REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI RILEVAMENTO DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI RILEVAMENTO DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE"

Transcript

1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI RILEVAMENTO DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Articolo 1 Principi generali e definizioni 1. Il presente regolamento disciplina l orario di lavoro e le modalità di rilevamento delle presenze in servizio del personale dipendente del Comune di Campobasso. 2. Per orario di servizio si intende il periodo di tempo giornaliero necessario per assicurare la funzionalità della struttura comunale e l erogazione dei servizi all utenza. 3. Per orario di lavoro si intende il periodo di tempo giornaliero durante il quale, in conformità all orario d obbligo contrattuale, ciascun dipendente assicura la propria prestazione lavorativa in funzione delle esigenze derivanti dall articolazione dell orario di servizio e di apertura al pubblico. 4. Per orario di apertura al pubblico si intende la fascia oraria, nell ambito dell orario di servizio, di accesso alla struttura comunale da parte dell utenza. 5. L osservanza dell orario di lavoro costituisce un preciso obbligo del dipendente pubblico quale elemento essenziale della prestazione retribuita dal datore di lavoro. 6. La distribuzione dell orario di lavoro è improntata a criteri di flessibilità, utilizzando diversi sistemi di articolazione dell orario che possono anche coesistere all interno della medesima struttura. 7. Ai sensi della vigente disciplina contrattuale, l orario di lavoro del personale dipendente è accertato mediante controlli di tipo automatico, mediante registrazione dell entrata, dell uscita e delle interruzioni a qualsiasi titolo, da effettuarsi con l apposito badge magnetico in dotazione a ciascun dipendente. 8. Il personale che presta servizio in sedi ove non sono presenti strumenti di rilevazione automatica delle presenze effettua la rilevazione manuale delle presenze mediante annotazione dell orario di ingresso e di uscita su apposita scheda. 9. Il Segretario Generale e il personale Dirigente sono assoggettati all obbligo di registrazione della presenza mediante badge magnetico o scheda manuale ove nella sede di lavoro non siano presenti strumenti di rilevazione automatica. La registrazione è finalizzata all accertamento della presenza o dell assenza dal servizio e non anche alla quantità della prestazione lavorativa giornaliera. La durata della prestazione lavorativa effettuata dal Segretario Generale e dal personale Dirigente rileva unicamente ai fini della verifica del realizzarsi o meno delle condizioni per il riconoscimento di benefici per i quali siano previsti limiti di durata delle prestazioni lavorative o particolari modalità di effettuazione delle stesse. Laddove da parte dei soggetti interessati vi sia espressa rinuncia alla fruizione di tali benefici, la finalità della registrazione viene meno. Articolo 2 Orario di lavoro 1. L orario di lavoro ordinario per la generalità dei dipendenti comunali è di 36 ore settimanali. L orario di lavoro ordinario del personale educativo degli asili nido è di 30 ore settimanali cui si aggiungono n. 3 ore settimanali per le attività integrative di cui all art. 30, comma 2, del CCNL del , per un totale complessivo di 33 ore settimanali. 2. L orario di lavoro ordinario può essere articolato su 6 giorni settimanali (settimana lunga) per 6 ore giornaliere o su 5 giorni settimanali (settimana corta) per 6 ore giornaliere oltre a due rientri pomeridiani della durata di 3 ore ciascuno, in relazione alle esigenze dei servizi presso i quali i dipendenti prestano la propria attività. 3. L orario di lavoro del personale educativo degli asili nido è articolato in modo da coprire l intero arco di apertura delle scuole tenuto conto delle esigenze organizzative e delle peculiari caratteristiche del servizio. 4. Per il personale in regime di settimana lunga l orario di lavoro è articolato ordinariamente dal lunedì al sabato dalle 8:00 alle 14: Per il personale in regime di settimana corta l orario di lavoro è articolato ordinariamente dal lunedì al venerdì dalle 8:00 alle 14:00 con due rientri pomeridiani il martedì e il giovedì dalle 15:15 alle 18:15.

2 6. Per il personale impegnato in particolari servizi quali le farmacie comunali, gli asili nido, la polizia municipale, i trasporti scolastici, l assistenza ai disabili, gli impianti sportivi, i servizi manutentivi, e gli altri servizi sottoposti a particolari vincoli o che presentano particolari esigenze organizzative, il dirigente responsabile, con proprio provvedimento, definisce l orario di lavoro tenendo conto delle peculiarità del servizio e delle risorse umane a disposizione, nel rispetto della normativa contrattuale, valutate anche le esigenze espresse dal personale, adeguatamente documentate. 7. Per il personale in servizio a tempo parziale l orario di lavoro è definito nel contratto individuale di lavoro. 8. Per il personale operante in servizi che necessitano di configurazioni dell orario di lavoro particolarmente variabili o per i quali non è possibile definire dei turni standardizzati, la rilevazione delle presenze viene effettuata mediante un sistema semplificato denominato contaore. Detto sistema provvede alla registrazione delle prestazioni effettuate senza operare i controlli automatici relativi al rispetto dell orario di servizio e delle eventuali fasce di flessibilità. 9. La rilevazione delle presenze mediante il sistema contaore è limitata ai servizi caratterizzati da elevata variabilità dell orario in ragione della quale non è possibile in alcun modo programmare un sistema di turnazione. L inserimento nel sistema contaore è disposto con provvedimento del dirigente del Settore Risorse Umane su proposta motivata e documentata del dirigente del servizio interessato. 10. Il personale che operi in regime di contaore è tenuto comunque a rispettare rigorosamente le disposizioni in materia di orari e di turni di lavoro impartite dal dirigente responsabile. 11. Nei servizi nei quali è possibile individuare dei turni di lavoro, anche variabili nel tempo, il dirigente responsabile o un suo delegato provvede a programmare i turni e a comunicarli con tempestività al Settore Risorse Umane ai fini dell inserimento degli stessi nel sistema di rilevamento presenze. Il personale turnista non è inserito nel sistema contaore. 12. Entro il terzo mese successivo a quello di entrata in vigore del presente regolamento i dirigenti responsabili, unitamente al dirigente del Settore Risorse Umane, provvedono alla verifica dei servizi inseriti nel sistema contaore allo scopo di individuare, ove possibile, delle configurazioni dell orario di lavoro, anche mediante l implementazione di turni, che permettano di ridurre il ricorso a detto sistema semplificato di rilevamento presenze. Articolo 3 Orario di apertura al pubblico 1. L orario di apertura al pubblico per la generalità dei servizi e degli uffici organizzati secondo la modalità della settimana corta è il seguente: - lunedì, mercoledì e venerdì dalle 10:30 alle 12:30; - martedì e giovedì dalle 16:00 alle 17: L orario di apertura al pubblico per la generalità dei servizi e gli uffici organizzati secondo la modalità della settimana lunga è il seguente: - dal lunedì al sabato dalle 10:30 alle 12: L orario di apertura al pubblico del Servizio Anagrafe e Stato Civile è il seguente: - dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 12:30; - martedì e giovedì dalle 16:00 alle 17:30 in aggiunta all orario mattutino. 4. L orario di apertura al pubblico del Servizio Protocollo, Archivio e Casa Comunale è il seguente: - dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 13:30; - martedì e giovedì dalle 16:00 alle 17:30 in aggiunta all orario mattutino. 5. Particolari orari di apertura al pubblico possono essere definiti con provvedimento dirigenziale in relazione alle particolari esigenze organizzative o funzionali di alcuni servizi, anche per periodi di tempo limitati in relazione a momenti di particolare intensificazione dell attività, nel rispetto comunque della durata minima complessiva indicata nei commi 1 e 2 del presente articolo.

3 Articolo 4 Flessibilità automatica 1. Il personale operante presso gli uffici, sottoposto all orario di lavoro di cui all art. 2, commi 4 e 5, del presente regolamento, usufruisce della flessibilità in entrata e in uscita della durata di 45 minuti, come di seguito specificata, con obbligo comunque di coprire l orario di lavoro giornaliero dovuto: - flessibilità in entrata dalle 7:45 alle 8:30 e dalle 15:00 alle 15:45; - flessibilità in uscita dalle 13:45 alle 14:30 e dalle 18:00 alle 18: Il personale sottoposto ad orari di lavoro diversi da quello ordinario di cui all art. 2, commi 4 e 5, può usufruire della flessibilità in entrata e in uscita della durata massima di 45 minuti, definita con provvedimento motivato del dirigente responsabile, tenuto conto delle specifiche esigenze organizzative del servizio di appartenenza e assicurando comunque la presenza durante l orario di apertura al pubblico. 3. Le prestazioni effettuate durante le fasce di flessibilità automatica vengono conteggiate dal sistema di rilevamento presenze fino a copertura della durata complessiva dell orario di lavoro dovuto. Le prestazioni effettuate all interno delle fasce di flessibilità automatica in eccedenza rispetto all orario di lavoro dovuto vengono conteggiate come ore eccedenti e costituiscono un credito orario per il dipendente. Le prestazioni effettuate al di fuori delle fasce di flessibilità costituiscono periodo nullo e pertanto non incrementano il credito orario, né riducono il debito orario del dipendente. 4. Il credito orario derivante dal cumulo delle prestazioni effettuate all interno delle fasce di flessibilità o da eventuali recuperi può essere utilizzato dal dipendente a scomputo di eventuali permessi personali o di ritardi entro il mese di maturazione. Alla fine di ciascun mese il credito orario viene azzerato automaticamente senza possibilità di riporto al mese successivo. 5. Il debito orario accumulato da ciascun dipendente nel corso di ciascun mese dev essere recuperato entro il mese successivo a norma dell art. 20, comma 3, del CCNL del In caso di mancato recupero si procede alla decurtazione proporzionale della retribuzione. Per tale decurtazione viene utilizzata la tariffa oraria calcolata sulla base della nozione di retribuzione globale di fatto, come definita dall art. 10, comma 2, lettera d), del CCNL del e successive modificazioni e integrazioni. Articolo 5 Flessibilità a domanda 1. Il personale che si trovi in una delle situazioni di cui al comma 2 del presente articolo può richiedere al proprio dirigente, con istanza scritta, motivata e documentata, di usufruire della flessibilità oraria in entrata e in uscita (flessibilità a domanda) della durata massima di 45 minuti da realizzarsi mediante anticipo o posticipo delle fasce di flessibilità di cui all art. 4 del presente regolamento. 2. La flessibilità a domanda è concessa con provvedimento motivato del dirigente responsabile del servizio, per periodi di tempo determinati, a condizione che non vi ostino ragioni di servizio, nelle ipotesi di seguito indicate: - necessità di accompagnare i figli a scuola; - necessità, per i dipendenti pendolari, di usufruire di corse di mezzi pubblici quando la corsa precedente all orario di entrata o successiva all orario di uscita sia prevista rispettivamente prima o dopo un lasso di tempo superiore a 60 minuti; - necessità di tipo personale o familiare per i dipendenti pendolari residenti oltre 30 km dal luogo di lavoro anche se usufruiscono del mezzo proprio in quanto impossibilitati ad utilizzare i mezzi pubblici; - necessità di sottoporsi a terapie periodiche in orari non conciliabili con il normale orario di lavoro. 3. La flessibilità a domanda comporta per il dipendente l obbligo di coprire l orario di lavoro giornaliero dovuto. Laddove ciò non fosse possibile, le minori prestazioni rese sono recuperate, su disposizione del dirigente del servizio, nel mese di riferimento o, eccezionalmente, non oltre il mese successivo, prioritariamente in orario pomeridiano nelle giornate nelle quali non sia previsto il rientro. Articolo 6 Particolare articolazione dell orario di lavoro 1. Una diversa articolazione dell orario di lavoro rispetto a quella prevista nell art. 2 del presente regolamento può essere autorizzata, per periodi di tempo determinati, dal Segretario Generale, sentito il dirigente responsabile, con atto motivato, per ragioni di servizio o per serie e documentate motivazioni personali o familiari del dipendente, sempre che non vi ostino ragioni di servizio.

4 Articolo 7 Permessi brevi 1. I permessi per motivi personali di cui all art. 20 del CCNL del possono essere concessi dal dirigente responsabile con le modalità e nei limiti della vigente normativa contrattuale. 2. I permessi per motivi personali non possono avere durata superiore alla metà dell orario di lavoro giornaliero e complessivamente non possono superare 36 ore annue. 3. Allo scopo di consentire al dirigente di adottare gli accorgimenti organizzativi necessari per garantire la continuità del servizio, la richiesta di permesso personale deve essere presentata dal dipendente in tempo utile, possibilmente entro un ora dall inizio dell attività lavorativa, salvo i casi di particolare urgenza o necessità, valutati dal dirigente stesso. 4. Il dipendente è tenuto a recuperare le ore non lavorate entro il mese successivo con le modalità stabilite dal dirigente, in relazione alle esigenze di servizio, nell ambito delle possibilità di seguito indicate: - mediante allungamento delle prestazioni quotidiane entro i limiti della fascia di flessibilità automatica; - mediante specifici rientri nei pomeriggi nei quali non è previsto il rientro ordinario, previa effettuazione della pausa pasto della durata di almeno trenta minuti; - il sabato mattina per il personale in regime di settimana corta. 5. I permessi personali e gli eventuali ritardi non recuperati entro il mese successivo danno luogo alla decurtazione della retribuzione in misura proporzionale, fatta salva la potestà disciplinare. Per tale decurtazione viene utilizzata la tariffa oraria calcolata sulla base della nozione di retribuzione globale di fatto, come definita dall art. 10, comma 2, lettera d), del CCNL del e successive modificazioni e integrazioni. 6. Le trattenute stipendiali di cui al comma 5 del presente articolo sono disposte con provvedimento del dirigente del Settore Risorse Umane, con cadenza periodica e comunque almeno una volta l anno. 7. In caso di trattenute di importo particolarmente elevato il dipendente interessato può richiedere la rateizzazione del debito per un periodo non superiore a dodici mesi e per una rata mensile non inferiore a Euro 50, Il dipendente, prima di effettuare lavoro straordinario di qualsiasi tipo, provvede al recupero dell eventuale debito orario pregresso. Al dipendente che presenta debito orario non è possibile liquidare compensi per lavoro straordinario riferito al medesimo periodo del debito o a periodi successivi, ivi compreso i compensi per lavoro straordinario elettorale o per calamità naturali o a carico di specifici finanziamenti, prima che abbia recuperato il debito orario stesso. E possibile imputare il tempo del lavoro straordinario a recupero del debito orario, fino alla copertura dell intero debito, e procedere alla liquidazione dell eventuale lavoro straordinario residuo, dandone comunicazione al dipendente interessato. Articolo 8 Uscite per motivi di servizio 1. Le uscite per motivi di servizio dal luogo di lavoro del personale operante su postazioni di lavoro fisse sono preventivamente autorizzate per iscritto dal responsabile del servizio. Tale autorizzazione contiene l indicazione dell ora di uscita e dei motivi dell uscita. 1. Il dipendente è tenuto a registrare l uscita dal proprio posto di lavoro e il successivo rientro mediante badge magnetico avendo cura di digitare lo specifico codice di riferimento. Articolo 9 Uscite per missione 1. Il dipendente autorizzato ad allontanarsi dal proprio posto di lavoro per missione è tenuto a registrare l uscita e il successivo rientro mediante badge magnetico avendo cura di digitare lo specifico codice di riferimento. 2. Nel caso in cui il dipendente sia impossibilitato a registrare l uscita per missione o il successivo rientro in quanto effettuate al di fuori degli orari di apertura dei locali ove è situato il terminale marcatempo o per altre ragioni adeguatamente documentate è tenuto ad effettuare specifica comunicazione al Settore Risorse Umane, firmata dal responsabile del servizio, nella quale sono riportate l ora di uscita, l ora di rientro e le motivazioni della mancata timbratura. Detta comunicazione va effettuata con tempestività possibilmente entro il primo giorno lavorativo successivo al rientro in servizio.

5 Articolo 10 Uscite per il ritiro dello stipendio (Abrogato con delibera di G. C. n. 125 del ) Articolo 11 Assenze ingiustificate 1. Il dipendente che si assenta dal servizio senza autorizzazione del dirigente responsabile e senza fornire adeguata e documentata motivazione è soggetto alle sanzioni previste dalla vigente normativa. 2. L assenza ingiustificata, qualificata come tale da specifica dichiarazione sottoscritta dal dirigente responsabile, è comunicata per iscritto al Settore Risorse Umane il quale provvede a registrare la stessa nel sistema informatico di rilevamento presenze con il relativo codice e avvia il procedimento per l applicazione della trattenuta stipendiale e per gli adempimenti ulteriori anche di natura disciplinare ove ne ricorrano i presupposti. Articolo 12 Sciopero 1. In caso di adesione allo sciopero il dipendente è tenuto a darne preventiva comunicazione al dirigente responsabile. 2. Ciascun dirigente, entro la prima ora di sciopero, comunica per iscritto al Settore Risorse Umane i nominativi dei dipendenti della propria struttura che risultano assenti dal servizio precisando quali siano assenti per sciopero e quali per malattia, infortunio, ferie e altro. 3. Il Settore Risorse Umane, acquisite le comunicazioni di cui al comma precedente, provvede a registrare nel sistema informatico di rilevamento presenze le assenze per sciopero e ad effettuare le comunicazioni dovute agli enti preposti. Il Settore Risorse Umane avvia inoltre il procedimento per le trattenute stipendiali nei confronti del personale che ha aderito allo sciopero. Articolo 13 Riposi compensativi 1. Il personale che, in occasione di consultazioni elettorali o referendarie, è chiamato a prestare lavoro straordinario nel giorno di riposo settimanale coincidente con la giornata delle consultazioni stesse, oltre al relativo compenso per lavoro straordinario, ha diritto a fruire di un riposo compensativo corrispondente alle ore prestate, come previsto dall art. 16, comma 1, del CCNL del Qualora le ore di lavoro straordinario effettivamente rese siano superiori alla durata convenzionale della giornata lavorativa ordinaria il riposo compensativo spettante è comunque di una sola giornata. 2. Il personale che, per esigenze di servizio, non usufruisce del giorno di riposo settimanale, oltre alla maggiorazione della retribuzione prevista dall art. 24, comma 1, del CCNL del , ha diritto a fruire di un riposo compensativo corrispondente alle ore di lavoro effettivamente prestate. Qualora le ore di lavoro effettivamente rese siano superiori alla durata convenzionale della giornata lavorativa ordinaria il riposo compensativo spettante è comunque di una sola giornata. 3. L attività prestata in giorno festivo infrasettimanale dà diritto, a richiesta del dipendente, a equivalente riposo compensativo o, in alternativa, alla corresponsione del compenso per lavoro straordinario festivo, come previsto dall art. 24, comma 2, del CCNL del L attività prestata in giorno feriale non lavorativo (ad esempio il sabato per chi è in regime di settimana corta) dà diritto, a richiesta del dipendente, a equivalente riposo compensativo o, in alternativa, alla corresponsione del compenso per lavoro straordinario feriale, come previsto dall art. 24, comma 3, del CCNL del Le prestazioni di lavoro straordinario possono dar luogo a equivalenti riposi compensativi in luogo della corresponsione del relativo compenso, compatibilmente con le esigenze di servizio e previa autorizzazione del dirigente responsabile.

6 6. I riposi compensativi di cui al presente articolo sono richiesti dal dipendente e autorizzati dal dirigente responsabile. Detti riposi sono fruiti di regola entro i quindici giorni successivi a quello di effettuazione delle prestazioni lavorative e comunque non oltre il secondo mese successivo. Trascorso tale termine il diritto è decaduto automaticamente. Articolo 14 Badge magnetico 1. A ciascun dipendente viene assegnato un badge magnetico strettamente personale e non cedibile a terzi. 2. In caso di smarrimento o malfunzionamento del badge magnetico il dipendente deve darne immediata comunicazione al dirigente responsabile del settore di appartenenza e al settore Risorse Umane. 3. La sostituzione del badge smarrito o danneggiato avviene a titolo gratuito la prima volta e previo versamento della somma di 5,00 quale quota di partecipazione alle spese di ristampa per ogni sostituzione successiva. 4. La sostituzione o la riprogrammazione del badge smagnetizzato avviene sempre a titolo gratuito quando il malfunzionamento è dovuto alla normale usura dello stesso e non per causa addebitabile al titolare. Articolo 15 Rilevamento presenze 1. In conformità alla norma di carattere generale di cui all articolo 1, commi 7 e 8, la presenza in servizio del personale operante presso le sedi provviste di appositi terminali marcatempo è registrata con sistemi automatici di rilevazione mediante il passaggio in entrata ed in uscita del badge magnetico individuale. 2. In occasione di ciascuna timbratura in ingresso o in uscita il dipendente è tenuto a digitare sul terminale marcatempo il codice identificativo della tipologia di entrata o di uscita. 3. L elenco delle causali per la timbratura con i relativi codici è affisso in prossimità dei terminali marcatempo e può essere integrato o variato al sopraggiungere di esigenze di tipo normativo e/o organizzativo. 4. Ciascun dipendente è tenuto ad effettuare la timbratura in ingresso e in uscita presso la sede del proprio lavoro. E fatto divieto di timbrare in sedi diverse. Per particolari esigenze di servizio adeguatamente documentate e per il tempo strettamente necessario allo scopo, il dipendente può essere autorizzato dal dirigente dell area di appartenenza ad effettuare le timbrature presso una sede diversa dal luogo abituale di lavoro, da specificare nel provvedimento di autorizzazione. 5. E cura del dirigente verificare periodicamente, se necessario con la collaborazione del Settore Risorse Umane, il rispetto di quanto previsto al comma 4, con riferimento al personale sottoposto. 6. Ove per condizioni logistico-strutturali, ovvero per l esiguo numero di dipendenti, non sia possibile installare il terminale marcatempo nello specifico luogo di lavoro, il personale interessato è tenuto ad effettuare le timbrature nel terminale installato nella sede più prossima al proprio posto di lavoro, come individuata dal dirigente dell area di appartenenza. 7. Nelle sedi prive di terminale marcatempo per le quali non è possibile individuare nelle immediate vicinanze una stazione di timbratura, il personale registra l ora di ingresso e di uscita, su documento cartaceo, sottoscritto dal dipendente interessato e controfirmato dal referente del servizio interessato. Detto documento in originale è trasmesso al Settore Risorse Umane con cadenza mensile. 8. In caso di smarrimento, dimenticanza o malfunzionamento del badge magnetico o del terminale marcatempo il dipendente impossibilitato ad effettuare la timbratura provvede a registrare l ingresso o l uscita su documento cartaceo il quale, provvisto della firma del referente del servizio, viene inoltrato con immediatezza a mezzo fax o al Settore Risorse Umane per il caricamento manuale della timbratura nel sistema informatico. Il documento cartaceo originale è comunque trasmesso al Settore Risorse Umane a mezzo posta interna. 9. In caso di malfunzionamento o smarrimento del badge magnetico il dipendente comunica immediatamente l evento al referente del servizio e al Settore Risorse Umane affinché si possa provvedere alla sostituzione nel più breve tempo possibile.

7 Articolo 16 Referenti 1. Ciascun dirigente, in relazione alle caratteristiche e alle esigenze della propria struttura organizzativa, individua uno o più dipendenti addetti alla gestione decentrata del sistema di rilevamento presenze. 2. Il referente coadiuva il dirigente e si interfaccia con il Settore Risorse Umane e con gli altri uffici ai fini del corretto ed efficace utilizzo del sistema di rilevamento presenze. 3. Il dirigente, in relazione alle caratteristiche e alle esigenze della propria struttura organizzativa, può affidare al referente i seguenti adempimenti: - stampa e consegna dei cartellini mensili delle timbrature al personale della propria struttura; - ritiro e trasmissione al Settore Risorse Umane dei cartellini sottoscritti dai dipendenti della struttura e dal dirigente responsabile con l indicazione delle eventuali correzioni da apportare; - segnalazione tempestiva al Settore Risorse Umane o agli uffici preposti di eventuali anomalie nel funzionamento dei terminali marcatempo o nel sistema di rilevamento presenze in genere; - cura delle comunicazioni inerenti il sistema di rilevamento presenze con il Settore Risorse Umane e con gli altri uffici. 4. In caso di mancata nomina del referente tutti gli adempimenti di cui al comma precedente sono di competenza del dirigente responsabile. Articolo 17 Procedura di controllo delle timbrature 1. Il referente di ciascun servizio provvede entro il giorno 10 di ciascun mese alla stampa dei cartellini delle presenze del mese precedente e alla consegna degli stessi ai dipendenti della propria struttura. 2. Ciascun dipendente verifica le timbrature presenti sul proprio cartellino, vi annota eventuali correzioni o integrazioni da apportare avendo cura di indicare le relative motivazioni, firma il cartellino e lo riconsegna al referente entro il giorno 15 del mese. 3. Il referente, acquisiti tutti i cartellini della propria struttura, dopo aver verificato la rimozione e la giustificazione di tutte le anomalie presenti, sottopone gli stessi al dirigente responsabile o a un eventuale delegato. 4. Il dirigente responsabile, o il suo eventuale delegato, verifica le correzioni e le integrazioni apportate, provvede alle ulteriori verifiche di propria competenza e infine sottoscrive ciascun cartellino autorizzando il Settore Risorse Umane ad effettuare le variazioni segnalate. 5. Il referente trasmette i cartellini al Settore Risorse Umane entro il giorno 20 del mese successivo a quello di riferimento. 6. Il Settore Risorse Umane provvede a registrare nel sistema informatico di rilevamento presenze le variazioni indicate nei cartellini o nella documentazione trasmessa dalle varie strutture. Articolo 18 Buoni pasto 1. Il personale dipendente, ivi compreso il Segretario Generale, il personale Dirigente e il personale con rapporto di lavoro a tempo determinato, ha diritto alla erogazione di n. 1 buono pasto per ciascuna giornata di presenza effettiva in servizio con prosecuzione pomeridiana dell attività lavorativa, nel rispetto delle condizioni stabilite nel presente articolo. 2. Il buono pasto compete, nel rispetto delle condizioni stabilite dal presente articolo, oltre che nelle giornate nelle quali è previsto il rientro pomeridiano per il personale in regime di settimana corta di cui all art. 2 del presente regolamento, anche nei casi in cui vi sia orario di lavoro spezzato, rientro pomeridiano per lavoro straordinario o per recupero e, per il Segretario Generale e per il personale Dirigente, quando vi sia comunque prestazione di servizio anche nelle ore pomeridiane, nel rispetto delle condizioni di cui al successivo comma 4. Il buono pasto non compete in caso di prestazione lavorativa effettuata nella sola mattinata o nel solo pomeriggio, anche quando la stessa sia intervallata da una pausa. 3. Per il personale non dirigente si considerano utili ai fini della erogazione del buono pasto solo i casi di lavoro straordinario e di recupero pomeridiani regolarmente autorizzati dal dirigente responsabile;

8 4. Il diritto al buono pasto compete a condizione che il personale, come individuato al comma 1 del presente articolo, usufruisca del pasto al di fuori dell orario di lavoro e a tal fine effettui una pausa non inferiore a 30 (trenta) minuti e non superiore a 120 (centoventi) minuti, nonché a condizione che il lavoro pomeridiano si protragga per una durata non inferiore a 120 (centoventi) minuti. 5. Le condizioni previste dal presente articolo ai fini della corresponsione dei buoni pasto si applicano anche nei casi di lavoro straordinario elettorale, di lavoro straordinario per calamità naturali e in tutti i casi in cui le prestazioni di lavoro straordinario sono retribuite con oneri a carico di terzi o che gravano su particolari fonti di finanziamento e conseguentemente anche la spesa per i relativi buoni pasto rimane a carico di terzi o delle specifiche fonti di finanziamento. 6. Il Servizio Economato, indicativamente con cadenza trimestrale anticipata, eroga i buoni pasto in favore del personale dipendente sulla base di un conteggio che tenga conto delle sole giornate di rientro previste in relazione all orario ordinario di servizio. 7. Il Settore Risorse Umane, indicativamente con cadenza trimestrale posticipata, trasmette al Servizio Economato il conteggio dei buoni pasto effettivamente spettanti al personale dipendente, effettuato sulla base delle risultanze del sistema di rilevamento delle presenze, in funzione dell effettiva presenza in servizio e nel rispetto delle condizioni stabilite nel presente articolo. 8. Il Servizio Economato, sulla base del conteggio trasmesso dal Settore Risorse Umane, provvede ad effettuare i conguagli tra i buoni pasto effettivamente spettanti a ciascun dipendente e quelli erogati a preventivo. In caso di conguaglio negativo a carico del dipendente, i buoni pasto da recuperare sono scontati sull acconto del periodo successivo oppure, ove ciò non sia possibile, il dipendente provvede a rimborsare il corrispondente importo. 9. In caso di buoni pasto spettanti per lavoro straordinario elettorale o per altre tipologie di lavoro straordinario con oneri a carico di terzi o gravanti su specifiche fonti di finanziamento, è possibile provvedere alla erogazione dei buoni pasto spettanti ai dipendenti con cadenza e con modalità specifiche, in relazione alle esigenze di imputazione e di rendiconto della relativa spesa, provvedendo eventualmente con conteggi separati. Articolo 19 Disposizioni specifiche per il Segretario Generale e per il personale Dirigente 1. Al Segretario Generale e al personale Dirigente non si applicano le disposizioni del presente regolamento di seguito indicate in quanto non compatibili con la disciplina contrattuale del rapporto di lavoro rispettivamente del Segretario e dei Dirigenti: a) Art. 2 Orario di lavoro; b) Art. 4 Flessibilità automatica; c) Art. 5 Flessibilità a domanda; d) Art. 6 Particolare articolazione dell orario di lavoro; e) Art. 7 Permessi brevi; f) Art. 8, comma 1, - Uscite per motivi di servizio; g) Art. 11 Assenze ingiustificate; h) Art. 12, commi 1 e 2, - Sciopero; i) art. 13 Riposi compensativi. 2. Il Segretario Generale e il personale Dirigente, nell ambito dell assetto organizzativo dell Ente, assicurano la propria presenza in servizio ed organizzano il proprio tempo di lavoro correlandoli in modo flessibile alle esigenze della struttura cui sono preposti. La distribuzione settimanale dell orario di lavoro è funzionale all orario di servizio della struttura cui il Segretario o il Dirigente è preposto. Qualora nella medesima struttura siano presenti sia servizi con orario distribuito su cinque giorni settimanali (settimana corta) che servizi con orario distribuito su sei giorni settimanali (settimana lunga), la distribuzione settimanale dell orario di lavoro del Dirigente preposto segue quella dei servizi prevalenti, fermo restando la necessità di assicurare la funzionalità di tutti i servizi. 3. La registrazione della presenza del Segretario Generale e del personale Dirigente è finalizzata all accertamento della presenza o dell assenza dal servizio e non anche alla quantità della prestazione lavorativa giornaliera. La durata della prestazione lavorativa effettuata dal Segretario Generale e dal personale Dirigente rileva unicamente ai fini della verifica del realizzarsi o meno delle condizioni per il

9 riconoscimento di benefici per i quali siano previsti limiti di durata delle prestazioni lavorative o particolari modalità di effettuazione delle stesse. 4. Le uscite per motivi di servizio o per missione da parte del Segretario Generale e del personale Dirigente sono registrate mediante digitazione dello specifico codice di riferimento. La registrazione rileva ai fini della copertura assicurativa contro gli infortuni sul lavoro e comunque a tutela del dipendente. 5. Il Segretario Generale comunica preventivamente l assenza dal servizio per ferie, malattia, permessi e quant altro con nota scritta indirizzata al Sindaco e al Settore Risorse Umane per la registrazione nel sistema di rilevamento presenze. Nel caso in cui la comunicazione preventiva non sia possibile a causa di esigenze sopraggiunte non prevedibili, la comunicazione è effettuata anche a mezzo fax o nel più breve tempo possibile. 6. Il Dirigente comunica preventivamente l assenza dal servizio per ferie, malattia, permessi giornalieri, aspettative e quant altro con nota scritta indirizzata al Sindaco, al Segretario Generale e al Settore Risorse Umane per la registrazione nel sistema di rilevamento presenze. Nel caso in cui la comunicazione preventiva non sia possibile a causa di esigenze sopraggiunte non prevedibili, la comunicazione è effettuata anche a mezzo fax o nel più breve tempo possibile. Quando l assenza si protrae per un periodo di tempo relativamente lungo e comunque quando lo richiedono ragioni di funzionalità dei servizi, il Dirigente nomina un proprio sostituto. 7. Il Segretario Generale e il personale Dirigente comunicano preventivamente l adesione allo sciopero con nota scritta indirizzata al Sindaco e al Settore Risorse Umane per la registrazione nel sistema di rilevamento presenze. Articolo 20 Entrata in vigore 1. Il presente regolamento entra in vigore il primo giorno del mese successivo a quello di esecutività del provvedimento di approvazione. 2. Dalla data di entrata in vigore del presente regolamento sono abrogate e cessano di avere efficacia tutte le disposizioni incompatibili con le prescrizioni in esso contenute.

COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 2015-117 Data 15-10-2015 OGGETTO: INDICAZIONI RELATIVE ALLE MODALITÀ DI RILEVAMENTO DELLE PRESENZE DEL PERSONALE

Dettagli

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto)

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA DEGLI UFFICI AL PUBBLICO (Approvato con Deliberazione G.C. n. 89 del 08/07/2013) I N D I C E ART.

Dettagli

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA **********

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA ********** COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA ********** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 162 del 19.11.2014

Dettagli

COMUNE DI GROTTAMMARE

COMUNE DI GROTTAMMARE COMUNE DI GROTTAMMARE 63013 PROVINCIA DI ASCOLI PICENO P.IVA 00403440449 * Tel. 0735-7391 * Fax 0735-735077 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO (approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ROTTOFRENO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ROTTOFRENO Approvato con delibera di Giunta Comunale n.69 del 29.04.16 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ROTTOFRENO ART. 1 DEFINIZIONI Il presente

Dettagli

Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV

Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV Raccolta Regolamenti ARPAV n. 28 Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV Approvato con deliberazione del Decreto

Dettagli

Art.1 Oggetto del regolamento

Art.1 Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER L ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 72/2013 MODIFICATA CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 89/2013 E DELIBERA COMMISSARIALE N. 138/2013. Art.1 Oggetto del

Dettagli

COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano

COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano Piazza Italia, 1 Tel. 0783 62010-62274 - Fax 0783 62433 - P. IVA 00541880951 REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO Approvato

Dettagli

SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO

SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO Approvato con Deliberazione di G.C. n. 258 del 20.12.2012 Modificato con Deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DELLA PRESENZA IN SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI AVIGLIANO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DELLA PRESENZA IN SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI AVIGLIANO ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 63 DEL 14/6/2013 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DELLA PRESENZA IN SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI AVIGLIANO ART.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE ART. 1 RILEVAZIONE DELLE PRESENZE Ai sensi della vigente disciplina contrattuale, l orario di lavoro dei dipendenti è accertato mediante controlli

Dettagli

REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEL COMUNE DI COTIGNOLA

REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEL COMUNE DI COTIGNOLA AREA PERSONALE E ORGANIZZAZIONE Servizio Amministrazione del Personale Corso Garibaldi, 62 48022 Lugo Tel. 0545 38311 Fax 0545 38442 marinid@unione.labassaromagna.it REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO INDICE: Art.1 Definizioni Art.2 L orario di servizio Art.3 L orario di apertura al pubblico Art.4 L orario di lavoro Art.5 L orario dei

Dettagli

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 ACCORDO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente accordo

Dettagli

Autorità Idrica Toscana

Autorità Idrica Toscana REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, DELLE ASSENZE E DEI PERMESSI DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con decreto del Direttore Generale n. 21 del 18 febbraio 2013 e successivamente modificato

Dettagli

COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI / COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO ED EROGAZIONE BUONI PASTO approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 92 in data 06.11.2014 modificato con

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Adottato con atto deliberativo di Giunta Comunale n 83 del 02.08.2002 Modificato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ALLEGATO A ALLA DELIBERA DI G.C. N. 71 DEL 05.11.2009 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO ART. 1 - OGGETTO 1. Il presente regolamento, adottato con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro, ai sensi dell art. 89, comma 6,

Dettagli

Disciplinare relativo alle modalità di gestione delle presenze, assenze ed orario di lavoro del personale dipendente

Disciplinare relativo alle modalità di gestione delle presenze, assenze ed orario di lavoro del personale dipendente Disciplinare relativo alle modalità di gestione delle presenze, assenze ed orario di lavoro del personale dipendente Approvato con delibera Giunta Comunale n. 97 del 27/08/2013 1 Articolo 1 OGGETTO DEL

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERAZIONE G.C. N.101 DEL 05.06.2013 1 Indice A Orario di Lavoro B Flessibilità dell'orario C Pausa

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Ufficio Risorse Umane Ripartizione Personale Tecnico Amministrativo

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Ufficio Risorse Umane Ripartizione Personale Tecnico Amministrativo REGOLE DI CARATTERE GENERALE PER LA RILEVAZIONE INFORMATIZZATA DELLE PRESENZE Al fine della corretta gestione della rilevazione informatizzata delle presenze e in applicazione del C.C.N.L. 9.8.2000, sono

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA PRESENZA IN SERVIZIO ED IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA AUTOMATICO DI RILEVAZIONE DELLE PRESENZE

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA PRESENZA IN SERVIZIO ED IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA AUTOMATICO DI RILEVAZIONE DELLE PRESENZE COMUNE DI ROCCHETTA SANT ANTONIO (Provincia di Foggia) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA PRESENZA IN SERVIZIO ED IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA AUTOMATICO DI RILEVAZIONE DELLE PRESENZE Approvato dalla Giunta

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, PER LA FRUIZIONE DELLE FERIE E PER GLI ISTITUTI DEL TURNO E DELLA REPERIBILITA

Dettagli

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera)

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera) CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) R E G O L A M E N T O O R A R I O D I S E R V I Z I O E D I A C C E S S O D E L P U B B L I C O (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio

Dettagli

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI ********************** Approvato con Deliberazione di

Dettagli

REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA

REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA Il presente regolamento, ai sensi dell art. 5, comma 2, del D.Lgs. n. 165/2001, disciplina i tempi e le modalità

Dettagli

Piazza E. Abbro, 1 tel. 089682106 www.comune.cava-de-tirreni.sa.it 84013 Cava de Tirreni (Sa) fax

Piazza E. Abbro, 1 tel. 089682106 www.comune.cava-de-tirreni.sa.it 84013 Cava de Tirreni (Sa) fax REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO DEGLI UFFICI COMUNALI E NORME REGOLAMENTARI PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONTROLLO AUTOMATICO DELLE PRESENZE Approvato con

Dettagli

COMUNE DI LANCIANO (Provincia di Chieti)

COMUNE DI LANCIANO (Provincia di Chieti) COMUNE DI LANCIANO (Provincia di Chieti) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO, DEL LAVORO STRAORDINARIO, DEI PERMESSI, DEI RITARDI E DELLE ASSENZE DEI DIPENDENTI

Dettagli

Regolamento per l erogazione dei buoni pasto COMUNE DI NARNI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEI BUONI PASTO IN FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE

Regolamento per l erogazione dei buoni pasto COMUNE DI NARNI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEI BUONI PASTO IN FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE COMUNE DI NARNI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEI BUONI PASTO IN FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE 1 Art.1 PRINCIPI GENERALI... Art.2 VALORE DEL BUONO PASTO E TRATTAMENTO FISCALE. Art.3 DIRITTO AL BUONO PASTO..

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO. Art. 1 - Finalità e definizioni

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO. Art. 1 - Finalità e definizioni REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO Art. 1 - Finalità e definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende: - per ufficio l insieme funzionale di competenze amministrative e tecniche attribuite ad una

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO DELLA DIRIGENZA S.P.T.A. IN SERVIZIO PRESSO ARPA UMBRIA ART.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO DELLA DIRIGENZA S.P.T.A. IN SERVIZIO PRESSO ARPA UMBRIA ART. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO DELLA DIRIGENZA S.P.T.A. IN SERVIZIO PRESSO ARPA UMBRIA ART. 1 PREMESSA Il presente regolamento disciplina l orario di lavoro del

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ARSOLI

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ARSOLI REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ARSOLI ART. 1. DEFINIZIONI ART. 2. ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI SERVIZIO ART. 3. ORARIO ORDINARIO

Dettagli

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Le presente direttive vengono adottate al

Dettagli

LE PARTI PREMESSO CHE

LE PARTI PREMESSO CHE AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI MODENA ACCORDO RELATIVO ALLA REGOLAMENTAZIONE DELL ORARIO DI SERVIZIO, DELL ORARIO DI LAVORO E RELATIVA ARTICOLAZIONE DEL PERSONALE DELL AREA COMPARTO Il giorno 28 marzo

Dettagli

COMUNE DI CAMPOROTONDO ETNEO. (Provincia di Catania) Cod. fise. 8000 8130 876 REGOLAMENTO DISCÍPLINA ORARIO DI LAVORO DI SERVIZIO E FLESSIBILITÀ

COMUNE DI CAMPOROTONDO ETNEO. (Provincia di Catania) Cod. fise. 8000 8130 876 REGOLAMENTO DISCÍPLINA ORARIO DI LAVORO DI SERVIZIO E FLESSIBILITÀ COMUNE DI CAMPOROTONDO ETNEO (Provincia di Catania) Cod. fise. 8000 8130 876 REGOLAMENTO DISCÍPLINA ORARIO DI LAVORO DI SERVIZIO E FLESSIBILITÀ Approvato c îon delibera di G.M. n. 74 del 15/11/2013 Modificato

Dettagli

Comune di Capannori Provincia di Lucca

Comune di Capannori Provincia di Lucca Allegato 1 Comune di Capannori Provincia di Lucca Regolamento Comunale per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro 1 Premessa Il presente regolamento è approvato nel rispetto dei contratti vigenti.

Dettagli

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA Provincia di Caserta REGOLAMENTO COMUNALE DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E APERTURA AL PUBBLICO DEGLI UFFICI E SERVIZI DELL ENTE Approvato con delibera di Giunta Municipale

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA ART.1 OGGETTO 1. Il presente regolamento, adottato con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro, ai sensi dell

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 Orario di servizio

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 Orario di servizio Allegato h) Al Regolamento comunale sull ordinamento generale degli Uffici e dei Servizi Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 127 del 12/12/2011 REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA Approvato con delibera G.C. n.24 in data 11 febbraio 2009 Modificato con deliberazione di Giunta Comunale n.126 del 15/07/2009 Modificato con

Dettagli

COMUNE DI LANCIANO (Provincia di Chieti)

COMUNE DI LANCIANO (Provincia di Chieti) COMUNE DI LANCIANO (Provincia di Chieti) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO, DEL LAVORO STRAORDINARIO, DEI PERMESSI, DEI RITARDI E DELLE ASSENZE DEI DIPENDENTI

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO AL PUBBLICO

REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO AL PUBBLICO CITTÀ DI BAVENO Provincia del Verbano Cusio Ossola Ufficio Segreteria REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO AL PUBBLICO 1 Titolo 1 : Personale Comunale. Art. 1 Orario di Servizio. 1. Il comune di

Dettagli

Polo Universitario della Provincia di Agrigento

Polo Universitario della Provincia di Agrigento Polo Universitario della Provincia di Agrigento DIRETTIVA DEL RESPONSABILE DEL SETTORE AA.GG. N. 3 del _15/02/2013_ OGGETTO: GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE

Dettagli

COMUNITA MONTANA LL9:SiNO FRASASSI

COMUNITA MONTANA LL9:SiNO FRASASSI COMUNITA MONTANA LL9:SiNO FRASASSI (Anibito 3) 60044 FABRIAN() (AN) (Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA D1SCIPLIN DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO E PER LA EROGAZIONE ED UTILIZZO DEI BUONI PASTO

Dettagli

DISCIPLINA ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, RITARDI, PAUSE E MANCATE TIMBRATURE DA PARTE DEL PERSONALE DIPENDENTE. IL SINDACO (Walter Marongiu)

DISCIPLINA ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, RITARDI, PAUSE E MANCATE TIMBRATURE DA PARTE DEL PERSONALE DIPENDENTE. IL SINDACO (Walter Marongiu) Allegato atto GC n.39 del 7/5/2015 COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari DISCIPLINA ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, RITARDI, PAUSE E MANCATE TIMBRATURE DA PARTE DEL PERSONALE DIPENDENTE. IL SINDACO

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICI E SERVIZI. APPENDICE. Regolamento sull orario di lavoro.

REGOLAMENTO UFFICI E SERVIZI. APPENDICE. Regolamento sull orario di lavoro. COMUNE DI STRIANO (Provincia di Napoli) Via Sarno, 80040 Striano Tel. 081.8276202 Fax 081. 8276103 P.I. 01254261215 - C.F. 01226000634 segreteria@comune.striano.na.it www.comune.striano.na.it REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Articolo 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni) 1. Nell ambito dell orario di lavoro si distinguono:

Dettagli

CITTÀ DI ALESSANDRIA

CITTÀ DI ALESSANDRIA CITTÀ DI ALESSANDRIA Approvato con deliberazione G.C. n. 295 del 04.11.2015. - Disciplina per l erogazione dei buoni pasto in vigore dal 09 novembre 2015-1 Art. 1 - PRINCIPI GENERALI 1. La presente Disciplina

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEI DIPENDENTI COMUNALI di CONTURSI TERME

DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEI DIPENDENTI COMUNALI di CONTURSI TERME Prot. n. 6265 del 31 ottobre 2011 DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEI DIPENDENTI COMUNALI di CONTURSI TERME (delibera di Giunta Comunale n. 424 del 25-10-2011) 1.RILEVAZIONE DELLE PRESENZE

Dettagli

Art. 1. Definizioni. Art. 2. Rilevazione delle presenze

Art. 1. Definizioni. Art. 2. Rilevazione delle presenze COMUNE DI PRIOLO GARGALLO Provincia di Siracusa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEGLI UFFICI COMUNALI Approvato con Deliberazione della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI. Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 40 del 20/03/2014. REGOLAMENTO PER LA

Dettagli

Comune di Albissola Marina Provincia di Savona

Comune di Albissola Marina Provincia di Savona Comune di Albissola Marina Provincia di Savona Regolamento dell orario di lavoro, dell orario di servizio e di apertura al pubblico degli uffici comunali Approvato con deliberazione della G.C. n. 112 del

Dettagli

COMUNE DI TRENTINARA

COMUNE DI TRENTINARA REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n.142 del 9 dicembre 2013 Art. 1 - Finalità e ambito di intervento Il presente Regolamento,

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO COMUNE DI CAMPEGINE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Accordo Sindacale. Visto il CCNL 2002-2005, I biennio economico - d.d. 27.01.2005 ed in particolare l art. 12 e l art. 34;

Accordo Sindacale. Visto il CCNL 2002-2005, I biennio economico - d.d. 27.01.2005 ed in particolare l art. 12 e l art. 34; Accordo Sindacale Regolamento Lavoro Straordinario: durata minima lavoro straordinario e limite individuale ore/anno liquidabili nonché norme di utilizzo flessibilità modificative dell attuale regolamento

Dettagli

LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Art. 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni)

LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Art. 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni) LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Art. 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni) 1. Nell ambito dell orario di lavoro si distinguono: Dovuto è il complesso teorico

Dettagli

(Approvato con delibera della Commissione Straordinaria con i poteri della Giunta Comunale n. 42 del 10/04/2014)

(Approvato con delibera della Commissione Straordinaria con i poteri della Giunta Comunale n. 42 del 10/04/2014) Comune di Ardore Provincia di Reggio Calabria Regolamento Comunale per la disciplina dell orario di lavoro e di servizio del personale dipendente del Comune di Ardore (Approvato con delibera della Commissione

Dettagli

CITTA DI MONOPOLI Provincia di Bari. Regolamento in materia di presenza in servizio dei dipendenti comunali

CITTA DI MONOPOLI Provincia di Bari. Regolamento in materia di presenza in servizio dei dipendenti comunali CITTA DI MONOPOLI Provincia di Bari Regolamento in materia di presenza in servizio dei dipendenti comunali Approvato con delibera di G.C. n. 187 del 26/10/2005 SOMMARIO Articolo 1 - Definizioni Principi

Dettagli

ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO

ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO PREMESSA La presente regolamentazione disciplina gli adempimenti necessari per l osservanza dell

Dettagli

CITTA DI ORBASSANO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA A FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE. Approvato con deliberazione G.C. del 22 dicembre 2015 n.

CITTA DI ORBASSANO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA A FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE. Approvato con deliberazione G.C. del 22 dicembre 2015 n. CITTA DI ORBASSANO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA A FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con deliberazione G.C. del 22 dicembre 2015 n. 235 1 INDICE Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione pag.

Dettagli

COMUNE DI TAIBON AGORDINO REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO

COMUNE DI TAIBON AGORDINO REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI TAIBON AGORDINO REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 96 del 30.12.2014 In vigore dal 01.01.2015 ART. 1 ORARIO DI LAVORO 1. Per orario di

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DI UNIONCAMERE PIEMONTE

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DI UNIONCAMERE PIEMONTE REGOLAMENTO DEL PERSONALE DI UNIONCAMERE PIEMONTE Art. 1 (Segretario Generale) Il Segretario Generale è il capo del personale. Egli, oltre ad assolvere le mansioni stabilite dallo Statuto dell Unioncamere

Dettagli

Approvato con delibera di Giunta Unione n. 45 del 11/05/2011

Approvato con delibera di Giunta Unione n. 45 del 11/05/2011 SETTORE ORGANIZZAZIONE RISORSE UMANE Servizio Sviluppo del Personale Corso Garibaldi, 62 48022 Lugo Tel. 0545 38328 Fax 0545 38440 cavalluccif@unione.labassaromagna.it DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO INDICE Art. 1 -Definizioni Art. 2 -L orario di servizio Art. 3 -L orario di apertura al Pubblico Art. 4 -L orario di lavoro straordinario

Dettagli

Città di Salve. Provincia di Lecce REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO

Città di Salve. Provincia di Lecce REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO Città di Salve Provincia di Lecce REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 5 del 21 /01/2014 Indice: ART. 1: Orario di servizio Titolo

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. REGOLAMENTO del nuovo orario di lavoro, banca delle ore e buono pasto

PROVINCIA DI MATERA. REGOLAMENTO del nuovo orario di lavoro, banca delle ore e buono pasto PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO del nuovo di lavoro, banca delle ore e buono pasto APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI G.P. N. 287 DEL 21.11.2013 REGOLAMENTO DEL NUOVO ORARIO DI LAVORO, BANCA DELLE ORE E BUONO

Dettagli

MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE ACCADEMIA DI BELLE ARTI Via Duca degli Abruzzi, 4 07100 SASSARI

MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE ACCADEMIA DI BELLE ARTI Via Duca degli Abruzzi, 4 07100 SASSARI MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE ACCADEMIA DI BELLE ARTI Via Duca degli Abruzzi, 4 07100 SASSARI Prot. n. 2066/A1a 16.05.2011 Vista la legge 508 del 1999;

Dettagli

Regolamento per la disciplina delle modalità di gestione delle politiche dell orario di lavoro

Regolamento per la disciplina delle modalità di gestione delle politiche dell orario di lavoro C O M U N E D II P A D U L II P rr o v ii n c ii a d ii B e n e v e n tt o Regolamento per la disciplina delle modalità di gestione delle politiche dell orario di lavoro allegato alla deliberazione di

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA REGOLAMENTO DI SEGRETERIA Art. 1 Descrizione 1. Il Regolamento è stilato a uso interno del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Bologna inteso in tutti

Dettagli

AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale

AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale Articolo 1 Orario di lavoro 1. L orario normale di lavoro è di 40 ore settimanali corrispondenti a 8 ore al giorno

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO SANITA IN SERVIZIO PRESSO ARPA UMBRIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO SANITA IN SERVIZIO PRESSO ARPA UMBRIA Allegato A) alla D.D.G. n. 521 del 28/12/2011 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO SANITA IN SERVIZIO PRESSO ARPA UMBRIA Art.

Dettagli

COMUNE DI BOTTIDDA Provincia di Sassari Via Goceano n 2 - c.a.p. 07010

COMUNE DI BOTTIDDA Provincia di Sassari Via Goceano n 2 - c.a.p. 07010 COMUNE DI BOTTIDDA Provincia di Sassari Via Goceano n 2 - c.a.p. 07010 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA IN FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE Allegato alla Deliberazione di

Dettagli

CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO ISTITUTO NAZIONALE TUMORI - AVIANO

CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO ISTITUTO NAZIONALE TUMORI - AVIANO REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO del personale dirigente adottato con deliberazione n. 78 del 09.05.2011 Art. 1. ORARIO DI LAVORO 1. Per Orario di Lavoro è da intendersi qualsiasi periodo in cui il Dirigente

Dettagli

Per tutti i profili la prestazione lavorativa dovrà essere resa fra le 7.30 e le 20.00.

Per tutti i profili la prestazione lavorativa dovrà essere resa fra le 7.30 e le 20.00. A far data da marzo 2011 entrerà in funzione il nuovo sistema di gestione presenze che snellirà tutte le procedure ad esso connesse con particolare riguardo alla rilevazione delle timbrature e dei giustificativi.

Dettagli

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO 1 INDICE Art. 1 L orario di lavoro ordinario Art. 2 L orario differenziato

Dettagli

Regolamento dell orario di lavoro e di servizio

Regolamento dell orario di lavoro e di servizio ENTE-PARCO REGIONALE MIGLIARINO SAN ROSSORE MASSACIUCCOLI Tenuta di San Rossore - Località Cascine Vecchie - 56122 PISA Regolamento dell orario di lavoro e di servizio Approvato con deliberazione Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO del personale non dirigente Approvato con deliberazione n. 90 in data 17.05.2011 Modificato con deliberazione n. 219 in data 13.12.2013 e con deliberazione n. 177 in data

Dettagli

C O M U N E DI IGLESIAS

C O M U N E DI IGLESIAS C O M U N E DI IGLESIAS (PROVINCIA DI CARBONIA - IGLESIAS) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO MENSA IN FAVORE DEL PERSONALE DELL'ENTE. Approvato con deliberazione della Giunta comunale

Dettagli

C O M U N E D I B R I N D I S I Settore Sviluppo Risorse Umane

C O M U N E D I B R I N D I S I Settore Sviluppo Risorse Umane C O M U N E D I B R I N D I S I Settore Sviluppo Risorse Umane Regolamento per la disciplina dell'orario degli uffici e dei servizi comunali e delle attività didattico/educative di pertinenza comunale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO. (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010)

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO. (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010) 1 INDICE Art. 1 Definizioni Art. 2 Articolazione dell orario di lavoro Art.

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CELANO

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CELANO REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CELANO ART. 1. DEFINIZIONI ART. 2. ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI SERVIZIO ART. 3. ORARIO ORDINARIO

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE Articolo 1 (Orario ordinario di lavoro e di servizio. Definizioni) Articolo 2 (Articolazione dell orario)

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI MESSINA L.R. n. 15/2015

CITTA METROPOLITANA DI MESSINA L.R. n. 15/2015 CITTA METROPOLITANA DI MESSINA L.R. n. 15/2015 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO, DEL LAVORO STRAORDINARIO, DEI PERMESSI, DEI RITARDI E DELLE ASSENZE DEI DIPENDENTI

Dettagli

Comune di Casal di Principe Provincia di caserta

Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Regolamento per la gestione dell orario di lavoro e di servizio, del lavoro straordinario, delle ferie, dei permessi, dei ritardi e delle assenze dei dipendenti.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELL OROLOGIO MARCATEMPO

REGOLAMENTO PER L USO DELL OROLOGIO MARCATEMPO ISTITUTO ONNICOMPRENSIVO CELANO REGOLAMENTO PER L USO DELL OROLOGIO MARCATEMPO Rilevazione delle presenze e dell orario di lavoro tramite sistema automatizzato a badge applicazione dell art. 5 del D.Lgs.

Dettagli

Regolamento per la disciplina del servizio di mensa a favore del personale comunale. (Approvato con delibera di G.M. n.477 del 18 dicembre 2008)

Regolamento per la disciplina del servizio di mensa a favore del personale comunale. (Approvato con delibera di G.M. n.477 del 18 dicembre 2008) Regolamento per la disciplina del servizio di mensa a favore del personale comunale (Approvato con delibera di G.M. n.477 del 18 dicembre 2008) 1 ART. l Principi generali 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Direzione Personale Contratti di Lavoro DIRETTORE GENERALE

Direzione Personale Contratti di Lavoro DIRETTORE GENERALE MONTEPASCHI SE.RI.T. SERVIZIO RISCOSSIONE TRIBUTI S.p.A. Numero testo: D 00032 002 Data pubblicazione: 30.03.2005 Serie: 1 Sezione: 3 Servizio: 7 Oggetto: Direzione Personale Contratti di Lavoro Nuova

Dettagli

COMUNE DI LIBRIZZI (Provincia di Messina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

COMUNE DI LIBRIZZI (Provincia di Messina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO COMUNE DI LIBRIZZI (Provincia di Messina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Approvato con Deliberazione di GIUNTA MUNICIPALE n. 53 del 28/05/2010 1 REGOLAMENTO

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA Atti preliminari ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA All inizio di ogni anno scolastico e comunque prima dell inizio delle lezioni, sulla base del POF e delle attività ivi previste:?? Il

Dettagli

COMUNE DI VICO DEL GARGANO PROVINCIA DI FOGGIA

COMUNE DI VICO DEL GARGANO PROVINCIA DI FOGGIA COMUNE DI VICO DEL GARGANO PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Articolo 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Orario di Servizio. Definizioni) 1. Nell ambito

Dettagli

Art. 3 Articolazione dell orario di lavoro settimanale Art. 4 Norme generali e modalità di rilevazione e controllo delle presenze

Art. 3 Articolazione dell orario di lavoro settimanale Art. 4 Norme generali e modalità di rilevazione e controllo delle presenze REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, DEL LAVORO STRAORDINARIO, DELLE FERIE, DEI PERMESSI, DEI RITARDI E DELLE ASSENZE DEI DIPENDENTI SOMMARIO Art. 1 Finalità e ambito di intervento

Dettagli

AGE.AGEDP1RM.REGISTRO DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE.0000119.21-11-2013-R

AGE.AGEDP1RM.REGISTRO DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE.0000119.21-11-2013-R AGE.AGEDP1RM.REGISTRO DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE.0000119.21-11-2013-R Direzione Provinciale I di Roma Staff del Direttore Roma 21/11/2013 DISPOSIZIONE DI SERVIZIO N. 98/2013 ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Allegato alla deliberazione di G.C. n. 23 del 16.02.2013 Art. 1 - Definizioni 1. Nel presente regolamento alle sotto elencate espressioni

Dettagli

POLICY GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

POLICY GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO Pag. 1 di 13 POLICY GESTIONE DEL RAPPORTO DI Redatta Verificata Approvata Distribuita DIREZIONE DIRETTORE CDA DIREZIONE Versione n Del In vigore da 1.0 21/12/2011 01/01/2012 Pag. 2 di 13 INDICE 1. STRUTTURA

Dettagli

MARANELLO PATRIMONIO SRL

MARANELLO PATRIMONIO SRL MARANELLO PATRIMONIO SRL REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO approvato con determina dell Amministratore Unico nr. 15 del 13/12/2012 e modificato con determina dell Amministratore Unico nr.4 del 10/02/2014

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA AL PUBBLICO. Art. 1 Fonti e campo di applicazione

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA AL PUBBLICO. Art. 1 Fonti e campo di applicazione REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA AL PUBBLICO Art. 1 Fonti e campo di applicazione 1. Il presente regolamento disciplina l orario di lavoro del personale tecnico e amministrativo

Dettagli

COMUNE DI GIULIANA (Prov. Palermo) CODICE FISCALE 0265100820 Tel. 091 8356124 Fax 0918356077

COMUNE DI GIULIANA (Prov. Palermo) CODICE FISCALE 0265100820 Tel. 091 8356124 Fax 0918356077 COMUNE DI GIULIANA (Prov. Palermo) CODICE FISCALE 0265100820 Tel. 091 8356124 Fax 0918356077 REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ORARIO DI LAVORO, PRESENZA IN SERVIZIO, PROCEDURA DI RILEVAZIONE CON MEZZI AUTOMATICI

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI

REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI Approvato con deliberazione n. 61 del 23.10.2006 ART. l Orario di servizio Per orario di servizio si intende il periodo di tempo giornaliero necessario per assicurare

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI SERVIZIO, SUL LAVORO STRAORDINARIO E SULLA BANCA DELLE ORE

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI SERVIZIO, SUL LAVORO STRAORDINARIO E SULLA BANCA DELLE ORE COMUNE DI PORTOGRUARO Provincia di Venezia REGOLAMENTO SULL ORARIO DI SERVIZIO, SUL LAVORO STRAORDINARIO E SULLA BANCA DELLE ORE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 230 DEL 14.11.2002.

Dettagli