Il trasporto aereo Lo scenario Europeo e italiano Indicazioni per una azione di governo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il trasporto aereo Lo scenario Europeo e italiano Indicazioni per una azione di governo"

Transcript

1 Alfredo Roma Il trasporto aereo Lo scenario Europeo e italiano Indicazioni per una azione di governo Maggio 2006 Sommario Parte prima...2 Analisi storico-economica del trasporto aereo Lo sviluppo degli anni novanta Le previsioni di crescita La redditività delle compagnie aeree. Fattori esogeni e criticità...4 Parte seconda Il mercato del trasporto aereo nell Unione europea Il mercato del trasporto aereo in Europa e le differenze con il mercato statunitense L intervento dell Unione europea: le sentenze della Corte di Giustizia sugli accordi bilaterali siglati da otto Stati membri con gli Stati Uniti Gli effetti delle Sentenze c.d. open sky sul futuro della politica europea del trasporto aereo: il venir meno delle competenze, in materia, dei singoli Stati membri Il problema degli slots...16

2 5. Le compagnie low-cost Criticità degli aeroporti comunitari...21 Parte terza Il mercato italiano Le compagnie aeree Il caso Alitalia Il decreto sui requisiti di sistema Aeroporti - La situazione Italiana Il cargo aereo Cargo aereo La situazione italiana Prospettive di sviluppo dei servizi di logistica nel settore del cargo aereo31 6. La riforma del codice della navigazione Parte aerea Il ruolo della pubblica autorità di aviazione civile. Il problema della sicurezza e della protezione del passeggero I servizi di controllo del traffico aereo. L Ente Nazionale di Assistenza al Volo (ENAV) Parte quarta Conclusioni e linee guida per una azione di governo Considerazioni conclusive Linee guida per una azione di governo Parte prima Analisi storico-economica del trasporto aereo 1. Lo sviluppo degli anni novanta Il trasporto aereo è per definizione transnazionale. Una analisi del quadro economico complessivo del mercato dei servizi aerei che mi appresto a svolgere non può essere circoscritta all Italia, ma deve tener necessariamente conto delle variazioni dei mercati e della situazione economica internazionale. A questo si deve aggiungere il fatto che il settore in parola è stato interessato, negli ultimi due decenni, da processi di liberalizzazione e privatizzazione che hanno avuto rilevanti ripercussioni sugli operatori del trasporto aereo, nonché da 2

3 un ruolo sempre crescente, per quanto riguarda il mercato europeo, delle istituzioni comunitarie, che hanno generato profonde trasformazioni sia nell ambito del trasporto aereo, sia nel comparto dei servizi ad esso funzionali quali, ad esempio, i servizi aeroportuali. Nel periodo compreso tra il 1991 ed il 2001 la crescita del settore in esame è stata molto elevata in termini di passeggeri/km, come dimostrano le tabelle (1 e 2) predisposte dalla IATA (International Air Transport Association) e pari al 106,2% per i primi dieci vettori europei e al 72,8% per i primi cinque statunitensi. Tab. 1 Tab. 2 Dalle stesse tabelle allegate si evince, inoltre, che le quote di mercato dei principali vettori non sono sostanzialmente cambiate nell ultimo decennio. 2. Le previsioni di crescita Nel 2005 si è registrato (Fonti IATA ICAO) un discreto aumento (6,7%) del traffico aereo mondiale. Tale risultato è inferiore a quello eccezionalmente elevato del 2004 (15,6%), ma tuttavia coerente con uno sviluppo più omogeneo previsto per gli anni prossimi, come mostra la tab.3. Mentre l elevato aumento di traffico del 2004 riflette l aumento del PIL mondiale dello stesso anno (ne vedremo successivamente la correlazione), la crescita prevista per il periodo è (ancora una volta) in linea con le previsioni di crescita dell economia mondiale per lo stesso periodo. Tab.3 3

4 Il mercato Italiano ha registrato nel 2005 un aumento del 5,5% di passeggeri trasportati (vicino alla media europea) e del 5% del cargo. Il mercato italiano offre maggiori potenzialità di sviluppo, poiché volano mediamente solo due cittadini su dieci, contro la media europea di cinque cittadini su dieci. La crescita del traffico aereo continua ad essere guidata dall andamento dell economia mondiale e da una sempre maggiore concorrenza sui prezzi causata dall entrata nel mercato delle compagnie low-cost e dai vincoli che impediscono di regolamentare gli eccessi di capacità in alcune regioni. Conseguentemente, ancorché i vettori registrino un aumento di passeggeri, al contempo subiscono una riduzione dello yield (tab.4), ovvero del ricavo per passeggero. Tab.4 3. La redditività delle compagnie aeree. Fattori esogeni e criticità A fronte di questo consistente aumento del traffico aereo non troviamo, tuttavia, corrispondenti risultati economici per i vettori. Infatti, i loro risultati sono 4

5 stati negativi fino al 1993, per divenire poi positivi dal 1994 al 2000 e crollare dopo l 11 settembre 2001 (v. tabella 5). Secondo la IATA, nel 2001 le perdite complessive dei vettori sono risultate pari a 18 miliardi di dollari, mentre nel 2002 tali perdite hanno raggiunto i 13 miliardi di dollari. Questo andamento economico del settore in esame, caratterizzato dall assenza di adeguata redditività, ha indotto le compagnie aeree ad individuare nuove strategie di mercato quali, ad esempio, accordi ed alleanze attuati a livello internazionale. Tra questi ricordiamo, a titolo esemplificativo, le alleanze internazionali di: Star Alliance - Sky Team - Oneworld - Qualiflyer Group - Wings Alliance, alleanze che rappresentano il 70% del traffico mondiale. Tale quota è destinata ad aumentare se si tiene conto dei vari accordi di franchising, code-sharing, wet e dry lease conclusi tra diverse compagnie aeree per rotte interne e internazionali. Tab.5 I fatti dell 11 settembre hanno creato, come è noto, un terremoto nell ambito del trasporto aereo ed hanno inevitabilmente costretto gli operatori del settore a fare delle analisi più approfondite, con riferimento ad una crisi strutturale del sistema, presente già in tempi antecedenti agli eventi terroristici in parola. Gli effetti diretti dell 11 settembre si sono, quindi, aggiunti a fattori di crisi preesistenti comportando, nell immediato, la cancellazione di un rilevante numero di prenotazioni, specialmente per viaggi-vacanza e verso il continente nord americano, in una percentuale pari al 33% nel periodo settembre 2001-gennaio In seguito, il mercato ha iniziato una lenta ripresa che lo sta portando, ora, agli stessi livelli di crescita del Di certo per circa 18 mesi si è interrotto quel trend di crescita che era stato previsto, pari al 5% annuo, anche per il periodo Hanno, inoltre, inciso sulle previsioni di redditività delle compagnie aeree le misure di sicurezza a terra (security) messe in atto dopo l 11 settembre, che rappresentano sicuramente un costo rilevante per le imprese. Non bisogna, infine, dimenticare l aumento dei costi assicurativi per i rischi di guerra e terrorismo praticati dalle compagnie assicuratrici, aumenti in molti casi pari a cinque volte l ammontare dei premi corrisposti precedentemente a tali fatti. Dalla guerra in Irak nel 2003, infine, il costo del carburante si è praticamente raddoppiato aumentando sensibilmente il costo dei voli, soprattutto per quelle compagnie che non avevano fatto una copertura a termine (hedging), tra le quali Alitalia. Le variabili appena elencate non possono non essere tenute in debita considerazione in occasione dell analisi dei fattori di rischio del mercato in questione, proprio in ragione del fatto che quest ultimo è estremamente mutevole e rischioso, fortemente esposto a fattori esogeni, come l attacco alle twin towers ha dimostrato. 5

6 Inoltre, l efficienza e la redditività del mercato del trasporto aereo sono estremamente sensibili all andamento dei mercati ad esso contigui, basti pensare in proposito agli effetti sul trasporto aereo della condotta, nell ultimo decennio, degli enti di gestione degli aeroporti comunitari. Diretta è poi la relazione (vedi tabella 6) tra la redditività del settore aereo e l andamento del PIL mondiale. Tab.6 Per quanto riguarda l Unione Europea, la IATA ha cercato di quantificare il peso sopportato dalle compagnie aeree a causa dei seguenti fattori: normativa di settore tesa a liberalizzare il mercato, mancanza di aiuti governativi dopo l 11 settembre, costi assicurativi, costi per la sicurezza, costo della congestione di molti aeroporti europei, normativa inadeguata su servizi resi in regime di monopolio, etc. La tabella 7 mostra un dettaglio di tali costi per anno. Tab.7 6

7 Non vi è dubbio che le compagnie aeree rappresentano, per molteplici ragioni, l anello debole della catena del valore. In primo luogo va ricordato che la Comunità europea consente, fin dal 1997, ad ogni compagnia aerea con sede nel territorio dell Unione di esercitare liberamente le rotte domestiche e intracomunitarie. Per tale ragione, la maggior parte delle compagnie di bandiera, e tra queste Alitalia, si sono trovate a dover competere, anche sul territorio nazionale, con una agguerrita concorrenza, soprattutto delle compagnie low-cost. Basti pensare a come Ryanair si è espansa sui mercati domestici dei Paesi comunitari. Chi non ha saputo liberarsi delle vecchie incrostazioni date dall esubero di personale, da contratti di lavoro eccessivamente onerosi, da flotte disomogenee e obsolete, ha perso rilevanti quote di mercato a vantaggio di nuove compagnie (c.d. new entrants) o di quelle capaci di procedere ad efficaci ristrutturazioni in tempi brevi. Le tabelle che seguono (8 e 9) indicano con chiarezza la debolezza delle compagnie aeree in relazione agli altri attori del mercato, per quanto riguarda il ritorno sul capitale investito e i margini operativi intesi come ritorno sulle vendite. Tab.8 7

8 Tab. 9 L elevato costo del carburante e la forte competitività sui prezzi hanno portato a registrare per le compagnie aeree, per il 2005 (per il quinto anno consecutivo), consistenti perdite di bilancio. La IATA stima, per il 2005 (i dati definitivi non sono ancora disponibili) una perdita di 7,4 miliardi di dollari per i vettori, con valori maggiori nel nord America e minori in Europa dove si è provveduto a istituire la fuel surcharge destinata a compensare parte dell aumento del costo del carburante. La tabella che segue (10) mostra l andamento del prezzo del petrolio, rapportato al prezzo del carburante nel settore aereo, per il periodo Occorre ricordare che le previsioni sul prezzo del petrolio sono considerate dagli economisti come le più incerte e non basate su dati quantificabili secondo i modelli econometrici; questa variabile, nelle previsioni di costo dei vettori per gli anni fino al 2010, è mantenuta costante sui prezzi di ora, considerato che lo shock petrolifero è già avvenuto dopo il 2003 e ci si aspetta che non ne avvengano altri fino a quella data. La successiva tabella 11 indica le previsioni della crescita economica mondiale fino al 2009, rapportate all aumento previsto di passeggeri. Secondo tali previsioni si ipotizzano fattori di crescita più elevati per i Paesi in via di sviluppo, dove la crescita del PIL ha maggiore influenza sulla domanda di viaggi per affari, rispetto ai Paesi industrializzati nei quali, comunque, la crescita media mondiale resterà nell intorno del 5% annuo. Vorrei infine osservare che le previsioni di crescita fino al 2009, seppure calcolate sulla PPP (Purchasing Power Parity) appaiono inferiori a quelle di organismi internazionali come, ad esempio, l IMF. Tab.10 8

9 Tab.11 La tabella che segue (12 Fonte ICAO - IATA) mostra l andamento dei profitti (operating profit e net profit) delle compagnie aeree del mondo, con le previsioni per il Il grafico evidenzia un andamento positivo per quasi tutti gli anni novanta, il crollo del 2001 a seguito dell attacco alle torri gemelle e una lenta ripresa dal 2004 in poi dove, ad un aumento del margine operativo corrisponde, tuttavia, come si è detto, ancora una perdita netta di esercizio. 9

10 Tab Operating profit Net profit $ millions F 2006F In questa prima parte abbiamo incentrato la nostra analisi sui vettori aerei poiché essi rappresentano, come si è detto, l anello debole e sensibile della catena del valore. Più di altri operatori essi risentono dell andamento dell economia mondiale, dei difficili rapporti politici tra i Paesi di aree diverse, dei conflitti bellici, della concorrenza internazionale più agguerrita e di norme relative alla sicurezza, all ambiente o alla protezione del consumatore che possono tradursi in costi ulteriori. Altri operatori del settore, al contrario, godono di posizioni di assoluto privilegio. Possiamo citare in proposito il controllo del traffico aereo (ATM), la grande distribuzione e le gestioni aeroportuali che operano in regime di monopolio o quasi monopolio. L ATM è responsabile del controllo dello spazio aereo di un Paese, quindi della sicurezza nazionale. Per tale ragione, il processo di liberalizzazione del servizio e di privatizzazione dell ATM appare assai complesso. Tra i Paesi più evoluti nel campo dell aviazione civile, la Gran Bretagna è stato il primo ad effettuare la privatizzazione dei servizi di ATM, cedendo il 42% del NATS (National Air Traffic Services) a sette compagnie aeree, il 4% alla BAA, che gestisce i sette più importanti aeroporti del Regno Unito, e un altro 3% ad azionisti minori. Così la quota dello Stato nel NATS è scesa al 49%. Lo Stato ha comunque concluso con il NATS un rigido contratto che prevede consistenti penali nel caso di ritardi nei voli imputabili a tale operatore. Contemporaneamente, si sono formate diverse società private che forniscono servizi di ATM per la fase di avvicinamento e decollo, basati sulle strutture e necessità di singoli aeroporti, migliorando, in tal modo, l efficienza e l operatività dell aeroporto. Il progetto europeo del Cielo Unico prevede la riduzione dei centri europei di controllo del traffico aereo da 58 a 22 circa. Questo obiettivo ha già spinto i più forti service providers europei, come quello tedesco, a valutare possibilità e opportunità di acquisire service providers minori o ad offrire i loro servizi ad altri 10

11 Paesi europei. Da questa evoluzione del mercato ci si può aspettare che altri Paesi seguiranno la strada inglese della privatizzazione per poter operare con maggior flessibilità nel mercato stesso. Nei capitoli che seguono verranno analizzati i punti deboli del mercato in esame che hanno influito negativamente sullo stesso, rallentando il processo di sviluppo auspicato dalle istituzioni comunitarie al fine di rendere le imprese europee in grado di competere con i vettori statunitensi. Questi, come sarà detto in prosieguo, hanno beneficiato dagli anni settanta dello scorso secolo di un vasto processo di deregulation che ha favorito la presenza sul mercato di un numero crescente di vettori, vettori che hanno messo in atto, in tempi di poco successivi, processi di fusioni ed acquisizioni allo scopo di poter contenere i costi ed offrire servizi appetibili all utenza. Successivi interventi di liberalizzazione dei servizi ancillari al trasporto aereo hanno favorito la crescita dei vettori statunitensi a discapito delle compagnie comunitarie. Attraverso l esposizione delle criticità del mercato europeo, e della mancata liberalizzazione di alcuni settori chiave per la crescita dello stesso, darò conto nelle pagine che seguono delle iniziative che le istituzioni comunitarie stanno adottando per rilanciare le compagnie aeree europee a livello mondiale. Parte seconda Il mercato del trasporto aereo nell Unione europea 1. Il mercato del trasporto aereo in Europa e le differenze con il mercato statunitense Il mercato europeo del trasporto aereo rappresenta un giro d affari di 100 miliardi di Euro, pari all 1,2% del PIL europeo. Oltre 130 compagnie aeree europee, con una flotta di circa aerei, hanno trasportato nel milioni di passeggeri, di cui 370 milioni all interno dell Unione Europea, pari al 35% del traffico mondiale passeggeri. Gli aeroporti aperti al traffico commerciale sono oltre 450. Questa attività ha creato 2,8 milioni di posti di lavoro indiretti, pari al 3% della forza lavoro dell UE. Tali dati, significativi per l economia europea, rivelano un mercato ancora incompiuto se raffrontati ai numeri del mercato statunitense. Per meglio comprendere la differenza che ha sempre caratterizzato i due principali mercati mondiali del trasporto aereo, quello americano e quello europeo, occorre rimarcare un dato: se il numero dei passeggeri trasportati da compagnie USA è pari a 100, le compagnie europee a stento giungono al numero di 40. Al riguardo occorre, tuttavia, considerare che gli Stati Uniti dispongono del 64% della flotta civile mondiale e controllano più della metà del trasporto aereo. Inoltre, il processo d incremento del numero dei vettori nell Unione europea è avvenuto molti anni più tardi rispetto agli Stati Uniti, ritardando il conseguente processo di consolidamento. 11

12 All opposto, negli Stati Uniti, ove il numero dei vettori è aumentato in misura considerevole tra la fine degli anni ottanta e i primi anni novanta, il successivo, inevitabile, processo di consolidamento ha portato alla costituzione di sette grandi vettori, che in un prossimo futuro potrebbero essere non più di quattro. In Europa il processo di consolidamento deve ancora iniziare (basti considerare che vi operano tuttora più di venti vettori di medie-grandi dimensioni, le cosiddette compagnie di bandiera) e tale affermazione mi pare sostenibile, pur considerando l accordo stipulato da qualche anno tra KLM ed Air France. Non penso, infatti, che tale accordo sia sufficiente per risolvere i problemi strutturali delle compagnie europee. Credo, infatti, che solamente un più vasto processo di alleanze e/o fusioni, capace di creare massa critica, possa ridurre i costi di struttura e rendere le compagnie europee competitive nel mercato mondiale, soprattutto nei confronti delle compagnie statunitensi. A questo proposito mi piace ricordare che la prima compagnia europea dispone di un numero di aerei inferiore alla quarta statunitense. La consapevolezza del forte squilibrio tra compagnie americane ed europee e la rilevante capacità di penetrazione dei mercati delle prime, ha indotto la Commissione europea a promuovere azioni legali nei confronti dei Paesi comunitari firmatari di accordi di open sky con gli Stati Uniti, azioni tese in ultima istanza - a favorire il consolidamento dei vettori comunitari. 2. L intervento dell Unione europea: le sentenze della Corte di Giustizia sugli accordi bilaterali siglati da otto Stati membri con gli Stati Uniti In più occasioni la Commissione Europea ha messo in discussione la validità e legittimità degli accordi open sky 1 firmati da alcuni Paesi comunitari arrivando ad impugnare, il 18 Dicembre 1998, la validità degli stessi innanzi alla Corte di Giustizia delle Comunità europee, sostenendo l assoluta contrarietà di alcune loro clausole, ed in specie della c.d. clausola di nazionalità, alle norme sul diritto di stabilimento sancite dall art.43 (ex art.52) del Trattato UE. É importante osservare che in virtù di tali accordi i vettori statunitensi hanno goduto di un agevole accesso alle rotte intracomunitarie ed hanno, nel contempo, imposto alle compagnie comunitarie di accettare la clausola in parola. 1 Gli accordi open sky, conclusi su base bilaterale riconoscono le tradizionali libertà dell aria, compresa la libertà di effettuare traffici tra due Paesi diversi da quello della propria nazionalità utilizzando uno scalo centrale nel territorio del proprio paese o addirittura indipendentemente da questo. In particolare con gli Stati Uniti d America i Paesi comunitari hanno concluso accordi del tipo open sky, che prevedono l'eliminazione di restrizioni quantitative riguardo alle frequenze dei voli ed alla capacità. Tali accordi si connotano per la presenza di diritti di rotta e di traffico illimitati, volti ad assicurare un collegamento tra qualsiasi punto degli Stati Uniti e qualsiasi punto del Paese europeo parte dell accordo, senza restrizioni quanto ai punti intermedi e ai punti situati al di là. Essi contemplano, quindi, flessibilità nella scelta degli itinerari, la condivisione dei terminali ed il diritto di assicurare il traffico di quinta libertà. Prevedono, inoltre, la fissazione dei prezzi secondo il sistema della doppia disapprovazione, la possibilità di accordi di code-sharing, impegni espliciti in favore dell'utilizzo e dell'accesso non discriminatorio dei sistemi informatici di prenotazione, nonché, infine, regimi piuttosto liberali in materia di carico e di conversione e trasferimento in patria dei ricavi. 12

13 Per comprendere le implicazioni della clausola di nazionalità negli accordi in esame è sufficiente sottolineare come il suo inserimento consente a ciascuna delle parti dell accordo di rifiutare i diritti ivi previsti ai vettori designati dall altra parte contraente che non siano di proprietà o sotto il controllo di soggetti di tale parte. Il venir meno di quest ultimo requisito implica, infatti, la possibilità per lo Stato contraente di revocare, sospendere o limitare i permessi o le autorizzazioni concesse. Ciò significa che, se un vettore designato da una parte dell accordo, perde la nazionalità dei quel Paese (a seguito, ad esempio, di una sua fusione od alienazione), l altra parte ha diritto di negare al nuovo subentrante il diritto di esercitare le rotte oggetto dell accordo bilaterale. La Comunità europea ha lamentato, a più riprese, la complessità e, più in generale, la restrittività di tali accordi, che si differenziano, sotto questo profilo, da altri accordi assunti in diversi mercati e che vantano un livello di apertura alla concorrenza ben più avanzato rispetto a quelli in esame (basti pensare, per rimanere nel settore dei servizi, al trasporto marittimo, ai servizi di telecomunicazioni, ai servizi bancari). Le conseguenze della negoziazione di simili accordi sono state ricordate anche in tempi relativamente recenti dalla Commissione europea (Comunicazione del 19 novembre 2002, n. 649, sulla quale si tornerà a breve) la quale, pur non negando i vantaggi che tali accordi possono comportare, vista la possibilità per i vettori aerei comunitari di estendere le rotte tra le parti per offrire servizi illimitati di quinta libertà ad altri Paesi, ha evidenziato come, in definitiva, gli accordi in parola offrano vantaggi economici in misura ben più rilevante per i vettori statunitensi. La Commissione UE ha infatti osservato che tali servizi non hanno molto valore negli Stati Uniti, visto che le destinazioni ulteriori da servire ritenute interessanti sotto il profilo economico sono relativamente poche, ma in altre parti del mondo, dove coesistono molti mercati internazionali vicini tra loro - ed è il caso dell'ue -, essi si rivelano molto utili. In pratica tali diritti offrono ai vettori statunitensi l'accesso al mercato interno europeo, mentre il mercato interno USA rimane strettamente chiuso agli operatori stranieri. La Corte di Giustizia, il 5 Novembre 2002, si è espressa sul ricorso della Commissione censurando le clausole di tali accordi destinate a privilegiare i vettori appartenenti allo Stato membro parte dell accordo. Le decisioni adottate contro gli Stati firmatari degli accordi censurati stanno modificando in misura considerevole il quadro del trasporto aereo europeo 2. Due sono i punti fondamentali delle sentenze della Corte UE: con il primo, la Corte ha statuito la contrarietà al diritto comunitario delle clausole di nazionalità, ovvero delle clausole che impongono allo Stato che ha sottoscritto l accordo, la proprietà e il controllo della compagnia aerea che esercita la linea, con la conseguente facoltà, per l altra parte dell accordo, al venir meno di tale requisito, di negare le autorizzazioni per l esercizio delle rotte nel proprio Paese. Il secondo 2 Cause C-466/98, C-467/98, C-468/98, C-469/98, C-471/98, C-472/98, C-475/98 e C- 476/98 contro Regno Unito, Danimarca, Svezia, Finlandia, Belgio, Lussemburgo, Austria, Germania, in G.U.C.E. 21 dicembre 2002, C

14 attiene alla competenza della Comunità a negoziare la totalità degli accordi bilaterali tra i Paesi comunitari e i paesi extra-comunitari. La Commissione, come ha ricordato la Corte a questo riguardo, vanta sin dal 1996 un mandato ristretto per la negoziazione degli accordi bilaterali, ovvero un mandato per la negoziazione solo di alcuni aspetti degli accordi in parola, quali ad esempio le questioni legate alla sicurezza, all ambiente, all overbooking, alla slot allocation, ovvero a tutte quelle materie nelle quali oramai gli Stati membri sono privi di competenza a decidere, spettando quest ultima, come è noto, alla Comunità. In occasione della firma degli otto accordi bilaterali gli Stati membri, come ha stabilito la Corte, non hanno minimamente tenuto conto di tale competenza concorrente della Commissione, per alcune delle materie oggetto degli accordi. Il venir meno della clausola di nazionalità favorirà le aggregazioni (fusioni, acquisizioni) tra imprese del trasporto aereo, capaci di rendere i vettori europei competitivi a livello internazionale. Proprio questa clausola è stata finora il vero impedimento al processo di consolidamento delle compagnie europee in quanto la fusione avrebbe di fatto portato alla nullità degli accordi bilaterali (ASA Air Service Agreements) in essere. 3. Gli effetti delle Sentenze c.d. open sky sul futuro della politica europea del trasporto aereo: il venir meno delle competenze, in materia, dei singoli Stati membri Il 19 novembre 2002, ovvero pochi giorni dopo le sentenze open sky, la Commissione ha adottato la prima di due importanti comunicazioni che hanno condotto alla elaborazione del pacchetto di misure approvato il 5 giugno 2003 e che rappresentano l attuale politica del trasporto aereo in Europa. Con la prima comunicazione essa tratteggia le conseguenze delle sentenze sull intera politica comunitaria del trasporto aereo. E una comunicazione di fondamentale importanza nella quale la Commissione delinea non solo quali saranno i passi da adottarsi a breve per porre le basi della nuova politica comunitaria negli accordi bilaterali (e dunque la concessione di un mandato a suo favore per negoziare gli accordi con gli USA), ma quali saranno le strategie future della Comunità europea nel settore del trasporto aereo. La seconda comunicazione viene adottata il 26 febbraio E questa, a differenza della prima, una comunicazione che delinea, a distanza di qualche mese dalle sentenze della Corte, gli strumenti normativi grazie ai quali la Comunità potrà giungere alla realizzazione dei principi di politica del trasporto aereo già tracciati. Tali proposte prendono forma il 28 maggio 2003 ed in tale occasione il Consiglio europeo elabora tre nuovi documenti relativi alle Relazioni esterne nel settore dell aviazione civile ed intitolati nel seguente modo: a) Progetto di decisione del Consiglio che autorizza la Commissione ad avviare negoziati con gli Stati Uniti nel settore del trasporto aereo (9927/03) 14

15 b) Progetto di decisione del Consiglio che autorizza la Commissione ad avviare negoziati con paesi terzi sulla sostituzione di alcune disposizioni degli accordi bilaterali vigenti con un accordo comunitario (9928/03) c) Proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla negoziazione e all'applicazione di accordi in materia di servizi aerei stipulati dagli Stati membri con i paesi terzi (9929/03). Le conseguenze sulla politica del trasporto aereo di tale pacchetto di misure sarà, innanzitutto, quella di aprire gli accordi bilaterali esistenti a tutti i vettori comunitari, con il definitivo abbandono della clausola di nazionalità. Ciò accadrà sia negli accordi con gli USA, grazie al primo mandato ottenuto dalla Commissione, sia per gli altri accordi bilaterali firmati individualmente dai Paesi membri con gli Stati non comunitari diversi dagli USA, grazie al secondo mandato. Gli Stati membri saranno tenuti quindi alla distribuzione dei diritti di traffico tra i vari vettori senza limitazioni, nel senso che se i diritti di traffico saranno sufficienti per tutti i vettori comunitari che desiderino entrare in quel mercato, essi avranno il diritto di intervenirvi. Per l eventualità in cui la domanda dovesse superare l offerta di diritti, si ricorrerà a procedure concorsuali. Altra conseguenza, anche questa di importanza fondamentale, va ricercata nelle competenze effettivamente rimaste in capo agli Stati membri. A mio parere il pacchetto di misure del 5 giugno lascia ben poco alla competenza dei singoli Stati membri. Apertamente, o in modo implicito, la Comunità europea ha, di fatto, privato gli Stati membri di autonomia in materia. Ancorché per i futuri accordi, la competenza, rimanga nella potestà dei singoli Stati membri, per la loro conclusione il regolamento richiede il diretto coinvolgimento del Consiglio e della Commissione che dovranno dare il loro assenso in merito ai termini di un nuovo accordo. L eventuale mancanza di tale assenso da parte delle Istituzioni comunitarie avrà l effetto di privare, di fatto, lo Stato membro della potestà di concludere l accordo. Da queste decisioni appare evidente che saranno le compagnie più forti ad avvantaggiarsene costringendo le minori ad aggregarsi per non perdere quote di mercato quindi, in conclusione, la decisione della Corte potrà in effetti favorire il processo di consolidamento auspicato. A tutt oggi (Aprile 2006) 50 Stati extra-comunitari hanno accettato la designazione della Comunità europea, 329 accordi bilaterali di traffico sono stati resi conformi alle nuove direttiva comunitarie e sono iniziati i negoziati per la firma di 17 accordi orizzontali. A seguito di quanto esposto finora, penso che le imprese comunitarie debbano adottare da subito una strategia diretta al loro consolidamento, quindi a creare quella massa critica che consenta loro di competere con le compagnie americane. Tale processo darebbe ulteriore impulso al superamento della mentalità monopolistica, tipica delle aziende di Stato, che purtroppo ancora caratterizza taluni vettori e che conduce inevitabilmente ad un eccesso di personale, a problemi connessi all eterogeneità della flotta nonché, come si è detto, alla mancanza di alleanze internazionali. Mi pare, d altra parte, che i fallimenti di Sabena e Swissair evidenzino chiaramente la situazione insostenibile delle tradizionali compagnie di bandiera, 15

16 se non si interviene con pesanti processi di ristrutturazione e con la conclusione di efficaci alleanze internazionali. La formazione di gruppi sopra auspicata è senz altro un processo positivo; occorre allora cercare di favorire la concorrenza tra gli stessi, abbattendo le barriere che oggi la ostacolano come i grandfather rights nella assegnazione degli slots che da tempo, ma senza successo, l UE sta cercando di regolamentare in modo da aprire il mercato del trasporto aereo ai vettori new entrants. 4. Il problema degli slots Forse vale la pena ritornare su un tema già accennato e considerato un ostacolo alla crescita delle compagnie aeree: il sistema di assegnazione della bande orarie (i cosiddetti slots) e i grandfather s rights. La Commissione europea in uno studio recente ha evidenziato come una delle maggiori difficoltà dell attuale sistema di assegnazione delle bande orarie risieda nel raggiungimento di un giusto equilibrio tra gli interessi dei vettori aerei già insediati e dei nuovi concorrenti negli aeroporti congestionati. Infatti, se i vettori insediati hanno interesse a consolidare ulteriormente la loro posizione in un aeroporto, i vettori aerei con un attività relativamente contenuta o non ancora attivi aspirano ad ampliare i loro servizi. Inoltre, in vari aeroporti contraddistinti da fenomeni di congestione, le regole esistenti, basate in gran parte sul principio dei diritti acquisiti, sono state ritenute non sufficientemente flessibili per garantire la disponibilità di bande orarie e ottimizzare l uso efficiente di una scarsa capacità aeroportuale: gli slot relativi alle fasce orarie più appetibili, infatti, rimangono ancora una prerogativa dei vettori tradizionali. La disciplina introdotta dal Regolamento CE n. 93/95, basandosi sul principio dei diritti acquisiti (i c.d. grandfather s rights) e sulla regola secondo la quale le bande orarie devono essere utilizzate o altrimenti sono revocate (la c.d. use-it or lose-it rule), è apparsa non adeguatamente flessibile e idonea a consentire l accesso al mercato di nuovi vettori o il potenziamento dell attività dei vettori già presenti. La conseguenza è stata che, da un lato, taluni operatori hanno finito con il considerare le bande orarie come beni di loro proprietà, creando un ostacolo alla concorrenza e, dall altro, gli aeroporti hanno sostenuto di essere titolari delle stesse sul presupposto che esse sarebbero inestricabilmente connesse all infrastruttura aeroportuale. E da anni al vaglio della Comunità europea un testo di modifica dell attuale regolamento che disciplina a livello comunitario la distribuzione degli slot, e che ha avuto una battuta d arresto a seguito dei tragici eventi dell 11 settembre 2001, a seguito dei quali la Comunità europea ha preferito differire l adozione di misure volte a favorire la competizione tra vettori per non incidere su un mercato in forte crisi. 16

17 5. Le compagnie low-cost Le tradizionali compagnie aeree comunitarie non possono non considerare la forte spinta alla concorrenza data in questi ultimi anni dalle compagnie low-cost o no-frills. E certo che le compagnie tradizionali (tra le quali naturalmente Alitalia) ben difficilmente, mantenendo l attuale assetto ed organizzazione, potranno proporre sul mercato tariffe più competitive rispetto a quelle delle compagnie low-cost, anche ricorrendo a più economici sistemi di vendita dei biglietti via internet. Non va trascurato, infatti, che sono ancora numerosi i fattori che incidono sui costi dell impresa tradizionale, e che essi non sono legati esclusivamente ai maggiori costi della distribuzione del biglietto o ad una più attenta cura del passeggero a bordo, ma dipendono da un impostazione aziendale ingessata da strutture estremamente costose. Basti pensare ad esempio ai costi di una flotta eterogenea e in buona parte obsoleta come quella di Alitalia, che comprende 10 tipi di aerei diversi, rispetto ai costi di gestione sostenuti da una compagnia come Ryanair, che possiede una flotta giovane e costituita da aerei di un unico modello; a parità di numero di aerei, Alitalia deve impiegare circa il 20% in più di personale navigante. Ulteriori incrementi dei costi derivano, poi, dalla manutenzione, diversa per ogni differente tipo di velivolo e da costose giacenze dei pezzi di ricambio. Incidono, inoltre, sui maggiori costi dei vettori tradizionali i contratti di lavoro, frutto di accordi raggiunti in periodi di quasi-monopolio e caratterizzati da costosi privilegi totalmente sconosciuti ai contratti adottati delle compagnie low-cost, che in un periodo di crisi del trasporto aereo hanno potuto imporre condizioni estremamente vantaggiose. Incide ulteriormente sulla difficoltà di contenere le tariffe aeree la tradizionale politica di scelta delle rotte da esercire. L impostazione tradizionale, maturata in un mercato chiuso alla concorrenza, ha fatto sì che i vettori tradizionali operino dagli aeroporti maggiori con diritti di approdo e partenza e con tariffe di handling più elevati rispetto agli aeroporti minori, scelti dai vettori low-cost. La scelta di questi ultimi è stata peraltro premiata anche di recente dalla Commissione UE che, in una comunicazione del dicembre 2005 (2005/C 312/01), ha escluso la contrarietà al diritto comunitario ed al divieto di aiuti di Stato dei finanziamenti erogati dallo Stato o da enti territoriali a vettori che aprano nuove rotte (c.d. aiuti start up) da aeroporti regionali. Questo ha finito per avallare finanziamenti di cui hanno beneficiato in passato i vettori low-cost sotto forma di compensi elargiti da aeroporti regionali per forme di pubblicità degli aeroporti stessi effettuate in modi diversi (con opuscoli a bordo, con la vendita di prodotti gastronomici, con l apposizione dei loghi e denominazioni sulla carlinga dell'aereo, dell aeroporto in questione), quale corrispettivo per l apertura di nuove rotte che, comunque, hanno portato consistenti vantaggi economici all aeroporto e al territorio circostante con l arrivo di nuovi passeggeri. La tabella 13 (Fonte Eurocontrol) illustra la crescita delle compagnie low-cost in Europa dal 2001 al 2006 rapportata a quella avvenuta negli Stati Uniti e nei 17

18 Paesi Asiatici. Nel periodo in esame i voli low-cost sono passati dal 3% al 16% del totale voli. Nel 2005 circa 140 milioni di persone hanno viaggiato con compagnie low cost, mentre nel 2004 erano state 85 milioni. Secondo l OAG (Official Airline Guides), dal 2001 i voli in Europa di queste compagnie sono sestuplicati arrivando al 20% dell offerta di posti. Ciò significa che un passeggero su 5 viaggia low-cost. Al contrario le compagnie tradizionali crescono ad un ritmo di poco superiore al 4%. Tab.13 Circa l origine dei voli dai diversi Paesi europei, le tabelle che seguono (14 e 15) mostrano la maggior presenza nel Regno Unito, dove in effetti il fenomeno ha avuto origine, seguito da Germania, Spagna e Italia. 18

19 Tab.14 La tab.15 evidenzia la presenza delle compagnie low-cost nei vari Paesi. Poiché il grafico esclude i sorvoli, i dati mostrano l effettiva presenza delle compagnie low-cost nel territorio. Se l Italia ha una penetrazione delle low cost piuttosto rilevante, la Francia ha invece limitato tale presenza nei suoi aeroporti e ciò probabilmente allo scopo di non indebolire le proprie compagnie tradizionali, che hanno sempre beneficiato di una politica protettiva da parte del governo francese. 19

20 Tab.15 Le compagnie low-cost che operano in Italia sono 36 e sono operative su 31 aeroporti, collegando le nostre città con 87 destinazioni europee. Aeroporti come Bergamo, Ciampino, Pisa e Treviso hanno avuto una esplosione di traffico grazie a queste compagnie. Solo Ciampino ha avuto nel 2005 un aumento del 65% del traffico. Nel 2005 Ryanair e Easyjet hanno trasportato rispettivamente 33 milioni e 30 milioni di passeggeri. Solo le tre maggiori compagnie europee hanno imbarcato più passeggeri delle compagnie low-cost; Lufthansa ha imbarcato 49 milioni, Air France 47 milioni e British Airways 36 milioni. Easyjet dispone di 110 aerei e Ryanair di 100 aerei, in massima parte nuovi. Ciò consente pochi fermi macchina per le operazioni di manutenzione e garantisce minori consumi. Per meglio comprendere i vantaggi competitivi che un vettore come Ryanair può offrire nel nostro Paese, è sufficiente paragonare i dati appena esaminati con quelli offerti da Alitalia. Per il medio-raggio (settore in cui opera Ryanair) Alitalia, oltre a 46 moderni Airbus, impiega ancora 85 MD 80 con una vita media di 20 anni, aerei che dovranno essere presto sostituiti per ragioni di inquinamento e per gli eccessivi costi di manutenzione e consumo. Sicuramente costituirà uno stimolo positivo alla concorrenza la recente decisione dei vettori low-cost, ed in particolare di Ryanair, di intensificare i collegamenti tra gli aeroporti italiani. La forte competitività ed aggressività delle compagnie low-cost consentirà di evidenziare grandi differenze di prezzo tra le rotte caratterizzate dalla loro presenza e quelle che ne sono prive. Infatti, a 20

21 tutt oggi, e nonostante la liberalizzazione sia avvenuta nel 1997, nelle rotte coperte solo da uno o due vettori le tariffe si mantengono elevate, laddove, a parità di lunghezza della tratta, nelle rotte caratterizzate dalla presenza di una maggior concorrenza e di operatori low-cost i prezzi sono di gran lunga inferiori. Non vi è dubbio che le tariffe proposte dalle compagnie low-cost diventeranno sempre di più parametri di riferimento anche per le compagnie maggiori al fine di mantenere una sufficiente attrattività per il consumatore. E interessante notare in proposito che la tariffa media applicata da Ryanair sui voli operati nel 2003 è stata di 46 Euro! Questo fenomeno nato in Gran Bretagna, ma in via di espansione nel resto d Europa ha indotto le compagnie maggiori, come Lufthansa, ad effettuare voli a basso costo, anche attraverso compagnie minori controllate. Credo, in definitiva, che si possa senza alcun dubbio affermare che il tipo di servizio offerto dalle compagnie low-cost rappresenti il futuro modo di volare. Queste compagnie non si sono ancora affacciate al settore del lungo raggio (ci fu solo l interessante esperienza della Virgin negli anni settanta), ma c è da aspettarsi che tra non molto anche tali rotte saranno operate da compagnie low-cost. Forse l unica ragione che ha impedito ad oggi alle compagnie low-cost di affacciarsi al mercato del lungo raggio è stata l esistenza degli accordi bilaterali di traffico che consentivano ai Paesi di designare i vettori di bandiera per l esercizio delle relative rotte. La decisione della Corte del 5 Novembre 2002, di cui si è dato conto, potrà sicuramente aprire questo mercato anche alle compagnie low-cost. I vettori comunitari dovranno trovare nuove strategie al fine di non dover subire una concorrenza che si basa su una nuova e moderna filosofia imprenditoriale che si sposa perfettamente con la domanda e che risulta, pertanto, vincente per la maggior parte delle fasce di consumatori. Si noti che un numero sempre maggiore di aziende spingono i loro dirigenti a volare con compagnie low-cost. In conclusione, le compagnie low-cost rappresentano un fenomeno assai importante ed inarrestabile. Oggi essi costituiscono un problema per le compagnie tradizionali che con difficoltà stanno ancora perseguendo una politica di riduzione di costi e di entrata in alleanze internazionali. Questo fenomeno, oggi avvertito da molti come una criticità del sistema, potrà essere il motore di un nuovo assetto del mercato che offrirà al consumatore servizi maggiormente aderenti alla domanda. 6. Criticità degli aeroporti comunitari Come si è anticipato, negli aeroporti comunitari stiamo assistendo ai medesimi fenomeni di aggregazione di cui si è fatto cenno con riguardo ai vettori aerei. Infatti, i principali hubs europei tendono a fare sistema, acquisendo partecipazioni negli aeroporti minori, che vengono così destinati al feederaggio con una conseguente maggior crescita degli stessi hubs. 21

22 Nonostante questa tendenza sussistono dei limiti oggettivi al processo di aggregazione che sta interessando gli aeroporti comunitari e tali limiti sono dati dal loro forte congestionamento. Uno studio dell ECAC precedente all 11 settembre 2001 aveva stimato che nel 2005 il 7% (e il 15% nel 2010) della domanda di slots, negli aeroporti europei con un traffico annuo superiore ai 5 milioni di passeggeri, sarebbe stata insoddisfatta. La tabella 16 evidenzia le percentuali di traffico che potrebbero restare insoddisfatte fino al 2010 a causa delle carenze nelle infrastrutture dei principali aeroporti europei. Tab.16 Tale stato di cose è legato in modo particolare a due ragioni. La prima riguarda la limitazione dei voli notturni per ragioni di inquinamento acustico, limitazione che ha così ristretto il tempo di operatività degli aeroporti. Occorre altresì considerare che le municipalità hanno consentito in molti casi la costruzione di abitazioni in luoghi sempre più prossimi ai sedimi aeroportuali acuendo il problema dell inquinamento. La seconda ragione risiede nella inadeguatezza delle strutture aeroportuali. La pianificazione e la realizzazione di nuove strutture aeroportuali richiedono diversi anni (da tre a sette) per trovare compimento. Dall inizio degli anni novanta l aumento del traffico aereo è avvenuto a tassi talmente elevati da non consentire un rapido adeguamento di tali strutture. La successiva tabella 17 evidenzia chiaramente che i ritardi avvengono nelle fasi di atterraggio e decollo non in rotta che sono i colli di bottiglia del volo e dove c è, quindi, congestionamento. Circa la responsabilità, Eurocontrol (fonte di entrambe le tabelle 17 e 18) la attribuisce per il 53% ai vettori e per il 18% agli aeroporti. Non modeste sono le cause per meteo avverse che arrivano all 11%. Infine, non trascurabili sono anche i ritardi dovuti ai controlli di sicurezza che interessano il 4% dei voli. 22

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DEI SERVIZI PUBBLICI

LE TRASFORMAZIONI DEI SERVIZI PUBBLICI I SERVIZI PUBBLICI PROF. FRANCESCO COSSU Indice 1 LE TRASFORMAZIONI DEI SERVIZI PUBBLICI ------------------------------------------------------------------- 3 2 IL REGIME TRADIZIONALE ---------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 28.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 94/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/23/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 sull aggiudicazione dei contratti

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 Oggetto: Aiuto di Stato N 540/2009 - Francia Proroga dell aiuto NN 155/2003 Realizzazione di un servizio sperimentale di autostrada ferroviaria e Aiuto

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici:

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici: Versione finale del 29/11/2007 COCOF 07/0037/03-IT COMMISSIONE EUROPEA ORIENTAMENTI PER LA DETERMINAZIONE DELLE RETTIFICHE FINANZIARIE DA APPLICARE ALLE SPESE COFINANZIATE DAI FONDI STRUTTURALI E DAL FONDO

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Spread. C è anche quello dei prezzi. Inchiesta

Spread. C è anche quello dei prezzi. Inchiesta Spread C è anche quello dei prezzi LA NOSTRA INCHIESTA Le grandi catene internazionali, da Zara a McDonald s, praticano prezzi diversi in Europa. I consumatori italiani tra i più penalizzati. Le grandi

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Condizioni di contratto ed al tre informazioni importanti

Condizioni di contratto ed al tre informazioni importanti Condizioni di contratto ed al tre informazioni importanti CONDIZIONI DI CONTRATTO ED ALTRE INFORMAZIONI IMPORTANTI SI INFORMANO I PASSEGGERI CHE EFFETTUANO UN VIAGGIO CON DESTINAZIONE FINALE O UNO STOP

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

LE LIBERTÀ DELL ARIA

LE LIBERTÀ DELL ARIA DOC TRA 04 LE LIBERTÀ DELL ARIA Il forte sviluppo del mezzo aereo per il trasporto di persone e merci aveva, già prima della 2^ Guerra Mondiale, evidenziato una serie di problemi tecnici e politici relativamente

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

MODELLO DI REGOLAZIONE DEI DIRITTI AEROPORTUALI PER AEROPORTI CON TRAFFICO INFERIORE AI 3 MILIONI DI PASSEGGERI / ANNO

MODELLO DI REGOLAZIONE DEI DIRITTI AEROPORTUALI PER AEROPORTI CON TRAFFICO INFERIORE AI 3 MILIONI DI PASSEGGERI / ANNO MODELLO 3 MODELLO DI REGOLAZIONE DEI DIRITTI AEROPORTUALI PER AEROPORTI CON TRAFFICO INFERIORE AI 3 MILIONI DI PASSEGGERI / ANNO Allegato 3 alla Delibera 64/2014 1 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 4 2. DEFINIZIONI...

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli