La croce di Cristo Obiettivi Durata Materiale Sequenza e Modalità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La croce di Cristo Obiettivi Durata Materiale Sequenza e Modalità"

Transcript

1 CORSO ANIMATORI PRIMA BASE PROGETTO CAMMINIAMO INSIEME ANNO

2 INDICE 1) La Croce di Cristo (San Nicolò - p. 03 2) La ricetta della felicità (San Nicolò - p. 05 3) Reagisci alla vita (San Nicolò - p. 06 4) Il gioco della cartigienica (Sarmato - ) p. 07 5) La palude(sarmato - ) p. 08 6) Mi conosco o mi conoscono? (Podenzano - ) p. 09 7) Positivo o negativo (Podenzano - ) p. 10 8) Giuseppe e i suoi fratelli (San Lazzaro - ) p. 11 9) Meglio l uovo oggi o la gallina domani? (San Lazzaro - ) p ) Tutti giù la maschera (San Lazzaro - ) p ) Chi va con lo zoppo impara a zoppicare? (San Lazzaro - ) p ) Seconda stella a destra (Corpus Domini - ) p ) Guarda il cielo e conta le stelle (Corpus Domini - ) p ) Indovina chi viene a cena (Corpus Domini - ) p ) Proprio come un albero (Corpus Domini - ) p ) Rosso come il cielo (N.S. Lourdes - ) p ) Sogno guidato sulle paure (N.S. Lourdes - ) p ) Il gioco del mappamondo (Mau ) p ) Simili e diversi (Mau ) p ) Il gioco del barbone (Sam - ) p 26 21) Parole Sante (Sam - ) p 28 Allegato 1 (A e B): La cartina dei sentimenti (N.S. Lourdes - ) Allegato 2: Scheda Tabù Giuseppe per attività n 8 Allegato 3: Scheda Rosso come il cielo per attività n 16 Allegato 4: Scheda Sogno guidato sulle paure per attività n 17 Allegato 5: Scheda Simili e diversi per attività n 19 2

3 La croce di Cristo Obiettivi: 1. Scoprire in Cristo, il Dio vicino, capace di farsi carico dei miei pesi e delle mie sofferenze. 2. Sviluppare la capacità di leggere il proprio vissuto 3. Sviluppare la capacità di raccontare le proprie fatiche al gruppo. 4. Ottenere una maggiore conoscenza reciproca (conoscenza delle fatiche di ognuno) come momento di crescita, di comunione e di sviluppo dei rapporti. Durata: più di un ora Materiale: una Croce, 3 post-it x ogni partecipante, sagoma di cartone raffigurante persona sorridente, biro, brano di Vangelo adeguato (per es. Gv 8,1-11, la donna peccatrice). Sequenza e Modalità: - su un cartellone mettiamo una sagoma di una persona sorridente - copriamo la sagoma (soprattutto il viso) con un numero di post-it pari a circa 3 volte il numero dei ragazzi - chiediamo ai ragazzi di pensare a: o un loro atteggiamento\peccato (che ritengono da correggere) che sentono come qualcosa che a volte li divide dagli altri, un peccato che crea divisione o un atteggiamento\peccato (che ritengono da correggere) che sentono come qualcosa che a volte li divide da Dio o un atteggiamento\peccato (che ritengono da correggere) che sentono come qualcosa che produce del male a loro stessi. - Man mano che gli viene in mente cosa scrivere prendono un post-it per volta dal cartellone e lo conservano in mano. Per riflettere: Riconoscere gli atteggiamenti di male che ci abitano è il primo passo verso il cambiamento Come reagisco quando una persona o un evento mette in luce un mio errore\peccatto\atteggiamento sbagliato? Nego tutto, anche a me stesso, dicendo che semmai sono gli altri che mi fraintendono? Oppure ne faccio l occasione di una seria riflessione sul mio modo di essere, cercando di capire dove sbaglio cosa posso fare per migliorare? In tutto questo il Signore lo chiamo in causa? Che ruolo gli do? Spesso siamo molto bravi a vedere i peccati\errori\atteggiamenti sbagliati degli altri, specie quando ne paghiamo le conseguenze in questi casi come mi comporto? Sparlo di questa persona con tutti per vendicarmi o semplicemente perché credo sia giusto così Faccio finta di niente, ma al momento opportuno gli rinfaccerò duramente i suoi atteggiamenti. Mi comporto male con lei senza troppe spiegazioni.. infondo se l è cercata! 3

4 Provo a far capire a questa persona (nel caso in cui c è un rapporto di conoscenza\amicizia) dove sbaglia o comunque provo a guardare questa persona, al di là dei suoi errori, senza giudicarla troppo, cercando di capire da dove nascono i suoi atteggiamenti... Che immagine ho di Dio? Un Dio che se sbaglio mi punisce? Un Dio che me la fa pagare cara? Un Dio che mi giudica severamente? Un Dio che - Alla fine leggiamo a più voci il Vangelo. - Due paroline di commento - Deponiamo i foglietti ai piedi di una croce sulla quale appoggiamo una stola segno della confessione. 4

5 La ricetta della felicità Obiettivi: 1. Sviluppare uno spirito Critico nei confronti dei messaggi dei media 2. oggettivare i propri desideri e la propria ricerca della felicità. Durata: un ora circa. Materiale: alcuni clips di pubblicità scaricabili da youtube (con messaggi fuorvianti circa la felicità), foto stampate che esprimano in vari modi simbolici la felicità, cartellone. Sequenza e Modalità: proiezione video commenti osservazione foto (ogni ragazzo sceglie la foto che maggiormente rappresenta gli ingredienti della sua ricetta della felicità). Si raccoglie su un cartellone gli ingredienti scelti di ognuno Riflessione\dibattito conclusivi 5

6 Reagisci alla vita! Obiettivi: 1. Sviluppare uno sguardo positivo su se stessi e sulle situazioni della propria vita. (dalla parte della soluzione e non del problema!) 2. sviluppare una sana reattività di fronte ai problemi (ricerca di soluzioni). Durata: 40 minuti circa Materiale: due cartelloni. Sequenza e Modalità: Da una parte del cartellone l educatore avrà segnato situazioni problematiche tipiche della quotidianità dei ragazzi. Dall altra parte una serie di non-soluzioni (verosimili, cioè che si possono riscontrare già nei comportamenti dei ragazzi). Si tratta di atteggiamenti non-costruttivi o non-propositivi: di rassegnazione al problema o che scaricano la responsabilità su altri o che si riducono alla lamentosità. L attività consiste nel collegare la problematica alla falsa-soluzione. Discussione: ti rispecchi in qualche atteggiamento? Vivi questi problemi? Attaccare sul cartellone un foglio che copre le false soluzioni con segnate delle soluzioni positive e propositive. Discussione finale esempio di situazione problematica: - a scuola non riesco in matematica esempio di falsa soluzione: - la mia prof non mi capisce oppure sono negato in matematica. Esempio di vera soluzione: - mi impegno di più! (Cerco di capire come cambiare questo problema) 6

7 Il gioco della Cartigienica Obiettivi: è uno strumento versatile per effettuare una raccolta di idee organizzate o sotto forma di brainstorming, senza ricorrere allo spiazzante metodo della scheda. Durata: arbitraria Materiale: un rotolo di cartigienica Sequenza e Modalità: prima di specificare il tema della discussione, si chiede ai ragazzi di prendere tanta cartigienica quanta pensano di usare nella giornata. Una volta fatto, si chiederà ai ragazzi di scrivere un pensiero, un concetto, un idea (a seconda di ciò di cui si vuole parlare) per ciascun pezzetto di cartigienica preso. Le cose da scrivere possono essere risposte alle più disparate domande: cosa apprezzo nei miei amici?, cosa mi fa paura?, quali sono le qualità che cerco nelle persone?, cosa mi piace/non mi piace della comunità cristiana?. L elaborazione dei concetti può essere individuale o di gruppo. Note per il conduttore: qualche ragazzo, per scherzare, potrà prendere una vagonata di carta. Dato che le regole vanno rispettate e per ogni pezzo si deve scrivere qualcosa, evitate che venga presa troppa cartigienica rispetto a ciò che si vuol far pensare dai ragazzi. 7

8 La palude Obiettivi: testare la compattezza del gruppo in una situazione critica, per poi ragionare su come è stata affrontata. Durata: mezz ora circa. Materiale: un pavimento piastrellato sufficientemente grande. Regole: L animatore crea su un foglio quadrettato uno schema del pavimento, che sarà la palude da attraversare. Su questo schema segna alcune piastrelle, che saranno le rocce, ossia le piastrelle salve. Lo scopo di questa sfida è fare in modo che tutto il gruppo riesca ad arrivare dall altra parte della palude. I ragazzi dovranno attraversare l area trovando le piastrelle salve e camminandovi sopra fino alla fine. Le altre piastrelle saranno così sabbie mobili e chiunque vi passerà sopra dovrà tornare all inizio del percorso. Gli spostamenti devono avvenire in maniera ordinata, con un passo per volta, dal membro più avanti a quello più indietro della squadra: chi finisce nelle sabbie mobili si rimette in fondo alla coda ricominciando da capo. L unico modo che si ha per capire se una piastrella è salva o no è tentare: da qui l importanza del gioco di squadra per scoprire e memorizzare il percorso. Una volta che i ragazzi si sono ambientati con le regole del gioco (circa a metà del percorso) si potrà rendergli la vita difficile inserendo delle penalità: ad es, un tal ragazzo non può più parlare ed un altro viene bendato. In questo modo l animatore può mettere in difficoltà le normali dinamiche di gruppo, ammutolendo un leader o rendendolo cieco, e costringendo gli altri ad assumersi la responsabilità di guidare le sue mosse per farlo arrivare sulle piastrelle salve. Chi riesce a completare il percorso, cioè arrivare all altra estremità della palude, non può più aiutare in alcun modo chi sta giocando. I ragazzi dovranno rendersi conto da soli che per vincere dovranno fare gioco di squadra e non lasciare indietro i ciechi, altrimenti non arriveranno più. Note per il conduttore: il conduttore non deve intervenire per aiutare il gruppo in alcun modo, ma lasciare che si organizzino, e approfittare per sondare le reazioni che si sviluppano. L assegnazione delle penalità ai singoli dovrà essere mirata a ribaltare l equilibrio della squadra, per valorizzare il ruolo di chi normalmente ha un atteggiamento passivo nel gruppo. 8

9 Mi conosco o mi conoscono? Obiettivi: stimolare la riflessione sul giudizio degli altri, far comprendere che spesso giudichiamo gli altri ma non conosciamo neanche noi stessi, far comprendere che ognuno ha lati positivi e negativi, far comprendere che come noi giudichiamo gli altri anche gli altri giudicano noi. Durata: 30 minuti circa Materiale: un foglio per ogni ragazzo preparato dall educatore con 4 riquadri e biro Metodi: preparare il foglio con 4 caselle con il titolo: cosa penso di positivo di me, cosa pensano di positivo di me, cosa penso di negativo di me, cosa pensano di negativo di me Sequenza e Modalità: per ognuno dei 4 riquadri i ragazzi devono scrivere 5 cose lasciando loro il tempo di pensarci. Note per il conduttore: il gioco riesce bene se i ragazzi non comunicano tra di loro. 9

10 Positivo o negativo Obiettivi: comprendere ciò che i ragazzi giucano positivamente o negativamente della diversità Durata: 30/40 minuti Materiale: fogli bianchi e biro Metodi: Preparare il foglio con una tabella di 2 colonne e 11 righe(una per il titolo della colonna positivo e negativo ) e 10 spazi bianchi Sequenza e Modalità: i ragazzi devono cercare di completare nel tempo di 25/30 minuti gli spazi relativi concentrandosi sulle proprie opinioni e i propri sentimenti. Il foglio poi verrà letto e se il ragazzo vuole può commentarlo come meglio crede Note per il conduttore: l attività deve essere svolta in modo individuale, i ragazzi possono spargersi dove preferiscono nella stanza ma se possibile senza comunicare. 10

11 Giuseppe e i suoi fratelli Obiettivi: Importanza del gruppo e del farne parte; riscoprire il perdono Durata: 6 incontri Materiale: La Bibbia, Film Giuseppe ed i suoi fratelli Metodi: Gioco, lettura, esperienza del perdono Sequenza e Modalità: 1^ incontro: raccontiamo ai ragazzi, come se fosse una favola, cambiando il nome di Giuseppe in Peppino o come si vuole, la prima parte del racconto Biblico, ed arriviamo fino al momento in cui i fratelli decidono di venderlo. Ci interrompiamo e chiediamo ai ragazzi, divisi in gruppi, di costruire un finale specificando bene 1) i motivi che spingono i fratelli a volerlo vendere 2) il perché della scelta del finale. I ragazzi presentano al gruppo le loro conclusioni. Diciamo ai ragazzi che è il racconto Biblico di Giuseppe e dei suoi fratelli Leggiamo la prima parte del brano della Bibbia, evidenziamo l invidia dei fratelli di Giuseppe. 2^ Incontro: Riprendiamo il lavoro della volta passata, riflettiamo sull invidia dei fratelli di Giuseppe. Giuseppe aveva un sacco di qualità apprezzate dal Padre. Attività- ognuno di noi scrive su un foglietto una sua qualità Le mettiamo in un cestino. Poi a copie ogni ragazzo individua una qualità dell altro e la scrive su un altro foglietto. Mescoliamo i fogli e trascriviamo su un grande cartellone tutte le qualità emerse. Il nostro gruppo è un insieme di tante qualità di ognuno che messe insieme possono aiutare il gruppo a crescere ed ognuno ad usare le qualità dell altro. 3^ Incontro Leggiamo il pezzo della Bibbia nel quale Giuseppe viene arrestato perché non ha ceduto alle avances della moglie di. Gioco dei ruoli. Siamo in Tribunale esaminiamo il fatto: Giuseppe è stato onesto fino in fondo ed ha pagato in prima persona, ingiustamente, con il carcere la sua onestà Gruppo 1 Difende la scelta di Giuseppe Gruppo 2 Sostiene la tesi che Giuseppe avrebbe potuto approfittare della situazione tanto nessuno se ne sarebbe accorto Alla fine lasciamo che i ragazzi traggano da sé le conclusioni. 4^ Incontro vediamo lo spezzone del film nel quale Giuseppe rincontra i suoi fratelli, li riconosce, mette in atto qualche piccola vendetta e poi li perdona Parliamo del perdono umano Per Giuseppe è difficile, ma nella società oggi? Dove troviamo esempi di perdono? Intorno a noi? Prepariamo le confessioni della prossima settimana come richiesta di perdono nostro ed atto grande 11

12 di amore di Dio 5^ incontro.- confessioni 6 ì incontro gioco Tabù di Giuseppe (allegato al file di excell) Meglio l uovo oggi o la gallina domani? Obiettivi: Capire che non si può ottenere tutto subito Disponibilità verso le esigenze dell altro. Durata: 3 incontri Materiale: Giornali, Canzone uomini di molta fede, testimone Metodi: Gioco, ascolto, testimonianza Sequenza e Modalità: 1^ Incontro Abbiamo una finta gallina morta e una confezione di uova, Chi sceglie la gallina, chi sceglie le uova. Si formano 2 gruppi, ognuno dei quali prepara ed espone una tesi sulla propria scelta. Chi dice che è meglio l uovo oggi, chi dice che è meglio la gallina domani. Brain storm su due cartelloni diversi Discussione. Lasciamo una domanda. Ma noi cosa c entriamo con le uova e le galline. 2^ Incontro Dividiamo i ragazzi in 2 gruppi, Portiamo dei quotidiani, gli stessi per ogni gruppo I ragazzi devono individuare nei quali, in qualche modo, vengano raccontate situazioni di chi ha voluto tutto subito o di chi ha investito oggi per il futuro. Confronto tra di loro. Portiamo l uovo e la gallina nella nostra esperienza quotidiana. Ognuno trova nella sua esperienza episodi di uovo o gallina Ascoltiamo la canzone Uomini di molta fede di Caparezza Commenti 3^ Incontro - Testimonianza di Gianni che per scelta ha lasciato il lavoro in banca e si dedica ai senza tetto 12

13 Tutti giù la maschera! Obiettivi: Introdurre la quaresima: attività legata al vangelo della domenica successiva all incontro con tema la trasfigurazione di Gesù. Durata: un incontro Materiale: - cartoncini, elastici, pennarelli e cancelleria varia - candela - una montagna (noi abbiamo impilato delle seggiole e le abbiamo coperte con teli marroni e verdi) Metodi: analizzare delle situazioni verosimili e lettura suggestiva del Vangelo Sequenza e Modalità: - Il narratore inizia a parlare del carnevale e chiede hai ragazzi come lo hanno vissuto, se a loro piace travestirsi e in quali personaggi - Si divide il gruppo (compresi gli animatori) in 3 sottogruppi ognuno dei quali dovrà preparare una scenetta sui seguenti temi: A) Un ragazzo finge di essere quello che non è davanti ai suoi genitori per evitare rimproveri o per farli contenti. B) Un insegnante si accanisce sempre contro gli stessi alunni. C) Un ragazzo per piacere al gruppo fa cose che non vorrebbe fare. - Ma prima dovranno costruire delle maschere che rappresentino i personaggi (Prof., genitore, alunni, ecc ) - Rappresentazione delle scenette con finali a sorpresa - In cerchio chiediamo ai ragazzi di ipotizzare quali siano i motivi che spingono i vari personaggi a comportarsi a quel modo - Ci si sposta intorno alla montagna dove c è sulla sommità una candela accesa e si abbassano le luci - Il Don, mentre tutti tengono le maschere sul volto, legge il brano del vangelo fino al momento della trasfigurazione, poi, in silenzio, uno alla volta appoggia la sua maschera alla montagna. Per ultimo si finisce il brano del Vangelo. 13

14 Chi va con lo zoppo impara a zoppicare? Obiettivi: stimolare i ragazzi a : - ragionare con la propria testa - saper prendere posizione anche se diversa dal gruppo - fare scelte coraggiose Durata: 5 incontri di 1 ora Materiale: 1 incontro: Riviste con molta pubblicità e quotidiani 2 incontro: The Simpson Marge non essere orgogliosa 3 incontro: Gioco 4 incontro: Testimonianza di Don Fabio (parrocchia di Sant Antonio PC) 5 incontro: Film Little Miss Sunshine Metodi: 1 incontro: riflessione individuale e condivisione col gruppo 2 incontro: discussione sul condizionamento 3 incontro: attività divertente per ricordarsi dell esempio di Gesù 4 incontro: incuriosire con un esperienza di vita reale 5 incontro: conclusione e verifica Sequenza e Modalità: 1 incontro: - presentazione del cartellone CHI VA CON LO ZOPPO IMPARA A ZOPPICARE??????????????????????? che sarà presente per tutti i 5 incontri! - il gruppo si divide in piccoli sottogruppi; alcuni analizzeranno le riviste e dovranno trovare nelle pubblicità gli inganni, gli escamotage, o i trucchi che invogliano il lettore a comperare un prodotto; alcuni devono trovare nei quotidiani notizie di fatti estremi in positivo o in negativo oppure notizie dove il giornalista non si limita a esporre i fatti, ma, tra le righe, esprime anche la propria opinione. - in cerchio condivisione di quanto trovato con il gruppo - breve riflessione sul condizionamento sia della pubblicità che dei giornali e su come, invece, sarebbe tanto meglio valutare tutto con la nostra testa. 2 incontro: - visione dei Simpson - riflessione personale in cerchio sull episodio (condizionamento della pubblicità, condizionamento degli amici, importanza della famiglia e dei suoi valori) 3 incontro: - Gioco: il gruppo viene di viso in due sottogruppi, a turno un elemento dei singoli sottogruppi dovrà eseguire un percorso correndo nel modo suggerito da un animatore (salto della rana, all indietro, ecc.). Il primo che arriva si guadagna il diritto di esporre un episodio del vangelo dove Gesù è andato contro corrente (per esempio quando scaccia i mercanti dal tempio, quanto guarisce di sabato, ecc..). Ad 14

15 ogni esempio corretto viene assegnato un punto. Alla fine si vede chi ha vinto. - complimenti perché, come del resto ne eravamo certi, conoscono benissimo il Vangelo - esortazione a prendere come esempio Gesù (guidato dall amore per Dio) per trovare la giusta strada nelle scelte che dobbiamo fare ogni giorno 4 incontro: - ci mettiamo in cerchio e presentiamo l ospite misterioso: anche attorno a noi ci sono persone che hanno fatto scelte molto diverse da quelle che fanno la maggior parte della gente: per esempio Don Fabio - accoglienza del nostro ospite e racconto in prima persona della sua scelta di vita - domande a go-go - giro di opinioni sulla scelta fatta e sulla attività svolta 5 incontro: - Film - In cerchio: opinioni sul film - cosa vi lascia questa attività? 15

16 SECONDA STELLA A DESTRA (sussidio ODL nasinsù cre-grest2009 manuale dei responsabili p.24) Durata: un ora (dipende molto dalla lunghezza del percorso che si riesce a preparare, dal luogo se nel cortile dell oratorio o fuori città, un po in collina) Materiale: lumini,accendino, plaid, stereo e canzone ( L isola che non c è di Bennato). (l attività è realizzabile unicamente di sera, al buio, in uno spazio aperto. L ideale sarebbe una camminata notturna, lontano dalle luci del centro abitato. Poi si fa quel che si può ) Sequenza e Modalità: Gli educatori avranno prima preparato un percorso coi lumini a terra. Non deve per forza essere un tragitto lungo, l importante è che ci si metta un po in cammino. Prima tappa in giardino o uno spiazzo. Si invita i ragazzi a sedersi a terra e a mettersi in ascolto della canzone: l isola che non c è di bennato (eventualmente si può distribuire il testo della canzone, ma calcolando la poca luce e soprattutto che la canzone è molto nota, sconsigliamo!) Prosegue il giro e si arriva in cortile-giardino. Gli educatori avranno precedentemente steso a terra dei plaid. Ci stendiamo e guardiamo il cielo! Si invita i ragazzi a fissare una stella (qualora ci fosse brutto tempo.. fategli chiudere gli occhi e dite loro di immaginare la stella). Sottolineiamo l importanza del cammino fatto. Il cammino nella notte è per l incontro con gli altri e con l Altro. Fissiamo il cielo e ci rendiamo conto della nostra piccolezza di fronte a tanta immensità. Sentiamo il bisogno di seguire una stella, che ci guidi nel cammino. Come le stelle illuminano il cielo e rendono la notte un tempo affascinante, così l Amore di Dio illumina la nostra vita aiutandoci a scorgere quanto di bello e profondo essa contiene. Approfittando del clima di silenzio, si invita i ragazzi a fare qualche preghiera spontanea. Per concludere si potrebbe cantare la preghiera della sera AL CADER DELLA GIORNATA. Allegati: AL CADER DELLA GIORNATA Al cader della giornata, noi leviamo i cuori a Te Tu l'avevi a noi donata, bene spesa fu per Te Te nel bosco e nel ruscello, Te nel monte e Te nel pian Te nel cuore del fratello, Te nel mio cercai d'amar. Se non sempre la mia mente in Te pura s'affissò E talora stoltamente da Te lungi s'attardò Mio Signor ne son dolente, te ne chieggo, o Dio, mercè Del mio meglio lietamente, io doman farò per Te. I tuoi cieli sembran prati, e le stelle tanti fior Son bivacchi dei beati, stretti in cerchio al lor Signor 16

17 Quante stelle, quante stelle, dimmi Tu la mia qual è? Non ambisco alla più bella, basta sia vicino a Te. L ISOLA C HE NON C E di Bennato Seconda stella a destra questo è il cammino e poi dritto, fino al mattino poi la strada la trovi da te porta all'isola che non c'è. Forse questo ti sembrerà strano ma la ragione ti ha un po' preso la mano ed ora sei quasi convinto che non può esistere un'isola che non c'è E a pensarci, che pazzia è una favola, è solo fantasia e chi è saggio, chi è maturo lo sa non può esistere nella realtà!... Son d'accordo con voi non esiste una terra dove non ci son santi né eroi e se non ci son ladri se non c'è mai la guerra forse è proprio l'isola che non c'è. che non c'è E non è un'invenzione e neanche un gioco di parole se ci credi ti basta perché poi la strada la trovi da te Son d'accordo con voi niente ladri e gendarmi ma che razza di isola è? Niente odio e violenza né soldati né armi forse è proprio l'isola che non c'è... che non c'è Seconda stella a destra questo è il cammino e poi dritto, fino al mattino 17

18 poi la strada la trovi da te porta all'isola che non c'è. E ti prendono in giro se continui a cercarla ma non darti per vinto perché chi ci ha già rinunciato e ti ride alle spalle forse è ancora più pazzo di te 18

19 GUARDA IL CIELO E CONTA LE STELLE (sussidio ODL nasinsù cre-grest2009 manuale responsabile p.22) Durata: un ora Materiale: un soffitto, carta blu per il cielo, biadesivo x incollare carta e stelle, carta gialla x le stelle, scale, penne o pennarelli per scrivere, bibbia (in particolare Genesi 15, 1-6) Sequenza e Modalità: Nella stanza dove il gruppo si ritrova di solito, abbiamo riprodotto un cielo appiccicando la carta blu al soffitto. Iniziamo leggendo insieme i primi 6 versetti del capitolo 15 del libro della Genesi e dopo aver brevemente commentato lo stretto legame che intercorre tra il bisogno di senso espresso da Abramo e la promessa del Signore, distribuito ai ragazzi una stella ciascuno invitandoli a pensare a quali bisogni, desideri custodivano nel loro cuore. Dopo averli scritti sulla stella, ognuno di loro è andato ad appiccicare la sua stella al soffitto- cielo. Ci siamo messi poi tutti distesi sotto al soffitto-cielo stellato e abbiamo dato iniziato alla lettura e al commento (senza giudizio) delle cose che ciascuno aveva scritto. Guardare il cielo ci aiuta ad assumere una prospettiva più aperta, ci permette di salire in alto e guardare con maggior distacco e più chiarezza ciò che ci sta succedendo, aiutandoci a distinguere le cose davvero importanti da quelle che importanti appaiono ma non sono. Abbiamo concluso chiedendo al Signore di aiutarci ogni giorno a scoprire ciò di cui abbiamo veramente bisogno. 19

20 INDOVINA CHI VIENE A CENA ( sussidio AZIONE CATTOLICA ingresso libero guida educatori gvs p.36) Durata: un ora (anche di più se dalla condivisione si crea un bel clima ed emerge qualche spunto interessante ) Materiale: una tavola apparecchiata metà in maniera elegante (piatto di ceramica, bicchiere di cristallo, tovaglia bella, ecc ) metà più alla valà-che-vai (tovaglietta americana, piatto di plastica,posate di plastica..ecc..), fogli bianchi, penne, vangelo (in particolare il brano Lc 19, 1-10) Sequenza e Modalità: I gvs trovano nella stanza la tavola imbandita. Si chiede ai gvs di pensare a come accoglierebbero nella propria casa, per una cena, varie persone (alcuni esempi: migliore amico, un prof, un tizio importante e Gesù). Si chiede loro di pensare al menù, a come apparecchierebbero e di motivarlo. Si da loro un foglio e una penna per scrivere il tutto. Si lascia loro 15 minuti di tempo ( a seconda dei presenti il tempo può variare) Si fa raccontare dai gvs cos hanno scritto. Poi si legge il brano del vangelo di Zaccheo. Si sottolinea come Gesù abbia voluto incontrare Zaccheo nel suo intimo, proprio a casa sua. E la stessa cosa vuol fare con noi. Ma noi come lo accogliamo? 20

21 PROPRIO COME UN ALBERO Durata: un ora e mezza (anche di più se i ragazzi sono tanti) (se gli educatori hanno tempo e voglia sarebbe bello realizzare un MEGA ALBERO con scritto all interno del tronco il testo della canzone e iniziare la serata attorno a questo albero.) Materiale: stereo con canzone L ALBERO di Jovanotti, bristol bianchi o comunque un rotolone di carta, colori (tempere, pennarelli..) Sequenza e Modalità: Si ascolta coi ragazzi la canzone. Ognuno dirà poi a voce alta quale frase l ha colpito di più. Si chiede ai ragazzi di disegnare un albero, invitandoli a personalizzarlo a piacere, decorarlo come vogliono. Si dirà loro che l albero rappresenta loro stessi. Si lascia il tempo necessario per il disegno. Successivamente i ragazzi scriveranno sulle radici le persone che rappresentano per loro un punto fermo, una certezza. Un albero senza radici non potrebbe crescere. Le radici rappresentano il nostro passato. Un passato senza cui però oggi non saremmo qui. Noi siamo figli di quelle radici. Il tronco rappresenta il presente. Come siamo oggi? Chi fa parte della nostra vita? Invitiamo i ragazzi a scriverlo sul tronco. E poi i rami che rappresentano il futuro. I nostri sogni, i nostri desideri. A cosa aspiriamo? Verso quale cielo i nostri rami tendono? A lavoro ultimato, si cerca di creare un clima di condivisione: seduti a terra ognuno racconta la storia del suo albero!! È interessante scoprire la vita dei ragazzi in questo modo. Durante la condivisione potrebbe emergere che qualcuno ha personalizzato il suo albero aggiungendo anche pioggia e sole. Riprendendo il pezzo della canzone prendo il sole in faccia, bevo molta pioggia si sottolinea come un albero abbia bisogno sia del sole che della pioggia per crescere.. il sole sono tutte le esperienze positive che abbiamo fatto e che faremo, la pioggia rappresenta le difficoltà, il dolore, la sofferenza che è presente nella nostra vita. Ci son giorni dove piove e basta, altri in cui esce un sole bellissimo però. Allegati: L ALBERO di Jovanotti Proprio come un albero che vive in mezzo agli alberi mi sento quando giro per il mondo cerco di far si che il vento non mi butti giù e di affondar le mie radici nel profondo, prendo il sole in faccia per far si che le mie foglie stiano bene appiccicate lungo questi rami ospito tra le mie braccia nidi di uccellini e do rifugio nel mio fusto a molti sciami. Proprio come un albero mi spoglio e mi rivesto a seconda se c'è freddo o c'è calore dentro la genetica la mappa delle cellule descrive a quale genere appartengo se sono una quercia oppure un salice piangente oppure un baobab od un saggio di pianura quello che è importante è che al mondo ci sia spazio per qualsiasi espressione di natura. Prendo il sole in faccia bevo molta pioggia (2v) io non ho problemi a convivere con gli altri sono pronto ad accettare la mia sorte sono consapevole del fatto che più o meno presto o tardi ci sarà per me la morte quella che Totò ha definito la livella e che alla fine ci livella tutti uguali alberi bestiole re profeti presidenti calciatori poveretti ed animali. Quello che io penso come albero parlante è che la vita sia questione di radici più sono profonde più ti puoi portar lontano incontrando gente conquistando amici perché io ho scoperto che le mie radici in fondo sono lì per procurarmi le risorse cosicché con le mie foglie io possa affrontare venti forti e possa farmi delle corse. Prendo il sole in faccia bevo molta pioggia (4v) Andare di qua e di là sconfinare allegramente farmi un pò ogni tipo di esperienza incontrare gente 21

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Il percorso dell educatore

Il percorso dell educatore Il percorso dell educatore 1. IL RUOLO DELL EDUCATORE Il servizio educativo è innanzitutto una vocazione, una chiamata da parte del Signore alla quale ognuno di noi ha scelto di rispondere sì; un si libero,

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Modulo 2. A Caccia di Risorse

Modulo 2. A Caccia di Risorse Modulo 2 A Caccia di Risorse FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di sviluppare negli studenti la capacità di analizzare le situazioni critiche della vita quotidiana al fine di renderli consapevoli

Dettagli

Mercoledì 15 aprile 2009

Mercoledì 15 aprile 2009 Mercoledì 15 aprile 2009 EVANGELIZZAZIONE E CONSOLIDAMENTO - Uno dei problemi maggiori non è tanto evangelizzare, quanto fare in modo che le persone che hanno accettato Gesù come personale Salvatore rimangano

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 Carissimi Educatori, come anticipato prima di Natale con alcune informazioni sulla Festa diocesana della Pace del 16 febbraio 2014, vi proponiamo

Dettagli

Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità

Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità Un mondo da Favola laboratorio sul tema della sostenibilità Obiettivi del laboratorio Il percorso Il percorso in breve Questo progetto sarà occasione per far comprendere ai bambini che cosa significa il

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono

Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono A BRACCIA APERTE Unità di apprendimento IRC sul Natale Anno scolastico 2013-2014 MOTIVAZIONI L esperienza personale intorno alla quale ruota tutto il percorso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI I.R.C. CON LA PARABOLA DELLA PECORELLA SMARRITA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI I.R.C. CON LA PARABOLA DELLA PECORELLA SMARRITA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI I.R.C. CON LA PARABOLA DELLA PECORELLA SMARRITA Questa è una programmazione di una scuola d infanzia statale. Un ora e mezza alla settimana i bambini hanno un insegnante specifica

Dettagli

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO INSEGNAMENTO IL MIO CUORE CANTA LE TUE LODI a cura di Carlo Arditi, Responsabile del Servizio Musica e Canto Nel preparare questa condivisione mi sono accorto che, pur non avendolo fatto apposta, anche

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella.

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella. Non è mai troppo tardi per formare un gruppo di Cantori della Stella. Se desiderate formare un gruppo e volete una mano non esitate a chiamarci. Abbiamo fatto tesoro dei consigli e dell esperienza dei

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO COSA E L insieme di attività avviate dall allenatore per formare il ragazzo, attraverso lo sport, ai valori umani e cristiani PARTI COINVOLTE - ALLENATORE RESP. ANNATA

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

PAROLE DI VETRO. Conversazioni sui modi di intendere la vita COS E

PAROLE DI VETRO. Conversazioni sui modi di intendere la vita COS E PAROLE DI VETRO Conversazioni sui modi di intendere la vita COS E Cos è Ognuno sceglie quello che è per sé. Sono solo parole, dette da persone che non si conoscono e che parlano tra loro. Decidono di mettersi

Dettagli

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Parlare in famiglia Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Perché è importante? IMPORTANZA DEL DIALOGO IN FAMIGLIA stili educativi: autoritario, democratico,

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III ANNO SCOLASTICO II QUADRIMESTRE ALUNNO/A PROVE DI VERIFICA PERIODO: SECONDO

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

Modulo 3. Stili a confronto

Modulo 3. Stili a confronto Modulo 3 Stili a confronto FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di incrementare nei ragazzi la conoscenza di sé attraverso l auto-consapevolezza dei propri stili di apprendimento e di lavoro, e di

Dettagli

Il Principe Mezzanotte. Scheda di approfondimento. Materiale didattico di approfondimento per insegnanti e operatori

Il Principe Mezzanotte. Scheda di approfondimento. Materiale didattico di approfondimento per insegnanti e operatori Il Principe Mezzanotte Scheda di approfondimento Materiale didattico di approfondimento per insegnanti e operatori La Compagnia Teatropersona ha deciso di creare queste schede per dare l opportunità alle

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06 Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA Il progetto sulla Terza Dimensione Queste attività si

Dettagli

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27)

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Un messaggio sul sacramento del matrimonio Lettera pastorale per la Quaresima 2011 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Cari fratelli e sorelle nel Signore La

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Insegnare la nonviolenza Un esperienza di condivisione di idee, sogni, materiali educativi fra ASSEFA Torino & ASSEFA India

Insegnare la nonviolenza Un esperienza di condivisione di idee, sogni, materiali educativi fra ASSEFA Torino & ASSEFA India Gr uppo ASS EFA Torino & ASS EFA INDIA Insegnare la nonviolenza Un esperienza di condivisione di idee, sogni, materiali fra ASSEFA Torino & ASSEFA India a cura di Maria Ferrando insegnante di scuola primaria

Dettagli

LABORATORI DI DIDATTICA ORIENTATIVA

LABORATORI DI DIDATTICA ORIENTATIVA A cura di: Dott. G. Gualdi Dott.ssa F. Sacchi Dott.ssa M. Marcarini Prof.ssa M.A. Zanetti LABORATORI DI DIDATTICA ORIENTATIVA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Brain and Behavioral Sciences

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Mi presento Mi chiamo Lisa Cappellazzo, ho 35 anni e son un insegnante

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Conosciamoci giocando

Conosciamoci giocando Primi incontri GIANNI FRIGERIO Conosciamoci giocando Alla ripresa del catechismo il primo obiettivo è quello di favorire nei ragazzi la reciproca conoscenza e di aiutarli a fare gruppo. Vi presentiamo

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

altrettante volte invece, si rifugiano in comportamenti che appartengono ad dal desiderio di conoscere.

altrettante volte invece, si rifugiano in comportamenti che appartengono ad dal desiderio di conoscere. ICONOSCE PERSONAGGI ED AMBIENTI LE CONOSCENZE SARANNO VERIFICATE ATTRAVERSO LE SEGUENTI ATTIVITA 1. CONOSCENZE PREGRESSE:CHI E PETER PAN? Perché 2. DISEGNO narrare DEI PERSONAGGI: la fiaba di PETER Peter

Dettagli

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Matteo 5:6 Beati quelli che sono affamati e assetati di giustizia, perché saranno saziati. Giovanni 10:27 Le mie pecore ascoltano

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C. Gozzi-Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Insegnanti: Tanja Lo Schiavo Andrea Musso Silvia Trotta 1 Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE

Dettagli

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori S C U O L A S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O Il mio Portfolio per l apprendimento dello spagnolo Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori Che

Dettagli

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio X Forum Internazionale dei Giovani - Rocca di Papa (Roma), 24-28 marzo 2010 Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio Fabian Lair, Austria PREMESSA Viviamo in un mondo in cui tutto

Dettagli

Nido Integrato Pesciolino Rosso

Nido Integrato Pesciolino Rosso Trivignano - Venezia Via Chiesa 18/C 30174 Tel. Fax 041-909271 - Scuola Paritaria - sito internet: WWW.REGINAPACE.IT Scuola dell Infanzia REGINA DELLA PACE Nido Integrato PESCIOLINO ROSSO PROGETTO EDUCATIVO

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SS. TRINITA

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SS. TRINITA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SS. TRINITA Anno scolastico 2012-2013 Presentazione Si riparte! L inizio di un nuovo anno scolastico è un momento impegnativo per i bambini e per i genitori che iniziano

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Direzione e uffici: Via Mazenta, 51 20013 Magenta (Mi) codice fiscale n. 93035720155 e-mail: miis09100v@istruzione.it Posta Elettronica Certificata miis09100v@pec.istruzione.it

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI INGLESE CON LADY BUTTERFLY

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI INGLESE CON LADY BUTTERFLY SCUOLA DELL'INFANZIA AD ONORE DEGLI EROI UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO DI INGLESE Bambini di 5/6 anni CON LADY BUTTERFLY ANNO SCOLASTICO 2011-12 UNITA DI APPRENDIMENTO: LABORATORIO D INGLESE CON LADY

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Scienze Livello: A2 Gruppo 3 Autori: Belfi Antonella, Bolzan Luana, Papi Michela Prerequisiti: comprensione linguistica livello A2 per alunni

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

INTRODUZIONE. La ragazza

INTRODUZIONE. La ragazza 5 INTRODUZIONE La ragazza Il braccio era vicino al telefono. Forse la ragazza aveva cercato di chiamare qualcuno, ma poi non aveva avuto il tempo di farlo. I lunghi capelli neri scendevano sul viso e coprivano

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

Circolo Didattico Agrate Brianza Anno scolastico 2008-2009

Circolo Didattico Agrate Brianza Anno scolastico 2008-2009 Circolo Didattico Agrate Brianza Anno scolastico 2008-2009 Progetto realizzato in collaborazione tra: Sezione Azzurri scuola dell Infanzia Via Garibaldi Classe 1B scuola Primaria Omate Classe 1C scuola

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli