Vittoria Cerasi. Università di Milano-Bicocca. Università Cattolica S. Cuore 16 Aprile 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vittoria Cerasi. Università di Milano-Bicocca. Università Cattolica S. Cuore 16 Aprile 2010"

Transcript

1 Compensi dei manager: teoria e applicazione al settore bancario Vittoria Cerasi Università di Milano-Bicocca ECRIRE-Economia della CRIsi e della REgolamentazione - Università Cattolica S. Cuore 16 Aprile

2 Come vengono pagati i manager nelle banche? I compensi dei manager (come in tutte le industrie) sono sempre più legati a misure di performance della impresa. Remunerazione dei manager è composta da una parte fissa (stipendio) e una parte variabile (bonus, pacchetti di azioni, stock option) La parte variabile - in particolare pacchetti di azioni e stock option - ha acquistato nel tempo un peso maggiore: nelle banche americane il rapporto tra stipendio fisso e compenso totale era 16% nel periodo , mentre scende a 10% nel 2006; partecipazione azionaria dei CEO nel capitale delle banche (insider ownership) era 1.3 % nel periodo , mentre sale a 1.6% nel Nel 1980 solo il 30% dei CEO avevano ricevuto stock option, nel 1994 questa percentuale sale al 70%. (Fahlenbrach, Stulz (2009), John, Quian (2003)) 2

3 Legame tra compensi e performance Quanto varia il compenso dei manager rispetto alla performance della loro impresa? PPS (= pay-performance sensitivity) misura quanto varia in $ il compenso totale del manager se il reddito degli azionisti aumenta di 1000$? (alternativamente delta = pay-performance elasticity) Negli USA nel 1996 la PPS (media tra tutte le imprese non solo banche) era 6$ per ogni 1000$ in più di reddito per gli azionisti (Murphy, 1999). PPS è cresciuta negli anni per il maggiore peso delle stock option nella remunerazione dei manager 3

4 Fonte: Murphy,

5 Confronto con altre industrie? Fonte: Murphy,

6 Confronto con altre industrie? Fonte: Core, Guay, 2010 ( thousand $). 6

7 Confronto con altre industrie? Fonte: Core, Guay, 2010 (thousand $). 7

8 Confronto con altre industrie? Fonte: Core, Guay,

9 Confronto con altre industrie? Fonte: Core, Guay,

10 Confronto con l Europa? La PPS nelle banche USA era pari a 4.7$ per 1000$ in più di reddito degli azionisti in media nel periodo (John e Quian, 2003) La PPS misurata come incremento di compenso ai manager per ogni 1000 in più di profitti in Europa su 52 banche nel periodo era IT 0.08 FR 0.74 GER 0.38 UK 0.19 (Burghof, Hofmann, 2000) Disclosure (pubblicità dell informazione): in USA sono pubblici (anche se non semplici da interpretare) In Europa non sono pubblici 10

11 Crisi finanziaria e compensi ai manager nelle banche Fahlenbrach, Stulz, (2009) studiano partecipazioni azionarie dei CEO nelle banche americane durante la crisi i managers hanno subito perdite tanto quanto i loro azionisti e queste perdite non sono state evitate con insider trading; concludono che non vi è stato incentivo a prendere rischi maggiori indotto dalla quota di partecipazione azionaria inclusa nei contratti manageriali. Beltratti, Stulz (2009) studiano i rendimenti azionari (buy and hold) di 98 banche in 20 paesi nel periodo mostrano che le banche che hanno reso di più ai loro azionisti nel 2006 sono quelle che hanno fatto perdere di più durante la crisi banche con board più shareholder-friendly hanno perso di più banche con Tier 1 (capitale regolamentato) più alto hanno perso di meno 11

12 Crisi finanziaria e compensi ai manager nelle banche minor partecipazione azionaria di CEO maggior partecipazione azionaria di CEO Fonte: Fahlenbrach, Stulz,

13 Crisi finanziaria e compensi ai manager nelle banche L evidenza che i manager hanno perso insieme agli azionisti delle loro banche non esclude che quelle banche abbiano preso rischi eccessivi proprio in ragione del forte allineamento dei compensi manageriali a quelli dei loro azionisti. Bebchuk, Cohen, Spamann, (2009): in un case study su Bear Sterns e Lehman Brothers mostrano che calcolando il totale dei guadagni al netto delle perdite sul periodo mentre per i CEO vi sono stati sostanziali guadagni positivi; gli azionisti che hanno mantenuto una partecipazione azionaria nello stesso periodo hanno subito perdite. Bebchuk e Fried, Pay without performance (2004): nelle imprese in distress i manager riescono lo stesso a incassare i bonus prima di alcun risarcimento ai creditori 13

14 I manager vengono pagati troppo rispetto alla performance delle banche? Banche americane beneficiate dal piano di soccorso TARP hanno pagato bonus ai loro CEO Richiesta di contenimento dei bonus manageriali nelle banche che hanno richiesto sostegno pubblico. 14

15 Crisi finanziaria e compensi ai manager nelle banche: quali proposte? Mettere un tetto ai compensi; eliminare "golden parachutes (liquidazione, quando manager perde posto) Allineare compensi dei manager al reddito degli azionisti nel lungo periodo (non consentire esercizio di stock option nel breve periodo, ma solo una volta che i rischi si sono realizzati) Far dipendere premio della FDIC da compensi manageriali (John, Saunders, Senbet, 2000) Compensi dei manager allineati non soltanto al valore del capitale, ma anche del debito subordinato; contratti dei manager devono essere inclusi nella regolamentazione prudenziale (Bebchuk, Spamann, 2009) 15

16 Incentivi non dipendono solo da compenso Gli incentivi dei manager e degli azionisti non dipendono solo dalla remunerazione monetaria, ma anche da struttura finanziaria e in particolare dal monitoring dei vari stake-holders (Dewatripont and Tirole, 1994a) 16

17 Impresa con debito reddito azionisti perdite attese depositanti D flusso di cassa 17

18 Incentivi degli insider? Quando c è debito gli azionisti si preoccupano solo di quello che accade nella coda alta della distribuzione del flusso di cassa. Nella coda bassa gli azionisti, protetti da responsabilità limitata, scaricano le perdite sui creditori (depositanti nelle banche). Incentivi degli insider (azionisti e manager) a ridurre le perdite nella coda bassa della distribuzione sono deboli. 18

19 Esercitare un maggior impegno? reddito azionisti maggior impegno D flusso di cassa 19

20 Scegliere un minor rischio? minor rischio reddito azionisti D flusso di cassa 20

21 Incentivi degli insider Azzardo morale (controllo dei rischi) : se discrezione nell'impegno per ridurre perdite non è detto che controllo dei rischi sarà massimo Risk-shifting (scelta dei rischi): se discrezione è sul rischio non sempre si sceglie rischio minore N.B. Se il rendimento sul debito si aggiusta (aumenta) per tener conto degli incentivi questo problema è addirittura accentuato, perché la coda bassa in cui insider non guadagna e non perde nulla si allarga. Ma l attività delle banche è prevalentemente controllo e scelta dei rischi in presenza di asimmetrie informative. 21

22 Cosa cambia tra banche e imprese? Leverage maggiore: le banche commerciali hanno un rapporto debito/capitale maggiore (di circa 11%, nelle saving banks 28%, quando nelle imprese è 2.1%). Questo dipende dalla prevalenza di debito dovuto alla raccolta di depositi. (Dewatripont, Tirole, 1994b) Dimensione (attività totali) è superiore a quella di altri settori. Regolamentazione: assicurazione sui depositi (tanti piccoli depositanti) indebolisce effetto disciplinante del debito a breve sul management della banca e spiega l esistenza di requisiti di capitale minimi (Dewatripont, Tirole, 1994b) 22

23 Domanda: quale è l obiettivo? Trattare compensi ai manager insieme a regolamentazione prudenziale: nelle banche il debito a breve è assicurato e dunque i depositanti non esercitano controllo sui manager/azionisti e questo accentua incentivo a scegliere rischio eccessivo regolamentazione attraverso i requisiti di capitale per tutelare depositanti Requisiti di capitale e premio sull assicurazione dei depositi come devono variare? 23

24 Analisi teorica Modello I Manager=banchiere Depositi al dettaglio assicurati al 100%. Tasso di interesse privo di rischio pari a 0. In t=0: banca con capitale E₀ ₀ (esogeno), raccoglie depositi D₀₀ e offre prestiti L₀₀ In t=2: prestiti (per unità) restituiscono R sempre, ma perdite (perfettamente correlate e osservabili) l con prob p 24

25 Timing RL 0 1-p(m) E 0 D 0 m p(m) (R-l)L0 t=0 t=1 t=2 25

26 Analisi teorica Modello I In t=1: sforzo di monitoring 0<m<1 riduce la prob di perdite di ma costo privato di monitoring è. monitoring non è osservabile da depositanti azzardo morale. 26

27 Analisi teorica Modello I Profitti del banchiere/manager: da cui incentivo a monitorare: Premio sull'assicurazione dei depositi: Vincolo di bilancio della banca: 27

28 Analisi teorica Modello I I prestiti sono limitati da vincolo L₀ E₀/k ₀ ₀ ovvero la banca è soggetta al requisito di capitale (CR) per ogni unità prestata occorre CR pari a k di capitale, dato che i depositanti finanziano al più 1-k (per es. k=0.08 è il requisito di 8% di Basel I) 28

29 Analisi teorica Modello I CR deve aumentare con perdite attese p e diminuire con profittabilità dell attivo R CR deve aumentare con costo di monitoring M Il premio per FDIC deve riflettere il rischio: se m il premio deve aumentare 29

30 Analisi teorica Modello II Conflitto manager/banchiere: ruolo dei bonus ai manager? Il manager sceglie se monitorare i prestiti per ridurre le perdite (come prima m al costo ). Azionista (=banchiere) vigila sull'operato del manager (con intensità 0<s<1 al costo ): se scopre che manager non fa sforzo, lo licenzia e assume un manager esterno (con prob di perdite ) Compenso al manager (interno o esterno) consiste in un bonus b>0 se non ci sono perdite se manager non viene sorpreso quando non si impegna 30

31 Analisi teorica Modello II BANCHIERE s 1- s MANAGER m m 1-m 1-m Reddito banchiere: (1-p L )(R-b) (1-f) (R-b) (1-p L )(R-b) (1-p H )(R-b) Reddito manager: (1-p L )b 0 (1-p L )b (1-p H )b Equilibrio di Nash in strategie miste 31

32 Analisi teorica Modello II La soluzione è un CR che è funzione del bonus e dei costi di monitoring: Premio per l assicurazione dei depositi è funzione dei bonus manageriali attraverso il loro impatto sul rischio: Cosa succede a probabilità di perdite p con bonus? 32

33 Analisi teorica Modello II La probabilità di perdite per la banca è: dove esterno: misura l abilità del manager incapace molto capace Quanto più manager esterno è capace tanto più riduce le perdite 33

34 Analisi teorica Modello II Caso di manager esterno incapace: s manager banchiere E E m 34

35 Analisi teorica Modello II Caso di manager esterno incapace: CR senza bonus: CR con i bonus: I bonus consentono di allentare i CR se ovvero se il costo atteso del bonus è inferiore alla riduzione attesa delle perdite. 35

36 Analisi teorica Modello II Caso di manager esterno molto capace: s manager banchiere E E 1 m 36

37 Analisi teorica Modello II Caso di manager esterno molto capace: Il bonus aumenta lo sforzo del manager, ma riduce il controllo del banchiere (bonus e controllo sono sostituti per indurre un maggior sforzo del manager) Il beneficio sulla probabilità di perdite è ridotto rispetto al caso precedente: 37

38 Conclusioni dall analisi teorica Ruolo per i bonus manageriali quando vi è conflitto tra azionisti e manager. La misura dei bonus dipende da: Efficacia del manager nel ridurre le perdite Abilità dei manager esterni (quanto più capaci, tanto minore è ruolo dei bonus: perché minaccia di licenziamento è credibile e induce controllo degli azionisti e sforzo maggiore del manager) Costo del controllo da parte degli azionisti (quanto minore è il costo del controllo interno, tanto minore ruolo dei bonus) La remunerazione deve essere incorporata direttamente nei CR e indirettamente (attraverso l impatto sul rischio) nei premi per l assicurazione dei depositi Fondamentale è osservabilità della retribuzione ai manager (disclosure) 38

39 Riferimenti bibliografici Bebchuk L., Spamann H. (2009), Regulating bankers pay, mimeo, Harvard Law School, Discussion Paper N Bebchuk L., Cohen A., Spamann H. (2010), The Wages of Failure: Executive Compensation at Bear Stearns and Lehman , Harvard Law School, Discussion Paper N.657. Beltratti A., Stulz R. (2009), Why Did Some Banks Perform Better during the Credit Crisis?. Fisher College of Business Working Paper No Burghof H.P., Hofmann C. (2000), Executives Compensation of European Banks: Disclosure, Sensitivity, and their Impact on Bank Performance, mimeo, Ludwig-Maximilians-Universität München Core J., Guay W. (2010), Is There a Case for Regulating Executive Pay in the Financial Services Industry? Dewatripont M., Tirole J. (1994a), A Theory of Debt and Equity: Diversity of Security and Manager-Shareholders Congruence, Quarterly Journal of Economics, 109, Dewatripont M., Tirole J. (1994b), The Prudential Regulation of Banks, MIT Press. Fahlenbrach R., Stulz R. (2009), Bank CEO Incentives and the Credit Crisis. Swiss Finance Institute Research Paper No Murphy K.J.(1999), Executive Compensation, in Handbook of Labor Economics, O. Ashenfelter and D. Card eds., Vol.3B, Chap.38, Elsevier. John K., Quian Y. (2003), Incentive features in CEO compensation in the banking industry, Federal Reserve Bank of New York Economic Policy Review. John K., Saunders A., Senbet L.W. (2000), A theory of bank regulation and management compensation, Review of Financial Studies, Vol.13,

Il dibattito sui sistemi di remunerazione dei manager

Il dibattito sui sistemi di remunerazione dei manager Il dibattito sui sistemi di remunerazione dei manager Volterra, 19.6.2014 Prof. Roberto Barontini Istituto di Management Scuola Superiore Sant Anna E-mail r.barontini@sssup.it Matematica Statistica Storia

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

Corso di Politica economica L-Z (prof. G. Ferri): Lezione 23 TRASMISSIONE POLITICA MONETARIA IN DIVERSI SISTEMI FINANZIARI

Corso di Politica economica L-Z (prof. G. Ferri): Lezione 23 TRASMISSIONE POLITICA MONETARIA IN DIVERSI SISTEMI FINANZIARI Corso di Politica economica L-Z (prof. G. Ferri): Lezione 23 TRASMISSIONE POLITICA MONETARIA IN DIVERSI SISTEMI FINANZIARI Riprendendo il discorso del credit channel, un discorso a parte viene fatto con

Dettagli

THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES

THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES Giovanni Dell Ariccia, Enrica Detragiache, Raghuram Rajan ECONOMIA MONETARIA INTERNAZIONALE Anno Accademico 2009/2010 Alessandro Paci Valentina Peruzzi Mariangela Scorrano

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Elenco completo periodici in abbonamento 20 giugno 2013 Ver. 1.0 Ministero dell Economia e delle Finanze Ufficio per il coordinamento tecnico logistico Biblioteca e ufficio di documentazione del DT Sommario

Dettagli

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria. Supponete che la funzione di utilità di un agente sia u x. La remunerazione è rappresentata da un prospetto incerto, che prevede un reddito di 800 nel

Dettagli

DOMANDE di RIEPILOGO

DOMANDE di RIEPILOGO DOMANDE di RIEPILOGO UNITA A - ANALISI ECONOMICA DELL IMPRESA Lez 3 Aspetti organizzativi dell impresa Natura e forme istituzionali Quali sono le caratteristiche dell impresa come istituzione gerarchica

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

CRISI DI LIQUIDITA E CENTRAL BANKING

CRISI DI LIQUIDITA E CENTRAL BANKING CRISI DI LIQUIDITA E CENTRAL BANKING Angelo Baglioni ECRIRE 20 marzo 2009 Schema della presentazione Teoria tradizionale (DD): insoddisfacente Mercato interbancario: interpretazione della crisi 2007-2008

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

Basilea 3, CRD4 e Banking Union

Basilea 3, CRD4 e Banking Union Basilea 3, CRD4 e Banking Union Dove siamo oggi, dove saremo domani? Rischio di Mercato: quali novità sul Trading Book I cambiamenti per le banche a Modello Interno Roma 4 Dicembre 2012 Rita Gnutti Head

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese

Economia e Gestione delle Imprese Marco Pironti pironti@di.unito.it it www.di.unito..di.unito.it/~pironti 1 Executive summary Corporate governance Le strategie d impresa Le politiche di pianificazione e controllo Le politiche organizzative

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

Sulle crisi bancarie s'è perso l approccio globale

Sulle crisi bancarie s'è perso l approccio globale Sulle crisi bancarie s'è perso l approccio globale Il meccanismo unico europeo per la risoluzione delle crisi ha avuto via libera, con l approvazione della normativa di riferimento e l 'istituzione di

Dettagli

Simona Catuogno I piani di stock option. Governance, valuation e accounting

Simona Catuogno I piani di stock option. Governance, valuation e accounting A13 492 Simona Catuogno I piani di stock option Governance, valuation e accounting Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Houston, we ve had a problem here Il 13 aprile 1970 gli astronauti

Dettagli

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Seminario di confronto tra il settore bancario e l attività immobiliare Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Intervento di Andrea Ragaini Direttore Centrale GRUPPO BANCA CARIGE

Dettagli

Come si giudica la governance?

Come si giudica la governance? Corso di Governance e Gestione del Rischio Modulo II Il mercato per il controllo: l OPA Come si giudica la governance? Un sistema di CG potrebbe essere giudicato in base a 3 elementi (Macey): La capacità

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

CAPITOLO 11 INCENTIVI SALARIALI

CAPITOLO 11 INCENTIVI SALARIALI CAPITOLO 11 INCENTIVI SALARIALI 11-1. Fate l ipotesi che ci siano 100 lavoratori in un economia in cui operano due imprese. Per l impresa A, il prodotto marginale dei lavoratori è pari a 35 l ora. Per

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI CORPORATE BANKING SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Qual è il fine dell impresa nella logica della finanza aziendale? Massimizzare la creazione del valore per

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Determinanti dell innovazione: Corporate governance SCHEMA DELLA LEZIONE Perché la corporate

Dettagli

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione Domande di ripasso 1. La moneta ha tre funzioni: riserva di valore, unità di conto e mezzo di scambio. In quanto riserva di valore, la moneta rappresenta un modo per

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

Discussione di. Italian Managers: Fidelity or Performance. Luigi Zingales University of Chicago

Discussione di. Italian Managers: Fidelity or Performance. Luigi Zingales University of Chicago Discussione di Italian Managers: Fidelity or Performance Luigi Zingales University of Chicago Preambolo Questo e` il paper ideale da discutere perche`: 1) Affronta un tema molto importante 2) Presenta

Dettagli

REGOLE DEL GRUPPO RELATIVE ALLE RISORSE UMANE

REGOLE DEL GRUPPO RELATIVE ALLE RISORSE UMANE REGOLE DEL GRUPPO RELATIVE ALLE RISORSE UMANE Sono fermamente convinto che nel nostro nuovo Gruppo Monier la performance del nostro staff sarà più importante che mai. I nostri ambiziosi obiettivi aziendali

Dettagli

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza Il tema delle remunerazioni dei Vertici Aziendali continua a essere di grande attualità e oggetto di particolare

Dettagli

ASPETTI CONTRATTUALI DEI PIANI AZIONARI E DI COINVESTIMENTO. Avv. Paola Tradati Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners Milano 25 settembre 2013

ASPETTI CONTRATTUALI DEI PIANI AZIONARI E DI COINVESTIMENTO. Avv. Paola Tradati Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners Milano 25 settembre 2013 ASPETTI CONTRATTUALI DEI PIANI AZIONARI E DI COINVESTIMENTO Avv. Paola Tradati Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners Milano 25 settembre 2013 Piani di azionariato Assegnazione di azioni ai dipendenti

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi

Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi Di Don Wilkinson, Vice-Presidente Deloitte Amministratori, fate un respiro profondo: gli impegni previsti in agenda

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia

Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia Il ruolo delle banche nel sistema finanziario Nella realtà i mercati non sono perfettamente concorrenziali e non vale il teorema di Modigliani-Miller.

Dettagli

Titolo del progetto di ricerca: L accesso al mercato borsistico come strumento di crescita delle PMI

Titolo del progetto di ricerca: L accesso al mercato borsistico come strumento di crescita delle PMI Titolo del progetto di ricerca: L accesso al mercato borsistico come strumento di crescita delle PMI Settore disciplinare: SECS-P09 (Finanza Aziendale) Professore Tutor: Dott.sa Barbara Petracci 1) Il

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Prof. Antonio Renzi Economia e gestione delle imprese Parte sesta Governo delle imprese e assetti proprietari 1 Argomenti 1. Gli assetti proprietari 2. Proprietà e organo di governo 3. La struttura dell

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

UNIVERSITA DI BOLOGNA CLAMFIM- EPELM 2012/2013 CORPORATE GOVERNANCE

UNIVERSITA DI BOLOGNA CLAMFIM- EPELM 2012/2013 CORPORATE GOVERNANCE UNIVERSITA DI BOLOGNA CLAMFIM- EPELM 2012/2013 CORPORATE GOVERNANCE Esame a libri chiusi. Si può usare una calcolatrice.tempo a disposizione: 1 ora Nome: ID: Data: 9 Aprile 2013 MULTIPLE CHOICES (1 Punto

Dettagli

Security Markets con agenti diversamente informati: Gabriella Chiesa

Security Markets con agenti diversamente informati: Gabriella Chiesa Security Markets con agenti diversamente informati: Gabriella Chiesa Security Markets lo scambio è anonimo: - Il ruolo nell allocazione delle risorse - Il loro funzionamento quando gli agenti sono diversamente

Dettagli

Teoriq della Finanza Aziendale. Prof. Arturo Capasso. L oggetto di studio della finanza. Argomenti

Teoriq della Finanza Aziendale. Prof. Arturo Capasso. L oggetto di studio della finanza. Argomenti Teoriq della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso 1 L oggetto di studio della finanza A. Argomenti Teoria della finanza e finanza aziendale Finanza aziendale e (é?) funzione finanziaria Dinamica finanziaria

Dettagli

Presentazione del laboratorio: Linguaggio e media per la finanza

Presentazione del laboratorio: Linguaggio e media per la finanza Università degli studi di Roma Tor vergata Dottorato di ricerca in Economia Aziendale Presentazione del laboratorio: Linguaggio e media per la finanza Roma, 21 Gennaio 2014 Obiettivi Il Laboratorio si

Dettagli

Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future

Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future Gianluca Trevisan Banca d Italia Supervisione Gruppi Bancari I Roma, 28 febbraio 2014 1 Perché una regolamentazione

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII Prefazione, di Tancredi Bianchi Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XIII XVII Parte prima Il mercato, le istituzioni e gli strumenti di valutazione 1 Il sistema finanziario e

Dettagli

Breve Curriculum Vitae et Studiorum

Breve Curriculum Vitae et Studiorum Breve Curriculum Vitae et Studiorum Giuseppe Coco, PhD Professore associato in Economia Politica, Università di Bari nato a Metz (Francia) il 29/ 07/ 1965 Recapito: Dipartimento Affari Economici, Presidenza

Dettagli

XV Introduzione XXI Profili degli autori. 3 Parte prima - Profili istituzionali. 5 Capitolo primo Storia ed evoluzione della banca di Stefano Perri

XV Introduzione XXI Profili degli autori. 3 Parte prima - Profili istituzionali. 5 Capitolo primo Storia ed evoluzione della banca di Stefano Perri XV Introduzione XXI Profili degli autori 3 Parte prima - Profili istituzionali 5 Capitolo primo Storia ed evoluzione della banca di Stefano Perri 5 1.1 Premessa: l attività bancaria e il moltiplicatore

Dettagli

La gestione finanziaria delle piccole e medie imprese: le prospettive per il 2011 e oltre

La gestione finanziaria delle piccole e medie imprese: le prospettive per il 2011 e oltre La gestione finanziaria delle piccole e medie imprese: le prospettive per il 2011 e oltre Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti Contabili Bergamo, 11 febbraio 2011 PROF. MARIO COMANA Ordinario

Dettagli

Le ricerche del Laboratorio del 2010 e quelle in corso

Le ricerche del Laboratorio del 2010 e quelle in corso Le ricerche del Laboratorio del 2010 e quelle in corso Convegno di presentazione delle attività di ricerca e incontro con gli operatori Claudio Giannotti Direttore del Laboratorio Università LUM giannotti@lum.it

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

La remunerazione degli amministratori

La remunerazione degli amministratori La remunerazione degli amministratori a cura di Maria Carmela Scandizzo Francesca Scarazzai Anna Esposito Abate Cristina Gariglio per il Comitato Pari Opportunità dell ODCEC di Torino Comitato Pari Opportunità

Dettagli

Meccanismo di trasmissione (seconda parte)

Meccanismo di trasmissione (seconda parte) Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Meccanismo di trasmissione (seconda parte) Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Bank of England

Dettagli

UniCredit Politica Retributiva di Gruppo 2014-1

UniCredit Politica Retributiva di Gruppo 2014-1 UniCredit Politica Retributiva di Gruppo 214 1 Lettera dal Presidente Cari Azionisti, competitività e complessità sono ormai una consuetudine con la quale dobbiamo stabilmente confrontarci in qualità di

Dettagli

La concentrazioni bancarie: Cause ed effetti

La concentrazioni bancarie: Cause ed effetti La concentrazioni bancarie: Cause ed effetti 1.1 Motivazioni legate al valore Le concentrazioni bancarie possono massimizzare il valore delle banche fuse principalmente in due modi: a) aumentando il loro

Dettagli

Il Futuro della Finanza Luigi Zingales University of Chicago, NBER, & CEPR

Il Futuro della Finanza Luigi Zingales University of Chicago, NBER, & CEPR Il Futuro della Finanza Luigi Zingales University of Chicago, NBER, & CEPR 1 Luigi Zingales Un trentennio d oro Gli ultimi 30 anni sono stati anni eccezionali dal punto di vista di crescita economica (il

Dettagli

Bruno M. Parigi. CESifo Monaco

Bruno M. Parigi. CESifo Monaco Banchieri a km 0 Bruno M. Parigi Università di Padova CESifo Monaco Presentazione adattata dal lavoro Battistin, Graziano, Parigi Connections and Performance in Bankers Turnover European Economic Review,

Dettagli

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 1 operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 Interventi sul tema: Le origini della crisi La bolla dei sub-prime e il fallimento di Lehman Brothers La globalizzazione dei

Dettagli

INDICE 3.3 ITER DI APPROVAZIONE E TEMPISTICA DI ASSEGNAZIONE 3. PIANO 2011 DI PARTECIPAZIONE AZIONARIA PER I DIPENDENTI DEL GRUPPO UNICREDIT

INDICE 3.3 ITER DI APPROVAZIONE E TEMPISTICA DI ASSEGNAZIONE 3. PIANO 2011 DI PARTECIPAZIONE AZIONARIA PER I DIPENDENTI DEL GRUPPO UNICREDIT PIANI RETRIBUTIVI 2011 BASATI SU STRUMENTI FINANZIARI A FAVORE DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO UNICREDIT Assemblea dei Soci di UniCredit aprile 2011 INDICE 1. PREMESSA 2. SISTEMI RETRIBUTIVI 2011 DI GRUPPO 2.1

Dettagli

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa Indice 3 PREFAZIONE 5 INTRODUZIONE - Tendenze evolutive del rapporto banca-impresa 5 I.1 Premessa 6 I.2 Le recenti riforme dell ordinamento bancario 9 I.2.1 Le direttive del Comitato di Basilea 12 I.2.2

Dettagli

RISCHIO GREXIT: USCIRA LA GRECIA DALL EURO?

RISCHIO GREXIT: USCIRA LA GRECIA DALL EURO? www.fondazioneistud.it RISCHIO GREXIT: USCIRA LA GRECIA DALL EURO? Ivo Pezzuto Milano, 9 Luglio 2015 i.pezzuto@gmail.com https://twitter.com/ivopezzuto Scenari globali Scenari globali Quadro geopolitico

Dettagli

Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 17 aprile 2015. Punto 2 all'ordine del giorno

Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 17 aprile 2015. Punto 2 all'ordine del giorno Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 17 aprile 2015 Punto 2 all'ordine del giorno Informativa sull attuazione delle politiche di remunerazione ed incentivazione nell esercizio 2014 ed approvazione dell

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

ALLINEARSI: IL DRIVER PER UNA INNOVAZIONE DI SUCCESSO!

ALLINEARSI: IL DRIVER PER UNA INNOVAZIONE DI SUCCESSO! ALLINEARSI: IL DRIVER PER UNA INNOVAZIONE DI SUCCESSO! L allineamento del team esecutivo è definibile come l accordo dei membri del team in merito a: 1. Allineamento personale -consapevolezza dell impatto

Dettagli

Le nuove regole di vigilanza: un analisi critica

Le nuove regole di vigilanza: un analisi critica Le nuove regole di vigilanza: un analisi critica Andrea Resti carefin@unibocconi.it The Regulatory Tsunami* Luglio 2009 Dicembre 2009 Rischi di mercato: stressed VaR e IR charge Nuove regole su (ri)cartolarizzazioni

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I LA RILEVANZA DEL TEMA IN RAPPORTO ALL ASSETTO SOCIETARIO ITALIANO

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I LA RILEVANZA DEL TEMA IN RAPPORTO ALL ASSETTO SOCIETARIO ITALIANO INDICE-SOMMARIO Introduzione... 1 Capitolo I LA RILEVANZA DEL TEMA IN RAPPORTO ALL ASSETTO SOCIETARIO ITALIANO 1. Interesse alla massimizzazione del valore dell investimento azionario, assetti societari

Dettagli

Il ROI del consolidamento dei Server

Il ROI del consolidamento dei Server Il ROI del consolidamento dei Server Sul lungo periodo, un attività di consolidamento dei server è in grado di far scendere i costi IT in modo significativo. Con meno server, le aziende saranno in grado

Dettagli

Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Le origini della crisi nel mercato subprime 2. Il processo di amplificazione della crisi finanziaria

Dettagli

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Dr. Mario Mazzocchi m.mazzocchi@unibo.it Ricevimento: indicativamente venerdì 11-13, ma disponibile anche in altri giorni e orari (meglio confermare per posta

Dettagli

2007-20?? A Tale of Two Paulson. Andrea Beltratti Università Bocconi Ottobre 2008

2007-20?? A Tale of Two Paulson. Andrea Beltratti Università Bocconi Ottobre 2008 2007-20?? A Tale of Two Paulson Andrea Beltratti Università Bocconi Ottobre 2008 Crisi: vincenti e perdenti Hank Paulson: se hai in tasca un bazooka e la gente lo sa, probabilmente non dovrai usarlo (settembre

Dettagli

OBBLIGAZIONI BANCARIE: I COCO BONDS

OBBLIGAZIONI BANCARIE: I COCO BONDS OBBLIGAZIONI BANCARIE: I COCO BONDS Siena, giugno 2012 dr GILIBERTO Camillo Le opinioni espresse non impegnano le responsabilità delle società di appartenenza Riproduzione vietata Partial or total reproduction

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

PMD - Planning & Monitoring Distress

PMD - Planning & Monitoring Distress PMD - Planning & Monitoring Distress PMD - Planning & Monitoring Distress è una Società di Professionisti i cui Partner e Manager hanno specifiche esperienze e competenze nella gestione di attività straordinarie

Dettagli

ELENCO RIVISTE STRANIERE ED ITALIANE DT - UCRE - Biblioteca e Ufficio di documentazione del DT PERIODICI CEE KLUWER LAW INTERNATIONAL/ NE

ELENCO RIVISTE STRANIERE ED ITALIANE DT - UCRE - Biblioteca e Ufficio di documentazione del DT PERIODICI CEE KLUWER LAW INTERNATIONAL/ NE PERIODICI CEE TITOLO periodico 1 COMMON MARKET LAW REVIEW KLUWER LAW INTERNATIONAL/ NE IN BIBLIOTECA DAL VERSIONE CARTA/ONLINE 2 CONSENSUS FORECASTS G7 COUNTRIES WESTERN EUROPE -SINGLE USER CONSENSUS ECONOMICS

Dettagli

Materiale didattico slides cap. 1 Costa Gianecchini pagg. 3-13 Marchiori M. Le persone nelle imprese. Gli approcci di governo

Materiale didattico slides cap. 1 Costa Gianecchini pagg. 3-13 Marchiori M. Le persone nelle imprese. Gli approcci di governo Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane Terza lezione 15102014 Le origini storico- teoriche: I debi2 nei cfr delle teorie dell impresa Le relazioni tra ambiente- strategia- stru;ura- ges2one risorse umane

Dettagli

Massimo Matthias Professore a contratto - Università degli Studi di Siena Consulente Aziendale

Massimo Matthias Professore a contratto - Università degli Studi di Siena Consulente Aziendale Massimo Matthias Professore a contratto - Università degli Studi di Siena Consulente Aziendale CURRICULUM VITAE FORMAZIONE Laurea in Economia e Commercio conseguita presso l Università degli Studi La Sapienza

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli

RASSEGNA BIBLIOGRAFICA. Analisi d opera* SHILLER R.J., Irrational exuberance, Princeton (NJ), Princeton University

RASSEGNA BIBLIOGRAFICA. Analisi d opera* SHILLER R.J., Irrational exuberance, Princeton (NJ), Princeton University RASSEGNA BIBLIOGRAFICA Analisi d opera* SHILLER R.J., Irrational exuberance, Princeton (NJ), Princeton University Press, 2000. Fra i fenomeni che appaiono incomprensibili alla scienza economica, uno ha

Dettagli

La Politica Economica e i Tassi di Cambio

La Politica Economica e i Tassi di Cambio La Politica Economica e i Tassi di Cambio In questa lezione: Studiamo la politica economica con cambi fissi e flessibili. 267 Risparmio, investimento e disavanzo commerciale Partendo dalla condizione di

Dettagli

LA BANCA CENTRALE E LA POLITICA MONETARIA

LA BANCA CENTRALE E LA POLITICA MONETARIA LA BANCA CENTRALE E LA POLITICA MONETARIA STRUTTURA E GOVERNANCE DELLE BANCHE CENTRALI Osserviamo le due autorità più rilevanti: BCE e Federal Reserve (Fed). -La Banca Centrale Europea è inserita nel più

Dettagli

DA BASILEA 2 A BASILEA 3:

DA BASILEA 2 A BASILEA 3: DA BASILEA 2 A BASILEA 3: GLI EFFETTI SULLE BANCHE E SUL CREDITO MARCO GIORGINO ORDINARIO DI FINANZA, POLITECNICO DI MILANO MARCO.GIORGINO@POLIMI.IT Milano, 8 ottobre 2010 AGENDA Da Basilea 2 a Basilea

Dettagli

Investitori vs. Gestori e Banche: Chi vince? Come si vince?

Investitori vs. Gestori e Banche: Chi vince? Come si vince? Authorized and regulated by the Financial Services Authority Investitori vs. Gestori e Banche: Chi vince? Come si vince? Le esigenze degli investitori istituzionali e le proposte del mercato: un connubio

Dettagli

IL PROBLEMA DEL LEVERAGE DELLE ISTITUZIONI FINANZIARIE

IL PROBLEMA DEL LEVERAGE DELLE ISTITUZIONI FINANZIARIE GESTIONE DEL CAPITALE Elisabetta Montanaro a.a. 2014-15 Appunti introduttivi alla regolamentazione di Basilea IL PROBLEMA DEL LEVERAGE DELLE ISTITUZIONI FINANZIARIE La struttura finanziaria delle banche

Dettagli

Studio di Eventi e Modifiche del MIB30

Studio di Eventi e Modifiche del MIB30 Marco Grazzi Studio di Eventi e Modifiche del MIB30 Sant Anna School of Advanced Studies, Pisa, Italy Seminari Giovani Ricercatori 1 luglio 2004, Facoltà di Economia, Pisa 1. Sommario Studio di Eventi

Dettagli

CREDITO. Il c. è una anticipazione di risorse che un agente economico concede a un altro agente a fronte di una promessa di restituzione futura.

CREDITO. Il c. è una anticipazione di risorse che un agente economico concede a un altro agente a fronte di una promessa di restituzione futura. CREDITO. Il c. è una anticipazione di risorse che un agente economico concede a un altro agente a fronte di una promessa di restituzione futura. La natura del c. ha diverse implicazioni. Due in particolare.

Dettagli

Marketing e Direzione d Impresa Lezione 3 Corporate Governance. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28

Marketing e Direzione d Impresa Lezione 3 Corporate Governance. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Marketing e Direzione d Impresa Lezione 3 Corporate Governance Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 La struttura piramidale 20% A B C D E 51% 51% 51% 51% A possiede indirettamente

Dettagli

Generali Investments Europe S.p.A.

Generali Investments Europe S.p.A. Mercoledì, 19 Giugno 2013 alle 11.30, San Giobbe, Aula 3A Tages Capital SGR Sebastiano Di Pasquale Executive Director Hedge Funds e Investimenti Alternativi: la possibile risposta al problema dei Risk

Dettagli

POLITICHE DI REMUNERAZIONE E INCENTIVAZIONE DI COMOI SIM

POLITICHE DI REMUNERAZIONE E INCENTIVAZIONE DI COMOI SIM POLITICHE DI REMUNERAZIONE E INCENTIVAZIONE DI COMOI SIM 1. PREMESSA Con il provvedimento congiunto di CONSOB e Banca d Italia adottato il 25 luglio 2012 è stato introdotto nel Regolamento congiunto del

Dettagli

Il rapporto banca-impresa: l evoluzione dell interpretazione teorica

Il rapporto banca-impresa: l evoluzione dell interpretazione teorica Workshop di presentazione dell attività dei Laboratori di ricerca Università degli studi di Parma, 9 Marzo 2012 Il rapporto banca-impresa: l evoluzione dell interpretazione teorica Giuseppe Torluccio,

Dettagli

Italia: Articolo IV 2012 dichiarazione finale della missione FMI

Italia: Articolo IV 2012 dichiarazione finale della missione FMI Italia: Articolo IV 2012 dichiarazione finale della missione FMI Una missione del FMI si è recata in Italia dal 3 al 16 maggio 2012 per la valutazione annuale dello stato dell economia come parte delle

Dettagli

RIVISTA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI

RIVISTA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI RIVISTA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI AnnoSLXVSFasc.S4S-S2014 ISSNS0485-2281 SandroSCataniSeSBrianSTerracciano «L EXECUTIVE COMPENSATION: PRINCIPI, STRUMENTI E TENDENZE» Estratto MilanoS SGiuffrèSEditore

Dettagli

ESPOSIZIONE RIASSUNTIVA DELLA TESI

ESPOSIZIONE RIASSUNTIVA DELLA TESI ESPOSIZIONE RIASSUNTIVA DELLA TESI L obiettivo principale della tesi (prima parte) è quello di individuare un idoneo criterio di stima del valore fondamentale delle banche commerciali. Il modello proposto

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

La forza lavoro del futuro: nuove strategie gestionali e previdenziali per le imprese

La forza lavoro del futuro: nuove strategie gestionali e previdenziali per le imprese La forza lavoro del futuro: nuove strategie gestionali e previdenziali per le imprese Marco Valerio Morelli, Mercer Valerio Salone, Mercer Ripensare l età e la sua gestione La prospettiva dell Age Management

Dettagli

Economia e Politica Monetaria. La politica monetaria nella pratica delle banche centrali

Economia e Politica Monetaria. La politica monetaria nella pratica delle banche centrali Economia e Politica Monetaria La politica monetaria nella pratica delle banche centrali Obiettivi finali e intermedi Obiettivi finali:!stabilità dei prezzi, crescita reale, stabilità finanziaria!caratteristiche:

Dettagli

SEGNALAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS AL PARLAMENTO E AL GOVERNO IN ORDINE AD ALCUNI EFFETTI DELL ART

SEGNALAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS AL PARLAMENTO E AL GOVERNO IN ORDINE AD ALCUNI EFFETTI DELL ART PAS 16/11 SEGNALAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS AL PARLAMENTO E AL GOVERNO IN ORDINE AD ALCUNI EFFETTI DELL ART. 7 DEL DECRETO-LEGGE 13 AGOSTO 2011, N. 138 NEI SETTORI DELL ENERGIA

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli