Introduzione. w slot. piano metallico indefinito

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione. w slot. piano metallico indefinito"

Transcript

1 Apput d Atee Cptolo 6 Atee fessu toduoe... Studo del cmpo dto tmte le coet equvlet...3 Clcolo dell esste d doe...7 Sche d slot su ud d od ettole...9 Rchm sulle ude d od ettol...9 Applcoe d slot sulle pet delle ude d od... Schee sot... 3 Schee o sot... 6 Metodo semplfcto d poetto... 9 toduoe Cosdemo u po coduttoe metllco, supposto pefetto (coè co coducbltà σ ) e mmmo d ptce su d esso u fessu (o slot) molto stett ( ): L w slot L>>w po metllco defto Se l luhe d quest fessu, dct co L, è p me luhe d od, l stuttu è esttmete dule spetto l dpolo elettco / pecedetemete esmto. D quest dultà c cceteemo t poco modo ooso. L fessu può essee ecctt d u le d tsmssoe elt tmte u cvo cossle, come mostto ell fu seuete: Co molto stett tedmo de che l lhe deve essee molto moe dell luhe

2 Apput d Atee Cptolo 6 L m del cvo cossle vee coess d u estemtà dell fessu, mete l cl vee coess ll lt estemtà. Ge l ftto che l luhe L è molto moe dell lhe w dell fessu, s ottee u cmpo elettco tele ll petu, del tpo mostto ell fu seuete: E l E t Soo qu ppesette u compoete tsvesle E t ll fessu ed u compoete E lotudle d ess. e cpe melo come è ftto questo cmpo, l ossevmo che, cospode de qutto bod dell fessu, dt l dscotutà t delettco ( questo cso ) e metllo, deve sulte E, dove è l omle oett: questo sfc, pe quto ud bod ssto e desto, che l cmpo lotudle E, tele ll dscotutà, deve essee l ullo cospode d ess. Del esto, vedo supposto w<<, possmo ssumee che l cmpo E l s ullo su tutt l petu. Qud, l uc compoete pesete è E t ; sempe vtù del ftto che w<<, possmo che teee che E t s costte co l deoe tsvesle ll fessu, pe cu ess potà ve solo co. L dmeto specfco, pputo spetto, s può dedue dll dultà co l dpolo elettco: possmo coè pote che sult E t E s ( k ( L )) Abbmo duque u dmeto del tpo seuete: Autoe: Sdo etell

3 Atee fessu E () Come s vede, l cmpo s ull l estem (sempe coseue dell codoe E ), mete ssume vloe mssmo (E sk L) cospode del ceto (). Abbmo duque dvduto l dmeto del cmpo cospode dell petu. Questo c cosete, come sppmo, d dedue l cospodete cmpo dto. A tl poposto, scelmo d use l metodo delle coet equvlet. Studo del cmpo dto tmte le coet equvlet eele, sppmo che le coet equvlet possoo essee d tpo metco (dovute l cmpo elettco) e d tpo elettco (dovute l cmpo metco), secodo le seuet fomule eel, vlde puto pe puto d u supefce che ccod completmete l soete esme: J J es ms ( ) ( E E ) ptcole, possmo scelee d pedee E, pe cu J J es ms E Come supefce, cosdemo esttmete quell dell fessu. Scelmo, ptcole, d metlle tle supefce, modo d cotoccute le coet elettche e lsce d de solo le coet metche. Tuttv, questo modo, le oste coet o do spo lbeo, l che ppeset pe o u complcoe. D coseue, pplchmo l pcpo delle mm, elmdo l supefce metllc (pe cu smo desso spo lbeo) e ddoppmo le coet: E J ms 3 Autoe: Sdo etell

4 Apput d Atee Cptolo 6 Queste soo duque le coet equvlet, che sulto essee o ulle solo cospode dell fessu quto solo lì sult E. ptcole, s è E E s k L, pe cu vsto pm che l cmpo sull fessu è dto d t ( ( )) deducmo che le coet equvlet soo J ms E E t E s ( k ( L )) E s( k ( L )) Abbmo duque u coete metc equvlete che scoe ell deoe delle postve: J ms E y l dscoso ppe cocluso most u dffee fodmetle spetto quto tovto el cso del dpolo elettco /: ftt, quel cso, l dstbuoe dell coete luo l te e tle che l destà d coete fosse dett veso le postve pe > e veso le etve pe <; l coto, el cso dell fessu, l coete è sempe dett veso le postve: J ms J ms J ms J ms dpolo slot Quest cosdeoe compot u coseue fodmetle: l coete metc bbmo postulto poduà l coetto cmpo elettco sull petu solo cospode d >, mete vece, cospode d <, vemo u cmbo d seo. Detto pole pù semplc, possmo clcole l cmpo elettometco dto dll J ms pm postult e teelo coetto solo pe l Autoe: Sdo etell 4

5 Atee fessu semspo cospodete y>, mete vece el semspo cospodete y< dovemo effettue u semplce cmbmeto d seo. Admo duque cve l cmpo elettometco dto d J ms, ovvmete o lot. l pocedmeto è quello solto: pe pm cos, dobbmo deteme l potele vettoe metco, solvedo l seuete equoe dffeele d tpo om be oto: ( k ) A m εj ms L soluoe d quest equoe, ell su fom pù eele, è l seuete: jk ε e jk ( ' ) A m () J ms (')e dv' 4 V' secodo luoo, dl potele vettoe possmo sle cospodet cmp, tmte le seuet espesso: ( A ) jωa m jωµ ε E A m ε Aché codue oos pss ltc ecess solvee l tele d volume potto poco f, possmo pù pdmete sfutte l lo co l dpolo /; ftt, cosdedo sempe che w<<, l tele d volume dvet u tele d le, ssolutmete loo quello cotto ello studo dell doe del dpolo: jk L ε e jk ( ' ) A m () J ms (')e d' 4 el cso del dpolo /, l soluoe d questo tele e l pplcoe delle fomule pe l cmpo elettco ed l cmpo metco potvo lle seuet celeb espesso: cos cosθ jk e Eθ j s θ cos cosθ jk Eθ e ϕ j s θ Applcdo l dultà (l che sfc, evdetemete, suppoe L/, oss L/4), deducmo che l cmpo elettometco dto dll fessu è l seuete: L m 5 Autoe: Sdo etell

6 Apput d Atee Cptolo 6 dove tulmete bbmo supposto che ms ms E θ ϕ E J m J ms () J m s () wj () cos cosθ jk m e j s θ cos cosθ E θ m e j s θ jk ( k ( L )) wj m s( k ( L )) m s( k ( L )) bse lle cosdeo ftte pm, questo cmpo è vldo solo pe y>, mete vece, pe y<, bso opee u vesoe d seo. Cocludmo che l cmpo dto o lot d u fessu lu L dspost el po è l seuete: y > : E ϕ θ cos cos θ jk m e j s θ cos cos θ jk m e j s θ y < : E ϕ θ cos cos θ jk m e j s θ cos cos θ m e j s θ jk ptc, qud, l cmpo pe y< è semplcemete l mme d quello pe y>. L fu seuete ut che l cocetto: y< y> po y stto d coete metc y< y> po y fessu Autoe: Sdo etell 6

7 Atee fessu m d poseue, fccmo osseve due cose: pmo luoo, che l cmpo elettco e quello metco soo let dll eloe E ; secodo luoo, se cosdemo bod supeoe ed feoe dell fessu, sult che E E t J ms E s ( k ( L )) Clcolo dell esste d doe U volt cvto l cmpo dto dll fessu, possmo stude l ptte d doe d questo ptcole tpo d te, l fe d esempo d cve l esste d doe. L pm ossevoe che s può fe è tutv: dt l dultà spetto l cmpo dto dl dpolo /, sult detc l ptte d doe pputo e l dettvtà. Cocetmoc pecò solo sull esste d doe. Clcolmo pe pm cos l destà d pote (ttv) dst dll te dte: cos cos * θ * m p Re{ E } Re{ E } ϕ θ s θ cos cosθ Evdetemete, l fttoe detem l à ctto ptte d s θ doe, detco quello del dpolo /. tedo l destà d pote su u sfe d o, ottemo l pote totle dt: Sfe p( θ, ϕ)dω m p( θ) cos cosθ s θ s θdθdϕ p( θ) s θdθ s θdθ m cos cosθ dθ s θ el cso del dpolo /, l posecuoe d quest stess cot, m co l posto d, coduce otomete l sultto pe cu , d cu po s ottee u esste d doe p e sfutte questo sultto ed evte d poseue e clcol, possmo oe el modo seuete. pmo luoo, l posto d cosdee u esste d doe, cosdemo u mmette d doe, deft come quell mmette G che dssp u pote seuto d u tesoe V pplct suo cp: G V m 7 Autoe: Sdo etell

8 Apput d Atee Cptolo 6 el osto cso, l tesoe d cosdee è quell cospode d : cosdedo co u volt che w<<, possmo teee che m w E () w w m V t d cu qud sctusce che G 8 m e qud che che l mmette d doe vle 8 G Sosttuedo l espessoe d, ottemo duque m G 8 m m cos cosθ dθ 8 s θ cos cosθ dθ s θ el cso del dpolo /, l sultto cu s pevee è m m cos cosθ dθ s θ D qu deducmo che cos cosθ dθ s θ Sosttuedo llo ell espessoe d G, ottemo G ( ) 3 R 486 Ω l vloe tovto è bbst lto (cc 6,6 volte pù de de 73 Ω del dpolo /), l che ede quest te ptcolmete mbt elle pplco: ftt, bst poc coete (poveete dl cvo cossle) pe otteee u buo lvello del cmpo dto o, vceves, bst u pccolo cmpo cdete sull te pe otteee u buo coete teml d usct. A fote d quest vt, peò, c è che lo svto che sult dffcle tove lee d tsmssoe co mpede cttestc d 486 Ω, l che ede eelmete ecesso l uso d dttto tepost t te e le d lmetoe pputo. Autoe: Sdo etell 8

9 Atee fessu Sche d slot su ud d od ettole Atee dt solo slot soo spesso uste sul ee: l fessu vee ftt ptct dettmete sull cl. Molto spesso, ess è lu /4 e vee pefet s ll su stuttu dule, coè l te moopolo, s che l dpolo / d cu bbmo plto pm. Soo tuttv uste d fequete che le cosddette schee d slot, otteute ptcdo le fessue sulle pet metllche delle ude d od. Volmo llo stude dettltmete questo tpo d stuttue. Rchm sulllle ude d od ettoll e semplctà, cosdemo u ud d od ettole, del tpo potto ell fu seuete: y b L L ud è lu L e l su seoe è l b e lt. L deoe lotudle dell ud è stt pes pllel ll sse, pe cu l po y è quello tsvesle. Rcodmo pcpl sultt eltv d u stuttu d questo tpo, pe po psse vedee cos succede pese d slot su u delle pet metllche. u stuttu d questo tpo, è oto che l cmpo elettometco è esselmete quello del modo TE (modo domte), ctteto dlle seuet compoet: jβ E y E s e jβ E W s e jβ je cos e k Come s vede, l cmpo h te compoet: cscu d esse s pop luo l sse, è costte co y ed h dmeto susodle spetto d. Co W bbmo dcto l mmette d od, mete β è l costte d popoe: β k β W k 9 Autoe: Sdo etell

10 Apput d Atee Cptolo 6 L luhe d od è β 4 ed è evdetemete moe d. l cmpo elettometco ell eec seoe tsvesle s ottee poedo pputo : el cso cu s po, s ottee l cmpo ell seoe d esso, oss dove v l lmetoe (pott tmte u ppost le d tsmssoe, d esempo l solto cvo cossle): E y E s E W s je cos k tulmete, stmo fcedo l potes che o c s od fless ell ud, pe cu l cmpo (e qud che le cospodet tesoe e coete) bb solo l od dett. Come è oto, questo sultto s ottee solo se l ud è dttt oppue se è d luhe ft. Se vece o fosse spettt u d queste codo, vemmo che l od fless. e esempo, cosdemo u stuoe del tpo seuete: ud d'od d luhe ft cco L o dttto cossle Cosdemo d esempo l cmpo elettco luo y: pese d od dett ed od fless, esso sà del tpo E y E s e jβ E R s e jβ Autoe: Sdo etell

11 Atee fessu potmo che l ud s chus cotoccuto (pe cu L): questo cso, l codoe l cotoo sull coete è () e cospode d vee ullo che E, pe cu E E R ossmo pecò scvee l cmpo E y ell eec seoe come jβ jβ E y E s e E s e E s j s Se pssmo el domo del tempo ttsfomdo quest espessoe, ottemo jωt e (, y., t) Re{ E ye } E s s( β) s( ωt) bse quest espessoe, dto che l dpede d è sept d quell d t, o smo pù pese d u od che s pop, m d u od sto, che qud o tspot ee. detco dscoso vle ovvmete pe le lte due compoet d cmpo. Se l cco, chè essee L, fosse u eec L, semmo pese d u od dett ed u ves che possoo essee tepette el modo seuete: sepdo dll od dett u quot pte che compes esttmete l od fless, vemmo u od sto (che o tspot ee) cu s somm u od dett (quell mst dopo l sepoe d cu sop) esposble dell effettvo tsfemeto d ee dll soete l cco. Temt quest chm eel e pd sulle ude d od, pssmo vedee che succede qudo ptchmo delle fessue sulle loo pet metllche. ( β) Appllcoe d sllot sulllle pet delllle ude d od Dt l ud d od desctt el pecedete pfo, cosdemo l su fcc supeoe, d cu è d seuto pott u vst dll lto: E y L bse sultt tovt pm, le compoet del cmpo u eeco puto dell supefce metllc (pe cu yb) soo quelle potte fu. bse lle codo l cotoo, sppmo che u cmpo metco tele cospode d u dscotutà t metllo e delettco detem u folo d coete co destà Autoe: Sdo etell

12 Apput d Atee Cptolo 6 Autoe: Sdo etell ( ) ( ) ( ) ( ) S J bse quto tovto, l destà d coete peset u compoete luo ed u luo. Sosttuedo le espesso d ed e potdo l sse dell od fless, ottemo j W j W j S e s cos k j E e s E e cos k je J β β β Se pocedmo modo loo sull fcc ltele dell ud, ottemo quto seue: ( ) ( ) j lt e cos k je J β Tmte quest sultt, smo do d tcce l dmeto delle lee d coete sulle ve fcce dell ud, come potto ell fu seuete: A questo puto, dmo ptce delle fessue d esempo sull fcc supeoe dell ud: bse ll dmeto che bbmo tovto pe le lee d coete, sult evdete che uscemo d eccte le fessue (coè d due esse u cmpo elettometco tmte le lee d coete sull supefce metllc) solo ptto che esse tecetto le lee d coete modo oppotuo. Ad esempo, potemo poe l eeco slot tsveslmete lle lee d coete secodo u ceto olo

13 Atee fessu ϕ oppue che lotudlmete (coè co ϕ ) ptto peò d dstlo d u quttà (dett offset) dl ceto: Co scelte d questo tpo, o solo vemo otteuto delle tee dt co l effce pm desctt, m potemo che cotolle l testà dell loo ecctoe (e qud che del cospodete cmpo dto) semplcemete eoldo e ϕ. Questo c cosete d stete schee d slot co testà qulss d ecctoe, modo d otteee desdet dmm d doe (d esempo schee d tpo Chebyshev). Esstoo due tp d schee d slot, d cu pleemo e possm pf: schee sot e schee o sot. etmb cs, vedemo che l modello ccutle pmet dstbut dell ud d od co l slot cospode ll clssc le d tsmssoe co delle codutte poste tsveslmete due codutto dell le: l eec codutt, ell potes d ele fessue lotudl co u ceto offset, sult vee espessoe.9 cos b s,offset Schee sot U sche sote d slot s ottee el modo seuete: dt l fcc supeoe d u ud d od metllc ettole, s ptco su d ess delle petue stette, dsposte deoe lotudle (coè pllele ll sse dell ud), dstte u dll lt d u quttà / e poste ltetvmete d u pte e dll lt spetto ll le cetle dell fcc, co offset uule d etmbe le pt: offset quest stuttu, l ftto d ve dstto l slot d u quttà / f s che l cmpo (e qud l coete d ecctoe) cospode d cscuo slot subsc uo sfsmeto d d uo slot ll lto ( ). A questo sfsmeto, s Rcodmo, ftt, che l luhe d od d u od popoe è l dst t put dell od vet l stess fse, oss sfst d, pe cu u dst d me luhe d od cospode d uo sfsmeto d, coè d u vesoe d seo. 3 Autoe: Sdo etell

14 Apput d Atee Cptolo 6 ue po quello dovuto l ftto d poe l slot ltetvmete d u pte e dll lt dell le cetle: che qu lo sfsmeto è d, pe cu, sommdos ll lto, ottemo uo sfsmeto ullo. deftv, le coet d ecctoe de v slot soo tutte fse t loo e sppmo che quest è l defoe d sche d tee d tpo bodsde. l ccuto equvlete dell sche cosste u le d tsmssoe co codutte (dove è l umeo d slot), poste pllelo t due codutto dell le e dst / u dll lt, chus su u cotoccuto fle. Quest ultmo, e sempe ll sptu d /, f modo che l codutt ved, veso dest, u ccuto peto: ccuto peto e 3... L opo l ftto d ve mposto u dst d / lle codutte (coè l slot) f s che l codutt equvlete d esso dell te stuttu s l somm delle sole codutte: qud e Se llo V è l tesoe equvlete che sce cp del ccuto equvlete, l pote dt dl solo slot sà V D lt pte, o slot h u coete d ecctoe equvlete tle pe cu l pote dt sult k Mettedo llo seme le due espesso d, deducmo che è popoole ll dce qudt d. omo llo eecmete α Se volmo che ve dt tutt l pote dspoble, è ecesso che l codutt equvlete totle e sult ut: possmo pecò mpoe che Autoe: Sdo etell 4

15 Atee fessu α α e α bse quest eloe, u volt stblt lvell eltv d ecctoe del slot, smo do d clcole l chesto vloe d α. Tto pe fe u esempo semplce, cosdemo u sche d 5 elemet ed u dstbuoe tole dell coete luo l elemet dell sche, l che sfc chedee d esempo che ; ; 33 ; 4 ; 5 Co quest scelt, s tov, bse ll fomul pm otteut, che α.56. ot α e ote le coet, smo ovvmete do d deteme le codutte : fe, ot pmet dell le ( e b) e quell d lvoo ( e qud ), s possoo clcole cospodet offset d ttbue l slot, medte l à ctt eloe,offset.9 cos s b D quest, ftt, s cv che,offset s.9 cos b ell ptc, se s deve otteee u sche sote co u pefssto lvello de lob secod, s pocede eelmete poettdo l sche co u lvello pù bsso d quello chesto, modo che po l dffee ve compest dl effett delle tollee todotte dll eloe ptc dell sche. Ad esempo, voledo ele u sche d Chebyshev co lob secod d lmeo 3 db l d sotto del lobo pcple, s eseue l poetto cosdedo lob secod che so 35 db l d sotto del loo pcple; 5 db d dffee t poetto e specfche veoo ptcmete scompe ell eloe cocet dell stuttu. Ad o modo, selmo che, se lob secod devoo essee o pù d db l d sotto del lobo pcple, eelmete l sovdmesometo o sult ecesso. U ossevoe co pù mpotte, che se scott, è che u stuttu d questo tpo h u bd opetv molto pccol, quto lo sfsmeto d / t slot dcet è otteble solo cospode d u dt feque d lvoo. Questo è l motvo pe cu s pl d sche sote. L bd effettv d utlo cospode ll tevllo d fequee cospode delle qul l compotmeto dell sche, spetto quello dele ceto bd, dffesce o olte lmt pefsst. 5 Autoe: Sdo etell

16 Apput d Atee Cptolo 6 Schee o sot U sche o sote d slot è otteut modo smle d u sche sote, co due dffeee fodmetl: ftt, mete vee co utlto l cteo d poe l slot ltetvmete d u pte e dll lt spetto ll le cetle dell supefce metllc (secodo u offset uule pe tutt l slot), l sptu t uo slot e l lto o è pù ecessmete d / (dove codmo che è l luhe d od del cmpo ell ud d od, oss l dst t fot d od co l stess fse) ed olte l le vee chus su u cco dttto. Così fcedo, s può scelee l sptu d t slot dcet modo d podue u lobo pcple clto d u olo qulss ψ spetto ll omle ll supefce (m comuque cete el po coteete l sse dell sche stess), come llustto ell fu seuete: omle d ψ deoe fsco offset l ccuto equvlete pe questo tpo d sche è smle quello vsto pe le schee sot, co l dffee che ttt d le d tsmssoe t u codutt e l lt soo desso luh eecmete d e che l le o è pù chus su u cotoccuto, m su u codutt L: e 3... L d Questo ccuto è otteuto potdo che tutt l slot bbo u mmette d esso pumete coduttv (soo coè sot) e che le mmettee mutue t uo e l lto so tscubl. Avedo che fe co u sche d tee, possmo de deteme l suo fttoe d sche, che codmo essee cttestco dell dstbuoe eometc delle ve tee oché dell loo lmetoe: F ( θ, φ) e jkr Autoe: Sdo etell 6

17 Atee fessu l fsoe tee coto d come le tee soo lmette coete, tmte u modulo ed u fse. l teme espoele, vece, tee coto dell dves posoe delle tee spetto l eeco puto (,θ,φ) cu msumo l cmpo totle dto. el osto cso, bbmo che jβ d j e e l teme (ele) è semplcemete l mpe dell coete d ecctoe. l jβ d teme d fse e ppeset l fse, ell posoe cospodete ll -smo slot, del modo che s pop ell ud d od e qud cospode che ll fse del cmpo che ecct l -smo slot. l teme e j cospode vece semplcemete ll vesoe d fse dovut ll lte del slot spetto ll le cetle dell supefce su cu soo ptct. Sosttuedo, bbmo pecò che e quto ud l teme R F ( θ, φ) jk R e e jβ d e jk R e j, c bst osseve che ( d ) d ptcole, se cosdemo u eeco puto del po [y,], ottemo pe cu scvmo che F R d d cosθ d s ψ j j ψ ( ψβ) ( ) β d jk d s j ψ j j k s e e e e e e e Adesso, pe otteee u somm fse de v cotbut cospode dell olo ψ (lobo pcple), dobbmo evdetemete mpoe che l fse s sempe u multplo teo d : l codoe d mpoe è duque che ( s ψ β) d m k m, ±, ±, Esplctdo llo l sptu d, ottemo d k ( m ) ( m ) ( m ) ( m ) s ψ s ψ β s s ψ d j ( ψ ) Abbmo desso l lbetà d scelee vlo d m. Ad esempo, pe m ottemo d d s ψ s ψ d ( ) 7 Autoe: Sdo etell

18 Apput d Atee Cptolo 6 E ovvmete ecesso che s spettt l codoe <sψ<: mpoedo quest codoe, s tov, sempe pe m, che deve sulte < d < ( ) ( ) Qud, pe otteee l desdeto lobo pcple e scelee m, dobbmo pedee u qulss vloe d d compeso questo tevllo. Rpotmo, se esplcte clcol, cos succede pe lt vlo d m: m> m m< (m ) d ( ) d > ( (m ) d > ( ) ) L scelt dell uo o dell lto cso può essee ftt sceledo l cso che fosce l vloe moe d d. Ad esempo, elle usul fequee d utlo d questo tpo d tee ( 3 ), s tov che l cso d m- fosce u vloe d d feoe spetto quello foto dl cso d m. eele, deducmo llo che, l fe d otteee u solo lobo pcple, c ( m ) deve essee u sol soluoe pe ψ ell equoe d pe dves s ψ ( ) vlo d m. S tov fclmete che quest codoe s ottee sceledo 3 < d < ( ) ( ) che po cospode pedee m e d feoe l vloe chesto dl cso cu m-. mpoedo quest codoe, bbmo duque che ( m ) 3 < < ( ) ( s ψ ) ( ) oss < ( m ) < ( s ψ ) 3 Esplctdo popo l olo ψ, s otteoo suo vlo estem: 3 E bee sottolee che queste usul fequee d utlo soo tl pe cu sult sempe < <, l qule codoe dpede che dlle modltà d popoe ell ud. Autoe: Sdo etell 8

19 Atee fessu d s ψ d d d m m ( ) 3 ( d s ψ s ψ ) ( ) 3 ( ψ 9 3 ) Suppoedo. 5 ψ.5 Abbmo duque tovto che, quluque s l vloe d, l olo mmo è 9, mete vece l olo mssmo dpede d : cospode del vloe tpco.5, s ottee ψ m.5. bse quest vlo, deducmo che l lobo pcple può cope tutt l eoe posteoe (ψ m-9 ) e l eoe teoe fo ψ m.5. U cso ssolutmete ptcole è quello cu tutt l slot veoo post su d u solo lto spetto ll le cetle del po metllco. questo cso, petedo lo stesso ometo d pm s tov che < d < ed olte che ψ ψ m m 9 Suppoedo Metodo semplfcto d poetto el cso d u sche o sote compost d pecch slot (lmeo ) e dll qule s vol otteee u fsco o detto luo l omle ll sche stess, è possble use u metodo d poetto bbst semplce. l cocetto è quello pe cu, elle suddette potes, o slot d u pccol pte dell pote totle esso e olte ppeset solo u pccol dscotutà ell ud d od, pe cu poduce solo u mm flessoe dell od cdete. olte, l slot o veoo spt uo dll lto d /, pe cu le flesso dovute cscuo d ess o s sommo fse e qud l coeffcet d flessoe totle ll esso dell sche sult ch esso bsso. U ecceoe tutto questo s peset solo qudo d /, che è l codoe pe otteee u fsco detto luo l omle ll sche, el qul cso le sole flesso dovute l slot s sommo fse ll esso (codoe d so). dchmo co l lvello eltvo d ecctoe dell -smo slot: l pote dt d tle slot sà llo popoole d. D coseue, qudo specfchmo l desdet dstbuoe pe otteee l desdeto ptte d doe ( tem d mpe s del lobo pcple s de lob secod), d ftto specfchmo l pote meo d u costte d popooltà. dchmo co l foe d pote cdete che vee dsspt dl cco dttto (u vloe tpco è l 35% dell pote cdete, oss.35). Allo, se c mettmo cospode dell codutt pecedete l cco dttto L, l pote cdete sà. Se, cospode d, l tesoe 9 Autoe: Sdo etell

20 Apput d Atee Cptolo 6 Autoe: Sdo etell equvlete ttveso l le d tsmssoe d mpede cttestc ut vle V, vemo (ell potes d teee tscubl le flesso) che V Del esto, l pote dt dllo slot, co codutt, è V : d qu deducmo che V Adesso petmo l pocedmeto pe lo slot -: l pote cdete è questo cso -, dove l pote dt è V, d cu qud V ocededo toso, deducmo che, pe l eeco slot -smo, sult Del esto, se deomtoe umo e sottmo l teme, oss l pote complessvmete dt d pm - slot, ottemo tot mpoedo che l somm d e delle potee totl dte s p d, cocludmo che U volt tovte le sole codutte, possoo che essee cvt cospodet offset tmte l solt fomul s cos b.9 Autoe: Sdo etell

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE Pof. Agelo Ageletti -.s. 006/007 1) COME SI SCRIVE IL RISULTATO DI UNA MISURA Il modo miglioe pe espimee il isultto di u misu è quello di de,

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI DEFINIZIONE: Due mtici qudte A e B, dello stesso odine n, si dicono simili se esiste un mtice non singole S, tle che isulti: B S A S L mtice S si chim nche mtice

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica www.suolinweb.ltevist.og L Dinmi Poblemi di isi L Dinmi PROBLEA N. Un opo di mss m 4 kg viene spostto on un foz ostnte 3 N su un supefiie piv di ttito pe un ttto s,3 m. Supponendo he il opo inizilmente

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr 4. Lavoo ed enegia Definizione di lavoo di una foza Si considea un copo di massa m in moto lungo una ceta taiettoia. Si definisce lavoo infinitesimo fatto dalla foza F duante lo spostamento infinitesimo

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

ELETTROMAGNETI IBK Elettromagneti per l automazione flessibile

ELETTROMAGNETI IBK Elettromagneti per l automazione flessibile INDUCTIVE COMPONENTS I 0 I 0 IBK ELETTROMAGNETI IBK Elettomneti e l utomzione flessibile Ctloo eli elettomneti IBK e l zionmento ei sistemi oscillnti Eizione Mio 2004 www.eoitli.it/ootti/feee.tml Elettomneti

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia.

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia. Poblema fondamentale: deteminae il moto note le cause (foze) pe oa copi «puntifomi» Dinamica Se un copo non inteagisce con alti copi la sua velocità non cambia. Se inizialmente femo imane in quiete, se

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e,

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e, Capitolo 10 La gavitazione Domande 1. La massa di un oggetto è una misua quantitativa della sua inezia ed è una popietà intinseca dell oggetto, indipendentemente dal luogo in cui esso si tova. Il peso

Dettagli

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione 07 Guid ll progettzione Scelt tubzioni e giunti 2 tubi di misur [mm] Dimetro tubzioni unità esterne (A) Giunti 12Hp 1Hp 1Hp Selezionre il dimetro delle unità esterne dll seguente tbell Giunto Y tr unità

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren.

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren. Cari lettori Oggi della pulizia del nostro paese vi voglio parlare, che per come funziona, troppo cara ce la fanno pagare. Pe quanda solt co senec ne fasce pagà de rummat, Putignan er a iess nu paes, splendente

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2 apitolo 0 Enegia potenziale elettica Domane. Il lavoo pe spostae una caica ta ue punti è: L 0(! ). Pe i te casi inicati saà alloa: L (50! 00 ) (50 ) : 0 0 : L 0! 0 3: L 0! 0 [5 ( 5 )] (50 ) [ 0 ( 60 )]

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

STATISTICA Lezioni ed esercizi

STATISTICA Lezioni ed esercizi Uverstà d Toro QUADERNI DIDATTICI del Dpartmeto d Matematca MARIA GARETTO STATISTICA Lezo ed esercz Corso d Laurea Botecologe A.A. / Quadero # Novembre M. Garetto - Statstca Prefazoe I questo quadero

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI APPROFONDIMENTI SUI NUMERI. Il sistem di umerzioe deimle Be presto, ll operzioe turle del otre, si è ggiut l esigez di «rppresetre» i umeri. I sistemi di umerzioe possiili soo molti; per or i limitimo

Dettagli

FAST FOURIER TRASFORM-FFT

FAST FOURIER TRASFORM-FFT A p p e n d i c e B FAST FOURIER TRASFORM-FFT La tasfomata disceta di Fouie svolge un uolo molto impotante nello studio, nell analisi e nell implementazione di algoitmi dei segnali in tempo disceto. Come

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni.

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni. Credimo nel concetto di cucin chilometro zero e nei prodotti di stgione, credimo nel rispetto dell mbiente e delle trdizioni. L nostr propost enogstronomic è bst sull riscopert delle ricette più semplici

Dettagli

10 Progetto con modelli tirante-puntone

10 Progetto con modelli tirante-puntone 0 Progetto con modelli tirnte-puntone 0. Introduzione I modelli tirnte-puntone (S&T Strut nd Tie) sono utilizzti per l progettzione delle membrture in c.. che non possono essere schemtizzte come solidi

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro.

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro. Viett l pubbliczione, l riprouzione e l ivulgzione scopo i lucro. GA00001 Qul è l mpiezz ell ngolo che si ottiene ) 95 b) 275 c) 265 ) 5 b sottreno 85 un ngolo giro? GA00002 Due ngoli ll circonferenz che

Dettagli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli IL PIANETA TERRA IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli all a r e a su. EQUATORE: piano perpendic lare all i rotazione,

Dettagli

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia I pincipi della Dinamica Un oggetto si mette in movimento quando viene spinto o tiato o meglio quando è soggetto ad una foza 1. Le foze sono gandezze fisiche vettoiali che influiscono su un copo in modo

Dettagli

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI LE INTERSEZIONI Dispense didttiche di TOOGRFI r M unto di ollins O s θ 00 O d O d 00 θ θ ω ' ω θ c'

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

Forza centripeta e gravitazione

Forza centripeta e gravitazione pitolo 6 Foz centipet e gitzione 1. Il oto cicole Quli sono le ctteistiche del oto cicole? Un pticell si dice nit di oto cicole qundo l su tiettoi è un ciconfeenz. Lo studio di questo tipo di oto iene

Dettagli

R-402A R-404A R-410A R-507 SIZE COLOR CODE

R-402A R-404A R-410A R-507 SIZE COLOR CODE La temostatica BQ può essee pesonalizzata pe qualsiasi applicazione di efigeazione e condizionamento. Devi solo selezionae il coetto elemento temostatico, la giusta taglia dell oifizio ed il tipo di copo

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

CAPITOLO 18 STABILITÀ DEI PENDII

CAPITOLO 18 STABILITÀ DEI PENDII Captolo 8 CAPITOLO 8 8. Frae 8.. Fattor e cause de movmet fraos Per fraa s tede u rapdo spostameto d ua massa d rocca o d terra l cu cetro d gravtà s muove verso l basso e verso l estero. I prcpal fattor

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C.

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C. Motoi 1 Idie ue aatteistihe meaihe di motoi elettii.. osideazioi geeali Motoi ad eitazioe idipedete 1 Opeazioi o oete d eitazioe ostate Opeazioi o oete d eitazioe aiabile e tesioe d amatua ostate Motoi

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI 1. Quanti ml di NaOH 1,25 N debbono essere aggiunti ad 1 litro di NaOH 0,63 N per ottenere una soluzione 0,85 N? [550 ml] 2. Quali volumi 0,55 N e 0,098 N debbono essere

Dettagli

Ca ta l o go dei pro d o t t i. Spl i n e I m pla n t Syste m

Ca ta l o go dei pro d o t t i. Spl i n e I m pla n t Syste m Per ul teriori info r ma zioni sui nostri Prodotti, sui nostri pro g rammi pro fessi o nali e sul n ost ro p ro g ra m ma di Co n t i n u i ng Ed u cation, co n ta t ta te ci : Zimmer De n tal I tal y

Dettagli

LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO, SCEGLI LA TUA BASE SCATENA LA TUA FANTASIA CONQUISTA TANTI NUOVI CLIENTI!

LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO, SCEGLI LA TUA BASE SCATENA LA TUA FANTASIA CONQUISTA TANTI NUOVI CLIENTI! Le ALL ITALIANA CREA LA TUA ALL ITALIANA Decidi di essere oriin le, cre tivo e diverso d i tuoi concorrenti : Cre le tue person lissime cup c kes ll it li n, LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO,

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli