Ordine degli ingegneri della Provincia di Genova

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ordine degli ingegneri della Provincia di Genova"

Transcript

1 Ordine degli ingegneri della Provincia di Genova 23 MAGGIO 2012 ACCETTAZIONE DEI MATERIALI STRUTTURALI IN CANTIERE ELEMENTI STRUTTURALI IN ACCIAIO

2 MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE Normative Vigenti o di prossima entrata in vigore. D.M. 14/01/08 Norme Tecniche per le costruzioni - dal 01/07/09; Regolamento UE n.305/ dal 01/07/13; UNI EN 1090: dal 01/07/14 (inizialmente dal 01/07/12);

3 MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE Il D.M. 14/01/08 Norme Tecniche per le costruzioni è la Norma cogente attualmente in vigore le cui prescrizioni saranno oggetto del nostro incontro. Le altre due sono Norme Europee alle quali dovremo adeguarci e che, verosimilmente porteranno ad una modifica del D.M. in quanto prevedono che, al termine del periodo di coesistenza, le norme confliggenti vengano abrogate.

4 MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE REGOLAMENTO UE 305/2011 Dopo più di vent anni di vita, la direttiva 89/106/CEE è stata abrogata e sostituita dal regolamento UE n.305/2011, pubblicato su gazzetta Ufficiale dell U.E. il 4 aprile Il Regolamento differisce dalla direttiva anzitutto per il fatto di essere immediatamente applicabile e cogente in tutti gli Stati Membri (diversamente dalla direttiva europea che necessitava di un recepimento a livello nazionale).

5 MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE Il documento fondamentale nel nuovo regolamento è la Dichiarazione di Prestazione (DoP) in sostituzione della dichiarazione di conformità prevista dalla direttiva, che deve essere redatta dal fabbricante, sotto la sua responsabilità, all atto dell immissione del prodotto sul mercato. L utilizzatore del prodotto sia egli l installatore, il progettista, il direttore lavori deve saper fare consapevolmente uso della DoP, per valutare l idoneità del prodotto all uso previsto. Deroghe alla redazione della DoP sono concesse nei seguenti casi: - il prodotto da costruzione è fabbricato in cantiere; - il prodotto da costruzione è destinato ad opere di restauro; - il prodotto da costruzione è fabbricato in un unico esemplare o su specifica del committente e installato da un fabbricante, responsabile della sua sicura incorporazione nell opera di costruzione.

6 MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE La Marcatura CE è possibile solo per prodotti da costruzione che rientrino nell ambito di una Norma armonizzata e per il quale sia stata redatta dal fabbricante la Dichiarazione di Prestazione. La Marcatura CE è l unica marcatura che attesta la conformità del prodotto alla prestazione dichiarata nel DoP. A tale riguardo tutti gli stati membri devono eliminare eventuali riferimenti a marcature diverse dalla CE. (NTC ) Le dichiarazioni di prestazione devono essere redatte entro il 01/07/2013.

7 MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE La Norma UNI EN 1090 Esecuzione di strutture di acciaio e di alluminio. Parte 1 Requisiti per la valutazione di conformità dei componenti strutturali. (Contiene prescrizioni che riguardano la valutazione di conformità delle caratteristiche prestazionali dei componenti strutturali di acciaio e di allumino). Interessa soprattutto i produttori. Parte 2 Requisiti tecnici per strutture di acciaio. (Specifica i requisiti per l esecuzione delle strutture di acciaio di qualunque tipologia (edifici, ponti, ecc.) Parte 3 Requisiti tecnici per strutture di alluminio.

8 MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE La Norma UNI EN Esecuzione di strutture di acciaio e di alluminio Requisiti tecnici per strutture di acciaio. Mentre le NTC (compresa la circolare 617/09) contiene circa 13 pagine di prescrizioni riguardanti i materiali da carpenteria (acciaio, bulloni, saldature ecc.) la sola Parte 2 delle EN1090 contiene 209 pagine e solo l indice è di 7 pagine. Si parla di un vero e proprio piano della qualità della costruzione.

9 MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE La Norma UNI EN Esecuzione di strutture di acciaio e di alluminio Requisiti tecnici per strutture di acciaio. Anche se sono in gran parte prescrizioni indirizzate ai costruttori è del tutto evidente che il D.L. deve conoscerle, farle rispettare e documentare. La gestione di un corpo così esteso di prescrizioni, e quindi di attività, richiederà figure professionali altamente specializzate un interessante area di sviluppo della professione. e potrebbe rappresentare

10 MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE Capitolo 11 D.M. 14/01/08 NTC2008

11 MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE

12 MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE Prodotti di tipo «A» Marcati CE e conformi a Norma Armonizzata: Laminati per carpenteria Tubi senza saldatura Tubi saldati Bulloni per le dimensioni classi Appoggi strutturali (UNI EN 10025) (UNI EN 10210) (UNI EN ) (UNI EN ISO 4016:2002) (UNI 5592:1968) ritirata il 04/12/08 (UNI EN ISO 898:2001) (UNI EN 1337)

13 MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE Prodotti di tipo «B» non Marcati CE in assenza di Norma Armonizzata: Acciaio per CA Devono essere effettuate le prove di Qualificazione (oltre ovviamente a quelle di accettazione)

14 MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE Prodotti di tipo «C» Marcati CE a seguito di Benestare Tecnico Europeo (ETA) in assenza di Norma Armonizzata o in possesso di Certificato di Idoneità Tecnica all impiego rilasciato dal Servizio Tecnico Centrale Tasselli (meccanici chimici)

15 ACCIAIO PER USO STRUTTURALE

16 ACCIAIO PER USO STRUTTURALE

17 ACCIAIO PER USO STRUTTURALE Per i prodotti per i quali non è applicabile la Marcatura CE sono necessarie prove di qualificazione. Deve però essere ben chiaro che l acciaio da carpenteria NON è tra questi. Se esiste una Norma Armonizzata il materiale DEVE essere marcato CE. Inoltre dal 01/07/2013, quando entrerà definitivamente in vigore il Regolamento UE 305/2011 la Marcatura CE sarà l unica marcatura accettabile.

18 ACCIAIO PER USO STRUTTURALE Posizione di prelievo del provino (estratto UNI EN :2006)

19 ACCIAIO PER USO STRUTTURALE Posizione di prelievo del provino (estratto UNI EN :2006)

20 ACCIAIO PER USO STRUTTURALE Posizione di prelievo del provino (estratto UNI EN :2006)

21 ACCIAIO PER USO STRUTTURALE Forma e dimensioni del provino (estratto UNI EN :2004) Le provette devono rispettare precise prescrizioni normative, per cui è meglio demandare tutto al Laboratorio Ufficiale ed evitare di prelevare le provette direttamente in officina!

22 ACCIAIO PER USO STRUTTURALE Prescrizioni comuni a tutte le tipologie di acciaio Controlli Le NTC2008 prevedono tre forme di controllo obbligatorie: in stabilimento di produzione, da eseguirsi sui lotti di produzione; nei centri di trasformazione, da eseguirsi sulle forniture; di accettazione in cantiere, da eseguirsi sui lotti di spedizione. A tale riguardo si definiscono: Lotti di produzione: si riferiscono ad una produzione continua, ordinata cronologicamente. Un lotto di produzione deve avere valori delle grandezze nominali omogenee (dimensionali, meccaniche, di formazione) e può essere compreso tra 30 e 120 t. Forniture: sono lotti formati da massimo 90 t, costituiti da prodotti aventi grandezze nominali omogenee. Lotti di spedizione: sono lotti formati da massimo 30 t, spediti in un unica volta, costituiti da prodotti aventi grandezze nominali omogenee. (anche in questo caso dimensionali, meccaniche e di formazione?)

23 ACCIAIO PER USO STRUTTURALE OSSERVAZIONI: 1. Le prescrizioni sono valide sia per acciaio da c.a. che per acciaio da carpenteria. E del tutto evidente, però, la grande differenza esistente tra una fornitura di barre da c.a. (due, tre diametri?) ed una fornitura di profilati da carpenteria per la quale si potrebbero superare facilmente la decina di tipologie differenti. 2. Leggendo bene le NTC2008 il punto « Officine per la produzione di Carpenterie metalliche» si può notare che tutte le prescrizioni in esso contenute riguardano i prodotti di tipo B (quelli per i quali non è ancora vigente una norma armonizzata). Pertanto l interpretazione della quasi totalità dei centri di trasformazione è che se il materiale è di tipo A (marcato CE) loro non devono effettuare alcun controllo di fornitura. Questo comportamento rende ancora più importanti i controlli di accettazione in cantiere da parte della DL.

24 ACCIAIO PER USO STRUTTURALE 3. «lotto di spedizione»: come anticipato diventa critico stabilire se anche in questo caso le caratteristiche omogenee debbano comprendere anche le caratteristiche dimensionali. Infatti se consideriamo una struttura in carpenteria leggera (capriate, strutture reticolari ecc.) 30 t sono una quantità non indifferente di elementi strutturali che saranno molto diversi tra loro, sicuramente provenienti da differenti lotti di produzione e magari da differenti produttori anche a parità di tipologia del profilato, quindi un prelievo per lotto omogeneo che consideri anche la tipologia di profilo porterà ad effettuare una notevole quantità di controlli su una struttura leggera (pagata a peso) e quindi l incidenza del costo dei controlli sarà notevole e quasi sicuramente verranno effettuati prelievi su lotti ben inferiori alle 30 t. Se invece parliamo di carpenteria ad anima piena con profili fortemente unificati, magari anche per motivi architettonici o di standardizzazione della produzione, probabilmente il numero dei controlli può essere considerato adeguato. Per contro se consideriamo solo il tipo di acciaio quale «caratteristica omogenea» avremmo una situazione completamente rovesciata.

25 ACCIAIO PER USO STRUTTURALE

26 ACCIAIO PER USO STRUTTURALE Il riferimento al è un refuso in quanto il paragrafo citato riguarda i controlli dell acciaio per C.A. precompresso, il paragrafo corrispondente per l acciaio da carpenteria è il Poiché nel paragrafo a cui si rimanda vengono illustrate solo le modalità di prova dei materiali di tipo B alcuni estendono l obbligatorietà dei controlli in cantiere solo ai materiali di tipo B. Personalmente non condivido questa impostazione e ho sempre chiesto e, sinora, ottenuto di effettuare i prelievi anche su materiali marcati CE. E comunque auspicabile che nella prossima revisione delle NTC2008 (prevista inizialmente per quest anno) venga fatta maggiore chiarezza sull argomento. In realtà i prelievi per le prove di accettazione ben difficilmente saranno effettuati realmente in cantiere come per le barre da C.A. che vengono approvvigionate in numero leggermente sovrabbondante e per le quali, quindi, non è un problema sottrarre qualche barra alla posa in opera. Ben diversa la situazione per le strutture in carpenteria metallica per le quali il numero dei pezzi approvvigionati è esattamente quanto serve alla costruzione. Non vengono certo fornite due o tre colonne in più in modo che la DL possa prelevare i provini!! Quindi i prelievi di accettazione saranno effettuati, nella maggioranza dei casi, nell officina di produzione e non in cantiere, come previsto dalla stessa NTC2008.

27 ACCIAIO PER USO STRUTTURALE Riporto due esempi reali di strutture tipologicamente molto diverse tra loro per evidenziare l estrema variabilità del numero dei controlli in funzione delle differenti interpretazioni della norma. Struttura tipo 1 Capannone monopiano. Peso complessivo 71 t. Se non consideriamo la tipologia del profilo tra le caratteristiche del lotto omogeneo e supponendo che tutto il materiale sia potremmo effettuare 71/30 = 2,4 = 3 prelievi. Al contrario considerando la tipologia tra le ID Profilo Materiale Peso [t] caratteristiche omogenee del lotto, considerando 1 HEA sempre un tipo di acciaio, potremmo anche arrivare 2 HEB HEB a 11 prelievi. Inoltre mancano dal computo tutte le 4 IPE piastre dei nodi, per le quali bisognerà effettuare 5 IPE almeno un prelievo per tipologia di spessore. 6 2L L Supponendo di utilizzare non più di 3/4 spessori 8 2L arriviamo a 14/15 prelievi. (1 ogni 5t) e poiché ogni 9 2L prelievo è costituito da 3 provini si parla di circa L D provini per un costo indicativo di circa 4.000,00 Peso complessivo 70.77

28 ACCIAIO PER USO STRUTTURALE Struttura tipo 2 Edificio industriale multipiano. Peso complessivo 930 t. (escluse le lamiere e le strutture secondarie degli impalcati) Se non consideriamo la tipologia del profilo tra le caratteristiche del lotto omogeneo e supponendo che tutto il materiale sia potremmo effettuare 930/30 = 31 prelievi.

29 ACCIAIO PER USO STRUTTURALE ID Profilo Material e Peso [t] Prelievi HEB 300 HEB 400 HEB 500 HEB 600 IPE 200 IPE 300 IPE 400 UNP 200 UNP 240 UNP 280 UNP 400 L 100X 10 I I I I I I Ca Tubo Peso Complessivo Prelievi su lamiere Al contrario considerando anche la tipologia come caratteristica del lotto omogeneo avremmo 38 prelievi e, sommando 3/4 prelievi sul piastrame arriviamo a 40/42 prelievi (1 ogni 22 t). In questo caso avremmo circa 126 provini per un costo indicativo di circa ,00. Nel primo caso avremo un incidenza delle prove di 4000/71000 = 6,0 cent/kg. nel secondo caso avremo invece 11000/ = 1,2 cent/kg. 1 38

30 ACCIAIO PER USO STRUTTURALE Personalmente ritengo che non si possa trattare una struttura in acciaio come una in c.a. e che sarebbe sicuramente consigliabile predisporre un programma dei controlli, da concordare tra Committente, Officina, D.L. e Collaudatore che non consideri soltanto il materiale acciaio, ma che consideri la struttura nel suo insieme pianificando anche i controlli sulle bullonerie (materiali e coppie di serraggio) e sulle saldature. Se il D.L. è stato anche progettista sicuramente potrà intervenire nella redazione del Capitolato delle opere strutturali ed in tale sede impostare un piano dei controlli il cui peso economico ed organizzativo potrà essere considerato dall appaltatore in fase di offerta (per lo meno si spera) in modo da evitare eventuali contestazioni in corso d opera. Se diamo esecuzione ad un progetto non nostro possiamo solo sperare che il Progettista abbia pensato anche a noi quando scriveva il capitolato. Quando progettiamo cerchiamo di pensare sempre a chi dovrà dar corpo alle nostre idee. Nell ottica di un Piano dei controlli che coinvolga tutta la struttura pensata come un unica entità (profilati, piatti, saldature, bulloni ecc.), a mio parere, perde significato il concetto di «Lotto di spedizione».

31 ACCIAIO PER USO STRUTTURALE Esempio di struttura reale con Piano dei Controlli concordato tra Committente, Officina, Progettista D.L. e Collaudatore.

32 ACCIAIO PER USO STRUTTURALE La struttura dopo l inserimento del prefabbricato sarà: Peso totale (struttura acciaio) ~160 t. dimensioni h ~3.300 mq

33 ACCIAIO PER USO STRUTTURALE Il Piano dei controlli prevede: Prove di rottura per trazione s=8 s=10 s=15 s=20 s=30 s=35 s=40 Quantità [t] UPN220 UPN L50505 L70705 L80806 L80808 L IPE160 IPE Perni D= Profilo o Lamiera Provino Prova 1 prelievo 3 provini sulla lamiera da prelievo 3 provini 2 prelievi 6 provini 3 su L808 3 su L prelievo 3 provini a scelta 1 prelievo 3 provini 6 prelievi su 160 t = 1 prelievo ogni 27 t

34 ACCIAIO PER USO STRUTTURALE Prove ultrasoniche per evidenziare difetti di laminazione sulle lamiere:

35 ACCIAIO PER USO STRUTTURALE Si trattava comunque di cerniere di una certa importanza sulle quali sono state fatte prove non distruttive sul 100% delle saldature (nella foto esame con liquidi penetranti).

36 ACCIAIO PER USO STRUTTURALE Sono state fatte anche prove di trazione sui bulloni e sui tirafondi di fondazione, costituiti da barre filettate fi36. Barre filettate Ø36 90 num. 1 prelievo 3 provini Bulloni M bulloni M bulloni M bulloni

37 DOCUMENTAZIONE ACCOMPAGNAMENTO ACCIAIO La «filiera» del prodotto lavorato parte dal produttore (acciaieria) che fornisce prodotti «lunghi» e «piatti» al Centro di trasformazione, il quale realizza gli elementi strutturali con operazioni di taglio, foratura e saldatura e quindi invia al cantiere per il montaggio. Per ciascuno di questi passaggi la Norma prevede la trasmissione di specifiche documentazioni. C Forniture e documentazione di accompagnamento. Tutte le forniture di acciaio, provenienti dallo stabilimento di produzione, devono essere accompagnate: A. Nel caso sussista l obbligo di Marcatura CE Da copia della Dichiarazione di Conformità CE, riportante un timbro originale con la data di spedizione ed il destinatario. (Dopo il 01/07/2013 dalla Dichiarazione di Prestazione)

38 DOCUMENTAZIONE ACCOMPAGNAMENTO ACCIAIO

39 DOCUMENTAZIONE ACCOMPAGNAMENTO ACCIAIO Dal documento di trasporto con la data di spedizione, il riferimento alla quantità, al tipo di acciaio, al destinatario. Osservazione 1: ottenere copia dei DDT dal produttore, ma soprattutto dal grossista che ha fornito il materiale base al Centro di Trasformazione, è estremamente difficoltoso. Alcuni si rifiutano di fornire i DDT adducendo motivazioni di concorrenza commerciale. Osservazione 2: i produttori dichiarano il carico unitario di snervamento minimo. Sappiamo tutti che in zona sismica è fondamentale conoscere e limitare anche il carico di snervamento massimo in quanto influisce sul fattore di sovraresistenza. Senza prove in officina od in cantiere sarebbe impossibile conoscere il valor medio dello snervamento in quanto non è un dato comunicato dal produttore. Per i collegamenti dissipativi deve essere:, 1,1, La resistenza del giunto deve essere maggiore della resistenza della membratura amplificata di un fattore 1,1

40 DOCUMENTAZIONE ACCOMPAGNAMENTO ACCIAIO Ma deve essere verificato che fy,m 1,2 fyk E se l impresa, per problemi di approvvigionamento, acquista profilati in S355 anziché in come avevamo richiesto? Non sempre il materiale più resistente è il più adatto.

41 DOCUMENTAZIONE ACCOMPAGNAMENTO ACCIAIO

42 DOCUMENTAZIONE ACCOMPAGNAMENTO ACCIAIO Centri di trasformazione Si definisce CdT un impianto (fisso o mobile), che riceve dal produttore di acciaio elementi base e confeziona elementi strutturali direttamente impiegabili in cantiere, pronti per la messa in opera o per successive lavorazioni. Il CdT può lavorare solo materiali qualificati all origine accompagnati dalla documentazione prevista per le «forniture» (C ), deve garantire la tracciabilità dei prodotti attraverso procedure documentate, deve avere un sistema di gestione della qualità del prodotto che sovrintenda al processo di trasformazione. E dunque buona norma, visto che il DL è tenuto a verificare il possesso di tutti i requisiti, effettuare una visita preliminare al CdT documentandola con un verbale sottoscritto dalle parti.

43 DOCUMENTAZIONE ACCOMPAGNAMENTO ACCIAIO Durante il sopralluogo occorre verificare che il CdT abbia assolto a tutti gli obblighi previsti dal D.M. 14/01/08 e cioè, in particolare: deve aver denunciato la propria attività al Servizio Tecnico Centrale del Ministero ( ) l attestato non scade fintanto che non intervengono variazioni nell organizzazione del CdT, ma ogni anno questo deve confermare al STC che nulla è cambiato rispetto alla dichiarazione iniziale. deve avere un sistema di gestione della qualità del prodotto conforme ai principi della ISO 9001 ( ); (il certificato ha validità triennale, controllare data di scadenza) deve essere in possesso della certificazione ISO 3834 sul sistema di gestione della qualità delle saldature.

44 DOCUMENTAZIONE ACCOMPAGNAMENTO ACCIAIO Attualmente i CdT in Liguria che hanno ottenuto l attestato sono 13 per la Carpenteria Metallica e 10 per il ferro da C.A. Officine produzione carpenterie metalliche in Liguria al 10/03/12 (fonte ID ATTESTATO DATA 14/05/ /09/ /11/ /04/ /05/ /05/ /06/ /07/ /04/ /10/ /11/ /12/ /12/2011 PROVINCIA GE GE GE SP GE GE GE SV SV IM GE GE GE Centro trasformazione sagomatura ferro per c.a. in Liguria al 10/03/12 (fonte ID ATTESTATO DATA 08/10/ /11/ /12/ /03/ /05/ /06/ /09/ /10/ /02/ /04/2011 PROVINCIA GE SP SP SV SV SP GE IM IM SV

45 DOCUMENTAZIONE ACCOMPAGNAMENTO ACCIAIO Attualmente i CdT in Liguria che hanno ottenuto l attestato sono 13 per la Carpenteria Metallica e 10 per il ferro da C.A. Officine produzione carpenterie metalliche in Liguria al 10/03/12 (fonte ID ATTESTATO DATA 14/05/ /09/ /11/ /04/ /05/ /05/ /06/ /07/ /04/ /10/ /11/ /12/ /12/2011 PROVINCIA GE GE GE SP GE GE GE SV SV IM GE GE GE Centro trasformazione sagomatura ferro per c.a. in Liguria al 10/03/12 (fonte ID ATTESTATO DATA 08/10/ /11/ /12/ /03/ /05/ /06/ /09/ /10/ /02/ /04/2011 PROVINCIA GE SP SP SV SV SP GE IM IM SV

46 DOCUMENTAZIONE ACCOMPAGNAMENTO ACCIAIO Ogni fornitura in cantiere da parte del CdT di elementi presaldati, presagomati o preassemblati deve essere accompagnata da: Dichiarazione sul DDT degli estremi dell Attestato di denuncia attività; Attestazione inerente l esecuzione delle prove di controllo interno fatte eseguire dal Direttore Tecnico del CdT, con l indicazione dei giorni nei quali la fornitura è stata lavorata. Il DL può richiedere copia dei certificati delle prove relative ai giorni in cui la fornitura è stata lavorata. (In realtà per i materiali Marcati CE i Centri di Trasformazione NON eseguono alcuna prova).

ACCIAI PER STRUTTURE METALLICHE E STRUTTURE COMPOSTE

ACCIAI PER STRUTTURE METALLICHE E STRUTTURE COMPOSTE ACCIAI PER STRUTTURE METALLICHE E STRUTTURE COMPOSTE Documentazione di conformità secondo le nuove Norme Tecniche delle Costruzioni (DM 14 Gennaio 2008) Ing. Lorenzo Di Gregorio PRESIDER Srl Bastia Umbra,

Dettagli

Sistema di gestione. Criteri di acquisto e di controllo dell acciaio per opere. in carpenteria metallica pagina 1 di 7

Sistema di gestione. Criteri di acquisto e di controllo dell acciaio per opere. in carpenteria metallica pagina 1 di 7 in carpenteria metallica pagina 1 di 7 0 2014-07-07 Aggiornamenti secondo Reg. Eu. 305-2011 Servizio QSA Luca Bosi REV DATA DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE PREPARATO VERIFICATO E APPROVATO 1.0 SCOPO Si stabiliscono

Dettagli

, ' *-- ' " $!,"""&& # " $%

, ' *-- '  $!,&& #  $% ! "#$ %"&"" $$' " (#! %")" * +'#!", ' *-- ' " $!,"""&& # " $% &' ())* %")" + +' # ++,! " %"" '+'$ " $( ++ %"&"" ' " '! $- &(.)'.())/ &/0 # $ %. " (' ' 1 + $ *2.&)/.33./ 0' 12' 3, & 4 5 3./.22, 4) 5 " &

Dettagli

La messa in opera delle strutture metalliche: dall accettazione delle opere in cantiere al montaggio delle strutture. Ing. Igor SOLUSTRI ICIC SPA

La messa in opera delle strutture metalliche: dall accettazione delle opere in cantiere al montaggio delle strutture. Ing. Igor SOLUSTRI ICIC SPA REGOLAMENTO (UE) N.305/11 E NORME DEL GRUPPO EN1090 LA MARCATURA CE DELLE STRUTTURE METALLICHE ALLA LUCE DELLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI FIRENZE, 30/10/2014 La messa in opera delle strutture metalliche:

Dettagli

Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008

Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008 75 Convegno ATE - ASSOCIAZIONE TECNOLOGI PER L EDILIZIA: Le Saldature in Cantiere Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008 Materiale a cura di: P.I. BENEDETTO SCOTTI (AREA CONSULTING

Dettagli

CENTRO DI TRASFORMAZIONE

CENTRO DI TRASFORMAZIONE DEFINIZIONE (NTC 11.3.1.7): Un impianto esterno alla fabbrica... che riceve dal produttore di acciaio elementi base... e confeziona elementi strutturali direttamente impiegabili in cantiere I centri di

Dettagli

Come cambiano gli obblighi per le strutture metalliche a partire dal 1 luglio 2014

Come cambiano gli obblighi per le strutture metalliche a partire dal 1 luglio 2014 Regolamento (UE) n.305/11 e norme del gruppo EN1090 La Marcatura CE delle strutture metalliche alla luce delle Norme tecniche per le Costruzioni Firenze, 30/10/2014 Come cambiano gli obblighi per le strutture

Dettagli

STRUTTURE METALLICHE IN ACCIAIO

STRUTTURE METALLICHE IN ACCIAIO STRUTTURE METALLICHE IN ACCIAIO La marcatura CE UNI EN 1090-1. Il primo passo è il conseguimento dell Attestato di Denuncia Attività da parte del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici e l iscrizione

Dettagli

Il contesto legislativo nazionale ed europeo: traguardi acquisiti e criticità del sistema a quattro anni dal DM 14 Gennaio 2008

Il contesto legislativo nazionale ed europeo: traguardi acquisiti e criticità del sistema a quattro anni dal DM 14 Gennaio 2008 Associazione Costruttori Acciaio Italiani Il contesto legislativo nazionale ed europeo: traguardi acquisiti e criticità del sistema a quattro anni dal DM 14 Gennaio 2008 8 Ottobre 2013, Milano Marco Perazzi

Dettagli

I CENTRI DI TRASFORMAZIONE DELL ACCIAIO. I nuovi soggetti nel settore delle costruzioni.

I CENTRI DI TRASFORMAZIONE DELL ACCIAIO. I nuovi soggetti nel settore delle costruzioni. I CENTRI DI TRASFORMAZIONE DELL ACCIAIO. I nuovi soggetti nel settore delle costruzioni. Raffaello Dellamotta Direzione Tecnica IG r.dellamotta@giordano.it Premessa. Probabilmente sono ancora pochi coloro

Dettagli

- attraverso la qualificazione del Servizio Tecnico Centrale, con la procedura indicata nelle NTC stesse.

- attraverso la qualificazione del Servizio Tecnico Centrale, con la procedura indicata nelle NTC stesse. C11.3 ACCIAIO C11.3.1 PRESCRIZIONI COMUNI A TUTTE LE TIPOLOGIE DI ACCIAIO C11.3.1.1 Controlli Le NTC prevedono che il controllo sugli acciai da costruzione sia obbligatorio e si effettui, con modalità

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture 1 Acciaio 2 Acciaio Controlli Tre forme di controllo sono obbligatorie : IN STABILIMENTO DI PRODUZIONE.. da eseguirsi sui lotti di produzione NEI CENTRI DI TRASFORMAZIONE

Dettagli

Day training Prodotti siderurgici: - elenco norme armonizzate - marcatura CE - CPD e requisiti NTC - trasporto acque in collaborazione con

Day training Prodotti siderurgici: - elenco norme armonizzate - marcatura CE - CPD e requisiti NTC - trasporto acque in collaborazione con Unsider -ENTE ITALIANO DI UNIFICAZIONE SIDERURGICA - FEDERATO ALL UNI e-mail segreteria@unsider.it www.unsider.it Day training Prodotti siderurgici: - elenco norme armonizzate - marcatura CE - CPD e requisiti

Dettagli

PROMEMORIA PER I DIRETTORI LAVORI

PROMEMORIA PER I DIRETTORI LAVORI PROMEMORIA PER I DIRETTORI LAVORI Il D.M. del 14/01/08 Nuove Norme Tecniche per le costruzioni e la C.M. applicativa n. 617 del 02/02/09 entrati in vigore il 01/07/09 hanno introdotto profonde innovazioni

Dettagli

Requisiti di qualità della saldatura per fusione dei materiali metallici. Principali ambiti di intervento Attività di consulenza e formazione

Requisiti di qualità della saldatura per fusione dei materiali metallici. Principali ambiti di intervento Attività di consulenza e formazione Requisiti di qualità della saldatura per fusione dei materiali metallici Principali ambiti di intervento Attività di consulenza e formazione SICUREZZA SUL LAVORO Valutazione rischi - D.Lgs. 81/08 Formazione

Dettagli

Professionisti nella consulenza, formazione e certificazione in saldatura

Professionisti nella consulenza, formazione e certificazione in saldatura Professionisti nella consulenza, formazione e certificazione in saldatura Masterweld Nata agli inizi del 2010, dall unione di due professionisti, Masterweld ha come obiettivo principale quello di fronteggiare

Dettagli

I CENTRI DI TRASFORMAZIONE: UN NUOVO CONCETTO DI FORNITORE DI ACCIAIO PER C.A. RELAZIONE NELL AMBITO DEL CONVEGNO DI STUDI

I CENTRI DI TRASFORMAZIONE: UN NUOVO CONCETTO DI FORNITORE DI ACCIAIO PER C.A. RELAZIONE NELL AMBITO DEL CONVEGNO DI STUDI I CENTRI DI TRASFORMAZIONE: UN NUOVO CONCETTO DI FORNITORE DI ACCIAIO PER C.A. RELAZIONE NELL AMBITO DEL CONVEGNO DI STUDI I centri di trasformazione: un nuovo concetto di fornitore di acciaio per c.a.

Dettagli

LE ARMATURE PER IL CALCESTRUZZO ARMATO NORME DI RIFERIMENTO PER I CENTRI DI TRASFORMAZIONE

LE ARMATURE PER IL CALCESTRUZZO ARMATO NORME DI RIFERIMENTO PER I CENTRI DI TRASFORMAZIONE LE ARMATURE PER IL CALCESTRUZZO ARMATO NORME DI RIFERIMENTO PER I CENTRI DI TRASFORMAZIONE Verona, 27 Novembre 2009 Ing. Emilio Fadda 1 NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: D.M. 14.01.2008 La circolare ministeriale

Dettagli

SOMMARIO 1. CALCESTRUZZO... 2 2. ACCIAIO DA C.A. (DEL TIPO B450C)... 3 3. ACCIAIO PER CARPENTERIA METALLICA... 4 MANDANTE:

SOMMARIO 1. CALCESTRUZZO... 2 2. ACCIAIO DA C.A. (DEL TIPO B450C)... 3 3. ACCIAIO PER CARPENTERIA METALLICA... 4 MANDANTE: SOMMARIO 1. CALCESTRUZZO... 2 2. ACCIAIO DA C.A. (DEL TIPO B450C)... 3 3. ACCIAIO PER CARPENTERIA METALLICA... 4 1 1. Calcestruzzo Classe di esposizione: XC1 (elevazione) XC2 (fondazione) Classe di consistenza:

Dettagli

LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA EN 1090-1

LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA EN 1090-1 LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA RINA Services S.p.A. LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA 1. Il panorama normativo: opere

Dettagli

PROFESSIONAL SERVICES

PROFESSIONAL SERVICES > SGS ITALIA INDUSTRIAL D.M. 14 Gennaio 2008 PROFESSIONAL Data: 20/04/2012 Autore: F. Prosperi R. Donadel SGS NEL MONDO Leader mondiale nei servizi di: Ispezione Verifica Analisi Certificazione Nel Mondo:

Dettagli

Calcestruzzo ed acciaio

Calcestruzzo ed acciaio LA CONFORMITÀ DEI PRODOTTI DA COSTRUZIONE Marcatura CE e Norme Tecniche per le Costruzioni dott. ing. Sebastiano Cristoforetti L accettazione di materiali e prodotti strutturali nelle NTC 2008 Calcestruzzo

Dettagli

Materiali e prodotti per uso strutturale: Acciaio

Materiali e prodotti per uso strutturale: Acciaio I controlli di accettazione dei materiali e componenti strutturali: calcestruzzo, acciaio, acciaio da carpenteria metallica MECI 2015 Lariofiere 11 aprile 2015 Materiali e prodotti per uso strutturale:

Dettagli

REQUISITI PROCESSO DI SALDATURA di cui al par. 11.3.4.5 delle NTC2008

REQUISITI PROCESSO DI SALDATURA di cui al par. 11.3.4.5 delle NTC2008 Requisito Travi PREM 2015 di cui al par. 11.3.4.5 delle NTC2008 Procedimento all arco elettrico (ammessi procedimenti diversi previa adeguata doc. tecnica e sperimentale) Qualifica (certificati) saldatori

Dettagli

Qualificazione, Identificazione, Accettazione Ing. Massimo Pugliese e Ing. Fabio Pes - TUV Italia

Qualificazione, Identificazione, Accettazione Ing. Massimo Pugliese e Ing. Fabio Pes - TUV Italia Qualificazione, Identificazione, Accettazione Ing. Massimo Pugliese e Ing. Fabio Pes - TUV Italia costruire e rinnovare in modo sostenibile e sicuro 1 Obiettivi Travi PREM 2015 Evidenziare l impatto delle

Dettagli

Nuove NTC-Regolamento 305/2011-Marcatura CE

Nuove NTC-Regolamento 305/2011-Marcatura CE Nuove NTC-Regolamento 305/2011-Marcatura CE WWW.PROMOZIONEACCIAIO.IT Ing. M.Antinori Responsabile Ufficio Tecnico Fondazione Promozione Acciaio ACCIAIO STRUTTURALE: La normativa in evoluzione Identificarlo,

Dettagli

Il controllo tecnico delle carpenterie metalliche nel cantiere della torre Unifimm a Bologna

Il controllo tecnico delle carpenterie metalliche nel cantiere della torre Unifimm a Bologna Il controllo tecnico delle carpenterie metalliche nel cantiere della torre Unifimm a Bologna Marco Torricelli Fondazione Promozione Acciaio L edificio denominato Torre Unifimm è un grattacielo a base trapezoidale

Dettagli

La nuova UNI EN 1090-1

La nuova UNI EN 1090-1 . Come identificarlo, certificarlo e controllarlo attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011 La nuova UNI EN 1090-1 Agrigento, 18 giugno 2014 Geom. Raffaello Dellamotta Tel. 0541-322.324 r.dellamotta@giordano.it

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei profilati cavi di acciai non legati e a grano fine per impieghi strutturali di cui alle norme UNI

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10 SCHEMA per la certificazione dei tubi di acciaio per il convogliamento di acqua e di altri liquidi acquosi, di cui alla norma UNI EN 10224 - Ed. Marzo 2006 Il presente documento è stato approvato dalla

Dettagli

NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI:

NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: UNI EN 3834 -Requisiti per la qualità della saldatura UNI EN ISO 9001 -Sistemi di gestione qualità UNI EN ISO 9001 -Sistemi di gestione qualità Centri di trasformazione:

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Statale Galileo Ferraris Sez. C.A.T. Geometri Acireale (CT)

Istituto d Istruzione Superiore Statale Galileo Ferraris Sez. C.A.T. Geometri Acireale (CT) Istituto d Istruzione Superiore Statale Galileo Ferraris Sez. C.A.T. Geometri Acireale (CT) Insegnamento di Gestione del Cantiere e Sicurezza dell Ambiente di Lavoro Tutor Docente neoassunto Prof. Andrea

Dettagli

IL CONTROLLO D ACCETTAZIONE ED IL COLLAUDO IN CORSO D OPERA DELLE PREVISTO DAL D.M. 14.01.2008. Lecco, 2 dicembre 2011

IL CONTROLLO D ACCETTAZIONE ED IL COLLAUDO IN CORSO D OPERA DELLE PREVISTO DAL D.M. 14.01.2008. Lecco, 2 dicembre 2011 IL CONTROLLO D ACCETTAZIONE ED IL COLLAUDO IN CORSO D OPERA DELLE STRUTTURE IN C.A. E IN ACCIAIO COME PREVISTO DAL D.M. 14.01.2008 2 IL CONTROLLO D ACCETTAZIONE ED IL COLLAUDO STATICO IN CORSO D OPERA

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori.

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori. SCHEMA per la certificazione del controllo di produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti di alluminio e di leghe di alluminio cui alla norma UNI EN 15088:2006 0 STORIA Edizione 0 08/06/2012

Dettagli

Paolo Riva INTRODUZIONE

Paolo Riva INTRODUZIONE Paolo Riva Università di Bergamo QUALIFICAZIONE DI MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE SECONDO DM 14.01.2008 Laboratorio Prove Materiali Dipartimento di Progettazione e Tecnologie Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Unical I prelievi di calcestruzzo

Unical I prelievi di calcestruzzo Unical I prelievi di calcestruzzo Argomenti trattati I prelievi di calcestruzzo Il controllo di accettazione Il prelievo di conformità eseguito in contraddittorio Domande frequenti I p re l i e v i d i

Dettagli

COMUNE DI CIVATE PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI CIVATE PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI CIVATE PROVINCIA DI LECCO PROGETTO PER LA RIQUALIFICAZIONE ED ADEGUAMENTO PALESTRA COMUNALE DI VIA A. LONGONI. CAPITOLATO OFFERTA STRUTTURE IN ACCIAIO IL PROGETTISTA Dr. Ing. Daniele Colombo

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

EN 1090?? Lorch Schweißtechnik GmbH www.lorch.eu

EN 1090?? Lorch Schweißtechnik GmbH www.lorch.eu EN 1090?? Lorch Schweißtechnik GmbH www.lorch.eu DM 14-01-2008 Nuove Norme Tecniche per le Costruzioni EN 1090 Marcatura CE delle strutture in acciaio UNI EN ISO 3834.1:2006 Requisiti di Qualità per la

Dettagli

Il fissaggio mediante ancoranti chimici o meccanici

Il fissaggio mediante ancoranti chimici o meccanici Il fissaggio mediante ancoranti chimici o meccanici Hilti. Passione. Performance. 1 Agenda 1. Campi di applicazione 2. Principi di funzionamento 3. Inquadramento normativo e metodo di calcolo 4. Fattori

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti laminati a caldo di acciai per impieghi strutturali di cui alla norma UNI EN 10025-1, edizione

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE di componenti per strutture di acciaio e d alluminio cui alla norma UNI EN 1090-1:2012 0 STORIA Edizione

Dettagli

Implementazione e certificazione del sistema di gestione per la qualità in conformità alle norme ISO 9001 -ISO 3834

Implementazione e certificazione del sistema di gestione per la qualità in conformità alle norme ISO 9001 -ISO 3834 I.S.I.S. A. Malignani - Udine Implementazione e certificazione del sistema di gestione per la qualità in conformità alle norme ISO 9001 -ISO 3834 09/06/2011 Franco Diracca - Quasar srl Cosa chiede la legge?

Dettagli

LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA EN 1090-1

LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA EN 1090-1 LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA EN 1090-1 Igor SOLUSTRI RINA Services S.p.A. Product Certification Central Italy LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI

Dettagli

sagomazione acciaio Descrizione impianto Certificazioni Qualità ISO 9001:2000 Macchine attualmente operative

sagomazione acciaio Descrizione impianto Certificazioni Qualità ISO 9001:2000 Macchine attualmente operative sagomazione acciaio Dal mese di marzo del 2009 è attivo lo stabilimento di pre- sagomazione di acciaio per strutture in cemento armato a Civitavecchia, zona industriale. Lo stabilimento opera nel settore

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE PQO.07 Pagina N : 1 Elaborato RESP. UFF. ACQUISTI : N Tot. Pagine: 8 Indice Rev.: 1 Verificato DIRETTORE GENERALE: Data emissione: 01-09-2004 Approvato RESP. ASS. : 1. INTRODUZIONE Nel presente Capitolato

Dettagli

La normativa italiana e le condizioni di verifica della stabilità

La normativa italiana e le condizioni di verifica della stabilità La normativa italiana e le condizioni di verifica della stabilità La norma italiana che fornisce istruzioni per il calcolo, l esecuzione, il collaudo e la manutenzione delle costruzioni in acciaio è la

Dettagli

La norma EN 1090-1: il controllo del processo di progettazione e le specifiche per la produzione

La norma EN 1090-1: il controllo del processo di progettazione e le specifiche per la produzione Regolamento (UE) n.305/11 e norme del gruppo EN1090 La Marcatura CE delle strutture metalliche alla luce delle Norme tecniche per le Costruzioni Firenze, 30/10/2014 La norma EN 1090-1: il controllo del

Dettagli

C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI

C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI Il Cap.9 delle NTC detta disposizioni minime per l esecuzione del collaudo statico, atto a verificare il comportamento e le prestazioni delle parti di opera

Dettagli

International Studies Ltd

International Studies Ltd www.internationalstudies.ltd.uk info@internationalstudies.ltd.uk pag. 1 di 6 Utilizzo dell acciaio in edilizia mediante saldatura e redazione delle WPS L'impiego dei processi di saldatura nel settore delle

Dettagli

Il controllo tecnico delle strutture metalliche

Il controllo tecnico delle strutture metalliche Il controllo tecnico delle strutture metalliche Marco Torricelli, Ingegnere, Controllo Tecnico Strutture Il controllo tecnico delle strutture metalliche è regolato dal Decreto Ministeriale del 14/1/08

Dettagli

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei prodotti Le tipologie di certificazione rilasciate da ICMQ riguardano sia le certificazioni cogenti, cioè obbligatorie secondo la

Dettagli

La Norma EN 1090-1 per la Marcatura CE delle Strutture Metalliche

La Norma EN 1090-1 per la Marcatura CE delle Strutture Metalliche La Norma EN 1090-1 per la Marcatura CE delle Strutture Metalliche Il Processo di Progettazione e la Conformità del Prodotto: i Compiti del Direttore dei Lavori Catania, 02-07-2014 LA MARCATURA CE DEI PRODOTTI

Dettagli

LA MARCATURA CE DEGLI AGGREGATI RICICLATI LA MARCATURA CE DEGLI AGGREGATI RICICLATI

LA MARCATURA CE DEGLI AGGREGATI RICICLATI LA MARCATURA CE DEGLI AGGREGATI RICICLATI LA MARCATURA CE DEGLI Ing. Antonio Bianco Direttore ABICert D.M. 14.01.2008 Capitolo 11 Contesto normativo nazionale I materiali e prodotti per uso strutturale devono essere: identificati univocamente

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore R.Casimiri - GUALDO TADINO. Indirizzo Tecnologico corso Costruzioni,Ambiente e Territorio

Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore R.Casimiri - GUALDO TADINO. Indirizzo Tecnologico corso Costruzioni,Ambiente e Territorio PRIME INDICAZIONI RIGUARDANTI LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL D.M. 14/1/2008 Norme tecniche per le costruzioni CONTROLLI MINIMI DI ACCETTAZIONE IN CANTIERE AI SENSI DEL D.M. 14/01/2008, Legge 5.11.1976

Dettagli

MANUALE DEL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI FABBRICA - F.P.C.

MANUALE DEL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI FABBRICA - F.P.C. MANUALE DEL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE IN FABBRICA RIFERITO ALLA NORMA EN 1090-1:2009+A1:2011 Esecuzione di strutture di acciaio e di alluminio - Parte 1: Requisiti per la valutazione di conformità dei

Dettagli

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale PROCEDURA PER IL RILASCIO, DA PARTE DEL SERVIZIO TECNICO CENTRALE, DEL CERTIFICATO DI IDONEITÀ TECNICA ALL IMPIEGO, DI CUI

Dettagli

La Marcatura CE apposta, dovrà poi indicare la conformità all uso previsto così come specificato nelle varie opzioni della norma stessa.

La Marcatura CE apposta, dovrà poi indicare la conformità all uso previsto così come specificato nelle varie opzioni della norma stessa. Spett.le c.a. Via, Oggetto: Preventivo implementazione Sistema Gestione Uni EN 1090 integrato con Sistema Gestione Qualità UNI EN ISO 9001:2008 e con il disposto della ISO 3834 (necessario per chi opera

Dettagli

Morra Stefano IIS CERT Gruppo Istituto Italiano della saldatura - Genova

Morra Stefano IIS CERT Gruppo Istituto Italiano della saldatura - Genova 1 1 Il processo di saldatura nella realizzazione di strutture metalliche di carpenteria: la Direttiva CPD, il Regolamento CPR, il DM 14 gennaio 2008 e la norma armonizzata EN 1090. Morra Stefano IIS CERT

Dettagli

COSTRUIRE IN ACCIAIO. 10 Dicembre 2009 Assofermet Padovam.antinori@promozioneacciaio.it

COSTRUIRE IN ACCIAIO. 10 Dicembre 2009 Assofermet Padovam.antinori@promozioneacciaio.it COSTRUIRE IN ACCIAIO Assofermet Padovam.antinori@promozioneacciaio.it NTC DM 14 Gennaio 2008 Norma di riferimento per le costruzioni Il regime transitorio è concluso Il 30 giugno 2009 Decreto 39/2009 Legge

Dettagli

COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E IN ACCIAIO CONTROLLO DEI MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE

COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E IN ACCIAIO CONTROLLO DEI MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E IN ACCIAIO (D.M. Infrastrutture 14-01-2008 e Circolare 02-02-2009 n 617 C.S.LL.PP.) CONTROLLO DEI MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE 1. ADEMPIMENTI COGENTI 1.1 PRESCRIZIONI

Dettagli

Componenti strutturali in acciaio in accordo a EN 1090-1 Impatto sui processi di progettazione, fabbricazione e installazione.

Componenti strutturali in acciaio in accordo a EN 1090-1 Impatto sui processi di progettazione, fabbricazione e installazione. Componenti strutturali in acciaio in accordo a EN 1090-1 Impatto sui processi di progettazione, fabbricazione e installazione. 23 settembre 2014 ore 8,30 Sala Convegni ENAIP FVG Via Leonardo da Vinci,

Dettagli

La filiera del legno per uso strutturale e la qualificazione ai sensi del D.M. 14/01/08

La filiera del legno per uso strutturale e la qualificazione ai sensi del D.M. 14/01/08 Norme Tecniche delle costruzioni, compiti e responsabilità dei progettisti - direttori lavori - collaudatori per opere strutturali in legno La filiera del legno per uso strutturale e la qualificazione

Dettagli

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 2 EDIZIONE GIUGNO 2012 Indice SOMMARIO ELEMENTO DI ANCORAGGIO STRUTTURALE Descrizione del prodotto Modalità d uso e limite

Dettagli

Tecnologia e innovazione

Tecnologia e innovazione via San Maurilio 21 20123 Milano T 02.8812951 F 02.8056802 www.assimpredilance.it assimpredil@assimpredilance.it Tecnologia e innovazione NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI IN VIGORE DAL 1 LUGLIO

Dettagli

NOVITÀ PER LE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO AMMESSO L USO DELL ACCIAIO B450A

NOVITÀ PER LE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO AMMESSO L USO DELL ACCIAIO B450A NOVITÀ PER LE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO AMMESSO L USO DELL ACCIAIO B450A PRIMO VANTAGGIO: MIGLIORA LA QUALITÀ DEL DETTAGLIO ESECUTIVO Il Decreto Interministeriale del 15/11/2011

Dettagli

MORSETTI DI SOSPENSIONE PER CONDUTTORI IN CORDA BIMETALLICA IN ALLUMINIO-ACCIAIO PER LINEE PRIMARIE A TENSIONE NOMINALE 66, 132 E 150 kv.

MORSETTI DI SOSPENSIONE PER CONDUTTORI IN CORDA BIMETALLICA IN ALLUMINIO-ACCIAIO PER LINEE PRIMARIE A TENSIONE NOMINALE 66, 132 E 150 kv. Codifica: DI.TCTE. STF.LP/TE 41 - Ed. 10/1999 1 di 11 MORSETTI DI SOSPENSIONE PER CONDUTTORI PER LINEE PRIMARIE A TENSIONE NOMINALE Parte PARTE I PARTE II ALLEGATI Oggetto GENERALITA REQUISITI E DESCRIZIONI

Dettagli

LA MARCATURA NELLE CHIUSURE OSCURANTI:

LA MARCATURA NELLE CHIUSURE OSCURANTI: LA MARCATURA NELLE CHIUSURE OSCURANTI: I PROSSIMI IMPEGNI DEI PRODUTTORI LA MARCATURA CE NORMA DI RIFERIMENTO CHIUSURE OSCURANTI UNI EN 13659:2004 Chiusure oscuranti. Requisiti prestazionali compresa la

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO (Provincia di Prato) http://www.comune.montemurlo.po.it e-mail: montemurlo@comune.montemurlo.po.it via A. Toscanini,1-59013 MONTEMURLO (PO) - tel. 0574 5581 - Fax 0574 558348 - C.F. 00584640486 - P.I.

Dettagli

.oz Valore al tuo calcestruz C ncrete plus

.oz Valore al tuo calcestruz C ncrete plus Valore al tuo calcestruzzo. C ncrete plus Progetto preliminare di pre-qualifica del calcestruzzo Il produttore del conglomerato deve sottoporre alla Direzione Lavori prima dell inizio della Fornitura,

Dettagli

Titolo: SCHEMA DI ATTO UNICO DI COLLAUDO STATICO pubbl/priv E: 69.20

Titolo: SCHEMA DI ATTO UNICO DI COLLAUDO STATICO pubbl/priv E: 69.20 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VICENZA Doc. B Titolo: SCHEMA DI ATTO UNICO DI COLLAUDO STATICO pubbl/priv E: 69.20 Delibera del Consiglio: 25/11/2010 In vigore dal: 02/05/2011 1. Il presente

Dettagli

La qualifica dei saldatori: la nuova ISO 9606-1: 2013

La qualifica dei saldatori: la nuova ISO 9606-1: 2013 La qualifica dei saldatori: la nuova ISO 9606-1: 2013 A cura di Agostino Paggin Direttore Tecnico presso International Weld QUALIFICA DEI SALDATORI È uscita lo scorso 21 novembre la nuova norma UNI EN

Dettagli

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008 SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008 Il presente documento è stato approvato dalla Commissione Prodotti il 06/10/2010. L originale è conservato

Dettagli

Costruire in Acciaio

Costruire in Acciaio Costruire in Acciaio La fabbricazione degli elementi strutturali in acciaio Francesco Di Pascasio P R E S I D E R Avezzano Dipartimento di Ingegneria delle Strutture, Acque e Terreno Bastia Umbra 27 novembre

Dettagli

Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore

Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore dei Lavori e del Collaudatore secondo il D.M. 14/01/2008

Dettagli

LA FORNITURA DI ARMATURE PER CEMENTO ARMATO. Linee guida

LA FORNITURA DI ARMATURE PER CEMENTO ARMATO. Linee guida LA FORNITURA DI ARMATURE PER CEMENTO ARMATO Linee guida - 1 - RIFERIMENTI NORMATIVI Le norme di riferimento per la presagomatura dell'acciaio per cemento armato sono le seguenti: D.M. del 14/01/2008, Norme

Dettagli

Dal 1 febbraio 2010 la marcatura CE dei serramenti sarà obbligatoria.

Dal 1 febbraio 2010 la marcatura CE dei serramenti sarà obbligatoria. Nessuna ulteriore proroga. N e Dal 1 febbraio 2010 la marcatura CE dei serramenti sarà obbligatoria. La proroga del periodo di coesistenza della Marcatura CE con la la Norma Tecnica Europea EN 14351 1,

Dettagli

I futuri obblighi di marcatura dei manufatti Dalla Iso3834 alla EN 1090

I futuri obblighi di marcatura dei manufatti Dalla Iso3834 alla EN 1090 Seminario: Elementi strutturali in acciaio; I futuri obblighi di marcatura dei manufatti Dalla Iso3834 alla EN 1090 Relatore: Ing. Filippo Lago Certification Product Manager Distretto Nord est RINA Services

Dettagli

Installatore e manutentore impianti termo-idraulici e di condizionamento

Installatore e manutentore impianti termo-idraulici e di condizionamento identificativo scheda: 09-011 stato scheda: Validata Descrizione sintetica L programma ed esegue l'assemblaggio e la messa a punto di un impianto termo-idraulico e di condizionamento in tutti i suoi dettagli,

Dettagli

Agrigento, 18 giugno 2014. Geom. Raffaello Dellamotta Tel. 0541-322.234 r.dellamotta@giordano.it

Agrigento, 18 giugno 2014. Geom. Raffaello Dellamotta Tel. 0541-322.234 r.dellamotta@giordano.it . Come identificarlo, certificarlo e controllarlo attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011 Specificazione e qualificazione delle procedure di saldatura per materiali metallici come richiesto dalla EN

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA 1 SCOPO... 1 2 RIFERIMENTI... 1 3 APPLICABILITÀ... 1 4 CLAUSOLE GENERALI... 2 4.1 Accesso allo stabilimento... 2 4.2 Riservatezza... 2 4.3 Sub-fornitura... 2 4.4 Garanzia... 2 5 DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

La certificazione del professionista: ultimo atto della marcatura CE e della corretta installazione dei prodotti. Rimini 10 aprile 2015

La certificazione del professionista: ultimo atto della marcatura CE e della corretta installazione dei prodotti. Rimini 10 aprile 2015 La certificazione del professionista: ultimo atto della marcatura CE e della corretta installazione dei prodotti Rimini 10 aprile 2015 DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA SCIA DM 12 08 2014 e modulistica di

Dettagli

Controlli sul calcestruzzo in opera: il ruolo delle prove non distruttive, aspetti tecnici e normativi

Controlli sul calcestruzzo in opera: il ruolo delle prove non distruttive, aspetti tecnici e normativi Controlli sul calcestruzzo in opera: il ruolo delle prove non distruttive, aspetti tecnici e normativi E. Lo Giudice 1 1 DISMAT s.r.l., C.da Andolina, S.S. 122 km 28 92024 Canicattì (AG), tel. 0922 859406,

Dettagli

LINEE GUIDA DIREZIONE LAVORI. in accordo al D.M. 14.01.2008

LINEE GUIDA DIREZIONE LAVORI. in accordo al D.M. 14.01.2008 LINEE GUIDA DIREZIONE LAVORI in accordo al D.M. 14.01.2008 1 INTRODUZIONE Il d.m. 14.01.2008 (Norme Tecniche per le Costruzioni) nasce con una vocazione prestazionale segnando un punto di cambiamento rispetto

Dettagli

Trieste 28 Febbraio 2011

Trieste 28 Febbraio 2011 CERTIFICAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE ISO 3834: 2009 Requisiti di qualità della saldatura per fusione dei materiali metallici Trieste 28 Febbraio 2011 Roberto Silvestrin I patentini per la saldatura I

Dettagli

Prodotti prefabbricati strutturali. 1 Bergamo, 09 Giugno 2011

Prodotti prefabbricati strutturali. 1 Bergamo, 09 Giugno 2011 Prodotti prefabbricati strutturali. Ing. Arch. Gianpiero Montalti Sezione Solai e Doppia Lastra Bergamo 09 Giugno 2011 1 Contenuti della presentazione Inquadramento legislativo Prodotti soggetti a Marcatura

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE

REGOLAMENTO PARTICOLARE associazione italiana per la sicurezza della circolazione REGOLAMENTO PARTICOLARE per il rilascio della certificazione di conformità (Marchio CE) per i prodotti da costruzione (Direttiva del Consiglio

Dettagli

Riunione Ispettori CSI Spa. Milano, 21 Novembre 2014

Riunione Ispettori CSI Spa. Milano, 21 Novembre 2014 Riunione Ispettori CSI Spa Milano, 21 Novembre 2014 LA NORMATIVA NAZIONALE ( e quella UE) GLI ATTORI COINVOLTI D.M. 14.09.2005 Nuove Norme Tecniche Costruzioni D.M. 14.01.08 Nuove Norme Tecniche Costruzioni

Dettagli

NOTE TECNICHE IL PIANO DI CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI FABBRICA.

NOTE TECNICHE IL PIANO DI CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI FABBRICA. IL PIANO DI CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI FABBRICA. Marcatura CE dei serramenti, facciate continue, chiusure oscuranti, cancelli e porte industriali, commerciali e da garage. 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE.

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO SCHEMA per il rilascio del certificato di costanza della prestazione ai fine della marcatura CE di segnali permanenti di cui alla norma UNI EN 12899 1 ed. 2008 0 STORIA Edizione 0 14/10/2009 Schema per

Dettagli

NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI

NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI METALMECCANICA DI PRODUZIONE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI Breve guida alla lettura per l applicazione delle norme nell edilizia e nella metalmeccanica. A cura di Daniela Scaccia NOTA Ancor prima

Dettagli

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti PAG. / 9 GD Srl N Specificato il Foro Competente AQ CQ DIR 05/02/5 Barigazzi Torchio Giannitti N 0 Allineamento ai requisiti della norma UNI EN ISO 900:2008 e della specifica tecnica ISO/TS 6949:2009 AQ

Dettagli

Travi PREM SD a1. CATEGORIA STRUTTURALE: mista Acciaio - Cls MORFOLOGIA FONDELLO: in Acciaio

Travi PREM SD a1. CATEGORIA STRUTTURALE: mista Acciaio - Cls MORFOLOGIA FONDELLO: in Acciaio CATEGORIA STRUTTURALE: mista Acciaio - Cls MORFOLOGIA FONDELLO: in Acciaio 1. Specifiche Tecniche Travi PREM SD a1 In un cantiere con utilizzo di Travi PREM, ciascuna figura coinvolta, Professionale ed

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI SCAFFALATURE METALLICHE IN ZONA SISMICA

LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI SCAFFALATURE METALLICHE IN ZONA SISMICA sezion e scaf f alature m e talliche LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI SCAFFALATURE METALLICHE IN ZONA SISMICA Le scaffalature in zona sismica, di qualsiasi tipologia e dimensione (con

Dettagli

CALCESTRUZZO: PRESCRIZIONI, D.L., FPC E CONTROLLO STATISTICO

CALCESTRUZZO: PRESCRIZIONI, D.L., FPC E CONTROLLO STATISTICO CALCESTRUZZO: prescrizioni, D.L., FPC e controllo statistico Soluzioni pratiche mediante il servizio Optimix 2 TORINO, 1 dicembre 2010 ing. Davide RUGGERI NORME TECNICHE IL QUADRO NORMATIVO Norme Tecniche

Dettagli

FASCICOLO TECNICO IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO FAMIGLIA M GRU A BANDIERA A ROTAZIONE ELETTRICA COMPLETA

FASCICOLO TECNICO IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO FAMIGLIA M GRU A BANDIERA A ROTAZIONE ELETTRICA COMPLETA FASCICOLO TECNICO IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO FAMIGLIA M GRU A BANDIERA A ROTAZIONE ELETTRICA COMPLETA Data emissione Rev Note 10/10/2003 0 Prima stesura 02/03/2007 1 Aggiornamenti alle modifiche introdotte

Dettagli

LE STRUTTURE DI CARPENTERIA METALLICA: DALLA DIRETTIVA PRODOTTI DA COSTRUZIONE ALLE NORME EN 1090

LE STRUTTURE DI CARPENTERIA METALLICA: DALLA DIRETTIVA PRODOTTI DA COSTRUZIONE ALLE NORME EN 1090 LE STRUTTURE DI CARPENTERIA METALLICA: DALLA DIRETTIVA PRODOTTI DA COSTRUZIONE ALLE NORME EN 1090 COME DEVONO OPERARE LE OFFICINE DI FABBRICAZIONE DI PRODOTTI METALLICI CHE DEVONO ESSERE INCORPORATE IN

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE

PRESENTAZIONE AZIENDALE PRESENTAZIONE AZIENDALE La Evoteck Srl è un azienda che deriva da un esperienza trentennale nel settore agricolo e zootecnico in genere e la sua collocazione geografica ha da sempre favorito il suo sviluppo,

Dettagli

LE NUOVE NORME TECNICHE DecretoMinisteriale 14 gennaio2008 I MATERIALI PER USO STRUTTURALE

LE NUOVE NORME TECNICHE DecretoMinisteriale 14 gennaio2008 I MATERIALI PER USO STRUTTURALE Ressort für Bauten, ladinische Schule und Kultur Dipartimento ai lavori pubblici, scuola e cultura ladina PROVINZIA AUTONOMA DE BULSAN - SÜDTIROL Departimënt ai lëures publics, scola y cultura ladina Bolzano,

Dettagli