LIBP Pescara Virtual vloa ACC Brindisi Pescara APP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LIBP Pescara Virtual vloa ACC Brindisi Pescara APP"

Transcript

1 LETTERA DI ACCORDO virtuale Tra ACC Brindisi e Pescara APP Lo scopo della seguente lettera di accordo è quello di stabilire le procedure operative che devono essere applicate tra Brindisi e Pescara nella fornitura del servizio di controllo del traffico aereo così assicurando la sicurezza e un buon servizio ATC nei cieli virtuali. Immagini ENAV.it

2 1. Aree di responsabilità Le aree di responsabilità, con i rispettivi limiti laterali e verticali, sono suddivise come segue: Brindisi FIR/UIR: Area Limiti verticali Classificazione FIR SFC / FL195 G AEROVIE / ROTTE RNAV MEL / FL115 FL115 / FL195 FL195 / FL460 E D C Pescara CTR/ATZ: Area Limiti verticali Classificazione CTR Zona 1 GND/4500FT AMSL o 2000FT AGL se più alto D CTR Zona FT AMSL o 2000FT AGL se più alto/fl115 D ATZ GND/2000FT AGL D 2. AEROPORTI, AVIOSUPERFICI ed ELIPORTI sotto la giurisdizione di PESCARA APP - L Aquila Preturo (LIAP); - Elisuperficie Monteprandone (LIDO); - Elisuperficie Contrada Tamarese (LINT); - Elisuperficie Fara San Martino (LINS); - Elisuperficie Celano (LIAH); - Elisuperficie Piano di San Donato; - Elisuperficie Parchi D Abruzzo Corfinio (POPOLI VFR); - Elisuperficie Campo Dragone; - Elisuperficie Dompè; - Elisuperficie Selva di Campo. 3. POLIGONI Non vi sono poligoni all interno del CTR di Pescara. Poligoni che hanno influenza sul traffico aereo da/per il CTR di Pescara: - Monte Ruzza; - E351 Vasto; - Le Marane; - Le Ripe di Civitella.

3 4. Settorizzazione di ACC Brindisi FL345 FL325 FL285 GND ND4 ND3 ND2 ND1 UND (ND1+ND2+ND3+ND4) NDU (ND3+ND4) NDL (ND1+ND2) ND4 NLI (ND1+ND2+ND3)

4 5. Frequenze VHF Brindisi UND FIC Frq. VHF Mhz Mhz Pescara APP TWR Frq. VHF Mhz Mhz 6. PIANO DI VOLO CORRENTE Le informazioni sul traffico in arrivo dovranno essere trasmesse da Brindisi ACC a Pescara APP almeno 15 minuti prima dell orario stimato di arrivato (ETA) e tali informazioni dovranno essere necessariamente aggiornate. ACC Brindisi fornirà l autorizzazione alla messa in moto o l orario previsto se il ritardo stimato per l emissione dell autorizzazione di rotta è superiore a 15 minuti. Nota. In caso di richiesta di START-UP con lo SLOT scaduto la fraseologia è la seguente: UNABLE TO APPROVE START-UP CLEARANCE DUE SLOT EXPIRED, REQUEST A NEW SLOT. In caso di richiesta troppo in anticipo rispetto al CTOT, la fraseologia è al seguente: UNABLE TO APPROVE START-UP CLEARANCE DUE SLOT (orario), REQUEST START-UP AT (orario). ACC Brindisi fornirà l autorizzazione di rotta indicando il punto d'ingresso nel sistema di aerovie e il livello (punti di uscita differenti da quelli standard potranno essere coordinati per esigenze dell APP). Vedi punto Voli VFR Le attività VFR all interno del CTR di Pescara sono regolate dalle norme e rotte pubblicate in AIP Italia. Le informazioni sul traffico VFR che interessa gli spazi aerei di rispettiva competenza che dovranno essere scambiate tra i due enti sono le seguenti: - nominativo a/m - tipo a/m - livello di volo o altitudine - a/d di partenza e di destinazione AA/MM in partenza da LIBP, LIAP o altre aviosuperfici sotto la giurisdizione di Pescara, Pescara APP fornirà a Brindisi FIC: - l ATD di tutti gli AA/MM decollati da LIBP e che hanno intenzione di lasciare il CTR;

5 - l orario di decollo/apertura del FPL degli aeromobili decollati; - il punto di uscita dallo spazio aereo di responsabilità; - orario stimato per il confine FIR, se richiesto; - tutti dati pertinenti del piano di volo qualora Brindisi FIC non avesse ricevuto lo stesso. AA/MM in arrivo a LIBP, LIAP o altre avio superfici sotto la giurisdizione di Pescara, Brindisi FIC fornirà a Pescara APP: - la quota degli aa/mm; - punto d'ingresso nel CTR e stimato, se richiesto; - tutti i dati pertinenti al piano di volo qualora Pescara APP non avesse ricevuto lo stesso. Qualora un A/M intenda attraversare il CTR di Pescara, Brindisi FIC, se a conoscenza di tale traffico, dovrà fornire a Pescara APP: - nominativo A/M; - tipo A/M; - A/D di partenza; - A/D di destinazione; - livello richiesto per l attraversamento; - punto d'ingresso nel CTR e orario stimato, se richiesto. 8. Traffico IFR in arrivo Qualora condizioni meteorologiche avverse o densità di traffico impongono la definizione di una sequenza di avvicinamento. ACC Brindisi deve autorizzare gli aa/mm in arrivo al FIX designato, includendo in tale autorizzazione le istruzioni per l eventuale attesa e l orario previsto di avvicinamento (EAT). A meno di una specifica richiesta di Pescara APP, gli aeromobili con destinazione Pescara devono essere autorizzati a PES VOR. Nota. Per autorizzare gli aa/mm a PES VOR Brindisi userà la seguente fraseologia: CLEARED TO PES VIA (ultimo fix designato). Per ultimo fix designato, si intende il punto in cui l a/m lascerà il sistema di aerovie (Es. NUTRO, ANEDA..) Il settore competente di ACC Brindisi nel trasferire il traffico a Pescara APP: Potrà rilasciare il traffico solo quando separato ed inbound al fix designato, avendo cura che la navigazione avvenga sempre dentro gli spazi aerei controllati; Avrà cura di comunicare l ultimo punto di aerovia che l a/m sorvolerà in modo da permettere l attribuzione della STAR pubblicate in AIP Italia; Applicherà il Landing Rate in caso di sequenza; Effettuerà il trasferimento di contatto a Pescara APP, di norma e salvo diverse situazioni nei seguenti punti:

6 UTENO ANEDA NUTRO POLYP ARPIK per il tfc proveniente da M/UM736 per il tfc proveniente da L/UL5 per il tfc proveniente da L/UL612 per il tfc proveniente da M/UM169, U/UL612 per il tfc proveniente da L/UL5, L/UL NM da AME per il tfc proveniente da P/UP92, UM872 NORKI KASTU per il tfc proveniente da M/UM872 per il tfc proveniente da M/UM NM da ANC per il tfc proveniente da UM736, L/UL612, M/UM730, UZ982 Il Landing Rate applicabile per tutte le procedure è il seguente: Pista 22: Pista 04: - 8 minuti tra a/m jet / jet e jet / convenzionali ; - 15 minuti tra a/m convenzionali / jet e convenzionali / convenzionali minuti tra a/m jet / jet e jet / convenzionali ; - 20 minuti tra a/m convenzionali / jet e convenzionali / convenzionali. 9. Traffico IFR in partenza Pescara APP autorizzerà le messe in moto in accordo all EOBT e al CTOT che verranno tempestivamente comunicate a Brindisi ACC. Il settore competente di ACC Brindisi, nel trasmettere l autorizzazione di rotta, specificherà: Punti di uscita Rotta Livello di volo Codice SSR Punti di uscita differenti potranno essere coordinati per esigenze di Pescara APP. L APP è responsabile di assegnare SID appropriate tra quelle in vigore. L APP, entro l area di propria giurisdizione, può intervenire con restrizioni di quota e/o rotta purché non vadano a modificare quelle imposte dall ACC. L APP provvederà alla separazione fino al punto di uscita dal CTR e/o fino a quando il traffico in partenza sia separato dal traffico rilasciato in arrivo. LIBP - Pescara Virtual

Letter Of Agreement. IVAO Italia - LoA Interna 2012. Treviso APP - Padova ACC. Marco Milesi - LIPP-ACH. Massimo Soffientini. Simone Amerini - IT-AOAC

Letter Of Agreement. IVAO Italia - LoA Interna 2012. Treviso APP - Padova ACC. Marco Milesi - LIPP-ACH. Massimo Soffientini. Simone Amerini - IT-AOAC Letter Of Agreement Treviso APP - Padova ACC Aprile 2012 Marco Milesi - LIPP-CH Massimo Soffientini - LIPP-ACH Simone Amerini - IT-AOAC INDICE: 1. Generalità 1.1 - Scopo 2. Area di responsabilità e delega

Dettagli

ATC nell area di Milano. Voghera 26 Gennaio 2014

ATC nell area di Milano. Voghera 26 Gennaio 2014 ATC nell area di Milano Voghera 26 Gennaio 2014 AIP Italia Struttura AIP Italia: È composta da 3 parti ognuna delle quali a sua volta è suddivisa in paragrafi che scendono nei particolari degli argomenti

Dettagli

I servizi del traffico aereo

I servizi del traffico aereo TURIN FLYING INSTITUTE I servizi del traffico aereo Circolazione aerea Carlo Molino A.S 2007/08 1.1 Il servizio del traffico aereo Gli stati membri dell ICAO sono tenuti ad indicare,in accordo con quanto

Dettagli

REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA

REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA Edizione 2 del 25 marzo 2015 Regole dell Aria Italia Ed. 2 pag. 2 di 22 STATO DI AGGIORNAMENTO Emendamento Data Delibera N Edizione 1 18/11/2014 Delibera 51/2014 Emendamento

Dettagli

Antonio Golfari GLI SPAZI AEREI

Antonio Golfari GLI SPAZI AEREI Antonio Golfari GLI SPAZI AEREI Febbraio, 2006 PARTE 1: GLI SPAZI AEREI In questa sezione cercheremo di spiegare come è strutturato il cielo per chi lo percorre a bordo di un aeromobile. Non può e non

Dettagli

TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI

TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI 1 1 AUTORIZZAZIONI DEL CONTROLLO DEL TRAFFICO AEREO... 3 1.1 Autorizzazioni a volare provvedendo alla propria separazione in condizioni meteorologiche a vista... 6 1.2 Informazioni

Dettagli

SERVIZIO SPAZIO AEREO CERVIA

SERVIZIO SPAZIO AEREO CERVIA SERVIZIO SPAZIO AEREO C CAPO Sezione Add.to & Stand.ne UFF.LE SV/ATM CAP AAras CSA-TA Angelo STICCO 15 STORMO C/SAR 415 Gr.STO Servizio CSA STRUTTURA C ARO TWR GCA 1 PUNTI di CONTATTO CAPO SERVIZIO C.S.A.

Dettagli

Studio proposta modifica zona 1 CTR ATZ PALERMO ( LICJ)

Studio proposta modifica zona 1 CTR ATZ PALERMO ( LICJ) ITALIAN AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATION MEMBER OF IFATCA INTERNATIONAL FEDERATION OF AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATIONS SEZIONE DI PALERMO Studio proposta modifica zona 1 CTR ATZ PALERMO ( LICJ)

Dettagli

Aeroporto di Lugo. Modifiche alle regole dell aria

Aeroporto di Lugo. Modifiche alle regole dell aria Aeroporto di Lugo Modifiche alle regole dell aria Documenti fonte REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 923/2012 DELLA COMMISSIONE del 26 settembre 2012 + determinazioni ENAC ad esito GDL SERA ENAV-ENAC-AM

Dettagli

SERVIZIO DI CONTROLLO DI AVVICINAMENTO

SERVIZIO DI CONTROLLO DI AVVICINAMENTO Capitolo 18 SERVIZIO DI CONTROLLO DI AVVICINAMENTO Elab. D. Colella INDICE Prefazione e Generalità 1. Generalitá 1.1 Responsabilità per la fornitura del Servizio di controllo di avvicinamento 2. DIVISIONE

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO ATTIVITA ACROBATICA

REGOLAMENTO INTERNO ATTIVITA ACROBATICA REGOLAMENTO INTERNO ATTIVITA ACROBATICA Il seguente regolamento interno per l attività di allenamento alla acrobazia in aliante fa riferimento al Regolamento Tecnico Attività Acrobatica Aliante edizione

Dettagli

Il controllo del traffico Aereo

Il controllo del traffico Aereo Il controllo del traffico Aereo Dispensa a cura di Giulio Di Pinto (MED107) Rev. 03 - Mar/11 1 Il controllo del traffico aereo (ATC - Air Traffic Control) è quell'insieme di regole ed organismi che contribuiscono

Dettagli

ANS Training Compendio ATC

ANS Training Compendio ATC 1. INTRODUZIONE Storicamente, la necessità di istituire un ente dei Servizi di Traffico aereo al suolo, nacque con l esigenza di: assicurare un servizio sicuro e regolare che informasse i piloti circa

Dettagli

Copyright 2007 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR. FIR di Roma

Copyright 2007 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR. FIR di Roma Copyright 07 by Roberto Salaris Millenium Air Virtual IVAO Italia LIRR-FIR FIR di Roma Alghero Fertilia (LIEA) Procedure operative: Unità APP Alghero avvicinamento: Compiti operativi. Alghero avvicinamento

Dettagli

Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano

Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano Regolamento per la conduzione di voli di notte con velivoli secondo le regole del volo a vista (VFR/N) nello spazio aereo italiano Edizione 4 approvata con delibera CdA n 38/06 del 19/06/2006 Elenco delle

Dettagli

RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali

RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali RAIT.4003 Deroga al preavviso per la presentazione dei piani di volo per operazioni speciali a) Il piano di volo può essere presentato senza preavviso per le seguenti categorie di voli: 1) antincendio;

Dettagli

Roma e Brindisi vacc

Roma e Brindisi vacc Roma e Brindisi vacc LETTERA DI ACCORDO VIRTUALE tra ACC BRINDISI/ROMA e NAPOLI APP Decorrenza: 30 Dicembre 2014 1. SCOPO La presente Lettera di Accordo virtuale (vloa) ha la funzione di stabilire le procedure

Dettagli

TRAFFICO AEREO MODULO 3 STRIP MARKING

TRAFFICO AEREO MODULO 3 STRIP MARKING TRAFFICO AEREO MODULO 3 STRIP MARKING 1 1 Strip Marking... 3 1.1 Introduzione... 3 1.2 Compilazione strisce progresso volo... 3 1.3 Metodo Di Compilazione Strip Marking... 3 1.4 Modelli Di Strisce Progresso

Dettagli

TRASPORTO AEREO, NAVIGAZIONE e CONTROLLO DEL TRAFFICO AEREO

TRASPORTO AEREO, NAVIGAZIONE e CONTROLLO DEL TRAFFICO AEREO TRASPORTO AEREO, NAVIGAZIONE e CONTROLLO DEL TRAFFICO AEREO Necessità di una Normativa unica e condivisa per un servizio globale a cura di Graziano D AGOSTINI NORMATIVA TECNICA e GIURIDICA ICAO ECAC ENAC

Dettagli

Leggere le Carte. In questa sezione cercheremo di spiegare come si leggono le carte aeronautiche.

Leggere le Carte. In questa sezione cercheremo di spiegare come si leggono le carte aeronautiche. In questa sezione cercheremo di spiegare come si leggono le carte aeronautiche. Non può e non vuole essere esaustiva sull'argomento, in quanto esula dalle intenzioni di questo tutorial. Si presume però

Dettagli

Materia: Circolazione Aerea. Programmazione dei moduli didattici

Materia: Circolazione Aerea. Programmazione dei moduli didattici Modulo SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Programmazione Moduli Didattici Indirizzo Trasporti e Logistica Ist. Tec. Aeronautico Statale Arturo Ferrarin Via Galermo, 172 95123 Catania (CT) Codice M PMD

Dettagli

Capitolo 20 AUTORIZZAZIONI. Elab. G. Bevilacqua

Capitolo 20 AUTORIZZAZIONI. Elab. G. Bevilacqua Capitolo 20 AUTORIZZAZIONI Elab. G. Bevilacqua Premessa Nella documentazione italiana ed internazionale, e particolarmente in quella a carattere normativo, si incontra sia l espressione "autorizzazione

Dettagli

Training su LIRP. - Conoscenza almeno delle basi del volo IFR, intercettazioni radiali VOR, Holding

Training su LIRP. - Conoscenza almeno delle basi del volo IFR, intercettazioni radiali VOR, Holding Training su LIRP Col presente documento si vuol cercare di aiutare i piloti virtuali alle prime armi che si cimentano a volare Online su IVAO ad effettuare correttamente procedure IFR pubblicate, holding,

Dettagli

FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014

FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014 FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014 enav.it Web conference 02/12/2014 Documenti fonte REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 923/2012 DELLA COMMISSIONE del 26 settembre 2012 + determinazioni ENAC ad esito

Dettagli

IMPARIAMO A LEGGERE LE CARTE AERONAUTICHE

IMPARIAMO A LEGGERE LE CARTE AERONAUTICHE IMPARIAMO A LEGGERE LE CARTE AERONAUTICHE BREVE GUIDA PER PILOTI DI PARAPENDIO E DELTAPLANO redatta con il supporto dell amico, socio e pilota Daniele Baranzini Pagina 1 La presente dispensa si pone come

Dettagli

Anno scolastico 2012-2013

Anno scolastico 2012-2013 ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN - CATANIA Anno scolastico 2012-201 Classe V Sez. D Materia : TRAFFICO AEREO ED ESERCITAZIONI PROFF. : SALVATORE OLIVELLI SALVATORE ARANCIO (ITP) PIANO DI LAVORO

Dettagli

EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI

EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI 1. LE CARTE AEROPORTUALI. le carte aeroportuali individuano le aeree e gli spazi entro i quali i velivoli di varie categorie possono manovrare, decollare

Dettagli

Emergenze e Contingency

Emergenze e Contingency Capitolo 23 Emergenze e Contingency Elab. F. Mancinelli CAPITOLO 23 PROCEDURE DI EMERGENZA 1.1 GENERALITÀ Il termine emergenza evoca l idea di un evento disastroso, e può far pensare alla probabilità che

Dettagli

TURIN FLYING INSTITUTE. Il piano di volo. Navigazione Aerea. Carlo Molino

TURIN FLYING INSTITUTE. Il piano di volo. Navigazione Aerea. Carlo Molino TURIN FLYING INSTITUTE Il piano di volo Navigazione Aerea Carlo Molino 1.1 Il piano di volo: Il piano di volo è un modulo compilato dai piloti e spedito all autorità dell aviazione nazionale (in Italia

Dettagli

Capitolo 11 REGOLE DELL ARIA. Elab. F.Tinarelli

Capitolo 11 REGOLE DELL ARIA. Elab. F.Tinarelli Capitolo 11 REGOLE DELL ARIA Elab. F.Tinarelli 1. INTRODUZIONE Il complesso delle norme istituite allo scopo di garantire la sicurezza e la regolarità dei voli viene definito "Regole dell'aria". Queste

Dettagli

Volare nel cielo sopra la Terra e l Acqua. C o n g r a n d e s i c u r e z z a

Volare nel cielo sopra la Terra e l Acqua. C o n g r a n d e s i c u r e z z a Volare nel cielo sopra la Terra e l Acqua. C o n g r a n d e s i c u r e z z a TRAFFICO AEREO S.A.T. Security air traffic E il traffico operativo militare svolto per la sicurezza nazionale ; comprende

Dettagli

IMPARIAMO A LEGGERE LE CARTE AERONAUTICHE

IMPARIAMO A LEGGERE LE CARTE AERONAUTICHE IMPARIAMO A LEGGERE LE CARTE AERONAUTICHE PICCOLA GUIDA PER I PILOTI DI PARAMOTORE Nota: La presente dispensa si pone come semplice ausilio all interpretazione della carte aeronautiche e delle relative

Dettagli

SICUREZZA VOLO. TOP GUN FLY SCHOOL 18 Set. 2014. Ing. Stefano Cavaliere

SICUREZZA VOLO. TOP GUN FLY SCHOOL 18 Set. 2014. Ing. Stefano Cavaliere SICUREZZA VOLO TOP GUN FLY SCHOOL 18 Set. 2014 Ing. Stefano Cavaliere 50 STORMO PIACENZA SERVIZIO CONTROLLO SPAZIO AEREO Magg. CSA-TA Leonardo PIERALISI ARGOMENTI FONTI NORMATIVE; SPAZI AEREI D E G ; PIACENZA

Dettagli

Comunicazioni aeronautiche

Comunicazioni aeronautiche Comunicazioni aeronautiche Uso della radio Propagazione in linea ottica Uso dello squelch per ascoltare transmissione debole. Parlare nel microfono Premere il pulsante PTT (Push To Talk) poi aspettare

Dettagli

Venerdì 20 Settembre 2013 ore 21:00 LT (19:00z)

Venerdì 20 Settembre 2013 ore 21:00 LT (19:00z) Exam 245211 Data: Aeromobile: Callsign: Venerdì 20 Settembre 2013 ore 21:00 LT (19:00z) Cessna 172 SP EXM5211 Aeroporto di partenza: Firenze Peretola (LIRQ) Elevazione: Magvar: 142ft 2 Est Spazio aereo

Dettagli

IL CONTROLLO DI AVVICINAMENTO

IL CONTROLLO DI AVVICINAMENTO ITALIAN AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATION MEMBER OF IFATCA INTERNATIONAL FEDERATION OF AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATIONS IL CONTROLLO DI AVVICINAMENTO Introduzione Rifacciamoci a quanto detto a proposito

Dettagli

vloa Roma ACC Brindisi ACC Roma e Brindisi tra

vloa Roma ACC Brindisi ACC Roma e Brindisi tra Roma e Brindisi LETTERA DI ACCORDO VIRTUALE tra ROMA ACC e BRINDISI ACC Decorrenza: 8 gennaio 2015 (Rev. 27 gennaio 2015) 1. SCOPO La presente Lettera di Accordo virtuale (vloa) ha la funzione di stabilire

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT)

REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) 1 PREFAZIONE Il presente Regolamento Operativo costituisce una piccola raccolta di disposizioni,norme e criteri operativi che devono essere

Dettagli

ENTE INFORMAZIONI VOLO AEROPORTUALE (AFIU)

ENTE INFORMAZIONI VOLO AEROPORTUALE (AFIU) Capitolo 9 ENTE INFORMAZIONI VOLO AEROPORTUALE (AFIU) Elab. C.Scatigno 1. OPERATORE AFIU L AFIU fornisce il servizio informazioni volo ed il servizio di allarme al traffico di aeroporto. In base alle

Dettagli

Gli obiettivi del Cielo Unico

Gli obiettivi del Cielo Unico Gli obiettivi del Cielo Unico 1 Gli obiettivi del Cielo Unico CAPACITÀ ATM Supportare aumento 3 volte l attuale. SAFETY Grado di sicurezza 10 volte migliore. AMBIENTE Flight Efficiency Riduzione del 10%

Dettagli

Sicurezza del Volo. Analisi di un incidente

Sicurezza del Volo. Analisi di un incidente Sicurezza del Volo Aeroclub dello Stretto Scuola di volo Magis fatigo ut doleas DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS Briefing del 11 maggio 2013 ore 18.00LMT Speaker: C.Ti: Ezio

Dettagli

25 TROFEO CITTA DI LUGO

25 TROFEO CITTA DI LUGO 25 TROFEO CITTA DI LUGO Aeroporto Lugo di Romagna (LIDG) 08-09-10-11 Luglio 2010 Gara di acrobazia aerea Per i giudici di gara Per i partecipanti 1 NORME PER LE OPERAZIONI DI VOLO 2 PARTE PRIMA NORME PER

Dettagli

Aero Club Parma gara ae.c.pr 2015 pag 1

Aero Club Parma gara ae.c.pr 2015 pag 1 Aero Club Parma gara ae.c.pr 2015 pag 1 GARA AEREA TERRE VERDIANE 2015 REGOLAMENTO PARTICOLARE b1 1. L'Aeroclub 'Gaspare Bolla' di PARMA con sede in Via Adriano Mantelli 19A, 43126 Parma organizza sull

Dettagli

NOTA INFORMATIVA. REGOLE DELL ARIA EUROPEE REG. (UE) n. 923/2012 APPLICAZIONE DIFFERITA AL 4 DICEMBRE 2014. Piloti Responsabili, Titolari di COA

NOTA INFORMATIVA. REGOLE DELL ARIA EUROPEE REG. (UE) n. 923/2012 APPLICAZIONE DIFFERITA AL 4 DICEMBRE 2014. Piloti Responsabili, Titolari di COA NI-2012-016 del 4 dicembre 2012 NOTA INFORMATIVA REGOLE DELL ARIA EUROPEE REG. (UE) n. 923/2012 APPLICAZIONE DIFFERITA AL 4 DICEMBRE 2014 Le note informative contengono informazioni attinenti l area della

Dettagli

Nuovi Spazi Aerei del Nord - Est

Nuovi Spazi Aerei del Nord - Est Nuovi Spazi Aerei del Nord - Est RIFERIMENTI AIRAC - AIP/ENR 6.3 AMDT 12/13 28 NOV Data di entrata in vigore 9 Gennaio 2014 NUOVI SPAZI AREI del NORD - EST Come sono dal 09.01.2014 e sperimentali per sei

Dettagli

PRE-ESAME PPL HELI 30 FLIGHT PERFORMANCE AND PLANNING

PRE-ESAME PPL HELI 30 FLIGHT PERFORMANCE AND PLANNING PRE-ESAME PPL HELI 30 FLIGHT PERFORMANCE AND PLANNING 1. Dove si trova il centro di gravità longitudinale dell elicottero? Per la soluzione utilizzare il formulario annesso. R22 Beta I, S/N 2120, massa

Dettagli

PIANIFICAZIONE VFR STEP BY STEP

PIANIFICAZIONE VFR STEP BY STEP IBN EDITORE prof. Francesco Iaccarino 1 PIANIFICAZIONE VFR STEP BY STEP Stabilire l aeroporto di partenza e di arrivo. Individuare le frequenze di comunicazione e di navigazione (DME, ADF, VOR, ILS). Effettuare

Dettagli

I Servizi di Assistenza al Volo

I Servizi di Assistenza al Volo GLI SPAZI AEREI I Servizi di Assistenza al Volo Servizi del Traffico Aereo (ATS) Servizi delle Telecomunicazioni Aeronautiche (TLC) Servizio di Informazioni Aeronautiche (AIS) Servizio di Ricerca e Soccorso

Dettagli

Tutorial sul Piano di Volo IFR IT-EU

Tutorial sul Piano di Volo IFR IT-EU Tutorial sul Piano di Volo IFR IT-EU In questo tutorial ci limiteremo ad una descrizione generale ed alla pianificazione di un volo in IFR internazionale (Genova Valencia) indicando le varie fasi e procedure

Dettagli

Spazio aereo. Versione aggiornata 2015. Schweizerischer Hängegleiter Verband Fédération suisse de vol libre Federazione Svizzera di Volo Libero

Spazio aereo. Versione aggiornata 2015. Schweizerischer Hängegleiter Verband Fédération suisse de vol libre Federazione Svizzera di Volo Libero Andy Busslinger Spazio aereo Versione aggiornata 2015 SHV FSVL FSVL Schweizerischer Hängegleiter Verband Fédération suisse de vol libre Federazione Svizzera di Volo Libero SPAZIO AEREO «LIBERTA SENZA FRONTIERE?»

Dettagli

DITRA Dipartimento di Ingegneria dei Trasporti Dispense del corso di Trasporti Aerei del Prof. L. La Franca - a.a. 2006/2007 ASSISTENZA AL VOLO

DITRA Dipartimento di Ingegneria dei Trasporti Dispense del corso di Trasporti Aerei del Prof. L. La Franca - a.a. 2006/2007 ASSISTENZA AL VOLO Sommario Servizi di assistenza al volo traffico aereo GAT e OAT...2 Suddivisione e tipologie degli spazi aerei...6 La suddivisione operativa degli spazi aerei...10 La separazione fra gli aeromobili...12

Dettagli

Controllo del traffico Aereo

Controllo del traffico Aereo All epoca del debutto dell aeronautica alla fine del diciannovesimo secolo, non ci si preoccupava di organizzare e controllare il traffico Aereo. L obiettivo era quello semplicemente di crearlo un Traffico

Dettagli

Il Piano di Volo VFR secondo ICAO 2012

Il Piano di Volo VFR secondo ICAO 2012 Il Piano di Volo VFR secondo ICAO 2012 Uffici ENAV ARO ITALIA (e meteo) nov. 2012 MILANO Linate +39 02 70143209 FAX: +39 02 70143220 Ufficio METEO: +39 02 701432223/221 MILANO Malpensa +39 02 58579453

Dettagli

Commissione Tecnica. QUESITO TECNICO Sezione di Cuneo Levaldigi. Piani di volo per attività HEMS

Commissione Tecnica. QUESITO TECNICO Sezione di Cuneo Levaldigi. Piani di volo per attività HEMS Associazione Nazionale Assistenti e Controllori della Navigazione Aerea Commissione Tecnica QUESITO TECNICO Sezione di Cuneo Levaldigi Piani di volo per attività HEMS Commissione Tecnica ANACNA Pag. 1

Dettagli

Corso basico di radiofonia aeronautica per ULM

Corso basico di radiofonia aeronautica per ULM Corso basico di radiofonia aeronautica per ULM LE FREQUENZE Tutte le comunicazioni radio vengono effettuate con appositi apparati (trasmettitori e ricevitori). All interno di questi apparati ci sono diversi

Dettagli

SERVIZIO DI ALLARME 1

SERVIZIO DI ALLARME 1 SERVIZIO DI ALLARME 1 SERVIZIO DI ALLARME... 1 1 Servizio di allarme... 3 1.1 Generalità... 3 1.2 Notifica delle fasi d emergenza... 4 1.3 Procedure per gli aeromobili... 6 1.4 Tracciamento di un aeromobile

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN

INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN INCONVENIENTE GRAVE aa/mm C172/PA-28, marche D-ECBF/D-EZEN Tipi di aeromobile e marche Data e ora Località dell evento Descrizione dell evento Esercente dell aeromobile Natura del volo Persone a bordo

Dettagli

Il Piano di Volo VFR secondo ICAO 2012

Il Piano di Volo VFR secondo ICAO 2012 Il Piano di Volo VFR secondo ICAO 2012 Uffici ENAV ARO ITALIA (e meteo) nov. 2012 MILANO Linate +39 02 70143209 FAX: +39 02 70143220 Ufficio METEO: +39 02 701432223/221 MILANO Malpensa +39 02 58579453

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: / / Pag. di

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: / / Pag. di INDIRIZZO SCOLASTICO DISCIPLINA DOCENTI CLASSI PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014 / 2015 MECCANICA e MECCATRONICA ELETTRONICA X LOGISTICA e TRASPORTI LICEO SCIENTIFICO SCIENZE DELLA NAVIGAZIONE AEREA Buonincontri

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZI DI TRAFFICO AEREO. Consultazione Emendamento 02

REGOLAMENTO SERVIZI DI TRAFFICO AEREO. Consultazione Emendamento 02 REGOLAMENTO SERVIZI DI TRAFFICO AEREO Consultazione Emendamento 02 INTENZIONALMENTE BIANCA 2 Regolamento Servizi di Traffico Aereo Ed. 1 STATO DI AGGIORNAMENTO Emendamento Data Delibera N 1 23/4/2012 15/2012

Dettagli

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Regolamento. Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Regolamento. Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale Ente Nazionale per l'aviazione Civile Regolamento Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale Edizione 1-30/06/2003 REGOLAMENTO ENAC Operazioni ogni tempo nello spazio aereo nazionale Art. 1 Definizioni

Dettagli

748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili

748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili 748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili (ONCA) del 20 maggio 2015 (Stato 15 luglio 2015) Il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e

Dettagli

RAPPORTO D INCHIESTA

RAPPORTO D INCHIESTA RAPPORTO D INCHIESTA INCONVENIENTE GRAVE occorso agli aeromobili A320 marche I-LINH e due Tornado AM, circa 10,5 NM a Sud-Est aeroporto Verona Villafranca, 20 novembre 2009 OBIETTIVO DELL INCHIESTA DI

Dettagli

Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili

Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili (ONCA) 1 del 4 maggio 1981 (Stato 1 aprile 2011) Il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni

Dettagli

La lettura delle SID

La lettura delle SID La lettura delle SID In questo tutorial proviamo a introdurre alla lettura delle SID semplificando la trattazione a quanto necessario per un utilizzo pratico nel mondo della simulazione di volo. Come prima

Dettagli

ATTIVITA DI VOLO ACROBATICO AEROBATIC TRAINING ACTIVITY

ATTIVITA DI VOLO ACROBATICO AEROBATIC TRAINING ACTIVITY AIP - Italia ENR 5.5.2-1 ENR 5.5.2 ATTIVITA DI VOLO ACROBATICO AEROBATIC TRAINING ACTIVITY 1 GENERALITA 1 GENERAL Attività di volo acrobatico può essere effettuata dagli utenti autorizzati, nelle zone,

Dettagli

Flight Plan & Self Briefing

Flight Plan & Self Briefing Flight Plan & Self Briefing Rieti, 5 Dicembre 2014 Introduzione Nell ambito della riorganizzazione dei Servizi ARO-AIS/MET, l ENAV ha interpretato al meglio il concetto dell ATS Reporting Office (ARO),

Dettagli

REGOLAMENTO SCALO AEROPORTO DI CAPANNORI - LIQL

REGOLAMENTO SCALO AEROPORTO DI CAPANNORI - LIQL REGOLAMENTO DI SCALO AEROPORTO DI CAPANNORI - LIQL a cura della Direzione Aeroportuale di Aeroporto di Capannori - LIQL Edizione: 1.0 Revisione: Prima edizione Inizio Validità: 01.08.2014 1 INDICE 2 Capitolo

Dettagli

INTRODUZIONE INTRODUZIONE

INTRODUZIONE INTRODUZIONE Navigazione La Pianificazione del Volo La preparazione del piano di volo. Utilizzo delle procedure standard per la partenza e l avvicinamento. INTRODUZIONE Con il presente inserto, intendiamo introdurre

Dettagli

AERO CLUB F. BARACCA LUGO DI ROMAGNA SCUOLA DI ACROBAZIA

AERO CLUB F. BARACCA LUGO DI ROMAGNA SCUOLA DI ACROBAZIA Il presente regolamento è stato redatto per dare a tutti la possibilità di uniformarsi alle procedure che permettono il volo acrobatico in sicurezza. Tutti i piloti sono tenuti a seguire, divulgare e meditare

Dettagli

Air Traffic Control, regole di volo visuali e strumentali in Flight Simulator 2004

Air Traffic Control, regole di volo visuali e strumentali in Flight Simulator 2004 Air Traffic Control, regole di volo visuali e strumentali in Flight Simulator 2004 In questo documento si fornirà un completa descrizione di come funziona l ATC in Flight Simulator 9, di come differisce

Dettagli

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA L organizzazione tiene in altissima considerazione la Sicurezza del Volo e per questo, con il supporto e

Dettagli

TUTORIAL PRIMO VOLO GUIDA SUL VOLO DI ATTIVAZIONE OEACTIVE DI COMPAGNIA

TUTORIAL PRIMO VOLO GUIDA SUL VOLO DI ATTIVAZIONE OEACTIVE DI COMPAGNIA TUTORIAL PRIMO VOLO GUIDA SUL VOLO DI ATTIVAZIONE OEACTIVE DI COMPAGNIA In questo tutorial seguiremo tutte le fasi di preparazione e realizzazione del volo di attivazione per la compagnia (volo con codice

Dettagli

ESERCITAZIONE CON SIMULATORE DI VOLO Attraverso un volo simulato con decollo dall aeroporto di Rimini (LIPR) ed atterraggio all aeroporto di Bologna

ESERCITAZIONE CON SIMULATORE DI VOLO Attraverso un volo simulato con decollo dall aeroporto di Rimini (LIPR) ed atterraggio all aeroporto di Bologna ESERCITAZIONE CON SIMULATORE DI VOLO Attraverso un volo simulato con decollo dall aeroporto di Rimini (LIPR) ed atterraggio all aeroporto di Bologna (LIPE) su un aereo da addestramento Cessna C172SP Skyhawk,

Dettagli

ENAV S. p. A. ACADEMY ANS TRAINING STRIP MARKING

ENAV S. p. A. ACADEMY ANS TRAINING STRIP MARKING ENAV S. p. A. ACADEMY ANS TRAINING STRIP MARKING Edizione 2005 ENAV S.p.A ACADEMY ANS Training STRIP MARKING Edizione 2005 - 2 - - 3 - INDICE 1. Generalità 1.1 Presentazione dei dati ATS 1.2 Modelli strisce

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE (airprox) aa/mm F-100, marche F-GNLK e F-50, marche PH-FZG

INCONVENIENTE GRAVE (airprox) aa/mm F-100, marche F-GNLK e F-50, marche PH-FZG INCONVENIENTE GRAVE (airprox) aa/mm F-100, marche F-GNLK e F-50, marche PH-FZG Tipo degli aeromobili e marche Fokker 100 (categoria di scia M), marche F-GNLK. Fokker 50 (categoria di scia M), marche PH-FZG.

Dettagli

LA PISTA. A < 91 B 91 / 120 C 121 / 140 D 141 / 165 E 166 / 210 (un nodo, abbreviato con il termine kt, equivale a 1,852 Km/h).

LA PISTA. A < 91 B 91 / 120 C 121 / 140 D 141 / 165 E 166 / 210 (un nodo, abbreviato con il termine kt, equivale a 1,852 Km/h). LA PISTA Un pilota, nel pianificare il suo volo, deve scegliere un aerodromo di destinazione con caratteristiche fisiche che soddisfino le esigenze del suo aeromobile. E abbastanza facile intuire che un

Dettagli

Il Volo VFR Di Ruggero Osto Versione documento 1.2

Il Volo VFR Di Ruggero Osto Versione documento 1.2 Il Volo VFR Di Ruggero Osto Versione documento 1.2 Il volo VFR (Visual Flight Rules) differisce per molti aspetti da quello IFR. In questo documento, che non ha alcuna pretesa di rigore, si cercherà di

Dettagli

GLOSSARIO Operazioni al suolo ed in circuito Volo in rotta

GLOSSARIO Operazioni al suolo ed in circuito Volo in rotta GLOSSARIO Operazioni al suolo ed in circuito Adattare... To arrange Allinearsi... To line up Arrivare lungo sulla pista (con riattaccata)... To overshoot Attendere... To hold Attesa... Holding Atterraggio

Dettagli

ALTIMETRIA E REGOLAGGIO ALTIMETRICO

ALTIMETRIA E REGOLAGGIO ALTIMETRICO ALTIMETRIA E REGOLAGGIO ALTIMETRICO 1. Introduzione Quota e livello sono termini generici riferiti alla posizione verticale di un aereo in volo che indicano, a seconda dei casi, un altezza, un altitudine

Dettagli

ROMA ACC. Giornata di Studio. Sistemi e tecnologie per il controllo del traffico aereo Giovedì, 22 Gennaio 2015

ROMA ACC. Giornata di Studio. Sistemi e tecnologie per il controllo del traffico aereo Giovedì, 22 Gennaio 2015 ROMA ACC Gruppo Tematico Sistemi di Rilevamento, Monitoraggio e Navigazione Giornata di Studio Sistemi e tecnologie per il controllo del traffico aereo Giovedì, 22 Gennaio 2015 Sede ENAV/ACC di Ciampino

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 255/2010 DELLA COMMISSIONE del 25 marzo 2010 recante norme comuni per la gestione dei flussi del traffico aereo

REGOLAMENTO (UE) N. 255/2010 DELLA COMMISSIONE del 25 marzo 2010 recante norme comuni per la gestione dei flussi del traffico aereo L 80/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 26.3.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 255/2010 DELLA COMMISSIONE del 25 marzo 2010 recante norme comuni per la gestione dei flussi del traffico aereo (Testo rilevante

Dettagli

SEZIONE 3 SERVIZI ED ENTI DEL TRAFFICO AEREO

SEZIONE 3 SERVIZI ED ENTI DEL TRAFFICO AEREO SEZIONE 3 SERVIZI ED ENTI DEL TRAFFICO AEREO SERVIZI DEL T.A. SERVIZI DELLA NAVIGAZIONE AEREA PREMESSA IServizi di Traffico Aereo (denominazione ENAC) da sempre previsti e citati nelle sole regolamentazioni

Dettagli

PIANIFICAZIONE IFR. IBN EDITORE www.ibneditore.it IBN EDITORE. prof. Francesco Iaccarino 1. iaccarinofr@gmail.com

PIANIFICAZIONE IFR. IBN EDITORE www.ibneditore.it IBN EDITORE. prof. Francesco Iaccarino 1. iaccarinofr@gmail.com Ottimizzato per Microsoft PowerPoint 2010 versione del 01 12/10/2013 PIANIFICAZIONE IFR IBN EDITORE www.ibneditore.it prof. Francesco Iaccarino iaccarinofr@gmail.com www.itismarconipadova.it Per eventuali

Dettagli

PROCEDURE RADIOTELEFONICHE

PROCEDURE RADIOTELEFONICHE Capitolo 24 PROCEDURE RADIOTELEFONICHE Elab. F. Tinarelli CAPITOLO 24 PROCEDURE RADIOTELEFONICHE 1 PROCEDURE RADIOTELEFONICHE 1.1 TECNICA DELLE COMUNICAZIONI 1.1.1 Le trasmissioni devono essere effettuate

Dettagli

AIR EXTREME 2010. Venezia Lido ORDINE DI MANIFESTAZIONE. Tempi: tutti i tempi sono in ora locale

AIR EXTREME 2010. Venezia Lido ORDINE DI MANIFESTAZIONE. Tempi: tutti i tempi sono in ora locale MANIFESTAZIONE AEREA AIR EXTREME 2010 Quando l energia prende il volo Venezia Lido 24, 25 e 26 settembre 2010 ORDINE DI MANIFESTAZIONE Tempi: tutti i tempi sono in ora locale Redatto dal Col Pil (ris)

Dettagli

INTRODUZIONE ALL'ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DEL TRAFFICO AEREO

INTRODUZIONE ALL'ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DEL TRAFFICO AEREO Queste brevi note sono la sintesi dei seminari tenuti presso la Sede Romana di PVI, sede occasionale, dovuta alla cortesia della cooperativa Insieme 2000 e del suo presidente Giuseppe Scicchitano, che

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile B737, volo THY 1874

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile B737, volo THY 1874 INCONVENIENTE GRAVE aeromobile B737, volo THY 1874 Tipo dell aeromobile e volo Boeing 737-800, volo THY 1874. Data e ora Località dell evento Descrizione dell evento Esercente dell aeromobile Natura del

Dettagli

Brochure Self Briefing AO FPL

Brochure Self Briefing AO FPL Brochure Self Briefing AO FPL INDICE PREFAZIONE... 2 ACRONIMI ED ABBREVIAZIONI... 3 1 Attivazione del Sistema Self Briefing... 4 1.1 Generalità... 4 1.2 Modifica Password personale... 5 1.3 Menù utente...

Dettagli

Assistenza al volo. Corso di Trasporti Aerei Anno Accademico 2008-2009 Prof. L. La Franca

Assistenza al volo. Corso di Trasporti Aerei Anno Accademico 2008-2009 Prof. L. La Franca Corso di Trasporti Aerei Anno Accademico 2008-2009 Prof. L. La Franca Assistenza al volo Sommario Servizi di assistenza al volo Suddivisione e tipologie degli spazi aerei La suddivisione operativa degli

Dettagli

DIFFUSIONE DELLE INFORMAZIONI SULL OPERATIVITÀ DELL AEROPORTO

DIFFUSIONE DELLE INFORMAZIONI SULL OPERATIVITÀ DELL AEROPORTO REV. 0 PAG. 1/ DIFFUSIONE DELLE INFORMAZIONI SULL OPERATIVITÀ DELL AEROPORTO INDICE 6.0 SCOPO... 3 6.1 CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 6.2 RIFERIMENTI... 5 6.3 RESPONSABILITÀ ED ATTIVITÀ... 6 6.4 Eventi per

Dettagli

Commenti alla Circolare ENAC GEN 04 Operatività degli aeroporti e spazi aerei limitrofi al vulcano Etna

Commenti alla Circolare ENAC GEN 04 Operatività degli aeroporti e spazi aerei limitrofi al vulcano Etna Commenti alla Circolare ENAC GEN 04 Operatività degli aeroporti e spazi aerei limitrofi al vulcano Etna Società o Associazione che propone i commenti ANACNA Data 1 13/02/13 1. N 2. Riferimento Circolare

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZI DI TRAFFICO AEREO

REGOLAMENTO SERVIZI DI TRAFFICO AEREO REGOLAMENTO SERVIZI DI TRAFFICO AEREO Edizione n 1 approvata con delibera CdA n 35/2009 del 30 luglio 2009 Regolamento Servizi di Traffico Aereo Ed. 1 STATO DI AGGIORNAMENTO Emendamento Data Delibera N

Dettagli

Flight Utilities http://www.flightutilities.com. Le Holding Anche in cielo abbiamo i semafori by Umberto Degli Esposti

Flight Utilities http://www.flightutilities.com. Le Holding Anche in cielo abbiamo i semafori by Umberto Degli Esposti Flight Utilities http://www.flightutilities.com Le Holding Anche in cielo abbiamo i semafori by Umberto Degli Esposti 1 Similmente alla necessità di installare semafori nelle aree di maggior traffico automobilistico,

Dettagli

AEROPORTO FIRENZE PERETOLA NOTA TECNICA IPOTESI POSIZIONAMENTO NUOVA PISTA PISTA 09/27 PISTA 12/30

AEROPORTO FIRENZE PERETOLA NOTA TECNICA IPOTESI POSIZIONAMENTO NUOVA PISTA PISTA 09/27 PISTA 12/30 AEROPORTO FIRENZE PERETOLA NOTA TECNICA IPOTESI POSIZIONAMENTO NUOVA PISTA PISTA 09/27 PISTA 12/30 AEROPORTO DI FIRENZE PERETOLA NOTA TECNICA Pista 09/27 Pag. 2 Sommario LAYOUT AEROPORTUALE e SUPERFICI

Dettagli

Regolamento Regole dell Aria

Regolamento Regole dell Aria Regolamento Regole dell Aria Edizione 1 approvata con delibera CdA n 48/06 del 3/10/2006 Elenco delle Edizioni del Regolamento Regole dell Aria N. Data di emissione N. Data di emissione 1 3 ottobre 2006

Dettagli

EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT)

EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) A. PRE-START (VERIFICA DEI COMANDI). 1. Freni di Parcheggio: Attivati; 2. Manette: Impostate al minimo (IDLE); 3. Interruttore

Dettagli

L'instrument landing system, in italiano sistema di atterraggio strumentale, comunemente abbreviato come ILS, è un sistema di terra e di bordo ideato

L'instrument landing system, in italiano sistema di atterraggio strumentale, comunemente abbreviato come ILS, è un sistema di terra e di bordo ideato L'instrument landing system, in italiano sistema di atterraggio strumentale, comunemente abbreviato come ILS, è un sistema di terra e di bordo ideato per guidare gli aeromobili nella fase finale di un

Dettagli

Cagliari Approach (118.75 MHz) CIT 124

Cagliari Approach (118.75 MHz) CIT 124 Cagliari Approach (118.75 MHz) CIT 124 04:37:57 CIT Approach good morning, Charlie India Tango one two four, we are descending to flight level niner zero (Avvicinamento buongiorno, CIT 124, stiamo scendendo

Dettagli