MANUALE DI RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 ED ALLEGATI APPENDICE B: DATI DEL BILANCIO SOCIALE AL 31/12/2015 PARTE PRIMA ELEMENTI NORMATIVI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE DI RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 ED ALLEGATI APPENDICE B: DATI DEL BILANCIO SOCIALE AL 31/12/2015 PARTE PRIMA ELEMENTI NORMATIVI"

Transcript

1 APPENDICE B: DATI DEL BILANCIO SOCIALE AL 31/12/ LAVORO INFANTILE PARTE PRIMA ELEMENTI NORMATIVI L azienda non intende utilizzare e favorire l utilizzo di lavoro infantile. Se l azienda dovesse venire a conoscenza dell utilizzo di lavoro infantile durante le attività di verifica presso fornitori, o altre organizzazioni, saranno adottati appropriati piani di rimedio per garantire il supporto dei bambini che si dovessero trovare in situazioni che ricadono nella definizione di lavoro infantile. Tali piani forniranno sostegno alla frequenza scolastica dei bambini e alla loro sicurezza. Halley Consulting SPA ha attuato anche un azione di sensibilizzazione presso i propri fornitori del rispetto della normativa attraverso l invio di una lettera informativa e la sottoscrizione di una dichiarazione di impegno da parte degli stessi. Al 31/12/2015, il dipendente più giovane in Halley Consulting S.p.A. è nato nel 1990 e in azienda non sono mai stati assunti lavoratori al di sotto di 18 anni di età. Attualmente la Halley Consulting S.p.A. limita il proprio raggio d azione al territorio nazionale ed ha rapporti esclusivamente con soggetti che operano il Italia. Il settore di attività in cui opera la Halley Consulting S.p.A. richiede competenze specifiche del personale attestate dal possesso di esperienza e di titoli che non potrebbero essere conseguiti da soggetti che non hanno realizzato un regolare percorso di formazione. È possibile, dunque, escludere, la presenza di lavoro infantile mentre qualche rischio sussiste per l impiego di giovani lavoratori. Per la promozione dell educazione dei minori, è stata effettuata negli scorsi anni un iniziativa di adozione e mantenimento agli studi di bambini dei paesi del terzo mondo che unitamente ad altre iniziative di sostegno a favore di enti di ricerca e a favore di ordini religiosi impegnati nell aiuto ai poveri. 2.LAVORO OBBLIGATO La Halley Consulting SpA assicura che tutti i propri dipendenti prestino il loro lavoro in maniera volontaria. L azienda non ammette che il lavoro prestato dalle persone che impiega sia ottenuto dietro minaccia di una qualsiasi penale. Per assicurare la piena volontarietà di qualsiasi prestazione, l azienda si impegna a garantire che tutti i lavoratori siano pienamente consapevoli dei diritti e dei doveri derivanti dal loro contratto di lavoro. La Halley Consulting S.p.A. è stata costituita nel 2002; le prime assunzioni sono iniziate a novembre del 2003 e le ultime sono state effettuate a dicembre Al momento dell assunzione il personale dell azienda viene coadiuvato nella lettura e nella comprensione dei propri diritti e doveri presenti all interno del proprio contratto di lavoro. Con particolare riguardo viene seguita la formazione dei neo-assunti a cui secondo norma di legge viene rilasciato copia del contratto sottoscritto ed illustrato chiaramente l organigramma aziendale, i settori e relative responsabilità così che il dipendente possa muoversi in maniera autonoma all intero dell azienda. Pagina 1 di 10

2 Nel 2015 l azienda ha erogato anticipazioni di TFR a 6 dipendenti. Per valutare come i nostri collaboratori percepiscano il proprio impiego e la loro mansione e per misurare il proprio grado di soddisfazione, viene effettuata periodicamente un analisi sul clima a- ziendale mediante somministrazione di questionario anonimo. L ultima rilevazione di novembre 2014 ha registrato una situazione generale di clima positivo. Fino dalla sua costituzione in azienda sono pianificati ed effettuati periodici incontri con il personale, dove si analizza costantemente l andamento del lavoro, si decidono strategie, si valutano i problemi riscontrati. L incidenza annuale del numero di dimissioni e licenziamenti è molto bassa; questo dato si evidenzia attraverso l andamento decrescente delle dimissioni e dei licenziamenti (v. Grafico 1) e l andamento crescente dei dipendenti (v. Grafico 2). Grafico 1 Trend dimissioni e licenziamenti: periodo Grafico 2 Trend dipendenti: periodo Pagina 2 di 10

3 3.SALUTE E SICUREZZA La questione della sicurezza è stata posta con forza al centro dell attenzione dell attività di organizzazione del lavoro, al fine di garantire ai lavoratori e a chiunque altro possa essere coinvolto nelle attività aziendali un luogo di lavoro sicuro e salubre. Applichiamo tutte le normative che disciplinano la salute e sicurezza dei lavoratori, e l igiene e sicurezza dell ambiente di lavoro, all interno dei propri locali. E stato redatto un documento di valutazione dei rischi (DVR) con identificazione dei rischi applicabili, loro valutazione e utilizzo dei DPI nonché le procedure di emergenza applicabili. Resta comunque costante la consegna a tutti i collaboratori di materiale informativo e codici comportamentali per prevenire incidenti sul lavoro. La società tenendo presente le normative vigenti in materia di salute e sicurezza: Garantisce un luogo di lavoro sicuro e salubre; Adotta le misure adeguate per prevenire incendi e danni alla salute che possono verificarsi durante lo svolgimento del lavoro o in conseguenza di esso; Riduce al minimo, per quanto sia ragionevole e praticabile, le cause di pericolo ascrivibili all ambiente di lavoro; Assicura una regolare e documentata formazione in maniera di sicurezza e salute per i propri addetti, tale formazione è ripetuta per il personale nuovo e al momento del cambio mansione; Stabilisce sistemi per individuare, evitare o fronteggiare potenziali rischi alla salute e alla sicurezza di tutto il personale. La formazione del personale in materia di salute e sicurezza viene eseguita al momento dell assunzione e quando ci sono modifiche/aggiornamenti della legislazione di riferimento. La formazione in materia di sicurezza viene regolarmente registrata e riguarda i seguenti argomenti: Sicurezza all interno del luogo di lavoro Utilizzo di strumenti e attrezzature di lavoro (video terminali ecc.) Primo soccorso/antincendio. Il numero di infortuni sul lavoro in Halley Consulting S.p.A. nel periodo dal 2004 al 2015 è estremamente basso e nella maggior parte dei casi si tratta di incidenti in itinere. Nel 2015 c è stato un unico infortunio (v. Grafico 3). Le assenze per malattie ed infortunio sono monitorate costantemente; tali informazioni hanno cruciale importanza al fine di individuarne le possibili cause ed eventualmente porre in essere gli opportuni rimedi. L aumento delle ore di malattia riscontrato nel biennio 2012/2013 è dovuto principalmente all assenza prolungata di un unico dipendente. Pagina 3 di 10

4 L assenza di infortuni e malattie professionali è strettamente legata alle attività di prevenzione e di sensibilizzazione, all organizzazione di corsi e all acquisto e distribuzione di dispositivi di protezione individuali. Periodicamente vengono organizzati corsi di formazione interna in materia di salute e sicurezza, cui partecipa la totalità dei lavoratori. I corsi di formazione vengono effettuati ai lavoratori direttamente interessati alla materia, in relazione alla mansione svolta ed all inquadramento professionale. Grafico 3 Infortuni sul lavoro: Grafico 4 Trend delle ore di assenza: periodo LIBERTÀ DI ASSOCIAZIONE E DIRITTO ALLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA La Halley Consulting Spa rispetta e favorisce i momenti di socialità e di associazionismo. Rispetta il diritto di tutto il personale di aderire ai sindacati di loro scelta e il diritto alla contrattazione collettiva. Al momento non ci sono rappresentanti sindacali per volontà dei lavoratori ma per facilitare la comunicazione alla Direzione delle istanze dei lavoratori, anche per le materie collegate alla SA 8000, esiste un Rappresentante dei Lavoratori SA8000. Pagina 4 di 10

5 Attualmente risultano 6 dipendenti iscritti a sindacati. I dati sul ricorso allo sciopero (vd. tabella 1) e l assenza di segnalazioni di problematiche etiche confermano l assenza di tensioni nell ambiente di lavoro. La Halley Consulting S.p.A. ricorre essenzialmente a tipologie di contratto di lavoro a tempo indeterminato avvalendosi, raramente e per periodi limitati, di forme di contratto di apprendistato, di tempo determinato per sostituzione e di collaborazione a progetto. Tutti i contratti aziendali di lavoro sono conclusi richiamando i contratti collettivi di categoria. Ad oggi la situazione è la seguente: 65 dipendenti a T.I. 6 dipendenti a T.D. 1 apprendista (vd. Grafico 7) 1 collaboratore a progetto (vd. Grafico 8) Grafico 4bis Dati sulle astensioni per sciopero: periodo Grafico 7 Composizione contratti apprendistato: dato 2015 Pagina 5 di 10

6 Grafico 8- Durata dei contratti a progetto: dato DISCRIMINAZIONE La Halley Consulting SpA riconosce pari diritti e doveri a ciascuno dei propri lavoratori non tollerando alcuna forma di discriminazione. La libertà del lavoratore è garantita nel pieno delle espressioni senza distinguo di sorta. I nuovi assunti vengono introdotti in azienda attraverso procedure oggettive, colloquio di lavoro, curriculum, parametri oggettivi. In questo senso la Direzione si adopera affinché: la selezione avvenga in funzione della idoneità a svolgere un determinato tipo di funzione e/o incarico, sia promosso lo sviluppo delle potenzialità umane e professionali di ogni Risorsa, sia assicurata la chiara comprensione delle attività da svolgere, gli obiettivi finali e l'influenza degli stessi sulla qualità interna e esterna della fornitura, sia garantito il coinvolgimento consapevole di ciascuna Risorsa nelle caratteristiche qualitative della commessa da realizzare, siano pianificati momenti di crescita e sviluppo professionale compatibilmente alle esigenze organizzative e operative aziendali, sia periodicamente valutato lo stato del rapporto di lavoro e le competenze delle risorse. In accordo con quanto previsto dalla normativa cogente sui disabili e le categorie protette, in Halley Consulting S.p.A. sono presenti dipendenti in numero e con mansioni adeguate alla loro condizione (vd. Tabella 2). Tabella 1 Mansioni affidate ad invalidi/categorie protette: dato 2015 Mansione Cat. Sesso Invalidità Categoria protetta =omessa per privacy= 3 F X =omessa per privacy= 5 M X =omessa per privacy= 5 M X =omessa per privacy= 2 M X Pagina 6 di 10

7 In Halley Consulting S.p.A. l incidenza delle donne è del 39% (vd. Grafico 5); esse sono presenti in quasi tutte le categorie, privilegiando quelle intermedie (vd. Grafico 6). L assenza di segnalazioni di problematiche etiche conferma l assenza di situazioni di discriminazione. Grafico 5: incidenza delle donne sul totale dei dipendenti: dato 2015 Grafico 6 Categoria assegnata ai dipendenti in base al sesso: dato PRATICHE DISCIPLINARI La società si impegna a non sostenere pratiche disciplinari non previste dalla normativa di riferimento in materi; sino ad oggi le pratiche disciplinari intraprese si riferiscono solo a richiami scritti ed il loro numero è esiguo. Nel 2015 si è verificato un unico caso. Il personale è stato informato, tramite avviso pubblico, della possibilità di effettuare reclami. A tal proposito è presente in azienda una apposita cassetta dove i lavoratori possono inserire i loro reclami. Tale cassetta viene controllata dal Rappresentante SA8000 dei lavoratori che, se presente, provvederà alla corretta gestione degli stessi reclami, mediante segnalazione alla Direzione e, qualora la Direzione non provveda ad attuare le azioni correttive necessarie, il Rappresentante SA8000 dei lavoratori, interpellerà direttamente l Ente che ha certificato il Sistema di Responsabilità Sociale dell azienda (RINA). Pagina 7 di 10

8 7.ORARIO DI LAVORO L orario di lavoro dell azienda si articola in non più di 40 ore settimanali, in base al contratto di lavoro di ogni dipendente. L orario di apertura e chiusura degli uffici sono dal lunedì al venerdì, dalle ore 8:30 alle e dalle alle 18:00. Eventuali modifiche della distribuzione delle ore nell arco della settimana sono concordate con i lavoratori, così come la pianificazione delle ferie, dei congedi e dei permessi. Nel 2015 in azienda non si è fatto ricorso a lavoro straordinario. Dal 2011 l azienda si trova in Contratto di Solidarietà con conseguente riduzione dell orario di lavoro del 50%. Permessi vengono concessi, su richiesta del personale, per studio e la donazione di sangue (vd.grafico 4). 8.RETRIBUZIONE Le retribuzioni sono allineate a quanto prescritto dal CCNL Metalmeccanica Assindustria. Superminimi sono riconosciuti, al momento dell assunzione, sia ad uomini sia a donne sulla base degli anni di esperienza nella funzione maturati presso precedenti datori di lavoro. La paga viene data tramite bonifico e comunque sempre con le modalità preferite dal lavoratori. Non viene attuata alcuna trattenuta a scopo disciplinare. PARTE SECONDA: ELEMENTI SISTEMICI (punto 9 della Norma) POLITICA L azienda si è dotata di una Politica di Responsabilità Sociale, pubblicata sul sito aziendale e sul portale intranet, dove sono chiaramente espressi gli impegni nei confronti della norma SA8000. Rappresentante della Direzione e dei Lavoratori L azienda ha nominato un rappresentante della Direzione con il compito di assicurare il rispetto dei requisiti della norma. I lavoratori hanno eletto il proprio rappresentante SA8000 affinché faccia da mediatore fra le esigenze di tutti i lavoratori e quelle della direzione aziendale. RIESAME DELLA DIREZIONE Almeno una volta all anno, il Sistema di Gestione della Responsabilità Sociale è sottoposto ad un riesame da parte della Direzione finalizzato a verificare l adeguatezza, l appropriatezza e la continua efficacia della politica, delle procedure e dei risultati di performance in ottemperanza ai requisiti previsti dalla norma SA8000 e dagli altri requisiti, anche alla luce dei risultati provenienti dagli audit del sistema stesso, da cambiamenti della situazione e dall impegno al miglioramento continuo. Pagina 8 di 10

9 AUDIT INTERNI Semestralmente il Sistema di Gestione della Responsabilità Sociale è sottoposto ad audit finalizzato a verificare l adeguatezza, l appropriatezza e la continua efficacia del sistema stesso in ottemperanza ai requisiti previsti dalla norma SA8000 e dagli altri requisiti. L ultimo audit interno è stato effettuato nel mese di Dicembre 2015 e non sono state rilevate non conformità, ma solo raccomandazioni al miglioramento. Segue il dettaglio delle osservazioni riscontrate: AZIONI CORRETTIVE/PREVENTIVE DA ADOTTARE PER LA CHIUSURA DI EVENTUALI NON CON- FORMITA E OSSERVAZIONI EMERSE Rif. Responsabile Causa NC Incarico specifico AP/AC Tempistiche NC/RACC RACC1 RACC2 RACC3 Mancano i documenti relativi ai sopralluoghi negli ambienti di lavoro nel 2015 per le sedi di CT e PA. Manca documentazione attestante lo svolgimento dei corsi di aggiornamento Primo Soccorso per alcuni addetti alle emergenze. Manca documentazione attestante lo svolgimento della formazione annuale sui principi della SA8000 ai lavoratori. Migliorare l archiviazione documentale dei documenti relativi ai sopralluoghi negli ambienti di lavoro. Migliorare l archiviazione documentale della formazione/aggiornamento degli add.alle emergenze. Migliorare l archiviazione documentale della formazione annuale sui principi della SA8000 AC AC AC Entro il 31/01/2016 Entro il 31/01/2016 Entro il 31/01/2016 RDRS RDRS RDRS AUDIT ESTERNI Semestralmente il Sistema di Gestione della Responsabilità Sociale è sottoposto ad audit esterno dell ente certificatore (Rina) finalizzato a verificare l adeguatezza, l appropriatezza e la continua efficacia del sistema stesso in ottemperanza ai requisiti previsti dalla norma SA8000 e dagli altri requisiti. L ultimo audit interno è stato effettuato nel mese di Luglio 2015 e non sono state rilevate non conformità, ma solo 2 raccomandazioni al miglioramento. AZIONI CORRETTIVE/PREVENTIVE DA ADOTTARE PER LA CHIUSURA DI EVENTUALI NON CON- FORMITA E OSSERVAZIONI EMERSE Rif. Responsabile Causa NC Incarico specifico AP/AC Tempistiche NC/RACC RACC1 RACC2 Migliorare le modalità di comunicazione con le parti interessate. Migliorare le modalità di gestione delle registrazioni relative al SGRS. Inviare tutte le comunicazioni alle parti interessate tramite metodi tracciabili e verificabili. Inserire sul Bilancio Sociale tutti gli aspetti del SGRS (audit, riesame etc) AC AC Entro il 31/12/2015 Entro il 31/12/2015 RDRS RDRS Pagina 9 di 10

10 ANALISI DELLE NON CONFORMITÀ Sino ad oggi il sistema di gestione per la responsabilità sociale non ha riscontrato situazioni configurabili come gravità ed estensione come NC. AZIONI DI RIMEDIO E CORRETTIVE Sino ad oggi il sistema di gestione per la responsabilità sociale non ha attivato azioni di rimedio o correttive se non quelle aperte a seguito degli audit interni o per i fornitori. Controllo dei Fornitori/Subappaltatori e Subfornitori Nel processo di adeguamento allo standard SA8000 è stata posta particolare attenzione alla capacità dei fornitori di rispondere ai requisiti della norma, non solo perché richiesto espressamente dalla norma, ma per la possibilità concreta, coinvolgendo attori a monte della filiera produttiva, di estendere il rispetto di principi fondamentali riconosciuti a livello internazionale. Nella definizione dei contratti di fornitura, si privilegiano le aziende che rispondono meglio ai requisiti della norma SA8000:2008 e che si dimostrano disposti a migliorare il loro sistema di gestione; a tal proposito è stato elaborato ed inviato ai Fornitori abituali uno specifico questionario di selezione dei fornitori (il questionario viene inoltre utilizzato anche quale modalità di pre-selezione per i nuovi fornitori). Sulla base delle criticità che emergono dall analisi dei risultati dello specifico questionario, viene definito un piano di intervento sui fornitori, attraverso iniziative tendenti a sensibilizzare gli stessi sulla tematica della responsabilità sociale e diretto a realizzare azioni di intervento al fine di rimuovere la situazione di criticità. Obiettivi per la Responsabilità Sociale Gli obiettivi del sistema di responsabilità sociale sono riportati all interno del Programma per la Responsabilità Sociale per il triennio 2016/2018 dove sono indicati gli obiettivi, i traguardi, le a- zioni e le date di attuazione e verifica, riguardanti il mantenimento della Certificazione SA8000, l istituzione di premi incentivanti per il personale, la promozione dello sviluppo dell infanzia nel mondo, la sottoscrizione dell impegno verso la Responsabilità Sociale da parte dei fornitori, etc. ======================================================================= FIRMA Approvato dall Amministratore Unico in data 15/01/2016 in fase di riesame della Direzione e sottoposto all ente certificatore Rina durante la verifica di sorveglianza SA8000 del 20/01/2016. Pagina 10 di 10

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne.

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne. SA8000 IN WEBKORNER LAVORO INFANTILE Webkorner si impegna a non utilizzare né a favorire l utilizzo di manodopera infantile e minorile. L azienda, ritenendo la tutela dei minori di assoluta priorità, ha

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000)

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) La SA8000:2008 è la certificazione rilasciata alle aziende che, dopo controllo, risultano essere conformi a parametri

Dettagli

RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014

RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014 RELAZIONE BILANCIO SOCIALE 2014 Quanta ha ottenuto la certificazione in conformità allo standard internazionale SA 8000, standard che ha come punti cardini il rispetto dei diritti umani, il rispetto dei

Dettagli

COMUNICAZIONE AGLI STAKEHOLDERS

COMUNICAZIONE AGLI STAKEHOLDERS COMUNICAZIONE AGLI STAKEHOLDERS Oggetto: Comunicazione relativa all impegno per la Responsabilità Sociale di Sparacio Trasporti Sparacio Trasporti ha sempre dato una fondamentale importanza alla qualità

Dettagli

Bilancio SA8000:2008

Bilancio SA8000:2008 Bilancio SA8000:2008 2010 30 luglio 2011 Il Presidente Fabio Pini Bilancio Sociale SA 8000:2008 anno 2009 Pagina 1 Indice Leggi di Riferimento per la Cooperativa pag. 03 Requisiti della norma SA8000 Lavoro

Dettagli

SA 8000. CERTIFICAZIONE ETICA I Sistemi di Responsabilità Sociale coinvolgono le cosiddette Parti Interessate e cioè:

SA 8000. CERTIFICAZIONE ETICA I Sistemi di Responsabilità Sociale coinvolgono le cosiddette Parti Interessate e cioè: SA 8000 La SA 8000 ha la stessa impostazione generale delle norme internazionali relative ai Sistemi di Qualità ed impegna l Azienda ad assicurare il rispetto dei principi etici delle Nazioni Unite sancite

Dettagli

DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE

DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE DOCUMENTO DI RIESAME DELLA DIREZIONE REPORT SULLO STATO DI GESTIONE DEL SISTEMA DI RESPONSABILITA SOCIALE IN BASE AI REQUISITI DELLA NORMA SA 8000/08 AGGIORNATO AL 3 NOVEMBRE 2014 Doc. Riesame della Direzione

Dettagli

QUESTIONARIO VALUTAZIONE FORNITORI

QUESTIONARIO VALUTAZIONE FORNITORI SOMMARIO 1. Introduzione 1.1 Scopo 1.2 Riferimenti normativi 2. Informazioni di carattere generale ed economiche 2.1 Dati generali 2.2 Informazioni economiche 2.3 Informazioni commerciali 2.4 Contatti

Dettagli

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La Cooperativa sociale ITALCAPPA è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente,

Dettagli

Indicatori Etici SA 8000

Indicatori Etici SA 8000 Da anni la Ditta Giuntoli G&G si occupa della produzione di ghiaccioli, granite e gelato artigianale. L'azienda produce una vasta gamma di prodotti tutti relativi alla gelateria e sorbetteria: ghiaccioli,

Dettagli

BILANCIO SOCIALE STANDARD SA8000:2008

BILANCIO SOCIALE STANDARD SA8000:2008 BILANCIO SOCIALE STANDARD SA8000:2008 Aggiornato al 29/04/2015 PUNTOSICUREZZA s.r.l. Via G. Ferraris, 174/176/178-52100 AREZZO Tel. 0575/380.106 - Fax 0575/984.901 Fax Magazzino 0575/984.927 P. IVA 01577740515

Dettagli

Documento di registrazione

Documento di registrazione /allegato B 1 / 5 Il giorno 29 aprile 2013 si è tenuta la prima visita di sorveglianza da parte dell Organismo di Certificazione ABS Quality Evaluations e sono emersi i seguenti suggerimenti: a) 3.4 -

Dettagli

RAPPORTO DI RESPONSABILITA SOCIALE 2014

RAPPORTO DI RESPONSABILITA SOCIALE 2014 RAPPORTO DI RESPONSABILITA SOCIALE 2014 RAPPORTO DI RESPONSABILITA SOCIALE 2014 1. Chi siamo? Autoguidovie, nata nel 1908, è una società per azioni a capitale privato che da più di 100 anni opera nel trasporto

Dettagli

Tutela del lavoro. Procedura di rimedio per il lavoro infantile Riesame della direzione SA8000 - estratto

Tutela del lavoro. Procedura di rimedio per il lavoro infantile Riesame della direzione SA8000 - estratto Tutela del lavoro Procedura di rimedio per il lavoro infantile Riesame della direzione SA8000 - estratto ESTRATTO PROCEDURA _ PR PRE 10 5.1. LAVORO INFANTILE 5.1.1. Scopo Lo scopo di questo paragrafo è

Dettagli

COMUNICAZIONE AZIENDALE

COMUNICAZIONE AZIENDALE Pag. 1/8 Redatto: E. Brichetti Versione: 01 Data emissione: Ottobre 2014 Firma Data Rivisto: Approvato: M.L. Orler M.L. Orler Distribuito a: Personale CLA e Parti Interessate esterne all Azienda Pag. 2/8

Dettagli

RIESAME DELLA DIREZIONE E. PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015 Installazioni Impianti S.p.A. Roma, 28 Gennaio 2015

RIESAME DELLA DIREZIONE E. PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015 Installazioni Impianti S.p.A. Roma, 28 Gennaio 2015 Riunione del 28 gennaio 2015 RIESAME DELLA DIREZIONE E PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015 Installazioni Impianti S.p.A. Roma, 28 Gennaio 2015 Silvia Sforza: della Direzione per la SA8000 Emiliano Sabbatini: della

Dettagli

BILANCIO SOCIALE SA 8000

BILANCIO SOCIALE SA 8000 BILANCIO SOCIALE SA 8000 ITAF srl www.itafsrl.it Pag 1 di 10 INDICE 1Introduzione... 3 2 PROFILO AZIENDALE 2.1 Company Profile.. 3 2.2 Certificazioni e Qualifiche...3 2.3 Attività realizzate.4 2.3 I valori..4

Dettagli

Sommario INTRODUZIONE - PERCHÉ UN BILANCIO SA 8000...3 1 PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA...3

Sommario INTRODUZIONE - PERCHÉ UN BILANCIO SA 8000...3 1 PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA...3 BILANCIO SA 8000 2009 Sommario INTRODUZIONE - PERCHÉ UN BILANCIO SA 8000...3 1 PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA...3 2 IDENTIFICAZIONE DEI PORTATORI DI INTERESSE (STAKEHOLDER)...4 2.1 Amministratore Unico...4

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 6 INDICE GESTIONE DELLE RISORSE Messa a disposizione delle risorse Competenza, consapevolezza, addestramento Infrastrutture Ambiente di lavoro MANUALE DELLA QUALITÀ Pag.

Dettagli

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA 01.04 La Politica per la Qualità e per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro definita dalla Direzione contiene

Dettagli

6. Gestione delle risorse

6. Gestione delle risorse Manuale Qualità Ed.1 Rev.1 del 02/05/13 Red. RSG App.DS Sistema Gestione Qualità per la Formazione Marittima ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE R. Del Rosso - G. Da Verrazzano Via Panoramica, 81-58019

Dettagli

BILANCIO SOCIALE e RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA RESPONSABILITA SOCIALE SA 8000

BILANCIO SOCIALE e RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA RESPONSABILITA SOCIALE SA 8000 BILANCIO SOCIALE SA 8000 BILANCIO SOCIALE e RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA RESPONSABILITA SOCIALE SA 8000 Data emissione condivisione Approvazione : Rappresentante della Direzione - Responsabile

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

SA 8000: 1997 SA 8000. Social Accountability 8000 Responsabilità Sociale 8000

SA 8000: 1997 SA 8000. Social Accountability 8000 Responsabilità Sociale 8000 SA 8000: 1997 SA 8000 Social Accountability 8000 Responsabilità Sociale 8000 Sulla Norma SAI Questa è l edizione iniziale di SA8000, una norma omogenea e verificabile attraverso un sistema di verifica

Dettagli

L esecuzione di monitoraggi ed analisi si esplica principalmente nelle seguenti attività:

L esecuzione di monitoraggi ed analisi si esplica principalmente nelle seguenti attività: Pag. 1 /6 8 Misurazione analisi e 8.1 Generalità L Istituto pianifica ed attua attività di monitoraggio, misura, analisi e (PO 7.6) che consentono di: dimostrare la conformità del servizio ai requisiti

Dettagli

Gestione del personale

Gestione del personale PROCEDURA PGSA 01 Gestione del personale Rev. Data Oggetto Redatto da Approvato da 01 30/09/212 Prima emissione Resp. RSGSA Direzione 1 Sommario 1. Scopo...... 3 2. Campo di applicazione...3 3. Riferimenti...3

Dettagli

POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000

POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 L Enpacl sostiene l importanza dei valori d etica d impresa, sia per l impatto che questa ha nel contesto sociale in cui è inserita, sia per quello ambientale

Dettagli

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS Pag. 1 /9 6. Gestione delle risorse 6.1 Messa a disposizione delle risorse L Istituto rende disponibili le risorse necessarie, per attuare e tenere aggiornato il SG ed i processi che ne fanno parte compatibilmente

Dettagli

Verbale di riesame della direzione

Verbale di riesame della direzione Verbale di riesame della direzione Responsabilità Sociale SA8000 ALTEC SERVICES S.r.l. Via Bombrini 13/5 16149 Genova Italy Phone / Fax +39 010419948 e-mail: info@altecservices.it C.F. / P.I. 01828020998

Dettagli

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 GENERALITA Il Sistema di Gestione Aziendale rappresenta la volontà di migliorare le attività aziendali,

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

VERBALE DEL RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA

VERBALE DEL RIESAME DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA PAGINA 1 DI 8 4. Analisi dei requisiti del SGRS 4.1. Lavoro infantile Non risultano sino ad oggi essersi verificati né riscontrati casi di dipendenti minori e/o giovani lavoratori, avendo PVB Solutions

Dettagli

PROCEDURA LAVORO INFANTILE

PROCEDURA LAVORO INFANTILE PROCEDURA LAVORO INFANTILE N REVISIONE 1 DATA REVISIONE 06/07/09 NATURA DELLA REVISIONE Adeguamento alla norma SA8000:2008 POSIZIONE FIRMA ELABORAZIONE ELABORAZIONE APPROVAZIONE RD SA8000 Responsabile

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SIF CAPITOLO 08 (ED. 01) MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO

MANUALE DELLA QUALITÀ SIF CAPITOLO 08 (ED. 01) MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO INDICE 8.1 Generalità 8.2 Monitoraggi e Misurazione 8.2.1 Soddisfazione del cliente 8.2.2 Verifiche Ispettive Interne 8.2.3 Monitoraggio e misurazione dei processi 8.2.4 Monitoraggio e misurazione dei

Dettagli

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08)

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) Approvato dal Consiglio Di Amministrazione di TAI MILANO S.p.A. il MOG Rev. 01 del 23/06/2009

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

PO 01 Rev. 0. Azienda S.p.A.

PO 01 Rev. 0. Azienda S.p.A. INDICE 1 GENERALITA... 2 2 RESPONSABILITA... 2 3 MODALITA DI GESTIONE DELLA... 2 3.1 DEI NEOASSUNTI... 3 3.2 MANSIONI SPECIFICHE... 4 3.3 PREPOSTI... 4 3.4 ALTRI INTERVENTI FORMATIVI... 4 3.5 DOCUMENTAZIONE

Dettagli

Manuale del Sistema di Gestione Integrato per la Qualità e l Ambiente INDICE

Manuale del Sistema di Gestione Integrato per la Qualità e l Ambiente INDICE Pag. 1 di 5 RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE INDICE 1. Scopo... 2 2. Principi guida... 2 3. Politica per la qualità e l Ambiente... 2 4. Pianificazione... 2 5. Responsabilità, autorità e comunicazione...

Dettagli

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO QUESITO RISCONTRO* Documentazione di P N NA riscontro 1. ANALISI INIZIALE Il DVR /autocertificazione e gli allegati

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007 Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza e formazione M&IT Consulting s.r.l. Via Longhi 14/a 40128 Bologna tel. 051 6313773 - fax. 051 4154298 www.mitconsulting.it info@mitconsulting.it SVILUPPO,

Dettagli

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI...2 3 SIGLE E DEFINIZIONI...2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI...2 3 SIGLE E DEFINIZIONI...2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 Pagina 1 di 9 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI...2 3 SIGLE E DEFINIZIONI...2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 5.1 Pianificazione delle attività...3 5.2 Documentazione...4 5.3

Dettagli

Regolamento per il reclutamento del personale

Regolamento per il reclutamento del personale Pagina 1 di 7 Regolamento per il 1 Pagina 2 di 7 INDICE PREMESSA... 3 ARTICOLO 1 PRINCIPI GENERALI... 3 ARTICOLO 2 PROCEDURA DI RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE... 4 ARTICOLO 3 PROCEDURA PER LA RICERCA

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

Sistema di gestione della Responsabilità Sociale

Sistema di gestione della Responsabilità Sociale PGSA 05 Sistema di Gestione la Responsabilità PROCEDURA PGSA 05 Sistema di gestione la Responsabilità Rev. Data Oggetto Redatto da Approvato da 01 2 Prima emissione Resp. RSGSA Direzione 1 PGSA 05 Sistema

Dettagli

MEA SPA REGOLAMENTO ASSUNZIONE PERSONALE

MEA SPA REGOLAMENTO ASSUNZIONE PERSONALE MEA SPA REGOLAMENTO ASSUNZIONE PERSONALE INDICE Premessa art. 1 Ambito di applicazione art. 2 Pari opportunità e protezione dati personali art. 3 Categorie protette art. 4 Tipologie di contratti art. 5

Dettagli

Allegato I al modello OT24

Allegato I al modello OT24 Allegato I al modello OT24 Questionario per la valutazione della Responsabilità Sociale delle Imprese ai fini della riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

Communication on. Progress 2011

Communication on. Progress 2011 Sommario PARTE PRIMA Dichiarazione Aziendale PARTE SECONDA Applicazione principi PARTE TERZA Set di Indicatori 3 Dichiarazione Aziendale L adesione al Global Compact della Neatec, e l applicazione dei

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 Principi generali...3 Art. 2 Regole generali di condotta per le procedure

Dettagli

Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa

Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa Il presente documento riporta gli Indicatori per la Responsabilità Sociale d Impresa, individuati dal Comitato Tecnico Operativo e approvati

Dettagli

BILANCIO SA 8000:2008

BILANCIO SA 8000:2008 \ BILANCIO SA 8000:2008 AL 05.10.2012 DELTA GROUP AGROALIMENTARE s.r.l. via Dosso, 43 PORTO VIRO (RO) Pagina 1 di 13 Politica Etico - Sociale DELTA GROUP AGROALIMENTARE s.r.l. La Direzione Generale di

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro In vigore dal 01/04/2012 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di Approvato da: Funzione Cognome e Nome Data Firma per approvazione Presidente del CdA RSPP Soc. di consulenza Verificato da:: Funzione

Dettagli

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E 08/02/2011 Pag. 1 di 7 GESTIONE DELLA FORMAZIONE E DELL ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4.

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA COSA È IN PRATICA UN SISTEMA DI GESTIONE? L insieme delle regole e dei processi di funzionamento di un organizzazione. Comprende:

Dettagli

GESTIONE RISORSE UMANE

GESTIONE RISORSE UMANE rev. 01 Data: 26-07-2007 pag. 1 7 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

BILANCIO SOCIALE 2014

BILANCIO SOCIALE 2014 BILANCIO SOCIALE 2014 Aggiornato al 31.12.14 Il Bilancio Sociale SA 8000 risponde all obiettivo di comunicare in modo trasparente, chiaro e completo a tutte le parti interessate sulle prestazioni dell

Dettagli

BILANCIO SOCIALE SA 8000

BILANCIO SOCIALE SA 8000 BILANCIO SOCIALE SA 8000 ITAF srl www.itafsrl.it Pag 1 di 9 INDICE 1Introduzione... 3 2 PROFILO AZIENDALE 2.1 Company Profile.. 3 2.2 Certificazioni e Qualifiche...3 2.3 Attività realizzate.4 2.3 I valori..4

Dettagli

POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA

POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA COMPLETIAMO IL TUO PROCESSO POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA Rifra Masterbatches S.p.A. Via T. Tasso, 8 25080 Molinetto di Mazzano (BS) Tel. +39 030 212171 Fax +39 030 2629757 R.I. 01006560179

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità

Istituto Superiore di Sanità 1 Istituto Superiore di Sanità SISTEMA DI COMUNICAZIONI PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE DEI LAVORATORI DOGE n. Disposizione Operativa Generale BOZZA PER COMMENTI Distribuzione finale: Responsabili delle

Dettagli

FORMAZIONE SULLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI (D.LGS. 81/2008)

FORMAZIONE SULLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI (D.LGS. 81/2008) FORMAZIONE SULLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI (D.LGS. 81/2008) La normativa La società e i servizi di formazione Qualsiasi attività (aziende, studi professionali, negozi ecc.) che abbia almeno un

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

Le norme della Responsabilità Sociale

Le norme della Responsabilità Sociale COOP. SOCIALE ONLUS Via Petrarca 45/bis Sant Antioco S.A 8000- NORME RESPONSABILITÀ SOCIALE INDICE: Il sistema SA8000 Il comportamento in azienda Norme disciplinari Regole di sicurezza sul posto di lavoro

Dettagli

Gestire le NC, le Azioni Correttive e Preventive, il Miglioramento

Gestire le NC, le Azioni Correttive e Preventive, il Miglioramento Scopo Responsabile Fornitore del Processo Input Cliente del Processo Output Indicatori Riferimenti Normativi Processi Correlati Sistemi Informatici Definire le modalità e le responsabilità per la gestione

Dettagli

VADEMECUM PER DATORI DI LAVORO. Compendio ragionato in materia di salute e sicurezza sul lavoro Con l esclusione del titolo IV

VADEMECUM PER DATORI DI LAVORO. Compendio ragionato in materia di salute e sicurezza sul lavoro Con l esclusione del titolo IV VADEMECUM PER DATORI DI LAVORO Compendio ragionato in materia di salute e sicurezza sul lavoro Con l esclusione del titolo IV D.Lgs 81/08 e s.m. e integrazioni Il decreto ha lo scopo di riorganizzare la

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

Riesame SA 8000/08. Responsabilità Sociale SA 8000:2008 M 9.2.1. Rev. 1 del 03.11.2011 Pag. 1 di 16

Riesame SA 8000/08. Responsabilità Sociale SA 8000:2008 M 9.2.1. Rev. 1 del 03.11.2011 Pag. 1 di 16 Pag. 1 di 16 R I E S A M E S A 8 0 0 0 / 0 8 DATA OGGETTO REDATTO VERIFICATO APPROVATO 09/06/2011 Riesame SA 8000 PASTORE G. PASTORE G. I semestre 2011 GALEAZZO F. DA 03/11/2011 PASTORE G. PASTORE G. Riesame

Dettagli

1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO

1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 5 1.0 POLITICA AZIENDALE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO (rif. punto 4.2 BS OHSAS 18001:2007) 1.1 SCOPO La dichiarazione di politica per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro,

Dettagli

Bilancio di Sostenibilità. dipendenti. azionisti e investitori. ambiente. fornitori istituzioni e comunità. clienti e collettività

Bilancio di Sostenibilità. dipendenti. azionisti e investitori. ambiente. fornitori istituzioni e comunità. clienti e collettività Bilancio di Sostenibilità 2012 dipendenti azionisti e investitori ambiente clienti e collettività fornitori istituzioni e comunità Sicurezza e salute dei lavoratori Per il gruppo A2A la prevenzione degli

Dettagli

COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015

COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015 COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015 (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) Premessa: Le azioni positive sono misure temporanee speciali

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DEI SINGOLI VOLONTARI CIVICI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DEI SINGOLI VOLONTARI CIVICI COMUNE DI GAZZO VERONESE Provincia di Verona All. 1 alla delibera di C.C. n. del REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DEI SINGOLI VOLONTARI CIVICI 1 INDICE ART. 1 DEFINIZIONE DI VOLONTARIATO

Dettagli

IL BILANCIO SA8000: UN ESEMPIO DI APPLICAZIONE.

IL BILANCIO SA8000: UN ESEMPIO DI APPLICAZIONE. IL BILANCIO SA8000: UN ESEMPIO DI APPLICAZIONE. CONSIDERAZIONI GENERALI Quello che segue è un esempio di applicazione del bilancio SA8000 ad un caso aziendale astratto. E redatto solamente a fini dimostrativi

Dettagli

PROCEDURE SEMPLIFICATE PER L ADOZIONE DI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE (MOG) NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

PROCEDURE SEMPLIFICATE PER L ADOZIONE DI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE (MOG) NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE PROCEDURE SEMPLIFICATE PER L ADOZIONE DI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE (MOG) NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE RIFERIMENTI Legge 3/8/2007 n.123 (riordino disciplina) -> Introduce nel D.Lgs 231/2001

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis. Life Cycle Engineering: www.studiolce.it

Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis. Life Cycle Engineering: www.studiolce.it Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis Life Cycle Engineering: www.studiolce.it 0 Introduzione: Certificazione ambientale Il Sistema di Gestione Ambientale L'obiettivo del Sistema

Dettagli

Procedura SODDISFAZIONE DEL CLIENTE E MIGLIORAMENTO CONTINUO

Procedura SODDISFAZIONE DEL CLIENTE E MIGLIORAMENTO CONTINUO PSM04 I.S. Pag 1di 5 Procedura SODDISFAZIONE DEL CLIENTE E MIGLIORAMENTO CONTINUO INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RIFERIMENTI 4. TERMINI E DEFINIZIONI 5. RESPONSABILITÀ 6. MODALITÀ OPERATIVE

Dettagli

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento ISO 45001 il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione Comprendere il cambiamento Premessa L art. 30 del Testo Unico della Sicurezza dice chiaramente che i modelli di organizzazione aziendale definiti conformemente

Dettagli

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI (ART. 37 D.LGS. 81/08)

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI (ART. 37 D.LGS. 81/08) FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI (ART. 37 D.LGS. 81/08) L Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011 (pubblicato in G.U. 11 gennaio 2012 n. 8) disciplina la durata, i contenuti

Dettagli

L impegno de L Operosa per la responsabilità sociale Anno 2010. Cadriano (BO) 24 Maggio 2011

L impegno de L Operosa per la responsabilità sociale Anno 2010. Cadriano (BO) 24 Maggio 2011 per la responsabilità sociale Anno 2010 Cadriano (BO) 24 Maggio 2011 per la responsabilità sociale Questo documento ha lo scopo di dimostrare l impegno che la Cooperativa L Operosa ha profuso nel 2010

Dettagli

CHI SIAMO? RAPPORTO DI RESPONSABILITA SOCIALE 2013

CHI SIAMO? RAPPORTO DI RESPONSABILITA SOCIALE 2013 CHI SIAMO? Autoguidovie, nata nel 1908, è una società per azioni a capitale privato che da più di 95 anni opera nel trasporto pubblico locale (Tpl) delle province di Cremona, Milano e Bergamo, Monza e

Dettagli

GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO

GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO Il presente opuscolo vuole essere un utile guida per lavoratori, lavoratrici, datori di lavoro e i soggetti collegati al mondo del lavoro. Le informazioni contenute

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione Ambientale In vigore dal 01/04/2012 Agroqualità Società per azioni Viale Cesare Pavese, 305-00144 Roma - Italia Tel. +39 0654228675 - Fax: +39 0654228692

Dettagli

Corsi di formazione sulla sicurezza in edilizia 2008/2009 D.Lgs. 81/2008

Corsi di formazione sulla sicurezza in edilizia 2008/2009 D.Lgs. 81/2008 Corsi di formazione sulla sicurezza in edilizia 2008/2009 D.Lgs. 81/2008 Cod. Denominazione del corso Ore Pag. SI1 Formazione per operai/ primo ingresso in edilizia 16 2 SI2 RSPP/ASPP - Responsabili del

Dettagli

Vision e Valori. Social Standards

Vision e Valori. Social Standards Vision e Valori Social Standards 2 Social Standards Contenuti Premessa...3 1. Implementazione della procedura... 4 2. Orario di lavoro, Retribuzioni e Diritto alle Ferie... 4 3. Discriminazione...5 4.

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE.

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. 1 Nel panorama legislativo italiano la Salute e la Sicurezza sul Lavoro sono regolamentate da un gran numero di

Dettagli

CSQ È UN SISTEMA DI CERTIFICAZIONE DELL IMQ, GESTITO IN COLLABORAZIONE CON CESI E ISCTI. Via Don Calabria 2 Milano

CSQ È UN SISTEMA DI CERTIFICAZIONE DELL IMQ, GESTITO IN COLLABORAZIONE CON CESI E ISCTI. Via Don Calabria 2 Milano RAGIONE SOCIALE Istituto d Istruzione Superiore J. C. Maxwell PERSONA CONTATTATA INDIRIZZO Via Don Calabria 2 Milano UNITÀ VERIFICATA AZIENDA Lorenzo Torta CAMPO DI APPLICAZIONE c.s. + sede staccata di

Dettagli

PROCEDURA PI 4.3.1-16 Procedura per la definizione dei requisiti della Responsabilità Sociale

PROCEDURA PI 4.3.1-16 Procedura per la definizione dei requisiti della Responsabilità Sociale PROCEDURA PI 4.3.1-16 Procedura per la definizione dei requisiti della Sociale Emissione 25/06/2010 1 di 11 1. SCOPO Lo scopo della presente procedura è di individuare e specificare i requisiti derivanti

Dettagli

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO . Pag 1/8 PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA PALLOTTA S.P.A. EMESSO APPROVATO REVISIONE DATA FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA CdA CdA . Pag 2/8 1 INDIVIDUAZIONE DELLA AREE A RISCHIO NELL AMBITO DELLA

Dettagli

ORGANIZZAZIONE: GUIDA ALL AUTOVALUTAZIONE per Sistemi di Responsabilità Sociale SA8000

ORGANIZZAZIONE: GUIDA ALL AUTOVALUTAZIONE per Sistemi di Responsabilità Sociale SA8000 Em.03 Pag. 1/26 ORGANIZZAZIONE: GUIDA ALL AUTOVALUTAZIONE per Sistemi di Responsabilità Sociale SA8000 Istruzioni per l uso La presente guida costituisce uno strumento di supporto all attività di autovalutazione

Dettagli

BILANCIO SA 8000:2008

BILANCIO SA 8000:2008 \ BILANCIO SA 8000:2008 AL 02.11.2015 Società Cooperativa Sociale Onlus Roèh Via delle Industrie Rovigo Pagina 1 di 15 Politica Etico - Sociale SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE ROÈH La Presidenza della SOCIETÀ

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008)

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) Ruoli Identità Funzioni Datore di lavoro (DdL) Dirigente scolastico Cfr. art.18

Dettagli