L introduzione dei principi contabili internazionali nel sistema bancario italiano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L introduzione dei principi contabili internazionali nel sistema bancario italiano"

Transcript

1 APB Milano, 20 novembre 2003 L introduzione dei principi contabili internazionali nel sistema bancario italiano Carlo Calandrini Banca d Italia 1

2 Indice l l l l l Il quadro normativo Le principali novità degli IAS Lo IAS n. 39 sugli strumenti finanziari Le principali differenze rispetto a oggi L impatto degli IAS 2

3 Il quadro normativo l Il Regolamento UE n. 1606/2002 l Il Regolamento UE n. 1725/2003 l La legge n. 306/2003 l La direttiva UE n. 65/2001 (fair value) l La direttiva UE n. 51/2003 (modernizzazione) l Le Istruzioni della Banca d Italia 3

4 Il Regolamento UE n. 1606/2002 Obbligo per le società quotate di redigere i bilanci consolidati secondo gli IAS a partire dal bilancio 2005 Facoltà degli Stati membri di estendere l applicazione degli IAS Procedura di omologazione in Europa (endorsement) - l EFRAG 4

5 Il Regolamento UE n. 1725/2003 E la prima omologazione degli IAS Con questo provvedimento la Commissione UE ha omologato tutti gli IAS esistenti, ad eccezione degli IAS n. 32 e 39 La traduzione in italiano di questi standards è pubblicata nella Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee

6 Società quotate La legge n. 306 del : l ambito di applicazione Banche e fin. Vigilate Bilancio individuale obbligo (* ) obbligo Bilancio consolidato obbligo obbligo Società non quotate Assicurazioni Imprese piccole (bilancio abbreviato) divieto divieto. obbligo divieto Altre società facoltà. facoltà * ad eccezione delle imprese d assicurazione, se redigono il bilancio consolidato

7 Le Istruzioni della Banca d Italia. Il comma 3 della legge n. 306/2003 conferma i poteri normativi della Banca d Italia in materia di forme tecniche dei bilanci bancari e finanziari. Questi poteri sono esercitati nel rispetto degli IAS omologati Finalità: salvaguardare il patrimonio di trasparenza e comparabilità oggi esistente, disciplinare la rilevazione di fenomeni non considerati dagli IAS (es. patrimoni destinati). 7

8 Le principali novità degli IAS Il bilancio: documento puramente informativo, attenzione agli investitori Regole di presentazione: maggiore libertà per le imprese; aborrita ogni normalizzazione Regole di valutazione: maggiore aderenza ai criteri di risk management; ricorso più diffuso al criterio del fair value; minore importanza riconosciuta al principio di prudenza; Regole di disclosure: maggiori informazioni da fornire nella nota integrativa 8

9 Lo IAS n. 39. Una breve descrizione ambito di applicazione (scope) rilevazione (recognition) eliminazione (derecognition) classificazione (classification) valutazione (measurement) operazioni di copertura (hedging) 9

10 Lo IAS n. 39. Ambito di applicazione Scope: tutti gli strumenti finanziari, con alcune eccezioni Alcune eccezioni significative: partecipazioni consolidate, impegni a erogare fondi, garanzie, alcuni derivati creditizi Alcune inclusioni significative: contratti derivati su merci regolati per differenziale, contratti assicurativi che trasferiscono principalmente rischi finanziari, se rvic ing asse ts/liabilitie s 10

11 Lo IAS n. 39. Recognition quando: data di contrattazione quanto: fair value del corrispettivo dato (attività) o ricevuto (passività) scomposizione: obbligo di separare il contratto ospite da quello incorporato; obbligo di separare la componente equity da quella liability 11

12 Lo IAS n. 39. Derecognition La regola attuale: perdita del controllo dei diritti contrattuali; negoziabilità e prezzo a termine La regola proposta dall ED: perdita di qualsiasi forma di continuing involvement il principio del continuing involvement esempio: cessione con facoltà di riacquisto 12

13 Lo IAS n. 39. Classification Principio generale: Management intent, con alcune restrizioni Categorie: Trading assets/liabilities held to maturiy investments available for sale assets loans other financial assets measured at cost 13

14 Lo IAS n. 39. Schema di riferimento Fair value Criterio di valutazione Costo, meno impairment Tutti gli strumenti Finanziari, eccetto.. equity Conto economico Loans Htm investments Azioni non quotate Passività non di trading 14

15 Lo IAS n. 39. Il fair value Fair value: Valore di scambio Reliability test: contenuto range delle stime Presunzione di affidabilità: può essere superata solo per le azioni non quotate Sistemazione contabile: conto economico oppure patrimonio netto (afs) 15

16 Lo IAS n. 39. L impairment Un attività finanziaria è deteriorata se è probabile che l impresa non incassi quanto dovuto dal debitore Tutte le attività finanziarie, ad eccezione di quelle valutate al fair value, devono essere sottoposte al c.d. impairment test Il nuovo presumibile valore di realizzo Il tasso di attualizzazione 16

17 Lo IAS n. 39. L impairment (segue) Nell ED il percorso valutativo si articola in 3 momenti: Valutazione analitica dei debitori deteriorati rilevanti Valutazione forfettaria dei portafogli che presentano sintomi di deterioramento Valutazione forfettaria dei portafogli che registrano un incremento di rischiosità. 17

18 Lo IAS 39. Il deterioramento dei crediti (impairment) - Approcci valutativi Impairment Valutazioni analitiche di singole posizioni Valutazioni forfettarie di portafogli problematici Valutazioni forfettarie di portafogli con rischio crescente Sofferenze, partite incagliate, ecc. Rischio paese, rischio settore ecc. Downgrading, ecc. 18

19 Lo IAS n. 39. Hedge accounting Hedge accounting Fair value hedge Net foreign investment Cash flow hedge 19

20 Fair value hedge Lo IAS n. 39. Hedge accounting Hedging instrument: valutazione al fair value con iscrizione della plus/minusvalenza nel conto economico Hedged item: ½ la plus/minus imputabile al rischio coperto va capitalizzata sul valore di bilancio ½ l ammortamento di tale differenza deve iniziare al più tardi dal momento in cui cessa la copertura 20

21 Cash flow hedge Lo IAS n. 39. Hedge accounting Hedging instrument: la parte efficace della copertura va iscritta nell equity; va trasferita al conto economico quando deve compensare il profitto o la perdita dell operazione coperta; la parte inefficace va subito al conto economico Hedged item: ½ nel periodo della copertura il valore di bilancio non viene modificato 21

22 Lo IAS n. 39. Le differenze rispetto alla vigente disciplina bancaria. Titoli: 3 portafogli anziché 2; trasferimenti fra portafogli più difficili Valutazione al fair value dei titoli non quotati e delle partecipazioni di minoranza (salvo ) htm non copribili Crediti: Diversa nozione di crediti deteriorati Nuovi criteri di valutazione 22

23 Lo IAS n. 39. Le differenze rispetto alla vigente disciplina bancaria. Operazioni di copertura: Nozione di cash flow hedge Nuove regole per il macro-hedging Rivalutazione delle posizioni coperte del banking book Obbligo di elisione delle transazioni interne Trading: Passività di trading Fair value option 23

24 Lo IAS n. 39. Una visione d insieme. Lo IAS 39: definisce un modello contabile misto nel quale, come oggi, alcuni strumenti finanziari sono valutati al fair value e altri al costo (salvo l impairment) tuttavia, rispetto al vigente modello misto codificato nel d.lgs. 87/92, amplia sensibilmente l area del bilancio assoggettata al criterio del fair value (fair value o ptio n) 24

25 Lo IAS n. 39. Una visione d insieme (segue) nei disegni dello IASB, lo IAS 39 è un interim standard, tensione fra passato e futuro (es. rovesciamento della relazione di copertura) importazione di regole di sistemi finanziari più evoluti (es. se rvic ing asse ts e liabilitie s) rapporto controverso fra regole contabili e tecniche di risk management Miglioramento rispetto alle norme attuali 25

26 Lo IAS n. 39. Una visione d insieme (segue) Da ultimo merita sottolineare che in taluni casi la regola contabile è concepita non solo per regolare la fisiologia, ma anche per prevenire la patologia Un esempio è dato dalla presunzione assoluta secondo cui il fair value può essere sempre stimato in modo affidabile 26

27 L impatto degli IAS. L introduzione degli IAS richiede una serie di interventi normativi: Sulla disciplina dei bilanci bancari Sulle segnalazioni di vigilanza Sulla normativa prudenziale Sull attività di analisi delle banche 27

28 L impatto degli IAS. La first tim e applic atio n (effetti positivi e negativi) Effetti a regime: volatilità prociclicità attendibilità comportamenti delle banche 28

29 L impatto degli IAS. L applicazione più sistematica del principio del fair value cambia il contenuto informativo del bilancio Il bilancio si basa sempre più su modelli e aspettative e sempre meno su dati storici contrattuali ; anche la rilevazione di questi ultimi diviene più sofisticata (es.costo ammortizzato) Il principio through the eyes of the managers 29

30 L impatto degli IAS. La finanziarizzazione del bilancio I concetti di RM entrano nella contabilità (modelli valutativi, se gm e nt re po rting, var ecc.) Alcuni principi contabili (scomposizione dei prodotti strutturati, tasso di interesse effettivo, valutazione generica dei crediti ecc.) impongono una rilevazione più precisa dei fenomeni, con effetti disciplinanti 30

31 L impatto degli IAS. Esempi: Valutazione al fair value degli strumenti finanziari non quotati e delle partecipazioni Macro-hedging del rischio di tasso di interesse Valutazione al fair value degli intangibles; Il goodwill nelle business combinations; l im pairm e nt te st sostituisce l ammortamento sistematico 31

32 L impatto degli IAS. Possibili indicazioni: Nelle banche la funzione contabile deve avere rapporti più stretti con la funzione di RM Integrazione delle diverse componenti dei sistemi informativi aziendali: i fabbisogni conoscitivi dei risk m anag e rs diventano i fabbisogni conoscitivi dei contabili; Tendenziale convergenza delle logiche di RM con quelle prudenziali (Basilea2) 32

Fondo Interbancario di tutela dei depositi Milano, 27 novembre 2003. Il contesto normativo e istituzionale degli IFRS

Fondo Interbancario di tutela dei depositi Milano, 27 novembre 2003. Il contesto normativo e istituzionale degli IFRS Fondo Interbancario di tutela dei depositi Milano, 27 novembre 2003 Il contesto normativo e istituzionale degli IFRS Giovanni Carosio Banca d Italia 1 Indice 1. Il quadro normativo 2. Le principali novità

Dettagli

I potenziali impatti del nuovo IFRS 9 sul trading book. Roma, 4 dicembre 2012

I potenziali impatti del nuovo IFRS 9 sul trading book. Roma, 4 dicembre 2012 sul trading book Roma, 4 dicembre 2012 AGENDA I PROGETTI DI REVISIONE DELLO IAS 39 CLASSIFICAZIONE E MISURAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI NEL NUOVO IFRS9 LA REVISIONE DEL PERIMETRO DEL TRADING BOOK IN

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari. Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi

IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari. Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi L introduzione degli International Financial Reporting Standards

Dettagli

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting Università degli Studi di Palermo Corso di Economia degli Intermediari finanziari Prof. Francesco Faraci IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting Raffaele Mazzeo 9 dicembre 2003 IAS 39:

Dettagli

pwc.com/it Strumenti finanziari IAS 32 e IAS 39

pwc.com/it Strumenti finanziari IAS 32 e IAS 39 pwc.com/it Strumenti finanziari IAS 32 e IAS 39 Financial Instrument Gli IFRS sono principi di rappresentazione della realtà economica di un certa azienda o reporting entity Nell ambito della realtà economica

Dettagli

23/11/2010. Interpretazione della sostanza economica dell operazione. Interpretazione della forma giuridica dell operazione

23/11/2010. Interpretazione della sostanza economica dell operazione. Interpretazione della forma giuridica dell operazione Il leasing è un contratto attraverso il quale il locatore trasferisce al locatario, in cambio di un pagamento o di una seria di pagamenti, il diritto all utilizzo di un bene per un periodo di tempo stabilito

Dettagli

Strumenti finanziari

Strumenti finanziari Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2011-2012 Principi contabili internazionali 1 Strumenti finanziari IAS 32 Financial Instruments presentation IAS 39Financial instruments and recognition

Dettagli

IFRS 9 - processo di sostituzione dello IAS 39

IFRS 9 - processo di sostituzione dello IAS 39 Focus sulle principali recenti evoluzioni nel corpo dei principi contabili nazionali ed internazionali IFRS IFRS 9 - processo di sostituzione dello IAS 39 Francesco Chiulli 2 dicembre 2009 Indice Progetto

Dettagli

Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti

Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti Banche: valutazione degli strumenti finanziari e dei finanziamenti Siena, giugno 2012 dr GILIBERTO Camillo Le opinioni espresse non impegnano le responsabilità delle società di appartenenza Riproduzione

Dettagli

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni KPMG 0 0 Indice IAS e Basilea 2: i punti di convergenza IAS 39 Il trattamento dei crediti Il nuovo accordo di Basilea sul Capitale

Dettagli

LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE. Guido Modugno

LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE. Guido Modugno LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE Guido Modugno Programma dell intervento 1. Il quadro generale : le fonti 2. Il trattamento contabile secondo i principi internazionali: a. Un

Dettagli

Gli strumenti finanziari

Gli strumenti finanziari Gli strumenti finanziari 1 Agenda Strumenti finanziari Iscrizione iniziale e valutazione successiva Impairment Derecognition Hedge Accounting Derivati impliciti L IFRS 9 Strumenti finanziari - 2 Definizione

Dettagli

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS : normativa di riferimento e contenuti innovativi

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS : normativa di riferimento e contenuti innovativi Università degli Studi di Palermo Corso di Economia degli Intermediari finanziari Prof. Francesco Faraci IAS : normativa di riferimento e contenuti innovativi Raffaele Mazzeo 24 novembre 2003 Alcuni luoghi

Dettagli

L introduzione dei nuovi Principi Contabili Internazionali e le politiche di bilancio delle aziende di credito

L introduzione dei nuovi Principi Contabili Internazionali e le politiche di bilancio delle aziende di credito L introduzione dei nuovi Principi Contabili Internazionali e le politiche di bilancio delle aziende di credito Prof. Francesco Faraci Associato di Economia degli Intermediari Finanziari Facoltà di Economia

Dettagli

IAS 32-39 ed IFRS 7. Financial Instruments: Recognition, Measurement, Presentation e Disclosure. Verona, aprile 2009

IAS 32-39 ed IFRS 7. Financial Instruments: Recognition, Measurement, Presentation e Disclosure. Verona, aprile 2009 IAS 32-39 ed IFRS 7 Financial Instruments: Recognition, Measurement, Presentation e Disclosure Verona, aprile 2009 IAS 32 e IAS 39 - Definizioni IAS 39 - Recognition IAS 39 Measurement IAS 39 Impairment

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit

Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit Roberto Monachino Managing Director UBM- Area Amministrazione e Bilancio Milano, 8 aprile 2005 Il presente documento integra un illustrazione orale

Dettagli

La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli

La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CRISI FINANZIARIA: valutazione e controllo dei titoli in portafoglio La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli Raffaella

Dettagli

Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende

Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende STRUMENTI FINANZIARI VALUTAZIONE, CONTABILIZZAZIONE e DISCLOSURE: IAS 32, IAS 39, IFRS 7 IAS 32 Strumenti

Dettagli

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Agenda Normativa di riferimento Disposizioni generali Schemi di bilancio individuale Stato patrimoniale Attivo Stato patrimoniale

Dettagli

Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali

Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali PERCORSO Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali Brescia, dal 12 al 27 maggio 2009 Programma I Modulo Dal bilancio italiano al bilancio IFRS

Dettagli

Criterio generale per la contabilizzazione delle operazioni di copertura (par. 153, 158) (EFRAGappendice

Criterio generale per la contabilizzazione delle operazioni di copertura (par. 153, 158) (EFRAGappendice OSSERVAZIONI DELL ABI ALLE PROPOSTE DI MODIFICA DEGLI IAS 32 E 39 SOMMARIO: 1. Premessa 2. - Osservazioni sulla ED IAS 39-2.1. Operazioni di copertura - 2.2. Ulteriori aspetti problematici - 3. Risposte

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2004-2005 prof.ssa Sabrina

Dettagli

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI : STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La contabilizzazione dei derivati di negoziazione (speculativi) e di copertura. Esempi e scritture contabili relative all «interest rate swap» (Irs). di Alessio Iannucci

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Le operazioni di Factoring nel contesto degli IAS

Le operazioni di Factoring nel contesto degli IAS Le operazioni di Factoring nel contesto degli IAS Prof. Alessandro Gaetano Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Economia 1 Struttura dell intervento 1. Il Factoring: un inquadramento concettuale

Dettagli

TA INTEGRATIN PARTE GENERALE A.1. PARTE GENERALE SEZIONE 1 Dichiarazione di conformità ai principi contabili internazionali Il bilancio della Banca Carige, sottoposto all approvazione del Consiglio di

Dettagli

Operazioni su partecipazioni in società controllate nella prospettiva del bilancio consolidato IAS/IFRS Marco Ghitti Perugia, 5 dicembre 2011

Operazioni su partecipazioni in società controllate nella prospettiva del bilancio consolidato IAS/IFRS Marco Ghitti Perugia, 5 dicembre 2011 Università degli studi di Perugia Operazioni su partecipazioni in società controllate nella prospettiva del bilancio consolidato IAS/IFRS Marco Ghitti Perugia, 5 dicembre 2011 1 Indice 1) Operazioni su

Dettagli

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI - IAS 32 e IAS 39 RENZO PARISOTTO Università degli Studi di Bergamo, Anno accademico 2014/2015 10 e 11 febbraio 2015-1 parte Indice I principi IAS 32

Dettagli

Definizione strumenti finanziari

Definizione strumenti finanziari I criteri di valutazione secondo gli IAS 39 Definizione strumenti finanziari Lo IAS 39 definisce lo strumento finanziario come un qualsiasi contratto che dà origine ad una attività finanziaria per un impresa

Dettagli

La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili

La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili Dott. Alex Casasola 1 La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo Attendibilità della valutazione Di conseguenza.

Dettagli

BANCA POPOLARE DI FONDI

BANCA POPOLARE DI FONDI BANCA POPOLARE DI FONDI BILANCIO DELL'IMPRESA AL 31 DICEMBRE 2014 (Schemi, nota integrativa ed allegati) 124 Esercizio 55 STATO PATRIMONIALE AL 31 DICEMBRE 2014 VOCI DELL ATTIVO 31/12/2014 31/12/2013 10.

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Prima adozione degli Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali in sede di prima applicazione Transizione

Dettagli

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI - IAS 32 e IAS 39 RENZO PARISOTTO Università degli Studi di Bergamo, anno accademico 2009/2010 Indice Premesse Principi contabili IAS 32 e 39 Principi

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Il Bilancio delle Banche L impatto degli IAS nelle valutazioni di fine esercizio 2 Le tipicità delle banche Le valutazioni

Dettagli

L applicazione dei principi IAS nell ordinamento italiano

L applicazione dei principi IAS nell ordinamento italiano Approfondimenti Bilancio L applicazione dei principi IAS nell ordinamento italiano di Paolo Moretti Alla luce delle disposizioni nazionali e comunitarie l applicazione dei principi contabili internazionali

Dettagli

Materiali EIF. Le banche. Università degli Studi Roma Tre

Materiali EIF. Le banche. Università degli Studi Roma Tre Le banche La banca - definizioni Definizione minima: raccolta risparmio dal pubblico + concessione credito (art. 10 D.lgs. 385/1993) Molteplicità delle attività possibili (ammesse al mutuo riconoscimento):

Dettagli

Soluzioni e Documenti IAS ABI

Soluzioni e Documenti IAS ABI BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Soluzioni e Documenti IAS ABI Dott. RENZO PARISOTTO Università degli Studi di Bergamo Anno accademico 2013/2014 Bergamo, 14 maggio 2014 Soluzioni IAS

Dettagli

Gruppo Fiat Bilancio consolidato

Gruppo Fiat Bilancio consolidato Gruppo Fiat Bilancio 130 Conto economico 131 Conto economico complessivo 132 Situazione patrimoniale-finanziaria consolidata 134 Rendiconto finanziario 135 Variazioni del Patrimonio netto 136 Conto economico

Dettagli

Milano 8 aprile 2005 Università Bocconi Aula Magna

Milano 8 aprile 2005 Università Bocconi Aula Magna Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi & Centro Newfin Università Bocconi IAS-IFRS E IMPRESE BANCARIE: Impatti gestionali, organizzativi e contabili Milano 8 aprile 2005 Università Bocconi Aula Magna

Dettagli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari 1 Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Marialaura Napoli Agenda Lo scenario di riferimento; il quadro normativo (IAS 39, Schemi bilancio ex Circ. Banca d Italia n. 262) Definizione

Dettagli

711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO. Data chiusura esercizio 31/12/2007

711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO. Data chiusura esercizio 31/12/2007 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2007 BANCA POPOLARE ETICA SOCIETA' COOPERATIVA PER AZIONI O IN FORMA ABBREVIATA "BANCA ETICA" O "BPE". Forma giuridica: SOCIETA' COOPERATIVA

Dettagli

GUIDE OPERATIVE. Guida operativa sulla disciplina della distribuzione di utili e riserve ai sensi del D.Lgs. 28 febbraio 2005, n 38.

GUIDE OPERATIVE. Guida operativa sulla disciplina della distribuzione di utili e riserve ai sensi del D.Lgs. 28 febbraio 2005, n 38. OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ GUIDE OPERATIVE Guida operativa sulla disciplina della distribuzione di utili e riserve ai sensi del D.Lgs. 28 febbraio 2005, n 38 Guida 4 APPROVATA DAL CONSIGLIO

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE Prof. Giovanni Frattini Dal cap. 5 Il bilancio pubblico - L introduzione dei principi contabili

Dettagli

IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 39/32 & IFRS 7 - OIC 3/15/19/20/21: Strumenti finanziari

IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 39/32 & IFRS 7 - OIC 3/15/19/20/21: Strumenti finanziari IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 39/32 & IFRS 7 - OIC 3/15/19/20/21: Strumenti finanziari Prof. Riccardo Acernese Roma, marzo/maggio 2015 AGENDA Partecipazioni, titoli ed azioni

Dettagli

Financial instruments IAS 39: i lineamenti di un cambiamento inattuato

Financial instruments IAS 39: i lineamenti di un cambiamento inattuato Financial instruments IAS 39: i lineamenti di un cambiamento inattuato Convegno del 6 novembre 009 Prof. Angelo Provasoli Milano 1 I profili critici dello IAS 39 1 Complessità Lo IAS 39 è tra i principi

Dettagli

Il bilancio Valutazioni ed analisi. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011

Il bilancio Valutazioni ed analisi. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Il bilancio Valutazioni ed analisi Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Focus sui principi contabili IAS 39 (valutazione di strumenti finanziari: crediti,

Dettagli

Transizione IAS Prima classificazione del portafoglio titoli

Transizione IAS Prima classificazione del portafoglio titoli 1 1 Transizione IAS Prima classificazione del portafoglio titoli IAS-IFRS e Imprese bancarie Convegno di studi Bocconi NEWFIN FITD 8 aprile 2005 Dott. Andrea Fornasier (BILANCIO SANPAOLO IMI SPA) 2 2 Categorie

Dettagli

Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura. Parte G Operazioni di aggregazione riguardanti imprese o rami d azienda

Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura. Parte G Operazioni di aggregazione riguardanti imprese o rami d azienda NOTA INTEGRATIVA Parte A Politiche contabili Parte B Informazioni sullo Stato patrimoniale Parte C Informazioni sul Conto economico Parte D Redditività complessiva Parte E Informazioni sui rischi e sulle

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Premessa La redazione del bilancio da parte degli amministratori rappresenta un attività di valutazione, ma soprattutto di

Dettagli

trattamento asimmetrico determina notevoli effetti prociclici in quanto contribuisce alla crescita o

trattamento asimmetrico determina notevoli effetti prociclici in quanto contribuisce alla crescita o di Angelo Maria Quaglini Premessa - internazionali ha acceso il dibattito sulla necessità di avviare un profondo iter di riforma dei principi contabili internazionali dello IASB, in base ai quali vengono

Dettagli

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI - IAS 32 e IAS 39 RENZO PARISOTTO Università degli Studi di Bergamo, Anno accademico 2014/2015 10 e 11 febbraio 2015-2 parte Indice I principi IAS 32

Dettagli

I bilanci delle banche secondo i principi contabili internazionali. Elementi introduttivi

I bilanci delle banche secondo i principi contabili internazionali. Elementi introduttivi I bilanci delle banche secondo i principi contabili internazionali. Elementi introduttivi 1. Premessa: IAS e fair value A partire dall esercizio 2005 le banche italiane sono tenute a redigere il bilancio

Dettagli

SITUAZIONE PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO

SITUAZIONE PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO SITUAZIONE PATRIMONIALE E CONTO ECONOMICO Società Cooperativa iscritta al nº A 163872 dell albo delle Soc. Coop. Iscritta presso il Tribunale di Pistoia al nº 1431 Reg. Società Capitale e Riserve euro

Dettagli

La valutazione dei crediti secondo lo IAS 39: Il criterio del costo ammortizzato

La valutazione dei crediti secondo lo IAS 39: Il criterio del costo ammortizzato La valutazione dei crediti secondo lo IAS 39: Il criterio del costo ammortizzato Costo Ammortizzato Il costo ammortizzato è il valore a cui l attività/passività finanziaria è stata valutata alla rilevazione

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA' INTERNAZIONALE DEGLI STUDI SOCIALI. Guido Carli. Dipartimento di Scienze economiche e aziendali

LIBERA UNIVERSITA' INTERNAZIONALE DEGLI STUDI SOCIALI. Guido Carli. Dipartimento di Scienze economiche e aziendali LIBERA UNIVERSITA' INTERNAZIONALE DEGLI STUDI SOCIALI Guido Carli Dipartimento di Scienze economiche e aziendali Impostazione matematico-finanziaria del metodo del Costo Ammortizzato, richiamato dallo

Dettagli

IX Convention ABI Implementazione dei sistemi informativi e organizzativi in ottica IAS/IFRS: criticità, soluzioni e scelta delle IFRS options

IX Convention ABI Implementazione dei sistemi informativi e organizzativi in ottica IAS/IFRS: criticità, soluzioni e scelta delle IFRS options FINANCIAL SERVICES IX Convention ABI Implementazione dei sistemi informativi e organizzativi in ottica IAS/IFRS: criticità, soluzioni e scelta delle IFRS options Roma, 30 Novembre 2005 Antonio Mansi Raffaele

Dettagli

INDICE GENERALE. Prefazione (di Victor Uckmar)... XIX. Introduzione... 1

INDICE GENERALE. Prefazione (di Victor Uckmar)... XIX. Introduzione... 1 INDICE GENERALE Prefazione (di Victor Uckmar)................................................. XIX Introduzione........................................................ 1 1. La determinazione del reddito

Dettagli

Fiat S.p.A. Bilancio d esercizio

Fiat S.p.A. Bilancio d esercizio 246 Conto economico 246 Conto economico complessivo 247 Situazione patrimoniale-finanziaria 248 Rendiconto finanziario 249 Variazioni del patrimonio netto 251 Conto economico ai sensi della Delibera Consob

Dettagli

Politica di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari

Politica di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari Politica di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari BCC DI ARBOREA delibera CDA del 28/01/2011 modificata con delibera CDA del 15/02/2012 Indice Premessa...... 3 1. Politica di valutazione e

Dettagli

Ifrs applicabili anche alle PMI: come e quando?

Ifrs applicabili anche alle PMI: come e quando? Principi contabili internazionali Bilancio Ifrs applicabili anche alle PMI: come e quando? di Riccardo Bauer (*) L importanza delle imprese di piccola e media dimensione nel tessuto economico del nostro

Dettagli

Bilancio consolidato

Bilancio consolidato 2013 Innovazione MERCATO Crescita Investimenti LAVORO 4 FILIERE Bilancio consolidato www.a2a.eu Indice 0.1 Prospetti contabili consolidati 4 Situazione patrimoniale-finanziaria 6 Conto economico 7 Conto

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 8 IFRS 5: Attività non correnti possedute per la vendita e attività operative cessate Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it

Dettagli

www.pwc.com Temi speciali di bilancio: Strumenti Finanziari Università degli Studi di Parma Facoltà di Economia 29 ottobre 2012

www.pwc.com Temi speciali di bilancio: Strumenti Finanziari Università degli Studi di Parma Facoltà di Economia 29 ottobre 2012 www.pwc.com Temi speciali di bilancio: Strumenti Finanziari Università degli Studi di Parma Facoltà di Economia 29 Agenda 1) Introduzione agli strumenti finanziari 2) Principali strumenti derivati 3) Normativa

Dettagli

PROSPETTI DI RICONCILIAZIONE AGLI INTERNATIONAL FINANCIAL REPORTING STANDARDS (IFRS) AL 1 GENNAIO 2004, AL 31 DICEMBRE 2004 E PER L ESERCIZIO 2004

PROSPETTI DI RICONCILIAZIONE AGLI INTERNATIONAL FINANCIAL REPORTING STANDARDS (IFRS) AL 1 GENNAIO 2004, AL 31 DICEMBRE 2004 E PER L ESERCIZIO 2004 PROSPETTI DI RICONCILIAZIONE AGLI INTERNATIONAL FINANCIAL REPORTING STANDARDS (IFRS) AL 1 GENNAIO 2004, AL 31 DICEMBRE 2004 E PER L ESERCIZIO 2004 TRANSIZIONE AI PRINCIPI IAS/IFRS Fino al 2004 Telecom

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

1. Modifiche al Codice Civile recante disposizioni in materia di bilancio di esercizio

1. Modifiche al Codice Civile recante disposizioni in materia di bilancio di esercizio Spett.le Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione IV Ufficio IV Roma, 24 aprile 2015 Oggetto: Osservazioni ai documenti di consultazione pubblica del Ministero dell Economia

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli e le partecipazioni

Dettagli

Fiat S.p.A. Bilancio d esercizio

Fiat S.p.A. Bilancio d esercizio Conto economico... 264 Conto economico complessivo... 265 Situazione patrimoniale-finanziaria... 266 Rendiconto finanziario... 267 Variazioni del patrimonio netto... 268 Conto economico ai sensi della

Dettagli

E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI

E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI E) 39. STRUMENTI FINANZIARI E GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI Strumenti finanziari La seguente tabella riporta il confronto del valore contabile e del fair value per tutti gli strumenti finanziari del Gruppo.

Dettagli

Corso di Economia Aziendale II e Analisi Economico Finanziaria delle Aziende

Corso di Economia Aziendale II e Analisi Economico Finanziaria delle Aziende Corso di Economia Aziendale II e Analisi Economico Finanziaria delle Aziende Dott. Amedeo Pugliese 12-13 Aprile 2010 Attività Finanziarie Amedeo Pugliese EA II + AEF Le Attività Finanziarie possono trovare

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Analisi di alcune operazioni effettuate da banche IAS Adopter Dott. RENZO PARISOTTO Università degli Studi di Bergamo Anno accademico 2014/2015 Bergamo,

Dettagli

Il patrimonio netto contabile e i Fondi propri (patrimonio di vigilanza)

Il patrimonio netto contabile e i Fondi propri (patrimonio di vigilanza) Il patrimonio netto contabile e i Fondi propri (patrimonio di vigilanza) 1 Agenda Il patrimonio netto contabile Elementi che compongono il patrimonio netto contabile Principali novità introdotte dagli

Dettagli

ALVEC ASSOCIAZIONE LAUREATI IN ECONOMIA DELL UNIVERSITA DI VERONA. IRES Modifiche specifiche per i soggetti IAS

ALVEC ASSOCIAZIONE LAUREATI IN ECONOMIA DELL UNIVERSITA DI VERONA. IRES Modifiche specifiche per i soggetti IAS ALVEC ASSOCIAZIONE LAUREATI IN ECONOMIA DELL UNIVERSITA DI VERONA LA LEGGE FINANZIARIA 2008 IRES Modifiche specifiche per i soggetti IAS Renzo Parisotto 26 Gennaio 2008 IRES Modifiche specifiche per i

Dettagli

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP)

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) Roma, marzo 2015 BANCA D ITALIA Servizio Rilevazioni Statistiche 2 INDICE PREMESSA... 5 1. LE NUOVE

Dettagli

Policy di valutazione e di pricing dei prodotti finanziari emessi dalla Bcc Monterenzio

Policy di valutazione e di pricing dei prodotti finanziari emessi dalla Bcc Monterenzio Policy di valutazione e di pricing dei prodotti finanziari emessi dalla Bcc Monterenzio (ai sensi delle Linee guida interassociative per l applicazione delle misure Consob di livello 3 in tema di prodotti

Dettagli

Il conceptual framework del modello IAS/IFRS

Il conceptual framework del modello IAS/IFRS UNIVERSITA DI FOGGIA Corso di Contabilità e Bilancio Il conceptual framework del modello IAS/IFRS A.A. 2011/2012 INDICE Criterio del costo storico e criterio del fair value: aspetti sostanziali Principi

Dettagli

3. Principi contabili

3. Principi contabili gli utili emergenti da vendite effettuate da società controllate a joint-venture o società collegate sono eliminati limitatamente alla quota di possesso nella società acquirente; gli utili emergenti da

Dettagli

Innovazione MERCATO. Investimenti LAVORO. Crescita 4 FILIERE. Bilancio separato. www.a2a.eu

Innovazione MERCATO. Investimenti LAVORO. Crescita 4 FILIERE. Bilancio separato. www.a2a.eu 2013 Innovazione MERCATO Crescita Investimenti LAVORO 4 FILIERE Bilancio separato www.a2a.eu Indice 3 Sintesi economica, patrimoniale e finanziaria 0.1 Prospetti di bilancio 10 Situazione patrimoniale-finanziaria

Dettagli

Introduzione agli IAS

Introduzione agli IAS Introduzione agli IAS Lucidi delle relazioni di Giovanni Pappalardo Istituto Poster - Vicenza Milano - 28 Maggio 2008 1 Agenda 1. Il percorso verso i principi contabili internazionali (IAS/IFRS) 2. I postulati,

Dettagli

Fascicolo a stampa 2014; RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE

Fascicolo a stampa 2014; RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE 2014 BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2014; RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE 2014; RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE ALL ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA DEI SOCI SUL BILANCIO CHIUSO

Dettagli

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA ESERCIZIO 2011

SCHEMI DI BILANCIO DELL IMPRESA ESERCIZIO 2011 Bilancio 2011 1 BILANCIO DELLA CASSA RURALE MORI VAL DI GRESTA Banca di Credito Cooperativo ABI 08145-5 Soc. coop. con sede in Mori, Via Marconi, 4-38065 MORI (TN) Cod. fisc. - Partita Iva e Iscriz. Reg.

Dettagli

A.1 PARTE GENERALE SEZIONE 1 Dichiarazione di conformità ai principi contabili internazionali Il bilancio consolidato del Gruppo Banca Carige, sottoposto all approvazione del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2)

INFORMATIVA AL PUBBLICO. Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Titolo IV della Circolare Banca d Italia n. 263 del 27/12/2006 (c.d. Terzo pilastro di Basilea 2) Aprile 2009 INTRODUZIONE La normativa emanata dalla Banca d Italia

Dettagli

Possiamo sinteticamente riassumere l attività bancaria in cinque aree di attività: partecipazioni, raccolta, credito, finanza, servizi.

Possiamo sinteticamente riassumere l attività bancaria in cinque aree di attività: partecipazioni, raccolta, credito, finanza, servizi. Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive rispetto a quello delle imprese commerciali, perché unica è l attività bancaria rispetto alle altre attività economiche. Possiamo sinteticamente

Dettagli

I derivati Contabilità, bilancio e fisco

I derivati Contabilità, bilancio e fisco I derivati Contabilità, bilancio e fisco Milano,20/10/2005 Dr. Marco Rubini 1 Indice dell intervento Contabilizzazione di alcuni derivati di copertura e di quelli speculativi; Novità della nota integrativa

Dettagli

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS 37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS Premessa Come indicato in Nota 1, La Società, nell ambito del progetto intrapreso nel 2008 afferente la transizione ai principi contabili internazionali

Dettagli

IAS/IFRS alla luce di Basilea 2

IAS/IFRS alla luce di Basilea 2 Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Le opportunità connesse all adozione adozione degli Riccardo Bolla Commercialista in Genova e Milano Studio Professionisti CTS Bolla&Quaglia Riccardo

Dettagli

Valutazioni su Intangibles e Business Combinations

Valutazioni su Intangibles e Business Combinations Valutazioni su Intangibles e Business Combinations Concetta Viglianti Torino, 22 ottobre 2008 1 Business Combination (Ifrs 3):definizione Business Combination (Ifrs 3):definizione Unione di entità o attività

Dettagli

BANCA POPOLARE DI FONDI

BANCA POPOLARE DI FONDI BANCA POPOLARE DI FONDI BILANCIO DELL'IMPRESA AL 31 DICEMBRE 2012 (Schemi, nota integrativa ed allegati) 122 Esercizio STATO PATRIMONIALE AL 31 DICEMBRE 2012 VOCI DELL ATTIVO 31/12/2012 31/12/2011 10.

Dettagli

La contabilizzazione dei derivati dallo IAS 39 all IFRS 9

La contabilizzazione dei derivati dallo IAS 39 all IFRS 9 Corso di Laurea magistrale (ordinamento ex D.M. 270/2004) in Amministrazione, finanza e controllo Tesi di Laurea La contabilizzazione dei derivati dallo IAS 39 all IFRS 9 Relatore Ch. Prof. Carlo Marcon

Dettagli

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI

BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI BILANCIO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Analisi di alcune operazioni effettuate da banche IAS Adopter Dott. RENZO PARISOTTO Università degli Studi di Bergamo Anno accademico 2013/2014 Bergamo,

Dettagli

Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli

Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli Corso di bilancio e principi contabili Dodicesima lezione: Le attività finanziarie Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE B.III Immobilizzazioni finanziarie

Dettagli

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO Università di Pavia Facoltà di Economia a. a. 2012-2013 Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO SEMINARIO TENUTO DAL DOTTOR MARIO SPALTINI 10 dicembre

Dettagli

BANCA POPOLARE DI APRILIA Società per azioni - Capitale Sociale Euro 6.671.440 i.v. Sede Sociale in Aprilia (LT) BILANCIO 2010 57 esercizio

BANCA POPOLARE DI APRILIA Società per azioni - Capitale Sociale Euro 6.671.440 i.v. Sede Sociale in Aprilia (LT) BILANCIO 2010 57 esercizio BANCA POPOLARE DI APRILIA Società per azioni - Capitale Sociale Euro 6.671.440 i.v. Sede Sociale in Aprilia (LT) BILANCIO 2010 57 esercizio SCHEMI DEL BILANCIO DELL'IMPRESA Stato patrimoniale al 31 dicembre

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE 1 Delibera istitutiva - C.d.A. del 24.08.2011 1 aggiornamento delibera CdA del 27.06.2013 (mandato a Direttore Generale

Dettagli