INDICE. Malpensa. a rischio. Malpensa «Era meglio trasferirli a Montichiari» Malpensa «Saranno più costi che benefici» litigare che tagliarne 2.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. Malpensa. a rischio. Malpensa «Era meglio trasferirli a Montichiari» Malpensa «Saranno più costi che benefici» litigare che tagliarne 2."

Transcript

1 INDICE CATEGORIA DATA ARTICOLO TITOLO PAGINA Il Corriere della Sera 31/03/2014 Etihad verso Alitalia, a rischio 1 La Prealpina 30/03/2014 «Vogliono far morire» 3 La Prealpina 29/03/2014 No a 600mila passeggeri in più 4 Il Giorno ed. Varese 29/03/2014 Amaggio i voli da Orio a «Era meglio trasferirli a Montichiari» 5 La Provincia ed. Varese 29/03/2014 Orio verso il trasloco a «Saranno più costi che benefici» 6 La Provincia ed. Varese 28/03/2014 Pd su Sea Handling «Meglio litigare che tagliarne 2.300» 7 La Prealpina 27/03/2014 Lupi: «Il Frecciarossa torni a» 9 Il Giorno ed. Varese 27/03/2014 «Rischiamo l'emergenza sociale» 10 La Prealpina 27/03/2014 Sea Handling, c'è un'ultima spiaggia 11 La Prealpina 26/03/2014 Sea Handling senza via d'uscita 12 La Prealpina 26/03/2014 La futura? «Un sastro» 13 Il Giorno ed. Varese 26/03/2014 Voli da Orio al Serio «Si vietino almeno i decolli notturni» 14 La Prealpina 26/03/2014 Blue Panorama fuori dal concordato Scatta l'amministrazione straornaria 15 La Provincia ed. Varese 25/03/2014 congelata per due ore Disagi e ritar: ed è solo l'inizio 16 La Prealpina 25/03/2014 Altro blocco prima degli scioperi 17 Il Giorno ed. Varese 24/03/2014 Polizia a, espulsi 5 immigrati 18 La Provincia ed. Varese 24/03/2014 A retata irregolari Duro colpo agli abusivi dei carrelli 19 La Prealpina 24/03/2014 Invisibili in aeroporto, cento identificati 20 La Provincia ed. Varese 23/03/2014 Le priorità? «Stazione, tangenziali e» 21 Il Giorno ed. Varese 22/03/2014 La Polonia è più vicina, parte il retto low cost per Lublino 22 La Prealpina 22/03/2014 frena l'emorragia 23 La Prealpina 22/03/2014 Niente intesa finché c'è la terza pista 24 Il Giorno ed. Varese 22/03/2014 No al Cie in zona Il territorio attorno allo scalo teme l'arrivo clandestini 25 La Prealpina 21/03/2014 Sparito il polo logistico 26

2 La Prealpina 21/03/2014 Con Eurolot a Lublino per business. E turismo 27 La Prealpina 20/03/2014 Alitalia sente il soffio Ryanair Ma a è giù dal poo 28 La Provincia ed. Varese 19/03/2014 Viene giù il castello Sea Handling «I lavoratori? Intervenga la società» 29 Il Giorno ed. Varese 18/03/2014, la terza pista su 200 ettari territorio ALonate sale la protesta 31 La Provincia ed. Varese 18/03/2014 Caro biglietto sul "" Mini salasso con polemiche 32 La Prealpina 18/03/2014 Sempre più passeggeri sul Express 33 La Prealpina 16/03/2014 «Linate da rimensionare» 34 La Provincia ed. Varese 15/03/2014 Sea Handling, arriva un altro no Lupi: «Serve una nuova proposta» 35 La Prealpina 14/03/2014 Sea Handling: scatta l'ora X a Bruxelles 36 La Prealpina 13/03/2014,ecco l'hotellow cost 37 La Prealpina 12/03/2014 Parcheggiatori in cassa ricevuti dal Prefetto: «Approfonrò» 38 La Prealpina 11/03/2014 La Regione "prenota" Sea. Lupi ce sì 39 Il Sole 24 Ore 11/03/2014 Lavori a Orio, tutti i voli a 40 La Provincia ed. Varese 11/03/2014 Quote Sea alla Regione: sì del Governo «È giusto puntare sull'integrazione» 41 La Prealpina 11/03/2014 Meriana, ministero pronto a bloccare la Cig 42 La Prealpina 10/03/2014 e l'illusione Expo La Provincia ed. Varese 09/03/2014 MALPENSA DECOLLA SE MILANO ATTERRA 45 Il Giorno ed. Varese 08/03/2014 Basso Varesotto unito all'alto Milanese «Fondamentale la presenza» 47 La Provincia ed. Varese 08/03/2014 MALPENSA E ALITALIA DUE RISORSE PER IL PAESE 48 La Provincia ed. Varese 08/03/2014 Venerdì nero a cargo city Presio dei lavoratori Mle 50 La Prealpina 08/03/2014, sciopero a Cargo City 52 La Provincia ed. Varese 07/03/2014, tassa soggiorno in stand-by Gli albergatori: «Chiamiamo la Disney» 53 La Provincia ed. Varese 07/03/2014 EasyJet e Sea oggi scioperi Anche sul web i voli tagliati 54 Il Giorno ed. Varese 07/03/2014 Telepass attivo nei parking P3 e P4: sconti per i viaggiatori 55 La Prealpina 07/03/2014 Easyjet inaugura il retto -Tel Aviv 56 La Prealpina 06/03/2014 Expo e, voli dalla 57

3 Cina insufficienti Il Giorno ed. Varese 06/03/2014 Guerra dei carrelli, multe e denunce 58 La Provincia ed. Varese 05/03/2014 Alitalia punta tutto su Linate Dal Varesotto si va in Russia 59 La Prealpina 05/03/2014, Telepass anche al park P3 e P4 60 La Prealpina 05/03/2014 «Tassa d'imbarco subito ai Comuni» 61 La Prealpina 04/03/2014 Il biglietto aumenta un euro Legambiente: «Ridurre i treni» 62 Il Giorno ed. Varese 04/03/2014 Treno express, ticket più caro 63 La Prealpina 03/03/2014 Tra gli invisibili a 64 La Provincia ed. Varese 03/03/2014 Area cargo: è svolta Ingresso selvaggio Sea ora ce basta 65 La Repubblica ed. Nazionale 02/03/2014 Mani straniere nel risiko degli aeroporti 66 Il Giorno ed. Varese 01/03/2014, sì allo sviluppo garantito dal piano Alitalia C'è consenso sul territorio 68 La Prealpina 01/03/2014 Meriana Fly pronta a rivedere gli esuberi 69 La Provincia ed. Varese 01/03/2014 Nuovi treni in arrivo E i nostri pendolari fanno bottino pieno 70 PAG 0

4 31/03/ PAG. 8 31/03/2014 Etihad verso Alitalia, a rischio Ultimo negoziato dopo il check sui conti. L altolà Maroni sulle rotte da Linate ROMA Non è ancora l ora dell accordo tra Alitalia e Etihad, ma certo è l ora della verità. Conclusa la due ligence sulla compagnia italiana che vorrebbero acquisire almeno al 40%, gli arabi nel giro dei prossimi giorni si apprestano a presentare le loro conzioni per I progetti La compagnia araba vorrebbe collegare lo scalo con Berlino e Zurigo concludere l affare. E i nervi già saltano. Prima tutto quelli del governatore lombardo, Roberto Maroni che, sentendo il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi ipotizzare a breve la chiusura dell accordo, gli ricorda le pro- messe fatte: lo scalo va salvato. Dunque «no» alla liberalizzazione Linate. Ma che vuol re? Il Corriere lo ha anticipato agli inizi febbraio. Alitalia si appresta a una riduzione drastica dei voli sulla Milano-Roma, ormai presiata dall Alta Velocità ferroviaria. Che fare degli slot (fasce orarie) finora utilizzati su questa rotta? Etihad vorrebbe poterne sporre senza limitazioni, scegliendo le destinazioni. Il timore Maroni è che Lupi mofichi il decreto Bersani bis del 2001 laddove ora impone alcuni limiti alle rotte. Il vantaggio andrebbe a tutte le compagnie con base a Linate, sapendo però che il 70% degli slot è Alitalia. Ecco perché una rimodulazione della Bersani bis sarebbe foriera ricorsi in sede Ue delle altre compagnie già operanti su Linate, a meno che PAG 1

5 31/03/ PAG. 8 31/03/2014 Gli aeroporti milanesi in cifre I vincoli per Linate -3,1 Passeggeri % % Cargo +3, tonnellate GENNAIO % +1,3 Passeggeri non si ritocchi anche il numero dei movimenti, ad esempio da 18 a 22 orari, dando spazio a tutte (compresa Air France-Klm che con Etihad opera in accordo) per riorganizzarsi I dati traffico 2013 Voli a settimana Limiti stabiliti dal decreto Bersani bis per Linate -2,1 Linate % -1,0 % % +5,6 Passeggeri Cargo tonnellate 1.1 milioni Londra Parigi 14 Amsterdam Situazione attuale Passeggeri partiti nel 2013 da Linate verso altri continenti facendo scalo in un hub europeo Madrid Linate Passeggeri Non è dato sapere se Etihad abbia chiesto anche una liberalizzazione delle destinazioni extra-ue, con l obiettivo servire il proprio scalo Abu Dhabi tramite Linate dove però, per li- D ARCO miti della pista, non volano aerei a doppio corridoio. Di certo la compagnia emiratina avrebbe in mente usare gli slot Alitalia per collegare Linate con due suoi hub del Nord: Berlino, servita da Air Berlin (posseduta al 30%, ma si parla un aumento a 49,9%) e Zurigo da Darwin (posseduta al 33,3% e ventata Etihad Regional). Al tempo stesso Alitalia potrebbe scegliere operare su Linate destinazioni che ora sono servite da, come Mosca operata nello scalo varesino da Aeroflot, o le numerose rotte servite da Easyjet. Tutto questo avrebbe come conseguenza una marginalizzazione proprio alla vigilia dell Expo, dal momento che, essendo la nuova stagione dei voli partita da ieri, il nuovo decreto si applicherebbe da ottobre. Maroni mette le mani avanti e implicitamente ricorda a Lupi la promessa fatta da Alitalia posizionare una decina intercontinentali su. Promessa che dovrà reggere al confronto con gli arabi. L altra richiesta pressante del governatore è consentire a sempre più compagnie extra-ue poter fare voli da verso l Atlantico, come già fanno Singapore Airlines e Emirates, come si appresta a fare Air Ina. Non sarà facile per il ministro (e aspirante prossimo sindaco Milano) non scontentare nessuno. Antonella Baccaro RIPRODUZIONE RISERVATA PAG 2

6 30/03/ PAG /03/2014 «Vogliono far morire» MALPENSA - Un bel decreto Lupi per aprire subito Linate a tutte le destinazioni possibili così da superare una volta per tutte l imbarazzo dei mai applicati - con complicità dei deputati organi controllo decreti Bersani e Bersanibis. E per dare il colpo grazia a, inrizzandola verso un più veloce declino rispetto a quello già in corso causa crisi del trasporto aereo e colpe politico-istituzionali varie. Quin, la Francia dopo seci anni dura contrapposizione può finalmente brindare alla fine del pericolo rappresentato per il Charles De Gaulle dal Terminal 1. Che doveva essere l hub più importante del Sud Europa, ma che per incapacità tutta italiana rischia ventare una cattedrale nel deserto pagata a suo tempo miliar lire. Oltre la metà a carico Sea, il resto provenienza pubblica. Più le spese per tutte le infrastrutture accessorie. A sollevare il coperchio su quanto sta bollendo in pentola a Roma è il presidente regionale Roberto Maroni. Il quale, giunto in brughiera per l inaugurazione in programma ieri mattina a Volana, lancia l allarme su un provvemento cui si sussurra ormai da settimane e che attende la conferma ufficiale. Insomma, il governatore della Lombara in modo politicamente strategico brucia i tempi - probabilmente recando spiacere a Palazzo Chigi - ed è il primo a parlare in modo chiaro del documento normativo preparato dal ministro Maurizio Lupi (Infrastrutture e Trasporti). Dice: «So che il Governo, spinto dagli interessi romani, sta pensando approvare un decreto che rischia far chiudere». Ancor più preciso il senatore Stefano Canani (Lega Nord), anch egli presente all evento del parco museo del volo: «Vogliono liberalizzare gli slot a Linate. Il decreto è sul tavolo del ministro pronto per essere firmato». Ciò spiegherebbe la poca chiarezza dello stesso Lupi durante la conferenza stampa tenuta a Gallarate un paio settimane fa per lanciare il Nuovo centrodestra. A precisa domanda sull evidente necessità rimensionare Linate allo scopo permettere il rilancio, aveva risposto parlando in termini generici concorrenza sulle tratte intercontinentali tra i due aeroporti. In pratica, fumo. Che adesso si rada nell approssimarsi della chiusura della trattativa con Etihad finalizzata al salvataggio della decrepita Cai-Alitalia: l ingresso degli arabi, testa ponte Air France, nel vettore dei "capitani coraggiosi" è annunciato lunedì, ma è probabile che slitti l ennesima volta per il protrarsi dell esame sulla due ligence che Az non aveva voluto presentare ai francesi (suoi azionisti maggioranza) e che ha dovuto però fornire ai potenziali acquirenti degli Emirati. Di fatto il decreto anticiperebbe il Piano nazionale degli aeroporti e, visto così, sarebbe un benefit utile ad agevolare la venta. Ma a beneficio chi? Di Etihad? O dell annoso desiderio Air France vedere morta? Quest ultima è l ipotesi più realistica. In quanto il provvemento riguarda sì gli slot, ma il punto cruciale è la liberalizzazione delle rotte che toglierebbe gradualmente l alimentazione dei voli intercontinentali al T1. Ed è quasi grottesco. Poiché, oltre aver già polverizzato 4 miliar euro in mancati introiti nei sette anni dehubbing, non si fa altro che agevolare gli stranieri. Basti un dato a spiegare quanto sia miope non rilanciare il T1: in Italia i due terzi dei biglietti aerei sono venduti al Nord, questi la metà nella sola catchment area Milano, e un terzo al Centro-sud, però proseguiamo nel voler avere un hub a Roma e nel permettere agli stranieri (francesi, tedeschi, inglesi e olandesi) pescare a piene mani nel ricco mercato settentrionale tenendo in patria le importanti ricadute fiscali degli intercontinentali. In Germania la capitale è Berlino, ma l hub più importante è a Francoforte. Dove ci sono i sol. Mica stupi i tedeschi. Angelo Perna Angelo Perna PAG 3

7 29/03/ PAG /03/2014 No a 600mila passeggeri in più MALPENSA - No ai 600mila passeggeri in arrivo da Orio al Serio. No perché l operazione è ritenuta anti-economica, poco sostenuta dal punto vista della pianificazione e pesante a livello impatto. Ritenuta da chi? Da Legambiente e dal comitato civico lonatese Viva Via Gaggio che, con un apposita conferenza stampa convocata ieri a Gallarate, sottolineano tutta la loro contrarietà a un mese e mezzo dal trasloco a 200 movimenti Ryanair più quelli altri vettori causa rifacimento della pista nell aeroporto bergamasco. «Sarebbe stato meglio che avessero deciso trasferire queste tre settimane voli nello scalo più vicino e più vuoto: Montichiari», afferma Dario Balotta, responsabile del settore trasporti nel Cigno Verde Lombara. «Tutto quanto è stato organizzato da Sea per accoglierli, forse, non vale la pena». Ecco il bersaglio. La società gestione degli aeroporti milanesi e il suo piano per la crescita dell operatività tra il 12 maggio e l 1 giugno. Quando, dopo sette anni (il 2007 fu toccato il picco), tornerà ad avere circa due milioni passeggeri in un mese. Così, carte alla mano, sono Balotta, Emilio Magni (Legambiente Gallarate) e Walter Girar (Viva Via Gaggio) a mettere in dubbio l intero progetto accoglienza. «Dal Contingency Plan non emerge un piano risparmi e ottimizzazione delle risorse», segnalano. «Anzi, il rischio è che il trasferimento dei voli, visto il breve periodo tre settimane, produca più seconomie che economie e nuovi danni ambientali». Inoltre: «Sembra paradossale la richiesta Sea e Trenord aumentare da 130 a 146 i treni giornalieri che collegano il T1 con Milano. Nel 2007 viaggiavano 80 treni giornalieri. Ma la ciliegina sulla torta verrà messa da Terravision, la società autobus che introdurrà 100 nuove corse giornaliere che si aggiungeranno alle 240 degli altri due operatori esistenti, Autostradale e Air Pullman». Di qui il giuzio finale. «Siamo contrari al trasloco a», ce Balotta. «Chieamo che non avvenga. È inefficiente e ambientalmente dannoso». E non è finita. I tre ambientalisti sottolineano pure: «La proprietà pubblica del Comune Milano dovrebbe cautelarsi e sfiduciare i manager che l hanno gettata nel baratro». Di tutta la vicenda, però, l aspetto politicamente più interessante e curioso è che Balotta, Magni e Girar fanno parte a livelli versi del Pd. Ovvero, il partito maggioranza relativa nella coalizione centrosinistra che guida il Milano. Comune appunto proprietario Sea. Angelo Perna Angelo Perna PAG 4

8 29/03/ PAG. 7 29/03/2014 Amaggio i voli da Orio a «Era meglio trasferirli a Montichiari» AUMENTERANNO inquinamento atmosferico e rumore con il trasferimento dei voli da Orio al Serio (pista in manutenzione) a : nelle tre settimane dal 12 maggio al 2 giugno in brughiera arriveranno 500mila passeggeri e ci saranno 200 voli in più al giorno. Un trasloco che secondo Legambiente Lombara poteva essere effettuato su Montichiari, evitando sagi e interventi potenziamento sulla struttura che per gli ambientalisti sono costosi ed eccessivi. Lo ha detto ieri Dario Balotta, responsabile per i Trasporti Legambiente Lombara, in una conferenza stampa. «Si pensava che un azienda in crisi come Sea utilizzasse questo trasferimento, per ottimizzare la struttura, contenere i costi e presporre interventi mitigazione, non c è niente tutto questo - spiega Balotta quin il rischio è che questa situazione produrrà più seconomia che economia e sagi. Lo scenario che si delinea è questo: più inquinamento per eccesso autobus, più sagi per i pendolari che si vedranno sottratti i treni migliori rottati sulla linea per». L esponente Legambiente ribasce anche la contrarietà dell associazione alla terza pista, riproposta nella mofica al Masterplan presentata da Sea. POSIZIONE convisa dall associazione Viva Via Gaggio presente alla conferenza stampa. «È stata riproposta la terza pista ce Walter Girar, portavoce dell associazione che vuol re cancellazione ettari brughiera, più inquinamento e rumore esteso a sud, su altri comuni, come Turbigo, Nosate, Castano Primo e delocalizzazione per Tornavento. Noi continuiamo nel nostro impegno per fermarla». Prima iniziativa primavera Viva Via Gaggio domani, domenica 30 marzo: alle 14,30 è in programma la camminata in brughiera con partenza dall ex dogana austroungarica ROSELLA FORMENTI PAG 5

9 29/03/ PAG /03/2014 AirFrance, la realizzazione un magazzino/uffici sempre per la low cost irlandese basata a Orio al Serio, la realizzazione percorsi pedonali per l imbarco a pie (questa la modalità imbarco per i passeggeri Ryanair) al satellite A del terminal 1 e il ripristino un capannone al T2 per tre voli merci Dhl. Insomma, un bus quasi ogni cinque minuti. «Pur recuperare un po traffico a tutti i costi (che poteva essere rottato a Montichiari), non si fa caso a un rapporto costi/benefici» commenta Balotta. «Noi chieamo mandare a casa tutto il managment Sea». Di seguito Walter Girar, portavoce Viva via Gaggio, sulla correzione Sea del masterplan : «È stata ridotta l area della logistica da 400 a 200 ettari per tentare convincere il ministero dell Ambiente ad approvare la Valutazione d impatto ambientale». Un bus ogni cinque minuti «Sea non ci prenda in giro» Inoltre l aumento «eccessivo» dell offerta treni e bus. «I treni venteranno 146 al giorno, 66 in più quando faceva due milioni passeggeri al giorno, nel 2007». «Inoltre, 100 nuove corse al giorno per Milano (che andranno ad aggiungersi alle attuali 240) ad opera una nuova società autobus Terravision che farà un prezzo stracciato cinque euro a corsa». «Ma noi aspettiamo che la regione man avanti la richiesta Sic già inoltrata dal Parco del Ticino per la brughiera e Lonate. Lo farà?». Perentorio Emilio Magni, presidente Legambiente Gallarate che sa bene la storia Via non approvate e Vas non portate avanti: «Sea non prenda in giro leggi e territorio. È questo il corso del nuovo cda Sea?». 1 A. Ped. Orio verso il trasloco a «Saranno più costi che benefici» MALPENSA Nessun risparmio né alcuna ottimizzazione delle risorse. «Saranno più i costi dei benefici»: Legambiente conta i sessanta giorni che mancano al trasferimento dei voli da Bergamo a (200 movimenti tra arrivi e partenze per circa 500 mila passeggeri dal 12 maggio al 1 giugno) e punta il to su Sea. «Pensavamo che un azienda in crisi come la Sea utilizzasse questo periodo incremento del traffico per ottimizzare la sua struttura, contenere i costi e presporre interventi mitigazione/compensazione ambientale. Niente tutto questo», afferma Dario Balotta, responsabile del settore Trasporti per Legambiente Lombara. Nuovi danni ambientali «Dal Contingency Plan Sea, anzi, emerge il rischio che il Sono in arrivo i voli Orio trasferimento dei voli (per tre settimane, causa rifacimento pista a Orio al Serio) produca più seconomie che economie e nuovi danni ambientali». L elenco Balotta è nutrito: sei filtri sicurezza in più nonostante ci sia la sponibilità del terzo satellite, la ristrutturazione del crew briefing centre per Ryanair nella ex sala vip PAG 6

10 28/03/ PAG /03/2014 Pd su Sea Handling «Meglio litigare che tagliarne 2.300» Obiettivo: fendere l accordo firmato a novembre Il segretario Alfieri chiama in causa il governo Blitz da Renzi, che tra pochi giorni sarà a Milano? MALPENSA ALESSANDRA PEDRONI A muso duro anche contro la Commissione europea. Il Pd, tutto il Partito democratico lombardo, si schiera con i lavoratori Sea Handling. «La Commissione europea ha tirato troppo la corda e non ha lasciato margini. Siamo per negoziare fino all ultimo, ma rispettando l accordo siglato a novembre - chiara il segretario regionale del Pd Alessandro Alfieri - Se invece veniamo messi davanti a un prendere o lasciare, chieamo al governo sostenerci nella fesa dell accordo coi sindacati del 4 novembre». La newco scatola vuota Ancora più esplicito Alfieri, a nome dell intero partito schierato ieri in conferenza stampa a Palazzo Pirelli, a Milano (presenti il segretario del Pd metropolitano, Piero Bussolati e il capogruppo al Comune Milano Lamberto Bertolè): «Preferiamo aprire un contenzioso con l Unione europea piuttosto che consegnare lavoratori a un futuro precarietà». E settimana prossima, durante la visita del premier Matteo Renzi a Milano, la questione potrebbe finire dritta dritta nelle mani del presidente del consiglio. Dopo la recente rottura delle relazioni industriali tra Sea e organizzazioni sindacali, arriva la mano tesa del Pd per i pen- denti dell handling degli aeroporti e Linate. La fesa dell accordo del 4 novembre tra azienda e rappresentanti dei lavoratori va nella rezione della richiesta alla Commissione europea una grande società servizi aeroportuali a terra (carico e scarico La Commissione Ue ha bocciato la nuova società servizi aeroportuali zione del personale necessario sulla base del lavoro che ci sarà. Ma, pur in completa scontinuità con Sea spa, la nuova società, peraltro già costituita ma finora soltanto una scatola vuota - Airport Handling il nome - dovrà essere proprietà Sea. Questo chiedono i sindacati e questo rigetta, invece, la Commissione europea che ha, invece, chiesto esplicitamente la presenza un socio privato al 51%. Dunque Sea, se volesse rimanere, dovrebbe essere in minoranza nell assetto societario. «Europeisti ma non sciacalli» Pomo della scora l assetto societario Bruxelles vuole Sea solo in minoranza «Meglio il ricorso un sacrificio così Il premier ci aiuti a tutelare il lavoro» bagagli, servizi rampa, checkin) con un proprio bilancio, dunque sgiunta da Sea spa, l avvio una newco (che riconquisti i contratti con le compagnie aeree e acquisti propri mezzi senza avere in dote quelli SeaHandling) e la riassun- «Siamo europeisti - ha garantito Alfieri - ma in una fase straornaria come questa il principio della libera concorrenza non può prevalere su quello della tutela dei posti lavoro e delle professionalità. Si parla del futuro persone con le loro famiglie». Di seguito l affondo Bussolati: «Siamo dalla parte dei lavoratori e li fenderemo a ogni costo chiedendo al governo aiutarci fronte alla Commissione europea, per sostenere gli accor sindacali presi, utili a mantenere uno sviluppo che sarà anche, quello». Agginge Bertolè: «È interesse tutti evitare conflittualità sociali. Chiederemo a Renzi stare al nostro fianco per salvare i lavoratori Sea Handling e sanare gli errori passati». 1 PAG 7

11 28/03/ PAG /03/ Il fronte si allarga Una delle tante manifestazioni degli addetti all handling targato Sea: sul loro destino pesa anche la supermulta dell Ue 2. Il logo Sea Handling sulle vise da lavoro: che fine farà? 3. Il varesino Alessandro Alfieri, segretario regionale del Pd VARESEPRESS PAG 8

12 27/03/ PAG /03/2014 Lupi: «Il Frecciarossa torni a» MALPENSA - I tre aeroporti inseriti come strategici nel futuro Piano nazionale del trasporto aereo, ovvero Fiumicino, Venezia e, devono essere collegati alla rete ferroviaria ad alta velocità. Lo ha detto ieri il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi nel corso dell auzione al Senato dando un preciso input alle Ferrovie dello Stato a ormai quasi due anni dalla soppressione del Frecciarossa dalla brughiera. «Non è più possibile che investiamo sulle reti e le reti non aloghino tra loro. La ragione dell'investimento pubblico è nel collegare le reti», ha tuonato il ministro durante l illustrazione del progetto del Piano nazionale degli aeroporti, pronto, ha promesso «entro poche settimane», all avvio dell'iter per l'emanazione del decreto presidenziale. «Serve che l'alta velocità colleghi questi tre aeroporti, qui serve l'intervento pubblico», ha poi aggiunto Lupi. Il Frecciarossa a, dunque, torna d attualità. La sua ultima corsa risale al 18 maggio 2012, quando Ferrovie dello Stato cancellò tutti e quattro i servizi giornalieri che permettevano raggiungere Roma in 4 ore e 24 minuti comodamente seduti sui seli degli avveniristici treni ad alta velocità senza essere costretti a cambiare a Milano Centrale. Naturalmente, dopo l inaugurazione in pompa magna del 13 settembre 2010, l ado del Frecciarossa fu un botta, soprattutto sotto il profilo simbolico, tanto che l allora assessore regionale Raffaele Cattaneo convocò urgentemente i vertici delle ferrovie e ottenne rassicurazioni sul fatto che si trattasse una sospensione temporanea fino all 8 cembre quello stesso anno. La giustificazione data allora dall azienda fu la mancanza provvisoria materiale rotabile, un problema che - a stanza quasi due anni - a quanto pare non è ancora stato risolto, perché il Frecciarossa non è mai più tornato. Le parole spese ieri da Lupi in Senato riaprono ora uno spiraglio affinché possa riventare capolinea della tratta Milano, Bologna, Firenze e Roma. Nel 2010, il -Roma Termini fu il primo collegamento a lungo raggio aperto a stanza doci anni dalla realizzazione della linea ferroviaria. Nel 2012, fu il primo ad andarsene. Un doppio record. Gabriele Ceresa Gabriele Ceresa PAG 9

13 27/03/ PAG. 8 27/03/2014 «Rischiamo l'emergenza sociale» ROTTURA tra sindacati e Sea al tavolo dell altro giorno a Linate, dopo il no arrivato dalla Commissione europea a una nuova grande società handling che resti però nel perimetro Sea. La bocciatura continentale è stata una pesante tegola: sindacati e lavoratori non ci stanno, in gioco c è il futuro migliaia posti lavoro. Nei giorni scorsi già ci sono state agitazioni tra i pendenti, con blocchi dell attività nel settore bagagli per mandare un segnale. «Si è aperto un abisso fficile da colmare ce Dario Grilanda, segretario generale della Fit-Cisl dei Laghi, se Airport Handling, la nuova società, non sarà nel perimetro aziendale Sea, nel giro brevissimo tempo ci troveremo una frammentazione del lavoro in mano alle cooperative e la perta ogni ritto per i lavoratori». VALE per il sindacato l accordo dello scorso novembre inviato alla Commissione europea, relativo alla newco, Airport Handling, con un proprio bilancio, nuovi contratti da stipulare con i vettori, nuovi mezzi da acquistare e il passaggio del personale necessario all attività. Madall Europa, dopo la sanzione da oltre 400 milioni euro per Sea Handling, sanzione che potrebbe non essere pagata con l applicazione della scontinuità industriale, è arrivato il no alla nuova società, una bocciatura che secondo i sindacati è inaccettabile. La Commissione europea chiede un socio privato al 51%, dunque Sea - secondo Bruxelles - non può detenere il 100% della newco. Situazione quin molto preoccupante sulla quale c è massima attenzione da parte dei sindaci dei Comuni, dove risiede la maggior parte dei lavoratori. «Siamo preoccupati ce Mauro Cerutti, primo cittano Ferno - Sea Handling sta pagando per la situazione incertezza che risente pesantemente della crisi. Purtroppo i politici, stanti dal territorio, si sono mostrati miopi nei confronti questo aeroporto che oggi non è né carne né pesce, è in una situazione incertezza e a farne le spese sono i lavoratori. I posti lavoro vanno tutelati, il rischio è trovarci in piena emergenza sociale. È ora, per, re che cosa deve essere questo aeroporto». PREOCCUPAZIONE convisa da Clauo Montagnoli, sindaco Arsago Seprio: «La situazione rischia ventare drammatica, ci sono almeno 400 lavoratori che risiedono nel nostro territorio che potrebbero perdere il posto. Come sindaci siamo molto preoccupati, bisogna trovare una soluzione, altrimenti qui sarà un dramma. Purtroppo non ha portato altro che problemi» PAG 10

14 27/03/ PAG /03/2014 Sea Handling, c'è un'ultima spiaggia MALPENSA - C è pochissimo tempo a sposizione per fare in modo che i tre mesi stanza dal bilancio non si trasformino nella lenta agonia verso la soccupazione dei lavoratori Sea Handling. Quinci giorni al massimo. Durante i quali costruire una strategia accettabile dalla Commissione europea, attraverso il vitale intervento del governo Renzi chiamato a una crebile moral suasion a Bruxelles, evitando così l impossibilità inserire nel documento contabile i 450 milioni euro sanzione (comprensiva interessi) e quin il fallimento. Ma come? Come governare un processo costruzione societaria in grado offrire il massimo delle garanzie possibili ai pendenti? Visto che il Gruppo Sea, secondo comunicazione ufficiale del presidente Pietro Moano, ha deciso assolvere in pieno all obbligo possedere non più del 49% della newco Airport Handling e cercare soci privati ai quali dare il 51% delle quote in ossequio alla scontinuità aziendale. Beh, serve velocità, capacità, appunto crebilità e parecchia fortuna. Anche perché ci sono mezzo le elezioni Europee e si avvicina il semestre italiano alla presidenza Ue. Il punto partenza è l incontro martedì scorso tra Sea e sindacati. Quando sono saltati l accordo e il alogo industriale - almeno secondo chiarazioni dei confederali - con le sigle firmatarie del piano del 4 novembre Cioè, Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl e Flai. Mentre quelle contrarie dall autunno scorso, Usb e Cub, mantengono la loro posizione. Tradotto: resta la visione sindacale, ma tutti avviano la stagione degli scioperi. Proprio quanto l azienda teme, sia perché i vertici ritengono che non facciano bene all estremo tentativo giocarsi la partita SeaH sia perché è prossimo il mese trasloco a dei voli da Orio al Serio che assicura 600mila passeggeri e l opportunità mostrare le qualità del Terminal 1 a Ryanair. Dal summit dell altro giorno, tuttavia, non è emersa soltanto la rottura. C è stato anche l accenno al possibile piano d emergenza. Moano ha parlato: impegno per garantire i pendenti sulla scorta dei principi lavoro, gnità e sopravvivenza; imminente incontro con il Governo; una settimana tempo per sistemare i tasselli del puzzle. Ecco allora che, mettendo insieme le comunicazioni del presidente ai sindacati con le mezze ammissioni dei soliti beninformati dei piani amministrativi, si profilano i dettagli del progetto del tutto per tutto. In pratica: in cambio del totale assorbimento del obbligo imposto dalla Commissione europea sulla maggioranza societaria, Sea vorrebbe comunque governare l attivazione Airport Handling stabilendo principi contrattuali in linea con l accordo del 4 novembre, bloccando il temuto accesso alle cooperative con precisi paletti nello statuto, vincolando alcune decisioni all assemblea straornaria, per poi affidare la newco a un trust amministrativo due o tre persone - non si sa ancora da chi possano essere nominate - allo scopo renderla operativa subito il prossimo luglio e trovare gli azionisti privati in un lasso temporale almeno un anno. É ovvio che il sostegno Palazzo Chigi debba essere automatico al fine della buona riuscita un operazione del genere. Tanto più dopo che con l uscita scena dell ex ministro Enzo Moavero, all ultimo cambio premier, in un colpo solo sono sfumati mesi favorevole meazione a Bruxelles. Per capirsi: la famosa apertura che aveva portato all accordo del 4 novembre. Ed è altrettanto ovvio che scioperi e blocchi possano creare enorme imbarazzo politico in questa fase. Certo, non è il caso del blocco a sorpresa organizzato dai confederali lunedì a tra le 7.30 e le 9.40: fascia oraria minimo rilievo operativo, dunque minime conseguenze. Però ieri a Linate qualcuno ha cominciato spontanea iniziativa a fare lo sciopero bianco, rifiutandosi utilizzare mezzi non a norma, e questo potrebbe essere il segnale che la protesta dei lavoratori sta montando. Angelo Perna Angelo Perna PAG 11

15 26/03/ PAG /03/2014 Sea Handling senza via d'uscita MALPENSA - L ora della verità su Sea Handling scocca alle 15 ieri nella palazzina amministrativa Linate. Ed è una verità molto amara, per quanto ampiamente prevista, quella enunciata dal presidente Pietro Moano: il Gruppo Sea non può detenere il 100% della newco Airport Handling, al massimo - e si adopererà per questo - può arrivare al 49%, quin con l apertura all ingresso dei privati salta il presupposto sindacale e fondante dell accordo del 4 novembre Ma non nella parte della cassa integrazione in SeaH e dei contratti solidarietà nella spa che continuano come nulla fosse per i pendenti della prima e i della seconda, fatti salvi gli esentati rigenti dalle gran buste paga e i tre manager dai superstipen. Con l azionista maggioranza della società gestione, il Comune Milano, che a questo punto dovrà pur battere un colpo e dare qualche risposta. A cominciare da quella a un quesito venuto inevitabile: il sindaco Giuliano Pisapia, ex parlamentare comunista e adesso a capo una maggioranza centrosinistra a guida Pd, deciderà introitare comunque nelle casse Palazzo Marino i milionari viden del gestore aeroportuale anche fronte ai sacrifici imposti ai suoi 5mila lavoratori complessivi? Sulla metà dei quali, per altro, resta alto il rischio soccupazione. Insomma, la cruda realtà chiarata su Sea Handling dà la stura a una serie domande ormai inelubili dall azionista maggioranza e pure da quello minoranza F2i. Appunto sui viden, ma anche sul piano industriale Sea (che fine ha fatto il documento preparato da Boston Consulting?), sulla mancanza un rettore generale, sugli esuberi richiesti dalla nascita della newco. Perché qui c è in ballo il futuro una grande azienda, migliaia lavoratori, e del suo territorio destinato a subire gravi ricadute sociali. Dunque, il summit ieri. Da un lato del tavolo ci sono il presidente Moano, il chief corporate officier Luciano Carbone (600mila euro all anno stipeno), il responsabile del personale ed estensore del piano e membro del cda Airport Handling Massimiliano Crespi (muto tutto il tempo della riunione). Dall altro lato ci sono i vertici delle cinque sigle che hanno firmato l intesa del 4 novembre scorso, cioè Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl e Flai, più Usb e attraverso le rsu Cub. Risultato: Sea si prende una settimana tempo per confrontarsi con il governo Renzi, sebbene dopo l incontro tra il ministro Maurizio Lupi (Infrastrutture e Trasporti) e il commissario europeo Joaquin Almunia eci giorni fa il quadro è impietosamente chiaro, e cercherà garantire il passaggio dei pendenti alla newco sulla base dei principi del lavoro, della gnità e della sopravvivenza grazie alla sua presenza al 49%. In tale situazione potrebbe essere un aiuto, durante la concreta applicazione della continuità industriale che evita la sanzione da 450 milioni euro, se la Ue permettesse alla società nata morta chiudere contratti con le compagnie aree al fine lasciare un sorta eretà a favore del massimo dell occupazione e del minimo degli esuberi. E i sindacati? Tutti archiviano la procedura raffreddamento e, un minuto dopo la fine del confronto, avviano la nuova stagione degli scioperi, dei blocchi spontanei, della protesta. Naturalmente visi. Su una strada Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl e Flai. Su un altra Usb e Cub. Dice Liviano Zocchi (Uiltrasporti) dal primo fronte: «Abbiamo rotto le relazioni industriali con Sea. Con una lettera chieamo a Pisapia cosa intende fare. Ne manderemo una anche a Lupi e al prefetto Milano. Passiamo allo stato agitazione che prevede gli scioperi». Sottolinea Aldo Pignataro (Usb) dal secondo: «Si devono mantenere le maturate conzioni dei lavoratori nel passaggio alla newco. Che deve rimanere a controllo pubblico. Non si possono aprire le porte alle cooperative». Angelo Perna Angelo Perna PAG 12

16 26/03/ PAG /03/2014 La futura? «Un sastro» MALPENSA Era un no deciso contro il Masterplan che segnava la Maxi, continua a essere un no convinto anche fronte alla nuova bozza piano industriale che, pur mantenendo il tracciato una futura terza pista, cancella il polo logistico e mezza (da 400 a 200 ettari) le mire espansionistiche Sea in brughiera. Per i comitati ambientalisti nati attorno all aeroporto, i nuovi segni presentati al ministero dell Ambiente dalla società gestione dello scalo allo scadere del congelamento della procedura nove mesi, «non cambiano gli impatti negativi che il Masterplan porta con sé». A rlo con assoluta convinzione c è Viva via Gaggio da Lonate Pozzolo, i piemontesi del Covest e l Unicomal del Gallaratese, le tre sigle più rappresentative chi si oppone a un ulteriore ampliamento. «La terza pista cono da Lonate sarà sempre nella stessa posizione prima e con le stesse conseguenze prima: aumento del rumore a sud e delle popolazioni rettamente coinvolte, delocalizzazione o cancellazione della residenza via del Gregge e Via Sant Anna, interruzione della Via Gaggio e dell importante corridoio ecologico oggi esistente. In altre parole, la zona della nostra brughiera verrà cancellata per lasciare spazio agli hangar a supporto della terza pista». Al comitato Viva via Gaggio, dunque, poco importa che Sea abbia fatto una clamorosa quanto significativa marcia inetro sulla realizzazione del mega polo logistico, rinunciando ad allargarsi 200 ettari, ovvero 2 milioni metri quadrati, ovvero quattro volte la Città del Vaticano. Di certo Sea non si aspettava una stanng ovation, ma forse nemmeno una reazione così fredda, finanche provocatoria a leggere il commento Elena fondamentale per la salute dei Strohmenger, presidente del residenti». Gabriele Ceresa Covest, che la giuca «soltanto un abile manovra per sviare l attenzione dei territori». Spiegandosi meglio subito dopo, la palana degli ambientalisti d oltreticino sostiene che «in realtà il polo sarebbe comunque realizzato attraverso nuove procedure tramite gli strumenti urbanistici dei Comuni». Non sarebbe più Sea a costruirlo all interno del proprio seme, dove gli enti locali non possono chiedere Imu e oneri urbanizzazioni, ma gli stessi Comuni: in pratica, «Sea vorrebbe ridurre il fronte lombardo in cambio entrate certe per le casse pubbliche e ipotesi sviluppo economico», ma il danno ambientale resta identico. Da Gallarate, il portavoce dell Unicomal Lombara ribasce la propria contrarietà al Masterplan e poi si concentra su un altro annoso problema, i voli notturni, chiedendo ai sindaci del Cuv intervenire. «La nostra proposta al Cuv scrive è legare alla propria storia l'applicazione del blocco dei voli notturni, togliendo ogni dubbio sul ruolo positivo della propria esistenza. Come? Chiedendo, con la necessaria convinzione, il rispetto del Dpr 496 dell'11 cembre 97 e del 476 del 09 settembre 99, come già incato a suo tempo dall ex presidente Ancai Mario Aspesi, prima rifugiarsi tra le amorevoli braccia mamma Sea. La norma è chiara, basta rivencarne l'applicazione. Anche perché la pratica volare notte senza autorizzazione è l ennesima illegalità questo aeroporto che non rispetta le leggi. Riusciranno i nostri eroi, con l accordo unanime nove Sindaci in rappresentanza dei loro circa 97mila cittani, a tagliare questo traguardo positivo ed utile per tutti i Comuni? E un bavaglio certo parziale per l aeroporto ma PAG 13

17 26/03/ PAG. 8 26/03/2014 Voli da Orio al Serio «Si vietino almeno i decolli notturni» dei voli da Orio al Serio a che avverrà dal 13 maggio fino al 2 giugno per consentire lavori alla pista dello scalo bergamasco. Un incremento per l aeroporto della brughiera pari 150 voli in più al giorno, tutti al Terminal 1, mentre l aumento dei passeggeri nelle tre settimane sarà pari a 600 mila.untrasferimento che preoccupa Unicomal (unione dei Comitati anti lombar) per le ricadute negative che porterà nel territorio per l aumento del rumore, delle emissioni in atmosfera e del traffico veicolare. «Siamo d accordo con Dario Balotta, responsabile per i Trasporti Legambiente Lombara chiara Beppe Balzarini, portavoce Unicomal - i voli potevano essere trasferiti a Montichiari che è sottoutilizzato». Balzarini fa subito l elenco dei problemi che questo trasferimento porterà con sé a cominciare dal traffico veicolare. «TUTTI quei passeggeri che si sarebbero mossi ad est spiega il rappresentante dell Unione dei comitati per arrivare a creeranno ulteriore aumento traffico nelle tangenziali e nella già drammatica A8». Non solo, «aumenteranno inquinamento acustico ed emissioni in atmosfera, un regalo cui il territorio avrebbe fatto volentieri a meno». Altro motivo preoccupazione l incremento dei voli notturni, vero tasto dolente. A tale proposito Balzarini lancia una proposta ai sindaci dei 9 comuni del Cuv, spiega: «Li invitiamo spiega - a chiedere il blocco dei voli notte. Esistono due decreti presidenziali che sono chiari, ma sono menticati, decreti che cono che i voli notte devono essere autorizzati, versamente c è lo stop dalle 6 alle 23. A il problema esiste, allora i sindaci, considerando che ci sarà un incremento dell attività notturna con il trasferimento dei voli da Orio, si facciano sentire, chiedano il rispetto delle norme che vuol re tutelare la qualità della vita dei cittani. Le norme sono chiare». PAG 14

18 26/03/ PAG /03/2014 Blue Panorama fuori dal concordato Scatta l'amministrazione straornaria MALPENSA La fine della procedura concordato preventivo e l ingresso in procedura amministrazione straornaria, in attesa dell investitore straniero tanto auspicato per uscire dalla turbolenza finanziaria e rilanciare il vettore. A chiararlo sono gli stessi vertici Blue Panorama, il vettore charter con sede a Gallarate e Roma. Con una nota ramata ieri informano che «in data 27 gennaio abbiamo chiesto l ammissione all amministrazione straornaria e dunque l abbandono della procedura concordato preventivo in continuità» e che «il 17 marzo scorso il tribunale Roma ha decretato la nomina del commissario giuziale incato dal ministero dello Sviluppo economico». I giuci hanno inoltre stabilito che «la gestione dell impresa sia lasciata al fondatore della compagnia aerea». Alla cloche Blue Panorama, dunque, resta il presidente Franco Pecci. E proprio lui a ribare l esistenza trattative per l ingresso nella compagnia un nuovo investitore internazionale, «per stabilizzarci e tornare a investire» esattamente come sta avvenendo per Alitalia («Servono altre Etihad», aveva sottolineato nei giorni scorsi l imprentore). La richiesta del concordato preventivo avvenne nel 2012, rendendo palesi le fficoltà dell azienda più volte denunciate anche dagli assistenti volo con una serie presi sotto la sede gallaratese e successivamente non nascoste dallo stesso patron. Confermando la continuità dell impresa, Blue Panorama ieri ha confermato anche la piena operatività aerea: «Tutti i voli e le altre attività sono pienamente regolari e proseguiranno senza alcuna interruzione. La compagnia ha già pubblicato nei sistemi l operativo lungo raggio fino al 28 marzo 2015». G.C. G.C. PAG 15

19 25/03/ PAG /03/2014 congelata per due ore Disagi e ritar: ed è solo l inizio MALPENSA Si ferma l aeroporto : per due ore, dalle 7.30 alle 9.30 ieri mattina, i lavoratori Sea Handling, ma anche Sea, hanno bloccato le attività. Fermo il personale addetto al carico e scarico bagagli, gli agenti rampa, gli autisti, i coornatori scalo. E questo è solo il primo atto una primavera che si prospetta incandescente. A rischio anche i 150 voli in più al giorno che da Bergamo saranno trasferiti in brughiera il 13 maggio. Il no della commissione europea a una nuova società pubblica (Airport Handling) che si occupi servizi aeroportuali a terra, non va giù ai pendenti Sea. Blocco anche a Linate Se il gestore e Linate dovràscompariredalnuovoassetto societario o essere soltanto socio minoranza, sarà battaglia. Venerdì scorso il blocco per due ore Linate. Ieri mattina i due terminal con 15 voli in partenza che hanno subìto ritar tra i 60 e i 90 minuti e altri 50 voli che, nel corso della giornata, almeno fino alle tre del pomeriggio, sono rimasti coinvolti, come in una reazione a catena, dai ritar accumulati in mattinata decollando con un ritardo superiore ai 15 minuti rispetto all orario previsto. Tempi attesa lunghi anche per il ritiro dei una delle proteste dei lavoratori Sea Handling: la situazione è tesa bagagli. Se, infatti, per i voli in arrivo nelle due ore blocco è stata portata la scala per far scendere i passeggeri e sono stati sbarcati passeggini e see a rotelle per viaggiatori con ridotta mobilità, i bagagli non sono stati riconsegnati fino al termine dell agitazione spontanea culminata in un assemblea in piazzale tra lavoratori e rappresentanti sindacali Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl e Flai Ts. «Esce la rabbia dei lavoratori» «È solo l inizio» riporta Monica Avanzi, Rsu Filt. «Sta uscendo tutta la rabbia dei lavoratori che non vogliono rassegnarsi alla decisione dell Ue tagliar fuori Sea, ossia un socio pubblico, da una grande azienda handling». Spiega Avanzi: «Noi non siamo contro le privatizzazioni tout court, ma contro l affidamento degli scali aeroportuali italiani alle cooperative che precarizzano il lavoro e compiono dumping sociale». Netto anche il parere Andrea Orlando (Flai Ts): «La strada incata dalla Commissione europea (Sea non potrà superare il 51% in Airport Handling) non è percorribile.nonciaffideremoaun trust e non ci sono spazi meazione. Se il ministro Lupi ha preso accor con la Commissione europea senza sentirci prima, ha sbagliato». Oggi, nell incontro previsto a Linate tra il presidente Sea Pietro Moano e le organizzazioni sindacali, l azienda ufficializzerà la propria posizione e sarà rottura con il sindacato. 1 A.Ped. PAG 16

20 25/03/ PAG /03/2014 Altro blocco prima degli scioperi MALPENSA - Secondo colpo campana. Altra assemblea sindacale a sorpresa ieri tra le 7.30 e le 9.40, ovvero in un momento della mattina particolarmente operativo, per alzare il tono della protesta contro l intransigenza della Commissione europea sul caso Sea Handling. Questa volta, dopo il primo blitz venerdì scorso a Linate, il blocco va in scena a : 300 pendenti si fermano, 150 partecipano al battito con i rappresentanti delle cinque sigle che hanno firmato l accordo con l azienda per la cassa integrazione in SeaH e i contratti solidarietà nella spa in cambio della nascita della newco Airport Handling al 100% controllata da Sea, quinci voli atterrati riescono a far scendere i passeggeri che devono poi attendere a lungo i bagagli, altrettanti aerei in decollo partono soltanto un ora o un ora e mezza dopo il previsto. Insomma, stesso cliché dell altro giorno con risultati un po più pesanti (coinvolto il doppio dei velivoli) per aprire la strada all incontro in programma oggi alle 15 nella palazzina amministrativa del Forlanini con il presidente Pietro Moano e la rigenza della società gestione aeroportuale. Summit che si preannuncia come semiformalità o qualcosa del genere, quello oerno, vista la procedura raffreddamento già ampiamente avviata. Anche perché Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl e Flai, cioè i sindacati che hanno firmato l intesa del 4 novembre 2013 in funzione della newco antisanzione europea da 450 milioni euro, dopo nove mesi contenimento forzoso preoccupazioni (legittime, tenuto conto come è andata a Bruxelles) e insofferenza dei pendenti a rischio soccupazione (il fallimento SeaH è un opzione purtroppo sempre presente), hanno capito che ormai l unica arma a sposizione è alzare il livello della lotta. Sicché, per quanto appaiano comunque tentativi sperati e utili più a salvare l onorabilità sindacale che altro, è quasi scontata la riapertura della stagione degli scioperi. Del resto, pur avendo creato sagi a compagnie e passeggeri, le due assemblee a sorpresa con blocco delle attività handling non avranno nemmeno fatto il solletico a una Commissione europea che da sempre sul caso chiede evitare la temuta protesta sociale. Nel frattempo resta il problema. Il ministro Maurizio Lupi (Infrastrutture e Trasporti), incontrato il commissario europeo Joaquin Almunia due settimane fa, è tornato da Bruxelles cendo che bisogna trovare una soluzione. Il che si traduce nell ingresso privati nella newco: i nomi che circolano sono sempre gli stessi, Menzies Aviation e Aviapartner. Tanto che, quasi non fosse passato tutto questo tempo, torna con prepotenza alla mente molti il Piano B dell ex presidente Giuseppe Bonomi che contemplava almeno 739 esuberi e appunto una compartecipazione azionaria in ossequio alla scontinuità industriale pretesa dalla Ue. Un progetto che i sindacati non avrebbero potuto assecondare nemmeno a volerlo, tanto da porre come conzione Sea quale unico proprietario della nuova società. Proprio su tale presupposto, con rassicurazioni politiche a questo punto incomprensibili oltre che prive fondamento (non può essere soltanto il cambio un funzionario alla Commissione europea a mandare a monte l operazione), l autunno scorso, è nata Airport Handling. Adrittura Sea per darle forza le ha fornito tre suoi rigenti: David Crognaletti in qualità rettore sottratto al vertice del cruciale settore aviation, nonché il responsabile del personale Massimiliano Crespi (estensore sia del famoso Piano B sia quest ultimo) e il rettore aeroportuale e Linate Roberto Belloni inseriti nel cda della newco. Che al momento è destinata a rimanere una scatola vuota. Con tutte le pesanti conseguenze del caso. Angelo Perna Angela Perna PAG 17

MALPENSA: LA TERZA PISTA A cura di Beppe Balzarini

MALPENSA: LA TERZA PISTA A cura di Beppe Balzarini Somma Lombardo, 28 novembre 2009 CONVEGNO: STRUMENTI PER CAPIRE MALPENSA Organizzato da C.U.V. (Comitato Urbanistico Volontario) CONTRIBUTO DI UNI.CO.MAL. LOMBARDIA (Unione Comitati del Comprensorio di

Dettagli

Il nuovo Master Plan dell aeroporto di Milano Malpensa 1. Valutazione di Impatto Ambientale problemi, criticità e contraddizioni

Il nuovo Master Plan dell aeroporto di Milano Malpensa 1. Valutazione di Impatto Ambientale problemi, criticità e contraddizioni Il nuovo Master Plan dell aeroporto di Milano Malpensa 1. Valutazione di Impatto Ambientale problemi, criticità e contraddizioni Il nuovo Master Plan di Malpensa SEA si pone come obbiettivo il potenziamento

Dettagli

Accessibilità e connettività per i trasporti a medio e lungo raggio in Lombardia

Accessibilità e connettività per i trasporti a medio e lungo raggio in Lombardia Accessibilità e connettività per i trasporti a medio e lungo raggio in Lombardia Indice Analisi congiunturale Indicatori di accessibilità 2 Analisi congiunturale 3 Aeroporti e segmenti di mercato Mercato

Dettagli

LA LOMBARDIA PER IL RILANCIO DI MALPENSA E PER LA SOLUZIONE DELLA CRISI ALITALIA

LA LOMBARDIA PER IL RILANCIO DI MALPENSA E PER LA SOLUZIONE DELLA CRISI ALITALIA Nel corso degli ultimi dieci anni, la Lombardia ha fortemente investito in una strategia di rafforzamento dell accessibilità aerea propria e dell Italia settentrionale, operando per il rafforzamento della

Dettagli

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA Intervento Giuseppe Castelli Vice Presidente Assolombarda Seminario LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA Sala Falck Assolombarda 10 febbraio 2009 Tutte le relazioni

Dettagli

Con riferimento alla richiesta di pronuncia di compatibilità ambientale ai sensi dell art.26 del D.lgs 152/06 e

Con riferimento alla richiesta di pronuncia di compatibilità ambientale ai sensi dell art.26 del D.lgs 152/06 e .., /.. /.. Al Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. OGGETTO : Valutazione di Impatto Ambientale ai sensi dell art.26 del D.lgs 152/06 e s.m.i. relativa al nuovo Master Plan

Dettagli

I vantaggi della liberalizzazione per Malpensa

I vantaggi della liberalizzazione per Malpensa idee per il libero mercato di Andrea Giuricin La caduta del Governo Prodi avrà sicuramente delle conseguenze sulla partita aperta tra Alitalia e Malpensa. Se da un lato è positivo il fatto che la riforma

Dettagli

i dossier ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta 661 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 L intervista al Corriere della Sera Sull entrata di Poste

Dettagli

RISPOSTA ORALE ALL INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI LONFERNINI E MENICUCCI, DEPOSITATA IL 27.02.2012

RISPOSTA ORALE ALL INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI LONFERNINI E MENICUCCI, DEPOSITATA IL 27.02.2012 RISPOSTA ORALE ALL INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI LONFERNINI E MENICUCCI, DEPOSITATA IL 27.02.2012 Interpelliamo il Governo per conoscere dettagliatamente 1) le modalità del trattamento riservato a un giovane

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

NEWS FLASH TRASPORTI N 2 LUGLIO 2012 A cura delle Politiche di Programmazione Economiche e Finanziarie

NEWS FLASH TRASPORTI N 2 LUGLIO 2012 A cura delle Politiche di Programmazione Economiche e Finanziarie N 2 LUGLIO 2012 A cura delle Politiche di Programmazione Economiche e Finanziarie g.serafini@uil.it NEWS FLASH TRASPORTI NEWS FLASH TRASPORTI A cura del Servizio Politiche di Programmazione Economiche

Dettagli

IV Commissione consiliare (Trasporti)

IV Commissione consiliare (Trasporti) IV Commissione consiliare (Trasporti) Lavori settima dal 7 all 11 gennaio 2008 In commissione Trasporti l audizione dei rappresentanti dell autotrasporto. I problemi dell autotrasporto sardo sono stati

Dettagli

4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE

4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE Densità di autovetture circolanti nelle città metropolitane (fonte: Istat, 1998; auto circolanti per chilometri quadrati di territorio comunale) 4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE 4.1. LE AUTO SEMPRE PADRONE

Dettagli

QUADERNI DELL AVIAZIONE CIVILE COLLANA DEL CENTRO STUDI DEMETRA DOSSIER MALPENSA. Pierluigi Di Palma Roberta Sara Paviotti.

QUADERNI DELL AVIAZIONE CIVILE COLLANA DEL CENTRO STUDI DEMETRA DOSSIER MALPENSA. Pierluigi Di Palma Roberta Sara Paviotti. QUADERNI DELL AVIAZIONE CIVILE COLLANA DEL CENTRO STUDI DEMETRA DOSSIER MALPENSA di Pierluigi Di Palma Roberta Sara Paviotti Prefazione di Giovanni Minoli EDIZIONI Quaderni dell Aviazione Civile Collana

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

Prefattibilità dell Aeroporto di Latina. Latina, 28/02/2007

Prefattibilità dell Aeroporto di Latina. Latina, 28/02/2007 Prefattibilità dell Aeroporto di Latina Latina, 28/02/2007 Attività svolte 1. Definizione dello scenario di riferimento 2. Identificazione dei fattori di successo dell aeroportualità minore a livello europeo

Dettagli

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni.

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni. 1 Prima di qualsiasi altra valutazione, vorrei soffermarmi su tre considerazioni, per me fondamentali per meglio definire il contesto in cui si sviluppa la nostra azione o le nostre pratiche sindacali,

Dettagli

COMITATO PER LA RIDUZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE DELL'AEROPORTO DI CIAMPINO

COMITATO PER LA RIDUZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE DELL'AEROPORTO DI CIAMPINO AEROPORTO ROMA CIAMPINO: COSTANTE RUMORE DIURNO E NOTTURNO, CON VALORI TRA 58,2 E 85 DECIBEL CON LENZUOLA ANTISMOG E NUOVI ALLARMANTI DATI SUL RUMORE, LEGAMBIENTE E COMITATO RIDUZIONE IMPATTO AEROPORTO

Dettagli

LO SVILUPPO E L ADEGUAMENTO INFRASTRUTTURALE DEI GRANDI AEROPORTI NAZIONALI ROMA, MILANO, VENEZIA

LO SVILUPPO E L ADEGUAMENTO INFRASTRUTTURALE DEI GRANDI AEROPORTI NAZIONALI ROMA, MILANO, VENEZIA DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE AEROPORTI E SPAZIO AEREO LO SVILUPPO E L ADEGUAMENTO INFRASTRUTTURALE DEI GRANDI AEROPORTI NAZIONALI ROMA, MILANO, VENEZIA AGENDA 1. IL PIANO NAZIONALE AEROPORTI 2. I

Dettagli

Pioggia battente ma con la crisi Taxi fermi ai posteggi

Pioggia battente ma con la crisi Taxi fermi ai posteggi Pioggia battente ma con la crisi Taxi fermi ai posteggi La crisi corre anche in taxi. «Pensi che in queste mattinate di maltempo, con la città allagata e la pioggia battente, abbiamo avuto anche 47 macchine

Dettagli

Il quadro globale del trasporto aereo e le prospettive per gli aeroporti italiani

Il quadro globale del trasporto aereo e le prospettive per gli aeroporti italiani Mobility Conference 9 febbraio 2009 Il quadro globale del trasporto aereo e le prospettive per gli aeroporti italiani Oliviero Baccelli vice-direttore CERTeT Bocconi e direttore MEMIT (Master in Economia

Dettagli

SEA: Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di Bilancio 2011

SEA: Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di Bilancio 2011 SEA: Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di Bilancio 2011 Risultati 2011 in crescita rispetto all esercizio 2010 Ricavi gestionali 1 : 579,3 milioni di Euro (+5,3%) EBITDA gestionale 1

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ATTUARI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ATTUARI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Roma, 17 maggio 2012 A tutti gli Iscritti all Albo e p.c. Al Consiglio dell Ordine Nazionale degli Attuari Ai Comitati Regionali All Istituto Italiano degli Attuari Prot. n. 066/2012

Dettagli

Fa stato il discorso orale. Egregi signori, Gentili signore,

Fa stato il discorso orale. Egregi signori, Gentili signore, Discorso pronunciato dal Consigliere di Stato Michele Barra in occasione dell inaugurazione del Convegno Sfide e opportunità della grande mobilità organizzato da Lions Regio Insubrica Mendrisio, 5 ottobre

Dettagli

Sciopero a Oriocenter per apertura fino a mezzanotte

Sciopero a Oriocenter per apertura fino a mezzanotte Sciopero a Oriocenter per apertura fino a mezzanotte BERGAMO / L Oriocenter, centro commerciale a Bergamo, prolungherà grazie agli effetti della manovra Monti il suo orario di apertura fino a mezzanotte

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Segreteria Nazionale Via Farini, 62-00185 Roma Tel. +39 06 48903773-48903734 Fax: +39 06 62276535 coisp@coisp.it www.coisp.it

Segreteria Nazionale Via Farini, 62-00185 Roma Tel. +39 06 48903773-48903734 Fax: +39 06 62276535 coisp@coisp.it www.coisp.it Segreteria Nazionale Via Farini, 62-00185 Roma Tel. +39 06 48903773-48903734 Fax: +39 06 62276535 coisp@coisp.it www.coisp.it COISP COORDINAMENTO PER L INDIPENDENZA SINDACALE DELLE FORZE DI POLIZIA Prot.

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

Segreteria Nazionale Via Farini, 62-00186 Roma Tel. +39 06 48903773-48903734 Fax: +39 06 62276535 coisp@coisp.it www.coisp.it

Segreteria Nazionale Via Farini, 62-00186 Roma Tel. +39 06 48903773-48903734 Fax: +39 06 62276535 coisp@coisp.it www.coisp.it Segreteria Nazionale Via Farini, 62-00186 Roma Tel. +39 06 48903773-48903734 Fax: +39 06 62276535 coisp@coisp.it www.coisp.it COISP COORDINAMENTO PER L INDIPENDENZA SINDACALE DELLE FORZE DI POLIZIA Prot.

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/6 MISSIONE IN CALABRIA 11 marzo 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 15.00. PRESIDENTE. Buongiorno. La Commissione la ringrazia. Ci scusiamo, ma come sempre siamo in

Dettagli

ALITALIA: NEL 2008 DECOLLA IL NUOVO NETWORK. Conferenza Stampa martedì 5 febbraio 2008 ore 11.00

ALITALIA: NEL 2008 DECOLLA IL NUOVO NETWORK. Conferenza Stampa martedì 5 febbraio 2008 ore 11.00 COMUNICATO STAMPA ALITALIA: NEL 2008 DECOLLA IL NUOVO NETWORK PRESENTAZIONE DEL NUOVO NETWORK PER LA STAGIONE SUMMER 2008 Conferenza Stampa martedì 5 febbraio 2008 ore 11.00 Il 31 marzo 2008 parte il nuovo

Dettagli

Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia

Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia MCE 2010 Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia 9 febbraio 2010 Giuliano Asperti, Vice Presidente di Assolombarda Saluto di apertura Premessa Nella giornata di apertura della Mobility

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Camera dei Deputati 17 Audizione 8

Camera dei Deputati 17 Audizione 8 Camera dei Deputati 17 Audizione 8 XVI LEGISLATURA COMMISSIONI RIUNITE V-XIV SEDUTA DEL 27 SETTEMBRE 2011 a partire dal 2018 andrà avanti il nuovo sistema di finanziamento al bilancio comunitario, con

Dettagli

Che la formazione degli insegnanti sia sempre considerata un investimento importante da sostenere e promuovere.

Che la formazione degli insegnanti sia sempre considerata un investimento importante da sostenere e promuovere. Diritto all istruzione La legge 94 del 2009 (il pacchetto sicurezza di Maroni) introduce il superamento di un test di lingua italiana per l ottenimento e il mantenimento di alcune tipologie di permesso

Dettagli

Carige prepara l'aumento In campo investitori esteri Il titolo è salito in Borsa

Carige prepara l'aumento In campo investitori esteri Il titolo è salito in Borsa APPROVATO IL BILANCIO Carige prepara l'aumento In campo investitori esteri Il titolo è salito in Borsa Banca Carige prepara l'aumento di capitale da 800 milioni e se l'obiettivo è fare in modo che resti

Dettagli

GIORGIO MOTTOLA Chiedo scusa, io avevo preso il biglietto ad Alta Velocità per il treno delle 14.20. Posso prendere questo?

GIORGIO MOTTOLA Chiedo scusa, io avevo preso il biglietto ad Alta Velocità per il treno delle 14.20. Posso prendere questo? IL BIGLIETTO INFLESSIBILE di Giorgio Mottola CLAUDIA DI PASQUALE Tutto si gioca sull Alta Velocità. Intanto i pendolari si devono arrangiare perché sembra che non interessino a nessuno. Ma i passeggeri

Dettagli

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI Grazie mille Gianni e grazie mille alla fondazione Italcementi Pesenti per questo invito. Credo che oggi il punto fondamentale sia cercare di ragionare su quella

Dettagli

Tutte le bugie del governo sul clima

Tutte le bugie del governo sul clima Tutte le bugie del governo sul clima Roma, 17 ottobre 2008 Il Consiglio europeo del 16 ottobre ha confermato tempi ed obiettivi del Pacchetto Clima e Energia, ma l Italia continua a chiedere più flessibilità

Dettagli

SANITÀ: A FEBBRAIO SCIOPERI MEDICI FAMIGLIA FIMMG CONTRO MANOVRA

SANITÀ: A FEBBRAIO SCIOPERI MEDICI FAMIGLIA FIMMG CONTRO MANOVRA SANITÀ: A FEBBRAIO SCIOPERI MEDICI FAMIGLIA FIMMG CONTRO MANOVRA Roma, 14 gen. (Adnkronos/Adnkronos Salute) - I medici di famiglia della Fimmg pronti a dare battaglia contro gli effetti della manovra 'salva-italià

Dettagli

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA Cod.: PGA.GR.1-IO.2.M1 Rev. 1 Data: 02-01-2014 Ufficio Relazioni con il Pubblico Pagina 1 di 5 Data 12 Novembre 2014

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA Cod.: PGA.GR.1-IO.2.M1 Rev. 1 Data: 02-01-2014 Ufficio Relazioni con il Pubblico Pagina 1 di 5 Data 12 Novembre 2014 Pagina 1 di 5 rassegna stampa Data 12 Novembre 2014 IL CITTADINO Lodi Codogno Dopo il rifiuto di Rossi, non si placa la polemica Casale Sant Angelo Lodigiano L Asl dice addio a Villa Cortese: gli uffici

Dettagli

MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta della Lega Nord ora è realtà

MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta della Lega Nord ora è realtà Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e siti web Regione Lombardia) MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta

Dettagli

III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI

III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI Alessandro PROFUMO: Sarebbe stato un grande piacere essere qui con voi questa mattina, ma il Comitato esecutivo dell ABI mi ha impegnato

Dettagli

La Rassegna Stampa di FederLab Italia

La Rassegna Stampa di FederLab Italia Rassegna Stampa del 06.06.2011 - a cura dell Ufficio Stampa di FederLab Italia Il ministro; «Modello ai riferimento per il Paese» Fazio ora torna a lodare il sistema sanitario siciliano PALERMO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Alitalia apre nuovi voli e migliora performance su dati di traffico, puntualità e riconsegna bagagli.

COMUNICATO STAMPA. Alitalia apre nuovi voli e migliora performance su dati di traffico, puntualità e riconsegna bagagli. COMUNICATO STAMPA Alitalia apre nuovi voli e migliora performance su dati di traffico, puntualità e riconsegna bagagli. Alitalia, grazie ai forti recuperi di efficienza e produttività del personale navigante

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Identificazione Utenti

Identificazione Utenti ALLEGATO: DESCRIZIONE DEL TEST DI USABILITÀ BritishAirways a. OBIETTIVI DEL TEST Verificare la correttezza delle funzionalità principali del sito, trovare eventuali ambiguità e ridondanze. b. METODOLOGIA

Dettagli

NEWS FLASH TRASPORTI N 1 LUGLIO 2012

NEWS FLASH TRASPORTI N 1 LUGLIO 2012 N 1 LUGLIO 2012 A cura delle Politiche di Programmazione Economiche e Finanziarie g.serafini@uil.it A cura del Servizio Politiche di Programmazione Economiche e Finanziarie MOBILITA T.P.L. ASSTRA ANAV

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

di informazione asimmetrica:

di informazione asimmetrica: Informazione asimmetrica In tutti i modelli che abbiamo considerato finora abbiamo assunto (implicitamente) che tutti gli agenti condividessero la stessa informazione (completa o incompleta) a proposito

Dettagli

Newsletter. Notiziario settimanale 2-8 dicembre 2002. È illecito inviare e-mail a catena. I Garanti UE chiedono privacy per i passeggeri sugli aerei

Newsletter. Notiziario settimanale 2-8 dicembre 2002. È illecito inviare e-mail a catena. I Garanti UE chiedono privacy per i passeggeri sugli aerei Newsletter Notiziario settimanale È illecito inviare e-mail a catena I Garanti UE chiedono privacy per i passeggeri sugli aerei 1 Newsletter 2002 È ILLECITO INVIARE E-MAIL A CATENA Nuovo intervento del

Dettagli

LA METROPOLITANA DI ORLY

LA METROPOLITANA DI ORLY LA METROPOLITANA DI ORLY Il secondo scalo della capitale francese si presenta come un esempio di aeroporto collegato al centro urbano mediante una linea metropolitana, anche se con i limiti di un percorso

Dettagli

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE B ECONOMIA SIC. E SINDACALE Cooperativa Cesame. Berretta (Pd): Rinascita Cesame motivo di soddisfazione per tutta la città. Sapere che il marchio Cesame tornerà sul mercato e pensare che questa battaglia

Dettagli

CRO:SANITA' 2011-07-28 16:52 SANITA': TICKET; D'ANNA, DIRETTIVE PRECISE SU APPLICAZIONE NAPOLI

CRO:SANITA' 2011-07-28 16:52 SANITA': TICKET; D'ANNA, DIRETTIVE PRECISE SU APPLICAZIONE NAPOLI CRO:SANITA' 2011-07-28 16:52 SANITA': TICKET; D'ANNA, DIRETTIVE PRECISE SU APPLICAZIONE NAPOLI (ANSA) - NAPOLI, 28 LUG - "Ho diffidato il governatore della Campania Stefano Caldoro ad emanare una direttiva

Dettagli

8.624.333 (+12,3%) i passeggeri transitati nel sistema aeroportuale di Venezia e Treviso.

8.624.333 (+12,3%) i passeggeri transitati nel sistema aeroportuale di Venezia e Treviso. COMUNICATO STAMPA SAVE AEROPORTO DI VENEZIA: Il C.d.A. approva il Progetto di Bilancio dell esercizio 2007 Risultati in crescita e dividendi raddoppiati Fatturato consolidato in crescita del 40,8% a 310,8

Dettagli

DIPARTIMENTO ORGANIZZAZIONE 9 Congresso: ripartizione quote invitati. Comunicazione Freschi & Schiavone TRASPORTO MERCI

DIPARTIMENTO ORGANIZZAZIONE 9 Congresso: ripartizione quote invitati. Comunicazione Freschi & Schiavone TRASPORTO MERCI DIPARTIMENTO ORGANIZZAZIONE 9 Congresso: ripartizione quote invitati TRASPORTO MERCI Comunicazione Freschi & Schiavone AF Petroli e AF Logistica conferimento ramo di Azienda Silvio Bertani Group conferma

Dettagli

MANOVRA ECONOMICA 2009

MANOVRA ECONOMICA 2009 MANOVRA ECONOMICA 2009 Rassegna stampa on line 25 luglio 2008 a cura dell ufficio stampa Anaao Assomed CONTRO LA MANOVRA SCIOPERO D'OTTOBRE L'INTERSINDACALE PRESENTA INIZIATIVE DI PROTESTA. UNA DELLE

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona

Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona Congresso Commissioni giuridiche ACI- Napoli - Riflessioni su : Patente di guida

Dettagli

VIABILITA' ( BENKO) AREALE FERROVIARIO 3 BINARIO BOLZANO ZI ORA. Pagina 1 di 20

VIABILITA' ( BENKO) AREALE FERROVIARIO 3 BINARIO BOLZANO ZI ORA. Pagina 1 di 20 VIABILITA' ( BENKO) AREALE FERROVIARIO 3 BINARIO BOLZANO ZI ORA Bolzano Eurac 30.1.2015 Pagina 1 di 20 Dott. Parolin Incontro del 9.1.2015 a EURAC: Pagina 2 di 20 VIABILITA' Viale stazione diventa parco

Dettagli

FerroVie! Il trasporto ferroviario merci in Italia: effetti della crisi economica e impiego delle risorse pubbliche

FerroVie! Il trasporto ferroviario merci in Italia: effetti della crisi economica e impiego delle risorse pubbliche FerroVie! Il trasporto ferroviario merci in Italia: effetti della crisi economica e impiego delle risorse pubbliche Martedì 25 novembre 2014 Ore 9.45 Piazza Capranica, 72 Roma Introduzione di Lodovico

Dettagli

Euro Stoxx 50 (indice)

Euro Stoxx 50 (indice) Euro Stoxx 50 (indice) AGGIORNAMENTO del 27 novembre 2011 Trimestrale Considerata l elevata escursione settimanale del prezzo diamo uno sguardo ai percorsi trimestrali. 10 8 6 L aspetto è veramente preoccupante,

Dettagli

FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE

FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE Ancora una VOLTA il SAPPE RINGRAZIA la SENSIBILITA del PRAP di BARI che E VENUTA INCONTRO alle ESIGENZE della POLIZIA PENITENZIARIA e perché NO alle RICHIESTE di

Dettagli

IL NOSTRO FACT-CHECKING SU DUE ANNI DI GOVERNO RENZI «TAVOLO 2: SICUREZZA E IMMIGRAZIONE»

IL NOSTRO FACT-CHECKING SU DUE ANNI DI GOVERNO RENZI «TAVOLO 2: SICUREZZA E IMMIGRAZIONE» a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Forza Italia 1024 IL NOSTRO FACT-CHECKING SU DUE ANNI DI GOVERNO RENZI «TAVOLO 2: SICUREZZA E IMMIGRAZIONE»

Dettagli

- SERVIZI DI PULIZIA - SISTEMAZIONE DEL VERDE

- SERVIZI DI PULIZIA - SISTEMAZIONE DEL VERDE IL GRUPPO SOGAER SOGAER S.p.A. GESTIONE AEROPORTUALE N Occupati 130 SOGAERDYN SERVIZI DI HANDLING N Occupati 111 Tempo indet 22 Tempo det. SOGAER SECURITY SERVIZI DI SICUREZZA N Occupati 93 Tempo indet

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Domenica, 14.09.2014. Il Secolo XIX - Ed. Levante. La Repubblica 1 La giungla dell eterologa dai ticket ai limiti d età le Regioni

RASSEGNA STAMPA. Domenica, 14.09.2014. Il Secolo XIX - Ed. Levante. La Repubblica 1 La giungla dell eterologa dai ticket ai limiti d età le Regioni RASSEGNA STAMPA Domenica, 14.09.2014 Il Secolo XIX - Ed. Levante 1 Regioni, il piano: l esenzione ticket scatterà a 67 anni La Repubblica 1 La giungla dell eterologa dai ticket ai limiti d età le Regioni

Dettagli

Procedura Internal Dealing Pag. 1

Procedura Internal Dealing Pag. 1 Internal Dealing 1 Numero della procedura: Data prima emissione: Numero pagine: Ultima revisione: 14_ Internal Dealing Gennaio 2007 15 Funzione emittente: Investor Relator Funzioni coinvolte: Tutte le

Dettagli

I risultati dell esercizio 2002

I risultati dell esercizio 2002 Comunicato stampa 25 marzo 2003 I risultati dell esercizio 2002 Nel 2002, SWISS International Air Lines ha realizzato una cifra d affari di CHF 4 278 milioni, chiudendo i conti con una perdita di CHF 980

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO ICCSAI International Center for Competitiveness Studies in the Aviation Industry Il sistema aeroportuale lombardo: sviluppi passati, contesto attuale e prospettive. di

Dettagli

Comunicato ai lavoratori e-utile FERIE NO! FERIE. SI!

Comunicato ai lavoratori e-utile FERIE NO! FERIE. SI! FERIE NO! FERIE. SI! Veniamo a conoscenza che i Responsabili OGGI stanno obbligando le proprie risorse a pianificare entro fine anno il residuo ferie arretrato. Gli stessi Responsabili IERI hanno negato

Dettagli

Leggi gli articoli stampa

Leggi gli articoli stampa Leggi gli articoli stampa IL SOLE 24 ORE giovedì 15 marzo 2012 I sindacati contro sindaco e Profumo Prendiamo atto che il nuovo che avanza è rappresentato da ex amministratori delegati, super milionari

Dettagli

Le nuove società di comodo e le conseguenze Iva a cura di Norberto Villa

Le nuove società di comodo e le conseguenze Iva a cura di Norberto Villa Il Punto sull Iva Le nuove società di comodo e le conseguenze Iva a cura di Norberto Villa L articolo 2, co.36-duodocies del D.L. n.138/11 stabilisce che sono considerati non operativi gli enti e le società

Dettagli

Municipio di Lumino Pag. 1

Municipio di Lumino Pag. 1 Municipio di Lumino Pag. 1 concernente la trasformazione del prestito che il Comune di Lumino vanta nei confronti della Funivia Pizzo di Claro SA di CHF 120'000 in capitale azionario (di pari importo)

Dettagli

UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO PAGINA / 0

UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO PAGINA / 0 PAGINA / 0 RASSEGNA STAMPA UNISANNIO 11/04/2012 Indice IL SANNIO QUOTIDIANO 2 Governance del patrimonio culturale. Si discute del Castello di Limatola 3 Settima edizione del convegno nazionale promosso

Dettagli

Delibera n. 114/ 2015

Delibera n. 114/ 2015 Delibera n. 114/ 2015 Chiusura del procedimento sanzionatorio avviato con Delibera 70/2015 nei confronti di Trenitalia S.p.A. ai sensi del decreto legislativo 17 aprile 2014, n. 70, recante la disciplina

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015

i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015 1024 www.freefoundation.com www.freenewsonline.it i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015 17 maggio 2015 a cura di Renato

Dettagli

TENDENZE GENERALI DI SPESA

TENDENZE GENERALI DI SPESA Dicembre 2009 I SEMESTRE 2009: SI E TOCCATO IL FONDO? Uvet American Express I DATI PIÙ SIGNIFICATIVI DEL 1 SEMESTRE 2009 TREND DI SPESA BIGLIETTERIA AEREA Diminuzione delle spese di viaggio Continua a

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CICLICO FS- BORSA ATTENZIONE: ATTENDI QUALCHE SECONDO PER IL CORRETTO CARICAMENTO DEL MANUALE APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CHE UTILIZZO PER LE MIE ANALISI - 1 - www.fsborsa.com NOTE SUL

Dettagli

Autore Data email. Proposta di Secondo Sondaggio sull'aeroporto Gino Lisa di Foggia (in corsivo e in grigio un esempio che potete cancellare)

Autore Data email. Proposta di Secondo Sondaggio sull'aeroporto Gino Lisa di Foggia (in corsivo e in grigio un esempio che potete cancellare) Autore Data email Proposta di Secondo Sondaggio sull'aeroporto Gino Lisa di Foggia (in corsivo e in grigio un esempio che potete cancellare) Nr. Dom anda Testo della domanda Risposte Note sulle risposte

Dettagli

LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA REGIONALE E IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DELLA CAMPANIA: UN QUADRO DI INSIEME

LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA REGIONALE E IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DELLA CAMPANIA: UN QUADRO DI INSIEME LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA REGIONALE E IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DELLA CAMPANIA: UN QUADRO DI INSIEME Con la firma del CIR 2012/2013, avvenuta il giorno 15 maggio

Dettagli

FIRENZE FIRENZE SI RINNOVA

FIRENZE FIRENZE SI RINNOVA AEROPORTI FIRENZE FIRENZE SI RINNOVA L aeroporto del capoluogo toscano ha inaugurato nel dicembre scorso la nuova aerostazione passeggeri con la quale, in attesa del prolungamento della pista e del complessivo

Dettagli

SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito

SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito SEGRETO 3: Come IO ho investito in immobili a reddito Vediamo adesso i conti di due operazioni immobiliari che ho fatto con la strategia degli immobili gratis a reddito. Via Nevio Via Nevio è stata la

Dettagli

29-SET-2015 pagina 1 foglio 1

29-SET-2015 pagina 1 foglio 1 29-SET-2015 pagina 1 foglio 1 26-SET-2015 pagina 1 foglio 1 25-SET-2015 pagina 1 foglio 1 / 2 25-SET-2015 pagina 1 foglio 2 / 2 27-SET-2015 pagina 1 foglio 1 / 2 27-SET-2015 pagina 1 foglio 2 / 2 27-SET-2015

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

ESERCITAZIONE SUL LAVORO DI GRUPPO BLOCCATI NELLA NEVE

ESERCITAZIONE SUL LAVORO DI GRUPPO BLOCCATI NELLA NEVE In questo esercizio esplorerete il concetto di sinergia di team. Lavorando dapprima individualmente e successivamente in team, sarete in grado di valutare la forza del gruppo nel modificare o rinforzare

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

i dossier TOBIN TAX www.freefoundation.com 10 gennaio 2012 a cura di Renato Brunetta

i dossier TOBIN TAX www.freefoundation.com 10 gennaio 2012 a cura di Renato Brunetta 22 i dossier www.freefoundation.com TOBIN TAX 10 gennaio 2012 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY (1/2) 2 L incontro Sarkozy-Merkel del 9 gennaio 2012 ha rilanciato la Tobin Tax sulle transazioni

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA Doc. XXII n. 21 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa dei senatori PONTONE e FLORINO COMUNICATA ALLA PRESIDENZA IL 17 OTTOBRE 2003 Istituzione di una Commissione

Dettagli

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI MENGHI E MUNAFO DEL COMITATO ANNA MENGHI IN MERITO AL PROGETTO DEL PERCORSO PEDONALE MECCANIZZATO NELLA GALLERIA DEL COMMERCIO.

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli