TESTI DIGITALI. COMUNICAZIONE FORMATIVA E AMBIENTI PER IL KNOWLEDGE MANAGEMENT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TESTI DIGITALI. COMUNICAZIONE FORMATIVA E AMBIENTI PER IL KNOWLEDGE MANAGEMENT"

Transcript

1 Gianluca Torrini TESTI DIGITALI. COMUNICAZIONE FORMATIVA E AMBIENTI PER IL KNOWLEDGE MANAGEMENT 2010 Communication Strategies Lab - - ComunicazioneGenerativa.org pdf in

2 2

3 Sommario Introduzione 1. Ebook e ereader Breve storia dell editoria digitale Il mercato degli ebook: alcuni dati statistici Editoria digitale: le peculiarità comunicative dell ebook Accesso all acquisto del testo Memorizzazione e portabilità del testo - la biblioteca personale Aggiornamento del testo Il testo come cabina di regia di una comunicazione interattiva L amatorializzazione dei contenuti Lettura e scrittura: operazioni sul testo L industria del libro digitale Il copyright Ebook e biblioteche L oggetto comunicativo e il suo utilizzo: dalla condivisione alla cooperazione Il miraggio democratico dei Social Network Ebook e social networking L ambiente di comunicazione per il knowledgement: ebook, socialità e comunicazione formativa Comunicazione generativa e organizzazione Organizzazione e knowledge management Knowledge management e dissemination scientifica 211 Conclusioni: conoscenza, felicità, editoria multimediale BIBLIOGRAFIA

4 4

5 Introduzione Da tempo assistiamo ad un fenomeno, non limitato al nostro Paese bensì condiviso a livello internazionale, di rafforzamento di quel partito d opinione favorevole ad una massiccia colonizzazione della scuola da parte delle nuove tecnologie: un movimento di pensiero spesso sostenuto non solo da mass media generalisti e di settore, ma anche dagli stessi protagonisti delle pratiche formative. Alla base di tale convinzione gioca un ipotizzata necessità di costruire ambienti formativi sempre al passo con le tecnologie che si sviluppano e prendono piede in altri e differenti contesti sociali, per, in qualche modo, garantire una continuità tra ciò che sta accadendo fuori e dentro la scuola. Tale visione è sostenuta e incoraggiata, oltretutto, da una società che pare essere sempre più integrata nel suo rapporto con le tecnologie tanto da farle diventare un elemento che fanno moda, in voga, basti pensare a ciò che accade con il valore simbolico, bel oltre quello d uso, che hanno i prodotti di casa Apple. Una tendenza capace di rivalutare un homo technologicus che, da individuo nerd solitario perennemente davanti ad un monitor, è diventato al contrario un punto di riferimento per il vivere al passo con i tempi, in un concetto che può essere ben riassunto dal termine inglese, dalla valenza più che positiva, di geek. Chiaro come, in un contesto del genere, anche la scuola si sia trovata a fare i conti con sempre più tecno-entusiasti, che quotidianamente redigono blog sulla formazione, sperimentano gli 5

6 ultimi device digitali, utilizzano le funzionalità inedite dei social network, portano in classe i dispositivi che utilizzano a casa. Ma, al di là delle mode del momento, l apertura alle tecnologie nelle pratiche di comunicazione formativa non può essere governata allineandosi ad una visione negativa o positiva maturata a priori, qualsiasi essa sia: appare al contrario ogni giorno più importante che l adozione dei nuovi media debba passare da una serie di riflessioni imprescindibili, di considerazioni che facciano dell oggettività e del metodo scientifico le loro basi metodologiche. Riflessioni, inoltre, che necessitano di andare oltre analisi che troppo spesso non fanno altro che ribadire nodi concettuali oramai sufficientemente indagati, come per esempio quelli relativi al contenuto e al contenitore (ovvero all importanza che i testi destinati ad un particolare device debbano essere sceneggiati per quel device) da un lato o all educazione ai media dall altro (insegnare le potenzialità del digitale piuttosto che l uso specifico di un mass medium), tanto per fare due esempi, che hanno monopolizzato le scienze della comunicazione degli ultimi anni. Pare invece giunto il momento chiaramente non di scordare, ma di andare oltre l esigenza di sottolineare che i testi vadano remediati per ogni medium specifico, che si debbano sfruttare le caratteristiche comunicative di ogni mezzo, che non sia sufficiente trasformare in bit un libro cartaceo per creare un ebook: considerazioni fondamentali, strutturali, ma che non devono rappresentare un punto d arrivo delle scienze della comunicazione. A queste riflessioni urge allora affiancarne delle altre, troppo spesso dimenticate, che prendano in considerazione ulteriori aspetti centrali: quali ambienti sviluppare a supporto dell utilizzo delle nuove tecnologie? Quali comportamenti comunicativi si 6

7 attiveranno? E dove, in quali luoghi? Come si affiancheranno agli altri comportamenti, imprescindibili, che già sono socialmente condivisi? Comportamenti imitativi, basati su strutture gerarchiche ben definite, oppure creativi, relazionali? E su quali modelli comunicativi, erogativi, multidirezionali, trasmissivi [Toschi 2011] e via dicendo basano la loro architettura? Quali sono le funzionalità in grado di garantire il governo delle dinamiche relative alla conoscenza che tali mezzi attivano? Che tipo di alfabetizzazione è garantita ai protagonisti della comunicazione formativa? C è infatti una sostanziale differenza tra dire che tutti gli insegnanti debbano possedere le competenze per governare i mezzi di comunicazione digitali e il sostenere che tali mezzi di comunicazione debbano essere utilizzati nella didattica. Soprattutto in relazione al concetto di conoscenza, che in questo lavoro si tenta di affrontare sotto diversi punti di vista, emerge la necessità di una riflessione, sistematica, su come le nuove tecnologie, e più specificatamente l ebook, scelto come casus per la sua repentina diffusione tra i consumatori, possano interagire nelle dinamiche interattive della comunicazione formativa. In primo luogo come ambienti in grado, grazie al fenomeno della convergenza digitale [Jenkins 2006], di gestire e collegare non soltanto risorse tecnologhe diverse, ma anche individui e gruppi sociali prima distanti, abbassando in modo mai sperimentato prima i costi organizzativi [Shirky 2010] necessari a collegare nel tempo e nello spazio le persone. Tale facilità di interconnessione non comporta, però e ancora una volta, una conseguente crescita di due fattori comunicativi fondamentali per guardare con entusiasmo all adozione delle tecnologie a scuola: il primo, relativo alla possibilità di creare 7

8 dinamiche di knowledgement in grado di massimizzare i potenziali vantaggi che derivano dall interazione fra reale e digitale, strutturando cioè ambienti comunicativi in grado di andare a impattare con forza sulle regole sociali stesse che li ha prodotti; il secondo, in relazione allo sviluppo di una consapevolezza e competenza individuale, di una crescita capace di porre le persone in grado di governare le grammatiche della comunicazione e non di subirne quelle imposte da altri, fino a farli responsabilmente decidere e capire se e quali tecnologie possano rappresentare un reale sostegno alle pratiche formative e non una moda del momento. Per quanto riguarda il primo punto, appare imprescindibile riuscire a maturare la consapevolezza che l ingresso di una tecnologia nel contesto scolastico non possa avvenire senza di pari passo strutturare ambienti di gestione della conoscenza in grado di sistematizzare le attività digitali con quelle non digitali, siano esse la condivisone di appunti o sottolineature, la creazione di un testo scolastico in modalità print on demand, o la resa ipertestuale e multicodice di un contenuto che prima non lo era. Pare controproducente, cioè, pensare esclusivamente ai contenuti o al contenitore, come fin troppo spesso è avvenuto, tralasciando l analisi ecologica dell ambiente di fruizione del mezzo di comunicazione, includendo in questa riflessione le modalità di utilizzo sia in classe sia a casa e come una nuova grammatica vada ad influire sulle attività consolidate quotidiane. In merito al secondo punto, strettamente legato al precedente, l adozione dei media digitali a scuola non ha fino ad ora sufficientemente esaminato i modelli comunicativi sottostanti le architetture dell informazione proprie delle tecnologie. Pur predicando una maggiore interazione e democratizzazione negli 8

9 ambienti formativi, fenomeno dovuto principalmente all ingresso di nuovi strumenti comunicativi digitali che si sono autodefiniti fin da subito come social, si è invece fin troppo spesso dotato le scuole di media ancora legati ad un approccio comunicativo Gerarchico- Imitativo-Trasmissivo, che poco o nulla sono andati a modificare l impianto delle dinamiche relazionali in classe. Mezzi di comunicazione cioè che, pur autosottolineando le loro caratteristiche partecipative, personalizzanti, di sostegno alla valorizzazione di un intelligenza collettiva, al contrario hanno presentato strutture rigide, imposte da logiche da database, dove all utente si è dato al massimo l opportunità di cliccare su un mi piace o di lasciare un commento rigorosamente limitato nella lunghezza e nelle caratteristiche multimediali. Se il paradigma comunicativo rimane lo stesso, è impensabile demandare alle tecnologie l onere di cambiare gli ambienti con il solo fatto di essere inserite in nuovi contesti, nel nostro caso in quelli dove normalmente si esplicitano dinamiche di comunicazione formativa. Il modello che soggiace ad ogni pratica comunicativa, spesso celato da architetture tecnologiche, rappresenta invece uno dei fattori chiave nello sviluppo della capacità critica, creativa di ogni individuo, e per questo assume ancora più importanza nelle dinamiche formative. Le tecnologie digitali, fino ad oggi utilizzate ad un livello minimo di potenzialità, hanno dato vita invece a pratiche per lo più simili a quelle dei media analogici, accusati di essere monodirezionali, scarsamente interattivi, da uno a molti. Anche quando la disseminazione delle tecnologie nelle scuole è avvenuta con successo, grazie per esempio a ingenti investimenti governativi, ci si è spesso dimenticati di avviare un analisi delle 9

10 modalità comunicative a cui si faceva riferimento: mezzi e ambienti di comunicazione che si dichiarano aperti, interattivi, social, spesso offrono agli utenti pochissime possibilità creative, limitando le attività a sceneggiature decise dall alto, a possibilità che possono sì andare a cambiare i contenuti dell ambiente, magari pubblicando un video, un commento o una qualsiasi nota vocale, ma mai l ambiente stesso, rigidamente controllato da chi detiene le grammatiche della comunicazione. Da tali riflessioni è nato questo contributo: un tentativo per provare a fare luce sulle dinamiche di adozione nella scuola di una nuova particolare tecnologia, quella dell ebook, che rischia di esser calata sulle teste degli insegnanti senza averne prima studiato e progettato le modalità di interazione fra device e ambiente reale di riferimento e di utilizzo, sia esso reale o digitale. Una tecnologia che, rispetto alla Lavagna Interattiva Multimediale per esempio, si presenta con sostanziali differenze e peculiarità che probabilmente ne faranno un caso paradigmatico di studio nei prossimi anni. Prima di tutto, l ebook è un oggetto che offre un suo utilizzo sia personale che collettivo, permettendo una lettura individuale ma anche l accesso ad ambienti sociali di condivisione di commenti, testi, indicazioni, contenuti paratestuali. Poi, l ebook è un oggetto facilmente acquistabile e, soprattutto, prepotentemente alla moda : basta sfogliare i depliant pubblicitari nelle cassette della posta per credere, con decine di ereader dai colori e dalle dimensioni differenti. Non solo, ma a differenza di molte altre tecnologie, la crescita nelle vendite degli ebook è accelerata da una generale e massiccia presa di posizione delle case editrici, impegnate a digitalizzare, per ora non commentando l effettiva qualità dei contenuti prodotti, la più elevata quantità di 10

11 testi possibile. Infine, da non scordare la sostanziale somiglianza dell ebook con l oggetto principe della comunicazione formativa, ovvero quel libro sempre al centro di ogni dinamica scolastica. Gli aspetti ora citati fanno dell ebook un medium in procinto di diventare sempre più comune, e le statistiche non fanno altro che confermare questo trend: dagli ultimi dati resi noti dall Association of American Publishers (AAP) [http://www.publishers.org/index.html] per il mercato degli Stati Uniti, salta all occhio un aumento del 158,1% delle vendite di ebook nel Settembre 2010 rispetto a quello dell anno precedente, con una crescita del fatturato di quasi 40 milioni di dollari. E nell ultimo anno, complessivamente, le vendite di libri digitali hanno avuto un aumento del 188,4% [http://www.idpf.org/doc_library/industrystats.htm]: numeri che difficilmente lasciano spazio a interpretazioni che potrebbero descrivere il fenomeno dell editoria digitale come limitato ad un ristretto numero di persone e destinato a spegnersi. E l impegno in tal senso delle grandi aziende del web e dell elettronica vanno a testimoniare ancora una volta il trend di crescita di questa parte di mercato: Google ha da poco lanciato la nuova versione di GoogleBooks [http://books.google.com/], una piattaforma di lettura e di vendita di testi digitali che sfrutta nuovissime tecnologie di streaming testuale; ibookstore di Apple [http://itunes.apple.com/it/app/ibooks/id ?mt=8] è una delle applicazioni più scaricate per ipad e iphone, e lo stesso Steve Jobs ha presentato il tablet della casa di Cupertino ai mezzi d informazione sottolineando più volte le sue funzionalità di lettura; Amazon, la più grande azienda di distribuzione di libri del mondo, ha aperto a dicembre la propria filiale italiana, rendendo disponibile 11

12 anche nel nostro paese il Kindle, ovvero il lettore di ebook più venduto di sempre. L analisi delle dinamiche comunicative che si attivano con l utilizzo degli strumenti editoriali digitali, e al tempo stesso di quelle che sono ancora lontane da una loro effettiva esplicitazione in classe, appare quindi oggi improcrastinabile, nel tentativo di fare luce su grammatiche che andranno sempre più ad incidere sulle pratiche di gestione della conoscenza, di governo delle relazioni interpersonali, di sviluppo di ambienti digitali destinati a ridefinire i tempi e gli spazi dell apprendimento: fattori fondamentali per la riscrittura di una socialità inedita, la cui progettazione consapevole andrà a influire su individui e società tutta. 12

13 1. Ebook e ereader 1 Risulta estremamente soggettivo formalizzare la storia dell ebook e dell ereader, ovvero di oggetti i cui confini tecnici e funzionali sono ancora così poco delineati, fluidi, tanto da rendere perfino complicata una loro definizione in grado di comprenderne le diverse specificità che riguardano sia l hardware, ovvero il cosiddetto lettore, sia il software, dal sistema operativo alle caratteristiche comunicative e di interazione con i contenuti, sia, appunto, i testi digitali. L unica sistematizzazione riconosciuta in tal senso, e fondamentale per la comprensione del fenomeno dell editoria digitale, è quella che intende per ereader il dispositivo di lettura, cioè il contenitore, e per ebook il testo, ovvero il contenuto. Una 1 Il primo capitolo ed il secondo capitolo hanno dato vita ad un oggetto didattico pubblicato online dal titolo History of ebooks, in una sorta di sperimentazione delle relazioni che possono intercorrere tra testo cartaceo e testo digitale. Le informazioni storiche qui riportate, infatti, sono state riassunte in una cronologia interattiva disponibile all indirizzo La realizzazione di questa timeline mi ha dato la possibilità di rendere ipertestuali una serie di contenuti in una modalità altrimenti impensabile per un testo scritto su carta: link, immagini, video accompagnano ogni punto della cronologia, dando al lettore la possibilità di crearsi un proprio percorso sul web. La modalità di lettura della cronologia, poi, può essere decisa individualmente scegliendo tra una visualizzazione grafica ordinata cronologicamente, una lista testuale degli eventi o una sorta di galleria fotografica. Inoltre, la cronologia è facilmente risfruttabile in altri siti, grazie alla possibilità di embed: semplicemente copiando il codice HTML della timeline, è possibile ripubblicarla su qualsiasi altro ambiente digitale nonché condividerla sui principali social network come Facebook, Twitter e via dicendo. 13

14 tassonomia, però, dalle maglie così larghe che perde la sua funzione principale, ovvero quello di organizzare in contenitori idee e cose. Provando a limitare tale suddivisione, per ora in relazione al dispositivo di lettura e soprattutto in ambito commerciale, per ereader si intende in prima battuta il device elettronico a tecnologia eink, di cui parleremo più avanti, ovvero quei sistemi hardware che utilizzano l inchiostro elettronico e non display a LCD retroilluminati come i monitor dei normali computer. Ma, a complicare e ad allargare l insieme-mondo degli ereader, tale categoria pare smarrire il suo senso quando, invece delle caratteristiche tecniche, ci concentriamo su quelle comunicative: in questo senso, è un lettore qualsiasi apparecchio in grado di visualizzare testi digitali, comprendendo in questa definizione i vecchi PDA, cioè i Personal Digital Assistant, chiamati più comunemente palmari ed oggi sostituiti dagli smartphone, i cellulari, i tablet come l ipad 2, ma anche i personal computer, tutti dispositivi basati su monitor LCD retroilluminati che non garantiscono né una lunga durata della batteria né una lettura abituale e confortevole per l occhio. Se è difficile quindi stabilire le caratteristiche che fanno diventare un qualsiasi lettore di testi digitali un ereader, ancora più complicato è fissare i confini che definiscono la natura del contenuto letto, ovvero dell ebook. Se da un lato potremmo limitarci a 2 La presentazione al pubblico dell ipad, evento seguito da milioni di persone e sapientemente orchestrato dalle divisioni comunicazione e marketing di casa Apple, si è concentrata proprio sulla capacità del tablet di essere contemporaneamente un computer e un ereader di alta qualità. Tanto che, contestualmente alla conferenza stampa, Apple ha presentato un nuovo ambiente di vendita di libri digitali, l ibookstore, ufficialmente online dal 3 aprile 2010, un applicazione per ipad, iphone e ipod simile ad itunes per la musica, che permette l acquisto di libri elettronici in formato epub e pdf. 14

15 considerare ebook i libri cartacei trasformati in formato digitale e leggibili da ereader, sposando quindi una linea ancora una volta legata alla tecnologia piuttosto che al processo comunicativo, dall altro appare oramai anacronistico non chiamare libri digitali quelle pubblicazioni, magari amatoriali e non legate a case editrici, leggibili anche su tablet o altri device come smartphone, ma anche sul monitor del proprio personal computer. Aprendo a questa seconda vulgata, rischiamo però di considerare ebook qualsiasi testo digitalizzato, allontanandoci dalla definizione di libro come di un oggetto editoriale chiuso, con uno o più autori, con un codice di riconoscimento e via dicendo. Una definizione del genere mira a comprendere invece tutto quel movimento di self-publishing che, grazie alla scomparsa delle spese di composizione, di stampa e di distribuzione, ha permesso a qualsiasi persona, con pochissime competenze tecniche, di diventare di fatto editore di se stesso, confezionando in casa un prodotto pronto ad esser venduto: un ebook appunto. Per provare a chiarire un universo quindi difficilmente sistematizzabile, proviamo a considerare allora, brevemente, le caratteristiche puntuali degli ereader, per capire se sia possibile determinare o meno una categoria oggettiva in base alle specifiche tecniche di software ed hardware. Prima di tutto occorre fare una breve riflessione sul sistema operativo utilizzato dai lettori digitali: la scelta generale è sempre stata quella di affidarsi a sistemi open source, come Linux, tanto che sistemi come Windows CE (Compact Edition), sviluppato nel 1996 da Microsoft specificatamente per dispositivi palmari, sono rimasti del tutto marginali nelle scelte di mercato. I vantaggi dell utilizzo di sistemi open source, derivati soprattutto dal fatto di poter lasciare 15

16 ad una comunità aperta la possibilità di sviluppare applicazioni originariamente non pensate dalle case produttrici, sembra un trend destinato a durare ancora, visto che alcuni degli ultimi ereader messi in commercio, come l edge targato EnTourage, o il FnacBook sviluppato e venduto dalla FNAC, società francese di distribuzione di contenuti multimediali oramai presente in tutta Europa, hanno adottato Android, il nuovo sistema operativo, che, basandosi comunque sul cuore di Linux, dal 2008 sta prendendo sempre più campo soprattutto per quanto riguarda le applicazioni nel mercato della telefonia mobile. Tra le caratteristiche più facilmente individuabili dall utente, invece, può variare in modo significativo la dimensione dello schermo, che in generale va da 5 a 10.2 pollici, dimensioni che tentano di rispondere a tutte le diverse esigenze di trasportabilità del device. Pur arrivando a dimensioni ragguardevoli come i 10.2 pollici, che praticamente equivalgono alla dimensione standard dei netbook, però, rispetto ai 54 modelli elencati da Wikipedia [http://en.wikipedia.org/wiki/list_of_e-book_readers] come i più comuni, ben 37 sono dotati di un monitor a 6 pollici con orientamento del tutto simile ad un libro, ovvero ereader rettangolari e con il lato più breve parallelo al terreno, a differenza di tablet come l ipad che permettono la lettura anche con il rapporto tra lato lungo e corto uguale ai monitor dei computer. I 6 pollici sono quindi diventati un estensione praticamente standard, coniugando una buona qualità di lettura con il contenimento delle dimensioni dell ereader, e garantendo una qualità di risoluzione in pixel del monitor in 600 per 800 per il 76% dei device, anche se tale caratteristica sta migliorando rapidamente. 16

17 Continuando con l analisi delle specifiche legate ai monitor, quest ultimo, quando costruito con tecnologia a eink, è soltanto capace di visualizzare diverse tonalità di grigio e non colori, in un numero che generalmente tende ad un progressivo aumento, grazie alle migliori prestazioni tecnologiche legate all inchiostro elettronico. Ad oggi i nuovi device vengono commercializzati con 16 tonalità di grigio che, pur chiaramente non garantendo la stessa versatilità dei monitor LCD a colori, offrono comunque la possibilità di visualizzare con una certa qualità anche le immagini che richiedono un alta qualità di dettagli. In questo senso, i più grossi cambiamenti sono attesi per il , dato che diverse aziende hanno già annunciato la messa in vendita di monitor a tecnologia eink a colori, innovazione destinata a rivoluzionare il mercato dei libri digitali. Si potrà così comporre testi con la presenza di immagini policromiche, la cui assenza è invece un punto debole, debolissimo per libri di testo scolastici o per le case editrici specializzate in fumetti. Seguendo l evoluzione di gran parte degli smartphone e dei tablet, poi, il monitor degli ereader sta sempre più diventando un touchscreen, elemento che generalmente rende il loro utilizzo più semplice: così il funzionamento dei vari menu non è più legato necessariamente a pulsanti che rimangono sempre gli stessi, ma variano a seconda delle funzioni necessarie ad operare in un determinato contesto comunicativo, rendendo l utilizzo del device più intuitivo e permettendo, di conseguenza, un allargamento dell universo dei possibili utilizzatori, favorendo la crescita di contenuti sempre più diversificati. Altra caratteristica tecnica fondamentale per gli ereader è quella relativa alla memorizzazione dei dati, che può avvenire 17

18 grazie o ad un hard disk interno o ad apposite memory card. La capacità di storage dei dati è un aspetto fondamentale, perché amplifica proprio una delle peculiarità più vantaggiose degli ereader rispetto alla carta, ovvero la comodità di archiviazione, visto che ogni device può arrivare a contenere anche qualche migliaio di libri senza chiaramente aumentare di pesantezza. Sotto un punto di vista quantitativo, è sempre maggiore la qualità delle tecnologie di memorizzazione sia in termini di capacità sia in termini di grandezza del disco rigido. I primi ereader erano infatti commercializzati con una memoria interna molto limitata: il Sony Librè del 2004, per esempio, era dotato di soltanto 10M di Hard Disk, e si dovrà aspettare il 2008 per avere memorie interne che superassero il Giga di capacità. La limitatezza della capacità degli Hard Disk è stata però superata con la possibilità di inserire schede memoria esterne, generalmente con tecnologia Secure Digital, comunemente chiamata con il suo acronimo SD, in formato normale o MiniSD o MicroSD, che permettono all ereader di memorizzare anche 32Gb di ebook, corrispondenti a circa libri digitalizzati senza contenuti multimediali, trasformando un lettore digitali in una vera o propria biblioteca di media dimensioni. Proprio a causa della capacità degli ereader di ospitare una quantità fuori dal comune di libri in formato digitale, è divenuta sempre più importante la possibilità di organizzare i testi in cartelle, lasciando all utente stesso anche l opportunità di crearle di nuove, come accade sui personal computer, che ordinino gli ebook relativamente alle specifiche esigenze. La possibilità di creare delle directory interne al dispositivo, però, non è un opzione così comune negli ereader, pur trattandosi, soprattutto quando i testi diventano 18

19 molti, di un tool quasi imprescindibile: non tutti i nuovi ereader hanno infatti questa capacità, ma mettono a disposizione all utente, invece, cartelle già preconfezionate ed immodificabili che vanno dall autore, all anno di pubblicazione, al genere della pubblicazione e via dicendo. Altra caratteristica di fondamentale importanza per i lettori, che rianalizzeremo più avanti in relazione alle conseguenze sociali che essa provoca, è quella relativa alla presenza o meno di una porta d accesso ad Internet in generale ed al web in particolare, sia essa tramite scheda telefonica o rete Wi-Fi. Se la totalità degli ultimi tablet è progettata per garantire la connessione alla Rete, avendo questi device funzioni che aumentano la loro somiglianza con i vecchi palmari, questa volta però touchscreen, senza tastiera e di dimensioni più grandi, per quanto riguarda gli ereader puri la connessione ad Internet è pensata soprattutto in relazione all accesso da parte dell utente ai negozi di ebook online, e non tanto per la navigazione libera sulla Rete. Avere sempre a disposizione una connessione, infatti, permette al lettore di acquistare un libro in qualsiasi momento, cancellando la necessità di sincronizzare l ereader al computer: un passo che per i distributori e per gli editori vuole dire garantire ai lettori un tempo dell acquisto più dilatato, personalizzabile, estremamente più usabile e accessibile, allo stesso tempo creando, grazie alla registrazione online degli utenti ai siti di vendita, database di profili personali che contengono preziose informazioni sulle abitudini d acquisto, merce rara e imprescindibile per gli esperti di marketing. Inoltre, lato utente, avere una connessione con Internet integrata al proprio ereader può garantire l accesso ad ambienti online di gestione della conoscenza, di condivisione di materiali, di 19

20 community: un passo imprescindibile per poter utilizzare il lettore digitale come un vero e proprio mezzo che faccia risaltare le caratteristiche interattive e multimediali dell ebook, altrimenti legato a pratiche di semplice digitalizzazione del cartaceo. La connessione ad Internet, come vedremo più avanti, si pone infatti al centro di una serie di riflessioni che vanno al di là della semplice presenza tecnologica di una connessione senza fili: l ipertestualità dei testi digitali, la possibilità di trovare online approfondimenti all ebook che si sta leggendo, di redigere note o messaggi sul testo da condividere con gli altri lettori o con una classe, di allegare ai contenuti editoriali immagini, altri link, registrazioni audio, sono tutte caratteristiche in grado di cambiare radicalmente l utilizzo della tecnologia del libro, sfruttando appieno quelle che sono le caratteristiche della nuova scrittura digitale, sempre più interattiva, collaborativa, multimediale. Avere una connessione ad Internet, comunque, non dà garanzia di avere un software adatto per la navigazione online. Il Wi-Fi o l integrazione di una scheda SIM nell ereader, infatti, non vuole dire necessariamente permettere all utente di poter navigare in Internet. Inoltre, non tutti i device hanno installato un browser per la navigazione online, limitando di fatto l accesso soltanto ai negozi online delle case editrici, e anche quando un browser è previsto, le caratteristiche tecniche dell eink non aiutano certamente una navigazione veloce: la lentezza dell aggiornamento dell inchiostro elettronico, l assenza di colore, l incompatibilità con molti di quei siti che non prevedono una loro versione mobile, non permettono di sviluppare applicazioni o siti web in grado né di valorizzare le caratteristiche degli ereader né di lasciare all utente una user experience comunicativamente e strategicamente strutturata. 20

21 In questo senso, la limitazione imposta da un lato dalle specifiche tecniche dall inchiostro elettronico e dall altro dalle posizioni commerciali prese dai produttori degli ereader, come per esempio la proibizione di connettersi a tutte quelle manifestazioni relative al social networking, appaiono come freni ad un utilizzo esteso, creativo, personalizzato dei lettori tradizionali: proprio per questo la grande crescita delle vendite degli ebook è coincisa con lo sviluppo e la commercializzazione dei tablet, lettori che replicano certamente più le caratteristiche dei personal computer piuttosto che degli ereader. Tablet inoltre sostenuti da tutte quelle applicazioni web based di social networking, molto appetibili sul mercato, di cui gli utenti fanno esperienza quotidianamente navigando sui computer e sui cellulari, e sui quali i navigatori hanno generalmente sviluppato un alfabetizzazione sufficientemente elevata per poter interagire in ambienti di gestione della conoscenza. Tra le altre caratteristiche degli ereader da tenere in considerazione, soprattutto in vista di un loro utilizzo in campo formativo, il lettore audio del testo pone una serie di vantaggi rilevanti, non soltanto per ipovedenti o non vedenti, ma anche per la possibilità di poter partecipare ad una lettura collettiva di un testo digitalizzato. Purtroppo, i lettori vocali sono programmati generalmente soltanto per la lingua inglese, ed inoltre tale applicazione è sviluppata solo per pochi modelli di ereader, anche se la sua presenza sul Kindle della Amazon, uno dei device più venduti al mondo, ne garantisce un ampia diffusione sul mercato. Gran parte degli ereader, inoltre, ha al proprio interno un dizionario integrato, facilmente richiamabile dal menu durante la lettura di un ebook: una caratteristica che tende ad aumentare un ipertestualità che generalmente rimane fin troppo sopita durante 21

Che cos è e come funziona l e-book

Che cos è e come funziona l e-book Che cos è e come funziona l e-book 1/3 di Francesca Cosi e Alessandra Repossi Negli ultimi mesi si è parlato molto dell e-book e del fatto che presto rivoluzionerà il mondo dell editoria: sono stati organizzati

Dettagli

LEGGERE DIGITALE. Introduzione al mondo degli e-book. www.libreriearion.it

LEGGERE DIGITALE. Introduzione al mondo degli e-book. www.libreriearion.it LEGGERE DIGITALE Introduzione al mondo degli e-book www.libreriearion.it 1 I libri elettronici sono facili da acquistare, leggere e trasportare (un piccolo dispositivo di lettura ne può contenere centinaia).

Dettagli

Corso di Progettazione di sistemi multimediali

Corso di Progettazione di sistemi multimediali Corso di Progettazione di sistemi multimediali prof. Pierluigi Feliciati a.a.2011/12 Modulo 5 editoria digitale e ebooks editoria elettronica e cultura del libro l editoria elettronica non è solo web o

Dettagli

Dialoghi con caffè sul tema: L e-book ed il futuro del libro

Dialoghi con caffè sul tema: L e-book ed il futuro del libro Dialoghi con caffè sul tema: L e-book ed il futuro del libro Serata organizzata dalla Biblioteca Comunale di Belfiore (VR) in collaborazione con distil-lab nel contesto della manifestazione Primavera letteraria

Dettagli

LEGGERE CON LE DITA Quando un testo diviene un esperienza digitale

LEGGERE CON LE DITA Quando un testo diviene un esperienza digitale Quando un testo diviene un esperienza digitale Giorgio Fipaldini Padova, 28 aprile 2014 MI PRESENTO, SONO UN IMPRENDITORE E INTERPRETE DEI LINGUAGGI DIGITALI 2 3 E VOI SIETE BIBLIOTECARI? SI 30 NO 00 AVETE

Dettagli

INFORMATICA LE470 Editoria multimediale - Rivoluzione digitale

INFORMATICA LE470 Editoria multimediale - Rivoluzione digitale INFORMATICA LE470 Editoria multimediale - Rivoluzione digitale Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Editoria multimediale - Rivoluzione digitale Perchè lʼintroduzione

Dettagli

È una piattaforma che consente di convertire e pubblicare libri e magazine nei principali formati digitali:

È una piattaforma che consente di convertire e pubblicare libri e magazine nei principali formati digitali: È una piattaforma che consente di convertire e pubblicare libri e magazine nei principali formati digitali: App (ios, Android, Windows) E- book (epub, kf8, mobipocket, textbooks, html5) Sfogliabili digitali

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Uno strumento unico per risolvere i problemi di compatibilità tra le diverse lavagne interattive Non fermarti alla LIM, con

Dettagli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli 01 Nei secoli, ci siamo abituati a leggere in molti modi (pietra, pergamena, libri). I cambiamenti continueranno e noi

Dettagli

Il mercato dell e-book: lettori e editori a confronto

Il mercato dell e-book: lettori e editori a confronto Il mercato dell e-book: lettori e editori a confronto 2/3 di Francesca Cosi e Alessandra Repossi Continua l inchiesta sull e-book in Italia: dopo aver visto che cos è e come funziona il libro digitale,

Dettagli

Dal libro all ebook: evoluzione dei supporti, dei contenuti e della fruizione

Dal libro all ebook: evoluzione dei supporti, dei contenuti e della fruizione Dal libro all ebook: evoluzione dei supporti, dei contenuti e della fruizione This work is licensed under the Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs License. To view a copy of this license,

Dettagli

Ebook 2. Il Web in mano. Scopri la rivoluzione del web mobile SUBITO IL MONDO IN MANO WWW.LINKEB.IT

Ebook 2. Il Web in mano. Scopri la rivoluzione del web mobile SUBITO IL MONDO IN MANO WWW.LINKEB.IT Ebook 2 Il Web in mano Scopri la rivoluzione del web mobile SUBITO IL MONDO IN MANO Cosa trovi in questo ebook? 1. Il web in mano 2. Come si vede il tuo sito sul telefono 3. Breve storia del mobile web

Dettagli

La scuola ha bisogno di cambiare

La scuola ha bisogno di cambiare Oggi il modo di comunicare è cambiato. La Rivoluzione digitale ha innescato nuove dinamiche di relazione e di condivisione delle informazioni. Il flusso continuo di conoscenze ha creato la necessità di

Dettagli

Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office

Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office Guida Pratica Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office Integrare FileMaker Pro con Office pagina 1 Sommario Introduzione... 3 Prima di iniziare... 4 Condivisione di dati tra FileMaker Pro e Microsoft

Dettagli

E-book Possibilità di esperienza didattica immersiva Orietta Berlanda

E-book Possibilità di esperienza didattica immersiva Orietta Berlanda E-book Possibilità di esperienza didattica immersiva Orietta Berlanda Aspetti legislativi La legge n. 133, 6 agosto 2008 e DM n. 41, 8 aprile 2009, Il Ministero Istruzione decreta uscita di scena dei libri

Dettagli

Formazione e Apprendimento in Rete Open source. Il cloud computing. Dropbox e Google Drive ambienti di condivisione e collaborazione

Formazione e Apprendimento in Rete Open source. Il cloud computing. Dropbox e Google Drive ambienti di condivisione e collaborazione Formazione e Apprendimento in Rete Open source Il cloud computing Dropbox e Google Drive ambienti di condivisione e collaborazione Formazione insegnanti Generazione Web Lombardia Il Cloud, metafora per

Dettagli

[Tips & Tricks] 8 settembre 2011

[Tips & Tricks] 8 settembre 2011 10 punti da non sottovalutare per aggiornare con WebSite X5 Evolution 9 i siti realizzati con WebSite X5 Evolution 8 Introduzione Uno dei dubbi che nascono quando viene rilasciata la nuova versione di

Dettagli

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per L e-book a scuola Arriviamo così a un ultimo tema su cui vorrei spendere qualche parola. Un tema che richiederebbe peraltro, per essere trattato con l attenzione e il rigore che sarebbero necessari, ben

Dettagli

Che cosa sono gli ebook

Che cosa sono gli ebook Che cosa sono gli ebook Per capire meglio che cosa sono gli ebook proviamo ad attivare una discussione preliminare sulle caratteristiche e i significati di questa nuova tecnologia del libro. Questo stesso

Dettagli

DOL Modular Formazione online per insegnanti della scuola italiana Offerta didattica

DOL Modular Formazione online per insegnanti della scuola italiana Offerta didattica DOL Modular Formazione online per insegnanti della scuola italiana Offerta didattica A cura dello staff DOL Formazione online per insegnanti della scuola italiana si rivolge a docenti di qualsiasi livello

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Art. 15, comma 3, lett. a) e b) Legge 6 agosto 2008, n. 133 Caratteristiche tecniche e tecnologiche libri di testo PREMESSA Il libro di testo, nella sua versione a stampa, on line e mista, costituisce

Dettagli

Alessandro Risuleo. Art Director Visual Creative Studio comunicazione cross mediale visiva

Alessandro Risuleo. Art Director Visual Creative Studio comunicazione cross mediale visiva Alessandro Risuleo Art Director Visual Creative Studio comunicazione cross mediale visiva Fondatore Enhanced Press editoria digitale per Mobile Device Cross mediale Grafica editoriale CD-Rom WEB Grafica

Dettagli

Francesco Cicogna. Creazione di un e-book

Francesco Cicogna. Creazione di un e-book 1 Francesco Cicogna Creazione di un e-book 2 E-book un e-book (libro elettronico) è un libro in formato elettronico (digitale). E un file consultabile su computer, telefonini di ultima generazione, palmari

Dettagli

MCA nasce per ottimizzare i tempi ed aumentare la produttività.

MCA nasce per ottimizzare i tempi ed aumentare la produttività. MCA, ossia Multimedia Collaboration APP, è la soluzione di web collaboration contributiva e interattiva realizzata da HRC per apportare nuove funzionalità nella gestione di meeting e per poter condividere

Dettagli

Autore prof. Antonio Artiaco. prima dispensa

Autore prof. Antonio Artiaco. prima dispensa 1 Autore prof. Corso di formazione prima dispensa Comitato Tecnico Scientifico: Gruppo Operativo di Progetto CerticAcademy Learning Center, patrocinato dall assessorato al lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Il tuo podcast. Giuliano Gaia - Stefania Boiano

Il tuo podcast. Giuliano Gaia - Stefania Boiano Giuliano Gaia - Stefania Boiano Sommario 1. Che cos è il podcasting... 7 2. Trovare e ascoltare i podcast... 15 3. Creare il primo podcast... 33 4. Podcast di qualità... 65 5. Sperimentare... 99 6. Di

Dettagli

degli ebook Chiara Leoni

degli ebook Chiara Leoni Vantaggi e caratteristiche degli ebook Chiara Leoni 1. Che cosa è un ebook? Si attribuisce la qualifica di libro elettronico a qualunque testo compiuto, organico e sufficientemente lungo, eventualmente

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Nuova ECDL ONLINE COLLABORATION

Nuova ECDL ONLINE COLLABORATION PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER Nuova ECDL ONLINE COLLABORATION CONCETTI FONDAMENTALI USO DI DISPOSITIVI MOBILI APPLICAZIONI SINCRONIZZAZIONE 4. COLLABORAZIONE MOBILE 4.1. Concetti fondamentali 4.1.1 Identificare

Dettagli

Strumenti informatici per la Lettura. una guida alle risorse, ai dispositivi, ai formati

Strumenti informatici per la Lettura. una guida alle risorse, ai dispositivi, ai formati Strumenti informatici per la Lettura una guida alle risorse, ai dispositivi, ai formati Andrea Mangiatordi, 12 Aprile 2014 Obiettivi: fornire una panoramica completa (per quanto possibile!) dei principali

Dettagli

nuovi abbonamenti Buddismo e società Il Nuovo Rinascimento

nuovi abbonamenti Buddismo e società Il Nuovo Rinascimento nuovi abbonamenti Buddismo e società Il Nuovo Rinascimento I Guida completa alle nuove modalità di abbonamento Il 1 luglio 2015 sono nate le edizioni digitali del Nuovo Rinascimento e di Buddismo e Società,

Dettagli

Le nuove frontiere del libro elettronico. Contenuti e device per la lettura

Le nuove frontiere del libro elettronico. Contenuti e device per la lettura Le nuove frontiere del libro elettronico Contenuti e device per la lettura La rivoluzione in atto L'industria di libri, giornali, riviste e servizi editoriali è destinata a cambiare radicalmente nel giro

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

Creare epub con Pages 09 Libri su ibooks con ipad e iphone

Creare epub con Pages 09 Libri su ibooks con ipad e iphone Creare epub con Pages 09 Libri su ibooks con ipad e iphone Autore: Redazione Come fare a... Tratto dal sito: Come fare a... Il panorama dei libri elettronici sta cambiando notevolmente con l entrata in

Dettagli

Corso base Percorso 2

Corso base Percorso 2 Rete Scuola Digitale Veneta Piano Regionale di Formazione Scuola Digitale Veneto Corso base Percorso 2 Lavorare con dispositivi personali destinati ad essere usati dai singoli partecipanti al processo

Dettagli

Libri digitali CREARE EBOOK

Libri digitali CREARE EBOOK 10/05/2016 Libri digitali CREARE EBOOK Rosario Caruso ITI Majorana - Grugliasco 1 ros.car@virgilio.it 10/05/2016 Per iniziare Sondaggi Profilazione Aspettative Nel futuro libri di carta o e-book? Quale

Dettagli

Bologna, 27 novembre 2014

Bologna, 27 novembre 2014 Bologna, 27 novembre 2014 Lo scenario Editoria e formazione La crisi globale, gli avanzamenti tecnologici e i mutamenti culturali stanno fortemente impattando il mondo dell editoria e quindi della formazione:

Dettagli

Creare ebook con Ms Word e Calibre

Creare ebook con Ms Word e Calibre Creare ebook con Ms Word e Calibre Isis Keynes 12 19 marzo 2013 Alessandra Peroni - Simonetta Bralia ebook - Primo incontro Cos e un book MS Word mezzo per creare un ebook Il modello ModelloEbook.dotx

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

MediaLibraryOnLine. la biblioteca a portata di click

MediaLibraryOnLine. la biblioteca a portata di click MediaLibraryOnLine la biblioteca a portata di click 1 Glossario Redazione: Claudia Arnetoli Coordinamento: Luca Brogioni, Marco Piermartini, Marco Pinzani Sistema Documentario Integrato Area Fiorentina

Dettagli

lingue: non funzionano gli audio senza linea. Difficoltà dopo l'aggiornamento delle app nel caricare i libri.

lingue: non funzionano gli audio senza linea. Difficoltà dopo l'aggiornamento delle app nel caricare i libri. Libr@ Verifica anno 2013/14 ASPETTI PUNTI DI FORZA LIMITI MIGLIORAMENTO Motivazione e organizzazione Interesse, motivazione e coinvolgimento da parte di tutti. Uso del web Possibilità di reperire in Internet

Dettagli

Università degli Studi della Tuscia. Giornata di studio: Quali e-book per la didattica e la ricerca? Il libro elettronico entra nell università

Università degli Studi della Tuscia. Giornata di studio: Quali e-book per la didattica e la ricerca? Il libro elettronico entra nell università Università degli Studi della Tuscia Giornata di studio: Quali e-book per la didattica e la ricerca? Il libro elettronico entra nell università L esperienza di EvolutionBook Il portale italiano sull editoria

Dettagli

E-BOOK READER Un nuovo servizio a Quercegrossa:

E-BOOK READER Un nuovo servizio a Quercegrossa: MEDIALIBRARYONLINE E PRESTITO DI E-BOOK READER Un nuovo servizio a Quercegrossa: il prestito digitale I contenuti di questo documento sono stati estratti dalla presentazione, effettuata in Quercegrossa

Dettagli

Seminario sulla raccolta dei documenti

Seminario sulla raccolta dei documenti Seminario sulla raccolta dei documenti Questa lezione e le risorse didattiche collegate possono essere usate per preparare un seminario della durata di tre o quattro ore sulla preparazione, la raccolta,

Dettagli

Ebook: definizione, formati, protezioni e dispositivi per la lettura. di Paola Ricci

Ebook: definizione, formati, protezioni e dispositivi per la lettura. di Paola Ricci Ebook: definizione, formati, protezioni e dispositivi per la lettura di Paola Ricci Definizione di ebook Il termine ebook (o e-book) è la contrazione dell'espressione inglese electronic book ebook = libro

Dettagli

Informatica. Classe Prima

Informatica. Classe Prima Informatica Classe Prima Obiettivo formativo Conoscenze Abilità Conoscere e utilizzare il computer per semplici attività didattiche Conoscere i componenti principali del computer. o Distinguere le parti

Dettagli

7mas ti aiuta ad entrare nell universo del web PASSO DOPO PASSO!

7mas ti aiuta ad entrare nell universo del web PASSO DOPO PASSO! UNIVERSO WEB 7mas ti aiuta ad entrare nell universo del web PASSO DOPO PASSO! TRE DESIDERI PER Costruire e ottimizzare la strada del web! Consulenza Fornisce ai responsabili di imprese, attività commerciali

Dettagli

La nostra soluzione integrata

La nostra soluzione integrata Avagliano ischool nasce dalla consolidata esperienza in campo editoriale di Avagliano editore, marchio di prestigio dell editoria libraria tradizionale che vanta più di trent anni di attività La casa editrice

Dettagli

Maria Vittoria Alfieri Head of Digital Teaching & Learning RCS Education. seguici e commenta su. #primariaday

Maria Vittoria Alfieri Head of Digital Teaching & Learning RCS Education. seguici e commenta su. #primariaday Maria Vittoria Alfieri Head of Digital Teaching & Learning RCS Education seguici e commenta su #primariaday Napoli 7 aprile 2014 Il nuovo ambiente RCS Education per la didattica digitale CONTENUTI e SERVIZI

Dettagli

Internet e condivisione di interessi: social networking, blog, peer to peer

Internet e condivisione di interessi: social networking, blog, peer to peer Seminario della Consulta delle Associazioni Culturali del Comune di Modena La Rete Civica del Comune di Modena per le associazioni culturali" Internet e condivisione di interessi: social networking, blog,

Dettagli

Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia

Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia Pier Paolo Maggi, Gianmario Re Sarto AICA pierpaolomaggi@aicanet.it - g.resarto@aicanet.it

Dettagli

INFORMATICA DI BASE CLASSE PRIMA Prof. Eandi Danilo www.da80ea.altervista.org INFORMATICA DI BASE

INFORMATICA DI BASE CLASSE PRIMA Prof. Eandi Danilo www.da80ea.altervista.org INFORMATICA DI BASE INFORMATICA DI BASE CHE COSA È UN COMPUTER Un computer è un elaboratore elettronico, cioè una macchina elettronica programmabile in grado di eseguire automaticamente operazioni logico-aritmetiche sui dati

Dettagli

IL TUO SITO WEB. SkyNotes è l insieme degli strumenti di cui l azienda italiana necessita per essere competitiva nel mondo in costante cambiamento.

IL TUO SITO WEB. SkyNotes è l insieme degli strumenti di cui l azienda italiana necessita per essere competitiva nel mondo in costante cambiamento. IL TUO SITO WEB SkyNotes è l insieme degli strumenti di cui l azienda italiana necessita per essere competitiva nel mondo in costante cambiamento. personalizzabile # intuitivo # immediato IL TUO SITO SUBITO

Dettagli

INTERNET. Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli

INTERNET. Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli INTERNET Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli PARTE 1 INTERNET: LA RETE DELLE RETI 2 È ALQUANTO DIFFICILE RIUSCIRE A DARE UNA DEFINIZIONE ESAUSTIVA E CHIARA DI INTERNET IN POCHE PAROLE

Dettagli

Dal f lipped all EAS

Dal f lipped all EAS Dal flipped all EAS Lo sviluppo della tecnologia e i piani nazionali permettono oggi di portare con sempre maggior costanza e diffusione le TIC all interno della classe, il luogo per definizione deputato

Dettagli

L ebook (ed ereader) in Italia e l esperienza di una biblioteca comunale. Il progetto Books ebooks

L ebook (ed ereader) in Italia e l esperienza di una biblioteca comunale. Il progetto Books ebooks L ebook (ed ereader) in Italia e l esperienza di una biblioteca comunale. Il progetto Books ebooks A cura di Luciana Cumino Biblioteca Civica di Cologno Monzese Le origini. La tradizione della biblioteca:

Dettagli

Installare un nuovo programma

Installare un nuovo programma Installare un nuovo programma ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Installare un nuovo programma sul computer installazione Quando acquistiamo

Dettagli

Mediaform. Corso di aggiornamento EBOOK ED EDITORIA DIGITALE NELLA SCUOLA

Mediaform. Corso di aggiornamento EBOOK ED EDITORIA DIGITALE NELLA SCUOLA Mediaform Corso di aggiornamento EBOOK ED EDITORIA DIGITALE NELLA SCUOLA 1 Edizione 200 Ore con crediti formativi per docenti Anno Scolastico 2015-2016 Sigla EBOOK-MIUR 1 Titolo Edizione Area Categoria

Dettagli

MOFING KIDs. 19.1- Come Avviare MoFing KIDS. Connesione WiFi: scegliere Controllo Genitori

MOFING KIDs. 19.1- Come Avviare MoFing KIDS. Connesione WiFi: scegliere Controllo Genitori MOFING KIDs 19.1- Come Avviare MoFing KIDS Connesione WiFi: scegliere Controllo Genitori ->cliccare su impostazioni ->cliccare Wifi e cliccare, a fianco di OFF, nella parte scura per accendere il Wifi

Dettagli

Editoria digitale. Un po di storia. I 60 anni che hanno cambiato il libro e altri racconti

Editoria digitale. Un po di storia. I 60 anni che hanno cambiato il libro e altri racconti Un po di storia Editoria digitale I 60 anni che hanno cambiato il libro e altri racconti Nicoletta Salvatori - 2015 Corso di laurea Magistrale Università di Pisa - Editoria e scritture professionali 1

Dettagli

Piattaforma "Capitello" e applicazione di riferimento. Contesto

Piattaforma Capitello e applicazione di riferimento. Contesto Piattaforma "Capitello" e applicazione di riferimento. Contesto L adozione dei testi scolastici per la scuola dell'obbligo (primaria e secondaria di primo grado) e per i corsi delle superiori (secondaria

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE PROF. LUCCHI ENEA MATERIA DI INSEGNAMENTO TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE CLASSE 1 A - 1 B - 1 C Competenze di base

Dettagli

Interstudio L INGEGNERE NELLE NUVOLE. App, WEB App e Cloud. ing. Sauro Agostini. Architectural & Engineering Software. venerdì 11 ottobre 13

Interstudio L INGEGNERE NELLE NUVOLE. App, WEB App e Cloud. ing. Sauro Agostini. Architectural & Engineering Software. venerdì 11 ottobre 13 Architectural & Engineering Software L INGEGNERE NELLE NUVOLE App, WEB App e Cloud ing. Sauro Agostini Mitterand 1981 Reagan Battaglin Alice IBM PC 5150 Alonso C ERA UNA VOLTA IL DOS Non è una rivoluzione,

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE

NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE Progettazione e realizzazione di percorsi di cittadinanza attiva attraverso le nuove tecnologie. PREMESSA Abbiamo scelto per semplicità di presentare in questo

Dettagli

Progetto Cl@sse 2.0. - Strumenti e Metodologie -

Progetto Cl@sse 2.0. - Strumenti e Metodologie - M I N I S T E R O D E L L I S T R U Z I O N E, D E L L U N I V E R S I T A E D E L L A R I C E R C A ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE JEAN MONNET Istruzione Tecnica e Liceale Via S. Caterina 3 22066 MARIANO

Dettagli

Vaccari news, la filatelia in tempo reale. è SOCIAL!

Vaccari news, la filatelia in tempo reale. è SOCIAL! Vaccari news, la filatelia in tempo reale è SOCIAL! Con la nuova versione dell App, ora anche per ANDROID, è possible condividere le notizie attraverso Facebook e Twitter oppure inviarle tramite e-mail

Dettagli

La Top Ten dei suggerimenti per la progettazione Web

La Top Ten dei suggerimenti per la progettazione Web In questo capitolo Impostare l obiettivo Mantenere le pagine libere e pulite Non travolgere i visitatori con i colori Usare meno di quattro tipi di carattere Essere coerenti Semplificare Essere rapidi

Dettagli

Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato. Firenze, 4 maggio 2015

Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato. Firenze, 4 maggio 2015 Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato Firenze, 4 maggio 2015 Un sito statico è un sito web che non permette l interazione con l utente,

Dettagli

PROGETTO PER LA COSTITUZIONE DI UNA CLASSE SPERIMENTALE PER L A.S. 2014/15 CHE UTILIZZI IN MODO ESTENSIVO LE TECNOLOGIE DIGITALI.

PROGETTO PER LA COSTITUZIONE DI UNA CLASSE SPERIMENTALE PER L A.S. 2014/15 CHE UTILIZZI IN MODO ESTENSIVO LE TECNOLOGIE DIGITALI. PROGETTO PER LA COSTITUZIONE DI UNA CLASSE SPERIMENTALE PER L A.S. 2014/15 CHE UTILIZZI IN MODO ESTENSIVO LE TECNOLOGIE DIGITALI. PREMESSA L utilizzo delle tecnologie didattiche nel processo d insegnamento

Dettagli

CLASSE 2.0 Progetto APPLE

CLASSE 2.0 Progetto APPLE CLASSE 2.0 Progetto APPLE L A MIGLIORE CLASSE 2.0 DEL MONDO! La classe ideale si basa sulle migliori tradizioni pedagogiche che insistono sul principio della partecipazione attiva dello studente. Partecipare

Dettagli

Tablet in spalla. Istituto Comprensivo Lucca 2 Scuola secondaria di 1 grado «Leonardo da Vinci»

Tablet in spalla. Istituto Comprensivo Lucca 2 Scuola secondaria di 1 grado «Leonardo da Vinci» Tablet in spalla Istituto Comprensivo Lucca 2 Scuola secondaria di 1 grado «Leonardo da Vinci» Progetto pilota su tre scuole secondarie di 1 grado di Lucca Scuola G. Carducci IC Lucca 1 Scuola D. Chelini

Dettagli

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Indice: 1 Social Learning 2 Social Learning per E.T.I.CA. 3 RiusaLO 4 Percorsi integrati 5 Community 6 Best, la Banca dati delle Esperienze Trasferibili 7 Social

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Art. 15, comma 3, lett. a) e b) Legge 6 agosto 2008, n. 133 Caratteristiche tecniche e tecnologiche libri di testo PREMESSA Il libro di testo, nella sua versione a stampa, on line e mista, costituisce

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER

PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER Architettura dei calcolatori (hardware e software base )

Dettagli

1. Considerate le leve del marketing mix. Quale strategia viene adottata per ognuna di esse?

1. Considerate le leve del marketing mix. Quale strategia viene adottata per ognuna di esse? CORSO DI MARKETING INDUSTRIALE a.a. 2009/2010 13/07/2010 Nome: Cognome: Matricola: La Aplep è riuscita da qualche anno ad imporsi nel settore della telefonia mobile grazie al suo cellulare itel, prodotto

Dettagli

Uso del browser, posta elettronica e motori di ricerca Gmail e Google

Uso del browser, posta elettronica e motori di ricerca Gmail e Google Facoltà di Lettere e Filosofia Cdl in Scienze dell Educazione A.A. 2010/2011 Informatica (Laboratorio) Uso del browser, posta elettronica e motori di ricerca Gmail e Google Author Kristian Reale Rev. 2011

Dettagli

I servizi cloud per la didattica

I servizi cloud per la didattica I servizi cloud per la didattica Un servizio offerto da DidaCloud srls Fare startup significa fare cose nuove che cambiano la vita propria e altrui Riccardo Luna, primo direttore dell edizione italiana

Dettagli

Il web marketing non è solo per i web guru

Il web marketing non è solo per i web guru Introduzione Il web marketing non è solo per i web guru Niente trucchi da quattro soldi È necessario avere competenze informatiche approfondite per gestire in autonomia un sito web e guadagnare prima decine,

Dettagli

PROGETTO CLASSI in RETE. curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO

PROGETTO CLASSI in RETE. curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO PROGETTO CLASSI in RETE curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO PREMESSA Da sempre la conoscenza ha rappresentato l elemento fondamentale di discriminazione sociale, politica

Dettagli

MediaLibraryOnLine. MediaLibraryOnLine La piattaforma di prestito digitale per le biblioteche italiane (febbraio 2013)

MediaLibraryOnLine. MediaLibraryOnLine La piattaforma di prestito digitale per le biblioteche italiane (febbraio 2013) MediaLibraryOnLine La piattaforma di prestito digitale per le biblioteche italiane (febbraio 2013) 1 Che cos è MediaLibraryOnLine MLOL (http://www.medialibrary.it) è il primo network italiano di biblioteche

Dettagli

Indice. 01. Presentazione generale. 02. Team. 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community

Indice. 01. Presentazione generale. 02. Team. 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community Indice 01. Presentazione generale 02. Team 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community 04. E-learning 1. Learning Object 2. Piattaforme LMS 3. Business

Dettagli

Modulo 1 Concetti teorici di base

Modulo 1 Concetti teorici di base Modulo 1 Concetti teorici di base 1 Quale delle seguenti frasi rappresenta il significato di ICT (Tecnologie per l informazione e la comunicazione)? La progettazione e l utilizzo dei computer Le scienze

Dettagli

PROGETTO AULA DIGITALE

PROGETTO AULA DIGITALE ) PROGETTO AULA DIGITALE Egregio Sig. Preside, La scuola italiana vive oggi un momento di grande trasformazione. Molte sono le voci che si levano e che ne chiedono un profondo ammodernamento, una ridefinizione

Dettagli

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza.

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza. CORSO DI FORMAZIONE Insegnare e apprendere con i SocialMedia e gli Ambienti didattici 2.0 Ricordo a tutti quanti che le lezioni in presenza avranno un taglio teorico ma anche operativo dal momento che

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

Indice. Contenuto della confezione e Panoramica pag. 4. 1 Operazioni preliminari pag. 6 Inserimento memoria SD Caricare la batteria

Indice. Contenuto della confezione e Panoramica pag. 4. 1 Operazioni preliminari pag. 6 Inserimento memoria SD Caricare la batteria Guida rapida Indice Contenuto della confezione e Panoramica pag. 4 1 Operazioni preliminari pag. 6 Inserimento memoria SD Caricare la batteria 2 Accensione del dispositivo pag. 7 Accensione e spegnimento

Dettagli

PER RIVISTO 18/03/05. Che cos è la International Children s Library (ICDL - Biblioteca Internazionale Digitale per Bambini)?

PER RIVISTO 18/03/05. Che cos è la International Children s Library (ICDL - Biblioteca Internazionale Digitale per Bambini)? FAQ SULLA ICDL PER EDITORI, AUTORI, ILLUSTRATORI ED ALTRI DETENTORI DI DIRITTI RIVISTO 18/03/05 Che cos è la International Children s Library (ICDL - Biblioteca Internazionale Digitale per Bambini)? Chi

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

Associazione Nazionale Docenti

Associazione Nazionale Docenti www.associazionedocenti.it and@associazionedocenti.it Didattica digitale Le nuove tecnologie nella didattica Presentazione del Percorso Formativo Il percorso formativo intende garantire ai Docenti il raggiungimento

Dettagli

Lettori di e-book a inchiostro elettronico: formati ed esperienze di utilizzo. Il libro diventa finalmente elettronico?

Lettori di e-book a inchiostro elettronico: formati ed esperienze di utilizzo. Il libro diventa finalmente elettronico? Lettori di e-book a inchiostro elettronico: formati ed esperienze di utilizzo. Il libro diventa finalmente elettronico? Nicola Cavalli - Università degli Studi di Milano- Bicocca e Ledizioni-LediPublishing

Dettagli

MediaLibraryOnLine. MediaLibraryOnLine La piattaforma di prestito digitale per le biblioteche italiane (febbraio 2012)

MediaLibraryOnLine. MediaLibraryOnLine La piattaforma di prestito digitale per le biblioteche italiane (febbraio 2012) La piattaforma di prestito digitale per le biblioteche italiane (febbraio 2012) 1 MLOL (http://www.medialibrary.it) è il primo network italiano di biblioteche pubbliche per la gestione di contenuti digitali.

Dettagli

Rete di computer mondiale e ad accesso pubblico. Attualmente rappresenta il principale mezzo di comunicazione di massa

Rete di computer mondiale e ad accesso pubblico. Attualmente rappresenta il principale mezzo di comunicazione di massa Sommario Indice 1 Internet 1 1.1 Reti di computer........................... 1 1.2 Mezzo di comunicazione di massa - Mass media.......... 2 1.3 Servizi presenti su Internet - Word Wide Web........... 3

Dettagli

L ERA DIGITALE E LE NUOVE TENDENZE DELLA COMUNICAZIONE

L ERA DIGITALE E LE NUOVE TENDENZE DELLA COMUNICAZIONE PRESENTAZIONE N #2 L ERA DIGITALE E LE NUOVE TENDENZE DELLA COMUNICAZIONE 30 novembre 2015 SOMMARIO #1. LO SCENARIO NELL ERA DIGITALE #2. DALLA RECLAME ALLA WEB REPUTATION #3. DALL OUTBOUND MARKETING ALL

Dettagli

Piattaforma FaD Formazione a distanza. Manuale di consultazione rapida per l utilizzo della piattaforma di. formazione a distanza di EFA srl

Piattaforma FaD Formazione a distanza. Manuale di consultazione rapida per l utilizzo della piattaforma di. formazione a distanza di EFA srl Piattaforma FaD Formazione a distanza Manuale di consultazione rapida per l utilizzo della piattaforma di formazione a distanza di EFA srl 1 Indice generale 1. Scopo del documento 2. Definizioni e abbreviazioni

Dettagli

MediaLibraryOnLine. La piattaforma di prestito digitale per le biblioteche italiane (marzo 2011)

MediaLibraryOnLine. La piattaforma di prestito digitale per le biblioteche italiane (marzo 2011) La piattaforma di prestito digitale per le biblioteche italiane (marzo 2011) MLOL (http://www.medialibrary.it) è il primo network italiano di biblioteche pubbliche per la gestione di contenuti digitali.

Dettagli

TEST DI INGRESSO Corso Saper Utilizzare il PC

TEST DI INGRESSO Corso Saper Utilizzare il PC TEST DI INGRESSO Corso Saper Utilizzare il PC Pagina 1 1. Che cos'è il Case? A Unità di Peso dei Computer. B Microprocessore. C Scatola metallica che racchiude tutte le componenti fisiche di un computer

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA PROGETTO INFORMATICA: UNPLUGGED ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA Come è noto, l insegnamento della tecnologia/informatica è entrata a far parte del normale curricolo

Dettagli