Art. 1. Istituzione di case da gioco in Sicilia e in Lombardia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Art. 1. Istituzione di case da gioco in Sicilia e in Lombardia"

Transcript

1 Art. 1 Istituzione di case da gioco in Sicilia e in Lombardia 1.In armonia con i principi costituzionali in materia e nel rispetto dell'ordinamento comunitario, in applicazione della presente legge, posta in espressa deroga al disposto degli artt. 718, 719, 720, 721, 722 del codice penale, il Presidente de Consiglio dei Ministri, autorizza l'apertura e l'esercizio di casinò nel territorio delle Regioni Sicilia e Lombardia, previo eventuale concerto con il Ministro dell'interno per i particolari profili inerenti l'ordine pubblico. 2. L'autorizzazione di cui al comma 1 viene resa a mezzo di Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, nel pieno rispetto delle prerogative legislative attribuite dai rispettivi Statuti. 3. L'esercizio del potere autorizzatorio dei Presidenti della Regione Sicilia e della Regione Lombardia dovrà altresì tenere in considerazione le esigenze economiche e turistiche del territorio. Art.2 Individuazione dei siti 1. Quali siti privilegiati per l'istituzione e l'esercizio di case da gioco (casinò) vengono sin d'ora individuati i territori dei Comuni di Taormina, in Sicilia e di S. Pellegrino Terme, in Lombardia. 2. Con successive leggi regionali potranno essere individuati ulteriori siti, tenuto conto dei flussi turistici nel territorio regionale e delle esigenze di mercato del settore

2 Art.3 Gestione delle case da gioco (casinò) 1. La gestione delle case da gioco (casinò) sarà effettuata a mezzo di società per azioni con capitale interamente pubblico, con azionariato regionale pari almeno al 51%, mentre il restante 49% potrà essere attribuito ai Comuni interessati e/o ad altri Enti Comunali che intenderanno prendere parte alla compagine societaria. 2. In alternativa all'ipotesi di cui al comma 1, con legge regionale potrà essere stabilito che la gestione del servizio venga affidata ad una società mista, con capitale pubblico pari almeno al 66%, mentre il restante 34% potrà essere attribuito a privati, previa gara ad evidenza pubblica. All'interno della quota azionaria attribuita alla parte pubblica, pari al 66%, deve essere sempre garantita la prevalenza dell'azionariato regionale almeno per il 34%. 3. La prevalenza dell'azionariato regionale è posta a tutela della trasparenza della gestione del servizio e tende a garantire un continuo e diretto controllo nei confronti dell'attività svolta all'interno delle case da gioco. 4. Al fine di evitare fenomeni di infiltrazione mafiosa e/o di criminalità organizzata, nonchè di garantire il più elevato livello di trasparenza nella gestione del servizio, è fatto divieto di affidare in concessione l'esercizio delle case da gioco (casinò) a società con capitale interamente privato o maggioranza privata. 5. La concessione del servizio può essere revocata in caso di mancata osservanza delle condizioni previste per la stessa, senza alcun onere aggiuntivo per la Pubblica Amministrazione. 6. Una legge regionale stabilisce le modalità e le garanzie di affidamento in concessione del servizio, nonché la durata della concessione medesima. 7. La Giunta Regionale di ciascuna regione adotta il Regolamento di gestione relativo al funzionamento delle case da gioco (casinò) che

3 verranno istituiti nel territorio regionale. Art.4 Regolamento per il funzionamento e l'esercizio delle case di gioco (casinò) 1. Le Giunte Regionali della Sicilia e della Lombardia adottano il Regolamento di cui all'art. 3 comma 7, riguardante il funzionamento delle case da gioco (casinò). 2. Il regolamento di cui al comma 1 deve contenere: a) le disposizioni relative alla gestione amministrativa delle case da gioco (casinò); b) le norme concernenti il controllo delle risultanze della gestione da parte degli organi competenti; c) i requisiti di moralità ed onorabilità che il personale addetto deve possedere; d) le disposizioni riguardanti l'esercizio della vigilanza all'interno dei casinò da parte del personale preposto, il quale è tenuto a collaborare attivamente con le Autorità di pubblica sicurezza nell'esercizio dell'attività di controllo e di tutela dell'ordine pubblico; e) il divieto assoluto di accesso alle case da gioco (casinò) per i minori degli anni diciotto; f) l'indicazione dei tipi di giochi autorizzati; g) i giorni di chiusura e l'orario di apertura al pubblico dei locali adibiti al servizio in questione.

4 Art.5 Assunzione dei personale 1. Lo statuto della società concessionaria del servizio prevede le modalità di assunzione del personale, sulla base delle esigenze organizzative riscontrate. 2. Tutto il personale della società, compreso quello part-time o a contratto a tempo determinato, deve possedere i requisiti di moralità e onorabilità determinati con il Regolamento di cui all'art.4. Art.6 Proventi delle case da gioco 1. I proventi dell'esercizio delle case da gioco (casinò) devono essere imputati, nel pieno rispetto dei principi di trasparenza e chiarezza, ai bilanci degli Enti che compongono la compagine della società concessionaria del servizio. Art.7 Trasparenza delle operazioni di cassa delle case da gioco (casinò) 1. Alle operazioni ed ai servizi di cassa dei casinò si applicano le disposizioni nazionali vigenti in materia di prevenzione del riciclaggio di valori di provenienza illecita, di cui al decreto legge 3 maggio 1991 n.143, convertito, con modificazioni, dalla legge 5 luglio 1991 n.197, e al decreto legislativo 21 novembre 2007 n.231, nonché le disposizioni vigenti in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari contenute nel testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia, di cui al decreto legislativo 1 settembre 1993 n.385.

5 Art.8 Entrata in vigore 1. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2403 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori CARRARA e FALCIER COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 14 LUGLIO 2003 Istituzione di una casa da gioco nel comune di

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 3732 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore SERENA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 11 GENNAIO 1999 Istituzione di una

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO A

DOMANDA DI AMMISSIONE E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO A DOMANDA DI AMMISSIONE E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO A La dichiarazione sostitutiva di cui al presente modello A deve essere sottoscritta dal legale rappresentante in caso di concorrente singolo.

Dettagli

Circolare N.138 del 20 ottobre 2011. Codice antimafia e appalti. Le nuove regole del D.Lgs. n. 159/2011

Circolare N.138 del 20 ottobre 2011. Codice antimafia e appalti. Le nuove regole del D.Lgs. n. 159/2011 Circolare N.138 del 20 ottobre 2011 Codice antimafia e appalti. Le nuove regole del D.Lgs. n. 159/2011 Codice antimafia e appalti: le nuove regole del D.Lgs. n. 159/2011 Gentile cliente, con la presente,

Dettagli

COMUNE DI VILLATA Provincia di Vercelli

COMUNE DI VILLATA Provincia di Vercelli COMUNE DI VILLATA Provincia di Vercelli Approvato con deliberazione consiliare n. 25 del 25 novembre 2002 Ripubblicato dal 05.04.2003 al 19.04.2003 INDICE - SOMMARIO Art. 1 - Premessa Art. 2 - Autorizzazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE GIAN FRANCO CAMPOBASSO per lo studio del Diritto Commerciale e Bancario. www.associazionegfcampobasso.it

ASSOCIAZIONE GIAN FRANCO CAMPOBASSO per lo studio del Diritto Commerciale e Bancario. www.associazionegfcampobasso.it Disposizioni in materia di intermediari finanziari di cui agli articoli 106, 107, 113 e 155, comma 4 e 5, del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 (Testo unico bancario) TITOLO I DEFINIZIONI Articolo

Dettagli

LEGGE 24 LUGLIO 1985, N. 409

LEGGE 24 LUGLIO 1985, N. 409 LEGGE 24 LUGLIO 1985, N. 409 I stituzione della professione sanitaria di odontoiatria e disposizioni relative al diritto di stabilimento ed alla libera prestazione di servizi da parte dei dentisti cittadini

Dettagli

TITOLO I DEFINIZIONI Articolo 1 (Definizioni)

TITOLO I DEFINIZIONI Articolo 1 (Definizioni) D.M. - -2007, n. Disposizioni in materia di intermediari finanziari di cui agli articoli 106, 107, 113 e 155, comma 4 e 5, del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 (Testo unico bancario) TITOLO

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L APPALTO

PROCEDURA APERTA PER L APPALTO Allegato A1 PROCEDURA APERTA PER L APPALTO SERVIZIO DI CONCESSIONE DI UN MUTUO CHIROGRAFO PARI AD 5.000.000,00 ALLA VALLE UMBRA SERVIZI S.P.A. GARANTITO DA DELEGAZIONI DI PAGAMENTO SULLE ENTRATE ORDINARIE

Dettagli

Regolamento recante norme per l'istituzione del gioco «Bingo» ai sensi dell'articolo 16 della L. 13 maggio 1999, n. 133 (1/a) (1/circ).

Regolamento recante norme per l'istituzione del gioco «Bingo» ai sensi dell'articolo 16 della L. 13 maggio 1999, n. 133 (1/a) (1/circ). D.M. 31 gennaio 2000, n. 29 (1). Regolamento recante norme per l'istituzione del gioco «Bingo» ai sensi dell'articolo 16 della L. 13 maggio 1999, n. 133 (1/a) (1/circ). ------------------------ (1) Pubblicato

Dettagli

Il ruolo di AAMS nel governo dei giochi ( 1 )

Il ruolo di AAMS nel governo dei giochi ( 1 ) Il ruolo di AAMS nel governo dei giochi ( 1 ) Ente cui è attribuita la riserva Governance Esercizio Scelte politiche Art. 1 D.Lvo. 496 del 14/4/48 L'organizzazione e l'esercizio di giuochi di abilità e

Dettagli

GENGHINI & GUADAGNO NOTAI ASSOCIATI

GENGHINI & GUADAGNO NOTAI ASSOCIATI Art 3 del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, coordinato con la legge di conversione 14 settembre 2011, n. 148, recante: Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo.

Dettagli

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 1346

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 1346 Senato della Repubblica Fascicolo Iter DDL S. 1346 Norme per l'apertura di una casa da gioco rispettivamente nei comuni di Taormina e di Palermo 24/08/2015-13:57 Indice 1. DDL S. 1346 - XVII Leg. 1 1.1.

Dettagli

IL MINISTRO DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLE FINANZE D.M. 31 gennaio 2000, n.29 Regolamento recante norme per l'istituzione del gioco «Bingo» ai sensi dell'articolo 16 della (G.U. 22 febbraio 2000, n. 43) IL MINISTRO DELLE FINANZE Visto il decreto legislativo

Dettagli

MODELLO A.3 (CUP: H22I13000100004 - CIG:5898558C09) Il sottoscritto. Via n. codice fiscale in qualità di della Società/impresa con sede legale in

MODELLO A.3 (CUP: H22I13000100004 - CIG:5898558C09) Il sottoscritto. Via n. codice fiscale in qualità di della Società/impresa con sede legale in COMUNE DI CASTIGLIONE D ADDA PROVINCIA DI LODI Cap. 26823 via Roma, 130 Tel. 0377 900403 909021 Fax 0377 901493 Codice Fiscale 82502070152 Partita IVA 07862160152 Sito Internet: www.comune.castiglionedadda.lo.it

Dettagli

LE SANZIONI E I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI PREVISTI DAL D. LGS. N. 114 DEL 1998 IN MATERIA DI COMMERCIO

LE SANZIONI E I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI PREVISTI DAL D. LGS. N. 114 DEL 1998 IN MATERIA DI COMMERCIO LE SANZIONI E I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI PREVISTI DAL D. LGS. N. 114 DEL 1998 IN MATERIA DI COMMERCIO di Claudio Venturi Sommario: 1. Premessa. 2. Le sanzioni per il commercio all ingrosso e al dettaglio

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

Allegato B MODULO DA COMPILARSI A CURA DELLE SOCIETA CHE FACCIANO RICHIESTA DI INCLUSIONE NELL ALBO FORNITORI CONEROBUS

Allegato B MODULO DA COMPILARSI A CURA DELLE SOCIETA CHE FACCIANO RICHIESTA DI INCLUSIONE NELL ALBO FORNITORI CONEROBUS Allegato B MODULO DA COMPILARSI A CURA DELLE SOCIETA CHE FACCIANO RICHIESTA DI INCLUSIONE NELL ALBO FORNITORI CONEROBUS Spett.le Conerobus S.p.a. Via Bocconi, 35 60125 Ancona Oggetto: Domanda di iscrizione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA DI BARBIERE E PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA DI BARBIERE E PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE Servizio associato tra i Comuni di Albiolo, Binago, Bizzarone, Cagno, Castelnuovo Bozzente, Cavallasca, Drezzo, Faloppio, Gironico, Lurate Caccivio, Olgiate Comasco, Oltrona

Dettagli

COMUNICAZIONE ANTIMAFIA (ex art. 87 D.Lgs. 06/09/2011, n. 159, modificato dal D.Lgs. 15/11/2012, n.218)

COMUNICAZIONE ANTIMAFIA (ex art. 87 D.Lgs. 06/09/2011, n. 159, modificato dal D.Lgs. 15/11/2012, n.218) COMUNICAZIONE ANTIMAFIA (ex art. 87 D.Lgs. 06/09/2011, n. 159, modificato dal D.Lgs. 15/11/2012, n.218) La comunicazione antimafia consiste nell'attestazione della sussistenza o meno di una delle cause

Dettagli

MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 19 marzo 2015: Aggiornamento della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private di cui al decreto 18 settembre

Dettagli

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Autorizzazione n. 7/2009 al trattamento dei dati a carattere giudiziario da parte di privati, di enti pubblici economici e di soggetti pubblici (G.U. n. 13 del 18 gennaio 2010 - suppl. ord. n. 12) Registro

Dettagli

-----------------------------------------------omissis----------------------------------------------------

-----------------------------------------------omissis---------------------------------------------------- Legge 7 luglio 2009, n. 88 Disposizioni per l'adempimento di obblighi derivanti dall'appartenenza dell'italia alle Comunità europee - Legge comunitaria 2008 (G.U. 14 luglio 2009, n. 161; s.o. n. 110) -----------------------------------------------omissis----------------------------------------------------

Dettagli

ALLEGATO 2) CIG: Z5C0B3412A CUP: F79G13000370005

ALLEGATO 2) CIG: Z5C0B3412A CUP: F79G13000370005 ALLEGATO 2) DICHIARAZIONI PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA MEDIANTE COTTIMO FIDUCIARIO PER L'APPALTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO PER GLI STUDENTI PENDOLARI RESIDENTI NEL COMUNE DI

Dettagli

ALLEGATO N. 2 FACSIMILE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

ALLEGATO N. 2 FACSIMILE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA ALLEGATO N. 2 FACSIMILE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Facsimile Spett.le Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica Ufficio Formazione per il Personale delle Pubbliche Amministrazioni

Dettagli

CONSORZIO PER LE AUTOSTRADE SICILIANE. Messina PROTOCOLLO D'INTESA

CONSORZIO PER LE AUTOSTRADE SICILIANE. Messina PROTOCOLLO D'INTESA IPrefettura di CONSORZIO PER LE AUTOSTRADE SICILIANE PROTOCOLLO D'INTESA PER PREVENZIONE DEI TENTATIVI DI INFILTRAZIONE DELLA CRIMINALITÀ' ORGANIZZATA NEL SETTORE DEGLI APPALTI E CONCESSIONI DI LAVORI

Dettagli

Scheda A Domanda di partecipazione

Scheda A Domanda di partecipazione Procedura aperta per il servizio di tesoreria per il Consiglio regionale dell Abruzzo. CIG 6378273D60 La società rappresentata da nato a il residente a in C.F. in qualità di 1 denominazione/sede legale

Dettagli

Allegato 1 ALL UFFICIO PROTOCOLLO DEL COMUNE DI MONTESARCHIO CAPOFILA DELL AMBITO B3 Piazza San Francesco, n.1 82016 Montesarchio (BN)

Allegato 1 ALL UFFICIO PROTOCOLLO DEL COMUNE DI MONTESARCHIO CAPOFILA DELL AMBITO B3 Piazza San Francesco, n.1 82016 Montesarchio (BN) Allegato 1 ALL UFFICIO PROTOCOLLO DEL COMUNE DI MONTESARCHIO CAPOFILA DELL AMBITO B3 Piazza San Francesco, n.1 82016 Montesarchio (BN) l sottoscritt nat a. il. residente nel Comune di... prov...via/piazza....

Dettagli

3. Accesso alle reti telematiche attraverso postazioni non vigilate. 4. Accesso alle reti telematiche attraverso tecnologia senza fili.

3. Accesso alle reti telematiche attraverso postazioni non vigilate. 4. Accesso alle reti telematiche attraverso tecnologia senza fili. Pagina 1 di 5 Leggi d'italia D.M. 16-8-2005 Misure di preventiva acquisizione di dati anagrafici dei soggetti che utilizzano postazioni pubbliche non vigilate per comunicazioni telematiche ovvero punti

Dettagli

Riforma della Pubblica Amministrazione

Riforma della Pubblica Amministrazione Segnalazioni Direzione Ambiente, Governo e Tutela del Territorio agosto 2015 Riforma della Pubblica Amministrazione I processi di cambiamento, avvenuti sul piano economico e sociale, hanno modificato lo

Dettagli

Sezione 1. Titolare dell'omonima impresa individuale Legale rappresentante della Società: (DENOMINAZIONE E RAGIONE SOCIALE) all insegna dell esercizio

Sezione 1. Titolare dell'omonima impresa individuale Legale rappresentante della Società: (DENOMINAZIONE E RAGIONE SOCIALE) all insegna dell esercizio Marca da bollo ** AL COMUNE DI PADOVA Settore Commercio ed Attività Economiche Ufficio Pubblici Esercizi Palazzo Amuleo - Prato della Valle, 98 - PD ai sensi della legge n. 287 del 25/08/91, Il/la sottoscritto/a:

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. PRESO ATTO che, con la suddetta Deliberazione n. 989/07, è stato approvato:

LA GIUNTA REGIONALE. PRESO ATTO che, con la suddetta Deliberazione n. 989/07, è stato approvato: OGGETTO: Modifica della D.G.R. 7 dicembre 2007, n. 989: Revoca deliberazione di Giunta regionale 8 febbraio 2000, n. 294. Approvazione dei criteri e delle modalità per la concessione di contributi per

Dettagli

Misure urgenti in materia di sicurezza. (10G0211)

Misure urgenti in materia di sicurezza. (10G0211) DECRETO-LEGGE 12 novembre 2010, n. 187 Misure urgenti in materia di sicurezza. (10G0211) (GU n. 265 del 12-11-2010 ) Entrata in vigore del provvedimento: 13/11/2010 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti

Dettagli

N.B. Testo coordinati con le modifiche apportate, successivamente dalla L.R. 16 febbraio 2010, n. 15; e dalla L.R. 25 novembre 2010, n. 23.

N.B. Testo coordinati con le modifiche apportate, successivamente dalla L.R. 16 febbraio 2010, n. 15; e dalla L.R. 25 novembre 2010, n. 23. REGIONE UMBRIA L.R. 4 aprile 1990, n. 10: Norme di attuazione della legge 4 gennaio 1990, n. 1: «Disciplina delle attività di estetista». (B.U.R.U. n. 15 dell'11 aprile 1990). N.B. Testo coordinati con

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

D.Lgs. 26 marzo 2010, n. 59. (Artt- 64-71 bis)

D.Lgs. 26 marzo 2010, n. 59. (Artt- 64-71 bis) Pubblicato nella Gazz. Uff. 23 aprile 2010, n. 94, S.O. ( ) Titolo II Disposizioni relative ad alcuni procedimenti di competenza del Ministero dello sviluppo economico Art. 64 Somministrazione di alimenti

Dettagli

ALLEGATO N. 2 FACSIMILE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

ALLEGATO N. 2 FACSIMILE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA ALLEGATO N. 2 FACSIMILE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA 1 Facsimile Spett.le Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica Ufficio Formazione per il Personale delle Pubbliche Amministrazioni

Dettagli

DICHIARAZIONE DI AVVALIMENTO DEL CONCORRENTE (SOGGETTO AUSILIATO)

DICHIARAZIONE DI AVVALIMENTO DEL CONCORRENTE (SOGGETTO AUSILIATO) Allegato 2/a «Busta A- Istanza di partecipazione» DICHIARAZIONE DI AVVALIMENTO DEL CONCORRENTE (SOGGETTO AUSILIATO) AL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Direzione Generale per gli incentivi alle imprese

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 10 ottobre 2003 Criteri e modalita' di concessione delle agevolazioni previste dagli interventi a valere sul Fondo per le agevolazioni alla ricerca. (F.A.R.).

Dettagli

Allegato "B" all'atto Rep. 57627/22410 STATUTO DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA - OGGETTO ARTICOLO 1 E' costituita, ai sensi dell'articolo 31 comma 38

Allegato B all'atto Rep. 57627/22410 STATUTO DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA - OGGETTO ARTICOLO 1 E' costituita, ai sensi dell'articolo 31 comma 38 Allegato "B" all'atto Rep. 57627/22410 STATUTO DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA - OGGETTO ARTICOLO 1 E' costituita, ai sensi dell'articolo 31 comma 38 della Legge 23 dicembre 1998 n. 448, così come modificato

Dettagli

(Dichiarazione ai sensi degli articoli 46 e 47 del DPR 28 dicembre 2000, n. 445)

(Dichiarazione ai sensi degli articoli 46 e 47 del DPR 28 dicembre 2000, n. 445) ALLEGATO I Modello di segnalazione certificata di inizio attività per Agenzie di viaggio e turismo (ai sensi degli articoli 46 e 47 del DPR 28 dicembre 2000, n. 445 e dell art. 19 della L. 241/90) Al Comune

Dettagli

Interventi regionali per l adozione dei modelli di organizzazione, gestione e controllo ai sensi degli artt. 6 e 7 del D.Lgs 231 dell 8/6/2001

Interventi regionali per l adozione dei modelli di organizzazione, gestione e controllo ai sensi degli artt. 6 e 7 del D.Lgs 231 dell 8/6/2001 PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE Interventi regionali per l adozione dei modelli di organizzazione, gestione e controllo ai sensi degli artt. 6 e 7 del D.Lgs 231 dell 8/6/2001 RELAZIONE Corruzione, sicurezza

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA L.R.

REGIONE LOMBARDIA L.R. REGIONE LOMBARDIA L.R. 31 gennaio 1992, n. 3: Disciplina regionale dell'agriturismo e valorizzazione del territorio rurale. (Pubblicata nel Suppl. Ord. del B.U.R. n. 6 del 4 febbraio 1992) Art. 1 - Finalità

Dettagli

SEMLIFICAZIONE AMMINISTRATIVA PER LE STRUTTURE RICETTIVE LA SCIA DA PRESENTARE AL SUAP

SEMLIFICAZIONE AMMINISTRATIVA PER LE STRUTTURE RICETTIVE LA SCIA DA PRESENTARE AL SUAP SEMLIFICAZIONE AMMINISTRATIVA PER LE STRUTTURE RICETTIVE LA SCIA DA PRESENTARE AL SUAP SAVERIO PANZICA saverio.panzica@regione.sicilia.it saveriopanzica@alice.it Taormina DEFINIZIONI - ORIGINE STRUTTURE

Dettagli

R.D. 18 giugno 1931, n. 773 (1). Approvazione del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (2) (3) (4) (5).

R.D. 18 giugno 1931, n. 773 (1). Approvazione del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (2) (3) (4) (5). R.D. 18 giugno 1931, n. 773 (1). Approvazione del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (2) (3) (4) (5). omissis Capo II - Degli esercizi pubblici (139) 86. (art. 84 T.U. 1926). - Non possono esercitarsi,

Dettagli

GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE. Reggio Calabria, 5 aprile 2013

GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE. Reggio Calabria, 5 aprile 2013 GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE Reggio Calabria, 5 aprile 2013 Introduzione L obiettivo della lezione odierna è individuare: i motivi per cui le mafie investono nell

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APERTURA E LA GESTIONE DI SALE GIOCHI 1 INDICE GENERALE Art. 1- Obiettivi CAPO I DEFINIZIONI E DISPOSIZIONI GENERALI Art. 2- Definizioni Art. 3- Normativa di riferimento Art.

Dettagli

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 289

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 289 Senato della Repubblica XVII Legislatura Fascicolo Iter DDL S. 289 Disciplina dei centri pubblici e privati di raccolta, conservazione e distribuzione del sangue da cordone ombelicale e istituzione della

Dettagli

Sono escluse dal campo di applicazione del presente avviso le sponsorizzazioni di qualsivoglia evento.

Sono escluse dal campo di applicazione del presente avviso le sponsorizzazioni di qualsivoglia evento. Avviso per la concessione di contributi per iniziative finalizzate alla promozione delle politiche a favore delle pari opportunità di genere e dei diritti delle persone e delle pari opportunità per tutti

Dettagli

CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Bilancio al 31/12/2014 CONSORZIO ENERGIA LIGURIA

CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Bilancio al 31/12/2014 CONSORZIO ENERGIA LIGURIA CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Sede legale: VIA PESCHIERA 16 GENOVA (GE) Iscritta al Registro Imprese di GENOVA C.F. e numero iscrizione 01323550994 Iscritta al R.E.A. di Genova n. 400879 Capitale Sociale sottoscritto

Dettagli

CODICE ANTIMAFIA E ANTICORRUZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE TITOLO I APPALTI

CODICE ANTIMAFIA E ANTICORRUZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE TITOLO I APPALTI CODICE ANTIMAFIA E ANTICORRUZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE TITOLO I APPALTI Art. 1 Requisiti di ordine generale 1. Al fine di prevenire infiltrazioni di tipo mafioso o comunque riconducibili alla

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

IN MATERIA DI RILASCIO DI

IN MATERIA DI RILASCIO DI COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis REGOLAMENTO IN MATERIA DI RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE PER LA SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE (APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 168 DEL 02.12.2003)

Dettagli

Classificazione delle attività delle imprese di pulizia

Classificazione delle attività delle imprese di pulizia Ambito di applicazione Le imprese che intendono svolgere le attività di impresa di pulizie previste dalla legge n. 82/94, per iscriversi all Albo Imprese Artigiane o al Registro delle Imprese o per aggiungere

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA IX LEGISLATURA (N. 2123) DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei Ministri (CRAXI) dal Ministro del Tesoro (GORIA) e dal Ministro dell'interno (SCALFARO) di

Dettagli

2002, così come convertito dalla legge 9 aprile 2002, n. 55, per violazione

2002, così come convertito dalla legge 9 aprile 2002, n. 55, per violazione D.L. 7 febbraio 2002, n. 7 (1). Misure urgenti per garantire la sicurezza del sistema elettrico nazionale (2) (3) (4). (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 febbraio 2002, n. 34. (2) Convertito in legge, con

Dettagli

Basilea 2: recepite le direttive comunitarie 2006/48/CE e 2006/49/CE Decreto Legge 27.12.2006 n. 297, G.U. 27.12.2006

Basilea 2: recepite le direttive comunitarie 2006/48/CE e 2006/49/CE Decreto Legge 27.12.2006 n. 297, G.U. 27.12.2006 Basilea 2: recepite le direttive comunitarie 2006/48/CE e 2006/49/CE Decreto Legge 27.12.2006 n. 297, G.U. 27.12.2006 Recepite le direttive euroepee 2006/48 e 2006/49 in prossima scadenza, in materia di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

MODELLO 2 FAC-SIMILE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL POSSESSO DEI REQUISITI. DI CUI AGLI ARTT. 38, 39 e 40 del D.LGS. N. 163/2006

MODELLO 2 FAC-SIMILE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL POSSESSO DEI REQUISITI. DI CUI AGLI ARTT. 38, 39 e 40 del D.LGS. N. 163/2006 MODELLO 2 FAC-SIMILE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI CUI AGLI ARTT. 38, 39 e 40 del D.LGS. N. 163/2006 (ex artt. 46 e 47 del DPR n. 445/2000) Spett.le Fondazione Teatro alla Scala

Dettagli

Dichiarazione di cui alle lettere b) e c) dell art. 38 del D.L.gsvo 163/2006 concernente l inesistenza di cause di esclusione dalle gare d appalto.

Dichiarazione di cui alle lettere b) e c) dell art. 38 del D.L.gsvo 163/2006 concernente l inesistenza di cause di esclusione dalle gare d appalto. Allegato 1/a Dichiarazione di cui alle lettere b) e c) dell art. 38 del D.L.gsvo 163/2006 concernente l inesistenza di cause di esclusione dalle gare d appalto. Il sottoscritto........ nato a...prov. il...

Dettagli

Promemoria Normativa attinente le entrate e le possibili attività commerciali consentite alle Associazioni di Volontariato

Promemoria Normativa attinente le entrate e le possibili attività commerciali consentite alle Associazioni di Volontariato Promemoria Normativa attinente le entrate e le possibili attività commerciali consentite alle Associazioni di Volontariato Legge 11 agosto 1991, n. 266 "Legge-quadro sul volontariato" (Pubblicata in G.U.

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Page 1 of 11 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DECRETO 14 settembre 2015 Criteri per la mobilita' del personale dipendente a tempo indeterminato degli enti di area

Dettagli

Disciplina dell'attività di consulenza per la circolazione dei mezzi di trasporto (1/a) (1/circ).

Disciplina dell'attività di consulenza per la circolazione dei mezzi di trasporto (1/a) (1/circ). 342. TRASPORTO DI MERCI MEDIANTE AUTOVEICOLI A) Provvedimenti generali L. 8-8-1991 n. 264 Disciplina dell'attività di consulenza per la circolazione dei mezzi di trasporto. Pubblicata nella Gazz. Uff.

Dettagli

Il sottoscritto: Cognome Nome Data di nascita Cittadinanza. Via/P.zza n. CAP Tel. Fax email @ Codice Fiscale:

Il sottoscritto: Cognome Nome Data di nascita Cittadinanza. Via/P.zza n. CAP Tel. Fax email @ Codice Fiscale: Mod. SUAP D.I.A. APERTURA E GESTIONE DI IMPIANTI E ATTREZZATURE PER L'ESERCIZIO DI ATTIVITA' MOTORIE, RICREATIVE E SPORTIVE (Art. 10 Legge Regionale Toscana 31 agosto 2000, n. 72) Spazio per apporre il

Dettagli

Si prega cortesemente il destinatario di citare il sopra indicato numero di protocollo nella futura corrispondenza indirizzata all ente

Si prega cortesemente il destinatario di citare il sopra indicato numero di protocollo nella futura corrispondenza indirizzata all ente Certificazione Qualità UNI EN ISO 9001:2000 Certificato n 50 100 3089 Rev. 5 Si prega cortesemente il destinatario di citare il sopra indicato numero di protocollo nella futura corrispondenza indirizzata

Dettagli

DELIBERAZIONE 4 MARZO 2003

DELIBERAZIONE 4 MARZO 2003 - - -- Ã F 2 8'7 DELIBERAZIONE 4 MARZO 23 Attuazione del Titolo V-bis del decreto legislativo n. 385193 concernente gli istituti di moneta elettronica (IMEL): disciplina in materia di partecipazioni a1

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI VARIAZIONE STRUTTURALE DI AGENZIA DI VIAGGI (art. 19 legge 241/1990 e s.m.i) DD.G.R. 816/2010 e 95/2011

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI VARIAZIONE STRUTTURALE DI AGENZIA DI VIAGGI (art. 19 legge 241/1990 e s.m.i) DD.G.R. 816/2010 e 95/2011 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI VARIAZIONE STRUTTURALE DI AGENZIA DI VIAGGI (art. 19 legge 241/1990 e s.m.i) DD.G.R. 816/2010 e 95/2011 AL SERVIZIO ATTIVITA' PRODUTTIVE DEL COMUNE DI SANT'ANASTASIA Ai sensi

Dettagli

per l esercizio del controllo analogo sulle società in house

per l esercizio del controllo analogo sulle società in house COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO per l esercizio del controllo analogo sulle società in house approvato con delibera

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario MODELLO A Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA DI SELEZIONE DEI SOGGETTI A CUI AFFIDARE LE ATTIVITA DI INFORMAZIONE E ORIENTAMENTO PER LE

Dettagli

PULIZIA, DISINFEZIONE, DISINFESTAZIONE, DERATTIZZAZIONE e SANIFICAZIONE (LEGGE 25 gennaio 1994 n. 82)

PULIZIA, DISINFEZIONE, DISINFESTAZIONE, DERATTIZZAZIONE e SANIFICAZIONE (LEGGE 25 gennaio 1994 n. 82) Il presente modello va trattato esclusivamente con modalità informatiche e compilato negli appositi campi modulo. Terminata la compilazione, il file dovrà essere convertito nel formato standard per la

Dettagli

DPR 7 agosto 2012, n. 137, entrato in vigore il 15 agosto 2012 e pubblicato in GURI n. 189 del 14 agosto 2012.

DPR 7 agosto 2012, n. 137, entrato in vigore il 15 agosto 2012 e pubblicato in GURI n. 189 del 14 agosto 2012. GUIDA ALLA RIFORMA DELLA PROFESSIONE DI ARCHITETTO, PIANIFICATORE, PAESAGGISTA E CONSERVATORE DPR 7 agosto 2012, n. 137, entrato in vigore il 15 agosto 2012 e pubblicato in GURI n. 189 del 14 agosto 2012.

Dettagli

al Comune di ***** Basilicata Sportello di ***** Basilicata

al Comune di ***** Basilicata Sportello di ***** Basilicata Pratica N PROCEDIMENTO AUTOMATIZZATO (artt 5 e 6 del dpr n 160/2010) SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ - SCIA (art 19, della l n 241/1990 e sm) Protocollo Generale al Comune di ***** Basilicata

Dettagli

riforma del lavoro: convalida dimissioni e risoluzioni consensuali Analisi delle varie tipologie di convalida

riforma del lavoro: convalida dimissioni e risoluzioni consensuali Analisi delle varie tipologie di convalida NEWSLETTER 53 - N. 13 ANNO 2012 proroga modello 770/2012 Spostato al 20 settembre il termine per l invio dei modelli 770/2012 semplificato e ordinario riforma del lavoro: convalida dimissioni e risoluzioni

Dettagli

Dichiarazioni CIG 5806770A2F.

Dichiarazioni CIG 5806770A2F. Dichiarazioni CIG 5806770A2F. Il sottoscritto Nato il a In qualità di Dell Impresa Con sede legale in Tel. n. Fax n. Con codice fiscale n Con partita IVA n ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. 28

Dettagli

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CECINA - VIA MAGONA, ND Fondo consortile Euro 186.000 di cui versato Euro 172.114 Iscritta alla C.C.I.A.A. di LIVORNO Codice Fiscale e N. iscrizione Registro Imprese 01228620496 Partita IVA: 01228620496

Dettagli

Allegato 1) Avviso per l accreditamento per la fornitura di libri di testo agli alunni della scuola primaria

Allegato 1) Avviso per l accreditamento per la fornitura di libri di testo agli alunni della scuola primaria Allegato 1) Avviso per l accreditamento per la fornitura di libri di testo agli alunni della scuola primaria Spett.le COMUNE DI COLOGNO AL SERIO VIA ROCCA, 1 24055 COLOGNO AL SERIO AREA SERVIZI ALLA PERSONA

Dettagli

Procedura aperta per l aggiudicazione di: IMPORTO APPALTO : 72.000,00 iva esclusa

Procedura aperta per l aggiudicazione di: IMPORTO APPALTO : 72.000,00 iva esclusa MODELLO A Attestazione e relative dichiarazioni per la partecipazione alla Procedura aperta per l aggiudicazione di: Istruzioni per la compilazione IMPORTO APPALTO : 72.000,00 iva esclusa 1. Completare,

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

Dichiarazione 1 DICHIARAZIONE IN MATERIA DI DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI

Dichiarazione 1 DICHIARAZIONE IN MATERIA DI DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI Dichiarazione 1 DICHIARAZIONE IN MATERIA DI DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI Il sottoscritto nato il a in qualità di legale rappresentante dello studio associato ovvero di titolare dello studio professionale/ditta

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Avvertenza...» 9 Abbreviazioni...» 11. Parte prima

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Avvertenza...» 9 Abbreviazioni...» 11. Parte prima Presentazione... pag. 7 Avvertenza...» 9 Abbreviazioni...» 11 Parte prima Codice civile Codice civile 1. R.D. 16 marzo 1942, n. 262. Approvazione del testo del Codice civile...» 25 2. R.D. 30 marzo 1942,

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

MEDIAZIONE CREDITIZIA Cosa cambia con il DECRETO LEGISLATIVO 13 agosto 2010, n. 141.

MEDIAZIONE CREDITIZIA Cosa cambia con il DECRETO LEGISLATIVO 13 agosto 2010, n. 141. MEDIAZIONE CREDITIZIA Cosa cambia con il DECRETO LEGISLATIVO 13 agosto 2010, n. 141. Il 4 settembre 2010 è stato pubblicato il D.Lgs. 141/2010, che ha modificato significativamente il Testo Unico Bancario

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 955

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 955 Senato della Repubblica XVII Legislatura Fascicolo Iter DDL S. 955 Disposizioni in materia di esercizio della prostituzione 26/10/2015-10:59 Indice 1. DDL S. 955 - XVII Leg. 1 1.1. Dati generali 2 1.2.

Dettagli

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari INTERMEDIARI FINANZIARI ART. 106 TUB, CONFIDI, AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA, MEDIATORI CREDITIZI E OPERATORI PROFESSIONALI

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: IL/LA SOTTOSCRITTO/A COMUNICAZIONE DI VARIAZIONE DEL DELEGATO

Dettagli

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI AUTORIZZAZIONE 11 dicembre 2014, n. 7 G.U.R.I. 30 dicembre 2014, n. 301 Autorizzazione al trattamento dei dati giudiziari da parte di privati, di enti pubblici

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 2372 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore PINGGERA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 17 APRILE 1997 Norme per l istituzione

Dettagli

Al SIGNOR SINDACO del Comune di

Al SIGNOR SINDACO del Comune di Da presentare in doppia copia Prima di consegnare il modulo, munirsi di fotocopia da far timbrare per ricevuta dall Ufficio Protocollo e conservare per gli usi successivi Al SIGNOR SINDACO del Comune di.

Dettagli

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.)

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Agenzie di viaggio e turismo: DD.G.R. 816/2010 e 95/2011 - Variazione strutturale Agenzia di viaggi Allo Sportello Unico per

Dettagli

CONDIZIONI SPECIFICHE

CONDIZIONI SPECIFICHE CONDIZIONI SPECIFICHE 1. OGGETTO DEL CONTRATTO e MODALITA DI AGGIUDICAZIONE Costituisce oggetto del CONTRATTO la fornitura dei SERVIZI per lo svolgimento del recupero dei crediti nei confronti dei clienti

Dettagli

LE AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO NELLA PROVINCIA DI PRATO. Note informative

LE AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO NELLA PROVINCIA DI PRATO. Note informative LE AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO NELLA PROVINCIA DI PRATO Note informative Le agenzie di viaggio e turismo in Toscana sono disciplinate dal Testo Unico delle Leggi Regionali in materia di turismo approvato

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE ZELLER, NICCO. Norme per l istituzione e la regolamentazione delle case da gioco sul territorio nazionale

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE ZELLER, NICCO. Norme per l istituzione e la regolamentazione delle case da gioco sul territorio nazionale Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 45 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI ZELLER, NICCO Norme per l istituzione e la regolamentazione delle case da gioco sul territorio

Dettagli

MODELLO B AUTOCERTIFICAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI PARTECIPAZIONE

MODELLO B AUTOCERTIFICAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI PARTECIPAZIONE MODELLO B AUTOCERTIFICAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI PARTECIPAZIONE Al Comune di Vittorio Veneto Piazza del Popolo, n. 14 31029 VITTORIO VENETO (TV) Oggetto: Procedura aperta per l affidamento della

Dettagli

L'ispettore generale capo del Ministero del tesoro del bilancio e della programmazione economica De Leo

L'ispettore generale capo del Ministero del tesoro del bilancio e della programmazione economica De Leo DECRETO 23 marzo 2000 Aggiornamento delle tariffe dei diritti di segreteria per il registro delle imprese di cui alla tabella A annessa al decreto ministeriale 22 dicembre 1997. IL DIRETTORE GENERALE del

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA TESTO COORDINATO DELL ARTICOLO 3, COMMA 5, decreto legge 13 agosto 2011, n. 138 (c.d. manovra economica bis), conv. in L. 14 settembre 2011, n. 148, integrato dalla legge 12 novembre 2011, n. 183 (c.d.

Dettagli

PUNTO I) DEL BANDO DI GARA

PUNTO I) DEL BANDO DI GARA Istruzioni per la compilazione: 1.La dichiarazione va compilata correttamente in ogni sua parte, barrando, se necessario, le parti che non interessano. 2.Segnalare il caso di coincidenza fra legale rappresentante

Dettagli