La croce di Cristo Obiettivi Durata Materiale Sequenza e Modalità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La croce di Cristo Obiettivi Durata Materiale Sequenza e Modalità"

Transcript

1 CORSO ANIMATORI PRIMA BASE PROGETTO CAMMINIAMO INSIEME ANNO

2 INDICE 1) La Croce di Cristo (San Nicolò - p. 03 2) La ricetta della felicità (San Nicolò - p. 05 3) Reagisci alla vita (San Nicolò - p. 06 4) Il gioco della cartigienica (Sarmato - ) p. 07 5) La palude(sarmato - ) p. 08 6) Mi conosco o mi conoscono? (Podenzano - ) p. 09 7) Positivo o negativo (Podenzano - ) p. 10 8) Giuseppe e i suoi fratelli (San Lazzaro - ) p. 11 9) Meglio l uovo oggi o la gallina domani? (San Lazzaro - ) p ) Tutti giù la maschera (San Lazzaro - ) p ) Chi va con lo zoppo impara a zoppicare? (San Lazzaro - ) p ) Seconda stella a destra (Corpus Domini - ) p ) Guarda il cielo e conta le stelle (Corpus Domini - ) p ) Indovina chi viene a cena (Corpus Domini - ) p ) Proprio come un albero (Corpus Domini - ) p ) Rosso come il cielo (N.S. Lourdes - ) p ) Sogno guidato sulle paure (N.S. Lourdes - ) p ) Il gioco del mappamondo (Mau ) p ) Simili e diversi (Mau ) p ) Il gioco del barbone (Sam - ) p 26 21) Parole Sante (Sam - ) p 28 Allegato 1 (A e B): La cartina dei sentimenti (N.S. Lourdes - ) Allegato 2: Scheda Tabù Giuseppe per attività n 8 Allegato 3: Scheda Rosso come il cielo per attività n 16 Allegato 4: Scheda Sogno guidato sulle paure per attività n 17 Allegato 5: Scheda Simili e diversi per attività n 19 2

3 La croce di Cristo Obiettivi: 1. Scoprire in Cristo, il Dio vicino, capace di farsi carico dei miei pesi e delle mie sofferenze. 2. Sviluppare la capacità di leggere il proprio vissuto 3. Sviluppare la capacità di raccontare le proprie fatiche al gruppo. 4. Ottenere una maggiore conoscenza reciproca (conoscenza delle fatiche di ognuno) come momento di crescita, di comunione e di sviluppo dei rapporti. Durata: più di un ora Materiale: una Croce, 3 post-it x ogni partecipante, sagoma di cartone raffigurante persona sorridente, biro, brano di Vangelo adeguato (per es. Gv 8,1-11, la donna peccatrice). Sequenza e Modalità: - su un cartellone mettiamo una sagoma di una persona sorridente - copriamo la sagoma (soprattutto il viso) con un numero di post-it pari a circa 3 volte il numero dei ragazzi - chiediamo ai ragazzi di pensare a: o un loro atteggiamento\peccato (che ritengono da correggere) che sentono come qualcosa che a volte li divide dagli altri, un peccato che crea divisione o un atteggiamento\peccato (che ritengono da correggere) che sentono come qualcosa che a volte li divide da Dio o un atteggiamento\peccato (che ritengono da correggere) che sentono come qualcosa che produce del male a loro stessi. - Man mano che gli viene in mente cosa scrivere prendono un post-it per volta dal cartellone e lo conservano in mano. Per riflettere: Riconoscere gli atteggiamenti di male che ci abitano è il primo passo verso il cambiamento Come reagisco quando una persona o un evento mette in luce un mio errore\peccatto\atteggiamento sbagliato? Nego tutto, anche a me stesso, dicendo che semmai sono gli altri che mi fraintendono? Oppure ne faccio l occasione di una seria riflessione sul mio modo di essere, cercando di capire dove sbaglio cosa posso fare per migliorare? In tutto questo il Signore lo chiamo in causa? Che ruolo gli do? Spesso siamo molto bravi a vedere i peccati\errori\atteggiamenti sbagliati degli altri, specie quando ne paghiamo le conseguenze in questi casi come mi comporto? Sparlo di questa persona con tutti per vendicarmi o semplicemente perché credo sia giusto così Faccio finta di niente, ma al momento opportuno gli rinfaccerò duramente i suoi atteggiamenti. Mi comporto male con lei senza troppe spiegazioni.. infondo se l è cercata! 3

4 Provo a far capire a questa persona (nel caso in cui c è un rapporto di conoscenza\amicizia) dove sbaglia o comunque provo a guardare questa persona, al di là dei suoi errori, senza giudicarla troppo, cercando di capire da dove nascono i suoi atteggiamenti... Che immagine ho di Dio? Un Dio che se sbaglio mi punisce? Un Dio che me la fa pagare cara? Un Dio che mi giudica severamente? Un Dio che - Alla fine leggiamo a più voci il Vangelo. - Due paroline di commento - Deponiamo i foglietti ai piedi di una croce sulla quale appoggiamo una stola segno della confessione. 4

5 La ricetta della felicità Obiettivi: 1. Sviluppare uno spirito Critico nei confronti dei messaggi dei media 2. oggettivare i propri desideri e la propria ricerca della felicità. Durata: un ora circa. Materiale: alcuni clips di pubblicità scaricabili da youtube (con messaggi fuorvianti circa la felicità), foto stampate che esprimano in vari modi simbolici la felicità, cartellone. Sequenza e Modalità: proiezione video commenti osservazione foto (ogni ragazzo sceglie la foto che maggiormente rappresenta gli ingredienti della sua ricetta della felicità). Si raccoglie su un cartellone gli ingredienti scelti di ognuno Riflessione\dibattito conclusivi 5

6 Reagisci alla vita! Obiettivi: 1. Sviluppare uno sguardo positivo su se stessi e sulle situazioni della propria vita. (dalla parte della soluzione e non del problema!) 2. sviluppare una sana reattività di fronte ai problemi (ricerca di soluzioni). Durata: 40 minuti circa Materiale: due cartelloni. Sequenza e Modalità: Da una parte del cartellone l educatore avrà segnato situazioni problematiche tipiche della quotidianità dei ragazzi. Dall altra parte una serie di non-soluzioni (verosimili, cioè che si possono riscontrare già nei comportamenti dei ragazzi). Si tratta di atteggiamenti non-costruttivi o non-propositivi: di rassegnazione al problema o che scaricano la responsabilità su altri o che si riducono alla lamentosità. L attività consiste nel collegare la problematica alla falsa-soluzione. Discussione: ti rispecchi in qualche atteggiamento? Vivi questi problemi? Attaccare sul cartellone un foglio che copre le false soluzioni con segnate delle soluzioni positive e propositive. Discussione finale esempio di situazione problematica: - a scuola non riesco in matematica esempio di falsa soluzione: - la mia prof non mi capisce oppure sono negato in matematica. Esempio di vera soluzione: - mi impegno di più! (Cerco di capire come cambiare questo problema) 6

7 Il gioco della Cartigienica Obiettivi: è uno strumento versatile per effettuare una raccolta di idee organizzate o sotto forma di brainstorming, senza ricorrere allo spiazzante metodo della scheda. Durata: arbitraria Materiale: un rotolo di cartigienica Sequenza e Modalità: prima di specificare il tema della discussione, si chiede ai ragazzi di prendere tanta cartigienica quanta pensano di usare nella giornata. Una volta fatto, si chiederà ai ragazzi di scrivere un pensiero, un concetto, un idea (a seconda di ciò di cui si vuole parlare) per ciascun pezzetto di cartigienica preso. Le cose da scrivere possono essere risposte alle più disparate domande: cosa apprezzo nei miei amici?, cosa mi fa paura?, quali sono le qualità che cerco nelle persone?, cosa mi piace/non mi piace della comunità cristiana?. L elaborazione dei concetti può essere individuale o di gruppo. Note per il conduttore: qualche ragazzo, per scherzare, potrà prendere una vagonata di carta. Dato che le regole vanno rispettate e per ogni pezzo si deve scrivere qualcosa, evitate che venga presa troppa cartigienica rispetto a ciò che si vuol far pensare dai ragazzi. 7

8 La palude Obiettivi: testare la compattezza del gruppo in una situazione critica, per poi ragionare su come è stata affrontata. Durata: mezz ora circa. Materiale: un pavimento piastrellato sufficientemente grande. Regole: L animatore crea su un foglio quadrettato uno schema del pavimento, che sarà la palude da attraversare. Su questo schema segna alcune piastrelle, che saranno le rocce, ossia le piastrelle salve. Lo scopo di questa sfida è fare in modo che tutto il gruppo riesca ad arrivare dall altra parte della palude. I ragazzi dovranno attraversare l area trovando le piastrelle salve e camminandovi sopra fino alla fine. Le altre piastrelle saranno così sabbie mobili e chiunque vi passerà sopra dovrà tornare all inizio del percorso. Gli spostamenti devono avvenire in maniera ordinata, con un passo per volta, dal membro più avanti a quello più indietro della squadra: chi finisce nelle sabbie mobili si rimette in fondo alla coda ricominciando da capo. L unico modo che si ha per capire se una piastrella è salva o no è tentare: da qui l importanza del gioco di squadra per scoprire e memorizzare il percorso. Una volta che i ragazzi si sono ambientati con le regole del gioco (circa a metà del percorso) si potrà rendergli la vita difficile inserendo delle penalità: ad es, un tal ragazzo non può più parlare ed un altro viene bendato. In questo modo l animatore può mettere in difficoltà le normali dinamiche di gruppo, ammutolendo un leader o rendendolo cieco, e costringendo gli altri ad assumersi la responsabilità di guidare le sue mosse per farlo arrivare sulle piastrelle salve. Chi riesce a completare il percorso, cioè arrivare all altra estremità della palude, non può più aiutare in alcun modo chi sta giocando. I ragazzi dovranno rendersi conto da soli che per vincere dovranno fare gioco di squadra e non lasciare indietro i ciechi, altrimenti non arriveranno più. Note per il conduttore: il conduttore non deve intervenire per aiutare il gruppo in alcun modo, ma lasciare che si organizzino, e approfittare per sondare le reazioni che si sviluppano. L assegnazione delle penalità ai singoli dovrà essere mirata a ribaltare l equilibrio della squadra, per valorizzare il ruolo di chi normalmente ha un atteggiamento passivo nel gruppo. 8

9 Mi conosco o mi conoscono? Obiettivi: stimolare la riflessione sul giudizio degli altri, far comprendere che spesso giudichiamo gli altri ma non conosciamo neanche noi stessi, far comprendere che ognuno ha lati positivi e negativi, far comprendere che come noi giudichiamo gli altri anche gli altri giudicano noi. Durata: 30 minuti circa Materiale: un foglio per ogni ragazzo preparato dall educatore con 4 riquadri e biro Metodi: preparare il foglio con 4 caselle con il titolo: cosa penso di positivo di me, cosa pensano di positivo di me, cosa penso di negativo di me, cosa pensano di negativo di me Sequenza e Modalità: per ognuno dei 4 riquadri i ragazzi devono scrivere 5 cose lasciando loro il tempo di pensarci. Note per il conduttore: il gioco riesce bene se i ragazzi non comunicano tra di loro. 9

10 Positivo o negativo Obiettivi: comprendere ciò che i ragazzi giucano positivamente o negativamente della diversità Durata: 30/40 minuti Materiale: fogli bianchi e biro Metodi: Preparare il foglio con una tabella di 2 colonne e 11 righe(una per il titolo della colonna positivo e negativo ) e 10 spazi bianchi Sequenza e Modalità: i ragazzi devono cercare di completare nel tempo di 25/30 minuti gli spazi relativi concentrandosi sulle proprie opinioni e i propri sentimenti. Il foglio poi verrà letto e se il ragazzo vuole può commentarlo come meglio crede Note per il conduttore: l attività deve essere svolta in modo individuale, i ragazzi possono spargersi dove preferiscono nella stanza ma se possibile senza comunicare. 10

11 Giuseppe e i suoi fratelli Obiettivi: Importanza del gruppo e del farne parte; riscoprire il perdono Durata: 6 incontri Materiale: La Bibbia, Film Giuseppe ed i suoi fratelli Metodi: Gioco, lettura, esperienza del perdono Sequenza e Modalità: 1^ incontro: raccontiamo ai ragazzi, come se fosse una favola, cambiando il nome di Giuseppe in Peppino o come si vuole, la prima parte del racconto Biblico, ed arriviamo fino al momento in cui i fratelli decidono di venderlo. Ci interrompiamo e chiediamo ai ragazzi, divisi in gruppi, di costruire un finale specificando bene 1) i motivi che spingono i fratelli a volerlo vendere 2) il perché della scelta del finale. I ragazzi presentano al gruppo le loro conclusioni. Diciamo ai ragazzi che è il racconto Biblico di Giuseppe e dei suoi fratelli Leggiamo la prima parte del brano della Bibbia, evidenziamo l invidia dei fratelli di Giuseppe. 2^ Incontro: Riprendiamo il lavoro della volta passata, riflettiamo sull invidia dei fratelli di Giuseppe. Giuseppe aveva un sacco di qualità apprezzate dal Padre. Attività- ognuno di noi scrive su un foglietto una sua qualità Le mettiamo in un cestino. Poi a copie ogni ragazzo individua una qualità dell altro e la scrive su un altro foglietto. Mescoliamo i fogli e trascriviamo su un grande cartellone tutte le qualità emerse. Il nostro gruppo è un insieme di tante qualità di ognuno che messe insieme possono aiutare il gruppo a crescere ed ognuno ad usare le qualità dell altro. 3^ Incontro Leggiamo il pezzo della Bibbia nel quale Giuseppe viene arrestato perché non ha ceduto alle avances della moglie di. Gioco dei ruoli. Siamo in Tribunale esaminiamo il fatto: Giuseppe è stato onesto fino in fondo ed ha pagato in prima persona, ingiustamente, con il carcere la sua onestà Gruppo 1 Difende la scelta di Giuseppe Gruppo 2 Sostiene la tesi che Giuseppe avrebbe potuto approfittare della situazione tanto nessuno se ne sarebbe accorto Alla fine lasciamo che i ragazzi traggano da sé le conclusioni. 4^ Incontro vediamo lo spezzone del film nel quale Giuseppe rincontra i suoi fratelli, li riconosce, mette in atto qualche piccola vendetta e poi li perdona Parliamo del perdono umano Per Giuseppe è difficile, ma nella società oggi? Dove troviamo esempi di perdono? Intorno a noi? Prepariamo le confessioni della prossima settimana come richiesta di perdono nostro ed atto grande 11

12 di amore di Dio 5^ incontro.- confessioni 6 ì incontro gioco Tabù di Giuseppe (allegato al file di excell) Meglio l uovo oggi o la gallina domani? Obiettivi: Capire che non si può ottenere tutto subito Disponibilità verso le esigenze dell altro. Durata: 3 incontri Materiale: Giornali, Canzone uomini di molta fede, testimone Metodi: Gioco, ascolto, testimonianza Sequenza e Modalità: 1^ Incontro Abbiamo una finta gallina morta e una confezione di uova, Chi sceglie la gallina, chi sceglie le uova. Si formano 2 gruppi, ognuno dei quali prepara ed espone una tesi sulla propria scelta. Chi dice che è meglio l uovo oggi, chi dice che è meglio la gallina domani. Brain storm su due cartelloni diversi Discussione. Lasciamo una domanda. Ma noi cosa c entriamo con le uova e le galline. 2^ Incontro Dividiamo i ragazzi in 2 gruppi, Portiamo dei quotidiani, gli stessi per ogni gruppo I ragazzi devono individuare nei quali, in qualche modo, vengano raccontate situazioni di chi ha voluto tutto subito o di chi ha investito oggi per il futuro. Confronto tra di loro. Portiamo l uovo e la gallina nella nostra esperienza quotidiana. Ognuno trova nella sua esperienza episodi di uovo o gallina Ascoltiamo la canzone Uomini di molta fede di Caparezza Commenti 3^ Incontro - Testimonianza di Gianni che per scelta ha lasciato il lavoro in banca e si dedica ai senza tetto 12

13 Tutti giù la maschera! Obiettivi: Introdurre la quaresima: attività legata al vangelo della domenica successiva all incontro con tema la trasfigurazione di Gesù. Durata: un incontro Materiale: - cartoncini, elastici, pennarelli e cancelleria varia - candela - una montagna (noi abbiamo impilato delle seggiole e le abbiamo coperte con teli marroni e verdi) Metodi: analizzare delle situazioni verosimili e lettura suggestiva del Vangelo Sequenza e Modalità: - Il narratore inizia a parlare del carnevale e chiede hai ragazzi come lo hanno vissuto, se a loro piace travestirsi e in quali personaggi - Si divide il gruppo (compresi gli animatori) in 3 sottogruppi ognuno dei quali dovrà preparare una scenetta sui seguenti temi: A) Un ragazzo finge di essere quello che non è davanti ai suoi genitori per evitare rimproveri o per farli contenti. B) Un insegnante si accanisce sempre contro gli stessi alunni. C) Un ragazzo per piacere al gruppo fa cose che non vorrebbe fare. - Ma prima dovranno costruire delle maschere che rappresentino i personaggi (Prof., genitore, alunni, ecc ) - Rappresentazione delle scenette con finali a sorpresa - In cerchio chiediamo ai ragazzi di ipotizzare quali siano i motivi che spingono i vari personaggi a comportarsi a quel modo - Ci si sposta intorno alla montagna dove c è sulla sommità una candela accesa e si abbassano le luci - Il Don, mentre tutti tengono le maschere sul volto, legge il brano del vangelo fino al momento della trasfigurazione, poi, in silenzio, uno alla volta appoggia la sua maschera alla montagna. Per ultimo si finisce il brano del Vangelo. 13

14 Chi va con lo zoppo impara a zoppicare? Obiettivi: stimolare i ragazzi a : - ragionare con la propria testa - saper prendere posizione anche se diversa dal gruppo - fare scelte coraggiose Durata: 5 incontri di 1 ora Materiale: 1 incontro: Riviste con molta pubblicità e quotidiani 2 incontro: The Simpson Marge non essere orgogliosa 3 incontro: Gioco 4 incontro: Testimonianza di Don Fabio (parrocchia di Sant Antonio PC) 5 incontro: Film Little Miss Sunshine Metodi: 1 incontro: riflessione individuale e condivisione col gruppo 2 incontro: discussione sul condizionamento 3 incontro: attività divertente per ricordarsi dell esempio di Gesù 4 incontro: incuriosire con un esperienza di vita reale 5 incontro: conclusione e verifica Sequenza e Modalità: 1 incontro: - presentazione del cartellone CHI VA CON LO ZOPPO IMPARA A ZOPPICARE??????????????????????? che sarà presente per tutti i 5 incontri! - il gruppo si divide in piccoli sottogruppi; alcuni analizzeranno le riviste e dovranno trovare nelle pubblicità gli inganni, gli escamotage, o i trucchi che invogliano il lettore a comperare un prodotto; alcuni devono trovare nei quotidiani notizie di fatti estremi in positivo o in negativo oppure notizie dove il giornalista non si limita a esporre i fatti, ma, tra le righe, esprime anche la propria opinione. - in cerchio condivisione di quanto trovato con il gruppo - breve riflessione sul condizionamento sia della pubblicità che dei giornali e su come, invece, sarebbe tanto meglio valutare tutto con la nostra testa. 2 incontro: - visione dei Simpson - riflessione personale in cerchio sull episodio (condizionamento della pubblicità, condizionamento degli amici, importanza della famiglia e dei suoi valori) 3 incontro: - Gioco: il gruppo viene di viso in due sottogruppi, a turno un elemento dei singoli sottogruppi dovrà eseguire un percorso correndo nel modo suggerito da un animatore (salto della rana, all indietro, ecc.). Il primo che arriva si guadagna il diritto di esporre un episodio del vangelo dove Gesù è andato contro corrente (per esempio quando scaccia i mercanti dal tempio, quanto guarisce di sabato, ecc..). Ad 14

15 ogni esempio corretto viene assegnato un punto. Alla fine si vede chi ha vinto. - complimenti perché, come del resto ne eravamo certi, conoscono benissimo il Vangelo - esortazione a prendere come esempio Gesù (guidato dall amore per Dio) per trovare la giusta strada nelle scelte che dobbiamo fare ogni giorno 4 incontro: - ci mettiamo in cerchio e presentiamo l ospite misterioso: anche attorno a noi ci sono persone che hanno fatto scelte molto diverse da quelle che fanno la maggior parte della gente: per esempio Don Fabio - accoglienza del nostro ospite e racconto in prima persona della sua scelta di vita - domande a go-go - giro di opinioni sulla scelta fatta e sulla attività svolta 5 incontro: - Film - In cerchio: opinioni sul film - cosa vi lascia questa attività? 15

16 SECONDA STELLA A DESTRA (sussidio ODL nasinsù cre-grest2009 manuale dei responsabili p.24) Durata: un ora (dipende molto dalla lunghezza del percorso che si riesce a preparare, dal luogo se nel cortile dell oratorio o fuori città, un po in collina) Materiale: lumini,accendino, plaid, stereo e canzone ( L isola che non c è di Bennato). (l attività è realizzabile unicamente di sera, al buio, in uno spazio aperto. L ideale sarebbe una camminata notturna, lontano dalle luci del centro abitato. Poi si fa quel che si può ) Sequenza e Modalità: Gli educatori avranno prima preparato un percorso coi lumini a terra. Non deve per forza essere un tragitto lungo, l importante è che ci si metta un po in cammino. Prima tappa in giardino o uno spiazzo. Si invita i ragazzi a sedersi a terra e a mettersi in ascolto della canzone: l isola che non c è di bennato (eventualmente si può distribuire il testo della canzone, ma calcolando la poca luce e soprattutto che la canzone è molto nota, sconsigliamo!) Prosegue il giro e si arriva in cortile-giardino. Gli educatori avranno precedentemente steso a terra dei plaid. Ci stendiamo e guardiamo il cielo! Si invita i ragazzi a fissare una stella (qualora ci fosse brutto tempo.. fategli chiudere gli occhi e dite loro di immaginare la stella). Sottolineiamo l importanza del cammino fatto. Il cammino nella notte è per l incontro con gli altri e con l Altro. Fissiamo il cielo e ci rendiamo conto della nostra piccolezza di fronte a tanta immensità. Sentiamo il bisogno di seguire una stella, che ci guidi nel cammino. Come le stelle illuminano il cielo e rendono la notte un tempo affascinante, così l Amore di Dio illumina la nostra vita aiutandoci a scorgere quanto di bello e profondo essa contiene. Approfittando del clima di silenzio, si invita i ragazzi a fare qualche preghiera spontanea. Per concludere si potrebbe cantare la preghiera della sera AL CADER DELLA GIORNATA. Allegati: AL CADER DELLA GIORNATA Al cader della giornata, noi leviamo i cuori a Te Tu l'avevi a noi donata, bene spesa fu per Te Te nel bosco e nel ruscello, Te nel monte e Te nel pian Te nel cuore del fratello, Te nel mio cercai d'amar. Se non sempre la mia mente in Te pura s'affissò E talora stoltamente da Te lungi s'attardò Mio Signor ne son dolente, te ne chieggo, o Dio, mercè Del mio meglio lietamente, io doman farò per Te. I tuoi cieli sembran prati, e le stelle tanti fior Son bivacchi dei beati, stretti in cerchio al lor Signor 16

17 Quante stelle, quante stelle, dimmi Tu la mia qual è? Non ambisco alla più bella, basta sia vicino a Te. L ISOLA C HE NON C E di Bennato Seconda stella a destra questo è il cammino e poi dritto, fino al mattino poi la strada la trovi da te porta all'isola che non c'è. Forse questo ti sembrerà strano ma la ragione ti ha un po' preso la mano ed ora sei quasi convinto che non può esistere un'isola che non c'è E a pensarci, che pazzia è una favola, è solo fantasia e chi è saggio, chi è maturo lo sa non può esistere nella realtà!... Son d'accordo con voi non esiste una terra dove non ci son santi né eroi e se non ci son ladri se non c'è mai la guerra forse è proprio l'isola che non c'è. che non c'è E non è un'invenzione e neanche un gioco di parole se ci credi ti basta perché poi la strada la trovi da te Son d'accordo con voi niente ladri e gendarmi ma che razza di isola è? Niente odio e violenza né soldati né armi forse è proprio l'isola che non c'è... che non c'è Seconda stella a destra questo è il cammino e poi dritto, fino al mattino 17

18 poi la strada la trovi da te porta all'isola che non c'è. E ti prendono in giro se continui a cercarla ma non darti per vinto perché chi ci ha già rinunciato e ti ride alle spalle forse è ancora più pazzo di te 18

19 GUARDA IL CIELO E CONTA LE STELLE (sussidio ODL nasinsù cre-grest2009 manuale responsabile p.22) Durata: un ora Materiale: un soffitto, carta blu per il cielo, biadesivo x incollare carta e stelle, carta gialla x le stelle, scale, penne o pennarelli per scrivere, bibbia (in particolare Genesi 15, 1-6) Sequenza e Modalità: Nella stanza dove il gruppo si ritrova di solito, abbiamo riprodotto un cielo appiccicando la carta blu al soffitto. Iniziamo leggendo insieme i primi 6 versetti del capitolo 15 del libro della Genesi e dopo aver brevemente commentato lo stretto legame che intercorre tra il bisogno di senso espresso da Abramo e la promessa del Signore, distribuito ai ragazzi una stella ciascuno invitandoli a pensare a quali bisogni, desideri custodivano nel loro cuore. Dopo averli scritti sulla stella, ognuno di loro è andato ad appiccicare la sua stella al soffitto- cielo. Ci siamo messi poi tutti distesi sotto al soffitto-cielo stellato e abbiamo dato iniziato alla lettura e al commento (senza giudizio) delle cose che ciascuno aveva scritto. Guardare il cielo ci aiuta ad assumere una prospettiva più aperta, ci permette di salire in alto e guardare con maggior distacco e più chiarezza ciò che ci sta succedendo, aiutandoci a distinguere le cose davvero importanti da quelle che importanti appaiono ma non sono. Abbiamo concluso chiedendo al Signore di aiutarci ogni giorno a scoprire ciò di cui abbiamo veramente bisogno. 19

20 INDOVINA CHI VIENE A CENA ( sussidio AZIONE CATTOLICA ingresso libero guida educatori gvs p.36) Durata: un ora (anche di più se dalla condivisione si crea un bel clima ed emerge qualche spunto interessante ) Materiale: una tavola apparecchiata metà in maniera elegante (piatto di ceramica, bicchiere di cristallo, tovaglia bella, ecc ) metà più alla valà-che-vai (tovaglietta americana, piatto di plastica,posate di plastica..ecc..), fogli bianchi, penne, vangelo (in particolare il brano Lc 19, 1-10) Sequenza e Modalità: I gvs trovano nella stanza la tavola imbandita. Si chiede ai gvs di pensare a come accoglierebbero nella propria casa, per una cena, varie persone (alcuni esempi: migliore amico, un prof, un tizio importante e Gesù). Si chiede loro di pensare al menù, a come apparecchierebbero e di motivarlo. Si da loro un foglio e una penna per scrivere il tutto. Si lascia loro 15 minuti di tempo ( a seconda dei presenti il tempo può variare) Si fa raccontare dai gvs cos hanno scritto. Poi si legge il brano del vangelo di Zaccheo. Si sottolinea come Gesù abbia voluto incontrare Zaccheo nel suo intimo, proprio a casa sua. E la stessa cosa vuol fare con noi. Ma noi come lo accogliamo? 20

21 PROPRIO COME UN ALBERO Durata: un ora e mezza (anche di più se i ragazzi sono tanti) (se gli educatori hanno tempo e voglia sarebbe bello realizzare un MEGA ALBERO con scritto all interno del tronco il testo della canzone e iniziare la serata attorno a questo albero.) Materiale: stereo con canzone L ALBERO di Jovanotti, bristol bianchi o comunque un rotolone di carta, colori (tempere, pennarelli..) Sequenza e Modalità: Si ascolta coi ragazzi la canzone. Ognuno dirà poi a voce alta quale frase l ha colpito di più. Si chiede ai ragazzi di disegnare un albero, invitandoli a personalizzarlo a piacere, decorarlo come vogliono. Si dirà loro che l albero rappresenta loro stessi. Si lascia il tempo necessario per il disegno. Successivamente i ragazzi scriveranno sulle radici le persone che rappresentano per loro un punto fermo, una certezza. Un albero senza radici non potrebbe crescere. Le radici rappresentano il nostro passato. Un passato senza cui però oggi non saremmo qui. Noi siamo figli di quelle radici. Il tronco rappresenta il presente. Come siamo oggi? Chi fa parte della nostra vita? Invitiamo i ragazzi a scriverlo sul tronco. E poi i rami che rappresentano il futuro. I nostri sogni, i nostri desideri. A cosa aspiriamo? Verso quale cielo i nostri rami tendono? A lavoro ultimato, si cerca di creare un clima di condivisione: seduti a terra ognuno racconta la storia del suo albero!! È interessante scoprire la vita dei ragazzi in questo modo. Durante la condivisione potrebbe emergere che qualcuno ha personalizzato il suo albero aggiungendo anche pioggia e sole. Riprendendo il pezzo della canzone prendo il sole in faccia, bevo molta pioggia si sottolinea come un albero abbia bisogno sia del sole che della pioggia per crescere.. il sole sono tutte le esperienze positive che abbiamo fatto e che faremo, la pioggia rappresenta le difficoltà, il dolore, la sofferenza che è presente nella nostra vita. Ci son giorni dove piove e basta, altri in cui esce un sole bellissimo però. Allegati: L ALBERO di Jovanotti Proprio come un albero che vive in mezzo agli alberi mi sento quando giro per il mondo cerco di far si che il vento non mi butti giù e di affondar le mie radici nel profondo, prendo il sole in faccia per far si che le mie foglie stiano bene appiccicate lungo questi rami ospito tra le mie braccia nidi di uccellini e do rifugio nel mio fusto a molti sciami. Proprio come un albero mi spoglio e mi rivesto a seconda se c'è freddo o c'è calore dentro la genetica la mappa delle cellule descrive a quale genere appartengo se sono una quercia oppure un salice piangente oppure un baobab od un saggio di pianura quello che è importante è che al mondo ci sia spazio per qualsiasi espressione di natura. Prendo il sole in faccia bevo molta pioggia (2v) io non ho problemi a convivere con gli altri sono pronto ad accettare la mia sorte sono consapevole del fatto che più o meno presto o tardi ci sarà per me la morte quella che Totò ha definito la livella e che alla fine ci livella tutti uguali alberi bestiole re profeti presidenti calciatori poveretti ed animali. Quello che io penso come albero parlante è che la vita sia questione di radici più sono profonde più ti puoi portar lontano incontrando gente conquistando amici perché io ho scoperto che le mie radici in fondo sono lì per procurarmi le risorse cosicché con le mie foglie io possa affrontare venti forti e possa farmi delle corse. Prendo il sole in faccia bevo molta pioggia (4v) Andare di qua e di là sconfinare allegramente farmi un pò ogni tipo di esperienza incontrare gente 21

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING per bambini di 4-6 anni di CRISTINA RUINI Esperienze di gioco-orienteering svolte nell anno scolastico 2009-2010 alla scuola d infanzia di Longera (Trieste) Questa è una raccolta

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli