Infiltrazioni della criminalità organizzata nel gioco (anche) lecito (Magistrato delegato Cons. Francesco Paolo Giordano)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Infiltrazioni della criminalità organizzata nel gioco (anche) lecito (Magistrato delegato Cons. Francesco Paolo Giordano)"

Transcript

1 Infiltrazioni della criminalità organizzata nel gioco (anche) lecito (Magistrato delegato Cons. Francesco Paolo Giordano) Stato delle problematiche e analisi Nelle precedenti relazioni, emergeva uno spaccato particolarmente interessante, giacché le tre più importanti strutture criminali, la Camorra, la Ndrangheta e Cosa nostra hanno da sempre avuto una propensione verso il controllo del gioco d azzardo e dei videopoker. Per Cosa nostra, basti citare l inchiesta della D.D.A. di Palermo che ha portato all arresto del boss Salvatore LO PICCOLO, dove emerge come tra gli affari milionari della cosca vi fosse il controllo del Toto nero, e del Lotto clandestino 49. Per la Camorra, occorre citare la provincia di Salerno, Napoli e la Piana del Sele come zone dove agguerrite cosche si contendono il controllo del gioco di azzardo. Nella città di Salerno, come ha registrato un indagine del 2006, agisce il clan PANELLA D AGOSTINO, i cui interessi mafiosi non sono rivolti solo verso gli stupefacenti, l usura, le estorsioni, i delitti contro la pubblica amministrazione e i reati contro la persona ma anche verso la gestione del gioco d azzardo. Anche a Napoli, un gruppo autonomo controlla il gioco d azzardo nel quartiere San Paolo, gestendo il noleggio dei videopoker. La Ndrangheta appare interessata al settore, al riguardo la D.I.A. fin dal 2003 ha dimostrato che in Piemonte operano numerose ndrine, per lo più espressione delle famiglie del c.d. mandamento jonico, che gestiscono il gioco d azzardo, oltre ad altri vasti traffici di sostanze stupefacenti, di armi, l usura, le estorsioni, e lo sfruttamento della prostituzione di donne e- xtracomunitarie. Nel mercato criminale del gioco d azzardo, specialmente nelle bische clandestine soprattutto nelle zona di Rimini e di Riccione, ma anche nello stesso capoluogo regionale e nelle province di Forlì e Ravenna, sono presenti organizzazioni di origine calabrese. Anche la criminalità pugliese cerca altre fonti di guadagno nel gioco d azzardo, come per il racket delle estorsioni e dell usura, anche il gioco d azzardo, costituisce una fonte importante di finanziamento dell organizzazione criminale, l attività è gestita tramite il controllo dei noleggi di apparecchiature elettroniche opportunamente truccate. Sul fronte dei Casinò, è noto che nel nostro Paese operano attualmente 4 strutture pubbliche 50, Sanremo, Venezia, Saint Vincent e Campione d Italia, costantemente oggetto di attenzione da parte delle Forze di polizia. Basterebbe citare il famoso Blitz di San Martino del giorno , allorché tutte e quattro le strutture vennero perquisite al culmine di un indagine concernente la 49 F. VIVIANO, Appalti, pizzo e uomini da uccidere, l archivio segreto dell ultimo boss, in La Repubblica, , pag A queste strutture altre se ne aggiungeranno, infatti la Camera dei Deputati, nella seduta del , a margine della discussione sulla conversione in legge del decreto legge , n. 112, recante disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria, ha approvato l ordine del giorno che «impegna il Governo a prevedere un provvedimento legislativo atto ad autorizzare la riapertura della casa da gioco di Taormina e a valutare l'opportunità di aprirne altre nelle maggiori regioni del sud». Va rammentato che la casa da gioco a Taormina operò dal 1963 al

2 scalata della società di gestione del Casino di Sanremo da parte di due cordate contrapposte nelle quali si erano infiltrati personaggi legati alla criminalità organizzata. Quello di Saint-Vincent è gestito, dal 1 luglio 1994, dalla Gestione Straordinaria istituita in applicazione dell art. 1 l.reg. n. 88 del Il Comitato di Gestione è composto da tre membri nominati dal Consiglio Regionale della Valle d'aosta e sulla loro attività vigila il Collegio dei Revisori, composto da tre membri effettivi e tre supplenti nominati dal Presidente del Tribunale di Aosta. Trimestralmente viene presentata alla Giunta Regionale un rendiconto economico-finanziario accompagnato da una relazione sull'attività svolta e sulle operazioni di maggior rilievo economico, finanziario e patrimoniale effettuate. Il bilancio annuale di esercizio è presentato all'approvazione del Consiglio Regionale. I rapporti tra la Gestione e la Regione sono delineati da uno statuto ad hoc. Con l. reg. 30 novembre 2001, n. 36, la Regione Autonoma Valle d'aosta, per concludere la straordinarietà della gestione, ha costituito una società per azioni a totale capitale pubblico, partecipata al 99% dalla stessa Regione, ritenendo tale scelta operativa la più opportuna per una gestione corretta, trasparente ed economicamente efficace del Casinò, nel pieno perseguimento dell'esclusivo interesse pubblico. La presenza del Casinò della Vallée di Saint-Vincent faceva ritenere credibile, anche se non espressamente provato, secondo le risultanze di numerose audizioni della Commissione Parlamentare Antimafia nella XIV Legislatura, che vi fosse un forte interesse della criminalità organizzata ad utilizzare la Casa da gioco quale strumento di riciclaggio di capitali illeciti e fruire della presenza di un fitto sottobosco di cambisti e prestasoldi, quale fonte di approvvigionamento di altre risorse economiche. Un importante riscontro è stato acquisito, nel 2006, attraverso l operazione della D.D.A. di Palermo denominata proprio SAINT VINCENT. Per il Casinò di Venezia, un fronte nuovo di probabili attività illecite, è costituito dalla presenza di cittadini cinesi. Costoro, nel 2003, hanno rappresentato il 18% della clientela del Casinò Municipale, concentrando la loro attenzione sui tradizionali giochi che esplicano con una buona disponibilità di danaro contante. Per il Casinò di Sanremo, come del resto per gli altri Casinò, va rilevato che intorno ad esso prosperano varie attività, che devono necessariamente essere oggetto di controllo preventivo da parte delle Forze dell ordine, impegnate, in particolare, ad assicurare la regolarità del gioco e a svolgere un azione di filtro delle presenze, infatti pregiudicati si recano nella sala da gioco anche con false identità. Da recente sono stati aperti alcuni siti denominati casino on line, inaugurati per Venezia e Sanremo, per cui il server del Casinò è collegato con quelli delle varie carte di credito. E proprio grazie a questi controlli preventivi che si scongiura una massiccia opera di infiltrazione della criminalità organizzata. La legislazione in materia di gioco lecito ruota attorno ai reati di cui agli artt c.p., che puniscono l esercizio del gioco d azzardo, oltre al disposto di cui agli artt. 86 (sulla necessità di licenza per la produzione, importazione, distribuzione ed installazione delle apparecchiature automatiche, slot machine) e 110 T.U.L.P.S. (sulle predette apparecchiature), quest ultimo più volte oggetto di interventi legislativi. Da ultimo, è intervenuto l art. 1 comma 282 della legge finanziaria 2008, l , n. 244, che ha modificato il comma 6 del predetto art. 110, inserendo, a decorrere dal , la necessità che le apparecchiature siano dotate di attestato di conformità alle disposizioni vigenti rilasciato dal Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei 258

3 Monopoli di Stato. Inoltre, è stata definita in modo diverso la nozione di gioco, nel senso che, «insieme con l elemento aleatorio sono presenti anche elementi di abilità, che consentono al giocatore la possibilità di scegliere, all avvio o nel corso della partita, la propria strategia, selezionando appositamente le opzioni di gara ritenute più favorevoli tra quelle proposte dal gioco». Infine, ora è anche prevista la possibilità, con provvedimento del Ministero dell'economia e delle finanze - Amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato, della verifica dei singoli apparecchi. Precedentemente, era stato modificato dagli artt. 85 e 86 l , n. 296, legge finanziaria del L art. 110 citato prevedeva una contravvenzione oggi depenalizzata in forza dell art. 1, comma 543 l. n. 266 del 2005, legge finanziaria del 2006, che per il disposto di cui all art. 1, comma 547, stessa legge, per le violazioni realizzate prima della legge di depenalizzazione si applica la normativa all epoca in vigore. Vi sono, inoltre, altre leggi speciali che regolano le scommesse al Totocalcio, al Lotto, la l , n. 528, sull'ordinamento del gioco del lotto e all Enalotto, oltre alla normativa su Gratta e vinci, Totip, Tris, Big show, Big Rece, Big Match, Totogol, ed infine la l , n. 133, disposizioni in materia di perequazione, razionalizzazione e federalismo fiscale, la l , n. 401, interventi nel settore del giuoco e delle scommesse clandestini e tutela della correttezza nello svolgimento di manifestazioni sportive, e la l , n. 287, sull aggiornamento della normativa sull'insediamento e sull'attività dei pubblici esercizi. V è ancora una pletora di disposizioni della normativa secondaria. Secondo la giurisprudenza consolidata (Cass., Sez. III, , n , I.E.S. ed altro, in Dir. Pen. e proc., 2007, 1143), per la configurabilità del reato di gioco d azzardo, commesso per mezzo di un congegno elettronico, non è sufficiente che l apparecchio abbia le caratteristiche previste dal quinto comma dell art. 110 T.U.L.P.S., ossia che sia predisposto per il gioco d azzardo, essendo necessario accertare, oltre all aleatorietà della vincita, anche la sussistenza della finalità di lucro, secondo il chiaro tenore letterario dell art. 721 c.p.. Tale finalità ricorre quando si consegue dal gioco un guadagno apprezzabile ed economicamente valutabile per sé o per altri (Cass., Sez. III, , Sinigaglia, e Cass., Sez. III, , Di Lello, in Dir. Pen. e proc., 2000, 1595), e secondo la più recente giurisprudenza, la tenuità della posta in gioco esclude la finalità di lucro, perché serve solo a vivacizzare il gioco e finalizzarlo ad un maggior divertimento (Cass., Sez., III, , Coviello, Rv ). La normativa, oggetto di molteplici interventi, ammette l utilizzo degli apparecchi descritti ai commi 6 e 7 dell art. 110 del T.U.L.P.S, vale a dire da un lato, gli apparecchi previsti dal 6 comma, per i quali è stata prevista la connessione e gestione a mezzo rete telematica, le cui modalità sono state stabilite con decreto del Ministro dell Economia e delle Finanze , n. 86, e dall altro lato, gli apparecchi elettromeccanici privi di monitor, quelli basati sulla sola abilità fisica che non distribuiscono premi, per i quali la durata delle partite può variare e il costo della singola partita può superare i 50 centesimi di euro. La rete telematica è stata istituita col d.p.r , n. 640, poi modificato dall art. 14 bis, comma 4, l n. 326, secondo cui Entro il 30 giugno 2004 sono individuati, con procedure ad evidenza pubblica nel rispetto della normativa nazionale e comunitaria, uno o più concessionari della rete o delle reti dell'amministrazione autonoma dei monopoli di Stato per la gestione telematica degli apparecchi di cui all'articolo 110, comma 6, del testo unico delle leggi di pubblica si- 259

4 curezza, di cui al regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, e successive modificazioni e integrazioni. Tale rete o reti consentono la gestione telematica, anche mediante apparecchi videoterminali, del gioco lecito previsto per gli apparecchi di cui al richiamato comma 6. Con uno o più decreti del Ministro dell'economia e delle finanze, adottati ai sensi dell'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni ed integrazioni, sono dettate disposizioni per la attuazione del presente comma. E stata data in concessione la gestione della rete con apposite convenzioni che prevedono il passaggio della proprietà della rete allo Stato, allo scadere della concessione. Tuttavia, la rete telematica non è ancora operativa al cento per cento. V è poi la possibilità, stante a un decreto del 2003, del gioco del bingo interconnesso, da attuare con sistemi telematici corrispondenti a quelli già operativi per la gestione degli apparecchi elettronici da divertimento ed intrattenimento. La normativa vigente vieta il gioco del bingo in sale dedicate all esercizio di altri giochi e comunque collegate con locali nei quali siano installati apparecchi da divertimento e intrattenimento, nonché biliardi, biliardini e apparecchi similari. Con la legge finanziaria del 2006, l , n. 266, è stato introdotta una disposizione nel testo unico, l art. 66, che autorizza un nuovo tipo di slot in cui si abbassa il tempo minimo di gioco, da 7 a 4 secondi (prima era da sette a tredici secondi), si aumenta il costo della partita da 50 centesimi a 1 euro, e si alza la vincita massima, da 50 a 100 euro. Prima la macchina elargiva vincite sulla base di cicli di settemila euro, vale a dire ogni settemila euro incassati, venivano erogate casualmente vincite per un totale di euro. Ora si è passati a cicli prima di , poi di euro, il che vuol dire che le vincite sono distribuite non più su 14 mila partite ma su Le vincite non possono risultare inferiori al 75% delle somme giocate. Le infiltrazioni criminali nel settore appaiono esposte a notevoli rischi, sia per quanto riguarda l assetto societario delle concessionarie, sia per quanto riguarda la possibilità che a soggetti incensurati, titolari di concessioni o di licenze per singole sale giochi, si affianchino soci occulti inseriti organicamente nella criminalità organizzata, la quale tramite prestanomi insospettabili potrebbe utilizzare il circuito legale sia per scopi di riciclaggio, mediante false vincite di copertura di movimenti di denaro, sia per consentire alla propria rete territoriale di scommettitori, prestatori di denaro e quant altro, di disporre di un numero enorme di agenzie di scommesse, che pertanto potrebbero contribuire a consolidare il fenomeno della legalizzazione dell economia criminale 52. Le più importanti indagini, nel periodo di riferimento, si sono incentrate innanzitutto sulla gestione degli apparecchi elettronici da intrattenimento, dove possono essere conseguiti rilevanti introiti economici con limitati rischi giudiziari. Altro settore di infiltrazione è stato segnalato nelle corse ippiche, sia presso i punti SNAI, sia presso gli ippodromi, dove l alterazione delle modalità di partecipazione e dei risultati e il controllo illecito avviene essenzialmente attraverso gli accordi tra addetti ai lavori, minacce ai drivers e con il dopaggio di cavalli. Per quanto riguarda i casinò, va osservato che emergono illeciti per lo più riferi- 51 L. CORVI, Da Potenza a Venezia, procure al lavoro «Le vincite? C' è chi le manovra», in Il Corriere della Sera, , pag. 9, dove però erroneamente si attribuisce la modifica alla legge finanziaria del 2007 anziché a quella del U. SANTINO, Crimine transnazionale e capitalismo globale, in "AltrEuropa", n. 7, aprile-giugno 1997,

5 bili alla clonazione di carte di credito, alle truffe, ad altri reati che riguardano, tra l altro, la spendita di banconote contraffatte, e si deve sottolineare il ricorso a prestiti usurari, da parte dei giocatori, per far fronte alle perdite economiche subite. Le scommesse clandestine e le Sale Bingo continuano a rappresentare fattori di interesse per la criminalità organizzata, sia per quanto riguarda le infiltrazioni nelle società di gestione delle Sale Bingo, che si prestano costituzionalmente ad essere un facile veicolo di infiltrazioni malavitose e di riciclaggio, sia per quanto riguarda le società concessionarie della gestione della Rete telematica, dove si è assistito ad un duplice fenomeno, da un lato l aggiudicazione a prezzi non economici di talune concessioni, e dall altro lato al proliferare dei punti di scommessa, i c.d. corner, alcuni dei quali chiaramente inseriti in una rete territoriale dominata dalla presenza di un circuito criminale. Non è affatto trascurabile, poi, la manipolazione dei sistemi di collegamento in rete degli apparecchi da gioco con l A.A.M.S., mediante la sostituzione delle schede originali con altre false che alterano le percentuali di rischio della vincita. Nell ambito delle scommesse clandestine per via telematica attraverso i cosiddetti internet point, si conferma un notevole interesse, su tutto il territorio nazionale, per questa forma di scommessa esercitata per mezzo di bookmakers stranieri. Queste nuove modalità di inserimento della criminalità organizzata nel gioco, si coniugano con le tradizionali forme di intervento, attraverso l imposizione del noleggio di apparecchi di videogiochi, la gestione di bische clandestine e la pretesa di esigere le relative quote di utili, la presenza di un organizzazione per scommesse illegali, nel c.d. Toto e Lotto nero o clandestino. Tutto ciò fa del gioco un settore molto appetibile dalle organizzazioni criminali, e perciò tanto la magistratura antimafia quanto le Forze di polizia centrali e interprovinciali e gli organi specializzati di polizia giudiziaria non possono sottovalutare tali fenomeni, che si prestano fra l altro a mimetizzarsi facilmente. Nella legislazione sul gioco e le scommesse c è da registrare un ulteriore problematica, insorta dinanzi alla giurisdizione amministrativa. La normativa statale vigente in materia di scommesse e concorsi prognostici, di cui agli artt. 88 T.U.L.P.S. e 4 l. 410 del 1989, era stata disapplicata dal TAR Abruzzo 53, in sede di annullamento del provvedimento del Questore di Lecce di diniego dell autorizzazione alla gestione dell attività di intermediazione nel settore delle scommesse per conto di società estera, sentenza che si uniformava ad una precedente decisione dello stesso TAR 54, in quanto la normativa nazionale vigente in materia di scommesse e di concorsi pronostici (art. 88 r.d. n. 773 del 1931 ed art. 4 l. 410 del 1989) posta a base dell impugnato diniego, poiché realizzava un regime di monopolio in favore dello Stato, non poteva avere applicazione in quanto incompatibile con i principi comunitari della libertà di stabilimento (art. 43 Trattato U.E.) e della libera prestazione dei servizi all interno dell Unione europea (art. 49). Il giudice amministrativo di primo grado giungeva alla conclusione secondo cui tale normativa era in contrasto con gli artt. 3, 10, 11, 15, e 41 Cost. In particolare, il giudice di primo grado opinava che dagli artt. 88 T.U.L.P.S. modificato dalla l n. 388, e 4 l n. 410, fosse stato istituito un regime di monopolio a favore dello Stato italiano, incompatibile con i richiamati principi. La sentenza riprendeva alcune delle argomen- 53 TAR Abruzzo, Sez. L Aquila, 29.6/ , n. 867, Pellegrino A. c. Ministero Interno. 54 TAR Abruzzo, Sez. L Aquila, 25.5./ , n. 661, Calafiore D. c. Ministero Interno. 261

6 tazioni svolte nella sentenza della Corte di Giustizia in C-243/01 Gambelli. Per la verità detta ultima sentenza aveva ritenuto che le disposizioni del Trattato CE relative alla libera prestazione dei servizi non ostassero a una normativa nazionale, come quella italiana, che riserva a determinati enti il diritto di esercitare scommesse sugli eventi sportivi, ove tale normativa sia effettivamente giustificata da obiettivi di politica sociale tendenti a limitare gli effetti nocivi di tali attività e ove le restrizioni da essa imposte non siano sproporzionate rispetto a tali obiettivi. Il Consiglio di Stato 55 ha ribaltato la decisione del TAR, affermando che la disciplina interna in materia di gestione e intermediazione nell ambito delle scommesse e dei concorsi prognostici, che attribuisce allo Stato un penetrante potere sulla materia, attraverso la previsione di un sistema concessorio e autorizzatorio, non vìola i principi del diritto comunitario e in particolare il diritto di libertà di stabilimento e di libera prestazione dei servizi all interno dell U.E. Le norme interne risultano compatibili con il trattato U.E., in quanto trovano giustificazione in esigenze di ordine e di sicurezza pubblica di cui agli articoli 46 e 55 del trattato medesimo. Nella citata normativa non si ravvisa secondo il Consiglio di Stato alcun carattere discriminatorio, poiché il sistema di accesso alle concessioni non distingue tra società italiane e società estere interessate alla gara per le concessioni e alle relative procedure a evidenza pubblica possono partecipare anche le società di capitali. Si tratta, indubbiamente, di un principio che appare idoneo a porre un argine ai rischi di infiltrazione mafiosa cui il settore dell intermediazione nei giochi e nelle scommesse è sicuramente esposto. Non va, infine, trascurato che la Corte di cassazione 56 ha stabilito che l attività svolta da una società britannica doveva ritenersi assoggettabile alla disciplina sanzionatoria di cui al già richiamato art. 4 l. n. 401 del D altra parte, già con sentenza delle Sezioni unite 57, era stato affermato che la normativa italiana in materia di gestione delle sommesse e dei concorsi pronostici, anche se caratterizzata da innegabile espansione dell offerta, persegue finalità di controllo per motivi di ordine pubblico che, come tali, possono giustificare le restrizioni che essa pone ai principi comunitari della libertà di stabilimento e della libera prestazione dei servizi. Con la conseguenza che il reato di cui all'art. 4, comma 4 bis, della legge 13 dicembre 1989 n. 401 (svolgimento di attività organizzata per la accettazione e raccolta anche per via telefonica o telematica di scommesse o per favorite tali condotte) può concorrere con quello previsto dal comma quarto ter dello stesso art. 4 (raccolta e prenotazione di giocate del lotto, di concorsi pronostici o di scommesse attuate per via telefonica o telematica senza la specifica autorizzazione prescritta in relazione al mezzo adottato), in quanto essi hanno diversa materialità e diverso oggetto giuridico, tutelando il primo l'interesse pubblico al controllo sulla gestione delle scommesse e la connessa protezione dell'ordine pubblico, il secondo la sicurezza delle telecomunicazioni 58. Altra questione venuta all attenzione tanto dell Autorità della concorrenza quanto del giudice amministrativo, è quella della proroga, senza gara ad 55 Cons. Satto, VI, 14.7/ , n. 5959, Ministero Interno c. Pellegrino A. 56 Cass., Sez. III, , n , P.M. in proc. Gaiti, Rv Cass., Sez. U., , n , Corsi, Rv , in Cass. pen., 2004, 3105, con nota di A. Natalini. 58 Cass., Sez. U., , n , Corsi, cit. 262

7 evidenza pubblica, nel Novembre del 2004, della concessione alla SISAL, la società di gestione del Superenalotto 59 Nella Relazione della Commissione di indagine presieduta dal sottosegretario all'economia Alfiero Grandi e dal generale della Guardia di Finanza Castore Palmerini, i cui lavori sono stati espletati nel 2007, si riporta l analisi secondo la quale il progetto di collegare in rete tutti gli apparecchi da intrattenimento, che doveva essere realizzato compiutamente già a partire dall'ottobre del 2004, presenta ancora ritardi ed inefficienze, in parte dovuti alla Telecom che non ha offerto un numero congruo (e forse non poteva neanche farlo) di linee per garantire una copertura in tutte le sale, ma in qualche caso alla cattiva volontà di qualche concessionario scorretto che, svolgendo contemporaneamente la funzione di controllore e di controllato, non aveva alcun interesse a collegare quantitativamente e percentualmente in modo rilevante queste macchine alla rete. Una delle modalità individuate dalla Relazione per l evasione delle imposte erariali, è quella proveniente dai dati forniti dagli stessi Monopoli, secondo cui esisterebbe un numero esorbitante di apparecchi collocati in magazzino, circa , che, in realtà, potrebbero essere in esercizio, senza connessione alla rete telematica e, quindi, sfuggendo alla riscossione del c.d. P.R.E.U. (Prelievo erariale unico). Al riguardo, la stampa 60 ha dato notizia di un importante inchiesta condotta dalla G.d.F. Nucleo Frodi telematiche all esito della quale la Procura Generale presso la Corte dei Conti del Lazio ha citato in giudizio per danno erariale da mancata riscossione di tributi tre funzionari dell Agenzia autonoma dei Monopoli di Stato, e dieci aziende concessionarie, fra cui l ATLANTIS WORLD, la COGETECH, la SNAI, la LOTTOMATICA, la HBG, la CIRSA, la CODERE, LA SISAL, la EMATICA, la GAMENER. La questione degli importi dell imposta evasa per il mancato collegamento telematico, ha fatto sì che l Amministrazione autonoma dei monopoli di stato e le concessionarie abbiano rivisto le penali delle convenzioni, abbassandole sensibilmente, infatti da 50 euro per ogni ora di mancato collegamento alla rete, si è passati ad una cifra minore, anche perché il nuovo software dovrebbe bloccare le slot in caso di difetti nella trasmissione dati 61. "Per il 2006, secondo dati dei Monopoli - si legge nel rapporto della commissione d'indagine -, a fronte di un volume di affari pari a 15,4 miliardi di euro vi è stato un gettito fiscale di 2,72 miliardi con circa 200 mila apparecchi attivati". Secondo le stime della Finanza, invece, la raccolta di gioco reale ammonterebbe a 43,5 miliardi con i due terzi di macchinette (circa 40 mila) non collegate in rete. E dall'inchiesta emerge anche un particolare curioso: la legge prevede che gli apparecchi non collegati alla rete siano chiusi in un magazzino, la cui ubicazione dev essere comunicata all Amministrazione. La legislazione antiriciclaggio prevede che i gestori delle Case da gioco esercitino gli obblighi di adeguata verifica nei confronti della clientela, in base al disposto di cui all art. 10 della Direttiva 2005/60/CE, per i soggetti pubblici gli obblighi si considerano assolti attraverso la registrazione, identificazione e verifica dell identità dei clienti. Il decreto legislativo di attuazione, n. 231 del 2007, 59 Su cui v. C. GATTI, Giochi, quei sospetti sui Monopoli, in Il Sole 24 ore, , pag L. DI MARCO, Slot da 88 miliardi, in L Espresso, , pag Ne dà notizia ancora L. CORVI, Da Potenza a Venezia, procure al lavoro «Le vincite? C' è chi le manovra», in Il Corriere della Sera, , pag

8 all art. 24, stabilisce un ulteriore onere, a decorrere dal , le Case da gioco devono adottare modalità idonee a ricollegare i dati identificativi alle operazioni di acquisto e di cambio dei gettoni che ciascun cliente compie per un importo pari o superiore a euro. Tuttavia, per l attuazione di tale obbligo, l art. 39 del predetto decreto legislativo prevede l emanazione di apposito regolamento, mediante decreto a cura del Ministero dell Economia di concerto con il Ministero degli Interni, sentite le organizzazioni di categoria, regolamento non ancora emanato 62. In alternativa alle modalità di registrazione, può essere istituito l'archivio unico informatico. La legislazione citata presenta una vistosa lacuna da addebitare alla stessa Direttiva europea, infatti nel decreto attuativo della Terza Direttiva Antiriciclaggio (d.lgs. n. 231 del 2007), non è incluso nel regime di adeguata identificazione, registrazione e segnalazione, il settore delle sale scommesse, sganciate da qualsiasi soglia-limite, e perciò esse potrebbero essere particolarmente idonee ad attività di riciclaggio di denaro illecito. Tale settore appare particolarmente fertile per iniziative di riciclaggio, se si considera anche che, dopo il bando del Dicembre 2006 da parte dell Amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato, i punti di accettazione delle scommesse ippiche sono passati da a Inoltre, il settore sembra offrire soluzione economiche ai riciclatori, abbattendo le spese dal 30% al 3%, pari al costo della tassazione sul volume giocato, oltre alla garanzia di anonimato delle giocate 63. Da ultimo, va citato uno studio 64 molto approfondito che illustra i risvolti criminologici della diffusione del gioco legale e illegale, secondo cui, prendendo le mosse da una disamina delle caratteristiche cliniche ed epidemiologiche del gioco d'azzardo patologico, sussistono ben precisi riflessi criminologici e psicopatologico-forensi nel settore, anche alla luce di casi clinici e di pronunce giurisprudenziali, e vi sono, in particolare effetti criminogenetici dell'ampliamento delle opportunità di gioco anche legale, per cui si può dire che il gioco ha un effetto trainante sia pure a livello patologico del crimine. Indagini più rilevanti in materia. Va segnalata anzitutto l indagine condotta dalla D.D.A. di Palermo nel Gennaio 2008, epoca in cui sono stati eseguiti due fermi a carico di Ottavio MAGNIS, di 37 anni, e Calogero PILLITTERI 65, di 38, entrambi accusati di e- storsione in danno di due imprenditori palermitani, i soci FORELLO Lorenzo e FORELLO Giuseppe, che gestivano a Moncalieri in provincia di Torino, la Sala Bingo più grande d'europa. Si è risaliti a questo episodio attraverso l analisi della messaggistica inerente a Salvatore LO PICCOLO. Si legge nel provvedimento dei magistrati palermitani che il titolare della sala Bingo era un palermitano diventato padrone di mezza Italia, e dall altro, alcuni amici dello stesso scrivente, trapiantati da 30 anni a Torino, intrattenevano ottimi rapporti con i calabresi controllori della zona (anno il comparato in tutti i sensi con i calabresi) i quali 62 E. FISICARO, Verifiche a metà per le case da gioco, in Il Sole 24 ore, , pag Al riguardo è significativo l articolo di C. GATTI, Scommesse, il gioco delle lobby, in Il Sole 24 ore, , pag C.A. COLOMBO e I. BETSOS MERZAGORA, Tentare nuoce: il gioco d'azzardo in criminologia e psicopatologia forense, in Riv. it. medicina legale 2002, 6, Si tratta del proc. pen. n /2007 R.G.N.R. della D.D.A. di Palermo, dove sono stati contestati i delitti di cui agli artt. 56, 629 c.p. e 7 l. 203/

9 ultimi, pertanto, non si sarebbero opposti a cedere l affare ai siciliani. Altra importante indagine, sempre a Palermo è stata quella denominata OLD BRIDGE, del Gennaio 2008, che ha messo in luce i collegamenti fra Cosa nostra e le famiglie americane, e in particolare l attività illecita di Maurizio DI FEDE, e la gestione in Italia dei videopoker, e in America delle scommesse sportive. In due punti scommesse, controllati da DI FEDE, a Palermo, che operavano grazie a licenze della società BETTING 2000, società riconducibile nell orbita di un importante famiglia della Camorra napoletana, guidata da Renato GRASSO, 66 sin dagli inizi degli anni 90, in qualità di affiliato al clan camorristico GRIMALDI operante nel quartiere Soccavo di Napoli, poi confluito nel cartello denominato NUOVA MAFIA FLEGREA. Il GRASSO sviluppava rapporti con IOVINE Mario alias Rifinì, a cui era stato affidato il controllo delle attività illecite svolte nel settore dei videopocker e del noleggio dei videogiochi, nell ambito del clan dei Casalesi. Altro personaggio emerso nella rete dei rapporti di GRASSO, è il profilo di PADOVANI Antonio, elemento contiguo alla criminalità catanese. La D.N.A. ha svolto un azione di coordinamento fra varie D.D.A., nonché la procura Generale della Repubblica di Catania. Al riguardo quest ultima è titolare di attività investigativa e processuale nei confronti di un imprenditore del settore dei supermercati, in esito a precedente avocazione, sono emersi profili di intermediazione soggettiva e significativi interessi di tale imprenditore anche nel settore del gioco di azzardo, attraverso una società gestita dal nipote dell imprenditore stesso ed aggiudicataria di concessioni da parte dell Amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato, per la gestione di ventotto negozi di gioco e novantatre punti di gioco per la somma di ,00 euro, (con la partecipazione associata ed illegittima di trentasei aziende partners, tra le quali una operante a Lecce). A suo tempo, la D.N.A., unitamente alle D.D.A. di Roma, Palermo, Catania e Milano, aveva analizzato il Rapporto di analisi presentato congiuntamente il dalla D.I.A. e dallo S.C.I.C.O. su Sale Bingo, concessioni da parte dell Amministrazione dei Monopoli nella rete telematica, sulle attività di un noto soggetto. Si tenne, al riguardo, una riunione di coordinamento nel Giugno del 2005, cui è seguita l apertura di indagini quantomeno presso la D.D.A. di Roma. Anche la D.D.A. di Napoli sta svolgendo attività di indagine nel settore, unitamente a quella di Roma. Infine, la Procura di Lecce ha avuto in carico un proc. pen. per falsità e truffa in relazione al gioco d azzardo, per reati che, sebbene non riconducibili formalmente all art. 51 comma 3 bis c.p.p., evidenziavano tuttavia profili di collegamento soggettivo con personaggi siciliani contigui alla criminalità organizzata. Tra le più importanti operazioni, condotte dalla Guardia di Finanza va segnalata innanzitutto quella realizzata nel mese di Novembre 2007 dal Nucleo di Polizia Tributaria e dal G.I.C.O. di Palermo, a seguito di articolate indagini economico - patrimoniali eseguite ex art. 2 bis l. n. 575 del 1965, è stato a sequestro di prevenzione un bene immobile, ad il soggetto sottoposto ad accertamenti, già condannato per associazione di tipo mafioso, risulta inserito in Cosa nostra, quale partecipe alle attività delittuose della famiglia mafiosa di Santa Maria di Gesù ed in particolare, in quelle connesse alla gestione del gioco clandestino e d azzardo. 66 Su cui più ampiamente cfr. C. GATTI, Scommesse la partita delle cosche, in Il Sole 24 ore, , pag

10 Nel mese di novembre 2007 il Nucleo di Polizia Tributaria e dal G.I.C.O. di Lecce, nell ambito di un operazione a contrasto delle truffe ai danni dello Stato, ha concluso accertamenti nei confronti di una società esercente l attività di gestione del gioco, delle lotterie, delle scommesse e delle case da gioco, amministrata da un soggetto collegato al clan malavitoso salentino ''DE LORENZI- S'' di Recale (LE). La società in questione è risultata, altresì, in rapporti di affari con analoga società ubicata in territorio catanese che si era aggiudicata, in uno ad altri partners, la gara pubblica ai Monopoli di Stato atti e documenti falsi. Nel mese di Dicembre 2007 il Nucleo di Polizia Tributaria e il G.I.C.O. di Catania, nell ambito dell operazione "Tutti - Devoti - Tutti", ha scoperto un associazione a delinquere di stampo mafioso, riconducile al clan SANTAPAOLA, operante tra Catania, Frosinone, Pavia, Avellino. In particolare, sono stati acquisiti circostanziati elementi circa il diretto interessamento di personaggi di spicco della menzionata famiglia mafiosa nella gestione e controllo dei festeggiamenti religiosi in onore di S. Agata, patrona della città di Catania, al fine di aumentare il potere intimidatorio nei confronti della collettività facendo presa su religiosità e devozione dei cittadini. La criminalità organizzata è risultata interessata ad aspetti prettamente economici ricollegabili ad iniziative non religiose di contorno ai festeggiamenti, sia lecite, come ad esempio bancarelle, fuochi d'artificio etc., sia illecite, come ad esempio scommesse. Nel mese di Aprile 2008 il Nucleo di Polizia Tributaria e il G.I.C.O. di Palermo ha condotto indagini sul conto di un soggetto già destinatario, unitamente ad altri ritenuti contigui alla famiglia mafiosa di S. Maria di Gesù, di misura cautelare in carcere per violazione all art. 416 bis c.p. emessa da G.I.P. Palermo. Sono state esperite attività di indagine economico - finanziarie che hanno consentito di appurare che il medesimo aveva fittiziamente intestato ad altri soggetti numerosi beni, individuati in 123 immobili, 9 società e quote relative ad imprese operanti nel settore della ristorazione e sale da gioco. Per quanto riguarda la Polizia di Stato, è a dirsi anzitutto che è stato istituito sin dal 2002 il Nucleo centrale della polizia dei giochi e delle scommesse che fa parte del Servizio centrale operativo della Direzione centrale anticrimine e coordina altri 26 nuclei interprovinciali. Questi, a loro volta, sono istituiti all'interno delle Sezioni criminalità organizzata delle squadre mobili distrettuali. Non va trascurato, data la crescente importanza del settore, che anche in tutte le altre questure sono presenti per ogni Squadra mobile almeno due operatori specializzati. Il 27 settembre 2007, a Milano e nelle province di Lecco, Pavia e Catania, nell ambito dell operazione OLD GAMES, gli investigatori del Nucleo della Polizia dei Giochi e delle Scommesse di quelle Squadre Mobili hanno eseguito 28 dei 34 provvedimenti restrittivi emessi dall Autorità giudiziaria nei confronti di altrettanti indagati, il primo dei quali era ZANTI Domenico, oltre ad altri 33 soggetti, per rispondere, a diverso titolo, di associazione per delinquere finalizzata all esercizio clandestino di scommesse e concorsi e di altri gravi delitti. L operazione segna l epilogo di complesse indagini, avviate nel 2005, che hanno consentito di individuare un gruppo criminale, strettamente collegato alla cosca catanese dei CURSOTI, dedita alle scommesse clandestine sui concorsi ippici presso numerosi punti SNAI cittadini e presso l ippodromo cittadino di San Siro. Gli indagati erano anche attivi nel controllo del gioco d azzardo praticato all interno di bische, create dagli stessi sodali, in circoli privati e bar. Il provento 266

11 delle attività delittuose consumate ammonterebbe ad una somma di circa di euro. Il 23 ottobre 2007, a Palermo, la Squadra Mobile e la D.I.A. hanno sequestrato le quote della società LAS VEGAS BINGO s.r.l., sala giochi sita nel rione di Villa Tasca, ritenuta una delle più grandi in Europa, fittiziamente intestata ad una famiglia di noti imprenditori palermitani, ma nella reale disponibilità di MARCIANÒ Vincenzo, MANNINO Alessandro e INZERILLO Rosario, già tratti in arresto nel corso della nota operazione Gotha (20 giugno 2006). Allo stesso modo è stato dimostrato come la società LAS VEGAS Bar s.a.s, sita all interno della sala giochi fosse nella disponibilità dell indiziato mafioso GRECO Salvatore. Nel corso delle indagini, svolte con l ausilio di intercettazioni telefoniche ed ambientali, le vicende afferenti la sala BINGO si sono intrecciate con ulteriori, complesse questioni relative alla fissazione di alleanze e di posizioni di leadership all interno dell organizzazione, connesse alla disputa tra i noti boss ROTOLO Antonino e LO PICCOLO Salvatore per il rientro in Italia degli scappati della seconda guerra di mafia. Il , a Siracusa, nell ambito dell operazione Game Over, la Squadra Mobile ha eseguito 10 provvedimenti restrittivi, emessi dalla locale Autorità Giudiziaria nei confronti di soggetti, affiliati alla cosca BOTTARO ATTANASIO ritenuti, a vario titolo, responsabili di associazione di tipo mafioso, estorsione ed altri gravi reati. Tra gli indagati figura VASQUES Pietro - titolare di alcune ditte di noleggio di macchinette videogiochi - il quale, a seguito di un accordo economico-criminale con il clan menzionato, era riuscito ad acquisire il monopolio della distribuzione di dette macchinette in tutto il territorio cittadino. In particolare, il VASQUES versava nelle casse del gruppo criminale una cospicua parte degli introiti mensili, corrispondente a 50/60 mila euro, in quanto era riuscito a manipolare i sistemi di collegamento in rete degli apparecchi da gioco con l A.A.M.S., sostituendo le schede originali con altre acquistate all estero ed alterando a proprio favore le percentuali di rischio della vincita. Nel medesimo contesto investigativo la Procura Distrettuale Antimafia ha disposto il sequestro preventivo del patrimonio aziendale e dei beni mobili ed immobili nella disponibilità del VASQUES, per un valore complessivo di circa di euro. Il , a Siena e Napoli, le rispettive Squadre Mobili hanno dato e- secuzione ad un provvedimento restrittivo, emesso dalla competente Autorità Giudiziaria nei confronti di 2 soggetti ritenuti responsabili di associazione per delinquere finalizzata alla spendita di banconote contraffatte, alla ricettazione, al furto, allo spaccio di sostanze stupefacenti ed alla commissione di truffe. Le attività investigative, avviate nell agosto del 2007, hanno evidenziato l operatività di un sodalizio, composto prevalentemente da allevatori e fantini, operante nella provincia senese, che realizzava truffe consistenti nella falsificazione della documentazione concernente cavalli da corsa, al fine di alterare i risultati di alcune competizioni sportive. Nel medesimo contesto investigativo, erano stati già tratti in arresto altri 4 soggetti organici al sodalizio malavitoso. Il , a Torino, nell'ambito dell'operazione denominata TT, la Squadra Mobile ha eseguito 6 provvedimenti restrittivi, emessi dalla competente Autorità giudiziaria, nei confronti di altrettanti indagati, chiamati a rispondere, a titolo diverso, di associazione mafiosa ed estorsione. L attività investigativa coordinata dalla Procura Distrettuale Antimafia di Torino segna la conclusione di complesse indagini, anche tecniche, che hanno consentito di far luce su una 267

12 ramificata organizzazione criminale di matrice calabrese che taglieggiava diverse sale da gioco illegali del capoluogo piemontese. In particolare, è stata accertata l attività estorsiva perpetrata da soggetti legati al clan CREA che obbligavano i gestori di bische clandestine a versare quote in denaro per le esigenze degli appartenenti all organizzazione criminale in stato di detenzione. Contestualmente, sono state effettuate perquisizioni domiciliari e sottoposti a sequestro preventivo 6 circoli privati utilizzati per la gestione del gioco d azzardo; Il , a Trapani e provincia, investigatori del Nucleo della Polizia dei Giochi e delle Scommesse della Squadra Mobile hanno dato esecuzione a 10 provvedimenti restrittivi (2 in carcere, 7 agli arresti domiciliari ed 1 con obbligo di firma), emessi dalla competente Autorità giudiziaria nei confronti di soggetti chiamati a rispondere, a titolo diverso, di associazione per delinquere, e- storsione, sfruttamento della prostituzione, usura e di altri gravi reati. Le investigazioni hanno fatto luce su un organizzazione criminale che, attraverso danneggiamenti ed intimidazioni, obbligava i gestori di alcuni locali pubblici di Castelvetrano (TP) ad installare all interno dei propri esercizi commerciali apparecchiature per i videogiochi del genere vietato, pretendendo poi la metà dei guadagni realizzati. Il sodalizio criminoso, inoltre, si occupava anche della gestione della prostituzione sul territorio reclutando, per tali scopi, giovani donne, in prevalenza straniere. 268

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all Indagine Fort Knox Roma, 08 aprile 2014 Indagine Fort Knox Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 21 NOVEMBRE 2007, N. 231 (PUBBLICATO NELLA G.U. N. 290 DEL 14 DICEMBRE 2007, S.O. N. 268) ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2005/60/CE CONCERNENTE LA PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE AREZZO

GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE AREZZO GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE AREZZO SENATO DELLA REPUBBLICA X COMMISSIONE (INDUSTRIA, COMMERCIO E TURISMO) INDAGINE FORT KNOX AUDIZIONE DEL Colonnello t.issmi Dario Solombrino Comandante Provinciale

Dettagli

dei cosiddetti ambienti dedicati

dei cosiddetti ambienti dedicati In risposta ad una richiesta di Sapar e con una propria circolare del 7 settembre l Amministrazione ha chiarito i vari dubbi interpretativi sugli ambienti dedicati introdotti dal Decreto del 22 gennaio

Dettagli

PARTE SPECIALE 3 Altri reati

PARTE SPECIALE 3 Altri reati MODELLO ORGANIZZATIVO ai sensi del D.Lgs. 231/2001 PAGINA 1 DI 13 - SOMMARIO 1. TIPOLOGIA DI REATI... 3 1.1 DELITTI CONTRO LA PERSONALITA INDIVIDUALE... 3 1.2 SICUREZZA SUL LAVORO... 3 1.3 RICETTAZIONE,

Dettagli

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art.

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. 1, comma 1, lett. m, della legge 28 aprile 2014, n. 67 RELAZIONE Lo

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni;

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; Prot. n. 4084 AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; VISTO l articolo 12, comma 1, lettera m), del decreto-legge

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34 TIMBRO PROTOCOLLO MODULO DI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (SUBINGRESSO NUOVA APERTURA (di cui art. 4 comma 5^ L.R. 14/2003) - CESSAZIONE VARIAZIONI

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 20 giugno 2012, n. 79 Misure urgenti per garantire la sicurezza dei cittadini, per assicurare la funzionalita' del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e di altre strutture dell'amministrazione

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Prot. R.U. 20990 IL DIRETTORE DELL AGENZIA Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni;

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Le infiltrazioni mafiose nel settore degli appalti pubblici

Le infiltrazioni mafiose nel settore degli appalti pubblici Capitolo VI Le infiltrazioni mafiose nel settore degli appalti pubblici di Maria Luisa Battaglia, Riccardo Mattei, Eleonora Pittari, Milena Antonella Rizzi So m m a r i o: VI.1. La documentazione antimafia:

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

I mezzi di impugnazione

I mezzi di impugnazione 4 I mezzi di impugnazione SOMMARIO 1. L appello previsto dall art. 310 c.p.p. 2. Il ricorso per Cassazione previsto dall art. 311 c.p.p. 2.1. La impossibilità di scelta per la difesa del c.d. ricorso per

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Dossier n 135 - Schede di lettura 12 gennaio 2015 Informazioni sugli

Dettagli

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti.

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. L. 14 gennaio 1994, n. 20 (1). (commento di giurisprudenza) Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 14 gennaio 1994, n. 10. 1. Azione

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

GENERAL MOTORS ITALIA S.R.L.

GENERAL MOTORS ITALIA S.R.L. GENERAL MOTORS ITALIA S.R.L. Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex art. 6, 3 comma, Decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche,

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli