NOA E MEDICO DI FAMIGLIA:

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOA E MEDICO DI FAMIGLIA:"

Transcript

1 NOA E MEDICO DI FAMIGLIA: MODALITA di COLLABORAZIONE Indirizzi dei NOA e riferimenti utili Presentazione dei NOA (Nuclei Operativi Alcologia) ASL di Milano Scheda Planning per le modalità di collaborazione con le équipe NOA NOA-CARD con modalità di utilizzo pag. 03 pag. 04 pag. 13 pag. 14 A cura del SSD Alcologia SerT 2 - Dipartimento Dipendenze e del Dipartimento Cure Primarie ASL di Milano

2

3 GLI INDIRIZZI DEI NUCLEI OPERATIVI ALCOLOGIA (NOA) SerT2 Dipartimento Dipendenze dell ASL di Milano sono: NOA - Via Ojetti 20 (MM1 Bonola) Sede della SSD Alcologia tel fax Responsabile dr.ssa M. Raffaella Rossin NOA - Via Oglio,18 (MM3 Corvetto o Brenta) tel fax Responsabile dr.ssa Aurora Teruggi NOA - Via Settembrini, 32 (MM3 Centrale) tel fax Responsabile dr.ssa Cinzia Sacchelli Orario di apertura del servizio: dal lunedì al venerdì ore NOA - Viale Matteotti, 13 (MM1 Sesto Rondò) Sesto San Giovanni tel fax Responsabile dr. Biagio Sanfilippo Orario di apertura del servizio: dal lunedì al venerdì ore 8.30/16.30 sabato ore 8.30/12.30 accesso previo appuntamento telefonico 3

4 NOA MEDICO DI FAMIGLIA: MODALITA di COLLABORAZIONE L Area Alcologia del Dipartimento Dipendenze Patologiche rappresenta l ambito che si occupa in modo specifico del trattamento dell alcolismo. I servizi ad essa afferenti, i NOA, Unità Operative Semplici specializzate, afferenti all Unità complessa SerT 2, offrono all alcolista e alla sua famiglia percorsi di cura e riabilitazione distinti rispetto a quelli che vengono offerti a persone dipendenti da sostanze illegali. I quattro NOA territoriali (tre ubicati nel contesto cittadino e uno a Sesto San Giovanni) sono dotati di un équipe multidisciplinare che si avvale della figura del medico, dello psicologo, dell assistente sociale, dell educatore professionale e dell infermiere. La metodologia di lavoro adottata prevede interventi medici, psicologici, sociali ed educativi integrati con una costante attività territoriale di rete. I tre NOA di Milano offrono all alcolista e ai familiari un trattamento di base che prevede: una prima fase di accoglienza volta alla rilevazione dei bisogni degli utenti e finalizzata alla definizione di un programma psicosocio-sanitario; una seconda fase che mira al raggiungimento e al mantenimento dell astinenza da alcol con percorsi differenziati a carattere medico, psicologico e socio riabilitativo; una terza fase di consolidamento dell astinenza con il possibile invio ai gruppi di auto aiuto territoriali dei CAT e degli Alcolisti Anonimi. Questi percorsi sono contenuti in un tempo medio di mesi al termine del quale è possibile prevedere le dimissioni dei pazienti o, qualora se ne valuti la necessità, dei controlli periodici. Percorso Operativo Prima fase All avvio del percorso terapeutico viene proposta all alcolista e/o ai familiari, dopo gli incontri di accoglienza, la frequenza di un ciclo di incontri di gruppo con finalità informative sulle problematiche alcologiche e motivazionali al loro trattamento. 4

5 I pazienti iniziano la fase di valutazione e motivazione che prevede: colloqui di motivazione con un operatore dell area psico-socio educativa (che possono essere anche in formato gruppale); colloqui individuali, di coppia o di famiglia con lo psicoterapeuta; visite e colloqui medici (solo per gli alcolisti); colloqui sociali al bisogno; colloqui educativi al bisogno; partecipazione a gruppi multifamiliari. Nel corso della valutazione è previsto un momento di informazione e pre-trattamento, attraverso i Gruppi Informativi Alcologici (GIA), a cui partecipano i pazienti e i familiari. I GIA rappresentano un percorso intensivo (14 incontri tre volte alla settimana) e a termine (5 settimane), in cui i pazienti e i familiari possono essere aiutati a rimettere in discussione le proprie idee rispetto alla sostanza alcolica e ad iniziare il programma di astinenza attraverso il conteggio dei giorni senza alcol. Al NOA di via Oglio viene effettuato un percorso di disintossicazione attraverso la somministrazione di terapie farmacologiche o il trattamento con Acudetox (agopuntura auricolare per il controllo dei sintomi di astinenza e per il craving). Durante la disintossicazione vengono proposti interventi di gruppo o individuali a sostegno della motivazione e dell astinenza. Seconda fase Definito il Programma Terapeutico i pazienti e i familiari continuano le visite mediche e, in base ai loro bisogni, i colloqui con lo psicoterapeuta, con l assistente sociale e/o l educatore professionale. In questa fase è previsto, per i pazienti e/o i loro familiari, oltre che i colloqui individuali/familiari con gli operatori del NOA, anche la partecipazione a gruppi terapeutici. Gli utenti alcolisti che necessitano di essere inseriti in un percorso alcologico residenziale vengono inviati nella comunità terapeutica (CT) accreditata con modulo specialistico in alcologia. Alcuni utenti, una volta alla settimana, vengono inseriti nel Gruppo Primo Percorso (GPP) condotto dallo psicoterapeuta. Il GPP serve ad avviare o a consolidare il percorso astinenziale e a riprendere, approfondendoli, i concetti chiave presentati nei Gruppi Informativi. Inoltre gli alcolisti e i loro familiari sono stimolati, anche attraverso la visione di film o il lavoro di gruppo, a migliorare il proprio modo di comunicare. 5

6 Altri utenti vengono inviati ai gruppi di auto-aiuto presenti sul territorio: gli AA (Alcolisti Anonimi), gli Al-Anon (familiari di alcolisti) e i CAT (Club Alcolisti in Trattamento). Terza fase In quest ultima fase di lavoro i pazienti (alcolisti e familiari) possono: 1) essere inseriti nel Gruppo Consolidamento (condotto dallo psicologo ogni 3 settimane per 12 mesi); 2) essere inviati o continuare la frequenza ai gruppi di auto-aiuto AA, Al-Anon e CAT; 3) avere controlli periodici con gli operatori del NOA (solo per alcolisti con doppia diagnosi, gravi patologie alcol-correlate - PAC - problemi giudiziari o con decreto emesso dal Tribunale dei Minori); 4) essere dimessi. Gruppi di auto-aiuto Alcolisti Anonimi Al gruppo di AA possono accedere solo gli alcolisti; I familiari partecipano ad un gruppo specifico chiamato Al- Anon; I gruppi si riuniscono più volte alla settimana; Nei gruppi AA ed Al-Anon non esiste un conduttore; Gli incontri vertono sulla discussione dei 12 passi; É previsto l anonimato; All alcolista viene chiesto di provare a smettere di bere per 24 ore alla volta. Club degli Alcolisti in Trattamento (CAT) Al gruppo possono accedere alcolisti e familiari; Il gruppo si riunisce una volta alla settimana; Il gruppo è condotto da un servitore insegnante che può essere un alcolista astinente, un familiare o un volontario; All alcolista e al familiare si chiede di contare i giorni di astinenza alcolica; Non è previsto l anonimato; Nel gruppo si parla dei problemi personali dei partecipanti; É prevista l astinenza dall alcol per sempre. 6

7 Accoglienza PRIMA FASE Valutazione Motivazione EVENTUALE DISINTOSSICAZIONE AMBULATORIALE Colloqui e visite mediche Colloqui con psicoterapeuta, assistente sociale educatore professionale Gruppi Informativi Alcologici (GIA) (GIA) (14 incontri per 5 settimane) DEFINIZIONE PROGRAMMA TERAPEUTICO SECONDA FASE Proseguimento: colloqui e visite mediche al bisogno: colloqui con psicoterapeuta ass. sociale, educatore professionale INVIO nei GRUPPI di AUTO AIUTO AA- Al-Anon e CAT Gruppo Primo Percorso (GPP ) 1 volta a settimana per 12 mesi TERZA FASE INVIO nei GRUPPI di AUTO AIUTO AA- Al-Anon e CAT GRUPPO CONSOLIDAMENTO (ogni 3 settimane per 12 mesi) DIMISSIONI Controlli periodici solo per alcolisti con doppia diagnosi, gravi PAC, problemi giudiziari o con TM 7

8 Modalità di accesso ai NOA di Milano Gli utenti, alcolisti e/o familiari, possono accedere ai NOA direttamente (previo appuntamento telefonico) o su segnalazione di operatori e servizi del territorio. Le équipe dei Servizi di Alcologia operano in collaborazione con i Servizi Socio-Sanitari dell ASL, con i Servizi Sociali del Comune, con le Aziende Ospedaliere, con i Medici di Medicina Generale, con il Privato Soci, con i Consigli di Zona, con le Agenzie che si occupano di tutela della salute. Questo, nell ottica di un lavoro integrato necessario per ottimizzare i rispettivi interventi in ambito alcologico. Riguardo agli invii dei pazienti alcolisti da parte dei Medici di Medicina Generale, invii considerati estremamente efficaci ed importanti, si rimanda alla Scheda Planning di pag. 13 e alla NOA CARD di pag. 14 per un approfondimento sulle modalità di collaborazione tra Medici di Medicina Generale e NOA. NOA Sesto San Giovanni Dal 1 Gennaio 2009 è entrato a far parte dell ASL di Milano anche il NOA di Sesto San Giovanni, originariamente afferente all ASL Provincia Milano 3. A tale Servizio si rivolgono prevalentemente pazienti residenti nei Comuni di Sesto San Giovanni, Cinisello Balsamo, Cologno Monzese, Cusano Milanino, Cormano e Bresso. Il NOA di Sesto San Giovanni ha caratteristiche che per alcuni aspetti lo assimilano e per altre lo distinguono dagli altri NOA finora descritti. Si presenta, di seguito, la sua modalità operativa. Nel NOA opera un équipe multidisciplinare (che si avvale della figura del medico, dello psicologo, dell assistente sociale, dell educatore professionale e dell infermiere) e la metodologia di lavoro adottata prevede interventi integrati con una costante attività territoriale di rete. Il trattamento di base è distinto in quattro fasi che presentano le seguenti caratteristiche: 1) ACCOGLIENZA E VALUTAZIONE: intesa come quell insieme di attività che strutturano il primo contatto dell utente con il Servizio. 2) DIAGNOSI: intesa come attività di elaborazione sintetica delle risultanze dei colloqui condotti dalle figure professionali nella fase di accoglienza, compreso il prelievo e la visita medica. Tempo medio per le fasi 1 e 2: 4 settimane circa. 8

9 3) TERAPEUTICO/RIABILITATIVA: che comporta la definizione e la realizzazione di un programma terapeutico individualizzato, coerente con la diagnosi. Tempo medio: mesi. 4) CONGEDO: rappresenta la fase di dimissioni dal Servizio del paziente che ha terminato il percorso terapeutico riabilitativo e il riaffido al MMG. 1) ACCOGLIENZA e VALUTAZIONE La richiesta di aiuto è spesso carica di ambivalenze. Solo una minoranza di coloro che si presenta al Servizio per un primo colloquio lo fa su iniziativa personale. Dati questi presupposti, si può comprendere come il primo contatto risulti fondamentale, non tanto per la possibilità che offre di raccogliere il maggior numero di informazioni possibili sul paziente e sulla sua situazione, quanto perché costituisce uno spazio che gli permette di formulare una prima richiesta di aiuto. L immagine che l utente trae dal Servizio e dall ascolto che gli viene offerto, indirizzano le sue aspettative future. L accoglienza e i primi colloqui di approfondimento sono in genere effettuati dall Educatore o dall Assistente Sociale e possono essere realizzati sia col solo paziente che col paziente e i suoi familiari. Ai fini motivazionali vengono realizzati presso il servizio due cicli di incontri di sensibilizzazione alcologica. Tali gruppi hanno una frequenza settimanale (sabato mattina) per un totale di quattro settimane. L obiettivo è quello di aiutare i partecipanti a rimettere in discussione le proprie idee rispetto alla sostanza alcolica e a sollecitare la motivazione rispetto al percorso astinenziale. L iter della fase dell accoglienza può essere modificato in base a esigenze peculiari (doppia diagnosi in fase acuta, compromissione sul piano organico, casi complessi). 2) DIAGNOSI La fase diagnostica è realizzata da figure professionali diverse da quelle che hanno gestito la fase di accoglienza. All Assistente Sociale e all Educatore subentrano infatti gli Psicologi e il Medico del Servizio. I primi devono realizzare una più approfondita analisi della domanda orientata a comprendere l atteggiamento del paziente e dei suoi familiari nei confronti del problema alcol e il loro livello di aspettativa. Gli elementi che gli psicologi devono valutare nel processo diagnostico sono: - stile di vita; - stile relazionale; - eventuale presenza di deficit cognitivi; - dinamiche familiari; - presenza di elementi psicopatologici. 9

10 Nella fase di valutazione psicodiagnostica lo Psicologo si avvale oltre che dei colloqui clinici anche di test di personalità quali T.A.T., Rorschach, MMPI. Per quanto riguarda invece la parte medica vengono valutate: - stato di salute generale; - definizione della situazione di uso improprio, abuso, dipendenza, polidipendenza; - presenza e valutazione sintomatologica e/o sindrome astinenziale; - presenza di eventuali PAC. 3) FASE TERAPEUTICO RIABILITATIVA Definito il quadro diagnostico, attraverso la presentazione del caso in équipe, viene formulato un progetto terapeutico riabilitativo. A seconda delle esigenze è possibile infatti realizzare percorsi individualizzati che tengano conto tanto delle difficoltà quanto delle risorse di ogni singolo paziente e della sua famiglia. Pur essendo la presa in carico effettuata da tutta l équipe, ogni percorso prevede la presenza con maggiore assiduità di un operatore specifico in base alle principali problematiche individuate. Tale operatore diventa il principale punto di riferimento del paziente ed è, in qualche misura, deputato a tenere le fila e a monitorare l andamento del percorso nella sua complessità. La fase terapeutico riabilitativa può prevedere: In ambito psicologico: - Psicoterapia individuale; - Interventi di counselling; - Terapia supportiva di coppia e famigliare; - Psicoterapia di gruppo. In ambito sociale: - colloqui di sostegno volti al mantenimento dell astinenza; - colloqui di sostegno con l educatrice o l assistente sociale; - lavoro di rete con gli Enti e le Agenzie territoriali presenti sul territorio. In ambito medico: - disintossicazione ambulatoriale in day hospital; - sorveglianza e cogestione con il MMG delle PAC; - terapia sintomatologia, avversativa e/o anticraving; - monitoraggio dell andamento dell astinenza (prelievi ematochimici e visite mediche periodiche); - counselling individuale e famigliare. 10

11 4) CONGEDO Una volta che il paziente ha raggiunto un periodo di astinenza continuativa di almeno un anno, l équipe valuta la possibilità di congedare l utente. Questa possibilità viene considerata quando il paziente non solo ha trovato un adeguata soluzione del sintomo alcol migliorando le sue condizioni fisiche, ma soprattutto è riuscito ad acquisire un nuovo stile di vita, che corrisponde ad un miglioramento clinico complessivo del suo funzionamento sul piano familiare, sociale e lavorativo, con maggior benessere fisico e psicologico. A questo punto viene concordata la possibilità, per l utente, di sganciarsi dal Servizio e continuare in modo autonomo ad affrontare la quotidianità attraverso i cambiamenti prodotti dall intervento terapeutico-riabilitativo. Per l utenza che ha bisogno di mantenere un contatto con il servizio è possibile avviare periodici follow-up, attraverso incontri volti a monitorare le aree di salute vitale del paziente. Per coloro che intendono mettere a disposizione di altri la loro esperienza personale è possibile fare riferimento ad AMARCORD, associazione Onlus, fondata nel 1998 da operatori del NOA e da ex pazienti e loro familiari che si occupa di attività di prevenzione e sensibilizzazione delle problematiche alcologiche. MODALITÁ di ACCESSO NOA di SESTO SAN GIOVANNI Gli utenti possono accedere al NOA direttamente, previo appuntamento telefonico, su segnalazione di operatori dei Servizi del territorio e degli ospedali o su invio dei Medici di Medicina Generale. 11

12 Colloqui A.S. ed E.P ACCOGLIENZA (2 settimane) Sensibilizzazione Alcologica (gruppi) DIAGNOSI Visita medica e prelievo Colloqui psicologici Discussione del caso in équipe Pz non accetta percorso Pz accetta Colloquio di restituzione Trattamento 10/12 mesi RISORSE TERRITORIALI - Ricovero ospedaliero - Trattamento riabilitativo c/o reparto di alcologia - Servizi sociosanitari - Servizi Sociali - Privato sociale - Centri diurni - Comunità - Auto mutuo aiuto Follow-up RISORSE INTERNE - Disintossicazione ambulatoriale - Tx farmacologica - Psicoterapia - Counselling - Psicoterapia di gruppo - Sostegno educativo Congedo 12

13 MEDICI del NOA di riferimento per i Medici di Medicina Generale: NOA - Via Ojetti 20: NOA - Via Oglio,18: NOA - Via L. Settembrini, 32: NOA - Sesto San Giovanni: Viale Matteotti,13 dr. Paolo Franceschi dr.ssa Lorenza Fabiano dr.ssa Mariacaterina Barcella dr.ssa Cristina Borellini dr. Alessandro Ballarini Per informazioni Dr.ssa M. R. Rossin, Coordinatrice Attività Alcologiche, tel Scheda Planning Frequentemente si rivolgono al NOA utenti che non sono stati inviati dal Medico di Medicina Generale e che non lo hanno informato sulla decisione di rivolgersi al NOA. In questo caso il Medico del NOA, nel corso del primo colloquio con l utente, esplicita i motivi per cui sarebbero importanti, per il buon andamento del programma alcologico, il contatto e la collaborazione con il Medico di Famiglia e chiede il suo consenso per poter inviare al Medico la comunicazione relativa all avvenuto contatto con il Servizio. Il Medico del NOA nel caso in cui: 1. L utente non dia il suo consenso: Prende in carico l utente per le sole problematiche alcologiche e patologie alcol-correlate, motivando il paziente, nel corso delle successive visite, circa l opportunità di comunicare al Medico di Famiglia gli esiti degli esami ed i trattamenti in corso. 2. L utente dia il suo consenso: Il Medico del NOA contatta telefonicamente il Medico di Medicina Generale per comunicargli che il paziente si è rivolto al NOA; il Medico di Famiglia ed il Medico del NOA concordano che: 13

14 il Medico di Famiglia continui ad avere in carico il proprio paziente per tutta la parte concernente gli aspetti di medicina generale; il Medico del NOA prenda in carico l alcolista per le sole problematiche alcologiche e le patologie alcol-correlate per il periodo di tempo previsto dal programma terapeutico multidisciplinare e integrato effettuato dal paziente presso il NOA (12-24 mesi); il Medico del NOA informi periodicamente il Medico di Famiglia sull andamento del programma terapeutico attraverso la NOA card predisposta e, se opportuno, anche telefonicamente. Inoltre se: il medico di medicina generale desidera collaborare con l équipe multidisciplinare del NOA partecipando attivamente al programma terapeutico è possibile concordare un primo incontro nel quale: il Medico del NOA illustra le modalità operative del servizio; vengono definiti le rispettive funzioni dei due medici; vengono definiti tempi e modi della comunicazione e informazione tra i due Medici; viene definita la modalità di integrazione della funzione esercitata dal Medico di Famiglia all interno del progetto integrato svolto dall équipe multidisciplinare del NOA. NOA CARD La Noa Card è un tesserino che contiene sinteticamente le informazioni relative al percorso che l alcolista e i suoi familiari svolgono al NOA. La NOA Card verrà fatta avere, attraverso l utente, al Medico di Medicina Generale: dal Medico del NOA quando l utente dà il suo consenso (situazione n 2 della Scheda Planning) dopo aver contattato telefonicamente il Medico di Famiglia; dal Medico e dagli Operatori del NOA per tutti i pazienti inviati dal Medico di Medicina Generale. La NOA Card rimarrà al paziente durante tutto il percorso di trattamento (12-24 mesi), e sarà cura del Medico Alcologo riportare sulla Card informazioni utili da comunicare al Medico di Medicina Generale. 14

15 Il percorso NOA prevede: Cognome Nome Nucleo Operativo Alcologia Intervento medico Frequenza Centro Disintossicazione Diario: Via Intervento Psicologico NOA CARD Tel. Fax Medico NOA Altri operatori NOA di riferimento: Intervento Sociale Intervento Educativo Intervento Infiermieristico Frequenza Gruppi GIA Frequenza Gruppi NOA Dr. Alla cortese attenzione del Medico di Famiglia Avvio percorso in data Invio a Gruppi di auto-aiuto Altro invio Dimissioni in data Invia a

16

Il lavoro alcologico nel Ser.T. di Alessandria. Dott.ssa Cormaio Marialuisa Dott.ssa Ubaldeschi Daria Dott. Boetti Alberto

Il lavoro alcologico nel Ser.T. di Alessandria. Dott.ssa Cormaio Marialuisa Dott.ssa Ubaldeschi Daria Dott. Boetti Alberto Il lavoro alcologico nel Ser.T. di Alessandria Dott.ssa Cormaio Marialuisa Dott.ssa Ubaldeschi Daria Dott. Boetti Alberto Nei disturbi da uso di sostanze la metodologia che si è rilevata più efficace consiste

Dettagli

Attuali percorsi e prospettive future nei trattamenti integrati

Attuali percorsi e prospettive future nei trattamenti integrati CONVEGNO ALCOLOGIA 22 Novembre 2013 "ALCOLOGIA MODERNA. ATTUALI TREND DI CONSUMO E PERCORSI TERAPEUTICO-RIABILITATIVI Attuali percorsi e prospettive future nei trattamenti integrati Intervento a cura di:

Dettagli

Dipartimento di Salute Mentale

Dipartimento di Salute Mentale OSPEDALE 88 Dipartimento di Salute Mentale Direttore: Dr. Vincenzo Zindato UO PSICHIATRIA CENTRO PSICO SOCIALE (CPS) E AMBULATORI PERIFERICI Il CPS è il Servizio che si occupa della prevenzione, della

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 1.1 UNO SGUARDO D INSIEME 1.1.1 Il contesto di riferimento L UOSD Rete Assistenziale comprende

Dettagli

SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE TOSSICODIPENDENZE

SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE TOSSICODIPENDENZE SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE T.U. 309/90 e L.n.49/06 Prov.to30/10/07 (Conferenza stato/regioni) D.M.S. 444/90 e LR n.22/02 con relativi decreti Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli

Dettagli

PERCORSO TERAPEUTICO-RIABILITATIVO PER ALCOLISTI E DIPENDENTI DA SOSTANZE PSICOTROPE

PERCORSO TERAPEUTICO-RIABILITATIVO PER ALCOLISTI E DIPENDENTI DA SOSTANZE PSICOTROPE La Promessa O.N.L.U.S. Via Catone 21 00192 Roma Tel / Fax 06.397.391.06 (46) Fasi Trattamentali PERCORSO TERAPEUTICORIABILITATIVO PER ALCOLISTI E DIPENDENTI DA SOSTANZE PSICOTROPE Attualmente il Centro

Dettagli

UNITÁ OPERATIVA DI PSICOLOGIA OSPEDALIERA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO

UNITÁ OPERATIVA DI PSICOLOGIA OSPEDALIERA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO UNITÁ OPERATIVA DI PSICOLOGIA OSPEDALIERA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO 1/7 Attività L unità operativa di Psicologia Ospedaliera assicura interventi psicologici per: 1. Garantire, quando richiesto, il supporto

Dettagli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale Docente: Paolo Barelli Day Hospital Centro Diurno CONTESTO Centro Salute Mentale: Ambulatori e Territorio SOCIALE Ospedale: Servizio Psichiatrico

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI Indice : 1. Scopo del protocollo 2. Invio 3. Verifiche 2.1 tipologia dell utenza 2.2 procedura segnalazione 2.3 procedura

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE 1/7 Premessa Il Dipartimento di Neuroscienze ha come obiettivo la prevenzione, la diagnosi, la cura, la riabilitazione e la

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

SERVIZI PER PERSONE CON PROBLEMI DI SALUTE MENTALE O DIPENDENZA

SERVIZI PER PERSONE CON PROBLEMI DI SALUTE MENTALE O DIPENDENZA SERVIZI PER PERSONE CON PROBLEMI DI SALUTE MENTALE O DIPENDENZA Servizio tossicodipendenze (Ser.T.) 10 Il Ser.T. dell Asl 2 Savonese si occupa della cura delle persone che hanno problemi di dipendenza

Dettagli

CONSULTORIO FAMILIARE LUISA RIVA

CONSULTORIO FAMILIARE LUISA RIVA CONSULTORIO FAMILIARE LUISA RIVA Privato Accreditato Autorizzazione ASL Milano con delibera n 92 del 31 Gennaio 2012 Accreditamento Reg. Lombardia con delibera 3286 del 18 Aprile 2012 C.F. 01401200157

Dettagli

Programma terapeutico per utenti a doppia diagnosi

Programma terapeutico per utenti a doppia diagnosi Programma terapeutico per utenti a doppia diagnosi Premessa La Comunità Airone opera da diversi anni nel campo delle tossicodipendenze e in questi ultimi tempi sta tentando di adattare gli approcci terapeutici

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

A. G. S. A. T. Associazione Genitori Soggetti Autistici del Trentino ONLUS

A. G. S. A. T. Associazione Genitori Soggetti Autistici del Trentino ONLUS A. G. S. A. T. Associazione Genitori Soggetti Autistici del Trentino ONLUS I SERVIZI A.G.S.A.T. - Anna Folgarait - 1 Associazione Genitori Un servizio che nasce dal bisogno di molte famiglie di trovare

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI

RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI CARPI (MO) Via 3 Febbraio 1831, N 9 Tel. 059/682774 e Fax. 059/684575 e-mail: residenza.stella@stellacarpi.it CARTA DEI SERVIZI

Dettagli

UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA

UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA DEFINIZIONE E UTENZA: L Unità Operativa di Riabilitazione Generale in Regime Diurno Continuo, accreditata presso il

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO 2014/15

CARTA DEL SERVIZIO 2014/15 CARTA DEL SERVIZIO 2014/15 Presentazione dell Associazione La Cascina La nostra storia inizia nel 1982 dall incontro di alcune persone che -come cittadini e volontari- hanno cercato risposte plausibili

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

Provenienza degli Ospiti Caratteristiche degli Ospiti Età

Provenienza degli Ospiti Caratteristiche degli Ospiti Età 1 La Fondazione Molina ha realizzato un Nucleo NeuroPsicoGeriatrico (NPG) per sostenere persone e famiglie verso le quali, allo stato attuale, non sono stati ancora organizzati servizi specifici da parte

Dettagli

Linee di indirizzo per la presa in carico di soggetti con problemi di dipendenza che afferiscono ai SERT

Linee di indirizzo per la presa in carico di soggetti con problemi di dipendenza che afferiscono ai SERT All A. Linee di indirizzo per la presa in carico di soggetti con problemi di dipendenza che afferiscono ai SERT Le presenti Linee di indirizzo intendono semplificare la presa in carico delle persone con

Dettagli

Carta dei Servizi del Ser.T. di Rho Indice

Carta dei Servizi del Ser.T. di Rho Indice Carta dei Servizi del Ser.T. di Rho Indice 1. Definizione 2. Status giuridico 3. Principi 4. Diritti dei cittadini e doveri degli operatori 5. Stili di lavoro 6. Possesso dei requisiti: standard gestionali,

Dettagli

CENTRO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE

CENTRO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE CENTRO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE 1/7 Premessa Il Dipartimento salute mentale e dipendenze patologiche è la struttura aziendale che ha come finalità la promozione

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

Strutture Residenziali: quali indicazioni?

Strutture Residenziali: quali indicazioni? Strutture Residenziali: quali indicazioni? Alcologia oggi Roma, 18 Settembre 2013 XXIII Congresso Nazionale Società Italiana di Alcologia Precedenti ricoveri per problemi alcol-correlati 5.12% dei soggetti

Dettagli

Protocollo Operativo Condiviso tra: Unità Operativa Handicap e U.O. Materno Infantile Età Evolutiva Famiglia

Protocollo Operativo Condiviso tra: Unità Operativa Handicap e U.O. Materno Infantile Età Evolutiva Famiglia Protocollo Operativo Condiviso tra: Unità Operativa Handicap e U.O. Materno Infantile Età Evolutiva Famiglia Pag. 1 /5 PROTOCOLLO OPERATIVO TRA UNITA OPERATIVA HANDICAP E UNITA OPERATIVA MATERNO INFANTILE

Dettagli

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE Dr Mauro Bandera Oncologo I progressi nella terapia dei tumori hanno portato ad una sopravvivenza a 5 anni dei 2/3 dei pazienti e di circa la metà a 10 anni dalla diagnosi.

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

Alcologia oggi. dalla clinica alla scienza. dalla persona alla società. L attività clinica multiprofessionale integrata in alcologia

Alcologia oggi. dalla clinica alla scienza. dalla persona alla società. L attività clinica multiprofessionale integrata in alcologia Alcologia oggi dalla clinica alla scienza dalla persona alla società L attività clinica multiprofessionale integrata in alcologia Roma, 18 settembre 2013 Intervento a cura di: M. Raffaella Rossin- psicologapsicoterapeuta

Dettagli

Notizie generali sulla Psichiatria

Notizie generali sulla Psichiatria Notizie generali sulla Psichiatria Psichiatria: è la branca della medicina specializzata nello studio, nella diagnosi e nella terapia dei disturbi mentali. Oggi si privilegia considerare la Psichiatria

Dettagli

AUXILIUM VITAE VOLTERRA S.p.A. DIPARTIMENTO CLINICO DELLA RIABILITAZIONE

AUXILIUM VITAE VOLTERRA S.p.A. DIPARTIMENTO CLINICO DELLA RIABILITAZIONE AUXILIUM VITAE VOLTERRA S.p.A. DIPARTIMENTO CLINICO DELLA RIABILITAZIONE FOGLIO ACCOGLIENZA AREA CARDIO - RESPIRATORIA STRUTTURA ORGANIZZATIVA RIABILITAZIONE CARDIOLOGICA Il presente foglio accoglienza

Dettagli

Mappa dei Servizi. droghe, alcol e nicotina. di prevenzione e cura

Mappa dei Servizi. droghe, alcol e nicotina. di prevenzione e cura Servizio Sanitario Regionale / Azienda U.S.L. di Cesena / Dipartimento Salute Mentale Programma Dipendenze Patologiche Mappa dei Servizi di prevenzione e cura droghe, alcol e nicotina PRESENTAZIONE Le

Dettagli

Vanini Serena Psicologa Psicoterapeuta. Villa Soranzo www.cocaina-alcol.org

Vanini Serena Psicologa Psicoterapeuta. Villa Soranzo www.cocaina-alcol.org TRATTAMENTO DI GRUPPO NEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO 29 novembre 2012 Vanini Serena Psicologa Psicoterapeuta Villa Soranzo www.cocaina-alcol.org DOVE? Il trattamento del giocatore si articola all interno

Dettagli

Il Trattamento delle dipendenze alcoliche dal medico di famiglia alle strutture specialistiche

Il Trattamento delle dipendenze alcoliche dal medico di famiglia alle strutture specialistiche Il Trattamento delle dipendenze alcoliche dal medico di famiglia alle strutture specialistiche PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE PER LA DIPENDENZA DA ALCOOL 22/05/2015 Elena Bruno, Cristina

Dettagli

Genera Soc. Coop. Soc. Onlus. Centro Diurno Integrato SDB REGOLAMENTO INTERNO

Genera Soc. Coop. Soc. Onlus. Centro Diurno Integrato SDB REGOLAMENTO INTERNO REGOLAMENTO INTERNO Centro Diurno Integrato SDB Edizione Novembre 2015 1 Premessa Il di Via Bicetti de Buttinoni 15 a Milano è una struttura sociosanitaria semiresidenziale che accoglie persone affette

Dettagli

www.gruppoabele.org/cosa-facciamo/dipendenze Missione

www.gruppoabele.org/cosa-facciamo/dipendenze Missione 22 www.gruppoabele.org/cosa-facciamo/dipendenze L area dipendenze raggruppa attività e servizi rivolti alle persone con problemi di dipendenza da sostanze legali e illegali, di dipendenza senza sostanza,

Dettagli

Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche. Silvia Gallozzi

Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche. Silvia Gallozzi Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche Silvia Gallozzi Indicazioni operative specificate nella Determina Regionale B 02807/2013

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

PROGETTO ULISSE IMMOBILE CONFISCATO VIALE BRIANZA 35 GIOVEDÌ 26 AGOSTO, ORE 16.00

PROGETTO ULISSE IMMOBILE CONFISCATO VIALE BRIANZA 35 GIOVEDÌ 26 AGOSTO, ORE 16.00 PROGETTO ULISSE IMMOBILE CONFISCATO VIALE BRIANZA 35 GIOVEDÌ 26 AGOSTO, ORE 16.00 L ASSOCIAZIONE Il Progetto Ulisse è stato realizzato da PROGETTO ITACA - ONLUS - un'associazione di volontari fondata a

Dettagli

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 Regione Campania ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA di TEANO Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 GUIDA AI SERVIZI OSPEDALE DI COMUNITÀ DI TEANO (OdC) Premessa L Ospedale di Comunità di Teano è una struttura

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie Roma, 25 Novembre 2014 Tiziana Sabetta Nulla rende più fragile e vulnerabile una famiglia dell esordio di una malattia

Dettagli

CAPIRE E CAPIRSI I familiari di fronte al problema della dipendenza

CAPIRE E CAPIRSI I familiari di fronte al problema della dipendenza CAPIRE E CAPIRSI I familiari di fronte al problema della dipendenza Storia del progetto Il SerT dell ASL 9 ha consuetudine alla collaborazione con i familiari, attraverso accoglienza diretta della domanda

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

Incontro di orientamento professionale. Bergamo 14 aprile 2014

Incontro di orientamento professionale. Bergamo 14 aprile 2014 Incontro di orientamento professionale Bergamo 14 aprile 2014 Chi è l infermiere Profilo professionale dell'infermiere D.M. 14 settembre 1994, n. 739 Art. 1 1 - E' individuata la figura professionale dell'infermiere

Dettagli

Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia. A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013

Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia. A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013 Il Centro Territoriale per le Malattie Rare dell ASL di Brescia A cura di Eliana Breda - Brescia 25 maggio 2013 Il contesto normativo regionale DGR 7328 del 11 dicembre 2001 Individuazione della rete regionale

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DI VERONA 1 SERVIZIO AUTONOMO DI PSICHIATRIA Direttore: prof.

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DI VERONA 1 SERVIZIO AUTONOMO DI PSICHIATRIA Direttore: prof. AUTONOMO DI PSICHIATRIA Servizio Psichiatrico Ospedale Civile Maggiore Piazzale Stefani n. 3726 Verona Segreteria: tel. 045-82 27 99 fax: 045-82 32 99 E-mail: psichiatrico@ulss20.verona.it Direttore: Prof.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DI RIABILITAZIONE SAN VINCENZO CENTRO DIURNO IL VELIERO

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DI RIABILITAZIONE SAN VINCENZO CENTRO DIURNO IL VELIERO CARTA DEI SERVIZI CENTRO DI RIABILITAZIONE SAN VINCENZO CENTRO DIURNO IL VELIERO 1. L'Istituto San Vincenzo L'Istituto San Vincenzo è un ente religioso legalmente riconosciuto che dipende dalla Arcidiocesi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

Workshop Sorveglianza della violenza e degli incidenti: riconoscimento ed intervento nei casi osservati in ambito ospedaliero e sanitario

Workshop Sorveglianza della violenza e degli incidenti: riconoscimento ed intervento nei casi osservati in ambito ospedaliero e sanitario Workshop Sorveglianza della violenza e degli incidenti: riconoscimento ed intervento nei casi osservati in ambito ospedaliero e sanitario Assistenza dei casi di violenza: triage e percorso in Pronto Soccorso

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

Riabilitazione delle Dipendenze

Riabilitazione delle Dipendenze Sistema Sanitario Regione Lombardia A.O. Ospedale Maggiore di Crema Ospedale S. Marta - Rivolta d Adda Riabilitazione delle Dipendenze U.O. di Riabilitazione delle Dipendenze Ospedale S. Marta di Rivolta

Dettagli

Servizio Sociale e Prevenzione GAP

Servizio Sociale e Prevenzione GAP 28 ottobre 2014 L azzardo non e un gioco Servizio Sociale e Prevenzione GAP Dr.ssa Cristina Bassini Assistente Sociale Sert Cremona Dr.ssa Irene Ronchi - Psicologa Sert Cremona Dipartimento Dipendenze

Dettagli

SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA PROGETTO INTEGRAZIONE SOCIALI DISABILI. i.so.di. CARTA DEI SERVIZI

SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA PROGETTO INTEGRAZIONE SOCIALI DISABILI. i.so.di. CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA PROGETTO INTEGRAZIONE SOCIALI DISABILI i.so.di. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Progetto integrazione sociale disabili i.so.di. SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA

Dettagli

Prot. n. 97999 del 13/10/2010

Prot. n. 97999 del 13/10/2010 Prot. n. 97999 del 13/10/2010 DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE ASL RMA U.O.S.Comunità e Residenzialità IV Distretto Tel./Fax 06-8816868 Al Direttore del Dipartimento di Salute Mentale ASL RMA Dott. A.Narracci

Dettagli

Servizio Specialistico Ambulatoriale

Servizio Specialistico Ambulatoriale Servizio Specialistico Ambulatoriale Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure,

Dettagli

Percorso assistenziale integrato per il paziente fumatore nell Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi Firenze

Percorso assistenziale integrato per il paziente fumatore nell Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi Firenze Percorso assistenziale integrato per il paziente fumatore nell Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi Firenze S. Nutini, S. Checcacci, R. Abbate, A. Corrado, A. Morettini, C. Nozzoli, C. Neri Azienda

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

La Bussola. 1. Titolo del progetto. 2. Nuovo progetto - No. 3. Progetto già avviato - Si

La Bussola. 1. Titolo del progetto. 2. Nuovo progetto - No. 3. Progetto già avviato - Si 1. Titolo del progetto La Bussola 2. Nuovo progetto - No 3. Progetto già avviato - Si 4. Se il progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale e/o l utenza

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

Dott. Marcello Mazzo Direttore SOC Tossicodipendenze Azienda U.L.S.S. 18 Rovigo

Dott. Marcello Mazzo Direttore SOC Tossicodipendenze Azienda U.L.S.S. 18 Rovigo Dott. Marcello Mazzo Direttore SOC Tossicodipendenze Azienda U.L.S.S. 18 Rovigo Piano di Zona 2011/2015- Area Dipendenze Priorità Politica Azione Difficoltà delle persone con problematiche di gioco d azzardo

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

PIANO DI ZONA I triennio allegato n. 4

PIANO DI ZONA I triennio allegato n. 4 Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi PIANO DI ZONA I triennio allegato n. 4 Annualità: II ann. X Progetto di durata triennale AMBITO COMUNE DI BARI PROV Ba AUSL BA 1.1

Dettagli

paradosso, forzatura semantica, o? o

paradosso, forzatura semantica, o? o paradosso, forzatura semantica, o? o Nebbiuno, 9 ottobre 2014 dr. Massimiliano Mazzarino Casa di Cura San Giorgio, Viverone Revisione della Rete delle Case di Cura Neuropsichiatriche Tavolo Tecnico Tavolo

Dettagli

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento PROTOCOLLO D INTESA TRA L ASL DI BRESCIA E L AZIENDA SPECIALE CONSORTILE OVEST SOLIDALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO TUTELA MINORI INTERESSATI DA PROVVEDIMENTI DELLA MAGISTRATURA ANNO 2011 Premessa La

Dettagli

MA 28. DAI NEUROSCIENZE UOC di PSICHIATRIA du Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE. Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 7. pag.

MA 28. DAI NEUROSCIENZE UOC di PSICHIATRIA du Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE. Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 7. pag. pag. 7 DAI NEUROSCIENZE UOC di PSICHIATRIA du Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 7 Inserire eventuali altri loghi appartenenti all UO (es. Università,

Dettagli

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari Comunicato stampa Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari grazie ad una convenzione tra Ausl, Fondazione e

Dettagli

La Psicologia clinica: prospettive in ambito penitenziario

La Psicologia clinica: prospettive in ambito penitenziario La Psicologia clinica: prospettive in ambito penitenziario Dott.ssa Silvia Monauni Psicologa Psicoterapeuta Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Ausl di Reggio Emilia Nel CEP (Comitato

Dettagli

DATI GENERALI DEL PROGETTO

DATI GENERALI DEL PROGETTO 1 ALL.2) DATI GENERALI DEL PROGETTO AZIENDA SANITARIA PROPONENTE: ASL 10 DI FIRENZE UFSMA/MOM SMA 5 FIRENZE TITOLO PROGETTO: PSICOEDUCAZIONE CON FAMIGLIE DI PSICOTICI, DIAGNOSI E RIABILITAZIONE COGNITIVA:

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

Regolamento degli interventi educativi territoriali per i minori con disabilità

Regolamento degli interventi educativi territoriali per i minori con disabilità Regolamento degli interventi educativi territoriali per i minori con disabilità Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 35 del 07.07.2014 ed entrato in vigore il 01.10.2014 I 20099 Sesto

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 2. Nuovo Progetto o Si X 3. Progetto già avviato o Si X 4. Se il Progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale

Dettagli

Dipartimento di Salute Mentale

Dipartimento di Salute Mentale Dipartimento di Salute Mentale UO DI PSICHIATRIA E NEUROPSICHIATRIA Direttore: Dr. Vincenzo Zindato UO DI PSICHIATRIA Il CPS è il Servizio che si occupa della prevenzione, della cura e della riabilitazione

Dettagli

European initiative for democracy and human rights Initiative européenne pour la démocratie et la protection des droits de l homme PROGETTO KAIROS

European initiative for democracy and human rights Initiative européenne pour la démocratie et la protection des droits de l homme PROGETTO KAIROS PROGETTO KAIROS Progetto di intesa e collaborazione finalizzato ad attività di assistenza, cura e ricerca in favore dei rifugiati sopravvissuti a tortura e violenza organizzata tra Azienda Ospedaliera

Dettagli

CARTA dei SERVIZI. di Cure Domiciliari della coop.

CARTA dei SERVIZI. di Cure Domiciliari della coop. CARTA dei SERVIZI di Cure Domiciliari della coop. 1 La carta dei servizi costituisce un importante punto di riferimento per l utente che può conoscere agevolmente i servizi e le loro modalità di erogazione.

Dettagli

IL CENTRO ALCOLOGICO VILLA SILENZI

IL CENTRO ALCOLOGICO VILLA SILENZI PREMESSA La volontà di promuovere un centro che si occupi specificatamente di alcoldipendenza nasce dal sempre maggiore rilievo assunto dal fenomeni di abuso di alcol spesso associato a situazioni di difficoltà

Dettagli

Organizzazione dei servizi psichiatrici. Filippo Franconi

Organizzazione dei servizi psichiatrici. Filippo Franconi Organizzazione dei servizi psichiatrici Filippo Franconi Obiettivi di salute mentale Promozione della salute mentale a tutte le età Prevenzione primaria e secondaria dei disturbi mentali Riduzione delle

Dettagli

Grazie dell attenzione

Grazie dell attenzione Grazie dell attenzione http://www.registri-tumori.it/pdf/aiom2012/i_numeri_del_cancro_2012.pdf In Italia circa 2.250mila persone (4% del totale della popolazione) vivono avendo avuto una precedente

Dettagli

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 2 di 7 Denominazione del presidio: CAD Laboratori via Pio Ubicazione/Indirizzo: via PIO VII, 61 (zona lingotto) Come si raggiunge: linee

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona AREA PSICOLOGI SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI e AFFIDI FAMILIARI DISTRETTUALE SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI Il servizio ha l obiettivo di garantire in sinergia

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

Le richieste di ammissione sono segnalate per iscritto dal Ser.T, ( precedute da contatti telefonici).

Le richieste di ammissione sono segnalate per iscritto dal Ser.T, ( precedute da contatti telefonici). PROGRAMMA COMUNITÀ TERAPEUTICA EMMAUS L associazione Comunità sulla strada di Emmaus è iscritta con il numero d ordine n. 10 ai sensi della L. R. 9.9.96 n. 22 all Albo regionale degli Enti Ausiliari; senza

Dettagli

Day Hospital Psichiatrico

Day Hospital Psichiatrico Day Hospital Psichiatrico Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

Centro per l apprendimento e la famiglia

Centro per l apprendimento e la famiglia Centro per l apprendimento e la famiglia Carta dei Servizi per l anno 2014 Progettazione Cooperativa Sociale ONLUS Vai G. B. Moroni, 6 24066 Pedrengo (Bg) tel. 035657351 Centro per l Apprendimento e a

Dettagli

proposta di legge n. 210

proposta di legge n. 210 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 210 a iniziativa dei Consiglieri Ciriaci, Eusebi, Trenta, Natali, Marangoni, Bucciarelli, Carloni, Massi, Latini, Sciapichetti, Acquaroli, Pieroni,

Dettagli

Problemi ancora aperti nella gestione del malato di Alzheimer

Problemi ancora aperti nella gestione del malato di Alzheimer Giornate Mediche Fiorentine Firenze, 2 3 dicembre 2011 Problemi ancora aperti nella gestione del malato di Alzheimer Manlio Matera Associazione Italiana Malattia di Alzheimer Atti di indirizzo della Regione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO 1)Finalità del servizio Il Servizio di Assistenza Domiciliare ha lo scopo di favorire il mantenimento al

Dettagli

DISCIPLINARE DI SERVIZIO

DISCIPLINARE DI SERVIZIO ALLEGATO B DISCIPLINARE DI SERVIZIO PER L ACCREDITAMENTO DELL UNITA DI OFFERTA SOCIALE SERVIZIO DI FORMAZIONE ALL AUTONOMIA PER LE PERSONE DISABILI (S.F.A) Oggetto Oggetto del presente documento è la descrizione

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi.

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi. Aiuti alle persone e alle famiglie in condizioni di fragilità - Misure concordate tra sindacato e Regione Lombardia.( a cura dipartimento welfare SPI Lombardia) Cgil, Cisl e Uil con i sindacati dei pensionati

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO DISABILI IL MELOGRANO

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO DISABILI IL MELOGRANO CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO DISABILI IL MELOGRANO 1. L'Istituto San Vincenzo L'Istituto San Vincenzo è un ente religioso legalmente riconosciuto che dipende dalla Arcidiocesi di Milano. E' presieduto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA NOTA DI ACCOGLIENZA Gentile Signora, Gentile Signore, con la presente Le vogliamo fornire una Guida che Le sia di aiuto per orientarsi e conoscere la Struttura Sanitaria alla

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli