Indice. Servizi Italia S.p.A.- Regolamento Piano di Stock Option Pag. 2 di 13

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. Servizi Italia S.p.A.- Regolamento Piano di Stock Option Pag. 2 di 13"

Transcript

1 REGOLAMENTO PIANO DI STOCK OPTION Piano attuativo approvato dal Consiglio di Amministrazione del 21 aprile 2008 redatto in conformità a quanto specificato nel Documento Informativo redatto ai sensi dell art. 84 bis del Regolamento Emittenti, pubblicato a norma di Legge ed approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 21 gennaio 2008 e dall Assemblea dei Soci in data 11 marzo SERVIZI ITALIA S.p.A. Sede Legale Via S. Pietro, 59/b Castellina di Soragna (PR) Capitale Sociale : Euro i.v. Codice fiscale e n. Registro Imprese di Parma: tel Fax

2 Indice PREMESSA SCOPI DEL PIANO DEFINIZIONI OGGETTO DEL PIANO GESTIONE DEL PIANO ADESIONE AL PIANO LE OPZIONI E LE DATE DI ASSEGNAZIONE TERMINI E CONDIZIONI PER L ESERCIZIO DELLE OPZIONI PERIODO DI ESERCIZIO DELLE OPZIONI SORTE DELLE OPZIONI IN CASO DI CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DIRITTI DEGLI ASSEGNATARI IN CASO DI OPERAZIONI SUL CAPITALE SOCIALE DELLA SOCIETA LE AZIONI SOGGETTO INCARICATO INSIDER TRADING PERIODO CRITICO TUTELA DEI DATI PERSONALI DISPOSIZIONI FINALI FORO ESCLUSIVO allegato:piani di compensi basati su strumenti finanziari Tabella n. 1 dello schema 7 dell Allegato 3A del Regolamento n / Servizi Italia S.p.A.- Regolamento Piano di Stock Option Pag. 2 di 13

3 PREMESSA Premesso che l Assemblea Straordinaria di Servizi Italia S.p.A, riunitasi in data 11 marzo 2008, ha: conferito al Consiglio di Amministrazione ogni più ampio potere per la predisposizione di un apposito regolamento per l attuazione del piano di incentivazione azionaria, che verrà approvato dal Consiglio stesso, sulla base delle linee guida del piano contenute nella Relazione del Consiglio di Amministrazione presentata all Assemblea del 11 marzo 2008; conferito al Consiglio medesimo tutti i più ampi poteri per dare esecuzione alle deliberazioni assunte, per stabilire termini, condizioni, nonché procedere all assegnazione, anche in una o più tranche, dei diritti di opzione e per l emissione ed il collocamento delle azioni; il Consiglio di Amministrazione di Servizi Italia S.p.A, nella sua riunione del 21 aprile 2008 ha approvato il seguente Regolamento. 1 SCOPI DEL PIANO Focalizzare l attenzione del Top Management sui fattori di successo strategico a medio lungo termine con particolare enfasi su alcuni specifici obiettivi aziendali. In aggiunta a quanto già previsto nell attuale trattamento economico complessivo del Top Management, introdurre un ulteriore variabile economica correlata alla creazione di valore per la Società e gli Azionisti, allineando gli interessi degli investitori e dei Manager. Favorire la fidelizzazione, incentivando la permanenza dei Manager chiave nella Società. 2 DEFINIZIONI In aggiunta ai termini ed alle espressioni definiti in altri articoli del Regolamento, ai fini dello stesso: (i) i termini e le espressioni di seguito elencati hanno il significato più innanzi indicato per ciascuno di essi; (ii) i termini e le espressioni definiti al plurale si intendono definiti anche al singolare e viceversa; (iii) i termini e le espressioni riportate con iniziali maiuscole si intenderanno definiti come previsto nella seguente tabella: Assegnatari Assemblea Straordinaria Assemblea Ordinaria Amministratori Delegati, dirigenti e dipendenti della Società L assemblea straordinaria degli azionisti dell' 11 marzo 2008 chiamata ad approvare il conferimento al Consiglio di Amministrazione della facoltà di deliberare entro 5 anni uno o più aumenti di capitale mediante emissione di massime n Azioni, con esclusione del diritto di opzione ex art. 2441, comma 4, secondo periodo cod. civ., al servizio di uno o più piani di incentivazione a favore di Amministratori Delegati, dirigenti e dipendenti della Società (c.d. piani di stock option ). L assemblea ordinaria degli azionisti di Servizi Italia dell' 11 marzo 2008 chiamata ad approvare il Piano descritto nel presente Documento. Servizi Italia S.p.A.- Regolamento Piano di Stock Option Pag. 3 di 13

4 Azioni CDA o Consiglio di Amministrazione Comitato o Comitato per la Remunerazione Data Assegnazione Documento Informativo Documento di o Esercizi Sociali di Riferimento Giorni Lavorativi Lettera Concessione dell'opzione di Lettera Irrevocabile di Esercizio Mercato Expandi Obiettivi Opzioni Periodo di Esercizio Piano Prezzo di Esercizio Le azioni ordinarie Servizi Italia S.p.A., ciascuna del valore nominale di Euro 1 (un euro), di nuova emissione, oggetto delle Opzioni concesse agli Assegnatari Consiglio di Amministrazione di Servizi Italia S.p.A. Il Comitato per la Remunerazione, così come previsto dalla Corporate Governance della Società La data in cui il CDA assegna le Opzioni agli Assegnatari Il presente documento, relativo al Piano, redatto ai sensi dell art. 84-bis del Regolamento Emittenti. Gli esercizi sociali con chiusura al 31 dicembre 2008, al 31 dicembre 2009 ed al 31 dicembre 2010 I giorni della settimana dal lunedì al venerdì, esclusi fra di essi gli eventuali giorni di festività nazionale in Italia La lettera che deve essere scambiata tra la Società e ogni Assegnatario, onde prestare adesione al Piano, indicante tra l altro il numero di Opzioni assegnate, il Prezzo di Esercizio, gli Obiettivi e il Periodo di Esercizio La lettera che deve essere inviata dall Assegnatario alla Società allo scopo di esercitare l Opzione Il Mercato Expandi gestito da Borsa Italiana S.p.A. sul quale sono negoziate le azioni Servizi Italia. Gli obiettivi di performance, la cui mancata realizzazione costituisce condizione risolutiva dell assegnazione di Opzioni effettuata, e la cui realizzazione fa maturare il diritto alle Opzioni assegnate I diritti d'opzione alla sottoscrizione delle Azioni Il periodo durante il quale l Assegnatario può esercitare l Opzione pena la definitiva decadenza del diritto Il piano di cui al presente Documento Informativo, deliberato dal Consiglio di Amministrazione di Servizi Italia in data 21 gennaio 2008 e sottoposto all approvazione dell Assemblea Ordinaria. il prezzo di esercizio delle Opzioni, determinato dal Consiglio di Amministrazione al momento dell assegnazione delle Opzioni medesime, sarà pari al maggiore tra i valori delle azioni ordinarie della Società determinati secondo i criteri qui di seguito indicati: (i) media aritmetica dei Servizi Italia S.p.A.- Regolamento Piano di Stock Option Pag. 4 di 13

5 prezzi di chiusura di borsa dei titoli azionari della Società registrati sul Mercato Expandi nei 30 giorni che precedono la data di delibera di assegnazione delle Opzioni da parte del Consiglio (fermo restando che in detto periodo, ai fini della determinazione della media aritmetica, si terrà conto solo dei giorni di borsa aperta); (ii) media aritmetica dei prezzi di chiusura di borsa dei titoli azionari della Società registrati sul Mercato Expandi nei 6 mesi precedenti la data di delibera di assegnazione delle Opzioni da parte del Consiglio di Amministrazione (fermo restando che in detto periodo, ai fini della determinazione della media aritmetica, si dovrà tenere conto solo dei giorni di borsa aperta); (iii) Euro 7,4375, calcolato applicando uno sconto del 12,5% rispetto al prezzo di Euro 8,50 per azione stabilito in sede di ammissione delle azioni ordinarie della Società Regolamento Regolamento Emittenti Società Soggetto Incaricato Tranche TUF alla negoziazione sul Mercato Expandi. Il presente regolamento esecutivo del Piano approvato dal Consiglio di Amministrazione nella riunione odierna successivamente all approvazione del Piano da parte dell Assemblea Ordinaria. Il Regolamento adottato da Consob con delibera n del 14 maggio 1999 e successive modificazioni. Servizi Italia S.p.A., con sede legale in Castellina di Soragna (PR), via S. Pietro n. 59/b, avente Codice Fiscale e numero di iscrizione nel Registro delle Imprese di Parma e n. P.I Società fiduciaria di diritto italiano operante ai sensi della Legge 1966/39, nominata da Servizi Italia S.p.A., cui è affidata la gestione amministrativa del Piano Numero di Opzioni globalmente attribuito agli Assegnatari in ciascuna Data di Assegnazione e relative ad ogni singolo Esercizio Sociale di Riferimento Il Testo Unico della Finanza, approvato con D.Lgs. n. 58 del 24 febbraio del 1998 e successive modificazioni. Servizi Italia S.p.A.- Regolamento Piano di Stock Option Pag. 5 di 13

6 3 OGGETTO DEL PIANO 3.1. Il Piano ha per oggetto l attribuzione agli Assegnatari di un numero totale massimo di (ottocentodiecimila) Opzioni, suddivise in più Tranche, secondo i termini fissati nel presente Regolamento Il CDA, sentito il parere del Comitato, concederà agli Assegnatari di volta in volta identificati, le Opzioni per la sottoscrizione di Azioni al Prezzo di Esercizio, in base alla procedura di seguito indicata Il CDA, sentito il parere del Comitato, concederà a eventuali futuri Assegnatari, che contrarranno un rapporto subordinato/di dipendenza con la Società durante il vesting period, le Opzioni per la sottoscrizione di Azioni al Prezzo di Esercizio, in base alla procedura di seguito indicata 3.4. Resta espressamente inteso che l Assegnatario non sarà titolare di alcun diritto collegato alle Azioni fino al momento in cui le stesse non saranno emesse ed intestate all Assegnatario medesimo in seguito all esercizio dell Opzione. 4 GESTIONE DEL PIANO 4.1. Il CDA è l organo responsabile della gestione del Piano ed ha il compito di: a) definire il numero di Tranche e il numero di Opzioni da assegnare con ogni Tranche per ciascun Esercizio Sociale di Riferimento; b) individuare i singoli Assegnatari per ciascuno degli Esercizi Sociali di Riferimento nonché di determinare il numero di Opzioni concesse ad ogni Assegnatario; c) fissare il Prezzo di Esercizio, per ciascuna Tranche di Opzioni concesse, che sarà il medesimo per ciascuna Tranche di opzioni concesse e che dovrà essere il maggiore tra i valori delle azioni ordinarie della Società determinati secondo i criteri qui di seguito indicati: (i) media aritmetica dei prezzi di chiusura di borsa dei titoli azionari della Società registrati sul Mercato Expandi nei 30 giorni che precedono la data di delibera di assegnazione delle Opzioni da parte del Consiglio (fermo restando che in detto periodo, ai fini della determinazione della media aritmetica, si terrà conto solo dei giorni di borsa aperta); (ii) media aritmetica dei prezzi di chiusura di borsa dei titoli azionari della Società registrati sul Mercato Expandi nei 6 mesi precedenti la data di delibera di assegnazione delle Opzioni da parte del Consiglio di Amministrazione (fermo restando che in detto periodo, ai fini della determinazione della media aritmetica, si dovrà tenere conto solo dei giorni di borsa aperta); (iii) Euro 7,4375, calcolato applicando uno sconto del 12,5% rispetto al prezzo di Euro 8,50 per azione stabilito in sede di ammissione delle azioni ordinarie della Società alla negoziazione sul Mercato Expandi. d) fissare gli Obiettivi per ciascun Esercizio Sociale di Riferimento, la cui mancata realizzazione costituisce condizione risolutiva dell assegnazione effettuata di ciascuna Tranche; e) fissare il Periodo di Esercizio durante il quale l Assegnatario potrà esercitare le Opzioni tramite la Lettera Irrevocabile di Esercizio; f) accertare l avvenuto conseguimento dei predetti Obiettivi in occasione della riunione convocata per l approvazione del bilancio consolidato relativo agli Esercizi Sociali di Riferimento ovvero in altra successiva seduta. Servizi Italia S.p.A.- Regolamento Piano di Stock Option Pag. 6 di 13

7 4.2. Il CDA ha tutti i poteri operativi di gestione del Piano e la facoltà di introdurre ogni possibile ed opportuna modifica al presente Regolamento a seguito di eventuali modifiche dell attuale legislazione fiscale. 5 ADESIONE AL PIANO 5.1. La Società, alle condizioni, nei termini e con le modalità stabilite nel presente Regolamento, assegna le Opzioni agli Assegnatari che aderiranno al Piano mediante: la sottoscrizione e la riconsegna della Lettera di Concessione dell Opzione e, la sottoscrizione e consegna, nel corso del Periodo di Esercizio, della Lettera Irrevocabile di Esercizio, che ne costituiscono parte integrante e sostanziale La Lettera di Concessione dell Opzione, debitamente sottoscritta dall Assegnatario, dovrà essere riconsegnata da ciascun Assegnatario alla Società presso la Direzione Amministrazione e Finanza e Controllo, entro il termine indicato nella Lettera stessa, a pena di inefficacia e/o di irricevibilità. 6 LE OPZIONI E LE DATE DI ASSEGNAZIONE 6.1. Il piano prevede inizialmente un solo ciclo di assegnazione di Opzioni da effettuarsi a partire dalla Data di Assegnazione. Il ciclo si compone di un periodo di maturazione delle Opzioni della durata complessiva di almeno 3 (tre) anni a decorrere dalla Data di Assegnazione (qui di seguito chiamato vesting period ). Le Opzioni saranno esercitabili solamente dopo l approvazione del Bilancio di Esercizio Sociale del 2010 da parte dell Assemblea e comunque dopo il 31 maggio Nel corso del vesting period le Opzioni potranno giungere a maturazione nel rispetto dei criteri e per le Tranche indicate all Art Ciascuna Opzione dà diritto a sottoscrivere una nuova Azione contro versamento del Prezzo di Esercizio delle Opzioni; 6.3. L attribuzione delle Opzioni avviene a titolo gratuito; gli Assegnatari non saranno, pertanto, tenuti a pagare alcun corrispettivo alla Società per l attribuzione delle Opzioni; 6.4. L esercizio delle Opzioni e la conseguente sottoscrizione di nuove Azioni saranno, invece, soggetti, previo raggiungimento degli Obiettivi, al pagamento del Prezzo di Esercizio delle Opzioni; 6.5. Le Opzioni sono attribuite agli Assegnatari a titolo personale e non potranno ad alcun titolo essere trasferite per atto tra vivi; 6.6. in caso di decesso, gli eredi possono esercitare le Opzioni attribuite all Assegnatario ai sensi dell Art. 9.2; 6.7. L Opzione si intenderà concessa alla data della delibera in cui il CDA abbia individuato nominativamente gli Assegnatari e determinato il numero di Opzioni; 6.8. L attribuzione delle Opzioni si intenderà perfezionata con la restituzione alla Società della Lettera di Concessione dell Opzione sottoscritta dall Assegnatario. 7 TERMINI E CONDIZIONI PER L ESERCIZIO DELLE OPZIONI 7.1. L'eventuale conseguimento degli Obiettivi relativamente a ciascun Esercizio Sociale di Riferimento farà maturare l esercizio delle Opzioni per la Tranche di pertinenza e verrà comunicato agli Assegnatari, a mezzo di apposita comunicazione da parte del CDA entro un mese dall approvazione del bilancio relativo all Esercizio Sociale di Riferimento; Servizi Italia S.p.A.- Regolamento Piano di Stock Option Pag. 7 di 13

8 7.2. L esercitabilità delle Opzioni, Tranche per Tranche, è subordinata al raggiungimento degli Obiettivi, cumulati nei rispettivi vesting period, con riferimento all indice di economicità di seguito riportato: EBIT (Earning Before Interest Tax) di Servizi Italia S.p.A. Tale parametro agirà come indicatore della percentuale di Opzioni esercitabili a seconda del livello percentuale di raggiungimento dell EBIT cumulato di Servizi Italia S.p.A. nel periodo come determinato dal CDA. Al fine di poter esercitare la relativa tranche di Opzioni al termine di ogni vesting period, viene altresì fissata una soglia minima di EBIT cumulato pari all'85% dell' EBIT obiettivo programmato. Pertanto, qualora vengano ottenuti risultati: (i) inferiori a tale soglia nel vesting period di riferimento, la relativa Tranche di Opzioni non sarà esercitabile; ovvero (ii) pari o superiori a tale soglia, ai valori percentuali di EBIT raggiunti, rispetto all' EBIT obiettivo, è associata un'uguale percentuale di Opzioni esercitabili, come evidenziato nella tabella seguente. Livello di raggiungimento di EBIT cumulato Opzioni Esercitabili (rispetto all'obiettivo di Piano) 100% 100% 95% 95% 90% 90% 85% 85% < 85% 0 Per valori percentuali di EBIT all'interno degli intervalli indicati nella suddetta tabella, potranno essere esercitate le Opzioni corrispondenti alla percentuale inferiore. Inoltre, con riferimento ai primi 2 (due) vesting period (relativi alla 1a Tranche e 2a Tranche ) le Opzioni non maturate per mancato raggiungimento degli obiettivi di EBIT cumulato di periodo verranno sommate alle Opzioni relative alla Tranche successiva. Viene pertanto prevista la possibilità di recuperare l'esercizio delle Opzioni non maturate, a condizione che nel vesting period successivo venga raggiunta almeno la soglia prefissata dell'85% di EBIT cumulato di periodo. Le Opzioni non maturate al 31 maggio 2011 (fine della terza Tranche), per mancato raggiungimento degli obiettivi di EBIT cumulato di periodo, si intenderanno estinte. Il grado di raggiungimento dell'obiettivo di performance ( EBIT ), misurato in termini cumulati nel periodo di riferimento, e la percentuale di esercitabilità delle Opzioni, Tranche per Tranche, saranno verificati dal CDA e quindi comunicati a ciascun Assegnatario. Il CDA, su proposta del Comitato ha la facoltà di consentire l'eventuale esercizio delle Opzioni, in tutto o in parte, anche in caso di mancato raggiungimento dei risultati di performance sopra indicati L'eventuale conseguimento degli Obiettivi previsti quale condizione per l'esercizio delle Opzioni oggetto di una Tranche non produrrà alcun effetto con riferimento alla realizzazione degli Obiettivi ed alla possibilità di esercizio per la Tranche successiva; 7.4. Le richieste di esercizio delle Opzioni vengono trasmesse alla Società e al Soggetto Incaricato tramite la Lettera Irrevocabile di Esercizio; 7.5. Il Prezzo di Esercizio delle Opzioni dovrà essere versato, senza aggravio di commissioni e di spese a carico dell Assegnatario, con valuta al giorno di consegna delle Azioni. Servizi Italia S.p.A.- Regolamento Piano di Stock Option Pag. 8 di 13

9 7.6. La consegna delle Azioni avrà luogo entro dieci giorni lavorativi successivi a quello in cui il Soggetto Incaricato avrà ricevuto la Lettera Irrevocabile di Esercizio. 8 PERIODO DI ESERCIZIO DELLE OPZIONI 8.1. Fermo restando il conseguimento degli Obiettivi previsti quale condizione per l'esercizio delle Opzioni oggetto di una Tranche e l apposita comunicazione da parte del CDA, gli Assegnatari potranno esercitare le proprie Opzioni nel Periodo di Esercizio comunicato nella Lettera di Concessione dell Opzione; 8.2. Allorché ricorra una delle seguenti ipotesi: aumento del capitale della Società, gratuito o a pagamento, ovvero distribuzioni straordinarie di dividendi che possano influire sul contenuto economico del Piano; trasformazione delle Azioni, ovvero conversione delle Azioni medesime, in un numero diverso, per effetto di operazioni sul capitale, inclusa la divisione e il raggruppamento di Azioni; altri eventi straordinari suscettibili di influire sugli obiettivi, sulle Opzioni, sulle Azioni o sul Piano, quali ad esempio fusioni, scissioni, offerte pubbliche di sottoscrizione o di scambio o altri eventi eccezionali suscettibili di influire sull'andamento aziendale, il CDA, previa modifica, se del caso, del Prezzo di Esercizio delle Opzioni, in conformità all'applicabile normativa fiscale e, in ogni caso, con l'intento di preservare il valore originale delle Opzioni, delibererà, secondo le proprie discrezionali valutazioni, dopo aver consultato il Comitato, e, ove necessario, rinviando alla competenza dell'assemblea dei Soci. 9 SORTE DELLE OPZIONI IN CASO DI CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO 9.1. Fatta eccezione per le sole ipotesi di cui al successivo Art.9.2 lett. a) e b) i diritti derivanti agli Assegnatari in relazione alle Opzioni assegnate ai sensi del presente Regolamento sono intrinsecamente e funzionalmente collegati e condizionati al permanere, all'atto dell'esercizio delle Opzioni, dei requisiti previsti per ciascun Assegnatario, ed in particolare: a) della carica di Amministratore Delegato della Società, ovvero b) del rapporto di lavoro subordinato dell Assegnatario come Dirigente o Dipendente della Società, ovvero 9.2. Senza pregiudizio per la generalità di quanto precede, nei casi di seguito previsti si applicheranno le seguenti disposizioni: a) in caso di cessazione del rapporto di lavoro subordinato per licenziamento motivato da giusta causa, giustificato motivo soggettivo ovvero dimissioni non per giusta causa, ovvero in caso di revoca o dimissioni dalla carica di Amministratore Delegato prima del compiuto esercizio delle Opzioni, l Assegnatario perderà definitivamente ed automaticamente il diritto di esercitare tutte le Opzioni assegnate e non ancora esercitate; b) in caso di risoluzione consensuale del rapporto di lavoro, nonché di licenziamento per giustificato motivo oggettivo o dimissioni per giusta causa, ovvero in caso di risoluzione del rapporto per raggiunti limiti di età, ovvero di dimissioni per pensionamento, ovvero a seguito di sopravvenuta invalidità (o casi loro equivalenti nel caso di cessazione dalla carica di Amministratore Delegato) l Assegnatario mantiene il diritto all'esercizio delle Opzioni già maturate (le quali potranno essere esercitate negli stessi termini e con le medesime modalità Servizi Italia S.p.A.- Regolamento Piano di Stock Option Pag. 9 di 13

10 e condizioni di cui agli articoli 7) e 8), mentre le Opzioni non ancora maturate decadranno definitivamente alla data di effettiva cessazione del rapporto; c) in caso di mancato rinnovo alla relativa scadenza della carica di Amministratore Delegato, l Assegnatario mantiene il diritto all'esercizio delle Opzioni già maturate (che potranno essere esercitate negli stessi termini e con le medesime modalità e condizioni di cui agli articoli 7) e 8), mentre le Opzioni non ancora maturate decadranno definitivamente alla data di effettiva cessazione del mandato. Ai fini della presente clausola, l'opzione relativamente alla Tranche in maturazione, si intenderà maturata - fermo il conseguimento degli Obiettivi alla stessa collegati - solo qualora l Assegnatario abbia portato a termine il proprio mandato sino alla naturale scadenza dello stesso; d) Nel caso di morte dell Assegnatario, i suoi aventi diritto avranno diritto di esercitare, entro 1 anno dalla data del decesso, tutte le Opzioni che sarebbero maturate in relazione alla Tranche, ai sensi dell'art. 7 del Regolamento, immediatamente successiva all'evento (includendo quindi le Opzioni relative alle precedenti Tranche, se esistenti), indipendentemente dal raggiungimento dei risultati di performance di cui all'art. 7. Le Opzioni che non siano state esercitate entro tale periodo si considereranno estinte L'estinzione del diritto di esercitare le Opzioni ai sensi dei precedenti articoli avverrà automaticamente, senza necessità di comunicazioni o formalità alcuna e a far tempo dal momento della effettiva cessazione del rapporto Resta espressamente inteso che in caso di trasferimento del rapporto dell Assegnatario tra la Società e le sue controllate, indipendentemente dalle modalità attraverso le quali tale trasferimento sarà attuato, le Opzioni non si estingueranno e, per quanto attiene alla Tranche in corso di maturazione, l'esercizio delle Opzioni da parte dell Assegnatario sarà comunque condizionato al conseguimento degli Obiettivi prefissati In casi motivati, è data facoltà al CDA di derogare alle disposizioni dei paragrafi che precedono in senso più favorevole agli Assegnatari. 10 DIRITTI DEGLI ASSEGNATARI IN CASO DI OPERAZIONI SUL CAPITALE SOCIALE DELLA SOCIETA In caso di lancio di un OPA sul 100% delle azioni della Società o di acquisizione del controllo da parte di terzi, nel corso della durata del Piano, ciascuno degli Assegnatari potrà richiedere, alternativamente, di: a) esercitare le Opzioni a lui assegnate, maturate o maturande, sottoscrivendo le Azioni sottostanti e vendendole alle stesse condizioni e termini previsti nell OPA o nell accordo di acquisizione; b) mantenere le Opzioni a lui assegnate, conservando quindi il diritto acquisito. 11 LE AZIONI Le Azioni sottoscritte dagli Assegnatari sono consegnate liberamente disponibili e non sono soggette ad alcun vincolo Esse hanno godimento coincidente a quello delle Azioni ordinarie Servizi Italia S.p.A. già in circolazione alla data di esercizio delle Opzioni e sono munite di cedole in corso a tale stessa data. Servizi Italia S.p.A.- Regolamento Piano di Stock Option Pag. 10 di 13

11 12 SOGGETTO INCARICATO Il Soggetto Incaricato, riceverà comunicazione dalla Società in merito a: a) gli Assegnatari delle Opzioni, loro riferimenti anagrafici, ruolo, etc.; b) numero di Opzioni assegnate a ciascun Assegnatario, Prezzo di Esercizio, Periodo di Esercizio e altre clausole contrattuali Al momento dell'inizio del Periodo di Esercizio delle Opzioni, il Soggetto Incaricato comunicherà agli Assegnatari l'apertura delle possibilità di esercizio, il termine (expiration date) e ricorderà le principali clausole del Regolamento Gli Assegnatari dovranno manifestare la loro volontà di esercizio conferendo al Soggetto Incaricato il mandato irrevocabile per l esercizio dei diritti inerenti le Opzioni tramite la Lettera Irrevocabile di Esercizio con il contestuale versamento, senza aggravio di commissioni e di spese a carico dell Assegnatario, con valuta al giorno di consegna delle Azioni Il Soggetto Incaricato, su richiesta degli Assegnatari, potrà provvedere ad amministrare fiduciariamente le Azioni o gestirne la vendita, accreditando il ricavato sul conto indicato dall'interessato Il Soggetto Incaricato opererà secondo il mandato ricevuto dalla Società ed eseguirà tutti gli impegni contenuti nel presente Regolamento I costi di amministrazione del processo sopportati dal Soggetto Incaricato, con esclusione dei costi successivi all'esercizio delle Opzioni, saranno a carico della Società. 13 INSIDER TRADING E' fatto espressamente divieto all Assegnatario di assumere qualsiasi comportamento relativo all'esercizio delle Opzioni che possa essere configurato come abuso di informazioni privilegiate ai sensi: a) del Capo I, Parte V, Titolo I-bis, del TUF; nonché, ove rilevante per l Assegnatario medesimo, b) del Regolamento di Internal Dealing della Società e sue successive modificazioni (complessivamente, le " Disposizioni sull' Insider Trading "). L'accertamento, anche con provvedimento non definitivo, di un comportamento dell Assegnatario in violazione delle Disposizioni sull' Insider Trading, comporterà l'immediata (i) perdita delle Opzioni non ancora maturate o esercitate; e (ii) l'esclusione dell Assegnatario medesimo dal Piano. Viene fatta salva la facoltà per la Società di intraprendere qualsiasi altra azione, penale o civile, di natura restitutoria e/o risarcitoria. 14 PERIODO CRITICO Fermo quanto indicato all'art. 13, l Assegnatario non potrà esercitare le Opzioni e non potrà compiere alcun altra operazione sulle Azioni derivanti dal presente Piano, nei seguenti Periodi Critici, identificati con gli intervalli temporali ricompresi tra: i 15 (quindici) giorni antecedenti e i 2 (due) Giorni Lavorativi successivi alla comunicazione al mercato di informazioni societarie relative ai dati semestrali ovvero ai dati di chiusura di esercizio. Fermo restando quanto precede, all'occorrenza di fatti, non di pubblico dominio, che: (i) accadano nella sfera di attività della Società, ovvero di società controllate dalla medesima; e (ii) siano idonei, se resi pubblici, a influenzare in modo sensibile il prezzo delle Azioni, conformemente a quanto disposto all'articolo 181 del TUF, il CDA, ovvero soggetto dal medesimo delegato, potrà, secondo Servizi Italia S.p.A.- Regolamento Piano di Stock Option Pag. 11 di 13

12 una propria discrezionale valutazione stabilire ulteriori Periodi Critici che siano tali da vincolare tutti i, ovvero anche soltanto uno o taluni dei, Assegnatari. In ogni caso, la Società comunicherà per iscritto, senza indugio, a tutti gli Assegnatari, ovvero al/ai Assegnatario/i interessato/i, la sopravvenienza del Periodo Critico. 15 TUTELA DEI DATI PERSONALI L Assegnatario accetta le condizioni del presente Regolamento e autorizza la Società, i suoi rappresentati, il Soggetto Incaricato e tutte le parti coinvolte nella gestione del Piano, a utilizzare le informazioni e i dati personali che lo riguardano, limitatamente ai fini della gestione e dell'amministrazione del Piano medesimo, nonché in conformità con il Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (Decreto Legislativo, 30 giugno 2003, n. 196). 16 DISPOSIZIONI FINALI La titolarità delle Opzioni comporta la piena accettazione di tutte le clausole contenute nel Regolamento Tutte le comunicazioni agli Assegnatari ai sensi del Regolamento saranno effettuate per iscritto presso la sede di lavoro ovvero il domicilio dagli stessi indicato. 17 FORO ESCLUSIVO La Società, gli Assegnatari e tutti i soggetti aventi diritto e/o obbligo ai sensi o per effetto del presente Regolamento convengono che ogni eventuale procedimento giudiziario comunque relativo al Piano e/o al Regolamento sia di competenza esclusiva del Foro di Parma. Servizi Italia S.p.A.- Regolamento Piano di Stock Option Pag. 12 di 13

13 18 allegato:piani di compensi basati su strumenti finanziari Tabella n. 1 dello schema 7 dell Allegato 3A del Regolamento n /1999 Nominativo o categoria Qualifica DATA:21/04/2008 QUADRO 2 Opzioni (option grant) Sezione 2 Opzioni di nuova assegnazione in base alla decisione del c.d.a. di proposta all'assemblea Data della delibera assembleare Descrizione strumento Numero di strumenti finanziari sottostanti le opzioni assegnate ma non esercitabili Numero di strumenti finanziari sottostanti le opzioni esercitabili ma non esercitate Data di assegnazione da parte del Consiglio di Amministrazione Prezzo di esercizio Prezzo di mercato degli strumenti Finanziari sottostanti alla data di assegnazione Scadenza opzione Luciano Facchini Amministratore Delegato Opzioni ,4375 5, Enea Righi Consigliere Delegato Opzioni ,4375 5, Ilaria Eugeniani Dirigente di cui all'art sexies, comma 1, lettera c.2) Opzioni ,4375 5, Altri Dirigenti Opzioni ,4375 5, Dipendenti Opzioni ,4375 5, Servizi Italia S.p.A.- Regolamento Piano di Stock Option Pag. 13 di 13

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123-bis TUF. (modello di amministrazione e controllo tradizionale)

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123-bis TUF. (modello di amministrazione e controllo tradizionale) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123-bis TUF (modello di amministrazione e controllo tradizionale) - Denominazione Emittente: BANCA MONTE DEI PASCHI DI

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE Al Comune di Lamporecchio Ufficio Tecnico Lavori Pubblici - Piazza Berni, 1-51035 Lamporecchio (PT) OGGETTO: CONCESSIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI

IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI di Claudio Venturi Sommario: - 1. Il diritto di recesso e le sue funzioni essenziali. 2. Il diritto di recesso nelle Società per azioni. 3. Il

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE sede: Casella Postale N.6 C/O Ufficio Postale Rm 161 Via della Fotografia 107 00142 Roma Mail: orti.urbani.tre.fontane@gmail.com REGOLAMENTO INTERNO Art. 1 - Scopo

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli