Matlab, modelli e realtà virtuale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Matlab, modelli e realtà virtuale"

Transcript

1 Matlab, modelli e realtà virtuale Breve seminario per gli alunni del corso Modelli fisici per la realtà virtuale Fabio Scotti Università degli studi di Milano Dipartimento di Tecnologie per l informazione

2 Sommario Introduzione all ambiente Matlab mediante esempi applicativi Matlab per fare che cosa? In che modo è meglio procedere? Tecniche di visualizzazione Esempi ed applicazioni con codice commentato Alcune applicazioni famose Toolbox Matlab per la realtà virtuale Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 2

3 Qualche esempio Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 3

4 Matlab per Acquisire dati (da sensori, telecamere, file, ) Elaborare dati Visualizzare dati e risultati Scrivere e verificare modelli (matematici, fisici, statici, dinamici) Risolvere equazioni (integrazione numerica e simbolica) Molte volte Matlab aiuta a pensare, verificare, simulare e CAPIRE! Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 4

5 Un esempio spaziale Vedi filmato SondaSpirit Rendering.mpeg (costruzione di un modello da dati reali) Vedi filmato SondaSpirit Simulazione.avi (applicazione del modello ottenuto ad un sistema di rendering) Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 5

6 Tipico modo di procedere 1. Esposizione delle prime idee sul sistema/modello da creare/simulare/scrivere (descrizione ad alto livello, schizzi su carta) 2. Individuazione delle ingressi e delle uscite del sistema/modello (le variabili) 3. Scrittura/programmazione del modello 4. Controllo con dati reali o sintetici 5. Visualizzazione dei risultati (ingressi, uscite, stati interni, relazione fra gli ingressi e le uscite, relazione delle grandezze rispetto ai parametri, animazioni ecc.) 6. se serve, ritornare ai punti precedenti Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 6

7 Partire dal semplice Lancia programma pendolo-triplo.m (costruzione di un sistema di equazioni per un pendolo triplo e sua simulazione) Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 7

8 ... ed aggiungere pametri, variabili, nuove o migliori equazioni Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 8

9 Migliorare la percezione del fenomeno Direzioni di arrivo della radiazione nello spazio Array circolare di sensori A shape describing the response of a ring of point sensors to signals arriving from different directions in space. The distance of the surface from the centre of the object is proportional to the response of the ring in that direction (Andrew Knight) Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 9

10 Migliorare la percezione dei fenomeni Meglio la figura o l equazione? Meglio averle e capirle entrambe! Modi naturali di vibrazione di una corda attaccata da una parte ad un altoparlante e dall altra ad una carrucola con un peso. La figura è una superficie creata allineando uno accanto all altro i vari cammini di integrazione trovati. Sotto si trova l equazione usata nella integrazione (metodo shooting ) Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 10

11 Teniche di visualizzazione Punti in 1-2-3D e nel tempo, superfici, vettori, flussi, volumi, animazioni

12 Primi esempi con dati 1D Creare una funzione sin(x^2) e visualizzare il suo andamento nel dominio [0, 5]. % plotta un seno di x^2 x=0:0.05:5; y=sin(x.^2); plot(x,y); Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 12

13 Primi esempi con dati 1D Mostrare la funzione precedente e la sua derivata visualizzandone l andamento nel dominio [0, 8]. % plotta la derivata (ad un passo) di seno di x^2 x=0:0.05:8; y=sin(x.^2); 1 yd=diff(y); 0.8 hold on; plot(x,y,'b'); plot(x(2:end),yd,'r'); hold off; Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 13

14 Primi esempi con dati 1D Completare il grafico con opportune etichette xlabel('x'); ylabel('y {dy}/{dx}'); title ('y=sin(x^2) e la sua derivata in [0 8]') 1 y=sin(x 2 ) e la sua derivata in [0 8] y dy/dx x Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 14

15 Primi esempi con dati 2D Caricare la matrice 2D penny.mat e visualizzarla (la superficie di un penny in funzione delle coordinate x e y) load penny ; % la matrice delle altezze e' P surf(p) Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 15

16 Primi esempi con dati 2D Mostrare in 4 modi diversi la superficie del penny in 4 sottofigure load penny ; P = flipud(p); % la matrice delle altezze e' P % giro la matrice sottosopra subplot(2,2,1) % primo subplot di quattro (2 x 2) surf(p); subplot(2,2,2) % secondo subplot di quattro (2 x 2) mesh(p); subplot(2,2,3) % terzo subplot di quattro (2 x 2) pcolor(p); shading flat % toglie le righe nere attorno ai tasselli di colore subplot(2,2,4) % quarto subplot di quattro (2 x 2) contour(p); Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 16

17 Primi esempi con dati 2D Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 17

18 Primi esempi con dati 2D Calcolare la funzione bidimensionale peaks, disegnarla, trovare il massimo e segnarlo sul grafico [Z] = peaks; % abbiamo tutti i valori di X, Y, Z gia' precalcolati surf(z); xlabel('x'); ylabel('y'); zlabel('z'); Zmax = max(max(z)) [ymax, xmax] = find(z == Zmax) % trovo gli indici dove sta' il massimo % nella matrice (NON I VALORI DELLE COORD!!!) hold on; plot3( xmax, ymax, Zmax, 'hg', 'Markersize', 15 ); hold off; Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 18

19 Primi esempi con dati 2D Disegnare i vettori della normale sulla superficie della funzione z = x.* exp(-x.^2 - y.^2) [x,y] = meshgrid(-2:.2:2,-1:.15:1); z = x.* exp(-x.^2 - y.^2); [u,v,w] = surfnorm(x,y,z); quiver3(x,y,z,u,v,w); hold on, surf(x,y,z), hold off Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 19

20 Primi esempi con dati 2D Data la pista da sci di equazione z = x.* exp(-x.^2 - y.^2) evidenziare con i colori la pendenza [x,y] = meshgrid([-2:.1:2]); Z = x.*exp(-x.^2-y.^2); mesh(x,y,z,abs(gradient(z))) 0.5 Una pista da sci. Il colore indica il modulo della pendenza xlabel('x'); ylabel('y'); zlabel('z'); title('una pista da sci. Il colore. indica il modulo della pendenza'); z % per avere una scala e per avere il massimo in rosso 0.04 colorbar; colormap jet ; y x Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 20

21 Vedere funzioni simboliche Inserire luce nelle scene sin(sqrt(x 2 +y 2 ))/sqrt(x 2 +y 2 ) ezsurf( funzione simbolica, dominio) 1 es: 0.5 ezsurf('sin(sqrt(x^2+y^2))/sqrt(x^2+y^2)',[-6*pi,6*pi]) view(0,75) shading interp lightangle(-45,30) set(gcf,'renderer','zbuffer') set(findobj(gca,'type','surface'),... 'FaceLighting','phong',... 'AmbientStrength',.3,'DiffuseStrength',.8,... 'SpecularStrength',.9,'SpecularExponent',25,... 'BackFaceLighting','unlit') 10 0 y x 0 10 Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 21

22 Primi esempi con dati 3D Profilo di velocita'' in un getto di fluido in un contenitore infinito % Generate the volume data with the command [x,y,z,v] = flow; % Determine the range of the volume by finding the minimum and maximum of the coordinate data. xmin = min(x(:)); ymin = min(y(:)); zmin = min(z(:)); xmax = max(x(:)); ymax = max(y(:)); zmax = max(z(:)); hslice = surf(linspace(xmin,xmax,100), linspace(ymin,ymax,100), zeros(100)); rotate(hslice,[-1,0,0],-45) xd = get(hslice,'xdata'); yd = get(hslice,'ydata'); zd = get(hslice,'zdata'); delete(hslice) h = slice(x,y,z,v,xd,yd,zd); set(h,'facecolor','interp', 'EdgeColor','none', 'DiffuseStrength',.8) hold on hx = slice(x,y,z,v,xmax,[],[]); set(hx,'facecolor','interp','edgecolor','none') hy = slice(x,y,z,v,[],ymax,[]); set(hy,'facecolor','interp','edgecolor','none') hz = slice(x,y,z,v,[],[],zmin); set(hz,'facecolor','interp','edgecolor','none') daspect([1,1,1]) axis tight box on view(-38.5,16) camzoom(1.4) camproj perspective lightangle(-45,45) colormap (jet(24)) set(gcf,'renderer','zbuffer'); title('profilo di velocita'' in un getto di fluido in un contenitore infinito'); Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 22

23 Primi esempi con dati 3D Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 23

24 Volumi e superfici da volumi clear; close all; load mri; D = squeeze(d); image_num = 8; subplot(1,2,1); %%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%% phandles = contourslice(d,[],[],[1,12,19,27],8); view(3); axis tight set(phandles,'linewidth',2) axis square subplot(1,2,2) %%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%% Ds = smooth3(d); hiso = patch(isosurface(ds,5),... 'FaceColor',[1,.75,.65],... 'EdgeColor','none'); hcap = patch(isocaps(d,5),... 'FaceColor','interp',... 'EdgeColor','none'); colormap(map) view(45,30) axis tight daspect([1,1,.4]) lightangle(45,30); set(gcf,'renderer','zbuffer'); lighting phong isonormals(ds,hiso) set(hcap,'ambientstrength',.6) set(hiso,'specularcolorreflectance',0,'specularexponent',50) Tutto parte dalla matrice tridimensionale D di dati MRI [128x128x27] Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 24

25 Volumi e superfici da volumi Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 25

26 Animazioni e creazione filmati % animazione di una superficie tridimensionale z=peaks ; fig=figure; set(fig,'doublebuffer','on'); mov = avifile('example.avi') surf(z) lim=axis ; % registro gli assi for n=1 :50 % registra le immagini end surf(sin(2*pi*n/50).*z) % abbellimenti grafici shading interp; colormap jet; savtoner save; axis(lim) F = getframe(gca); mov = addframe(mov,f); mov = close(mov); Vedi file example.avi Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 26

27 Un primo esempio Decollo di un jet

28 Decollo di un jet Vogliamo visualizzare la traiettoria del jet essendo note tutte le equazioni t Equazioni x(t) y(t) z(t) roll(t) pitch(t) yaw(t) In pratica vogliamo visualizzare per bene le equazioni spazio(t) = velocità_iniziale * t * accelerazione * t^2 Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 28

29 Decollo di un jet Costanti ax = 6 ; % accelerazione in avanti del jet [m/s2]; az = 5 ; % accelerazione verso l'alto del jet [m/s2]; vx0 = 0; % parte da fermo % ricordiamo le formule da usare % velocita(t) = velocita'iniziale + accelerazione * t % spazio(t) = velocita'iniziale * t * accelerazione * t^2 X = []; Y = []; Z = []; Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 29

30 Decollo di un jet for t = [0:0.05:10] % analizziamo 10 secondi con uno step di 0.05 secondi x = vx0 * t * ax * t^2 ; Vx = vx0 + ax * t ; if Vx<50 % sotto i 50 m/s non decolla z = 0; tempodecollo = t; else % decolla z = 0.5 * az * (t-tempodecollo)^2 ; end X = [ X x ]; Y = [ Y 0 ]; % non si muove mai lungo l'asse Y Z = [ Z z ]; Calcolo delle variabili negli istanti di tempo da considerare end % approssiamo che il jet non ruoti lungo i suoi gli assi (!) % al massimo tranne che per il pitch (impennata) pitch = zeros(size(x)); % anche pitch = -1*X./max(X)*0.15*pi; roll = zeros(size(x)); yaw = zeros(size(x)); Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 30

31 Decollo di un jet subplot(1,4,[1 3]) plot3(x,y,z, '.'); grid on; xlabel('x [m]');ylabel('y [m]'); zlabel('z [m]'); subplot(1,4,4) trajectory2(0,0,0,0, 0,0, 1,0,'tomcat') Visualizzazione figure; trajectory2( X,Y,Z, pitch, roll, yaw,1,5,'tomcat') Trajectory2 : funzione che visualizza un aereo vettoriale lungo la traiettoria x,y,z, con le rotazioni lungo gli assi pitch, roll, yaw, in scala 1 e con passo 5 Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 31

32 Decollo di un jet Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 32

33 Decollo di un jet Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 33

34 Altro modo di risolvere il problema del decollo Supponiamo di non avere le equazioni del moto ma di avere le equazioni alle differenze (dx/dt=v iniz + a x *t; ecc..) Condizioni iniziali x0,y0,z0, x,y,z, Integratore dx/dt, dy/dt, dz/dt,. Equazioni alle differenze x(t) y(t) z(t) roll(t) pitch(t) yaw(t) Vedremo un esempio risolto con questa tecnica più avanti Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 34

35 Alcune applicazioni famose Frattali, caos ed attrattori, creazioni di ambienti sintetici

36 Attrattori strani (2D) x = sin(b y) + c sin(b x) y = sin(a x) + d sin(a y) Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 36

37 Attrattori strani (2D) % pickover system close all % costanti a = 2.15; b = 1.75; c = 0.98; d = 1.4; % punto iniziale x = 1; y = -1; X = []; Y = []; for i=1: x = sin(b*y)+c*sin(b*x); y = sin(a*x)+d*sin(a*y); X = [X x]; Y = [Y y]; if (~mod(i,10000) & i>0) plot(x,y, 'k.', 'MarkerSize', 1); title ( [ 'numero punti =' num2str(i)] ); drawnow; hold on; i end end Lancia programma pickover2.m Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 37

38 Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 38

39 Altri attrattori strani Le lettere dalla A alla Y stanno ai coefficienti quadratici dalla forma quadratica da -1.2 a 1.2 con passo 0.1 Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 39

40 Gli attrattori strani (3D) Similmente alla cinematica dove un punto si muove nello spazio (dx,dy,dx) ogni dt per effetto di forze che dipendono dal punto e della sua inerzia (es. il sistema solare), immaginiamo il caso che un punto si muova in funzione SOLO della sua posizione secondo le seguenti equazioni dx/dt = funzione1(x,y,z) dy/dt = funzione2(x,y,z) dz/dt = funzione3(x,y,z) sphere; axis equal; axis( [ ]); savtoner save; xlabel('x');ylabel('y'); zlabel('z'); Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 40

41 Attrattore di Lorentz (3D) 1. Partendo da un punto iniziale possiamo calcolare in un passaggio i prossimi dx, dy, e dz del punto. 2. Essi sommati al punto iniziale determinano una nuova posizione nello spazio x,y,z 3. Torniamo al punto 1 usando i nuovi x, y, z dx/dt = 10(y-x) dy/dt = x(28-z)-y dz/dt = x*y- 8/3z Questo sistema di equazioni non lineari nel tempo è conosciuto come Attrattore di Lorentz Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 41

42 Attrattore di Lorentz (3D) Vogliamo decidere un punto iniziale, applicarlo alle equazioni differenziali e calcolare le traiettorie Punto iniziale x0, y0, z0, solver (ordinary differential equation ) X, Y, Z asse tempi x, y, z Derivata di x,y,x modello dx/dt = 10(y-x) dy/dt = x(28-z)-y dz/dt = x*y- 8/3z Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 42

43 Attrattore di Lorentz (3D) function dy = modello(t,y) % parametri sigma = 10; b = 8/3; r = 28; % inizializzo l'incremento a zero dy = zeros(3,1); % scrivo le equazioni di Lorentz dy(1) = sigma*(y(2)-y(1)); dy(2) = r*y(1)-y(2)-y(1)*y(3); dy(3) = y(1)*y(2)-b*y(3); y(1) = x y(2) = y y(3) = z dy(1) = dx/dt dy(2) = dy/dt dy(3) = dz/dt File modello.m modello Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 43

44 Attrattore di Lorentz (3D) % parametri per l'integrazione numerica % Tolleranza Errore Relativo = 1e-4 % Tolleranza Errore Assoluto = 1e-5 sulle 3 variabili options = odeset('reltol',1e-4,'abstol',[1e-5 1e-5 1e-5]); % uso il modello per simulare le traiettorie % passiamo il modello, l asse temporale (inizio-fine) da esaminare ed il p.to iniziale [t,x] = [0 100],[0-1 0], options); % plotting close all; subplot(5,1,[1 4]) plot3(x(:,1), x(:,2), x(:,3)) grid on xlabel x; ylabel y; zlabel z; title('attrattore di Lorentz') File integrazione.m Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 44

45 Attrattore di Lorentz (3D) Attrattore di Lorentz z y x x(t) t Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 45

46 Superfici frattali function a=plasma(n) % Elegant, fast, non-recursive way to create a plasma % fractal PLASMA(n) takes one argument n, where % 2^(2+n) is the size of the square plasma matrix. % The default value of n is 6, which gives a % 256 x 256 matrix % % Arjun Viswanathan 1999 randn('state',sum(clock*100)); t=cputime; a=rand(4); if nargin<1 n=6; end for i=1:n; r=size(a,1);c=size(a,2); xi=[1:(r-1)/(2*r-1):r]; yi=[1:(c-1)/(2*c-1):c]; a=interp2(a,xi,yi','cubic'); step=2^(-i); dev=rand(size(a)).*step-2*step; a=a+dev; end Figura ottenuta da creaplasma.m Inventa tu un tuo algoritmo di generazione della superficie Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 46

47 Superfici frattali a = plasma(7); % cerca di NON superare 7.. la procedura e' ricorsiva! close all; surfl(a); shading flat; colormap winter; axis square; grid off; axis on; savtoner save figure; pcolor(a); shading flat; colormap bone; axis square; savtoner save Figura ottenuta da creaplasma.m Prova a cambiare le mappe di colore con la funzione colormap Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 47

48 Composizioni frattali Partendo sempre dalle matrici di plasma si combinano surf e plot per ottenere montagne e nubi. Eventualmente si aumenta il realismo calcolando la deformazione prospettica della matrice E possible calcolare le ombre e proiettarle Figura disponibile in Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 48

49 Top spin Immaginiamo di dover simulare il moto di una pallina da tennis durante un servizio con top spin per un videogioco Top spin = 2400 RPM (palla colpita in alto) Massa palla = 58 gr Diametro = 6 cm (Dati Federazione Italiana Tennis) Smash Court Tennis Pro Tournament 2 (PlayStation 2) Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 49

50 Effetto Magnus L effetto della rotazione in volo di una sfera provoca una forza perpendicolare sia all asse di rotazione, sia all avanzamento: l effetto Magnus F Lift = π 2 ρ v r 3 ω Bourg, "Physics for game developers" Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 50

51 Top spin - modello function dy = modello(t, y) % parametri m = ; % Projectile mass (given), kg g = 9.8 ; % acceleration due to gravity(given), m/sˆ2 omega = 20 ; % spin in radians per second radius = 0.06 ; % radius of projectile (given), m RHO = ; % kg/m^3 vx = 10 ; % velocita' iniziale della palla, m/s vy = 0 ; % velocita' iniziale della palla, m/s y(1) = x dy(1) = dx/dt y(2) = y dy(2) = dy/dt t modello y % Forza di Magnus C = pi * RHO * RHO * radius^3 * omega; % inizializzo l'incremento a zero dy = zeros(2,1); % scrivo le equazioni della palla NOTA: dy(1)= dx ; dy(2)= dy dy(1) = vx + C / m * t * dy(2) % vx + contributo sull'asse x che nasce da vy dy(2) = vy + C / m * t * dy(1) - g * t; % vy + contributo sull'asse y che nasce da vx - accelerazione terrestre v x File modello.m Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 51

52 Top spin - integrazione % Fabio Scotti - Modello di palla da tennis con top-spin % parametri per l'integrazione numerica % Tolleranza Errore Relativo = 1e-4 % Tolleranza Errore Assoluto = 1e-4 sulle 3 variabili options = odeset('reltol',1e-4,'abstol',[1e-5 1e-5 ]); % uso il modello per simulare le traiettorie [t,x] = [0 1],[1 1], options); % plotting close all; plot(x(:,1), x(:,2)) xlabel( x ); ylabel( x ); title('palla con top spin') savtoner save; Prova a migliorare la visualizzazione, confrontando le traiettorie al variare dei parametri. Se vuoi disegnare più curve sullo stesso grafico usa il comando: >> hold on File integrazione.m Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 52

53 Toolbox per la realtà virtuale Matlab fornisce un utile toolbox per la realtà virtuale che permette di integrare i modelli sviluppati (sia programmati sia espressi in SIMULINK) con gli strumenti per la visualizzazione 3D Gli ambienti sono in VRML Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 53

54 Toolbox per la realtà virtuale The toolbox links MATLAB and Simulink with virtual reality graphics, enabling MATLAB or Simulink to control the position, rotation, and dimensions of the 3-D images defined in the virtual reality environment. The result is a presentation-quality 3-D animation. Through visualization, the Virtual Reality Toolbox provides insight into the dynamic systems that you model in Simulink. Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 54

55 Toolbox per la realtà virtuale Il toolbox Virtual Reality di Matlab contiene numerosi demo che possono essere lanciati da riga di comando che descrivono molto bene le funzionalità disponibili. Ricordiamoci però che....tutto parte da una buona idea ed un buon modello! Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 55

56 Esempi in Matlab Bouncing ball >>vrbounce Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 56

57 Esempi in Matlab Control inverted pendulum >>vrpend Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 57

58 Esempi in Matlab Solar system >>vrplanets Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 58

59 Esempi in Matlab Skoda Octavia Simulation >> vr_ocatvia Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 59

60 Esempi in rete Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 60

61 Esempi in rete Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 61

62 Riferimenti Chaos and Fractals, a short trip in fractional dimensions. CSE - L.Cavin, 2003, M_Map: A mapping package for Matlab 4. Help in linea di Matlab, ver R Smash Court Tennis Pro Tournament 2 (PlayStation 2) D.M. Bourg, "Physics for game developers", O'Reilly, 2002 Matlab, modelli e realtà virtuale Università degli studi di Milano Fabio Scotti 62

UD6 - MATLAB. Gestione della grafica

UD6 - MATLAB. Gestione della grafica UD6 - MATLAB Gestione della grafica Grafici MatLab può produrre grafici 2D e 3D Disegnare un Grafico Il comando plot produce grafici in 2 dimensioni; plot(x,y)apre una finestra e disegna il punto (x,y);

Dettagli

MATLAB (3) - Grafica 2 e 3D

MATLAB (3) - Grafica 2 e 3D Laboratorio di Informatica per Ingegneria elettrica A.A. 21/211 Prof. Sergio Scippacercola MATLAB (3) - Grafica 2 e 3D N.B. le slide devono essere utilizzate solo come riferimento agli argomenti trattati

Dettagli

Laboratorio di Matematica Computazionale A.A. 2007-2008 - Laboratorio nr.8

Laboratorio di Matematica Computazionale A.A. 2007-2008 - Laboratorio nr.8 Laboratorio di Matematica Computazionale A.A. 2007-2008 - Laboratorio nr.8 Complementi di grafica 2D Un fondo di investimento ventennale frutta il 5% di interessi composti annualmente. Un capitale di 10.000

Dettagli

MATLAB: Una veloce introduzione (Parte II)

MATLAB: Una veloce introduzione (Parte II) MATLAB: Una veloce introduzione (Parte II) Author: Luca Albergante 1 Dipartimento di Matematica, Università degli Studi di Milano 14 Marzo 2011 L. Albergante (Univ. of Milan) MATLAB 14 Marzo 2011 1 / 14

Dettagli

FON DAMEN TI DI IN FORMATICA

FON DAMEN TI DI IN FORMATICA Università di Salerno Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA Corso di Laurea Ingegneria Meccanica & Ingegneria Gestionale Mat. Pari Docente : Ing. Secondulfo Giovanni Anno Accademico 29-21 UNITÀ IV A GRAFICA

Dettagli

Grafici in matlab. Un esempio di grafico: xv = 3:0.1:3; yv = xv.^3 5*xv.^2 + 4; plot(xv,yv) xlabel('value of x') ylabel('value of y')

Grafici in matlab. Un esempio di grafico: xv = 3:0.1:3; yv = xv.^3 5*xv.^2 + 4; plot(xv,yv) xlabel('value of x') ylabel('value of y') Grafici in matlab Un esempio di grafico: Matlab ha un sacco di funzioni per le rappresentazioni grafiche! Oggi ne vediamo alcune. Per ulteriori informazioni: help graph2d help graph3d Notazione con l operatore

Dettagli

RETI DI TELECOMUNICAZIONE

RETI DI TELECOMUNICAZIONE RETI DI TELECOMUNICAZIONE NOZIONI ELEMENTARI DI MATLAB Cos è MATLAB Il nome MATLAB sta per MATrix LABoratory E un linguaggio ad alta prestazione per l elaborazione tecnica E un sistema interattivo il cui

Dettagli

Introduzione al MATLAB c Parte 2

Introduzione al MATLAB c Parte 2 Introduzione al MATLAB c Parte 2 Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ 18 gennaio 2008 Outline 1 M-file di tipo Script e Function Script Function 2 Costrutti di programmazione

Dettagli

LEZIONE DI MATLAB 2.0. Ing.Irene Tagliente E-mail: irene.tagliente@opbg.net

LEZIONE DI MATLAB 2.0. Ing.Irene Tagliente E-mail: irene.tagliente@opbg.net LEZIONE DI MATLAB 2.0 Ing.Irene Tagliente E-mail: irene.tagliente@opbg.net Cos è Matlab Il programma MATLAB si è imposto in ambiente ingegneristico come strumento per la simulazione e l'analisi dei sistemi

Dettagli

Finestre grafiche. >> figure >> figure(n)

Finestre grafiche. >> figure >> figure(n) Finestre grafiche MATLAB ha anche la possibilità di lavorare con delle finestre grafiche sulle quali si possono fare disegni bidimensionali o tridimensionali. Una finestra grafica viene aperta con il comando

Dettagli

Grafici tridimensionali

Grafici tridimensionali MatLab Lezione 3 Grafici tridimensionali Creazione di un Grafico 3D (1/4) Si supponga di voler tracciare il grafico della funzione nell intervallo x = [0,5]; y=[0,5] z = e -(x+y)/2 sin(3x) sin(3y) Si può

Dettagli

Operazioni su stringhe

Operazioni su stringhe MAT R LAB O I X L E Z I O N E 4 I N T R O R A T O R Y 1) Stringe 2) Matrici di celle 3) Strutture 4) File 5) Grafici Stringhe stringa / testo = un vettore-riga di lettere (rinchiuso in ) S= The quick lazy

Dettagli

Lezioni su MATLAB. Ingegneria Civile/Meccanica

Lezioni su MATLAB. Ingegneria Civile/Meccanica Lezioni su ali in Ingegneria Civile/Meccanica Corso di laboratorio di informatica 06/07 Sommario ali in 1 2 3 4 ali 5 6 in ali in : MATrix LABoratory È un ambiente per l analisi e la simulazione dei sistemi

Dettagli

MATLAB (1) Introduzione e Operazioni con array

MATLAB (1) Introduzione e Operazioni con array Laboratorio di Informatica per Ingegneria elettrica A.A. 2010/2011 Prof. Sergio Scippacercola MATLAB (1) Introduzione e Operazioni con array N.B. le slide devono essere utilizzate solo come riferimento

Dettagli

Tecniche per l analisi della postura e del movimento

Tecniche per l analisi della postura e del movimento Tecniche per l analisi della postura e del movimento 1/14 Tecniche di analisi La rilevazione, attraverso l utilizzo di sistemi automatici basati su tecnologie avanzate di grandezze cinematiche e dinamiche

Dettagli

INSEGNAMENTO DI ANALISI DI DATI BIOLOGICI LM IN BIOINGEGNERIA - A.A.2013/2014 HOMEWORK 3

INSEGNAMENTO DI ANALISI DI DATI BIOLOGICI LM IN BIOINGEGNERIA - A.A.2013/2014 HOMEWORK 3 INSEGNAMENTO DI ANALISI DI DATI BIOLOGICI LM IN BIOINGEGNERIA - A.A.2013/2014 HOMEWORK 3 COGNOME: Montanino NOME: Annaclaudia MATRICOLA: 1056715 DATA: 13 gennaio 2014 email: annaclaudia.montanino@studenti.unipd.it

Dettagli

MATLAB-SIMULINK. Grafici 2D e 3D. Ing. Alessandro Pisano. pisano@diee.unica.it

MATLAB-SIMULINK. Grafici 2D e 3D. Ing. Alessandro Pisano. pisano@diee.unica.it 1 MATLAB-SIMULINK Grafici 2D e 3D Ing. Alessandro Pisano pisano@diee.unica.it 2 Indice 3 7 10 10 11 12 13 14 16 17 22 24 28 34 36 39 44 Grafici 2D Griglia, label e titolo Grafici sovrapposti. Colori Legenda

Dettagli

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D)

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D) ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI () Una immagine (digitale) permette di percepire solo una rappresentazione 2D del mondo La visione 3D si pone lo scopo di percepire il mondo per come è in 3 dimensioni

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

2 R = mgr + 1 2 mv2 0 = E f

2 R = mgr + 1 2 mv2 0 = E f Esercizio 1 Un corpo puntiforme di massa m scivola lungo la pista liscia di raggio R partendo da fermo da un altezza h rispetto al fondo della pista come rappresentato in figura. Calcolare: a) Il valore

Dettagli

Laboratorio di Matlab

Laboratorio di Matlab Laboratorio di Matlab Rudy Manganelli Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Università di Siena manganelli@dii.unisi.it http://www.dii.unisi.it/ control/matlab/labmatlab.html Luglio 2008 DII -

Dettagli

Introduzione a Matlab

Introduzione a Matlab Introduzione a Matlab Ruggero Donida Labati Dipartimento di Tecnologie dell Informazione via Bramante 65, 26013 Crema (CR), Italy ruggero.donida@unimi.it Perché? MATLAB is a high-level technical computing

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω GIROSCOPIO Scopo dell esperienza: Verificare la relazione: ω p = bmg/iω dove ω p è la velocità angolare di precessione, ω è la velocità angolare di rotazione, I il momento principale d inerzia assiale,

Dettagli

FONDAMENTI DI SEGNALI E TRASMISSIONE 6 Laboratorio

FONDAMENTI DI SEGNALI E TRASMISSIONE 6 Laboratorio FONDAMENTI DI SEGNALI E TRASMISSIONE 6 Laboratorio Paolo Mazzucchelli mazzucch@elet.polimi.it Quantizzazione Il segnale y(t) non solo è campionato sull asse dei tempi, ma anche i valori di ordinata sono

Dettagli

Lezione 14: L energia

Lezione 14: L energia Lezione 4 - pag. Lezione 4: L energia 4.. L apologo di Feynman In questa lezione cominceremo a descrivere la grandezza energia. Per iniziare questo lungo percorso vogliamo citare, quasi parola per parola,

Dettagli

CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA

CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA L introduzione dell energia potenziale e dell energia cinetica ci permette di formulare un principio potente e universale applicabile alla soluzione dei problemi che

Dettagli

Rendering & ray tracing. Implementazione e applicazione pratica

Rendering & ray tracing. Implementazione e applicazione pratica Rendering & ray tracing Implementazione e applicazione pratica Che cos e CG(computer graphics)? Quando si parla di CG si intendono immagini, o video creati al computer. CG e una branca dell informatica

Dettagli

Laboratorio Complementi di Ricerca Operativa DEI, Politecnico di Milano. Stima di parametri

Laboratorio Complementi di Ricerca Operativa DEI, Politecnico di Milano. Stima di parametri Stima di parametri Il gestore di un sito turistico dove si pratica il bungee-jumping deve fornire alla sovrintendenza municipale un documento che riguarda la sicurezza del servizio fornito. Il documento

Dettagli

Integrazione numerica

Integrazione numerica Integrazione numerica Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 6-20-26 ottobre 2009 Indice 1 Formule di quadratura semplici e composite Formule di quadratura

Dettagli

Advanced level. Corso Matlab : Samuela Persia, Ing. PhD.

Advanced level. Corso Matlab : Samuela Persia, Ing. PhD. Advanced level Corso Matlab : Seconda lezione (Esercitazione, 27/09/13) Samuela Persia, Ing. PhD. Sommario Presentazione Programma delle Esercitazioni Ogni Esercitazione prevede: Richiami Teoria e Sintassi

Dettagli

Modulo di Meccanica e Termodinamica

Modulo di Meccanica e Termodinamica Modulo di Meccanica e Termodinamica 1) Misure e unita di misura 2) Cinematica: + Moto Rettilineo + Moto Uniformemente Accelerato [+ Vettori e Calcolo Vettoriale] + Moti Relativi 3) Dinamica: + Forza e

Dettagli

Metodi numerici per la risoluzione di equazioni. Equazioni differenziali ordinarie

Metodi numerici per la risoluzione di equazioni. Equazioni differenziali ordinarie Metodi numerici per la risoluzione di equazioni differenziali ordinarie Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 5-31 ottobre 2005 Outline 1 Il problema di Cauchy Il problema

Dettagli

Laboratorio di Fondamenti di Automatica Ingegneria Elettrica Sessione 2/3. Danilo Caporale [caporale@elet.polimi.it]

Laboratorio di Fondamenti di Automatica Ingegneria Elettrica Sessione 2/3. Danilo Caporale [caporale@elet.polimi.it] Laboratorio di Fondamenti di Automatica Ingegneria Elettrica Sessione 2/3 Danilo Caporale [caporale@elet.polimi.it] Outline 2 Funzione di trasferimento e risposta in frequenza Diagrammi di Bode e teorema

Dettagli

Proiezioni Grafica 3d

Proiezioni Grafica 3d Proiezioni Grafica 3d Giancarlo RINALDO rinaldo@dipmat.unime.it Dipartimento di Matematica Università di Messina ProiezioniGrafica 3d p. 1 Introduzione Il processo di visualizzazione in 3D è intrinsecamente

Dettagli

10 - Programmare con gli Array

10 - Programmare con gli Array 10 - Programmare con gli Array Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Dinamica di un autovettura

Dinamica di un autovettura Dinamica di un autovettura Di una autovettura sportiva sono noti i seguenti dati: massa in ordine di marcia M = 13kg carico trasportato m = 15 kg passo p = 236mm ripartizione del peso sull asse anteriore

Dettagli

Lezione 3: Grafica 3D*

Lezione 3: Grafica 3D* Lezione 3: Grafica 3D* Informatica Multimediale Docente: Umberto Castellani *I lucidi sono tratti da una lezione di Maura Melotti (m.melotti@cineca.it) Sommario Il processo grafico La modellazione 3D Rendering

Dettagli

Studio del moto del pendolo semplice con l accelerometro dello smartphone

Studio del moto del pendolo semplice con l accelerometro dello smartphone Studio del moto del pendolo semplice con l accelerometro dello smartphone Vincenzo Cioci, Sezione AIF Napoli 2 Peppino Sapia, Dip. di Fisica, Università della Calabria Vengono presentate alcune attività

Dettagli

Ricordiamo ora che a è legata ad x (derivata seconda) ed otteniamo

Ricordiamo ora che a è legata ad x (derivata seconda) ed otteniamo Moto armonico semplice Consideriamo il sistema presentato in figura in cui un corpo di massa m si muove lungo l asse delle x sotto l azione della molla ideale di costante elastica k ed in assenza di forze

Dettagli

Tutorial. Mathworks Matlab

Tutorial. Mathworks Matlab Tutorial Mathworks Matlab per il Corso di Studio in ing. Informatica (1 livello) Analisi dei Sistemi Anno Accademico 2002-2003 Docente: Prof. Ing. Paolo Arena Tutor: Ing. Adriano Basile Ultima versione:

Dettagli

INTRODUZIONE A MATLAB Matrix Laboratory

INTRODUZIONE A MATLAB Matrix Laboratory INTRODUZIONE A MATLAB Matrix Laboratory Introduzione Linguaggio di programmazione per applicazioni scientifiche e numeriche Vasto set di funzioni predefininte Interprete di comandi Possibilità di scrivere

Dettagli

Introduzione agli ambienti

Introduzione agli ambienti Introduzione agli ambienti MATLAB c e Octave Utilizzo di Matlab/Octave ed operazioni fondamentali. Primi rudimenti di grafica. Paola Gervasio 1 MATLAB = MATrix LABoratory è un ambiente integrato per la

Dettagli

I grafici. Dati numerici. Grafico

I grafici. Dati numerici. Grafico I grafici I grafici sono rappresentazione di dati numerici e/o di funzioni. Devono facilitare la visualizzazione e la comprensione dei numeri e del fenomeno che rappresentano da parte dell utente Dati

Dettagli

I ESERCITAZIONE. Soluzione

I ESERCITAZIONE. Soluzione I ESERCITAZIONE 1. Moto rettilineo uniforme Un bagnino B è sulla spiaggia a distanza d B = 50 m dalla riva e deve soccorrere un bagnante H che è in acqua a d H = 100 m dalla riva. La distanza tra il punto

Dettagli

Progetto di Modelli Fisici per la Realtà Virtuale

Progetto di Modelli Fisici per la Realtà Virtuale Progetto di Modelli Fisici per la Realtà Virtuale di Cavenaghi Mattia matricola 640926 Indice Il modello fisico Descrizione del sistema pag. 1 Caratteristiche geometriche degli elementi pag. 1 L'equazione

Dettagli

13. Campi vettoriali

13. Campi vettoriali 13. Campi vettoriali 1 Il campo di velocità di un fluido Il concetto di campo in fisica non è limitato ai fenomeni elettrici. In generale il valore di una grandezza fisica assegnato per ogni punto dello

Dettagli

teoresi studi&ricerche

teoresi studi&ricerche UN SISTEMA DI CONTROLLO PER ELICOTTERO Realizzazione con Simulink e Direct3D di M. CARIDI e L. DAGA Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università degli Studi di Roma La Sapienza via Eudossiana

Dettagli

Esempi di uso e applicazioni di Matlab e simulink. 1) Uso delle funzioni ode23 e ode45 per l'integrazione di equazioni differenziali con Matlab

Esempi di uso e applicazioni di Matlab e simulink. 1) Uso delle funzioni ode23 e ode45 per l'integrazione di equazioni differenziali con Matlab Esempi di uso e applicazioni di Matlab e simulink ) Uso delle funzioni ode23 e ode45 per l'integrazione di equazioni differenziali con Matlab Sia dato da integrare una equazione differenziale scalare di

Dettagli

Q 1 = +3 10-5 C carica numero 1 Q 2 = +4 10-5 C carica numero 2 forza esercitata tra le cariche distanza tra le cariche, incognita

Q 1 = +3 10-5 C carica numero 1 Q 2 = +4 10-5 C carica numero 2 forza esercitata tra le cariche distanza tra le cariche, incognita Problema n 1 A quale distanza, una dall'altra bisogna porre nel vuoto due cariche (Q 1 =3 10-5 C e Q 2 =4 10-5 C) perché esse esercitino una sull'altra la forza di 200 N? Q 1 = +3 10-5 C carica numero

Dettagli

Software di calcolo numerico, analisi, statistica e simulazione. Un esempio pratico: Octave

Software di calcolo numerico, analisi, statistica e simulazione. Un esempio pratico: Octave Software di calcolo numerico, analisi, statistica e simulazione Un esempio pratico: Octave Problemi tradizionali Risoluzione di funzioni matematiche complesse Esecuzione di calcoli matriciali Analisi

Dettagli

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton La Dinamica studia il moto dei corpi in relazione il moto con le sue cause: perché e come gli oggetti si muovono. La causa del moto è individuata nella presenza

Dettagli

VERIFICA A ALUNNO. CLASSE I^. DATA...

VERIFICA A ALUNNO. CLASSE I^. DATA... VERIFICA A ALUNNO. CLASSE I^. DATA... N.B. SCHEMATIZZARE LA SITUAZIONE CON UN DISEGNO IN TUTTI GLI ESERCIZI INDICARE TUTTE LE FORMULE E TUTTE LE UNITA DI MISURA NEI CALCOLI 1-Quando spingi un libro di

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

FISICA. MECCANICA: La Cinematica unidimensionale. Autore: prof. Pappalardo Vincenzo docente di Matematica e Fisica

FISICA. MECCANICA: La Cinematica unidimensionale. Autore: prof. Pappalardo Vincenzo docente di Matematica e Fisica FISICA MECCANICA: La Cinematica unidimensionale Autore: prof. Pappalardo Vincenzo docente di Matematica e Fisica LA MECCANICA La Meccanica è quella parte della fisica che studia il movimento e si compone

Dettagli

PDE Toolbox in Matlab

PDE Toolbox in Matlab PDE Toolbox in Matlab Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 12 Indice 1 Uso di PDE Toolbox con interfaccia grafica Problema e definizioni 2 Esercizi 3 Comandi

Dettagli

Per ripassare gli argomenti di fisica classe 3^ ( e preparare il test d ingresso di settembre)

Per ripassare gli argomenti di fisica classe 3^ ( e preparare il test d ingresso di settembre) Per ripassare gli argomenti di fisica classe 3^ ( e preparare il test d ingresso di settembre) Un corpo viene lasciato cadere da un altezza di 30 m. dal suolo. In che posizione e che velocità possiede

Dettagli

2. Moto uniformemente accelerato. Soluzione

2. Moto uniformemente accelerato. Soluzione 2. Moto uniformemente accelerato Il motore di un automobile può imprimere un accelerazione massima = 2m/s 2 el impiantofrenantepuòdecelerarlaalmassimocona 2 = 4m/s 2. Calcolare il tempo minimo necessario

Dettagli

. Si determina quindi quale distanza viene percorsa lungo l asse y in questo intervallo di tempo: h = v 0y ( d

. Si determina quindi quale distanza viene percorsa lungo l asse y in questo intervallo di tempo: h = v 0y ( d Esercizio 1 Un automobile viaggia a velocità v 0 su una strada inclinata di un angolo θ rispetto alla superficie terrestre, e deve superare un burrone largo d (si veda la figura, in cui è indicato anche

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di BERGAMO FACOLTA di INGEGNERIA. Corso di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

UNIVERSITA degli STUDI di BERGAMO FACOLTA di INGEGNERIA. Corso di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE UNIVERSITA degli STUDI di BERGAMO FACOLTA di INGEGNERIA Corso di AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Prof. Andrea Cataldo andrea.cataldo@itia.cnr.it ARGOMENTI delle ESERCITAZIONI CONTROLLO NUMERICO in AULA CONTROLLO

Dettagli

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA Esercizio 1 Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Un volano è costituito da un cilindro rigido omogeneo,

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

MATLAB - Programmazione - 2. Antonino Polimeno

MATLAB - Programmazione - 2. Antonino Polimeno MATLAB - Programmazione - 2 Antonino Polimeno antonino.polimeno@unipd.it Manipolazione di matrici - 1 Input di matrici Definizione manuale: A = [1, 2, 3; 7, 8, 9] Generazione da funzioni Lettura da file

Dettagli

Introduzione a MATLAB INTRODUZIONE A MATLAB

Introduzione a MATLAB INTRODUZIONE A MATLAB INTRODUZIONE A MATLAB 1 Il programma MATLAB: indice Introduzione, help e files Punteggiatura e variabili Operatori Matrici Polinomi Istruzione IF-THEN-ELSE e Cicli Stringhe di testo, input ed output Grafici

Dettagli

CONTROLLI AUTOMATICI E AZIONAMENTI ELETTRICI Ingegneria Meccatronica

CONTROLLI AUTOMATICI E AZIONAMENTI ELETTRICI Ingegneria Meccatronica CONTROLLI AUTOMATICI E AZIONAMENTI ELETTRICI Ingegneria Meccatronica CONTROLLI AUTOMATICI e AZIONAMENTI ELETTRICI INTRODUZIONE A MATLAB Ing. Alberto Bellini Tel. 0522 522626 e-mail: alberto.bellini@unimore.it

Dettagli

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI 31 CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI INTRODUZIONE L'obbiettivo di questo capitolo è quello di presentare in modo sintetico ma completo, la teoria della stabilità

Dettagli

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Nome: N.M.: 1. 1d (giorno) contiene all incirca (a) 8640 s; (b) 9 10 4 s; (c) 86 10 2 s; (d) 1.44 10 3 s; (e) nessuno di questi valori. 2. Sono

Dettagli

MANUALE MATLAB. Nel manuale proposto ci soffermeremo ad osservare alcune funzioni proposte da Matlab inerenti all attività di laboratorio.

MANUALE MATLAB. Nel manuale proposto ci soffermeremo ad osservare alcune funzioni proposte da Matlab inerenti all attività di laboratorio. MANUALE MATLAB Nel manuale proposto ci soffermeremo ad osservare alcune funzioni proposte da Matlab inerenti all attività di laboratorio. LOAD: La funzione load serve per caricare dei dati presenti in

Dettagli

1. calcolare l accelerazione del sistema e stabilire se la ruota sale o scende [6 punti];

1. calcolare l accelerazione del sistema e stabilire se la ruota sale o scende [6 punti]; 1 Esercizio Una ruota di raggio R = 15 cm e di massa M = 8 Kg può rotolare senza strisciare lungo un piano inclinato di un angolo θ 2 = 30 0, ed è collegato tramite un filo inestensibile ad un blocco di

Dettagli

Elaborazioni nel dominio spaziale (1) Soluzioni

Elaborazioni nel dominio spaziale (1) Soluzioni Elaborazione dei Segnali Multimediali a.a. 2009/2010 Elaborazioni nel dominio spaziale (1) Soluzioni 1 Rappresentazione delle immagini in Matlab 1. Lettura e visualizzazione di un immagine JPEG. function

Dettagli

Laboratorio di Matematica Computazionale A.A. 2008-2009 Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Laboratorio di Matematica Computazionale A.A. 2008-2009 Lab. 1 - Introduzione a Matlab Laboratorio di Matematica Computazionale A.A. 2008-2009 Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla

Dettagli

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica 224 Tonzig Fondamenti di Meccanica classica ). Quando il signor Rossi si sposta verso A, la tavola si sposta in direzione opposta in modo che il CM del sistema resti immobile (come richiesto dal fatto

Dettagli

Dinamica del corpo rigido: Appunti.

Dinamica del corpo rigido: Appunti. Dinamica del corpo rigido: Appunti. I corpi rigidi sono sistemi di punti materiali, discreti o continui, che hanno come proprietà peculiare quella di conservare la loro forma, oltre che il loro volume,

Dettagli

MATLAB - Introduzione Enrico Nobile. 2 a Parte. MATLAB - Introduzione E. Nobile - DINMA - Sezione di Fisica Tecnica, Università di Trieste.

MATLAB - Introduzione Enrico Nobile. 2 a Parte. MATLAB - Introduzione E. Nobile - DINMA - Sezione di Fisica Tecnica, Università di Trieste. Enrico Nobile 2 a Parte 1 M-files MATLAB può eseguire una serie di comandi memorizzati su file; Tali files sono chiamati M-files, poiché devono avere l estensione.m (es. tridia.m); L utilizzo di MATLAB

Dettagli

Rappresentazione delle immagini

Rappresentazione delle immagini Elaborazione di Segnali Multimediali a.a. 2013/2014 Rappresentazione delle immagini L.Verdoliva In questa prima lezione vedremo come si rappresentano diversi tipi immagini digitali in Matlab. 1 Immagini

Dettagli

Fisica Generale 1 per Ing. Gestionale e Chimica (Prof. F. Forti) A.A. 2011/12 Appello del 29/01/2013.

Fisica Generale 1 per Ing. Gestionale e Chimica (Prof. F. Forti) A.A. 2011/12 Appello del 29/01/2013. Fisica Generale per Ing. Gestionale e Chimica (Prof. F. Forti) A.A. 20/2 Appello del 29/0/203. Tempo a disposizione: 2h30. Scrivere solamente su fogli forniti Modalità di risposta: spiegare sempre il procedimento

Dettagli

Elaborazione grandezze cinematiche e dinamiche

Elaborazione grandezze cinematiche e dinamiche Modulo 3 Elaborazione grandezze cinematiche e dinamiche Bioingegneria per fisioterapisti Univ.degli Studi di Siena Laurea Univ. in Fisioterapia Ing. A. Rossi Misure per Riabilitazione Finalità: Valutazione

Dettagli

I.S.I.S. Zenale e Butinone di Treviglio Dipartimento di Scienze integrate anno scolastico 2014/15

I.S.I.S. Zenale e Butinone di Treviglio Dipartimento di Scienze integrate anno scolastico 2014/15 I.S.I.S. Zenale e Butinone di Treviglio Dipartimento di Scienze integrate anno scolastico 2014/15 KIT RECUPERO SCIENZE INTEGRATE FISICA CLASSI PRIME TECNICO TURISTICO SUPPORTO DIDATTICO PER ALUNNI CON

Dettagli

Modellistica e Simulazione del Comportamento Dinamico di Beccheggio di un Trattore Agricolo

Modellistica e Simulazione del Comportamento Dinamico di Beccheggio di un Trattore Agricolo Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Modellistica e Simulazione del Comportamento Dinamico di Beccheggio di un Trattore Agricolo Relatore: Prof. Roberto Zanasi Correlatori:

Dettagli

ed é dato, per P (t) una qualsiasi parametrizzazione di cui sopra, da

ed é dato, per P (t) una qualsiasi parametrizzazione di cui sopra, da 1 Integrali su una curva regolare Sia C R N una curva regolare, ossia: (1) C é l immagine di una funzione P (t) definita in un intervallo [a, b] (qui preso chiuso e limitato), tipicamente chiuso e limitato,

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

Cenni sull'impiego di Matlab. Matrici

Cenni sull'impiego di Matlab. Matrici Cenni sull'impiego di Matlab Il Matlab è un potente valutatore di espressioni matriciali con valori complessi. Lavorando in questo modo il Matlab indica una risposta ad ogni comando od operazione impartitagli.

Dettagli

Data Mining Algoritmi e Programmazione

Data Mining Algoritmi e Programmazione Data Mining Algoritmi e Programmazione Turning Point Professore: Tommaso Gastaldi A cura di: Nello Procaccioli 1 DEFINIZIONE ASK E BID Prima di proiettarsi sul discorso riguardo l algoritmo da utilizzare

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso Allegato A al Bando per la partecipazione al progetto sperimentale di orientamento e formazione per l iscrizione all Università I Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Facoltà di Scienze Matematiche,

Dettagli

Electrical motor Test-bed

Electrical motor Test-bed EM_Test_bed Page 1 of 10 Electrical motor Test-bed 1. INTERFACCIA SIMULINK... 2 1.1. GUI CRUSCOTTO BANCO MOTORE... 2 1.2. GUIDE... 3 1.3. GUI PARAMETRI MOTORE... 3 1.4. GUI VISUALIZZAZIONE MODELLO 3D MOTORE...

Dettagli

Test, domande e problemi di Robotica industriale

Test, domande e problemi di Robotica industriale Test, domande e problemi di Robotica industriale 1. Quale, tra i seguenti tipi di robot, non ha giunti prismatici? a) antropomorfo b) cilindrico c) polare d) cartesiano 2. Un volume di lavoro a forma di

Dettagli

Sensori inerziali nei Mobile Mapping Systems. Corso di Metodologie Topografiche per l Ingegneria A.A. 2006/2007

Sensori inerziali nei Mobile Mapping Systems. Corso di Metodologie Topografiche per l Ingegneria A.A. 2006/2007 Sensori inerziali nei Mobile Mapping Systems Corso di Metodologie Topografiche per l Ingegneria A.A. 2006/2007 MOTO DI UN CORPO RIGIDO NELLO SPAZIO: Descritto da 6 parametri: - un vettore posizione - 3

Dettagli

Facoltà di Ingegneria Industriale. Matlab/Octave - Esercitazione 3

Facoltà di Ingegneria Industriale. Matlab/Octave - Esercitazione 3 Facoltà di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica, Meccanica e dei Trasporti Matlab/Octave - Esercitazione 3 funzioni definizione ed invocazione delle funzioni semantica dell invocazione

Dettagli

Introduzione a MATLAB

Introduzione a MATLAB UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Fondamenti di Automatica (A.A. 2006/07) Prof.G.Ferrari Trecate Introduzione a MATLAB L. Magnani (lorenza.magnani@unipv.it) Dipartimento di

Dettagli

Qualche semplice considerazione sulle onde di Daniele Gasparri

Qualche semplice considerazione sulle onde di Daniele Gasparri Qualche semplice considerazione sulle onde di Daniele Gasparri Le onde sono delle perturbazioni periodiche che si propagano nello spazio; quasi sempre (tranne nel caso della luce) si ha un mezzo che permette

Dettagli

Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton

Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton Parte I Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton 3.1-3.2-3.3 forze e principio d inerzia Abbiamo finora studiato come un corpo cambia traiettoria

Dettagli

Rendering I - geometric processing

Rendering I - geometric processing Rendering I - geometric processing Dove si descrivono i principali metodi di alto livello utilizzati per ottenere una immagine a partire da una descrizione degli oggetti 3D Introduzione Trasformazioni

Dettagli

ArcGIS - ArcView ArcScene

ArcGIS - ArcView ArcScene ArcGIS - ArcView ArcScene Marco Negretti Politecnico di Milano Polo Regionale di Como e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.it 22/05/06 - v 1.0 2 introduzione ArcScene permette

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

FISICA. Le forze. Le forze. il testo: 2011/2012 La Semplificazione dei Testi Scolastici per gli Alunni Stranieri IPSIA A.

FISICA. Le forze. Le forze. il testo: 2011/2012 La Semplificazione dei Testi Scolastici per gli Alunni Stranieri IPSIA A. 01 In questa lezione parliamo delle forze. Parliamo di forza quando: spostiamo una cosa; solleviamo un oggetto; fermiamo una palla mentre giochiamo a calcio; stringiamo una molla. Quando usiamo (applichiamo)

Dettagli

Introduzione a Matlab

Introduzione a Matlab Introduzione a Matlab 1 Introduzione Matlab (MATrix LABoratory) è un software per il calcolo scientifico, particolarmente sviluppato per quanto riguarda la gestione ed elaborazione di vettori e matrici.

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA 1 POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA Per ogni punto del programma d esame vengono qui di seguito indicate le pagine corrispondenti nel testo G. Tonzig,

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli