Progetto realizzato con il contributo della Regione Veneto DDSE n. 1 del Direzione Sviluppo Economico, Ricerca e Innovazione L.R.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto realizzato con il contributo della Regione Veneto DDSE n. 1 del 29.12.2005 - Direzione Sviluppo Economico, Ricerca e Innovazione L.R."

Transcript

1 Progetto realizzato con il contributo della Regione Veneto DDSE n. 1 del Direzione Sviluppo Economico, Ricerca e Innovazione L.R. 4 aprile 2003 n. 8 Disciplina dei Distretti Produttivi ed interventi di politica industriale locale, di cui al bando 2005 (DGR n del ) CREAZIONE DI UN OSSERVATORIO DEL DISTRETTO VENETO DELL'INFORMATICA E DEL TECNOLOGICO AVANZATO RAPPORTO CONCLUSIVO BOZZA

2 INDICE Premessa Pag. 3 Obiettivi e risultati attesi Pag. 5 Difficoltà emerse Pag. 10 Analisi del contesto Pag. 14 Linee di sviluppo e politiche di governo Pag. 31 Il sistema formativo Regionale Pag. 41 Ambiti di sviluppo Pag. 56 Il processo di comunicazione Pag. 70 Analisi dati rilevazione Pag. 73 Conclusioni Pag. 108 Fonti informative e Bibliografia Pag

3 PREMESSA 3

4 Quanto riportato all interno del presente rapporto costituisce il risultato di una serie di azioni che sono state realizzate dal Consorzio VITA scarl all interno di un progetto rientrante nelle iniziative regionali volte alla promozione dei distretti produttivi del Veneto; in particolare fa riferimento al bando di finanziamento "Distretti 2005". La legge regionale n. 8 del 4 Aprile 2003 (e successive modificazioni) prevede il sostegno, da parte della Regione Veneto, nella realizzazione di iniziative, progetti e sperimentazioni volti a promuovere lo sviluppo e la crescita delle aziende aderenti ai patti di sviluppo riconosciuti dalla stessa Regione. La presente iniziativa rientra all interno della misura prevista dal bando di cui sopra, relativa alla realizzazione di banche dati ed osservatori. Al fine di consentire interventi più mirati ed efficaci e raccogliere una serie più approfondita possibile di elementi conoscitivi delle imprese aderenti al patto è stato pertanto attivato questo osservatorio di settore. Il Distretto VITA è un patto di sviluppo riconosciuto dalla Regione Veneto e disciplinato attraverso la Legge Regionale n. 8 del 4 Aprile 2003 e integrata dalla Legge Regionale n. 5 del 16 Marzo Di seguito viene pertanto riportata la descrizione dei risultati ottenuti, delle attività svolte e delle indicazioni formulate. 4

5 OBIETTIVI E RISULTATI ATTESI 5

6 Obiettivo del progetto era quello di analizzare una serie di elementi cercando di individuare le specificità del comparto e puntando ad elaborare le informazioni in modo da: fornire a quanti si occupano a livello territoriale di programmazione e sviluppo di avere riferimenti precisi relativamente a un comparto particolarmente strategico quale quello dell'ict; trasmettere alle aziende del comparto stesso dati e riferimenti utili ad acquisire una maggiore consapevolezza del sistema e della necessità di fare rete in funzione dello sviluppo; Nel dettaglio gli obiettivi del progetto possono essere ricondotti ai seguenti: monitorare lo stato del settore, in termini qualitativi e congiunturali, a livello di sistema individuare e analizzare potenziali ambiti di sviluppo e individuare expertise di riferimento individuare ed analizzare best practices legate a singole realtà organizzative piuttosto che a sistemi esterni al distretto promuovere lo scambio di esperienze e soluzioni tra le aziende del distretto fornire alle aziende del sistema veneto informazioni di base sulle attività dell osservatorio e quindi del distretto in modo da allargare la copertura e l attività del distretto sviluppare e condividere elementi relativi a professionalità e profili che possano essere di riferimento per il contatto con le scuole professionalizzanti, con le università e con i canali di mediazione al lavoro individuare e analizzare fabbisogni strutturali e organizzativi individuare e analizzare soluzioni innovative realizzate in altri contesti o in ambiti accademici individuare ed analizzare elementi utili alla progettazione, sviluppo e realizzazione di progetti di intervento comuni costituirsi come interlocutore e riferimento per: gli organi regionali deputati alla programmazione, alla gestione e 6

7 all amministrazione; veneto innovazione, veneto sviluppo I risultati attesi erano stati individuati nei seguenti: il rafforzamento della rete di contatti sia all interno del distretto sia con soggetti esterni il rafforzamento del concetto di distretto e di sistema-impresa la condivisione di oneri ed obiettivi legati a particolari attività di monitoraggio ed analisi l individuazione ed analisi di: prospettive di sviluppo situazioni legate ad altri contesti esempi di eccellenza realizzati in altre realtà la raccolta ed analisi di informazioni e dati integrati ed allargati l analisi integrata di aspetti legati al comparto ma che riguardano attori differenti quali mondo delle imprese e sistema dell istruzione la diffusione di esperienze la condivisione di informazioni utili all avvio di nuove imprese lo scambio di opportunità un più efficace confronto con il sistema delle rappresentanze e con le amministrazioni pubbliche la rilevazione dei fabbisogni delle aziende del distretto, utile poi a consentire ai soggetti preposti la programmazione e realizzazione di soluzioni mirate ed efficaci condividere fabbisogni organizzativi e di sviluppo una maggiore spinta all innovazione di prodotto e processo L'implementazione di un osservatorio di sistema è nata proprio per rispondere a questi bisogni andando ad intervenire sul piano dell analisi e monitoraggio delle differenti dinamiche che intervengono a livello di sistema veneto. In Veneto il comparto ha comunque avuto notevole sviluppo sia per quanto riguarda numero di imprese attive sia per quanto attiene al numero di addetti occupati. 7

8 Il progetto ha posto particolare attenzione all'acquisizione di dati, riferimenti e informazioni utili ad attivare azioni e quindi ottenere risultati a livello sistemico. La costituzione dell osservatorio è strettamente funzionale alle attività di rappresentanza e sviluppo che il patto di distretto si propone di promuovere per il settore e per le aziende aderenti. L attivazione della rete consentirà di rilevare elementi, dati, informazioni in termini allargati ed integrati che, in un ottica di sistema, è elemento fondamentale per il successo dell iniziativa. A maggior ragione in un settore che del knowledge management fa l elemento centrale. In particolare, la costituzione dell'osservatorio è mirata ad obiettivi che possono portare ad un impatto a livello di sistema, quali: costituire un tavolo di lavoro allargato ed integrato che possa poi continuare il dialogo e il confronto sistematizzare un modello di analisi dei fabbisogni strettamente connesso allo specifico settore di riferimento favorire, anche se non direttamente, processi di programmazione didattica individuare elementi che possono poi essere impiegati, da soggetti competenti, per promuovere processi e percorsi di informazione all interno del comparto di riferimento L osservatorio si inserisce in un settore che ha visto una elevata volubilità delle prestazioni e degli andamenti, un incremento esponenziale del fatturato, della nascita di nuove imprese, dello sviluppo di nuove professionalità e prodotti, di occupati ma anche di cessazione di attività, di ridimensionamenti, di crisi, di stalli, e, ora, di ripresa. La domanda da parte delle aziende così come degli utenti privati è maturata, ma resta ancora inferiore rispetto alle potenzialità che il settore e le sue applicazioni possono apportare al sistema. Il settore, più di ogni altro, si connota per l elevato grado di innovazione quale elemento imprescindibile. 8

9 Il tessuto imprenditoriale è però comunque composto per lo più da micro e piccole imprese che si trovano a confrontarsi con colossi multinazionali, con pesanti oneri legati all innovazione, alla ricerca e sviluppo, agli investimenti in risorse umane e in immobilizzi tecnologici. Ogni azienda del settore si trova pertanto a gestire almeno due differenti tipologie di attività: offrire servizi richiesti dal mercato soddisfando la domanda fare ricerca e sviluppo in modo continuativo e mirato Emerge pertanto chiaro il bisogno di fare sistema proprio in funzione della promozione di innovazione e sperimentazione ma anche rispetto alla necessità, nel contesto veneto delle PMI, di promuovere soluzioni mirate e tagliate sulle specifiche esigenze del tessuto locale. Da queste considerazioni la volontà e l interesse condiviso di realizzare un impianto di analisi specifica del contesto veneto, del sistema impresa e della domanda da parte delle aziende e degli utenti. Questo consentirà di mantenere la focalizzazione sul sistema impresa veneto che si connota per alcune peculiarità che hanno un peso determinante sia sulla domanda di servizi ICT sia sulla loro erogazione e sviluppo 9

10 DIFFICOLTÀ EMERSE 10

11 Uno dei primi elementi di analisi è focalizzato sulle difficoltà che connotano il sistema. Si è deciso di sottolineare da subito alcuni limiti per dare risalto alla concretezza dell'impianto e perchè gli obiettivi delle azioni di sistema devono sempre avere carattere duplice: valorizzare i punti di forza sviluppare i punti di debolezza in questo quadro si vogliono inserire aree differenti, alcune proprie delle stesse aziende del comparto, altre invece proprie del sistema imprenditoriale e socio-economico veneto in termini allargati. Per quanto concerne le aziende del settore: la maggior parte sono di piccole e micro dimensioni (in linea con quella che è la realtà imprenditoriale veneta). Questo comporta un valore aggiunto in termini di flessibilità, controllo, contenimento dei costi di gestione. Ma comporta anche difficoltà di rappresentanza, di investimento, di ricerca, di interfaccia con enti territoriali. legato al precedente è emerso un altro aspetto; molte aziende del settore, di micro dimensioni, puntano sulla flessibilità dei servizi, sulla copertura allargata dei bisogni delle aziende clienti. Questo costituisce sicuramente un vantaggio competitivo, specie in termini di fidelizzazione dei clienti; nel contempo rischia di generare una situazione dove emerge grande disponibilità, prezzi contenuti ma anche non adeguata professionalità, rincorsa delle esigenze dei clienti, mancanza di pianificazione della crescita e dello sviluppo. la partecipazione alle attività previste dall'osservatorio è stata limitata, con una scarsa disponibilità da parte delle aziende aderenti al patto di distretto di partecipare all'iniziativa e quindi di rispondere ai questionari; questa non è certo una peculiarità delle aziende del settore ICT ma connota, ancora una volta, le configurazioni organizzative di piccole dimensioni; mancanza di un referente aziendale, mancanza di tempo a disposizione, sovraccarico di questionari e indagini condotte da svariati organismi di ricerca, associazioni di categoria ecc. altro segnale in linea con il precedente è la ridotta partecipazione delle aziende aderenti al patto di distretto ai progetti di sviluppo che i bandi di finanziamento 11

12 consentono di realizzare. Questo fa capo alla mancanza di programmazione di attività di innovazione e sviluppo, difficoltà di dedicare risorse tempo, uomo e denaro a progetti di sviluppo. Nel contempo mancando una pianificazione delle attività manca la visione sul medio termine del ritorno di questi progetti che vengono quindi un po' snobbati. nonostante il settore sia relativamente giovane (o forse proprio per questo) manca uno spirito di sistema sia tra aziende sia tra queste e i soggetti territoriali preposti allo sviluppo (enti di ricerca, università, scuole...) le aziende sono fortemente connotate dall'aspetto commerciale, delle vendite. Considerata la difficoltà con la quale le aziende utenti si spingono ad investimenti tecnologici, lo sforzo commerciale risulta particolarmente importante. Nel recente passato questa tendenza è stata ossessionata e ha portato all'affermazione numerose aziende più brave a vendere che a soddisfare i bisogni dei clienti. Questa non è certo una peculiarità del comparto ICT ma ha portato anche un po' di diffidenza da parte delle aziende utenti nei confronti del sistema nel suo complesso. Per quanto concerne le difficoltà e i limiti del sistema veneto sono da sottolineare i seguenti: il sensibile calo degli studenti che scelgono gli istituti tecnici ad indirizzo informatico. La diminuzione delle iscrizioni coincide poi con un livello mediamente più basso degli studenti che vi si iscrivono. Questo comporta la mancanza di professionalità tecniche di base cui fare riferimento per le aziende del settore. la difficoltà di confronto con enti di ricerca e università. Gli atenei e le facoltà stanno cercando di promuovere un maggior scambio di esperienze. Subentrano però delle difficoltà di dialogo in quanto molto spesso i presupposti sono differenti. Le aziende (specie di piccole e medie dimensioni) si aspettano dall'università risposte, concrete, immediatamente spendibili, che consentano loro di avere un vantaggio competitivo e costi ridotti; le strutture universitarie ricercano invece fondi privati per poter mantenere strutture di ricerca efficaci, qualificate e valide. le aziende utenti pur essendo più mature e consapevoli del ruolo delle nuove tecnologie nel determinare il successo del loro business, fanno ancora fatica a pianificare investimenti corretti; non sono ancora, molto spesso, in grado di valutare 12

13 il ritorno che investimenti in innovazione e gestione tecnologica delle informazioni, sono in grado di garantire loro. Questo porta a spese parziali, distribuite nel tempo, non ottimali. Manca inoltre molto spesso un'idea chiara dei bisogni e degli obiettivi cui mirare; questo comporta poi, in alcuni casi, l'acquisizione di prodotti e sistemi non ottimali, non efficaci con costi contenuti ma con una spesa elevata in termini di non efficienza. Una delle problematiche emerse è invece specificamente riferibile alla metodologia di indagine prevista a livello progettuale. Al fine di rendere la rilevazione delle informazioni periodica, di facile accesso e in linea con le innovazioni previste a livello di distretto, era stato previsto di somministrare differenti sezioni del questionario periodicamente attraverso l'utilizzo del portale di distretto. Questo avrebbe dovuto essere sviluppato attraverso un altro progetto finanziato dalla Regione Veneto. In realtà il progetto non è stato poi realizzato e quindi la somministrazione del questionario è avvenuta in un unico momento e attraverso i tradizionali canali di comunicazione. 13

14 ANALISI DEL CONTESTO 14

15 Stabilito l ambito di lavoro e indagine, definiti gli obiettivi di massima, stabiliti gli esiti attesi, il primo passo compiuto è stato quello di individuare le specificità del comparto. Questo al fine di tenere presenti gli elementi strutturali del settore e progettare strumenti di rilevazione e percorsi di analisi mirati e strettamente connessi con le specificità del sistema. Questo ha consentito di mettere in luce alcuni aspetti di particolare rilievo. Il settore dell'ict riveste un peso particolare all'interno del contesto regionale veneto rispetto a 2 principali elementi: il numero di aziende e addetti che coinvolge il ruolo che ha nel promuovere innovazione e servizi in tutti i comparti e in tutte le applicazioni (professionali e private/civili) sul territorio Il settore si caratterizza per un forte boom nella fine degli anni '90, con un incremento di aziende attive, servizi offerti e addetti impiegati di assoluto rilievo e importanza. Molte aziende arrivano a quotarsi in borsa, generando così una sezione dedicata alle sole aziende innovative sia nel mercato statunitense sia in Italia. I primi anni 2000 hanno visto invece protagonista lo stesso settore con riferimento agli eventi collegati agli attentati del 2001 ma anche alla specifica crisi connessa all'esplosione della bolla speculativa che aveva visto protagoniste numerose aziende del settore quotate in borsa sia in Italia sia a livello mondiale (in particolare negli Stati Uniti). Conseguenza prima di quel periodo è stata, per l'italia, la chiusura del comparto del tecnologico avanzato della borsa di Milano. Questo a fronte del fatto che c era stato un crollo del valore nominale delle azioni di numerose aziende, crollo cui era corrisposto un significativo calo dell attenzione nei confronti dei movimenti e della compravendita azionaria. Il settore si è pertanto caratterizzato con un andamento altalenante delle prestazioni e dei risultati. La ripresa economica che sta contraddistinguendo l'attuale configurazione dei mercati, tanto internazionali quanto locali, sta consentendo un nuovo recupero anche al settore informatico. Le aziende utenti sono comunque più oculate negli investimenti e gestiscono i sistemi e i prodotti acquistati in passato con particolare attenzione. È finita l epoca dello sviluppo percentuale a due cifre e le prospettive europee per il settore 15

16 parlano, per il biennio in corso, di una crescita allineata con il resto dei comparti tradizionali. Gli ultimi rapporti annuali sul settore curati da Federcomin, Assinform e Anasin testimoniano come alla ripresa corrisponda ancora una notevole incertezza. Gli ultimi anni hanno visto una notevole dinamicità rispetto a fenomeni quali cessazione di attività e acquisizioni. Il trend di nascita di nuove imprese nel settore è notevolmente ridimensionato. Sono aumentati in modo considerevole i contratti precari e i casi di mobilità. Questa è una situazione di particolare rilievo per un settore che a livello nazionale occupa più di un milione di addetti pari a circa il 5% dell intera forza lavoro nazionale. La perdita di forza del sistema è un elemento di particolare rilievo in quanto il rischio è triplo: l uscita dal comparto di professionalità e skills il rischio di perdita di servizi, efficacia e qualità per l intero sistema impresa nazionale la diminuzione di investimenti in aggiornamento e ricerca e sviluppo Le potenzialità di sviluppo del comparto, in termini di richiesta ed acquisto di servizi, sia a livello business sia a livello utenti privati, sono notevoli. Questa situazione nazionale trova analoga configurazione in Veneto. Le richieste delle aziende stanno riprendendo, però resta una situazione di incertezza. Questo breve quadro descrittivo porta ad individuare alcune specifiche necessità del comparto: continuare gli investimenti in innovazione unire le forze delle aziende del comparto creare sistema per risolvere e affrontare situazioni congiunturali diffuse allargare contatti e scambi tra imprese e sistemi correlati (associazioni di categoria, enti territoriali, istituti scolastici, università) Per quanto concerne le aziende utenti i dati parlano di una situazione regionale superiore alla media nazionale dal punto di vista della diffusione dei collegamenti internet aziendali, dell accesso alla rete, dell utilizzo della mail come strumento di lavoro. Questi però sono dati ed elementi che, pur confortando dal punto di vista della cultura di innovazione, non garantiscono sviluppo al sistema. Le applicazioni diffuse 16

17 sono comunque quelle basilari, manca ancora invece l affermazione di strumenti, metodologie e prodotti di gestione informatizzata, di comunicazione avanzata ecc. In termini di specificità sono stati poi individuati una serie di aspetti che vengono di seguito delineati. L'ICT è un settore decisamente particolare se paragonato ad altri comparti di stampo più classico o tradizionale, e questo per differenti motivi: - l'innovazione non può essere una scelta ma è un elemento di base del settore - lo sviluppo del settore e dei servizi offerti, così come delle aziende, è stato estremamente rapido Rispetto al primo punto ci sono una serie di considerazioni che hanno un peso di particolare rilievo nell'analisi delle dinamiche che caratterizzano le aziende e il comparto nel suo complesso. Il settore dell'ict, in Veneto, è costituito per la maggior parte di piccole e medie imprese, in conformità a tutto l'assetto imprenditoriale regionale. Come per tutti gli altri comparti, le dimensioni aziendali, il numero ridotto di addetti, le ridotte dotazioni finanziarie, il peso decisionale dell'imprenditore, ostacolano gli investimenti in innovazione. Ma, come specificato e sottolineato, il comparto dell'ict deve vivere di innovazioni per poter offrire alle aziende nuovi servizi, nuovi prodotti e nuove soluzioni. L'innovazione è strettamente connessa, in questo quadro, sia all'affermazione competitiva sul mercato delle singole aziende, sia alla soddisfazione delle esigenze delle imprese utenti/clienti. Altro elemento connotativo è riconducibile al fatto che l'innovazione nel comparto dell'ict, rispetto ai settori tradizionali, ha una duplice matrice. Da una parte, come per gli altri settori, c'è l'innovazione di prodotti e servizi; dall'altra però c'è e ci deve essere l'innovazione delle competenze degli addetti. Questi due elementi sono strettamente legati e connessi e non possono essere disgiunti. Altro elemento da considerare sempre in relazione all'innovazione di prodotti e servizi è il fatto che in questo comparto non ci si può limitare a soluzioni di dettaglio, alla creatività, alla personalizzazione, al processo. Nell'ICT l'innovazione è legata ai linguaggi, alle applicazioni, agli utilizzi, a tutta una serie di elementi allargati e interconnessi. 17

18 Un altro aspetto che si inserisce in questo specifico quadro fa riferimento al fatto che le aziende ICT contribuiscono ad aumentare il livello di competitività delle aziende in genere del contesto veneto. L'informatizzazione dei processi, le applicazioni web, i sistemi di informazione, la gestione e la trasmissione delle informazioni, la gestione e il controllo dei processi produttivi ecc sono tutti elementi funzionali all'aumento dell'efficacia e dell'efficienza delle aziende venete, a qualsiasi livello o comparto si pongano. Ma uno degli elementi critici legati allo sviluppo tanto dell'innovazione quanto del settore nel suo complesso è, nuovamente, connesso con la specifica connotazione del tessuto imprenditoriale locale. Le aziende di piccole dimensioni, che costituiscono circa il 90% delle aziende venete, hanno difficoltà nel programmare gli investimenti, nell'individuare e valutare soluzioni gestionali, nel cambiare modello gestionale, nell'innovare i processi; sono più orientate all'innovazione rispetto alla qualità, al design, alla flessibilizzazione, meno, appunto, all'innovazione tecnica connessa alla comunicazione, alla gestione dei dati. Le aziende utenti di servizi ICT venete non esprimono una domanda di prodotti e servizi al pari di aziende di medie e grandi dimensioni presenti in altri contesti nazionali e, soprattutto, internazionali. Questo comporta maggiori difficoltà rispetto all'innovazione da parte delle aziende ICT; maggiore sensibilizzazione da parte delle aziende utenti e maggiore apertura nei confronti dell'innovazione consentirebbero alle aziende ICT di pianificare con maggiore sicurezza e precisione i processi di innovazione e gli investimenti. Molto spesso invece le aziende ICT devono proporre e promuovere innovazioni di piccola portata che risultano più facili da vendere, meno incisive nei cambiamenti organizzativi delle imprese utenti però più articolati da gestire, più dispendiosi sul medio termine e meno efficaci nella gestione degli obiettivi. Nello stesso quadro si inserisce un'altra difficoltà per le imprese ICT: avere la certezza di sviluppare soluzioni potendo contare su una determinata domanda da parte del mercato. Anche questo è un elemento che manca. E anche qui è una sorta di circolo vizioso. Nel senso che le aziende ICT di piccole dimensioni non sono strutturate con una rete vendita in grado di spingere prodotti e servizi sul territorio perchè vorrebbe dire sostenere costi fissi di rilievo e la necessità di maggiore strutturazione 18

19 organizzativa. La scelta è pertanto spesso quella di approntare servizi e prodotti sulla base delle richieste; mantenere pertanto un'apertura all'innovazione nel momento del confronto con aziende e interlocutori ed essere pronti a offrire soluzioni personalizzate sul breve termine. Ritorna anche in questo caso il tipico modello imprenditoriale veneto: massima disponibilità e capacità di adattamento rispetto alle richieste del mercato e dei clienti. Questo però comporta necessariamente maggiore dispendio energetico, maggiori costi e la difficoltà di approntare un approccio commerciale in grado di ottimizzare gli investimenti. Rispetto al secondo punto più sopra declinato e legato alla velocità di sviluppo che ha contraddistinto il comparto, sono presenti alcuni elementi di rilievo che risultano fortemente connotativi dell'attuale configurazione del settore. La fine degli anni '90 ha visto un forte incremento di domanda di servizi di base legati all'informatica e all'ict; questo ha portato alla nascita di molte aziende che hanno intravisto l'occasione di creare un business. Le conseguenze di questa impennata di domanda e offerta ha però portato fondamentalmente a due conseguenze: la mancanza di strutturazione del sistema e del comparto che è cresciuto in modo disorganico l'abbassamento della qualità del servizio con molte aziende e professionisti che riuscivano a proporre e vendere soluzioni, prodotti e servizi a prezzi contenuti ma anche, appunto, di bassa qualità Il primo elemento ha portato alla mancanza di un'identità di sistema, alla difficoltà di interagire con interlocutori istituzionali, di programmare e sostenere i cambiamenti e le innovazioni, di creare strutture e servizi specifici di supporto. La seconda conseguenza della crescita così veloce ha invece portato molte aziende utenti a sostenere investimenti e spese che non hanno portato i risultati sperati o promessi. Questo elemento, in particolare, ha creato, in molte aziende, diffidenza rispetto all'utilità dell'informatizzazione dei servizi e dei processi. E a questo proposito è emerso, nel corso dell'analisi, un altro circolo vizioso. Le aziende utenti per poter inserire con efficacia soluzioni e servizi ICT all'interno delle proprie strutture organizzative non possono limitarsi all'acquisto ma hanno bisogno di: 19

20 acquisire competenze e risorse in grado di gestire l'innovazione interna che non è solo tecnica ma anche di competenze e di cultura avere elementi di valutazione delle innovazioni da introdurre in modo da attivare cambiamenti funzionali ed efficaci e non quelli proposti da consulenti esterni sapersi interfacciare con consulenti esterni in modo da esprimere le proprie peculiarità e le proprie esigenze definire obiettivi e risultati attesi dall'innovazione. Solo così possono introdurre innovazione in modo efficace e controllare l'esito delle scelte interne e del lavoro dei consulenti e fornitori. Questo può costituire un ulteriore piano di attività e azione per il distretto dell'informatica e per una rete territoriale integrata. La promozione di una cultura diffusa dell'informatizzazione e dell'innovazione è elemento essenziale per lo sviluppo del comparto. Promuovere un cambiamento culturale nel tessuto imprenditoriale locale, la formazione di personale interno per la gestione dei processi di innovazione, lo sviluppo di competenze nella valutazione delle offerte ma anche dell'impatto economico e funzionale di nuove installazioni, strumenti soluzioni, sono elementi che possono e dovrebbero essere promosse da un organo sovraordinato alle singole imprese ICT. Questo garantirebbe la reale crescita del comparto, partendo dalla domanda da parte delle aziende utenti, ma puntando all'innovazione, alla qualità e all'affidabilità delle imprese del sistema. L'osservatorio, in questa fase, ha comunque centrato la propria attenzione e le rilevazioni con specifico riferimento alle aziende del comparto. Non sono state prese in considerazione le esigenze e le visioni delle aziende utenti. Questo potrebbe però essere un passo successivo per verificare le carenze di comunicazione e promozione delle aziende ICT. Nel corso della realizzazione delle varie attività previste dal progetto sono stati raccolti, documenti, articoli, risultati di analisi e indagini, rapporti che di seguito vengono riepilogati fornendo un quadro allargato del comparto e delle sue connotazioni. 20

21 Secondo stime elaborate da Eurostat ESPON Progetto 2.1.1, il Veneto è una delle regioni in Europa con i più alti potenziali in termini di tassi di crescita del reddito, rispetto alle politiche di telecomunicazioni. La stessa fonte evidenzia, a fronte della potenzialità di sviluppo in termini di politiche, un moderato livello di assorbimento delle stesse tecnologie da parte delle imprese. Questo è un elemento di particolare rilievo rispetto alla maturità delle imprese utenti ma anche della capacità del settore stesso e quindi dell impresa di promuovere e indirizzare il mercato locale delle telecomunicazioni e dei servizi tecnologici avanzati. Un altro studio intitolato competitiveness and the export performance of the Euro area e realizzato per conto della BCE, sottolinea come l Europa sconti una particolare carenza nell esportazione di prodotti e servizi ad alta connotazione tecnologica. Lo studio evidenzia, inoltre, come l Italia sia posizionata nettamente sotto la media europea rispetto ai prodotti e servizi ad alta tecnologia. Punto forte dell Europa è invece l area di prodotti legati alla media tecnologia che, pur non avendo subito particolari sbalzi negli ultimi anni, non è in grado di garantire buone prospettive di sviluppo dell export sul medio-lungo periodo. Il riconoscimento del ruolo strategico della tecnologia per lo sviluppo dell economia e della competitività può essere anche collegato alla volontà del Consiglio Europeo di istituire un istituto europeo di tecnologia (IET). L istituto, in particolare, dovrà colmare il divario esistente tra insegnamento superiore, ricerca e innovazione (Comunicazione della Commissione al Consiglio Europeo del 06/08/2006). Già in fase di lancio comunque risulta in primo piano lo sviluppo di una strategia in grado di integrare istruzione, ricerca e innovazione, con particolare attenzione al raggiungimento degli obiettivi di Lisbona, andando così a costituire un triangolo della conoscenza a livello europeo. Obiettivo strategico dell Istituto sarà quello di porsi come propulsore di innovazione, sperimentazione e sviluppo di modelli. Questo nell ottica dell affermazione di una società sempre più centrata e fondata sulla conoscenza. L IET garantirà il confronto e l integrazione tra i centri di eccellenza per la ricerca e l innovazione presenti in Europa andando a costituire una rete integrata ed operativa. Con la Comunicazione 208/06 Portare avanti l agenda di modernizzazione delle università istruzione, ricerca e innovazione, la Commissione ha confermato la 21

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

Talent Management Survey. Risultati

Talent Management Survey. Risultati Risultati Luglio 2012 Nell attuale scenario, per HR si pone la sfida di garantire un collegamento costante tra le strategie di business e le iniziative di gestione del Talento. I cambiamenti legati a globalizzazione

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Gli Approfondimenti della Fondazione Studi

Gli Approfondimenti della Fondazione Studi ANNO 2015 Gli Approfondimenti della Fondazione Studi Approfondimento del 09.03.2015 SVILUPPO DEI SISTEMI INFORMATIVI E DELL' ICT NEGLI STUDI PROFESSIONALI PREMESSA Lo Studio di Consulenza del Lavoro sta

Dettagli

PROMOTORE DEL PROGETTO: PROVINCIA DI MILANO, Direzione Istruzione e Formazione AFOL Nord Milano

PROMOTORE DEL PROGETTO: PROVINCIA DI MILANO, Direzione Istruzione e Formazione AFOL Nord Milano TITOLO PROGETTO ATTREZZISTA MECCANICO ON THE JOB ENTE PROMOTORE, CAPOFILA E PARTNERS PROMOTORE DEL PROGETTO: PROVINCIA DI MILANO, Direzione Istruzione e Formazione AFOL Nord Milano ENTE CAPOFILA: A.S.P.

Dettagli

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA Rev 0 del 21/10/2011 Firma PREMESSA FORMAPI S.r.l. è l Ente di formazione della Confimi Impresa Abruzzo (Confederazione dell Industria Manifatturiera

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09.

Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09. Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09.2013 FASE 1.a ) Stabilizzazione delle articolazioni territoriali

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE, LA COMPETITIVITA E LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DIV. VII PMI, Startup innovative e reti di impresa Indagine sulle PMI eccellenti

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO - SALONE DEL CONSIGLIO L IVA nell Unione europea: una nuova cultura fiscale di impresa LA POSIZIONE DEL MONDO

CAMERA DI COMMERCIO - SALONE DEL CONSIGLIO L IVA nell Unione europea: una nuova cultura fiscale di impresa LA POSIZIONE DEL MONDO GENOVA - 30 GIUGNO 2009 - ORE 9.30 CAMERA DI COMMERCIO - SALONE DEL CONSIGLIO L IVA nell Unione europea: una nuova cultura fiscale di impresa LA POSIZIONE DEL MONDO IMPRENDITORIALE SULLA FATTURAZIONE ELETTRONICA

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

d) una politica di comunicazione originale per incrementare la visibilità dei Distretti di Economia Solidale (DES);

d) una politica di comunicazione originale per incrementare la visibilità dei Distretti di Economia Solidale (DES); Obiettivi del progetto e raggiungimento di tali obiettivi Il progetto mirava al raggiungimento di tre obiettivi specifici ma legati da un comune denominatore: 1. La lettura del territorio lombardo facendo

Dettagli

Infosecurity. Servizi innovativi per le imprese. La sicurezza in informatica. La sicurezza per lo sviluppo delle reti e del mercato ICT

Infosecurity. Servizi innovativi per le imprese. La sicurezza in informatica. La sicurezza per lo sviluppo delle reti e del mercato ICT Infosecurity Servizi innovativi per le imprese. La sicurezza in informatica La sicurezza per lo sviluppo delle reti e del mercato ICT Milano, 10 febbraio 2005 Pietro Varaldo Direttore generale Federcomin

Dettagli

Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante -

Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante - ISIS Facchinetti di Castellanza Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante - Finalità ed obiettivi L offerta formativa del nostro istituto, per quanto attiene la formazione

Dettagli

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Lo scenario: Il punto di partenza L isolamento che Castelfranco Veneto soffre da anni è testimoniato anche dalla mancanza di strategia e di progettualità

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE 4 GIUGNO 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati 1/14 Premessa Il questionario di valutazione ex post è stato somministrato ai soggetti attuatori dei progetti partecipanti al Piano Sicurezza

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE REGOLAMENTO DI TIROCINIO *******

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE REGOLAMENTO DI TIROCINIO ******* [Regolamento di Tirocinio del Corso di Laurea Magistrale in 1 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Programmazione e Gestione delle Politiche e dei Servizi Sociali (LM87) REGOLAMENTO DI TIROCINIO La declaratoria

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

Laboratorio Efficienza Energetica

Laboratorio Efficienza Energetica Laboratorio Efficienza Energetica Incentiviamo le soluzioni vincenti Presentazione del Progetto 1 Laboratorio Efficienza Energetica Incentiviamo le soluzioni vincenti La crisi economica e la modifica strutturale

Dettagli

Progetto Atipico. Partners

Progetto Atipico. Partners Progetto Atipico Partners Imprese Arancia-ICT Arancia-ICT è una giovane società che nasce nel 2007 grazie ad un gruppo di professionisti che ha voluto capitalizzare le competenze multidisciplinari acquisite

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

PARTNER DI PROGETTO. Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Industriale

PARTNER DI PROGETTO. Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Industriale PARTNER DI PROGETTO Il raggruppamento dei soggetti attuatori è altamente qualificato. Da una parte, la presenza di quattro aziende del settore ICT garantirà, ognuna per le proprie aree di competenza, un

Dettagli

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE EXECUTIVE EDUCATION Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE fondazione cuoa business school dal 1957 Il punto di riferimento qualificato

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Divisione VIII PMI e Artigianato Indagine

Dettagli

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE PUGLIA WELFARE AZIENDALE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT.

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE PUGLIA WELFARE AZIENDALE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT. Direzione generale per le politiche attive, i servizi per il lavoro e la formazione DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA Promozione di un azione di sistema volta alla programmazione e attuazione degli

Dettagli

Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09.

Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09. Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09.2013 FASE 1.a ) Stabilizzazione delle articolazioni territoriali

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Progetto MISE - Unioncamere Veneto Report finale

Progetto MISE - Unioncamere Veneto Report finale Università degli Studi di Padova Dipartimento di Tecnica e Gestione dei Sistemi Industriali luglio 2014 Indice 1 Introduzione 4 2 Anagrafica delle aziende del campione 5 2.1 Distribuzione delle aziende

Dettagli

TECHNOLOGY SOLUTIONS

TECHNOLOGY SOLUTIONS TECHNOLOGY SOLUTIONS DA PIÙ DI 25 ANNI OL3 GARANTISCE AFFIDABILITÀ E INNOVAZIONE AI CLIENTI CHE HANNO SCELTO DI AFFIDARSI AD UN PARTNER TECNOLOGICO PER LA GESTIONE E LA CRESCITA DEL COMPARTO ICT DELLA

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Il Factoring nelle piccole e medie imprese

Il Factoring nelle piccole e medie imprese Il Factoring nelle piccole e medie imprese Il contesto macroeconomico Il Sistema Bancario e le PMI L intervento del Factoring, 25 Gennaio 2010 1 Credemfactor Spa 2 2 Lo scenario Macroeconomico 3 3 Lo scenario

Dettagli

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Programma Strategico Regionale per la Ricerca, l Innovazione ed il Trasferimento Tecnologico per la IX legislatura 2011-2013 L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Cinzia Felci Direttore Programmazione Economica Ricerca

Dettagli

INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO

INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO Fondo Sociale Europeo in sinergia con il Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale Programma Operativo Regione 2007-2013 Direttiva per la realizzazione di progetti di innovazione e sviluppo RILANCIARE L

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Macro descrizione del progetto Il progetto intende fornire alle amministrazioni locali gli strumenti per un ottimale governo dell erogazione dei servizi sui diversi canali e per la definizione di concrete

Dettagli

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane integrazione con il business e le strategie eccellenza dei servizi hr HR Transformation efficienza e le tecnologie sourcing Premessa La profonda complessità

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia http://poloinnovazione.cc-ict-sud.it Luciano Mallamaci, ICT-SUD Direttore Tecnico ICT Sud Program Manager Polo

Dettagli

ITS, OLTRE LA META DEI DIPLOMATI TROVA LAVORO: LO RILEVA INDAGINE CENSIS/CNOS-FAP

ITS, OLTRE LA META DEI DIPLOMATI TROVA LAVORO: LO RILEVA INDAGINE CENSIS/CNOS-FAP ITS, OLTRE LA META DEI DIPLOMATI TROVA LAVORO: LO RILEVA INDAGINE CENSIS/CNOS-FAP A pochi anni dalla loro creazione, è possibile analizzare i primi risultati sugli Istituti Tecnici Superiori. Ad oggi si

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II

Dettagli

FONDI STRUTTURALI EUROPEI -Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento

FONDI STRUTTURALI EUROPEI -Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento FONDI STRUTTURALI EUROPEI -Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola - competenze e ambienti per l apprendimento,

Dettagli

In Sardegna cessano 27 imprese al giorno.

In Sardegna cessano 27 imprese al giorno. MANOVRA FINANZIARIA REGIONALE 2013 VALUTAZIONI, ESIGENZE E PROPOSTE DI RETE IMPRESE ITALIA SARDEGNA Le Organizzazioni Imprenditoriali della Sardegna che si riconoscono in RETE IMPRESE ITALIA (Casartigiani,

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

DIREZIONE QUALITÀ. Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità.

DIREZIONE QUALITÀ. Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità. DIREZIONE QUALITÀ La carta servizi di Verona Innovazione Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità. 1 Verona Innovazione 5 servizio nuova impresa 10 sportello comunica

Dettagli

Osservazioni e Proposte degli Amici della Terra

Osservazioni e Proposte degli Amici della Terra Amici della Terra - ONLUS Via Ippolito Nievo 62, 00153 Roma Tel. +39 06 687 53 08 / Fax +39 06 683 08 610 www.amicidellaterra.it Osservazioni e Proposte degli Amici della Terra Consultazione sul documento

Dettagli

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma 2 Scuola, tecnologie e innovazione didattica La tecnologia sembra trasformare

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Realizzata da CNA Produzione In collaborazione con Centro Studi CNA MANIFATTURA

Dettagli

La formazione come strumento per facilitare la comunicazione interna e il cambiamento in azienda - Caso DHL Express Italy -

La formazione come strumento per facilitare la comunicazione interna e il cambiamento in azienda - Caso DHL Express Italy - La formazione come strumento per facilitare la comunicazione interna e il cambiamento in azienda - Caso DHL Express Italy - Pasquale Cicchella, HR Training and Development Manager, DHL Express Italy Simonetta

Dettagli

Da tali presupposti e attraverso il supporto degli strumenti normativi regionali si delineano i presenti criteri attuativi.

Da tali presupposti e attraverso il supporto degli strumenti normativi regionali si delineano i presenti criteri attuativi. Criteri per la predisposizione del bando INNOVA RETAIL 3 Premessa La DG Commercio, Turismo e Servizi ha supportato le imprese lombarde nelle nuove sfide del mercato globalizzato, sia puntando sulle sinergie

Dettagli

Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo di ecosistemi digitali di business

Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo di ecosistemi digitali di business Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo Abstract Il presente documento intende illustrare la strategia e l approccio adottati da CSP nell ambito del progetto DIADI 2000 (progetto 2003-2006), iniziativa

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

Contrasto al lavoro sommerso

Contrasto al lavoro sommerso Contrasto al lavoro sommerso Nell ambito della L.R. n.30 del 13/08/2007 Norme regionali per la sicurezza e la qualità del lavoro è stato finanziato il progetto regionale Contrasto al lavoro sommerso e

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA. POLICY E PRATICHE. Sintesi dei principali risultati della ricerca. di Paola Nicoletti

RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA. POLICY E PRATICHE. Sintesi dei principali risultati della ricerca. di Paola Nicoletti RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA. POLICY E PRATICHE Sintesi dei principali risultati della ricerca di Paola Nicoletti Il volume Responsabilità sociale d impresa. Policy e pratiche, di cui è Autrice Paola

Dettagli

La misurazione degli investimenti nel turismo

La misurazione degli investimenti nel turismo OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE Novembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine rilevazione: ottobre 2013 Casi: 352 Periodo

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy I principali risultati della ricerca realizzata nell ambito del In collaborazione con Paolo Anselmi - Vice Presidente GfK-Eurisko Luglio 2015

Dettagli

IL SISTEMA MUSEALE DELLA PROVINCIA DI PARMA

IL SISTEMA MUSEALE DELLA PROVINCIA DI PARMA IL SISTEMA MUSEALE DELLA PROVINCIA DI PARMA Analisi su base economico gestionale delle realtà museali provinciali, per una progettazione consapevole di sviluppo futuro del Sistema museale provinciale.

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

Sintesi dei risultati

Sintesi dei risultati 1 Sintesi dei risultati Il presente documento sintetizza i principali risultati ottenuti dall attività di ricerca e di intervista sviluppata dallo Studio GMB per conto dell Associazione Territorio e Cultura

Dettagli

LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI

LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI NOTA ISRIL ON LINE N 40-2012 LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it

Dettagli

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto".

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto. Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto". M. Fontana*, C. Felicioni** *Cultore della materia, Dip. di Psicologia

Dettagli

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311 VALUTAZIONE DELL INCIDENZA DELLE MISURE DI SVILUPPO RURALE SULLE SCELTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI E DEI LORO FAMILIARI CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA PROPENSIONE VERSO LA DIVERSIFICAZIONE. Premessa In

Dettagli

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079)

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) AUDIZIONE DELLA SVIMEZ c/o Camera dei Deputati Commissione VIª: Finanze INDICE DELL

Dettagli

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma 3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO 3.1 Dati Generali Titolo Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI Le 6 regioni meridionali (Sicilia,Calabria, Basilicata,

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Progetto Il Miglioramento delle Performance per la Giustizia MPG PON Governance e Azioni di Sistema - 2007/2013 Ob. 1 Asse E Capacità Istituzionale Obiettivo specifico

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA DIREZIONE ATTIVITA AMMINISTRATIVA SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE UFFICIO ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA Report finali

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Move Your Future. Laboratorio di Orientamento e Scoperta dell imprenditorialità e della cultura d impresa

Move Your Future. Laboratorio di Orientamento e Scoperta dell imprenditorialità e della cultura d impresa Move Your Future Laboratorio di Orientamento e Scoperta dell imprenditorialità e della cultura d impresa Progetto corso sperimentale indirizzo imprenditorialità L attuale situazione di mercato pone la

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 4.1.2 - ASSISTENZA TECNICA AL TERRITORIO PER L I N D I V I D UAZIONE DI STRUMENTI DI POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO NELL AMBITO DELLE

Dettagli

LA COMUNICAZIONE ESTERNA

LA COMUNICAZIONE ESTERNA LEZIONE COMUNICAZIONE E MARKETING PROF.SSA CARMENCITA GUACCI Indice 1 LA COMUNICAZIONE ESTERNA --------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 IL MARKETING NELLA

Dettagli

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE manageriali f o r m a z i o n e IL CONTESTO Le trasformazioni organizzative e culturali che stanno avvenendo nelle amministrazioni comunali,

Dettagli

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE 20123 MILANO LARGO A. GEMELLI, 1 Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking a cura di: Renato Fiocca Glauco T. Savorgnani Daniela Corsaro

Dettagli

1st Class Teleselling

1st Class Teleselling Ridurre i costi e incrementare i risultati delle reti indirette L orientamento verso una rete di vendita indiretta rappresenta per l azienda una scelta di flessibilità organizzativa che garantisce rapidità

Dettagli

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco.

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. > LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. Perché investire in innovazione 2 Perché scegliere MediaNET 4 A chi si rivolge MediaNET 6 I numeri 7 Soluzioni e servizi 8 L identità MediaNET

Dettagli

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO APPENDICE B I MATERIALI DI INDIRIZZO PER GLI APPROFONDIMENTI DEI TAVOLI DI CONCERTAZIONE CON RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO Premessa Il

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

L istituzionalizzazione delle attività di comunicazione e il ruolo delle Università

L istituzionalizzazione delle attività di comunicazione e il ruolo delle Università L istituzionalizzazione delle attività di comunicazione e il ruolo delle Università Cari Convenuti, in primo luogo, desidero ringraziare i promotori e gli organizzatori per aver reso possibile la realizzazione

Dettagli

Il DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa Roberta Galassi ---------------------------------------------------------------------------------

Il DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa Roberta Galassi --------------------------------------------------------------------------------- Istituto Istruzione Superiore Sansi Leonardi - Volta Piazza Carducci, 1 06049 Spoleto (PG) Tel. 0743 22 35 05 Fax 0743 22 53 18 e-mail: pgis026007@istruzione.it sito web: www.liceospoleto.gov.it Circ.

Dettagli

Career service dell Università IUAV di Venezia CARTA DEI SERVIZI

Career service dell Università IUAV di Venezia CARTA DEI SERVIZI Career service dell Università IUAV di Venezia CARTA DEI SERVIZI 1 indice 1. La Carta dei Servizi 3 2. Il career service di IUAV 4-6 2.1. servizi offerti a laureandi e laureati 2.2. servizi offerti alle

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L UNIVERSITA, L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE E PER LA RICERCA Direzione Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo Studio Ufficio IV Il Processo di Bologna Lo Spazio

Dettagli