AIR EXTREME Venezia Lido ORDINE DI MANIFESTAZIONE. Tempi: tutti i tempi sono in ora locale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AIR EXTREME 2010. Venezia Lido ORDINE DI MANIFESTAZIONE. Tempi: tutti i tempi sono in ora locale"

Transcript

1 MANIFESTAZIONE AEREA AIR EXTREME 2010 Quando l energia prende il volo Venezia Lido 24, 25 e 26 settembre 2010 ORDINE DI MANIFESTAZIONE Tempi: tutti i tempi sono in ora locale Redatto dal Col Pil (ris) Alberto Moretti Coordinatore generale manifestazione: E.MAIL Tel /fax: Cell

2 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI 1) GENERALITA 2) INFORMAZIONI GENERALI SULLA MANIFESTAZIONE a. Località b. Area di manifestazione c. Lista partecipanti d. varie 3) LAYOUT DI MANIFESTAZIONE a. Area di manifestazione e display line b. Aree riservate agli spettatori 4) AREA OPERATIVA E DI SOCCORSO/EMERGENZA 5) INFORMAZIONI OPERATIVE 6) BRIEFINGS 7) PUNTI DI CONTATTO 8) FOGLIO RISPOSTA ALLEGATI: Allegato A : Layout area di manifestazione Allegato B : Procedure per i piloti per arrivare e partire dal Nicelli Allegato C : Disposizioni per i piloti dimostratori delle ditte espositrici Allegato D : Reply sheet da compilare, firmare e ritornare

3 Riferimenti: 1. legge 340 del Riordinamento dell AeCI 2. Circolare ENAC- OPV ISV 13 ed 2001 Misure di sicurezza del volo nelle manifestazioni aeree, sorvoli e mostre statiche 4. Stanag 3533 Safety rules for flying and static displays 5. Guida alle manifestazioni edita dall AeCI 11 Aprile Norme di Pubblica sicurezza per le manifestazioni aeree aperte al pubblico 7. Pubblicazione aeronautica AIP ITALIA

4 1. GENERALITA. Sull aeroporto Nicelli di Venezia i giorni 24, 25 e 26 settembre 2010 si terrà il Salone del volo Festival dell Aria all interno del quale è inserita la manifestazione aerea AIR EXTREME quando l energia prende il volo E prevista la partecipazione di piloti solisti e piloti dimostratori delle ditte partecipanti al Salone. L ente organizzatore della manifestazione aerea è l aeroclub Friulano che ha affidato al Col Pil (Ris) Alberto Moretti il compito di coordinare le attività di tutti coloro che partecipano all evento. Lo scopo di questo documento è quello di fornire ai partecipanti alla manifestazione aerea, Display Team, Display Pilot e i Piloti dimostratori incaricati dalle ditte espositrici, tutte le informazioni necessarie per pianificare il loro intervento nel rispetto delle regole di sicurezza avendo ben chiare le procedure, le limitazioni e le modalità per il coordinamento, controllo e comunicazioni. 2. INFORMAZIONI GENERALI SULLA MANIFESTAZIONE. Località: Aeroporto Nicelli di Venezia Lido Area di manifestazione. L attività di volo si svolgerà interamente sul cielo campo e riguarderà aeromobili a basse prestazioni, con esibizioni concentrate in aree ristrette a ridosso del centro (All A ). Spazio aereo coperto da NOTAM (richiesto, in attesa di emissione) L attività di volo si svolgerà sull aeroporto Nicelli di Venezia Lido. a. LIMITI LATERALI: semicerchio di 2 NM di raggio lato mare dal centro dell aeroporto coordinate: N E b. LIMITI VERTICALI: da superficie fino a 2000 ft MSL. c. DATE E ORARI: i giorni settembre 2010 dalle 09:00 alle 20:00. Partecipanti L aeroclub di Milano Bresso in collaborazione con Prima Aviation terrà nell ambito della manifestazione aerea la GARA DI ACROBAZIA AEREA A MOTORE CATEGORIA AIR EXTREME TROFEO CITTA DI MILANO" MEMORIAL BRUNO DE MICO La lista dei piloti (provvisoria) partecipanti alla gara è la seguente:

5 1) FRANK VERSTEEGH 2) SERGIO DALLAN 3) GUIDO RACIOPPOLI 4) RUDI NATALE 5) LUCA SALVADORI 6) FRANCESCO FORNABAIO 7) VITTORIO PRIMULTINI Oltre ai citati Piloti si esibiranno alcuni Teams da definire e tutti i Piloti dimostratori segnalati dalle ditte espositrici presenti al salone. Il tempo totale della manifestazione aerea sarà contenuto in tre ore, dalle ore 14 alle ore 17. Il programma di volo definitivo con i dettagli sarà compilato e comunicato in seguito e nel corso del briefing agli equipaggi. Varie. Sarà allestita, in aeroporto in prossimità dello Show Center, un "Centro operativo" dal quale, con opportune predisposizioni, opereranno i responsabili dell'organizzazione. 3. LAYOUT DELLA MANIFESTAZIONE. a. Area di manifestazione e Display line Una dettagliata mappa dell area di manifestazione e degli allestimenti da posizionare è riportata in allegato A. I riferimenti minimi per i velivoli a basse prestazioni necessari per il volo acrobatico sono: Display line la display line sarà posta alla distanza di m. 150 mt parallela alla pista e alla linea degli spettatori. Gli aeromobili partecipanti, dopo il decollo, dovranno volare senza oltrepassare la verticale della display line, che sarà segnalata con pannelli colorati, mantenendosi lato mare per evitare il sorvolo del pubblico in aeroporto. b. Aree riservate agli spettatori. Le aree riservate agli spettatori sono all interno dell aeroporto, delimitate da transenne. Saranno predisposti controlli di vigilanza dei volontari della protezione civile del Comune per evitare che gli spettatori oltrepassino le aree a loro destinate.

6 4. AREA OPERATIVA E DI SOCCORSO/EMERGENZA L attività di volo sarà gestita dal coordinatore generale di manifestazione e dal Direttore di manifestazione incaricato dall AeCI, che si avvarranno di alcuni collaboratori quali: - Controllore di Volo per i coordinamenti con VEN TWR - Speaker - Personale di collegamento con i partecipanti. Il centro operativo sarà equipaggiato con sistemi di comunicazioni in modo da realizzare i contatti diretti con: - Piloti partecipanti; - i velivoli in esibizione; - le unità del soccorso 118; - le unità della vigilanza. 5. INFORMAZIONI OPERATIVE a) Aeroporti di rischieramento Nicelli. Tutti i Piloti partecipanti dovranno prendere visione delle informazioni operative allegate B e C al presente documento ed inserite sul sito ufficiale b) Arrivi e partenze: Ai piloti in gara e ai team si suggerisce di giungere in aeroporto la mattina di sabato 26 settembre e ripartire la domenica 27 settembre al termine manifestazione. Ai velivoli ditta in base alle esigenze aziendali. Nel foglio risposta comunicare le esigenze c) Frequenze radio e nominativi radio per esibizione. Il controllo del traffico in area di manifestazione, a terra ed in volo, avverrà su unica frequenza, la e avrà il nominativo radio di "Venezia biga". Nominativo radio per esibizione: solo per i voli effettuati nell ambito della manifestazione aerea ed in contatto con Venezia biga i solisti useranno come nominativo radio di display il tipo di aereo, i Team il nome del team.

7 es: VENEZIA BIGA DA EXTRA 300 PROVA RADIO, oppure VENEZIA BIGA TEAM AUDACE IN ATTESA oppure VENEZIA BIGA TECNAM PRONTO AL RULLAGGIO etc d) Procedure per inizio display. Mettere in moto a discrezione e contattare venezia biga per portarsi al punto attesa da raggiungere 5 minuti prima dell orario schedulato di intervento. Limitare al massimo le comunicazioni per non intasare la frequenza e per non disturbare inutilmente il pilota che si sta esibendo. e) Coordinamento I contatti con i partecipanti avverranno via telefono e e.mail nelle giornate precedenti la manifestazione. Il giorno di manifestazione le persone chiavi in zona operativa sono raggiungibili presso il centro operativo o telefonicamente ai numeri che saranno rilasciati nel corso dei briefings.. f) Procedure in caso di emergenza. Situazioni di emergenza durante il display devono essere riportate al controllore tempestivamente. f) Divieti e Limitazioni locali di volo. - divieto di sorvolare le aree degli spettatori - divieto di spegnere i motori - divieto di effettuare manovre acrobatiche al di fuori della display area coperta dal NOTAM - divieto di compiere manovre che possono mettere in pericolo la vita degli spettatori in caso di avaria o incidente - evitare di sorvolare a bassa quota aree urbane e scendere alle quote di esibizioni solo quando si raggiunge il sedime aeroportuale - Quota minima 330 ft in manovra, 100ft in volo livellato (ENAC). - Attenersi alle disposizioni date dal controllore di manifestazione - Circuiti e manovre di uscita e rientro tutte lato mare, all interno dell area coperta dal NOTAM - Minime meteo come da Circolare ENAC

8 - A bordo dei velivoli devono imbarcarsi solo i display Pilots. I nominativi vanno comunicati al coordinatore della Manifestazione. NOTA: l organizzazione della Manifestazione può imporre a sua discrezione delle regole più restrittive in caso di necessità h) Logistica Il soddisfacimento delle necessità tecniche e logistiche per lo svolgimento delle operazioni vanno rappresentate all organizzazione con il foglio risposta allegato D. 6. BRIEFING(s). Il direttore di manifestazione informerà tutti i partecipanti circa la località la data e l orario per il briefing generale di manifestazione che può avvenire anche a sessioni separate, in base alle esigenze dell organizzazione e dei partecipanti. Ad ogni buon conto tutti dovranno ricevere il briefing di manifestazione In tale sede saranno particolarmente curati i seguenti argomenti: 1) Programma di volo 2) Dettagli sulla zona di traffico aereo della Manifestazione; 3) Posizione dell'asse o degli assi della Manifestazione con dettagli sulle direttrici di Avvicinamento e Allontanamento; 4) Ubicazione e prospetto delle zone riservate agli Spettatori; 5) Dettagli sulle zone di Attesa; 6) Dettagli sulle Aree Riservate o Vietate; 7) Dettagli sugli ostacoli; 8) Procedure in caso di Emergenza; 9) Posizione degli aeroporti alternati; 10) La lingua usata dal controllo del traffico è Italiano / Inglese; 11) Frequenze e nominativi radio; 12) Restrizioni; 13) Distanze minime; 14) Minime meteorologiche; 15) Procedure e sequenze proposte delle attività di volo. 16) Varie

9 8. PUNTI DI CONTATTO. I partecipanti alla manifestazione aerea dovranno riferirsi al coordinatore della Manifestazione Col.Pil.(ris) Alberto Moretti: Tel Fax cel e.mail: 9. FOGLIO RISPOSTA In allegato D è riportato un questionario che deve essere compilato dal pilota responsabile del display e inviato firmato al Coordinatore della manifestazione. il coordinatore generale della Manifestazione Alberto Moretti ALLEGATI: - All. A Layout area manifestazione con riferimenti per piloti - All. B Disposizioni per i piloti per arrivare e partire dal Nicelli - All. C Disposizioni per i piloti dimostratori delle ditte espositrici - All. D Reply sheet da restituire asap al direttore di manifestazione.

10 LAYOUT AREA MANIFESTAZIONE ALLEGATO A

11 Allegato B DISPOSIZIONI PER TUTTI I PILOTI PARTECIPANTI AL Salone del Volo Festival dell Aria L organizzazione del Salone del Volo tiene in altissima considerazione la Sicurezza del Volo e per questo ha incaricato esperti aeronautici di porre in essere tutte le misure per garantire uno svolgimento regolare di tutte le varie attività aeronautiche che si svolgeranno sul Nicelli nelle giornate di manifestazione. Un aspetto molto seguito è quello di garantire dei flussi regolari ed omogenei di aerei in arrivo ed in partenza al fine di evitare incontrollati ammassamenti di aerei, nel circuito e sull aeroporto, in fasce orarie particolari. Per questo l organizzazione si fa carico di un complesso lavoro di coordinamento con tutti i Piloti partecipanti che ha già dato buoni risultati nella precedente edizione dello scorso anno. Si richiede a tutti la massima collaborazione e comprensione per il rispetto scrupoloso di procedure e norme che hanno un unico fine: GARANTIRE LA SICUREZZA DI TUTTI Tutti i partecipanti autorizzati da Expovenice sono pregati di attenersi scrupolosamente alle slot assegnate e comunicate per telefono o via e.mail. Eventuali variazioni vanno concordate con la direzione della manifestazione contattando: Daniela Moretti Cell Tel Fax e.mail ARRIVO Gli arrivi possono avvenire a partire dal 24 mattina, dalle ore 10:00 e per tutta la durata del Salone del volo. Eventuali esigenze degli aeromobili ditte espositrici debbono essere rappresentate all organizzazione. AVIAZIONE GENERALE Gli aeromobili dell aviazione generale seguiranno le rotte VFR previste riportando a Venezia TWR sulla frequenza in uso i punti di ingresso fondamentali che sono: - Punta Malamocco per chi proviene da Ovest - Ovest Jesolo punta Sabbioni per chi proviene da Est Da questi punti di riporto a 1500 ft la TWR fornirà istruzioni per la successiva fase di atterraggio. VDS PUNTI DI RIPORTO: MALAMOCCO E OVEST JESOLO o A secondo della provenienza (da Est o da Ovest) presentarsi su questi punti di riporto a 500 ft in orario per essere all atterraggio nella fascia oraria autorizzata.

12 o Effettuare la chiamata radio a VENEZIA BIGA sulla frequenza ROTTA MALAMOCCO OVEST JESOLO - ATTERRAGGIO o Lasciati i punti di riporto proseguire sulla rotta Malamocco Ovest Jesolo fino al traverso dell aeroporto. Si consiglia di mantenere sul percorso una velocità di 140/150 Km/ora in modo da mantenere costante la separazione dal traffico che precede/segue. La quota suggerita è 500 ft. o Quando in vista dell aeroporto virare inbound chiamando Venezia Biga e portarsi direttamente in base destra se pista 05, o base sinistra se pista 23. Atterrare da lungo finale. Eventuali riattacate vanno fatte verso il mare aperto (a destra per pista 05 a sin per pista 23). o Chiamare in finale per l atterraggio. VEDI PERCORSI IN ALLEGATO A. PARTENZA Si consiglia a tutti i Piloti di confermare/coordinare le slot per le partenze subito dopo l arrivo con l addetto alla gestione del traffico presso il centro operativo che informerà la locale TWR per quanto riguarda il traffico aviazione generale. AVIAZIONE GENERALE Gli aeromobili dell aviazione generale seguiranno le normali procedure previste per l aeroporto. Compilare il piano di volo (se non ELT a bordo) presso il centro operativo. VDS - Dopo la messa in moto effettuare un check radio sulla frequenza di VENEZIA BIGA e iniziare il rullaggio fino al punto attesa della pista in uso attenendosi alle indicazioni del personale di servizio. - Entrare in pista se autorizzati dalla Biga o da una persona dell organizzazione dedicata che sarà operativa nei pressi dell area di decollo ed in contatto con la Biga tramite W/T. - Limitare al minimo i tempi per le operazioni di allineamento e decollo e liberare il circuito appena possibile. - Per uscire dall area mantenere 500ft e virare verso il mare aperto per raggiungere la rotta prestabilita: MALAMOCCO OVEST JESOLO. Quindi virare per la destinazione: sinistra (Jesolo Lido) chi si dirige ad Est, destra (Malamocco) chi dirige a Ovest. NOTE IMPORTANTI PER TUTTI: - Se la sosta al Nicelli è prolungata si suggerisce di portare al seguito il materiale per l ancoraggio a terra del velivolo. - dopo l atterraggio liberare la pista immediatamente, lato torre di controllo, a sinistra per atterraggio 05 e a destra per atterraggio pista 23, per proseguire il rullaggio secondo le indicazioni. - Limitare al minimo indispensabile le chiamate radio e le comunicazioni tra aerei (voli in formazione). - Il personale di servizio nelle aree di movimento fornirà assistenza per il parcheggio. Nella giornata di venerdì 24 settembre dalle ore 15 alle ore 17

13 si svolgeranno i voli dimostrativi dei velivoli delle ditte partecipanti. Nelle giornate di sabato 25 e domenica 26 settembre dalle ore 14 alle ore 17 si svolgerà una manifestazione aerea con esibizione di aerei acrobatici e dimostrazioni aerei ditte partecipanti. Nelle giornate e fasce orarie succitate non saranno consentiti atterraggi e decolli. Il traffico operante sarà solo quello dei display pilot iscritti nel programma e autorizzati dal direttore di manifestazione.

14 Allegato A Annesso A

15 DISPOSIZIONI PER TUTTI I PILOTI DIMOSTRATORI ESPOSITORI Salone del Volo Festival dell Aria Allegato C Per la dimostrazione degli aeromobili delle ditte in presenza di pubblico ci si deve riferire alle norme previste dalle Autorità aeronautiche in merito. In particolare va applicata la circolare ENAC OPV 19 sulle manifestazioni aeree. Per questo i voli dimostrativi sono inseriti nel programma di manifestazione che si svolgerà nelle tre giornate del Salone del Volo. In generale per Arrivo Permanenza E partenza attenersi alle procedure stabilite per tutti i Piloti partecipanti al Salone del Volo poste sul sito e alle disposizioni piloti dell allegato B. Esigenze di arrivo e partenze in giornate ed orari differenti da quelle previste sono possibili ma vanno segnalate all organizzazione per tempo che provvederà a coordinare con gli Enti Aeronautici preposti. La linea dei parcheggi degli aeromobili delle aziende è stata predisposta vicino al settore del pubblico in modo da consentirne la massima visibilità. Per coloro che ne hanno fatto richiesta sarà possibile effettuare dimostrazioni di volo in una o più giornate di manifestazione nelle fasce orarie dedicate che sono: - Venerdì 24 settembre dalle 15 alle 17 - Sabato 25 e domenica 26 settembre dalle 14 alle 17. I voli dimostrativi saranno inseriti all interno della manifestazione aerea in programma nelle due giornate. L organizzazione tiene in altissima considerazione la soddisfazione delle ditte partecipanti e per questo sarà predisposto un dettagliato programma sulla base delle esigenze e richieste dei display pilot. Si suggerisce di: - prendere contatto al più presto con l organizzazione per la definizione di un programma di dettaglio compilare ed inviare quanto prima l allegato foglio risposta.

16 Allegato D FOGLIO RISPOSTA : VENEZIA AIR EXTREME NOTA : Se ritenuto opportuno questo documento può essere integrato a discrezione dai partecipanti, nelle parti ritenute insufficienti. COMPLETARE, FIRMARE E RITORNARE CON URGENZA AL COORDINATORE GENERALE MANIFESTAZIONE: ALBERTO MORETTI OVERALL SCHEDULE Data e orario arrivo previsto: Data e orario previsto partenza: alloggio (se richiesto) GENERALITA 1. Tipo e marca di aeromobile 2. Punto di contatto (nome-cognome): 3. indirizzo: Telefono / Fax No, cellulare DETTAGLI AEROMOBILE 6. Nominativo radio per voli trasferimento 7. N. di aerei 8. aeromobile provvisto di radio VHF UHF 9. dotato di trasponder Yes / No SUPPORTO TECNICO LOGISTICO La risoluzione delle problematiche tecniche è a cura dei singoli Piloti e Team partecipanti L organizzazione del Salone del volo è a disposizione per fornire il proprio supporto e contributo per la risoluzione di problematiche tecniche. Richiesta carburante solo AVGAS. Benzina verde in base non disponibile - quantità altre esigenze tecniche:

17 FLYING DISPLAY Il nominativo di Display sarà quello riportato sul programma di volo - tempo di display: (bel tempo e brutto tempo) : - ceiling necessario INFORMAZIONI PER LO SPEAKER: Se non disponete di uno speaker ufficiale provvedete a fornire elementi informativi che saranno trasmessi allo speaker ufficiale. Dichiarazione del display pilot. Per i piloti dimostratori ditta la dichiarazione va firmata dalla persona responsabile della societa (Amministratore unico, Presidente) Il sottoscritto (nome e cognome) in qualità di: (scegliere una delle seguenti opzioni) Display Pilot dell aeromobile (tipo e marca) oppure Leader del Team xxxxx; oppure Amministraore unico/presidente della Società wwwww proprietaria degli aeromobili xxxxxx del Team wwww DICHIARA CHE l aeromobile/gli aeromobili è/sono: idoneo/i al volo; l aeromobile/gli aeromobili è/sono: assicurato/i contro il rischio volo in manifestazione in caso di incidente per un massimale a velivolo di: non saranno apportate modifiche all aeromobile che ne modifichino l idoneità al volo è/ogni Pilota è: a conoscenza dei limiti dell aeromobile e del suo inviluppo di manovra Le manovre del programma di volo sono all interno dei limiti operativi dell aeromobile è/tutti I Piloti sono: aggiornati e addestrati sulla macchina in uso; I Capi Formazione / Capi Equipaggio sono : stati sensibilizzati a rispettare le procedure e le eventuali limitazioni imposte dal Direttore nel corso dei briefing Rappresento infine che ho preso visione della: - Circolare ENAC-OPV 19 di Febbraio 2006 e - Guida alle manifestazioni edita dall AeCI 11 Aprile 2008 e che i criteri, i limiti e le procedure in esse contenute sono completamente rispettati dallo scrivente e dai Piloti del Team. firma leggibile località e data:

FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014

FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014 FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014 enav.it Web conference 02/12/2014 Documenti fonte REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 923/2012 DELLA COMMISSIONE del 26 settembre 2012 + determinazioni ENAC ad esito

Dettagli

Il controllo del traffico Aereo

Il controllo del traffico Aereo Il controllo del traffico Aereo Dispensa a cura di Giulio Di Pinto (MED107) Rev. 03 - Mar/11 1 Il controllo del traffico aereo (ATC - Air Traffic Control) è quell'insieme di regole ed organismi che contribuiscono

Dettagli

Emergenze e Contingency

Emergenze e Contingency Capitolo 23 Emergenze e Contingency Elab. F. Mancinelli CAPITOLO 23 PROCEDURE DI EMERGENZA 1.1 GENERALITÀ Il termine emergenza evoca l idea di un evento disastroso, e può far pensare alla probabilità che

Dettagli

Nuovi Spazi Aerei del Nord - Est

Nuovi Spazi Aerei del Nord - Est Nuovi Spazi Aerei del Nord - Est RIFERIMENTI AIRAC - AIP/ENR 6.3 AMDT 12/13 28 NOV Data di entrata in vigore 9 Gennaio 2014 NUOVI SPAZI AREI del NORD - EST Come sono dal 09.01.2014 e sperimentali per sei

Dettagli

DITRA Dipartimento di Ingegneria dei Trasporti Dispense del corso di Trasporti Aerei del Prof. L. La Franca - a.a. 2006/2007 ASSISTENZA AL VOLO

DITRA Dipartimento di Ingegneria dei Trasporti Dispense del corso di Trasporti Aerei del Prof. L. La Franca - a.a. 2006/2007 ASSISTENZA AL VOLO Sommario Servizi di assistenza al volo traffico aereo GAT e OAT...2 Suddivisione e tipologie degli spazi aerei...6 La suddivisione operativa degli spazi aerei...10 La separazione fra gli aeromobili...12

Dettagli

MAI PIÙ PAURA DI VOLARE COME VINCERE PER SEMPRE LA FOBIA DELL AEREO. Autore: Luca Evangelisti

MAI PIÙ PAURA DI VOLARE COME VINCERE PER SEMPRE LA FOBIA DELL AEREO. Autore: Luca Evangelisti MAI PIÙ PAURA DI VOLARE COME VINCERE PER SEMPRE LA FOBIA DELL AEREO Autore: Luca Evangelisti Copyright 2008 Kowalski Apogeo s.r.l. Socio Unico Giangiacomo Feltrinelli Editore s.r.l. Via Natale Battaglia

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Convenzione Chicago 1944 relativa all aviazione civile internazionale 2

Convenzione Chicago 1944 relativa all aviazione civile internazionale 2 Traduzione Convenzione Chicago 1944 relativa all aviazione civile internazionale 2 Conchiusa a Chicago il 7 dicembre 1944 Preambolo Considerato che lo sviluppo della navigazione aerea civile internazionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

SERVIZI DI SORVEGLIANZA ATS

SERVIZI DI SORVEGLIANZA ATS Capitolo 25 SERVIZI DI SORVEGLIANZA ATS Elab. L. Zattoni G. Bo INDICE 1 Introduzione al sistema di sorveglianza ATS 1.1 Premessa 1.2 Note storiche 1.3 Sistemi di sorveglianza impiegati in campo ATC 1.3.1

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

ESPOSIZIONE AGLI AGENTI FISICI

ESPOSIZIONE AGLI AGENTI FISICI CAPITOLO 6 ESPOSIZIONE AGLI AGENTI FISICI Introduzione Per agenti fisici si intendono quei fattori che determinano le immissioni di energia in ambiente, potenzialmente dannose per la salute umana e per

Dettagli

L Astrofisica su Mediterranea

L Astrofisica su Mediterranea Is tuto Nazionale di Astrofisica Consorzio Interuniversitario per la Fisica Spaziale Proge o Mediterranea L Astrofisica su Mediterranea L Astrofisica su Mediterranea è un progetto d introduzione all Astrofisica

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 GRAND SOLEIL CUP CALA GALERA 2015 Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 Il Circolo Nautico e della Vela Argentario, in collaborazione con il Marina Cala Galera, il Cantiere del Pardo,

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

MODELLO DI REGOLAZIONE DEI DIRITTI AEROPORTUALI PER AEROPORTI CON TRAFFICO INFERIORE AI 3 MILIONI DI PASSEGGERI / ANNO

MODELLO DI REGOLAZIONE DEI DIRITTI AEROPORTUALI PER AEROPORTI CON TRAFFICO INFERIORE AI 3 MILIONI DI PASSEGGERI / ANNO MODELLO 3 MODELLO DI REGOLAZIONE DEI DIRITTI AEROPORTUALI PER AEROPORTI CON TRAFFICO INFERIORE AI 3 MILIONI DI PASSEGGERI / ANNO Allegato 3 alla Delibera 64/2014 1 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 4 2. DEFINIZIONI...

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

ORGANIZZA Corsa podistica non competitiva su strada di km. 6.

ORGANIZZA Corsa podistica non competitiva su strada di km. 6. ASSOCIAZIONE MEZZAMARATONA DEL GIUDICATO DI ORISTANO REGOLAMENTO CORSA PODISTICA NON COMPETITIVA SU STRADA L Associazione MEZZAMARATONA DEL GIUDICATO DI ORISTANO, con il patrocinio del Comune e della Provincia

Dettagli

LE LIBERTÀ DELL ARIA

LE LIBERTÀ DELL ARIA DOC TRA 04 LE LIBERTÀ DELL ARIA Il forte sviluppo del mezzo aereo per il trasporto di persone e merci aveva, già prima della 2^ Guerra Mondiale, evidenziato una serie di problemi tecnici e politici relativamente

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE.

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. Casi pratici sulla corretta registrazione delle operazioni attinenti la gestione collettiva del risparmio

Dettagli

Quando il paracadute può uccidere anziché salvare

Quando il paracadute può uccidere anziché salvare 118 swissfire.ch 12 2013 Tecnica 115 Il paracadute balistico: un pericolo sconosciuto dai soccorritori Quando il paracadute può uccidere anziché salvare Il paracadute è concepito per salvare delle vite.

Dettagli

Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche. ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico

Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche. ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico prof. Gianluca Venturi Indice generale Richiami delle leggi principali...2 La prima

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA mod. DICH. POSA OPERA-2004 pag. 1 Rif. Pratica VV.F. n. DICHIARAZIONE DI CORRETTA POSA IN OPERA DEI MATERIALI CLASSIFICATI AI FINI DELLA REAZIONE AL FUOCO (COMPRESI I PRODOTTI VERNICIANTI IGNIFUGHI), DELLE

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE REGOLAMENTO 2015 ART. 1. IL CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE 2015 A CARATTERE INTERNAZIONALE SI SVOLGERA ATTRAVERSO VARIE TAPPE IN TUTTA ITALIA DA AGOSTO A NOVEMBRE. LE TAPPE

Dettagli

Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE

Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE 1 INDICE INDICE...2 1. Date degli eventi... 2 2. Percorso... 3 3. L area dei Paddock... 4 4. Organizzazione... 5 5. Regolamento 12H Cycling Marathon... 6 Safety

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 10 luglio 2002 (Pubblicato sulla GU n. 226 del 26-9-2002- Suppl. Straordinario) Disciplinare tecnico relativo agli schemi segnaletici, differenziati

Dettagli

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar:

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Doppio radar Doppia scala Controlli Radar 4G -Separazione - obiettivi -- Eliminazione

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO PREMESSA LA LEGGE QUADRO N. 447 DEL 26/10/95 I DUE DECRETI APPLICATIVI PIU IMPORTANTI GLI ALTRI DECRETI SANZIONI E CONTROLLI IL CODICE CIVILE E IL CODICE

Dettagli

Verifica dei Risultati 2012

Verifica dei Risultati 2012 CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE CASTELLARANO Verifica dei Risultati 2012 e Piano Annuale Attività 2013 Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Castellarano Via Roma N. 58 42014 CASTELLARANO (RE) Partita

Dettagli

AIUT ALPIN DOLOMITES

AIUT ALPIN DOLOMITES AIUT ALPIN DOLOMITES Base Provinciale Elisoccorso Malga Sanon (mt. 1856 s.l.m.) Alpe di Siusi ( Bolzano ) Dr. Michele Nardin Responsabile sanitario AAD Raffael Kostner Responsabile tecnico AAD Premessa:

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

Documentazione per la formazione

Documentazione per la formazione La mia formazione professionale di base come assistente di farmacia Documentazione per la formazione Versione luglio 2007 Nome/cognome Farmacia Inizio della formazione professionale Fine della formazione

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM Ubicazione dell edificio sede del COM: Comune di : RIMINI Località : Padulli Indirizzo : Via Marecchiese n.193/195 Dati Generali Stralcio C.T.R.: 256113 Coordinate (lat. long.):

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ A) ASPETTI GENERALI SU CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD na Carta di Credito TOP senza uguali sul mercato. Per gli Associati che non vorranno o non potranno avere

Dettagli

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 Il Campionato di Borsa con Denaro Reale, organizzato in collaborazione con Directa Sim, Binck Bank, Finanza on Line Brown

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

REGOLAZIONI PARAMETRI DAL MENU DI SERVIZIO

REGOLAZIONI PARAMETRI DAL MENU DI SERVIZIO REGOLAZIONI PARAMETRI DAL MENU DI SERVIZIO ATTENZIONE : le operazioni di regolazione dei parametri di funzionamento richiedono molta attenzione. L'autore di queste note non deve essere ritenuto responsabile

Dettagli

LA TUA VISITA A Expo Milano 2015: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUA VISITA A Expo Milano 2015: ISTRUZIONI PER L USO LA TUA VISITA A Expo Milano 2015: ISTRUZIONI PER L USO I BIGLIETTI SCUOLA I biglietti scuola, nella modalità biglietto singolo, hanno un costo di 10 per ogni studente e sono riservati ai gruppi scolastici

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE, L INOLTRO E LA GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI INCONVENIENTI RELATIVE ALLE VARIANTI DEL PROGRAMMA NH-90

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE, L INOLTRO E LA GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI INCONVENIENTI RELATIVE ALLE VARIANTI DEL PROGRAMMA NH-90 MINISTERO DELLA DIFESA Segretariato Generale della Difesa e Direzione Nazionale degli Armamenti Direzione degli Armamenti Aeronautici e per l Aeronavigabilità ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE, L INOLTRO

Dettagli

GUIDA ALLA GESTIONE DEI TICKET REV. 1. guida_gestione_tck_rev1.doc - 1 di 9

GUIDA ALLA GESTIONE DEI TICKET REV. 1. guida_gestione_tck_rev1.doc - 1 di 9 GUIDA ALLA GESTIONE DEI TICKET REV. 1 guida_gestione_tck_rev1.doc - 1 di 9 INTRODUZIONE Dopo aver utilizzato internamente per alcuni anni il nostro software di Ticketing, abbiamo deciso di metterlo a disposizione

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante : il regno del dragone tuonante di Paolo Castellani 12 Il Memorial Chorten a Thimphu Lo Dzong di Paro? Ma dov è? Questa è la risposta che ti puoi aspettare quando dici che andrai in Bhutan. Questo remoto

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Riforma "Specialista del commercio al dettaglio" Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al

Riforma Specialista del commercio al dettaglio Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al Specialista del commercio al Riforma "Specialista del commercio al " Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al (La designazione di persone o gruppi

Dettagli

Informazioni per gli spettatori

Informazioni per gli spettatori Informazioni per gli spettatori Fondazione Arena di Verona si riserva il diritto di apportare alla programmazione annunciata variazioni di data, orario e/o programma che si rendano necessarie. L acquisto

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE ECM Educazione Continua in MANUALE UTENTE Ver. 3.0 Pagina 1 di 40 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Informazioni relative al prodotto e al suo utilizzo... 3 2.1 Accesso al sistema... 3 3. Accreditamento

Dettagli

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione.

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione. 1. Per l entrata ed il soggiorno in campeggio è obbligatoria la registrazione di ogni singola persona. All arrivo ogni ospite è tenuto a depositare un documento d identità e controllare l esattezza delle

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

UN CORDIALE BENVENUTO DAL SUO PARTNER PER IL LEASING.

UN CORDIALE BENVENUTO DAL SUO PARTNER PER IL LEASING. UN CORDIALE BENVENUTO DAL SUO PARTNER PER IL LEASING. mini financial services CONGRATULAZIONI. Grazie mille per la fiducia riposta in MINI Financial Services e congratulazioni per l acquisto della sua

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

Misure restrittive dell'ue

Misure restrittive dell'ue SCHEDA INFORMATIVA Bruxelles, 29 aprile 2014 Misure restrittive dell'ue Le sanzioni sono uno degli strumenti dell'ue per promuovere gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (PESC): pace,

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014).

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014). COMUNICATO STAMPA ADRIATIC SEA FORUM: al via oggi a Dubrovnik la seconda edizione di Adriatic Sea Forum cruise, ferry, sail & yacht, evento internazionale itinerante dedicato ai settori del turismo via

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F. GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F

XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F. GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F MAGGIO 2015 VENERDÌ 1 ODERZO (TV) Piazza Grande XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F XIX Trofeo Mobilificio

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli