Il ruolo del rischio nella recente crisi finanziaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il ruolo del rischio nella recente crisi finanziaria"

Transcript

1 Il ruolo del rischio nella recente crisi finanziaria Prof. Carlo D. Mottura Lezione di introduzione al corso di Modelli di risk management a.a. 2009/2010 1

2 Argomenti 1 preliminari 2 i mercati finanziari prima della crisi 3 quando nasce la crisi: un analisi ex-post 4 i rimedi attuati dai governi e dalle banche centrali 5 diagnosi e spunti dal dibattito sulle cause della crisi 2

3 Il mercato finanziario: luogo dove si possono comprare o vendere contratti finanziari (regolamentato, OTC, fisico, ) Il contratto finanziario o operazione finanziaria (obbligazioni, mutui): scambiodiun importomonetariooggi con un altro importo esigibile in un istante futuro esempi: acquisto di una obbligazione a tasso fisso: pago oggi il prezzo e ricevo nel futuro un insieme di importi noti (BTP) acquisto di una obbligazione a tasso variabile: pago oggi il prezzo e ricevo nel futuro un insieme di importi non noti definiti tramite una regola di calcolo (CCT) mutuo: ricevo oggi un importo e mi impegno a pagare nel futuro un insieme di importi noti (se tasso fisso) o non noti (se tasso variabile) acquisto di un derivato del tipo opzione (la più semplice): pago oggi il prezzo in cambio del diritto di acquistare nel futuro un certo bene a un prezzo prefissato 3

4 Il rischio I contratti finanziari sono contratti rischiosi perchè non è noto con certezza l importo futuro generato dal contratto 4

5 Le decisionidiinvestimentosono quindi decisioni in condizioni di incertezza si basano sul c.d. Paradigma rischio-rendimento : all aumentare del rischio aumenta il rendimento atteso richiesto per investire, ovvero; all aumentare del rischio diminuisce il prezzo che si è disposti a pagare per investire atteggiamento del soggetto investitore verso il rischio (avversione, indifferenza, propensione) 5

6 Il mercato e i prezzi dei contratti Il mercato produce prezzi (quotazioni) data l informazione disponibile, il prezzo di mercato dipende da: opinioni sul futuro (quanto mi aspetto di ricevere?) rischio del contratto (e con che rischio?) 6

7 La crisi: il crollo dei prezzi di mercato (Sole 24Ore, ottobre 2008) 7

8 Argomenti 1 preliminari 2 i mercati finanziari prima della crisi 3 perche nasce la crisi: un analisi ex-post 4 i rimedi attuati dai governi e dalle banche centrali 5 diagnosi e spunti dal dibattito sulle cause della crisi 8

9 Prima della crisi, le banche: erogavano i c.d. mutui subprime realizzavano sui mercati finanziari operazioni di cartolarizzazione 9

10 Un mutuo subprime e un mutuo che la banca concede a una persona con un reddito basso e/o instabile (all estremo: mutuo NINJA: No Income, No Job or Asset). Si tratta di una operazione molto rischiosa per la banca, essendo molto probabile fin dall inizio che la persona (il mutuatario) non sia in grado di rimborsare il suo debito. A partire dal 2000 molte banche americane hanno concesso una grande quantita di mutui tra cui molti subprime (1.300 miliardi di dollari circa dal 2000 al 2007). Un esempio (dall Herald Tribune, ): in California, un coltivatore di fragole di origine messicana con un reddito annuo di USD ha ottenuto un mutuo da USD per comprarsi casa. 10

11 Quali sono le condizioni per le quali una banca concede un mutuo suprime se sa fin dall inizio che sara difficile per il mutuatario rimborsarlo? Tre argomenti principali: 1. l andamento del mercato immobiliare americano 2. l andamento dei tassi di interesse 3. le operazioni di cartolarizzazione nel contesto di una forte politica sociale promossa dall amministrazione americana 11

12 1. Il mercato immobiliare americano: a partire dall anno 2000 fino alla meta del 2006 il prezzo delle case e sempre cresciuto (c.d. bolla immobiliare) l andamento del mercato immobiliare americano rendeva possibile la concessione di mutui suprime: la banca non si preoccupava del fatto che il mutuatario subprime potesse non rimborsare il prestito perche : c era la casa a garanzia del mutuo; ci si aspettava di poter rivendere la casa ad un prezzo maggiore dell ammontare del mutuo concesso. 12

13 2. I tassi di interesse sul mercato americano dal 2001 al 2004 erano a livelli molto bassi: se i tassi di interesse sono bassi: il denaro costa poco; le persone sono incentivate a indebitarsi (anche) per comprare case; questi acquisti incentivano ulteriore crescita del prezzo delle case, alimentando la bolla immobiliare. 13

14 3. La cartolarizzazione e l operazione con cui le banche che avevano concesso mutui subprime vendevano questi mutui sul mercato finanziario; in altri termini, per trasferirne il rischio al mercato (il c.d. risk transfer) i rischi non si eliminano, si trasformano attraverso i contratti, si trasferiscono con lo scambio politica di intermediazione originate to distribute 14

15 Come funziona la cartolarizzazione: 1) la banca concede un mutuo subprime garantito dall aspettativa di crescita del valore della casa (differenze con un mutuo casa tradizionale) 2) la banca vende il mutuo ad una societa veicolo incassando immediatamente i soldi prestati 3) la societa veicolo vende il mutuo al mercato finanziario nella forma di obbligazioni legate ai mutui subprime (ad esempio CDO Collateralized Debt Obligation): gli investitori ricevono gli interessi e il capitale delle obbligazioni se il mutuatario subprime paga le rate del mutuo originariamente concesso dalla banca 4) la banca, con i soldi incassati dalla vendita del mutuo subprime concede altri mutui subprime 15

16 la banca eroga il mutuo garantito dalla nuova casa il mutuatario acquista la nuova casa Banca erogatrice 1 Mutuatario subprime Casa. 2 la banca vende il mutuo alla società veicolo e incassa immediatamente il valore del mutuo Società veicolo 3 Investitori 4 istituzionali Piccoli investitori la società veicolo paga il valore del mutuo alla banca con l incasso derivante dall emissione di obbligazioni (legate al mutuo subprime) che sono acquistate dagli investitori mercato finanziario Le famiglie investono i loro risparmi presso gli investitori istituzionali (acquistando obbligazioni, azioni, quote di fondi pensioni e di fondi di investimento, ) Flusso di capitale iniziale E uno schema utilizzabile per vendere anche altri asset (oltre i mutui subprime): crediti fiscali, immobili pubblici, crediti sanitari, 16

17 Il rischio delle obbligazioni legate ai mutui subprime: era valutato da società specializzate (c.d. Agenzie di rating, tra le piu importanti: Standard&Poor s e Moody s) e stato trasferito al sistema finanziario internazionale. 17

18 I nuovi strumenti finanziari CDO (Collateralized Debt Obligations) MBS (Mortgage Backed Securities) sono obbligazioni il cui valore deriva dal valore del portafoglio di attivita cedute CDS (Credit Default Swap): sono assicurazioni a copertura del rischio di fallimento di un debitore nuovi tipi di derivati, una nuova finanza derivata 18

19 Osservazione dalla storia dei derivati: efficient risk-sharing is what much of the futures and option revolution has been all about the combined set of futures and options contracts and the markets in which they are transferred has been likened to a gigantic insurance company (Miller) assicurare i rischi: energy derivatives weather derivatives credit derivatives 19

20 the general feeling is that, operationally, it is not understand their risk well enough to price them properly 20

21 Osservazione dalla storia dell originate to distribute: il credit-risk transfer who's carrying the can? a form of arbitrage that is driving credit risk out of institutions where it is well understood and managed, and into institutions where it is far less so 21

22 credit risk is like air in a squishy balloon. You can squeeze the balloon into any shape you like, but the air does not disappear 22

23 Osservazione dalla storia delle diagnosi sui derivati (il caso Barings ) Bank of England officials said they did not regard the problem in this case as one peculiar to derivates. In a case where a trader is taking unauthorized positions, they said the real question is the strenght of an investment houses internal controls and the external monitoring done by exchanges and regulators - dal calcolo ai dati e all'organizzazione (presidi del controllo) -la cultura del rischio 23

24 Argomenti 1 preliminari 2 i mercati finanziari prima della crisi 3 quando nasce la crisi: un analisi ex-post 4 i rimedi attuati dai governi e dalle banche centrali 5 diagnosi e spunti dal dibattito sulle cause della crisi 24

25 Cambia il contesto economico esterno 1. I livelli dei tassi di interesse americani cominciano a crescere a partire dal 2004 fino al 2006: i mutui diventano piu cari (quindi e piu difficile venderli) e aumentano le insolvenze su quelli gia venduti 2. La crescita dei prezzi delle case si ferma nel 2006 e i prezzi cominciano a scendere dal

26 3. Dall estate 2007 i prezzi delle obbligazioni collegate ai mutui subprime valutate (ex-ante) sicure in termini di rischio cominciano a scendere 26

27 Dall esempio: il coltivatore di fragole messicano diventa insolvente (default) e non puo piu a pagare le rate del mutuo di USD ; la banca escute la garanzia sulla casa che però vale USD , meno del valore del mutuo; il prezzo delle obbligazioni collegate scende. Si generano quindi forti perdite, effettive e potenziali, nei bilanci degli investitori istituzionali di tutto il mondo che avevano acquistato le obbligazioni collegate ai mutui subprime (banche, assicurazioni, ) E l inizio della crisi del sistema finanziario. 27

28 Il crollo dei prezzi delle obbligazioni legate ai mutui subprime i c.d. titoli tossici innesca una crisi di fiducia nel sistema finanziario internazionale ogni banca si interroga sulla quantita di titoli tossici acquistati, sulle perdite sostenute, sulle perdite potenziali e sostenibili e le banche, non fidandosi piu l una dell altra smettono di prestarsi denaro a vicenda: la crisi di fiducia diventa crisi di liquidita le banche in crisi di liquidita : vendono i titoli e gli investimenti liquidabili non prestano piu soldi a imprese e famiglie cio genera perdite nei bilanci e crollo dei prezzi di borsa, che genera ulteriori perdite 28

29 Le conseguenze: banche acquistano altre banche (JPMorgan acquista Bear Stearns, Bank of America acquista MerrillLynch, ) compagnie di assicurazioni sono messe in amministrazione controllata dello Stato (AIG, Fannie&Freddie, ) banche e istituzioni falliscono (LehmanBrothers, ) crisi dell economia reale (diminuzione dei consumi di beni e servizi). 29

30 Argomenti 1 preliminari 2 i mercati finanziari prima della crisi 3 quando nasce la crisi: un analisi ex-post 4 i rimedi attuati dai governi e dalle banche centrali 5 diagnosi e spunti dal dibattito sulle cause della crisi 30

31 Il possibile fallimento delle principali banche mondiali e il blocco dei mercati finanziari avrebbero prodotto la fine del sistema finanziario internazionale e effetti devastanti sull economia mondiale Le banche centrali e i governi dei diversi paesi sono quindi intervenuti I primi interventi sono stati delle banche centrali, finalizzati a fronteggiare la crisi di liquidita con una riduzione dei tassi d interesse, per facilitare l accesso al credito 31

32 L intervento dei governi si e concentrato soprattutto nell evitare che la crisi di liquidita portasse al fallimento delle banche. E stato un intervento senza precedenti per ammontare di risorse stanziate e per l esigenza di coordinamento tra i governi del mondo richiesta dalla dimensione globale della crisi. 32

33 Quali sono stati i principali interventi attuati dai governi per aiutare le banche? fornire garanzie alle banche sui prestiti interbancari (tra banca e banca): se una banca non riesce a pagare il suo debito interviene il governo fornire garanzie sui depositi dei cittadini, per evitare il rischio di corsa allo sportello (come e successo, ad esempio, nella primavera 2008 per la banca inglese NorthernRock) ricapitalizzare le banche, cioe darle nuovo denaro acquistandole e diventandone proprietario. 33

34 In cambio i governi hanno chiesto: di limitare i bonus ai manager di entrare negli organi di amministrazione delle banche di utilizzare i soldi concessi per erogare prestiti alle imprese e alle famiglie, al fine limitare gli effetti della crisi di liquidita sull economia reale 34

35 Argomenti 1 preliminari 2 i mercati finanziari prima della crisi 3 quando nasce la crisi: un analisi ex-post 4 i rimedi attuati dai governi e dalle banche centrali 5 diagnosi e spunti dal dibattito sulle cause della crisi 35

36 Il dibattito sulle cause della crisi e ancora in corso crisi finanziaria o crisi reale? alcuni osservatori sostengono che fin dall inizio si e trattato di una crisi reale, quindi di una crisi di vecchio tipo che e stata amplificata dai mercati finanziari all origine della crisi non ci sono i bassi tassi di interesse ma le discontinuita create nell economia reale dagli aumenti del prezzo del greggio e delle materie prime, tali da determinare una forte volatilita nei profitti delle imprese 36

37 Si e formato una sorta di senso comune sulle possibili cause della crisi, sintetizzabile dagli argomenti oggetto del dibattito ancora in corso: un banale errore di valutazione da parte di operatori incapaci di stimare correttamente i rischi il modello di credito adotattato dalle banche,che separa erogazione dei prestiti e detenzione del relativo rischio che determina problemi di azzardo morale (originate to distribute) il conflitto di interesse delle agenzie di rating le regole di remunerazione dei manager gli errori della regolamentazione bancaria (Basilea 2) e delle nuove regole contabili (IAS-IFRS) che hanno determinato effetti pro-ciclici 37

38 ma c e ancora molto da capire E possibile che tutto il mondo finanziario abbia sbagliato a fare il prezzo del rischio? Visto che i titoli tossici erano acquistati dalle banche d affari e possibile che queste fossero disposte a pagare un prezzo di mercato (secondario) sbagliato, tale cioe da non incorporare le informazioni disponibili e indisponibili (asimmetrie informative)? E possibile che le banche commerciali, nel prendere le loro decisioni sul prezzo dei prestiti da erogare alle famiglie (mercato primario) abbiano adottato atteggiamenti non razionali e autolesionistici? e che, su un mercato cosi concorrenziale sbagliassero sistematicamente a fare il prezzo dei prestiti concessi sia che fossero cartolarizzati sia che non lo fossero? e che le banche d affari li comprassero, sotto la forma di obbligazioni, a un prezzo sbagliato? 38

39 e possibile che il mondo si sia fatto trovare impreparato a affrontare la sfida culturale posta dalla gestione del rischio? il rischio riguarda il futuro, non può che essere misurato e giudicato sulla base di un modello, 39

40 Da una recente testimonianza di Greenspan: Negli ultimi decenni si è formato un vasto sistema di gestione del rischio e dei prezzi unendo le migliori intuizioni di matematici ed esperti finanziari sostenute dalla migliore tecnologia informatica. Un Premio Nobel è stato assegnato per la scoperta del modello di pricing, che ha indotto gran parte dello sviluppo dei mercati dei derivati. Questo paradigma di gestione del rischio ha retto per decenni. L intero edificio intellettuale [della c.d. Teoria della finanza neo-classica] è crollato nell estate dello scorso anno perché i dati inseriti nel modello di gestione del rischio coprivano solo gli ultimi vent anni, un periodo di euforia. Greenspan, A., Testimony of Dr. Alan Greenspan, Committee of Government Oversight and Reform, Oct. 23,

41 Sul ruolo dei modelli l insegnamento di uno scrittore: il modello che si costruisce per rappresentare una situazione non deve essere né troppo semplice né troppo complesso, ma soltanto adeguato allo scopo, com è per le carte geografiche l insegnamento di un matematico: nella costruzione dei modelli particolare cura del matematico dovrebb essere di richiamare gli altri alla saggezza (oltreché, beninteso, di darne esempio): per ogni questione impiegare sempre lo strumento minimo che essa esige, minimo che è quasi sempre il massimo che essa comporta volendone trattare sul serio l insegnamento di un economista: economics is a science of thinking in terms of models joined to the art of choosing models which are relevant to the contemporary world... Good economists are scarce because the gift of using vigilant observation to choose good models... appears to be a very rare one.'' 41

42 Su rischio nel modello e rischio di modello The dependence on technology and skilled professionals is greater than ever before... some firms have been lulled into a false sense of security VaR does not provide certainty of outcomes, but rather an expectation of outcomes based on a specific set of assumptions Tanya Styblo Beder (1995) VaR: Seductive but Dangerous Financial Analyst Journal 51,

43 Quella che stiamo vivendo e la crisi della nostra capacita di guardare le cose sui tempi lunghi non e una crisi di regole e, se e una crisi di etica, non lo e nel senso spicciolo che ci sono stati alcuni malfattori e alcuni imbroglioni di cui adesso leggiamo sui giornali. Casomai direi di etica in un senso piu profondo, cioe nel senso della responsabilita per i tempi lunghi, per le generazioni future, per la conservazione di risorse scarse, per l equilibrio tra paesi ricchi e paesi poveri, di governo della globalizzazione. Tutto questo non toglie poi che la crisi sia di natura finanziaria (Padoa Schioppa, T., La veduta corta, Bologna, Il Mulino, 2009) mai nessuna crisi (come quella ancora in corso) ha sollecitato a riflettere sul ruolo della cultura finanziaria come garanzia di un futuro migliore per tutti. 43

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

Alcune considerazioni tecniche sugli strumenti dell innovazione finanziaria

Alcune considerazioni tecniche sugli strumenti dell innovazione finanziaria Master universitariodi secondolivelloin Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Alcune considerazioni tecniche sugli strumenti dell innovazione finanziaria Prof. Carlo D. Mottura ordinario nell

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte 1 Lezione 14 I processi di cartolarizzazione (cap 3) Lo shadow banking system (cap 3) Le agenzie di rating (cap 3) 2 I processi di cartolarizzazione - 1

Dettagli

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime

Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Credito, rischio e mercati La crisi sub-prime Dr. Mario Mazzocchi m.mazzocchi@unibo.it Ricevimento: indicativamente venerdì 11-13, ma disponibile anche in altri giorni e orari (meglio confermare per posta

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

Crisi e dintorni: Ripartiamo dalle analisi empiriche

Crisi e dintorni: Ripartiamo dalle analisi empiriche 1 / 22 Crisi e dintorni: Ripartiamo dalle analisi empiriche Marco Grazzi LEM, Scuola Superiore Sant Anna, Pisa Sant Anna Science Cafè Pisa 18 Giugno 2009 2 / 22 Crisi: le differenze di oggi rispetto al

Dettagli

The Economics of Structured Finance. Economia delle scelte di portafoglio

The Economics of Structured Finance. Economia delle scelte di portafoglio The Economics of Structured Finance Economia delle scelte di portafoglio La finanza strutturata è il pooling di attività (e.g. prestiti, obbligazioni, mutui) e la conseguente emissione di trance con differenti

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 1 operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 Interventi sul tema: Le origini della crisi La bolla dei sub-prime e il fallimento di Lehman Brothers La globalizzazione dei

Dettagli

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati LS FIME a.a. 2008-2009 2009 Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati Giorgio Consigli giorgio.consigli@unibg.it Uff 258 ricevimento merc: 11.00-13.00 1 Programma 1. Mercato delle opzioni e contratti

Dettagli

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Le origini della crisi nel mercato subprime 2. Il processo di amplificazione della crisi finanziaria 3. L impatto della crisi del settore bancario

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

PROF. RAFFAELE GALANO Professore di Finanza e Risk Management e Presidente O.E.G.L.A.

PROF. RAFFAELE GALANO Professore di Finanza e Risk Management e Presidente O.E.G.L.A. PROF. RAFFAELE GALANO Professore di Finanza e Risk Management e Presidente O.E.G.L.A. ETICA PER L ECONOMIA E LA FINANZA Possono convivere Etica e finanza? Se rivolgiamo l attenzione ai fatti accaduti nelle

Dettagli

La crisi finanziaria mondiale: origini e conseguenze

La crisi finanziaria mondiale: origini e conseguenze UNITER ARESE 26 febbraio 2009 La crisi finanziaria mondiale: origini e conseguenze Giancarlo Giudici Politecnico di Milano giancarlo.giudici@polimi.it Agenda Le crisi non sono una novità Le determinanti,

Dettagli

Le sigle, i termini specialistici, le principali istituzioni in gioco. Un dizionario della crisi

Le sigle, i termini specialistici, le principali istituzioni in gioco. Un dizionario della crisi Le parole difficili Le parole difficili Le sigle, i termini specialistici, le principali istituzioni in gioco. Un dizionario della crisi a cura di Vincenzo Comito Le sigle, i termini specialistici, le

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2 GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE 1 L EVOLUZIONE DEL SISTEMA BANCARIO Lezione 2 Gli strumenti finanziari a disposizione di un impresa 2 Apertura di credito Sconto di effetti Contratti bancari Anticipo

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE: CRISI FINANZIARIA?

MERCATO IMMOBILIARE: CRISI FINANZIARIA? MERCATO IMMOBILIARE: CRISI FINANZIARIA? MILANO, 24 Giugno 2008 La crisi Immobiliare in Europa - Lorenzo Greppi CRISI IMMOBILIARE E PARAMETRI DI RISCHIO La crisi internazionale ha avuto pesanti riflessi

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa Indice 3 PREFAZIONE 5 INTRODUZIONE - Tendenze evolutive del rapporto banca-impresa 5 I.1 Premessa 6 I.2 Le recenti riforme dell ordinamento bancario 9 I.2.1 Le direttive del Comitato di Basilea 12 I.2.2

Dettagli

«Ho Ricostruito l uomo e si è aggiustato il mondo!»

«Ho Ricostruito l uomo e si è aggiustato il mondo!» «Ho Ricostruito l uomo e si è aggiustato il mondo!» «La sottomissione della politica alla tecnologia e alla finanza si dimostra nel fallimento dei Vertici mondiali sull ambiente. Ci sono troppi interessi

Dettagli

Obiettivi del corso. Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari

Obiettivi del corso. Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari Obiettivi del corso Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari Studiare l articolazione e l organizzazione dei mercati in cui questi strumenti vengono negoziati Principali

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Tassi di interesse Per ciascuna divisa, sono regolarmente quotati diversi

Dettagli

l Gestione di portafoglio

l Gestione di portafoglio Avanti tutta! Le banche italiane hanno compiuto progressi significativi nella gestione del rischio associato al portafoglio crediti, anche se permangono diversi punti deboli, soprattutto collegati al pricing

Dettagli

Capire le cause della Crisi finanziaria 2007-2008

Capire le cause della Crisi finanziaria 2007-2008 Capire le cause della Crisi finanziaria 2007-2008 Sono passati ormai 5 anni dal fallimento di Lehman Brothers, la quarta banca di affari più importante degli stati uniti fino al 2008; questo fallimento

Dettagli

AI SOCI DELLA SEZIONE LOMBARDIA

AI SOCI DELLA SEZIONE LOMBARDIA AI SOCI DELLA SEZIONE LOMBARDIA Milano, 22 marzo 2011 MT/dg Caro Socio, un gruppo di ricercatori dell area Finanza dell Università di Ferrara (facoltà d economia) in collaborazione con il Master CFO ANDAF-UNIFE

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Nicola Meccheri (meccheri@ec.unipi.it) Facoltà di Economia Università di Pisa A.A. 2011/2012 ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI: ASPETTI INTRODUTTIVI

Dettagli

Investireconsapevoli. *Informazione completa all interno dell area riservata agli utenti registrati

Investireconsapevoli. *Informazione completa all interno dell area riservata agli utenti registrati Bloomberg, che è il più importante servizio di informazioni finanziarie, da questa settimana ha cominciato ad usare il termine "Obama Bear Market". Il cuore del problema è il sistema finanziario che è

Dettagli

Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Le origini della crisi nel mercato subprime 2. Il processo di amplificazione della crisi finanziaria

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

3. ALTRI STRUMENTI DI INVESTIMENTO IMMOBILIARE E LA CRISI DEL MERCATO

3. ALTRI STRUMENTI DI INVESTIMENTO IMMOBILIARE E LA CRISI DEL MERCATO 3. ALTRI STRUMENTI DI INVESTIMENTO IMMOBILIARE E LA CRISI DEL MERCATO Prof. Valter Mainetti Amministratore Delegato SORGENTE SGR S.p.A. Parma, 24-25 Marzo 2014 MP-MS 1 Indice Altri strumenti di investimento

Dettagli

I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 Problematiche dell attività creditizia OBIETTIVI/DECISIONI: Dimensione Composizione A livello di portafoglio

Dettagli

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Credit spread products I credit spread products

Dettagli

Stiamo vivendo la più grande crisi economico-finanziaria dagli anni 30 del secolo scorso (Grande Depressione)

Stiamo vivendo la più grande crisi economico-finanziaria dagli anni 30 del secolo scorso (Grande Depressione) La crisi in atto: cause, conseguenze e risposte di politica economica Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla

Dettagli

ISIN IT000468024 2 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

ISIN IT000468024 2 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Cassa di Risparmio di Alessandria 4 Marzo 2011/2016 Tasso Fisso 3,25%, ISIN IT000468024 2 da emettersi nell ambito del programma CASSA DI RISPARMIO

Dettagli

LA CRISI FINANZIARIA MONDIALE: DAI DERIVATI AI SUBPRIME, I POSSIBILI SCENARI 7 aprile 2008 The Adam Smith Society. Domenico Santececca

LA CRISI FINANZIARIA MONDIALE: DAI DERIVATI AI SUBPRIME, I POSSIBILI SCENARI 7 aprile 2008 The Adam Smith Society. Domenico Santececca LA CRISI FINANZIARIA MONDIALE: DAI DERIVATI AI SUBPRIME, I POSSIBILI SCENARI 7 aprile 2008 The Adam Smith Society Domenico Santececca Direttore Centrale ABI 1 La crisi dei mutui subprime marzo 2002 marzo

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II PRESENTAZIONE DEL CORSO Lezione 1 Laura Viganò, Università degli Studi di Bergamo A.A. 2006-07 STRUTTURA CORSO Primo modulo: rischio di credito

Dettagli

ISIN IT000469394 8 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

ISIN IT000469394 8 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Cassa di Risparmio di Alessandria 6 Aprile 2011/2018 Tasso Fisso 4,10%, ISIN IT000469394 8 da emettersi nell ambito del programma CASSA DI

Dettagli

Secondo pilastro e misure del rischio di tasso di interesse di contratti tradizionali e contratti derivati

Secondo pilastro e misure del rischio di tasso di interesse di contratti tradizionali e contratti derivati ABI Associazione Bancaria Italiana BASILEA 2 alla prova dei fatti. Gestione dei rischi, allocazione del capitale e relazione con le imprese Secondo pilastro e misure del rischio di tasso di interesse di

Dettagli

01.09.2009 15.10.2009 28.11.2009 11.01.2010 24.02.2010 09.04.2010 23.05.2010

01.09.2009 15.10.2009 28.11.2009 11.01.2010 24.02.2010 09.04.2010 23.05.2010 Crédit Agricole (S&P: AA-/Negativo; Moody s: Aa1/Negativo; Fitch: AA-/Stabile) Le principali attività del gruppo bancario francese Il gruppo Crédit Agricole è il primo gruppo bancario in Francia e una

Dettagli

La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria

La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria CAPIRE LA FINANZA La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria Indice I. Il sistema di cartolarizzazione dei crediti I.1. Chi ha inventato il sistema di cartolarizzazione? II. La genesi

Dettagli

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E. La crisi globale del 2007-2009: cause e conseguenze Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.) Stiamo ancora

Dettagli

Le crisi bancarie Effetti delle crisi bancarie

Le crisi bancarie Effetti delle crisi bancarie Le crisi bancarie 1 Effetti delle crisi bancarie Interruzione del funzionamento del sistema dei pagamenti; Contrazione del credito erogato al sistema produttivo; Crisi di fiducia dei depositanti; Brusca

Dettagli

SEMINARIO: LE AGENZIE DI RATING * * *

SEMINARIO: LE AGENZIE DI RATING * * * * * * Milano, 9 gennaio 2013 Avv. Silvia Beccio Senior Associate Tonucci & Partners Le agenzie di rating sono definite dagli studiosi come soggetti di diritto privato specializzati nel valutare il merito

Dettagli

Dinamica negoziazioni su prodotti stranieri

Dinamica negoziazioni su prodotti stranieri Interactive Brokers presenta Dinamica negoziazioni su prodotti stranieri Alessandro Bartoli, Interactive Brokers Il webinar inizia alle 18:00 CET webinars@interactivebrokers.com www.ibkr.com/webinars Member

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

La valutazione dei derivati illiquidi

La valutazione dei derivati illiquidi La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione dei derivati illiquidi ROBERTO CONTINI Banca Intermobiliare S.p.A. Milano 12 luglio 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

Economia Politica Lezione 2b

Economia Politica Lezione 2b Economia Politica Lezione 2b Sergio Vergalli vergalli@eco.unibs.it Vergalli - Lezione 1 CRISI ECONOMICHE E FINANZIARIE Temi Opzioni Reali 1. Crisi Subprime 2007-08 2. Crisi del 1929 Crisi del 1929 Il boom

Dettagli

Le tipologie di rischio

Le tipologie di rischio Le tipologie di rischio In ambito fi nanziario il rischio assume diverse dimensioni, a diversi livelli. La distinzione principale da delineare è fra rischio generico e rischio specifi co, valida per tutti

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Opzioni Le opzioni offrono agli investitori la possibilità di creare

Dettagli

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Seminario di confronto tra il settore bancario e l attività immobiliare Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Intervento di Andrea Ragaini Direttore Centrale GRUPPO BANCA CARIGE

Dettagli

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE.

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. 0 COSA IMPAREREMO: Cosa determina la produzione totale di un economia. (Ripasso sulla remunerazione dei fattori di produzione e la distribuzione

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA

DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA Edizione 05/2011 INDICE Informazioni su CheBanca! e sui servizi di investimento offerti 2 1. Dati che CheBanca! 2 2. Autorizzazione alla prestazione dei servizi di

Dettagli

Banca di Legnano 29 Luglio 2011/2015 Tasso Fisso 3,30%, ISIN IT000474669 6. BANCA DI LEGNANO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

Banca di Legnano 29 Luglio 2011/2015 Tasso Fisso 3,30%, ISIN IT000474669 6. BANCA DI LEGNANO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Banca di Legnano 29 Luglio 2011/2015 Tasso Fisso 3,30%, ISIN IT000474669 6 da emettersi nell ambito del programma BANCA DI LEGNANO S.p.A. OBBLIGAZIONI

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Argomenti I prestiti e la gestione del rischio di credito Da Basilea 1 a Basilea 2 Il Basilea 3 2 Da Basilea 1 a Basilea 2

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

Brevi riflessioni in tema di contabilizzazione delle somme mutuate da un istituto di credito. A cura del Prof. Arcangelo Marrone

Brevi riflessioni in tema di contabilizzazione delle somme mutuate da un istituto di credito. A cura del Prof. Arcangelo Marrone Brevi riflessioni in tema di contabilizzazione delle somme mutuate da un istituto di credito A cura del Prof. Arcangelo Marrone A sol titolo esemplificativo, si consideri la contabilizzazione della stipula

Dettagli

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo I derivati creditizi Giuseppe Squeo 1 Il trasferimento del rischio di credito L attività di impiego, sia sotto forma di prestito che di acquisto obbligazioni, comporta un rischio di credito collegato sia

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

Metodologia di Analisi Residential Mortgage Backed Securities. Lara Patrignani 16 Marzo 2004

Metodologia di Analisi Residential Mortgage Backed Securities. Lara Patrignani 16 Marzo 2004 Metodologia di Analisi Residential Mortgage Backed Securities Lara Patrignani 16 Marzo 2004 Agenda RMBS in Europa Metodologia di Analisi RMBS Portafoglio Immobiliare Struttura Mortgaged Covered Bonds Dimensione

Dettagli

Gli spread sui titoli di stato dei paesi periferici (ad eccezione della Grecia) sono aumentati in ragione dello 0.50% 1% dal mese di marzo.

Gli spread sui titoli di stato dei paesi periferici (ad eccezione della Grecia) sono aumentati in ragione dello 0.50% 1% dal mese di marzo. Il mercato obbligazionario greco ed europeo I negoziati tra la Grecia e la Troika (Fondo Monetario Internazionale, Commissione Europea e Banca Centrale Europea) sono giunti ad un punto cruciale. Per come

Dettagli

Banca Popolare di Mantova 31 Maggio 2011/2013. Tasso Fisso 2,60%, ISIN IT000471447 0. "BANCA POPOLARE DI MANTOVA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO"

Banca Popolare di Mantova 31 Maggio 2011/2013. Tasso Fisso 2,60%, ISIN IT000471447 0. BANCA POPOLARE DI MANTOVA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Banca Popolare di Mantova 31 Maggio 2011/2013 Tasso Fisso 2,60%, ISIN IT000471447 0 da emettersi nell ambito del programma "BANCA POPOLARE

Dettagli

La crisi finanziaria: riflessione su cause, soluzioni e implicazioni. Leonardo Becchetti Università Tor Vergata Econometica

La crisi finanziaria: riflessione su cause, soluzioni e implicazioni. Leonardo Becchetti Università Tor Vergata Econometica La crisi finanziaria: riflessione su cause, soluzioni e implicazioni Leonardo Becchetti Università Tor Vergata Econometica Le cause della crisi Causa remotissima: riduzionismo antropologico e di forma

Dettagli

Fideuram Risparmio. Fondo ad accumulazione dei proventi della categoria Assogestioni "Obbligazionari Euro governativi breve termine"

Fideuram Risparmio. Fondo ad accumulazione dei proventi della categoria Assogestioni Obbligazionari Euro governativi breve termine Fideuram Risparmio Fondo ad accumulazione dei proventi della categoria Assogestioni "Obbligazionari Euro governativi breve termine" Relazione di gestione al 30 dicembre 2015 Parte specifica Società di

Dettagli

DOMANDE di RIEPILOGO

DOMANDE di RIEPILOGO DOMANDE di RIEPILOGO UNITA A - ANALISI ECONOMICA DELL IMPRESA Lez 3 Aspetti organizzativi dell impresa Natura e forme istituzionali Quali sono le caratteristiche dell impresa come istituzione gerarchica

Dettagli

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II Massimo Buongiorno Convegno ARGI Milano, 27 ottobre 2004 Perché Basilea II, esisteva un Basilea I? Nel 1988 il Comitato di Basilea stabilisce una quota

Dettagli

BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE

BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE Crisi dell Euro: il rischio bancario Giorgio Solcia Vicenza, 25 giugno 2012 Credenze incrollabili...crollate Gli immobili sono un investimento sicuro che non farà

Dettagli

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009 Strumenti finanziari e scelte di investimento Roma, 8 maggio 2009 IL MERCATO DEI CAPITALI Il MERCATO DEI CAPITALI è il luogo ideale dove si incontrano domanda e offerta di strumenti finanziari. Lo scopo

Dettagli

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 14. Obbligazioni strutturate 14.1 Caratteristiche dei Titoli di debito (obbligazioni) Acquistando titoli

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Argomenti Le operazioni di cartolarizzazione Le operazioni di cartolarizzazione nelle banche Evoluzioni recenti 2 Le operazioni

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 09 Il fallimento del fondo LTCM - Long Term Capital Management (cap 2) I fallimenti societari (cap 2) Il fallimento di LTCM - 1 Il fondo di investimento

Dettagli

Y (da L e da K), in cambio di offerta di servizi produttivi. Offerta di S / Domanda di AF. Unità in deficit. Domanda di S / Offerta di PF

Y (da L e da K), in cambio di offerta di servizi produttivi. Offerta di S / Domanda di AF. Unità in deficit. Domanda di S / Offerta di PF Appunti di Economia finanziaria (a c. di G.Garofalo) Il finanziamento dell economia I stadio Y (da L e da K), in cambio di offerta di servizi produttivi Offerta di S / Domanda di AF Famiglie surplus deficit

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate

Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate PMI e Rating: un nuovo standard di comunicazione Milano, 11 Giugno 2014 CRIF Credit Rating Definizioni Rating Emittente: l opinione

Dettagli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli La Gestione del Credito in La gestione del credito in banca Banca dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli LE FUNZIONI DI UNA BANCA Funzione creditizia Intermediare tra

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

Va ricordato a questo proposito che le grandi banche americane, cartolarizzando i propri portafogli crediti, hanno trasferito, attraverso l'emissione

Va ricordato a questo proposito che le grandi banche americane, cartolarizzando i propri portafogli crediti, hanno trasferito, attraverso l'emissione Michele Bagella: Cercherò di fare alcuni commenti riferendomi a ciò che ho ascoltato partecipando a questa tavola rotonda. Sono tra coloro che sono convinti che il microcredito e la microfinanza possano

Dettagli

La gestione tattica di un portafoglio target volatility

La gestione tattica di un portafoglio target volatility La gestione del Portfolio tattico e Money Management La gestione tattica di un portafoglio target volatility Relatore: Federico Pitocco Business Development Manager Morningstar Investment Management Europe

Dettagli

Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia

Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia Lezione 7. L intermediazione monetaria e creditizia Il ruolo delle banche nel sistema finanziario Nella realtà i mercati non sono perfettamente concorrenziali e non vale il teorema di Modigliani-Miller.

Dettagli

SOLUZIONE O IMBROGLIO?

SOLUZIONE O IMBROGLIO? 818 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com BAD BANK. SOLUZIONE O IMBROGLIO? 13 febbraio 2014 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 In questi giorni si sta parlando molto della proposta

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

Alessandro Scopelliti. Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Nozioni preliminari: la Trappola della Liquidità 2. Un caso del recente passato: la Stagnazione

Dettagli

GIANCARLO CAPOZZA Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari

GIANCARLO CAPOZZA Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari GIANCARLO CAPOZZA Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari SULLA STRUTTURA FINANZIARIA DI CONTRATTI ASSICURATIVI LINKED CON MINIMO GARANTITO SOMMARIO 1. Introduzione

Dettagli

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V Indice XI Introduzione 3 CAPITOLO 1 Il valore come sintesi degli obiettivi aziendali 3 1.1 Evoluzione e contenuti della funzione finanziaria d

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND Introduzione ai MINI BOND AGENDA Mini bond: una nuova opportunità per le imprese Mini bond: inquadramento normativo, definizione, caratteristiche e beneficiari Motivazioni all emissione Vantaggi e svantaggi

Dettagli

Lo spettro del Credit Crunch

Lo spettro del Credit Crunch Lo spettro del Credit Crunch (se il credito va in apnea) A cura di Renato Brunetta Indice 2 Un conto salato per le imprese italiane Cosa si intende per Credit Crunch Le cause alla base di un pericolo reale

Dettagli

1 Placca Tettonica. Formazione e Flussi dei Capitali

1 Placca Tettonica. Formazione e Flussi dei Capitali 1 Placca Tettonica Formazione e Flussi dei Capitali Capital Markets and the Real Economy Economia Reale Formazione Capitale Mercato dei Capitali Ci sono dei seri dubbi Economia Reale Formazione Capitale

Dettagli