Piano di Miglioramento 2017/18

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano di Miglioramento 2017/18"

Transcript

1 Piano di Miglioramento 2017/18 BAMM08100D MORO SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi Relazione tra obiettivi di processo e priorità strategiche (Sez.1-tab.1) Area di processo Curricolo, progettazione e valutazione Ambiente di apprendimento Inclusione e differenziazione Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane Integrazione con il territorio e rapposti con le famiglie Obiettivi di processo Elaborare rubriche di valutazione oggettiva degli apprendimenti e delle competenze. Incrementare i momenti di confronto collegiale attraverso incontri più frequenti per dipartimenti disciplinari/assi culturali. Programmare prove per classi parallele con criteri di valutazione comuni e condivisi. Rivisitare il curricolo d'istituto e progettare prove di valutazione autentica. Promuovere tra i docenti una didattica laboratoriale e innovativa. Sperimentare nuove modalità organizzative relativamente al quadro orario. Organizzare attività di recupero e potenziamento al fine di ridurre la varianza interna fra le classi e all'interno delle classi. Potenziare le attività laboratoriali (teatro e sport) per gruppi eterogenei di alunni, al fine di potenziare l'inclusione. Attivazione di corsi di formazione sulle competenze digitali e sull'inclusione. Implementare la partecipazione attiva delle famiglie nella vita della scuola. Incrementare i momenti di integrazione con il territorio attraverso il coinvolgimento in attività della scuola. Priorità 1 2 Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Sì Passo 2 - Elaborare una scala di rilevanza degli obiettivi di processo Calcolo della necessità dell'intervento sulla base di fattibilità ed impatto (Sez.1-tab.2) Obiettivo di processo Fattibilità Impatto Prodotto Elaborare rubriche di valutazione oggettiva degli apprendimenti e delle competenze

2 Obiettivo di processo Fattibilità Impatto Prodotto Incrementare i momenti di confronto collegiale attraverso incontri più frequenti per dipartimenti disciplinari/assi culturali. Programmare prove per classi parallele con criteri di valutazione comuni e condivisi. Rivisitare il curricolo d'istituto e progettare prove di valutazione autentica. Promuovere tra i docenti una didattica laboratoriale e innovativa. Sperimentare nuove modalità organizzative relativamente al quadro orario. Organizzare attività di recupero e potenziamento al fine di ridurre la varianza interna fra le classi e all'interno delle classi. Potenziare le attività laboratoriali (teatro e sport) per gruppi eterogenei di alunni, al fine di potenziare l'inclusione. Attivazione di corsi di formazione sulle competenze digitali e sull'inclusione. Implementare la partecipazione attiva delle famiglie nella vita della scuola. Incrementare i momenti di integrazione con il territorio attraverso il coinvolgimento in attività della scuola Passo 3 - Ridefinire l'elenco degli obiettivi di processo e indicare i risultati attesi, gli indicatori di monitoraggio del processo e le modalità di misurazione dei risultati Risultati attesi e monitoraggio (Sez.1-tab.3)

3 Obiettivo di processo Elaborare rubriche di valutazione oggettiva degli apprendimenti e delle competenze. Incrementare i momenti di confronto collegiale attraverso incontri più frequenti per dipartimenti disciplinari/assi culturali. Programmare prove per classi parallele con criteri di valutazione comuni e condivisi. Risultati attesi Utilizzare strumenti per la valutazione comuni e condivisi al fine di dare omogeneità ai criteri di valutazione. Elaborare rubriche di valutazione delle competenze secondo quanto previsto dalle LInee guida per la certificazione delle competenze 2018 Valorizzare la dimensione collegiale per promuovere: la comunicazione, strumento per il confronto e il cambiamento, la ricerca - azione come metodologia per il raggiungimento del miglioramento. Valorizzare la dimensione collegiale nei momenti di progettazione e valutazione. Individuare le classi dell'istituto e gli alunni all'interno delle classi che necessitano di attività di recupero/potenzia mento. Indicatori di monitoraggio Indicatori qualitativi dell'efficienza/efficacia degli strumenti prodotti. Indicatori quali/quantitativi: Valutazione dell'incremento degli incontri rispetto allo scorso anno scolastico - Valutazione del clima di lavoro e dell'utilità percepita. Realizzazione di quanto programmato e acquisizione dei dati relativi agli esiti raggiunti dagli alunni. Sondaggio sulla valutazione di utilità e rilevanza delle prove di verifica comuni. Sperimentazione e verifica degli strumenti per la. valutazione Modalità di rilevazione Somministrazione questionari all'interno dei dipartimenti Storico delle convocazioni. Questionario customer Somministrazione delle prove agli alunni delle diverse classi e individuazione dei punti di forza - debolezza nelle classi e tra le classi dell'istituto. Monitoraggio all'interno dei Consigli di classe per rilevare l'utilità percepita delle prove

4 Obiettivo di processo Rivisitare il curricolo d'istituto e progettare prove di valutazione autentica. Promuovere tra i docenti una didattica laboratoriale e innovativa. Sperimentare nuove modalità organizzative relativamente al quadro orario. Organizzare attività di recupero e potenziamento al fine di ridurre la varianza interna fra le classi e all'interno delle classi. Risultati attesi Promuovere la ricerca e l'innovazione educativa attraverso la progettazione di esperienze di apprendimento interdisciplinari efficaci, scelte didattiche significative e strategie idonee. Incrementare la percentuale dei docenti che utilizzano metodologie laboratoriali e strumenti innovativi per la costruzione di percorsi, anche interdisciplinari, volti all'acquisizione di competenze disciplinari e trasversali. Potenziare le attività laboratoriali al fine di promuovere l'acquisizione di competenze trasversali e soft skills. Aumentare il livello di competenza dei docenti in didattica digitale e metodologie innovative. Perequare i risultati riferiti agli esiti degli alunni tra le classi e all'interno delle classi. Aumentare il livello di personalizzazione dell'offerta educativo - didattica Indicatori di monitoraggio Valutazione del grado di collegialità durante la fase di progettazione. Realizzazione di quanto programmato e valutazione qualitativa delle azioni intraprese. Valutazione di efficacia, coerenza e utilità Numero di docenti che hanno incrementato l'utilizzo di una didattica laboratoriale e innovativa e valutazione della ricaduta educativa delle attività proposte sul processo di apprendimento. Indicatori quantitativi e qualitativi atti a rilevare la percentuale di docenti che hanno svolto nella giornata del sabato attività laboratoriali Indicatori quantitativi che rilevino il numero di azioni, la ricaduta didattica e l'efficacia della progettualità. Modalità di rilevazione Monitoraggio all'interno dei Dipartimenti per Assi culturali.. Sondaggio sull utilità percepita dai docenti dell istituto e valutazione di impatto. Somministrazione di questionari customer quali - quantitativi. Questionari customer satisfaction Analisi comparativa che tenga conto degli esiti finali a.s. 2016/2017 e dei progressi rilevati allo scrutinio intermedio e finale e alle prove INVALSI

5 Obiettivo di processo Potenziare le attività laboratoriali (teatro e sport) per gruppi eterogenei di alunni, al fine di potenziare l'inclusione. Attivazione di corsi di formazione sulle competenze digitali e sull'inclusione. Implementare la partecipazione attiva delle famiglie nella vita della scuola. Incrementare i momenti di integrazione con il territorio attraverso il coinvolgimento in attività della scuola. Risultati attesi Incrementare il livello di inclusività dell'istituto e potenziare le competenze trasversali degli alunni promuovendo attività laboratoriali Promozione dell'innovazione didattica al fine di consolidare nella pratica quotidiana l'utilizzo delle nuove tecnologie - Maggiore consapevolezza della gestione alunni DSA e BES. Creare occasioni non formali di coinvolgimento delle famiglie per favorire la creazione di una comunione di intenti nel percorso di istruzione - educazione degli alunni e responsabilizzare tutte le parti coinvolte Creare occasioni di ampliamento dell'offerta formativa mettendo in atto una sinergia di azioni, grazie a collaborazione con altre realtà presenti nel territorio cittadino che permetterà di promuovere l'acquisizione di competenze trasversali Indicatori di monitoraggio Percentuale del numero di alunni coinvolti - Valutazione dell'impatto formativo orientata a mettere in evidenza i progressi degli alunni attraverso rubriche di valutazione con indicatori di competenza. Numero di docenti che hanno rivisitato la propria didattica dopo la frequenza dei corsi di formazione - Utilità percepita. Indicatori qualitativi - quantitativi- Numero di azioni che hanno visto il coinvolgimento delle famiglie. Indicatori quantitativi - qualitativi che rilevino il numero di collaborazioni messe in atto Modalità di rilevazione Monitoraggio quali - quantitativo effettuato all'interno dei Consigli di classe. Questionari customer quali - quantitativi. Monitoraggio qualitativo attraverso la somministrazione di questionari customer genitori. Somministrazione di questionari di gradimento. Numero di collaborazioni con enti esterni.

6 OBIETTIVO DI PROCESSO: #33460 Elaborare rubriche di valutazione oggettiva degli apprendimenti e delle competenze. SEZIONE 2 - Decidere le azioni per raggiungere ciascun obiettivo di processo in due passi Passo 1 - Ipotizzare le azioni da compiere considerandone i possibili effetti negativi e positivi a medio e a lungo termine Valutazione degli effetti positivi e negativi delle azioni (Sez.2-tab.4) Azione prevista Elaborazione collegiale degli strumenti per la valutazione degli apprendimenti e delle competenze all'interno dei dipartimenti disciplinari e per assi Potenziamento della dimensione collegiale nella strutturazione di strumenti per la valutazione. Realizzazione di strumenti che promuovano una valutazione oggettiva L'omogeneità dei criteri per la valutazione nell'istituto permette un monitoraggio degli esiti tra le classi e, di conseguenza, l'attuazione di azioni mirate sui punti di criticità Passo 2 - Rapportare gli effetti delle azioni a un quadro di riferimento innovativo Caratteri innovativi (Sez.2-tab.5) Caratteri innovativi dell'obiettivo connessioni con gli obiettivi previsti dalla Legge 107/15, art. 1, comma 7, selezionando una o più opzioni connessioni con i principi ispiratori del Movimento delle Avanguardie Educative selezionando una o più opzioni

7 Caratteri innovativi dell'obiettivo Per giungere alla certificazione delle competenze bisogna prima di tutto valutarle. Per questa operazione, però, non si possono utilizzare gli strumenti comunemente usati per la rilevazione delle conoscenze. Pertanto, si rende necessaria l'elaborazione di rubriche di valutazione al fine di poter procedere ad apprezzare il grado di avvicinamento degli alunni ai traguardi di competenza fissati per ciascuna disciplina e alle competenze delineate nel modello di certificazione ministeriale. connessioni con gli obiettivi previsti dalla Legge 107/15, art. 1, comma 7, selezionando una o più opzioni connessioni con i principi ispiratori del Movimento delle Avanguardie Educative selezionando una o più opzioni Trasformare il modello trasmissivo della scuola SEZIONE 3 - Pianificare le azioni di ciascun obiettivo di processo individuato in tre passi Passo 1 - Definire l'impegno delle risorse umane e strumentali Descrivere l'impegno di risorse umane interne alla scuola (Sez.3 - tab. 6) Numero di ore aggiuntive presunte 10 Costo previsto ( ) 0 Numero di ore aggiuntive presunte Costo previsto ( ) Numero di ore aggiuntive presunte Costo previsto ( ) Docenti Incontri per dipartimenti disciplinari Personale ATA Altre figure Descrivere l'impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi (Sez.3 - tab. 7)

8 Impegni finanziari per tipologia di spesa Formatori Consulenti Attrezzature Servizi Altro Impegno presunto ( ) Passo 2 - Definire i tempi di attuazione delle attività Tempistica delle attività (Sez.3-tab. 8) Attività Elaborazione di una rubrica di valutazione delle competenze - Elaborazione di strumenti per la valutazione in vista degli scrutini e degli Esami di Stato Pianificazione delle attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu Nessuno Nessuno Nessuno Nessuno In fase di pianificazione elencare le azioni progettate. In corso di attuazione del PdM colorare le azioni secondo legenda: Nessuno: per annullare selezione fatta Rosso: azione non svolta secondo quanto pianificato/non in linea con gli obiettivi previsti : azione in corso/ in linea con gli obiettivi previsti, ma ancora non avviata o non conclusa : azione attuata/conclusa come da obiettivi previsti Passo 3 - Programmare il monitoraggio periodico dello stato di avanzamento del raggiungimento dell'obiettivo di processo Monitoraggio delle azioni (Sez.3-tab. 9) Data di rilevazione 30/06/ :00:00 Indicatori di monitoraggio del processo Strumenti di misurazione Criticità rilevate Progressi rilevati Modifiche / necessità di aggiunstamenti Definizione dell'efficacia degli strumenti elaborati Valutazione qualitativa effettuata tra i docenti. Relativamente alla prova relativa alle competenze di italiano emerge la necessità di elaborare strumenti di valutazione maggiormente oggettivi. Maggiore oggettività del processo di valutazione. L'uniformità dei crireri e degli strumenti permette una valutazione degli esiti, a livello di istituto, più attendibile. Elaborare un protocollo di valutazione

9 OBIETTIVO DI PROCESSO: #33462 Incrementare i momenti di confronto collegiale attraverso incontri più frequenti per dipartimenti disciplinari/assi culturali. SEZIONE 2 - Decidere le azioni per raggiungere ciascun obiettivo di processo in due passi Passo 1 - Ipotizzare le azioni da compiere considerandone i possibili effetti negativi e positivi a medio e a lungo termine Valutazione degli effetti positivi e negativi delle azioni (Sez.2-tab.4) Azione prevista Incremento delle occasioni di confronto collegiale attraverso incontri più frequenti. Possibilità di progettare con linee comuni e di avviare attività di ricerca - azione. Maggiore condivisione di modelli, strategie e percorsi di apprendimento. Rafforzamento dei legami tra docenti e maggiore condivisione di obiettivi. Possibilità di monitoraggio in itinere della progettazione Passo 2 - Rapportare gli effetti delle azioni a un quadro di riferimento innovativo Caratteri innovativi (Sez.2-tab.5) Caratteri innovativi dell'obiettivo connessioni con gli obiettivi previsti dalla Legge 107/15, art. 1, comma 7, selezionando una o più opzioni connessioni con i principi ispiratori del Movimento delle Avanguardie Educative selezionando una o più opzioni

10 Caratteri innovativi dell'obiettivo La richiesta di tempi più frequenti e distesi per il confronto è stata avanzata dai Docenti, che ormai al terzo anno di adozione del PDM hanno acquisito consapevolezza circa l'importanza del confronto e del lavoro collegiale per la progettazione, il monitoraggio e la valutazione finale. Molte azioni della scuola sono progettate a livello di Istituto. Questo permette una valutazione del percorso intrapreso ed un confronto degli esiti tra le classi e all'interno delle classi. In tal modo è possibile convogliare risorse umane ed energie sui punti di debolezza. connessioni con gli obiettivi previsti dalla Legge 107/15, art. 1, comma 7, selezionando una o più opzioni valorizzazione di percorsi formativi individualizzati e coinvolgimento degli alunni e degli studenti; connessioni con i principi ispiratori del Movimento delle Avanguardie Educative selezionando una o più opzioni Trasformare il modello trasmissivo della scuola SEZIONE 3 - Pianificare le azioni di ciascun obiettivo di processo individuato in tre passi Passo 1 - Definire l'impegno delle risorse umane e strumentali Descrivere l'impegno di risorse umane interne alla scuola (Sez.3 - tab. 6) Numero di ore aggiuntive presunte 7 Costo previsto ( ) 0 Numero di ore aggiuntive presunte 9 Docenti Costo previsto ( ) Numero di ore aggiuntive presunte Costo previsto ( ) Riunione per dipartimenti Attivtà funzionali all'insegnamento Personale ATA Sorveglianza FIS Altre figure Descrivere l'impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi (Sez.3 - tab. 7) Nessun dato inserito

11 Passo 2 - Definire i tempi di attuazione delle attività Tempistica delle attività (Sez.3-tab. 8) Attività Incontri per dipartimenti disciplinari Pianificazione delle attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu Nessuno Nessuno Nessuno Nessuno In fase di pianificazione elencare le azioni progettate. In corso di attuazione del PdM colorare le azioni secondo legenda: Nessuno: per annullare selezione fatta Rosso: azione non svolta secondo quanto pianificato/non in linea con gli obiettivi previsti : azione in corso/ in linea con gli obiettivi previsti, ma ancora non avviata o non conclusa : azione attuata/conclusa come da obiettivi previsti Passo 3 - Programmare il monitoraggio periodico dello stato di avanzamento del raggiungimento dell'obiettivo di processo Monitoraggio delle azioni (Sez.3-tab. 9) Data di rilevazione 29/06/ :00:00 Indicatori di monitoraggio del processo Strumenti di misurazione Criticità rilevate Progressi rilevati Modifiche / necessità di aggiunstamenti Indicatori qualitativi Questionari Non tutti i Docenti si sono mostrati motivati Maggiore consapevolezza delle azioni da mettere in atto, migliore organizzazione delle attività didattiche Implementare il coinvolgimento dei docenti OBIETTIVO DI PROCESSO: #33459 Programmare prove per classi parallele con criteri di valutazione comuni e condivisi. SEZIONE 2 - Decidere le azioni per raggiungere ciascun obiettivo di processo in due passi Passo 1 - Ipotizzare le azioni da compiere considerandone i possibili effetti negativi e positivi a medio e a lungo termine Valutazione degli effetti positivi e negativi delle azioni (Sez.2-tab.4) Azione prevista Progettazione e somministrazione di prove per classi parallele con criteri di valutazione comuni e condivisi. Elaborazione dei dati e progettazione di azioni per fronteggiare i punti di debolezza emersi.

12 Individuazione punti di debolezza al fine di ridurre il GAP formativo relativo alle prove INVALSI di Italiano e Matematica e agli esiti finali La valorizzazione di azioni a livello di istituto potrebbe inibire la dimensione individuale della funzione docente configurata nella libertà di insegnamento. Riduzione del GAP formativo delle prove INVALSI di Italiano e Matematica rispetto a scuole con contesto simile (ESCS) Percezione di perdita di autonomia nella funzione docente Passo 2 - Rapportare gli effetti delle azioni a un quadro di riferimento innovativo Caratteri innovativi (Sez.2-tab.5) Caratteri innovativi dell'obiettivo Per la prima volta si realizzano prove parallele indirizzate al miglioramento nelle prove INVALSI connessioni con gli obiettivi previsti dalla Legge 107/15, art. 1, comma 7, selezionando una o più opzioni connessioni con i principi ispiratori del Movimento delle Avanguardie Educative selezionando una o più opzioni SEZIONE 3 - Pianificare le azioni di ciascun obiettivo di processo individuato in tre passi Passo 1 - Definire l'impegno delle risorse umane e strumentali Descrivere l'impegno di risorse umane interne alla scuola (Sez.3 - tab. 6) Numero di ore aggiuntive presunte 0 Costo previsto ( ) 0 Numero di ore aggiuntive presunte Costo previsto ( ) Numero di ore aggiuntive presunte Costo previsto ( ) Docenti Progettazione Attività rientranti nella funzione docente Personale ATA Altre figure

13 Descrivere l'impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi (Sez.3 - tab. 7) Nessun dato inserito Passo 2 - Definire i tempi di attuazione delle attività Tempistica delle attività (Sez.3-tab. 8) Attività Somministrazione prove per classi parallele Programmazione prove per classi parallele Pianificazione delle attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu In fase di pianificazione elencare le azioni progettate. In corso di attuazione del PdM colorare le azioni secondo legenda: Nessuno: per annullare selezione fatta Rosso: azione non svolta secondo quanto pianificato/non in linea con gli obiettivi previsti : azione in corso/ in linea con gli obiettivi previsti, ma ancora non avviata o non conclusa : azione attuata/conclusa come da obiettivi previsti Passo 3 - Programmare il monitoraggio periodico dello stato di avanzamento del raggiungimento dell'obiettivo di processo Monitoraggio delle azioni (Sez.3-tab. 9) Data di rilevazione 30/06/ :00:00 Indicatori di monitoraggio del processo Strumenti di misurazione Criticità rilevate Progressi rilevati Modifiche / necessità di aggiunstamenti Valutazioni degli alunni nelle discipline: Italiano - Matematica - Inglese - Francese Strumenti comuni: Rubriche di valutazione oggettiva elaborate all'interno dei Dipartimenti disciplinari. Tabulazione dei risultati a livello di Istituto. Per la prova comune di italiano i docenti hanno rilevato la necessità di somministrare prove strutturate ai fini di una valutazione maggiormente oggettiva. Riduzione del numero di alunni inseriti nelle fasce alte. Diminuzione del numero di alunni con valutazione inferiore a 6/10 Variazione della tipologia di prova per Italiano OBIETTIVO DI PROCESSO: #33461 Rivisitare il curricolo

14 d'istituto e progettare prove di valutazione autentica. SEZIONE 2 - Decidere le azioni per raggiungere ciascun obiettivo di processo in due passi Passo 1 - Ipotizzare le azioni da compiere considerandone i possibili effetti negativi e positivi a medio e a lungo termine Valutazione degli effetti positivi e negativi delle azioni (Sez.2-tab.4) Azione prevista Incontri per dipartimenti, all'inizio dell'anno scolastico, finalizzati all'elaborazione collegiale del curricolo e della UDAI con relativa prova di valutazione autentica. La collegialità nella fase di progettazione ha favorito la discussione, il confronto e la comunicazione. Questo ha reso possibile una progettazione partecipata e condivisa, nonché una maggiore contezza del dettato normativo in materia La frequenza degli incontri, anche ad anno scolastico inoltrato, ha reso possibile anche una ridefinizione di quanto programmato all'inizio dell'anno scolastico alla luce delle indicazioni ministeriali sulla certificazione delle competenze. Passo 2 - Rapportare gli effetti delle azioni a un quadro di riferimento innovativo Caratteri innovativi (Sez.2-tab.5) Caratteri innovativi dell'obiettivo Sia la rivisitazione del curricolo, sia la realizzazione di una UDAI nel nostro Istituto,si caratterizzano come processi innovativi in quanto processi attuati per la prima volta nella nostra scuola. connessioni con gli obiettivi previsti dalla Legge 107/15, art. 1, comma 7, selezionando una o più opzioni potenziamento delle metodologie laboratoriali e delle attività di laboratorio; connessioni con i principi ispiratori del Movimento delle Avanguardie Educative selezionando una o più opzioni Trasformare il modello trasmissivo della scuola SEZIONE 3 - Pianificare le azioni di ciascun obiettivo di processo individuato in tre passi Passo 1 - Definire l'impegno delle risorse umane e strumentali

15 Descrivere l'impegno di risorse umane interne alla scuola (Sez.3 - tab. 6) Numero di ore aggiuntive presunte 12 Costo previsto ( ) 0 Numero di ore aggiuntive presunte 4 Costo previsto ( ) 50 Numero di ore aggiuntive presunte Costo previsto ( ) Docenti Riunione per dipartimenti Personale ATA Sorveglianza FIS Altre figure Descrivere l'impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi (Sez.3 - tab. 7) Nessun dato inserito Passo 2 - Definire i tempi di attuazione delle attività Tempistica delle attività (Sez.3-tab. 8) Attività Progettare di prove di valutazione autentica. Rivisitare il curricolo d'istituto Pianificazione delle attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu In fase di pianificazione elencare le azioni progettate. In corso di attuazione del PdM colorare le azioni secondo legenda: Nessuno: per annullare selezione fatta Rosso: azione non svolta secondo quanto pianificato/non in linea con gli obiettivi previsti : azione in corso/ in linea con gli obiettivi previsti, ma ancora non avviata o non conclusa : azione attuata/conclusa come da obiettivi previsti Passo 3 - Programmare il monitoraggio periodico dello stato di avanzamento del raggiungimento dell'obiettivo di processo Monitoraggio delle azioni (Sez.3-tab. 9)

16 Data di rilevazione 13/07/ :00:00 Indicatori di monitoraggio del processo Strumenti di misurazione Criticità rilevate Progressi rilevati Modifiche / necessità di aggiunstamenti Indicatori qualitativi questionari customer nessuna Le riunioni per dipartimenti si sono rivelate efficaci OBIETTIVO DI PROCESSO: #33464 Promuovere tra i docenti una didattica laboratoriale e innovativa. SEZIONE 2 - Decidere le azioni per raggiungere ciascun obiettivo di processo in due passi Passo 1 - Ipotizzare le azioni da compiere considerandone i possibili effetti negativi e positivi a medio e a lungo termine Valutazione degli effetti positivi e negativi delle azioni (Sez.2-tab.4) Azione prevista Diffusione, tra i docenti, di una didattica laboratoriale e innovativa, grazie alla ricerca - azione e alla valorizzazione della sfera comunicativa e della condivisione delle esperienze. Grazie alla frequenza dei corsi di formazione, i docenti avranno modo di approfondire conoscenze e potenziare competenze possedute, sperimentando poi in classe, quanto appreso. Per una didattica laboratoriale e innovativa è necessaria una diversa impostazione del setting d'aula. Non tutti i docenti sono disponibili al cambiamento. Non tutte le aule sono adeguatamente attrezzate. L'utilizzo più frequente di una didattica laboratoriale e innovativa permetterà agli alunni e ai docenti, l'acquisizione di competenze Se non si garantiranno strumenti comuni a tutti i CdC, potrebbero sorgere situazioni conflittuali. Passo 2 - Rapportare gli effetti delle azioni a un quadro di riferimento innovativo Caratteri innovativi (Sez.2-tab.5)

17 Caratteri innovativi dell'obiettivo La disseminazione di buone pratiche, basata anche sulla ricerca - azione, relativa all'utilizzo di una didattica laboratoriale e innovativa (cooperative learning, flipped classroom, etc..) permetterà di superare una impostazione della didattica basata sulla tradizionale lezione frontale. La fluidità dei processi comunicativi innescati dalle ICT impone un graduale ripensamento degli spazi e dei luoghi che preveda soluzioni flessibili, Spazi così concepiti favoriscono il coinvolgimento e l esplorazione attiva dello studente, i legami cooperativi e lo star bene a scuola. Condizioni indispensabili, queste, per promuovere una partecipazione consapevole al progetto educativo e innalzare la performance degli studenti. connessioni con gli obiettivi previsti dalla Legge 107/15, art. 1, comma 7, selezionando una o più opzioni sviluppo delle competenze digitali degli studenti, con particolare riguardo al pensiero computazionale, all'utilizzo critico e consapevole dei social network e dei media nonché' alla produzione e ai legami con il mondo del lavoro; potenziamento delle metodologie laboratoriali e delle attività di laboratorio; connessioni con i principi ispiratori del Movimento delle Avanguardie Educative selezionando una o più opzioni Trasformare il modello trasmissivo della scuola Sfruttare le opportunità offerte dalle ICT e dai linguaggi digitali per supportare nuovi modi di insegnare, apprendere e valutare SEZIONE 3 - Pianificare le azioni di ciascun obiettivo di processo individuato in tre passi Passo 1 - Definire l'impegno delle risorse umane e strumentali Descrivere l'impegno di risorse umane interne alla scuola (Sez.3 - tab. 6) Numero di ore aggiuntive presunte 9 Costo previsto ( ) 0 Numero di ore aggiuntive presunte Costo previsto ( ) Numero di ore aggiuntive presunte Costo previsto ( ) Docenti Corso di formazione Rete di ambito Personale ATA Altre figure

18 Descrivere l'impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi (Sez.3 - tab. 7) Nessun dato inserito Passo 2 - Definire i tempi di attuazione delle attività Tempistica delle attività (Sez.3-tab. 8) Attività Attività laboratoriali Pianificazione delle attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu In fase di pianificazione elencare le azioni progettate. In corso di attuazione del PdM colorare le azioni secondo legenda: Nessuno: per annullare selezione fatta Rosso: azione non svolta secondo quanto pianificato/non in linea con gli obiettivi previsti : azione in corso/ in linea con gli obiettivi previsti, ma ancora non avviata o non conclusa : azione attuata/conclusa come da obiettivi previsti Passo 3 - Programmare il monitoraggio periodico dello stato di avanzamento del raggiungimento dell'obiettivo di processo Monitoraggio delle azioni (Sez.3-tab. 9) Data di rilevazione 30/06/ :00:00 Indicatori di monitoraggio del processo Strumenti di misurazione Criticità rilevate Progressi rilevati Modifiche / necessità di aggiunstamenti Numero di docenti che svolgono attività laboratoriali nella giornata del sabato. Questionario customer alunni Scarso utilizzo del laboratorio di informatica da parte di alcune classi. Difficoltà nel mantenere hardware in buono stato di funzionamento. Le ore del sabato hanno permesso la realizzazione di diversi progetti basati su didattica laboratoriale e apprendimento in situazione. Promuovere tra i docenti l'utilizzo sistematico, per almeno un'ora a settimana per classe, del laboratorio di informatica OBIETTIVO DI PROCESSO: #51741 Sperimentare nuove modalità organizzative relativamente al quadro orario. SEZIONE 2 - Decidere le azioni per raggiungere ciascun obiettivo di processo in due passi

19 Passo 1 - Ipotizzare le azioni da compiere considerandone i possibili effetti negativi e positivi a medio e a lungo termine Valutazione degli effetti positivi e negativi delle azioni (Sez.2-tab.4) Azione prevista Quadro orario dei docenti organizzato nel seguente modo: Dal lunedì al venerdì 6 unità orarie da 54 minuti. Il sabato, due unità orarie di 90 minuti Possibilità di usufruire, nella giornata del sabato, di unità orarie più lunghe da destinare alle attività laboratoriali. Maggiore carico di lavoro per gli alunni nelle giornate dal lunedì al venerdì. Potenziamento delle competenze di cittadinanza e trasversali. Passo 2 - Rapportare gli effetti delle azioni a un quadro di riferimento innovativo Caratteri innovativi (Sez.2-tab.5) Caratteri innovativi dell'obiettivo Un modello esclusivamente basato sulla trasmissione delle conoscenze dalla cattedra è un modello superato: oggi esistono nuovi e più coinvolgenti modi di fare lezione. L insegnante trasforma la lezione in una grande e continua attività laboratoriale, di cui è regista e facilitatore dei processi cognitivi, anche grazie all utilizzo delle ICT; predilige la didattica collaborativa e inclusiva,la ricerca - azione, l insegnamento tra pari; È attraverso l apprendimento attivo che s impara. Facendo e sbagliando. Una scuola che supera il modello trasmissivo e adotta modelli aperti di didattica attiva mette lo studente in situazioni di apprendimento continuo che gli permettono di argomentare il proprio ragionamento, di correggerlo strada facendo, di presentarlo agli altri. connessioni con gli obiettivi previsti dalla Legge 107/15, art. 1, comma 7, selezionando una o più opzioni potenziamento delle metodologie laboratoriali e delle attività di laboratorio; valorizzazione di percorsi formativi individualizzati e coinvolgimento degli alunni e degli studenti; connessioni con i principi ispiratori del Movimento delle Avanguardie Educative selezionando una o più opzioni Riorganizzare il tempo del fare scuola

20 SEZIONE 3 - Pianificare le azioni di ciascun obiettivo di processo individuato in tre passi Passo 1 - Definire l'impegno delle risorse umane e strumentali Descrivere l'impegno di risorse umane interne alla scuola (Sez.3 - tab. 6) Numero di ore aggiuntive presunte 0 Costo previsto ( ) 0 Numero di ore aggiuntive presunte Costo previsto ( ) Numero di ore aggiuntive presunte Costo previsto ( ) Docenti Elaborazione e adozione quadro orario articolato nel seguente modo: Dal lunedì al venerdì 6 unità orarie da 54 minuti. Il sabato 2 unità orarie da 90 minuti. Tale incarico rientra nelle funzioni attribuite al secondo collaboratore del Dirigente scolastico Personale ATA Altre figure Descrivere l'impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi (Sez.3 - tab. 7) Nessun dato inserito Passo 2 - Definire i tempi di attuazione delle attività Tempistica delle attività (Sez.3-tab. 8) Attività elaborazione ed adozione quadro orario Pianificazione delle attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu In fase di pianificazione elencare le azioni progettate. In corso di attuazione del PdM colorare le azioni secondo legenda: Nessuno: per annullare selezione fatta Rosso: azione non svolta secondo quanto pianificato/non in linea con gli obiettivi previsti : azione in corso/ in linea con gli obiettivi previsti, ma ancora non avviata o non conclusa : azione attuata/conclusa come da obiettivi previsti

21 Passo 3 - Programmare il monitoraggio periodico dello stato di avanzamento del raggiungimento dell'obiettivo di processo Monitoraggio delle azioni (Sez.3-tab. 9) Data di rilevazione 03/06/ :00:00 Indicatori di monitoraggio del processo Strumenti di misurazione Criticità rilevate Progressi rilevati Modifiche / necessità di aggiunstamenti Indicatori - quali/quantitativi circa la valutazione della ricaduta educativo - didattica sui processi di insegnamento - apprendimento valutazione qualitativa espressa tramite parere del Collegio Docenti Minore resa in termini di performance degli alunni, durante l'ultima ora di lezione Maggiore competenza dei Docenti nell'organizzare attività laboratoriali. OBIETTIVO DI PROCESSO: #45295 Organizzare attività di recupero e potenziamento al fine di ridurre la varianza interna fra le classi e all'interno delle classi. SEZIONE 2 - Decidere le azioni per raggiungere ciascun obiettivo di processo in due passi Passo 1 - Ipotizzare le azioni da compiere considerandone i possibili effetti negativi e positivi a medio e a lungo termine Valutazione degli effetti positivi e negativi delle azioni (Sez.2-tab.4) Azione prevista Azione prevista Somministrazione delle prove per classi parallele e prove comuni. Elaborazione dei dati acquisiti. Individuazione dei punti di debolezza. Progettazione ed attuazione di azioni mirate. Recupero e potenziamento delle competenze di base. Per la progettazione si richiede un grande sforzo ai docenti,in termini di tempo da dedicare all'elaborazione degli strumenti necessari all'attuazione dell'obiettivo di processo e al monitoraggio dei dati acquisiti. Perequazione dei risultati tra le classi dell'istituto e all'interno delle classi Se tale processo non sarà accompagnato un clima di collaborazione e partecipazione motivata, potrà essere percepito come un mero adempimento burocratico, andando ad alimentare, in tal modo, dinamiche relazionali negative. Avvio dei corsi di recupero/potenziamento

22 Possibilità di recupero e potenziamento degli apprendimenti e delle competenze degli alunni individuati sulla base degli esiti delle prove per classi parallele e degli scrutini intermedi. Carico di lavoro eccessivo per alunni e docenti durante il mese di maggio - giugno Recupero/potenziamento degli apprendimenti e delle competenze ai fini dell'ammissione alla casse successiva o agli Esami di Stato. Le ore dedicate ai corsi di recupero sottraggono tempo per lo studio a casa. Questo potrebbe far aumentare il gap formativo. Passo 2 - Rapportare gli effetti delle azioni a un quadro di riferimento innovativo Caratteri innovativi (Sez.2-tab.5) Caratteri innovativi dell'obiettivo L'individuazione degli alunni da coinvolgere nelle attività di recupero e potenziamento avverrà sulla base degli esiti delle Prove per classi parallele. connessioni con gli obiettivi previsti dalla Legge 107/15, art. 1, comma 7, selezionando una o più opzioni connessioni con i principi ispiratori del Movimento delle Avanguardie Educative selezionando una o più opzioni SEZIONE 3 - Pianificare le azioni di ciascun obiettivo di processo individuato in tre passi Passo 1 - Definire l'impegno delle risorse umane e strumentali Descrivere l'impegno di risorse umane interne alla scuola (Sez.3 - tab. 6) Numero di ore aggiuntive presunte 110 Docenti Costo previsto ( ) 5447 Numero di ore aggiuntive presunte 70 Costo previsto ( ) 875 Numero di ore aggiuntive presunte 150 Ore frontali di insegnamento MOF - 20 ore PON - FSE 90 ore Personale ATA Sorveglianza MOF - 20 ore PON - FSE Altre figure Tutor - Figure aggiuntive

23 Costo previsto ( ) 3390 PON - FSE Descrivere l'impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi (Sez.3 - tab. 7) Impegni finanziari per tipologia di spesa Formatori Consulenti Attrezzature Servizi Altro Impegno presunto ( ) Passo 2 - Definire i tempi di attuazione delle attività Tempistica delle attività (Sez.3-tab. 8) Attività Corsi di recupero di Italiano e matematica Potenziamento - Progetto di latino "Per aspera ad astra" Pianificazione delle attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu In fase di pianificazione elencare le azioni progettate. In corso di attuazione del PdM colorare le azioni secondo legenda: Nessuno: per annullare selezione fatta Rosso: azione non svolta secondo quanto pianificato/non in linea con gli obiettivi previsti : azione in corso/ in linea con gli obiettivi previsti, ma ancora non avviata o non conclusa : azione attuata/conclusa come da obiettivi previsti Passo 3 - Programmare il monitoraggio periodico dello stato di avanzamento del raggiungimento dell'obiettivo di processo Monitoraggio delle azioni (Sez.3-tab. 9) Data di rilevazione 07/07/ :00:00 Indicatori di monitoraggio del processo Strumenti di misurazione Criticità rilevate Rilevazione dei progressi degli alunni in termini di competenze in lingua italiana e matematica Somministrazione di verifiche Alcuni alunni che presentavano un comportamento problema sono risultati di difficile gestione all'interno dei gruppi con conseguente impatto negativo sull'attività didattica L'avvio dei progetti è avvenuto in un periodo già carico di impegni con conseguente sovrapposizione per i docenti coinvolti

24 Progressi rilevati Modifiche / necessità di aggiunstamenti Data di rilevazione 24/05/ :00:00 Indicatori di monitoraggio del processo Strumenti di misurazione Criticità rilevate Progressi rilevati Modifiche / necessità di aggiunstamenti Diminuzione del numero di alunni con valutazione inferiore a 6/10 Selezione degli alunni effettuata anche in base alle caratteristiche comportamentali Monitoraggio delle competenze acquisite relativamente alla padronanza delle strutture morfo - sitattiche della lingua italiana e della lingua latina Somministrazione di verifiche Concentrazione delle attività in un arco di tempo troppo ristretto Miglioramento delle prestazioni scolastiche e del profitto OBIETTIVO DI PROCESSO: #50068 Potenziare le attività laboratoriali (teatro e sport) per gruppi eterogenei di alunni, al fine di potenziare l'inclusione. SEZIONE 2 - Decidere le azioni per raggiungere ciascun obiettivo di processo in due passi Passo 1 - Ipotizzare le azioni da compiere considerandone i possibili effetti negativi e positivi a medio e a lungo termine Valutazione degli effetti positivi e negativi delle azioni (Sez.2-tab.4) Azione prevista Attuazione di progetti teatrali e sportivi inclusivi volti a offrire apprendimento in situazione a gruppi eterogenei di alunni Maggiore attenzione alle problematiche riguardanti l'inclusione. Attuazione di metodologie innovative. Creazione di opportunità di apprendimento in situazione Minore attenzione verso gli apprendimenti disciplinari e percezione di minor tempo a disposizione per la normale attività didattica Potenziamento delle competenze di base, trasversali, di cittadinanza Il bagaglio di conoscenze degli alunni potrebbe diventare più esiguo. L'acquisizione di competenze presuppone un bagaglio di conoscenze e di abilità irrinunciabili. Limitazione del numero di progetti che coinvolgono una medesima classe Passo 2 - Rapportare gli effetti delle azioni a un quadro di riferimento

25 innovativo Caratteri innovativi (Sez.2-tab.5) Caratteri innovativi dell'obiettivo La proposta di avviare attività progettuali di teatro e sport risponde alla necessità di offrire a tutti gli alunni opportunità di apprendimento inclusive. Il teatro, così come le attività sportive, si configurano come momento di crescita e confronto con gli altri, in quanto gli alunni stabiliscono una fitta rete di relazioni attivando modalità di lavoro collaborative. In tal modo viene stimolata la riflessione sulla ricchezza della diversità capace di stimolare aspetti nascosti del proprio essere. Grazie a queste attività accresce negli alunni la stima di sé ed il rispetto per l'altro, affrontando inibizioni, insicurezze, legate al cambiamento della propria identità psicofisica pre - adolescenziale, e accettando i propri limiti connessioni con gli obiettivi previsti dalla Legge 107/15, art. 1, comma 7, selezionando una o più opzioni valorizzazione e potenziamento delle competenze linguistiche, con particolare riferimento all'italiano nonché' alla lingua inglese e ad altre lingue dell'unione europea, anche mediante l'utilizzo della metodologia Content language integrated learning; potenziamento delle discipline motorie e sviluppo di comportamenti ispirati a uno stile di vita sano, con particolare riferimento all'alimentazione, all'educazione fisica e allo sport, e attenzione alla tutela del diritto allo studio degli studenti praticanti attività sportiva agonistica; potenziamento delle metodologie laboratoriali e delle attività di laboratorio; prevenzione e contrasto della dispersione scolastica, di ogni forma di discriminazione e del bullismo, anche informatico; potenziamento dell'inclusione scolastica e del diritto allo studio degli alunni con bisogni educativi speciali attraverso percorsi individualizzati e personalizzati anche con il supporto e la collaborazione dei servizi socio-sanitari ed educativi del territorio e delle associazioni di settore e l'applicazione delle linee di indirizzo per favorire il diritto allo studio degli alunni adottati, emanate dal Ministero dell'istruzione, dell università e della ricerca il 18 dicembre 2014; valorizzazione di percorsi formativi individualizzati e coinvolgimento degli alunni e degli studenti; connessioni con i principi ispiratori del Movimento delle Avanguardie Educative selezionando una o più opzioni Trasformare il modello trasmissivo della scuola SEZIONE 3 - Pianificare le azioni di ciascun obiettivo di processo individuato in tre passi

26 Passo 1 - Definire l'impegno delle risorse umane e strumentali Descrivere l'impegno di risorse umane interne alla scuola (Sez.3 - tab. 6) Numero di ore aggiuntive presunte 112 Docenti Costo previsto ( ) Attività di insegnamento MOF Numero di ore aggiuntive presunte 40 Costo previsto ( ) 500 Numero di ore aggiuntive presunte Costo previsto ( ) Personale ATA Sorveglianza MOF Altre figure Descrivere l'impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi (Sez.3 - tab. 7) Nessun dato inserito Passo 2 - Definire i tempi di attuazione delle attività Tempistica delle attività (Sez.3-tab. 8) Attività Progetto Teatrale "Il fantasma di Canterville" Centro sportivo scolastico - Attività sportiva di corsa campestre e di pallavolo per gruppi eterogenei di alunni con presenza di alunni disabili. Progetto teatrale "Ferite a morte" Pianificazione delle attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu In fase di pianificazione elencare le azioni progettate. In corso di attuazione del PdM colorare le azioni secondo legenda: Nessuno: per annullare selezione fatta Rosso: azione non svolta secondo quanto pianificato/non in linea con gli obiettivi previsti

27 : azione in corso/ in linea con gli obiettivi previsti, ma ancora non avviata o non conclusa : azione attuata/conclusa come da obiettivi previsti Passo 3 - Programmare il monitoraggio periodico dello stato di avanzamento del raggiungimento dell'obiettivo di processo Monitoraggio delle azioni (Sez.3-tab. 9) Data di rilevazione 24/05/ :00:00 Indicatori di monitoraggio del processo Strumenti di misurazione Criticità rilevate Progressi rilevati Modifiche / necessità di aggiunstamenti Misurazione dei progressi effettuati in relazione alle discipline sportive e valutazione del grado di inclusività degli alunni in relazione alle attività proposte. Osservazione degli alunni durante gli allenamenti e valutazione del grado di maturazione raggiunto in relazione ai livelli di partenza Difficoltà economica delle famiglie di produrre il certificato medico necessario per la partecipazione ai giochi sportivi studenteschi Punto di forza del progetto è stato rappresentato dall'entusiasmo e dall'impegno con cui gli alunni hanno partecipato all'attività sportiva nessuna Data di rilevazione 24/05/ :00:00 Indicatori di monitoraggio del processo Strumenti di misurazione Criticità rilevate Progressi rilevati Modifiche / necessità di aggiunstamenti Data di rilevazione 09/03/ :00:00 Indicatori di monitoraggio del processo Strumenti di misurazione Criticità rilevate Il fantasma di Canterville - Grado di acquisizione delle competenze proprie dell'attività teatrale e valutazione dell'interesse - partecipazione - impegno degli alunni e dei genitori coinvolti. Valutazione qualitativa effettuata attraverso l'osservazione degli alunni in situazione. Il progetto, svolto in orario curricolare nelle ore del sabato, è stato messo in scena a scuola. In un secondo momento, considerata la validità del prodotto e la motivazione di genitori ed alunni, è stata decisa la partecipazione al concorso nazionale di Castel di Sangro. Lo spettacolo, oltre ad aver vinto il premio "Migliori costumi", ha anche vinto il premio di "Migliore progettazione didattica". Indicatori qualitativi: Feedback positivo del pubblico e degli alunni. Questionario di monitoraggio del progetto. Indicatori quantitativi: numero di persone che hanno assistito alla rappresentazione teatrale. Valutazione delle competenze Osservazione diretta - rubriche di valutazione delle competenze - prova in situazione. Strutturali: Il palcoscenico dell'istituto necessita di manutenzione.

28 Progressi rilevati Modifiche / necessità di aggiunstamenti Il progetto teatrale, conclusosi con la messa in scena dello spettacolo "Ferite a morte", il giorno 8 marzo, ha visto gli alunni protagonisti attivi in percorsi di apprendimento laboratoriali in cui poter mobilitare tutte le proprie risorse. Il progetto teatrale, diventato ormai un punto di forza della scuola, di anno in anno si perfeziona, grazie anche alla maturazione di competenze metodologico - didattiche che i docenti acquisiscono con l'esperienza sul campo. Lo spettacolo ha partecipato al Concorso Nazionale di Castel di Sangro, riuscendo a vincere, oltre al Primo premio assoluto, anche altri premi secondari. OBIETTIVO DI PROCESSO: #33470 Attivazione di corsi di formazione sulle competenze digitali e sull'inclusione. SEZIONE 2 - Decidere le azioni per raggiungere ciascun obiettivo di processo in due passi Passo 1 - Ipotizzare le azioni da compiere considerandone i possibili effetti negativi e positivi a medio e a lungo termine Valutazione degli effetti positivi e negativi delle azioni (Sez.2-tab.4) Azione prevista Offrire ai docenti attività formative rispondenti alle esigenze segnalate. Ricaduta positiva dei corsi sulla didattica Se i corsi attivati non risultassero rispondenti alle aspettative formative potrebbero generare un clima negativo tra i docenti. Incrementare i livelli di competenze degli alunni Passo 2 - Rapportare gli effetti delle azioni a un quadro di riferimento innovativo Caratteri innovativi (Sez.2-tab.5)

29 Caratteri innovativi dell'obiettivo Trasformazione della didattica dei docenti. connessioni con gli obiettivi previsti dalla Legge 107/15, art. 1, comma 7, selezionando una o più opzioni sviluppo delle competenze digitali degli studenti, con particolare riguardo al pensiero computazionale, all'utilizzo critico e consapevole dei social network e dei media nonché' alla produzione e ai legami con il mondo del lavoro; connessioni con i principi ispiratori del Movimento delle Avanguardie Educative selezionando una o più opzioni Trasformare il modello trasmissivo della scuola Sfruttare le opportunità offerte dalle ICT e dai linguaggi digitali per supportare nuovi modi di insegnare, apprendere e valutare SEZIONE 3 - Pianificare le azioni di ciascun obiettivo di processo individuato in tre passi Passo 1 - Definire l'impegno delle risorse umane e strumentali Descrivere l'impegno di risorse umane interne alla scuola (Sez.3 - tab. 6) Numero di ore aggiuntive presunte 25 Costo previsto ( ) 0 Numero di ore aggiuntive presunte Costo previsto ( ) Numero di ore aggiuntive presunte Costo previsto ( ) Docenti Formazione Rete di Ambito Personale ATA Altre figure Descrivere l'impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi (Sez.3 - tab. 7) Impegni finanziari per tipologia di spesa Formatori Consulenti Attrezzature Servizi Impegno presunto ( ) 305 Bilancio dell'isituto

30 Impegni finanziari per tipologia di spesa Altro Impegno presunto ( ) Passo 2 - Definire i tempi di attuazione delle attività Tempistica delle attività (Sez.3-tab. 8) Attività Corso di formazione sulle tematiche dell'inclusione Corso di formazione registro elettronico CLASSEVIVA Spaggiari Pianificazione delle attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu In fase di pianificazione elencare le azioni progettate. In corso di attuazione del PdM colorare le azioni secondo legenda: Nessuno: per annullare selezione fatta Rosso: azione non svolta secondo quanto pianificato/non in linea con gli obiettivi previsti : azione in corso/ in linea con gli obiettivi previsti, ma ancora non avviata o non conclusa : azione attuata/conclusa come da obiettivi previsti Passo 3 - Programmare il monitoraggio periodico dello stato di avanzamento del raggiungimento dell'obiettivo di processo Monitoraggio delle azioni (Sez.3-tab. 9) Data di rilevazione 31/05/ :00:00 Indicatori di monitoraggio del processo Strumenti di misurazione Criticità rilevate Progressi rilevati Modifiche / necessità di aggiunstamenti Grado di soddisfazione dei docenti e impattio sulle attività educativo - didattiche Questionario su SOFIA Le ore del corso sono state concentrate in un arco di tempo troppo esiguo Maggiore competenza dei docenti relativamente all'elaborazione dei PDP - PEI - PAI Effettuazione dei corsi in un periodo diverso dell'anno scolastico e in un arco di tempo più lungo OBIETTIVO DI PROCESSO: #50070 Implementare la partecipazione attiva delle famiglie nella vita della scuola. SEZIONE 2 - Decidere le azioni per raggiungere ciascun