Matlab, modelli e realtà virtuale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Matlab, modelli e realtà virtuale"

Transcript

1 Matlab, modelli e realtà virtuale Breve seminario per gli alunni del corso Modelli fisici per la realtà virtuale Fabio Scotti Università degli studi di Milano Dipartimento di Tecnologie per l informazione

2 Sommario Introduzione all ambiente Matlab mediante esempi applicativi Matlab per fare che cosa? In che modo è meglio procedere? Tecniche di visualizzazione Esempi ed applicazioni con codice commentato Alcune applicazioni famose Toolbox Matlab per la realtà virtuale Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 2

3 Qualche esempio Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 3

4 Matlab per Acquisire dati (da sensori, telecamere, file, ) Elaborare dati Visualizzare dati e risultati Scrivere e verificare modelli (matematici, fisici, statici, dinamici) Risolvere equazioni (integrazione numerica e simbolica) Molte volte Matlab aiuta a pensare, verificare, simulare e CAPIRE! Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 4

5 Un esempio spaziale Vedi filmato SondaSpirit Rendering.mpeg (costruzione di un modello da dati reali) Vedi filmato SondaSpirit Simulazione.avi (applicazione del modello ottenuto ad un sistema di rendering) Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 5

6 Tipico modo di procedere 1. Esposizione delle prime idee sul sistema/modello da creare/simulare/scrivere (descrizione ad alto livello, schizzi su carta) 2. Individuazione delle ingressi e delle uscite del sistema/modello (le variabili) 3. Scrittura/programmazione del modello 4. Controllo con dati reali o sintetici 5. Visualizzazione dei risultati (ingressi, uscite, stati interni, relazione fra gli ingressi e le uscite, relazione delle grandezze rispetto ai parametri, animazioni ecc.) 6. se serve, ritornare ai punti precedenti Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 6

7 Partire dal semplice Lancia programma pendolo-triplo.m (costruzione di un sistema di equazioni per un pendolo triplo e sua simulazione) Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 7

8 ... ed aggiungere pametri, variabili, nuove o migliori equazioni Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 8

9 Migliorare la percezione del fenomeno Direzioni di arrivo della radiazione nello spazio Array circolare di sensori A shape describing the response of a ring of point sensors to signals arriving from different directions in space. The distance of the surface from the centre of the object is proportional to the response of the ring in that direction (Andrew Knight) Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 9

10 Migliorare la percezione dei fenomeni Meglio la figura o l equazione? Meglio averle e capirle entrambe! Modi naturali di vibrazione di una corda attaccata da una parte ad un altoparlante e dall altra ad una carrucola con un peso. La figura è una superficie creata allineando uno accanto all altro i vari cammini di integrazione trovati. Sotto si trova l equazione usata nella integrazione (metodo shooting ) Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 10

11 Teniche di visualizzazione Punti in 1-2-3D e nel tempo, superfici, vettori, flussi, volumi, animazioni

12 Primi esempi con dati 1D Creare una funzione sin(x^2) e visualizzare il suo andamento nel dominio [0, 5]. % plotta un seno di x^2 x=0:0.05:5; y=sin(x.^2); plot(x,y); Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 12

13 Primi esempi con dati 1D Mostrare la funzione precedente e la sua derivata visualizzandone l andamento nel dominio [0, 8]. % plotta la derivata (ad un passo) di seno di x^2 x=0:0.05:8; y=sin(x.^2); 1 yd=diff(y); 0.8 hold on; plot(x,y,'b'); plot(x(2:end),yd,'r'); hold off; Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 13

14 Primi esempi con dati 1D Completare il grafico con opportune etichette xlabel('x'); ylabel('y {dy}/{dx}'); title ('y=sin(x^2) e la sua derivata in [0 8]') 1 y=sin(x 2 ) e la sua derivata in [0 8] y dy/dx x Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 14

15 Primi esempi con dati 2D Caricare la matrice 2D penny.mat e visualizzarla (la superficie di un penny in funzione delle coordinate x e y) load penny ; % la matrice delle altezze e' P surf(p) Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 15

16 Primi esempi con dati 2D Mostrare in 4 modi diversi la superficie del penny in 4 sottofigure load penny ; P = flipud(p); % la matrice delle altezze e' P % giro la matrice sottosopra subplot(2,2,1) % primo subplot di quattro (2 x 2) surf(p); subplot(2,2,2) % secondo subplot di quattro (2 x 2) mesh(p); subplot(2,2,3) % terzo subplot di quattro (2 x 2) pcolor(p); shading flat % toglie le righe nere attorno ai tasselli di colore subplot(2,2,4) % quarto subplot di quattro (2 x 2) contour(p); Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 16

17 Primi esempi con dati 2D Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 17

18 Primi esempi con dati 2D Calcolare la funzione bidimensionale peaks, disegnarla, trovare il massimo e segnarlo sul grafico [Z] = peaks; % abbiamo tutti i valori di X, Y, Z gia' precalcolati surf(z); xlabel('x'); ylabel('y'); zlabel('z'); Zmax = max(max(z)) [ymax, xmax] = find(z == Zmax) % trovo gli indici dove sta' il massimo % nella matrice (NON I VALORI DELLE COORD!!!) hold on; plot3( xmax, ymax, Zmax, 'hg', 'Markersize', 15 ); hold off; Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 18

19 Primi esempi con dati 2D Disegnare i vettori della normale sulla superficie della funzione z = x.* exp(-x.^2 - y.^2) [x,y] = meshgrid(-2:.2:2,-1:.15:1); z = x.* exp(-x.^2 - y.^2); [u,v,w] = surfnorm(x,y,z); quiver3(x,y,z,u,v,w); hold on, surf(x,y,z), hold off Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 19

20 Primi esempi con dati 2D Data la pista da sci di equazione z = x.* exp(-x.^2 - y.^2) evidenziare con i colori la pendenza [x,y] = meshgrid([-2:.1:2]); Z = x.*exp(-x.^2-y.^2); mesh(x,y,z,abs(gradient(z))) 0.5 Una pista da sci. Il colore indica il modulo della pendenza xlabel('x'); ylabel('y'); zlabel('z'); title('una pista da sci. Il colore. indica il modulo della pendenza'); z % per avere una scala e per avere il massimo in rosso 0.04 colorbar; colormap jet ; y x Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 20

21 Vedere funzioni simboliche Inserire luce nelle scene sin(sqrt(x 2 +y 2 ))/sqrt(x 2 +y 2 ) ezsurf( funzione simbolica, dominio) 1 es: 0.5 ezsurf('sin(sqrt(x^2+y^2))/sqrt(x^2+y^2)',[-6*pi,6*pi]) view(0,75) shading interp lightangle(-45,30) set(gcf,'renderer','zbuffer') set(findobj(gca,'type','surface'),... 'FaceLighting','phong',... 'AmbientStrength',.3,'DiffuseStrength',.8,... 'SpecularStrength',.9,'SpecularExponent',25,... 'BackFaceLighting','unlit') 10 0 y x 0 10 Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 21

22 Primi esempi con dati 3D Profilo di velocita'' in un getto di fluido in un contenitore infinito % Generate the volume data with the command [x,y,z,v] = flow; % Determine the range of the volume by finding the minimum and maximum of the coordinate data. xmin = min(x(:)); ymin = min(y(:)); zmin = min(z(:)); xmax = max(x(:)); ymax = max(y(:)); zmax = max(z(:)); hslice = surf(linspace(xmin,xmax,100), linspace(ymin,ymax,100), zeros(100)); rotate(hslice,[-1,0,0],-45) xd = get(hslice,'xdata'); yd = get(hslice,'ydata'); zd = get(hslice,'zdata'); delete(hslice) h = slice(x,y,z,v,xd,yd,zd); set(h,'facecolor','interp', 'EdgeColor','none', 'DiffuseStrength',.8) hold on hx = slice(x,y,z,v,xmax,[],[]); set(hx,'facecolor','interp','edgecolor','none') hy = slice(x,y,z,v,[],ymax,[]); set(hy,'facecolor','interp','edgecolor','none') hz = slice(x,y,z,v,[],[],zmin); set(hz,'facecolor','interp','edgecolor','none') daspect([1,1,1]) axis tight box on view(-38.5,16) camzoom(1.4) camproj perspective lightangle(-45,45) colormap (jet(24)) set(gcf,'renderer','zbuffer'); title('profilo di velocita'' in un getto di fluido in un contenitore infinito'); Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 22

23 Primi esempi con dati 3D Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 23

24 Volumi e superfici da volumi clear; close all; load mri; D = squeeze(d); image_num = 8; subplot(1,2,1); %%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%% phandles = contourslice(d,[],[],[1,12,19,27],8); view(3); axis tight set(phandles,'linewidth',2) axis square subplot(1,2,2) %%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%% Ds = smooth3(d); hiso = patch(isosurface(ds,5),... 'FaceColor',[1,.75,.65],... 'EdgeColor','none'); hcap = patch(isocaps(d,5),... 'FaceColor','interp',... 'EdgeColor','none'); colormap(map) view(45,30) axis tight daspect([1,1,.4]) lightangle(45,30); set(gcf,'renderer','zbuffer'); lighting phong isonormals(ds,hiso) set(hcap,'ambientstrength',.6) set(hiso,'specularcolorreflectance',0,'specularexponent',50) Tutto parte dalla matrice tridimensionale D di dati MRI [128x128x27] Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 24

25 Volumi e superfici da volumi Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 25

26 Animazioni e creazione filmati % animazione di una superficie tridimensionale z=peaks ; fig=figure; set(fig,'doublebuffer','on'); mov = avifile('example.avi') surf(z) lim=axis ; % registro gli assi for n=1 :50 % registra le immagini end surf(sin(2*pi*n/50).*z) % abbellimenti grafici shading interp; colormap jet; savtoner save; axis(lim) F = getframe(gca); mov = addframe(mov,f); mov = close(mov); Vedi file example.avi Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 26

27 Un primo esempio Decollo di un jet

28 Decollo di un jet Vogliamo visualizzare la traiettoria del jet essendo note tutte le equazioni t Equazioni x(t) y(t) z(t) roll(t) pitch(t) yaw(t) In pratica vogliamo visualizzare per bene le equazioni spazio(t) = velocità_iniziale * t * accelerazione * t^2 Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 28

29 Decollo di un jet Costanti ax = 6 ; % accelerazione in avanti del jet [m/s2]; az = 5 ; % accelerazione verso l'alto del jet [m/s2]; vx0 = 0; % parte da fermo % ricordiamo le formule da usare % velocita(t) = velocita'iniziale + accelerazione * t % spazio(t) = velocita'iniziale * t * accelerazione * t^2 X = []; Y = []; Z = []; Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 29

30 Decollo di un jet for t = [0:0.05:10] % analizziamo 10 secondi con uno step di 0.05 secondi x = vx0 * t * ax * t^2 ; Vx = vx0 + ax * t ; if Vx<50 % sotto i 50 m/s non decolla z = 0; tempodecollo = t; else % decolla z = 0.5 * az * (t-tempodecollo)^2 ; end X = [ X x ]; Y = [ Y 0 ]; % non si muove mai lungo l'asse Y Z = [ Z z ]; Calcolo delle variabili negli istanti di tempo da considerare end % approssiamo che il jet non ruoti lungo i suoi gli assi (!) % al massimo tranne che per il pitch (impennata) pitch = zeros(size(x)); % anche pitch = -1*X./max(X)*0.15*pi; roll = zeros(size(x)); yaw = zeros(size(x)); Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 30

31 Decollo di un jet subplot(1,4,[1 3]) plot3(x,y,z, '.'); grid on; xlabel('x [m]');ylabel('y [m]'); zlabel('z [m]'); subplot(1,4,4) trajectory2(0,0,0,0, 0,0, 1,0,'tomcat') Visualizzazione figure; trajectory2( X,Y,Z, pitch, roll, yaw,1,5,'tomcat') Trajectory2 : funzione che visualizza un aereo vettoriale lungo la traiettoria x,y,z, con le rotazioni lungo gli assi pitch, roll, yaw, in scala 1 e con passo 5 Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 31

32 Decollo di un jet Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 32

33 Decollo di un jet Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 33

34 Altro modo di risolvere il problema del decollo Supponiamo di non avere le equazioni del moto ma di avere le equazioni alle differenze (dx/dt=v iniz + a x *t; ecc..) Condizioni iniziali x0,y0,z0, x,y,z, Integratore dx/dt, dy/dt, dz/dt,. Equazioni alle differenze x(t) y(t) z(t) roll(t) pitch(t) yaw(t) Vedremo un esempio risolto con questa tecnica più avanti Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 34

35 Alcune applicazioni famose Frattali, caos ed attrattori, creazioni di ambienti sintetici

36 Attrattori strani (2D) x = sin(b y) + c sin(b x) y = sin(a x) + d sin(a y) Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 36

37 Attrattori strani (2D) % pickover system close all % costanti a = 2.15; b = 1.75; c = 0.98; d = 1.4; % punto iniziale x = 1; y = -1; X = []; Y = []; for i=1: x = sin(b*y)+c*sin(b*x); y = sin(a*x)+d*sin(a*y); X = [X x]; Y = [Y y]; if (~mod(i,10000) & i>0) plot(x,y, 'k.', 'MarkerSize', 1); title ( [ 'numero punti =' num2str(i)] ); drawnow; hold on; i end end Lancia programma pickover2.m Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 37

38 Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 38

39 Altri attrattori strani Le lettere dalla A alla Y stanno ai coefficienti quadratici dalla forma quadratica da -1.2 a 1.2 con passo 0.1 Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 39

40 Gli attrattori strani (3D) Similmente alla cinematica dove un punto si muove nello spazio (dx,dy,dx) ogni dt per effetto di forze che dipendono dal punto e della sua inerzia (es. il sistema solare), immaginiamo il caso che un punto si muova in funzione SOLO della sua posizione secondo le seguenti equazioni dx/dt = funzione1(x,y,z) dy/dt = funzione2(x,y,z) dz/dt = funzione3(x,y,z) sphere; axis equal; axis( [ ]); savtoner save; xlabel('x');ylabel('y'); zlabel('z'); Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 40

41 Attrattore di Lorentz (3D) 1. Partendo da un punto iniziale possiamo calcolare in un passaggio i prossimi dx, dy, e dz del punto. 2. Essi sommati al punto iniziale determinano una nuova posizione nello spazio x,y,z 3. Torniamo al punto 1 usando i nuovi x, y, z dx/dt = 10(y-x) dy/dt = x(28-z)-y dz/dt = x*y- 8/3z Questo sistema di equazioni non lineari nel tempo è conosciuto come Attrattore di Lorentz Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 41

42 Attrattore di Lorentz (3D) Vogliamo decidere un punto iniziale, applicarlo alle equazioni differenziali e calcolare le traiettorie Punto iniziale x0, y0, z0, solver (ordinary differential equation ) X, Y, Z asse tempi x, y, z Derivata di x,y,x modello dx/dt = 10(y-x) dy/dt = x(28-z)-y dz/dt = x*y- 8/3z Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 42

43 Attrattore di Lorentz (3D) function dy = modello(t,y) % parametri sigma = 10; b = 8/3; r = 28; % inizializzo l'incremento a zero dy = zeros(3,1); % scrivo le equazioni di Lorentz dy(1) = sigma*(y(2)-y(1)); dy(2) = r*y(1)-y(2)-y(1)*y(3); dy(3) = y(1)*y(2)-b*y(3); y(1) = x y(2) = y y(3) = z dy(1) = dx/dt dy(2) = dy/dt dy(3) = dz/dt File modello.m modello Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 43

44 Attrattore di Lorentz (3D) % parametri per l'integrazione numerica % Tolleranza Errore Relativo = 1e-4 % Tolleranza Errore Assoluto = 1e-5 sulle 3 variabili options = odeset('reltol',1e-4,'abstol',[1e-5 1e-5 1e-5]); % uso il modello per simulare le traiettorie % passiamo il modello, l asse temporale (inizio-fine) da esaminare ed il p.to iniziale [t,x] = [0 100],[0-1 0], options); % plotting close all; subplot(5,1,[1 4]) plot3(x(:,1), x(:,2), x(:,3)) grid on xlabel x; ylabel y; zlabel z; title('attrattore di Lorentz') File integrazione.m Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 44

45 Attrattore di Lorentz (3D) Attrattore di Lorentz z y x x(t) t Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 45

46 Superfici frattali function a=plasma(n) % Elegant, fast, non-recursive way to create a plasma % fractal PLASMA(n) takes one argument n, where % 2^(2+n) is the size of the square plasma matrix. % The default value of n is 6, which gives a % 256 x 256 matrix % % Arjun Viswanathan 1999 randn('state',sum(clock*100)); t=cputime; a=rand(4); if nargin<1 n=6; end for i=1:n; r=size(a,1);c=size(a,2); xi=[1:(r-1)/(2*r-1):r]; yi=[1:(c-1)/(2*c-1):c]; a=interp2(a,xi,yi','cubic'); step=2^(-i); dev=rand(size(a)).*step-2*step; a=a+dev; end Figura ottenuta da creaplasma.m Inventa tu un tuo algoritmo di generazione della superficie Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 46

47 Superfici frattali a = plasma(7); % cerca di NON superare 7.. la procedura e' ricorsiva! close all; surfl(a); shading flat; colormap winter; axis square; grid off; axis on; savtoner save figure; pcolor(a); shading flat; colormap bone; axis square; savtoner save Figura ottenuta da creaplasma.m Prova a cambiare le mappe di colore con la funzione colormap Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 47

48 Composizioni frattali Partendo sempre dalle matrici di plasma si combinano surf e plot per ottenere montagne e nubi. Eventualmente si aumenta il realismo calcolando la deformazione prospettica della matrice E possible calcolare le ombre e proiettarle Figura disponibile in Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 48

49 Top spin Immaginiamo di dover simulare il moto di una pallina da tennis durante un servizio con top spin per un videogioco Top spin = 2400 RPM (palla colpita in alto) Massa palla = 58 gr Diametro = 6 cm (Dati Federazione Italiana Tennis) Smash Court Tennis Pro Tournament 2 (PlayStation 2) Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 49

50 Effetto Magnus L effetto della rotazione in volo di una sfera provoca una forza perpendicolare sia all asse di rotazione, sia all avanzamento: l effetto Magnus F Lift = π 2 ρ v r 3 ω Bourg, "Physics for game developers" Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 50

51 Top spin - modello function dy = modello(t, y) % parametri m = ; % Projectile mass (given), kg g = 9.8 ; % acceleration due to gravity(given), m/sˆ2 omega = 20 ; % spin in radians per second radius = 0.06 ; % radius of projectile (given), m RHO = ; % kg/m^3 vx = 10 ; % velocita' iniziale della palla, m/s vy = 0 ; % velocita' iniziale della palla, m/s y(1) = x dy(1) = dx/dt y(2) = y dy(2) = dy/dt t modello y % Forza di Magnus C = pi * RHO * RHO * radius^3 * omega; % inizializzo l'incremento a zero dy = zeros(2,1); % scrivo le equazioni della palla NOTA: dy(1)= dx ; dy(2)= dy dy(1) = vx + C / m * t * dy(2) % vx + contributo sull'asse x che nasce da vy dy(2) = vy + C / m * t * dy(1) - g * t; % vy + contributo sull'asse y che nasce da vx - accelerazione terrestre v x File modello.m Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 51

52 Top spin - integrazione % Fabio Scotti - Modello di palla da tennis con top-spin % parametri per l'integrazione numerica % Tolleranza Errore Relativo = 1e-4 % Tolleranza Errore Assoluto = 1e-4 sulle 3 variabili options = odeset('reltol',1e-4,'abstol',[1e-5 1e-5 ]); % uso il modello per simulare le traiettorie [t,x] = [0 1],[1 1], options); % plotting close all; plot(x(:,1), x(:,2)) xlabel( x ); ylabel( x ); title('palla con top spin') savtoner save; Prova a migliorare la visualizzazione, confrontando le traiettorie al variare dei parametri. Se vuoi disegnare più curve sullo stesso grafico usa il comando: >> hold on File integrazione.m Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 52

53 Toolbox per la realtà virtuale Matlab fornisce un utile toolbox per la realtà virtuale che permette di integrare i modelli sviluppati (sia programmati sia espressi in SIMULINK) con gli strumenti per la visualizzazione 3D Gli ambienti sono in VRML Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 53

54 Toolbox per la realtà virtuale The toolbox links MATLAB and Simulink with virtual reality graphics, enabling MATLAB or Simulink to control the position, rotation, and dimensions of the 3-D images defined in the virtual reality environment. The result is a presentation-quality 3-D animation. Through visualization, the Virtual Reality Toolbox provides insight into the dynamic systems that you model in Simulink. Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 54

55 Toolbox per la realtà virtuale Il toolbox Virtual Reality di Matlab contiene numerosi demo che possono essere lanciati da riga di comando che descrivono molto bene le funzionalità disponibili. Ricordiamoci però che....tutto parte da una buona idea ed un buon modello! Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 55

56 Esempi in Matlab Bouncing ball >>vrbounce Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 56

57 Esempi in Matlab Control inverted pendulum >>vrpend Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 57

58 Esempi in Matlab Solar system >>vrplanets Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 58

59 Esempi in Matlab Skoda Octavia Simulation >> vr_ocatvia Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 59

60 Esempi in rete Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 60

61 Esempi in rete Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 61

62 Riferimenti Chaos and Fractals, a short trip in fractional dimensions. CSE - L.Cavin, 2003, M_Map: A mapping package for Matlab 4. Help in linea di Matlab, ver R Smash Court Tennis Pro Tournament 2 (PlayStation 2) D.M. Bourg, "Physics for game developers", O'Reilly, 2002 Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 62

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

Metodi numerici per la risoluzione di equazioni. Equazioni differenziali ordinarie

Metodi numerici per la risoluzione di equazioni. Equazioni differenziali ordinarie Metodi numerici per la risoluzione di equazioni differenziali ordinarie Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 5-31 ottobre 2005 Outline 1 Il problema di Cauchy Il problema

Dettagli

Integrazione numerica

Integrazione numerica Integrazione numerica Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 6-20-26 ottobre 2009 Indice 1 Formule di quadratura semplici e composite Formule di quadratura

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

Se il flusso termico specifico fornito dalla resistenza elettrica è

Se il flusso termico specifico fornito dalla resistenza elettrica è Transitorio termico per un Ferro da stiro (esercizio 5.9 di Fundamentals of Heat and Mass Transfer, F.P. Incropera, D.P. Dewitt, T.L. Bergman, A.S. Lavine, 6th Edition, Wiley, 2007. La piastra di un ferro

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

INTRODUZIONE A. Guido Vagliasindi Controlli Automatici A.A. 06/07 Introduzione a MATLAB

INTRODUZIONE A. Guido Vagliasindi Controlli Automatici A.A. 06/07 Introduzione a MATLAB INTRODUZIONE A Documentazione Sito web di Mathworks: www.mathworks.com seguendo i link alla voce support e possibile trovare i manuali di Matlab in formato pdf. (http://www.mathworks.com/access/helpdesk/help/techd

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

Appunti sull uso di matlab - I

Appunti sull uso di matlab - I Appunti sull uso di matlab - I. Inizializazione di vettori.. Inizializazione di matrici.. Usare gli indici per richiamare gli elementi di un vettore o una matrice.. Richiedere le dimensioni di una matrice

Dettagli

Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria

Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria Dispensa per il Corso di Controlli Automatici I Uso del software di calcolo Matlab 4. per lo studio delle risposte nel tempo dei sistemi lineari tempoinvarianti

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem)

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Raccolta di Esercizi di Matematica Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Contenuti: 8-1. L ordine Algebrico delle Operazioni 8-2. Problemi sulle Percentuali 8-3. Le Forme Standard e Point-Slope

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Sistemi materiali e quantità di moto

Sistemi materiali e quantità di moto Capitolo 4 Sistemi materiali e quantità di moto 4.1 Impulso e quantità di moto 4.1.1 Forze impulsive Data la forza costante F agente su un punto materiale per un intervallo di tempo t, si dice impulso

Dettagli

Il sistema di Rossler

Il sistema di Rossler Il sistema di Rossler Il sistema di Rossler è considerato il più semplice sistema di terzo ordine a tempo continuo capace di manifestare comportamenti di tipo caotico. = = + (1) = + Questo sistema presenta

Dettagli

0.1 Balistica. Figure 1:

0.1 Balistica. Figure 1: Fiure 1: 0.1 Balistica Triste ma vero: un forte impulso alla nascita della fisica moderna venne dal bisono di sapere dove accidenti finissero le palle sparate dai cannoni... 0.1.1 Bersalio fisso Abbiamo

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

MANUALE MATLAB. A cura di Giuseppe Ciaburro. http://www.ciaburro.it. info@ciaburro.it

MANUALE MATLAB. A cura di Giuseppe Ciaburro. http://www.ciaburro.it. info@ciaburro.it MANUALE MATLAB A cura di Giuseppe Ciaburro http://www.ciaburro.it info@ciaburro.it Indice 1 Introduzione 4 1.1 Matlab.............................................. 4 1.2 Per iniziare...........................................

Dettagli

Integrali di superficie: esercizi svolti

Integrali di superficie: esercizi svolti Integrali di superficie: esercizi svolti Gli esercizi contrassegnati con il simbolo * presentano un grado di difficoltà maggiore. Esercizio. Calcolare i seguenti integrali superficiali sulle superfici

Dettagli

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori.

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Felice Iavernaro Dipartimento di Matematica Università di Bari http://dm.uniba.it/ iavernaro felix@dm.uniba.it 13 Giugno 2007 Felice Iavernaro (Univ.

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Note integrative ed Esercizi consigliati

Note integrative ed Esercizi consigliati - a.a. 2006-07 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile (CIS) Note integrative ed consigliati Laura Poggiolini e Gianna Stefani Indice 0 1 Convergenza uniforme 1 2 Convergenza totale 5 1 Numeri

Dettagli

FOGLIO 4 - Applicazioni lineari. { kx + y z = 2 x + y kw = k. 2 k 1

FOGLIO 4 - Applicazioni lineari. { kx + y z = 2 x + y kw = k. 2 k 1 FOGLIO 4 - Applicazioni lineari Esercizio 1. Si risolvano i seguenti sistemi lineari al variare di k R. { x y + z + 2w = k x z + w = k 2 { kx + y z = 2 x + y kw = k Esercizio 2. Al variare di k R trovare

Dettagli

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Forza Exercise 1. Se un chilogrammo campione subisce un accelerazione di 2.00 m/s 2 nella direzione dell angolo formante

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

Cosa sono gli esoneri?

Cosa sono gli esoneri? Cosa sono gli esoneri? Per superare l esame di Istituzioni di Matematiche è obbligatorio superare una prova scritta. Sono previsti due tipi di prova scritta: gli esoneri e gli appelli. Gli esoneri sono

Dettagli

Comandi di Input/Output in Matlab

Comandi di Input/Output in Matlab Comandi di Input/Output in Matlab Il comando format controlla la configurazione numerica dei valori esposta da MAT- LAB; il comando regola solamente come i numeri sono visualizzati o stampati, non come

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

Esercitazioni di Excel

Esercitazioni di Excel Esercitazioni di Excel A cura dei proff. A. Khaleghi ed A. Piergiovanni. Queste esercitazioni hanno lo scopo di permettere agli studenti di familiarizzare con alcuni comandi specifici di Excel, che sono

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Introduzione a MATLAB

Introduzione a MATLAB Introduzione a MATLAB Enzo TONTI 19 aprile 2003 Questa dispensa si può scaricare dal sito http://www.dic.units.it/perspage/tonti oppure prelevare via FTP dal sito ftp.dic.units.it/pub/science ed ha il

Dettagli

Universitá di Firenze. Che cosa é realmente successo ai colloqui di pace di Parigi fra Henry Kissinger e Le Duc Tho

Universitá di Firenze. Che cosa é realmente successo ai colloqui di pace di Parigi fra Henry Kissinger e Le Duc Tho Universitá di Firenze FACOLTÁ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Matematica Che cosa é realmente successo ai colloqui di pace di Parigi fra Henry Kissinger e Le Duc Tho What

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

Risposta temporale: esercizi

Risposta temporale: esercizi ...4 Risposta temporale: esercizi Esercizio. Calcolare la risposta al gradino del seguente sistema: G(s) X(s) = s (s+)(s+) Y(s) Per ottenere la risposta al gradino occorre antitrasformare la seguente funzione:

Dettagli

Principal Component Analysis (PCA)

Principal Component Analysis (PCA) Principal Component Analysis (PCA) Come evidenziare l informazione contenuta nei dati S. Marsili-Libelli: Calibrazione di Modelli Dinamici pag. Perche PCA? E un semplice metodo non-parametrico per estrarre

Dettagli

FUNZIONI DI DUE VARIABILI: graöci 3D e curve di livello

FUNZIONI DI DUE VARIABILI: graöci 3D e curve di livello FUNZIONI DI DUE VARIABILI: graöci 3D e curve di livello Una funzione di due variabili Ë una funzione in cui per ottenere un valore numerico bisogna speciöcare il valore di 2 variabili x e y, non pi di

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA 0. IL OETO D IERZIA GIRO DELLA ORTE ER U CORO CHE ROTOLA ell approfondimento «Giro della morte per un corpo che scivola» si esamina il comportamento di un punto materiale che supera il giro della morte

Dettagli

Studente: SANTORO MC. Matricola : 528

Studente: SANTORO MC. Matricola : 528 CORSO di LAUREA in INFORMATICA Corso di CALCOLO NUMERICO a.a. 2004-05 Studente: SANTORO MC. Matricola : 528 PROGETTO PER L ESAME 1. Sviluppare una versione dell algoritmo di Gauss per sistemi con matrice

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA 8. LA CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA IL LAVORO E L ENERGIA 4 GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA Il «giro della morte» è una delle parti più eccitanti di una corsa sulle montagne russe. Per

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine

Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 4

1^A - Esercitazione recupero n 4 1^A - Esercitazione recupero n 4 1 In un cartone animato, un gatto scocca una freccia per colpire un topo, mentre questi cerca di raggiungere la sua tana che si trova a 5,0 m di distanza Il topo corre

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f).

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f). Due Matrici A,B. Ker f = ker g. 1- Ridurre a scala A e B e faccio il sistema. 2 Se Vengono gli stessi valori allora, i ker sono uguali. Cauchy 1 autovalore, 1- Metto a matrice x1(0),x2(0),x3(0) e la chiamo

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE Consideriamo adesso un corpo esteso, formato da più punti, e che abbia un asse fisso, attorno a cui il corpo può ruotare. In questo caso l

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame.

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. 1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. (a) Da quanti bit è costituito l indirizzo logico? (b) Da quanti bit

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

Figura 4. Conclusione

Figura 4. Conclusione Forza di Coriolis La forza di Coriolis é una forza che si manifesta su un corpo all interno di un sistema di riferimento (SDR) rotante, quale la terra che ruota su se stessa, quando il corpo stesso si

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

FORME DIFFERENZIALI IN R 3 E INTEGRALI

FORME DIFFERENZIALI IN R 3 E INTEGRALI FORME DIFFERENZIALI IN R 3 E INTEGRALI CLADIO BONANNO Contents 1. Spazio duale di uno spazio vettoriale 1 1.1. Esercizi 3 2. Spazi tangente e cotangente 4 2.1. Esercizi 6 3. Le forme differenziali e i

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Gli array

Introduzione al linguaggio C Gli array Introduzione al linguaggio C Gli array Vettori nome del vettore (tutti gli elementi hanno lo stesso nome, c) Vettore (Array) Gruppo di posizioni (o locazioni di memoria) consecutive Hanno lo stesso nome

Dettagli

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano PPUNTI DI SCIENZ DEE COSTRUZIONI Giulio lfano nno ccademico 004-005 ii Indice 1 TRVTURE PINE 1 1.1 Geometria, equilibrio e vincoli...................... 1 1.1.1 Piani di simmetria........................

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica

Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica Permette di ripetere l esecuzione di un blocco di istruzioni finchè non viene verificata una condizione logica. Sintassi istruzione_1...

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

Calcolo differenziale per funzioni di più variabili reali

Calcolo differenziale per funzioni di più variabili reali CAPITOLO 3 Calcolo differenziale per funzioni di più variabili reali Scopo di questo capitolo è studiare le principali caratteristiche dei grafici di funzioni di più variabili, con particolare attenzione

Dettagli

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali.

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. CAPITOLO 7 Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. Esercizio 7.1. Determinare il rango delle seguenti matrici al variare del parametro t R. 1 4 2 1 4 2 A 1 = 0 t+1 1 A 2 = 0 t+1 1

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0.

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0. Problema. Sia W il sottospazio dello spazio vettoriale R 4 dato da tutte le soluzioni dell equazione x + x 2 + x = 0. (a. Sia U R 4 il sottospazio dato da tutte le soluzioni dell equazione Si determini

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Paolo Torroni Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università degli

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

(c) dipende linearmente dalla distanza dal centro della sfera. Domanda n5: Il campo elettrico all'interno di un conduttore sferico di raggio R e'

(c) dipende linearmente dalla distanza dal centro della sfera. Domanda n5: Il campo elettrico all'interno di un conduttore sferico di raggio R e' FISICA per BIOLOGIA Esercizi: Elettricita' e Magnetismo Indicare la lettera corrispondente alla risposta corretta. Domanda n1: La carica elettrica e' quantizzata, cioe' la carica piu' piccola misurata

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli