news Archivio Storico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "news Archivio Storico"

Transcript

1 Archivio Storico news NEWSLETTER N. 22 LUGLIO 2014 In primo piano / Studi e Ricerche / Pubblicazioni / Eventi Inventari / Biblioteca Storica / Fonti Iconografiche e Audiovisive / Archivi del Gruppo / Acquisizioni / Curiosità IN QUESTO NUMERO Una sinergia virtuosa Il lavoro di ricerca e salvaguardia delle carte del patrimonio immobiliare p. 2 EDITORIALE I documenti del patrimonio immobiliare di Intesa Sanpaolo Dall archivio storico alla documentation strategy Francesca Pino Aggiornata la mappa storica del Gruppo Monti di pietà e Mediocrediti regionali entrano nelle pagine web a disposizione degli utenti p. 4 Nuova luce sul patrimonio IMI Recuperate e inventariate le carte degli immobili dell Archivio storico IMI p. 6 IN REDAZIONE Direzione Francesca Pino Coordinamento Barbara Costa Realizzazione editoriale Nexo, Milano Hanno collaborato a questo numero Matilde Capasso Paola Chiapponi Carla Cioglia Silvia Guagliumi Rossella Laria Alessandro Mignone Giancarla Moscatelli Sara Pedrazzini Chiara Rinaldi Elena Sommaruga Newsletter a cura di Archivio Storico Intesa Sanpaolo Via Morone Milano In questo numero della Newsletter si celebra un obbiettivo perseguito a lungo e finalmente raggiunto: quello di individuare, selezionare e inventariare i giacimenti preesistenti della documentazione immobiliare e architettonica (tra magazzini urbani, archivi di deposito e uffici della Direzione Immobili), ricordando, in parallelo, i cospicui progressi nella curatela della documentazione fotografica sugli stessi. Il lavoro ha coinvolto i tre patrimoni milanesi (Cariplo, Bav e Comit) e l IMI di Roma e ci ha portato a pubblicare online gli inventari di oltre 500 faldoni. A seguito dei processi di fusione, infatti, la Direzione Immobili aveva ricreato il proprio working archive dei documenti di proprietà, delle pratiche edilizie ordinarie o legate ai beni vincolati dalle Soprintendenze ai Beni architettonici, e trattenendo altri dati e studi di valore; aveva potuto utilizzare il materiale disponibile negli uffici, senza poter procedere all indietro nella documentazione più remota, la quale, tra l altro, in taluni casi era praticamente irreperibile. D altro canto l Archivio storico, constatando che i vuoti nella documentazione antica ereditata erano macroscopici, ha avviato come di dovere ricerche per completare le acquisizioni, con l aiuto e il consenso dei colleghi della Direzione Immobili, tornando a segnalare i documenti utili per l operatività corrente. Nell ultimare i grandi lavori di inventario, siamo ora a proporre di alzare l asticella della qualità, con operazioni di approfondimento quali: 1) identificare le valutazioni complessive dei patrimoni immobiliari stilate in epoche diverse da ciascun Istituto, come validi quadri di contesto; 2) cercare di reperire le carte e i disegni di progetti di costruzione o riadattamento, specialmente nei casi in cui siano intervenuti architetti famosi su committenza delle nostre banche; 3) collegare il contestuale riordinamento delle fotografie storiche, che sta consentendo da qualche tempo l incrocio delle informazioni e l identificazione degli artisti, ivi compresi i realizzatori di opere scultoree e decorative. In questo modo, il tradizionale lavoro d ordine degli archivisti assume una connotazione proattiva - quella che nella teoria nordamericana è chiamata documentation strategy - e che è particolarmente valida per gli archivi di concentrazione di fondi archivistici diversi. La strategia vede molto coinvolti i colleghi della Direzione Immobili (di cui ospitiamo con piacere un intervento In primo piano), soprattutto nei recuperi della documentazione (ormai multimediale) dei progetti architettonici di maggiore spicco, fino al nuovo grattacielo di Renzo Piano, di imminente inaugurazione a Torino. 1. Sede della Comit di Roma, 1922, foto Vasari; 2. Loggia d Ercole di Palazzo Leoni Montanari, Vicenza, [ ], foto Tapparo & Trentin 3. Disegno di progetto per Palazzo Fodri a Cremona, [ ] 4. Sede IMI di via Quattro Fontane, Roma, [ ]

2 N. 22 LUGLIO Una sinergia virtuosa La collaborazione fra la Direzione Immobili e l Archivio storico per la salvaguardia delle carte del patrimonio immobiliare Elena Sommaruga* Linea conduttrice delle varie attività che svolge la Direzione Centrale Immobili del nostro Istituto è la gestione e la valorizzazione del vasto patrimonio immobiliare in proprietà di Intesa Sanpaolo e delle banche e società del Gruppo. L obbiettivo è quello di garantire la massima efficienza ed efficacia nei servizi di progettazione, ristrutturazione e manutenzione in capo alla Direzione. Nell ottica del più razionale utilizzo in termini di costi, superfici e valore dei palazzi ad uso strumentale, molta importanza viene data sempre di più all attività di archiviazione e raccolta documentale. Frequente è in questa fase il reperimento di materiali utili per la vasta attività che svolge l Archivio storico di Intesa Sanpaolo, quali scritture, disegni di progetti e fotografie. La recente mostra sul Palazzo Comit di Luca Beltrami ha consolidato la stretta collaborazione tra la Direzione Immobili e l Archivio storico con la testimonianza delle molte fotografie d epoca, raccolte La Serie Corrispondenza dell Ufficio Immobili della Banca Commerciale Italiana, Carla Cioglia È stata recentemente aperta alla consultazione l ultima parte dell archivio dell Ufficio Immobili denominata fin dall origine Corrispondenza. È suddivisa in due sottoserie (filiali italiane e estere) e le carte coprono un arco cronologico che va dal 1906 al 2002 per un totale di 82 cartelle complessive (la consultazione è libera fino agli anni Settanta). Questa serie permette di seguire il percorso di ogni filiale, dalla scelta dell istituzione alla valutazione degli immobili, all acquisto o all affitto dello stabile prescelto, ai lavori per l apertura e per eventuali ristrutturazioni significative, fino alla chiusura stessa. Particolarmente interessante è la corrispondenza con gli architetti che si occuparono dei lavori di ristrutturazione o realizzazione degli edifici. Tra le carte troviamo testimonianza del lavoro di Carlo Emilio Aschieri, Vittorio Ballio Morpurgo, Saverio Dioguardi, Giorgio Giorgi di Vistarino, Agenore Soncini, Gigiotti Zanini. Il materiale, che è molto abbondante dagli anni 50, periodo che vide effettivamente un intenso fervore edilizio, risulta invece e catalogate nel dedicato Quaderno fotografico. La ricerca di sempre nuove informazioni ed il lavoro di salvaguardia documentale, rafforzato dalla tecnologia digitale a disposizione, possono aprire nuovi orizzonti ad una sempre più fattiva attività di collaborazione tra le due strutture. In quest ottica si inserisce l intrapresa raccolta di materiali a testimonianza dei grandi progetti firmati da grandi architetti. Esempi fra i più recenti sono la costruzione del Nuovo Centro Direzionale di Torino progettato da Renzo Piano e le sale del percorso museale delle Gallerie d Italia di Piazza della Scala a Milano firmate dall architetto Michele De Lucchi. Il valore storico e artistico di tutto quanto verrà reso disponibile - compresi i filmati delle varie fasi di cantiere nonché degli incontri progettuali con gli architetti - diventano parte integrante di questo grande lavoro. *Intesa Sanpaolo Group Services, Ufficio Patrimonio carente per i primi due decenni del secolo. Un eccezione a questo riguardo è Roma, di cui si conserva un carteggio tra l architetto Marcello Piacentini e Pietro Fenoglio, risalente all epoca della costruzione dello stabile (anni Venti). Per le filiali estere - dove prevalgono le carte relative alla seconda espansione territoriale della Comit dalla fine degli anni 60 - è interessante il carteggio tra l Ufficio Immobili e l architetto Gino Valle in occasione della ristrutturazione dell edificio di One William Street, sede della Banca Commerciale Italiana a New York. Cospicua è la presenza dei ritagli di stampa che riflettono le polemiche e il consenso suscitati nella realtà locale da interventi di grande entità. Da segnalare sono anche le corrispondenze legate all attività di artisti, pittori, scultori per dotare i palazzi della Comit di opere d arte, di cui il più assiduo è lo scultore Francesco Barbieri. Per quanto riguarda le filiali estere è ricca la corrispondenza relativa all acquisto e installazione di opere d arte contemporanea, talvolta corredata da fotografie ed INCONTRI ED EVENTI From Factory to FaceBook Alcune riflessioni sulla conferenza annuale dell ICA/SBL Barbara Costa Il aprile scorso si è svolta a Londra la annuale conferenza dell International Council on Archives (ICA), Section for Business and Labour Archives (SBL) dedicata quest anno al tema From Factory to FaceBook. New ways to engage with business archives. Scopo della conference è stato quello di confrontarsi sull utilizzo efficace dei social media per promuovere - passo ulteriore e per certi versi più maturo rispetto all atto del valorizzare - gli archivi d impresa e per supportare i cambiamenti che stanno avvenendo al loro interno. L idea era quella di presentare soprattutto casi concreti - di business archives ma anche di archivi di altri enti - al fine di mostrare con quali modalità, aspettative e risultati essi abbiano usato una molteplicità di risorse web, e i social media in particolare, come strumento di comunicazione, anche per la salvaguardia degli archivi d impresa a rischio di sparizione. Le esperienze presentate erano molto variegate e per alcuni versi agli antipodi, ma quasi tutte hanno ruotato intorno ad un cardine, gli utilizzatori dell Archivio, vero target di ogni processo comunicativo. Il ruolo storicamente assunto dall archivista, quello cioè di mediazione fra il documento e il suo fruitore, non deve dunque tralasciare l aspetto essenziale della comunicazione, e per questo gli archivi devono sforzarsi di sviluppare una serie di strumenti di comunicazio-

3 N. 22 LUGLIO elenchi. Di un certo interesse per la storia locale sono le numerose segnalazioni di calamità naturali (alluvioni, come quella di Firenze del 1966, e terremoti) e qualche ritrovamento di beni artistici e archeologici, come l affresco del Quattrocento ritrovato a Brescia. Infine è da segnalare la notevole quantità di fotografie conservata all interno delle due sottoserie: sono oltre 3300 per le filiali italiane e più di 600 per le filiali estere. Accanto alle fotografie meno significative (relative ai lavori di ristrutturazione o alle vicende minute della vita delle filiali) abbiamo numerose immagini delle facciate dei palazzi storici, dell apertura e dell allestimento delle filiali estere (spesso conservate in album), dei particolari dell arredamento e della vita quotidiana delle filiali. A titolo di esempio, citiamo il diario di lavoro scritto dall ingegner Renato Salvadori in occasione della costruzione della filiale di Istanbul corredato da 48 fotografie originali dall inizio dei lavori fino all apertura della sede di Palazzo Agopyan Han (1956). Prima pagina del diario - giornale tenuto dall ing. R. Salvadori, 9 marzo 1955 Le carte della città ideale Cariplo Progetti, planimetrie, mappe catastali e fotografie del patrimonio immobiliare dell Istituto Barbara Costa e Sara Pedrazzini Nel 1979 Giordano Dell Amore, presidente ormai dimissionario della Cariplo, ricordava la grande espansione immobiliare, per molta parte avvenuta proprio sotto la sua presidenza: nel Museo storico della Cariplo esiste un espressivo plastico il quale dimostra che l Istituto dispone oggi di un complesso di immobili di propria pertinenza (sempre valutati una sola lira) tale da costituire, nell insieme, un grande centro urbano capace di accogliere una popolazione superiore ai 100 mila abitanti. Il plastico della città ideale - così lo chiamavano tutti e in parte è ancora conservato nell Archivio storico - riproduceva in miniatura e fedelmente tutti gli immobili di proprietà, circa quattrocento palazzi: filiali e case di abitazione, edifici monumentali e case per le vacanze, aziende agricole, magazzini, centri sociali, un collegio universitario e persino delle chiese (come quella di San Giuseppe in via Verdi a Milano). Comunicazione inviata all Ispettorato per la difesa del risparmio e per l esercizio del credito relativa all acquisto di uno stabile ad Assisi, 5 giugno 1940 ne, che si affianchino e potenzino quelli di descrizione inventariale. E che la mediazione sia diventata un fatto di comunicazione è un concetto molto forte nei paesi di cultura anglosassone. Esperienze come il sito dei National Archives britannici - - fanno toccare con mano che cosa vuol dire cogliere le opportunità del web, coniugando una eccezionale articolazione delle risorse alla ricchezza dei contenuti. Appunto, i contenuti: sono loro che possono fare la differenza. Proprio su questo punto però è emersa la divaricazione fra le esperienze degli archivi di grandi multinazionali (Coca Cola, Unilever, ecc.) impegnati in modo quasi esclusivo nel supporto alle funzioni dell azienda - quelle del marketing ma anche quelle della internal communication - e quella di istituti come l Archivio storico della Bank of England o della Royal Bank of Scotland, il cui approccio metodologico ci è apparso estremamente convincente: all archivista viene chiesto di elaborare una strategia ma anche di dare conto in modo dettagliato della sostenibilità dell investimento (e in questo senso, le relazioni hanno spesso fornito veritieri resoconti delle risorse investite e delle criticità incontrate). Infatti, l accettazione delle sfide che il digitale offre si lega inscindibilmente alla questione fondamentale della scelta del modello di gestione da adottare. Nel 2015, il 15 e 16 giugno, la conference dell ICA/SBL si terrà a Milano, città dell EXPO, e sarà promossa dall Archivio storico di Intesa Sanpaolo. Una prima bozza del titolo, ancora non definitiva, recita: Core competences for Business Archivists? The ever changing requirements for skills, knowledge and technology.

4 N. 22 LUGLIO Fino al 1954 era il Servizio Tecnico ad occuparsi della gestione di questo ingente patrimonio (dal 1934 fu affiancato dal Servizio Gestione Espropri limitatamente a quegli immobili divenuti di proprietà dell Istituto a seguito di espropriazione coattiva). Il grande incremento degli stabili di proprietà avvenuto nel dopoguerra indusse gli amministratori ad affiancare al Tecnico anche il Servizio Amministrazione Immobili. Il primo si occupava in particolare della progettazione e costruzione di nuovi stabili e delle ristrutturazioni, della manutenzione e degli impianti; al secondo spettavano la gestione delle operazioni di compravendita e delle affittanze, nonché la sorveglianza della gestione attraverso ispezioni periodiche. Le pratiche relative al patrimonio immobiliare della Cariplo, comprese fra gli anni Venti del 900 e il 2000 interamente riordinate e inventariate, contengono per lo più documentazione prodotta dai due servizi sopra citati e sono state versate in diverse tranches all Archivio storico; purtroppo, negli scorsi decenni, l Archivio ha subìto significative perdite dovute a ingenti operazioni di macero effettuate dagli uffici. Il fondo archivistico comprende sia la documentazione sui palazzi di direzione, sia quella sulle dipendenze e stabili diversi. Recentemente, anche grazie all importante sinergia con la Direzione Immobili, è stato portato a termine il lavoro di riordino e inventariazione della serie documentale denominata Dipendenze e stabili diversi, composta da 180 faldoni. La serie, a sua volta divisa in sottoserie, comprende: - dipendenze A-Z: immobili o parti di essi di proprietà Cariplo o in affitto in cui si trova una filiale della Cassa; - stabili diversi: immobili di proprietà destinati a svariati utilizzi (per esempio la Casa al mare di Alassio o la Colonia marittima di Follonica, ma anche i Magazzini Generali); - immobili estero: locali in affitto sedi di Uffici di Rappresentanza e filiali; - stabili del Fondo Pensioni: non di proprietà diretta Cariplo, ma gestiti di fatto dall Istituto. Le tipologie di documenti conservate comprendono: progetti, planimetrie, mappe catastali, documenti di acquisto, contratti di affitto, fotografie (oggetto di uno specifico progetto di selezione e inventariazione che ha riguardato oltre immagini), relazioni di stima del valore commerciale dello stabile, delibere del Comitato esecutivo della Cariplo. Questo fondo archivistico, molto eterogeneo e variegato, si presta per l approfondimento di molteplici discipline e viene sin d ora messa a disposizione degli utenti la documentazione fino alla metà degli anni Settanta. Tra le curiosità, segnaliamo la pratica relativa all acquisto, nel 1940, di un immobile ad Assisi in via del Seminario 5 destinato a ricoverare valori ed archivi in caso di emergenza ; la pratica fu definita il 6 giugno 1940, qualche giorno prima dell entrata in guerra dell Italia. Importanti documenti per la storia dell architettura si trovano nelle pratiche relative a palazzi storici divenuti sedi di filiali: è il caso, solo per citare due esempi, di Palazzo Fodri a Cremona (cfr. n. 15 del novembre 2012) e del Palazzo della Cassa di Risparmio di Voghera, di cui avremo modo di parlare nei prossimi numeri. Plastico della città ideale, 1962 Aggiornata la mappa storica del Gruppo Inseriti i profili di oltre 50 Monti di pietà e Mediocrediti regionali Alessandro Mignone Da qualche settimana è disponibile on line all'indirizzo l'aggiornamento della mappa storica di Intesa Sanpaolo. Prosecuzione del lavoro svolto nel 2010 (cfr. Newsletter n.8, gennaio 2011), quando furono censiti oltre 250 istituti all'origine dell'attuale gruppo bancario, la ricerca si è concentrata questa volta sulle incorporazioni di Monti di pietà e Mediocrediti regionali che, per la loro particolare natura, si era scelto di trattare in sede separata. Per la redazione dei profili storici sono state utilizzate sia fonti a stampa sia archivistiche e, come per la prima parte della ricerca, anche questa volta si è dimostrata indispensabile la consultazione dell'archivio storico della Banca d'italia per colmare alcune lacune di conoscenza dovute all'origine spesso molto antica dei Monti di pietà o, al contrario, troppo recente dei Mediocrediti. L'aggiornamento ha permesso di incrementare il totale degli istituti rilevati, portandolo ora ad oltre 300. Resta inteso che la ricerca è soggetta a continui aggiornamenti grazie anche all'intervento di studiosi o di semplici appassionati di storia locale che continuano a contribuire all'ampliamento della mappa attraverso le loro segnalazioni.

5 N. 22 LUGLIO L ultimo salvataggio: gli immobili del Banco Ambrosiano Veneto Ritrovata la documentazione degli anni Cinquanta-Settanta Paola Chiapponi FONTI ICONOGRAFICHE E AUDIOVISIVE Una foto, una storia: la filiale nel grattacielo Progetto di modifica delle aperture del palazzo di piazza Signoria a Firenze, Nei decenni passati il patrimonio archivistico del Banco Ambrosiano poi Banco Ambrosiano Veneto ha subìto numerosi spostamenti, essendo stato traslocato attraverso diversi uffici e da un archivio di deposito all altro. In tempi recenti il processo di accorpamento degli archivi di deposito in un archivio centralizzato dotato di piattaforma informatica - in cui sono stati registrati tutti i pacchi ivi custoditi - ha permesso di localizzare importanti serie archivistiche mancanti, tra queste la documentazione prodotta dall Ufficio Immobili, di cui non era disponibile alcuna lista di versamento. È stato così possibile identificare, selezionare, inventariare e aprire alla pubblica fruizione un archivio integro e molto ben conservato, fondamentale per ricostruire la storia del patrimonio immobiliare, del processo di apertura e chiusura delle filiali, del rapporto tra banca e territorio nonché per approfondire la storia economicasociale e anche dell architettura bancaria. La documentazione inventariata è per lo più relativa al periodo compreso tra gli anni Cinquanta e la fine degli anni Settanta, arco temporale in cui si determina lo sviluppo della rete territoriale e degli investimenti immobiliari. Ricordiamo che il patrimonio immobiliare degli istituti bancari non riguarda solo fabbricati adibiti a filiali, ma anche appartamenti e/o interi edifici acquistati specificatamente come bene rifugio. Per quanto riguarda la Banca Cattolica del Veneto, l ufficio produttore risulta particolarmente meticoloso: è presente un fascicolo nominativo, inventariato per località, in cui viene raccolta la documentazione suddivisa ordinatamente in sotto cartelle: atti di compravendita, autorizzazione della Banca d Italia, delibere del Consiglio di Amministrazione, corrispondenza con terzi (comune, vicini di proprietà, ditte responsabili dei lavori di ristrutturazione o di realizzazione di nuovi impianti), planimetrie e spesso fotografie. In qualche caso sono presenti anche modifiche al tracciato urbanistico della località; nei casi di palazzi di pregio sono allegate le relazioni di storici e di architetti. Sono inoltre state reperite, sia per la Banca Cattolica del Veneto che per il Banco Ambrosiano, le cosiddette perizie di stima realizzate a fine anni Settanta, particolarmente accurate: si tratta per entrambi gli istituti di schede singole (poi rilegate) relative a ciascuna proprietà, in cui sono presenti: la descrizione sommaria dell immobile, la data di costruzione, il volume complessivo, le finiture, gli impianti, il degrado globale (alcune perizie sono a fine assicurativo), le fotografie e la mappa di localizzazione nella singola località, la valutazione contabile. In particolare, si segnala il recupero delle perizie relative alla Banca Mobiliare Piemontese e al Banco d Imperia (istituti fusi nel 1977 dal Banco Ambrosiano), particolarmente preziose perché suppliscono a una quasi totale mancanza, almeno fino a questo momento, di altro tipo di documentazione. Nella documentazione sono presenti molte immagini che vanno a incrementare la sezione fotografica dell Archivio storico di Intesa Sanpaolo. Forse non tutti sanno che Milano vanta il primato di aver costruito il primo grattacielo più alto del mondo in cemento armato sito in piazza della Repubblica e inaugurato l 8 dicembre 1955 alla presenza del presidente della Repubblica Giovanni Gronchi: 117 metri d altezza, suddivisi in 29 piani serviti da dieci ascensori. L ingegnere Pio Cappelli ha diretto e organizzato l impresa che lo ha costruito. Il primato sarebbe passato pochi anni dopo al grattacielo Pirelli di piazza Duca d Aosta, noto come Pirellone, costruito sempre in cemento armato con una altezza pari a 123 metri. Siamo negli anni in cui Milano progetta e costruisce il proprio Centro direzionale. I primi sette piani del grattacielo sono adibiti a uffici; la hall possiede i servizi solitamente presenti in un grande albergo: l ufficio telegrafico, il giornalaio, il fiorista, il tabaccaio e una filiale del Banco Ambrosiano scorgiamo l insegna dell agenzia al piano terreno - progettata dall architetto Matteo Longoni e realizzata in collaborazione con l Ufficio Tecnico dell Istituto. La filiale si sviluppa sull angolo del grattacielo tra viale Tunisia e via Vittor Pisani, servendo una zona molto popolata nei pressi della Stazione Centrale; si presenta dotata di moderni mezzi tecnici: posta pneumatica, servizio postale e tele-

6 N. 22 LUGLIO Nuova luce sul patrimonio immobiliare IMI Terminato il lavoro di inventariazione del fondo Servizio Tecnico e Provveditorato Matilde Capasso Album fotografico sulla sede di viale dell Arte 25, , foto Tullio Leonori. Copertina della relazione di collaudo della sede di via Quattro Fontane, L archivio storico IMI, in linea con gli altri patrimoni del Gruppo, ha recentemente recuperato e inventariato le carte degli immobili concentrate nel fondo Servizio Tecnico e Provveditorato. Inizialmente denominato Ufficio Immobili, esso confluì negli anni nell ambito della Direzione Bilancio e Programmazione con la denominazione di Servizio Tecnico e Provveditorato. Le carte sono state riversate all Archivio storico nel 2009, in occasione del trasloco dell archivio di deposito dell IMI. Il fondo conserva le carte sugli immobili funzionali e gli immobili a destinazione diversa (compreso il piano di vendita attuato negli anni Ottanta), la documentazione riguardante le attività dell ufficio e quella relativa alle varie società di gestione immobiliare. Le tipologie di carte trovate sono varie: progetti con planimetrie, collaudi, stime degli immobili, alcuni atti di acquisto, corrispondenza e promemoria, carte delle società di gestione immobiliare, locazioni e fotografie. Molte sono le lacune riscontrate e non si esclude che in futuro si possano recuperare altre carte, presumibilmente conferite agli uffici decisionali per tracciare il patrimonio immobiliare nel momento dei vari processi di fusione (con il San Paolo nel 1998, e poi successivamente nel 2007 con Intesa). Per ora solo una parte del fondo sarà aperta al pubblico (36 buste). Tra le carte degli immobili funzionali troviamo la documentazione sulla costruzione di varie sedi dell IMI a Roma: negli anni 50 l edificio sede IMI e UIC (Ufficio Italiano Cambi) in via Quattro Fontane a Roma; all inizio degli anni 60, un edificio in viale dell Arte 68 ad uso ufficio; infine, negli anni 70, l immobile di viale dell Arte 25. Troviamo notizie e tracce degli immobili di sedi regionali e di società del gruppo a Firenze, Milano, Bari, Catania, Padova, Venezia, Genova, Torino, Bologna, Napoli, Londra e Washington. Molte sedi regionali erano poste all interno di palazzi nobiliari o sotto vincolo architettonico, come ad esempio nel Palazzo Piccioli a Firenze oppure in Palazzo Contarini Corfù utilizzato come sede di rappresentanza a Venezia. Invece, tra gli immobili a destinazione diversa, troviamo le carte riguardanti la costruzione del Circolo Sportivo dell IMI in località di Acqua Acetosa (Roma) e quelle relative a vari complessi edilizi ad uso abitativo e commerciale a Roma e Milano. In molti casi gli immobili furono acquistati dall IMI comprando pacchetti azionari di società immobiliari (Januense, Immobiliare Bella Venezia, Società Vittorio Edile, Valmauri, ecc.); in altri, occasioni di acquisizioni derivavano da normali attività della banca: è il caso, ad esempio, dell immobile con terreno in località Due Ponti (Roma), acquistato in seguito ad un contenzioso, e successivamente affidato in comodato d uso ad un organizzazione benefica. L analisi di altre fonti correlate consente di tracciare una precisa cronologia degli immobili acquistati dall IMI, di conoscere i nomi degli architetti coinvolti (ricorrenti gli studi Pediconi-Paniconi e Passarelli), e, in alcuni casi, di avere informazioni relative ad opere d arte acquisite o commissionate dall Istituto. L inventario ha offerto anche occasione di rilevare la consistente presenza di fotografie all interno delle pratiche, per cui è stato avviato in parallelo un progetto di catalogazione nella Sezione fotografica, che sarà argomento di approfondimento nel prossimo numero della Newsletter. grafico, locale corazzato per cassette di sicurezza. La fotografia, datata 8 dicembre 1955 (Bromofoto), è in realtà una cartolina stampata come "vera fotografia" (la qualità infatti è altissima), incollata all interno di una raccolta stampa del Banco Ambrosiano conservata nell Archivio storico di Intesa Sanpaolo. Una particolarità: l immagine ci mostra l edificio nella sua interezza, restituendo quindi il contesto in cui si collocava l agenzia del Banco; si tratta quasi di un unicum in quanto le immagini conservate ritraggono per lo più gli spazi dell agenzia e la sua inaugurazione. CURIOSITÀ Palazzo Leoni Montanari raccontato ai bambini Rossella Laria Tra i molti modi di raccontare la storia di un palazzo barocco del tardo Seicento sono pochi quelli che utilizzano un linguaggio semplice e immediato che sappia arrivare ai bambini. Lo fa il volume Invito a Palazzo Leoni Montanari. Storia di una famiglia vicentina e della sua fiabesca dimora edito nel 2000 dal Banco Ambrosiano Veneto, dedicato al palazzo vicentino che oggi ospita una sede delle Gallerie d Italia. Nella prima parte, illustrata ad acquerelli, si racconta la storia della famiglia partendo da quella di Antonio, il tessitore di un paesino dei colli Berici che, alla fine del 500, decise di tentare fortuna in città fondando la famiglia dei Montanari ; di suo figlio Bernardino che unì alle capacità tecniche paterne quelle commerciali; del giovane Giovanni Leoni che ereditò i possedimenti

7 N. 22 LUGLIO La costruzione di Milano dal 1860 al 1987 Mappe catastali e piani regolatori nel patrimonio cartografico della Cariplo (II parte) Barbara Costa e Chiara Rinaldi All interno della raccolta di mappe censuarie e cartografiche raccolte dalla Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde, di cui abbiamo scritto nello scorso numero della Newsletter, un discorso a parte merita la raccolta di mappe catastali e di piani regolatori relativi alla città di Milano, che copre un arco cronologico che va dal 1860 circa al 1987, per un totale di 65 mappe. Come noto, Milano ebbe la sua prima mappa censuaria dettagliata nel 1722, aggiornata poi nel 1751, alla ripresa delle operazioni catastali dopo l interruzione avvenuta fra 1733 e In questo secondo momento, oltre all aggiornamento, si procedette con la fondamentale misurazione e stima degli edifici. Un ulteriore adeguamento si ebbe in età napoleonica e, soprattutto dal 1818 con la realizzazione del Catasto Lombardo Veneto. Si ricorda che, dal punto di vista amministrativo, fino al 1873 Milano era di fatto divisa in due: la città racchiusa all interno delle cinquecentesche mura spagnole da una parte, e i cosiddetti Corpi Santi dall altra, vale a dire quella sorta di prolungamento della città posta a ridosso delle mura e costituito da insediamenti rurali e aggregati suburbani. Tra la fine dell Ottocento e i primi decenni del Novecento alcune zone esterne ai Corpi Santi (ad esempio Baggio) sono poi diventate a tutti gli effetti quartieri della città. Mappa censuaria della città di Milano, , foglio 21 (particolare): la piazza del Duomo subito dopo la ristrutturazione Se l interesse odierno per questa tipologia di documenti è soprattutto legato allo studio del territorio e della sua evoluzione nei secoli, non bisogna dimenticare che la raccolta del patrimonio cartografico di base catastale serviva agli uffici della Cassa di Risparmio e in particolare al Servizio Mutui e al Credito Fondiario per avere sotto controllo i confini amministrativi delle proprietà nel momento in cui esse venivano poste sotto ipoteca per approntare la pratica concessione di un mutuo. Milano e il suo hinterland rappresentavano per la Cassa di Risparmio la zona d azione privilegiata e di gran lunga economicamente più rilevante. Le mappe che rappresentano la città sono quattro: quella del 1875 e suoi aggiornamenti fino al 1901 (lustrazioni); 1902 e suoi aggiornamenti fino al 1905; 1929; Ogni mappa è divisa in alcune decine di fogli: quelle del 1902 e del 1929 arrivano ad un totale di 41 fogli per la descrizione di una Milano molto meno estesa di quella che conosciamo oggi. Infatti, la cartografia del comune milanese non comprende i Corpi Santi; la descrizione di questa porzione di territorio è divisa per porte. Disponiamo di 6 mappe per i Corpi Santi di Porta Romana ( ), 7 per Porta Garibaldi ( ), Porta Magenta e Porta Nuova (ante ), 8 per Porta Ticinese e Porta Venezia (ante ). Il Piano Regolatore Generale del 1953 è documentato nell addenda. Si conservano in Archivio 12 versioni del PRG che si differenziano fra loro per scala e tematica. Di questo Piano possediamo gli aggiornamenti fino al 1987 e alcune cartine più dettagliate di del nonno materno e alla sua morte aggiunse al proprio cognome quello dei Montanari, per arrivare alla costruzione del palazzo nella Contrada di Santa Corona, voluto con l obiettivo di farsi accettare dalla nobiltà vicentina. Nella seconda parte del libro, illustrata con fotografie e acquerelli, viene descritto il palazzo partendo dal rigore della sua facciata e fino alla ricchezza delle decorazioni delle sale interne, senza mai smettere di stuzzicare la fantasia dei bambini nella descrizione dei personaggi mitologici raffigurati. Il volume si conclude con Adesso giochiamo, allegato composto da 19 schede ludico-didattiche. L obiettivo viene ben illustrato nella dedica iniziale: a questi bambini, alla loro curiosità e simpatia, l Ambroveneto dedica il presente libro, con l augurio che le attuali, piccole, suggestioni di storia e d arte, contribuiscano a formare la ricchezza della loro memoria e l armonia delle loro future personalità. PUBBLICAZIONI "Luigi Guagliumi. Architetto, Ingegnere e Docente Universitario in Milano Silvia Guagliumi Questa agile monografia dedicata a Luigi Guagliumi, redatta e pubblicata dai figli ad un secolo di distanza dalla sua nascita, intende ricordare ed illustrare sinteticamente, attraverso la riproduzione di un ricco corredo di documenti, le varie fasi della vita professionale e della sua perso-

8 N. 22 LUGLIO alcune nuove zone. Infine un ultima curiosità: nel fondo sono conservate non solo le mappe, ma anche progetti di edifici di notevole interesse che furono in parte finanziati attraverso mutui fondiari concessi dalla Cassa di Risparmio: citiamo, ad esempio, il progetto della Galleria Vittorio Emanuele II dove la nuova struttura è sovrapposta alle particelle delle case (indicate con il nome del proprietario uscente) e il Macello di piazza Sant Agostino. Gli indici dei verbali del Consiglio di Amministrazione del Banco Ambrosiano Giancarla Moscatelli Gli indici dei verbali del Consiglio di Amministrazione del Banco Ambrosiano descrivono il processo di creazione, sviluppo e gestione della banca svoltosi nell arco di quasi un secolo. La serie, relativa al periodo , riguarda l indicizzazione di 20 volumi manoscritti, più 2 dattiloscritti, tutti in buono stato di conservazione. Le voci indicizzate sono 1036; il criterio di selezione e organizzazione formale degli argomenti, pur prendendo spunto da lavori analoghi sui verbali della Comit, ha necessariamente rispecchiato la natura dell Istituto. Il Banco, infatti, ha una serie di attività sue proprie, quali ad esempio la beneficenza. Il dettaglio e la strategica ridondanza di alcune voci, permettono di rintracciare facilmente gli argomenti, le attività e i personaggi rilevanti della Per la descrizione dettagliata delle singole mappe si rimanda alla catalogazione on line (http://intesasanpaolo.xdams.org > sezione Iconografia) E possibile consultare in rete l'atlante dei Catasti Storici e delle Carte Topografiche della Lombardia (http://archiviomilano.cineca.it) On-line sono anche disponibili le Mappe del Catasto Teresiano, del Catasto Lombardo-Veneto e del Nuovo Catasto Terreni dell'archivio di Stato di Milano (http://archiviomilano.cineca.it) Primo verbale del Consiglio del Banco Ambrosiano, 5 ottobre 1896 vita del Banco, offrendo quindi la possibilità di creare dei veri e propri percorsi di studio ed approfondimento personalizzati. I primi anni sono sicuramente i più interessanti dal punto di vista storico: poche persone riuniscono idee, ideali cattolici e risorse per creare una nuova banca con un solo sportello. Nelle loro prime riunioni emerge la necessità di far fronte alle contingenze, più che la messa a punto di strategie di mercato e le voci ci raccontano delle tante piccole imprese finanziate che vengono indicate nominalmente durante le sedute, per poi lasciare posto al libro fidi e scomparire definitivamente dai verbali negli anni a venire, salvo ritornare nel dopoguerra solo per le operazioni più rilevanti. Ai primi del 900 il Consiglio inizia a parlare di espansione territoriale: i profitti sono buoni, gli investimenti hanno prodotto i fondi necessari per iniziare ad aprire nuovi sportelli e nasce la voce filiali. Pagina dopo pagina, scorre quindi gran parte del 900, con i dipendenti richiamati al fronte della Grande Guerra prima e della Seconda Guerra Mondiale poi, con l ascesa del fascismo, i provvedimenti in materia bancaria e le azioni a salvaguardia del Banco e dei suoi dipendenti che si leggono tra le righe dedicate alle provvidenze ai famigliari e ai rapporti con la Banca d Italia. E dopo la guerra, però, che iniziano ad essere poste le premesse della banca moderna. Le voci degli indici diventano sempre più di carattere istituzionale e finanziario, nelle sedute si parla sempre più di immobili, partecipazioni, situazione valutaria e fusioni. Mentre le voci relative al personale, da sempre articolate e ricche di informazioni - tanto da supplire pienamente laddove ci siano lacune di materiale d archivio -, si riducono piano piano ad una semplice conta delle maestranze in essere. Il Consiglio diventa un organo di governo che registra, decide, investe, fa profitti. nalità attraverso la formazione universitaria, l'esperienza accademica, i progetti architettonici e urbanistici, le realizzazioni, le principali pubblicazioni e la mai sopita passione per gli acquarelli a tema storico-architettonico. Laureato nel 1937 nell'allora Istituto Superiore di Ingegneria, nel dopoguerra rientrato in Italia dopo la prigionia negli USA, sarà libero docente in Disegno I e II e Tecnica Urbanistica nella Facoltà di Ingegneria e di Elementi costruttivi alla Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano. Tra i numerosi concorsi a cui partecipa durante la lunga carriera professionale è da ricordare il primo premio nel Concorso Cisav per la progettazione del quartiere Saint Gobain di Pisa; si classifica primo fuori gara nel Concorso Internazionale per la realizzazione delle infrastrutture dell'aeroporto Intercontinentale Ezeiza di Buenos Aires. Collabora all'elaborazione dei Piani Regolatori di Milano, Verona e Brescia, alla pianificazione dei trasporti aerei ed alla progettazione degli Aeroporti in Lombardia. Realizza numerosi edifici tra i quali la sede commerciale in Milano dell'industria Farmaceutica Hoechst (casa madre a Francoforte) e la ristrutturazione ed ampliamento dell'ospedale Sant'Orsola di Brescia. Nei vari capitoli, attraverso le didascalie descrittive, i disegni e le illustrazioni, vengono sottolineati i caratteri distintivi della personalità professionale e della sua opera dagli esordi sino alla maturità per giungere al bilancio complessivo dell'attività svolta al servizio della società civile con i riconoscimenti delle istituzioni quali la Benemerenza e l'ambrogino d'oro del Comune di Milano e la Medaglia d'argento per i 35 anni di insegnamento presso il Politecnico di Milano nelle Facoltà di Ingegneria ed Architettura. Un capitolo è dedicato ai suoi contributi editoriali, in particolare sono riportati tre saggi pubblicati sulla rivista «Cà de Sass» (edita dalla Cariplo), tra cui un ricordo del sommo artista urbinate Raffaello Sanzio analizzato sotto il profilo di maestro della pittura e di architetto discepolo di Donato Bramante, del quale ricorre quest'anno il 500 anniversario della scomparsa. A completare il volume alcune suggestive immagini della vasta produzione di disegni e acquarelli presentati in bianco e nero e a colori. Il volume è disponibile per la consultazione nella sala di studio dell Archivio storico di Intesa Sanpaolo.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

CATASTO EDILIZIO URBANO

CATASTO EDILIZIO URBANO CATASTO, CARTOGRAFIA ED EDILIZIA collana a cura di Antonio Iovine catasto edilizio urbano AI5 MARIO IOVINE NICOLA CINO CATASTO EDILIZIO URBANO GUIDA PRATICA N.3 ESEMPI DI DICHIARAZIONI DI VARIAZIONI DI

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

La Real Solving Group nasce dall esperienza internazionale nel settore del problem solving con particolare propensione al facility menagement.

La Real Solving Group nasce dall esperienza internazionale nel settore del problem solving con particolare propensione al facility menagement. La Real Solving Group nasce dall esperienza internazionale nel settore del problem solving con particolare propensione al facility menagement. Alla base del progetto vi è l offerta alla necessità delle

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima Boccasile e altri 110 L ANONImA GrANDINE NEGLI ANNI trenta Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: manifesto con disegno di Ballerio (1935); calendario murale e manifesto con illustrazione di

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 922 DEL 12/11/2013 PROPOSTA N. 191 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Oppure passaggio all Urbano di un fabbricato rurale senza subalterni,

Oppure passaggio all Urbano di un fabbricato rurale senza subalterni, Schede esemplificative delle Tipologie di atti di aggiornamento attualmente trattate dalla procedura Pregeo 10 APAG Nella Tabella seguente sono riportate sinteticamente le tipologie di atti di aggiornamento

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Roma CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Castel Sant Angelo Sala Paolina Mostra su Giuseppe Garibaldi Tutt altra

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti INFORMAZIONI PERSONALI Paolo Degl Innocenti POSIZIONE RICOPERTA Responsabile di U.O. Agenzia del Demanio ESPERIENZA PROFESSIONALE Dal 1/7/2012 7/2006-6/2012 11/2005-7/2006 4/2004-10/2005 Responsabile Servizi

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

ACQUA CHE CANTA ACQUA CHE INCANTA: DOV E IL VALORE DEL LAVORO DELLE DONNE? Concorso Artistico per il recupero dei lavatoi

ACQUA CHE CANTA ACQUA CHE INCANTA: DOV E IL VALORE DEL LAVORO DELLE DONNE? Concorso Artistico per il recupero dei lavatoi ACQUA CHE CANTA ACQUA CHE INCANTA: DOV E IL VALORE DEL LAVORO DELLE DONNE? Concorso Artistico per il recupero dei lavatoi Bando e Regolamento L Associazione culturale La rosa e la spina di Villanuova sul

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

IL DIRIGENTE DI SERVIZIO

IL DIRIGENTE DI SERVIZIO Pag. 1 / 6 comune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA CULTURA E SPORT SERVIZIO MUSEO ARTE MODERNA REVOLTELLA REG. DET. DIR. N. 5164 / 2011

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Oltre che alla grande visibilità pubblica degli avvisi murali scritti, dei manifesti e

Oltre che alla grande visibilità pubblica degli avvisi murali scritti, dei manifesti e Piccola ma efficace 134 L ALtrA réclame: CArtOLINE, CALENDArIEttI, FIGUrINE, OPUSCOLI Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: blocco per annotazioni e corrispondenza delle Generali destinato

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli