Bilancio al 31/12/2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio al 31/12/2008"

Transcript

1 Bilancio al 31/12/2008 Indice Relazione degli Amministratori pag. 3 Prospetti contabili pag. 48 Note esplicative al bilancio d esercizio pag. 53 Relazione del Collegio sindacale pag. 122 Relazione della Società di revisione pag. 128 Centro Direzionale Aeroporto Costa Smeralda OLBIA Capitale Sociale Euro i.v. Codice Fiscale Partita IVA R.E.A Direzione e coordinamento di Interprogramme S.A. Bilancio e relazioni al 31 dicembre 2008 pag. 1

2 Bilancio e relazioni al 31 dicembre 2008 pag. 2

3 Relazione sulla gestione degli Amministratori al 31 dicembre 2008 Signori Azionisti, il bilancio relativo all esercizio 2008 si è chiuso con una perdita per la Vostra Società di Euro 23,9 milioni (1,1 milioni di utile nel 2007). I ricavi totali sono stati pari a Euro 426,8 milioni con un decremento del 1% rispetto al periodo precedente mentre la perdita operativa è stata pari a Euro 15,2 milioni (contro utile operativo pari 13,9 milioni nel 2007). Il presente bilancio è stato predisposto dalla Vostra Società in conformità ai principi contabili internazionali (International Accounting Standards IAS o International Financial Reporting Standards IFRS) omologati dall Unione Europea. Bilancio e relazioni al 31 dicembre 2008 pag. 3

4 L attività operativa in termini di ore di volo complessive è diminuita del 3,8% rispetto al 2007, i passeggeri trasportati sono stati pari a con una diminuzione del 9,1% rispetto all anno precedente, il coefficiente di caricamento (load factor) è stato del 64% (67,5% nel 2007). I ricavi da trasporto passeggeri, pari a Euro 360,2 milioni, sono diminuiti dello 0,5% in confronto al 2007; tale variazione è conseguenza delle iniziative di razionalizzazione e riduzione di attività non remunerative finalizzate al contenimento delle perdite di esercizio e dell aumento delle tariffe come conseguenza dello straordinario incremento del prezzo del carburante. L EBITDAR, pari a Euro 25,7 milioni, peggiora del 56,5% rispetto al precedente esercizio. In termini di incidenza sui ricavi passa dal 15,3% del 2007 al 6,6% del Il risultato operativo - EBIT (negativo per Euro 15,2 milioni) evidenzia un sostanziale peggioramento rispetto al Il risultato dell esercizio è pari a una perdita netta di Euro 23,9 milioni che si confronta con un risultato positivo netto di Euro 1,1 milioni nel La Posizione Finanziaria Netta a fine esercizio è negativa per Euro 8,8 milioni contro una posizione finanziaria netta a fine 2007 positiva per Euro 35,4 milioni. Il numero medio dei dipendenti nel 2008 diminuisce di 44,1 unità rispetto al Bilancio e relazioni al 31 dicembre 2008 pag. 4

5 Nella tabella di seguito si riportano i principali indicatori dell esercizio 2008 confrontati con i corrispondenti valori dell esercizio precedente Variazione % Indicatori Economici Ricavi ,9% - di cui ricavi da trasporto passeggeri ,5% ROE (Return on Equity ) (1) % -36,38% 1,01% n.s. ROI (Return on Investment ) (2) % -20,41% 18,45% n.s. ROS (Return on Sales ) (3) % -3,89% 3,59% n.s. EBITDAR (4) ,5% EBITDA (5) ( ) n.s. EBIT (6) ( ) n.s. Risutato dell'esercizio ( ) n.s. Indicatori Patrimoniali TOTALE ATTIVITA' ,8% Indice di autonomia patrimoniale (7) % 27,02% 42,06% -35,8% Indice di copertura delle immobilizzazioni (8) % 63,15% 87,87% -28,1% Capital Expenditure (investimenti ) ,3% Posizione finanziaria netta ( ) n.s. Indicatori di traffico Passeggeri trasportati unità ,1% Load Factor (Coefficiente di riempimento dell aeromobile ) (9) % 64,5% 67,5% -4,4% Dipendenti FTE (Full time Equivalent ) (10) numero 1.332, ,1-3,20% (1) Il ROE (Risultato netto dell'esercizio / Patrimonio netto) rappresenta la remunerazione percentuale del capitale di pertinenza degli azionisti. (2) Il ROI (Risultato Operativo / Capitale investito netto) rappresenta l indicatore della redditività della gestione operativa. (3) Il ROS (Risultato Operativo / Ricavi) rappresenta l incidenza percentuale del risultato operativo sul fatturato. (4) L EBITDAR (earnings before interest, tax, depreciation, amortization and rent) esprime la capacità della gestione operativa di produrre reddito in assenza dei canoni di locazione degli aeromobili. Si calcola sommando all utile di esercizio gli ammortamenti, il risultato della gestione finanziaria, di quella straordinaria, le imposte e i canoni di locazione. (5) L EBITDA (earnings before interest, tax, depreciation and amortization) esprime la capacità della gestione operativa di produrre reddito. Si calcola sommando all utile di esercizio gli ammortamenti, il risultato della gestione finanziaria, di quella straordinaria e le imposte; è, quindi, un risultato intermedio che non risente della gestione degli ammortamenti. (6) L EBIT (earnings before interest and tax), calcolato sommando all utile di esercizio il risultato della gestione finanziaria, di quella straordinaria e le imposte, esprime la redditività della gestione operativa. (7) L Indice di autonomia patrimoniale (o di indipendenza finanziaria), è un indicatore di composizione (Patrimonio netto / Totale Patrimonio Netto e Passività). (8) L Indice di copertura delle immobilizzazioni (o quoziente di struttura) (Patrimonio netto + passività non correnti / Attività immobilizzate) tende a verificare l esistenza di un equilibrio strutturale fra fonti consolidate (capitale proprio e indebitamento a medio e lungo termine) e impieghi in attività immobilizzate (materiali, immateriali e finanziarie). (9) Coefficiente di riempimento dell aeromobile è la percentuale dei posti effettivamente occupati rispetto a quelli disponibili sul velivolo. E' dato dal rapporto tra RPK (passeggeri trasportati per Km trasportati) e ASK (posti offerti per Km percorsi). (10) Un FTE equivale ad una persona che lavora per 8 ore in un giorno, pertanto il numero di FTE in un dato periodo viene calcolato come numero di ore lavorate nel perido / (giorni lavorativi del periodo X 8) Bilancio e relazioni al 31 dicembre 2008 pag. 5

6 Nella tabella di seguito si riportano i valori economici relativi all esercizio 2008 confrontati con i corrispondenti valori dell esercizio precedente. Dati economici riclassificati Esercizio Esercizio Variazione Incidenza Incidenza % % % Ricavi ,0% ,0% ,9% Altri Ricavi ,3% ,3% ( ) -17,0% Totale ricavi netti ,3% ,3% ( ) -1,0% Materie prime sussidiarie e di consumo utilizzate ( ) -34,6% ( ) -27,4% ( ) 27,5% Servizi ( ) -41,3% ( ) -43,8% ,0% Costo del personale ( ) -24,9% ( ) -24,4% ( ) 3,1% Altri costi operativi ( ) -2,0% ( ) -0,8% ( ) n.s. Variazione delle rimanenze ,2% ,4% ( ) -58,7% Margine Operativo Lordo prima dei noli operativi (EBITDAR) ,6% ,3% ( ) -56,5% Noli operativi ( ) -7,5% ( ) -6,5% ( ) 16,4% Margine Operativo Lordo (EBITDA) ( ) -0,9% ,8% ( ) n.s. Ammortamenti e svalutazioni ( ) -3,0% ( ) -5,2% ,7% Risultato Operativo Lordo (EBIT) ( ) -3,9% ,6% ( ) n.s. Proventi finanziari ,6% ,6% n.s. Oneri finanziari ( ) -3,0% ( ) -0,6% ( ) n.s. Rettifiche di valore di attività finanziarie ( ) -0,1% ( ) -1,4% ,0% Risultato prima delle imposte (EBT) ( ) -5,4% ,3% ( ) n.s. Imposte dell'esercizio ( ) -0,7% ( ) -2,0% ,5% Risultato dell'esercizio ( ) -6,1% ,3% ( ) n.s. Bilancio e relazioni al 31 dicembre 2008 pag. 6

7 Organizzazione e strategia Aziendale ANDAMENTO GESTIONALE E STRATEGIA DEL GRUPPO Nel corso del 2008 e nei primi mesi del 2009 la Vostra Società ha sviluppato e gestito la propria attività caratteristica in un contesto particolarmente critico e caratterizzato dai seguenti principali fenomeni. A. Ulteriori ritardi nella soluzione delle problematiche strutturali interne (flotta e costo del lavoro) con conseguente assenza del presupposto per la definizione di un Piano Industriale sostenibile nel mediolungo termine. Tali ritardi oggettivamente imputabili alla difficile e complessa rinegoziazione in pejus dei contratti di lavoro del personale navigante (poi definitivamente conclusasi nei primi giorni di Aprile 2009 con effetto dal prossimo Giugno 2009) hanno reso nel corso del 2008 e nei primi mesi del 2009 l Azienda più vulnerabile con riferimento alla straordinaria aleatorietà dei parametri macro economici ed alla incapacità di cogliere tempestivamente alcune opportunità di mercato venutesi a creare in occasione del riassetto organizzativo e della unificazione, in una nuova realtà giuridica, delle attività di trasporto aereo di Alitalia ed AirOne. B. Straordinario incremento del costo del carburante, a partire dall autunno del 2007 con massimi prezzi nell agosto 2008, che hanno determinato un inaspettato aumento dei costi operativi. La straordinaria rapidità con la quale si sono manifestati tali incrementi e la strutturale inerzia del sistema di adeguamento tariffario hanno determinato nel corso dell esercizio 2008 un importante extracosto operativo con equivalente perdita di flussi monetari. C. La accelerazione del percorso di crescita dei vettori Ryanair e Easyjet in Italia, con conseguente aumento della capacità offerta ben oltre le necessità della domanda, che ha determinato un ulteriore deterioramento della marginalità delle attività con particolare riferimento al sistema Linate Bergamo Malpensa ed al sistema Firenze Pisa. Per quanto attiene lo sviluppo delle attività diverse dal trasporto aereo della Meridiana, nel corso del 2008, sono proseguite le attività di razionalizzazione e di sviluppo della Società e del Gruppo (inclusa la ricerca e l implementazione di tutte le possibili sinergie commerciali ed operative con la controllata Eurofly) già intraprese nei tre anni precedenti, in coerenza, come già evidenziato nelle relazioni ai bilanci d esercizio precedenti, con un modello di business imperniato sullo sviluppo di un offerta turistico integrata rivolta, per quanto possibile, direttamente al consumatore finale e caratterizzata da una focalizzata presenza nei seguenti quattro settori industriali. TRASPORTO AEREO PASSEGGERI GESTIONI AEROPORTUALI DI AVIAZIONE COMMERCIALE GESTIONI AEROPORTUALI DI AVIAZIONE EXECUTIVE (Aviazione Generale) Bilancio e relazioni al 31 dicembre 2008 pag. 7

8 ORGANIZZAZIONE ED INTERMEDIAZIONE DI VIAGGI E VACANZE In particolare è opportuno evidenziare che lo sviluppo di una offerta turistico integrata, anche in considerazione delle ridotte dimensioni del Gruppo Meridiana rispetto a quelle dei competitor internazionali, sempre più presenti nei settori industriali sopra menzionati, impone un posizionamento industriale coerente con le seguenti linee guida strategiche: aumento della base di clientela, anche mediante accordi commerciali ( 1 ), e del valore dei servizi (primari e secondari) offerti al consumatore finale; progressiva e costante riduzione dei costi industriali anche mediante rivisitazione dei processi operativi e commerciali e ricerca del miglioramento continuo ; concentrazione e sviluppo delle attività solo ed esclusivamente su quei mercati (aeroporti) e su quei territori dove il Gruppo Meridiana può vantare o raggiungere senza incertezze una posizione primaria dell ambito dei quattro settori industriali individuati; ricerca ed eventuale sviluppo di nuove opportunità di mercato (nicchie di area, cliente, prodotto, ecc.) che possano sostituire, nel medio e lungo termine, quanto finora viene ricavato, in termini di margini economici, dallo svolgimento di talune attività destinate, in ragione di una competitività sempre più accentuata, a conseguire risultati economici negativi. Quote di mercato nei principali Aeroporti di riferimento Traffico passeggeri per Aeroporto Esercizio 2008 Aeroporto Meridiana Quota Cagliari % Olbia % Firenze % Verona % Milano (Malpensa+Linate) % Risultati 2008 Meridiana trasporto aereo La Vostra Società si è trovata, rispetto agli anni precedenti, a dover fronteggiare in aggiunta ad altre condizioni avverse, un extracosto carburante, pari a circa 27,8 milioni di Euro su base annua calcolato saldo netto tra la componente negativa derivante dal effettivo incremento del costo carburante e la componente positiva legata all incremento delle tariffe e delle c.d. fuel surcharge. 1 Nel settore del trasporto aereo gli accordi commerciali sono sostanzialmente riconducibili ad accordi di condivisione del codice del vettore c.d. code share Bilancio e relazioni al 31 dicembre 2008 pag. 8

9 L ultima parte dell anno 2008 è risultata caratterizzata da una progressiva discesa dei prezzi del carburante e da una più che proporzionale riduzione della domanda di trasporto aereo conseguente la riduzione del prodotto interno lordo dei mercati di riferimento. Come componente positiva, sempre nell ultima parte dell anno e seppur di carattere transitorio, va evidenziato l incremento dei passeggeri trasportati derivanti dai disservizi provocati dalla riorganizzazione di Alitalia. Per quanto attiene lo schema della c.d. Continuità Territoriale Sarda occorre evidenziare che, nel corso del 2008 e nei primi mesi del 2009 non vi sono stati particolari mutamenti dello scenario di mercato e regolamentare, fatti salvi gli incrementi di capacità offerta a tariffe libere da parte di alcuni vettori stranieri dagli aeroporti di Malpensa e Bergamo e Ciampino con destinazione Sardegna. Per quanto riguarda le iniziative aziendali, volte a contrastare le criticità sopra evidenziate ed altresì a migliorare l efficienza e l efficacia dell impresa, possiamo ricordare: o sistematica riduzione della attività offerta in programmazione ed in gestione volta ad ottimizzare i coefficienti di carico degli aeromobili e i ricavi unitari; o definizione di accordi code sharing sul mercato italiano (2008 e primi mesi 2009) con i vettori WindJet, Air Moldova, Blu-express e Finnair, volti a massimizzare, per quanto possibile, la presenza del Gruppo sul mercato italiano; o ulteriore sviluppo delle attività di Revenue Management di Gruppo mediante una più ampia apertura della gamma tariffaria ed una razionalizzazione del relativo processo informativo e decisionale; o sviluppo delle attività di vendita dei servizi accessori sia mediante sito Web che direttamente presso gli aeroporti; o rivisitazione in senso più favorevole alla Società degli accordi di handling e di promozione marketing con talune società di gestione aeroportuale; o ulteriore sviluppo dei canali per la vendita diretta via web al consumatore finale in coordinamento con Eurofly; o consolidamento delle forniture di servizi di consulenza e di manutenzione aeromobili a favore del Fondo AKFED (Aga Khan Fund for Economic Development) con riferimento ad attività di trasporto aereo e di gestione aeroportuale in alcuni Paesi dell Africa sub-sahariana; o ulteriore sviluppo delle attività di manutenzione verso terzi anche mediante cooperazione con il vettore Iberia. Bilancio e relazioni al 31 dicembre 2008 pag. 9

10 Ristrutturazione di Eurofly Nel corso del 2008 Meridiana ha sottoscritto per Euro 20.3 milioni, l aumento di capitale in denaro deliberato dalla Eurofly spa nel settembre 2008 per un controvalore di Euro 44 milioni. Le modalità con le quali è stato attuato l aumento di capitale sono descritte nel successivo paragrafo relativo ai fatti di rilievo accaduti dopo la chiusura dell esercizio. Tali somme sono preventivamente entrate nella disponibilità di Meridiana in base ad un contratto di finanziamento per Euro 20 milioni perfezionato con la parte correlata Akfed. Il contratto di finanziamento tra Akfed e Meridiana è stato sottoscritto in data 1 dicembre 2008 e prevede che il finanziamento ottenuto sia utilizzato da Meridiana per sottoscrivere e pagare l aumento di capitale di Eurofly, al prezzo di sottoscrizione di 0,10 Euro per azione. Il finanziamento prevede un tasso di interesse annuo del 2% pagabile alla data in cui verrà effettuato il rimborso. Il rimborso, da effettuarsi in qualunque momento su richiesta di Akfed, dal 1 febbraio 2009 al 31 dicembre 2013, sarà corrisposto in natura: Akfed potrà optare per un rimborso in azioni di Meridiana o di Eurofly. Nel caso Akfed opti per un rimborso con azioni di Meridiana, la stessa dovrà effettuare un aumento di capitale pari all ammontare dovuto, capitale più interessi maturati, riservato ad Akfed. Nel caso Akfed opti per un rimborso con azioni Eurofly, occorrerà verificare se al momento del rimborso il valore di borsa delle azioni Eurofly sarà uguale o più basso di 0,10 Euro oppure superiore. Nel primo caso Meridiana trasferirà ad Akfed tutte la azioni Eurofly (n ), sottoscritte nell ambito dell aumento di capitale, più un numero di azioni di Eurofly il cui valore al momento del rimborso sia pari agli interessi maturati da Akfed alla stessa data. Nel secondo caso Meridiana trasferirà ad Akfed un numero di azioni Eurofly il cui valore sarà pari al capitale finanziato più gli interessi maturati, oltre ad ulteriori azioni di Eurofly il cui controvalore sarà pari al 50% della differenza tra il valore di borsa alla data di rimborso, delle azioni sottoscritte (n ) ed il capitale finanziato (20 milioni di Euro). L impegno di Meridiana sia in relazione all acquisto della partecipazione in Eurofly sia in relazione ai successivi aumenti di capitale in denaro, finalizzati alla sua ristrutturazione, complessivamente pari a Euro 41,8 milioni, oltre ad alcuni conferimenti in natura, è stato, ad oggi, quasi completamente (al 97,6%) finanziato dall azionista S.A. Aga Khan Karim, anche attraverso Interprogramme S.A. e Akfed, per un totale di Euro 40,8 milioni. Nell esercizio 2008 la Società Eurofly, dopo due anni di razionalizzazioni ed ricerca dell efficenza sia operativa che commerciale, ha iniziato a raggiungere i primi importanti risultati, in particolare è stato raggiunto il punto di pareggio per quello che riguarda le attività di medio raggio svolte con A320 sia con riferimento alla attività charter che alla attività di linea. Anche nel corso del 2008, come nell anno precedente, la Società ha sviluppato progetti ed implementato azioni e iniziative volte ad acquisire tutte le possibili sinergie tra Meridiana ed Eurofly con la finalità di assicurare, a beneficio di entrambe, un diverso e più competitivo posizionamento industriale. Bilancio e relazioni al 31 dicembre 2008 pag. 10

11 Tra i diversi progetti di integrazione tra Meridiana ed Eurofly, prevalentemente afferenti le aree commerciali e la rete di collegamenti, si evidenziano i seguenti: o sviluppo ed utilizzo di un unico brand Meridiana Eurofly per comunicazione commerciale on line ed off line e conseguente riduzione della spesa pubblicitaria complessiva; o sviluppo di una unica struttura di call center in Olbia; o sviluppo di una gestione integrata di politiche di accesso allo spazio venduto e di tariffe offerte (revenue & pricing management) ; o sviluppo, ove consentito dalla normativa di riferimento, di comuni politiche di condivisione del codice (c.d. code sharing) e di politiche distributive verso il cliente finale, le agenzie di viaggio e i tour operators (anche attraverso Wokita S.r.l.); o sviluppo di un dipartimento unificato di contabilizzazione della biglietteria di trasporto aereo (revenue accounting) in Olbia; o unificazione della piattaforma di supporto e di gestione dei siti web e o costituzione di una unica unità organizzativa e giuridica a presidio delle vendite B2B (aziende, agenzie di viaggio e tour operators) in Italia (SameItaly S.r.l.); o unificazione dei presidi organizzativi aeroportuali a livello Gruppo per lo svolgimento delle attività di supervisione; o consolidamento del patrimonio di slot sull aeroporto di Milano Linate (da ottobre 2007) con implementazione di attività in code sharing su tutte le rotte da e per Linate (ad esclusione di quelle relative alla c.d. continuità territoriale); o consolidamento e sviluppo dell attività di manutenzione svolta da Meridiana a favore di Eurofly con riferimento sia alla line maintenance sia alla heavy maintenance; o sviluppo di attività short term di scambio aeromobili finalizzata sia alla eventuale riprotezione dei passeggeri in caso di problematiche operative sia all aumento del portafoglio prodotti richiesti dai clienti tour operator. o integrazione dell attività informatica e delle reti telematiche. Bilancio e relazioni al 31 dicembre 2008 pag. 11

12 STRUTTURA ORGANIZZATIVA La struttura organizzativa prevede diverse direzioni a diretto riporto del CEO. CEO Chief Executive Officer ASF Aviation Safety DGV Direzione Governace ASC Aviation Security REC Relazioni Esterne e Comunicazione QSM Quality Assurance Level Monitoring AMD Amministrazione Dirigenti DCT Direzione Crew Training DIT Direzione Information Technology DAG Direzione General Affairs DAF Direzione Finance & Administration DHR Direzione Human Resources DPC Direzione Centrale Business Planning & Cost Control DMK Direzione Centrale Sales, Mktg e Product Development DSD Direzione Centrale Service Delivery DFO Direzione Centrale Flight Operations ASF (AVIATION SAFETY) - tale unità organizzativa ha la responsabilità di gestire tutte le attività inerenti alle problematiche di sicurezza del volo. DGV (DIREZIONE GOVERNANCE) - tale direzione ha la responsabilità di progettare e gestire i modelli di Governance della Società e del Gruppo, Internal Auditing (inclusi Revenue Auditing e Data Access Auditing), Coordinamento Auditing delle Società Controllate, di svolgere attività di assistenza legale alle Direzioni aziendali, Adempimenti conseguenti il D.lgs. 231/01, Sicurezza informatica, Linee Guida Sicurezza "fisica" aziendale, adempimenti privacy. ASC (AVIATION SECURITIY) tale unità organizzativa ha la responsabilità di gestire tutte le attività inerenti alle problematiche di security. REC (RELAZIONI ESTERNE E COMUNICAZIONE) - tale unità organizzativa ha la responsabilità di coordinare le relazioni esterne e curare la comunicazione esterna commerciale; di curare tutte le attività inerenti ai Rapporti con gli organi di Stampa e di Informazione; curare le attività di Relazioni Clienti e di tutela dell'immagine Commerciale. QSM (QUALITY Assurance, Security and Service Level Monitoring) tale unità organizzativa ha la responsabilità sui processi e le attività di monitoraggio e applicazione delle Regole JAR, OPS1, PART M e TRTO, e sui processi ed il rispetto delle regolamentazioni di Aviation Security. E svolge attività di monitoraggio e reporting della qualità del servizio erogata e percepita dai clienti del gruppo. Bilancio e relazioni al 31 dicembre 2008 pag. 12

13 AMD (AMMINISTRAZIONE DIRIGENTI) tale unità organizzativa ha la responsabilità di gestire le buste paga e i relativi adempimenti di tutti i dirigenti della società e di altre società del gruppo (Wokita, SameItaly, Geasar, Eccelsa). DCT (DIREZIONE CREW TRAINING) - tale direzione ha la responsabilità di progettare, sviluppare e controllare i processi di addestramento del personale navigante. DIT (DIREZIONE INFORMATION TECHNOLOGY) - tale direzione ha la responsabilità di garantire una corretta, economica ed efficiente gestione di sviluppo dei Sistemi Informativi e delle Telecomunicazioni, in coerenza con le politiche aziendali, con l'evoluzione delle tecnologie e garantendo il trattamento sicuro e la protezione di dati. DAG (DIREZIONE GENERAL AFFAIRS) - tale direzione ha la responsabilità di gestire l attività relativa alle gare e ai contratti, agli acquisti, alla responsabilità sulle attività di sicurezza sul lavoro (D.lgs.81/08 e norme correlate) e tutela ambientale di Meridiana, del patrimonio immobiliare, e sviluppare progetti di valorizzazione e di manutenzione del patrimonio infrastrutture. DAF (DIREZIONE FINANCE & ADMINISTRATION) - tale direzione ha la responsabilità di amministrare e contabilizzare il provento e i costi; del mantenimento dei processi di Contabilità Generale, di redazione dei Bilanci aziendali e di Gruppo; di redazione del Bilancio Consolidato, di gestire le attività finanziarie di breve, medio e lungo termine. DHR (DIREZIONE HUMAN RESOURCES) - tale direzione ha la responsabilità di definire le linee guida inerenti all'organizzazione, allo sviluppo, alla gestione e alla motivazione del personale, di gestire le attività amministrative ad esso correlate (payroll), di indirizzare e supportare, in una logica di servizio, le linee operative e di staff nella gestione e sviluppo delle risorse umane, di reclutare e selezionare nuove risorse; di porre in atto piani di formazione, di comunicazione e relazioni interne, di compensation. DPC (DIREZIONE CENTRALE BUSINESS PLANNING & COST CONTROL) - tale direzione ha l obiettivo di presidiare i processi di controllo di gestione; pianificare gli investimenti; pianificare e programmare la flotta e le operazioni; ottimizzare e gestire il Network; pianificare, programmare il dimensionamento del personale; di monitorare i rischi finanziari, progetti e performance. Mantenere e gestire le politiche di relazioni industriali; finalizzare la Contrattazione Collettiva e la chiusura dei CCNL e dei relativi accordi. DMK (DIREZIONE CENTRALE SALES, MKTG E PRODUCT DEVELOPMENT) - tale direzione ha la responsabilità di: 1) programmare, gestire e sviluppare il prodotto seat only in Italia ed in Europa in Bilancio e relazioni al 31 dicembre 2008 pag. 13

14 funzione della competitività dei fattori produttivi, di gamma e di frequenze. 2) massimizzare la resa della clientela del Gruppo Meridiana mediante il recupero del gap tecnologico, la razionalizzazione ed ottimizzazione del processo di gestione dello spazio e del prezzo in coerenza con le mutate percezioni del consumatore finale, lo sviluppo dei presidi indoor di vendita dei prodotti di linea e charter. Ha inoltre il compito di gestione e sviluppo del canale di vendita diretta telefonica (inbound & outbound), innovazione e sviluppo delle politiche distributive on-line, sviluppo e presidio dei sistemi tecnologici di prenotazione, presidio e sviluppo dei sistemi di vendita e-commerce, selezione e presidio dei canali distributivi on-line. programmi di fidelizzazione: Presidia inoltre le analisi di mercato e competitive, progettare e gestire i modelli e i sistemi di revenue management. DSD (DIREZIONE CENTRALE SERVICE DELIVERY) - tale direzione ha l obiettivo di garantire le attività di manutenzione della flotta; la conformità dei requisiti della normativa EASA, Part 145; le attività di Handling e il coordinamento operativo; assicurare, nella fase finale delle operazioni; la corretta gestione di tutte le componenti del prodotto, nell'obiettivo di regolarità e puntualità dei voli e nel rispetto dei criteri di economicità e di soddisfazione del cliente interno ed esterno. DFO (DIREZIONE CENTRALE FLIGHT OPERATIONS) - tale direzione ha la responsabilità di garantire l esecuzione di tutte le Operazioni di Volo in sicurezza e secondo le normative vigenti e gli standard di Compagnia; gestire e motivare il personale navigante tecnico e di cabina in coerenza con le politiche e gli obiettivi aziendali; raggiungere gli obiettivi economici in termini di efficiente ed efficace delle risorse umane e tecniche; ottimizzare i costi delle operazioni di volo. Bilancio e relazioni al 31 dicembre 2008 pag. 14

15 Contesto economico e di mercato COSTO DEL CARBURANTE Andamento del prezzo del greggio (crude oil) del Kerosene in USD/t Andamento del tasso medio mensile di cambio Euro/USD: 1,7000 1,6000 1,5000 1,4000 1,3000 1,2000 1,1000 1,0000 gen-07 feb-07 mar-07 apr-07 mag-07 giu-07 lug-07 ago-07 set-07 ott-07 nov-07 dic-07 gen-08 feb-08 mar-08 apr-08 mag-08 giu-08 lug-08 ago-08 set-08 ott-08 nov-08 dic-08 A partire dal novembre 2007 la Società ha iniziato ad affrontare con difficoltà progressivamente crescenti, uno straordinario incremento del prezzo del carburante. Tale fenomeno, pur ridottosi nel corso dell ultimo trimestre del 2008, ha modificato significativamente e strutturalmente l equilibrio economico della Società per le ragioni che sono di seguito riportate: Bilancio e relazioni al 31 dicembre 2008 pag. 15

16 o l entità dell aumento del costo del carburante (jet fuel), seppur parzialmente mitigato dalla debolezza della valuta di acquisto dello stesso (Usd), è stata senza precedenti, persino superiore a quella registrata durante le crisi petrolifere degli anni 70; o tale incremento, cosi come più in generale l aumento della gran parte delle materie prime, si è sviluppato in un contesto di progressivo rallentamento della congiuntura economica europea ed italiana (da evidenziare inoltre che l Italia da molti anni presenta un divario negativo di crescita rispetto ai principali paesi europei); o la possibilità di compensare detto incremento di costi con un corrispondente incremento delle tariffe ai passeggeri, a prescindere delle modalità e dai tempi di realizzazione, trova nell attuale posizionamento competitivo, un sostanziale impedimento riconducibile alla presenza in concorrenza, sulla gran parte del network, di offerte c.d. low cost (spesso originatesi da aeroporti diversi ma limitrofi a quelli utilizzati da Meridiana) con prezzi al pubblico mediamente più bassi di quelli offerti dalla Vostra Società; o lo svantaggio, con riferimento ai consumi di carburante, di svolgere attività di trasporto aereo con aeromobili MD82 rispetto ai competitori che operano con aeromobili con medesima capacità unitaria ma con motori di nuova generazione, riduce in modo sostanziale il numero dei collegamenti operati con un margine di contribuzione positivo sui costi variabili e spinge fisiologicamente il management a ridurre progressivamente il volume delle attività programmate con detta tipologia di aeromobile. Con riferimento al tema della presenza nelle rotte da e per la Sardegna e del sistema regolamentare della c.d. Continuità Territoriale si segnala quanto segue: o sono stati anticipati i termini di scadenza, da aprile 2009 ad ottobre 2008, della Convenzione firmata dalla Vostra Società con Enac relativa ai collegamenti da Olbia e Cagliari vs Roma e Milano; o dall agosto del 2007 gli aeroporti di Milano Malpensa, Bergamo Orio al Serio e Roma Ciampino sono stati esclusi, mediante decreto ministeriale dai Sistemi Aeroportuali di Milano e di Roma e pertanto non sono stati più compresi nel quadro di regole degli oneri di pubblico servizio. Dal mese di ottobre 2007 sono stati progressivamente attivati dalla concorrenza un numero importante di voli, sicuramente eccedenti la prevedibile domanda, tra Malpensa-Cagliari e Bergamo-Cagliari; o per la stagione estiva 2008 sono stati operati, dagli stessi Vettori concorrenti, un numero molto elevato di collegamenti da Malpensa e Bergamo con destinazione Olbia. Al momento, per motivazioni riconducibili a vincoli relativi al numero di movimentazioni aeroportuali, non sono previste rilevanti attività aggiuntive da Roma-Ciampino verso la Sardegna; o tale liberalizzazione delle attività da e per la Sardegna dagli aeroporti di Malpensa e Orio al Serio, anche come conseguenza delle maggiori libertà tariffarie applicabili dai Vettori terzi ma non dalla Vostra Società ed in ultima analisi della distorsione della concorrenza che si è venuta a creare, ha determinato e sta determinando un drenaggio di passeggeri a svantaggio della Vostra Società. Bilancio e relazioni al 31 dicembre 2008 pag. 16

17 IL MERCATO DEL TRASPORTO AEREO Andamento della domanda espresso in revenue passenger kilometres (RPK) e available cargo tonnekilometres (FKT) indicizzato su base 1983=100 *risultati preliminari per FKT (previsioni economiche IATA) Il 2007 si era svolto con prospettive ancora positive nel comparto, anche se la percezione dell aumento dei rischi legati alla stabilità finanziaria e alla imprevedibilità dell aumento del costo del carburante, aveva iniziato a manifestarsi, in particolare durante l ultimo quadrimestre dell anno. Nel primo trimestre del 2008 tali preoccupazioni si sono palesate in maniera importante con un crescita esponenziale del costo del carburante che ha toccato i massimi nel luglio del 2008, avendo come conseguenza diretta una sensibile diminuzione del traffico dei passeggeri sui vettori tradizionali nel primo semestre dell anno. La propensione al consumo del consumatore si è rivolta sempre più massicciamente verso soluzioni di viaggio meno onerose. In questo anno sono purtroppo scomparsi dal mercato numerosi vettori americani ed europei, che stretti nella morsa dell esponenziale aumento del carburante e della conseguente diminuzione dei passeggeri non hanno potuto reggere la situazione. I dati profusi dalla IATA nel quarto trimestre del 2008 hanno evidenziato una situazione, ancor peggiore di quanto previsto anche solo pochi mesi. L ultimo quarto dell anno ha visto i vettori denunciare pesanti perdite legate all hedging e un calo vertiginoso nel settore premium e nel traffico merci. La IATA ha così rivisto la previsione delle perdite per il 2008, che passa da 5 a 8,5 miliardi di Usd. Per il 2009 IATA prevede un drastico calo della domanda con una contrazione del traffico passeggeri al momento valutabile nell ordine del 5,7%, una riduzione dei ricavi del comparto del 12% e perdite pari a 4,7 miliardi di Usd. Bilancio e relazioni al 31 dicembre 2008 pag. 17

18 IL SISTEMA DEL TRASPORTO AEREO IN ITALIA Lo scenario del trasporto aereo 2008 in Italia risulta principalmente caratterizzato dagli eventi conseguenti il riassetto organizzativo ed imprenditoriale del vettore Alitalia. Tali eventi hanno significativamente condizionato, sia dal punto di vista regolamentare che da quello più propriamente industriale, i mercati di riferimento della Società. In tale ambito è opportuno ricordare che: a) agli strutturali ritardi sugli investimenti nelle infrastrutture a terra e di controllo del volo, con particolare riferimento alle aree di Roma e Milano, si sono aggiunti gli effetti negativi (su Roma) determinati dal trasferimento di molte attività della Alitalia da Malpensa a Fiumicino; b) l inadeguata regolamentazione in tema di scioperi nel trasporto aereo, l amplificazione mediatica dell effetto annuncio degli stessi scioperi e l assenza di un reale sistema di sanzioni, sono state alcune tra le principali debolezze del sistema che, anche nel corso del 2008, hanno reso estremamente difficoltoso per i Vettori (soprattutto italiani) la programmazione e lo svolgimento della propria attività sul territorio nazionale; c) le previsioni normative in tema di antitrust ed in particolare: 1. TUTELA DEL CONSUMATORE L anno 2008 è stato caratterizzato dalla attuazione da parte dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato della nuova disciplina in materia di pratiche commerciali scorrette. Tale attenzione ha investito anche il settore dei trasporti sia marittimi che aerei, dopo avere interessato i mercati della telefonia e dell energia. In particolare, in data 21 settembre del 2007 sono entrati in vigore i decreti legislativi n. 145 del 2 agosto 2007 e 146 del 02 agosto 2007 che provvedono a recepire le direttive comunitarie n. 29 del 2005 e n. 114 del 2006, e che introducono una nuova disciplina della pubblicità ingannevole e comparativa e delle pratiche commerciali sleali o scorrette la cui attuazione per l appunto è demandata all Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. Mentre la nuova normativa sulla pubblicità ingannevole e comparativa è destinata all esclusiva tutela delle imprese, la normativa sulle pratiche commerciali sleali tra imprese e consumatori è destinata a proteggere il consumatore. Bilancio e relazioni al 31 dicembre 2008 pag. 18

19 2. ATTIVITA NAZIONALI E COMUNITARIE IN RIFERIMENTO ALL OPERAZIONE ALITALIA/ AIRONE/ CAI In data 27 ottobre 2008 Meridiana ha presentato un esposto alla Commissione Europea per presunti aiuti di stato illegali in favore delle società Alitalia, Compagnia Aerea Italiana e AirOne. In data 17 novembre 2008 è stata depositata presso il Tribunale di Roma Sezione fallimentare, domanda di insinuazione al passivo di Alitalia in Amministrazione Straordinaria, per un importo pari a Euro ,00 sull assunto dell ingiusto danno che Meridiana avrebbe subito in conseguenza dal comportamento di Alitalia configurabile quale abuso di posizione dominante. In data 2 dicembre 2008 Meridiana ha presentato un secondo esposto alla Commissione Europea Direzione Generale della Concorrenza relativamente all applicazione delle regole comunitarie con particolare riferimento a quelle previste in materia di abuso di posizione dominante e di controllo delle operazioni di concentrazione. In tale ambito si sta procedendo a presentare ulteriori dati, elementi e informazioni a supporto dell esposto. Contestualmente è stato predisposto e depositato (in data ) un ricorso avanti il Tribunale di Primo Grado della Comunità Europea avverso la decisione della Commissione Europea, Direzione Generale Trasporti ed Energia di non considerare che l operazione Alitalia/CAI / AirOne rappresentasse un aiuto di Stato ai sensi della normativa comunitaria. Infine è stato presentato (16 febbraio 2009) avanti il Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio il ricorso avverso il provvedimento dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato con il quale è stata determinata la compatibilità della operazione Alitalia/CAI/AirOne con le regole di concorrenza. L udienza di discussione è fissata per il 20 maggio ALTRE NOVITA NORMATIVE In data 31 Ottobre 2008 è stato pubblicato il Regolamento (CE) n. 1008/2008 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 24 Settembre 2008 recante norma comuni per la prestazione di servizi aerei nella Comunità. Con il suddetto Regolamento sono stati abrogati i regolamenti (CE) n. 2407/92 (sul rilascio delle licenze ai vettori aerei), n. 2408/92 (sull accesso dei Vettori aerei della Comunità alle rotte intracomunitarie) e n. 2409/92 (sulle tariffe aeree per il trasporto di passeggeri e merci). In data è stata pubblicata la Direttiva 2008/101/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 19 novembre 2008 che modifica la direttiva 2003/87/CE al fine di includere le attività di trasporto aereo nel sistema comunitario di scambio delle quote di emissioni dei gas a effetto serra. Bilancio e relazioni al 31 dicembre 2008 pag. 19

20 Flotta Nel corso del 2009 la flotta MD-82 di Meridiana è passata da 18 a 17 unità con la restituzione di una macchina EI-CIW in leasing operativo al lessor AERGO leasing. Rinnovato il nolo di un MD-82 I-SMED fino alla fine della stagione estiva Marca di Registrazione Tipologia di aeromobile Proprietà, Leasing Operativo, Leasing Finanziario Data inizio contratto di leasing Data fine contratto leasing Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre 1 EI-CIW MD82 Leasing Operativo giu-97 31/10/ EI-CKM MD82 Leasing Operativo mar-98 05/09/ EI-CRE MD82 Leasing Operativo dic-98 31/10/ I-SMEC MD82 Leasing Operativo ott-98 30/11/ EI-CRH MD82 Leasing Operativo feb-99 30/11/ I-SMED MD82 Leasing Operativo feb-99 27/10/ EI-CRW MD82 Leasing Operativo apr-99 31/12/ EI-CNR MD82 Leasing Operativo lug-07 31/05/ I-SMEN MD82 Proprietà 10 I-SMEL MD82 Proprietà 11 I-SMEM MD82 Proprietà 12 I-SMET MD82 Proprietà 13 I-SMEV MD82 Proprietà 14 I-SMEP MD82 Proprietà 15 I-SMER MD82 Proprietà 16 I-SMES MD82 Proprietà 17 I-SMEZ MD82 Proprietà 18 I-SMEB MD82 Proprietà 19 EI-DFP A319 Leasing Operativo giu-04 30/06/ EI-DEY A319 Leasing Operativo mag-04 31/10/ EI-DEZ A319 Leasing Operativo apr-04 01/04/ EI-DFA A319 Leasing Operativo apr-04 15/05/2015 Produttività per tipologia di aeromobile Variazione % Produttività flotta Meridiana MD82 Ore volo (5.182) -10,6% Produttività flotta Meridiana A319 Ore volo (906) -6,3% Produttività flotta ACMI ATR42/72 Ore volo ,8% Produttività flotta ACMI altri Wet Lease Ore volo ,4% Produttività totale Ore volo ,8% Produttività media flotta Meridiana per singola macchina Variazione % Produttività per singolo MD82 (1) Ore volo (356) -12,7% Produttività per singolo A319 (2) Ore volo (227) -6,3% Produttività totale Ore volo ,4% (1) Ore volo degli aeromobili MD82 appartenenti alla flotta Meridiana diviso il numero di aeromobili operativi nell'anno. (2) Ore volo degli aeromobili A319 appartenenti alla flotta Meridiana diviso il numero di aeromobili operativi nell'anno. Bilancio e relazioni al 31 dicembre 2008 pag. 20

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI Milano, 17 Marzo 2010 AGENDA 1. Il Gruppo 2. Il mercato 3. Dati economico-finanziari 4. Il titolo Pag. 2 RELATORI LUIGI LUZZATI Presidente del CDA di Centrale del Latte di Torino

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Programma Erasmus+/Erasmus - Adempimenti per la mobilità studenti per studio e traineeship Bando A.A. 2015/2016

Programma Erasmus+/Erasmus - Adempimenti per la mobilità studenti per studio e traineeship Bando A.A. 2015/2016 Programma Erasmus+/Erasmus - Adempimenti per la mobilità studenti per studio e traineeship Bando A.A. 2015/2016 1. Presentazione della domanda La domanda deve essere compilata e presentata esclusivamente

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi:

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: 8. RIMBORSI E INDENNITA 1. Rimborso 1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: Per mancata effettuazione del viaggio

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

MAILUP S.P.A. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014

MAILUP S.P.A. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014 MAILUP S.P.A. Reg. Imp. 01279550196 Rea 1743733 Sede in VIALE FRANCESCO RESTELLI 1-20124 MILANO (MI) Capitale sociale Euro 200.000,00 i.v. Relazione sulla gestione al Bilancio consolidato al 31/12/2014

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 17 luglio 2015. Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. Direzione Centrale Accertamento

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 17 luglio 2015. Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. Direzione Centrale Accertamento CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 17 luglio 2015 Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. 2 SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 1.1 CAUSE DI INAPPLICABILITÀ... 5 2. PRINCIPALI NOVITÀ...

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli