ATC. Paolo Sordi Processi di Scalo ed Aviazione Generale SEA Aeroporti di Milano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ATC. Paolo Sordi Processi di Scalo ed Aviazione Generale SEA Aeroporti di Milano"

Transcript

1 ATC Paolo Sordi Processi di Scalo ed Aviazione Generale SEA Aeroporti di Milano

2 2 Area di Movimento. L Aeroporto è fondamentalmente suddiviso in due zone che, sommate, costituiscono l Area di movimento: area di manovra, ossia quella deputata all atterraggio e decollo degli aeromobili (piste e relativi raccordi di ingresso/uscita); Apron, ossia i piazzali di sosta. L area di manovra è controllata dalla torre e ogni accesso avviene dopo contatto radio e sotto controllo radar. Nell Apron gli aeromobili sono, in Italia, ancora guidati dalla torre mentre i veicoli possono muoversi autonomamente, separandosi a vista dal traffico aereo che ha sempre la precedenza. 2

3 3 Integrazione fra aeroporto e controllo del volo. Il gestore aeroportuale e l ente ATC (ENAV in Italia) cooperano per massimizzare la capacità dello scalo e per raggiungere i massimi livelli di puntualità. Con lo scopo di rendere il traffico aereo, sia in volo che a terra, sicuro, ordinato e puntuale il gestore e l ente ATC utilizzano infrastrutture complementari: Radioassistenze (ATC); Radar (ATC); AVL (Aiuti Visivi Luminosi, gestore); sistemi antintrusione di pista (gestore); segnaletica orizzontale (gestore). Il disegno delle rotte di avvicinamento e di uscita e le dotazioni tecnologiche sono di fondamentale importanza per la capacità che un aeroporto può esprimere sia in condizioni di normale operatività che in condizioni di scarsa visibilità. L integrazione fra aeroporto ed ente ATC (che si concretizza nel rilascio del volo da parte dello scalo nei confronti della torre) è oggetto di un progetto europeo denominato CDM (Collaborative Decision Making) che mira appunto a gestire un volo in una logica di processo integrata fra aeroporti, enti ATC, handlers e altri soggetti. 3

4 4 Volo strumentale e a vista. Le regole del volo strumentale o Instrument Flight Rules (IFR) sono quelle normalmente utilizzate dall aviazione commerciale e si contrappongono alle regole del volo a vista o Visual Flight Rules (VFR), nelle quali il pilota è il solo responsabile dell individuazione di eventuali ostacoli e di altri aeromobili e dell attuazione delle manovre necessarie ad evitarli. Le regole IFR consentono di volare anche quando i piloti non siano in grado di separarsi da altro traffico in modo autonomo e di vedere gli ostacoli o il terreno. Il volo IFR richiede una particolare strumentazione di bordo (principalmente orizzonte artificiale, altimetro, variometro e virosbandometro), l abilitazione del pilota, una serie di norme e procedure (RNAV, area NAVigation) e l utilizzo di diversi sistemi di navigazione: navigazione satellitare, navigazione radar e radionavigazione attraverso stazioni di terra come ILS, VOR, Loran C, DME, NDB. Le regole del Volo a Vista, o Visual Flight Rules (VFR) consentono di volare in sicurezza grazie ad una serie di regole che si basano sul principio fondamentale del "vedere ed essere visti": le regole VFR sono utilizzabili entro limiti minimi e massimi di quota, di velocità, di visibilità, di distanza dalle nubi e dagli ostacoli al suolo. 4

5 5 Il piano di volo è un modulo compilato dai piloti e spedito all ente ATC (in Italia l ENAV) prima di poter effettuare la maggior parte dei voli. Il piano di volo è obbligatorio per i voli operanti in IFR mentre per quelli VFR è richiesto soltanto in determinati casi. I piani di volo originano da una precedente assegnazione di slot (sugli aeroporti coordinati) effettuata dal coordinatore nazionale (in Italia Assoclearance) mentre in operativo sono gestiti in modo centralizzato da EuroControl che assegna gli slot in partenza ed in arrivo verificando la rotta richiesta nel piano di volo con le capacità dei vari settori attraversati. Piano di volo. 5

6 6 Slot. Lo slot è una finestra temporale entro la quale un aeromobile ha il permesso di decollare o atterrare in un determinato aeroporto. L istante di riferimento per uno slot è il CTOT (Calculated Take-Off Time) mentre la finestra temporale ha una durata di 15 minuti (con inizio 5 minuti prima del CTOT e fine 10 minuti dopo). Lo slot viene assegnato stagionalmente dal coordinatore nazionale (per l Italia Assoclearance) per permettere alle compagnie di costruire il proprio orario e viene poi modificato giornalmente dall ente di controllo dei flussi di traffico aereo (per l'europa il CFMU di Eurocontrol) solo quando è necessario applicare restrizioni all'orario di partenza, arrivo a destinazione, o sorvolo di un punto della rotta, solitamente per motivi di congestione di traffico. Una volta scaduto lo slot, per complicazioni nelle procedure di imbarco o altri fattori tecnici necessari a predisporre l'aeromobile per la partenza, la compagnia aerea dovrà fornire un nuovo orario stimato di partenza (EOBT, Estimated Off-Block Time) per il volo suddetto e richiedere un nuovo slot, con il conseguente rischio di ricevere un CTOT che spesso può causare un ulteriore considerevole ritardo. 6

7 7 Radioassistenze. Le radioassistenze sono l'insieme di antenne installate a terra con lo scopo di fornire ai piloti informazioni riguardanti la posizione attuale del velivolo e la sua direzione. Grazie ad esse il pilota può operare in condizioni IFR ossia effettuare un volo in totale sicurezza anche con visibilità estremamente ridotta o nulla. Le principali tipologie di antenne sono: VOR (VHF Omnidirectional Range); NDB (Non-Directional Beacon); DME (Distance Measuring Equipment); LORAN C (LOng RAnge Navigation); ILS (Instrument Landing System). Negli ultimi anni è stato introdotto anche l utilizzo dei sistemi GPS (Global Positioning System). 7

8 8 Apron Management Service. L Apron Management Service costituisce uno dei principali punti di contatto tra l ATC (ENAV in Italia) e l Aeroporto per quanto riguarda i processi legati al volo. A norma della regolamentazione ICAO il servizio di Apron Management deve essere predisposto per: regolamentare i movimenti sul piazzale al fine di prevenire collisioni tra velivoli e tra velivoli ed ostacoli; regolamentare l entrata e coordinare l uscita degli aeromobili dalle aree di competenza in collaborazione con la Torre di Controllo; garantire la spedita e sicura movimentazione dei veicoli e regolamentare le altre attività che si svolgono sulle aree di competenza; raggiungere un efficace gestione del flusso di traffico. 8

9 9 Apron Management Service. L Apron Management Service riceve dall agente rampa la richiesta di rilascio del volo una volta che sono state completate le operazioni di handling e l aereo è in condizioni di muovere dallo stand. Per essere dichiarato pronto e, di conseguenza, trattabile da ENAV, un volo dovrà in particolare avere: imbarco terminato; stive chiuse; attrezzature rimosse. Il controllore del traffico aereo, ricevuta in frequenza la richiesta di messa in moto dal comandante, prima di permettere tale manovra dovrà aver ottenuto dall'operatore in Sala Apron la conferma che il volo è pronto e l'area interessata dalle operazioni di Push Back è sgombra da veicoli, traini e/o persone. 9

10 10 Apron Management Service. 10

11 11 Apron Management Service. I principali benefici derivanti dall Apron Management Service sono : aumento della sicurezza operativa sulle aree di piazzale; miglior utilizzo delle risorse infrastrutturali dello Scalo (Stands, Gates, De-icing, Push Back); maggiore efficienza nella gestione dei flussi di traffico e maggiore fluidità delle operazioni che porta come risultato indotto una riduzione dei tempi di rullaggio ed attesa degli aeromobili; incremento della puntualità di Scalo grazie alla disponibilità di maggiori informazioni inerenti ai voli. L obiettivo ultimo dell AMS è quello di giungere ad una integrazione fra A-SMGCS (Automatic Surface Movement System) e GPS in modo da gestire in tempo reale e con la massima esattezza la posizione di aeromobili e mezzi sul sedime. L utilizzo di un sistema GPS per il monitoraggio dei veicoli sul piazzale aeromobili e l integrazione di questi dati con l A-SMGCS consentirà di realizzare un sistema capace di controllare automaticamente gli spostamenti sul piazzale e di definire proposte di sequenza di movimento degli aeromobili da e per gli stand. 11

12 12 SMGCS L attuale sistema di guida e controllo del traffico aereo di superficie, denominato SMGCS (Surface Movement Guidance and Control System) è infatti sostanzialmente basato sulla capacità del controllore di torre di monitorare visivamente il traffico aereo e dei piloti di rullare seguendo la segnaletica e le indicazioni che caratterizzano piazzali, vie di rullaggio e piste di volo. E evidente come questo sistema divenga inadeguato per sistemi aeroportuali complessi e vasti, multi pista e in condizioni di scarsa visibilità in presenza di pioggia o nebbia, o in generale nelle ore notturne. Inoltre le normative ICAO prevedono, in casi di rischio e in condizioni di visibilità significativamente ridotta la circolazione sulle vie di rullaggio di pochi aeromobili per volta causando in questo modo notevoli ritardi sia in arrivo che in partenza. 12

13 13 A-SMGCS L esigenza di adottare un nuovo sistema per il monitoraggio del traffico in movimento sulla superficie aeroportuale, denominato A-SMGCS (Advanced Surface Movement Guidance and Control System), deriva dalla necessità di mantenere ed incrementare la sicurezza e l efficienza dei movimenti a terra attraverso l automazione delle funzioni del servizio di controllo del traffico aereo. Gli attuali metodi di implementazione delle funzioni del sistema A-SMGCS prevedono l uso di tipologie di sensori eterogenei (radar, telecamere, barriere a microonde, spire induttive, ecc.) con lo scopo di individuare e identificare tutte le possibili categorie di oggetti che si presentano nell ambiente operativo in esame. Una fondamentale discriminazione è quella tra oggetti cooperanti (dotati di trasponder) e oggetti non cooperanti, per la cui individuazione sono necessari tipi di sensori differenti: il Surface Movement Radar (SMR), radar primario che identifica tutti gli oggetti e la multilaterazione basata su radar secondari di modo S per vedere ed identificare gli oggetti cooperanti con i loro apparati di bordo (transponder). 13

14 14 A-SMGCS Inoltre l A-SMGCS si propone di ridurre al minimo il carico di lavoro dei controllori di torre, aspetto non secondario dato che lo stress e i possibili errori umani rappresentano una possibile fonte di rischio per la sicurezza; a questo proposito è necessaria l introduzione di una adeguata Human Machine Interface (HMI), che sia in grado di presentare al controllore la situazione del traffico in modo non ambiguo e prevenire possibili conflitti. Uno degli obiettivi finali dell A-SMGCS è l introduzione dei sentieri di rullaggio ad accensione controllata (previsti nel Livello 4 di implementazione). 14

15 15 A-SMGCS Come descritto nell ICAO Doc 9830 (Advanced Surface Movement Guidance and Control Systems Manual), l A-SMGCS consiste di quattro funzioni base: Monitoraggio (Surveillance); Controllo (Control); Individuazione dei percorsi (Planning/Routing); Indirizzamento (Guidance). Vengono pertanto definiti quattro livelli di implementazione: A-SMGCS - Level 1. Utilizza un miglior monitoraggio e procedure specifiche relative all area di manovra per i veicoli e all area di movimento per gli aeromobili. Le procedure riguardano l identificazione e l emissione di istruzioni ed autorizzazioni. I controllori possono disporre della posizione ed identità del traffico il che è un importante passo avanti rispetto al tradizionale Surface Movement Radar (SMR). 15

16 16 A-SMGCS A-SMGCS - Level 2. Aggiunge le safety nets, apparecchiature che proteggono le piste e alcune aree specifiche e che, in caso di conflitti fra veicoli o di ingresso degli stessi in aree soggette a restrizioni generano appositi allarmi. A-SMGCS - Level 3. Riguarda l identificazione di tutti i possibili conflitti nell area di movimento e una migliore pianificazione e indirizzamento, facilitando il lavoro dei controllori del traffico aereo. A-SMGCS - Level 4. Fornisce consigli per la risoluzione dei conflitti e un sistema automatico di individuazione dei percorsi e di guida automatica per i piloti. 16

17 17 Servizi del traffico aereo (A.T.S.) 17

18 18 Servizi del traffico aereo (A.T.S.) 18

19 19 Servizi del traffico aereo (A.T.S.) I servizi del traffico aereo (servizi A.T.S.), organizzati secondo le direttive I.C.A.O., vengono istituiti allo scopo di fornire la massima assistenza possibile sia al singolo aeromobile che a tutto il traffico aereo. Tali servizi possono essere di semplice informazione di volo, di consiglio sul traffico aereo, di controllo del traffico aereo e d allarme. In particolare i servizi del traffico aereo hanno lo scopo di: Prevenire le collisioni tra aeromobili; Prevenire le collisioni tra aeromobili sull area di manovra degli aerodromi e gli ostacoli; Accelerare e mantenere ordinato il flusso del traffico aereo; Fornire informazioni utili per una sicura ed efficiente condotta del volo; Informare tempestivamente le appropriate organizzazioni circa aeromobili in difficoltà o che necessitino di assistenza e soccorso e collaborare con tali organizzazioni come da esse richiesto. 19

20 20 Suddivisione Verticale degli Spazi Aerei ATS Il territorio e lo spazio aereo sovrastanti uno Stato ICAO sono divisi in una o più REGIONI INFORMAZIONI VOLO (FIR) ed in una o più REGIONI INFORMAZIONI VOLO SUPERIORI (UIR). Lo spazio aereo è in genere distinto in: SPAZIO AEREO INFERIORE In Italia da GND a FL195 compreso (FIR) SPAZIO AEREO SUPERIORE In Italia al di sopra di FL195 (UIR) 20

21 21 Organizzazione degli Spazi Aerei 1) STRUTTURA BASE DEGLI SPAZI AEREI Regioni Informazioni Volo (F.I.R.) Regioni di Controllo (C.T.A.) Zone di Controllo (C.T.R.) 2) ALTRE TIPOLOGIE DI SPAZI AEREI Regioni terminali di controllo (T.M.A.) Rotte ATS, distinte in: Aerovie Rotte a navigazione d area (RNAV) Rotte a servizio consultivo Zone di Traffico Aeroportuale 21

22 22 Suddivisione degli Spazi Aerei ATS La suddivisione degli spazi aerei gestiti dai vari ACC in Italia è la seguente: Brindisi (20% nero) Padova (10% verde) Milano (7% grigio) Roma (63% rosso) 22

23 23 Suddivisione dello spazio aereo Le FIR contengono poi spazi aerei specifici (TMA, Rotte ATS, CTR ed ATZ) diversamente classificati, in base ai servizi forniti al loro interno. Una regione di controllo istituita alla confluenza di più rotte ATS, nelle vicinanze di uno o più aerodromi importanti, viene denominata Regione Terminale di Controllo (TMA - Terminal Control Area). La Terminal Control Area è uno spazio aereo vietato ai voli VFR ed al suo interno viene offerto il servizio di ATC AREA dall' ACC (Area Control Centre) e il servizio di allarme. In Italia sono presenti quattro TMA (Roma, Milano, Brindisi, Padova). Una Zona di Controllo (CTR - Control Zone) è uno spazio aereo controllato che si estende verso l'alto a partire dalla superficie del suolo fino a un limite superiore specificato, posto in corrispondenza di uno o più aerodromi. I suoi limiti laterali devono contenere le porzioni delle rotte strumentali di partenza e arrivo. Il CTR racchiude uno spazio più piccolo detto ATZ che protegge il traffico in decollo e attrraggio sotto diretto controllo della torre. 23

24 24 Suddivisione dello spazio aereo 24

25 25 Suddivisione dello spazio aereo 25

26 26 Suddivisione dello spazio aereo La TWR, secondo quanto recita la normativa internazionale ICAO, ha il compito di autorizzare il movimento di qualsiasi persona, veicolo o aeromobile sull'aeroporto e nelle sue vicinanze, al fine di prevenire le collisioni tra aeromobili, aeromobili e veicoli od ostacoli posti nell'area di manovra, con lo scopo di ottenere e mantenere un ordinato e spedito flusso di traffico aereo. Lo spazio di responsabilità della TWR è costituito dall area di manovra, cioè dalla pista di volo e dalle relative vie di rullaggio, esclusi i piazzali di parcheggio, e dallo spazio aereo attorno all aeroporto in un raggio di circa 8 km (5 miglia nautiche) fino ad un altitudine variabile di circa 700 metri (2000 piedi). Tale spazio aereo, solitamente di forma cilindrica, si chiama A.T.Z. (Aerodrome Traffic Zone, Zona di Traffico Aeroportuale), ed è istituito a protezione del traffico in arrivo ed in partenza e che opera vicino all aeroporto. All interno dello spazio di responsabilità della TWR, ogni aeromobile, persona e mezzo ha l obbligo di contattare via radio la TWR per chiedere e ottenere l autorizzazione ad effettuare le rispettive manovre. 26

27 27 Enti di Controllo del Traffico Aereo ACC (Area Control Center) Fornisce il servizio di Controllo del Traffico Aereo ai voli controllati nelle Regioni di Controllo APP (Approach Control Certer) Fornisce il servizio di Controllo del Traffico Aereo ai voli controllati in arrivo o in partenza da uno o più aerodromi TWR (Control Tower) Fornisce il servizio di Controllo del Traffico Aereo al traffico di aerodromo 27

28 28 Le fasi di un volo 1. Pre-volo - Inizia a terra e comprende le fasi di preparazione del volo fino alla pista per il decollo 2. Decollo e Salita Iniziale Comprende il decollo e la salita fino al livello di crociera 3. Rotta In questa fase l aereo vola attraverso gli spazi aerei controllati da vari enti di controllo 4. Discesa ed Avvicinamento L aereo inizia la discesa e l avvicinamento verso l aeroporto di destinazione. 5. Atterraggio L aereo stabilizzato sul sentiero dell ILS atterra sulla pista assegnata ed attraverso un percorso assegnato raggiunge il gate al terminal di arrivo 28

29 29 Le fasi di un volo 29

30 30 SID: Standard Instrument Departure Le SID (Standard Instrument Departure) sono rotte di partenza dagli aeroporti, istituite nei CTR per separare il traffico strumentale in decollo dagli ostacoli sottostanti durante la salita iniziale. Le SID rendono più scorrevole il flusso del traffico aereo, evitano la congestione delle frequenze ATC e terminano sulla prima radioassistenza dislocata in rotta. Nella costruzione di una SID si tiene conto degli ostacoli presenti attorno all aeroporto, delle restrizioni dello spazio aereo, dei centri abitati e delle normative anti rumore (noise abatement procedure). Ogni SID è identificata dal nome della radioassistenza sulla quale la SID termina, da un numero, da una lettera e dalla parola departure. Le SID indicano la rotta da mantenere, riferita alle radioassistenze, le quote minime per avere le dovute separazioni dagli ostacoli e per rispettare le eventu ali restrizioni ed i livelli minimi di attraversamento che garantiscono la separazione dal più alto ostacolo presente nel raggio di 5 Nm. 30

31 31 SID: Standard Instrument Departure 31

32 32 STAR: Standard Terminal Arrival Route Le STAR (Standard Terminal Arrival Routes) sono rotte di arrivo negli aeroporti. Così come le SID le STAR sono state istituite nei CTR per separare il traffico strumentale in decollo dagli ostacoli sottostanti durante la salita iniziale: le STAR rendono più scorrevole il flusso del traffico aereo, evitano la congestione delle frequenze ATC. La costruzione e l identificazione delle STAR sono analoghe a quelle delle SID, con la sola sostituzione della parola departure con arrival. Le STAR iniziano sull ultima radioassistenza dislocata in rotta e terminano sul FAF (Final Approch Fix) dal quale ha inizio la procedura strumentale di avvicinamento. Nella compilazione del piano di volo, il primo punto in rotta deve essere l ultimo punto della SID mentre l ultimo punto deve corrispondere al primo punto della STAR. 32

33 33 33

34 34 34

35 35 35

36 36 36

37 37 37

38 Context and challenges 38 Tremendous challenges for air transport Growth of air traffic: flights expected to at least double by 2020 Increasing economic pressure due to essential role of Air Transport in Europe Safety & security Environmental consciousness Current Air Traffic Management systems will not able to cope with future needs

39 Context and challenges 39 European Air Traffic Management: today there is no common architectural design Limited airports capacity Fragmented European ATM network and R&D activities Low interoperability of the national infrastructures Lack of cooperative planning in investments, planning and management of their assets Low flexibility of the ATM process ATM modernisation is a must for the sustainable growth of Air Transport: the capacity barrier predicted in 2015 has to be broken through

40 Context and challenges 40 Changes required in the Air Transport System Political and legal Operations Technical Infrastructure Difficulties with these changes Conflicting objectives: e.g. safety vs. cost Large number of stakeholders: Airliners, Military, GA, ANSP, Airports, Manufactures Patchwork of systems: Aircraft, on-board avionics, ATC centers and towers

41 The European strategy: Single European Sky & SESAR The Single European Sky (SES) provides the institutional and regulatory framework to make changes happen The SESAR programme is the technological & operational component of the SES Definition Phase( ): the ATM Master Plan Development Phase ( ): R&D, validation under responsibility of SESAR JU (public private partnership) Implementation ( ) By 2020 the aim is: To bring about a threefold increase in capacity To improve safety To reduce the environmental impact per flight To cut ATM-related cost 41

42 The Future of ATM: a Paradigm Shift with SESAR 42 Past Today Future A320 Procedural Control Estimate the current and planned a/c positions Radar Control Know the current and estimate planned a/c positions Trajectory Management Know & share the current & planned a/c positions.

43 ATM target Concept 43 Business Trajectory as the core of the system to execute each flight as close as possible to the intention of its owner Trajectory management: moving from aerospace to trajectory focus Collaborative planning continuously reflected in the Network Operations Plan Integrated Airport operations contributing to capacity gains and reducing the environmental impact New separation modes to allow for increased capacity System Wide Information Management integrating all ATM related data Humans will be central in the future ATM system as managers and decision-makers

44 SESAR CNS Technology Requirements 44 Communication in all airspaces enabling improved voice and data exchanges between actors within the system Navigation in all phases of flight enabling precision positioning of the aircraft to support high performance, efficient 4D operations. Surveillance enabling precision monitoring of all traffic to assure safe and secure operations.

45 Satellite technologies for navigation 45 The objective of the navigation services is to improve aircraft positioning and trajectory management in all phases of flight. Primary aircraft positioning means will be satellite based for all flight phases. Terrestrial Navigation infrastructure is maintained to provide a backup for en route, TMA and precision landing. Enhanced on-board trajectory management systems and ATS Flight processing systems to support the trajectory Concept.

46 Satellite technologies for Communication Evolution from analogue to digital technology Full integration of all actors and systems within the ATM system (SWIM/CDM) Increasing use of data communication, voice will become the ultimate backup means Various physical (lower layers) communications systems A common communication transport layer to link various physical (lower layers) communications systems 46

47 Institutional and regulatory challenges 47 New technologies/systems development are not the only challenge: Need to demonstrate commercial viability to future users SESAR upfront investments are substantial Benefits expected to compensate in the long term Timely, coordinated implementation needed to maximise the benefits New business framework: new institutional framework and business model for the services provision: Satellite navigation : who will provide the services? Revenues? SWIM services Political support To encourage European states to commit to SESAR timely deployment for 2020 The main challenge for the satellite technology is not technical but institutional due to the fact that it is a highly centralised system providing trans-national services. The commercial and liability arrangements remain key issues to be solved

48 Conclusions 48 Some challenges ahead to support air transport smooth growth Solutions are taking shape Key success factor for ATM modernization: commitment from European stakeholders to implement the SESAR Master Plan Solutions to be developed within a global interoperability framework

49 49 SESAR (Single European Sky ATM Research) Single European Sky è un iniziativa lanciata dalla Commissione Europea nel 2004 per riformare l architettura della gestione del traffico aereo (ATM, Air Traffic Management) in Europa. Tale programma propone un approccio legislativo mirato a soddisfare i requisiti di capacità e sicurezza che saranno necessari in futuro operando ad un livello europeo piuttosto che nazionale. SESAR (Single European Sky ATM Research) è la dimensione tecnologica di Single European Sky e mira a ridurre la frammentazione dello spazio aereo europeo ed a supportare il programma con le più recenti ed innovative tecnologie. I principali obiettivi di SESAR sono: ristrutturare gli spazi aerei europei in funzione dei flussi di traffico; creare ulteriore capacità; aumentare l efficienza complessiva del sistema di gestione del traffico aereo. 49

50 50 SESAR (Single European Sky ATM Research) La Definition Phase di SESAR ( ) ha permesso di sviluppare il SESAR ATM Master Plan che, basato sulle future esigenze dell aviazione civile, identifica le azioni necessarie a raggiungere gli obiettivi di SESAR. La Development Phase ( ) produrrà una nuova generazione di sistemi tecnologici, componenti e procedure operative richiesti dal Master Plan. La Deployment Phase ( ) vedrà la produzione su larga scala e l implementazione della nuova infrastruttura della gestione del traffico aereo costituita da componenti pienamente armonizzati e interoperabili a garanzia di elevate performance nelle attività di trasporto aereo in Europa. 50

51 51 SESAR (Single European Sky ATM Research) Gli obiettivi di SESAR per il 2020 sono: permettere di triplicare la capacità; migliorare la sicurezza di un fattore 10; ridurre del 10% l impatto sull ambiente di ciascun volo; ridurre i costi dell ATM del 50%. SESAR mira a sviluppare la nuova generazione dei sistemi di controllo del traffico aereo per assicurare la sicurezza e la fluidità del trasporto aereo per i prossimi 30 anni. Grazie ad un approccio aperto e a specifiche attività internazionali, SESAR sarà compatibile con simili iniziative quale ad esempio NextGen negli Stati Uniti. Punto focale del concetto di SESAR è la Business Trajectory principio in cui gli utilizzatori dello spazio aereo, gli enti ATM e gli aeroporti definiscono assieme, attraverso un processo di collaborazione, il percorso ottimale dal gate dell aeroporto di partenza a quello di arrivo. Considerando ad esempio un volo Bruxelles Stoccolma ci si attende un risparmio in termini di tempo fra i 12 ed i 20 minuti che determinerà un risparmio di carburante fra 435 e 725 kg e, di conseguenza, una riduzione dell emissione di CO 2 nell ambiente fra 1370 e 2283 kg. 51

52 52 SESAR (Single European Sky ATM Research) Una delle priorità di SESAR è di ridurre del 10% l impatto ambientale per ciascun volo: la crescita del trasporto aereo deve infatti essere sostenibile. Attualmente le rotte seguono corridoi aerei che rendono il percorso più lungo del necessario e all arrivo a destinazione l aeromobile può essere messo in holding in attesa di uno slot di atterraggio. Ciò determina un aumento del consumo di carburante, dell inquinamento e dell emissione di gas serra. Le tecnologie sviluppate da SESAR permetteranno voli con percorsi più diretti salite e discese graduali che elimineranno alcune delle principali cause di inquinamento. 52

53 53 SESAR (Single European Sky ATM Research) 53

54 54 SESAR (Single European Sky ATM Research) Le definizioni di ATM Service Level e di ATM Capability Level sono utilizzate per stabilire le performance cui saranno vincolati tutti i componenti (sia a bordo che a terra) del futuro sistema europeo di gestione del traffico aereo. SESAR ha definito sei livelli che saranno sviluppati in successione. I Service Levels sono riferiti ai servizi operativi offerti da un fornitore ed utilizzati da un cliente. Passare ad un Service Level superiore richiede lo sviluppo e l implementazione di specifici programmi di miglioramento operativo. I Capability Levels sono associati all introduzione di sistemi, procedure, risorse umane, ecc. Portarsi ad un Capability Level superiore richiede lo sviluppo ed introduzione di tecnologie e questo determina ovviamente dei costi. Fornire un servizio ad un determinato livello richiede che sia il fornitore che il cliente siano almeno abilitati allo stesso capability level. Deve inoltre essere garantita la compatibilità a ritroso: qualsiasi sistema, che abbia un dato capability level, deve essere capace di fornire e ricevere servizi ad un service level inferiore assicurando così l interoperabilità fra sistemi aventi differenti capability levels. 54

55 55 SESAR (Single European Sky ATM Research) 55

56 56 SESAR (Single European Sky ATM Research) Le Line of Change (LoC) rappresentano le aree principali di sviluppo dell ATM. 56

57 57 SESAR (Single European Sky ATM Research) 57

58 58 SESAR (Single European Sky ATM Research) 58

59 59 CDM (Collaborative Decision Making) Il CDM, Collaborative Decision Making, prende spunto dai lavori compiuti dal mondo ATC e dal mondo aeroportuale nel corso di molti anni di collaborazione attraverso gruppi di lavoro misti. Uno dei più importanti di questi gruppi è stato sicuramente il Gate-to-gate che si riproponeva la rivisitazione dei processi legati al singolo volo e che, all inizio, partiva da due visioni distinte del processo che si sono, infine, fuse nel concetto del CDM attuale. 59

60 60 CDM (Collaborative Decision Making) L obiettivo degli aeroporti è di massimizzare la capacità e l efficienza: i ritardi determinano infatti un danno di immagine e un uso non efficiente delle risorse aeroportuali (forza lavoro e mezzi) e infrastrutturali (stand, gates, ecc.). D altra parte partenze ed arrivi puntuali sono alla base di operazioni efficienti e consentono di ridurre o ritardare gli investimenti infrastrutturali. L obiettivo dei vettori è di rispettare gli orari: i ritardi determinano infatti un danno di immagine e costi addizionali (carburante, coincidenze perse, ecc.). L obiettivo degli handlers è di ottimizzare la gestione delle risorse e rispettare gli SLA stabiliti contrattualmente con i vettori: i ritardi determinano infatti la necessità di risorse addizionali per l effettuazione dei servizi. L obiettivo degli enti ATC è di assicurare la sicurezza delle operazioni garantendo il miglior uso possibile delle infrastrutture (piste e raccordi). 60

61 61 CDM (Collaborative Decision Making) L Airport CDM (Collaborative Decision Making) è il progetto finalizzato a migliorare l efficienza operativa negli aeroporti, riducendo i ritardi, migliorando l individuazione di possibili problematiche durante il processo di trattamento del volo e ottimizzando l uso delle risorse grazie al coinvolgimento di tutti gli attori coinvolti: aeroporto, vettori, handlers, ente ATC. Con il CDM si dispone di informazioni più accurate sui decolli: mano a mano che gli aeroporti adottano il CDM, l intera rete diviene capace di utilizzare più efficientemente gli slot disponibili. La maggior consapevolezza fornita dal CDM discende dalla condivisione di informazioni accurate e tempestive e da procedure e processi automatizzati Il CDM infatti consente ai vari attori del processo aeroportuale (gestore, vettori, handlers e ATC) di lavorare insieme in maniera più efficiente scambiandosi i dati in modo trasparente e disponendo pertanto dello stesso scenario operativo, sia corrente che previsto. Il CDM è anche parte del programma SESAR. 61

62 62 CDM (Collaborative Decision Making): obiettivi 62

63 CDM (Collaborative Decision Making): obiettivi 63 L Airport CDM è sostanzialmente un programma volto a raggiungere una maggiore efficienza operativa. Esso viene implementato negli aeroporti attraverso l introduzione di procedure operative e processi automatizzati che realizzino gli obiettivi prefissati. Gli elementi costituenti il CDM (Concept Elements) sono: Information Sharing Milestone Approach Variable Taxi Time Pre-departure Sequencing Adverse Conditions Collaborating Management of Flight Updates 63

64 CDM (Collaborative Decision Making) 64 L Information Sharing è un aspetto essenziale in quanto un efficace scambio di informazioni fra i vari partner del processo aeroportuale crea le basi del CDM, determina una situazione di comune consapevolezza della situazione e permette di coordinare le varie attività. Esso favorisce inoltre la prevedibilità degli eventi futuri ed una maggior efficienza nell utilizzo delle risorse. Il Milestone Approach segue l introduzione dell Information sharing e permette di monitorare il processo di un volo secondo una sequenza continua di eventi, chiamati milestones. Differenti partners possono essere responsabili di differenti milestones che il CDM ha l obiettivo di integrare in un processo comune di gestione del volo con l obiettivo di definire e mantenere il TOBT (Target Off Block Time) grazie alla possibilità di previsione degli eventi durante il turn-around. 64

65 65 CDM (Collaborative Decision Making) Con il Variable Taxi Time è possibile calcolare in maniera più accurata gli istanti che costituiscono alcune delle milestones rispetto a quanto avviene con il taxi time fisso, che è comunemente adottato dagli aeroporti. Nei grandi aeroporti infatti il layout delle piste e delle taxi implica che vi siano notevoli differenze fra i possibili taxi time. La conoscenza dell esatto taxi time consente all ente ATC di ottimizzare i push back e le sequenze di partenza, riducendo i tempi di attesa e la congestione e consente quindi di migliorare il rispetto del CTOT. Con il pre-departure sequencing viene meno il tradizionale concetto secondo cui le partenze debbano essere gestite seguendo la logica first come first served. Con tale logica infatti generalmente non si ottiene una sequenza di partenza ottimale e, di conseguenza, si hanno tempi di attesa che determinano ritardi e consumo di carburante. Il pre-departure sequencing permette di gestire i TOBT in un modo tale per cui i voli possano muovere dagli stand in un ordine ottimale. Di fatto l ente ATC riesce a determinare il TSAT (Target Start Up Approval Time) per ciascun volo e, sulla base di esso, a definire una sequenza di partenza più 65

66 66 CDM (Collaborative Decision Making) Una volta implementati i primi quattro passaggi l ultimo intervento locale è di implementare il CDM in Adverse Conditions il quale è volto a ottimizzare la gestione dei processi in condizioni di ridotta capacità e a facilitare il ritorno alla massima capacità quando le condizioni siano tornate normali. Quando tutti gli elementi locali siano stati realizzati, l aeroporto è pronto per connettersi con il CFMU per implementare l ultimo elemento, il Collaborative Management of Flight Updates che prevede lo scambio dei messaggi FUM e DPI [si veda figura X.X]. Il CFMU (Central Flow Management Unit) è l unità operativa di EUROCONTROL la cui missione è di aumentare la sicurezza attraverso la gestione coordinata del traffico aereo in Europa minimizzando la congestione e utilizzando nel migliore dei modi la capacità disponibile. 66

67 67 CDM (Collaborative Decision Making) 67

68 Il controllo satellitare: il punto di vista dell aeroporto 68 Le applicazioni del controllo satellitare nell ambito aeroportuale possono essere riassunte essenzialmente in tre punti principali: miglioramento dell informazione relativa alla posizione del velivolo con conseguente maggior accuratezza nella previsione di arrivo sullo scalo; monitoraggio e controllo veicoli e mezzi di rampa sul sedime aeroportuale; definizione di nuove rotte di avvicinamento e decollo con ottenimento di maggiore efficienza operativa e modifica/riduzione dell impronta di rumore.

69 Sistemi di gestione dell informazione 69 Il sistema principale di gestione dell informazione è BDV (Base Dati Voli); tale sistema è alimentato anche da dati provenienti da sistemi esterni come quello del controllo del traffico aereo gestito da ENAV (Ente nazionale Assistenza al Volo) che viene a sua volta alimento da altri sistemi tra cui quello di EUROCONTROL. Da qui nasce evidente la necessità di disporre di informazioni real time accurate e l importanza dei sistemi di controllo satellitare che contribuiscono a tale accuratezza.

70 La localizzazione dei mezzi di rampa 70 Il controllo satellitare può essere opportunamente applicato anche alla gestione delle attrezzature di handling mediante l integrazione di un sistema GPS per il monitoraggio dei veicoli sul piazzale aeromobili; l integrazione di questi dati con quanto disponibile attraverso sistemi ASMGS (Advanced Surface Movement Control System) può, tra le altre cose, consentire di realizzare un sistema capace di definire proposte di sequenza di movimento degli aeromobili da e per il piazzale.

71 La localizzazione dei mezzi di rampa 71 A-SMGCS E GPS A-SMGCS Apron Control System

72 M300-5 La localizzazione dei mezzi di rampa 72 Sala Operativa Postazione gestione LAN Server applicativo Antenna GPS Stazione differenziale GPS Modem GSM L architettura del sistema di controllo mezzi di rampa può essere esemplificata in tre componenti principali: gli apparati di bordo; il sistema di comunicazione; la sala operativa vera e propria. Altri sistemi Veicoli localizzati Per apparati di bordo si intende un dispositivo, o Controller GPS, con altri apparati a corredo (modem GSM, antenna, ecc.) installati a bordo di ciascun veicolo ed in grado di stabilire in ogni istante la posizione del mezzo e di scambiare dati in modalità bidirezionale con il centro di controllo. I sistemi di comunicazione adottabili per lo scambio dei dati tra i mezzi e la sala operativa sono diversi: radio, WLAN, TETRA, GSM.

73 La localizzazione dei mezzi di rampa 73 La trasmissione dati via GSM o via WLAN costituisce una valida soluzione. Nell immagine è rappresentato uno schema di Controller GPS, che grazie al range di alimentazione ed alle dimensioni ridotte può essere installato su qualunque tipo di veicolo o furgone o mezzo pesante. Tale sistema può consentire anche l integrazione con altri apparati di bordo così da poter eventualmente realizzare anche funzioni di telemetria al fine di monitorare il funzionamento dei mezzi ed offrire altre funzioni come la segnalazione del livello carburante ecc..

74 Rotte ed impatto da rumore 74 La possibilità di volare rotte RNAV Area Navigation o RNP Required Navigation Performance, che sono rotte disegnante utilizzando la possibilità offerta dai sistemi GPS di definire punti non identificati da apparati di radionavigazione (VOR) e di seguire traiettorie curve, apre nuovi scenari sia per gli avvicinamenti che per i decolli. Tali nuovi scenari consentono di realizzare maggiore efficienza nelle operazioni e di ridefinire l impatto del rumore sulle aree limitrofe agli aeroporti maggiormente interessate dalle rotte di decollo grazie alla possibilità di ridurre la dispersione delle traiettorie degli aeromobili.

75 Rotte ed impatto da rumore 75 Nuove possibilità offerte per disegnare rotte Attuali Nav aids RNAV Waypoint s RNP Percorso di discesa ottimizzato percorso curvo Limitata Flessibilità Aumentata Efficienza Uso dello Spazio Aereo altamente ottimizzato

76 Rotte ed impatto da rumore 76 Procedure di arrivo Palm Springs Washington Aeroporto Reagan

77 Rotte ed impatto da rumore 77 Procedure di decollo prima e dopo l applicazione delle procedure RNAV Atlanta Dallas Minore dispersione sul territorio delle traiettorie dei velivoli

I servizi del traffico aereo

I servizi del traffico aereo TURIN FLYING INSTITUTE I servizi del traffico aereo Circolazione aerea Carlo Molino A.S 2007/08 1.1 Il servizio del traffico aereo Gli stati membri dell ICAO sono tenuti ad indicare,in accordo con quanto

Dettagli

Gestione operativa dei movimenti nell Apron. Malpensa Layout Aeroportuale Malpensa Dati di traffico Malpensa Apron Mangement Control SEA

Gestione operativa dei movimenti nell Apron. Malpensa Layout Aeroportuale Malpensa Dati di traffico Malpensa Apron Mangement Control SEA Gestione operativa dei movimenti nell Apron Sommario: Malpensa Layout Aeroportuale Malpensa Dati di traffico Malpensa Apron Mangement Control SEA SEA Milan MXP -LIMC Layout aeroportuale 1 MXP Hub Master

Dettagli

Il controllo del traffico Aereo

Il controllo del traffico Aereo Il controllo del traffico Aereo Dispensa a cura di Giulio Di Pinto (MED107) Rev. 03 - Mar/11 1 Il controllo del traffico aereo (ATC - Air Traffic Control) è quell'insieme di regole ed organismi che contribuiscono

Dettagli

08.3. Attività. Procedure strumentali di volo e cartografia aeronautica

08.3. Attività. Procedure strumentali di volo e cartografia aeronautica 08.3 Attività Procedure strumentali di volo e cartografia aeronautica ENAV progetta per l aviazione civile tutte le procedure strumentali di volo e realizza la cartografia aeronautica. Il servizio comprende

Dettagli

Lo sviluppo del progetto CDM nella realtà operativa di Malpensa

Lo sviluppo del progetto CDM nella realtà operativa di Malpensa CON IL PATROCINIO DI: Lo sviluppo del progetto CDM nella realtà operativa di Malpensa IN COLLABORAZIONE CON: Piscia Darma Antonia I PARTNER: I Sommario Introduzione...1 Capitolo 1 Collaborative Decision

Dettagli

Antonio Golfari GLI SPAZI AEREI

Antonio Golfari GLI SPAZI AEREI Antonio Golfari GLI SPAZI AEREI Febbraio, 2006 PARTE 1: GLI SPAZI AEREI In questa sezione cercheremo di spiegare come è strutturato il cielo per chi lo percorre a bordo di un aeromobile. Non può e non

Dettagli

TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI

TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI 1 1 AUTORIZZAZIONI DEL CONTROLLO DEL TRAFFICO AEREO... 3 1.1 Autorizzazioni a volare provvedendo alla propria separazione in condizioni meteorologiche a vista... 6 1.2 Informazioni

Dettagli

SISTEMI DI RILEVAMENTO E NAVIGAZIONE

SISTEMI DI RILEVAMENTO E NAVIGAZIONE SOMMARIO iii CAPITOLO 1 LA NAVIGAZIONE I RADIOAIUTI E LA NAVIGAZIONE SATELLITARE 1.1 LA NAVIGAZIONE ED I RADIOAIUTI...1 1.1.1 Cenni storici e e Definizioni...1 1.1.2 Modalità e Tecniche Fondamentali...3

Dettagli

Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano

Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano Edizione 4 approvata con delibera CdA n 38/06 del 19/06/2006 Elenco delle

Dettagli

Gli obiettivi del Cielo Unico

Gli obiettivi del Cielo Unico Gli obiettivi del Cielo Unico 1 Gli obiettivi del Cielo Unico CAPACITÀ ATM Supportare aumento 3 volte l attuale. SAFETY Grado di sicurezza 10 volte migliore. AMBIENTE Flight Efficiency Riduzione del 10%

Dettagli

Sistema Rilevamento del Wind - Shear. per l Aeroporto Punta Raisi di Palermo. Dr. Fabio Milioni

Sistema Rilevamento del Wind - Shear. per l Aeroporto Punta Raisi di Palermo. Dr. Fabio Milioni Sistema Rilevamento del Wind - Shear per l Aeroporto Punta Raisi di Palermo 1 Sommario Obiettivi e punti chiave del Programma; Stato Attuale dei Sistemi Installati a Palermo; Sistema in realizzazione Palermo

Dettagli

EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI

EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI 1. LE CARTE AEROPORTUALI. le carte aeroportuali individuano le aeree e gli spazi entro i quali i velivoli di varie categorie possono manovrare, decollare

Dettagli

TRASPORTO AEREO, NAVIGAZIONE e CONTROLLO DEL TRAFFICO AEREO

TRASPORTO AEREO, NAVIGAZIONE e CONTROLLO DEL TRAFFICO AEREO TRASPORTO AEREO, NAVIGAZIONE e CONTROLLO DEL TRAFFICO AEREO Necessità di una Normativa unica e condivisa per un servizio globale a cura di Graziano D AGOSTINI NORMATIVA TECNICA e GIURIDICA ICAO ECAC ENAC

Dettagli

Aeroporto di Lugo. Modifiche alle regole dell aria

Aeroporto di Lugo. Modifiche alle regole dell aria Aeroporto di Lugo Modifiche alle regole dell aria Documenti fonte REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 923/2012 DELLA COMMISSIONE del 26 settembre 2012 + determinazioni ENAC ad esito GDL SERA ENAV-ENAC-AM

Dettagli

748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili

748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili 748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili (ONCA) del 20 maggio 2015 (Stato 15 luglio 2015) Il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e

Dettagli

Volare nel cielo sopra la Terra e l Acqua. C o n g r a n d e s i c u r e z z a

Volare nel cielo sopra la Terra e l Acqua. C o n g r a n d e s i c u r e z z a Volare nel cielo sopra la Terra e l Acqua. C o n g r a n d e s i c u r e z z a TRAFFICO AEREO S.A.T. Security air traffic E il traffico operativo militare svolto per la sicurezza nazionale ; comprende

Dettagli

Definizione e Funzioni dell A-SMGCS

Definizione e Funzioni dell A-SMGCS Il controllo della superficie aeroportuale e la prevenzione degli incidenti M.Leonardi, Università Tor Vergata Introduzione e Storia Sommario Definizione e Funzioni dell A-SMGCS Esempi RADAR Multilaterazione,

Dettagli

COORDINAMENTO AEROPORTUALE. Paolo Sordi Processi di Scalo ed Aviazione Generale SEA Aeroporti di Milano

COORDINAMENTO AEROPORTUALE. Paolo Sordi Processi di Scalo ed Aviazione Generale SEA Aeroporti di Milano COORDINAMENTO AEROPORTUALE Paolo Sordi Processi di Scalo ed Aviazione Generale SEA Aeroporti di Milano COMPANY PROFILE SEA Aeroporti di Milano: al servizio dei passeggeri da oltre 50 anni SEA Aeroporti

Dettagli

L ASSISTENZA AL VOLO: LE ORIGINI

L ASSISTENZA AL VOLO: LE ORIGINI ITALIAN AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATION MEMBER OF IFATCA INTERNATIONAL FEDERATION OF AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATIONS L ASSISTENZA AL VOLO: LE ORIGINI INTRODUZIONE Sin dagli albori della civiltà

Dettagli

ENAV SpA è la Società a cui lo Stato italiano demanda la gestione e il Controllo del Traffico Aereo civile in Italia. Interamente controllata dal

ENAV SpA è la Società a cui lo Stato italiano demanda la gestione e il Controllo del Traffico Aereo civile in Italia. Interamente controllata dal 1 5 0 PROFILO 2011 CHI SIAMO ENAV SpA è la Società a cui lo Stato italiano demanda la gestione e il Controllo del Traffico Aereo civile in Italia. Interamente controllata dal Ministero dell Economia e

Dettagli

Controllo del traffico Aereo

Controllo del traffico Aereo All epoca del debutto dell aeronautica alla fine del diciannovesimo secolo, non ci si preoccupava di organizzare e controllare il traffico Aereo. L obiettivo era quello semplicemente di crearlo un Traffico

Dettagli

PIANIFICAZIONE VFR STEP BY STEP

PIANIFICAZIONE VFR STEP BY STEP IBN EDITORE prof. Francesco Iaccarino 1 PIANIFICAZIONE VFR STEP BY STEP Stabilire l aeroporto di partenza e di arrivo. Individuare le frequenze di comunicazione e di navigazione (DME, ADF, VOR, ILS). Effettuare

Dettagli

Assistenza al volo. Corso di Trasporti Aerei Anno Accademico 2008-2009 Prof. L. La Franca

Assistenza al volo. Corso di Trasporti Aerei Anno Accademico 2008-2009 Prof. L. La Franca Corso di Trasporti Aerei Anno Accademico 2008-2009 Prof. L. La Franca Assistenza al volo Sommario Servizi di assistenza al volo Suddivisione e tipologie degli spazi aerei La suddivisione operativa degli

Dettagli

FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014

FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014 FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014 enav.it Web conference 02/12/2014 Documenti fonte REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 923/2012 DELLA COMMISSIONE del 26 settembre 2012 + determinazioni ENAC ad esito

Dettagli

ESERCITAZIONE CON SIMULATORE DI VOLO Attraverso un volo simulato con decollo dall aeroporto di Rimini (LIPR) ed atterraggio all aeroporto di Bologna

ESERCITAZIONE CON SIMULATORE DI VOLO Attraverso un volo simulato con decollo dall aeroporto di Rimini (LIPR) ed atterraggio all aeroporto di Bologna ESERCITAZIONE CON SIMULATORE DI VOLO Attraverso un volo simulato con decollo dall aeroporto di Rimini (LIPR) ed atterraggio all aeroporto di Bologna (LIPE) su un aereo da addestramento Cessna C172SP Skyhawk,

Dettagli

LA PISTA. A < 91 B 91 / 120 C 121 / 140 D 141 / 165 E 166 / 210 (un nodo, abbreviato con il termine kt, equivale a 1,852 Km/h).

LA PISTA. A < 91 B 91 / 120 C 121 / 140 D 141 / 165 E 166 / 210 (un nodo, abbreviato con il termine kt, equivale a 1,852 Km/h). LA PISTA Un pilota, nel pianificare il suo volo, deve scegliere un aerodromo di destinazione con caratteristiche fisiche che soddisfino le esigenze del suo aeromobile. E abbastanza facile intuire che un

Dettagli

IL CONTROLLO DI AVVICINAMENTO

IL CONTROLLO DI AVVICINAMENTO ITALIAN AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATION MEMBER OF IFATCA INTERNATIONAL FEDERATION OF AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATIONS IL CONTROLLO DI AVVICINAMENTO Introduzione Rifacciamoci a quanto detto a proposito

Dettagli

L'instrument landing system, in italiano sistema di atterraggio strumentale, comunemente abbreviato come ILS, è un sistema di terra e di bordo ideato

L'instrument landing system, in italiano sistema di atterraggio strumentale, comunemente abbreviato come ILS, è un sistema di terra e di bordo ideato L'instrument landing system, in italiano sistema di atterraggio strumentale, comunemente abbreviato come ILS, è un sistema di terra e di bordo ideato per guidare gli aeromobili nella fase finale di un

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione L aeroporto costituisce un elemento di fondamentale importanza in quanto nodo

Dettagli

Studio proposta modifica zona 1 CTR ATZ PALERMO ( LICJ)

Studio proposta modifica zona 1 CTR ATZ PALERMO ( LICJ) ITALIAN AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATION MEMBER OF IFATCA INTERNATIONAL FEDERATION OF AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATIONS SEZIONE DI PALERMO Studio proposta modifica zona 1 CTR ATZ PALERMO ( LICJ)

Dettagli

missionè contribuire all efficienza del sistema nazionale dei trasporti garantendo la

missionè contribuire all efficienza del sistema nazionale dei trasporti garantendo la Profilo del Gruppo Content 1. Chi Siamo 2. Mission 3. I numeri del Gruppo 4. I Controllori del Traffico Aereo 5. Attività 6. Academy 7. Impianti e Apparati Tecnologici 8. ENAV per l ambiente 9. Attività

Dettagli

ENAV Techno Sky SICTA ENAV Asia Pacific

ENAV Techno Sky SICTA ENAV Asia Pacific Profilo del Gruppo 01 il gruppo enav È costituito da ENAV S.p.A., Techno Sky S.r.l., il Consorzio SICTA, ENAV Asia Pacific Sdn. Bhd.. ENAV è la società a cui lo Stato italiano demanda la gestione ed il

Dettagli

CAP. 1: Generalità sul trasporto aereo 11. CAP. 2: Lo scenario normativo del trasporto aereo 43

CAP. 1: Generalità sul trasporto aereo 11. CAP. 2: Lo scenario normativo del trasporto aereo 43 Prefazione INDICE CAP. 1: Generalità sul trasporto aereo 11 1.1 Introduzione 11 1.2 Definizione di trasporto aereo 11 1.3 Definizione della convenienza all uso dell aereo 12 1.4 Il trasporto aereo nel

Dettagli

LIBP Pescara Virtual vloa ACC Brindisi Pescara APP

LIBP Pescara Virtual vloa ACC Brindisi Pescara APP LETTERA DI ACCORDO virtuale Tra ACC Brindisi e Pescara APP Lo scopo della seguente lettera di accordo è quello di stabilire le procedure operative che devono essere applicate tra Brindisi e Pescara nella

Dettagli

TURIN FLYING INSTITUTE. Il piano di volo. Navigazione Aerea. Carlo Molino

TURIN FLYING INSTITUTE. Il piano di volo. Navigazione Aerea. Carlo Molino TURIN FLYING INSTITUTE Il piano di volo Navigazione Aerea Carlo Molino 1.1 Il piano di volo: Il piano di volo è un modulo compilato dai piloti e spedito all autorità dell aviazione nazionale (in Italia

Dettagli

Tutorial sul Piano di Volo IFR IT-EU

Tutorial sul Piano di Volo IFR IT-EU Tutorial sul Piano di Volo IFR IT-EU In questo tutorial ci limiteremo ad una descrizione generale ed alla pianificazione di un volo in IFR internazionale (Genova Valencia) indicando le varie fasi e procedure

Dettagli

Brochure Self Briefing AO FPL

Brochure Self Briefing AO FPL Brochure Self Briefing AO FPL INDICE PREFAZIONE... 2 ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI... 3 1 Attivazione del Sistema Self Briefing... 4 1.1 Generalità... 4 1.2 Modifica Password personale... 5 1.3 Menù utente...

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE a/m Beech 36, marche N767CM

INCONVENIENTE GRAVE a/m Beech 36, marche N767CM INCONVENIENTE GRAVE a/m Beech 36, marche N767CM Tipo dell aeromobile e marche Beech 36 (BE36), marche N767CM. Data e ora 15 giugno 2005, ore 14.45 3. Località dell evento Descrizione dell evento Aeroporto

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZI DI TRAFFICO AEREO

REGOLAMENTO SERVIZI DI TRAFFICO AEREO REGOLAMENTO SERVIZI DI TRAFFICO AEREO Edizione n 1 approvata con delibera CdA n 35/2009 del 30 luglio 2009 Regolamento Servizi di Traffico Aereo Ed. 1 STATO DI AGGIORNAMENTO Emendamento Data Delibera N

Dettagli

MASTER PLANNING AEROPORTUALE. Paolo Sordi Processi di Scalo ed Aviazione Generale SEA Aeroporti di Milano

MASTER PLANNING AEROPORTUALE. Paolo Sordi Processi di Scalo ed Aviazione Generale SEA Aeroporti di Milano MASTER PLANNING AEROPORTUALE Paolo Sordi Processi di Scalo ed Aviazione Generale SEA Aeroporti di Milano 1 1 Definizioni Aeroporto Cos è un aeroporto? - sistema complesso - infrastruttura attrezzata per

Dettagli

APPROFONDIMENTI E INTEGRAZIONI AL CAPITOLO XIV GIORNALE NAUTICO LIBRO III CONSEGNE DEL COMANDANTE

APPROFONDIMENTI E INTEGRAZIONI AL CAPITOLO XIV GIORNALE NAUTICO LIBRO III CONSEGNE DEL COMANDANTE APPROFONDIMENTI E INTEGRAZIONI AL CAPITOLO XIV GIORNALE NAUTICO LIBRO III CONSEGNE DEL COMANDANTE LINEAMENTI DI NAVIGAZIONE AEREA Parte II a a cura del Comandante Pilota Leonardo LELLA La navigazione aerea,

Dettagli

La gestione automatica ed ottimizzata delle sequenze di partenza: il Departure Manager

La gestione automatica ed ottimizzata delle sequenze di partenza: il Departure Manager CON IL PATROCINIO DI: La gestione automatica ed ottimizzata delle sequenze di partenza: il Departure Manager Andrea Cosmi IN COLLABORAZIONE CON: I PARTNER: 2 POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria

Dettagli

FONIA DI BASE PER UN VOLO IFR

FONIA DI BASE PER UN VOLO IFR FONIA DI BASE PER UN VOLO IFR BOLOGNA GROUND BUONGIORNO, ALITALIA 1234 CON VOI PER PROVA RADIO BOLOGNA GROUND GOOD MORNING, ALITALIA 1234 WITH YOU FOR RADIO CHECK ALITALIA 1234, BOLOGNA GROUND BUONGIORNO

Dettagli

DITRA Dipartimento di Ingegneria dei Trasporti Dispense del corso di Trasporti Aerei del Prof. L. La Franca - a.a. 2006/2007 ASSISTENZA AL VOLO

DITRA Dipartimento di Ingegneria dei Trasporti Dispense del corso di Trasporti Aerei del Prof. L. La Franca - a.a. 2006/2007 ASSISTENZA AL VOLO Sommario Servizi di assistenza al volo traffico aereo GAT e OAT...2 Suddivisione e tipologie degli spazi aerei...6 La suddivisione operativa degli spazi aerei...10 La separazione fra gli aeromobili...12

Dettagli

Maria Nadia Postorino INTRODUZIONE ALLA PIANIFICAZIONE DEL SISTEMA DI TRASPORTO AEREO. FrancoAngeli. Collana Trasporti

Maria Nadia Postorino INTRODUZIONE ALLA PIANIFICAZIONE DEL SISTEMA DI TRASPORTO AEREO. FrancoAngeli. Collana Trasporti Maria Nadia Postorino INTRODUZIONE ALLA PIANIFICAZIONE DEL SISTEMA DI TRASPORTO AEREO FrancoAngeli Collana Trasporti I lettori che desiderano informarsi sui libri e le riviste da noi pubblicati possono

Dettagli

PIANI DI VOLO: NOVITA

PIANI DI VOLO: NOVITA PIANI DI VOLO: NOVITA L ARO dell aeroporto di Rieti è ufficialmente chiuso.(l AFIU rimane operativo),i piani di volo dovranno essere inoltrati direttamente per telefono o fax all ARO di Fiumicino che è

Dettagli

Strumenti di navigazione radio-goniometrica (strumenti di bordo per la navigazione VFR; le Radiali VOR)

Strumenti di navigazione radio-goniometrica (strumenti di bordo per la navigazione VFR; le Radiali VOR) Strumenti di navigazione radio-goniometrica (strumenti di bordo per la navigazione VFR; le Radiali VOR) Il sistema di Radionavigazione richiede l installazione, sia a terra che a bordo, di dispositivi

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZI DI TRAFFICO AEREO. Consultazione Emendamento 02

REGOLAMENTO SERVIZI DI TRAFFICO AEREO. Consultazione Emendamento 02 REGOLAMENTO SERVIZI DI TRAFFICO AEREO Consultazione Emendamento 02 INTENZIONALMENTE BIANCA 2 Regolamento Servizi di Traffico Aereo Ed. 1 STATO DI AGGIORNAMENTO Emendamento Data Delibera N 1 23/4/2012 15/2012

Dettagli

ANS Training Compendio ATC

ANS Training Compendio ATC 1. INTRODUZIONE Storicamente, la necessità di istituire un ente dei Servizi di Traffico aereo al suolo, nacque con l esigenza di: assicurare un servizio sicuro e regolare che informasse i piloti circa

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: / / Pag. di

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: / / Pag. di INDIRIZZO SCOLASTICO DISCIPLINA DOCENTI CLASSI PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014 / 2015 MECCANICA e MECCATRONICA ELETTRONICA X LOGISTICA e TRASPORTI LICEO SCIENTIFICO SCIENZE DELLA NAVIGAZIONE AEREA Buonincontri

Dettagli

Funzione di Guida Visual Aids Management System

Funzione di Guida Visual Aids Management System Funzione di Guida Visual Aids Management System 09/04/2002 Arg/DT/ADN/522-02 1 Obiettivi Aumento della sicurezza aeroportuale nella movimentazione degli aeromobili Risoluzione di conflitti tra aeromobili

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

INTRODUZIONE INTRODUZIONE

INTRODUZIONE INTRODUZIONE Navigazione La Pianificazione del Volo La preparazione del piano di volo. Utilizzo delle procedure standard per la partenza e l avvicinamento. INTRODUZIONE Con il presente inserto, intendiamo introdurre

Dettagli

REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA

REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA Edizione 2 del 25 marzo 2015 Regole dell Aria Italia Ed. 2 pag. 2 di 22 STATO DI AGGIORNAMENTO Emendamento Data Delibera N Edizione 1 18/11/2014 Delibera 51/2014 Emendamento

Dettagli

Training su LIRP. - Conoscenza almeno delle basi del volo IFR, intercettazioni radiali VOR, Holding

Training su LIRP. - Conoscenza almeno delle basi del volo IFR, intercettazioni radiali VOR, Holding Training su LIRP Col presente documento si vuol cercare di aiutare i piloti virtuali alle prime armi che si cimentano a volare Online su IVAO ad effettuare correttamente procedure IFR pubblicate, holding,

Dettagli

SERVIZIO DI CONTROLLO DI AVVICINAMENTO

SERVIZIO DI CONTROLLO DI AVVICINAMENTO Capitolo 18 SERVIZIO DI CONTROLLO DI AVVICINAMENTO Elab. D. Colella INDICE Prefazione e Generalità 1. Generalitá 1.1 Responsabilità per la fornitura del Servizio di controllo di avvicinamento 2. DIVISIONE

Dettagli

RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali

RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali a) Il piano di volo può essere presentato senza preavviso per le seguenti categorie di voli: 1) antincendio;

Dettagli

Figura 1: planimetria dell aeroporto di Malpensa.

Figura 1: planimetria dell aeroporto di Malpensa. La movimentazione controllata ed integrata di automezzi sui piazzali dell aeroporto di Malpensa Ing. R. Picardi, Politecnico di Milano Ing. P. Sordi, SEA Handling C. Terranova, Politecnico di Milano Questo

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN

INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN Tipi di aeromobile e marche Data e ora Località dell evento Descrizione dell evento Esercente dell aeromobile Natura del volo Persone a bordo

Dettagli

Via Attilio Benigni, 53-00156 Roma - Tel. +39 06 8207 8219-06 8207 8200, Fax +39 06 8273 672 - www.ansv.it

Via Attilio Benigni, 53-00156 Roma - Tel. +39 06 8207 8219-06 8207 8200, Fax +39 06 8273 672 - www.ansv.it Incidente occorso in data 2 febbraio 2013, sull aeroporto di Roma Fiumicino, all aeromobile ATR 72 marche di identificazione YR-ATS: raccomandazioni di sicurezza relative alle operazioni di ricerca e soccorso.

Dettagli

RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014

RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014 RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014 Approvato il 25.06.2014 RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA

Dettagli

Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto. Olga Landolfi TTS Italia

Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto. Olga Landolfi TTS Italia Iniziative Italiane sui Sistemi Intelligenti di Trasporto Olga Landolfi TTS Italia I Trasporti in Italia Dati Nazionali 2004 (CNT 2004) Traffico passeggeri interno: 947.205 milioni di passeggeri km all

Dettagli

PROGETTO BLUEMED WP4 ECONOMIC ASSESSMENT. CBA e What if Analysis Charging scheme SPECIFICHE TECNICHE V1.0

PROGETTO BLUEMED WP4 ECONOMIC ASSESSMENT. CBA e What if Analysis Charging scheme SPECIFICHE TECNICHE V1.0 PROGETTO BLUEMED WP4 ECONOMIC ASSESSMENT CBA e What if Analysis Charging scheme SPECIFICHE TECNICHE V1.0 Indice: 1 ENAV S.p.A.... 3 2 Il quadro di regolamentazione in ambito europeo... 3 3 Il progetto

Dettagli

ICT & Airport Business Integration

ICT & Airport Business Integration ICT & Airport Business Integration 31 Gennaio 2005 Fabio Pacelli Contenuti Lo scenario di riferimento nell Industry Aeroportuale Un modello per valutare la capacità di maturità di un azienda nello scenario

Dettagli

Regolamento Regole dell Aria

Regolamento Regole dell Aria Regolamento Regole dell Aria Edizione 1 approvata con delibera CdA n 48/06 del 3/10/2006 Elenco delle Edizioni del Regolamento Regole dell Aria N. Data di emissione N. Data di emissione 1 3 ottobre 2006

Dettagli

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Regolamento. Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Regolamento. Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale Ente Nazionale per l'aviazione Civile Regolamento Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale Edizione 1-30/06/2003 REGOLAMENTO ENAC Operazioni ogni tempo nello spazio aereo nazionale Art. 1 Definizioni

Dettagli

S.C.C. - Snow Control Center

S.C.C. - Snow Control Center Convegno Osservatorio di Manutenzione, 23 Aprile 2013. Alessandro Tovo, SEA - Aeroporti di Milano Responsabile Control Room Manutenzione Malpensa S.C.C. - Snow Control Center Circolare FAA AC 150_5200_30c.

Dettagli

ATC nell area di Milano. Voghera 26 Gennaio 2014

ATC nell area di Milano. Voghera 26 Gennaio 2014 ATC nell area di Milano Voghera 26 Gennaio 2014 AIP Italia Struttura AIP Italia: È composta da 3 parti ognuna delle quali a sua volta è suddivisa in paragrafi che scendono nei particolari degli argomenti

Dettagli

Iris and SJU Project P15.2.6 Iris Public Event 04/02/2013 University of Salzburg Unipark P. Tavernise P15.2.6 PM. Ref.:

Iris and SJU Project P15.2.6 Iris Public Event 04/02/2013 University of Salzburg Unipark P. Tavernise P15.2.6 PM. Ref.: Iris and SJU Project P15.2.6 Iris Public Event 04 University of Salzburg Unipark P. Tavernise P15.2.6 PM R Content Project 15.2.6: Main objective Project 15.2.6: Project in brief Project 15.2.6: Specific

Dettagli

Gli enti aeronautici internazionali

Gli enti aeronautici internazionali N O E S Gli enti aeronautici internazionali Approfondimenti 1 L ICAO L ICAO è un organismo internazionale permanente con sede a Montreal, creato dalla Convenzione di Chicago per promuovere ed assicurare

Dettagli

PIANIFICAZIONE IFR. IBN EDITORE www.ibneditore.it IBN EDITORE. prof. Francesco Iaccarino 1. iaccarinofr@gmail.com

PIANIFICAZIONE IFR. IBN EDITORE www.ibneditore.it IBN EDITORE. prof. Francesco Iaccarino 1. iaccarinofr@gmail.com Ottimizzato per Microsoft PowerPoint 2010 versione del 01 12/10/2013 PIANIFICAZIONE IFR IBN EDITORE www.ibneditore.it prof. Francesco Iaccarino iaccarinofr@gmail.com www.itismarconipadova.it Per eventuali

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 255/2010 DELLA COMMISSIONE del 25 marzo 2010 recante norme comuni per la gestione dei flussi del traffico aereo

REGOLAMENTO (UE) N. 255/2010 DELLA COMMISSIONE del 25 marzo 2010 recante norme comuni per la gestione dei flussi del traffico aereo L 80/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 26.3.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 255/2010 DELLA COMMISSIONE del 25 marzo 2010 recante norme comuni per la gestione dei flussi del traffico aereo (Testo rilevante

Dettagli

Aeroporto Milano Linate LETTERA di OPERAZIONI Per un ordinato movimento degli aeromobili, degli altri mezzi e del personale sui piazzali Servizio di Gestione Apron ENAC-COD_UO-15/06/2015-0064580-A pag.

Dettagli

EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT)

EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) A. PRE-START (VERIFICA DEI COMANDI). 1. Freni di Parcheggio: Attivati; 2. Manette: Impostate al minimo (IDLE); 3. Interruttore

Dettagli

ORDINATA MOVIMENTAZIONE AL SUOLO E AMS

ORDINATA MOVIMENTAZIONE AL SUOLO E AMS ORDINATA MOVIMENTAZIONE AL SUOLO E AMS ORDINATA MOVIMENTAZIONE AL SUOLO E AMS - Versione 1. - Novembre 2013 [Documento approvato dal Consiglio Direttivo Nazionale ANACNA il 4 novembre 2013] DENOMINAZIONE

Dettagli

TUTORIAL PRIMO VOLO GUIDA SUL VOLO DI ATTIVAZIONE OEACTIVE DI COMPAGNIA

TUTORIAL PRIMO VOLO GUIDA SUL VOLO DI ATTIVAZIONE OEACTIVE DI COMPAGNIA TUTORIAL PRIMO VOLO GUIDA SUL VOLO DI ATTIVAZIONE OEACTIVE DI COMPAGNIA In questo tutorial seguiremo tutte le fasi di preparazione e realizzazione del volo di attivazione per la compagnia (volo con codice

Dettagli

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti.

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti. ERRATA CORRIGE N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) DEL 31 luglio 2009 NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) TITOLO Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti Punto della norma Pagina Oggetto

Dettagli

Smart Grids come fattore abilitante nello sviluppo delle Smart Cities. Jon Stromsather Pisa, 26 Maggio 2011

Smart Grids come fattore abilitante nello sviluppo delle Smart Cities. Jon Stromsather Pisa, 26 Maggio 2011 Smart Grids come fattore abilitante nello sviluppo delle Smart Cities Jon Stromsather Pisa, 26 Maggio 2011 Uso: Riservato Outline Introduzione Le Smart Grids e Smart Cities Progetti Smart Grids di Enel

Dettagli

«Priority Setting: identificazione delle priorità tecnologiche Roma, 3-4 ottobre 2013. Tavolo tematico: Aerospazio

«Priority Setting: identificazione delle priorità tecnologiche Roma, 3-4 ottobre 2013. Tavolo tematico: Aerospazio PON GAT 2007-2013 Asse I Obiettivo Operativo I.4 Progetto «Supporto alla definizione e attuazione delle politiche regionali di ricerca e innovazione (Smart Specialisation Strategy Regionali)» «Priority

Dettagli

Lezione 03: Il mezzo aereo e le infrastrutture aeroportuali

Lezione 03: Il mezzo aereo e le infrastrutture aeroportuali Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Ingegneria e Architettura Laurea Magistrale: Ingegneria Civile Corso di INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI Lezione 03: Il mezzo aereo e le infrastrutture aeroportuali

Dettagli

SISTEMA 3D-MBS (Three Dimensional Multi Band System)

SISTEMA 3D-MBS (Three Dimensional Multi Band System) SISTEMA 3D-MBS (Three Dimensional Multi Band System) Sistema 3D-MBS 1 SISTEMA 3D-MBS (Three Dimensional Multi Band System) Il 3D-Multi Band System è un sistema integrato per la gestione della sicurezza

Dettagli

AIP - ITALIA Servizio Informazioni Aeronautiche

AIP - ITALIA Servizio Informazioni Aeronautiche AFTN: LIIRYOYX Phone: 06 8166 1 Fax: 06 8166 2016 e-mail: aip@enav.it web: www.enav.it AIP - ITALIA Servizio Informazioni Aeronautiche ENAV S.p.A Via Salaria, 716-00138 Roma AIC A 8/2012 14 JUN A 8 IMPLEMENTAZIONE

Dettagli

Gli aeroporti come originatori del dato aeronautico nel contesto del Reg. (UE) 73/2010

Gli aeroporti come originatori del dato aeronautico nel contesto del Reg. (UE) 73/2010 Gli aeroporti come originatori del dato aeronautico nel contesto del Reg. (UE) 73/2010 enav.it Hotel Hilton Aeroporto Fiumicino SOMMARIO: Quadro normativo; Contenuto del Reg. 73/2010 e date di applicabilità;

Dettagli

Commissione Tecnica. QUESITO TECNICO Sezione di Cuneo Levaldigi. Piani di volo per attività HEMS

Commissione Tecnica. QUESITO TECNICO Sezione di Cuneo Levaldigi. Piani di volo per attività HEMS Associazione Nazionale Assistenti e Controllori della Navigazione Aerea Commissione Tecnica QUESITO TECNICO Sezione di Cuneo Levaldigi Piani di volo per attività HEMS Commissione Tecnica ANACNA Pag. 1

Dettagli

Copyright 2007 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR. FIR di Roma

Copyright 2007 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR. FIR di Roma Copyright 07 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR FIR di Roma Alghero Fertilia (LIEA) Procedure operative: Unità APP Alghero avvicinamento: Compiti operativi. Alghero avvicinamento

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE. pag 1 / 22

SPECIFICHE TECNICHE. pag 1 / 22 SPECIFICHE TECNICHE Gara a procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 e s.m.i. per Servizi di certificazione multisito dei Sistemi di Gestione del Gruppo ENAV per il triennio 2012-2014 ENAV S.p.A.

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT)

REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) 1 PREFAZIONE Il presente Regolamento Operativo costituisce una piccola raccolta di disposizioni,norme e criteri operativi che devono essere

Dettagli

DIFFUSIONE DELLE INFORMAZIONI SULL OPERATIVITÀ DELL AEROPORTO

DIFFUSIONE DELLE INFORMAZIONI SULL OPERATIVITÀ DELL AEROPORTO REV. 0 PAG. 1/ DIFFUSIONE DELLE INFORMAZIONI SULL OPERATIVITÀ DELL AEROPORTO INDICE 6.0 SCOPO... 3 6.1 CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 6.2 RIFERIMENTI... 5 6.3 RESPONSABILITÀ ED ATTIVITÀ... 6 6.4 Eventi per

Dettagli

I PROGETTI METROPOLITANI L AEROPORTO L. Mantecchini CdA SAB. Convegno stato attuazione PTCP Bologna, 15 Maggio 2013

I PROGETTI METROPOLITANI L AEROPORTO L. Mantecchini CdA SAB. Convegno stato attuazione PTCP Bologna, 15 Maggio 2013 I PROGETTI METROPOLITANI L AEROPORTO L. Mantecchini CdA SAB Convegno stato attuazione PTCP Bologna, 15 Maggio 2013 MASTERPLAN AEROPORTUALE ANALISI INIZIALE 1) DEFINIZIONE DI MASTERPLAN 2) STUDIO DEL TRAFFICO

Dettagli

Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili

Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili (ONCA) 1 del 4 maggio 1981 (Stato 1 aprile 2011) Il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni

Dettagli

La Piattaforma Logistica Nazionale I servizi e lo stato della realizzazione

La Piattaforma Logistica Nazionale I servizi e lo stato della realizzazione La Piattaforma Logistica Nazionale I servizi e lo stato della realizzazione Torino, 28 marzo 2012 0 UIRNet, come soggetto attuatore del MIT, sta realizzando l ITS nazionale di riferimento per il trasporto

Dettagli

ROMA ACC. Giornata di Studio. Sistemi e tecnologie per il controllo del traffico aereo Giovedì, 22 Gennaio 2015

ROMA ACC. Giornata di Studio. Sistemi e tecnologie per il controllo del traffico aereo Giovedì, 22 Gennaio 2015 ROMA ACC Gruppo Tematico Sistemi di Rilevamento, Monitoraggio e Navigazione Giornata di Studio Sistemi e tecnologie per il controllo del traffico aereo Giovedì, 22 Gennaio 2015 Sede ENAV/ACC di Ciampino

Dettagli

Politecnico di Bari. Costruzioni di strade, ferrovie e aeroporti Prof. Pasquale Colonna A.A. 2008-2009. Aeroporti

Politecnico di Bari. Costruzioni di strade, ferrovie e aeroporti Prof. Pasquale Colonna A.A. 2008-2009. Aeroporti Aeroporti Politecnico di Bari La regolazione del traffico aereo La regolazione del traffico aereo (1) Le caratteristiche del trasporto aereo rendono necessarie la cooperazione internazionale L attività

Dettagli

LA PROFESSIONE DELL AIR TRAFFIC CONTROLLER:

LA PROFESSIONE DELL AIR TRAFFIC CONTROLLER: Università degli Studi di Milano-Bicocca Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale LA PROFESSIONE DELL AIR TRAFFIC CONTROLLER: OPERARE IN CONTESTI AD ALTA AFFIDABILITÀ TRA EFFICIENZA E SICUREZZA RAPPORTO

Dettagli

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica Caratteristiche Applicabilità Piattaforma Logistica Versione 2.0-2011 Azioni semplici o strutturate Risorse umane e materiali Tempi e Luoghi La Piattaforma WOLT è una soluzione progettata per rispondere

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Gli acquisti in SEA Aeroporti di Milano. Roma, venerdì 11 ottobre 2013

Gli acquisti in SEA Aeroporti di Milano. Roma, venerdì 11 ottobre 2013 Gli acquisti in SEA Aeroporti di Milano Roma, venerdì 11 ottobre 2013 Il gruppo SEA: chi siamo Il Gruppo SEA gestisce il sistema aeroportuale milanese in base alla Convenzione, di durata quarantennale,

Dettagli

Ingegneria Aeronautica

Ingegneria Aeronautica Facoltà di Ingegneria Laurea Specialistica in Ingegneria Aeronautica 1 OBIETTIVI Elevato standard di qualità dei laureati Ampia formazione di base Estensione della formazione a nuovi settori Riduzione

Dettagli

INNOVATE YOUR WORLD ADVANCED TRAFFIC SOLUTIONS. Mobility Parking Automation Access Control Consultancy Service WWW.ATSPARCHEGGI.

INNOVATE YOUR WORLD ADVANCED TRAFFIC SOLUTIONS. Mobility Parking Automation Access Control Consultancy Service WWW.ATSPARCHEGGI. INNOVATE YOUR WORLD ADVANCED TRAFFIC SOLUTIONS Mobility Parking Automation Access Control Consultancy Service WWW.ATSPARCHEGGI.COM ATS Progetti per il traffico e la mobilità I problemi legati al traffico

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica GLI AEROPORTI parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Airside: classificazione degli aeroporti Gli aeroporti sono classificati in diversi modi.

Dettagli