TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II"

Transcript

1 TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. Facoltà di Economia anno aprile 2012

2 Il PERCORSO TEMI SPECIALI DI BILANCIO II Modulo Quadro normativo Informativa e nuovo set di principi Documenti finali di transizione e IAS 7 IAS 1 IFRS 1 IAS 38 IAS 16 IAS 17 IAS 2 IAS 18 IFRS 5 IAS 32, 39, IFRS 7 IFRS 3 IAS 37 IAS 21 e 24 IAS 12 IAS 8 e 10 IFRS 8 IAS 36 IAS 19 2

3 Agenda 1. Principio: milestones 2. Esempi di applicazione 3. Transizione Vela S.p.A. 3

4 Struttura del principio Finalità, Ambito di applicazione, Definizioni Compensi a breve termine per i dipendenti Compensi successivi al rapporto di lavoro Altri compensi a lungo termine per i dipendenti Indennità di fine rapporto Compensi retributivi legati alla partecipazione agli utili 4

5 Finalità ( Finalità) Definire il trattamento contabile dei benefici per i dipendenti tempistica di rilevazione e modalità di determinazione della passività determinazione del costo Definire l informativa da fornire per i benefici per i dipendenti deve essere applicato dal datore di lavoro (ad eccezione dei pagamenti basati su azioni = Irfs 2) 5

6 Ambito di applicazione ( 3-4) Lo IAS 19 si applica a tutti i benefici per i dipendenti, inclusi Benefici a breve termine Benefici successivi al rapporto di lavoro Benefici a lungo termine Indennità di fine rapporto 6

7 Benefici a breve termine Definizione ( 7-8) I benefici a breve termine sono Benefici concessi ai dipendenti che... sono dovuti entro i dodici mesi successivi alla conclusione dell'esercizio nel quale i dipendenti hanno prestato l attività lavorativa relativa salari, stipendi, relativi contributi sociali, pagamento indennità sostitutive di ferie e malattia, incentivazioni e benefici non monetari (abitazione, auto aziendale, ) 7

8 Benefici a breve termine Rilevazione ( 10) Requisiti per la rilevazione Quando i servizi sono resi Quando i benefici sono acquisiti Ammontare non attualizzato Dedotto qualsiasi importo già corrisposto 8

9 Benefici a breve termine Assenze retribuite ( 11-16) 2 categorie assenze retribuite soggette a maturazione accumulabili rilevare la passività pari al costo del mancato esercizio del diritto maturato alla data di chiusura dell'esercizio (l obbligazione sorge nel momento in cui viene resa l attività lavorativa che fa maturare il diritto a future assenze retributive = ferie) non soggette a maturazione non accumulabili (non si portano a nuovo negli esercizi successivi non danno diritto un pagamento monetario in cambio del diritto non utilizzato = assenze per malattia) rilevare il costo quando le assenze si verificano 9

10 Esempio 1 Benefici non riportabili al futuro Dati Un impresa ha 150 dipendenti, ognuno dei quali ha diritto ogni anno a otto giorni di assenza retribuita per malattia. Il diritto ad assenze retribuite per malattia non utilizzato non può essere riportato all anno successivo. I dipendenti non hanno diritto nemmeno a pagamenti in denaro a fronte del diritto ad essenze per malattia non utilizzato alla fine del rapporto di lavoro. L impresa sta preparando il bilancio intermedio per il primo trimestre dell esercizio. La direzione sta cercando di capire se un quarto del diritto annuale ad assenze retribuite per malattia deve essere accantonato perchè le assenze per malattia possono essere utilizzate nei successivi tre trimestri. Il par. 11(b) dello IAS 19 stabilisce che, nel caso di assenze retribuite che non si accumulano, l impresa deve contabilizzare il costo previsto dei benefici a breve termine ai dipendenti solo quando l assenza si verifica. Quando si deve contabilizzare il costo previsto dei permessi per malattia retribuiti che non si accumulano? Soluzione L impresa non deve contabilizzare una passività per permessi retribuiti per malattia inutilizzati. L utilizzo dei permessi è determinato da eventi futuri imprevedibili, cioè la malattia del dipendente, che non sono una scelta del dipendente. Un basso livello di malattie nel primo trimestre non causa un più alto livello di malattie nei trimestri futuri. 10

11 Esempio 2 Ferie annuali Dati I dipendenti dell impresa Z possono riportare all esercizio successivo le ferie annuali inutilizzate per utilizzarle in futuro. Due dipendenti hanno ferie non utilizzate come segue: Numero di giorni Costo annuale (compresi contributi) Dipendente Dipendente I dipendenti non lavorano nei fine settimana e pertanto il numero dei giorni lavorativi, senza tener conto delle ferie è 261 ( ). Si deve inserire nel bilancio una passività per le ferie non usufruite dai dipendenti? Soluzione Nel bilancio si deve indicare una passività per ferie non godute di 2.183: Dipendente 1 6/261 x = Dipendente 2 10/261 x = Totale I dipendenti hanno prestato durante l anno servizi che danno loro diritto a futuri periodi di ferie. Il costo di queste ferie non godute alla fine dell esercizio soddisfa la definizione di passività: una passività è un obbligazione corrente derivante da eventi passati, il cui regolamento ci si attende provocherà un deflusso di risorse economiche. Comunque l obbligazione esiste soltanto perché i dipendenti possono utilizzare successivamente le ferie non godute. Le ferie che non possono essere utilizzate nell esercizio successivo non creano un obbligazione e conseguentemente non deve essere contabilizzata una passività. 11

12 Benefici a breve termine Partecipazione agli utili e programmi di incentivazione ( 17) Si rileva la passività quando, e solo quando Esiste un'obbligazione effettiva, giuridica o implicita L'impresa non ha alternative realistiche all'effettuazione dei pagamenti (obbligazione attuale) Come conseguenza di eventi passati Può essere fatta una stima attendibile della passività 12

13 Benefici a breve termine Partecipazione agli utili e programmi di incentivazione ( 20) Una stima attendibile della passività può essere fatta quando, e solo quando le condizioni formali del programma contengono una formula per determinare l'ammontare del beneficio l'impresa determina gli ammontari da pagare prima della pubblicazione del bilancio d'esercizio; o le prassi del passato forniscono una chiara evidenza che l'obbligazione esiste 13

14 Esempio3 Bonus Dati Un commerciante di automobili ha l abitudine di pagare bonus basati sul rendimento del personale commerciale. L evidenza del passato dimostra che il personale che ha raggiunto gli obiettivi di vendita ha ricevuto un premio del 10% dello stipendio annuale a fine esercizio. Il personale di vendita che non è stato in servizio per l intero esercizio ha ricevuto un bonus proporzionato alla durata del servizio prestato. I bonus sono pagati al personale di vendita che è ancora in servizio nel primo trimestre dell anno successivo. Alla fine dell esercizio 9 venditori hanno raggiunto i loro obiettivi. Tre di essi sono stati assunti nel corso dell esercizio, ed uno ha lasciato l azienda alla fine dell anno. Il costo previsto che risulta dal piano di bonus deve essere contabilizzato tra i benefici a breve termine ai dipendenti? Soluzione Il commerciante di auto deve contabilizzare una passività per il costo previsto dei bonus da pagare nell anno successivo per le seguenti ragioni: a) il commerciante ha creato una valida aspettativa tra il personale commerciale che essi riceveranno il bonus se avranno raggiunto i loro obiettivi di vendita e saranno ancora in servizio quando i bonus saranno pagati, cioè vi è un obbligazione di fatto; b) l ammontare del pagamento può essere stimato attendibilmente. Ci sono cinque persone che riceveranno un bonus del 10% della loro retribuzione e tre che riceveranno il 5% perché il loro rapporto di lavoro è iniziato a metà dell esercizio. Non deve essere contabilizzata nessuna passività per il dipendente che ha dato le dimissioni a fine anno perché ha lasciato l impresa prima del pagamento dei bonus e pertanto non riceverà il pagamento. 14

15 Benefici a breve termine Informativa ( 23) IAS 19 Nessuno specifico requisito IAS 24 Informazioni sui benefici concessi al personale manageriale IAS 1 Ammontare del costo del personale 15

16 Benefici successivi al rapporto di lavoro Struttura del principio ( 25) Piani a contributi definiti Piani a benefici definiti 16

17 Benefici successivi al rapporto di lavoro Definizioni Benefici successivi al rapporto di lavoro = benefici da corrispondere dopo il completamento del rapporto di lavoro Programmi che prevedono benefici successivi al rapporto di lavoro accordi in base ai quali un'impresa eroga compensi successivamente al termine del rapporto di lavoro a uno o più dipendenti 17

18 Benefici successivi al rapporto di lavoro PCD ( 25) Piani a contributi definiti Contributi fissi pagati a una entità separata (fondo, Stato, ecc.) Non vi sono obbligazioni a pagare contribuzioni aggiuntive l obbligazione della Società è limitata all ammontare dei contributi da versare e di conseguenza il rischio attuariale (che i benefici siano inferiori a quelli attesi) ed il rischio di investimento (che le attività investite siano insufficienti a soddisfare i benefici attesi) ricadono sul dipendente 18

19 Piani a contributi definiti ( ) Rilevare la passività per contributi da corrispondere quando i servizi sono resi contributi già pagati > contributi dovuti rilevare una attività prepagata, se recuperabile Attualizzare i contributi dovuti > 12 mesi ( 46-47) Informativa Un'impresa deve indicare l'ammontare rilevato come costo per programmi a contributi definiti 19

20 Piani a benefici definiti Qual è la passività per l impresa? Tempo 20

21 Contabilizzazione ( 48) Lo IAS 19 evidenzia la complessità della contabilizzazione delle prestazioni classificate come piani a benefici definiti; la determinazione del valore dell impegno per l azienda e del costo dell anno necessita infatti di ipotesi attuariali che possono evidentemente condurre ad utili o perdite attuariali. Tra l altro, richiede di stimare in modo affidabile, con l utilizzo di tecniche attuariali, l ammontare delle prestazioni maturate dai dipendenti in cambio dell attività lavorativa prestata nell esercizio corrente e in quelli precedenti e di attualizzare tali prestazioni al fine di determinare il valore attuale degli impegni dell azienda. 21

22 Piani a benefici definiti Rilevazione nello S/P ( 50-60) La passività per piani a benefici definiti è rilevata come segue = + valore attuale della passività a benefici definiti - valore corrente delle attività del piano +/- utili e perdite attuariali non rilevati - costo per servizi passati non ancora rilevato ( 96) 22

23 Piani a benefici definiti Rilevazione nel C/E ( 61) Rilevazione come costo o ricavo costo per servizi correnti oneri finanziari rendimento atteso di ogni attività del programma e di ogni diritto di rimborso utili e perdite attuariali costo per prestazioni di lavoro passate effetto di qualsiasi riduzione o estinzione 23

24 Piani a benefici definiti Steps ( 64-66) La rilevazione contabile dei piani a benefici definiti richiede di determinare L ammontare dei benefici spettanti ai dipendenti usando tecniche attuariali Per attribuire i benefici ai vari periodi Stimando le variabili finanziarie e demografiche Il valore attuale dell obbligazione e il costo per le prestazioni lavorative correnti usando il Projected Unit Credit Method... 24

25 Piani a benefici definiti Steps La rilevazione contabile dei piani a benefici definiti richiede di determinare Il valore corrente di ogni attività del programma Gli utili o le perdite attuariali Il costo per prestazioni lavorative passate Gli utili o le perdite derivanti da qualsiasi riduzione o estinzione 25

26 Piani a benefici definiti Data di valutazione ( 56) La valutazione del PV delle passività a benefici definiti e del FV di ogni attività del programma deve essere fatta con sufficiente regolarità gli importi non devono differire significativamente dagli ammontari che sarebbero determinati alla data di bilancio ( 57) Il coinvolgimento di un attuario è incoraggiato ma non richiesto 26

27 Piani a benefici definiti Metodi di valutazione attuariali ( 65) Il Projected Unit Credit Method deve essere utilizzato per determinare il valore attuale (PV) dei piani a benefici definiti PUCM = è l unico metodo di valutazione attuariale accettato dallo IAS 19 27

28 Piani a benefici definiti Attribuzione dei benefici ( 67) Il beneficio deve essere attribuito ai periodi di lavoro secondo la formula dei benefici del programma ( 67) Se negli ultimi anni il livello del beneficio risulta sensibilmente più alto di quello dei periodi precedenti, questo deve essere attribuito a quote costanti: Da quando inizia a maturare il beneficio Sino a quando le ulteriori attività prestate dal dipendente fanno maturare benefici inferiori 28

29 Piani a benefici definiti Ipotesi attuariali ( 72-77) Le ipotesi attuariali devono essere obiettive e tra loro compatibili ipotesi demografiche mortalità, turnover, invalidità e pensionamento anticipato... ( 78-82) ipotesi finanziarie tasso di sconto, livelli delle retribuzioni e dei benfici futuri, tasso di rendimento atteso delle attività del programma Le ipotesi attuariali devono basarsi sulle attese di mercato 29

30 Piani a benefici definiti Ipotesi attuariali Tasso di sconto ( 78) Rendimento di mercato di titoli obbligazionari di aziende primarie nei Paesi in cui il mercato di tali titoli non è esteso, devono essere utilizzati i rendimenti di mercato dei titoli di stato ( 78) La valuta e le condizioni dei titoli devono essere coerenti con la valuta e le condizioni previste delle obbligazioni a benefici definiti 30

31 Piani a benefici definiti Ipotesi attuariali ( 83) Altre ipotesi attuariali Incrementi retributivi futuri stimati Benefici esposti nelle condizioni del programma alla data del bilancio Le variazioni future stimate del livello di qualsiasi beneficio statale che influisca sui benefici previsti da un programma 31

32 Esempio 4 Piani a prestazione definita Assunzioni E prevista l erogazione di una somma pari all 1% della retrubuzione annua (per ogni anno) al termine del rapporto Il salario è di 10,000 nell anno 1, con un increase del 7% ogni anno (salario finale 13,108). Il tasso di attualizzazione è del 10% annuo. La tabella successiva mostra come si movimenta l obbligazione (sino alla fine del periodo 5) 32

33 Esempio 4 Piani a prestazione definita Stima dell obbligazione finale YEAR Beneficio attribuibile a:: - esercizi precedenti esercizio corrente (1% salario finale) esercizio corrente e precedenti Ammontare del beneficio alla fine dell anno 5 (obbligazione finale):

34 Esempio 4 Piani a prestazione definita IAS 19 - contabilizzazione YEAR Obbligazione iniziale (a) Interesse al 10% (a) x [1+10%] Costi relativi a prestazioni attuali Obbligazione finale = 131 * 0,68 (valore attuale dell'o bbligazio ne) 98 = 131 * 0,75 (valore attuale dell'o bbligazio ne) 9 = 90 * 10% (incremento dell'o bbligazio ne iniziale) =1/(1,1)^4 =1/(1,1)^3 34

35 Esempio 4 Piani a prestazione definita IAS 19 - contabilizzazione La tabella seguente mostra gli effetti di una contabilizzazione a quote costanti confrontata con quella IAS Current and prior years Closing obligation Years 35

36 Piani a benefici definiti Attività del piano ( ) Le attività del piano comprendono Attività possedute da un fondo a benefici definiti; e Polizze di assicurazione Il fondo è legalmente separato dalla società ed esiste solo per pagare i benefici ai dipendenti Le polizze possono essere usate solo per pagare i benefici ai dipendenti e non sono disponibili per i creditori o per la società a meno che determinate condizioni siano soddisfatte 36

37 Piani a benefici definiti Attività del piano ( 102) Le attività del piano devono essere valutate a fair value Prezzo di mercato Se non c è un mercato, discounted cash flows ( ) Rendimento delle attività del programma Basate sulle aspettative di mercato Dedotti i costi amministrativi 37

38 Piani a benefici definiti Diritti di rimborso Se il rimborso è virtualmente certo rilevare una attività separata Trattare l attività allo stesso modo delle attività del piano La rappresentazione nel C/E al netto è permessa 38

39 Piani a benefici definiti Utili e perdite attuariali ( 92-95) Gli utili e le perdite attuariali comprendono Gli effettivi aggiustamenti differenze fra precedenti stime e quanto è realmente accaduto L effetto del cambiamento nelle ipotesi attuariali Gli utili e le perdite attuariali devono essere interamente rilevate a Patrimonio netto (con l eliminazione del metodo del corridorio da parte del nuovo IAS 19, applicabile dal 1 gennaio 2013). Si dovrà predisporre obbligatoriamente il prospetto degli utili/perdite iscritte a PN. 39

40 Esempio 5 Scrittura accantonamento TFR Effetti della contabilizzazione IAS 19 sul Bilancio La tabella seguente mostra le voci considerate nella contabilizzazione di un Defined Benefit: Scrittura Accantonamento TFR secondo IAS 19 Dare Avere Fondo TFR Service cost Interest cost Riserva utili/perdite attuariali Credito per imposte anticipate Riserva utili/perdite attuariali

41 Piani a benefici definiti Costo delle prestazioni lavorative passate ( ) Costo delle prestazioni lavorative passate Emergono quando un impresa introduce un piano a benefici definiti cambia i benefici da riconoscere in base ad un piano a benefici definiti già esistente 41

42 Piani a benefici definiti Costo delle prestazioni lavorative passate Costo delle prestazioni lavorative passate imputazione fra le spese a quote costanti lungo il periodo medio fino a che i benefici diventano acquisiti immediatamente, se i benefici sono già acquisiti immediatamente dopo l introduzione del piano 42

43 Piani a benefici definiti Riduzioni /estinzioni ( ) Una riduzione del piano avviene quando C è una significativa riduzione nel numero di dipendenti coperti dal piano Modifiche nei termini del piano tali da comportare una perdita significativa / riduzione dei benefici per prestazioni future esempi: chiusura di uno stabilimento, ristrutturazioni, sospensione o chiusura di un piano 43

44 Piani a benefici definiti Riduzioni /estinzioni Una estinzione avviene quando Una operazione elimina tutte le obbligazioni legali future per tutti o una parte dei benefici del piano L acquisizione di diritti attraverso una polizza assicurativa non è una estinzione se l impresa mantiene una obbligazione 44

45 Piani a benefici definiti Riduzioni /estinzioni Rilevare gli utili e le perdite immediatamente Gli utili e le perdite includono Ogni cambiamento nel PV delle passività a benefici definiti Ogni cambiamento nel FV delle attività del programma Ogni utile o perdita attuariale, e ogni costo per prestazioni passate non precedentemente rilevato 45

46 Esempio 6 TFR e riforma previdenza TFR IAS 19 legge 296/ Modifica normativa TFR maturato e TFR maturando dal (adesione a fondi pensioni complementari o mantenimento del TFR in azienda conseguente versamento all INPS) TFR maturando Versamenti a fondi pensioni complementari DCP Versamenti all INPS: DCP: l impresa non sopporta alcun rischio attuariale TFR maturato Valutazione della passività maturata al senza applicazione del pro rata -> Curtailment a CE Actuarial gain/losses secondo policy contabile 46

47 Piani a benefici definiti Presentazione Non ci sono specifici requirements per distinzione fra corrente/non corrente ( 118) presentazione nel conto economico per costo per prestazioni lavorative correnti oneri finanziari rendimento atteso delle attività di programma 47

48 Piani a benefici definiti Informativa ( ) Politica contabile per la rilevazione degli utili e delle perdite attuariali Descrizione generale del tipo di piano Una riconciliazione delle attività e delle passività rilevate nello stato patrimoniale Valore corrente di qualsiasi attività del programma Un prospetto che mostri i movimenti nel periodo nella passività netta (attività) rilevata Importo e linea di bilancio per gli items rilevati nel conto economico Il rendimento effettivo delle attività del programma e dei diritti di rimborso Le principali ipotesi attuariali utilizzate IAS 24 Operazioni con related parties riguardanti piani a benefici definiti Benefici per il personale manageriale 48

49 Altri benefici a lungo termine Struttura del principio ( ) Definizione Rilevazione e valutazione Informativa 49

50 Benefici a lungo termine diversi Definizione ( 126) Benefici ai dipendenti da corrispondere oltre 12 mesi dopo la fine del servizio Assenze a lungo termine retribuite Altri benefici a lungo termine Retribuzioni differite pagate 12 mesi dopo il periodo in cui sono maturate... 50

51 Benefici a lungo termine diversi Rilevazione e valutazione ( 127) Rilevazione = come per i benefici successivi, ad eccezione di Tutti gli utili e perdite attuariali sono rilevati immediatamente Tutti i costi per servizi lavorativi passati sono rilevati immediatamente 51

52 Benefici a lungo termine diversi Informativa IAS 19 ( 131) Nessuno specifico requirement IAS 8 e IAS 24 Se la dimensione, la natura o l incidenza può spiegare le performance Altri benefici a lungo termine per il personale dell alta direzione 52

53 Indennità di fine rapporto Struttura del principio ( ) Definizione Rilevazione Valutazione Informativa 53

54 Indennità di fine rapporto Definizione ( 132) Le indennità di fine rapporto sono benefici da corrispondere ai dipendenti in seguito a Una decisione aziendale di concludere un rapporto di lavoro prima della normale data di estinzione Una decisione di un dipendente di accettare la conclusione del rapporto di lavoro in cambio di un incentivo monetario 54

55 Indennità di fine rapporto Rilevazione ( 133) Rilevazione quando l impresa è impegnata, e lo può dimostrare, a Concludere il rapporto di lavoro prima della normale data di pensionamento; o Erogare compensi di fine rapporto per incentivare dimissioni volontarie 55

56 Indennità di fine rapporto Rilevazione ( 134) L impegno è dimostrato da un piano formale dettagliato che include la localizzazione, la funzione, e il numero approssimativo di dipendenti il cui rapporto di lavoro deve essere interrotto i compensi di fine rapporto per ciascuna categoria di lavoratori e funzioni i tempi in cui il programma sarà realizzato senza possibilità di recesso realistiche 56

57 Indennità di fine rapporto Valutazione ( ) I benefici che scadono > 12 mesi dopo la data di bilancio attualizzati Gli incentivi per dimissioni volontarie la passività è basata sul numero di dipendenti che si prevede accetteranno l offerta 57

58 Esempio 7 Indennità di licenziamento Dati Un impresa ha l obbligo legale di adottare un piano di indennità di fine rapporto secondo il quale il dipendente dimesso per qualsiasi ragione riceve un mese di stipendio per ogni anno di servizio. Il personale di livello più elevato ha diritto ad un trattamento più favorevole. Il beneficio non è condizionato all impiego futuro e matura alla data del bilancio. L impresa intende calcolare l obbligazione assumendo che i rapporti di lavoro cessino tutti alla data del bilancio. La passività per indennità di fine rapporto deve riflettere l ipotesi che tutto il personale che ne ha diritto si dimetta alla data del bilancio? Soluzione No, questo è un piano a prestazione definita. Il datore di lavoro deve calcolare la passività utilizzando i metodi attuariali previsti dallo IAS 19. L impresa ha un obbligazione legale a pagare l indennità di fine rapporto, calcolata con riferimento allo stipendio del dipendente ed alla durata del rapporto di lavoro. Il datore di lavoro sopporta un rischio attuariale pertanto questo è uno schema a prestazione definita. Una valutazione attuariale della passività include una stima dei futuri incrementi salariali, delle promozioni e del loro impatto sul livello delle prestazioni. Questo calcolo riflette l obbligazione del datore di lavoro. Una passività calcolata senza riferimento ai futuri incrementi salariali sottovaluterebbe la passività posticipando i costi per l indennità di fine rapporto. 58

59 Indennità di fine rapporto Informativa IAS 19 ( ) Nessuno specifico requirement Altri IAS IAS 37 IAS 8 IAS 24 59

60 IAS 19 DIAGNOSI RISULTATI VOCE DI BILANCIO ITA GAAP 12) Benefici per dipendenti (TFR della società italiana) IFRS/IAS IAS 19 RISULTATI Secondo l interpretazione dell IFRS Board, il TFR rappresenta un piano a benefici definiti e, pertanto, deve essere valutato secondo le modalità previste dallo IAS 19. A tal fine è necessario incaricare un attuario che determini la passività per TFR della società alla data di transizione e alle date successive. 60

61 FTA SCRITTURA N. 12: TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO IL PRINCIPIO CONTABILE Secondo lo IAS 19, in presenza di un PIANO A BENEFICI DEFINITI, è necessario stimare la passività complessiva verso i dipendenti in forza alla data di redazione del bilancio e attualizzare tale importo alla data di bilancio. La stima della passività totale si basa su calcoli attuariali che valutano le politiche retributive e di avanzamento di carriera delle aziende del Gruppo, il tasso di turnover, l età media e la composizione dei dipendenti, il tasso di inflazione atteso. VELA SpA ha affidato ad un attuario esterno il calcolo della passività derivante dal TFR al Per BETA CZ non esiste nessun piano pensionistico. I dati inclusi nella relazione dell attuario sono: Valutazione al Defined Benefit Obligation 100 Current concern Provision (TFR civilistico) 150 Differenza 50 Descrizione DR CR SCRITTURA DI RETTIFICA N. 12 FTA (tax rate 27,5%) SP Imposte anticipate 14 SP Riserva di FTA 36 SP TFR

62 LIBRO DI TESTO RIFERIMENTI IAS 19: Benefici per i dipendenti 62

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Rimini, 26 aprile 2006 1 The Inter temporal Effects of International Trade Valore in $ del consumo di beni oggi G D F H 1/(1+r) G Valore

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

Fondi per rischi e oneri e Trattamento di Fine Rapporto

Fondi per rischi e oneri e Trattamento di Fine Rapporto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Fondi per rischi e oneri e Trattamento di Fine Rapporto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato)

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato) (Progetto Esemplificativo Standardizzato) Il presente progetto esemplificativo contiene una stima della pensione complementare predisposta per consentirti una valutazione sintetica e prospettica del programma

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI

I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI OIC 16: Immobilizzazioni materiali OIC 24: Immobilizzazioni immateriali OIC 9: Svalutazioni per perdite

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Sommario. Definizione 3

Sommario. Definizione 3 Sommario Definizione 3 1. Contratto di solidarietà difensivo 4 1.1 Contenuto del contratto 7 1.2 Riflessi sul rapporto di lavoro 15 1.3 codici autorizzazione Inps 17 2. Contratto di solidarietà espansivo

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli