DOCUMENTO DI IMPIANTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DI IMPIANTO"

Transcript

1 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento della Protezione Civile REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PREFETTURA UTG: Sassari PROVINCIA di Olbia-Tempio COMUNI di Olbia, Loiri Porto San Paolo-, Arzachena PAESI DELLA FIRE5: SPAGNA-GRECIA-FRANCIA-PORTOGALLO ESERCITAZIONE INTERNAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO "SARDINIA 2008" 15/18 APRILE 2008 DOCUMENTO DI IMPIANTO

2 INDICE PREMESSA...3 Il Progetto fire5...3 S.Ar.Di.Ni.A Un precedente importante: l European Forest Fire Exercise in Francia...4 I Partecipanti...5 OBIETTIVI...7 SCENARIO...8 Scenario storico di riferimento...8 Il contesto meteo climatico di riferimento...10 Previsione meteo...10 Scenario incendi...12 IL SISTEMA DI COORDINAMENTO ED IL FLUSSO DELLE COMUNICAZIONI...14 ATTIVITA OPERATIVE...16 LE ATTIVITA AEREE...21 Generalità...21 Assetto formazioni...21 Missione...21 Esecuzione...22 Area Marina Protetta Tavolara Punta Coda Cavallo...23 CRONOPROGRAMMA GENERALE DELLE ATTIVITA...28 ACRONIMI...31 ALLEGATI...32 Bollettini di suscettività all innesco di incendi boschivi...32 Il sistema integrato delle telecomunicazioni

3 PREMESSA Il Progetto fire5 Il Trattato di Amsterdam introduce, a partire dal 1997, il concetto di cooperazione rafforzata : uno strumento che consente, anche ad un numero ristretto di Stati Membri, di proporre iniziative per approfondire e potenziare alcuni settori specifici di attività. Nel febbraio 2006 le Autorità di Protezione Civile di Italia, Francia, Portogallo e Spagna hanno discusso dell opportunità di pianificare e realizzare interventi comuni in caso di calamità naturali ed emergenze, con particolare attenzione all area mediterranea. L idea rappresenta il frutto delle diverse esperienze maturate nel corso degli interventi all estero ed il primo passo in direzione di un accordo di cooperazione rafforzata tra i quattro Paesi in ambito di protezione civile, incentrato essenzialmente sulla reciproca assistenza in caso di emergenza. Nell arco dell anno successivo i quattro Paesi promotori hanno elaborato congiuntamente la proposta, che nel marzo 2007 è stata approvata dall Unione Europea come progetto pilota con un contributo finanziario di euro. Con queste premesse nasce il progetto di cooperazione transfrontaliera Force d Intervention Rapide Europèenne 4, ossia Fire4. Fire4 si inserisce a pieno titolo nel Meccanismo Comunitario di Protezione Civile con l obiettivo di mettere a punto modalità operative comuni per i quattro Paesi partner in materia di incendi boschivi ed eventi sismici, migliorando la capacità di prevenzione e di intervento delle diverse squadre europee di protezione civile. Il progetto rappresenta anche un importante occasione per perfezionare l aspetto operativo modulare, che la Commissione sta definendo insieme agli Stati Membri per ottimizzare e accelerare l intervento europeo di protezione civile. Ciò vuol dire che si sta lavorando affinché in futuro ciascun Paese possa mettere a disposizione moduli di pronto intervento interoperabili, complementari ed autosufficienti, composti da personale, mezzi e attrezzature, che il Meccanismo comporrà in pacchetti secondo le specifiche esigenze della situazione e sfruttando al meglio le diverse competenze specialistiche. Fire4 prevede lo svolgimento di molteplici attività, organizzate secondo un calendario di 30 mesi con decorrenza dal primo maggio 2007 al primo novembre 2009 allo scopo di definire la composizione di squadre multinazionali di valutazione e intervento, istituire modalità condivise di gestione operativa e standardizzare le tecnologie utilizzate: workshop, corsi di formazione, scambi di esperti, acquisto e condivisione di equipaggiamenti per la radio-trasmissione e soprattutto esercitazioni internazionali di cui la prima sul rischio incendi boschivi denominata Sardinia2008 si svolgerà appunto in Italia dal 15 al 19 Aprile nel territorio della Gallura; mentre la seconda in Portogallo, nel maggio 2009, sugli eventi sismici). Costituito da rappresentanti delle Autorità di Protezione Civile di Italia, Francia, Spagna e Portogallo, il Comitato di gestione del progetto Fire4 include rappresentanti di altri Paesi Cipro, Grecia, Ungheria, Repubblica Ceca, Malta e Slovenia in qualità di Paesi associati, con la finalità di condividere metodi e procedure adottati dal nucleo dei Paesi guida. Nel febbraio 2008 la Grecia è entrata a far parte del progetto non più come associato, ma come paese partner. Fire4 è diventato quindi Fire5. 3

4 S.Ar.Di.Ni.A L esercitazione internazionale di protezione civile: Sardinia ARsons DIrect NIxing Action, ovvero Sardinia2008 avrà luogo nella regione nord-orientale della Sardegna. Lo scenario di riferimento prende le mosse da una tipologia di rischio comune a molti dei Paesi dell area mediterranea, quella degli incendi boschivi, soprattutto negli aspetti specifici di protezione civile. Un fenomeno che negli ultimi anni ha colpito con intensità crescente gran parte dei Paesi del Sud Europa evidenziando, anche a livello europeo, la necessità di intensificare l impegno comune in questo campo. Sardina 2008 rientra nel programma delle attività istituite dal Meccanismo Comunitario di Protezione Civile, come iniziativa particolare del progetto europeo di cooperazione transfrontaliera Fire5. Tutte le attività in programma prevedono la partecipazione attiva, attraverso l invio di esperti, mezzi e squadre antincendio di terra e aeree, dei cinque Stati partner del progetto Fire5 Francia, Grecia, Italia, Portogallo e Spagna nonché la presenza di numerosi Osservatori provenienti dai Paesi partner e associati al progetto Fire5, da altri Paesi appartenenti all Unione Europea, all Area Economica Europea, ai Balcani e ad Euromed, nonché da Agenzie delle Nazioni Unite, dalla Federazione Russa e da Paesi Terzi. L esercitazione sarà preceduta da un corso di formazione rivolto ai responsabili delle squadre antincendio dei Paesi partner del progetto Fire5, che si svolgerà ad Olbia dal 14 al 16 aprile con la finalità di condividere metodi, conoscenze tecniche ed esperienze maturate dai diversi Paesi nel campo della lotta antincendio. Nell ambito dell esercitazione vera e propria, che avrà luogo nei giorni 17 e 18 aprile nei comuni di Loiri Porto San Paolo e Arzachena, verranno messi alla prova lo scambio di informazioni, il coordinamento decisionale e operativo e le procedure di intervento del Servizio nazionale e del Meccanismo comunitario di Protezione Civile. Sardinia2008 si concluderà sabato 19 aprile con una manifestazione aerea che si terrà presso l aeroporto di Olbia, nel corso della quale il pubblico e le autorità presenti potranno assistere alle dimostrazioni dei più moderni mezzi aerei e di terra impiegati nella lotta agli incendi boschivi e osservarli da vicino all interno di uno spazio espositivo allestito per l occasione. Un precedente importante: l European Forest Fire Exercise in Francia Sardinia2008 è la seconda esercitazione internazionale sul rischio conseguente agli incendi boschivi che viene organizzata in Europa nell ambito del Meccanismo Comunitario di Protezione Civile. La prima fu realizzata in Francia nell aprile 2004 (esercitazioni Protezione Civile Europea dopo che l anno precedente il fenomeno degli incendi boschivi aveva interessato con particolare intensità Italia, Spagna, Portogallo e sud della Francia, generando ingenti roghi in Corsica e in Provenza che coinvolsero aree urbane e infrastrutture strategiche. Nell estate 2003 l Italia era intervenuta in aiuto della Francia mettendo a disposizione uomini, mezzi aerei e di terra. Anche in virtù di quella esperienza di collaborazione, avvenuta nel contesto di una grave emergenza, si concretizzò l anno successivo l interesse francese ad organizzare una grande esercitazione internazionale. L European Forest Fire Exercise si svolse in Provenza dal 18 al 23 aprile 2004 con la partecipazione di Italia, Belgio, Germania, Slovenia, Spagna e Portogallo, rappresentate da oltre 700 persone tra professionisti e volontari. La squadra italiana, in particolare, intervenne con 24 mezzi e 66 uomini. Lo scenario proposto in Provenza prevedeva un incendio alimentato da forti venti da Sud, con un fronte di fuoco esteso a diverse centinaia di ettari e il conseguente intervento di squadre nazionali e internazionali. Il debriefing che fece seguito all attività sul campo mise in luce alcune criticità: dall incidenza di specificità locali non trascurabili dovute al tipo di vegetazione, alle condizioni meteo e al gioco dei venti presenti in quella particolare regione all utilizzo di 4

5 mezzi e strumentazioni consoni alle condizioni di accessibilità delle zone soggette al rischio, dalla necessità di definire prioritariamente i compiti operativi affidati sul luogo dell emergenza all opportunità di procedere ad una standardizzazione di modalità operative e tecnologie di radiotrasmissione. L esercitazione, unitamente al workshop che ne seguì, offrì ai Paesi partecipanti l occasione di una crescita effettiva in direzione di una sempre maggiore capacità di collaborazione. I Partecipanti Paesi membri FIRE 5 Italia Francia Grecia Spagna Portogallo Componenti e strutture operative del Sistema di Protezione civile italiano Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Comando Operativo di vertice Interforze (COI) Marina Militare Esercito Italiano Aeronautica Militare Arma dei Carabinieri Guardia di Finanza Polizia di Stato Corpo Forestale dello Stato Croce Rossa Italiana Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico Colonne mobili AIB delle Regioni: composte da personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, del Corpo Forestale dello Stato e da volontari della Regione Abruzzo, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Piemonte, Toscana Regione Sardegna Assessorato Sanità Regione Sardegna Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale Regione Sardegna Ente Foreste Regione Sardegna Servizio protezione civile e antincendio Prefettura - UTG di Sassari Provincia di Olbia tempio Comune di Arzachena Comune di Loiri-Porto San Paolo Comune di Olbia Capitaneria di Porto di Olbia ASL Area Marina Protetta Tavolara-Capo Cavallo Compagnie Barracellari SSUEM 118 Organizzazioni di volontariato della Provincia di Olbia-Tempio Organizzazioni di volontariato della Regione Sardegna Aziende dei servizi ENEL TERNA 5

6 ANAS Ferrovie della Sardegna TELECOM ITALIA WIND H3G VODAFONE Associazioni Nazionali di Volontariato ANA ANC ANPAS CIVES CNGEI LEGAMBIENTE V.V.F.CONGEDO CONF.NAZ.MISERICORDIE PROCIV-ARCI Medical Reaction 6

7 OBIETTIVI Verifica o definizione di: Procedure di attivazione FIRE 5. Procedure di accoglienza e smistamento squadre Procedure di accoglienza e smistamento dei velivoli stranieri (moduli). Logistica delle squadre terrestri. Procedure di coordinamento integrato (squadre locali e internazionali) Interoperabilità delle squadre nazionali ed internazionali. Funzionalità delle radiocomunicazioni Procedure di informazione alla popolazione e ai turisti. Coordinamento Centri Operativi Coordinamento impiego internazionale a terra e per le attività aeree. Definizione di linguaggi e standard comuni Proposta di un modulo terrestre per la lotta agli incendi boschivi 7

8 SCENARIO Scenario storico di riferimento L evento storico di riferimento si basa sugli avvenimenti dell agosto del 2004 accaduti nel territorio dei comuni di Arzachena e Loiri Porto San Paolo. Incendio di Arzachena localita Lu Lioni. L incendio divampato per cause colpose riconducibili alla rottura di una derivazione elettrica abusiva privata che ha interessato una superficie pari a circa 900ha a pascolo ed a macchia mediterranea che, durante il periodo estivo ed in particolare in condizioni di forte ventilazione, offrono una superficie idonea al propagarsi degli incendi. La giornata dell evento si registra essere stata molto ventosa (venti dai quadranti occidentali) e con elevate temperature. L evento inizialmente di tipo prettamente boschivo ha interessato solo in un secondo momento aree di interfaccia impegnando diversi uomini in attività di messa in sicurezza delle abitazioni e delle attività produttive. Nonostante ciò si sono avuti notevoli danni al patrimonio agro-zootecnico e a numerose strutture. L attività degli uomini a terra è stata supportata da 120 unità a terra e 8 mezzi aerei sia ad ala fissa che rotante e solo dopo circa 12 ore dall inizio dell evento sono state avviate le procedure di bonifica che sono poi proseguite per diversi giorni. 8

9 Incendio di Loiri Porto San Paolo L incendio divampato per cause colpose ha interessato una superficie pari a circa 700ha a pascolo ed macchia mediterranea che, durante il periodo estivo ed in particolare in condizioni di forte ventilazione, offrono una superficie idonea al propagarsi degli incendi. La giornata dell evento si registra essere stata molto ventosa (venti dai quadranti occidentali) e con elevate temperature. L incendio ha interessato diverse frazioni di Loiri Porto San Paolo minacciando inoltre, oltre alla SS125, diverse strutture turistico ricettive della zona; in alcuni casi la Prefettura ha disposto l evacuazione via mare dei villeggianti che sono stati allontanati dall area con l impiego di gommoni. Sull incendio sono state impiegate circa 250 unità di personale a terra supportate nelle attività di spegnimento da 5 velivoli ad ala fissa e rotante. 9

10 Il contesto meteo climatico di riferimento Lo scenario climatico di riferimento è quello relativo all inverno , risultato particolarmente gravoso nei riguardi delle condizioni predisponenti l innesco e la propagazione degli incendi. Una breve analisi delle anomalie di temperatura e di precipitazione registrate, può essere effettuata confrontando i dati con il trentennio di riferimento 61-90, dalla quale si evidenziano le seguenti indicazioni: - le temperature, in particolare nei valori massimi, risultano al di sopra dei valori delle medie del periodo di riferimento, in particolare sulle regioni settentrionali del nostro Paese, con valori anche superiori ai 3 C se considerate per medie decadali. Per quanto riguarda invece le regioni centro-meridionali lo scostamento risulta compreso fra +1 C e +3 C; - salvo il periodo che va dalla terza decade di gennaio alla prima decade di febbraio, in cui alcune perturbazioni di origine artica hanno interessato da nord a sud la nostra penisola, favorendo un riequilibrio delle precipitazioni con i valori medi tipici del periodo, l intero arco della stagione invernale mostra un generale e diffuso deficit precipitativo stimabile tra il 20% e il 40 %, con valori più alti sulle regioni settentrionali; - le precipitazioni nevose sull arco alpino e su quello appenninico sono risultate di scarsa/debole consistenza e nettamente inferiori rispetto i valori tipici invernali. Previsione meteo Per le giornate di esercitazione che vanno dal 14 al 18 aprile 2008, si è fatto riferimento alle condizioni meteo verificatesi sulla scena europea ed in particolare sull Italia (specie le regioni centro-meridionali), nella terza decade di giugno 2007, nella quale si evidenziava una ondata di calore. Dall analisi delle mappe risulta evidente l instaurarsi di condizioni di alta pressione che dall Africa settentrionale va gradualmente interessando le nostre regioni centro-meridionali favorendo sulle stesse un campo termico con valori nettamente al di sopra delle medie del periodo. Tuttavia, una perturbazione atlantica si va approfondendo sul medio Atlantico andando ad influenzare le condizioni del tempo sull Europa continentale ed in particolare sulla Penisola Iberica e sulla Francia. Il sistema frontale transiterà dapprima su Spagna e Portogallo per poi interessare velocemente gli altri settori occidentali del nostro continente. Sulle citate nazioni si avranno quindi, precipitazioni anche a carattere di rovescio o temporale. Una seconda e piccola perturbazione sul Mediterraneo orientale sarà responsabile di un modesto passaggio perturbato sulla Grecia. Un passaggio temporalesco interesserà i nostri settori alpini e prealpini dove potranno registrarsi deboli manifestazioni di instabilità. Sulle nostre regioni centro-meridionali i venti occidentali tenderanno ad intensificarsi in particolare sulla Sardegna, dove grazie anche all apporto di aria calda proveniente dall entroterra algerino-tunisino, potranno registrarsi temperature massime, al momento stimabili tra i C, in particolare nelle zone più interne della regione. 10

11 Di seguito vengono mostrate le carte di temperatura in quota del modello di ECMWF (European Centre for Medium-Range Weather Forecasts) e del modello italiano LAMI (Limited Area Model Italy) ricostruite per l evento di riferimento. LUNEDI 14 APRILE 2008 ORE ANALISI ECMWF MARTEDI 15 APRILE 2008 ORE ANALISI ECMWF MERCOLEDI 16 APRILE 2008 ORE ANALISI ECMWF GIOVEDI 17 APRILE 2008 ORE ANALISI ECMWF 11

12 VENERDI 18 APRILE 2008 ORE ANALISI ECMWF GIOVEDI 17 APRILE 2008 TEMPERATURE E VENTI LAMI ORE Immagini modificate predisposte ai fini dell esercitazione Scenario incendi Per quanto riguarda le condizioni relative alla suscettività all innesco di incendi, per i giorni dal 14 al 18 aprile 2008, è stato ricostruito uno scenario conseguente alle condizioni meteo-climatiche di riferimento, sia a scala continentale, con particolare attenzione ai paesi della Fire5, che nazionale, analizzando nello specifico la Regione Sardegna. La situazione presentata è stata appositamente predisposta, immaginando di essere nel pieno della stagione estiva e quindi della campagna antincendi. Sulla base dello scenario meteo-climatico, e tenendo in considerazione il modello di intervento esercitativo, sono state rielaborate, per il nostro continente, le condizioni previste dai modelli giornalmente prodotti dal Joint Research Centre (JRC), e per l Italia le previsioni presenti nel Bollettino di suscettività all innesco di incendi (cfr. allegato), anch esse giornalmente emesse dal Centro Funzionale Centrale Settore Incendi (CFC) del DPC. Europa: per il periodo dell esercitazione le condizioni meteorologiche previste sul nostro continente ed in particolare sui paesi della Fire5 ad esclusione dell Italia (Francia, Spagna, Portogallo e Grecia), caratterizzate dal calo delle temperature con associate precipitazioni, permettono di ipotizzare un grado di suscettività all innesco degli incendi generalmente medio/basso. Le previsioni del JRC, appositamente rielaborate, mostrano dal giorno 15 al giorno 16 un abbassamento del grado di pericolosità prevista su tutti i paesi del mediterraneo ad esclusione del nostro. Una tale configurazione lascia presupporre che, sia la Penisola Iberica che la Francia, saranno interessate da roghi comunque gestibili con forze ordinarie, così da essere in grado di intervenire in aiuto della Sardegna, come previsto dal modello di intervento predisposto nell esercitazione. Lo stesso discorso, seppur in maniera minore, è valido anche per la Grecia, caratterizzata da un grado di rischio moderato, comunque notevolmente inferiore rispetto alle normali condizioni estive. 12

13 Immagini modificate predisposte ai fini dell esercitazione Italia: nello scenario di riferimento, nel nostro paese, soprattutto per le regioni meridionali, le precipitazioni invernali e le temperature al di sopra della media si suppone abbiano generato un alta produzione di massa vegetale (biomassa) che a causa delle condizioni meteo determina un notevole accumulo di massa vegetale secca (necromassa), combustibile per il fuoco. A partire dal 14 di aprile, per tutto il centro-sud Italia, le temperature al di sopra della media, l assenza di precipitazioni ed il vento forte, configurano l istaurarsi di condizioni predisponenti molto favorevoli agli incendi. Complessivamente nei giorni dal 14 al 18 aprile la previsione di suscettività all innesco prevista dal Bollettino del CFC, resta costantemente alta sulle regioni meridionali e sulle Isole maggiori, il centro registra fino alla giornata del 15 un alta suscettività per poi andare in attenuazione soprattutto sul versante adriatico, le regioni settentrionali, ad esclusione della Liguria, saranno caratterizzate da generali condizioni di bassa pericolosità. La pericolosità prevista viene confermata dall alto numero di segnalazioni di incendi registrate dal Corpo Forestale dello Stato e dai Corpi Forestali Regionali, che sono comunicate giornalmente al DPC. A livello nazionale le punte massime vengono registrate il 15 ed il 16 di aprile con oltre 500 segnalazioni. Sardegna: sull isola le temperature invernali al di sopra della media e l avvio anticipato del periodo caldo, si suppone abbiano comportato una produzione di biomassa prima e di necromassa poi, particolarmente abbondante, esponendo la Regione a livelli elevati di rischio per via della notevole quantità di combustibile presente. Inizialmente, dal 14 aprile, è il sud dell isola ad essere interessato da condizioni favorevoli allo sviluppo degli incendi ed in considerazione delle condizioni predisponenti previste, è da escludere la possibilità di un miglioramento della situazione nei giorni a seguire e quindi la relativa possibilità di richiamare il personale impiegato nelle attività di spegnimento. A partire dal 15 aprile si prevede un significativo aumento della pericolosità, che va ad interessare anche i settori settentrionali dell isola, legato soprattutto al forte vento. Il persistere di condizioni di stabilità, le temperature elevate, il vento fortissimo e costante dai quadranti occidentali (dalle stazioni in telemisura si registrano valori intorno ai 30/40 nodi), le caratteristiche vegetazionali (principalmente macchia mediterranea, conifere e sugherete) già di per se ad alto grado di infiammabilità ed in condizioni di scarsa umidità, presentano complessivamente un quadro con condizioni ottimali per l innesco e la propagazione degli incendi. 13

14 IL SISTEMA DI COORDINAMENTO ED IL FLUSSO DELLE COMUNICAZIONI Per tutto quello che concerne le attività di assistenza alla popolazione e le diverse attività di protezione civile che vengono svolte sui territori comunali, il flusso delle comunicazioni si sviluppa tra i Centri Operativi Comunali (COC) di Loiri ed Arzachena, il Centro di Coordinamento Provinciale (CCP) di Olbia e la Direzione di Comando e Controllo - DICOMAC (attivata presso il porto industriale di Olbia), che opera in stretto collegamento con la Sala Operativa Regionale di protezione civile. I centri vengono organizzati per funzioni di supporto, ciascuna con un proprio referente e sono dotati di apparati per le telecomunicazioni fax e telefonici, postazioni per garantire le comunicazioni radio e postazioni internet. La richiesta di mezzi aerei AIB, a partire dal Posto di Comando Avanzato (PCA), viene inviata al Centro Operativo Provinciale (COP) del CFVA di Olbia Tempio, e attraverso il COR di Cagliari, raggiunge il COAU-DPC di Roma che opera in raccordo con il centro operativo aereo istituito presso l aeroporto di Olbia. Tale centro provvede al coordinamento dell impiego della flotta aerea dello Stato presente in Sardegna con quella appartenente ai paesi esteri partecipanti, garantendone l integrazione con i mezzi aerei regionali. Per quanto riguarda l attivazione e l invio delle squadre AIB di terra ad integrazione di quelle che operano sul territorio, il Posto di Comando Avanzato (PCA), ravvisata la necessità, fa richiesta al COP del CFVA di Olbia Tempio che la estende, qualora non avesse risorse sufficienti, al Centro Operativo Regionale (COR) di Cagliari. Quest ultimo ne farà richiesta alla DICOMAC che gestisce le squadre AIB terrestri nazionali ed internazionali ospitate sulla nave LPD San Marco e presso l area di ammassamento dei soccorritori e delle risorse nella base logistica delle Forze Armate di Palau. Sull area della Gallura operano all attività AIB, sin dalle prime fasi, le squadre del Corpo Forestale di Vigilanza Ambientale CFVA della Regione Sardegna, gli operatori dell Ente foreste ed i Vigili del fuoco che sono presenti sul territorio, con il supporto delle forze dell ordine e delle squadre sanitarie impiegate dal 118 provinciale. Il Coordinatore delle Operazioni di Spegnimento (COS) del CFVA mantiene costanti contatti con il COP (Centro operativo ripartimentale) di Olbia-Tempio che garantisce l integrazione delle squadre a terra o attiva il concorso dei mezzi aerei regionali o dello Stato nel caso in cui la situazione lo richiedesse. Il coordinamento dell intervento tecnico urgente, al verificarsi di incendi di interfaccia, è garantito dalle squadre dei Vigili del fuoco che sono in contatto con il proprio Comando provinciale di Sassari. Considerata l entità dell incendio in atto i referenti delle strutture operative in loco (CFVA e VVF) concordano sull attivazione di un posto di comando avanzato attraverso il quale garantire il coordinamento delle operazioni ed il supporto ai COS che operano sui diversi fronti di incendio. Dal posto di comando avanzato giungeranno dunque le richieste di integrazione delle risorse sia aeree che terrestri. Contestualmente il Sindaco, ravvisata la gravità della situazione prevista ed in atto, attiva il proprio presidio operativo convocando il responsabile della funzione tecnica di valutazione ed invia propri referenti presso il Posto di Comando Avanzato (PCA). In tal modo viene garantito, a livello locale, il coordinamento dell impiego delle risorse AIB nonché il raccordo con la struttura comunale per assicurare il costante aggiornamento al Sindaco. Successivamente il Sindaco attiva il Centro operativo comunale (COC) integrando la funzione tecnica di valutazione con le altre funzioni di supporto necessarie alla gestione dell emergenza di protezione civile connessa, in particolar modo, al verificarsi di incendi di interfaccia. A livello provinciale il Prefetto, d intesa con il Presidente della provincia coordina il centro di coordinamento provinciale attivato presso la sede della provincia di Olbia Tempio, dove sono rappresentate le diverse strutture operative che concorrono alla gestione dell emergenza. In tale 14

15 centro convergono le informazioni relative agli eventi in corso nonché le richieste dei COC, per la gestione dell emergenza locale Il coordinamento e la gestione delle risorse nazionali ed internazionali viene garantito dalla DICOMAC gestita dal Dipartimento della protezione civile nazionale, dove sono presenti i rappresentati delle strutture operative nazionali; tale centro opera in stretto raccordo con il COR per assicurare il coordinamento risorse regionali. ATTIVITA A.I.B. COAU (DPC) ed Operation cell Aeroporto di Olbia SALA OPERATIVA REGIONALE/COR c/o Cagliari Richiesta mezzi aerei Richiesta squadre AIB MIC DSSI CFC (DPC) DICOMAC c/o Olbia ATTIVITA DI P.C. Area di ammassamento (soccorritori risorse, nazionali e internazionali) Porto industriale Centro Estivo di Palau COP c/o Olbia Tempio CCP di Olbia UTG COS Posto di Comando Avanzato COC di Loiri Porto-S. Paolo COC di Arzachena 15

16 ATTIVITA OPERATIVE I numerosi e vasti incendi che interessano larga parte del territorio dell Italia Meridionale e delle Isole maggiori coinvolgono un gran numero di risorse terrestri e aeree nazionali e regionali impegnate sul fronte della lotta attiva. Le previsioni meteo climatiche forniscono un quadro preoccupante sulle condizioni di criticità sul territorio. Anche il contesto europeo è interessato da un aggravamento delle condizioni meteo, che investono nello specifico la penisola iberica, la Francia e la Grecia. Presso il Dipartimento della Protezione Civile Nazionale (DPC) è attiva l Unità di Crisi. La Sala Situazione Italia del DPC (SSI-DPC) monitora la situazione e, in particolare, mantiene i contatti con le Sale Operative della Regioni interessate dagli eventi e altresì informa il Monitoring and Information Centre (MIC) di Bruxelles. Martedì 15 Aprile Ore 15:00. Il bollettino giornaliero di suscettività all innesco di incendi boschivi emesso dal Centro Funzionale Centrale (CFC) del DPC indica condizioni di pericolosità alta per molte province italiane del centro sud e delle isole. Situazioni particolarmente critiche si riscontrano nella Regione Autonoma della Sardegna interessata da forti venti di maestrale e temperature elevate; contesto ideale per la propagazione di incendi di bosco considerato lo stato delle vegetazione. Il bollettino è trasmesso dal DPC alla Regione e da questa inviato alle Prefetture UTG e ai comuni delle province interessate per le attivazioni previste nei piani di emergenza comunali. La Regione Sardegna è attiva con la propria Unità di Crisi presso la sala operativa (h24) regionale, avviando l attività di coordinamento per il supporto agli enti locali, agli organi dello Stato ed alle strutture operative presenti sul territorio regionale fornendo informazioni relative al monitoraggio territoriale, al coordinamento del volontariato (in raccordo con le province) ed all impiego della colonna mobile regionale; mantiene inoltre uno stretto contatto con la SSI del DPC. Ore 18:00. Nella parte meridionale dell Isola numerosi fronti di incendio impegnano le strutture operative del sistema di protezione civile. La situazione peggiora contemporaneamente anche al nord. Sul fronte della lotta attiva i Centri Operativi Provinciali (COP) del Corpo Forestale di Vigilanza Ambientale della Regione Sardegna inviano richieste di risorse aggiuntive al Centro Operativo Regionale (COR) che non può al momento fronteggiarne il numero. Stessa situazione per quanto concerne le richieste che pervengono ai comandi provinciali dei Vigili del Fuoco. L esiguo numero di risorse a disposizione della Regione nel territorio della Gallura, al momento minacciata da intensi fronti di incendio, impone l impiego di ulteriori interventi aerei e terrestri. Ore 20:00. Stante la situazione di grave emergenza, la Regione Sardegna, richiede al DPC la dichiarazione dello stato di emergenza. Il Capo del Dipartimento della Protezione Civile convoca il Comitato Operativo della protezione civile per le ore 11:00 del 16 aprile. Il DPC dispone l invio della propria Task Force. Mercoledì 16 aprile Ore 8:00. Il Presidente del Consiglio dei Ministri, data l eccezionalità della situazione emergenziale in atto dispone il coinvolgimento delle strutture operative nazionali per fronteggiare l emergenza, affidandone il coordinamento al Capo del Dipartimento della protezione civile ai sensi dell art. 3 della L. 286/2002. Ore 9:00. La situazione peggiora nelle province di Olbia Tempio e Sassari in cui sono stati attivati i Presidi Operativi e Territoriali dei comuni interessati dagli eventi fra cui Loiri e Arzachena. Ore In considerazione della situazione in cui stanno versando numerosi comuni della Gallura ed al fine di mantenere costanti contatti con i suddetti presidi, il Prefetto di Sassari attiva presso la Prefettura-l UTG l unità di crisi e successivamente, d intesa con il Presidente della Provincia di 16

17 Olbia-Tempio, istituisce ad Olbia, presso la sede della Provincia, il Centro di Coordinamento Provinciale, dandone informazione alla Regione ed al Dipartimento della protezione civile. Ore 11:00. Il Comitato Operativo della Protezione Civile (in videoconferenza con il COR/SOUP della Regione Sardegna), sulla base dell evoluzione dello scenario e dei continui aggiornamenti che pervengono dal CFC e dal territorio ravvisa le seguenti necessità per il territorio del Nord della Sardegna: attivazione delle risorse terrestri e aeree dei paesi aderenti alla FIRE 5 attivazione della colonna mobile delle regioni; attivazione delle associazioni di volontariato nazionale; istituzione della DI.COMA.C., centro di coordinamento nazionale dell emergenza, presso il porto di Olbia. Sono stabilite altresì una serie di misure di risposta che caratterizzano la prima ed immediata strategia di intervento nazionale: individuazione del porto e dell aeroporto di Olbia come entry point per lo smistamento delle squadre nazionali e internazionali impiego della nave San Marco per il trasporto delle squadre internazionali provenienti da Spagna, Francia e Portogallo. È stabilito che le squadre provenienti dalla Grecia atterreranno presso l aeroporto di Olbia. verifica della percorribilità delle infrastrutture viarie e controllo permanente del traffico da e per le zone interessate dagli eventi previsti o già in atto; censimento delle risorse aeree ad ala rotante disponibili in zona per il trasporto di materiali e mezzi nelle zone isolate e l eventuale evacuazione medica assistita; verifica della capacità di risposta del Servizio sanitario regionale e della immediata disponibilità di risorse sanitarie nazionali e regionali da inviare eventualmente a supporto delle aree interessate; verifica della effettiva disponibilità e praticabilità delle elisuperfici presenti nelle zone limitrofe alle aree di ammassamento individuate in ciascuna provincia; verifica dell effettiva disponibilità di strutture da adibire a ricovero della popolazione nell eventualità si verificasse la necessità di evacuazione di alcune zone; Ore 12:00. Attivazione dell area di ammassamento dei soccorritori presso i locali della Brigata Sassari a Palau. Ore 18:00. Istituzione della DI.COMA.C., presso il Porto di Olbia. Giovedì 17 aprile Ore 8:00. Giungono all aeroporto di Olbia, i velivoli ad ala fissa e rotante di Francia, Spagna e Grecia per dare il via alle attività di spegnimento aereo. Contestualmente vengono attivati i Centri Operativi Comunali presso i comuni di Loiri e Arzachena in seguito agli eventi che accadono sul territorio comunale. Ore 9:00. Al porto di Olbia giunge la nave San Marco che inizia le operazioni di sbarco delle squadre internazionali. Sono altresì presenti all entry point presso il Porto di Olbia la colonna mobili delle regioni e le associazioni nazionali di volontariato. Ore 11:00. Le strutture operative preposte all attività di lotta agli incendi, d intesa con i comuni, individuano le aree per l allestimento dei Posti di comando avanzato, come previsto dal piano regionale AIB, presso il territorio dei comuni di Loiri e Arzachena. Vista la gravità della situazione il CFVA, e il CNVVF richiedono l integrazione del PCA con un referente del Centro Operativo Comunale già attivo, con il Direttore dei Soccorsi Sanitari nonché con un rappresentante delle Forze dell Ordine. La DICOMAC, dove operano anche i rappresentanti della Regione, al fine di garantire il giusto raccordo con la sala Operativa Regionale, coordina la risposta in base alle richieste provenienti dal 17

18 territorio attraverso uno stretto raccordo con il COR ed il Centro di Coordinamento Provinciale istituito presso la provincia di Olbia-Tempio e assegna le squadre nazionali e internazionali, sulla base delle richieste pervenute, ai posti di comando avanzato nei comuni di Loiri e Arzachena. I PCA presenti sul luogo coordinano lo smistamento delle squadre che saranno inviate sui diversi fronti attivi in base alle richieste che giungono dal fronte di incendio. L impiego delle stesse, una volta inviate sul fronte, è coordinato dal Direttore delle Operazioni di Spegnimento del CFVA della Regione Sardegna. Ore 14:00. Le squadre terrestri giungono ai PCA istituiti nei comuni di Loiri e Arzachena e ricevono le prime informazioni circa la situazione in atto per poi iniziare le attività di spegnimento, bonifica e messa in sicurezza. I PCA sono quindi integrati da rappresentanti delle squadre internazionali e nazionali al fine di assicurare il migliore supporto al coordinamento Ore 14:30. Le forze aeree iniziano le attività di spegnimento presso i comuni di Loiri e Arzachena Ore 15:00. I Comuni provvedono ad attuare le disposizioni precauzionali previste dai vigenti Piani di Emergenza Comunali (PEC), avviando immediatamente le azioni di presidio e monitoraggio con il coordinamento delle stesse attraverso l attivazione dei centri operativi comunali, garantendo un azione di controllo del territorio comunale con particolare riguardo alle zone maggiormente a rischio. La Sala Situazione Italia (SSI) del Dipartimento della Protezione Civile, che rappresenta il centro di monitoraggio e controllo permanente degli eventi che si verificano sul territorio nazionale, acquisisce e verifica le informazioni provenienti dal territorio per tracciare un quadro di quanto sta avvenendo e delle prime risposte fornite dal sistema locale di protezione civile e mantiene uno stretto contatto con la DICOMAC. Il Centro Operativo Provinciale provvede a coordinare immediatamente le risorse che afferiscono al proprio centro operativo così come previsto dalle pianificazioni provinciali di emergenza, al fine di garantire l adeguata sistemazione delle risorse provenienti da fuori Provincia e inviarle ai comuni in base alle richieste. La SSI, in qualità di focal point per il Meccanismo di protezione civile europeo, fornisce al MIC informative sulla situazione in atto, e mantiene stretti contatti con le Sale Operative dei paesi aderenti alla FIRE 5. Le squadre internazionali sono impegnate nel territorio del comune di Arzachena per un vasto fronte di incendio boschivo unitamente a numerosi velivoli. Ore 20:00. terminano le attività aeree con il rientro dei velivoli all aeroporto di Olbia. Le attività terrestri proseguono con il presidio del territorio da parte del personale del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale della regione Sardegna. Venerdì 18 Aprile Ore 8:00. Le attività di spegnimento, bonifica e messa in sicurezza riprendono e proseguono per tutta la mattinata. Le squadre di Francia, Spagna, Grecia e Portogallo lavorano nei diversi scenari congiuntamente alle squadre locali, alle associazioni nazionali di volontariato, alle colonne mobili regionali e all intero sistema di protezione civile. I PCA proseguono nell attività di coordinamento degli interventi; i COC attivati operano secondo quanto stabilito dai Piani comunali di emergenza fornendo assistenza ai propri cittadini e ai turisti presenti sul territorio. Ore 12:00. Presso le località di Loiri Porto San Paolo e Punta Taverna si verificano due situazioni estremamente critiche, in cui rispettivamente la Guardia Costiera con l impiego di motovedette e la Marina Militare con l impiego dei mezzi da sbarco della nave San Marco effettuano l evacuazione dalle spiagge di frazioni rimaste isolate a causa dei vasti fronti di incendio. Nella tratta ferroviaria Arzachena Palau un treno è costretto ad arrestarsi a causa dei fumi degli incendi che coinvolgono la zona. Le strutture operative che intervengono richiedono quindi l impiego di un elicottero per il trasporto di alcuni feriti. Le attività si chiudono nel primo pomeriggio. 18

19 Attività delle diverse strutture operative del Sistema di Protezione Civile Le Regioni, anche attraverso l attivazione del volontariato regionale, verificano la disponibilità ed inviano: -moduli AIB composti da rappresentanti del CNVVF, del CFS e del volontariato regionale; Le Forze Armate verificano la disponibilità ed inviano: -mezzi di trasporto aerei e terrestri per l afflusso dei soccorritori; -squadre e velivoli SAR; - la nave LPD San marco. garantiscono la disponibilità dei locali della Brigata Sassari a Palau quale area di ammassamento dei soccorritori. - Le Forze di Polizia impiegano: -uomini e mezzi per il presidio del territorio (controllo della viabilità, segnalazione ed isolamento delle zone a rischio); - uomini e mezzi per garantire la sicurezza dei centri operativi, delle aree di ammassamento dei soccorritori e delle risorse e delle strutture di ricovero della popolazione; - uomini e mezzi per garantire la sicurezza delle squadre di intervento nazionali ed internazionali; Il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco garantisce: - l intervento tecnico urgente e l attività di ricerca e soccorso anche mediante l invio delle Squadre S.A.F.; - l impiego di propri uomini e mezzi per il concorso alle colonne mobili regionali AIB; - la gestione dei posti di comando avanzati d intesa con il CFVA della regione Sardegna; Assessorato Regionale Sanità esprime pareri in merito ai rischi di sanità pubblica derivanti dagli scenari e verifica la disponibilità di esperti di settore. La Croce Rossa Italiana (C.R.I.) verificano la disponibilità ed inviano: - uomini e mezzi per il soccorso e l assistenza sanitaria alla popolazione; Le organizzazioni Nazionali di Volontariato assicurano: - il diretto supporto al Dipartimento della protezione civile; - l invio di proprie squadre AIB; - il concorso alla costituzione delle colonne mobili regionali AIB. Il corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico (C.N.S.A.S.) garantisce: - l impiego di squadre e mezzi per l attività di ricerca e soccorso in zone impervie. Il Corpo Forestale di vigilanza ambientale della Regione Sardegna assicura: - l impiego di proprie squadre per il coordinamento delle attività AIB; - la gestione dei posti di comando avanzati di Loiri ed Arzachena d intesa con il CNVF. L Ente Foreste della Regione Sardegna assicura: 19

20 - l impiego di proprie squadre per l attività AIB. Le organizzazioni di Volontariato locale/regionale assicurano: - il supporto alle altre strutture operative locali; - l assistenza alla popolazione evacuata; - la gestione della cucina da campo allestita presso l area di ammassamento di Palau. Le Compagnie Barracellari garantiscono: - il supporto alle attività AIB e di assistenza della popolazione. Le Ferrovie della Sardegna garantiscono: - l impiego di propri tecnici per il controllo e l intervento lungo la linea Palau-Arzachena. Le aziende che operano nel settore dei trasporti e della mobilità, verificano: - l agibilità delle infrastrutture; - individuano la viabilità alternativa. Le aziende del sistema elettrico ed energetico nazionale, effettuano: -la regolamentazione della distribuzione di energia elettrica sul territorio colpito; -l invio di squadre di tecnici per il ripristino delle linee interrotte ; -l assistenza tecnica per l allestimento dei centri operativi di coordinamento (DICOMAC, del centro operativo provinciale, dei centri operativi comunali). Le aziende del settore delle telecomunicazioni, garantiscono: -il potenziamento della rete radiomobile; - la funzionalità della rete di telefonia mobile; -la funzionalità delle linee telefoniche fisse presso i centri di coordinamento(dicomac, del centro operativo provinciale, dei centri operativi comunali). 20

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

BOZZA RIORDINO FORZE DI POLIZIA ELABORTATA DAL GOVERNO

BOZZA RIORDINO FORZE DI POLIZIA ELABORTATA DAL GOVERNO BOZZA RIORDINO FORZE DI POLIZIA ELABORTATA DAL GOVERNO Stralcio della Legge Delega (art. 4, 5 e 6) per riordino e accorpamento Forze statali di Polizia Art. (3) Principi generali e criteri direttivi della

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DECRETO n. 429 del 15 dicembre 2011 Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2012 IL MINISTRO

Dettagli

LA SALA OPERATIVA NAZIONALE

LA SALA OPERATIVA NAZIONALE LA SALA OPERATIVA NAZIONALE Presentazione della struttura e delle attività ISTITUZIONE E RUOLO La delibera 39/06 prima e la determina 387/10 poi sono i documenti che hanno portato all istituzione della

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 dell 8.04.2013 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Prot. n. DGPM/VI/19.000/A/45-109.000/I/15 Roma, 5 marzo 2002 OGGETTO:Erogazione del trattamento privilegiato provvisorio nella misura

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 GRAND SOLEIL CUP CALA GALERA 2015 Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 Il Circolo Nautico e della Vela Argentario, in collaborazione con il Marina Cala Galera, il Cantiere del Pardo,

Dettagli

Solare Pannelli solari termici

Solare Pannelli solari termici Solare Pannelli solari termici Il Sole: fonte inesauribile... e gratuita Il sole, fonte energetica primaria e origine di tutti gli elementi naturali, fonte indiscussa dell energia pulita, libera, eterna,

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione STE è una società di integrazione di sistemi che opera nell Information e Communication Technology applicata alle più innovative e sfidanti aree di mercato. L azienda, a capitale italiano interamente privato,

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Che tempo fa? Unità 1. Pioggia, freddo e vento: al Nord è maltempo. Tromba d aria in Valtellina

Che tempo fa? Unità 1. Pioggia, freddo e vento: al Nord è maltempo. Tromba d aria in Valtellina Unità 1 Che tempo fa? Com è il tempo oggi? Sei un tipo meteoropatico? Quanto influisce il tempo sul tuo umore? Come ti senti in una giornata luminosa e soleggiata? E in una giornata umida e piovosa? Pioggia,

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli