Linee Aeree Italiane S.p.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee Aeree Italiane S.p.A."

Transcript

1 Linee Aeree Italiane S.p.A. Sede legale Roma, V.le Alessandro Marchetti, n 111 Cap. Soc ,18 int. vers. Codice Fiscale e numero d iscrizione nel Registro delle Imprese di Roma n R.E.A. Roma n Part. IVA Relazione degli amministratori sull andamento della gestione del Gruppo e dell Alitalia nel primo semestre 2005

2 2

3 Sommario Glossario 5 Organi sociali Alitalia 9 RELAZIONE E PROSPETTI CONTABILI CONSOLIDATI al 30 giugno Relazione sull andamento della gestione 15 Il Gruppo Alitalia 16 Principali dati del Gruppo 17 Scenario macroeconomico e di settore 18 La situazione del Gruppo Alitalia 22 La prevedibile evoluzione della gestione 34 Analisi dei risultati reddituali del Gruppo 37 Analisi della struttura patrimoniale del Gruppo 43 Analisi della struttura finanziaria del Gruppo 49 La flotta 51 Il Personale 53 L andamento operativo del trasporto aereo di linea 55 Attività di trasporto aereo del Gruppo Alitalia 58 Il traffico passeggeri 59 Il traffico merci e posta 66 Altre informazioni 71 Le relazioni industriali 72 Alleanze ed Accordi Intercompagnie 75 Scenario normativo nazionale e comunitario 77 L attività di ricerca e sviluppo 80 Altri fatti di rilievo intervenuti nel corso del semestre ed oltre 81 Prospetti Contabili Consolidati al 30 giugno Nota integrativa 91 Parte A Area di consolidamento, principi di consolidamento, schemi di bilancio e criteri di valutazione 92 Parte B Informazioni sullo stato patrimoniale e sui conti d ordine del consolidato 100 Parte C Informazioni sul conto economico consolidato 117 Parte D Prospetti di dettaglio 129 Parte E Altre informazioni 145 Appendice Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) 146 Relazione della società di revisione sui prospetti di riconciliazione IAS/IFRS 175 Andamento della gestione delle società del Gruppo 179 Alitalia Servizi S.p.A. - Roma 180 Alitalia Express S.p.A. - Roma 182 Atitech S.p.A. - Napoli 185 Alitalia Maintenance Systems S.p.A. Fiumicino (RM) 188 Alitalia Airport S.p.A. - Roma 190 GA 2000 Travel Service LTD New York 192 Aviofin S.p.A. - Roma 193 3

4 Altre informazioni 195 Rapporti con Società del Gruppo 197 Prospetti contabili della Capogruppo al 30 giugno Nota Integrativa 217 Parte A Attività dell impresa, schemi di bilancio e criteri di valutazione Alitalia 218 Parte B Informazioni sullo stato patrimoniale e sui conti d ordine Alitalia 224 Parte C Informazioni sul conto economico Alitalia 243 Parte D Prospetti di dettaglio 253 Parte E Altre informazioni Alitalia S.p.A. 273 La posizione fiscale della Società ed il relativo contenzioso 275 Informazioni richieste da norme di legge 283 Relazione della società di revisione 285 Relazione del Collegio Sindacale 291 4

5 5 Glossario

6 AEA Association of European Airlines (Associazione delle Compagnie aeree europee). ACMI Aircraft, Crew, Maintenance & Insurance (aeromobile, equipaggio, manutenzione e assicurazioni). Corrispettivo normalmente utilizzato nei contratti di wet lease. APU ASK Block space Capability Catchment Area Catering Capacity Provider Code sharing Core business CRS D.B.C. Dry-lease ENAC F.A.A. Feederaggio Frequent flyer Auxiliary Power Unit: Unità di rifornimento di energia elettrica degli aeromobili impiegata per l avvio dei motori, l alimentazione della strumentazione di bordo e l illuminazione quando l aeromobile è a terra. Available Seats Kilometres (Posti offerti per chilometri percorsi). Acquisizione, dietro riconoscimento di un corrispettivo, di capacità (posti per passeggeri o spazi per trasporto merci) su aeromobili di altro vettore aereo, da utilizzarsi per l attività di vendita di trasporto. Capacità, risorse, qualificazioni, know-how necessari per effettuare l attività produttiva. Bacino d utenza potenziale. Servizio di ristorazione di bordo. Vettore che fornisce aeromobili ed equipaggi per attività di volo nell ambito dei contratti wet lease. Accordo tra due vettori in base al quale un determinato volo, effettuato con gli aeromobili di uno dei due contraenti (c.d. operating carrier ) e commercializzato anche dall'altro ( marketing carrier ), è contraddistinto con marchio, codice I.A.T.A. e numero di volo di entrambe le compagnie. Principale area d attività di una società. Computer Reservation System (sistema di prenotazione computerizzato). Denied Boarding Compensation (compensazione ai passeggeri in caso di mancato imbarco). Locazione del solo aeromobile. Ente nazionale aviazione civile. Federal Aviation Autority (Autorità preposta all aviazione civile statunitense). Componente del traffico sviluppata attraverso voli operati su scali di tipo hub, per la connessione con voli internazionali ed intercontinentali. Viaggiatore abituale. 6

7 Fuel Surcharge Grounding G.U.C.E. Handling Hub IAS IATA Interlinea Load factor Narrow bodies Network Outsourcing Phase in Phase out Point to point RPK Sovrapprezzo applicato sul corrispettivo dei biglietti dalle compagnie aeree per far fronte ai costi eccezionali dovuti ad un aumento delle quotazioni del greggio. Messa a terra di aeromobili con estromissione dell attività operativa. Gazzetta Ufficiale della Comunità Europea. L insieme delle attività erogate da una società operante in aeroporto e finalizzate all assistenza a terra di passeggeri, bagagli, merci e dell aeromobile. Snodo aeroportuale, generalmente posto nel cuore di consistenti bacini di alimentazione del traffico, che consiste in un sistema organizzativo concepito da un vettore per accentrare e coordinare su un unico aeroporto un elevatissimo numero di voli in arrivo e in partenza, secondo una struttura a onde che si sviluppa in determinate fasce orarie (normalmente da 4 a 8 nel corso della giornata, a seconda degli aeroporti) articolata su una fitta rete di coincidenze. Attualmente, tutti i grandi gruppi di compagnie (alleanze) si confrontano fra di loro su scala globale, per il controllo dei grandi flussi di traffico intercontinentale passeggeri e merci, attraverso i rispettivi sistemi integrati di hub and spokes (letteralmente: a mozzo e raggi di ruota) che vengono utilizzati come punto di connessione tra voli, a breve/medio raggio, di adduzione da scali della rete siti nell'ambito di cosiddette catchment areas, con altri voli in prosecuzione, a medio/lungo raggio. International Accounting Standards. International Air Transport Association (Associazione mondiale delle Compagnie aeree). Accordo in base al quale una aerolinea accetta sui propri voli passeggeri con documenti di viaggio emessi da altre aerolinee. Coefficiente di riempimento della capacità di traffico operata da un vettore, espressa dal rapporto RPK/ASK e/o dal rapporto TKT/TKO. Aerei ad un solo corridoio. Rete dei collegamenti operati dalla compagnia aerea. Processo che porta al trasferimento ad un fornitore esterno di attività precedentemente effettuate in seno all impresa, con conseguente acquisizione diretta dallo stesso dei relativi beni o servizi. Fase di ingresso in flotta di un aeromobile. Fase di uscita dalla flotta di un aeromobile. Voli strutturati per servire uno specifico collegamento diretto, non destinati a consentire il proseguimento in connessione con altri voli in coincidenza. Revenue Passengers Kilometres (Passeggeri trasportati per chilometri operati). 7

8 Service Provider Shop Visit Slot Sub-holding TKO TKT Voli nazionali Voli internazionali Impresa che fornisce alle aerolinee servizi complementari all attività di trasporto aereo (es. handling, wet lease). Ispezione di parti aeronautiche sul banco di lavoro. Intervallo di tempo concesso su un aeroporto ad una Compagnia aerea per il decollo o l atterraggio di un determinato volo. Società partecipata dalla capogruppo che detiene a sua volta quote di partecipazioni in altre società controllate. Tonnellate chilometro offerte. Misura la capacità di traffico operata da un vettore (riparametrazione in peso/distanza, secondo coefficienti di conversione convenzionali, delle ASK). Tonnellate chilometro trasportate. Misura il traffico trasportato da un vettore (riparametrazione in peso/distanza, secondo coefficienti di conversione convenzionali, delle RPK). Voli all interno del territorio italiano. Voli diretti fuori del territorio italiano per destinazioni all interno dell Europa e del bacino del Mediterraneo. Voli intercontinentali Voli diretti fuori del territorio italiano per destinazioni fuori dell Europa e del bacino del Mediterraneo. Voli di linea Voli charter Wet lease Wide bodies Yield Voli effettuati con frequenza e regolarità tali da costituire una serie evidentemente sistematica di voli di cui sono considerati indici: il rispetto di orari prestabiliti; il ripetuto espletamento del servizio tra due o più medesimi punti o zone di traffico; la possibilità di effettuare in anticipo richieste di trasporto tramite sistemi di prenotazione. Voli, diversi da quelli di linea, effettuati in base ad un contratto di noleggio stipulato da un unico contraente - generalmente operatore del settore turistico (tour operator); agente di viaggi; associazione, società od ente - per l'intera capacità dell'aeromobile (che deve essere superiore a dodici posti), a carattere discontinuo od occasionale, normalmente per esigenze saltuarie o stagionali. Contratto di noleggio di un aeromobile che comprende il relativo equipaggio di condotta e di cabina, la manutenzione e le coperture assicurative. Aerei con più corridoi. Ricavo medio per unità di trasportato parametrato ai chilometri volati, espresso dal rapporto proventi/rpk e/o proventi/tkt. 8

9 9 Organi sociali Alitalia

10 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE (Esercizi ) Presidente-Amministratore Delegato Ing. Giancarlo CIMOLI Amministratori Ministro Plen.Gabriele CHECCHIA M. Jean-Cyril SPINETTA Avv. Roberto Dott. Augusto ULISSI ZODDA Segretario del Consiglio di Amministrazione Dott. Leopoldo Luigi CONFORTI Poteri del Presidente-Amministratore Delegato Il Consiglio di Amministrazione ha conferito al Presidente-Amministratore Delegato i poteri di rappresentanza e di deliberazione delegabili ai sensi dell art del Codice Civile e dello Statuto Sociale 10

11 COLLEGIO SINDACALE (Esercizi ) Presidente Prof. Dott. Luigi PACIFICO Sindaci effettivi Dott. Diego Maria BERRUTI Dott. Marcellino Prof. Dott. Enrico Rag. Nicandro BORTOLOMIOL LAGHI MANCINI Sindaci supplenti Dott. ssa Alessandra DAL VERME Dott. Gianfranco TANZI Collegio Sindacale in carica fino all Assemblea degli Azionisti tenutasi il 27 giugno 2005 Presidente Prof. Dott. Bruno STEVE Sindaci effettivi Avv. Luca ARNABOLDI Prof. Dott. Leone BARBIERI Prof. Dott. Claudio BIANCHI Prof. Dott. Luigi PACIFICO Sindaci supplenti Dott. Mauro CICCHELLI Dott. Giorgio FERRARI ============================================================ Società di Revisione: Deloitte & Touche S.p.A. 11

12 12

13 RELAZIONE E PROSPETTI CONTABILI CONSOLIDATI al 30 giugno

14 14

15 15 Relazione sull andamento della gestione

16 Il Gruppo Alitalia L attività principale del Gruppo Alitalia è costituita dall erogazione di servizi di trasporto aereo passeggeri e merci su linee nazionali, internazionali ed intercontinentali. Il Gruppo ha altresì presidiato in modo diretto le principali attività di supporto e collaterali al trasporto aereo e più precisamente: la manutenzione degli aeromobili e le attività di assistenza aeroportuale negli scali serviti. Il Gruppo, infine, opera in comparti connessi all area d attività principale, tra cui l acquisizione di partecipazioni ed interessenze in settori diversificati del trasporto aereo. In termini di articolazione societaria, alla Capogruppo Alitalia si sono affiancate le seguenti società controllate, di cui si riportano le relative missioni: Alitalia Airport S.p.A. - Roma Servizi di assistenza a terra ai passeggeri, alle merci ed agli aeromobili del Gruppo Alitalia e di terzi. Alitalia Express S.p.A. - Roma Esercizio di aeromobili, di linee e di servizi, direttamente o per conto terzi, per il trasporto di persone, posta e merci in Italia e fra l Italia e Paesi esteri. Alitalia Maintenance Systems S.p.A. Fiumicino (Roma) Manutenzione, revisione e riparazione di aeromobili, parti e componenti aeronautici, nonché prestazioni di servizi di supporto logistico integrato per il mercato civile ed aeronautico. Alitalia Servizi S.p.A. Roma Esercizio di tutte le attività strumentali e di supporto a compagnie aeree tra le quali la manutenzione di aeromobili e di ogni parte degli stessi, i servizi aeroportuali, il catering, i servizi amministrativi, l information e comunication technology, la prenotazione e la vendita di biglietti aerei. Si ricorda che al 31 dicembre 2004 la società non era ancora operativa. Atitech S.p.A. - Napoli Manutenzione e revisione aeromobili; lavorazione, riparazione, manutenzione e revisione delle parti e dei componenti aeronautici. G.A Travel Service Ltd. New York Commercializzazione e vendita nel campo delle iniziative e delle attività turistiche. Global Executive Travel Selections Inc New York Commercializzazione e vendita nel campo delle iniziative e delle attività turistiche. Aviofin S.p.A. - Roma Acquisizione, gestione e coordinamento di partecipazioni ed interessenze in società, consorzi ed altri enti operanti nei settori trasporto aereo, aeroportuale e merci. Si segnala infine che la controllata Alinsurance S.r.l.., operante nel comparto assicurativo, è stata esclusa, con effetto dal primo semestre 2005, dal perimetro di consolidamento, avendone l Assemblea dei soci deciso la messa in liquidazione. 16

17 Principali dati del Gruppo (euro migliaia) 30 giu giu giu giu 02 Immobilizzazioni: - immateriali materiali finanziarie Totale immobilizzazioni Capitale di esercizio ( ) ( ) ( ) ( ) TFR Capitale investito netto ( ) ( ) ( ) ( ) Capitale proprio Indebitamento netto: - m/l termine breve termine (disponibilità) ( ) ( ) (3.255) Totale indebitamento (disponibilità) Ricavi Valore della Produzione Consumi di materie prime e servizi ( ) ( ) ( ) ( ) Valore Aggiunto Costo del lavoro ( ) ( ) ( ) ( ) Margine Operativo Lordo (18.830) ( ) (95.445) Ammortamenti ( ) ( ) ( ) ( ) Altri stanziamenti rettificativi ed a fondi rischi ed oneri (30.749) (29.111) (45.721) (39.811) Proventi (oneri) diversi Risultato operativo ( ) ( ) ( ) (62.799) Proventi (oneri) finanziari netti (*) (18.912) (30.541) (55.339) (56.176) Proventi (oneri) straordinari netti Imposte sul reddito (17.513) ( ) (17.558) (15.363) (46.757) Risultato netto ( ) ( ) ( ) (49.041) Investimenti Dipendenti a fine periodo (*) Incluse le rettifiche di valore di attività finanziarie N.B.: I valori dei periodi a raffronto accolgono le eventuali riclassifiche successivamente intervenute, rappresentate in dettaglio in nota integrativa. 17

18 Scenario macroeconomico e di settore Nel corso del primo semestre 2005 l espansione dell economia mondiale è nel suo complesso proseguita su ritmi sufficientemente sostenuti, seppure registrando una decelerazione delle intense cadenze di crescita che avevano invece contraddistinto i mesi iniziali del precedente esercizio. Lo sviluppo dell attività, tuttora supportato da condizioni finanziarie favorevoli, è stato principalmente sospinto dal settore dei servizi, ancorché debba rilevarsi come gli ultimi dati della produzione industriale e le più recenti indagini congiunturali sembrino segnalare, almeno in parte, la transitorietà del recente indebolimento del comparto manifatturiero. La pur vivace dinamica complessiva è risultata tuttavia penalizzata da sintomi di deterioramento, rappresentati in massima parte dai livelli persistentemente elevati dei corsi petroliferi, che hanno raggiunto un primo massimo storico alla fine del mese di giugno (28 giugno - Brent 58,9$/barile), per poi seguitare nel prosieguo la loro corsa fino agli attuali picchi (al momento della redazione della presente Relazione si registrano quotazioni del Brent pari a 63,9$/barile). Affiancandosi agli squilibri strutturali tuttora presenti nel quadro economico mondiale, in primo luogo il disavanzo della bilancia commerciale di alcuni paesi, ed al permanere di rischi di carattere geopolitico in alcune aree, le rilevanti criticità rappresentate per l economia dal prezzo del greggio hanno inoltre contribuito ad alimentare diffuse incertezze sulla sostenibilità della ripresa nel medio periodo. In tale scenario, l attività economica è risultata particolarmente vigorosa negli Stati Uniti, dove è stata primariamente sostenuta dalla domanda interna che ha continuato a beneficiare del contenuto livello dei tassi d interesse a lungo termine, ed in Cina, dove l aumento del contributo dell interscambio netto allo sviluppo del prodotto interno lordo (stimolato dall effetto congiunto della perdurante vitalità delle esportazioni e del contestuale rallentamento delle importazioni) e l energica domanda interna hanno continuato a sollecitare l accelerazione della crescita. Anche in Giappone l attività economica ha denotato sintomi di rafforzamento, alimentata dal rinvigorimento dei consumi privati, a loro volta confortati dai progressi occupazionali e dalla positiva dinamica salariale, e degli investimenti delle imprese, mentre in America Latina la tuttora robusta espansione è risultata essenzialmente attribuibile alle esportazioni. La vivacità della domanda internazionale si è inoltre positivamente riflessa sulle esportazioni dai paesi dell area dell euro, che per altro verso continuano tuttavia a caratterizzarsi per ritmi di espansione dell attività economica decisamente moderati, e comunque inferiori alle potenzialità esprimibili, denotando altresì crescenti differenziali tra i rispettivi tassi di crescita. Nel periodo sono stati inoltre osservati sintomi di rallentamento della domanda interna, prevalentemente incisa dai rincari del prezzo del greggio e dal basso livello di fiducia dei consumatori dell area. Per ciò che in particolare concerne l Italia, ha continuato ad evidenziarsi un profilo di sviluppo più modesto rispetto agli altri componenti dell Unione, contrassegnato dalla persistente debolezza delle principali componenti della domanda. In un contesto tuttora caratterizzato da una complessiva perdita di competitività del sistema, sono stati peraltro colti sul finire del semestre alcuni primi, seppur moderati, segnali di risveglio, sia in termini di crescita della produzione industriale sia di ripresa delle esportazioni, incoraggiate tra l altro dall indebolimento dell euro. Sotto il profilo del quadro di settore, si evidenziano nel primo semestre 2005 chiari segnali di una consolidata fase di crescita della domanda di trasporto aereo passeggeri a livello mondiale. Le statistiche della IATA indicano infatti, a fronte di un incremento di capacità offerta del +7,4%, un 18

19 aumento più che proporzionale nei volumi del trasportato, pari al +8,8%, con conseguente attestazione del coefficiente di occupazione ad un valore del 74%. Tale evoluzione è risultata inoltre diffusa su tutte le aree geografiche, ancorché con cadenze anche spiccatamente differenziate: sono stati infatti riscontrati incrementi del traffico particolarmente sostenuti sul Medio Oriente (+15%) e sull America Latina (+ 13,1%), a fronte di andamenti maggiormente contenuti sull Estremo Oriente (+8,1%) e sull Europa (+6,3%); il Nord America e l Africa hanno invece evidenziato crescite pari rispettivamente al +11,1% e 11,6%. Nei grafici sottostanti vengono riprodotte, rispettivamente, l evoluzione mensilizzata del traffico passeggeri a livello IATA nel primo semestre 2005 e l andamento delle singole aree geografiche in termini di variazioni percentuali rispetto al corrispondente periodo del precedente esercizio. TRAFFICO PASSEGGERI IATA 2005 vs (evoluzione percentuale) I sem vs. I sem (variazioni percentuali) 14,0 12,0 10,0 8,0 6,0 4,0 2,0 0,0 gen feb mar apr mag giu Var. % TKT 7,9 6,6 12,1 7,5 8,8 8,3 Var. % TKO 7,8 5,4 9,7 7,6 7,3 7,0 20,0 18,0 16,0 14,0 12,0 10,0 8,0 6,0 4,0 2,0 0,0 Africa 8,4 11,6 Asia / Pacifico 8,1 7,0 Posti KM offerti Europa 6,3 4,9 Medio Oriente 12,4 15,0 Nord America 11,1 9,8 Passeggeri KM trasportati Sud America 13,1 12,6 Focalizzando più in particolare l analisi sui vettori europei, analoghi riscontri sono stati rilevati anche a livello AEA, dove l oculata politica di sviluppo in termini di immissione di capacità addizionale generalmente seguita dalle compagnie aeree, che si è avvalsa anche delle razionalizzazioni della rete dei collegamenti susseguente al consolidamento industriale di Air France con KLM (cui si è recentemente aggiunto quello tra Lufthansa e Swiss), ha consentito di conseguire un nuovo livello record nel coefficiente di occupazione, risultato superiore di 1,2 punti percentuali a quello, parimenti caratterizzato da elementi di eccezionalità, realizzato nel corrispondente periodo a raffronto. Più in particolare, i dati di traffico passeggeri internazionale hanno evidenziato, a fronte di un incremento della capacità offerta pari al 4,5%, un aumento del trasportato del 6,2% rispetto al corrispondente semestre del 2004, consentendo al coefficiente di occupazione di attestarsi ad un valore pari al 75,3% (+1,2 punti percentuali). Le migliori performance sono state registrate sul comparto del Sud Atlantico (+12,2%) e dell Estremo Oriente (11,6%), seguiti dal Medio Oriente (+7,6%) e dal settore dei voli intraeuropei (+5,9%); estremamente contenuto, invece, l incremento del traffico sul Nord Atlantico (+1,9%), Analogamente a quanto effettuato in precedenza, i grafici successivi riproducono a livello AEA, rispettivamente, l evoluzione mensilizzata del traffico passeggeri nel primo semestre 2005 e l andamento delle singole aree geografiche in termini di variazioni percentuali rispetto all analogo periodo del precedente esercizio. 19

20 , TRAFFICO PASSEGGERI AEA 2005 vs (evoluzione percentuale) I sem vs. I sem (variazioni percentuali) 10,0 9,0 8,0 7,0 6,0 5,0 4,0 3,0 2,0 1,0 0,0 gen feb mar apr mag giu 15,0 13,0 11,0 9,0 7,0 5,0 3,0 1,0 Intra Europa 3,3 5,9 Nord Atlantico 1,9 1,0 Sud Atlantico 14,1 12,2 Medio Oriente 2,8 7,6 Estremo Oriente 9,8 11,6 Var. % TKT 9,4 2,6 7,5 4,1 7,1 6,4 Var. % TKO 6,1 1,8 5,9 4,8 4,7 4,2-1,0 Posti KM offerti Passeggeri KM trasportati Sotto il profilo economico, la prima parte dell esercizio 2005 appena conclusa ha riproposto i medesimi temi che avevano caratterizzato l andamento dell industria del trasporto aereo europea nel corso del Analogamente a quanto allora avvenuto, il profilo reddituale, evidentemente avvalsosi del richiamato straordinario livello raggiunto dal coefficiente di occupazione, è risultato per altro verso severamente impattato dalla costante ascesa delle quotazioni del petrolio, che hanno condotto il costo del carburante a rappresentare una percentuale attualmente pari a quasi un quarto dei costi operativi, a fronte del 12/13% di due anni fa. Ancorché l industria abbia potuto trarre parziale sollievo dai successivi interventi di carattere tariffario (fuel surcharge, pari nel 2004, a livello AEA, a circa il 50% del complessivo incremento addizionale degli oneri riferibili ai corsi del greggio), anche riverberatisi in una attenuazione nel processo di costante depauperamento dello yield, tali misure sono venute a tradursi, in parallelo, nell introduzione di un ulteriore nota di instabilità nel mercato, atteso che, per contro, non hanno denotato alcun segnale di assorbimento le tensioni competitive sui proventi unitari generate da politiche di prezzo particolarmente aggressive, anche in nesso alla continua penetrazione, concentrata sul breve raggio, dei vettori a basso costo, che tendono a deprimerne i livelli complessivi. Sotto tale profilo, i più elevati margini di profittabilità continuano in effetti a concentrarsi nei settori di lungo raggio, che riflettono segmenti di traffico business chiaramente identificati e sono caratterizzati dall ampia differenziabilità del prodotto offerto, a fronte della serrata competizione centrata su elementi di acceso confronto tariffario presente invece sulle rotte europee. Ne scaturisce un contesto industriale di particolare complessità, nel quale le compagnie aeree, a neutralizzazione dei descritti deterioramenti dello scenario, focalizzano i propri sforzi sull implementazione di ulteriori interventi di riduzione dei costi da esse direttamente controllabili e nella realizzazione di sinergie tese a garantirne sopravvivenza e sviluppo, sebbene ulteriori potenzialità di sostanziali contenimenti certamente esistano lungo la catena del valore del trasporto aereo, con particolare evidenza nelle tuttora sussistenti condizioni di oligopolio in cui operano alcuni dei principali fornitori di servizi. Le richiamate misure d efficientamento, coniugandosi con livelli del coefficiente d occupazione presumibilmente anche leggermente più elevati di quelli già raggiunti nel corso del primo semestre, si ritiene consentano anche per il 2005 il conseguimento di un risultato operativo (inclusivo delle partite 20

21 finanziarie) positivo, che al momento della predisposizione della presente Relazione le più aggiornate stime dell AEA indicano tuttavia ancora marginale e nell ordine di 1 miliardo di dollari. Si ricorda a tale riguardo che nel 2004, dopo ben 5 esercizi consecutivi di pesanti perdite, tale risultato si era invece attestato a 0,4 milioni di dollari. Nella tabella successiva vengono riprodotti i valori registrati dal coefficiente di occupazione, suddivisi per settore geografico e raffrontati con le corrispondenti risultanze del primo semestre COEFFICIENTE DI OCCUPAZIONE vettori AEA EUROPA NORD ATLANTICO SUD ATLANTICO MEDIO ORIENTE ESTREMO ORIENTE I sem % 81% 82% 69% 77% I sem % 82% 81% 72% 78% 21

22 La situazione del Gruppo Alitalia Nel corso del primo semestre 2005, l andamento operativo ed economico del Gruppo Alitalia è risultato caratterizzato da un netto miglioramento nei confronti dell analogo periodo dello scorso esercizio, in corrispondenza del deciso e concreto approntamento, intrapreso con accelerate cadenze già negli ultimi mesi del 2004, delle misure d efficientamento declinate dal Piano Industriale , aggiornato ad aprile, per la prima fase del biennio di risanamento ( ). Da rilevare altresì come i principali indicatori gestionali del Gruppo confortino le valutazioni contenute nelle previsioni per il primo semestre 2005, evidenziando un profilo evolutivo allineato agli obiettivi ed anzi, per taluni aspetti, anche migliorativo rispetto a questi ultimi, seppure, si rimarca, in presenza di alcuni consistenti deterioramenti dello scenario del trasporto aereo in primo luogo le marcate penalizzazioni rinvenienti da quotazioni petrolifere in progressiva e costante evoluzione verso purtroppo sempre nuovi livelli record - comunque attentamente monitorati al fine di equilibrarne i negativi effetti tramite il conseguimento di efficienze addizionali rispetto a quelle già inserite nei progetti di Piano. L esplicito riorientamento del Gruppo Alitalia verso la direzione del risanamento, oltre al suffragio delle più recenti evidenze gestionali disponibili, ha trovato inoltre ulteriore ratifica dalla favorevole decisione assunta il 7 giugno dall Unione Europea, a conclusione del procedimento formale d indagine iniziato il 19 gennaio, in ordine all assenza di qualsiasi elemento qualificabile come aiuto di Stato nell operazione di ricapitalizzazione contemplata dal Piano Industriale a favore di Alitalia ed in quella Alitalia Servizi/Fintecna. Ciò premesso, nel seguito vengono delineati i principali accadimenti che nel primo semestre 2005 hanno concorso ad imprimere al Gruppo i segnalati tratti distintivi di rilevante, drastica inversione di tendenza rispetto al passato nei propri andamenti operativo ed economico. Va rilevata in primo luogo, nel contesto della ristrutturazione del network finalizzata al posizionamento competitivo di Alitalia quale vettore di rete altamente efficiente, del miglioramento del pricing e del potenziamento delle vendite, la significativa espansione produttiva e commerciale rispetto al periodo a raffronto, conseguita razionalizzando le risorse proprie del Gruppo (pertanto a flotta costante ) sia in termini di ottimizzazioni introdotte nell utilizzo degli aeromobili, sia per il tramite dei forti recuperi di efficienza e produttività del personale navigante. Si ricorda, a tale proposito, come questi ultimi siano intervenuti, in forza delle intese sindacali del settembre/ottobre 2004, attraverso l adozione di un più efficiente modello produttivo. In maggior dettaglio, pur nel contesto delle ampie differenziazioni che contraddistinguono tra loro i vari mercati (per un analisi focalizzata sui singoli settori di rete si rimanda al commento contenuto nel successivo paragrafo dedicato al traffico passeggeri), può osservarsi quanto segue: o tramite l arricchimento delle destinazioni e degli aeroporti serviti, l aumento delle frequenze settimanali e lo sviluppo delle connessioni sui due hub di Malpensa e Fiumicino, i livelli di offerto sulla rete passeggeri (a parità della flotta) hanno registrato un incremento del +15,7% (da milioni di tko a 2.596), con uno sviluppo maggiormente pronunciato nella rete intercontinentale, dove la crescita è risultata del +21%. La dimensione dell espansione appare considerevole nel ragguaglio con quella mediamente riscontratasi nel semestre a livello AEA (+6% circa), anche ove si sterilizzino, per il 2004, i negativi effetti scaturiti sia dallo stato di agitazione sindacale che aveva avuto il suo apice nel 22

Linee Aeree Italiane S.p.A.

Linee Aeree Italiane S.p.A. Linee Aeree Italiane S.p.A. Sede legale Roma, V.le Alessandro Marchetti, n 111 Cap. Soc. 1.297.294.799,38 int. vers. Codice Fiscale e numero d iscrizione nel Registro delle Imprese di Roma n 00476680582

Dettagli

Linee Aeree Italiane S.p.A.

Linee Aeree Italiane S.p.A. Linee Aeree Italiane S.p.A. Sede legale Roma, V.le Alessandro Marchetti, n 111 Cap. Soc. 1.433.219.070,35 int. vers. Codice Fiscale e numero d iscrizione nel Registro delle Imprese di Roma n 00476680582

Dettagli

Linee Aeree Italiane S.p.A.

Linee Aeree Italiane S.p.A. Linee Aeree Italiane S.p.A. Sede legale Roma, V.le Alessandro Marchetti, n 111 Cap. Soc. 1.297.299.811,89 int. vers. Codice Fiscale e numero d iscrizione nel Registro delle Imprese di Roma n 00476680582

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Ex art.5 del D.lgs. 6 febbraio 2007, n.25

Ex art.5 del D.lgs. 6 febbraio 2007, n.25 DOCUMENTO ALTAMENTE CONFIDENZIALE Ex art.5 del D.lgs. 6 febbraio 2007, n.25 1. VISIONE STRATEGICA PER ALITALIA: UNA STRATEGIA DI CRESCITA SOSTENIBILE E REDDITIZIA Air France-KLM desidera il rilancio di

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO Prestiti (1) +7,9% a/a (vs -1,4% del sistema (2) ); rapporto sofferenze impieghi a 1,55% tra i più bassi del

Dettagli

Relazione finanziaria 1 trimestre. Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 2015

Relazione finanziaria 1 trimestre. Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 2015 Relazione finanziaria 1 trimestre Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 3 Osservazioni sull andamento della gestione Vendite e consumi interni 1 trimestre

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA SECONDO TRIMESTRE 2007

RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA SECONDO TRIMESTRE 2007 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA SECONDO TRIMESTRE Redatta secondo principi contabili internazionali IAS/IFRS Gruppo MutuiOnline S.p.A. (in breve Gruppo MOL S.p.A. o MOL Holding S.p.A.) Sede Legale: Corso

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005

RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005 RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005 Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 29 luglio 2005 Poligrafica San Faustino S.p.A. 25030 CASTREZZATO (BS) ITALY - V. Valenca 15 Tel. (030) 70.49.1 - (10

Dettagli

POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI

POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI ORGANI SOCIALI E DEL PERSONALE ai sensi del Regolamento ISVAP n. 39 del 9 giugno 2011 Definite nella seduta del Consiglio di Amministrazione del: 31 / 03 / 2015

Dettagli

Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita

Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati semestrali 2015 Deliberata la domanda di ammissione in quotazione e l adozione del nuovo

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Data/Ora Ricezione 27 Marzo 2015 18:58:41 MOT - DomesticMOT Societa' : BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Identificativo Informazione Regolamentata : 55362 Nome utilizzatore

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO DI SOLLECITAZIONE. Relativo alla OFFERTA IN OPZIONE AI SOCI E AI TITOLARI DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI

PROSPETTO INFORMATIVO DI SOLLECITAZIONE. Relativo alla OFFERTA IN OPZIONE AI SOCI E AI TITOLARI DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI 9NOV200518204667 ALITALIA LINEE AEREE ITALIANE S.p.A. Sede legale Roma, Viale Alessandro Marchetti n. 111 Capitale sociale Euro 291.241.790,89 interamente versato Codice fiscale e numero di iscrizione

Dettagli

IMPRESE DI GRUPPO ALITALIA IN A. S. COMUNICATO

IMPRESE DI GRUPPO ALITALIA IN A. S. COMUNICATO COMUNICATO STAMPA IMPRESE DI GRUPPO ALITALIA IN A. S. COMUNICATO Il Commissario straordinario, Prof. Avv. Augusto Fantozzi, comunica che in data odierna ha accettato l Offerta formalizzata in data 19 novembre

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013 AZIENDA SERVIZI STRUMENTALI S.r.l. Sede in Via della Resistenza n. 4-45100 ROVIGO Capitale sociale Euro 215.600 i.v. Codice Fiscale 01396160291 Reg.Imp. 01396160291 Rea 152660 RO Relazione sulla gestione

Dettagli

Il CdA di Meridiana S.p.A. approva il progetto di bilancio separato e consolidato dell esercizio 2012

Il CdA di Meridiana S.p.A. approva il progetto di bilancio separato e consolidato dell esercizio 2012 Comunicato stampa / Press release Il CdA di Meridiana S.p.A. approva il progetto di bilancio separato e consolidato dell esercizio 2012 Il Socio AKFED converte a fondo copertura perdite finanziamenti per

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014.

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014. Società cooperativa per azioni - Fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio SO - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2005 Crescita dei ricavi: 185,7 milioni di Euro nel trimestre (+16% su base annua) portano i ricavi nei nove mesi a 539,3

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Dopo un 2013 difficile chiuso con una forte perdita che aveva significativamente inciso la solidità patrimoniale della Banca, pur in un contesto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2009

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2009 COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DELL ESERCIZIO 2009 EBITDA IN LINEA CON LA GUIDANCE E MANTENIMENTO DI UNA ELEVATA MARGINALITA GRAZIE ALL EFFICACE AZIONE DI CONTENIMENTO

Dettagli

Capitolo 5. Network. Analisi di un sistema aeroportuale: il caso Gesac

Capitolo 5. Network. Analisi di un sistema aeroportuale: il caso Gesac Capitolo 5 * Network Analisi di un sistema aeroportuale: il caso Gesac SOMMARIO: Introduzione. 2. Tema. Le relazioni inter-organizzative di un network aeroportuale. 2.1. Il caso Gesac. 3. Conclusioni.

Dettagli

3.960.000 (+11,0%) i passeggeri transitati nel sistema aeroportuale di Venezia e Treviso.

3.960.000 (+11,0%) i passeggeri transitati nel sistema aeroportuale di Venezia e Treviso. COMUNICATO STAMPA SAVE AEROPORTO DI VENEZIA: approvata dal C.d.A. la Relazione Semestrale al 30 giugno 2007, ricavi e utile in crescita soprattutto per effetto delle acquisizioni di Airest e Ristop e della

Dettagli

PIRELLI Società per azioni. Sede in Milano, Viale Sarca n. 222. Capitale Sociale Euro 1.042.408.785,08

PIRELLI Società per azioni. Sede in Milano, Viale Sarca n. 222. Capitale Sociale Euro 1.042.408.785,08 Relazione Trimestrale al 31 Marzo 2001 PIRELLI Società per azioni Sede in Milano, Viale Sarca n. 222 Capitale Sociale Euro 1.042.408.785,08 Registro delle Imprese di Milano n. 00886890151 2 PIRELLI S.p.A.

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Aeroporti e territorio: il caso Malpensa

Aeroporti e territorio: il caso Malpensa Aeroporti e territorio: il caso Malpensa * Aeroporti, magneti di imprese Nella storia le trasformazioni economiche hanno da sempre avuto forti riflessi sulla società, inducendo cambiamenti nel modo di

Dettagli

Nessuna sanzione è stata applicata nei confronti di Piaggio, a conferma della correttezza e trasparenza dell'operato del Gruppo.

Nessuna sanzione è stata applicata nei confronti di Piaggio, a conferma della correttezza e trasparenza dell'operato del Gruppo. COMUNICATO STAMPA GRUPPO PIAGGIO: PROGETTO DI BILANCIO 2013 Ricavi consolidati 1.212,5 milioni di euro (1.406,2 milioni nel 2012) con incidenza negativa dell'effetto cambio per 53 milioni di euro Ebitda

Dettagli

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti 118 Bilancio Sociale 2009 La Relazione Sociale Azionisti Azionisti AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato Azionisti Azionisti La Relazione Sociale Bilancio Sociale 2009

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016

Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016 Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016 Valore della produzione di Primi sui Motori SpA 2013 pari a Euro 11,5 milioni, +9,4% rispetto al 2012 (Euro 10,5 milioni)

Dettagli

DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE VISTO l articolo 3 della legge 28 giugno 2012, n. 92, volto ad assicurare, ai lavoratori dei settori non coperti dalla normativa in materia d integrazione salariale, una tutela in costanza di rapporto

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

Poligrafici Printing RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2010

Poligrafici Printing RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2010 Poligrafici Printing RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2010 18 CARICHE SOCIALI Consiglio di Amministrazione: (per l esercizio 2010) Presidente Consiglieri Giovanni TOSO Nicola NATALI Sergio VITELLI * *

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Fatturato in crescita del 2,9% rispetto all anno precedente. EBITDA a 12,9 milioni di Euro, in aumento del 17% rispetto al 2013. EBIT

Dettagli

Innovazione e crescita nel sistema bancario

Innovazione e crescita nel sistema bancario Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria Innovazione e crescita nel sistema bancario Intervento del Governatore della Banca d Italia Antonio Fazio Roma, 23 giugno 2000 Sommario pag. Il risparmio

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Le prospettive economiche attuali sono altamente incerte poiché dipendono in misura decisiva dalle imminenti decisioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 SETTEBRE 2009

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 SETTEBRE 2009 COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 SETTEBRE 2009 PRIMI NOVE MESI DEL 2009 IN LINEA CON LE GUIDANCE DI AGOSTO, NONOSTANTE IL CONTESTO NEGATIVO DI MERCATO. LA MARGINALITA

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 36 37 38 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

(Valori in milioni di Euro) 1 SEM. 2015 1 SEM. 2014 BILANCIO 31/12/2014

(Valori in milioni di Euro) 1 SEM. 2015 1 SEM. 2014 BILANCIO 31/12/2014 Semestrale Gruppo Pininfarina Fatti di rilievo intervenuti dopo la chiusura del semestre Valutazione sulla continuità aziendale, evoluzione prevedibile della gestione Cambiano, 30 luglio 2015 Il Consiglio

Dettagli

Eni 2015-2018 Strategic Plan Trasformare Eni per creare valore

Eni 2015-2018 Strategic Plan Trasformare Eni per creare valore Eni 2015-2018 Strategic Plan Trasformare Eni per creare valore Principali obiettivi del quadriennio E&P: produzione in costante crescita sostenuta dalle ingenti scoperte fatte o Produzione in crescita

Dettagli

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo In corso la trasformazione del Gruppo verso la privatizzazione

Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo In corso la trasformazione del Gruppo verso la privatizzazione Poste Italiane: Crescono i Ricavi Risultato operativo e Utile netto in calo In corso la trasformazione del Gruppo verso la privatizzazione Il Gruppo conferma positivi risultati nella raccolta del risparmio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Abstract La relazione sulla gestione costituisce uno dei principali documenti allegati al bilancio d esercizio, il

Dettagli

FOTO DI GRUPPO CON BILANCIO: LE PERFORMANCE DELLE IMPRESE VERONESI. Prof. Bettina Campedelli Università degli Studi di Verona Triennio 2004-2006

FOTO DI GRUPPO CON BILANCIO: LE PERFORMANCE DELLE IMPRESE VERONESI. Prof. Bettina Campedelli Università degli Studi di Verona Triennio 2004-2006 FOTO DI GRUPPO CON BILANCIO: LE PERFORMANCE DELLE IMPRESE VERONESI Prof. Bettina Campedelli Università degli Studi di Verona Triennio 2004-2006 IL COMPARTO INDUSTRIALE E COMMERCIALE: Pagina 1. LA COMPOSIZIONE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A Raccolta da clientela (1) +11,8% a/a a 56.235 milioni di euro, con un incremento in valore assoluto di circa sei miliardi di euro a/a; raccolta

Dettagli

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA Roberto Violi Banca d Italia, Servizio Studi (*) (*) Le opinioni espresse non impegnano l Istituto di appartenenza. Banche e

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 Combined Ratio a 103,5%, in miglioramento rispetto al 108% di fine 2009 ed al 105% del primo trimestre 2010 Raccolta Danni

Dettagli

IL CASO SOUTHWEST AIRLINES

IL CASO SOUTHWEST AIRLINES IL CASO SOUTHWEST AIRLINES Fonte: PELLICELLI A.C., Il caso Ryanair in Casi di marketing, Giappichelli, Torino, 2002. È il caso di un successo straordinario in un settore in cui la concorrenza è fortissima

Dettagli

Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato Relazione sulla gestione relativa al bilancio consolidato

Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato Relazione sulla gestione relativa al bilancio consolidato Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato Relazione sulla gestione relativa al bilancio consolidato 238 Premessa Il Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato, con riferimento alle società

Dettagli

Consultazione ART sui diritti aeroportuali

Consultazione ART sui diritti aeroportuali Milano, 16 giugno 2014 Consultazione ART sui diritti aeroportuali I corrieri aerei soci AICAI si avvalgono come utenti dei servizi degli aeroporti di Fiumicino, Napoli, Catania, Bologna, Linate, Venezia,

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

VERSIONE DEFINITIVA Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2015

VERSIONE DEFINITIVA Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2015 VERSIONE DEFINITIVA Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2015 Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Commissioni congiunte V Commissione "Programmazione

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 182 183 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto Economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA Ricavi totali: 23,9 miliardi, +6,0% ( 22,6 miliardi al 30.09.2014) Risultato

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2011-2013/2015

PIANO INDUSTRIALE 2011-2013/2015 COMUNICATO STAMPA PIANO INDUSTRIALE 2011-2013/2015 Qualità coniugata a redditività alla base del nuovo Piano Industriale di UBI UBI si pone come obiettivo un utile netto (escluso l effetto della PPA) pari

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. MILANO ASSICURAZIONI S.p.A.: APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO ED IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ESERCIZIO 2011.

COMUNICATO STAMPA. MILANO ASSICURAZIONI S.p.A.: APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO ED IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ESERCIZIO 2011. COMUNICATO STAMPA MILANO ASSICURAZIONI S.p.A.: APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO ED IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ESERCIZIO 2011. ESERCIZIO FORTEMENTE INFLUENZATO DA POSTE STRAORDINARIE NON

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014.

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. PREMESSA Per partecipare al concorso è necessario compilare il modulo Progetto d impresa

Dettagli

Cementir Holding SpA 200, corso di Francia 00191 Roma, Italia T +39 06 324931 cementirholding.it

Cementir Holding SpA 200, corso di Francia 00191 Roma, Italia T +39 06 324931 cementirholding.it RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE 31 MARZO 2011 Cementir Holding SpA 200, corso di Francia 00191 Roma, Italia T +39 06 324931 cementirholding.it Partita Iva 02158501003 REA C.C.I.A.A. Roma 160.498 Capitale

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. L utile netto si posiziona a 42,7 milioni, mentre l utile netto normalizzato 2 si attesta a

Dettagli

Il CDA propone ai soci di distribuire il 50% dell utile di esercizio

Il CDA propone ai soci di distribuire il 50% dell utile di esercizio CONAFI PRESTITò: Risultati 2007 Il CDA propone ai soci di distribuire il 50% dell utile di esercizio DATI ECONOMICI CONSOLIDATI 2007 2006 Variazione % (Euro ml) Margine di Intermediazione 22,6 14,4 +56,8%

Dettagli

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO RICAVI IN PROGRESSO, IN PARTICOLARE IN INDIA E MAROCCO SOSTANZIALE STABILITA DEI VOLUMI DI VENDITA DI CEMENTO: LA DEBOLEZZA

Dettagli

Resoconto Intermedio di Gestione

Resoconto Intermedio di Gestione GIORGIO FEDON & FIGLI S.P.A. RAGIONE SOCIALE - SEDE LEGALE Via dell Occhiale, 11 - Vallesella 32040 Domegge di Cadore (BL) Codice fiscale e Partita I.V.A. 00193820255 Iscritta al Registro delle Imprese

Dettagli

CIRCOLARE. SERIE ECONOMICO AMMINISTRATIVA LEGALE Data: 27/2/2008 EAL-16. Oggetto: Licenza di esercizio di trasporto aereo.

CIRCOLARE. SERIE ECONOMICO AMMINISTRATIVA LEGALE Data: 27/2/2008 EAL-16. Oggetto: Licenza di esercizio di trasporto aereo. CIRCOLARE SERIE ECONOMICO AMMINISTRATIVA LEGALE Data: 27/2/2008 EAL-16 Oggetto: Licenza di esercizio di trasporto aereo. 1. PREMESSA E FONTI NORMATIVE 1.1 Le funzioni dell Ente in materia di licenze di

Dettagli

DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO ON LINE, ANALISI DI BILANCIO PER INDICI, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE

DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO ON LINE, ANALISI DI BILANCIO PER INDICI, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Temi in preparazione alla maturità DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO ON LINE, ANALISI DI BILANCIO PER INDICI, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione approva il bilancio consolidato dell esercizio 2014.

Il Consiglio di Amministrazione approva il bilancio consolidato dell esercizio 2014. Comunicato stampa Il Consiglio di Amministrazione approva il bilancio consolidato dell esercizio 2014. Ricavi a 354,7 milioni di euro (355 milioni di euro nel 2013) EBITDA a 31,5 milioni di euro (33,1

Dettagli

Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A.

Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A. Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A. RAGIONE SOCIALE - SEDE LEGALE Giorgio Fedon & Figli S.p.A. Via dell Occhiale, 11 - Vallesella 32040 Domegge di Cadore (BL) Codice fiscale e Partita

Dettagli

X Convention ABI. Il ruolo delle banche italiane per lo sviluppo del Sistema Paese

X Convention ABI. Il ruolo delle banche italiane per lo sviluppo del Sistema Paese X Convention ABI Il ruolo delle banche italiane per lo sviluppo del Sistema Paese Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 6 novembre 2006 Sommario Pag. Premessa...5

Dettagli

Caleffi S.p.A. Assemblea ordinaria degli Azionisti 30 aprile 2015. Relazione sui punti 1,2,3 dell Ordine del Giorno

Caleffi S.p.A. Assemblea ordinaria degli Azionisti 30 aprile 2015. Relazione sui punti 1,2,3 dell Ordine del Giorno Caleffi S.p.A. Via Belfiore, 24-46019 Viadana (MN) Capitale Sociale Euro 6.500.000 interamente versato Registro Imprese Mantova n. 00154130207 C.F. e P.IVA IT 00154130207 Sito internet www.caleffionline.it

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO ACOTEL: il C.d.A. approva la relazione semestrale consolidata al 30 giugno 2014.

COMUNICATO STAMPA GRUPPO ACOTEL: il C.d.A. approva la relazione semestrale consolidata al 30 giugno 2014. COMUNICATO STAMPA GRUPPO ACOTEL: il C.d.A. approva la relazione semestrale consolidata al 30 giugno 2014. Ricavi a 35,2 milioni di Euro (51,9 milioni di Euro nel 1 semestre 2013) EBITDA a -3,5 milioni

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Dossier 1 Le retribuzioni dei dipendenti pubblici: dinamiche e confronti con il settore privato

Dossier 1 Le retribuzioni dei dipendenti pubblici: dinamiche e confronti con il settore privato Dossier 1 Le retribuzioni dei dipendenti pubblici: dinamiche e confronti con il settore privato Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Enrico Giovannini presso la Commissione Programmazione

Dettagli

Le principali modifiche sui target economici conseguenti all aggiornamento del Piano Strategico 2009-2011 appena approvato sono di seguito riportate:

Le principali modifiche sui target economici conseguenti all aggiornamento del Piano Strategico 2009-2011 appena approvato sono di seguito riportate: COMUNICATO STAMPA GABETTI PROPERTY SOLUTIONS RIORGANIZZA L INTERMEDIAZIONE IMMOBILIARE, AGGIORNA IL PIANO STRATEGICO 2009-2011 E LANCIA UN NUOVO PRESTITO OBBLIGAZIONARIO Conversione al modello del franchising

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 EBITDA positivo per 1 milione di Euro (negativo per 2,2 milioni di Euro nello stesso periodo

Dettagli

EUROTECH: IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2014

EUROTECH: IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2014 EUROTECH: IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO 2014 Convocata l Assemblea ordinaria della società per il prossimo 24 aprile in unica convocazione Valutati i requisiti di indipendenza

Dettagli

Il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti

Il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti D.M. n. 414 del 20 novembre 2013 GURI n. 294 del 16 dicembre 2013 VISTO VISTO il Regolamento (CE) n. 1008/2008 del Parlamento Europeo e del Consiglio del

Dettagli

Gli aeroporti. Paola Monti. Le Infrastrutture in Italia: dotazione, realizzazione, programmazione Università Bocconi, Milano, 23 gennaio 2012

Gli aeroporti. Paola Monti. Le Infrastrutture in Italia: dotazione, realizzazione, programmazione Università Bocconi, Milano, 23 gennaio 2012 Gli aeroporti Paola Monti Le Infrastrutture in Italia: dotazione, realizzazione, programmazione Università Bocconi, Milano, 23 gennaio 2012 Dotazione, realizzazione, programmazione come si declina per

Dettagli

L obiettivo in materia di ricavi per il 2014 è stato indicato in circa 93 miliardi di euro, in aumento di circa il 7% rispetto al consuntivo 2013.

L obiettivo in materia di ricavi per il 2014 è stato indicato in circa 93 miliardi di euro, in aumento di circa il 7% rispetto al consuntivo 2013. Informazioni in materia di obiettivi 2014, cash flow 2014, merito di credito, accesso alle risorse finanziarie di Chrysler Group LLC e riorganizzazione societaria richieste da Consob Con lettera del 13

Dettagli

I RISULTATI AL 31 MARZO 2014

I RISULTATI AL 31 MARZO 2014 PRESS RELEASE COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA CARIGE I RISULTATI AL 31 MARZO 2014 VITTORIO ROCCHETTI SUBENTRA A DIEGO MAGGIO QUALE SINDACO EFFETTIVO Tenuta della raccolta

Dettagli

Relazione Trimestrale al. 31 marzo 2006. Retelit S.p.A., via G. Vida 19, 20127 Milano

Relazione Trimestrale al. 31 marzo 2006. Retelit S.p.A., via G. Vida 19, 20127 Milano Relazione Trimestrale al 31 marzo 2006 Retelit S.p.A., via G. Vida 19, 20127 Milano 1 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31.03.2006 Indice 1. Le cariche sociali di Retelit S.p.A. pag. 3 2. Lettera agli azionisti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA: APPROVATI I RISULTATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA: APPROVATI I RISULTATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA: APPROVATI I RISULTATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2014 GRUPPO TELECOM ITALIA RISULTATI PRELIMINARI RICAVI CONSOLIDATI: 21,573 MILIARDI DI EURO (-5,4% IN TERMINI ORGANICI

Dettagli

Legge di Stabilità 2015 Misure in materia di credito e finanza

Legge di Stabilità 2015 Misure in materia di credito e finanza Legge di Stabilità 2015 Misure in materia di credito e finanza Febbraio 2015 INDICE 1. Premessa 2. Fondo di Garanzia per le PMI 3. Liquidazione TFR in busta paga 4. Moratoria dei mutui 5. Pagamento debiti

Dettagli

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 Approvata la proposta di autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie Margine di intermediazione consolidato

Dettagli

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Filiali di Trento e di Bolzano L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Bolzano, 18 giugno 2013 L ECONOMIA REALE Nel 2012 l economia delle province autonome di Trento e di Bolzano si è

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Class Editori SpA, riunitosi oggi, ha approvato i risultati consolidati relativi ai primi tre mesi dell anno.

Il Consiglio di Amministrazione di Class Editori SpA, riunitosi oggi, ha approvato i risultati consolidati relativi ai primi tre mesi dell anno. Il Consiglio di Amministrazione approva il Resoconto intermedio di gestione consolidato al 31 marzo. Ricavi a 18,79 milioni di euro L Ebitda migliora di 1,02 milioni, a -0,91 milioni di euro Milano 14

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29%

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% Utile netto consolidato +28,1% a/a a 128,5 milioni di euro;

Dettagli