SELEZIONE DI OLI INTERI PER OPERAZIONI DI LAVORAZIONE DEI METALLI di Manuel Amadio

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SELEZIONE DI OLI INTERI PER OPERAZIONI DI LAVORAZIONE DEI METALLI di Manuel Amadio"

Transcript

1 SELEZIONE DI OLI INTERI PER OPERAZIONI DI LAVORAZIONE DEI METALLI di Manuel Amadio 1. Confronto tra emulsionabili ed oli interi. Prima dell introduzione di emulsioni e soluzioni le operazioni venivano effettuate esclusivamente con oli interi. Oggi invece sono rimaste poche le aree di competenza esclusiva degli oli interi : - operazioni difficili - trattamento di ruote dentate - filettatura alla rullatrice di materiali ad alta tensione - brocciatura di materiali altamente legati - foratura profonda (profondità almeno 10 volte il diametro) - filettatura interna di grandi diametri - rettifica di forme - trattamento di materiali incompatibili con acqua (magnesio e sue leghe) In tutti gli altri casi le operazioni di taglio sono effettuate con entrambi i tipi di refrigerante. Il seguente schema Vi potrà aiutare nella decisione di lavorare con olio intero oppure con emulsione : Vantaggi offerti dagli emulsionabili Vantaggi offerti dagli oli interi * proprietà raffreddanti ottimali nel caso * operazioni di taglio severe con di operazioni di taglio molto veloci e basse velocità di taglio spessori elevati * lunga durata di utensili * non si formano nebulizzazioni né vapori * migliori qualità superficiali o veli d olio consistenti * durata d esercizio maggiore rispetto * nessun pericolo d infiammabilità al refrigerante * nessun problema nei processi di lavaggio * miglior compatibilità con oli successivi alla lavorazione estranei * buona protezione antiruggine Il prospetto che segue mostra l uso di entrambi i prodotti nelle operazioni di taglio. Segue Tabella 1.1 1

2 (Tabella 1.1) Oli interi ed emulsionabili per le differenti operazioni di taglio Tipo di operazione di taglio Fluido prescelto per la lavorazione dei metalli Emulsionabile Intero TORNITURA F R FORATURA F R FORATURA PROFONDA MF F FRESATURA F R BROCCIATURA F F LAVORAZIONI AUTOMATICHE MF F FRESATURA,FORMATURA TRUCIOLATURA INGRANAGGI R F RETTIFICA CILINDRICA E PIANA F R RETTIFICA DI FORMACON INGRANAGGIO PROFILATO ALLA MOLA R F RETTIFICA SENZA CENTRI F R RETTIFICA AD ALTA VELOCITA MF F LEVIGATURA MF F LAPPATURA MF F F = USO FREQUENTE MF = USO MENO FREQUENTE R = USO RARO 2

3 2. Uso degli oli interi. Per quanto riguarda la funzione degli additivi la seguente tabella può offrire un quadro generale sulla natura degli oli interi : (Tabella 2.1) Gruppo A Oli minerali desolforati per facili lavorazioni di rame e sue leghe ed alluminio. Gruppo B Oli additivati con sostanze polari, che posseggono buone capacità untuosanti e lubrificanti, per lavorazioni di metalli non ferrosi. Gruppo C Gruppo D Gruppo E Gruppo F Gruppo G Oli additivati con sostanze polari solforate; inattivi nei confronti del rame e sue leghe; per operazioni di filettatura. Oli minerali solforati; attivi nei confronti del rame e sue leghe, oli leggermente solforati con bassa lubricità. Miscela dei gruppi C e D con buone proprietà lubrificanti ed EP; attivi nei confronti del rame e sue leghe. Nella maggior parte dei casi miscele ad elevato contenuto di cloro, per il taglio di materiali difficili (Nichel, Cromo) e leghe con rame. Gruppo più importante perché comprende la maggior parte delle operazioni di taglio, grazie alla combinazione cloro-zolfo. Gruppo H Le buone proprietà EP sono supportate da sostanze polari aggiunte; ideale per materiali ferrosi e non ferrosi. Gruppo I Gruppo J Utilizzazione ad ampio raggio. Miscela raramente usata, poiché è difficilmente in grado di evitare problemi di corrosione. Gruppo K Particolarmente idoneo quando l usura dell utensile è elevata, grazie a buone proprietà antiusura. Gruppo L Oli leggermente additivati EP, inattivi nei confronti del rame e sue leghe. Segue (Tabella 2.2) 3

4 (Tabella 2.2) STRUTTURA DEI PRINCIPALI OLI INTERI A. B. Oli grassi. C. Oli grassi + zolfo D. Oli minerali + solfo Oli minerali + E. Oli grassi + zolfo Additivi migliorativi della Oli minerali + zolfo protezione antiruggine Proprietà miste F. Cloroparaffine Comportamento schiuma Proprietà untuosanti G. Cloroparaffine Proprietà di risciaquo Oli grassi + zolfo Stabilità all ossidazione H. Oli grassi + cloro I.Oli grassi + cloro Oli grassi + zolfo J. Oli grassi + cloro + Zolfo K. Composti zolfo + fosforo L. Composti fosforo 4

5 La scelta dell olio adatto per operazioni di taglio dipende da diversi fattori : - tipo di materiale - informazioni sul taglio : modo di erogazione olio, velocità di taglio - materiale dell utensile Nel caso in cui tutti i fattori ad eccezione dei materiali da lavorare siano costanti, può essere ricavata la cosiddetta lavorabilità o indice di lavorabilità : Il materiale standard ha l indice di taglio pari a 100. Con un indice superiore a 100 abbiamo buone proprietà di taglio. Con un indice inferiore a 100 abbiamo peggiori proprietà di taglio. Confrontare la tabella 3.1 Consideriamo di seguito tutti i criteri, ad esempio per le diverse operazioni di taglio in merito alle proprietà del materiale ed all additivazione degli oli interi. Confrontare dalla tabella 3.2 fino alla 3.7 5

6 3. Classificazione dei materiali in funzione della scelta degli oli da taglio interi tabella 3.1 Gruppo Materiali Gruppo 1 Gruppo 2 Gruppo 3 Gruppo 4 Gruppo 5 Gruppo 6 Materiali (esempi selezionati) Normali operazioni di taglio dell acciaio : - acciai non legati e bassamente legati induriti e temprati ( C15, C35, 16 Mn Cr 5 ) - acciaio da lavorare ( 9S20, 9S MnPb23) - acciai per costruzione ( St 37, St 60 ) Operazioni difficili di taglio dell acciaio : - acciai altamente legati induriti e temprati ( 24 CrMo 5, 42 CrMo 4 ) - acciai altamente legati al cromo ( X 8 Cr 17, X 40 Cr 13 ) - acciai al cromo resistenti alla corrosione e agli acidi ( X2CrNi 189, X10CrNiMoNb 1810 ) - acciai fusi/colati (GS-Ck 16, CS-37 SiMn 75 ) Operazioni di taglio più difficili per materiali speciali : - nichel e sue leghe ( NiCr 10, NiCr 1820 ) - acciai al manganese e al manganese silicio ( 40 MnCr 22, 65 SiMn 5 ) - acciai al cromo molibdeno ( 24 CrMo 5, X 6 CrMo 4 ) - acciai al silicio ( 38 Si 6, 55 Si 7 ) - titanio e sue leghe ( TiAl 6 V 4, TiAl 7 Mo 4 ) Ghisa e ghisa malleabile ( GG-25, GTS-45 ) Metalli non ferrosi - Rame e sue leghe ( G-Ms 65, G-CuSn 10 Zn ) Metalli leggeri - alluminio e leghe di magnesio ( Al Mg 5, Al Mg Si 1 ) Indice di taglio (valori medi) fino fino fino

7 Tabella 3.2 LEVIGATURA Campo d applicazione Additivazione Viscosità mm2/s a 40 C Punto di fiamma V.A. Gruppi di materiale : 1, 2, 3, 5 pietre al corindone/diamante Additivi polari ed additivi EP, nella maggior parte dei casi l attività dello zolfo è assente o solo limitata 5 a a 130 C Gruppi di materiale : 1, 2,3 elevato regime con pietre al diamante Additivi polari ed additivi EP, nella maggior parte dei casi l attività dello zolfoè assente o solo limitata 17 a a 160 C Gruppi di materiale : 4 Additivi EP, non sono presenti sostanze polari solide, o solo in misura limitata 5 a a 130 C 7

8 Tabella 3.3 TAGLIO INGRANAGGI Materiali Punzonatura e formatura ingranaggi Truciolatura ingranaggi Gruppo 1, 2 e 4 materiali di normale e severa lavorabilità, materiali di ghisa B, E fino L 35 fino 45 mm2/s a 40 C B, E fino L. Spesso effetto differente per ghisa con grafite modulare o lamellare. per coefficiente m > 2,5 35 fino 45 mm2/s a 40 C per coefficiente m < 2,5 15 fino 25 mm2/s a 40 C Gruppo 3 materiali di difficile lavorabilità F, G, H, I, J 35 fino 45 mm2/s a 40 C B, E fino L 35 fino 45 mm2/s a 40 C Gruppo 5 metalli non ferrosi B, C, F, G, J 20 fino 45 mm2/s a 40 C B, C, F, G, J 15 fino 45 mm2/s a 40 C 8

9 Tabella 3.4 FORATURA PROFONDA Materiali Additivi, viscosità Gruppo 1 : materiali di normale lavorabilità C, E, G, I, J 10 fino 15 mm2/s a 40 C Gruppo 2 e 3 : materiali di difficile o molto difficile lavorabilità G, I, J 10 fino 20 mm2/s a 40 C Gruppo 4 : ghisa e ghisa malleabile F, G, H, I 12 fino 20 mm2/s a 40 C Gruppo 5 : metalli non ferrosi C, G, H, I 10 fino 12 mm2/s a 40 C Gruppo 6 : metalli leggeri C, G, H, I 10 fino 12 mm2/s a 40 C 9

10 Tabella 3.5 BROCCIATURA Materiali Additivi, viscosità Gruppo 1 : acciai di normale lavorabilità C, D, E, G, K Componenti a base di zolfo attivo per spigoli riportati Gruppo 2 e 3 : materiali di difficile e molto difficile lavorabilità E, G, I, J Per materiali al titanio spesso E, L Gruppo 4 : ghisa e ghisa malleabile Raramente oli con additivi C, D, E, G; nella maggior parte dei casi emulsioni o a secco Gruppo 5 : metalli non ferrosi B, C, G, K Senza zolfo attivo. Gruppo 6 : metalli leggeri B, C, E, J Viscosità: 14 fino 18 mm2/s a 40 C 10

11 4.Ottimizzazione dei moderni oli interi da taglio esenti da cloro Una conoscenza degli esatti processi chimici e fisici che avvengono durante le operazioni di lavorazione è necessaria per poter sviluppare lubrorefrigeranti esenti da cloro e miscibili in acqua. Le funzioni del cloro e di altri additivi EP/AW (estreme pressioni/anti-wear), ed i loro limiti di carico e temperatura giocano un ruolo decisivo in questo ambito. L assenza di composti al cloro crea un intervallo tra i 120 C e 280 C nell ambito della temperatura d esercizio degli additivi EP/AW noti, che sono già stati in gran parte eliminati usando gli effetti sinergici di speciali composti fosforicosolforosi, sostenuti da nuovi esteri complessi ad alta pressione. Non ci sono più difficoltà nella sostituzione di cloroparaffine che erano contenute fino ad una percentuale del 10% nei lubrorefrigeranti non miscibili in acqua. I lubrorefigeranti con un contenuto di cloroparaffine di ca. 50% ed oltre possono anche essere parzialmente corretti con l additivazione di nuovi prodotti ecologicamente accettabili, senza causare particolari riduzioni di resa dei lubrorefrigeranti. È stata necessaria un gran quantità di lavoro teorico e pratico prima di ottenere questi risultati. Uno dei principali stadi di sviluppo è stata una moltitudine di test di laboratorio. Le macchine brocciatrici TANERT, ROLL, KORTHAUS, a quattro sfere e a dente singolo hanno prodotto risultati, i quali, se correttamente interpretati, hanno rivelato una correlazione tra applicazioni pratiche e di laboratorio. Quattro differenti materiali, ciascuno difficile da lavorare, sono stati testati sulla macchina brocciatrice a dente singolo, per prendere in considerazione l influenza dei singoli materiali. Test pratici e successivi ampi tests sul campo hanno portato allo sviluppo di un programma di lubrorefrigeranti esenti da cloro ed ecologicamente accettabili, che possono essere usati con successo nelle applicazioni pratiche. 11

12 Tabella 4.1 CAMPO/RAGGIO DI TEMPERATURA DEI DIFFERENTI ADDITIVI EP Temperatura max ADDITIVI approssimativa resa Sostanze ad azione polare Gliceridi vegetali ed animali 130 C Sostanze grasse sintetiche 200 C Inibitori antiusura ed additivi ad alta pressione Contenenti cloro 500 C Fosforo 800 C Zolfo 900 C Esenti da zolfo 1000 C Di Manuel Amadio CBA dei lubrificanti Spa 12

13 13

smart engineering solutions Fluidi per la lavorazione dei metalli

smart engineering solutions Fluidi per la lavorazione dei metalli smart engineering solutions Fluidi per la lavorazione dei metalli Oli interi da Taglio Q8 Bach La serie Q8 Bach è stata concepita per coprire la maggior parte delle operazioni di taglio metalli con un

Dettagli

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO

METALLI FERROSI GHISA ACCIAIO METALLI FERROSI I metalli ferrosi sono i metalli e le leghe metalliche che contengono ferro. Le leghe ferrose più importanti sono l acciaio e la ghisa. ACCIAIO: lega metallica costituita da ferro e carbonio,

Dettagli

FLUIDI PER LAVORAZIONE METALLI

FLUIDI PER LAVORAZIONE METALLI FLUIDI PER LAVORAZIONE METALLI Prodotti di elevato standard tecnologico per l industria metalmeccanica QUALITÀ E PERFORMANCE I fluidi emulsionabili utilizzati per la lavorazione dei metalli sono esposti

Dettagli

Agip Metalworking AGIP AQUAMET

Agip Metalworking AGIP AQUAMET Agip Metalworking AGIP 2 Agip Metalworking AGIP AGIP la nuova linea di lubrorefrigeranti ENI al servizio dell Industria Meccanica. Il continuo avanzamento tecnologico delle macchine utensili e delle lavorazioni

Dettagli

Da Ottant anni Specialisti della Lubrificazione. Fluidi per la lavorazione dei metalli

Da Ottant anni Specialisti della Lubrificazione. Fluidi per la lavorazione dei metalli 1933 2014 Da Ottant anni Specialisti della Lubrificazione Fluidi per la lavorazione dei metalli Oli Interi da Taglio La gamma di oli interi da taglio ROLOIL è in grado di soddisfare tutte le richieste

Dettagli

Classe 4^ - Tecnologie mecc. di proc. e prod. - UdA n 2: Taglio dei metalli - Fluidi da taglio FLUIDI DA TAGLIO

Classe 4^ - Tecnologie mecc. di proc. e prod. - UdA n 2: Taglio dei metalli - Fluidi da taglio FLUIDI DA TAGLIO FLUIDI DA TAGLIO Il calore che si sviluppa durante l asportazione di truciolo é causato da: - lavoro di deformazione del materiale - lavoro di attrito 1) Il calore dovuto alla deformazione dipende dalle

Dettagli

FUCHS Lubricanti S.p.A. Lubrorefrigeranti per la Lavorazione dei Metalli ECOCOOL ECOCUT. Leader mondiale nei lubrificanti speciali

FUCHS Lubricanti S.p.A. Lubrorefrigeranti per la Lavorazione dei Metalli ECOCOOL ECOCUT. Leader mondiale nei lubrificanti speciali FUCHS Lubricanti S.p.A. Lubrorefrigeranti per la Lavorazione dei Metalli ECOCOOL ECOCUT Leader mondiale nei lubrificanti speciali UN PARTNER FORTE FUCHS: UN AZIENDA FAMILIARE DIVENTATA UN GRUPPO INTERNAZIONALE

Dettagli

prodotti La massima sicurezza per il prodotto finito, per il processo produttivo e per l operatore. Questo è superiorità!

prodotti La massima sicurezza per il prodotto finito, per il processo produttivo e per l operatore. Questo è superiorità! prodotti La massima sicurezza per il prodotto finito, per il processo produttivo e per l operatore. Questo è superiorità! Prodotti Oli per levigatura GP 5 M 4,8 1 Olio universale per levigatura di acciai

Dettagli

Classificazione degli acciai da lavorare Scelta della punta in funzione del materiale da lavorare Parametri di taglio

Classificazione degli acciai da lavorare Scelta della punta in funzione del materiale da lavorare Parametri di taglio Materiali delle punte elicoidali Processi produttivi delle punte elicoidali Standard normativi Tipologia di affilatura Rivestimenti superficiali degli utensili Durezze Rockwell e Vickers Classificazione

Dettagli

perforazione Durata Versatilità Precisione Affidabilità

perforazione Durata Versatilità Precisione Affidabilità Durata Versatilità Precisione Affidabilità Tabella per la scelta delle punte in funzione del materiale da lavorare MATERIALE DA LAVORARE QUALITA VELOCITA DIAMETRO PUNTA REFRIGERANTE PUNTA PERIFERICA mt

Dettagli

Materiali per alte temperature

Materiali per alte temperature Materiali per alte temperature Prof. Barbara Rivolta Dipartimento di Meccanica Politecnico di Milano 14 Novembre 2013, Lecco Fenomeni metallurgici ad alta temperatura 2 Fenomeni meccanici: sovrasollecitazioni

Dettagli

MATERIALI PER UTENSILI CARATTERISTICHE PRINCIPALI

MATERIALI PER UTENSILI CARATTERISTICHE PRINCIPALI MATERIALI PER UTENSILI CARATTERISTICHE PRINCIPALI - Durezza a freddo (elementi di lega, trattamenti termici ) - Durezza a caldo (alte velocità di taglio) - Tenacità (frese, taglio interrotto ) - Resistenza

Dettagli

LEGHE METALLICHE STRUTTURA DELLE LEGHE LA GHISA E L ACCIAIO. I metalli sono dei SOLIDI POLICRISTALLINI (aggregati di molti cristalli, detti GRANI)

LEGHE METALLICHE STRUTTURA DELLE LEGHE LA GHISA E L ACCIAIO. I metalli sono dei SOLIDI POLICRISTALLINI (aggregati di molti cristalli, detti GRANI) LEGHE METALLICHE LA GHISA E L ACCIAIO Prof.ssa Silvia Recchia Le leghe sono delle DISPERSIONI DI UN SOLIDO IN UN ALTRO SOLIDO SOLVENTE: metallo base (metallo presente in maggiore quantità) SOLUTO: alligante

Dettagli

1.3.1 SALDATURA DI ACCIAI LEGATI, ACCIAI DISSIMILI E DI COMPOSIZIONE SCONOSCIUTA

1.3.1 SALDATURA DI ACCIAI LEGATI, ACCIAI DISSIMILI E DI COMPOSIZIONE SCONOSCIUTA 1.3 BACCHETTE CASTOTIG 1.3.1 SALDATURA DI ACCIAI LEGATI, ACCIAI DISSIMILI E DI COMPOSIZIONE SCONOSCIUTA 45507W Ø 1.0-1.2-1.6-2.0 Bacchetta TIG per riparazione e ricarica di acciai, unione di acciai dissimili,

Dettagli

Le seghe a nastro. Figura N 1 Esempio di nastri per seghe. Larghezza

Le seghe a nastro. Figura N 1 Esempio di nastri per seghe. Larghezza Le seghe a nastro Generalità La lama da sega a nastro è adatta per ogni genere di taglio; essa taglia ininterrottamente senza movimenti discontinui come invece avviene nelle seghe alternative. Con le seghe

Dettagli

Composizione degli acciai Conoscere bene per comprare meglio

Composizione degli acciai Conoscere bene per comprare meglio Composizione degli acciai Conoscere bene per comprare meglio Manuele Dabalà Dip. Ingegneria Industriale Università di Padova Introduzione Cos è l acciaio? Norma UNI EN 10020/01 Materiale il cui tenore

Dettagli

ACCIAI. Normative e designazione Caratteristiche chimiche Proprietà meccaniche

ACCIAI. Normative e designazione Caratteristiche chimiche Proprietà meccaniche ACCIAI m4 Normative e designazione Caratteristiche chimiche Proprietà meccaniche CLASSIFICAZIONI LEGHE FERROSE NORMAZIONE SCOPO : STABILIRE LE CONDIZIONI TECNICHE PER LO SCAMBIO DI PRODOTTI E DI SERVIZI

Dettagli

Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 2 Principi fondamentali della produzione per fonderia

Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 2 Principi fondamentali della produzione per fonderia Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 1 Introduzione 1 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 2 1.1.1 Precisione nelle trasformazioni 5 1.2 Attributi geometrici dei

Dettagli

Mtll Metallurgia Acciai e ghise

Mtll Metallurgia Acciai e ghise Acciai e ghise Mtll Metallurgia Acciai e ghise Prof. Studio: piano terra Facoltà di Ingegneria, stanza 25 Orario di ricevimento: i Mercoledì 14.00-16.00 Tel. 07762993681 E-mail: iacoviello@unicas.itit

Dettagli

LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO

LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO LAVORAZIONI PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO LA FORMAZIONE DEL TRUCIOLO Perché si abbia la formazione del truciolo deve esserci un moto relativo utensile pezzo Sforzo di compressione dell utensile sul pezzo

Dettagli

MATERIALI SINTERIZZATI

MATERIALI SINTERIZZATI MATERIALI SINTERIZZATI Sono ottenuti con la cosiddetta Metallurgia delle polveri, che consiste nella compattazione e trasformazione di materiali ridotti in polvere in un composto indivisibile. Sono utilizzati

Dettagli

IMPAX SUPREME. Acciaio per stampi bonificato

IMPAX SUPREME. Acciaio per stampi bonificato IMPAX SUPREME Acciaio per stampi bonificato Queste informazioni sono basate sulla nostra attuale esperienza e forniscono informazioni generali sul nostro prodotto e sul suo utilizzo. Pertanto non devono

Dettagli

I METALLI. I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili.

I METALLI. I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili. M et 1 all I METALLI I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili. Proprietà Le principali proprietà dei metalli sono le seguenti:

Dettagli

Trattamenti di miglioramento

Trattamenti di miglioramento Trattamenti di miglioramento Trattamenti a freddo Martellamento Laminazione Trattamenti a caldo Tempra Rinvenimento Bonifica Ricottura Normalizzazione Carbocementazione Nitrurazione Trattamenti termici

Dettagli

G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia

G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia Solubilizzazione Cementazione Nitrurazione Tempra di soluzione ed invecchiamento Coltre bianca cementato Nitrurazione 550 C x

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

LUBRIFICANTI INGRASSARE ASSEMBLARE LUBRIFICARE TRATTARE LE SUPERFICI LUBRIFICANTI LOCTITE LA RISPOSTA DEFINITIVA AD OGNI PROBLEMA DI LUBRIFICAZIONE

LUBRIFICANTI INGRASSARE ASSEMBLARE LUBRIFICARE TRATTARE LE SUPERFICI LUBRIFICANTI LOCTITE LA RISPOSTA DEFINITIVA AD OGNI PROBLEMA DI LUBRIFICAZIONE LUBRIFICANTI INGRASSARE ASSEMBLARE LUBRIFICARE TRATTARE LE SUPERFICI LUBRIFICANTI LOCTITE LA RISPOSTA DEFINITIVA AD OGNI PROBLEMA DI LUBRIFICAZIONE LUBRIFICANTI CONTENUTO INTRODUZIONE Pag. 3 INGRASSARE

Dettagli

GLI ELEMENTI CHIMICI

GLI ELEMENTI CHIMICI In natura esistono 92 elementi chimici naturali. GLI ELEMENTI CHIMICI Nella tavola periodica sono riportati tutti gli elementi chimici: naturali e non naturali ( UNA DECINA) COMBINANDOSI TRA LORO IN VARIO

Dettagli

TECHNOLOGY FOR INDUSTRY LAVORAZIONE DEI METALLI

TECHNOLOGY FOR INDUSTRY LAVORAZIONE DEI METALLI TECHNOLOGY LAVORAZIONE DEI METALLI La gamma MotulTech per la lavorazione dei metalli MotulTech è una divisione del gruppo Motul, un gruppo industriale francese che opera a livello internazionale, specializzato

Dettagli

Per ingranaggi, alberi scanalati e cremagliere

Per ingranaggi, alberi scanalati e cremagliere VA R D E X S o l u z i o n i p e r l i n d u s t r i a METRO S o l u z i o n i a v a n z a t e p e r f i l e t t a r e Tecnologie avanzate per la realizzazione di ingranaggi, alberi scanalati e cremagliere

Dettagli

MATERIALI. Introduzione

MATERIALI. Introduzione MATERIALI 398 Introduzione Gli acciai sono leghe metalliche costituite da ferro e carbonio, con tenore di carbonio (in massa) non superiore al 2%. Attenzione: la normazione sugli acciai è in fase di armonizzazione

Dettagli

Guida alla fresatura Spianatura 1/24

Guida alla fresatura Spianatura 1/24 SPIANATURA Guida alla fresatura Spianatura 1/24 SCELTA INSERTO/FRESA Una fresa con un angolo di registrazione inferiore a 90 agevola il deflusso dei trucioli aumentando la resistenza del tagliente. Gli

Dettagli

Group. The precision company SURFACE TECHNOLOGIES INTERNATIONAL. STI DryCoat System. Surface solutions by STI Group. Italiano

Group. The precision company SURFACE TECHNOLOGIES INTERNATIONAL. STI DryCoat System. Surface solutions by STI Group. Italiano Group SURFACE TECHNOLOGIES INTERNATIONAL The precision company STI DryCoat System Italiano Surface solutions by STI Group La redditività quale fattore di successo La competenza nella tecnologia dei rivestimenti

Dettagli

Borazon* CBN è sinonimo di migliori prestazioni di rettifica

Borazon* CBN è sinonimo di migliori prestazioni di rettifica Prodotti Borazon* CBN Borazon* CBN è sinonimo di migliori prestazioni di rettifica Il Borazon CBN è oggi riconosciuto come uno dei più importanti avanzamenti tecnologici nella rettifica di materiali temprati

Dettagli

J.Alva Servizio tecnico Tesi SpA

J.Alva Servizio tecnico Tesi SpA J.Alva Servizio tecnico Tesi SpA L analisi termica Consiste nella registrazione ora mediante software dell andamento della temperatura nel tempo di un campione di metallo colato solitamente in un crogiuolo

Dettagli

Introduzione alle tecnologie di fabbricazione Introduzione 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1.2 Attributi geometrici dei prodotti

Introduzione alle tecnologie di fabbricazione Introduzione 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1.2 Attributi geometrici dei prodotti Indice PREFAZIONE RINGRAZIAMENTI DELL EDITORE GUIDA ALLA LETTURA XIII XIV XV 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 1 Introduzione 1 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1 1.1.1 Precisione

Dettagli

Oli Klübersynth GH 6 Oli sintetici per ingranaggi e per alte temperature

Oli Klübersynth GH 6 Oli sintetici per ingranaggi e per alte temperature Descrizione: Gli oli Klübersynth GH 6 sono oli per ingranaggi e per alte temperature a base di poliglicoli. Presentano una elevata resistenza al grippaggio e offrono buona protezione antiusura; nel test

Dettagli

Designazione alfanumerica. (GRUPPO 1) Acciai designati in base al loro impiego ed alle loro caratteristiche meccaniche o fisiche

Designazione alfanumerica. (GRUPPO 1) Acciai designati in base al loro impiego ed alle loro caratteristiche meccaniche o fisiche DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI SECONDO UNI EN 10027 La tabella UNI EN 10027 1 (sostituisce la UNI EU 27) definisce la designazione alfanumerica degli acciai. La tabella UNI EN 10027 2 definisce la designazione

Dettagli

Gli elettrodi nell EDM. G. Fantoni Università di Pisa

Gli elettrodi nell EDM. G. Fantoni Università di Pisa Gli elettrodi nell EDM G. Fantoni Università di Pisa Erodibilità di diversi materiali metallici PURI T fus. -MRR Ma Ag, Cu anomali infatti erodibilità dipende anche da conducibilità termica, capacità

Dettagli

Raccomandazioni di lavorazione per le leghe AMPCO e AMPCOLOY

Raccomandazioni di lavorazione per le leghe AMPCO e AMPCOLOY Raccomandazioni di lavorazione per le leghe AMPCO e AMPCOLOY Indicazioni generali Le raccomandazioni di lavorazione per le leghe AMPCO e AMPCOLOY sono basate su delle prove approfondite eseguite negli

Dettagli

Università di Pisa Facoltà di Ingegneria. Leghe non ferrose. Chimica Applicata. Prof. Cristiano Nicolella

Università di Pisa Facoltà di Ingegneria. Leghe non ferrose. Chimica Applicata. Prof. Cristiano Nicolella Università di Pisa Facoltà di Ingegneria Leghe non ferrose Chimica Applicata Prof. Cristiano Nicolella Leghe non ferrose Minerali di alluminio L alluminio è uno degli elementi più abbondanti sulla crosta

Dettagli

Politecnico di Torino Dipartimento di Meccanica DAI PROVINI AI COMPONENTI

Politecnico di Torino Dipartimento di Meccanica DAI PROVINI AI COMPONENTI DAI PROVINI AI COMPONENTI Vi sono molti fattori che influenzano la resistenza a fatica; fra i fattori che riguardano il componente hanno particolare importanza: le dimensioni (C S ) la presenza di intagli

Dettagli

I MATERIALI METALLICI CORSO DI TECNOLOGIA E DISEGNO TECNICO PROF. ILARIA GALLITELLI

I MATERIALI METALLICI CORSO DI TECNOLOGIA E DISEGNO TECNICO PROF. ILARIA GALLITELLI I MATERIALI METALLICI CORSO DI TECNOLOGIA E DISEGNO TECNICO PROF. ILARIA GALLITELLI ferrosi Ghise/acciai metalli pesanti non ferrosi leggeri ultraleggeri I materiali metallici MATERIALI METALLICI FERROSI

Dettagli

a cura di Massimo Reboldi MATERIALI PER UTENSILI

a cura di Massimo Reboldi MATERIALI PER UTENSILI MATERIALI PER UTENSILI Gli utensili 2 Il comportamento di un utensile influenza in maniera determinante la: Qualità del prodotto finito; Costo parti lavorate; Gli utensili 3 Nelle due principali fasi devono

Dettagli

Gli acciai inossidabili

Gli acciai inossidabili Gli acciai inossidabili Gli acciai inossidabili sono delle leghe a base di ferro, di cromo e di carbonio ed anche di altri elementi quali il nichel, il molibdeno, il silicio, il titanio, che li rendono

Dettagli

STRUTTURA DEI METALLI

STRUTTURA DEI METALLI STRUTTURA DEI METALLI Durante la solidificazione di un metallo liquido si formano progressivamente in tutta la massa i grani cristallini affiancati. GRANI CRISTALLINI I grani sono visibili con un microscopio

Dettagli

grado di fornire i propri servizi Dal 1959 la ditta E.L.B.A., con grande tempestività su Emporio, Lingotto, Bronzo, tutto il territorio nazionale,

grado di fornire i propri servizi Dal 1959 la ditta E.L.B.A., con grande tempestività su Emporio, Lingotto, Bronzo, tutto il territorio nazionale, Dal 1959 la ditta E.L.B.A., Emporio, Lingotto, Bronzo, Alluminio, inizia la commercializzazione di barre in bronzo a colata continua nella 1 sede del centro cittadino, fornendo i clienti della zona che

Dettagli

Per ingranaggi, alberi scanalati e cremagliere

Per ingranaggi, alberi scanalati e cremagliere METRO Tecnologie avanzate per la realizzazione di ingranaggi, alberi scanalati e cremagliere Guardatele in azione Il sistema Gear MIlling VARDEX Tecnologia avanzata di frese multidente con inserti a fissaggio

Dettagli

TAGLIO o TRONCATURA. Troncatrice Metallografica C320

TAGLIO o TRONCATURA. Troncatrice Metallografica C320 TAGLIO o TRONCATURA La troncatura di un parcolare da esaminare, viene effeuata mediante una troncatrice metallografica, che opera araverso un disco da taglio specifico per il materiale che occorre tagliare.

Dettagli

Trattamenti termici degli acciai al carbonio

Trattamenti termici degli acciai al carbonio Trattamenti termici Il trattamento termico è una lavorazione attuata mediante un ciclo termico, su un metallo o una sua lega, allo stato solido, al fine di variarne le proprietà e renderle adatte alla

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE MACCHINE UTENSILI

INTRODUZIONE ALLE MACCHINE UTENSILI di Tecnologia Meccanica INTRODUZIONE ALLE MACCHINE UTENSILI A cura dei proff. Morotti Giovanni e Santoriello Sergio INTRODUZIONE ALLE MACCHINE UTENSILI Si dicono macchine utensili quelle che consentono

Dettagli

Schema generale laminazioni

Schema generale laminazioni Laminazione Processo di riduzione dell altezza o cambio di sezione di un pezzo attraverso la pressione applicata tramite due rulli rotanti. La laminazione rappresenta il 90% dei processi di lavorazione

Dettagli

03 - Unità di misura, tabelle di conversione

03 - Unità di misura, tabelle di conversione 0 0 - Unità di misura, tabelle di conversione - Tabella unità di misura sistema internazionale - Tabelle di conversione - Tabelle pesi specifici e temp. di fusione - Tabelle filettature - Tabelle pesi

Dettagli

Fluidi refrigeranti per il Metalworking

Fluidi refrigeranti per il Metalworking Fluidi refrigeranti per il Metalworking Service Tutte le persone che rappresentano la Master Chemical Europe,sia che provengano direttamente dal nostro dipartimento tecnico, sia da uno dei nostri vari

Dettagli

[Perché] Perché tutto fili liscio come l olio, è dunque necessario saper scegliere il lubrificante giusto.

[Perché] Perché tutto fili liscio come l olio, è dunque necessario saper scegliere il lubrificante giusto. L olio sintetico [Perché] Le proprietà lubrificanti dell olio erano già note agli antichi egizi. Un importanza che oggi si rivela strategica nel settore dell autotrazione e nel comparto industriale in

Dettagli

Lavorazioni e Disegno

Lavorazioni e Disegno Lavorazioni e Disegno 1 Assiemi meccanici Ogni particolare, ogni singolo pezzo è realizzato con: materiale diverso; tecnologia (o tecnologie) differenti. Il disegno delle parti ne deve tenere conto 2 Classificazione

Dettagli

L acciaio ESR per lavorazione a caldo

L acciaio ESR per lavorazione a caldo L acciaio ESR per lavorazione a caldo Generalità EskyLos 2367 è un acciaio legato al cromo molibdeno, vanadio progettato per la realizzazione di matrici, stampi o punzoni o altri particolari che devono

Dettagli

Sistemi Abrasivi per la Lavorazione del Metallo con macchine a nastro e ruote Scotch-Brite

Sistemi Abrasivi per la Lavorazione del Metallo con macchine a nastro e ruote Scotch-Brite Sistemi Abrasivi per la Lavorazione del Metallo con macchine a nastro e ruote Scotch-Brite 3M Sistemi Abrasivi Cosa tratta questa guida Questa è una guida all utilizzo più razionale ed efficiente della

Dettagli

Produzione pianificata Lubrificanti speciali per macchine utensili. Lubrification is our world

Produzione pianificata Lubrificanti speciali per macchine utensili. Lubrification is our world Produzione pianificata Lubrificanti speciali per macchine utensili Lubrification is our world La società Settore industriale Competenze specialistiche Informazioni dettagliate Lubrificanti speciali Klüber

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI DELLE GHISE

TRATTAMENTI TERMICI DELLE GHISE TRATTAMENTI TERMICI DELLE GHISE Tenendo conto che le ghise hanno le stesse strutture degli acciai (perlite, cementite, ferrite), anche su di esse é possibile effettuare trattamenti termici. In particolare

Dettagli

Un getto di opportunità

Un getto di opportunità in fabbrica di GIANLUIGI ROVETTO Un getto di opportunità I moderni fluidi da taglio Blaser a elevato contenuto tecnologico cambiano il comune modo di vedere il lubrorefrigerante, da male necessario a interessante

Dettagli

Durata dei cuscinetti in presenza di temperature elevate

Durata dei cuscinetti in presenza di temperature elevate TECHNICAL INSIGHT UNA PUBBLICAZIONE DI NSK EUROPE Durata dei cuscinetti in presenza di temperature elevate Una delle domande più frequenti che il personale addetto alla manutenzione rivolge alle aziende

Dettagli

Nuovo tipo di utensile per brocciatura

Nuovo tipo di utensile per brocciatura Nuovo tipo di utensile per brocciatura Nella costruzione di parti meccaniche, anche molto semplici, a volte bisogna affrontare dei problemi di una certa difficoltà che richiedono, per la loro risoluzione,

Dettagli

P R O D O T T I C H I M I C I / A L T R I P R O D O T T I

P R O D O T T I C H I M I C I / A L T R I P R O D O T T I P R O D O T T I C H I M I C I / A L T R I P R O D O T T I Mod. SPARTECH UB 20 Ugelli torce di saldatura Facilita e velocizza la saldatura; Non provoca porri o cricche Consente i trattamenti di verniciatura,

Dettagli

LUBRIFICANTI AD ALTE PRESTAZIONI PER IMPIEGHI SPECIALI

LUBRIFICANTI AD ALTE PRESTAZIONI PER IMPIEGHI SPECIALI LUBRIFICANTI AD ALTE PRESTAZIONI PER IMPIEGHI SPECIALI PROTEZIONE ANTICORROSIONE AGENTI DEFORMANTI LUBRIFICANTI REFRIGERANT IL VOSTRO PARTNER COMPETENTE L azienda Wilhelm Dietz GmbH & Co. KG è stata fondata

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica ( ING/IND16) CF 8. Saldature. Sistemi di Produzione/ Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica ( ING/IND16) CF 8. Saldature. Sistemi di Produzione/ Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia ( ING/IND16) CF 8 Saldature Saldatura: Processo di unione permanente di due componenti meccanici. Variabili principali: Lega da saldare Spessore delle parti Posizione di saldatura Produzione

Dettagli

Rappresentazione Denominazione simbolo ISO Riferimento a unificazioni

Rappresentazione Denominazione simbolo ISO Riferimento a unificazioni Tabelle TABELLE 1 Nelle pagine che seguono sono riportati stralci di tabelle che si trovano normalmente sui manuali e che sono di grande importanza durante le fasi di lavorazione. Le tabelle proposte riguar-

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE Le lavorazioni meccaniche possono essere classificate secondo diversi criteri. Il criterio che si è dimostrato più utile, in quanto ha permesso di considerare

Dettagli

PRODOTTI PER MANUTENZIONE INDUSTRIALE STUCCO METALLICO E BLOCCAGGIO ACCOPPIAMENTI

PRODOTTI PER MANUTENZIONE INDUSTRIALE STUCCO METALLICO E BLOCCAGGIO ACCOPPIAMENTI STUCCO METALLICO E BLOCCAGGIO ACCOPPIAMENTI LOC3478 Stucco epossidico bicomponente a base metallica caricato con ferrosilicio per la ricostruzione e riparazione di parti metalliche in acciaio danneggiate

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO

DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO Funzioni PROGETTAZIONE Specifiche Materie prime / Componenti PRODUZIONE Prodotto DALLE FUNZIONI AL PRODOTTO Progettazione del componente: materiale macro geometria micro geometria

Dettagli

Classificazione acciai

Classificazione acciai Leghe ferrose Classificazione acciai Acciai al Carbonio: Fe + C (%C da 0,06% a 2,06 %) High Strengh Low Alloy (HSLA): contengono 0.2% di C, 1.5% Mn e piccoli tenori di Si, Cu, V, Nb), sono prodotti con

Dettagli

I MATERIALI SCELTA DEL MATERIALE SCELTA DEL MATERIALE FUNZIONALITÀ

I MATERIALI SCELTA DEL MATERIALE SCELTA DEL MATERIALE FUNZIONALITÀ SCELTA DEL MATERIALE I MATERIALI LA SCELTA DEL MATERIALE PER LA COSTRUZIONE DI UN PARTICOLARE MECCANICO RICHIEDE: LA CONOSCENZA DELLA FORMA E DELLE DIMEN- SIONI DELL OGGETTO LA CONOSCENZA DEL CICLO DI

Dettagli

IL PROBLEMA DEL PRODURRE

IL PROBLEMA DEL PRODURRE IL PROBLEMA DEL PRODURRE IL CICLO TECNOLOGICO E I PROCESSI PRIMARI E SECONDARI Ing. Produzione Industriale - Tecnologia Meccanica Processi primari e secondari - 1 IL CICLO TECNOLOGICO Il ciclo tecnologico

Dettagli

Ceramiche. Per lavorazioni efficienti e ad alta produttività delle superleghe

Ceramiche. Per lavorazioni efficienti e ad alta produttività delle superleghe Ceramiche Per lavorazioni efficienti e ad alta produttività delle superleghe Lavorazioni con la ceramica Applicazioni Le qualità in ceramica possono essere adottate per un ampia gamma di applicazioni e

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL DEL RCUITO USO (parte 2) FOCUS TECNICO I PROBLEMI NELL IMPIANTO trattamenti Problemi quali corrosioni ed incrostazioni nel circuito dell impianto di riscaldamento / raffrescamento

Dettagli

FILIERA PRODUTTIVA COMPLETA

FILIERA PRODUTTIVA COMPLETA 2 FILIERA PRODUTTIVA COMPLETA TRATTAMENTO TERMICO LAVORAZIONI MECCANICHE LAMINAZIONE VERNICIATURA PRODUZIONE ACCIAIO MAGAZZINO L unione tra Esti e Acciaierie Venete ha dato luogo ad una nuova realtà, unica

Dettagli

Caratteristiche. Caratteristiche. Applicazioni

Caratteristiche. Caratteristiche. Applicazioni Caratteristiche Sistema modulare; Comandi frontali di facile utilizzo e manutenzione; Batteria minipompe divisibili con comandi indipendenti; Sistema coassiale e monotubo con un unico componente; Portata

Dettagli

Ferro, ghisa, acciaio (simbolo chimico Fe)

Ferro, ghisa, acciaio (simbolo chimico Fe) I metalli I metalli si riconoscono tra gli altri materiali perché hanno caratteristiche molto evidenti: Sono tutti solidi a temperatura ambiente tranne il Mercurio Hanno peso specifico elevato Hanno lucentezza

Dettagli

Acciaio per lavorazioni a caldo

Acciaio per lavorazioni a caldo Acciaio per lavorazioni a caldo Generalità BeyLos 2343 è un acciaio legato al cromo molibdeno, vanadio progettato per la realizzazione di matrici, stampi o punzoni o altri particolari che devono lavorare

Dettagli

Estrusione e trafilatura

Estrusione e trafilatura Estrusione e trafilatura Estrusione Trafilatura Rastrematura Estrusione Diretta Indiretta Idrostatica Ad impatto Estrusione Sviluppata nel tardo 1700. I tipi principali sono: Estrusione diretta: l attrito

Dettagli

Alluminio e sue leghe

Alluminio e sue leghe Alluminio e sue leghe Proprietà dell alluminio puro Basso peso specifico Elevata conducibilità eletrica Buona resistenza alla corrosione Scarse caratteristiche meccaniche L alligazione dell alluminio ne

Dettagli

Pensa al rendimento del costo, Pensa HSS SEGATURA

Pensa al rendimento del costo, Pensa HSS SEGATURA Pensa al rendimento del costo, Pensa HSS SEGATURA SOMMARIO SEGA A NASTRO 2 Le basi della sega a nastro 3 HSS e rivestimenti 4 Il concetto bimetallico 5 Affilatura del dente 6 Passo e forme del dente 7

Dettagli

grado di fornire i propri servizi Dal 1959 la ditta E.L.B.A., con grande tempestività su Emporio, Lingotto, Bronzo, tuffo il territorio nazionale,

grado di fornire i propri servizi Dal 1959 la ditta E.L.B.A., con grande tempestività su Emporio, Lingotto, Bronzo, tuffo il territorio nazionale, Dal 1959 la ditta E.L.B.A., Emporio, Lingotto, Bronzo, Alluminio, inizia la commercializzazione di barre in bronzo a colata continua nella 1 sede del centro cittadino, fornendo i grado di fornire i propri

Dettagli

QUANTO DURA UN GANCIO

QUANTO DURA UN GANCIO Quanto dura un gancio? Qual è la sua vita utile? Quante volte abbiamo sentito porci questa domanda! E quante volte abbiamo deluso il nostro interlocutore che si aspettava una risposta precisa con un numero

Dettagli

GRASSO TIMKEN PER LAMINATOI

GRASSO TIMKEN PER LAMINATOI Scheda prodotto GRASSO TIMKEN PER LAMINATOI (grado NLGI 1) Grasso lubrificante Numeri parti GR180G GR180P GR180K GR180D GR180B Secchio da 5 kg (11 lb) Secchio da 16 kg (35,3 lb) Barile da 55 kg (121,3

Dettagli

INDICAZIONE DELLA FINITURA SUPERFICIALE E DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE DAL PROGETTO AL PRODOTTO

INDICAZIONE DELLA FINITURA SUPERFICIALE E DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE DAL PROGETTO AL PRODOTTO INDICAZIONE DELLA FINITURA SUPERFICIALE E DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE DAL PROGETTO AL PRODOTTO Il progetto, dalla parola latina proiectus, è un insieme di operazioni che hanno lo scopo di realizzare

Dettagli

GALVANICA CEDRATESE trattamenti superficiali dei metalli

GALVANICA CEDRATESE trattamenti superficiali dei metalli GALVANICA CEDRATESE Fondata nel 1952 con un organizzazione a carattere artigianale, la Galvanica Cedratese opera nel settore meccanico dei trattamenti superficiali dei metalli da oltre 60 anni. Oggi un

Dettagli

GYRO. La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura. Per legno, metallo e materiali sintetici

GYRO. La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura. Per legno, metallo e materiali sintetici R GYRO La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura Tecnica di carteggiatura ad oscillazione Per legno, metallo e materiali sintetici - una macchina robusta ed

Dettagli

Frese a candela in metallo duro ad alte prestazioni per alluminio

Frese a candela in metallo duro ad alte prestazioni per alluminio Frese a candela in metallo duro ad alte prestazioni per alluminio Grazie alla vasta selezione di tipologie disponibili è possibile scegliere l'utensile più adatto al lavoro da eseguire. Per applicazioni

Dettagli

Gradi imbattibili per produttività ultra

Gradi imbattibili per produttività ultra Gradi imbattibili per produttività ultra Inserti tangenziali positivi per la fresatura di Acciai 3 1 4 08 13 16 2 Esclusivo inserto con 6 taglienti per Avanzamenti Super 2 3 5 6 1 4 Angoli di attacco positivi

Dettagli

I.I.S. Morea Vivarelli --- Fabriano. Disciplina: SCIENZE TECNOLOGIE APPLICATE. Modulo N. 1 _ MATERIALI DA COSTRUZIONE

I.I.S. Morea Vivarelli --- Fabriano. Disciplina: SCIENZE TECNOLOGIE APPLICATE. Modulo N. 1 _ MATERIALI DA COSTRUZIONE I.I.S. Morea Vivarelli --- Fabriano Disciplina: SCIENZE TECNOLOGIE APPLICATE Modulo N. 1 _ MATERIALI DA COSTRUZIONE Questionario N. 1C - Materiali Metallici per la classe 2^ C.A.T. Questo questionario

Dettagli

Il migliore amico della macchina

Il migliore amico della macchina Il migliore amico della macchina La corretta scelta del lubrorefrigerante può incrementare sostanzialmente la redditività delle lavorazioni meccaniche e al tempo stesso salvaguardare la salute degli operatori

Dettagli

Una quarta dimensione per la costruzione di componenti in metallo

Una quarta dimensione per la costruzione di componenti in metallo Una quarta dimensione per la costruzione di componenti in metallo piccolo quantità > 100² complesso La tecnologia MIM è un procedimento di ottenimento di forme complesse da una polvere metallica. La prerogativa

Dettagli

La Govoni adotta, a seconda delle esigenze del cliente, una serie sistemi di filtrazione che consentono di ottenere una serie di vantaggi:

La Govoni adotta, a seconda delle esigenze del cliente, una serie sistemi di filtrazione che consentono di ottenere una serie di vantaggi: La Govoni adotta, a seconda delle esigenze del cliente, una serie sistemi di filtrazione che consentono di ottenere una serie di vantaggi: - maggiore durata del lubrorefrigerante - riduzione dei costi

Dettagli

Tecnologia MQL esterna

Tecnologia MQL esterna Tecnologia MQL esterna - Con riserva di modifiche - Sistemi per la lubrificazione minimale per utensili da taglio e asportazione di truciolo per superfici piane nei processi di stampaggio e per lubrificazioni

Dettagli

fili e bacchette in lega di alluminio, e lega di bronzo per saldatura

fili e bacchette in lega di alluminio, e lega di bronzo per saldatura fili e bacchette in lega di alluminio, e lega di bronzo per saldatura fili e bacchette in lega di alluminio e lega di bronzo per saldatura Safra Spa Leghe di Alluminio Formati disponibili Alluminio Leghe

Dettagli

Acciai speciali della HASCO I03/07

Acciai speciali della HASCO I03/07 Acciai speciali della HASCO I03/07 Acciai speciali HASCO...... Piastre con dimensioni speciali... Piastre con lavorazioni speciali Oltre agli acciai standard disponibili presso il magazzino HASCO e cioè

Dettagli

A cura di: Grillo Sergio. Foto 1 Forni continui di saldobrasatura acciai inox

A cura di: Grillo Sergio. Foto 1 Forni continui di saldobrasatura acciai inox Relazione sui principi fondamentali della saldobrasatura dei componenti in acciaio inossidabile in atmosfera controllata di azoto e idrogeno in forni continui A cura di: Grillo Sergio Foto 1 Forni continui

Dettagli