L ACCERTAMENTO SINTETICO REDDITOMETRICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ACCERTAMENTO SINTETICO REDDITOMETRICO"

Transcript

1 MAURO NICOLA PREDIDENTE ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI NOVARA REVISORE LEGALE MEMBRO DELLA COMM. II. DD. DEL CNDCEC L ACCERTAMENTO SINTETICO REDDITOMETRICO

2 IL NUOVO REDDITOMETRO POST LEGGE 122/10 STUDIO DI SETTORE PER NUCLEI FAMILIARI Premessa Al fine di rendere efficiente ed efficace la lotta all evasione fiscale e nel contempo attivare maggiori garanzie per il contribuente, l art.22 della manovra correttiva (D.L.31 maggio 2010 n.78 convertito con modificazione legge 30 luglio 2010 n.122) ha modificato le regole relative all accertamento da redditometro delle persone fisiche. In tema di reddito netto, la norma originaria risale al 1992 e dopo 18 anni dall entrata in vigore della stessa, il legislatore fa un sostanzioso lifting agli elementi specifici per la determinazione sintetica dell istituto. Il concetto di base rileva che, per ogni spesa sostenuta bisogna essere sempre in grado di dimostrare la capacità economica di sostenere la stessa e, nel caso contrario la dimostrazione della provenienza esterna della somma corrispondente. Il redditometro, quindi, non è legato ad una tipologia di reddito specifico (lavoro dipendente, redditi immobiliari, partecipazioni societarie, redditi di lavoro autonomo o d impresa), ma se non dimostrata la provenienza, il reddito omesso viene considerato sempre come reddito di capitale. Il contribuente che subisce un accertamento da redditometro potrà giustificare lo scostamento con l utilizzo di somme altrui (documentati); in tal caso l accertamento si sposterà su tale soggetto per verificarne la relativa congruenza. La nuova formulazione del redditometro consente all Agenzia delle Entrate di quantificare il reddito imponibile delle persone fisiche in relazione diretta al tenore di vita degli stessi. A tal fine l Ufficio competente all accertamento potrà determinare sinteticamente il reddito complessivo di una persona fisica applicando indici di capacità contributiva individuati da apposito Decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze da pubblicarsi sulla Gazzetta Ufficiale con periodicità biennale. Tali indici di capacità contributiva faranno riferimento a due parametri: 1. il nucleo familiare; 2. area territoriale di appartenenza. Tempi di applicazione del nuovo redditometro In relazione ai tempi di applicazione della normativa sul nuovo redditometro, l art.22 della manovra correttiva prevede che: il nuovo redditometro troverà applicazione con riferimento agli avvisi di accertamento relativi ai redditi per i quali il termine di dichiarazione non è ancora scaduto alla data di entrata in vigore del presente decreto. In relazione a quanto evidenziato si evince che per gli accertamenti riguardanti i redditi fino all anno 2008 sarà applicata la vecchia normativa di cui all art. 38 DPR 600/73, mentre per gli accertamenti relativi ai redditi 2009 e seguenti saranno effettuati applicando la nuova normativa sul redditometro. VECCHIO REDDITOMETRO REDDITI FINO AL 2008 NUOVO REDDITOMETRO REDDITI DAL 2009 E SS. Reddito complessivo sintetico del contribuente determinato sulla base delle spese sostenute: Art. 38 comma 4

3 Il nuovo articolo 38 comma 4 DPR 600/73, riformulato dall art.22 della manovra correttiva, recita come segue: L Ufficio, indipendentemente dalle disposizioni recate dai commi precedenti e dall articolo 39, può sempre determinare sinteticamente il reddito complessivo del contribuente sulla base delle spese di qualsiasi genere sostenute nel corso del periodo di imposta, salva la prova che il relativo finanziamento è avvenuto con redditi diversi da quelli posseduti nello stesso periodo di imposta, o con redditi esenti o soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d imposta o, comunque, legalmente esclusi dalla formazione della base imponibile. Dalla lettura dell articolo de quo si rileva che l Agenzia delle Entrate, senza l ausilio di indici e coefficienti stabiliti da decreti ministeriali, ma sulla base delle spese di qualsiasi genere sostenute dal contribuente nel corso del periodo di imposta individuato, può ricostruire sinteticamente il reddito complessivo dello stesso. In relazione al concetto di spese di qualsiasi genere sostenute nel periodo di imposta si evidenzia che le stesse si possono suddividere in: spese per consumi e spese per incrementi patrimoniali. Presuntivamente le spese appena indicate si presumono sostenute attraverso i redditi prodotti dalla persona fisica nell anno di riferimento. Si è provveduto a raccordare in una tabella riepilogativa le possibili spese di riferimento a disposizione dell Amministrazione Finanziaria per la determinazione, sulla base di indici di redditività, del reddito sintetico in capo al contribuente persona fisica: Spese relative agli immobili Spese relative ai mezzi di trasporto Spese relative al tempo libero Rate del mutuo immobiliare Acquisto di auto di lusso Pagamento di quote di iscrizione a circoli sportivi Sostenimento di spese per la ristrutturazione degli immobili - Canoni di leasing immobiliari - Sostenimento di spese per arredi di lusso di abitazione - Consumi di energia e gas Pagamento di rette consistenti per la Acquisto di minicar frequentazione di scuole private particolarmente costose - Assidua frequentazione di case da Canoni di leasing per gioco l acquisto di autovetture - Partecipazione ad aste - Esecuzione di frequenti viaggi e crociere Pagamento per le prestazioni di collaboratori domestici - Acquisto di gioielli ed opere d arte Canoni per l affitto di posti - Esecuzione di hobby particolarmente barca costosi quali ad esempio la partecipazione a gare automobilistiche, rally, gare di motonautica, ecc. Reddito complessivo sintetico del contribuente determinato sulla base di elementi indicativi di capacità contributiva: Art. 38 comma 5 La versione post D.L. 78/10 dell art. 38 comma 5 DPR 600/73 recita come segue: La determinazione sintetica può essere altresì fondata sul contenuto induttivo di elementi indicativi di capacità contributiva individuato mediante l analisi di campioni significativi di contribuenti, differenziati anche in funzione del nucleo familiare e dell area territoriale di appartenenza, con decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze da pubblicare nella Gazzetta ufficiale con periodicità biennale. In tal caso è fatta salva per il contribuente la prova contraria di cui al quarto comma. Bisogna osservare che la ricostruzione sintetica del reddito complessivo della persona fisica mediante gli indici di capacità contributiva risulta essere procedura aggiuntiva e non alternativa alla procedura basata sull effettivo sostenimento della spesa per consumi e spesa per incrementi patrimoniali da effettuare nell anno di riferimento.

4 A tal proposito si ricorda, come già evidenziato, che la formulazione del nuovo art.38 comma 5 prevede la composizione dei campioni di contribuente in relazione alla composizione del nucleo familiare e dell area territoriale di riferimento. Condizioni per la determinazione sintetica del reddito complessivo del contribuente: Art. 38 comma 6 Il comma 6 dell art.38 rileva quanto segue: La determinazione sintetica del reddito complessivo di cui ai precedenti commi è ammessa a condizione che il reddito complessivo accertabile ecceda di almeno un quinto quello dichiarato. L articolo in questione prevede la riduzione dell entità dello scostamento tra reddito accertato e reddito dichiarato dalla percentuale del 25% a quella del 20%. In base a quanto evidenziato, l Agenzia delle Entrate potrà effettuare l avviso di accertamento quando il reddito accertato al contribuente risulta essere superiore almeno al 20% del reddito dichiarato dalla persona fisica. Percentuale di scostamento Redditi 25% Redditi fino al % Redditi dal 2009 e seguenti La nuova versione dell art.38 comma 6 prevede da parte dell Amministrazione finanziaria, la possibilità di procedere ad avvisi di accertamento nei confronti di persona fisica, qualora la stessa, sia in possesso di redditi non congrui anche solo per l anno oggetto di verifica non essendo più necessaria la non congruità per almeno due periodi di imposta. Congruità Redditi Almeno due periodi di imposta Fino al 2008 Non congruità 20% Dal 2009 e seguenti Determinazione sintetica del reddito complessivo: invito al contraddittorio e accertamento con adesione: Art. 38 comma 7 La previsione normativa post legge 122/10 dell art.38 comma 7 DPR 600/73 recita come segue: L Ufficio che procede alla determinazione sintetica del reddito complessivo ha l obbligo di invitare il contribuente a comparire di persona o per mezzo di rappresentanti per fornire dati e notizie rilevanti ai fini dell accertamento e successivamente, di avviare il procedimento di accertamento con adesione ai sensi dell articolo 5 del decreto legislativo 19 giugno 1997, n.218. Per una maggiore tutela nei confronti del contribuente accertato, la manovra correttiva ha stabilito l obbligo da parte dell Amministrazione finanziaria di attivare ed instaurare preventivamente la fase del contraddittorio. - invito al contraddittorio

5 in tale ottica, l Agenzia procede ad invitare il contribuente a comparire di persona o per mezzo di rappresentante per fornire dati e notizie rilevanti ai fini dell accertamento fiscale. Sulla base di quanto osservato la fase del contraddittorio diventa requisito fondamentale per l emissione di eventuale avviso di accertamento. Bisogna sottolineare che la formulazione attuale dell art.38 comma 7 non prevede la nullità del successivo avviso di accertamento nel caso in cui l Agenzia delle Entrate non invita il contribuente alla fase del contraddittorio. - accertamento con adesione successivamente alla fase del contraddittorio l amministrazione finanziaria propone al contribuente accertato di porre in essere l istituto dell accertamento con adesione di cui all art.5 D.Legs n.218/97. Con l eventuale accertamento con adesione al contribuente saranno applicate le sanzioni nella misura con il relativo pagamento rateizzo delle maggiori imposte accertate sul reddito complessivo quantificato sinteticamente. Oneri deducibili e reddito complessivo determinato sinteticamente: Art. 38 comma 8 L attuale normativa di cui all art. 38 comma 8 DPR 600/73 prevede: Dal reddito complessivo determinato sinteticamente sono deducibili i soli oneri previsti dall articolo 10 del decreto del Presidente delle Repubblica 22 dicembre 1986, n.917; competono, inoltre, per gli oneri sostenuti dal contribuente, le detrazioni dall imposta lorda previste dalla legge. Tale comma rileva che sul valore del reddito complessivo determinato dall Amministrazione finanziaria sono deducibili gli oneri previsti dall art.10 DPR 917/86 e risultano detraibili gli oneri previsti da disposizioni di legge specifiche. L accertamento Il reddito dichiarato dal contribuente risulta pari a euro (al lordo degli oneri); quello determinato sinteticamente è pari a euro. l accertamento sintetico risulta possibile in quanto il reddito accertabile è superiore di un quinto rispetto a quello dichiarato (è da ritenere che l un quinto debba essere calcolato su euro). La spesa da scontare Il contribuente ha sostenuto oneri deducibili per spese mediche e di assistenza per un familiare disabile pari a euro e euro per assegno periodico corrisposto al coniuge in conseguenza di separazione legale. Dall importo determinato sinteticamente ( euro) si Deducono gli oneri deducibili ( euro), per cui il reddito sintetico netto risulta pari a euro. Il contribuente ha sostenuto, inoltre, oneri detraibili per euro, dati da interessi passivi su mutui per l abitazione principale, per spese sanitarie, per spese per la deambulazione dei disabili. Il 19% di tali spese risulteranno detraibili dall imposta lorda determinata sul reddito sintetico Oneri deducibili SI PORTANO IN DIMINUZIONE DAL REDDITO DETERMINABILE SINTETICAMENTE, SE EFFETTIVAMENTE SOSTENUTI DAL CONTRIBUENTE I contributi previdenziali e assistenziali; I contributi per forme pensionistiche complementari e individuali; Oneri detraibili SI SCOMPUTANO DALL IMPOSTA LORDA, SE EFFETTIVAMENTE SOSTENUTE DAL CONTRIBUENTE LE SEGUENTI SPESE Sanitarie; Per i mezzi necessari per l accompagnamento e i sussidi tecnici ed informatici per i disabili; Per l acquisto di cani guida;

6 Gli assegni periodici corrisposti al coniuge; I contributi previdenziali e assistenziali versati per gli addetti ai servizi domestici e familiari; Le erogazioni liberali a favore di istituzioni religiose; Le spese mediche e di assistenza specifica per i disabili; Le erogazioni liberali a favore delle organizzazioni non governative Per l istruzione secondaria e universitaria; Per l attività sportiva praticate da ragazzi; Gli interessi dei mutui per l abitazione principale; Gli interessi per prestiti o mutui agrari; Le spese funebri; Le erogazioni liberali alle Onlus; Le erogazioni alle associazioni sportive dilettantistiche; Le spese che danno il diritto alla detrazione del 41% o del 36% per il recupero del patrimonio edilizio; Le spese che danno diritto alla detrazione del 20% per la sostituzione di frigoriferi e congelatori; Le spese che danno diritto alla detrazione del 55% per la riqualificazione energetica di edifici esistenti Difesa del contribuente: Art. 38 comma 4 L amministrazione finanziaria ricostruisce il reddito complessivo del contribuente basando le sue pretese su presunzioni semplici e non presunzioni legali relative. La ricostruzione del reddito complessivo del contribuente attraverso le presunzioni semplici (non essendo basato su un fatto noto stabilito per legge) comporta, da parte dell Agenzia delle Entrate, un attenta valutazione dell onere probatorio e della motivazione dell avviso di accertamento. Allo stato quindi, l Agenzia delle Entrate dopo aver accertato che le spese per consumi e le spese per incrementi patrimoniali sono riconducibili al contribuente, deve consentire a quest ultimo di dimostrare l irrilevanza fiscale dei propri mezzi di finanziamento. Il contribuente in ossequio alla previsione normativa di cui all art. 38 comma 4 DPR 600/73 dovrà fornire prova contraria dimostrando al fisco che le spese per consumi e spese per incrementi che hanno determinato manifestazione di capacità contributiva è stato possibile per il possesso di: Redditi esenti; Redditi soggetti a ritenute alla fonte; Somme riscosse a titolo di disinvestimento patrimoniali; Utilizzo di finanziamenti (quali il mutuo o il leasing, ma in tal caso si hanno conseguenze negative in termini di redditi gestionali, in quanto il pagamento delle rate di mutuo o di leasing denota una maggiore capacità reddituale sul piano gestionale); Utilizzo di somme di denaro derivanti da eredità,donazioni, vincite,ecc. Utilizzo di effettivi redditi conseguiti a fronte di importi fiscali convenzionali (ad es.redditi agrari); Utilizzo di somme riscosse, fuori dall esercizio dell impresa, a titolo di risarcimento patrimoniale (C.M. 9 agosto 2007, n.49).

7 IL VECCHIO REDDITOMETRO ANTE LEGGE 122/1 Premessa L istituto del Redditometro, regolato dall art. 38 D.P.R. 600/73 è stato rilanciato grazie al D.L. del 25 giugno 2008 n. 112, convertito in Legge n.133 del 6 agosto 2008 (Manovra d estate). Tale problematica impone un attenta riflessione sulla natura dell accertamento e sui possibili profili di tutela del contribuente. In quest ultimo periodo, molte rettifiche vengono effettuate tramite l utilizzo dell Accertamento Sintetico di cui all art. 38 commi 4 e 5 D.P.R. 600/73. La metodologia operativa consente all Agenzia di procedere alla determinazione del reddito complessivo netto delle persone fisiche in relazione al contenuto induttivo di circostanze di fatto certe (indice di capacità contributiva) quali: - beni e servizi; - spese per incrementi patrimoniali; - altri indicatori (indipendentemente dalla preventiva determinazione analitica dei redditi posseduti dal contribuente). Redditometro: indirizzi operativi dei controlli Nel presente paragrafo vengono analizzati sia il piano straordinario (Controlli 2009/10) che le recenti circolari dell Agenzia delle Entrate e della Guardia di Finanza in tema di Redditometro. Controlli: Piano Straordinario Il Decreto Legge 112/08, convertito nella Legge 6 Agosto 2008, ha previsto l esecuzione, nel triennio , di un piano straordinario di controlli finalizzati alla determinazione sintetica del reddito delle persone fisiche. L obiettivo del legislatore è di imprimere un forte impulso a una metodologia accertativa che è ritenuta di valenza strategica ai fini di una adeguata prevenzione e contrasto dei più rilevanti rischi di evasione delle persone fisiche. Riguardo ai criteri selettivi previsti ex lege, il decreto dà priorità ai contribuenti che non hanno evidenziato nella dichiarazione dei redditi alcun debito d imposta e per i quali esistono elementi indicativi di capacità contributiva. Alla realizzazione del piano straordinario di controlli contribuisce anche la Guardia di Finanza ed è, inoltre, prevista la compartecipazione dei comuni, che avranno il compito di segnalare al Fisco eventuali situazioni rilevanti, legate a contribuenti a rischio evasione sulla base del tenore di vita espresso (gli enti locali riceveran no il 30% delle maggiori somme accertate e riscosse a titolo definitivo). Redditometro: Agenzia Entrate circ. 13/E/09 Nella circ. n. 13/E del 2009 l Agenzia delle Entrate ha diramato agli Uffici gli indirizzi operativi per i controlli da effettuarsi nel corso del Tale circolare ha fornito precisazioni anche per un efficace implementazione del piano straordinario di verifiche basate sull accertamento sintetico previsto dal D.L. n. 112/2008 (conv. Legge 133/08). In particolare, continuano a rilevare le direttive dettate con la circ. n. 49/E del Pertanto, in fase di screening dei contribuenti, dovranno essere ampiamente utilizzati:

8 gli elenchi già esistenti dei soggetti possessori di beni di lusso in forza di contratti di leasing; le liste selettive AU (auto di lusso); le liste selettive T (incrementi patrimoniali). L Agenzia fornisce agli Uffici due ulteriori raccomandazioni:da un lato, li invita a tenere conto della profonda trasformazione sociale e dei nuovi stili di vita che hanno ampliato lo scenario dei beni e dei servizi indicativi di elevata agiatezza, rispetto a quelli di cui al D. M. 10 settembre 1992 (Indici e coefficienti presuntivi di reddito) valorizzabili con il cosiddetto redditometro ;dall altro, rileva la necessità di fornire, oltre all accertamento sintetico, ulteriori elementi idonei a rappresentare compiutamente la complessiva posizione reddituale del nucleo familiare dei soggetti indagati. A tal fine, pertanto, gli Uffici dovranno ricercare elementi probatori aggiuntivi, tali da rafforzare le presunzioni del redditometro. Uno dei chiarimenti più importanti della circolare, quindi, riguarda la possibilità di rilevare ai fini dell accertamento sintetico beni e servizi non previsti dal legislatore, ma considerabili di lusso. Oltre ai beni considerabili di lusso, l Amministrazione finanziaria esemplifica attraverso un elenco (non esaustivo) altri indici quali: l utilizzo di porti turistici, l iscrizione in circoli esclusivi o wellness center, il pagamento di rette a scuole private e viaggi costosi attraverso tour operator. Riguardo a tali nuovi beni-indice, l acquisizione delle informazioni saranno implementate dagli Uffici attraverso specifiche campagne esterne, coordinate a livello centrale. Le indagini dei funzionari dell Agenzia dovranno riguardare periodi pluriennali (tipicamente un quinquennio), alla luce della ratio che caratterizza l accertamento sintetico. In tale ottica si dovrà estendere l analisi a più anni d imposta contigui; tale operazione permetterà al Fisco di argomentare più efficacemente in merito agli effetti patrimoniali di investimenti e disinvestimenti, oltre che riguardo alle spese di esercizio e, soprattutto ai fini della dimostrazione di un eventuale poco plausibile sottodimensionamento sistematico dei redditi complessivi dichiarati nel corso degli anni. Redditometro: GG FF Circolare 21 maggio 09 e 01/2008 Indicazioni operative analoghe a quelle dell Agenzia delle Entrate vengono riscontrate anche nella Circolare della Guardia di Finanza attinente le istruzioni sulle attività ispettive, e nella circ. del 21 maggio 2009, ove si rileva la particolare attenzione rivolta alla determinazione sintetica. Nella circ. n. 1/2008, in tema di beni o servizi indicatori di benessere, le Fiamme Gialle chiariscono la metodologia valutativa. Per esempio ricordando che, nel caso degli immobili, la maggiore capacità contributiva è riscontrabile sia in quelli posseduti dal contribuente a titolo di proprietà o altro diritto reale, sia in quelli detenuti a titolo gratuito, condotti in locazione o in multiproprietà. Anche la Guardia di Finanza fornisce un elenco non tassativo di elementi e circostanze indicativi di maggior reddito, ancorchè non presenti nel D.M. 10 settembre 1992, vale a dire: pagamento di consistenti rate di mutuo; pagamento di canoni di leasing, specialmente relativi a case di pregio, auto di lusso o barche; pagamento di canoni per l affitto di posti barca;

9 spese per ristrutturazione di immobili; spese per arredi di lusso di abitazioni; iscrizioni in circoli esclusivi; pagamento di rette per la frequentazione di scuole private particolarmente costose; assidua frequentazione dei casinò; partecipazione ad aste; frequenti viaggi e crociere; acquisto di beni di particolare valore (quadri, sculture, gioielli, reperti storicoarcheologici, etc.); disponibilità di quote di riserve di caccia o di pesca; hobby particolarmente costosi (ad esempio la partecipazione a gare automobilistiche, rally, competizioni di motonautica, etc.); Tali elementi, oltre ad essere indicatori di maggiore capacità contributiva, potranno rientrare a tutti gli effetti nel calcolo induttivo del reddito, anche se ciò dovrà avvenire sulla base di un ragionamento ispirato a logica e coerenza, non immune da riferimenti alla comune esperienza e ad ogni altro dato eventualmente utile in tal senso. Redditometro: fase del Contraddittorio Alla luce di quanto esposto e in vista dell attuazione del piano straordinario di controlli, è necessario individuare gli elementi probatori idonei alla difesa da parte del contribuente. La vigente normativa attribuisce al contribuente la possibilità di dimostrare, anche prima della notificazione dell avviso di accertamento, che il maggior reddito contestato è del tutto o parzialmente giustificabile, in quanto costituito da redditi esenti o soggetti a ritenuta d imposta alla fonte, che molto spesso non compaiono in dichiarazione. Gli uffici, infatti, nello svolgimento dei controlli possono invitare a comparire il contribuente, oppure chiedergli di esibire o trasmettere atti e documenti rilevanti, o ancora inviare questionari relativi a dati e notizie rilevanti ai fini dell accertamento, da restituire compilati e firmati. Ai sensi dell art. 38, comma 8, del D.P.R. n.600/1973, l accertamento sintetico è legittimo anche quando il contribuente non ha ottemperato agli inviti dell Ufficio. Va segnalato, tuttavia, che, a differenza di quanto accade per gli studi di settore, il contraddittorio preventivo non è obbligatorio, bensì è una facoltà lasciata dal legislatore alla discrezionalità dell Agenzia (benché, nella pratica, risulti largamente utilizzata). Il tenore di vita La principale linea difensiva del contribuente passa dalla dimostrazione (attraverso idonea documentazione) del possesso di somme che, ancorchè non dichiarate, consentono il mantenimento di quel tenore di vita contestato dal Fisco. In particolare, tali risorse economiche possono essere costituite da: redditi esenti; redditi assoggettati a ritenuta alla fonte a titolo d imposta;

10 somme riscosse a titolo di disinvestimenti patrimoniali, come, per esempio, le vendite di patrimoni immobiliari o mobiliari effettuati in passato, che poi possono aver dato luogo a rilevanti monetizzazioni; somme fatte emergere da condoni fiscali, che hanno permesso al contribuente di integrare la propria dichiarazione e, quindi, sanare la propria posizione tributaria; somme derivanti da scudi fiscali, che hanno consentito alla persona fisica di far emergere capitali precedentemente detenuti all estero; importi originati da eredità, donazioni o vincite, le quali sono già tassate a seconda del caso oppure non imponibili; somme riscosse, al di fuori dall esercizio dell impresa, a titolo di risarcimento patrimoniale; somme derivanti dall accensione di prestiti o finanziamenti. Ovviamente la legge prescrive che il contribuente debba dimostrare l entità di tali redditi e/o somme e la durata del loro possesso attraverso un idonea documentazione, come anche confermato da recente giurisprudenza della Corte di Cassazione, quale la sent. N dell 11 febbraio Tale pronuncia, allineandosi a un principio ormai consolidato negli anni, ha stabilito che gli Uffici finanziari sono dispensati da qualunque ulteriore prova rispetto ai fatti, indici di maggiore capacità contributiva, individuati dal redditometro stesso e posti a base della pretesa tributaria fatta valere, mentre è a carico del contribuente l onere di dimostrare che il reddito presunto sulla base del redditometro non esiste o esiste in misura inferiore. Altre possibilità di difesa per il contribuente, entrando nel merito dei calcoli effettuati dai funzionari delle Entrate, vertono sulla dimostrazione che alcuni beni indice non rientrano nella propria disponibilità, in tutto o in parte, oppure sono strumentali all esercizio dell attività d impresa, arte o professione. Nel primo caso il contribuente potrà documentare la ripartizione delle spese e la condivisione del bene: laddove, per esempio, abbia acquistato un imbarcazione in comproprietà con altri soggetti (fornendone le generalità o il codice fiscale), egli potrà richiedere che i conteggi vengano modificati, qualora essi siano stati effettuati attribuendo l intera disponibilità del natante al contribuente. Situazione analoga qualora il bene indice sia stato acquistato durante il corso dell anno (per esempi o a giugno), ma nei calcoli compaia come interamente posseduto per l intero periodo d imposta. Nel caso di beni strumentali, invece, il contribuente dovrà dimostrare che il cespite individuato ai fini del calcolo del redditometro o del redditometro o del reddito determinato sinteticamente rientra nella sfera dell attività d impresa, arte o professione: in tal caso, il calcolo del maggior reddito può essere rivisto dall Ufficio, oppure il bene (per esempio un auto), escluso dalla sfera di disponibilità privata del contribuente. Redditometro e consecutività del biennio Il tema dell onere della prova, a carico del contribuente, è stato materia sulla quale si sono registrate, nel corso degli anni, molteplici pronunce giurisprudenziali. Un altra questione che ha portato ripetutamente a sentenziare la Suprema Corte riguarda la consecutività del biennio oggetto dell accertamento.

11 Ovviamente, laddove la rettifica fosse effettuata sulla base di un solo periodo d imposta, quantunque in presenza di uno scostamento tra reddito dichiarato e reddito ricostruito sinteticamente superiore a un quarto, verrebbe a mancare il presupposto dei due anni per l applicazione della norma previsto dall art. 38, comma 4, del D.P.R. n. 600/73. Tuttavia sembra il caso di segnalare che il contribuente potrebbe richiedere l annullamento della rettifica anche qualora questa sia effettuata sulla base dei redditi dichiarati in due periodi d imposta non consecutivi. Il D.P.R. n. 600/73, infatti, dispone che l accertamento reddito metrico può essere effettuato nei confronti dei soggetti che presentano discrepanze almeno del 25% tra il reddito dichiarato e quello ricostruito sinteticamente per due o più periodi d imposta. La citata circ. n. 49/E del 2007 ha fornito un interpretazione della norma, stabilendo la necessaria consecutività dei due periodi d imposta. Tuttavia, una recente sentenza della Suprema Corte ha ribaltato tale orientamento, stabilendo che i due periodi di imposta possono essere anche non consecutivi, dando luogo a una posizione che, laddove venisse confermata e recepita dall Amministrazione finanziaria, potrebbe avere effetti dirompenti, rendendo accertabili moltissimi contribuenti finora non rientranti nell ambito applicativo del redditometro. Redditometro: la retroattività degli indici Questione controversa risultava la retroattività degli aggiornamenti del redditometro, operati con provvedimenti direttoriali aventi cadenza biennale. Si osserva che lo Statuto dei diritti del contribuente vieta esplicitamente la retroattività della legge fiscale. Tuttavia, dottrina e giurisprudenza hanno più volte affermato che l irretroattività vige unicamente per le sole norme di natura sostanziale e non anche per quelle di carattere procedurale;per questa seconda tipologia di norme l Amministrazione finanziaria ha sempre ritenuto non operante il divieto di retroattività previsto dallo Statuto. Un interpretazione accolta in diverse occasioni dalla Cassazione, ha considerato legittima l applicazione retroattiva del redditometro, affermando come sul piano del procedimento e delle prove, l applicabilità dei cosiddetti redditometri contenuti nei decreti ministeriali emanati successivamente al periodo d imposta da verificare deve ritenersi insita nell art. 38 del D.P.R. n. 600 del Tuttavia, una recente pronuncia della Suprema Corte (n del 29 aprile 2009) ha confermato come, in caso di accertamenti riferiti ad anni di imposta precedenti, sulla base di beni indice per i quali al momento del calcolo siano intervenuti nel frattempo adeguamenti, nell effettuare i calcoli l Ufficio dovrà utilizzare i parametri più favorevoli al contribuente, stante il principio di irretroattività delle nuove norme in peius. Anche alla luce dello spiraglio aperto da tale ultima sentenza, in caso di accertamenti sintetici basati su indici retroattivi (più gravosi per il contribuente), nell esercizio del diritto di difesa costituzionalmente garantito, il soggetto potrà richiedere che nel calcolo del maggior reddito siano utilizzati quelli vigenti negli anni oggetto della rettifica. Redditometro e disponibilità familiari La maggiore capacità di spesa del contribuente rispetto al quantum dichiarato potrebbe originare anche delle disponibilità reddituali del coniuge o di altri componenti del nucleo familiare. Per ovviare al rischio (peraltro piuttosto fondato) di rettificare il reddito di una persona fisica che in realtà può utilizzare somme legittimamente realizzate e dichiarate nell ambito

L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio e nuovo strumento. di Carlo Nocera

L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio e nuovo strumento. di Carlo Nocera L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio e nuovo strumento di Carlo Nocera IL CONFRONTO ACCERTAMENTO SINTETICO RILEVANZA VECCHIO STRUMENTO RILEVANZA NUOVO STRUMENTO DISPONIBILITA E POSSESSO BENI

Dettagli

L ACCERTAMENTO SINTETICO. di Gianfranco Ferranti

L ACCERTAMENTO SINTETICO. di Gianfranco Ferranti L ACCERTAMENTO SINTETICO di Gianfranco Ferranti 1. PREMESSA L art. 38, commi quarto e seguenti, del DPR n. 600 del 1973 consente di rettificare le dichiarazioni presentate dai contribuenti persone fisiche

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico?

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? Accertamento sintetico Art. 38, dpr 29/9/73, n. 600; artt. 2727 e 2729 cc; artt. 4 e 5, D.Lgs. 10/3/00, n. 74 Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? di Alessandro Traversi* L'accertamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015 CIRCOLARE N. 30/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 agosto 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti IL NUOVO ISEE Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti Consorzio MIPA 2 Indice IL NUOVO ISEE: UN QUADRO D'INSIEME Riferimenti del nuovo Isee e ambiti di applicazione

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle

Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle 1) Premessa. Con le lenti del tributarista il tema della bilateralità può essere affrontato avendo riguardo ai seguenti tre aspetti: (i) la natura, commerciale

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

La giurisprudenza sul raddoppio dei termini. di accertamento. di STEFANO LOCONTE E LUCIANNA GARGANO

La giurisprudenza sul raddoppio dei termini. di accertamento. di STEFANO LOCONTE E LUCIANNA GARGANO La giurisprudenza sul raddoppio dei termini di accertamento di STEFANO LOCONTE E LUCIANNA GARGANO Il legislatore ha previsto, con l integrazione operata dal dl n. 223 del 2006 alle norme di cui agli artt.

Dettagli