detenuti disabili Il Servizio CPT può stipulare con i datori di lavoro privati soggetti all obbligo di cui all art. 3 legge 68/99 e con le cooperative sociali, (legge n. 381/91) apposite Convenzioni, finalizzate all inserimento lavorativo temporaneo dei detenuti disabili. Art. 11 Visita medica e diagnosi funzionale dei lavoratori disabili Tutti i lavoratori disabili, prima di essere avviati, devono essere sottoposti a visita da parte della Commissione Medica di cui all art. 1 commi 4 e 5 della L.68/99. Il Comitato Tecnico, acquisita la diagnosi funzionale del lavoratore, valuterà le residue capacità lavorative e definirà gli strumenti di supporto necessari per l'inserimento lavorativo. Art. 12 Programmazione delle assunzioni Le assunzioni obbligatorie previste nelle Convenzioni sono programmate secondo la scansione temporale che segue: il 40% entro 30 giorni dalla stipula, il 30% nel secondo anno, ed il restante 30% nel terzo anno. Si effettuano arrotondamenti all unità superiore per le cifre decimali superiori a cinque. Durante il periodo di vigenza della Convenzione, i Centri per l impiego competenti per territorio non procedono ad avviamenti d ufficio ai sensi della legge 68/99 per le unità lavorative dedotte in

13 Convenzione e per l intera durata della stessa, che può avere validità per un massimo di tre anni dalla stipula. Il servizio CPT, qualora riscontri nell attività periodica di verifica il mancato adempimento degli obblighi assunti con la Convenzione, alla cadenza temporale indicata, con atto formale di diffida ne richiederà l adempimento entro 30 giorni, decorsi i quali e persistendo il comportamento inadempiente del datore di lavoro contraente, la Convenzione si intenderà immediatamente risolta ed il CPI competente per territorio procederà all avviamento d ufficio con riferimento alle funzioni da svolgere già individuate nella Convenzione. Art. 13 Istruttoria e stipula delle Convenzioni. La stipula delle Convenzioni è finalizzata alla progressiva copertura della quota d obbligo. Le Convenzioni non possono in nessun caso modificare la quota d obbligo dei datori di lavoro privati e pubblici, che accedono al relativo piano. Per acquisire il parere previsto dal 1 comma dell art. 11 della legge 68/99, il Servizio CPT presenterà le proposte di Convenzione, corredate di tutta la documentazione necessaria, al Comitato Tecnico. Acquisito il parere del Comitato Tecnico, ove necessario, il Servizio CPT procederà alla stipula delle Convenzioni, che saranno inoltrate successivamente al datore di lavoro e al Centro per l impiego. Le Convenzioni stipulate con i datori di lavoro avranno immediata esecutività, ma dovranno essere trasmesse alla CPT, affinché tale organo possa vagliare la conformità delle Convenzioni stipulate con i criteri previsti dalla normativa vigente e dal presente regolamento. Art. 14 Sanzioni

14 Come previsto dal punto 6 comma 37 art. 1 legge 247/2007 e dall art. 8 del DPR n. 333/2000, la verifica degli adempimenti degli obblighi assunti in Convenzione e l irrogazione delle sanzioni sono esercitate dal Servizio Ispettivo della Direzione Territoriale del Lavoro anche su segnalazione dell ufficio preposto. Art. 15 Soggetti aventi diritto alla riserva di legge Ai sensi dell art.1 legge 68/99 sono individuati quali aventi diritto alle riserve di legge i seguenti soggetti : Disabili con invalidità superiore al 45% accertata dalle Commissioni mediche competenti; non vedenti e sordomuti con accertamento delle stesse Commissioni; invalidi del lavoro con invalidità superiore al 33% riconosciuta con accertamento dell INAIL; invalidi di guerra, civili di guerra e per servizio con minorazioni dalla prima all ottava categoria riconosciuta ai sensi del DPR 915/78. Art. 16 Soggetti obbligati e quote di riserva I datori di lavoro pubblici e privati sono tenuti ad avere alle loro dipendenze lavoratori appartenenti alle categorie di cui all art 1 legge 68/99 nella seguente misura: 1 disabile per i datori di lavoro, che occupano da 15 a 35 dipendenti (chiamata nominativa);

15 2 disabili per i datori di lavoro, che occupano da 36 a 50 dipendenti (1 chiamata nominativa, 1 numerica); 7% dei lavoratori occupati per i datori di lavoro, che occupano oltre 50 dipendenti (60% con chiamata nominativa, 40% numerica). Le Convenzioni possono essere stipulate anche da datori di lavoro non soggetti all obbligo di assunzione. Art. 17 Criteri di computo della quota di riserva La quota di riserva si calcola escludendo dal numero dei dipendenti i seguenti soggetti: 1. lavoratori assunti con contratto di apprendistato e di reinserimento (art. 3 DPR 333/2000); 2. lavoratori assunti con contratto a tempo determinato di durata non superiore a nove mesi (art. 4, c. 1, legge 68/99); 3. soci di cooperative di produzione e lavoro (art. 4, c. 1, legge 68/99); 4. dirigenti (art. 4, c. 1, legge 68/99); 5. lavoratori assunti ai sensi della legge 68/99; 6. lavoratori disabili occupati a domicilio o con telelavoro (art. 4, c. 3, legge 68/99); 7. lavoratori assunti per attività lavorativa da svolgersi esclusivamente all estero per la durata di tale attività (art. 3, c. 1, DPR 333/00); 8. lavoratori divenuti inabili, in misura pari o superiore al 60%, per infortunio o malattia (art. 3, c. 2, DPR 333/00) non per violazione del datore di lavoro, pubblico o privato, delle norme in materia di sicurezza ed igiene del lavoro accertato in sede giudiziale;

16 9. lavoratori divenuti inabili, in misura inferiore al 60% e superiore al 33%, per infortunio sul lavoro o malattia professionale (art. 3, c. 4, DPR 333/00); 10.lavoratori assunti ai sensi della legge 21/07/61 n. 686 e successive modifiche, della legge 29/03/85 n. 113 e della legge 11/01/94 n. 29 (art. 3, c. 7, legge 68/99). I lavoratori disabili indicati nei punti 5), 6), 8), 9), 10), sono esclusi dalla base di computo per la determinazione della quota di riserva e sono invece inclusi nella quota d obbligo. Le deroghe alla quota d obbligo, previste dall art. 5 della legge 68/99 al terzo comma (esonero parziale) e all ottavo comma (compensazione territoriale), devono risultare da specifiche richieste e devono essere espressamente richiamate nelle Convenzioni stipulate con i datori di lavoro pubblici e privati. Art.18 Limitazioni dell obbligo Nei confronti dei seguenti datori di lavoro sono previste le limitazioni sotto elencate: per i datori di lavoro che occupano da 15 a 35 dipendenti l obbligo all assunzione scatta solo in caso di nuove assunzioni (art. 3, comma 2 L. 68/99); per i partiti politici, le organizzazioni sindacali e le organizzazioni no-profit, l obbligo all assunzione si applica solo in caso di nuove assunzioni. Per tali soggetti la quota si computa solo in riferimento al personale tecnico/esecutivo, che svolge funzioni amministrative; per i servizi di polizia, protezione civile e difesa nazionale, la quota si computa solo per gli addetti ai servizi amministrativi;

17 non sono inoltre tenuti all osservanza dell obbligo di cui all art.3 legge 68/99 i datori di lavoro del settore edile per quanto concerne il personale di cantiere e gli addetti al trasporto del settore (legge 247/2007 art.1 comma 53); non sono considerate nuove assunzioni quelle effettuate per la sostituzione di personale avente diritto alla conservazione del posto. Art.19 Sospensione dell obbligo L obbligo di assunzione è sospeso per le imprese interessate all intervento di integrazione salariale durante il periodo in cui opera il relativo programma, per le imprese interessate all applicazione di contratti di solidarietà e per le imprese interessate alle procedure di mobilità. Art.20 Durata delle convenzioni Le Convenzioni di programma possono avere una durata massima di tre anni estensibile a cinque per particolari esigenze e comprovate difficoltà e con specifico parere della Commissione Provinciale Tripartita. La durata delle Convenzioni di inserimento e di integrazione lavorativa di cui agli art.12 e 12 bis della legge 247/2007 viene fissata dalle parti contraenti nel rispetto delle disposizioni legislative in materia. Art. 21 Incentivi alle assunzioni

18 Attraverso la Convenzione è possibile accedere alle agevolazioni per le assunzioni a carico del fondo nazionale per i disabili, ex art.13 legge 68/99. Nel rispetto delle norme di legge in materia, le Regioni e le Province autonome possono concedere un contributo all assunzione a valere sulle risorse del Fondo nei limiti delle disponibilità ivi indicate: nella misura non superiore al 60% del costo salariale, per ogni lavoratore disabile, che, assunto attraverso le Convenzioni di cui all art. 11 con rapporto di lavoro a tempo indeterminato, abbia una riduzione della capacità lavorativa superiore al 79% o minorazioni ascritte dalla prima alla terza categoria di cui alle tabelle annesse al testo unico delle norme in materia di pensioni di guerra, ovvero handicap intellettivo e psichico indipendentemente dalle percentuali di invalidità; nella misura non superiore al 25% del costo salariale per ogni lavoratore che, assunto attraverso le Convenzioni di cui all art. 11 con rapporto di lavoro a tempo indeterminato, abbia una riduzione della capacità lavorativa compresa tra il 67% ed il 79% o minorazioni ascritte dalla quarta alla sesta categoria di cui alle citate tabelle; in ogni caso l ammontare lordo del contributo all assunzione deve essere calcolato sul totale del costo salariale annuo da corrispondere al lavoratore; per il rimborso forfettario parziale delle spese necessarie alla trasformazione del posto di lavoro occorrenti per renderlo adeguato alle possibilità operative dei disabili con riduzione della capacità lavorativa superiore al 50% o per l apprestamento di tecnologie di telelavoro ovvero per la rimozione delle barriere architettoniche, che limitano in qualsiasi modo l integrazione lavorativa del disabile

19 Possono essere ammesse ai suddetti contributi le assunzioni a tempo indeterminato; inoltre esse devono essere state effettuate nell anno antecedente al provvedimento con cui il Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale provvede al riparto del Fondo. La concessione del contributo è assoggettata ai criteri e modalità di erogazione fissati nel Decreto del Dirigente Generale della Regione Calabria Dipartimento n. 10 Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato n del Gli incentivi di cui sopra sono estesi anche ai datori di lavoro privati, che, pur non essendo soggetti ad obbligo, hanno proceduto all assunzione a tempo indeterminato di lavoratori disabili con le modalità previste dalla legge. L amministrazione contraente non assume, comunque, alcuna responsabilità per la mancata o la tardiva concessione dell agevolazione finanziaria prevista per legge. Art. 22 Disposizioni transitorie e finali Il presente regolamento sarà pubblicato sul sito istituzionale della Provincia di Reggio Calabria. Entrerà in vigore a far data. Per quanto non espressamente richiamato, si rinvia al regolamento attuativo della legge regionale n. 32/01, allo schema di Convenzione quadro allegato al presente Regolamento ed a tutta la normativa vigente e richiamata all'articolo 1 del presente Regolamento. I criteri indicati nel presente regolamento sono vincolanti per tutti i soggetti pubblici e privati individuati per la stipula delle Convenzioni. Regolamento approvato all unanimità dalla CPT di Reggio Calabria nella seduta del

Settore Formazione Professionale, Lavoro, Politiche Sociali Ufficio :Centri per l impiego

Settore Formazione Professionale, Lavoro, Politiche Sociali Ufficio :Centri per l impiego Allegato 2 (Da presentare in triplice copia) PROT. DEL CONVENZIONE DI INTEGRAZIONE LAVORATIVA PER L AVVIAMENTO DI DISABILI CHE PRESENTANO PARTICOLARI CARATTERISTICHE E DIFFICOLTA DI INSERIMENTO NEL CICLO

Dettagli

Incontro informativo. Disabili e azienda: la programmazione degli inserimenti e le convenzioni con le cooperative sociali come strumenti di gestione

Incontro informativo. Disabili e azienda: la programmazione degli inserimenti e le convenzioni con le cooperative sociali come strumenti di gestione Incontro informativo I SEMINARI DEL LAVORO Disabili e azienda: la programmazione degli inserimenti e le convenzioni con le cooperative sociali come strumenti di gestione Milano, 27 gennaio 2011 Incontro

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA OGGETTO: Intesa in materia di diritto al lavoro dei disabili in attuazione dell articolo 11 della legge n. 68/1999 e dell articolo 39 del decreto legislativo n. 165/2001. Intesa, ai sensi dell articolo

Dettagli

CONVENZIONE D'INSERIMENTO LAVORATIVO TEMPORANEO CON FINALITÀ FORMATIVE ex art. 12 LEGGE n. 68/99

CONVENZIONE D'INSERIMENTO LAVORATIVO TEMPORANEO CON FINALITÀ FORMATIVE ex art. 12 LEGGE n. 68/99 CONVENZIONE D'INSERIMENTO LAVORATIVO TEMPORANEO CON FINALITÀ FORMATIVE ex art. 12 LEGGE n. 68/99 Il giorno Tra la PROVINCIA DI ROVIGO con sede legale in Rovigo, via Celio, 10, C.F. 93006330299 rappresentata

Dettagli

Modello di convenzione programmatica convenzione ai sensi dell art.11 (commi 1, 2 e 4) Legge 68/99. Il giorno presso. Tra LA PROVINCIA DI

Modello di convenzione programmatica convenzione ai sensi dell art.11 (commi 1, 2 e 4) Legge 68/99. Il giorno presso. Tra LA PROVINCIA DI PROVINCIA DI LIVORNO DIPARTIMENTO DELLE CULTURE, DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO Unità di Servizio LAVORO Via G. Galilei, 40 57100 LIVORNO Tel. 0586/257527-554 Fax 0586/449623 Modello di convenzione programmatica

Dettagli

SCHEMA TIPO DI CONVENZIONE DI INSERIMENTO LAVORATIVO ex ART. 12, L. 68/99

SCHEMA TIPO DI CONVENZIONE DI INSERIMENTO LAVORATIVO ex ART. 12, L. 68/99 SCHEMA TIPO DI CONVENZIONE DI INSERIMENTO LAVORATIVO ex ART. 12, L. 68/99 Il giorno I Servizi per l Impiego della Provincia di rappresentati da Il Datore di lavoro rappresentato da.. La Cooperativa Sociale/il

Dettagli

Art. 12 bis legge 68/99 La normativa, la sperimentazione, gli esempi concreti Vercelli, 11 luglio 2012 Legge 12 marzo 1999, n. 68 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili" Capo I DIRITTO AL LAVORO

Dettagli

SCHEMA TIPO DI CONVENZIONE DI PROGRAMMA ex art. 11, co.1, L. 68/99

SCHEMA TIPO DI CONVENZIONE DI PROGRAMMA ex art. 11, co.1, L. 68/99 SCHEMA TIPO DI CONVENZIONE DI PROGRAMMA ex art. 11, co.1, L. 68/99 Il giorno I Servizi per l'impiego della Provincia.., rappresentati da......... Il Datore di lavoro..... rappresentato da...... Premesso

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 27 ottobre 2011 Modifica ed abrogazione del decreto 4 febbraio 2010 concernente i criteri e le modalita' di ripartizione delle disponibilita' del

Dettagli

VISTO l articolo 38 della legge regionale 18/2005;

VISTO l articolo 38 della legge regionale 18/2005; Oggetto: LEGGE 12.03.1999 N. 68 - APPROVAZIONE CONVENZIONE PROGRAMMATICA PER L ASSUNZIONE DI 1 UNITÀ DI PERSONALE APPARTENENTE ALLE LISTE EX ART. 8 L. 68/1999. ASSICURAZIONI GENERALI SPA. VISTA la legge

Dettagli

Le associazioni provinciali di rappresentanza, assistenza e tutela delle cooperative sociali:

Le associazioni provinciali di rappresentanza, assistenza e tutela delle cooperative sociali: BOZZA CONVENZIONE QUADRO PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI DI INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE DISABILI IN COOPERATIVE SOCIALI B. ART. 22 L.R. 1 /8/ 2005, N. 17 Con la presente convenzione,

Dettagli

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO. dott.ssa S. Lombardi

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO. dott.ssa S. Lombardi COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO dott.ssa S. Lombardi COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO NORMATIVA: L. n 68 del 12 marzo 1999 recante il titolo Norme per il diritto al lavoro dei disabili ; entrata in vigore il 18 gennaio

Dettagli

PROPOSTA DI CONVENZIONE PER L INSERIMENTO LAVORATIVO TEMPORANEO CON FINALITA FORMATIVE DI PERSONE DISABILI AI SENSI DELL ART.

PROPOSTA DI CONVENZIONE PER L INSERIMENTO LAVORATIVO TEMPORANEO CON FINALITA FORMATIVE DI PERSONE DISABILI AI SENSI DELL ART. PROPOSTA DI CONVENZIONE PER L INSERIMENTO LAVORATIVO TEMPORANEO CON FINALITA FORMATIVE DI PERSONE DISABILI AI SENSI DELL ART. 12 DELLA LEGGE 68/99 (Così come modificato dall art. 1, comma 37 L.247/07)

Dettagli

Il giorno presso la sede dell Amministrazione Provinciale dell Aquila in Via Sant Agostino n. 7

Il giorno presso la sede dell Amministrazione Provinciale dell Aquila in Via Sant Agostino n. 7 PROT. /I/2/C/ DATA Provincia dell Aquila SETTORE POLITICHE DEL LAVORO E AFFARI SOCIALI CONVENZIONE AI SENSI DELL ART. 11, COMMA 2 e 4, Legge 68/99. Il giorno presso la sede dell Amministrazione Provinciale

Dettagli

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali la Provincia di Rimini la Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini le Associazioni imprenditoriali provinciali di Rimini: Confindustria

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO Norme per il diritto al lavoro delle persone disabili in attuazione della legge 12 marzo 1999, n. 68 e istituzione servizio integrazione lavorativa

Dettagli

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI NOTA INFORMATIVA INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI Art. 13 della Legge 68/99 riguardano assunzioni a tempo indeterminato o trasformazioni a tempo indeterminato di contratti a termine 1. SOGGETTI DESTINATARI Datori

Dettagli

CONVENZIONI PRIVATI TRA

CONVENZIONI PRIVATI TRA Legge 12 Marzo 1999, n. 68 Norme per il diritto al lavoro dei disabili CONVENZIONE EX ART. 11 Premesso che a) le parti si sono determinate nella stipula della presente convenzione al fine di consentire

Dettagli

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) Regolamento per l assunzione dei disabili ai sensi della legge n. 68/1999 e D.P.R. n.

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) Regolamento per l assunzione dei disabili ai sensi della legge n. 68/1999 e D.P.R. n. COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) Regolamento per l assunzione dei disabili ai sensi della legge n. 68/1999 e D.P.R. n. 333/2000 Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 68 del 27 febbraio

Dettagli

(sperimentazione dell art. 14 del D. Lgs. 10.09.03 n 276)

(sperimentazione dell art. 14 del D. Lgs. 10.09.03 n 276) CONVENZIONE QUADRO PER L INSERIMENTO DI LAVORATORI DISABILI DEBOLI tra la Provincia di Savona e le Associazioni Datoriali, Sindacali e Cooperative della provincia di Savona (sperimentazione dell art. 14

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

#Synergie68 nasce come specializzazione dedicata esclusivamente alla gestione di tutti i processi legati alla Legge 68/99 su categorie protette,

#Synergie68 nasce come specializzazione dedicata esclusivamente alla gestione di tutti i processi legati alla Legge 68/99 su categorie protette, # SYNERGIE68 #Synergie68 nasce come specializzazione dedicata esclusivamente alla gestione di tutti i processi legati alla Legge 68/99 su categorie protette, disabili e sul loro inserimento lavorativo.

Dettagli

CONVENZIONE DI INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI

CONVENZIONE DI INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI MARCA DA BOLLO 14,62 [indicare eventuali riferimenti normativi di esenzione dall applicazione del bollo] CONVENZIONE DI INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI AI SENSI DELL'ART. 11, COMMI 1,2,3,4,6

Dettagli

LEGGE 68/99 ART 9 COMMA 5: AVVIAMENTO NUMERICO E A SELEZIONE TRAMITE CHIAMATA CON AVVISO PUBBLICO

LEGGE 68/99 ART 9 COMMA 5: AVVIAMENTO NUMERICO E A SELEZIONE TRAMITE CHIAMATA CON AVVISO PUBBLICO LEGGE 68/99 ART 9 COMMA 5: AVVIAMENTO NUMERICO E A SELEZIONE TRAMITE CHIAMATA CON AVVISO PUBBLICO Premesse: La Legge 68/99 recante Norme per il diritto al lavoro dei disabili, prevede che la maggior parte

Dettagli

L.R. 18/2005, art. 37, c. 2, lett. b) B.U.R. 27/7/2011, n. 30

L.R. 18/2005, art. 37, c. 2, lett. b) B.U.R. 27/7/2011, n. 30 L.R. 18/2005, art. 37, c. 2, lett. b) B.U.R. 27/7/2011, n. 30 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 13 luglio 2011, n. 0163/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di incentivi all

Dettagli

SERVIZIO COLLOCAMENTO DISABILI Via Bordoni, 12 27100 Pavia Tel. 0382/597429/404 fax 0382/597432 disabili@formalavoro.pv.it

SERVIZIO COLLOCAMENTO DISABILI Via Bordoni, 12 27100 Pavia Tel. 0382/597429/404 fax 0382/597432 disabili@formalavoro.pv.it Provincia di Pavia SERVIZIO COLLOCAMENTO DISABILI Via Bordoni, 12 27100 Pavia Tel. 0382/597429/404 fax 0382/597432 disabili@formalavoro.pv.it CONVENZIONE EX ART. 11, COMMA 5, LEGGE 68/99 PREMESSO CHE:

Dettagli

DECRETO DEL MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE REGOLAMENTO RECANTE NORME PER IL FUNZIONAMENTO DEL FONDO

DECRETO DEL MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE REGOLAMENTO RECANTE NORME PER IL FUNZIONAMENTO DEL FONDO DECRETO DEL MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE E MINISTERO DEL TESORO, DEL 13 GENNAIO 2000, N. 91 REGOLAMENTO RECANTE NORME PER IL FUNZIONAMENTO DEL FONDO NAZIONALE PER IL DIRITTO AL LAVORO

Dettagli

la mia azienda deve assumere...

la mia azienda deve assumere... la mia azienda deve assumere... Collocamento mirato, dall obbligo alla risorsa: adempimento in due step: La tua azienda è tenuta ad assumere lavoratori con disabilità ai sensi della Legge 68/99? Step 1

Dettagli

RICHIESTA DI STIPULA DI CONVENZIONE ex art. 11 della legge 12 marzo 1999, n. 68, per PROCEDERE ALL INSERIMENTO LAVORATIVO DI UN DISABILE

RICHIESTA DI STIPULA DI CONVENZIONE ex art. 11 della legge 12 marzo 1999, n. 68, per PROCEDERE ALL INSERIMENTO LAVORATIVO DI UN DISABILE Al Centro per l Impiego di ( ) Rich. Conv. individuale (in duplice copia) RICHIESTA DI STIPULA DI CONVENZIONE ex art. 11 della legge 12 marzo 1999, n. 68, per PROCEDERE ALL INSERIMENTO LAVORATIVO DI UN

Dettagli

Circolare N. 11 del 22 Gennaio 2015

Circolare N. 11 del 22 Gennaio 2015 Circolare N. 11 del 22 Gennaio 2015 Assunzioni obbligatorie e categorie protette - quando sono costretto ad assumere? Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero del Lavoro,

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA SETTORE LAVORO SERVIZIO COMMISSIONE PROVINCIALE TRIPARTITA Via S. Anna II Tronco Spirito Santo Tel.

PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA SETTORE LAVORO SERVIZIO COMMISSIONE PROVINCIALE TRIPARTITA Via S. Anna II Tronco Spirito Santo Tel. Reg. / PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA SETTORE LAVORO SERVIZIO COMMISSIONE PROVINCIALE TRIPARTITA Via S. Anna II Tronco Spirito Santo Tel. 0965-364806 CONVENZIONE con i datori di lavoro privati ai sensi dell

Dettagli

PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Politiche del Lavoro PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Politiche del Lavoro IL COLLOCAMENTO DISABILI ex lege 68/1999 Parlare di COLLOCAMENTO MIRATO non significa che non vi sia più obbligo da parte dei datori di lavoro di assumere

Dettagli

PROVINCIA DI CASERTA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Servizio 1 - Collocamento Provinciale Disabili

PROVINCIA DI CASERTA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Servizio 1 - Collocamento Provinciale Disabili Data di Pubblicazione: 29/12/2014 Data Scadenza : 20/02/2015 PROVINCIA DI CASERTA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Servizio 1 - Collocamento Provinciale Disabili AVVISO PUBBLICO ATTIVITÀ RIVOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

L.R. 18/2005, art. 36, c. 3 bis, lett. g) B.U.R. 30/3/2016, n. 13 L.R. 68/1999, art. 13

L.R. 18/2005, art. 36, c. 3 bis, lett. g) B.U.R. 30/3/2016, n. 13 L.R. 68/1999, art. 13 L.R. 18/2005, art. 36, c. 3 bis, lett. g) B.U.R. 30/3/2016, n. 13 L.R. 68/1999, art. 13 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 23 marzo 2016, n. 053/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per la concessione

Dettagli

CONVENZIONE D'INTEGRAZIONE LAVORATIVA

CONVENZIONE D'INTEGRAZIONE LAVORATIVA CONVENZIONE D'INTEGRAZIONE LAVORATIVA ex art. 11, comma 4, LEGGE n. 68/99 Il giorno Tra la PROVINCIA DI ROVIGO con sede legale in Rovigo, via Celio, 10, C.F. 93006330299 rappresentata da Il Datore di lavoro

Dettagli

Dentro il mondo del lavoro. I servizi per il lavoro a sostegno dei cittadini disabili

Dentro il mondo del lavoro. I servizi per il lavoro a sostegno dei cittadini disabili Dentro il mondo del lavoro I servizi per il lavoro a sostegno dei cittadini disabili 1 2 Il Collocamento Mirato - (L.68/99) Il Collocamento delle persone disabili è una delle competenze attribuite alle

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA de CASTEDDU Settore Lavoro e Formazione Servizio Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA de CASTEDDU Settore Lavoro e Formazione Servizio Politiche del Lavoro PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA de CASTEDDU Settore Lavoro e Formazione Servizio Politiche del Lavoro Guiida siintetiica all collllocamento miirato deii diisabiillii Pagina 1 di 5 CIITTADIINII IINTERESSATII

Dettagli

Oggetto: Cooperative sociali e collocamento obbligatorio nel decreto-legge

Oggetto: Cooperative sociali e collocamento obbligatorio nel decreto-legge Ufficio Politiche della disabilità /ufficiohandicap ufficiohandicap@mail.cgil.it Roma, 28 giugno 2008 Prot. n.: Cod. n.: Cgil regionali Federazioni Nazionali di categoria Camere del lavoro Territoriali

Dettagli

Settore Sviluppo e Lavoro Servizi alla Persona e all Impresa Servizio Collocamento Mirato

Settore Sviluppo e Lavoro Servizi alla Persona e all Impresa Servizio Collocamento Mirato TRA La Provincia di Pavia (di qui in poi denominata La Provincia ), con sede in Pavia P.zza Italia, 5 rappresentata da ANNA BETTO in qualità di Dirigente del Settore Sviluppo e Lavoro Servizi alla persona

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO

SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO ARTT. 30 40 D.LGS 81/2015 IL CONTRATTO DI È IL CONTRATTO, A TEMPO INDETERMINATO O DETERMINATO, CON IL QUALE UN AGENZIA DI AUTORIZZATA METTE A DISPOSIZIONE DI UN UTILIZZATORE UNO O PIÙ LAVORATORI SUOI DIPENDENTI,

Dettagli

2. La Regione, altresì, riconosce e valorizza il ruolo di rilevanza sociale delle associazioni regionali di tutela delle categorie dei disabili.

2. La Regione, altresì, riconosce e valorizza il ruolo di rilevanza sociale delle associazioni regionali di tutela delle categorie dei disabili. L.R. 21 luglio 2003, n. 19 (1). Norme per il diritto al lavoro delle persone disabili. Modifiche all'articolo 28 della legge regionale 7 agosto 1998, n. 38 (Organizzazione delle funzioni regionali e locali

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

Disposizioni per favorire l accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici

Disposizioni per favorire l accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici Disposizioni per favorire l accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici DISEGNO DI LEGGE Art. 1. (Obiettivi e finalità) 1. La Repubblica riconosce e tutela il diritto di ogni persona ad accedere

Dettagli

ENBIC Ente Nazionale Bilaterale Confederale ANPIT, CIDEC, CONFAZIENDA, FEDIMPRESE E UNICA CISAL, CISAL TERZIARIO, FEDERAGENTI

ENBIC Ente Nazionale Bilaterale Confederale ANPIT, CIDEC, CONFAZIENDA, FEDIMPRESE E UNICA CISAL, CISAL TERZIARIO, FEDERAGENTI ENBIC Ente Nazionale Bilaterale Confederale ANPIT, CIDEC, CONFAZIENDA, FEDIMPRESE E UNICA CISAL, CISAL TERZIARIO, FEDERAGENTI REGOLAMENTO COMMISSIONE NAZIONALE FORMAZIONE SICUREZZA LAVORO VISTO lo Statuto

Dettagli

P r o v i n c i a d i P a d o v a SETTORE LAVORO E FORMAZIONE Ufficio Categorie Protette Provinciale

P r o v i n c i a d i P a d o v a SETTORE LAVORO E FORMAZIONE Ufficio Categorie Protette Provinciale P r o v i n c i a d i P a d o v a SETTORE LAVORO E FORMAZIONE Ufficio Categorie Protette Provinciale CONVENZIONE D'INTEGRAZIONE LAVORATIVA ex art. 11, comma 4, legge 68/99 in enti pubblici Il giorno I

Dettagli

3.5.c - STABILIZZAZIONE DEGLI INSERIMENTI LAVORATIVI ex. art. 11 co. 1 e 4 L.68/99

3.5.c - STABILIZZAZIONE DEGLI INSERIMENTI LAVORATIVI ex. art. 11 co. 1 e 4 L.68/99 Provincia di Bergamo 3.5.c - STABILIZZAZIONE DEGLI INSERIMENTI LAVORATIVI ex. art. 11 co. 1 e 4 L.68/99 1. Descrizione dell azione L azione eroga contributi finalizzati alla stabilizzazione dei rapporti

Dettagli

Modello di contratto. Apprendistato per la qualifica e il diploma professionale

Modello di contratto. Apprendistato per la qualifica e il diploma professionale Modello di contratto Apprendistato per la qualifica e il diploma professionale MODELLO DI CONTRATTO DI APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E IL DIPLOMA PROFESSIONALE ex art. 3, d.lgs. n. 167/2011... [Datore

Dettagli

IL PRESENTE REGOLAMENTO È STATO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/11/2010 N. 67

IL PRESENTE REGOLAMENTO È STATO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/11/2010 N. 67 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO A COOPERATIVE SOCIALI DI SERVIZI CHE PREVEDONO L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE DI IMPORTO INFERIORE ALLE SOMME STABILITE DALLE DIRETTIVE COMUNITARIE IL PRESENTE

Dettagli

CAPITOLO 12 - SISTEMA DEGLI INCARICHI E DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

CAPITOLO 12 - SISTEMA DEGLI INCARICHI E DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE CAPITOLO 12 - SISTEMA DEGLI INCARICHI E DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE 12.1 Individuazione delle Strutture Semplici e Complesse Nell individuare le strutture complesse di cui all allegato n. 2

Dettagli

Servizio Inserimento Mirato Disabili. tra

Servizio Inserimento Mirato Disabili. tra PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU SETTORE LAVORO Servizio Inserimento Mirato Disabili CONVENZIONE N del AI SENSI DELL ART. 11 LEGGE 12.03.99 N 68 tra LA PROVINCIA DI CAGLIARI Servizio per l inserimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA COPERTURA DI POSTI DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA COPERTURA DI POSTI DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA COPERTURA DI POSTI DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO Emanato con D.R. n. 12096 del 5.6.2012 Pubblicato all Albo Ufficiale dell Ateneo l 8 giugno 2012 In

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO FORMATIVO REGIONALE (Art. 18 Legge Regionale 25/01/2005 n. 2) TRA

CONVENZIONE DI TIROCINIO FORMATIVO REGIONALE (Art. 18 Legge Regionale 25/01/2005 n. 2) TRA CONVENZIONE DI TIROCINIO FORMATIVO REGIONALE (Art. 18 Legge Regionale 25/01/2005 n. 2) TRA L'Università degli Studi di Macerata, di seguito denominato «soggetto promotore», con sede in Macerata, Piaggia

Dettagli

Legge accesso disabili agli strumenti informatici

Legge accesso disabili agli strumenti informatici Legge accesso disabili agli strumenti informatici da Newsletter Giuridica: Numero 81-26 gennaio 2004 Pubblicata sulla Gazzetta la Legge in materia di accesso dei disabili agli strumenti informatici, approvata

Dettagli

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole Clicca sull incentivo di tuo interesse: Giovani 18-29 anni; Apprendistato; Fruitori di ASPI; Lavoratori disoccupati o sospesi da almeno 24 mesi; Donne e over 50; Ricercatori

Dettagli

Collocamento obbligatorio delle persone con disabilità. Raccolta di leggi, decreti e circolari

Collocamento obbligatorio delle persone con disabilità. Raccolta di leggi, decreti e circolari Collocamento obbligatorio delle persone con disabilità Raccolta di leggi, decreti e circolari 1 Questa pubblicazione è stata realizzata dall ATI CK Associati, Istituto Pilota e Consorzio I.S.F.I.Ma. nell

Dettagli

Decreto Legislativo n. 151/2015

Decreto Legislativo n. 151/2015 Decreto Legislativo n. 151/2015 DISPOSIZIONI DI RAZIONALIZZAZIONE E SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI A CARICO DI CITTADINI E IMPRESE E ALTRE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAPPORTO DI LAVORO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE SERVIZIO AMBIENTE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n.63 del 09.08.2012 1 Sommario ART. 1 - Finalità

Dettagli

AMA ROZZANO SPA CRITERI E MODALITÀ PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE

AMA ROZZANO SPA CRITERI E MODALITÀ PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE AMA ROZZANO SPA CRITERI E MODALITÀ PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE Articolo 1 Finalità ed ambito di applicazione 1. Il presente regolamento è adottato

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO

PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Avviso pubblico relativo all inserimento lavorativo di persone disabili all interno di cooperative sociali di tipo B e loro Consorzi ed interventi di accompagnamento

Dettagli

Oggetto: LEGGE N. 68/1999. APPROVAZIONE PROROGA AL CALENDARIO DEGLI INSERIMENTI DELLA CONVENZIONE N. 1632 DI REP. DEL 27/10/2011. REFRION SRL.

Oggetto: LEGGE N. 68/1999. APPROVAZIONE PROROGA AL CALENDARIO DEGLI INSERIMENTI DELLA CONVENZIONE N. 1632 DI REP. DEL 27/10/2011. REFRION SRL. Oggetto: LEGGE N. 68/1999. APPROVAZIONE PROROGA AL CALENDARIO DEGLI INSERIMENTI DELLA CONVENZIONE N. 1632 DI REP. DEL 27/10/2011. REFRION SRL. VISTA la legge 12 marzo 1999, n. 68, ed in particolare l'art.

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA 1 LEGGE REGIONALE. Disciplina in materia di apprendistato professionalizzante

CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA 1 LEGGE REGIONALE. Disciplina in materia di apprendistato professionalizzante DELLA PUGLIA 1 LEGGE REGIONALE Disciplina in materia di apprendistato professionalizzante DELLA PUGLIA 2 LEGGE REGIONALE Disciplina in materia di apprendistato professionalizzante Il Consiglio regionale

Dettagli

Direzione Servizi Educativi e di Protezione Sociale. Determinazione Dirigenziale n. 2246 del 29/12/2014

Direzione Servizi Educativi e di Protezione Sociale. Determinazione Dirigenziale n. 2246 del 29/12/2014 Determinazione Dirigenziale n. 2246 del 29/12/2014 Centro di Responsabilità 22 Centro di Costo 138 e 139 pratica n. 3374819 Oggetto: Concessione dell Accreditamento Definitivo ai sensi della Deliberazione

Dettagli

Sommario. Preambolo Art. 1 - Inserimento della sezione I bis nel capo III del titolo VIII del d.p.g.r. 47/R/2003 Art. 2 - Entrata in vigore.

Sommario. Preambolo Art. 1 - Inserimento della sezione I bis nel capo III del titolo VIII del d.p.g.r. 47/R/2003 Art. 2 - Entrata in vigore. All. A Modifiche al regolamento emanato con decreto del Presidente della Giunta regionale 8 agosto 2003, n. 47/R (Regolamento di esecuzione della legge regionale 26 luglio 2002 n. 32 Testo unico della

Dettagli

LEGGE 68/99 ART 9 COMMA 5: AVVIAMENTO NUMERICO E A SELEZIONE TRAMITE CHIAMATA CON AVVISO PUBBLICO

LEGGE 68/99 ART 9 COMMA 5: AVVIAMENTO NUMERICO E A SELEZIONE TRAMITE CHIAMATA CON AVVISO PUBBLICO LEGGE 68/99 ART 9 COMMA 5: AVVIAMENTO NUMERICO E A SELEZIONE TRAMITE CHIAMATA CON AVVISO PUBBLICO Premesse: La Legge 68/99 recante Norme per il diritto al lavoro dei disabili, prevede che la maggior parte

Dettagli

DECRETO N. 2863 Del 13/04/2015

DECRETO N. 2863 Del 13/04/2015 DECRETO N. 2863 Del 13/04/2015 Identificativo Atto n. 267 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO DOTE IMPRESA INCENTIVI ALL ASSUNZIONE DI PERSONE CON DISABILITÀ

Dettagli

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO In ambienti di lavoro che occupano più di 15 dipendenti, i datori di lavoro sono obbligati ad assumere un numero di dipendenti appartenenti alle categorie protette in base al

Dettagli

Direttive e criteri di attuazione della legge regionale 13 agosto 2001, n. 12

Direttive e criteri di attuazione della legge regionale 13 agosto 2001, n. 12 ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 36/ 20 DEL 26.7.2005 Direttive e criteri di attuazione della legge regionale 13 agosto 2001, n. 12 Art. 1 Ai fini dell applicazione delle presenti direttive e criteri di

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell'occupazione Sicurezza e Qualità del Lavoro - Ufficio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell'occupazione Sicurezza e Qualità del Lavoro - Ufficio REGIONE LIGURIA Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell Occupazione Ufficio Sicurezza e Qualità del lavoro Prime disposizioni in materia di formazione delle figure professionali di Responsabile

Dettagli

P R O V I N C I A D I B I E L L A AVVISO DI BANDO PUBBLICO

P R O V I N C I A D I B I E L L A AVVISO DI BANDO PUBBLICO P R O V I N C I A D I B I E L L A Via Maestri del Commercio, 6-13900 BIELLA Tel. 015-8480650 Fax 015-8480666 www.provincia.biella.it SETTORE FORMAZIONE, LAVORO E PARI OPPORTUNITA SERVIZIO CENTRO PER L

Dettagli

- l art 3, della legge 11 ottobre 1990, n. 289 dispone che l indennità mensile di frequenza per i minori invalidi è

- l art 3, della legge 11 ottobre 1990, n. 289 dispone che l indennità mensile di frequenza per i minori invalidi è 1 2 L Assessore al Welfare e alle Politiche della Salute, sulla base dell istruttoria espletata dall Ufficio Sistemi Informativi e Flussi Informativi, come confermata dal dirigente del Servizio Accreditamento

Dettagli

CONVENZIONE PER PROGRAMMA DI INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI Art. 11, Legge 12 marzo 1999 n. 68 TRA

CONVENZIONE PER PROGRAMMA DI INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI Art. 11, Legge 12 marzo 1999 n. 68 TRA CONVENZIONE PER PROGRAMMA DI INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI Art. 11, Legge 12 marzo 1999 n. 68 TRA La Provincia di Savona, con sede e domicilio fiscale in Savona, via Sormano 12, C.F.: 00311260095,

Dettagli

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO La nuova legge n. 68 del 12/03/1999 Norme per il diritto al lavoro dei disabili risponde alla necessità di creare maggiori ed innovative opportunità per un collocamento

Dettagli

Nuove regole in materia di stato di disoccupazione dal 1 gennaio 2014

Nuove regole in materia di stato di disoccupazione dal 1 gennaio 2014 Nuove regole in materia di stato di disoccupazione dal 1 gennaio 2014 Dal 1 gennaio 2014 sono entrate in vigore nuove regole sull'acquisizione, conservazione e perdita dello stato di disoccupazione, approvate

Dettagli

CAPO I PROGETTAZIONE DI OPERE E LAVORI PUBBLICI

CAPO I PROGETTAZIONE DI OPERE E LAVORI PUBBLICI DISCIPLINA PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO PER LA PROGETTAZIONE O PER LA REDAZIONE DI ATTI DI PIANIFICAZIONE EX. ART. 18 LEGGE 109/94 E SUCCESSIVE INTEGRAZIONI AGGIORNATO ALLA LEGGE 415/98 e s.m.i.

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO

NUOVO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO NUOVO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO TITOLO I - FUNZIONI E ORGANI Articolo 1 (Funzioni) 1.1 La Cassa conguaglio per il settore elettrico,

Dettagli

ART. 1 (finalità ed ambito applicativo)

ART. 1 (finalità ed ambito applicativo) OGGETTO: Approvazione Regolamento recante disciplina per il conferimento di incarichi di collaborazione, di studio di ricerca, di consulenze, ovvero ogni altra tipologia di collaborazione autonoma, a soggetti

Dettagli

2. Per quanto non previsto dalla presente legge si applicano le leggi 1/1990 e 174/2005.

2. Per quanto non previsto dalla presente legge si applicano le leggi 1/1990 e 174/2005. LEGGE REGIONALE 20 novembre 2007, n. 17 Disciplina dell'attività di acconciatore e di estetista (B.U. 29 novembre 2007, n. 104) INDICE DELLA LEGGE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Competenze della Regione, delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI TITOLO I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI TITOLO I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI TITOLO I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE ART. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento è adottato da AREA BLU s.p.a. (di

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Azienda Speciale Servizi Alla Persona VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Numero 02 Data 28/01/2015 Oggetto: Adempimenti di cui all Art. 3 Legge 68/99 Assunzioni Obbligatorie Quote

Dettagli

NORMATIVA PER IL DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI

NORMATIVA PER IL DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI Provincia della Spezia Medaglia d Oro al Valor Militare PROVINCIA DELLA SPEZIA Settore Politiche del Lavoro e della Formazione Professionale NORMATIVA PER IL DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI La Legge n.

Dettagli

Regolamento per il conferimento di incarichi professionali e di collaborazione coordinata e continuativa

Regolamento per il conferimento di incarichi professionali e di collaborazione coordinata e continuativa Regolamento per il conferimento di incarichi professionali e di collaborazione coordinata e continuativa Art. 1 (Oggetto del Regolamento) Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità per

Dettagli

Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99.

Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99. Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99. La legge n. 68 del 1999, mostra un profondo mutamento nella concezione del collocamento delle persone con disabilità. Si delinea un nuovo metodo

Dettagli

Trentino Mobilità s.p.a. REGOLAMENTO PER LA SELEZIONE DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI

Trentino Mobilità s.p.a. REGOLAMENTO PER LA SELEZIONE DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI Trentino Mobilità s.p.a. REGOLAMENTO PER LA SELEZIONE DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 21 dicembre 2012 In vigore dal 22 dicembre 2012

Dettagli

Settore Sviluppo e Lavoro Servizi alla Persona e all Impresa Servizio Collocamento Disabili. Legge 68/99, art.11- CONVENZIONE ENTI PUBBLICI

Settore Sviluppo e Lavoro Servizi alla Persona e all Impresa Servizio Collocamento Disabili. Legge 68/99, art.11- CONVENZIONE ENTI PUBBLICI Premesso che: a) le parti si sono determinate nella stipula della presente convenzione al fine di consentire l applicazione della Legge 68/99 nel pieno rispetto dei diritti e delle prerogative dei Disabili

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO RECANTE NORME SUGLI INCARICHI AI DIPENDENTI PROVINCIALI

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO RECANTE NORME SUGLI INCARICHI AI DIPENDENTI PROVINCIALI AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA REGOLAMENTO RECANTE NORME SUGLI INCARICHI AI DIPENDENTI PROVINCIALI approvato con deliberazione G.P. n. 188 del 25.7.2001 modificato con deliberazione G.P. n. 83 del

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE Approvato dal Senato della Repubblica

DISEGNO DI LEGGE Approvato dal Senato della Repubblica Deleghe al Governo in materia di lavori usuranti, di riorganizzazione di enti, di congedi, aspettative e permessi, di ammortizzatori sociali, di servizi per l impiego, di incentivi all occupazione, di

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLE ATTIVITA' DI PROMOZIONE E SOSTEGNO DELLA RICERCA DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Approvato dal Consiglio direttivo nella seduta

Dettagli

ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI

ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI REGOLAMENTO PER I TRATTAMENTI ASSISTENZIALI E DI TUTELA SANITARIA INTEGRATIVA per l'attuazione delle

Dettagli

TRA. La PROVINCIA DI BERGAMO rappresentata da.

TRA. La PROVINCIA DI BERGAMO rappresentata da. CONVENZIONE QUADRO PER LA SPERIMENTAZIONE DI UN MODELLO FINALIZZATO ALL INTEGRAZIONE NEL MERCATO DEL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI CHE PRESENTINO PARTICOLARI DIFFICOLTA D INSERIMENTO NEL CICLO LAVORATIVO

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

Firenze 19 aprile 2012 FEDERLEGNOARREDO FENAL UIL FILCA CISL FILLEA CGIL

Firenze 19 aprile 2012 FEDERLEGNOARREDO FENAL UIL FILCA CISL FILLEA CGIL Visto il D.Lgs.14 settembre 2011, n. 167 Testo unico ell'apprendistato, a norma dell'articolo 1, comma 30, della legge 24 dicembre 2007, n. 247 le parti concordano che la normativa presente nel ccnl firmato

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Consiglio Regionale della Toscana

Consiglio Regionale della Toscana Consiglio Regionale della Toscana PROPOSTA DI LEGGE n. 35 Istituzione del Servizio civile regionale D iniziativa della Giunta Regionale Agosto 2005 1 Allegato A Istituzione del servizio civile regionale

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97 che ha

Dettagli

d) definisce le misure di promozione, sostegno e sviluppo della cooperazione sociale;

d) definisce le misure di promozione, sostegno e sviluppo della cooperazione sociale; Legge Regionale 17 febbraio 2005, n. 9 "Norme sulla cooperazione sociale" B.U.R. 4 marzo 2005, n. 10 Art.1 (Oggetto e finalità) 1. Con la presente legge la Regione riconosce il rilevante valore e la finalità

Dettagli

IL CONTRATTO DI LAVORO IN APPRENSISTATO

IL CONTRATTO DI LAVORO IN APPRENSISTATO 1 IL CONTRATTO DI LAVORO IN APPRENSISTATO E un contratto di lavoro subordinato definito a causa mista poiché prevede che l impresa/azienda impartisca o faccia impartire all apprendista assunto alle proprie

Dettagli

CONTRATTO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA (ARTT. 37 del D.Lgs. n. 368/1999 e successive modifiche) TRA - L Università degli Studi di..., rappresentata dal

CONTRATTO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA (ARTT. 37 del D.Lgs. n. 368/1999 e successive modifiche) TRA - L Università degli Studi di..., rappresentata dal CONTRATTO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA (ARTT. 37 del D.Lgs. n. 368/1999 e successive modifiche) TRA - L Università degli Studi di..., rappresentata dal. - La Regione, rappresentata dal E Il Dott., ammesso

Dettagli

Comune di Firenze Direzione Servizi Sociali

Comune di Firenze Direzione Servizi Sociali Comune di Firenze Direzione Servizi Sociali Avviso pubblico esplorativo per la ricerca e la selezione di proposte progettuali, ai sensi dell art. 60 del Regolamento generale per l attività contrattuale

Dettagli

INTRODUZIONE. Il Prospetto Informativo Aziendale

INTRODUZIONE. Il Prospetto Informativo Aziendale INTRODUZIONE Il Prospetto Informativo Aziendale La disciplina sul diritto al lavoro dei disabili, legge 12 marzo 1999, n. 68, recante Norme per il diritto al lavoro dei disabili, prevede che tutti i datori

Dettagli

(VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011)

(VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011) REGOLAMENTO SULLA COOPERAZIONE SOCIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 123 DEL 8 OTTOBRE 2001 (VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011) ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli