I potenziali impatti del nuovo IFRS 9 sul trading book. Roma, 4 dicembre 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I potenziali impatti del nuovo IFRS 9 sul trading book. Roma, 4 dicembre 2012"

Transcript

1 sul trading book Roma, 4 dicembre 2012

2 AGENDA I PROGETTI DI REVISIONE DELLO IAS 39 CLASSIFICAZIONE E MISURAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI NEL NUOVO IFRS9 LA REVISIONE DEL PERIMETRO DEL TRADING BOOK IN BASILEA III POSSIBILI COLLEGAMENTI TRA PORTAFOGLI CONTABILI E PORTAFOGLI DI VGILANZA

3 I progetti di revisione dello IAS 39 e timetable Le tre principali fasi del progetto di revisione dello IAS 39 riguardano: Fase 1: Classificazione, rilevazione e misurazione delle attività e passività finanziarie Exposure Draft (Nov e Ott. 2010) Limited Review (Nov. 2011) New ED (Nov 2012) Fase 2: Impairment Exposure Draft (Dic. 2009) TPA IASB Staff Paper (Giu 2011) Three Bucket Approach In Agosto 2012 Il FASB sembra abbandonare la convergenza Re-exposure Draft (Q4 2012) Fase 3: Hedge accounting Exposure Draft (Dic. 2010) Review Draft (Sett. 2012) In attesa versione finale (Q4 2012) Hedge accounting Recognition and measurement Impairment Prima applicazione del nuovo IFRS 9: 01/01/2015? (possibile slittamento al 2016 con opzione di applicazione anticipata)

4 Classificazione e misurazione delle attività e passività finanziarie La nuova classificazione delle attività finanziarie è basata su: 1) Business Model dell entità 2) profili di cash flow contrattuali dello strumento - test SPPI (Solely Payment of Principal and Interest) per gli strumenti di debito Strumenti di debito: Held To Collect: attività finanziarie detenute a scopo di investimento esclusivamente per incassare flussi di cassa in linea interessi e capitale ed SPPI test superato FVOCI (SI Recycling): (Held To Collect and for sale): attività finanziarie detenute sia per incassare flussi di cassa in linea interessi e capitale o per essere vendute ed SPPI test superato FVTPL: Tutto il resto (quindi, sia attività finanziarie detenute per ottenere profitti dalla negoziazione, sia attività senza SPPI test superato) Strumenti di capitale: FVOCI (NO Recycling): equity instruments detenuti a fini strategici per ottenere profitti dall incasso dei dividendi dell investimento FVTPL: equity instruments per i quali non si opta per la classificazione FVOCI Held To Collect Fair Value OCI Fair Value PL

5 Classificazione e misurazione delle attività e passività finanziarie Strumenti di debito Held To Collect I Cash Flow contrattuali rappresentano esclusivamente il pagamento del capitale e degli interessi sul capitale Capitale: trasferito alla rilevazione iniziale dell asset Interessi: determinati sul capitale trasferito e funzione del tempo e del rischio di credito associato alla controparte In presenza di opzionalità od altre caratteristiche che potrebbero far venire meno questa relazione, occorre: Verificare se le variazioni in termini di cash flow sono significative ( more than insignificant ) rispetto una posta analoga SPPI Il benchmark di riferimento deve avere le stesse caratteristiche in termini di tempo e credit quality Se test superato, l attività è valutata al costo ammortizzato Se non viene superato, l attività deve essere valutata a FVTPL Business Model HTC: non è necessario detenere l attività fino ascadenza.tuttavianonèancorachiarosesaràunportafoglio simile all attuale HTM o L&R Possibili cessioni ammesse in casi eccezionali (es downgrade della controparte) Assesment ex-post se vendite sono più che infrequenti (rivalutazione del modello ma tainting rule eliminate) SPPI Test More than insignificant (Benchmark) NO HTM (vendite eccezionali)

6 Classificazione e misurazione delle attività e passività finanziarie Strumenti di debito Held To Collect and for sale Profili di contabilizzazione (se SPPI test superato) Gli interessi al tasso di rendimento effettivo rilevano a P&L (sulla base del costo ammortizzato) Oggetto di impairment e IAS 21 Le plus/minusvalenze di valutazione al Fair Value impattano ad OCI a livello di Patrimonio netto Recycling a conto economico in caso di cessione dell attività Business Model Assesment (simile all attuale AFS ma non è un portafoglio residuale) Investimenti effettuati per ottenere un determinato profilo reddituale e di ottimizzazione nella gestione della liquidità Detenuti a scopo di adeguatezza di liquidità (requisiti di basilea 3 per liquidity risk devono essere considerati) Vendite ammesse a fini strategicy del portafoglio Non era presente nella versione originale del nuovo IFRS 9. Introdotto solo successivamente per esigenze di classificazione dei c.d. portafogli di liquidità. L introduzione di questo terzo portafoglio è oggetto di alcune critiche: Impatti sul patrimonio per l eliminazione dei filtri prudenziali Gestione attiva del portafoglio: qual è la linea di demarcazione col portafoglio FVTPL? Plus/Minus in OCI con recycling Ottimizzazione e requisiti di liquidità Impatti vigilanza (patrimonio e trading book)

7 Classificazione e misurazione delle attività e passività finanziarie Trattamento dei derivati Embedded in attività HTC o FVOCI E stata eliminata la possibilità di scorporare i derivati embedded in attività finanziarie (a differenza delle passività finanziarie) Le attività finanziarie che non superano l SPPI test (ossia, la modifica nei cash flow in linea di capitale o di interessi è more than insignificant ) devono essere classificate a FVTPL Da valutare l impatto su attività finanziarie di debito attualmente classificate LR od AFS contenenti opzionalità embedded: Se oggi non oggetto di scorporo, potenzialmente da riclassificare a trading Se oggi oggetto di scorporo, presumibilmente da classificare a trading insieme alla componente naked (con impatti anche su eventuali coperture contabili da chiudere) Potenziali impatti sul perimetro di vigilanza: Se strumenti nel trading book di vigilanza, riclassifica da banking a trading per la componente naked di strumenti finanziari ora LR o AFS Se strumenti nel banking book di vigilanza, riclassifica da trading a banking per la componente embedded (con potenziali mismatch su coperture dei derivati embedded) Bifurcation solo a fini segnaletici? NO Bifurcation FVTPL se SPPI test non superato Impatti vigilanza (perimetro trading book)

8 Classificazione e misurazione delle attività e passività finanziarie Equity instruments: due possibili classificazioni FVOCI: Esclusivamente i dividendi incassati rilevano a P&L Le plus/minusvalenze di valutazione al Fair Value impattano ad OCI a livello di Patrimonio netto Nessun Recycling a conto economico in caso di cessione dell attività FVOCI senza recycling Possono essere oggetto di copertura in una relazione di hedge accounting: Unico caso im cui l inefficacia della copertura viene rilevata in OCI e non impatta mai il conto economico SI hedge accounting Potenziali impatti sul perimetro del trading book: Riclassifica volontaria degli attuali investimenti azionari classificati AFS a FVTPL a causa del divieto di recycling in First Time Application Riclassifica FVTPL in FTA

9 Classificazione e misurazione delle attività e passività finanziarie Fair Value Option Classificazione volontaria nell ambito dell IFRS 9 di attività e passività al Fair Value con imputazione delle variazioni di fair Value a conto economico Classificazione effettuata alla rilevazione iniziale della posizione Decisione irrevocabile Le variazioni di fair value di proprie passività dovute a variazioni del merito creditizio vengono imputate ad OCI (novità) Fair Value Option E stata introdotta la Fair Value Option anche per le esposizioni al rischio di credito gestite attraverso l utilizzo di derivati di credito valutati a FVTPL Criteri per l eleggibilità: Il nome della Crediti Exposure è uguale alla reference entity del derivato creditizio La seniority dello strumento coperto è pari a quella degli strumenti consegnabili nel derivato creditizio

10 Il perimetro del Trading Book a fini di negoziazione L attuale criterio di classificazione è basato sul criterio cardine dell intento di negoziazione Tende a coincidere con il portafoglio contabile Held For Trading delle banche Nel nuovo IFRS 9 si passa da una definizione positiva ad una residuale (nello IAS 39 è l AFS ad essere residuale) L attuale classificazione è ritenuto uno dei possibili motivi della crisi ed è oggetto di revisione da parte del comitato Difficile da monitorare e verificare Ha portato un inadeguatezza patrimoniale per certi strumenti finanziari rispetto ai reali rischi sopportati (in particolare rispetto ai veri rischi di mercato per alcune attività classificate nel banking book ) Ha dato luogo ad arbitraggi tra portafogli dovuto alle regole contabili e segnaletiche (in particolare la crisi del debito sovrano ha portato a riclassificare molti titoli di stato da HFT ad AFS limitando impatti economici con aggravio quasi nullo sul capitale anche grazie ai filtri prudenziali) Obiettivo: assegnare strumenti/portafogli ad un regime prudenziale più adeguato in termini di capitale in modo Semplice (da capire e da applicare) e robusto per evitare arbitraggi Convergenza con portafoglio contabile HFT Inadeguatezza patrimoniale Arbitraggi tra portafogli

11 Il perimetro del Trading Book a fini di negoziazione Trading Evidence Based Rafforzamento dell attuale criterio basato sulla volontà di detenere lo strumento a fine di negoziazione nel breve periodo (od a copertura di questi strumenti) Deve essere provata la volontà di negoziazione e l effettiva capacità di gestione dei rischi nel trading book con: Impatto contabile a conto economico Valutazione sulla liquidità dello strumento e/o dei dati di mercato per la valutazione giornaliera (Livelli FV?) Documentazione formale della policy di trading (diversa da quella di hedge accounting per le coperture attuate) Periodo massimo di detenzione con eventuali penalizzazioni Stretti vincoli per lo spostamento di posizioni dal trading al banking Oggettodicriticainquantoincerti periodi di stress potrebbe risultare necessario, inoltre L IFRS 9 lo obbliga se cambia il business model Obblighi di monitoraggio delle funzioni di controllo interno della banca sul rispetto dei requisiti e sulla corretta classificazione di vigilanza degli strumenti In caso di mancato rispetto, riclassifica nel banking book Attuale criterio, ma più stringente Prova della negoziazione e gestione Vincoli alle riclassifiche di portafogli

12 Il perimetro del Trading Book a fini di negoziazione Valuation Based Focus sul criterio di valutazione patrimoniale dello strumento Se la posizione è valutata al fair value, indipendentemente dal fatto che gli effetti transitano dal conto economico, poiché si riflette sul patrimonio e quindi sulla solvibilità, dovrebbe essere trattata nel trading book Poiché porterebbe ad un ampliamento del perimetro con effetti anche distortivi per alcuni beni patrimoniali Limitato agli strumenti finanziari Limitato alle posizioni la cui valutazione impatta sul patrimonio di vigilanza (verifica su eventuali filtri) Da verificare l impatto su alcune coperture cross banking/trading (es. coperture tasso e riserva di CFH) Possibili critiche a tale approccio: Classificazione in funzione di criteri di classificazione, interpretazioni di revisori e filtri prudenziali. Per gli IAS/IFRS anche i crediti sono strumenti finanziari Perimetri diversi tra diverse legislazioni e Paesi a causa dell applicazione di principi contabili differenti A fronte di una limitazione negli arbitraggi, forte disallineamento col vero trading book della banca e relative modalità di gestione dei rischi Criterio patrimoniale Strumenti finanziari che impattano il PV Potenziali disomogeneità

13 Possibili collegamenti tra portafogli contabili e portafogli di vigilanza COM E (IAS 39) I derivati di copertura in Hedge Accounting sono esclusi dal trading book se la copertura risulta efficace Eccezione: alcuni crediti classificati a trading per l applicazione della Fair Value Option volontaria e/o detenuti FHT per vendite nel breve periodo, rientrano comunque nelle regole del banking book

14 Possibili collegamenti tra portafogli contabili e portafogli di vigilanza COME POTREBBE ESSERE (IFRS 9) TRADING EVIDENCE BASED

15 Possibili collegamenti tra portafogli contabili e portafogli di vigilanza Principali issue TRADING EVIDENCE BASED (segue) Titoli di debito FVTOCI In base al modello di business contabile, vengono classificati strumenti detenuti sia per investimento, sia per negoziazione (portafoglio di liquidità) Si tratta comunque di portafogli a gestione attiva con tassi di turnover degli investimenti (anche se non è ancora chiara la linea di demarcazione col FVTPL) Le variazioni di Fair value non impattano a conto economico e quindi dovrebbero andare nel banking book (nonostante recycling in caso di vendita) Strumenti FVTPL Area potenzialmente di maggior impatto in termini di asimmetria tra trattamento contabile e segnaletico dovuta dal differente criterio di classificazione (residuale per IFRS 9, positiva per Basilea) Crediti: rimane vincolo indissolubile Loan Banking Book? Mismatch con crediti valutati FVTPL, anche per divieto di bifurcation e mancato superamento SPPI test Impatto sulle eventuali coperture della componente embedded (non eleggibili a fini di hedge accounting), a meno che non si preveda una bifurcation solo a fini di vigilanza Titoli di debito: da verificare la classificazione delle posizioni che rientrano nel FVTPL per il mancato superamento del SPPI test (titoli di debito oggi nel portafoglio AFS) Titoli di capitale: potenziale incremento per equity attualmente classificati AFS e riclassificati a FVTPL in FTA per il divieto di recycling a conto economico Strumenti di negoziazione ma che non rispettano i vincoli di Basilea dovrebbero rientrare nel banking (come trattare gli strumenti di livello 3? Come dovrebbero essere trattate le riclassifiche contabili al di fuori del FVTPL?)

16 Possibili collegamenti tra portafogli contabili e portafogli di vigilanza COME POTREBBE ESSERE (IFRS 9) VALUATION BASED

17 Possibili collegamenti tra portafogli contabili e portafogli di vigilanza Principali issue Titoli di debito e titoli di capitale FVTOCI Verosimilmente dovrebbero rientrare le posizioni di debito e di capitale oggi classificate nei portafoglio Available For Sale La variazioni di fair value impattano il patrimonio della banca Con l eliminazione dei filtri prudenziali, impatterebbero anche il patrimonio di vigilanza. Rientrerebbero nel trading book con considerevole ampliamento del perimetro rispetto la situazione attuale Crediti FVTPL VALUATION BASED (segue) Da valutare la classificazione a fini di vigilanza (per il principio contabile rientrerebbero comunque tra gli strumenti finanziari) Se banking, varrebbero le stesse considerazioni precedenti Se trading ulteriore ampliamento del perimetro del portafoglio di trading dovuto al criterio di classificazione contabile Da valutare l impatto delle coperture contabili cross tra trading e banking Derivati di coperture di cash flow hedge con impatti sulla riserva di patrimonio netto (es. coperture tasso del banking book)

IFRS 9 - processo di sostituzione dello IAS 39

IFRS 9 - processo di sostituzione dello IAS 39 Focus sulle principali recenti evoluzioni nel corpo dei principi contabili nazionali ed internazionali IFRS IFRS 9 - processo di sostituzione dello IAS 39 Francesco Chiulli 2 dicembre 2009 Indice Progetto

Dettagli

L introduzione dei principi contabili internazionali nel sistema bancario italiano

L introduzione dei principi contabili internazionali nel sistema bancario italiano APB Milano, 20 novembre 2003 L introduzione dei principi contabili internazionali nel sistema bancario italiano Carlo Calandrini Banca d Italia 1 Indice l l l l l Il quadro normativo Le principali novità

Dettagli

Gli strumenti finanziari

Gli strumenti finanziari Gli strumenti finanziari 1 Agenda Strumenti finanziari Iscrizione iniziale e valutazione successiva Impairment Derecognition Hedge Accounting Derivati impliciti L IFRS 9 Strumenti finanziari - 2 Definizione

Dettagli

Definizione strumenti finanziari

Definizione strumenti finanziari I criteri di valutazione secondo gli IAS 39 Definizione strumenti finanziari Lo IAS 39 definisce lo strumento finanziario come un qualsiasi contratto che dà origine ad una attività finanziaria per un impresa

Dettagli

La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli

La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CRISI FINANZIARIA: valutazione e controllo dei titoli in portafoglio La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli Raffaella

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende

Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende STRUMENTI FINANZIARI VALUTAZIONE, CONTABILIZZAZIONE e DISCLOSURE: IAS 32, IAS 39, IFRS 7 IAS 32 Strumenti

Dettagli

Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti

Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti Siena, giugno 2012 dr GILIBERTO Camillo Le opinioni espresse non impegnano le responsabilità delle società di appartenenza Riproduzione

Dettagli

Financial instruments IAS 39: i lineamenti di un cambiamento inattuato

Financial instruments IAS 39: i lineamenti di un cambiamento inattuato Financial instruments IAS 39: i lineamenti di un cambiamento inattuato Convegno del 6 novembre 009 Prof. Angelo Provasoli Milano 1 I profili critici dello IAS 39 1 Complessità Lo IAS 39 è tra i principi

Dettagli

pwc.com/it Strumenti finanziari IAS 32 e IAS 39

pwc.com/it Strumenti finanziari IAS 32 e IAS 39 pwc.com/it Strumenti finanziari IAS 32 e IAS 39 Financial Instrument Gli IFRS sono principi di rappresentazione della realtà economica di un certa azienda o reporting entity Nell ambito della realtà economica

Dettagli

LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE. Guido Modugno

LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE. Guido Modugno LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE Guido Modugno Programma dell intervento 1. Il quadro generale : le fonti 2. Il trattamento contabile secondo i principi internazionali: a. Un

Dettagli

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting Università degli Studi di Palermo Corso di Economia degli Intermediari finanziari Prof. Francesco Faraci IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting Raffaele Mazzeo 9 dicembre 2003 IAS 39:

Dettagli

Gli strumenti finanziari

Gli strumenti finanziari Gli strumenti finanziari 1 Agenda Strumenti finanziari Iscrizione iniziale e valutazione successiva Impairment Derecognition Hedge Accounting Derivati impliciti Evoluzioni dello IAS 39 L IFRS 9- Strumenti

Dettagli

Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari

Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari Università degli Studi di Trieste Ragioneria Generale ed Applicata (corso magistrale) Modulo di Ragioneria Internazionale Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari di 1 Principi IFRS rilevanti

Dettagli

Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit

Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit Roberto Monachino Managing Director UBM- Area Amministrazione e Bilancio Milano, 8 aprile 2005 Il presente documento integra un illustrazione orale

Dettagli

Soluzioni e Documenti IAS ABI

Soluzioni e Documenti IAS ABI BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Soluzioni e Documenti IAS ABI Dott. RENZO PARISOTTO Università degli Studi di Bergamo Anno accademico 2013/2014 Bergamo, 14 maggio 2014 Soluzioni IAS

Dettagli

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI - IAS 32 e IAS 39 RENZO PARISOTTO Università degli Studi di Bergamo, Anno accademico 2014/2015 10 e 11 febbraio 2015-2 parte Indice I principi IAS 32

Dettagli

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI : STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La contabilizzazione dei derivati di negoziazione (speculativi) e di copertura. Esempi e scritture contabili relative all «interest rate swap» (Irs). di Alessio Iannucci

Dettagli

Strumenti finanziari

Strumenti finanziari Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2011-2012 Principi contabili internazionali 1 Strumenti finanziari IAS 32 Financial Instruments presentation IAS 39Financial instruments and recognition

Dettagli

Transizione IAS Prima classificazione del portafoglio titoli

Transizione IAS Prima classificazione del portafoglio titoli 1 1 Transizione IAS Prima classificazione del portafoglio titoli IAS-IFRS e Imprese bancarie Convegno di studi Bocconi NEWFIN FITD 8 aprile 2005 Dott. Andrea Fornasier (BILANCIO SANPAOLO IMI SPA) 2 2 Categorie

Dettagli

23/11/2010. Interpretazione della sostanza economica dell operazione. Interpretazione della forma giuridica dell operazione

23/11/2010. Interpretazione della sostanza economica dell operazione. Interpretazione della forma giuridica dell operazione Il leasing è un contratto attraverso il quale il locatore trasferisce al locatario, in cambio di un pagamento o di una seria di pagamenti, il diritto all utilizzo di un bene per un periodo di tempo stabilito

Dettagli

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2004-2005 prof.ssa Sabrina

Dettagli

IAS 32-39 ed IFRS 7. Financial Instruments: Recognition, Measurement, Presentation e Disclosure. Verona, aprile 2009

IAS 32-39 ed IFRS 7. Financial Instruments: Recognition, Measurement, Presentation e Disclosure. Verona, aprile 2009 IAS 32-39 ed IFRS 7 Financial Instruments: Recognition, Measurement, Presentation e Disclosure Verona, aprile 2009 IAS 32 e IAS 39 - Definizioni IAS 39 - Recognition IAS 39 Measurement IAS 39 Impairment

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI - IAS 32 e IAS 39 RENZO PARISOTTO Università degli Studi di Bergamo, Anno accademico 2014/2015 10 e 11 febbraio 2015-1 parte Indice I principi IAS 32

Dettagli

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI - IAS 32 e IAS 39 RENZO PARISOTTO Università degli Studi di Bergamo, anno accademico 2009/2010 Indice Premesse Principi contabili IAS 32 e 39 Principi

Dettagli

Materiali EIF. Le banche. Università degli Studi Roma Tre

Materiali EIF. Le banche. Università degli Studi Roma Tre Le banche La banca - definizioni Definizione minima: raccolta risparmio dal pubblico + concessione credito (art. 10 D.lgs. 385/1993) Molteplicità delle attività possibili (ammesse al mutuo riconoscimento):

Dettagli

IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari. Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi

IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari. Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi L introduzione degli International Financial Reporting Standards

Dettagli

trattamento asimmetrico determina notevoli effetti prociclici in quanto contribuisce alla crescita o

trattamento asimmetrico determina notevoli effetti prociclici in quanto contribuisce alla crescita o di Angelo Maria Quaglini Premessa - internazionali ha acceso il dibattito sulla necessità di avviare un profondo iter di riforma dei principi contabili internazionali dello IASB, in base ai quali vengono

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 Indice: 1. Gli strumenti finanziari cui si applica lo IAS 39 2. Rilevazione contabile 3. Misurazione iniziale 4. Valutazione successiva di

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

Il patrimonio netto contabile e i Fondi propri (patrimonio di vigilanza)

Il patrimonio netto contabile e i Fondi propri (patrimonio di vigilanza) Il patrimonio netto contabile e i Fondi propri (patrimonio di vigilanza) 1 Agenda Il patrimonio netto contabile Elementi che compongono il patrimonio netto contabile Principali novità introdotte dagli

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali

Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali PERCORSO Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali Brescia, dal 12 al 27 maggio 2009 Programma I Modulo Dal bilancio italiano al bilancio IFRS

Dettagli

Il bilancio Valutazioni ed analisi. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011

Il bilancio Valutazioni ed analisi. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Il bilancio Valutazioni ed analisi Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Focus sui principi contabili IAS 39 (valutazione di strumenti finanziari: crediti,

Dettagli

Fondo Interbancario di tutela dei depositi Milano, 27 novembre 2003. Il contesto normativo e istituzionale degli IFRS

Fondo Interbancario di tutela dei depositi Milano, 27 novembre 2003. Il contesto normativo e istituzionale degli IFRS Fondo Interbancario di tutela dei depositi Milano, 27 novembre 2003 Il contesto normativo e istituzionale degli IFRS Giovanni Carosio Banca d Italia 1 Indice 1. Il quadro normativo 2. Le principali novità

Dettagli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Marialaura Napoli Agenda Lo scenario di riferimento; il quadro normativo (IAS 39, Schemi bilancio ex Circ. Banca d Italia n. 262) Definizione di

Dettagli

L ADEGUAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE PUMA2 ALLA NUOVA NORMATIVA SEGNALETICA

L ADEGUAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE PUMA2 ALLA NUOVA NORMATIVA SEGNALETICA BANCA D ITALIA SERVIZIO INFORMAZIONI SISTEMA CREDITIZIO L ADEGUAMENTO DELLA DOCUMENTAZIONE PUMA2 ALLA NUOVA NORMATIVA SEGNALETICA Roberto Sabatini MILANO, 14 APRILE 2008 1 AMBITO E PRINCIPI DI RIFERIMENTO

Dettagli

Indice Presentazione Il bilancio bancario. Evoluzione e rivoluzione nell informativa La normativa di riferimento e gli schemi del bilancio bancario

Indice Presentazione Il bilancio bancario. Evoluzione e rivoluzione nell informativa La normativa di riferimento e gli schemi del bilancio bancario Indice Presentazione di Michele Rutigliano 1 Il bilancio bancario. Evoluzione e rivoluzione nell informativa 1 di Giuseppe Ceriani e Beatrice Frazza 1.1 Gli interventi del legislatore in tema di contenuto

Dettagli

Benefit plans (IAS 19); Pagamenti basati su azioni (IFRS 2); Contratti assicurativi (IFRS 4). Contratti di Leasing (IAS 17);

Benefit plans (IAS 19); Pagamenti basati su azioni (IFRS 2); Contratti assicurativi (IFRS 4). Contratti di Leasing (IAS 17); Introduzione 1 IL CONTROLLO CONTABILE NELLE SOCIETA LE RINCIALI OSTE DEL BILANCIO D ESERCIZIO E LA REVISIONE LEGALE: RINCII CONTABILI, NAZIONALI ED INTERNAZIONALI E TECNICHE DI REVISIONE STRUMENTI FINANZIARI

Dettagli

IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 39/32 & IFRS 7 - OIC 3/15/19/20/21: Strumenti finanziari

IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 39/32 & IFRS 7 - OIC 3/15/19/20/21: Strumenti finanziari IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 39/32 & IFRS 7 - OIC 3/15/19/20/21: Strumenti finanziari Prof. Riccardo Acernese Roma, marzo/maggio 2015 AGENDA Partecipazioni, titoli ed azioni

Dettagli

Convegno ABI Basilea 3 2013 Sessione parallela Rischio di Mercato e IRC. Rischio di mercato: la revisione del framework prudenziale

Convegno ABI Basilea 3 2013 Sessione parallela Rischio di Mercato e IRC. Rischio di mercato: la revisione del framework prudenziale Convegno ABI Basilea 3 2013 Sessione parallela Rischio di Mercato e IRC Rischio di mercato: la revisione del framework prudenziale Christian Mahlknecht Servizio Normativa e politiche di vigilanza Roma,

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

BANCA POPOLARE DI FONDI

BANCA POPOLARE DI FONDI BANCA POPOLARE DI FONDI BILANCIO DELL'IMPRESA AL 31 DICEMBRE 2014 (Schemi, nota integrativa ed allegati) 124 Esercizio 55 STATO PATRIMONIALE AL 31 DICEMBRE 2014 VOCI DELL ATTIVO 31/12/2014 31/12/2013 10.

Dettagli

Gli strumenti derivati di copertura

Gli strumenti derivati di copertura Gli strumenti derivati di copertura 1 Gli strumenti finanziari derivati La normativa È contenuta nell articolo 2426 c.2 del codice civile come modificato dal D.Lgs. 139/2015 2 Classi di strumenti finanziari

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Il Bilancio delle Banche L impatto degli IAS nelle valutazioni di fine esercizio 2 Le tipicità delle banche Le valutazioni

Dettagli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari 1 Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Marialaura Napoli Agenda Lo scenario di riferimento; il quadro normativo (IAS 39, Schemi bilancio ex Circ. Banca d Italia n. 262) Definizione

Dettagli

Politica di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari

Politica di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari Politica di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari BCC DI ARBOREA delibera CDA del 28/01/2011 modificata con delibera CDA del 15/02/2012 Indice Premessa...... 3 1. Politica di valutazione e

Dettagli

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7 59 Hotel di Roma (via Pio IV) in considerazione della sua particolare natura e destinazione. Nel caso in cui si sia stimato che il valore recuperabile dell immobile sia superiore al valore contabile, l

Dettagli

La struttura del bilancio negli IAS IFRS: cenni. Principi contabili e informativa finanziaria a.a. 2010-2011

La struttura del bilancio negli IAS IFRS: cenni. Principi contabili e informativa finanziaria a.a. 2010-2011 La struttura del bilancio negli IAS IFRS: cenni Principi contabili e informativa finanziaria a.a. 2010-2011 1 IAS 1 (versione rivista il 6 settembre 2007 omologato con Reg. 1274/08) Si applica per la presentazione

Dettagli

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP)

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) Roma, marzo 2015 BANCA D ITALIA Servizio Rilevazioni Statistiche 2 INDICE PREMESSA... 5 1. LE NUOVE

Dettagli

GUIDE OPERATIVE. Guida operativa sulla disciplina della distribuzione di utili e riserve ai sensi del D.Lgs. 28 febbraio 2005, n 38.

GUIDE OPERATIVE. Guida operativa sulla disciplina della distribuzione di utili e riserve ai sensi del D.Lgs. 28 febbraio 2005, n 38. OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ GUIDE OPERATIVE Guida operativa sulla disciplina della distribuzione di utili e riserve ai sensi del D.Lgs. 28 febbraio 2005, n 38 Guida 4 APPROVATA DAL CONSIGLIO

Dettagli

Gli strumenti finanziari [1]

Gli strumenti finanziari [1] www.contabilitainternazionale.eu Corso di: Contabilità Internazionale Corso di Laurea Magistrale in: Amministrazione e Controllo Gli strumenti finanziari [1] Oggetto della lezione framework Fair value

Dettagli

Gli strumenti finanziari [2]

Gli strumenti finanziari [2] www.contabilitainternazionale.eu Corso di: Contabilità Internazionale Corso di Laurea Magistrale in: Amministrazione e Controllo Gli strumenti finanziari [2] Oggetto della lezione framework Fair value

Dettagli

IX Convention ABI Implementazione dei sistemi informativi e organizzativi in ottica IAS/IFRS: criticità, soluzioni e scelta delle IFRS options

IX Convention ABI Implementazione dei sistemi informativi e organizzativi in ottica IAS/IFRS: criticità, soluzioni e scelta delle IFRS options FINANCIAL SERVICES IX Convention ABI Implementazione dei sistemi informativi e organizzativi in ottica IAS/IFRS: criticità, soluzioni e scelta delle IFRS options Roma, 30 Novembre 2005 Antonio Mansi Raffaele

Dettagli

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Agenda Normativa di riferimento Disposizioni generali Schemi di bilancio individuale Stato patrimoniale Attivo Stato patrimoniale

Dettagli

Dal Controllo di Gestione al Value Based Management attraverso IAS

Dal Controllo di Gestione al Value Based Management attraverso IAS Dal Controllo di Gestione al Value Based Management attraverso IAS Verso il Value Based Management Controllo di Gestione IAS Compliant La nostra soluzione Banking Solutions 2 Il contesto Elevato Livello

Dettagli

La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili

La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili Dott. Alex Casasola 1 La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo Attendibilità della valutazione Di conseguenza.

Dettagli

Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura. Parte G Operazioni di aggregazione riguardanti imprese o rami d azienda

Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura. Parte G Operazioni di aggregazione riguardanti imprese o rami d azienda NOTA INTEGRATIVA Parte A Politiche contabili Parte B Informazioni sullo Stato patrimoniale Parte C Informazioni sul Conto economico Parte D Redditività complessiva Parte E Informazioni sui rischi e sulle

Dettagli

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Analisi di alcune operazioni effettuate da banche IAS Adopter Dott. RENZO PARISOTTO Università degli Studi di Bergamo Anno accademico 2014/2015 Bergamo,

Dettagli

Bilancio consolidato

Bilancio consolidato 2013 Innovazione MERCATO Crescita Investimenti LAVORO 4 FILIERE Bilancio consolidato www.a2a.eu Indice 0.1 Prospetti contabili consolidati 4 Situazione patrimoniale-finanziaria 6 Conto economico 7 Conto

Dettagli

Corso di Economia Aziendale II e Analisi Economico Finanziaria delle Aziende

Corso di Economia Aziendale II e Analisi Economico Finanziaria delle Aziende Corso di Economia Aziendale II e Analisi Economico Finanziaria delle Aziende Dott. Amedeo Pugliese 12-13 Aprile 2010 Attività Finanziarie Amedeo Pugliese EA II + AEF Le Attività Finanziarie possono trovare

Dettagli

Piacenza, 20 marzo 2003. Prof. Marco Allegrini allegrin@ec.unipi.it

Piacenza, 20 marzo 2003. Prof. Marco Allegrini allegrin@ec.unipi.it Piacenza, 20 marzo 2003 Prof. Marco Allegrini allegrin@ec.unipi.it I domini dell armonizzazione Armonizzazione de jure Armonizzazione de facto Norme e principi contabili Armonizzazione Bilanci effettivamente

Dettagli

2 Attività materiali - Ias 16 e 17

2 Attività materiali - Ias 16 e 17 76 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2011 Note informative integrative ammortizzati, ma sono valutati almeno una volta all anno, o comunque tutte le volte che si riscontrino indicatori di potenziale perdita

Dettagli

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari Roma, marzo/maggio 2015 Finalità e ambito di applicazione Un investimento immobiliare è una proprietà immobiliare posseduta per: Percepire canoni d affitto Ottenere

Dettagli

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii Presentazione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro europeo: concorrenza e

Dettagli

ALVEC ASSOCIAZIONE LAUREATI IN ECONOMIA DELL UNIVERSITA DI VERONA. IRES Modifiche specifiche per i soggetti IAS

ALVEC ASSOCIAZIONE LAUREATI IN ECONOMIA DELL UNIVERSITA DI VERONA. IRES Modifiche specifiche per i soggetti IAS ALVEC ASSOCIAZIONE LAUREATI IN ECONOMIA DELL UNIVERSITA DI VERONA LA LEGGE FINANZIARIA 2008 IRES Modifiche specifiche per i soggetti IAS Renzo Parisotto 26 Gennaio 2008 IRES Modifiche specifiche per i

Dettagli

Le problematiche relative alla valutazione degli attivi illiquidi detenute dagli Intermediari Finanziari.

Le problematiche relative alla valutazione degli attivi illiquidi detenute dagli Intermediari Finanziari. La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari Le problematiche relative alla valutazione degli attivi illiquidi detenute dagli Intermediari Finanziari. Alessandra Tami 12

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli e le partecipazioni

Dettagli

IAS 39-IFRS 9: Cambiamenti nella rilevazione e valutazione delle attività e delle passività finanziarie.

IAS 39-IFRS 9: Cambiamenti nella rilevazione e valutazione delle attività e delle passività finanziarie. Corso di Laurea magistrale in Amministrazione, finanza e controllo. Tesi di Laurea IAS 39-IFRS 9: Cambiamenti nella rilevazione e valutazione delle attività e delle passività finanziarie. Relatore Prof.

Dettagli

Riserva da sopraprezzo delle azioni Ammonta al 31 dicembre 2011 a 54.909 migliaia di euro e non presenta variazioni rispetto all esercizio precedente.

Riserva da sopraprezzo delle azioni Ammonta al 31 dicembre 2011 a 54.909 migliaia di euro e non presenta variazioni rispetto all esercizio precedente. 23 Patrimonio netto 31.12.2010 31.12.2011 Capitale sociale 441.411 441.411 Riserva da sopraprezzo azioni 54.909 54.909 Riserva legale 88.282 88.282 Riserva di rivalutazione 2.286 2.286 Riserva per azioni

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

Indice. Presentazione, di Paolo Mottura e Sergio Paci

Indice. Presentazione, di Paolo Mottura e Sergio Paci Indice Presentazione, di Paolo Mottura e Sergio Paci Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione, di Paolo Mottura e Sergio Paci I modelli dell intermediazione bancaria. Premessa.2 Il modello

Dettagli

Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013

Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013 Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013 Tavolo di coordinamento fra Banca d Italia, Consob ed IVASS in materia di applicazione degli IAS/IFRS Trattamento contabile di operazioni di

Dettagli

www.pwc.com Temi speciali di bilancio: Strumenti Finanziari Università degli Studi di Parma Facoltà di Economia 29 ottobre 2012

www.pwc.com Temi speciali di bilancio: Strumenti Finanziari Università degli Studi di Parma Facoltà di Economia 29 ottobre 2012 www.pwc.com Temi speciali di bilancio: Strumenti Finanziari Università degli Studi di Parma Facoltà di Economia 29 Agenda 1) Introduzione agli strumenti finanziari 2) Principali strumenti derivati 3) Normativa

Dettagli

A.2 - PARTE RELATIVA ALLE PRINCIPALI VOCI DI BILANCIO

A.2 - PARTE RELATIVA ALLE PRINCIPALI VOCI DI BILANCIO BANCA POPOLARE ETICA ASSEMBLEA dei SOCI Utilizzo di stime e assunzioni nella predisposizione del bilancio consolidato La redazione del bilancio consolidato richiede anche il ricorso a stime e ad assunzioni

Dettagli

Coperture di rischio di cambio: un esempio pratico

Coperture di rischio di cambio: un esempio pratico Coperture di rischio di cambio: un esempio pratico di Claudia Mezzabotta (*) Le regole stabilite dallo IAS 39, Financial Instruments: Recognition and Measurement, in tema di hedge accounting concernono

Dettagli

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Analisi di alcune operazioni effettuate da banche IAS Adopter Dott. RENZO PARISOTTO Università degli Studi di Bergamo Anno accademico 2013/2014 Bergamo,

Dettagli

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Giordano Villa Managing Director Chief Credit Officer Italy 31 st May 2011 La quantità di impieghi che le banche possono erogare dipende

Dettagli

TA INTEGRATIN PARTE GENERALE A.1. PARTE GENERALE SEZIONE 1 Dichiarazione di conformità ai principi contabili internazionali Il bilancio della Banca Carige, sottoposto all approvazione del Consiglio di

Dettagli

3. Principi contabili

3. Principi contabili gli utili emergenti da vendite effettuate da società controllate a joint-venture o società collegate sono eliminati limitatamente alla quota di possesso nella società acquirente; gli utili emergenti da

Dettagli

La disciplina degli strumenti finanziari derivati speculativi e di copertura nella nuova disciplina del codice civile: il loro trattamento contabile

La disciplina degli strumenti finanziari derivati speculativi e di copertura nella nuova disciplina del codice civile: il loro trattamento contabile La disciplina degli strumenti finanziari derivati speculativi e di copertura nella nuova disciplina del codice civile: il loro trattamento contabile Alberto Tron Professore Incaricato di Revisione Aziendale,

Dettagli

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS : normativa di riferimento e contenuti innovativi

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS : normativa di riferimento e contenuti innovativi Università degli Studi di Palermo Corso di Economia degli Intermediari finanziari Prof. Francesco Faraci IAS : normativa di riferimento e contenuti innovativi Raffaele Mazzeo 24 novembre 2003 Alcuni luoghi

Dettagli

L introduzione dei nuovi Principi Contabili Internazionali e le politiche di bilancio delle aziende di credito

L introduzione dei nuovi Principi Contabili Internazionali e le politiche di bilancio delle aziende di credito L introduzione dei nuovi Principi Contabili Internazionali e le politiche di bilancio delle aziende di credito Prof. Francesco Faraci Associato di Economia degli Intermediari Finanziari Facoltà di Economia

Dettagli

IL BILANCIO ASSICURATIVO NELL OTTICA DI SOLVENCY 2 E DEI PRINCIPI IAS/IFRS

IL BILANCIO ASSICURATIVO NELL OTTICA DI SOLVENCY 2 E DEI PRINCIPI IAS/IFRS IL BILANCIO ASSICURATIVO NELL OTTICA DI SOLVENCY 2 E DEI PRINCIPI IAS/IFRS Ilaria Colivicchi Dipartimento di Matematica per le Decisioni Università degli Studi di Firenze Roma, 21 settembre 2011 PROCESSO

Dettagli

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni KPMG 0 0 Indice IAS e Basilea 2: i punti di convergenza IAS 39 Il trattamento dei crediti Il nuovo accordo di Basilea sul Capitale

Dettagli

NOTA TECNICA SULLE MODALITÀ DI CONDUZIONE DELL ESERCIZIO DI VALUTAZIONE APPROFONDITA (COMPREHENSIVE ASSESSMENT)

NOTA TECNICA SULLE MODALITÀ DI CONDUZIONE DELL ESERCIZIO DI VALUTAZIONE APPROFONDITA (COMPREHENSIVE ASSESSMENT) NOTA TECNICA SULLE MODALITÀ DI CONDUZIONE DELL ESERCIZIO DI VALUTAZIONE APPROFONDITA (COMPREHENSIVE ASSESSMENT) Roma, 26 ottobre 2014 L esercizio di valutazione approfondita (Comprehensive Assessment,

Dettagli

Camera dei Deputati - Senato della Repubblica Commissione Parlamentare di vigilanza sull anagrafe tributaria Organismo Italiano di Contabilità

Camera dei Deputati - Senato della Repubblica Commissione Parlamentare di vigilanza sull anagrafe tributaria Organismo Italiano di Contabilità Camera dei Deputati - Senato della Repubblica Commissione Parlamentare di vigilanza sull anagrafe tributaria Organismo Italiano di Contabilità CONVEGNO DI STUDI Crisi dei mercati finanziari e implicazioni,

Dettagli

Cariche sociali al 31 dicembre 2009 5. Dati di sintesi di bilancio ed indicatori alternativi di performance di Banco di Napoli 7

Cariche sociali al 31 dicembre 2009 5. Dati di sintesi di bilancio ed indicatori alternativi di performance di Banco di Napoli 7 Bilancio 2009 Sommario Cariche sociali al 31 dicembre 2009 5 Dati di sintesi di bilancio ed indicatori alternativi di performance di Banco di Napoli 7 Relazione sull andamento della gestione 9 Cenni

Dettagli

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Informativa qualitativa La definizione a fini contabili delle esposizioni in default (sofferenza, incaglio, credito ristrutturato

Dettagli

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS CAMFIN s.p.a. COMUNICATO STAMPA RIUNITO IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI CAMFIN SPA ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS APPROVATA LA RELAZIONE

Dettagli

Milano 8 aprile 2005 Università Bocconi Aula Magna

Milano 8 aprile 2005 Università Bocconi Aula Magna Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi & Centro Newfin Università Bocconi IAS-IFRS E IMPRESE BANCARIE: Impatti gestionali, organizzativi e contabili Milano 8 aprile 2005 Università Bocconi Aula Magna

Dettagli

Gruppo Fiat Bilancio consolidato

Gruppo Fiat Bilancio consolidato Gruppo Fiat Bilancio 130 Conto economico 131 Conto economico complessivo 132 Situazione patrimoniale-finanziaria consolidata 134 Rendiconto finanziario 135 Variazioni del Patrimonio netto 136 Conto economico

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

L applicazione dei principi IAS nell ordinamento italiano

L applicazione dei principi IAS nell ordinamento italiano Approfondimenti Bilancio L applicazione dei principi IAS nell ordinamento italiano di Paolo Moretti Alla luce delle disposizioni nazionali e comunitarie l applicazione dei principi contabili internazionali

Dettagli

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Il bilancio delle banche e l analisi delle performance Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive

Dettagli