CORTE DI APPELLO DI BRESCIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORTE DI APPELLO DI BRESCIA"

Transcript

1 ~ CORTE DI APPELLO DI BRESCIA Anno giudiziario 2014 <Rgfazione cfe{{a Presicfente çraziana Campanato Assemblea Generale - 25 gennaio 2014

2 Sommario PREMESSA... 3 CHI S IAMO: IL TERRITORIO ED I SUOI GIUDICI... 5 IL TERRITORIO LA POPOLAZIO E LE IMPRESE LA DOMANDA DI G IUSTIZIA SETTORE C IVILE SEZIONE SPECIALIZZATA IN MATERIA DI IMPRESA SEZIONE LAVORO SEZIONE FAMIG LIA E VOLONTARIA GIURISDIZ IONE SETTORE PENALE IL BILANCIO SOCIALE DELL'ANNO LA CORTE D'APPELL A) SETTORE CIV ILE :.: Cause delle più rilevanti disfimzioni Possibili rimedi anche di cara((ere orga11i::::ativo e concreti e prevedibili effe(( i delle più recenti riforme B) SETTORE PEN A LE Cause delle più rilevanti disfunzioni Possibili rimedi anche di cara((ere organizzativo CARATTERISTICH E FONDAMENTALI DEL FUNZIONAMENTO DELLA GIUSTIZIA NEL DISTRETTO A) DURATA DEI PROCESSI a. I) durata dei processi civili a.2) durata dei processi penali B) SIT UAZIONE DEGLI UFFICI DEL GIUDICE DI PACE C) MEDIAZIONE C IVILE C) ADOZIONE DI SISTEMI INFORMATIVI, IN PARTICOLARE PER PORTARE A CONOSCE ZA DEI G IUDICI DI MERITO LE PRONUNCE, DIFFORMI DA QUELLE IMPUGNATE, PRONU 'CIATE DALLA CORTE DI CASSAZIONE TEMATICHE CONCERNENTI I L SERVIZIO DI GIUSTIZ IA A) GIUSTIZI;\ PENALE B) GIUSTIZIA CIVI LE I) diri((o di famiglia con particolare riguardo alle separa:: ioni e ai divor::i ) proprieta industria/e ed i11telle((ua/e ) comroversie in materia di /a1 oro e di pre1k len::a e assisten::a obbligatoria ) fallimento e procedure concorsuali ) responsabilita ci1 i/e con particolare riguardo alla responsabilita della Pubblica Am111i11istra::ione ) Marchi e breve((i ) Equa riparazione ) esecu::ionejòr::ata con particolare riguardo al rilascio degli i111111obi/i IL FILTRO IN APPELLO REGOLE ADOTTATE PER UN FUNZIONA 1 IENTO PIÙ EFFIC IE 'T E DEL SETTORE CIVILE ATTUAZIO E DEL PROCESSO C IVI LE TELEMATIC O GIUSTIZ IA M INORILE DEFINIZ IONE DEI PROC EDIMENTI PENALI: TRIBUNALE E UFFICI DI SORVEGLIANZA DI BRESC IA E MANTOVA... 64

3 Corte di Appello - Brescia - pag. n. 2 TRIBUNALE E UFFICI DI SORVEGLIANZA LA SITUAZIONE PENITENZIARIA UN ULTERIORE TRAGUARDO: GESTIRE IL CAMBIAMENTO L'ATIIVAZl<;>NE DEI TAVOLI TECNICI LA.. NOSTRA,, SPENDING REWIEW GLI SVILUPPI DELL'INNOVAZIONE CONCLUSIONI - RINGRAZIAMENTI ALLEGATI CONTRIBUTO DEL PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA DI BRESCIA CONTRIBUTO DEL DIRETTORE DELLA CASA CIRCONDARIALE DI BRESCIA RELAZIONE DEL COMITATO PARI OPPORTUNITÀ PRESSO IL CONSIGLIO GIUDIZIARIO DELLA CORTE D'APPELLO DI BRESCIA STATISTICHE RELATIVE AL FUNZIONAMENTO DELLA GIUSTIZIA NEL DISTRETTO DI BRESCIA NEL PERIODO DI RIFERIMENTO 1 LUGLIO GIUGNO STATISTICHE RELATIVE ALLA MEDIAZIONE CIVILE NEL PERIODO DI RIFERIMENTO 1 LUGLIO GIUGNO

4 Corte di Appello - Brescia - pag. n. 3 RELAZIONE DELLA PRESIDENTE DELLA CORTE D'APPELLO DI BRESCIA DOTT.SSA GRAZIANA CAMPANATO SULL'AMMINISTRAZIONE DELLA GIUSTIZIA NEL DISTRETTO DI BRESCIA NEL PERIODO DALL'l LUGLIO 2012 AL 30 GIUGNO 2013 PREMESSA Al Signor Presidente della Repubblica, supremo garante dei valori costituzionali, il mio primo deferente saluto che rivolgo anche alle qui presenti autorità politiche, civili, militari e religiose, ai colleghi magistrati, agli avvocati, agli ospiti. Saluto i signori giornalisti che seguono con attenzione i problemi della giustizia di questo distretto, consapevole dell'importanza di una corretta e pronta informazione. Rivolgo il mio pensiero grato ai colleghi che hanno lasciato negli ultimi mesi la magistratura per il lavoro che hanno brillantemente svolto nel corso del loro servizio, formulo i migliori auguri ai magistrati che hanno preso servizio nel 2013 nel nostro distretto. Continua l'esodo di tanti magistrati che comporta un aggravamento dei cronici vuoti degli organici, ai quali non si sta indicando alcun rimedio, in un momento in cui la modernizzazione del sistema giudiziario dovrebbe imporsi come una priorità ineludibile.

5 1 ~.: :..:...'.J '., ~. :''r I,...-: ~~ ,.... '~ ~ -~ri : ;,.. ': '!. _;.. ~,.. ' I _; ~. ;!.. ;' ; J ; ' >: ~_,. t -~ I, :!.. ~.=.;.;.. ' :...t!'."; ::-- ;: 1,,._ ; \ I ,...,,.,,..... ;.,. :, ;.,...,. _,, ' -' ;! ~ ;.:. ~ : ; ~ ' ~} ~ ;..; :.. ;... ì ",, ~ -. ;..: : : i.':\. '.. :,- '. t!. ~... _,! ::. ~, '(,, '!.. ;! ;. \..... J :., ; L i l......,. ~ :

6 Corte di Appello - Brescia - pag. n. 5 CHI SIAMO: Il TERRITORIO ED I SUOI GIUDICI Gli uffici giudizi ari del distretto sono costituiti oltre che dalla corte d'appello e dalla re lativa procura generale, dal tribunale di sorveglianza, dal tribunale per i minorenni e da quattro tribunali ordinari (nell'anno 2013 il Tribunale di Crema è stato accorpato al Tribunale di Cremona) con le relative procu re (le sedi distaccate so no state tutte accorpate all' Ufficio Circondariale ); infine da 29 uffici del giudici di pace e da 4 uffici NEP (gli Uffici N. E.P. presso le sedi dist accate sono st ati accorpati all'ufficio Circondariale). I magistrati togati effettivamente in servizio sono 216 (a fronte di 265 previsti), così suddivisi: giudicanti 161 (a fronte di 197 previsti) - requirenti 55 (a fronte di 68 previsti). A questi si aggiungono i magistrati onorari (Giudici onora ri di Tribunale, Vice Procuratori onorari, Esperti del Tribunale di Sorveglianza, Co mponenti onorari del Tribunale per i Minorenni e della Sezione Minorenni presso la Co rte d'appello) effettivamente in servizio 201 (a fronte di 298 previsti in pianta orga nica) così suddivisi: 164 giudicanti (a fronte di 242 previsti) e 37 requirenti (a fronte di 56 previsti). 38Giudicl 16 Sostluti procur11tori 15 Giudici dì Pace 23 Giudld onor11rl 13 Voce Procuratori Onorari 2G P e Magistrati in 90 Giudlcl -Gled:Zooi.~ 30 Sostlutl procur11tor1 GlcA6_..., Giudlddì Pace n Giudld onorari 12 Voce Procunotori Ononiri 16 Gìudld 4 Sostluti procur11tori 5 GìudlCi d1 Pace 8 Giudìcl onomi 5 V oce Procur11tori Onor11ri '17 Giud"ICi 5 Sosll!utl procuratori 9 Giudìd di Pace 7 Giudlci onorari 7 V ice Procuratori Onorari 161 Giudici 55 Sostituti procuratori 47 Giudici di Pace 117 G1udic1 onorari 37 Vice Procuratori Onorari Con decret i legislativi nn. 155 e 156 del 7 sett embre 2012 è stata decisa la soppressione del Tribunale di Crema e rel ativa Procura, delle sezioni dist accate degli altri tribunali (per Brescia: Breno e Sa lò; per Bergamo: Clusone, Grumello del Monte, Treviglio; per M antova: Castiglione delle Stiviere) e di 23 uffici del Giudice di Pace, vale a dire le sed i diverse da quell e circondariali con l'unica eccezione degli uffici del Giudice di Pace di Crema e Grumell o del Monte. S>ppressione uffia giudiziari Tribu&li - 1 Uf'llc:jo SI 5 R'oare- 1 SI 5 9Jziai tl:taa.;ate - 6 uljlr:j SI 6 Ullfci NEP- 7 SI 11 Giudd d Rice - 23 U'llci SI JUEl.#RO!DffffS3 38 SJ 61

7 Corte di Appello - Brescia - pag. n. 6 La Giustizia in numeri Uffici di 2 Grado 1 - Corte d'appello 1 - Procura Generale Totale uffici giudiziari 61 Uffici di 1 Grado 1 - Tribunale di Sorveglianza 1 - Tribunale per i M inorenni 1 - Procura per i M inorenni 5 - Tribunali ordinari 6 - Sezioni distaccate 5 - Procure della Repubblica 29 - Giudici di Pace 11 - uffici NEP DL 155/2012 soppressione Sezioni Distaccate di Tribunale, Tribunale, Unep e Procura di Crema ~ La Giustizia in numeri Uffici di 2 Gra do 1 - Corte d'appello 1 - Procura Generale Totale uffici giudiziari 46 Uffici di 1 Grado 1 - Tribunale di Sorveglianza 1- Tribunale per i M inorenni 1 - Procura per i Minorenni 4 - Tribunali ordinari 4 - Procure della Repubblica 29 - Giudici di Pace 4 - uffici NEP DL 156/2012 soppressione Uffici del Giudice di Pace La Giustizia in numeri Uffici di 2 Grado 1- Corte d'appello 1 - Procura Generale Totale uffici giudiziari 23 Uffici di 1 Grado 1 - Tribunale di Sorveglianza 1 - Tribu nale per i Minorenni 1 - Procura per i Minorenni 4 - Tribunali ordinari 4 - Procure della Repubblica 6 - Giudici di Pace 4 - uffici NEP

8 Corte di Appello - Brescia - pog. n. 7 Si tratta di circa 1'80% degli uffici di Giudice di Pace attualmente attivi. I comuni di Treviglio per il Circondario di Bergamo, di Chia ri e Rovato per il Circondario di Brescia e Asola, Bozzolo e Viadana per il Circondario di Mantova hanno ch iesto la conservazione degli uffici con onere di spesa a loro carico. Bergamo Brescia Brescia Mantova Mantova Mantova Circondario Treviglio Chiari Rovato Asola Bozzolo Viadana Ufficio Giudice di Pace La fase due riguarda la revisione geografica dei tribunali e delle procure. Nel nostro distretto è stata effettuata la soppressione del Tribunale di Crema con la relativa procura. Attualmenfe si sono concluse le operazioni relative all'accorpamento delle sedi distaccate e del Tribunale di Crema con quella di Cremona. Tutti i capi uffici giudiziari e le amministrazioni locali si so no attivate nei tempi previsti ed a costo di un impegno costante e gravoso che si è protratto anche nel periodo feriale sono riusciti a rispettare i tempi previsti dalla legge. Naturalmente la concentrazione logistica ha comportato sacrifici di spazi che in particolare i Tribunali di Cremona e Bergamo sta nno cerca ndo di eliminare con nuove soluzioni. La riforma, pur vissuta dagli utenti come un arretramento del servizio giustizia dal territorio, verosimilmente consentirà oltre al recupero, per quanto minimo di risorse di personale amministrativo e una minore dispersione di energie prima dissem inate in Uffici la cui permanenza in taluni casi non appariva davvero giustifica bile, atteso il ridotto carico di lavoro, nell'attuale congiuntura. In data 15 ott obre 2012 è stato pubblicato un interpello per la mobilità del pe rsonal e amministrativo all'interno del distretto per consentire al perso nal e degli uffici soppressi di coprire la vacan ze dei posti pubblicati in maniera alternativa rispetto alla destinazione prevista di legge. La ripartizione delle poche unità che hanno risposto all' interpello non consente di risolvere effettivamente i problemi di scopertura degli organici che toccano sostanzialmente tutti gli uffici del distretto. Vi è stato anche un interpello nazionale che ha apportato complessivamente l'incremento solo di una decina di unità per tutto il distretto prevalentemente con la qualifica di Assistente Giudiziario. A quest'ultimo si è dato esecuzione, mentre l'interpello distrettuale ha portato solo a delle applicazioni non essendo co nclusi i trasferimenti.

9 Corte di Appello - Brescia - pag. n. 8 Esiguità dell'organico Totale,._ ~L===---v:.:: Bvtogn11 1 CORTI DI APPB.lD Organico del magistrati rapportato al numero di abitanti Ana:>ns """'<> A rvnz o l.tkx:o TOflno Trorto ~ L*AquUa Miiano Cllgilar1 Ti1... a.n Pdcrua Gonav - a.tan aunpobtl.m.o Slolomo Ostanzam Nllpoll OIH-" -ita M.,_..., Rl:tg510 C.l bn o ~ EHettivi n9'rvizio Piante or ~a n ldle AOOOO Grafica 1 Un dato va sottolineato per tutti: come è graficamente ben visibile (v. grafico 1) l'ufficio della Corte d'appello di Brescia ha il rapporto giudice/abitanti tra i più penalizzati d'italia, va le a dire 1 giudice per abitanti, superato solo dalla Corte d'appello di Venezia con un rapporto di 1 giudice ogni abitanti, mentre Bo logna ha 1 giudice per abitanti, Torino 1 giudice ogni abitanti, Milano 1 giudice ogni abitanti, Napoli 1 giudice ogni abitanti. La situazione della Corte di Appello appare critica non solo dal punto di vista quantitativo bensì da quello qualitativo, scarseggiando proprio quelle risorse qualificate indispensabili per fronteggiare la sempre maggiore complessità dei compiti attribuiti all'ufficio di vertice. La scopertura di organico si attesta al 31,68% (44 unità presenti su 72 in organico) con la presenza di due soli direttori amministrativi come figure apicali (su 5 previsti in organico). L'incarico di dirigente amministrativo è stato coperto nel mese di febbraio del 2013, ma si è perso un direttore Amministrativo. Si coprono, ove possibile, le carenze di organico con l'utilizzo di personale in comando o applicaz ione, di lavoratori socialmente utili, stagisti e personale volontario che presta la sua opera grazie a convenzioni varie La qualificazione professionale di questo personale, sa lvo alcune eccezioni, ne consente l' impiego essenzia lmente in mansioni di basso profilo, laddove invece l'auspicata accelerazione dei processi di innovazione tecnologica in campo giudiziario richiederebbe sempre di più figure professionali specializzate o quanto meno abili nell'utilizzo degli strumenti informatici e telematici di base. L'insufficienza dell'organico, sia di magistratura che amministrativo, in rapporto alle dimensioni geografiche e demografiche del distretto di Brescia, è questione più volte segnalata in tutte le sedi ritenute opportune, ma la questione oggi emergente, è la necessità di dirigenti amministrativi (si segnala che oltre alla Corte di Appello, anche il Tribunale e la Procura della Repubblica di Brescia sono privi del dirigente amministrativo), funzionari statistici ed informatici.

10 Corte di Appello - Brescia - pag. n. 9 Si consideri che, alla luce del Decreto Legislativo 25 luglio 2006, n. 240 e della circolare 31 ottobre 2006, n /U del capo del Dipartimento dell'organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi del Ministero della Giustizia, le funzioni ed i poteri che il D.Lgs. n. 240/2006 attribuisce al dirigente amministrativo preposto all'ufficio giudiziario possono essere esercitati soltanto dai soggetti ai quali sia stato conferito un incarico di funzioni dirigenziali. Pertanto la conseguenza è che, laddove sia scoperto il posto di dirigente amministrativo, le sue competenze dovranno essere svolte dal magistrato dirigente dell'ufficio, che in tal modo concentra su di sé, temporaneamente, tutte le competenze dirigenziali dell'ufficio. È di tutta evidenza che la complessità di governo di un ufficio di vertice distrettuale, a maggior ragione in un momento in cui i magistrati capi degli uffici sono particolarmente impegnati nel governo dell'attività giurisdizionale ai fini della riduzione dei tempi del processo e delle pendenze, non può gravare unicamente sul Capo dell'ufficio. Altrettando indispensabile è ormai diventata la collaborazione di funzionari statistici o comunque personale con competenze statistiche specialistiche. Numerosissimi sono gli adempimenti che richiedono la specifica professionalità dello statistico, a titolo meramente esemplificativo si possono citare: l'assistenza alla commissione flussi, le statistiche comparate del lavoro dei magistrati, la rilevazione e trasmissione di dati attinenti il settore amministrativo e del personale (assenze e malattie - rilevazione mensile, conto annuale delle assenze, scioperi, ecc.,), da ultimo gli onerosi calcoli richiesti per la redazione dei programmi annuali ex art.37 D. Lgs.vo 98/2011. Di fatto non è più possibile far fronte in maniera dignitosa alla continua necessità di rilevazioni ed elaborazioni statistiche, indispensabili per un governo efficace dell'attività giurisdizionale ed una buona gestione degli uffici, anche considerando che i programmi informatici in uso nel settore penale sono obsoleti e parzialmente o totalmente privi di estrattori statistici, gli estrattori statistici del SICID non sono di semplice ed immediato utilizzo e che spesso i dati estratti necessitano di rielaborazioni successive in relazione a quanto richiesto da adempimenti specifici o da esigenze di analisi organizzativa. Infine non è pensabile l'effettivo avvio del processo civile telematico o quello delle notifiche telematiche nel processo penale senza l'effettiva e costante presenza di personale informatico che supporti magistrati e personale amministrativo nell'avvio delle nuove procedure. In generale l'intero passaggio alla gestione digitale degli atti giudiziari civili e penali necessita del supporto specialistico attualmente limitato proprio dalla penuria di personale specialistico. Per tutte queste ragioni la Corte ed il Tribunale di Brescia hanno più volte avanzato richiesta di aumento delle piante organiche. Queste richieste, fondate sull'analisi dei flussi effettuata dalla apposita commissione (che ringrazio per il perfetto lavoro svolto) ed approvate dal Consiglio giudiziario, sono corroborate dai risultati delle analisi ministeriali, dalle quali risulta chiaramente il rilevante sottodimensionamento di parte dei nostri uffici ed in particolare di questa Corte. Questo dato solo con riferimento alle piante organiche, differenza che aumenta ancora di più se si considerano i magistrati effettivamente in servizio.

11 Corte di Appello - Brescia - pag. n. 10 Ana loga rilevazione è stata condotta per tutti gl i uffici giudicanti del distretto (v. grafico 2) : si può notare come il rapporto tra magist rati giudicanti ed abitanti (sia sotto l' aspetto della consistenza delle piante orga niche che della presenza in se rvizio) sia parimenti penalizzante, in quanto il territorio di Brescia occupa la penultima posizione (1 magistrato ogni abitanti, dato ben superiore rispetto all'altra cort e lombarda, va le a dire M il ano (1 magistrato ogni abitanti). UFRC GIUDICANTI Organico del magistrati rapportato al numero di abitanti Totnlo Vonozla B--o«:ia Bologna Ancona Rn-ugia Rronzo l.dccd Torino Trerto Roma L'Aq..Jila M i lano Cag lari TricslD Bori Potenza Genova Catari a Carnpdla o Salerno Pnl e<md Catanza ro Napoli Caltani~ M ouina fètggio Calabri a l l l l o grafico 3). Grafico 2 E ancora identica situazione è riscontrabile nel rapporto magistrati requirenti/abitanti (v. Lf<e:DA UFAO REDUR:J\111 Organico d e l magistrati rapportato al numero di a bita nti Totnle Vonozia &cel a &iogna A na>n11 Porugia Rrcn:ze l.ea:o Torino T ronto ~""' L'Aquila Mil 111ra1 Cag llnri Trieste ~ F\ltcf'fl.a G onovb Cnlllnia Campd>amo 5"illllcrno Pnlonno Ustnnz.a m Napoli CBltBnis mct1 11. Mom,..,, Reggio CnJ nt:rln J L Bfet!ivi In servizio Planfe Orgllnldic: l o ao ooo Grafica 3 In partico lare per quant o riguarda la posizione del Tribunale di Brescia si rappresenta la gravissima situaz ione in cui versa questo Ufficio - la cui pianta orga nica è fortemente sottodimensionata - al quale all'esito dell'accorpamento delle sezioni dist accat e di Breno e Salò

12 Corte di Appello - Brescia - pog. n. 11 sono pervenuti circa 4000 procedimenti (di cui 3229 civili e di volontaria giurisdizione) e che nell'ultimo anno ha visto aumentare le proprie competenze per effetto della istituzione della sezione imprese e della legge n. 219/12, che ha devoluto ai Tribunali ordinari le materie relative all'affidamento e al mantenimento delle coppie di fatto, già di competenza dei Tribunali per i Minorenni. IL TERRITORIO La popolazione Il contesto t erritoriale del Tribunale Ordinario di Brescia è il circo ndario giudiziari o coincidente con la provincia omonima, tranne che per due piccoli Comuni (Maga sa e Va lvestino) afferenti al circondario del Tribunale Ordinario di Rovereto (TN). Il circondario di Brescia è uno dei quattro che compongono il distretto della Corte d'appello di Brescia. Figura 1 - Andamento della popolazione dal 2002 al

13 Corte di Appello - Brescia - pog. n. 12 Esso si estende su una superficie di kmq. e racchiude 204 Comuni. Il circondario ha residenti, pari al 40% dell'intero distrett o della Corte d'appello di Brescia, con una consistente presenza di popolazione straniera: residenti pari al 13,6%. Per popolazione, il circondario del Tribunale di Brescia si colloca al 5 posto a livello nazionale, dopo quelli di Roma, Milano, Napoli e Torino. L'andamento demografico del circondario è contraddistinto da un significativo incremento della popolazione residente che negli ultimi 10 anni è stato di , pari al 13%. Dal grafico che segue appare evidente come l'aumento della popolazione sia dovuto soprattutto all'incremento della popolazione straniera, che è più che triplicata tra il 2002 e il 2011, mentre la popolazione italiana è aumentata solo del 2,4%. Figura 2 - Crescita della popolazione italiana e straniera dal 2004 al I llifl!llli fil!lli!i. I IJLi ' ~ :.... I ' ~ ' !_I:!: '-A. I.no.~~.. '!ill ~:--- ;~...!Y.:'"- italiani stranieri Fonte: ISTAT Le imprese Il territorio è alt resì caratterizzato da un capi llare tessuto imprenditoriale. Secondo i dati diffusi dalla CCIAA, in provincia di Bresc ia risu ltano iscritte al Registro delle Imprese imprese, pari al 42% delle imprese del Distretto di Corte d'appello di Brescia. Il dato colloca Brescia a1 6 posto nella classifica nazionale delle province per numero di imprese registrate e al 2 posto in Lombardia, dopo Milano. Il tasso di imprenditoria lit à - un'impresa ogni 11,27 abitant i - è più elevato di quello della media regionale del 13,45 e nazionale del 15,17. Nel Distretto di Corte d'appello di Brescia, area di competenza del Tribunale delle imprese di Brescia, risultano iscritte , pari un terzo di tutte le imprese della Lombardia e alla metà di quelle del distretto della Corte d'appello di Milano.

14 Corte di Appello - Brescia - pog. n. 13 imprese registrate anni * Brescia , , , ,0 Bergamo , , , ,0 Cremona , , , ,0 Mantova , , , ,0 Totale , , , ,0 * dati aggiornati al 30/6/2013. LA DOMANDA DI GIUSTIZIA Il territorio bresciano, data la sua ampiezza geografica e la complessità socio-economica, esprime una domanda di giustizia, sia civi le che penale, di proporzioni rilevanti e caratterizzata da alcune peculiarità connesse al numero dell e imprese, alla grave crisi economica e alla imponente immigrazione. A tale domanda non può farsi fronte in modo adeguato, nonostante l' impegno sia dei ma gistrati che del personale amministrativo. Preoccupanti criticità dovute al sottodimensionamento della pianta organica riguardano infatti t utti i settori e appaiono in aumento sopravvenienze e pendenze, in particolare come segue: SETIORE CIVILE Sezione specializzata in materia di impresa composta da soli 5 giudici e il Presidente, nonostante le compet enze specializzate- assegnat aria anche della mat eria fa llimentare e di quella delle esecuzioni mobiliari e immobiliari, oltre che di una quota di procedimenti di contenzioso ordinario. Allo stato attuale, a risorse zero risultano pervenuti a detta sezione dal Procedimenti nella materia imprese: n. 263 Vanno inoltre segnalati gli aumenti delle so pravvenienze nelle seguenti materie (dati al ) Esecuzioni mobiliari n (incremento di n. 600 procedimenti rispetto al dato precedente) Esecuzioni immobiliari n (dato precedente n ) Procedure fallimentari n (n anno precedente) Sezione Lavoro composta, nonostante le richieste di aumento della pianta organica, da soli 3 giudici e il Presidente e ne lla quale si registra "l'effetto fuga" con il trasferimento ad altra sede di 2 giudici e la domanda di trasferimento anche del Presidente di sezione, con il rischio che rimarrà in servizio un solo giudice, in manca nza di domande di tramutament o. Si registra un aumento le sopravvenienze :

15 Corte di Appello - Brescia - pag. n. 14 n procedimenti (dato anno precedente n ) Sezione famiglia e volontaria giurisdizione Composta dal Presidente e da n. 7 giudici Detta sezione ha in carico, oltre che procedimenti di volontaria giurisdizione (compresi quelli provenienti dalle sezioni distaccate di Breno e Salò) e amministrazioni di sostegno in continuo aumento,(n procedimenti pendenti) anche dal i procedimenti legge 219/12: (n. 219 pervenuti alla data odierna), già di competenza del Tribunale per i minorenni. In detta sezione si registra anche un aumento delle separazioni giudiziali: n. 525 (dato precedente n. 426) SETTORE PENALE Anche in detto settore, che oltre al sottodimensionamento della pianta organica, ha una carenza di organico di ben 5 unità, si registra un consistente aumento delle sopravvenienze: Ufficio GIP/GUP Sopravvenienze noti n (dato precedente n ) sopravvenienze ignoti n Incremento pendenze noti n (dato precedente n. 5643) Sezioni I e Il Penale In aumento processi a citazione diretta dal P.M. ex art.550 c.p.p. n (dato precedente n. 1887) per opposizione a decreto penale di condanna n. 648 (dato precedente n. 360) Ancora più carente risulta la consistenza in organico del personale amministrativo, la cui presenza è fondamentale per il lavoro giudiziario: dal grafico n. 4 si evince che il distretto di Brescia è quello che presenta la più carente percentuale di personale di cancelleria rispetto alla popolazione. EJ~.A vene~a l... ~._==============~~~=--e~ ~ 1..--~ Organico amministrativo rapportato al numero di abitanti 8"ogna 1..--~---.. Milano,...- -=:m=qa:a:==zf:== L.ecrel..--lllllll Arcona Tnese Trerto 1 ] lllllll _ ai..,...- l'>e<ug,3 l... lllllll R><m l... Tonno,..._ foerc:e 1.P.=-a:mamj lljl;ll... Cagtiar1 ]..._ Cata<>" li?==ic:::;=====?=:::11 Gen:>va,... _... lllllll t:aqula lil =- Sal.,no,..._ R:<""'a Nap '',..,,.....,. pm.. c:atart:aro l P;Jlem"O ].... Merona Can-poba"" Ca1tan9JC<ta ] l~i:m::1c=i~-=..._ ~9 10Colabr1a ~~~~j _j L j L j _ o ,

16 Corte di Appello - Brescia - pag. n. 15 Grafico 4 E la situazione è analoga se il dat o vi en e confrontato per il solo ufficio della Corte d'appell o che anche in questo caso occupa il posto peggiore in assolut o: 1 impiegato am ministrativo ogni abitanti (v. grafico 5). ~ ~r---===----s-b-- Ef'<ES:lA Venezoa Eblogna CDRTI DI APPB..lD Organico amministrativo rapportato al numero di abitanti M l ano l'oro Tonno Lecoo Rrenze Arc:ir<J Trerto Tne9e Ebn Perugia Cag1i3n Ctana G.,,..,.,a L'Aqula 9J1erno N apoli Rxenza Ca:tcnzaro Palenm Me9'Jn0 Can-pobaS!O Caltansa::na ~9 10 Cal ab11a ~ ~ o s ooo i o ooo 1 s ooo 20 ooo 25 ooo 30 ooo 35 ooo ao ooo GroficoS Il secondo dato che si deve rit enere fondamentale nell'analis i degli orga nici per va lutarne la co ngruità è costituit o dal ca rico di lavoro per ciascun magistrato. Comparando i flussi dei procedimenti assegnat i ai magistrati del set tore civile di alcune corti d'appello, tra le più gravate d'italia, emerge molto ch iaramente che Brescia si trova collocata in posizione medio-a lta. Dunque le sopravvenienze per ogni magistrat o sono maggiori rispetto a Genova, Ve nezia e Torino (ufficio- quest 'ultimo ritenuto un esem pio di funzionalità). Le nuove pubblicazioni di posti vaca nti ha visto una rilevant e penalizzazione del Tribunale di Brescia, mentre migliore sembra essere quell a del Tribunale di Berga mo. Da lla tabell a che segue si può notare la difficoltà che quasi tutti i Tribuna li hanno nel coprire i posti vaca nt i messi a conco rso. Ciò a cau sa dello scarso numero di magistrati nati nella Lombardia Est e della fama degli uffici giudiziari co nosciuti come sedi gravate da molto lavoro. Posti vacant i pubblicati - Posti coperti Corte d'appello Tribunale Brescia Tribunale di Bergamo Ufficio Tipo e_guantità di_q_osti_1>ubblicati Posti co_q_erti Consjg.Jiere 4 4 Sezione Lavoro 1 1 Giudice 1 nessun a~i rante Sezione Lavoro 2 2 Giudice 5 5 Sezione Lavoro 1 1 Tribunale Cremona Giudice 2 1 Tribunale M antova Giudice 2 nessun as_qjrant e Tri bunale Sorv~i a nz a di Bresci a M agistrato 1 nessun as_qjrante

17 Corte di Appello - Brescio - pag. n. 16 Cbve lavoriarro Alcuni risultati sono stati ottenuti nel campo edilizio. L'amministrazione comunale ha destinato una nuova sede al tribunale ed alla procura per i minorenni ed ha provveduto a ristrutturarla per adeguarla alle esigenze di questi uffici con un impegno di spesa considerevole, che però sa rà compensata in futuro dallo sgravio dei costi della locazione degli attuali ambienti. Il trasferimento degli uffici minorili nella nuova sede si è concluso all'inizio dell'autunno. Nuovi uffici minorili: Tribunale, Procura e Servizi Una nuova sede è destinata all'un EP con previsione di trasferimento ad una data non ancora definita.

18 Corte di Appello - Brescia - pag. n. 17 UNEP Il Tribunale e la Procura di Crema uffici soppressi hanno lavorat o sino al mese di sett embre. Alcune immagini degli edifici che ospitano uffici giudiziari nel distretto Bergamo L'accorpamento delle sedi dist accat e di Treviglio e Clusone com port a difficoltà logist iche per il Tribunale di Bergamo che ha chiesto al Minist ero un a integ raz ione di fondi per i t raslochi e per la sistemazione logistica.

19 Corte di Appello - Brescia - pag. n. 18 Il Tribunale di Cremona è riuscit o ad effet tuare il previst o accorpamento. Attualment e la ricog nizione degli uffici è st at a co mplet at a (persone e cose). Sarà necessa rio qualche spost amento logistico che si sta studiando. Uff. 9:)rv. Martova Al piano terra del Pa lazzo di Giustizia è stato rea lizzato il punto d'incontro con l'utenza sia per la consegna degli atti agli avvocati che non li ricevono t ramite posta, sia per svolgere la vera e propria attività di ufficio informazione. Quest'anno si so no aggiunte due sezioni per la famiglia e per i soggetti fragili in cui portano la loro opera anche esperti del volontariato e del terzo settore, con i cui esponenti gli uffici giudiziari brescian i hanno stipulato delle convenzio ni.

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Guida all uso www.accessogiustizia.it Altri Servizi SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Lextel SpA L informazione al lavoro. Lextel mette l informazione al lavoro attraverso proprie soluzioni telematiche,

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

R.D. 30 gennaio 1941, n. 12. Ordinamento giudiziario.

R.D. 30 gennaio 1941, n. 12. Ordinamento giudiziario. R.D. 30 gennaio 1941, n. 12. Ordinamento giudiziario. 1. È approvato l'unito testo dell'«ordinamento giudiziario», allegato al presente decreto e visto d'ordine nostro dal Ministro guardasigilli e dal

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE Protocollo PCT di Reggio Emilia 1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE 1.1 Premessa Per effetto dell art.16 bis, 3 comma, del D.L. n.179/2012, conv. con modifiche nella L. 24.12.2012, n. 228 e dell'art. 44

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Approvato con deliberazione del Consiglio provinciale n. 161 del 28 ottobre 1997, così come integrata dalla deliberazione del Consiglio

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

LEGGE 10 novembre 2014, n. 162

LEGGE 10 novembre 2014, n. 162 LEGGE 10 novembre 2014, n. 162 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 132, recante misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO DEL CAPO DEL DIPARTIMENTO Ufficio dell'organizzazione e delle Relazioni 4. Roma, Dipartimento

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO DEL CAPO DEL DIPARTIMENTO Ufficio dell'organizzazione e delle Relazioni 4. Roma, Dipartimento Ufficio dell'organizzazione e delle Relazioni 4 Q0AP-0397498-2011 PU-QDAP-iaOO-21/10/2011-0397498-2011 Roma, Ai Sigg. Vice Capi del Dipartimento Ai Sigg. Direttori Generali Al Sig. Direttore dell'ls.s.pe.

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

PROCESSO CIVILE TELEMATICO ISTRUZIONI PER L'USO VADEMECUM DEL DISTRETTO DELLA CORTE D'APPELLO DI FIRENZE

PROCESSO CIVILE TELEMATICO ISTRUZIONI PER L'USO VADEMECUM DEL DISTRETTO DELLA CORTE D'APPELLO DI FIRENZE PROCESSO CIVILE TELEMATICO ISTRUZIONI PER L'USO VADEMECUM DEL DISTRETTO DELLA CORTE D'APPELLO DI FIRENZE Edizione 1.0 novembre 2014 Nota di presentazione Il vademecum è frutto dell'elaborazione del Referente

Dettagli

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera:

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera: Problematiche relative alla nuova formulazione dell art. 2 Legge Guarentigie. Interpretazione del nuovo testo dell'art. 2 L.G., così come modificato dal D.L.vo n. 109/2006 (Risoluzione del 6 dicembre 2006)

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI 1 OGGETTO DEL PREMIO l Amministrazione Comunale di Pregnana Milanese Assessorato alla Cultura istituisce un premio annuale di laurea intitolato alla memoria

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Liceo Primo Levi _- S. Donato Milanese Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Scade il 15 marzo la

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli