Nuovo regime dei minimi 2015 ex art. 9 della bozza del disegno di Legge di stabilità 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nuovo regime dei minimi 2015 ex art. 9 della bozza del disegno di Legge di stabilità 2015"

Transcript

1 scadenzario documenti visure cciaa quesiti news e rassegna stampa approfondimenti affiliazioni Nuovo regime dei minimi 2015 ex art. 9 della bozza del disegno di Legge di stabilità 2015 Foglio di calcolo excel CONFRONTO TASSAZIONE TRA, REGIME DEI MINIMI 2015 E REGIME DEI MINIMI 2014 Il documento CONFRONTO TASSAZIONE TRA, REGIME DEI MINIMI 2015 E REGIME DEI MINIMI 2014 è un foglio di calcolo Excel per stimare, in modo semplice e intuitivo, ma senza sacrificare la precisione dei risultati, il diverso trattamento fiscale previsto tra: - Regime ordinario - Regime dei minimi in vigore, fino alla scadenza dei 5 anni o al compineto dei 35 anni, per tutti i soggetti che aderiscono entro il 31 dicembre Nuovo regime dei minimi previsto dalla Legge di Stabilità 2015 (in corso di definitiva approvazione) In particolare il foglio di calcolo si rende molto utile: - per i soggetti che confluiranno automaticamente nel nuovo regime, per valutare l eventuale convenienza ad optare per il regime ordinario - per i soggetti che devono aprire a breve la partita IVA, per verificare se possa convenire farlo entro il 31 dicembre 2014, optando per il vecchio regime dei minimi Come anticipato la compilazione del foglio di calcolo è semplice ed intuitiva. pagina 1

2 PERDIO D'IMPOSTA 2015 CALCOLO CONVENIENZA PRESENTAZIONE COGNOME E NOME Prova ANNO INIZIO ATTIVITA' 2012 SETTORE ATTIVITA' Attività professionali, scientifiche, tecniche, sanitarie, di istruzione, servizi finanziari ed assicurativi ATECO ( ) ( ) (85) ( ) DETERMINAZIONE REDDITI D'IMPRESA O PROFESSIONE RICAVI / COMPENSI (euro) REGIME ORIDNARIO IVA COMPRESA NEI CORRISPETTIVI E "INCAMERATA" DAL CONTRIBUENTE (dati comuni ai due regimi "minimi") 0 TOTALE RICAVI (REGIME CONTRIBUENTI MINIMI 2014) LIM ITE RICAVI /COM PENSI REGIM E M INIM I COSTI COMUNI AI TRE REGIMI COSTI INERENTI L'ATTIVITA' (CON IVA DETRAIBILE) COSTI INERENTI L'ATTIVITA' (CON IVA INDETRAIBILE O SENZA IVA) REDDITO DA LAVORO AUTONOMO / IMPRESA SEMPLIFICATA ALIQUOTA IVA MEDIA SUGLI ACQUISTI 22,00 IVA INDETRAIBILE CHE CONCORRE AD AUMENTARE I COSTI 440 REDD. 78 RIDUZIONE 1/3 NO REDDITO DA LAVORO AUTONOMO / IMPRESA SEMPLIFICATA (REGIME CONTRIBUENTI MINIMI) ALIQUOTA IRAP CALCOLO CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE PER REDDITI FINO A 12,00 PER REDDITI DA 0 FINO A CONTRIBUTO MINIMO OPZIONE "NON APPLICAZIONE CONTRIBUTO MINIMO INPS COMMERCIANTI/ARTIGIANI" PER ONERI PREVID. RELATIVI AL REDDITO D'IMPRESA/PROFESSIONE DERIVANTI DAL REDDITO DELL'ESERCIZIO IN CORSO ALTRI REDDITI GIORNI TEMPO DET. REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE e ASSIMILATI REDDITI DA ASSEGNI PERIODICI DI MANTENIMENTO REDDITI DA PENSIONE ALTRI REDDITI ADDIZIONALI ALL'IRPEF ADDIZIONALE REGIONALE 1,50 ADDIZIONALE COMUNALE 0,90 ONERI DEDUCIBILI ONERI PREVIDENZIALI RELATIVI ALL'ATTIVITA' PAGATI NELL'ESERCIZIO ALTRI ONERI DEDUCIBILI DAL REDDITO DEDUZIONE ABITAZIONE PRINCIPALE FAMILIARI FIGLI 1 FIGLIO 2 FIGLIO 3 FIGLIO 4 FIGLIO 5 FIGLIO MANCANZA N. MESI DETRAZIONE DI CUI <= 3 ANNI DISABILE pagina 2

3 Riportiamo in allegato alcuni esempi di come si presentano i prospetti con i risultati. Esempio 1 Professionista che ha iniziato l'attività nel 2014, iscritto a Gestione Separata INPS con euro di compensi, euro spese con iva e euro spese senza iva. Oneri deducibili solo i contributi Gestione Separata INPS (ipoteticamente pari a quelli risultanti dal reddito prodotto). Oneri detraibili al 19 per euro. Convenienza regime ordinario in tutti i casi. Esempio 2 Professionista che ha iniziato nel 2012, iscritto a Gestione Separata INPS. Compensi per euro e spese con iva per euro. 1 figlio a carico al 50. Oneri detraibili al 19 per euro. Convenienza per il regime ordinario se confrontato con il solo nuovo regime dei minimi. Convenienza per il regime minimi 2014, se aderisce a questo regime e vuole continuare a mantenerlo. Esempio 3 Professionista con compenso e ZERO spese. Oneri deducibili contributi INPS (sempre Gestione Separata). Convenienza nuovo regime Vedi esempi riprodotti in calce. pagina 3

4 Il nuovo regime forfettario e semplificato per le piccole partite IVA L articolo 9 della bozza del disegno di Legge di stabilità 2015 approvato dal Governo prevede un nuovo regime forfetario riservato alle persone fisiche (imprese individuali e lavoratori autonomi), che sostituisce, a decorrere dal 2015, l attuale regime delle nuove iniziative ex art. 13, Legge n. 388/2000 nonché dei minimi ex art. 27, commi 1 e 2, DL n. 98/2011. Trattandosi di una norma attualmente inclusa in un disegno di legge, potrebbe subire modifiche prima dell approvazione, in fase di discussione parlamentare. E tuttavia ipotizzabile che l impianto sostanziale della norma permanga anche nella versione definitiva e riteniamo importante anticiparne l esame, poiché potrebbe rendersi necessario adottare decisioni entro il 31 dicembre 2014 (fino ad allora saranno infatti comunque i vigore i precedenti regimi semplificati). Come già anticipato, il nuovo regime forfetario è riservato alle persone fisiche (imprese individuali e lavoratori autonomi). Non è però riservato soltanto ai giovani o ai soggetti che intraprendono una nuova attività; rappresenta anzi un regime naturale, ad accesso automatico, per chi rispetta le condizioni che illustreremo (è comunque consentita l opzione per l applicazione del regime ordinario, con vincolo minimo triennale). Accedono al regime (in automatico, salvo opzione per il passaggio al regime ordinario) i soggetti che nell anno precedente: hanno conseguito ricavi, ragguagliati ad anno, non superiori a specifici limiti, differenziati in base all attività ATECO esercitata (vedi tabella riepilogativa in calce); hanno sostenuto spese non superiori a euro lordi per lavoro accessorio, dipendenti e collaboratori ex art. 50, comma 1, lett. c) e c-bis), TUIR, compensi ad associati in partecipazione e prestazioni di lavoro di familiari ex art. 60, TUIR; si sono avvalsi di beni strumentali (anche a titolo di locazione, noleggio leasing) il cui costo complessivo, al lordo degli ammortamenti, a fine anno, non è risultato superiore a 20 mila euro. Non vanno considerati i beni immobili comunque acquisiti ed utilizzati né i beni di costo unitario non superiore a 516,46 euro. Il regime è comunque precluso ai soggetti: che si avvalgono di regimi speciali ai fini IVA o di regimi forfetari ai fini della determinazione del reddito; non residenti (salvo il solo caso di soggetti residenti in uno Stato UE / aderente allo SEE qualora producano in Italia almeno il 75 del loro reddito); che, in via esclusiva o prevalente, effettuano cessioni di fabbricati o porzioni di fabbricato, di terreni edificabili ex art. 10, comma 1, n. 8, DPR n. 633/72 ovvero di mezzi di trasporto nuovi nei confronti di soggetti UE; che, contestualmente all esercizio dell attività in proprio, partecipano a società di persone, associazioni professionali o S.r.l. trasparenti. I soggetti che confluiscono al nuovo regime: sono esonerati dagli obblighi di registrazione e di tenuta delle scritture contabili: è pagina 4

5 previsto solo l obbligo di numerazione e conservazione delle fatture d acquisto delle bollette doganali, di certificazione dei corrispettivi e conservazione dei relativi documenti; sono esonerati dall applicazione dell IVA (salvo in caso di acquisti di beni intraue di importo annuo superiore a euro e di servizi ricevuti da non residenti con applicazione del reverse charge); non possono quindi esercitare il diritto alla detrazione dell IVA sulle spese sostenute, benché inerenti l attività; non sono soggetti a ritenuta alla fonte sui compensi conseguiti e non sono tenuti ad operare ritenute alla fonte; non sono soggetti agli studi di settore e/o ai parametri; sono esonerati dallo spesometro, dalla comunicazione black list e dalla comunicazione delle dichiarazioni d'intento ricevute; restano però soggetti all invio degli elenchi Intrastat. La vera novità del regime previsto dalla Legge di Stabilità 2015 rispetto ai regimi semplificati precedenti sta nel fatto che il reddito non venga determinato dalla consueta sottrazione dai ricavi dei costi inerenti, bensì applicando ai ricavi o compensi un coefficiente di redditività differenziato a seconda dell attività esercitata (codice ATECO). Dal reddito forfettariamente determinato potranno essere dedotti i contributi previdenziali versati, e l imponibile che ne deriva sarà soggetto ad un imposta sostitutiva dell IRPEF e relative addizionali e dell IRAP, pari al 15 (fisso). La tabella che segue riporta, per ciascuna attività ATECO, il limite di ricavi/compensi per accedere al regime (ricordiamo che il dato va eventualmente ragguagliato a giorni) e la percentuale da applicare per la determinazione forfettaria del reddito: Gruppo ATECO Codice attività ATECO 2007 Limite Coefficiente ricavi/compensi di redditività Industrie alimentari e delle bevande (10 11) Commercio all ingrosso e al 45 (da 46.2 a 46.9) (da 47.1 a dettaglio 47.7) Commercio ambulante e di prodotti alimentari e bevande Commercio ambulante di altri prodotti Costruzioni e attività immobiliari ( ) (68) 86 Intermediari del commercio Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione (55 56) Attività professionali, ( ) ( scientifiche, tecniche, sanitarie, ) (85) ( pagina 5

6 di istruzione, servizi finanziari ed assicurativi Altre attività economiche 88) ( ) ( ) ( ) (35) ( ) ( ) ( ) ( ) (84) ( ) ( ) (97 98) (99) Casi particolari: In caso di entrata o uscita dal regime si renderanno applicabili le disposizioni in tema di rettifica della detrazione dell IVA a credito e di eliminazione degli effetti di duplicazione dell imposizione diretta. Per i soggetti che iniziano una nuova attività, a decorrere dal 2015, è previsto che, per il periodo d imposta di inizio dell attività e i 2 successivi il reddito determinato forfettariamente sia ridotto di 1/3 a condizione che: o il contribuente non abbia esercitato, nei 3 anni precedenti, attività artistica, professionale o d impresa, anche in forma associata o familiare; o l attività da esercitare non costituisca, in nessun modo, mera prosecuzione di altra attività precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente o autonomo, escluso il caso in cui tale attività costituisca un periodo di pratica obbligatoria ai fini dell esercizio dell arte o professione; o qualora l attività sia il proseguimento di un attività esercitata da un altro soggetto, l ammontare dei ricavi o compensi del periodo d imposta precedente non sia superiore ai limiti previsti. I soggetti esercenti attività d impresa possono presentare all INPS una specifica comunicazione telematica, per aderire ad un regime agevolato ai fini contributivi con le seguenti caratteristiche: o non è previsto il livello minimo imponibile; non risultano pertanto dovuti i contributi minimi; o il versamento dei contributi va effettuato entro i termini previsti per il versamento delle somme dovute in base al modello UNICO. Per i contribuenti che entro il 31 dicembre 2014, avendone i requisiti, abbiano aderito al regime dei minimi, è prevista una clausola di salvaguardia che gli consentirà di continuare ad applicare il vecchio regime fino al termine del quinquennio ovvero al compimento dei 35 anni d età. pagina 6

7 PERDIO D'IMPOSTA 2015 COGNOME E NOME PINCO PALLINO ANNO INIZIO ATTIVITA' 2014 SETTORE ATTIVITA' Attività professionali, scientifiche, tecniche, sanitarie, di istruzione, servizi finanziari ed assicurativi ATECO ( ) ( ) (85) ( ) DETERMINAZIONE REDDITI D'IMPRESA O PROFESSIONE RICAVI / COMPENSI (euro) REGIME ORIDNARIO IVA COMPRESA NEI CORRISPETTIVI E "INCAMERATA" DAL CONTRIBUENTE (dati comuni ai due regimi "minimi") 0 TOTALE RICAVI (REGIME CONTRIBUENTI MINIMI 2014) LIMITE RICAVI /COMPENSI REGIME MINIMI COSTI COMUNI AI TRE REGIMI COSTI INERENTI L'ATTIVITA' (CON IVA DETRAIBILE) COSTI INERENTI L'ATTIVITA' (CON IVA INDETRAIBILE O SENZA IVA) REDDITO DA LAVORO AUTONOMO / IMPRESA SEMPLIFICATA ALIQUOTA IVA MEDIA SUGLI ACQUISTI 22,00 IVA INDETRAIBILE CHE CONCORRE AD AUMENTARE I COSTI 990 REDD. 78 RIDUZIONE 1/3 SI REDDITO DA LAVORO AUTONOMO / IMPRESA SEMPLIFICATA (REGIME CONTRIBUENTI MINIMI) ALIQUOTA IRAP CALCOLO CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE 0,00 PER REDDITI FINO A 27,72 PER REDDITI DA 0 FINO A CONTRIBUTO MINIMO OPZIONE "NON APPLICAZIONE CONTRIBUTO MINIMO INPS COMMERCIANTI/ARTIGIANI" PER ONERI PREVID. RELATIVI AL REDDITO D'IMPRESA/PROFESSIONE DERIVANTI DAL REDDITO DELL'ESERCIZIO IN CORSO ALTRI REDDITI GIORNI TEMPO DET. REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE e ASSIMILATI REDDITI DA ASSEGNI PERIODICI DI MANTENIMENTO REDDITI DA PENSIONE ALTRI REDDITI ADDIZIONALI ALL'IRPEF ADDIZIONALE REGIONALE 1,50 ADDIZIONALE COMUNALE 0,90 ONERI DEDUCIBILI ONERI PREVIDENZIALI RELATIVI ALL'ATTIVITA' PAGATI NELL'ESERCIZIO ALTRI ONERI DEDUCIBILI DAL REDDITO DEDUZIONE ABITAZIONE PRINCIPALE FAMILIARI FIGLI 1 FIGLIO 2 FIGLIO 3 FIGLIO 4 FIGLIO 5 FIGLIO MANCANZA N. MESI DETRAZIONE DI CUI <= 3 ANNI DISABILE

8 CONTRIBUENTE PINCO PALLINO CONFRONTO TASSAZIONE REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI () REGIME DI VANTAGGIO IMPRENDITORIA GIOVANILE E LAVORATORI IN MOBILITA' () PERIODO D'IMPOSTA 2015 RIEPILOGO REDDITI REDDITO IMPONIBILE DA LAVORO AUTONOMO / IMPRESA SEMPLIFICATA REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE REDDITI DA ASSEGNI PERIODICI DI MANTENIMENTO REDDITO DA PENSIONE ALTRI REDDITI CALCOLO IRPEF REDDITO COMPLESSIVO (RN1) ONERI DEDUCIBILI 1^ CASA ONERI DEDUCIBILI REDDITO IMPONIBILE IRPEF LORDA DETRAZIONI FAMILIARI DETRAZIONI PER LAVORO ALTRE DETRAZIONI D'IMPOSTA IRPEF NETTA CALCOLO ADDIZIONALI REGIONALE E COMUNALE ADDIZIONALE REGIONALE ADDIZIONALE COMUNALE TOTALE ADDIZIONALI IRAP DETERMINAZIONE IMPOSTA SOSTITUTIVA REGIME MINIMI REDDITO LORDO CONTRIBUTI PREVIDENZIALE RELATIVI ALL'ATTIVITA' REDDITO NETTO IMPONIBILE IMPOSTA SOSTITUTIVA ( ) TOTALE IMPOSTE ONERI PREVID. RELATIVI AL REDDITO D'IMPRESA/PROFESSIONE DERIVANTI DAL REDDITO DELL'ESERCIZIO IN CORSO IVA INDETRAIBILE SU ACQUISTI IVA SUI CORRISPETTIVI DIVENUTA RICAVO TOTALI PER CONFRONTO CONTRONTO TRA VERSO CONFRONTO CONVENIENZA TRA I TRE REGIMI ORDINARIO ORDINARIO

9 PERDIO D'IMPOSTA 2015 COGNOME E NOME PINCO PALLINO ANNO INIZIO ATTIVITA' 2012 SETTORE ATTIVITA' Attività professionali, scientifiche, tecniche, sanitarie, di istruzione, servizi finanziari ed assicurativi ATECO ( ) ( ) (85) ( ) DETERMINAZIONE REDDITI D'IMPRESA O PROFESSIONE RICAVI / COMPENSI (euro) IVA COMPRESA NEI CORRISPETTIVI E "INCAMERATA" DAL CONTRIBUENTE (dati comuni ai due regimi "minimi") TOTALE RICAVI (REGIME CONTRIBUENTI MINIMI 2014) LIMITE RICAVI /COMPENSI REGIME MINIMI COSTI COMUNI AI TRE REGIMI REGIME ORIDNARIO COSTI INERENTI L'ATTIVITA' (CON IVA DETRAIBILE) COSTI INERENTI L'ATTIVITA' (CON IVA INDETRAIBILE O SENZA IVA) REDDITO DA LAVORO AUTONOMO / IMPRESA SEMPLIFICATA ALIQUOTA IVA MEDIA SUGLI ACQUISTI 22,00 IVA INDETRAIBILE CHE CONCORRE AD AUMENTARE I COSTI 440 REDD. 78 RIDUZIONE 1/3 NO REDDITO DA LAVORO AUTONOMO / IMPRESA SEMPLIFICATA (REGIME CONTRIBUENTI MINIMI) ALIQUOTA IRAP CALCOLO CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE 0,00 PER REDDITI FINO A 27,72 PER REDDITI DA 0 FINO A CONTRIBUTO MINIMO OPZIONE "NON APPLICAZIONE CONTRIBUTO MINIMO INPS COMMERCIANTI/ARTIGIANI" PER ONERI PREVID. RELATIVI AL REDDITO D'IMPRESA/PROFESSIONE DERIVANTI DAL REDDITO DELL'ESERCIZIO IN CORSO ALTRI REDDITI GIORNI TEMPO DET. REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE e ASSIMILATI REDDITI DA ASSEGNI PERIODICI DI MANTENIMENTO REDDITI DA PENSIONE ALTRI REDDITI ADDIZIONALI ALL'IRPEF ADDIZIONALE REGIONALE 1,50 ADDIZIONALE COMUNALE 0,90 ONERI DEDUCIBILI ONERI PREVIDENZIALI RELATIVI ALL'ATTIVITA' PAGATI NELL'ESERCIZIO ALTRI ONERI DEDUCIBILI DAL REDDITO DEDUZIONE ABITAZIONE PRINCIPALE FAMILIARI FIGLI MANCANZA N. MESI 1 FIGLIO S N FIGLIO 3 FIGLIO 4 FIGLIO 5 FIGLIO DETRAZIONE 19 DI CUI <= 3 ANNI DISABILE

10 CONTRIBUENTE PINCO PALLINO CONFRONTO TASSAZIONE REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI () REGIME DI VANTAGGIO IMPRENDITORIA GIOVANILE E LAVORATORI IN MOBILITA' () PERIODO D'IMPOSTA 2015 RIEPILOGO REDDITI REDDITO IMPONIBILE DA LAVORO AUTONOMO / IMPRESA SEMPLIFICATA REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE REDDITI DA ASSEGNI PERIODICI DI MANTENIMENTO REDDITO DA PENSIONE ALTRI REDDITI CALCOLO IRPEF REDDITO COMPLESSIVO (RN1) ONERI DEDUCIBILI 1^ CASA ONERI DEDUCIBILI REDDITO IMPONIBILE IRPEF LORDA DETRAZIONI FAMILIARI DETRAZIONI PER LAVORO ALTRE DETRAZIONI D'IMPOSTA IRPEF NETTA CALCOLO ADDIZIONALI REGIONALE E COMUNALE ADDIZIONALE REGIONALE ADDIZIONALE COMUNALE TOTALE ADDIZIONALI IRAP DETERMINAZIONE IMPOSTA SOSTITUTIVA REGIME MINIMI REDDITO LORDO CONTRIBUTI PREVIDENZIALE RELATIVI ALL'ATTIVITA' REDDITO NETTO IMPONIBILE IMPOSTA SOSTITUTIVA ( ) TOTALE IMPOSTE ONERI PREVID. RELATIVI AL REDDITO D'IMPRESA/PROFESSIONE DERIVANTI DAL REDDITO DELL'ESERCIZIO IN CORSO IVA INDETRAIBILE SU ACQUISTI IVA SUI CORRISPETTIVI DIVENUTA RICAVO TOTALI PER CONFRONTO CONTRONTO TRA VERSO ORDINARIO CONFRONTO CONVENIENZA TRA I TRE REGIMI MINIMI 2014

11 PERDIO D'IMPOSTA 2015 COGNOME E NOME PINCO PALLINO ANNO INIZIO ATTIVITA' 2012 SETTORE ATTIVITA' Attività professionali, scientifiche, tecniche, sanitarie, di istruzione, servizi finanziari ed assicurativi ATECO ( ) ( ) (85) ( ) DETERMINAZIONE REDDITI D'IMPRESA O PROFESSIONE RICAVI / COMPENSI (euro) IVA COMPRESA NEI CORRISPETTIVI E "INCAMERATA" DAL CONTRIBUENTE (dati comuni ai due regimi "minimi") TOTALE RICAVI (REGIME CONTRIBUENTI MINIMI 2014) LIMITE RICAVI /COMPENSI REGIME MINIMI COSTI COMUNI AI TRE REGIMI REGIME ORIDNARIO COSTI INERENTI L'ATTIVITA' (CON IVA DETRAIBILE) COSTI INERENTI L'ATTIVITA' (CON IVA INDETRAIBILE O SENZA IVA) REDDITO DA LAVORO AUTONOMO / IMPRESA SEMPLIFICATA ALIQUOTA IVA MEDIA SUGLI ACQUISTI 22,00 IVA INDETRAIBILE CHE CONCORRE AD AUMENTARE I COSTI 0 REDD. 78 RIDUZIONE 1/3 NO REDDITO DA LAVORO AUTONOMO / IMPRESA SEMPLIFICATA (REGIME CONTRIBUENTI MINIMI) ALIQUOTA IRAP CALCOLO CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE 0,00 PER REDDITI FINO A 27,72 PER REDDITI DA 0 FINO A CONTRIBUTO MINIMO OPZIONE "NON APPLICAZIONE CONTRIBUTO MINIMO INPS COMMERCIANTI/ARTIGIANI" PER 0 ONERI PREVID. RELATIVI AL REDDITO D'IMPRESA/PROFESSIONE DERIVANTI DAL REDDITO DELL'ESERCIZIO IN CORSO ALTRI REDDITI GIORNI TEMPO DET. REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE e ASSIMILATI REDDITI DA ASSEGNI PERIODICI DI MANTENIMENTO REDDITI DA PENSIONE ALTRI REDDITI ADDIZIONALI ALL'IRPEF ADDIZIONALE REGIONALE 1,50 ADDIZIONALE COMUNALE 0,90 ONERI DEDUCIBILI ONERI PREVIDENZIALI RELATIVI ALL'ATTIVITA' PAGATI NELL'ESERCIZIO ALTRI ONERI DEDUCIBILI DAL REDDITO DEDUZIONE ABITAZIONE PRINCIPALE FAMILIARI FIGLI 1 FIGLIO 2 FIGLIO 3 FIGLIO 4 FIGLIO 5 FIGLIO MANCANZA N. MESI DETRAZIONE DI CUI <= 3 ANNI DISABILE 4.158

12 CONTRIBUENTE PINCO PALLINO CONFRONTO TASSAZIONE REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI () REGIME DI VANTAGGIO IMPRENDITORIA GIOVANILE E LAVORATORI IN MOBILITA' () PERIODO D'IMPOSTA 2015 RIEPILOGO REDDITI REDDITO IMPONIBILE DA LAVORO AUTONOMO / IMPRESA SEMPLIFICATA REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE REDDITI DA ASSEGNI PERIODICI DI MANTENIMENTO REDDITO DA PENSIONE ALTRI REDDITI CALCOLO IRPEF REDDITO COMPLESSIVO (RN1) 0 0 ONERI DEDUCIBILI 1^ CASA ONERI DEDUCIBILI REDDITO IMPONIBILE IRPEF LORDA DETRAZIONI FAMILIARI DETRAZIONI PER LAVORO ALTRE DETRAZIONI D'IMPOSTA IRPEF NETTA CALCOLO ADDIZIONALI REGIONALE E COMUNALE ADDIZIONALE REGIONALE ADDIZIONALE COMUNALE TOTALE ADDIZIONALI IRAP DETERMINAZIONE IMPOSTA SOSTITUTIVA REGIME MINIMI REDDITO LORDO CONTRIBUTI PREVIDENZIALE RELATIVI ALL'ATTIVITA' REDDITO NETTO IMPONIBILE IMPOSTA SOSTITUTIVA ( ) TOTALE IMPOSTE ONERI PREVID. RELATIVI AL REDDITO D'IMPRESA/PROFESSIONE DERIVANTI DAL REDDITO DELL'ESERCIZIO IN CORSO IVA INDETRAIBILE SU ACQUISTI IVA SUI CORRISPETTIVI DIVENUTA RICAVO TOTALI PER CONFRONTO CONTRONTO TRA VERSO MINIMI 2015 CONFRONTO CONVENIENZA TRA I TRE REGIMI MINIMI 2015

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI L art. 1 co. 54-89 della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi,

Dettagli

Regime fiscale agevolato per autonomi

Regime fiscale agevolato per autonomi 1 REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI Regime fiscale agevolato per autonomi L art. 1, c. 54 89, della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi, destinato agli esercenti

Dettagli

Nuovo regime forfetario 2015. in corso di approvazione. Dal 01/01/2015 vengono abrogati i seguenti regimi fiscali:

Nuovo regime forfetario 2015. in corso di approvazione. Dal 01/01/2015 vengono abrogati i seguenti regimi fiscali: Nuovo regime forfetario 2015 in corso di approvazione Premessa Come anticipato nel corso nell ultimo seminario APOS a Tabiano Bagni, sono in arrivo alcune novità fiscali. La Legge di Stabilità 2015, in

Dettagli

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni E INTRODOTTO IL REGIME FISCALE AGEVOLATO RISERVATO AI

Dettagli

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 MD/cm Monza, lì 03/03/2015 A Tutti i C l i e n t i Loro Sedi Oggetto : NUOVO REGIME FORFETTARIO PER PERSONE FISICHE Riferimenti: Legge n. 190/2014 (c.d. Legge

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Nuovo regime forfettario: calcoli di convenienza. (DDL Legge di stabilità 2015)

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Nuovo regime forfettario: calcoli di convenienza. (DDL Legge di stabilità 2015) News per i Clienti dello studio del 19 Dicembre 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Nuovo regime forfettario: calcoli di convenienza (DDL Legge di stabilità 2015) La legge di stabilità per il 2015, in materia

Dettagli

Circolari per la clientela

Circolari per la clientela Circolari per la clientela NUOVO REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI FRUIBILITÀ DELL AGEVOLAZIONE CONTRIBUTIVA 1 1 NUOVO REGIME AGEVOLATO PER GLI AUTONOMI L art. 1 co. 54-89 della L. 23.12.2014 n. 190

Dettagli

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati. Bologna, 14/04/2015. Ai Signori Clienti Loro Indirizzi -----------------------

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati. Bologna, 14/04/2015. Ai Signori Clienti Loro Indirizzi ----------------------- Dott. Paolo Simoni Dott. Grazia Marchesini Dott. Alberto Ferrari Dott. Federica Simoni Rag. Lidia Gandolfi Dott. Francesco Ferrari Dott. Enrico Ferra Dott. Agostino Mazziotti Bologna, 14/04/2015 Ai Signori

Dettagli

Vito SARACINO Dottore Commercialista Revisore Contabile

Vito SARACINO Dottore Commercialista Revisore Contabile NUOVO REGIME FORFETARIO DEI MINIMI a cura del Dott. Vito SARACINO e in Bitonto (BA) L'art. 1, commi da 54 a 89, della legge 23.12.2014, n. 190 (Legge di Stabilità 2015), ha introdotto a partire dal 2015

Dettagli

Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015

Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015 Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015 Torna il regime dei minimi per tutto il 2015 (Art. 10 comma 12 undecies DL n. 192 del 31.12.2014, convertito con legge n. 11 del 27.02.2015) Gentile cliente, con la presente

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 158 del 12 vembre 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Bozza Legge di Stabilità 2016. Regime forfettario e regimi agevolati: cosa ci aspetta nel 2016? Gentile cliente, con

Dettagli

Circolare informativa n.1/2015

Circolare informativa n.1/2015 Dott. Giuseppina Sica D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a A l b o u n i c o A V n. 6 2 7 R e v i s o r e d e i C o n t i n. 1 3 6. 6 9 2 C o n s u l e n t e T e c n i c o t r i b u n a l e A V n.

Dettagli

Attività di impresa e lavoro autonomo: i regimi fiscali adottabili nel 2016

Attività di impresa e lavoro autonomo: i regimi fiscali adottabili nel 2016 riferimento: i) ai soggetti che iniziano l attività nel 2016; ii) ai soggetti già in attività nel 2015 in relazione alle scelte per il 2016. Attività di impresa e lavoro autonomo: i regimi fiscali adottabili

Dettagli

Attività di impresa e lavoro autonomo: i regimi fiscali adottabili nel 2016

Attività di impresa e lavoro autonomo: i regimi fiscali adottabili nel 2016 Studio FAZIO ANNA (rag. Commercialista revisore contabile) Telefono: 0574 23889 Via Matilde Serao 29 - PRATO Ai gentili clienti Loro sedi Attività di impresa e lavoro autonomo: i regimi fiscali adottabili

Dettagli

Novità della Legge di Stabilità 2015: i nuovi minimi

Novità della Legge di Stabilità 2015: i nuovi minimi MAP Novità della Legge di Stabilità 2015: i nuovi minimi A cura di Piercarlo Bausola Dottore Commercialista in Torino La Legge di Stabilità per il 2015 (L. 23/12/2014, n. 190), pubblicata sulla Gazzetta

Dettagli

IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte

IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte 1 IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte IL NUOVO REGIME AGEVOLATO PER I CONTRIBUENTI DI MINORI

Dettagli

Progetto Micro-Work: fare rete per il microcredito e l occupazione. Incentivi fiscali all autoimpiego

Progetto Micro-Work: fare rete per il microcredito e l occupazione. Incentivi fiscali all autoimpiego Progetto Micro-Work: fare rete per il microcredito e l occupazione Incentivi fiscali all autoimpiego Regimi fiscali incentivanti: Regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile ed i lavoratori

Dettagli

The Hub Trentino Alto Adige

The Hub Trentino Alto Adige L AVVIO DI UN ATTIVITÀ DI IMPRESA O PROFESSIONALE Aspetti civilistici, fiscali e previdenziali Trento, lì 19 novembre 2014 1 FORME SOCIETARIE: SOCIETÀ PER AZIONI (S.P.A.) SOCIETÀ IN ACCOMANDITA PER AZIONI

Dettagli

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE CONFCOMMERCIO MILANO PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI E LE NEO IMPRESE A cura di Direzione servizi tributari dott.ssa Federica Sottotetti IMPOSTE SUI REDDITI

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Il nuovo regime forfetario: cambiano le agevolazioni per la. tassazione e la previdenza di imprese e professionisti

Il nuovo regime forfetario: cambiano le agevolazioni per la. tassazione e la previdenza di imprese e professionisti Il nuovo regime forfetario: cambiano le agevolazioni per la tassazione e la previdenza di imprese e professionisti RIFERIMENTI: Art. 1, commi da 54 a 89, l. 23 dicembre 2014, n. 190 Disposizioni per la

Dettagli

IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità

IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità A cura del Dott. Michele Avesani A partire dal 1 gennaio 2012 è entrato in vigore il regime

Dettagli

IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015

IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015 INFORMATIVA N. 073 09 MARZO 2015 IVA IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015 Art. 1, commi da 54 a 89, Finanziaria 2015 Art. 19-bis2, DPR n. 633/72 Circolare Agenzia

Dettagli

CONTRIBUENTI MININI E SUPERMINIMI

CONTRIBUENTI MININI E SUPERMINIMI FONDAZIONE DOTTORI COMMERCIALISTI SICILIA CONTRIBUENTI MININI E SUPERMINIMI Art. 27, commi 1, 2 e 3, D.L. 6 luglio 2011, n.98 Enrico Licciardello Catania 9 febbraio 2012 Dottore Commercialista AGA Hotel

Dettagli

REGIME DEI MINIMI O SUPERMINIMI

REGIME DEI MINIMI O SUPERMINIMI REGIME DEI MINIMI O SUPERMINIMI Il regime dei contribuenti minimi (dal 2012 denominato superminimi) è riservato alle persone fisiche residenti nel territorio dello Stato che svolgono attività di impresa,

Dettagli

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI Anno 2013 N. RF160 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO RIFERIMENTI CIRCOLARE DEL 12/07/2013 CONTRIBUENTI E MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI ART.

Dettagli

Le novità normative introdotte restringono notevolmente la platea dei soggetti che potranno continuare ad applicare l attuale regime dei minimi.

Le novità normative introdotte restringono notevolmente la platea dei soggetti che potranno continuare ad applicare l attuale regime dei minimi. IL REGIME DEI MINIMI CAMBIA VOLTO (DAL 2012) La c.d. Manovra correttiva ha modificato il regime dei minimi che dal 2012 risulterà applicabile, al sussistere di specifiche condizioni, esclusivamente dalle

Dettagli

Seminario di approfondimento fiscale Guida ed Accompagnatore Turistico

Seminario di approfondimento fiscale Guida ed Accompagnatore Turistico Seminario di approfondimento fiscale Guida ed Accompagnatore Turistico Como, 27 Maggio 2015 1 Introduzione al sistema contabile 2 Prestazione occasionale 3 Cos è la Prestazione occasionale? Sono collaborazioni

Dettagli

NUOVO REGIME FORFETARIO E RIFLESSI NEI RIGUARDI DEI REGIMI DI VANTAGGIO E DELLE NUOVE INIZIATIVE

NUOVO REGIME FORFETARIO E RIFLESSI NEI RIGUARDI DEI REGIMI DI VANTAGGIO E DELLE NUOVE INIZIATIVE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI DOPO LA LEGGE DI STABILITÀ NUOVO REGIME O E RIFLESSI NEI RIGUARDI DEI REGIMI DI VANTAGGIO E DELLE NUOVE INIZIATIVE ALFREDO CANDIGLIOTA

Dettagli

LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto Gabrielli LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto LE NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE (Aggiornata al 24.02.2009) Riferimenti normativi Regime contabile introdotto, a partire dal periodo di imposta 2001, con l art. 13 della

Dettagli

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI SCRITTURE E REGIMI CONTABILI Parte III I regimi contabili per imprese e professionisti Dott. Alberto Marengo Dott. Umberto Terzuolo Dott. Piercarlo Bausola Regimi adottabili: I REGIMI CONTABILI PER IMPRESE

Dettagli

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir -

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - 1 IRPEF IRPEF: redditi da lavoro autonomo L IRPEF è un imposta personale

Dettagli

LA COMPILAZIONE DEL QUADRO CM UNICO/2012. Premessa Normativa

LA COMPILAZIONE DEL QUADRO CM UNICO/2012. Premessa Normativa LA COMPILAZIONE DEL QUADRO CM UNICO/2012 Premessa Normativa Questo regime è disciplinato dalla legge 244-2007 e vi possono accedere i Contribuenti persone fisiche in possesso dei seguenti requisiti:-hanno

Dettagli

Vito Dulcamare. REGIME FORFETARIO - legge 23 dicembre 2014, n. 190, co 54/89 -

Vito Dulcamare. REGIME FORFETARIO - legge 23 dicembre 2014, n. 190, co 54/89 - Vito Dulcamare REGIME FORFETARIO - legge 23 dicembre 2014, n. 190, co 54/89-5 febbraio 2015 1 LEGGE DELEGA PER LA RIFORMA DEL FISCO Legge 11 marzo 2014, n. 23 Delega al Governo recante disposizioni per

Dettagli

20133 Milano Viale Campania n. 33 Tel 02 718992 Fax 02719118 info@studiofa.it www.studiofa.it Fortarezza & Associati

20133 Milano Viale Campania n. 33 Tel 02 718992 Fax 02719118 info@studiofa.it www.studiofa.it Fortarezza & Associati 20133 Milano Viale Campania n. 33 Tel 02 718992 Fax 02719118 info@studiofa.it FINANZIARIA 2008 IL NUOVO REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI Dott. Davide Toscano Technical meeting del 31/01/2008 1 La legge n.

Dettagli

Nuovi minimi, le istruzioni del Provvedimento attuativo

Nuovi minimi, le istruzioni del Provvedimento attuativo Numero 8/2012 Pagina 1 di 7 Nuovi minimi, le istruzioni del Provvedimento attuativo Numero : 8/2012 Gruppo : AGEVOLAZIONI Oggetto : REGIME DI VANTAGGIO PER L IMPRENDITORIA GIOVANILE E LAVORATORI IN MOBILITÀ

Dettagli

N. 33 FISCAL NEWS. 20.01.2012 Il regime degli ex minimi. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale

N. 33 FISCAL NEWS. 20.01.2012 Il regime degli ex minimi. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 33 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2012 Il regime degli ex minimi Categoria Sottocategoria Regimi

Dettagli

IL NUOVO REGIME CONTABILE AGEVOLATO PREVISTO DALLA LEGGE DI STABILITA' 2015

IL NUOVO REGIME CONTABILE AGEVOLATO PREVISTO DALLA LEGGE DI STABILITA' 2015 IL NUOVO REGIME CONTABILE AGEVOLATO PREVISTO DALLA LEGGE DI STABILITA' 2015 A cura di Celeste Vivenzi Premessa normativa La Legge di stabilità 2015 (Legge n.190-2014) ha istituito con decorrenza 01 gennaio

Dettagli

FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI

FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI Numero 1 Anno 2008 gennaio/2 FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI La Finanziaria 2008 ha introdotto un nuovo regime fiscale destinato alle persone fisiche esercenti attività d impresa, arti o professioni

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 3 dell 11 gennaio 2012 Regime dei nuovi contribuenti minimi - Agevolazioni per i soggetti esclusi dal nuovo regime INDICE 1 Premessa... 2 2 Regime dei nuovi

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 325 10.11.2014 Nuovo regime forfetario Categoria: Finanziaria Sottocategoria: 2015 Il D.D.L. stabilità 2015 contiene una profonda riforma dei

Dettagli

DICHIARAZIONE PRE-COMPILATA E NUOVO REGIME FORFETTARIO PER IMPRESE MINORI

DICHIARAZIONE PRE-COMPILATA E NUOVO REGIME FORFETTARIO PER IMPRESE MINORI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NOVITÀ DI FINE ANNO DICHIARAZIONE PRE-COMPILATA E NUOVO REGIME FORFETTARIO PER IMPRESE MINORI GIANCARLO MODOLO Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

Circolare 2 del 31 gennaio 2015

Circolare 2 del 31 gennaio 2015 Circolare 2 del 31 gennaio 2015 IN BREVE La compensazione del credito IVA dal 16 gennaio 2015 Reverse charge IVA esteso nel 2015 Lussemburgo fuori dalla black list Recupero, riqualificazione energetica

Dettagli

TEST D ACCESSO PER I REGIMI AGEVOLATI

TEST D ACCESSO PER I REGIMI AGEVOLATI TEST D ACCESSO PER I REGIMI AGEVOLATI ART. 1 C. 96 E SEGG. L. 244/2007; ART. 27, DL 98/2011; PROVV. ENTRATE DEL22/12/2011; CM N. 17 DEL 30/5/2012; ART. 13, L. 388/2000 Sintesi: si riepilogano le principali

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

Agevolazioni fiscali per le nuove iniziative e per investimenti nell Energy Saving

Agevolazioni fiscali per le nuove iniziative e per investimenti nell Energy Saving 26-06-2012, Camera di Commercio di Pisa Agevolazioni fiscali per le nuove iniziative e per investimenti nell Energy Saving relatore: Dott. MASSIMO ANTONINI Dottore commercialista - Revisore contabile Membro

Dettagli

S F SISTEMA FISCALE diretta da L. MIELE G.P. RANOCCHI

S F SISTEMA FISCALE diretta da L. MIELE G.P. RANOCCHI S F SISTEMA FISCALE diretta da L. MIELE G.P. RANOCCHI Alessandro BERNARDINI Valeria RUSSO IL REGIME FORFETTARIO E IL REGIME DEI MINIMI Il nuovo fisco per imprese e professionisti di piccole dimensioni

Dettagli

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I regimi contabili e fiscali per imprese e professionisti Regime ordinario artt. 14-16 DPR 600/73 Regime semplificato art. 18 DPR 600/73 Regime

Dettagli

STUDIO ACCARDI ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE TRA NUOVO REGIME DEI MINIMI

STUDIO ACCARDI ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE TRA NUOVO REGIME DEI MINIMI ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE TRA DOTT. MARIO ACCARDI E DOTT. CHIARA ACCARDI DOTTORI COMMERCIALISTI DOTT. MARIO ACCARDI DOTT. CHIARA ACCARDI DOTT. SANDRO SPATA DOTTORE COMMERCIALISTA NUOVO REGIME DEI MINIMI

Dettagli

IL QUADRO LM NUOVI MINIMI DEL MOD. UNICO 2013 PF

IL QUADRO LM NUOVI MINIMI DEL MOD. UNICO 2013 PF INFORMATIVA N. 111 26 APRILE 2013 DICHIARAZIONI IL QUADRO LM NUOVI MINIMI DEL MOD. UNICO 2013 PF Art. 27, DL n. 98/2011 Circolare Agenzia Entrate 30.5.2012, n. 17/E Istruzioni mod. UNICO 2013 PF Informativa

Dettagli

Minimi, tetto per i professionisti a 30.000 euro

Minimi, tetto per i professionisti a 30.000 euro Minimi, tetto per i professionisti a 30.000 euro attività. Aumento delle soglie di ricavi e compensi, riformulazione in meius delle cause di inapplicabilità del regime (avvantaggiati gli autonomi che percepiscono

Dettagli

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A CONFRONTO

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A CONFRONTO IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A CONFRONTO Dal prossimo anno il nuovo regime dei minimi sarà scontato, con l'imposta sostitutiva che si ridurrà al 5%, ma saranno poche le persone fisiche che lo potranno applicare.

Dettagli

L adesione al Regime dei Contribuenti Minimi dal 2010 e la rettifica della detrazione Iva

L adesione al Regime dei Contribuenti Minimi dal 2010 e la rettifica della detrazione Iva Numero 32/2010 Pagina 1 di 10 L adesione al Regime dei Contribuenti Minimi dal 2010 e la rettifica della detrazione Iva Numero : 32/2010 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : ADEMPIMENTI REGIME FISCALE DEI

Dettagli

La bozza di Legge Finanziaria per il 2015

La bozza di Legge Finanziaria per il 2015 La bozza di Legge Finanziaria per il 2015 Il Governo ha recentemente approvato il disegno di legge della Finanziaria 2015 contenente alcune novità di natura fiscale, in vigore generalmente dal 2015, di

Dettagli

I L N U O V O R E G I M E F O R F E T A R I O D I D E T E R M I N A Z I O N E D E L R E D D I T O

I L N U O V O R E G I M E F O R F E T A R I O D I D E T E R M I N A Z I O N E D E L R E D D I T O I L N U O V O R E G I M E F O R F E T A R I O D I D E T E R M I N A Z I O N E D E L R E D D I T O MONOGRAFIA IL NUOVO REGIME DI DETERMINAZIONE FORFETARIO DEL REDDITO INDICE 1.1 QUADRO NORMATIVO 3 1.2 IL

Dettagli

Le verifiche per i contribuenti minimi

Le verifiche per i contribuenti minimi Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 14 16.01.2014 Le verifiche per i contribuenti minimi Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi A decorrere dal 2012, l art.

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME

REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME 2 REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME Il REGIME DI VANTAGGIO o nuovo regime dei minimi si rende applicabile: per il periodo d imposta in cui è iniziata l attività e per i 4 successivi; anche oltre

Dettagli

REGIME FISCALE DEI CONTRIBUENTI MINIMI LIBERI PROFESSIONISTI

REGIME FISCALE DEI CONTRIBUENTI MINIMI LIBERI PROFESSIONISTI REGIME FISCALE DEI CONTRIBUENTI MINIMI LIBERI PROFESSIONISTI 1 In che cosa consiste il regime dei minimi Tassazione del reddito con aliquota del 5% quale IMPOSTA SOSTITUTIVA dell'imposta sui redditi (IRPEF)

Dettagli

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI - LA CIRCOLARE MINISTERIALE

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI - LA CIRCOLARE MINISTERIALE IL NUOVO REGIME DEI MINIMI - LA CIRCOLARE MINISTERIALE A pochi giorni dalla definitiva conversione in legge della Finanziaria 2008, l Agenzia delle Entrate ha pubblicato la Circolare n. 73/E del 21.12.2007

Dettagli

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI 1 APERTURA PARTITA I.V.A. Lo psicologo che svolge in modo abituale e senza vincolo di subordinazione la propria

Dettagli

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche 2015 INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

QUADRO SINOTTICO CONCERNENTE LE MODIFICHE AL REGIME DEI MINIMI DI CUI ALL'ART. 27 DEL D.L. N. 98/2011

QUADRO SINOTTICO CONCERNENTE LE MODIFICHE AL REGIME DEI MINIMI DI CUI ALL'ART. 27 DEL D.L. N. 98/2011 QUADRO SINOTTICO CONCERNENTE LE MODIFICHE AL REGIME DEI MINIMI DI CUI ALL'ART. 27 DEL D.L. N. 98/2011 PERSONE FISICHE CHE HANNO INIZATO L'ATTIVITA' D'IMPRESA, D'ARTE O PROFESSIONE A PARTIRE DAL 1 GENNAIO

Dettagli

genzia ntrate UNICO Persone fisiche

genzia ntrate UNICO Persone fisiche genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Persone fisiche INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

RELAZIONE X ASSEMBLEA SOCI 28/11/2014

RELAZIONE X ASSEMBLEA SOCI 28/11/2014 FNAARC RELAZIONE X ASSEMBLEA SOCI 28/11/2014 Oggetto: sintesi quadro fiscale degli AGENTI DI COMMERCIO Sintesi delle norme fiscali in vigore IVA: Per quanto riguarda l Imposta sul Valore aggiunto, se rapportata

Dettagli

CONVEGNO CONVE NUOVO REGIME FISCALE FORFETTARIO FONDAZIONE ORDINE ARCHITETTI GENOVA

CONVEGNO CONVE NUOVO REGIME FISCALE FORFETTARIO FONDAZIONE ORDINE ARCHITETTI GENOVA CONVEGNO NUOVO REGIME FISCALE FORFETTARIO FONDAZIONE ORDINE ARCHITETTI GENOVA E ORDINE DEGLI ARCHITETTI DI GENOVA 18 GENNAIO 2016 DOTT. MAURIZIO PECORARO COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE IL NUOVO REGIME

Dettagli

Modelli di dichiarazione 2012: in sintesi le novità

Modelli di dichiarazione 2012: in sintesi le novità Modelli di dichiarazione 2012: in sintesi le novità a cura di Fabio Bonicalzi (*) Sul sito Internet dell Agenzia delle Entrate sono stati pubblicati i Provvedimenti di approvazione dei seguenti modelli

Dettagli

DEFINIZIONE DEFINIZIONE

DEFINIZIONE DEFINIZIONE DEFINIZIONE 55. SEMPLIFICAZIONI PER I CONTRIBUENTI MINORI DEFINIZIONE DEFINIZIONE I contribuenti minori possono beneficiare di alcune semplificazioni in materia di IVA, ricollegate al differimento dei

Dettagli

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 PARTE I PESCA E ACQUACOLTURA Legge Finanziaria per il 2008 (L. 24 dicembre 2007 n. 244, pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 285 della G.U. 28 dicembre 2007,

Dettagli

FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO

FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO INTRODUZIONE Il Medico o l Odontoiatra che intende esercitare la libera professione è tenuto ad osservare gli adempimenti fiscali previsti per legge: denuncia di inizio

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

NOVITA FISCALI 2015. La compensazione del credito IVA dal 16 gennaio 2015. Rivalutazione terreni e partecipazioni: riaperti i termini

NOVITA FISCALI 2015. La compensazione del credito IVA dal 16 gennaio 2015. Rivalutazione terreni e partecipazioni: riaperti i termini Dr. Filippo Gambini Revisore Legale dei Conti Circolare informativa per la clientela 27 gennaio 2015 NOVITA FISCALI 2015 La compensazione del credito IVA dal 16 gennaio 2015 Reverse charge IVA esteso nel

Dettagli

Direzione Regionale della Toscana

Direzione Regionale della Toscana Direzione Regionale della Toscana IL REGIME AGEVOLATO PER LE NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE (art. 13 legge n. 388/2000) GENNAIO 2008 SOGGETTI AMMESSI Possono beneficiare del regime agevolato in esame: le

Dettagli

Rivalutazione terreni e partecipazioni: riaperti i termini Verifica limiti per liquidazioni IVA trimestrale e contabilità semplificata

Rivalutazione terreni e partecipazioni: riaperti i termini Verifica limiti per liquidazioni IVA trimestrale e contabilità semplificata Circolare per il cliente 19 gennaio 2015 Versione Completa STUDIO CECCARELLI IN BREVE La compensazione del credito IVA dal 16 gennaio 2015 Reverse charge IVA esteso nel 2015 2015 Lussemburgo fuori dalla

Dettagli

Il calcolo dell IRPEF 2003: verifica della clausola di salvaguardia

Il calcolo dell IRPEF 2003: verifica della clausola di salvaguardia Il calcolo dell IRPEF 2003: verifica della clausola di salvaguardia PREMESSA A partire dal 2003 è stato avviato il primo modulo della riforma fiscale diretto a modificare il sistema di tassazione del reddito

Dettagli

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI IL NUOVO REGIME DEI MINIMI Dal 1 gennaio 2012 il regime dei contribuenti minimi di cui all art. 1 commi da 50 a 117 della legge 244/2007 verrà sostituito da un nuovo regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria

Dettagli

Finanziaria 2008, contribuenti minimi (sotto i 30.000 euro) istruzioni per l uso dal fiscalista della Fnsi

Finanziaria 2008, contribuenti minimi (sotto i 30.000 euro) istruzioni per l uso dal fiscalista della Fnsi Finanziaria 2008, contribuenti minimi (sotto i 30.000 euro) istruzioni per l uso dal fiscalista della Fnsi Come è noto la Legge Finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007 n. 244) ha introdotto un regime

Dettagli

IL PASSAGGIO AL REGIME FORFETTARIO

IL PASSAGGIO AL REGIME FORFETTARIO IL PASSAGGIO AL REGIME FORFETTARIO di Antonio Gigliotti Come noto l art. 1, commi da 54 a 89, della legge di stabilità 2015 (23 dicembre 2014, n. 190), ha introdotto, a decorrere dal 1 gennaio 2015, un

Dettagli

IL PUNTO SUL NUOVO "REGIME DEI MINIMI"

IL PUNTO SUL NUOVO REGIME DEI MINIMI IL PUNTO SUL NUOVO "REGIME DEI MINIMI" L'art. 27 della legge 111-2011 ha introdotto a far data dal 01 01 2012 un nuovo regime contabile denominato NUOVO REGIME DEI MINIMI che interessa le persone fisiche.

Dettagli

NUOVO REGIME PER CONTRIBUENTI MINIMI INTRODOTTO DALLA LEGGE FINANZIARIA 2008

NUOVO REGIME PER CONTRIBUENTI MINIMI INTRODOTTO DALLA LEGGE FINANZIARIA 2008 NUOVO PER CONTRIBUENTI MINIMI INTRODOTTO DALLA LEGGE FINANZIARIA 2008 Il nuovo regime fiscale, introdotto dalla Finanziaria 2008 per i lavoratori autonomi, è riservato a coloro che nell anno 2007 hanno

Dettagli

OPPORTUNITA' PER I PROFESSIONISTI

OPPORTUNITA' PER I PROFESSIONISTI OPPORTUNITA' PER I PROFESSIONISTI REGIME DEI MINIMI Il vecchio regime dei minimi previsto dall articolo 1 commi da 96 a 117 della Legge n.244/2007 è stato completamente stravolto e modificato dall attuazione

Dettagli

Psicologo e libera professione

Psicologo e libera professione Psicologo e libera professione aspetti amministrativi, fiscali, previdenziali 04/12/08 a cura del dott. Andrea Tamanini Lavoro autonomo Definizione Modalità di svolgimento dell attività Adempimenti iniziali

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI E FISCALI

SCELTA DEL REGIME FISCALE ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI E FISCALI SCELTA DEL REGIME FISCALE ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI E FISCALI si riepilogano i regimi fiscali e contabili fruibili per il 2013 a beneficio di coloro che: intendono iniziare una nuova attività d impresa

Dettagli

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015 Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Soggetti interessati Sono obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi (Mod. Unico PF 2015) i contribuenti

Dettagli

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali 1. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IMPOSTE DIRETTE 2. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IRAP 3. Detrazione IRPEF per la pratica sportiva dilettantistica 4. Cinque per Mille 5. Adempimenti

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2014, ma non per tutti

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2014, ma non per tutti News per i Clienti dello studio del 16 Giugno 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2014, ma non per tutti Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2015

LEGGE DI STABILITA 2015 Dott. Emanuela Villa Partita IVA 02288380963 Codice Fiscale VLL MNL 61R42 E617I COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE Via F. Cavallotti, 98 20900 Monza Tel: 039 748134 Fax 039 741106 E-mail: e.villa@studiovillacommercialisti.it

Dettagli

AUMENTO DELLE ALIQUOTE IVA

AUMENTO DELLE ALIQUOTE IVA Studio Associato di Consulenza Aziendale Dottori Commercialisti Dott. Gianpiero Perissinotto Dott.ssa Monica Lacedelli Via degli Agricoltori n. 11 32100 Belluno tel: 0437/932080 fax: 0437/932095 E-mail:

Dettagli

La partita IVA, il regime agevolato e di vantaggio

La partita IVA, il regime agevolato e di vantaggio La partita IVA, il regime agevolato e di vantaggio La Partita IVA La procedura burocratica Dal punto di vista fiscale si definisce IVA (Imposta sul valore aggiunto disciplinata dal DPR 633/72) l'imposta

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2015

LEGGE DI STABILITA 2015 Pag.1 di 7 LEGGE DI STABILITA PER IL 2015 (Legge n. 190 del 23.12.2014): LE PRINCIPALI NOVITA FISCALI - 1^ PARTE N. 1 del 23 gennaio 2015 Gentilissimo Cliente, con la legge di stabilità per il 2015 il

Dettagli

Regime contabile: ordinario o semplificato

Regime contabile: ordinario o semplificato Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 02 20.01.2014 Regime contabile: ordinario o semplificato A cura di Devis Nucibella Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione

Dettagli

Il regime fiscale dell Avvocato: Dott. Roberto Sarti

Il regime fiscale dell Avvocato: Dott. Roberto Sarti Il regime fiscale dell Avvocato: Il reddito I regimi agevolati I contribuenti minimi Dott. Roberto Sarti Paratore Pasquetti & Partners 1 Il reddito inquadramento Reddito dell Avvocato inteso come Studio

Dettagli

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 2 2014 dell Ufficio

Dettagli

Il caso della settimana

Il caso della settimana N. 22 A.L Servizi s.r.l. Via Bergamo n. 25 24035 Curno (Bg) P.Iva e C.F. 03252150168 Giugno 11.06.2010 Tel. 035.4376262 - Fax 035.62.22.226 E-mail:info@alservizi.it Reg.Imprese di Bergamo n. REA 362371

Dettagli

IL NUOVO REGIME FORFETARIO

IL NUOVO REGIME FORFETARIO IL NUOVO REGIME FORFETARIO IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 Articolo 1, commi dal 54 a 89, della legge n. 190 del 23 dicembre 2014 Legge di Stabilità per il 2015 Documento aggiornato al 4 marzo 2015 Confartigi

Dettagli

2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1

2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1 2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1 Il Modello UNICO Persone Fisiche 2016 comprende la dichiarazione dei redditi e la dichiarazione annuale IVA. Il Modello Unico per

Dettagli

RAPIDO CALCOLO DELL IMPATTO FISCALE E PREVIDENZIALE SUL REDDITO (di artigiani, commercianti, professionisti)

RAPIDO CALCOLO DELL IMPATTO FISCALE E PREVIDENZIALE SUL REDDITO (di artigiani, commercianti, professionisti) RAPIDO CALCOLO DELL IMPATTO FISCALE E PREVIDENZIALE SUL REDDITO (di artigiani, commercianti, professionisti) INTRODUZIONE A norma dell art. 2222 del cod. civile si hanno rapporti di lavoro autonomo ogni

Dettagli