Relazione sullo stato del Trasporto Aereo e dell Aviazione Civile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione sullo stato del Trasporto Aereo e dell Aviazione Civile"

Transcript

1 Relazione sullo stato del Trasporto Aereo e dell Aviazione Civile Roma, luglio 2012 Gruppo PD Commissione Trasporti del Senato 1

2 2

3 Indice 1. INTRODUZIONE...p.4 2. IL SETTORE INDUSTRIALE...p.6 L industria aeronautica ed aerospaziale italiana Il posizionamento Le aree di eccellenza Le collaborazioni internazionali Le criticità 3. L AVIAZIONE GENERALE...p.8 4. I VETTORI NAZIONALI E IL CASO ALITALIA...p GLI AEROPORTI NAZIONALI E LE SOCIETÀ DI GESTIONE...p LA LIBERALIZZAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA A TERRA...p LA REALTÀ ITALIANA...p LA DEVOLUZIONE DEI CONTROLLI DI SICUREZZA A SOGGETTI PRIVATI...p IL SETTORE PUBBLICO...p.29 Ente Nazionale per l Aviazione Civile Ente Nazionale per l Assistenza al Volo S.p.A. Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo 10. LA SICUREZZA NEL TRASPORTO AEREO...p IMPATTO AMBIENTALE DEL RUMORE AERONAUTICO...p.35 Storia del fenomeno e cause principali Diminuzione della rumorosità degli aerei Pianificazione territoriale Limitazioni ai voli notturni Monitoraggio del rumore Le procedure anti-rumore Programmi d insonorizzazione Slot al location Effetti 12. IL FENOMENTO DELLE LOW COST...p IL COMPARTO DELLE MERCI...p IL LAVORO NEL SETTORE DEL TRASPORTO AEREO...p.44 3

4 1. Introduzione Come ben noto a tutti, il comparto dell aviazione civile italiana, così come quello dell industria aerospaziale, ha sofferto decenni di abbandono ed incuria, sia governativa che parlamentare. Solo nella seconda metà degli anni 90, sotto la spinta della legislazione europea e dei governi di centro sinistra, si è pervenuti ad una importante stagione di riforma dei principali enti del settore e ad un riassetto dell industria che ha portato, da una parte, a un più chiaro quadro di riferimento normativo, e dall altra, alla ripresa del settore industriale che sta oggi conoscendo un periodo forse tra i migliori dal dopoguerra. Sono stati, infatti, istituiti: l Ente Nazionale per l Aviazione Civile, mediante fusione del Registro Aeronautico Italiano, dell Ente Nazionale della Gente dell Aria e della Direzione Generale dell Aviazione Civile. l Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo, con competenze istituzionali prima in capo alla Direzione Generale dell Aviazione Civile. l Assoclearance, affidandole la funzione di assegnazione degli slot aeroportuali, anche se in tale delicata materia è in atto una discussione tendente a valutare l ipotesi il trasferimento di tali compiti ad un soggetto pubblico da molti individuato nell E.N.A.C. Sono stati, inoltre, profondamente riformati: l allora Ministero dei Trasporti e della Navigazione, con la creazione del Dipartimento per la Navigazione ed il Trasporto Marittimo ed Aereo. l Ente Nazionale di Assistenza al Volo, trasformato da azienda di Stato dapprima in ente pubblico economico ed oggi in società per azioni a totale capitale pubblico. Inoltre, si è iniziato ad affidare, finalmente per via regolamentare e con un procedimento equo e trasparente, la c.d. gestione totale degli aeroporti, in precedenza riservata solo a quelli destinatari di apposite leggi speciali. Infine, solo recentemente, si è provveduto a rivedere la parte aeronautica del Codice della navigazione, che vigeva dal lontano 1942, priva oltretutto del regolamento di attuazione. Per quanto riguarda l industria, la razionalizzazione delle attività sotto controllo pubblico attorno al gruppo Finmeccanica, sebbene abbia comportato un complesso ed oneroso processo di razionalizzazione, non sembra aver fatto cessare la fase della spartizione politica, ed anzi recentissime notizie giudiziarie hanno scoperchiato un comitato di malaffari e tangenti annidate all interno di alcune aziende collegate. 4

5 Per quel che concerne il trasporto aereo, anche a causa del protrarsi nel tempo dei nefasti effetti dell attentato di New York dell 11 settembre 2001, sono indubbiamente rallentate le iniziali forti tendenze verso la liberalizzazione dei servizi, così come la crisi economica e le indubbie resistenze della cultura iperstatalista del settore, hanno frenato la spinta verso una vera privatizzazione delle società di gestione aeroportuale. Un discorso a parte andrà fatto sull Alitalia, le cui passate vicende industriali si sono trasformate in politiche con l intervento dei cosiddetti patrioti, ad oggi sicuramente fallimentare in quanto nonostante le enormi agevolazioni economico finanziarie, la sterilizzazione degli interventi dell Autorità garante della concorrenza e del mercato, il massiccio ricorso alla cassa integrazione e alla mobilità, ancora oggi produce debiti e non ricchezza. Il comparto del trasporto aereo, da sempre, rappresenta nel suo complesso uno degli elementi maggiormente trainanti lo sviluppo dell intera società civile, protagonista della rivoluzione dei collegamenti, dei trasporti e, come le vicende terroristiche insegnano, purtroppo anche dei conflitti, rappresentando comunque nei paesi aeronauticamente più avanzati la vera frontiera della tecnologia e della capacità dell innovazione. Le ricadute del settore sui comparti collaterali, inoltre, sono evidenti ed importanti: l impatto economico ed occupazionale degli aeroporti sul territorio circostante; l estensione ad altri settori industriali, o alla vita civile, dei nuovi materiali e delle tecnologie avanzate di settore; i valori di assoluto rilievo, per l economia e per la vita quotidiana, rappresentati dagli innovativi servizi offerti dalle applicazioni aeronautiche e spaziali. Con queste premesse appare necessario un quadro riassuntivo della situazione delle varie realtà, suddivise per settori il più possibile omogenei, al fine di evidenziare le criticità esistenti e le implementazioni necessarie, iniziando dal settore che gode al momento di maggior salute, quello dell industria aerospaziale italiana, dalle dimensioni ormai di livello europeo e dai contenuti tecnologici indubbiamente all avanguardia. 5

6 2. Il settore industriale L INDUSTRIA AERONAUTICA ED AEROSPAZIALE ITALIANA Settima nel Mondo e quarta in Europa con il suo fatturato annuo di circa 10,5 miliardi di euro (settori aeronautica e spazio), e con i suoi dipendenti, l industria aerospaziale italiana costituisce uno dei pochi settori veramente hi-tech rimasti in Italia; infatti, da sempre, produce innovazioni capaci di generare effetti positivi anche su altre aree industriali collaterali ed è un presidio di aree sistemistiche avanzate e di nuclei di eccellenza che controllano tecnologie critiche, funzionali anche alle esigenze della sicurezza nazionale. Tuttavia, pur essendo significativa nel panorama industriale nazionale, la dimensione del settore è relativamente piccola se confrontata con i grandi attori europei e nordamericani e, per questo motivo, dovrebbero essere poste in essere politiche, anche fiscali, di facilitazione delle fusioni societarie, degli accordi di partnership o di joint-ventures, di programma o di progetto. IL POSIZIONAMENTO La maggior parte delle imprese nazionali del settore sono associate all A.I.A.D., Associazione Industrie per l Aerospazio, i sistemi e la Difesa e da sempre garantiscono alla bilancia commerciale nazionale un rilevante saldo attivo tra import-export, oltretutto investendo nei settori della ricerca e dello sviluppo negli ultimi 10 anni circa 900 mil. euro/anno. LE AREE DI ECCELLENZA L industria italiana detiene la posizione di leader mondiale nel settore degli elicotteri, è uno dei principali attori nel comparto dei velivoli da addestramento, mentre si colloca al quarto posto al mondo tra i produttori indipendenti di aero-strutture civili (componenti per Boeing e Airbus) e militari. Tenendo conto anche della componente avionica ed elettronica, l Italia può vantare una leadership tecnologica di livello mondiale grazie al programma Eurofighter, il velivolo da difesa aerea tra i più avanzati al mondo, che ha rappresentato il principale programma di collaborazione industriale d Europa con i suoi addetti (diretti e indiretti). Le aziende nazionali, tenendo conto di alcune altre aree ad alta specializzazione quali i motori ed i relativi sotto-sistemi, l avionica, i sistemi per il traffico aereo e la difesa, e con precise capacità di nicchia (aerei da addestramento, velivoli turboelica per il trasporto regionale, aerei da trasporto militare, aeromobili d affari e di aviazione generale), occupano posizioni di rilievo sia autonomamente sia nel quadro delle cooperazioni europee e internazionali, ponendosi all avanguardia nelle innovazioni di prodotto e di processo produttivo. 6

7 Numerose sono le PMI nel settore, che hanno creato e mantengono livelli occupazionali e specifiche competenze nel campo delle aerostrutture e degli equipaggiamenti, per mezzi ad ala fissa e rotante. LE COLLABORAZIONI INTERNAZIONALI L Italia partecipa a rilevanti iniziative ad alto contenuto tecnologico, alla creazione di joint-ventures, a forme di cooperazione progettuale e di condivisione del rischio di investimento con altre aziende sia europee sia statunitensi, in campo civile e militare. L unico neo in tal senso è rappresentato dalla decisione del 1 governo Berlusconi di non partecipare da protagonista al Consorzio europeo AIRBUS, adottando una scelta legata alle linee di politica estera più filo americana che europea, scelta che andrebbe ripensata e favorita in un mutato quadro politico di riavvicinamento ai nostri partners europei. LE CRITICITÀ L industria aeronautica soffre tuttavia della carenza di investimenti in ricerca e sviluppo che caratterizza questa realtà industriale ed il comparto ha notevoli problemi a mantenere livello tecnologico e capacità competitiva. Ma i principali problemi per l industria aerospaziale nazionale vengono soprattutto dal sofferto rapporto con le istituzioni. Innanzitutto il bilancio delle pubbliche amministrazioni con interessi nel settore è, ormai da anni, in costante calo in termini reali, in particolare per quanto riguarda la difesa, oltre tutto penalizzato maggiormente nella quota destinata agli investimenti, manifestando una preoccupante tendenza che dovrebbe essere gradatamente corretta in quanto il livello finanziario attuale non consente al comparto la possibilità di sviluppare nuova tecnologia in grado di generare ricadute su altri settori, comprese le applicazioni civili. A questo si aggiungono i contrasti politici e istituzionali ed i cronici problemi di bilancio che penalizzano l operato di organizzazioni come l A.S.I., l Agenzia Spaziale Italiana e il C.I.R.A., Centro Italiano delle Ricerche Aerospaziali, che non possono oggi certo definirsi elementi catalizzatori di innovazione tecnologica, come invece dovrebbero e potrebbero essere in un diverso quadro di sviluppo. 7

8 3. L Aviazione generale In nessun altro campo come in questo trascurato settore appare evidente il fatto che non esista nel nostro paese una percezione corretta dell importanza, nel contesto nazionale, dell aviazione generale, vista forse dai più come un attività per una ridotta elite, inutile, costosa e poco rispettosa dell ambiente e sulla quale vi è una notevole mancanza di informazione e cultura a vari livelli. Tale situazione si è manifestata anche recentissimamente in occasione della manovra salvaitalia del governo Monti nella quale è stata introdotta una tassa erariale che, assolutamente giusta nel principio, risulta vessatoria nei dettagli e che rischia di annichilire l intero settore. La realtà dell aviazione generale in verità è un altra, molto differente, fatta di passione e spesso sacrifici, in un certo senso paragonabile alla realtà della nautica da diporto e quindi aperta ormai ad ogni classe sociale. Tanti soci di aeroclub e proprietari di piccoli velivoli sono persone della classe media, magari impiegati di bassa fascia, uomini e donne con ridotte possibilità economiche che anziché investire una parte dei risparmi su una piccola barca o su un auto di categoria superiore, o in altro modo, assecondano la loro passione per il volo. Nella stessa realtà coesistono le tante scuole di volo, ormai principale canale anche per intraprendere la professione di pilota commerciale, e le organizzazioni che fanno attività remunerate diverse dal trasporto di passeggeri paganti o di merci, spesso di grande utilità per la collettività, vedi per esempio le organizzazioni di lavoro aereo che svolgono. rilevamenti incendi o riprese in caso di eventi, e vedi i servizi di eliambulanza nell ambito del 118. Un mondo in parte diverso è quello dell aerotaxi, dove la tipologia dei velivoli ed elicotteri utilizzati e delle attività li avvicina alla realtà dei vettori nazionali. Tutto ciò fornisce comunque il suo contributo alla nostra economia, anche nel caso degli aeromobili privati, in quanto per far volare un aeromobile della aviazione generale serve comunque una rete di supporto (per manutenzione, gestione tecnica, operazioni degli aeroporti e aviosuperfici, assicurazione, un ente di controllo (oggi l ENAC), ecc.). L aerotaxi e l elitaxi hanno spesso come clienti imprenditori, manager e professionisti che hanno necessità di spostarsi in luoghi e con modalità non compatibili con il normale trasporto di linea. Un contributo positivo alla nostra economia è dato anche da quei turisti stranieri che scelgono il piccolo aeroplano di proprietà o noleggiato come mezzo per raggiungere la località di vacanza, fenomeno abbastanza diffuso all estero ed oggi a beneficio soprattutto di altri paesi mediterranei quale Croazia o Francia. 8

9 I pregiudizi e la mancanza di una corretta informazione tra i media generalisti ed il grande pubblico contribuiscono ad una situazione abbastanza desolante del settore al confronto con quello che succede all estero. In concreto, i paragoni con gli altri paesi europei sono desolanti sotto il profilo del numero di aerei registrati, nel rapporto piloti-popolazione, nel giro di affari complessivo e nelle ricadute economiche sull indotto e sull occupazione. Eppure le potenzialità anche in Italia sono evidenti se si guarda al limitrofo settore del volo da diporto o sportivo, ovvero VDS, come dimostrano le migliaia di esemplari di aeromobili, alcuni assai simili a quelli di aviazione generale vera e propria, che sono oggi costretti a volare, su decine di campi di volo sparsi in tutta Italia, sotto la copertura di velivolo ultraleggero. Costretti a volare, si badi bene, in un contesto normativo e regolamentare comunque vago e carente nel quale, sembra evidente, i livelli di sicurezza non possono essere allo stesso standard di quelli dell aviazione generale vera e propria. Questo sviluppo enorme, forse abnorme, del volo da diporto e sportivo in Italia deve far riflettere. A fronte delle poche centinaia di velivoli di aviazione generale immatricolati in Italia vediamo appunto le migliaia di apparecchi VDS. La burocrazia e le inefficienze organizzative ed operative, in questo ambito, del sistema Paese penalizzano fortemente l aviazione generale vera e propria, mortificandone le possibilità di crescita, vincolandone pesantemente l operatività sugli aeroporti principali, nonostante in Italia siano oggi probabilmente solo tre, Fiumicino, Linate e Malpensa, gli aeroporti dove potrebbe veramente avere un senso porre delle limitazioni operative agli aerei di aviazione generale, che in Italia, non bisogna dimenticarlo, è anche uno dei bersagli preferiti di contese tra amministrazioni locali e operatori. Va sottolineato che lo sviluppo del settore VDS, pur positivo in sé, appare negativo se avviene a scapito della vera aviazione generale, sia per il minor livello di sicurezza intrinseco nel settore VDS, sia per il venir meno di quel circolo virtuoso che partendo dall aviazione generale arriva all aviazione commerciale nazionale, settori spesso contingui e che, condividendo parte di quella rete di supporto di cui si scriveva sopra, portano certamente a un più significativo contributo per la nostra economia. Anche il recente D.P.R. 133/2010 che ha aggiornato la regolamentazione del settore VDS, pur avendo certamente contribuito a risolvere alcune precedenti storture, mantiene pienamente la dicotomia netta tra VDS e Aviazione Generale tipica del nostro ordinamento, a differenza di quanto avviene in altri paesi europei, che fa sì che i VDS, pur essendo aeromobili a tutti gli effetti, sembrano normativamente delle entità totalmente diverse e incongrue. 9

10 A radicalizzare ulteriormente questa situazione di incongruità tra la normativa dei VDS e dell A.G. contribuisce il fatto che l Aviazione Generale ricade completamente sotto le regole tecniche e operative di provenienza prima JAA (associazione delle Autorità di Aviazione Civile europee) e ora EASA (agenzia esecutiva della Commissione UE per l aviazione civile), in parte per obbligo comunitario e in parte (per gli aeromobili cosidetti ad Annesso 2 ) per scelta ENAC. Regole tecniche e operative che vanno sempre più complicandosi, a volte anche in modo poco ragionevole ed efficace, di fronte a una certa latitanza del potere politico sia degli stati membri che della Unione nel suo complesso riguardo alle conseguenze dell operato di EASA. Per inciso va ricordato che il settore Aviazione Civile è oggi uno dei pochi dove gli stati membri stanno cedendo sempre più agli organi comunitari non solo poteri di normazione e vigilanza ma anche parte dei poteri esecutivi tipici di uno stato o di una federazione. Un altro indizio negativo del clima sfavorevole per la nostra aviazione generale è dato dalla progressiva uscita di tanti aeromobili dal registro italiano che riappaiono subito dopo con marche di immatricolazione straniere, magari restando proprietà degli stessi soggetti italiani e continuando a essere operati prevalentemente in Italia. Le attuali regole comunitarie garantiscono possibilità di scelta tra tutti i registri aeronautici europei e purtroppo questo si risolve in una progressiva estinzione degli aeromobili con marche I. Eppure, proprio perché siamo agli ultimi posti nel panorama europeo, potrebbero essere interessanti le prospettive di crescita. Crescita che invece, al di là dell attuale, sperabilmente transitoria, crisi globale, è stata nell ultimo decennio assai sostenuta nel resto d Europa e negli USA, mentre in Italia, pur vantando importanti componenti industriali anche al Sud, rimane agli ultimi posti al confronto degli altri paesi europei ed occidentali aeronauticamente più avanzati. Eppure solo un breve viaggio negli aeroporti minori in Francia, Germania, Svizzera o nel Regno Unito, basterebbe per cominciare a valutare seriamente soluzioni normative e operative a costo zero, in grado di rilanciare il settore. Lo sviluppo di tale comparto potrebbe iniziare ad essere incentivato con apposite politiche ed interventi di settore (revisione dei diritti aeroportuali per gli aeromobili più piccoli, esenzioni parziali sulle accise dei carbo-lubrificanti, ecc.), la cui messa a regime, oltre ad accrescere la cultura aeronautica, comporterebbe anche indubbie ricadute positive sulle attività degli aeroporti minori ove si concentra in massima parte l attività di aviazione generale. 10

11 Una parola in conclusione sugli effetti della recente manovra del Governo Monti. Come già detto, è stata introdotta una tassa erariale che, assolutamente giusta nel principio, risulta vessatoria nei dettagli e che rischia di annichilire l intero settore. Anche gli emendamenti introdotti in sede di conversione in legge, pur essendo anch essi ben motivati, sono stati articolati in modo tale che possono causare effetti perversi e gravissimi. Va considerato l effetto nefasto sull economia della riduzione del settore ai minimi termini, a fronte di entrate tributarie che, già modeste considerati il numero di aeromobili in gioco, inevitabilmente tenderanno quasi ad azzerarsi nel giro di un anno o due, parallelamente alla fuga all estero o messa a terra di sempre più aeromobili privati. In breve, si sono scelti meccanismi completamente diversi da quelli previsti per la nautica e per le auto di lusso e tali da generare oneri insopportabili per i proprietari dei piccoli aeromobili della Aviazione Generale. Si prospettano situazioni paradossali ma frequenti dove proprietari di piccoli aeroplani monomotori ad elica con peso poco superiore alla tonnellata e vecchi di alcuni decenni pagheranno somme quasi doppie rispetto a chi ha appena acquistato aeroplani nuovi di fabbrica di peso inferiore di pochi chili e molti casi dove l entità della tassa è sproporzionata rispetto all effettivo valore del mezzo. Va ricordato poi che una tassa erariale simile a quella in questione fu introdotta nel 1991 e poi cancellata con il D.l. n. 564 del 1994 viste le conseguenze perverse che stava creando non solo nel settore della Aviazione Generale ma anche sul fronte delle entrate. Si attende poi l emissione delle disposizioni attuative dall Agenzia dell Entrate per capire come si applicherà il tributo agli aeromobili non immatricolati in Italia ma si paventano interpretazioni della legge, peraltro in questo punto assolutamente poco chiara, che creeranno tensioni internazionali e in poco tempo azzereranno il traffico aeroturistico verso l Italia. Va pertanto rivista la tassa riducendone sensibilmente l onere sugli aeromobili più piccoli e su quelli più vecchi e assicurando comunque una progressività ragionevole senza scaloni netti e irrazionali, per esempio ispirandosi ai meccanismi scelti per la tassazione di imbarcazioni o auto di lusso. Va inoltre resa sicuramente applicabile agli aeromobili di proprietà o esercenza di soggetti residenti in Italia o comunque prevalentemente utilizzati in Italia ma senza incidere sugli aeromobili esteri che brevemente sostano sul nostro territorio. 11

12 4. I vettori nazionali e il caso Alitalia Appare evidente a tutti come l intero settore dell aviazione civile italiana, con particolare riguardo alle compagnie aeree, stia scontando negli ultimi tempi un appesantimento dei costi legato a vicende che poco hanno a che fare con la vera e propria gestione economica del servizio di trasporto aereo. Il gruppo Alitalia-Air One, quello AirItaly-Meridiana, WindJet e Blu-express che potrebbero contare sul mercato interno più grande d Europa per posti offerti (circa settimanali contro i dell intero Regno Unito, i della Germania ed i della Francia), oltre a indubbie problematiche interne, strategiche e sprechi di gestione, stanno indubbiamente pagando a caro prezzo sia l incremento delle misure di sicurezza conseguenti all attentato dell 11 settembre che il continuo rialzo del prezzo del petrolio. Senza riesumare in questa sede tutte le vicende pregresse riguardanti la cessione di Alitalia al gruppo C.A.I. dei c.d. patrioti non ci si può esimere da qualche ulteriore ed aggiornata nota di commento. Considerata sino a qualche anno fa la Compagnia di bandiera italiana, è senza dubbio diventata il principale problema industriale del settore. Le prospettive di rilancio affondano sempre di fronte alle problematiche di volta in volta emergenti nel comparto (attentati terroristici, prezzi petroliferi, questioni sindacali, ecc.), problematiche che, al contrario, le altre compagnie aeree, bene o male, riescono quasi sempre a superare. Anche il bilancio 2011, che nelle previsioni iniziali doveva rappresentare quello del pareggio di bilancio, chiuderà invece in rosso per il terzo anno consecutivo, anche al netto di eventuali operazioni contabili non derivanti dalla gestione, ma straordinarie e una tantum. Anzi, a ben vedere, già i conti del primo semestre avevano beneficiato di tali operazioni contabili per proventi diversi pari a più di 115 milioni di euro senza i quali il deficit finale sarebbe stato ben maggiore. Comunque questo saldo negativo porterà a più di 500 milioni di euro la perdita complessiva dei primi tre anni di gestione Colaninno-Sabelli, mentre il patrimonio netto si ridurrà a circa 450 milioni di euro, con una perdita secca del 38% rispetto agli iniziali milioni di euro di capitale. Il traguardo dell utile di bilancio, originariamente previsto dal piano Fenice del trio Passera-Colaninno-Sabelli, per il terzo anno di esercizio è stato spostato al 2013, ma anche tale previsione viene da tutti considerata una chimera in quanto, per l anno in corso, tutti i principali istituti finanziari, governo compreso, prevedono recessione ed apice della crisi. E questo nonostante le unità lasciate a casa al momento dell acquisto della vecchia ALITALIA, la sterilizzazione degli interventi dell Autorità Antitrust e le oltre 700 unità messe già da novembre scorso in cassa integrazione dalla nuova Alitalia-CAI. 12

13 Ma la questione dei conti in rosso non è la sola che preoccupa: CAI-Alitalia, nonostante gli aiuti ricevuti, continua a perdere quote di mercato. Se tale dato era inizialmente fisiologico con la drastica riduzione di flotta e rotte, sorprende invece che nei primi otto mesi del 2011 i passeggeri siano si aumentati del 6,6% (circa 19 milioni), ma con una riduzione di più di un punto percentuale (7,7) rispetto al tasso di crescita del traffico sugli aeroporti nazionali (vedi dati ASSAEROPORTI). E dalla relazione semestrale di bilancio 2011 del vettore si evince che la quota media di mercato sulle destinazioni nazionali si attesta al 48,5%, già inferiore al 50,4% dello stesso periodo del 2010, e ben al di sotto delle iniziali previsioni di Sabelli (56%) in tale segmento di mercato. Anche per quel che riguarda la quota di mercato estero (12,6%) la stessa relazione semestrale di bilancio 2011 evidenzia un ribasso rispetto allo stesso periodo del 2010 (13,1%). In più, a breve, si aprirà il fronte con l Antitrust, in quanto arrivano a scadenza gli effetti del Decreto del 2008 del Governo Berlusconi che garantiva una sorta di protezione triennale; ed anzi è notizia recentissima l apertura di una istruttoria sulla posizione dominante più eclatante, e cioè quella esistente sull aeroporto di Milano Linate conclusa il 17 aprile scorso con la decisione di rimuovere il monopolio ALITALIA sulla tratta Milano Roma; sulla quale, immediatamente, Easy Jet, ha già chiesto formalmente 16 slot giornalieri e che anche MERIDIANA FLY si appresta a richiedere. Infine, anche quella che sembrava a tutti la vera soluzione del problema, e cioè la vendita della società ad Air France-KLM, è nel breve periodo impraticabile, in quanto per l anno 2011 il raggruppamento franco olandese è in perdita per circa 180 milioni di euro e i debiti finanziari complessivi di gestione assommano a più di 6,5 miliardi di euro. Per quel che riguarda poi la parte operativa i veri problemi che assillano la compagnia risultano a tutt oggi irrisolti. In estrema sintesi: il posizionamento strategico è altalenante tra le tariffe promozionali da vettore low cost e una struttura di costi e personale da global carrier ; il piano industriale presenta enormi difficoltà di gestione e deve trasformarsi da piano a progetto industriale e, con l aiuto di apposite politiche di settore, ricomprendere in un unica visione complessiva, le problematiche delle alleanze, quelle di un eventuale ricapitalizzazione, di posizionamento strategico e di pianificazione operativa; deve essere immediatamente decisa e attuata una scelta di sviluppo delle rotte capace di rispondere alla domanda di trasporto che si prevede in crescita media del 5/6% nei prossimi anni. 13

14 Anche la recentissima notizia dell integrazione industriale (ma pare proprio che si tratti di una vera e propria acquisizione) di CAI-Alitalia con le società low-cost Wind Jet e quella non riuscita con Blue Panorama è incomprensibile, oltre che in palese controtendenza con gli attuali processi di liberalizzazione. Non a caso Primoconsumo presenterà ricorso all Antitrust per l abuso di posizione dominante in quanto con tale operazione si violano le norme sulla concorrenza, creando situazioni di monopolio e conseguente aumento dei prezzi delle tariffe aeree in danno dei consumatori. Inoltre tale progetto è francamente poco comprensibile anche perché non si capisce dove la compagnia di bandiera possa trovare i soldi in questo momento. Non sono nostre parole di commento bensì le prime di commento del Presidente dell Enac, Vito Riggio, in seconda battuta rettificate, e in ogni caso c è un ulteriore problema di Antitrust, che dovrà esprimere un parere preventivo su alcuni profili dell operazione in quanto, se ci sono delle sovrapposizioni, è chiaro che si può arrivare a una concentrazione ed eventuale abuso di posizione dominante. Così come analogo parere, sul piano tecnico e della sicurezza, dovrà essere reso anche dall Ente Nazionale per l Aviazione Civile, anche se l operazione si limitasse, come sembra da recentissime precisazioni, a una fusione con reciproco scambio di quote azionarie tra le diverse Società. 5. Gli Aeroporti nazionali e le Società di gestione Per quel che riguarda il sistema aeroportuale nazionale non si può non evidenziare, in prima istanza, un panorama complesso e multiforme: esaurita la spinta del governo PRODI, si avverte la mancanza di una cabina di regia di attuazione delle proposte che stanno cercando di razionalizzare il settore, anche nella corrente legislatura, con particolar riguardo al nuovo piano nazionale degli aeroporti che, alla data odierna, stenta a vedere la luce nonostante. Il sistema aeroportuale italiano è molto diffuso ma debole e la mancanza di pianificazione è il punto più critico del nostro sistema Paese in questo campo. In queste condizioni, il sistema non è in grado di sostenere le considerevoli potenzialità di sviluppo del traffico aereo. Non è un nostro commento, bensì quello che emerge a conclusione dell indagine conoscitiva svolta dalla Commissione Trasporti della Camera dei Deputati. 14

15 Il quadro, molto dettagliato, delineato dall indagine vede il nostro Paese in forte ritardo nei confronti degli altri grandi Paesi europei. Nel 2008 la Gran Bretagna ha registrato 213,888 milioni di passeggeri, seguita dalla Germania, con 166,095 milioni, la Spagna, con 161,401 milioni e la Francia con 122,724 milioni. Il nostro Paese si è dovuto accontentare di 105, 217 milioni di passeggeri. Il confronto con i grandi hub europei (nel 2009) vede Fiumicino al 7 posto e Malpensa al 12. Dai dati presentati il sistema aeroportuale londinese vanta 133,581 milioni di passeggeri, seguito da Parigi (86,864 milioni), Francoforte (53,189 milioni), Madrid (50,366 milioni) e Amsterdam (47,404 milioni), mentre il nostro principale scalo di Roma Fiumicino si è limitato a 34,815 milioni di passeggeri. E anche gli investimenti (datati 2007) ci vedono agli ultimi posti rispetto ai nostri concorrenti europei: sul fronte dei servizi lo scalo di Fiumicino ha investito 2,2 a passeggero e Malpensa 2,3, cifre molto lontane dai 20,8 di Francoforte, 10,3 di Vienna, 10,2 degli scali spagnoli, 9,8 degli scali londinesi e gli 8,5 degli aeroporti parigini. Altrettanto vale per gli investimenti nel biennio anche se bisogna tener conto che recentemente la società Aeroporti di Roma e la Sea hanno presentato un ambizioso programma di 5,5 miliardi nei prossimi dieci anni di cui 3,6 per il solo scalo romano. I più grandi aeroporti italiani non sono troppi rispetto alla media europea, ma è la loro potenzialità di sviluppo del traffico aereo e di efficienza nei servizi a essere di gran lunga inferiore. Secondo le previsioni, il traffico aumenterà da circa 130 a 230 milioni di passeggeri entro il 2020 o il 2025 e, presumibilmente, la crescita si concentrerà nel Lazio e in Lombardia, le regioni che ospitano i grandi hub di Fiumicino e Malpensa. Fra i punti critici del sistema - composto da 100 scali di cui 47 commerciali e di dimensioni limitate - c è un emergenza: le gravi carenze in termini di accessibilità e di collegamenti con la rete metropolitana, dell alta velocità e stradale che è necessario potenziare soprattutto per i 6-7 maggiori aeroporti (quelli cioè con più di 5 milioni di passeggeri l anno); anche perché è stato confermato il ruolo fondamentale che gli aeroporti assumono rispetto alle capacità di sviluppo del traffico aereo e, attraverso di esso, dell economia del Paese nel suo complesso. Appare in tale contesto ineludibile la necessità di un piano che disincentivi la parcellizzazione degli aeroporti e permetta di individuare quelli aeroporti prioritari su cui concentrare le poche risorse disponibili. 15

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DEI SERVIZI PUBBLICI

LE TRASFORMAZIONI DEI SERVIZI PUBBLICI I SERVIZI PUBBLICI PROF. FRANCESCO COSSU Indice 1 LE TRASFORMAZIONI DEI SERVIZI PUBBLICI ------------------------------------------------------------------- 3 2 IL REGIME TRADIZIONALE ---------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

I RAPPORTI CONTRATTUALI NELLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA

I RAPPORTI CONTRATTUALI NELLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA I RAPPORTI CONTRATTUALI NELLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA Elementi di studio e riflessione sulle forme contrattuali, derivate dalla applicazione della disciplina del c.c., legislativa, normativa

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 28.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 94/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/23/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 sull aggiudicazione dei contratti

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014).

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014). COMUNICATO STAMPA ADRIATIC SEA FORUM: al via oggi a Dubrovnik la seconda edizione di Adriatic Sea Forum cruise, ferry, sail & yacht, evento internazionale itinerante dedicato ai settori del turismo via

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

2001/24/CE, 2002/47/CE, 2004/25/CE, 2005/56/CE, 2007/36/CE, 2011/35/UE, 2012/30/UE

2001/24/CE, 2002/47/CE, 2004/25/CE, 2005/56/CE, 2007/36/CE, 2011/35/UE, 2012/30/UE L 173/190 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 12.6.2014 DIRETTIVA 2014/59/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 maggio 2014 che istituisce un quadro di risanamento e risoluzione degli enti

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli