INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE"

Transcript

1 OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE PUGLIA INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE La Puglia sui mercati dell intermediazione internazionale Agosto 2012 A cura di

2 Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Puglia Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine rilevazione: giugno 2012 Casi: 593 Periodo di riferimento: 2012 Pagina 2 di 59

3 Sommario Premessa... 4 I fenomeni, in sintesi La Puglia sui mercati dell intermediazione turistica internazionale L interesse attuale e potenziale dei mercati stranieri Gli scenari della competizione Le specializzazioni del territorio I prodotti turistici La commercializzazione delle province Bari Foggia Taranto Brindisi Lecce Nota metodologica Periodo di riferimento: 2012 Pagina 3 di 59

4 Premessa Il presente rapporto è realizzato dall della Puglia con l obiettivo di valutare le potenzialità di sviluppo del turismo intermediato sui mercati internazionali in Europa, Stati Uniti, Giappone, India, Corea, Australia, Brasile, Cina e Argentina. L indagine analizza il livello di commercializzazione e l attrattività della Puglia, delle sue province e dei prodotti turistici, presso i principali buyer internazionali che commercializzano l Italia e in particolare intende: valutare il grado di commercializzazione del territorio presso l intermediazione internazionale nel 2012 per fornire agli operatori del settore un quadro qualitativo e quantitativo sulla capacità di attrazione della regione Puglia, verificare se e quanto le destinazioni provinciali sono presenti sugli strumenti di commercializzazione degli intermediari di viaggio che operano verso l Italia e in quali mercati geografici si concentra questa presenza; definire il posizionamento della destinazione Puglia e delle sue località turistiche in ambito provinciale sui mercati internazionali, in un più ampio confronto con il contesto nazionale e con le regioni competitor ; valutare il grado di commercializzazione futura della regione e delle sue province, analizzando le ragioni che gli operatori individuano per la scarsa o mancata presenza delle destinazioni pugliesi e le previsioni di presenza sui cataloghi dei T.O. nel Le informazioni sono coordinate con l indagine nazionale sul turismo organizzato internazionale che, attraverso una rilevazione diretta presso un campione rappresentativo di Tour Operator, indaga i flussi di turismo intermediato sia verso l Italia che verso i Paesi competitor, fornisce le previsioni sull andamento, sul gradimento dei prodotti da parte dei diversi mercati, sui competitor e sulle problematiche legate alla commercializzazione verso il nostro Paese. Periodo di riferimento: 2012 Pagina 4 di 59

5 I fenomeni, in sintesi Nel corso degli anni la Puglia ha consolidato gradualmente, ma costantemente, il suo posizionamento sul mercato turistico internazionale, diventando una meta conosciuta e presente nell immaginario e nelle scelte di acquisto sia della domanda individuale che di quella espressa dai grandi buyers del mercato organizzato. Tra il 2006 e il 2010, la Puglia ha assistito ad una crescita davvero significativa del turismo straniero che si è sviluppata in modo costante nell arco di questi non semplici anni. Nel 2006, infatti, si registravano nella regione circa 2 milioni 481 mila arrivi e presenze, che, nel 2010 hanno raggiunto rispettivamente arrivi e quasi 13 milioni di presenze. In entrambi i casi i tassi di crescita superano il 25%, rispetto ad una media sul territorio nazionale che si attesta sul 6,2% per gli arrivi e sul 2,4% circa per le presenze. Analizzando in particolare il settore del turismo organizzato, nel 2012 la Puglia è stata venduta dall 8% dei tour operators che hanno commercializzato l Italia nel mondo, posizionandosi prima di regioni che in questi anni, molto hanno investito sull organizzazione e sulla promozione turistica, come il Friuli Venezia Giulia, o le Marche. L attenzione dei buyers del turismo organizzato è, come sempre, concentrata sui grandi attrattori italiani (la triade Lazio Veneto Toscana), cui si affiancano la Sicilia, la Lombardia, la Campania e l Emilia Romagna. La Puglia si inserisce, pertanto, in quella fascia di regioni che si trovano subito al di sotto nelle graduatorie di vendita, e che creano un panorama competitivo assai stimolante: l Umbria (13,7%), il Trentino Alto Adige (11,6%), il Piemonte (10,8%), la Sardegna (9,9%) e la Liguria (9,6%), tutte mete di grande pregio, che da molti anni hanno fatto della specializzazione delle proposte e della qualificazione dei servizi la loro bandiera. Le motivazioni che portano gli intermediari a non considerare la Puglia e le sue province nel panel di destinazioni turistiche commercializzate offrono interessanti spunti di riflessione. Periodo di riferimento: 2012 Pagina 5 di 59

6 Spesso, infatti, soprattutto in momenti di razionalizzazione degli investimenti, gli operatori adottano approcci di mercato che seguono, piuttosto, che anticipare, le tendenze e le richieste della clientela, puntando su prodotti e destinazioni più presenti nell immaginario turistico della domanda, e quindi più semplici e sicure da vendere. Inoltre, i cambiamenti intervenuti ormai da anni nel settore dei viaggi organizzati, impongono agli intermediari di assumere un ruolo ben riverso dal semplice assemblaggio e vendita di pacchetti turistici, ma piuttosto quello di counselling, in grado di fornire un valore aggiunto percepibile per il turista, fornendo una chiave di lettura del territorio e di orientamento sugli aspetti pratici e logistici della vacanza. Inoltre, nel 2011 meno del 30% degli operatori ricettivi pugliesi ha stretto accordi di commercializzazione con agenzie di viaggi e tour operators per la vendita di parte delle camere disponibili. Attraverso questo canale, le strutture ricettive sono riuscite a convogliare il 9,2% della clientela complessiva 1, mostrando una prassi meno consolidata e diffusa rispetto alla media delle regioni italiane, che si attesta sul 34,1%, con una quota di turismo organizzato che supera l 11%. Diviene, dunque, di fondamentale importanza, formare gli operatori turistici locali (del ricettivo in primis, ma coinvolgendo il più possibile anche quelli che forniscono tutti i servizi qualificanti per la vacanza e per la fruizione del territorio), sull importanza del circuito dell intermediazione e sulle esigenze di questo particolare mercato, creando, al contempo, le condizioni più generali (di sistema), per promuovere la Puglia e i suoi prodotti turistici sul mercato organizzato mondiale. L attenzione e le potenzialità all interno dei diversi mercati variano, in relazione alle abitudini, alla cultura e all intensità e al tipo di relazioni che legano la Puglia e i suoi abitanti con ciascuno di essi. L Europa rappresenta da sempre il mercato fondamentale, e nel 2012 il 10% degli intermediari che hanno commercializzato l Italia ha inserito anche le destinazioni pugliesi. La prossimità geografica, storica e culturale e la familiarità derivata dalle ripetute esperienze turistiche in Italia, rendono l Europa un mercato particolarmente sensibile alle novità, in grado di recepire, proprio per l alto grado di conoscenza del nostro Paese, destinazioni e proposte in modo capillare da tutte le regioni italiane. Dell Italia, gli intermediari europei 1 Fonte: Dati Unioncamere - ISNART, 2012 Periodo di riferimento: 2012 Pagina 6 di 59

7 vendono soprattutto le città d arte, mentre la Puglia si distingue come destinazione per l agriturismo, l enogastronomia e il turismo religioso. Gli Stati Uniti sono il più importante tra tutti gli altri mercati, anche per quanto attiene il turismo organizzato. In questo caso, infatti, la distanza geografica è compensata dalla forza di un immaginario positivo del territorio e dello stile di vita made in Italy che resiste al passare del tempo e ai cambiamenti, e che si fonda sui capisaldi del turismo italiano, dall arte, all enogastronomia. Pur essendo più selettivi di quelli europei, (promuovono soltanto 16 regioni), gli operatori statunitensi inseriscono tra queste anche la Puglia. Anche per gli Stati Uniti, le città d arte sono il prodotto più venduto verso l Italia. Su questo mercato le potenzialità maggiori per la Puglia si trovano nelle vacanze sportive, nell agriturismo, nel turismo archeologico e religioso. Per l Italia il Giappone è un mercato ormai tradizionale, attraversato negli ultimi anni da problematiche economiche che, ancor prima del disastro di Fukushima, hanno determinato mutamenti importanti nei comportamenti turistici. Il mercato giapponese, infatti, ha da tempo rivolto la propria attenzione a destinazioni e luoghi alternativi rispetto ai percorsi originari, che si concentravano quasi esclusivamente sulle tre grandi capitali del turismo culturale italiano. L interesse verso altri prodotti (mare e enogastronomia), ma soprattutto verso altri modi di viaggiare, ha aperto le porte a mete come la Basilicata o la Puglia, anche in cerca di nicchie di mercato che consentano un maggiore rapporto qualità prezzo. Nel 2012, la Puglia è stata venduta dal 30% degli operatori giapponesi che hanno commercializzato l Italia, al 7 posto tra le 10 regioni italiane inserite sui cataloghi dai buyer nipponici. Un ottimo posizionamento, considerando che essa è preceduta oltre che da Lazio, Toscana e Veneto, dalle altre tre importanti mete culturali e d affari, la Lombardia, la Campania e la Sicilia. Gli altri mercati long haul (Australia, India, Argentina e Corea) rappresentano delle potenzialità che vanno alimentate, puntando, in particolare, sul turismo culturale e delle città d arte, che, anche grazie all inserimento in itinerari tematici, possono radicarsi nelle destinazioni richieste dalla clientela. Tra i 10 mercati mondiali presi in considerazione, la regione non viene ancora commercializzata soltanto in Cina, Canada e Brasile. Periodo di riferimento: 2012 Pagina 7 di 59

8 Regioni vendute dai Tour Operator nel 2012 e previsioni di vendita nel 2013 sul totale Tour Operatori, possibili più risposte 2 Totale TO Lazio 78,2 75,7 Toscana 68,5 68,5 Veneto 67,1 65,6 Lombardia 41,0 40,5 Campania 37,9 38,1 Sicilia 29,2 26,3 Emilia-Romagna 20,9 20,7 Umbria 13,7 11,6 Trentino-Alto Adige 11,6 13,0 Piemonte 10,8 11,3 Sardegna 9,9 10,3 Liguria 9,6 9,8 Puglia 8,1 8,6 Friuli-Venezia Giulia 6,4 6,9 Marche 4,4 3,5 Calabria 3,2 3,4 Valle d Aosta 3,0 2,7 Basilicata 1,3 1,3 Abruzzo 0,8 0,8 Molise 0,2 - Fonte: Osservatorio Nazionale del Turismo - dati Unioncamere 2 Indagine a 593 Tour Operator internazionali che trattano, quale meta turistica, l Italia. Periodo di riferimento: 2012 Pagina 8 di 59

9 Europa 2012 Quota % dell'italia sul totale dei viaggi venduti 25,8 Quota % di T.O. che prevede una crescita della domanda verso l'italia 18,3 Destinazioni più richieste dalla clientela Italia Spagna Francia Prodotti più venduti nel mondo Città d'arte Mare Itinerari Prodotti più venduti verso l'italia Città d'arte Mare Itinerari N di regioni italiane vendute 20 Destinazioni italiane più vendute Lazio Toscana Veneto Sicilia Campania Lombardia Emilia-Romagna Trentino-Alto Adige Umbria Sardegna Puglia Piemonte Liguria Periodo di riferimento: 2012 Pagina 9 di 59

10 Usa 2012 Quota % dell'italia sul totale dei viaggi venduti 34,7 Quota % di T.O. che prevede una crescita della domanda verso l'italia 19,4 Destinazioni più richieste dalla clientela Italia Francia Spagna Prodotti più venduti nel mondo Città d'arte Mare Enogastronomia Prodotti più venduti verso l'italia Città d'arte Enogastronomia Mare N di regioni italiane vendute 16 Destinazioni italiane più vendute Toscana Lazio Veneto Campania Lombardia Sicilia Umbria Piemonte Liguria Emilia-Romagna Trentino-Alto Adige Sardegna Friuli-Venezia Giulia Puglia Periodo di riferimento: 2012 Pagina 10 di 59

11 Argentina 2012 Quota % dell'italia sul totale dei viaggi venduti 36,3 Quota % di T.O. che prevede una crescita della domanda verso l'italia 20,0 Destinazioni più richieste dalla clientela Italia Spagna Grecia Prodotti più venduti nel mondo Città d'arte Mare Itinerari Prodotti più venduti verso l'italia Città d'arte Itinerari Mare N di regioni italiane vendute 13 Destinazioni italiane più vendute Lazio Toscana Veneto Sicilia Emilia-Romagna Umbria Lombardia Campania Piemonte Sardegna Liguria Puglia Calabria Periodo di riferimento: 2012 Pagina 11 di 59

12 India 2012 Quota % dell'italia sul totale dei viaggi venduti 24,1 Quota % di T.O. che prevede una crescita della domanda verso l'italia 48,9 Destinazioni più richieste dalla clientela Prodotti più venduti nel mondo Prodotti più venduti verso l'italia Italia Francia Gran Bretagna Città d'arte Mare Itinerari Città d'arte Itinerari Mare N di regioni italiane vendute 15 Destinazioni italiane più vendute Lazio Veneto Toscana Lombardia Campania Sicilia Emilia-Romagna Trentino-Alto Adige Umbria Piemonte Liguria Sardegna Friuli-Venezia Giulia Puglia Periodo di riferimento: 2012 Pagina 12 di 59

13 Australia 2012 Quota % dell'italia sul totale dei viaggi venduti 33,5 Quota % di T.O. che prevede una crescita della domanda verso l'italia 40,0 Destinazioni più richieste dalla clientela Prodotti più venduti nel mondo Prodotti più venduti verso l'italia Italia Francia Spagna Itinerari Charter Città d'arte Itinerari Charter Città d'arte N di regioni italiane vendute 17 Destinazioni italiane più vendute Lazio Toscana Veneto Lombardia Liguria Sicilia Campania Piemonte Calabria Emilia-Romagna Umbria Trentino-Alto Adige Sardegna Puglia Friuli-Venezia Giulia Valle d Aosta Basilicata Periodo di riferimento: 2012 Pagina 13 di 59

14 Corea 2012 Quota % dell'italia sul totale dei viaggi venduti 16,2 Quota % di T.O. che prevede una crescita della domanda verso l'italia 60,0 Destinazioni più richieste dalla clientela Prodotti più venduti nel mondo Prodotti più venduti verso l'italia Italia Francia Regno Unito Città d arte Business Congressi Città Business Itinerari N di regioni italiane vendute 10 Destinazioni italiane più vendute Lazio Veneto Lombardia Toscana Emilia-Romagna Campania Sicilia Umbria Piemonte Puglia Periodo di riferimento: 2012 Pagina 14 di 59

15 Giappone 2012 Quota % dell'italia sul totale dei viaggi venduti 27,5 Quota % di T.O. che prevede una crescita della domanda verso l'italia 10,0 Destinazioni più richieste dalla clientela Italia Francia Germania Prodotti più venduti nel mondo Città d arte Itinerari Mare Prodotti più venduti verso l'italia Città d arte Itinerari Mare Enogastronomia N di regioni italiane vendute 10 Destinazioni italiane più vendute Lazio Toscana Veneto Lombardia Campania Sicilia Puglia Emilia-Romagna Basilicata Sardegna Periodo di riferimento: 2012 Pagina 15 di 59

16 1. La Puglia sui mercati dell intermediazione turistica internazionale 1.1 L interesse attuale e potenziale dei mercati stranieri L Europa rappresenta da sempre il mercato fondamentale, e nel 2012 il 10% degli intermediari che hanno commercializzato l Italia ha inserito tra le mete proposte anche le destinazioni pugliesi, vendendole più di quelle piemontesi e liguri ma meno di quelle umbre e sarde (12%). I Paesi che offrono alla Puglia lo spazio maggiore tra le proposte turistiche italiane sono quelli dell Est Europa: la Repubblica Ceca (dove è venduta dal 23,5% dei T.O.) e l Ungheria (21,4%), seguiti dal Belgio (14,3%) Sui mercati turistici più significativi per l Italia e per la regione stessa, (Germania, Francia e Regno Unito) le quote di intermediari che inseriscono la Puglia sui loro cataloghi oscillano tra il 6,3% e l 8,7%, con l eccezione positiva del Belgio, dove la quota di operatori che vende le destinazioni turistiche pugliesi è di oltre il 14%. Buona la sua presenza anche nel Nord Europa, ed in particolare in Svezia (15,4%), in Norvegia (12,5%) e in Danimarca (11,8%). Tra i mercati di lungo raggio, è il Giappone a dedicare lo spazio maggiore alla Puglia, venduta dal 30% degli intermediari che commercializzano l Italia nel 2012, seguito dalla Corea e dall Australia, entrambi con il 10%. Negli Stati Uniti la Puglia è venduta dal 6,9% degli intermediari di viaggio che vendono l Italia, mentre in India lo spazio è ancora marginale (l 1%), ma considerando i ritmi di crescita di questo Paese e l interesse dimostrato anche per le mete meno tradizionali e conosciute, si tratta di una potenzialità da coltivare. Le previsioni espresse dagli operatori per il 2013 indicano una posizione solida: il 76,5% ritiene che la domanda turistica verso la Puglia si manterrà stabile e quasi il 22% si aspetta una sua crescita. Le previsioni negative sono praticamente assenti. Periodo di riferimento: 2012 Pagina 16 di 59

17 Questo clima positivo si riflette sugli spazi che gli operatori prevedono di dedicare alla regione tra le proposte verso l Italia, che resteranno stabili in Europa (10,4%), Giappone (30%), Argentina, Corea e Australia (10%) e aumenteranno leggermente negli Usa (dal 6,9% all 8,3%) e in India (dall 1,1% al 2,1%). Tra i mercati europei si segnala: il possibile inserimento sui cataloghi austriaci (indicato dal 7,7% degli operatori) e spagnoli (17,6%), le previsioni di aumento nel Regno Unito (+2,1%), in Russia (+4,8%) e in Danimarca (+5,9%), una leggera contrazione in Francia (che passa dall 8,7% al 6,5%) e in Germania (dal 6,7% al 4%), sul mercato svizzero (-4,3%) e su quello ungherese (-7,1%). Periodo di riferimento: 2012 Pagina 17 di 59

18 Tour Operator che hanno venduto la Puglia nel 2012 e previsioni di vendita nel 2013 % sul totale Tour Operator Variazione 2013/2012 Austria - 7,7 7,7 Francia 8,7 6,5-2,2 Germania 6,7 4,0-2,7 Regno Unito 6,3 8,3 2,1 Spagna - 17,6 17,6 Svizzera 26,1 21,7-4,3 Russia 9,5 14,3 4,8 Paesi dell'est 19,1 17,0-2,1 Repubblica Ceca 23,5 23,5 - Ungheria 21,4 14,3-7,1 Polonia 12,5 12,5 - Belgio e Olanda 7,4 7,4 - Belgio 14,3 14,3 - Olanda 5,0 5,0 - Paesi Scandinavi 13,2 13,2 - Norvegia 12, ,5 Danimarca 11,8 17,6 5,9 Svezia 15,4 15,4 - Europa 10,1 10,4 0,3 Usa 6,9 8,3 1,4 Canada Brasile Argentina 10,0 10,0 - Asia e Pacifico 4,5 5,2 0,7 India 1,1 2,1 1,1 Giappone 30,0 30,0 - Cina Corea 10,0 10,0 - Australia 10,0 10,0 - Totale 8,1 8,6 0,5 Periodo di riferimento: 2012 Pagina 18 di 59

19 La Puglia sui cataloghi dei Tour Operator nel 2012 e previsioni di vendita nel 2013 (% sul totale Tour Operator) Prodotto più venduto verso Italia Destinazioni più vendute Variazione 2013/2012 Europei Città d'arte Lazio 69,9 67,9-2,0 Toscana 61,7 61,1-0,6 Veneto 61,1 58,9-2,3 Sicilia 33,5 29,9-3,7 Campania 33,0 33,0 0,0 Lombardia 32,1 31,3-0,8 Emilia-Romagna 25,9 25,1-0,8 Trentino-Alto Adige 14,6 15,8 1,1 Umbria 12,1 9,6-2,5 Sardegna 12,1 12,7 0,6 Puglia 10,1 10,4 0,3 Piemonte 9,9 11,3 1,4 Liguria 9,6 10,1 0,6 Statunitensi Città d'arte Toscana 90,3 91,7 1,4 Lazio 84,7 83,3-1,4 Veneto 77,8 76,4-1,4 Campania 69,4 62,5-6,9 Lombardia 44,4 45,8 1,4 Sicilia 40,3 33,3-6,9 Umbria 31,9 26,4-5,6 Piemonte 23,6 19,4-4,2 Liguria 18,1 16,7-1,4 Emilia-Romagna 16,7 16,7 0,0 Trentino-Alto Adige 12,5 16,7 4,2 Sardegna 9,7 6,9-2,8 Friuli-Venezia Giulia 8,3 6,9-1,4 Puglia 6,9 8,3 1,4 Periodo di riferimento: 2012 Pagina 19 di 59

20 La Puglia sui cataloghi dei Tour Operator nel 2012 e previsioni di vendita nel 2013 (% sul totale Tour Operator) Prodotto più venduto verso Italia Destinazioni più vendute Variazione 2013/2012 Argentini Città d'arte Lazio 100,0 100,0 0,0 Toscana 100,0 100,0 0,0 Veneto 90,0 80,0-10,0 Sicilia 40,0 50,0 10,0 Emilia-Romagna 30,0 20,0-10,0 Umbria 30,0 30,0 0,0 Lombardia 10,0 10,0 0,0 Campania 10,0 20,0 10,0 Piemonte 10,0 10,0 0,0 Sardegna 10,0 10,0 0,0 Liguria 10,0 10,0 0,0 Puglia 10,0 10,0 0,0 Calabria 10,0 10,0 0,0 Periodo di riferimento: 2012 Pagina 20 di 59

21 La Puglia sui cataloghi dei Tour Operator nel 2012 e previsioni di vendita nel 2013 (% sul totale Tour Operator) Prodotto più venduto verso Italia Destinazioni più vendute Variazione 2013/2012 Indiani Città d'arte Lazio 94,7 87,2-7,4 Veneto 72,3 73,4 1,1 Toscana 63,8 63,8 0,0 Lombardia 60,6 60,6 0,0 Campania 31,9 34,0 2,1 Sicilia 7,4 7,4 0,0 Emilia-Romagna 6,4 9,6 3,2 Trentino-Alto Adige 6,4 7,4 1,1 Umbria 4,3 5,3 1,1 Piemonte 4,3 5,3 1,1 Liguria 4,3 4,3 0,0 Sardegna 2,1 2,1 0,0 Friuli-Venezia Giulia 2,1 3,2 1,1 Puglia 1,1 2,1 1,1 Australiani Itinerari Lazio 60,0 60,0 0,0 Toscana 60,0 60,0 0,0 Veneto 60,0 60,0 0,0 Lombardia 40,0 40,0 0,0 Liguria 40,0 40,0 0,0 Sicilia 30,0 30,0 0,0 Campania 20,0 20,0 0,0 Piemonte 20,0 20,0 0,0 Calabria 20,0 20,0 0,0 Emilia-Romagna 10,0 10,0 0,0 Umbria 10,0 10,0 0,0 Trentino-Alto Adige 10,0 10,0 0,0 Sardegna 10,0 10,0 0,0 Puglia 10,0 10,0 0,0 Friuli-Venezia Giulia 10,0 10,0 0,0 Valle d Aosta 10,0 10,0 0,0 Basilicata 10,0 10,0 0,0 Periodo di riferimento: 2012 Pagina 21 di 59

22 La Puglia sui cataloghi dei Tour Operator nel 2012 e previsioni di vendita nel 2013 (% sul totale Tour Operator) Prodotto più venduto verso Italia Destinazioni più vendute Variazione 2013/2012 Coreani Città d'arte Lazio 100,0 100,0 0,0 Veneto 100,0 100,0 0,0 Lombardia 90,0 80,0-10,0 Toscana 80,0 90,0 10,0 Emilia-Romagna 30,0 30,0 0,0 Campania 20,0 40,0 20,0 Sicilia 10,0 10,0 0,0 Umbria 10,0 20,0 10,0 Piemonte 10,0 10,0 0,0 Puglia 10,0 10,0 - Giapponesi Itinerari Lazio 80,0 80,0 0,0 Toscana 80,0 80,0 0,0 Veneto 70,0 70,0 0,0 Lombardia 40,0 40,0 0,0 Campania 40,0 50,0 10,0 Sicilia 30,0 30,0 0,0 Puglia 30,0 30,0 0,0 Emilia-Romagna 20,0 10,0-10,0 Basilicata 20,0 20,0 0,0 Sardegna 10,0 10,0 0,0 Periodo di riferimento: 2012 Pagina 22 di 59

23 Andamento previsto per la domanda di turismo verso la Puglia nel 2013 In aumento Stabile In diminuzione Totale Media Europa 24,3 73,0 2,7 100,0 Usa - 100,0-100,0 Argentina 100, ,0 India 50,0 50,0-100,0 Giappone - 100,0-100,0 Corea - 100,0-100,0 Australia - 100,0-100,0 Totale 21,6 76,5 2,0 100,0 Variazione prevista per la domanda di turismo in Puglia nel 2013 (saldo %) Media Europa +12,0% Argentina +20,0% India +90,0% Totale +19,8% Periodo di riferimento: 2012 Pagina 23 di 59

24 1.2 Gli scenari della competizione Per ciascun prodotto turistico, i grafici che seguono illustrano il posizionamento della Puglia rispetto alle altre regioni italiane, mettendo in relazione la commercializzazione e la vendita ad opera dei tour operator. La grandezza della bolla fornisce un ulteriore elemento, e cioè il totale degli arrivi internazionali (sia individuali che intermediati) da ciascun mercato, non suddiviso per prodotto ma onnicomprensivo, rispetto al totale regionale. Sintetizzando un insieme complesso di informazioni, i grafici permettono di individuare: la quota di operatori che vendono la regione, che quindi sintetizza l interesse che gli operatori dimostrano verso la destinazione (asse delle ascisse), la percentuale di T.O. che vende il prodotto in ciascuna regione, ossia l interesse degli operatori verso i diversi prodotti turistici di ciascun territorio ed estensivamente, la diversificazione dei prodotti commercializzati (asse delle ordinate), la quota di arrivi internazionali nelle singole regioni sul totale degli arrivi stranieri in Italia, ossia l esistenza e le dimensioni della domanda internazionale di ogni mercato legata al territorio (grandezza della bolla). Prendendo in considerazione i prodotti più rilevanti, tali indicazioni vengono analizzate per ognuno dei quattro mercati oggetto dell analisi. La Puglia si trova inserita in un offerta molto ampia, in competizione con pressoché tutte le destinazioni italiane. Sul versante dei prodotti turistici i buyers del turismo organizzato mondiale continuano ad essere interessati a quelli più tradizionali, come il mare, gli itinerari e le città d arte. È inevitabile, dunque, che su tutti i mercati le città d arte siano egemonizzate da Toscana, Lazio e Veneto e che le coste più vendute siano spesso quella della Sardegna. Periodo di riferimento: 2012 Pagina 24 di 59

25 Complessivamente, il confronto con le altre regioni italiane, mette in primo piano un certo divario di visibilità delle proposte turistiche pugliesi, non soltanto sui prodotti più diffusi, come il balneare o le città d arte e l enogastronomia, ma anche su quelli con una offerta più settoriale, come il turismo religioso. Tuttavia, ogni mercato ha proprie caratteristiche e potenzialità. In Europa, ad esempio, la regione ha un buon posizionamento sul prodotto agriturismo. Negli anni gli operatori hanno cessato di identificare questo tipo di vacanza quasi esclusivamente con la Toscana, e hanno cercato mete nuove, dove il soggiorno in campagna si sposava con aspetti più rurali e caratteristici del territorio. Le dirette competitor della Puglia su questo prodotto, sono infatti, l Umbria con una quota di pacchetti venduti intorno al 12% e la Sardegna (con circa il 9%). La Basilicata è l unica regione con una quota maggiore di pacchetti venduti (poco oltre il 25%), ma con una visibilità nettamente inferiore a queste tre regioni. Altro prodotto a forte connotazione è l enogastronomia. L Abruzzo (con il 25%) e il Piemonte (con il 23% circa) sono le due regione con la quota maggiore di prodotto venduto. Con quasi il 14% dei pacchetti venduti la Puglia si colloca da sola, precedendo anche le tradizionali destinazioni del turismo del gusto, come la Toscana o l Emilia Romagna, che presentano una maggiore diversificazione di prodotto. Sul turismo religioso, la regione più specializzata, ossia con la quota maggiore di prodotto venduto è l Umbria, che sfiora il 40%. La Puglia, con l 8,3%, si trova al di sotto delle Marche, e allo stesso livello del Lazio. Per il balneare e le città d arte la situazione è ancora più complessa, a causa del fatto, che su questi prodotti gli operatori europei propongono praticamente tutte le regioni italiane. Il turismo culturale che sceglie il circuito delle destinazioni meno eclatanti, comprende la Puglia insieme alle Marche, alla Liguria, o ancora al Piemonte, all Umbria, alla Sardegna e al Friuli Venezia Giulia fino alla Basilicata. Rispetto a queste regioni la Puglia occupa una posizione intermedia, che potrebbe essere migliorata connotando meglio l identità del prodotto culturale pugliese rispetto agli altri, e incrementandone la visibilità sui cataloghi degli operatori. Periodo di riferimento: 2012 Pagina 25 di 59

26 La situazione si presenta simile sul prodotto mare, che trova nella Calabria e nella Sardegna le destinazioni con il maggiore tasso di specializzazione. Nonostante per la Puglia sia il più venduto, il confronto con le altre regioni italiane, evidenzia una quota simile a quella del Friuli Venezia Giulia, inferiore a quella delle Marche, della Liguria e dell Abruzzo. D altro canto, la Puglia ha la stessa quota di prodotto venduto della Sicilia e della Campania, ma sconta una notorietà ancora molto inferiore (queste due regioni sono vendute dal 30% dei T.O.). Negli Stati Uniti, la Puglia emerge come destinazione per le vacanze sportive (con il 40% di pacchetti venduti è la regione con la quota di prodotto più elevata) e in agriturismo (seconda soltanto alla Toscana, che, tuttavia ha uno spazio molto maggiore sui cataloghi), si distingue tra le mete del turismo archeologico, dopo la Sicilia e la Campania e il Lazio e come luogo per le vacanze dedicate al culto (dopo l Umbria) e rappresenta, infine, una delle opzioni per quello balneare. Più difficile, per la regione, emergere tra le mete del turismo culturale, anche se le quote di prodotto culturale venduto sono simili a quelle del Friuli Venezia Giulia, del Piemonte e anche della Lombardia. In Argentina, è tra le mete vendute sul turismo balneare, insieme alla Liguria e alla Sardegna mentre in Giappone, sempre sul balneare, è venduta meno della Basilicata, ma più della Campania. Periodo di riferimento: 2012 Pagina 26 di 59

27 Periodo di riferimento: 2012 Pagina 27 di 59

28 Periodo di riferimento: 2012 Pagina 28 di 59

29 Periodo di riferimento: 2012 Pagina 29 di 59

30 Periodo di riferimento: 2012 Pagina 30 di 59

31 Periodo di riferimento: 2012 Pagina 31 di 59

32 Periodo di riferimento: 2012 Pagina 32 di 59

33 Periodo di riferimento: 2012 Pagina 33 di 59

34 2. Le specializzazioni del territorio 2.1 I prodotti turistici Il mare è il prodotto turistico più venduto su tutti i mercati ad eccezione della Corea, ed è presente sui cataloghi del 37,5% degli operatori che propongono pacchetti turistici verso la Puglia. Argentina, India, Russia, Repubblica Ceca e Belgio puntano in via esclusiva sul balneare, seguiti dalla Polonia e dalla Danimarca, che dedicano alle coste la metà dei pacchetti proposti, e dalla Svizzera, Ungheria e Giappone con il 33%. In Francia le vacanze sulle spiagge pugliesi sono vendute da un quarto dei T.O., negli Usa dal 20%. I tour che toccano più destinazioni si confermano al secondo posto nella graduatoria dei prodotti venduti, con il 20,8%, soprattutto grazie al Giappone (66,7%), un mercato tradizionalmente orientato a questo tipo di fruizione turistica itinerante, il prodotto più venduto anche verso l Italia in generale. Al terzo posto le città d arte, presenti soltanto sui due mercati principali, quello europeo (13,9%, soprattutto in Olanda, Svezia, Ungheria, Svizzera e Germania) e quello statunitense (20%), che dedica lo stesso spazio anche alle proposte sui siti archeologici. Le vacanze incentrate sull enogastronomia sono presenti soltanto in Europa ed, in particolare, in Germania (20%), nel Regno Unito (33%), in Olanda (100%), in Danimarca e in Svezia (50%), mentre non sono vendute negli Stati Uniti, generalmente particolari estimatori della gastronomia italiana e appassionati visitatori dei luoghi che la sanno rappresentare. Tra gli altri prodotti venduti, si segnalano: Periodo di riferimento: 2012 Pagina 34 di 59

35 il turismo verso le mete religiose, proposto soprattutto dai tour operators polacchi (50%), seguiti da quelli britannici (33%), francesi (25%) e statunitensi (20%), cui si aggiunge quello che si muove in occasione di particolari eventi religiosi (presente sui cataloghi del 50% dei operatori polacchi), lo sport, venduto dal 40% degli operatori statunitensi. Le previsioni per il 2013 indicano un ulteriore rafforzamento delle proposte dedicate al balneare (45,1%), all enogastronomia (11,8%), al turismo religioso e all agriturismo (entrambi con il 9,8%), a fronte di un lieve calo delle città d arte (9,8%) e degli itinerari (17,6%). Quota di Tour Operator che hanno venduto i prodotti della regione Puglia nel 2012 % sul totale Tour Operator che hanno venduto la Puglia Europa Usa Argentina India Giappone Corea Totale Mare 38,9 20,0 100,0 100,0 33,3-37,5 Itinerari 19,4 20, ,7-20,8 Città d'arte 13,9 20, ,5 Enogastronomia 13, ,4 Agriturismo 8,3 20, ,3 Charter 8, ,0 8,3 Turismo religioso 8,3 20, ,3 Sport - 40, ,3 Archeologia 2,8 20, ,2 Business 2, ,1 Meeting 2, ,1 Turismo responsabile 2, ,1 Eventi religiosi 2, ,1 Periodo di riferimento: 2012 Pagina 35 di 59

36 Quota di Tour Operator che hanno venduto i prodotti della regione Puglia nel 2012 % sul totale Tour Operator che hanno venduto la Puglia Mare Itinerari Città d'arte Enogastronomia Agriturismo Charter Turismo religioso Sport Archeologia Business Meeting Turismo responsabile Eventi religiosi Austria Francia 25,0 25, , , Germania - 20,0 20,0 20,0-20, ,0 - Regno unito ,3 33,3-33, Svizzera 33,3 50,0 16, , , Russia 100, Paesi dell'est 66,7 11,1 11, , ,1 Repubblica Ceca 100, Ungheria 33,3 33,3 33, Polonia 50, , ,0 Belgio e Olanda 100,0-50,0 50,0 50, Belgio 100, Olanda 100,0-100,0 100,0 100, Paesi Scandinavi 20,0 20,0 20,0 40,0 20, ,0 - - Norvegia - 100, Danimarca 50, , Svezia ,0 50,0 50, ,0 - - Media Europa 38,9 19,4 13,9 13,9 8,3 8,3 8,3-2,8 2,8 2,8 2,8 2,8 Americhe 33,3 16,7 16,7-16,7-16,7 33,3 16, Usa 20,0 20,0 20,0-20,0-20,0 40,0 20, Argentina 100, Asia e Pacifico 33,3 33, ,7-16, India 100, Giappone 33,3 66, Corea , Australia , Totale 37,5 20,8 12,5 10,4 8,3 8,3 8,3 6,3 4,2 2,1 2,1 2,1 2,1 Periodo di riferimento: 2012 Pagina 36 di 59

37 Quota di Tour Operator che venderanno i prodotti della regione Puglia nel 2013 % sul totale Tour Operator che venderanno la Puglia Europa Usa Argentina India Giappone Corea Australia Totale Mare 45,9 50,0 100,0 50,0 33, ,1 Itinerari 16,2 16, , ,6 Enogastronomia 16, ,8 Città d'arte 10,8 16, ,8 Agriturismo 8,1 16,7-50, ,8 Turismo religioso 10,8 16, ,8 Sport 2,7 16, ,0 5,9 Charter 5, ,0-5,9 Archeologia - 16, ,0 Terme 2, ,0 Meeting 2, ,0 Turismo responsabile 2, ,0 Periodo di riferimento: 2012 Pagina 37 di 59

38 Quota di Tour Operator che venderanno i prodotti della regione Puglia nel 2013 % sul totale Tour Operator che venderanno la Puglia Mare Itinerari Enogastronomia Città d'arte Agriturismo Turismo religioso Sport Charter Archeologia Terme Meeting Turismo responsabile Austria 100, Francia 33,3 33, , Germania , , ,3 Regno unito 25,0-50,0-25,0 25,0 25, Spagna - 33,3-33,3-33, Svizzera 40,0 40, , Russia 100, , Paesi dell'est 62,5 25, , Repubblica Ceca 100, Ungheria - 100, Polonia 50, , Belgio e Olanda 100,0-50,0 50,0 50, ,0 - - Belgio 100, Olanda 100,0-100,0 100,0 100, ,0 - - Paesi Scandinavi 40,0-40,0 20,0 20, ,0 - Danimarca 66,7-33, Svezia ,0 50,0 50, ,0 - Media Europa 45,9 16,2 16,2 10,8 8,1 10,8 2,7 5,4-2,7 2,7 2,7 Americhe 57,1 14,3-14,3 14,3 14,3 14,3-14, Usa 50,0 16,7-16,7 16,7 16,7 16,7-16, Argentina 100, Asia e Pacifico 28,6 28, ,3-14,3 14, India 50, , Giappone 33,3 66, Corea , Australia , Totale 45,1 17,6 11,8 9,8 9,8 9,8 5,9 5,9 2,0 2,0 2,0 2,0 Periodo di riferimento: 2012 Pagina 38 di 59

39 2.2 La commercializzazione delle province L Europa e gli Stati Uniti vendono tutte le cinque province pugliesi, puntando in entrambi i casi su Bari. Il capoluogo regionale è la provincia più venduta sia sul mercato statunitense (60%) che sul bacino europeo (41,7%), presente sui cataloghi del 43,8% dei buyers che vendono la Puglia, seguita da Foggia con il 35,4%. Le previsioni per il 2013 indicano uno spostamento dell interesse dei buyers a favore della provincia di Lecce, che, in base alle indicazioni fornite, dovrebbe essere commercializzata da oltre il 35% degli intermediari che venderanno la Puglia, a fronte del 25% che l ha venduta nel Nella grande maggioranza dei casi, gli operatori indicano come motivo principale della mancata commercializzazione delle destinazioni pugliesi, l assenza di richieste da parte della clientela, spesso abbinata alla scarsa conoscenza delle possibilità e delle caratteristiche della sua offerta e/o dalla difficoltà a reperire le informazioni necessarie alla costruzione dei pacchetti o all orientamento della clientela. Una considerazione a se stante merita la provincia di Barletta Andria Trani, che, anche a causa alla sua costituzione abbastanza recente, non è ancora entrata a far parte dell immaginario turistico degli operatori stranieri, che, spesso, hanno dimostrato poca familiarità con la suddivisione amministrativa del nostro territorio. L analisi provinciale dei risultati, pertanto, si basa sulle cinque province. Tra quelli appartenenti alla provincia di BAT, l unico comune citato è Trani. Periodo di riferimento: 2012 Pagina 39 di 59

40 Province vendute dai Tour Operator nel 2012 % sul totale Tour Operator che hanno venduto la Puglia Bari Foggia Lecce Taranto Brindisi Media Europa 41,7 41,7 22,2 19,4 11,1 Usa 60,0 40,0 40,0 20,0 40,0 Canada Brasile Argentina ,0 - India ,0 100,0 Giappone 66,7-33,3 - - Cina Corea 100, Australia ,0 - - Totale 43,8 35,4 25,0 20,8 14,6 Previsioni di vendita delle province nel 2013 % sul totale Tour Operator che venderanno la Puglia Bari Foggia Taranto Brindisi Lecce Media Europa 29,7 35,1 24,3 10,8 29,7 Usa 50,0 33,3 33,3 16,7 50,0 Canada Brasile Argentina ,0 India ,0 50,0 Giappone 66, ,3 Cina Corea 100, Australia ,0 Totale 33,3 29,4 21,6 11,8 35,3 Periodo di riferimento: 2012 Pagina 40 di 59

41 2.2.1 Bari Bari è la provincia più venduta e le sue destinazioni vengono proposte come mete turistiche dal 43,8% dei tour operators che vendono la Puglia nel mondo. Il suo mercato di riferimento è abbastanza diversificato e include l Europa, che, nell insieme concentra oltre il 71% delle proposte verso la provincia, gli Stati Uniti (14,3%), il Giappone (9,5%) e la Corea (4,8%). Svizzera (50%) e Germania (40%) sono i due bacini europei principali, seguiti dal Regno Unito (33%) e dalla Francia (25%). Forte anche l interesse dimostrato dall Olanda, dove tutti gli operatori che vendono la Puglia, inseriscono anche il territorio del capoluogo. Dal punto di vista dei prodotti, le proposte sono molto diversificate, senza per questo rischiare di essere meno identificabili. Infatti, gli intermediari preferiscono inserire Bari all interno di itinerari che toccano più destinazioni (28,6%) e soltanto in seconda battuta la propongono come meta di turismo culturale, di vacanze in agriturismo o di charter nautici (14,3%). Mare, sport e enogastronomia interessano il 9,5% dei tour operators, il turismo archeologico e quello business il 4,8%. Nel 2013 il 33,3% degli operatori prevede di inserire la provincia di Bari tra le destinazioni vendute, prospettando, quindi, una certa riduzione dello spazio riservatole. Accanto agli itinerari, saldamente al primo posto tra le proposte turistiche, cresce l interesse per il mare, sia come vacanza trazionale (23,5%) che legato alle più esclusive vacanze in barca (17,6%). Periodo di riferimento: 2012 Pagina 41 di 59

42 Tour Operator che hanno venduto la provincia di Bari nel 2012 e previsioni di vendita nel 2013 % sul totale Tour Operator che hanno venduto la Puglia Variazione 2013/2012 Austria - 100,0 100,0 Francia 25,0 33,3 8,3 Germania 40,0 66,7 26,7 Regno unito 33, ,3 Svizzera 50,0 20,0-30,0 Russia - 33,3 33,3 Paesi dell'est 44,4 25,0-19,4 Repubblica Ceca 25,0 25,0 - Ungheria 100,0 50,0-50,0 Olanda 100,0 100,0 0,0 Paesi Scandinavi 60,0 40,0-20,0 Norvegia 100, ,0 Svezia 100,0 100,0 - Media Europa 41,7 29,7-11,9 Usa 60,0 50,0-10,0 Giappone 66,7 66,7 - Corea 100,0 100,0 - Totale 43,8 33,3-10,4 Periodo di riferimento: 2012 Pagina 42 di 59

43 Quota di Tour Operator che hanno venduto i prodotti della provincia di Bari nel 2012 (%) % sul totale Tour Operator che hanno venduto Bari Media Europa Usa Giappone Corea Totale Itinerari 20,0 33,3 100,0-28,6 Città d'arte 20, ,3 Agriturismo 13,3 33, ,3 Charter 13, ,0 14,3 Mare 13, ,5 Sport - 66, ,5 Enogastronomia 13, ,5 Archeologia 6, ,8 Meeting 6, ,8 Quota di Tour Operator che venderanno i prodotti della provincia di Bari nel 2013 (%) % sul totale Tour Operator che venderanno Bari Media Europa Usa Giappone Corea Totale Itinerari 18,2 33,3 100,0-29,4 Mare 27,3 33, ,5 Charter 18, ,0 17,6 Città d'arte 18, ,8 Agriturismo 9,1 33, ,8 Enogastronomia 18, ,8 Sport - 33, ,9 Meeting 9, ,9 Periodo di riferimento: 2012 Pagina 43 di 59

44 Motivo di non commercializzazione della provincia di Bari (%) Non conosco quella zona/ho difficoltà a trovare informazioni Basso standard qualitativo/servizi inefficienti Operat. Italiani non disponibili con intermediari stranieri Ho intenzione di farlo ma non l'anno prossimo Non c'è richiesta per quella zona Totale Media Europa 13,4 1,7 0,6 11,6 72,7 100,0 Usa 21,7 1,4-18,8 58,0 100,0 Canada 30, ,0 60,0 100,0 Brasile 50, ,0 100,0 Argentina ,0 100,0 India 60,6 2,1-2,1 35,1 100,0 Giappone 25, ,0 100,0 Cina 40, ,0 100,0 Corea 44, ,6 100,0 Australia 10,0-10,0 60,0 20,0 100,0 Totale 24,0 1,6 0,5 10,8 63,2 100,0 Periodo di riferimento: 2012 Pagina 44 di 59

45 2.2.2 Foggia Con il 35,4% di operatori che l ha inserita sui propri cataloghi, Foggia è la seconda provincia pugliese in termini di diffusione sul mercato turistico organizzato. Il suo mercato è concentrato su due versanti: quello Europeo (che rappresenta oltre l 88%) e quello statunitense (circa il 12%). In Europa è venduta da molti Paesi, a partire dal Belgio (100%) e dalla Francia (75%), ma anche in Svizzera, Germania, Regno Unito e Polonia. Foggia è una meta richiesta soprattutto per il turismo balneare, che interessa il 60% degli operatori europei e il 50% di quelli statunitensi. Il 23,5% dei pacchetti sono incentrati sul turismo religioso, il secondo prodotto turistico venduto verso la provincia, dal 20% degli operatori europei e dal 50% di quelli statunitensi, in particolare. Tra le altre proposte, si segnalano quelle legate agli eventi religiosi, vendute in Europa dal 6,7% degli intermediari di viaggio e quelle di turismo responsabile. Nel 2013, la provincia di Foggia sarà inserita dal 29,4% dei tour operators che venderanno la Puglia, in leggera contrazione rispetto al Il mare resterà il prodotto più venduto, ma gli operatori intendono puntare di più sul turismo religioso, che troverà più spazio soprattutto in Europa (30,8%). Periodo di riferimento: 2012 Pagina 45 di 59

46 Tour Operator che hanno venduto la provincia di Foggia nel 2012 e previsioni di vendita nel 2013 % sul totale Tour Operator che hanno venduto la Puglia Variazione 2013/2012 Francia 75,0 66,7-8,3 Germania 20,0 33,3 13,3 Regno Unito 33,3 25,0-8,3 Spagna - 33,3 33,3 Svizzera 50,0 20,0-30,0 Paesi dell'est 66,7 75,0 8,3 Repubblica Ceca 100,0 100,0 - Ungheria - 50,0 50,0 Polonia 100,0 50,0-50,0 Belgio 100,0 100,0 - Media Europa 41,7 35,1-6,5 Usa 40,0 33,3-6,7 Totale 35,4 29,4-6,0 Periodo di riferimento: 2012 Pagina 46 di 59

47 Quota di Tour Operator che hanno venduto i prodotti della provincia di Foggia nel 2012 (%) % sul totale Tour Operator che hanno venduto Foggia Media Europa Usa Totale Mare 60,0 50,0 58,8 Turismo religioso 20,0 50,0 23,5 Itinerari 13,3-11,8 Turismo responsabile 6,7-5,9 Eventi religiosi 6,7-5,9 Quota di Tour Operator che venderanno i prodotti della provincia di Foggia nel 2013 (%) % sul totale Tour Operator che venderanno Foggia Media Europa Usa Totale Mare 53,8 50,0 53,3 Turismo religioso 30,8 50,0 33,3 Itinerari 7,7-6,7 Turismo responsabile 7,7-6,7 Motivo di non commercializzazione della provincia di Foggia (%) Non conosco quella zona/ho difficoltà a trovare informazioni Basso standard qualitativo/servizi inefficienti Operat. Italiani non disponibili con intermediari stranieri Ho intenzione di farlo ma non l'anno prossimo Non c'è richiesta per quella zona Totale Media Europa 14,0 2,0 0,6 11,4 72,0 100,0 Usa 21,4 1,4-17,1 60,0 100,0 Canada 30, ,0 60,0 100,0 Brasile 50, ,0 100,0 Argentina ,0 100,0 India 67, ,2 29,8 100,0 Giappone 30, ,0 100,0 Cina 70, ,0 100,0 Corea 70, ,0 100,0 Australia 40, ,0 50,0 100,0 Totale 26,9 1,4 0,3 9,7 61,7 100,0 Periodo di riferimento: 2012 Pagina 47 di 59

48 2.2.3 Taranto Nel 2012 la provincia di Taranto è stata venduta dal 20,8% degli operatori turistici che hanno commercializzato la Puglia. Il suo bacino di riferimento è quello europeo (qui sono concentrati il 70% dei tour operators che la vendono), ma include anche gli Stati Uniti, l India e l Argentina. In Europa la provincia di Foggia è venduta in Olanda (100%), in Francia (50%), nel Regno Unito e in Svizzera (33%) e nella Repubblica Ceca (25%). I prodotti venduti variano molto in relazione ai mercati: l Europa punta sugli itinerari (42,9%) e sull enogastronomia (28,6%), seguiti dal mare e dal business (14,3%), gli Stati Uniti si concentrano sulle vacanze dedicate allo sport, l Argentina e l India su quelle balneari. Nel 2013 la provincia di Taranto sarà venduta soltanto in Europa e negli Stati Uniti ma con una quota di operatori complessivamente superiore, pari al 21,6%. Accanto allo sport, gli Usa inseriranno anche il mare e in Europa saranno vendute vacanze sportive e in agriturismo. Periodo di riferimento: 2012 Pagina 48 di 59

49 Tour Operator che hanno venduto la provincia di Taranto nel 2012 e previsioni di vendita nel 2013 % sul totale Tour Operator che hanno venduto la Puglia Variazione 2013/2012 Francia 50, ,0 Regno unito 33,3 50,0 16,7 Spagna - 33,3 33,3 Svizzera 33,3 40,0 6,7 Paesi dell'est 11,1 25,0 13,9 Repubblica Ceca 25,0 25,0 - Polonia - 50,0 50,0 Olanda 100,0 100,0 - Danimarca - 33,3 33,3 Media Europa 19,4 24,3 4,9 Usa 20,0 33,3 13,3 Argentina 100, ,0 India 100, ,0 Totale 20,8 21,6 0,7 Periodo di riferimento: 2012 Pagina 49 di 59

50 Quota di Tour Operator che hanno venduto i prodotti della provincia di Taranto nel 2012 (%) % sul totale Tour Operator che hanno venduto Taranto Media Europa Usa Argentina India Totale Mare 14,3-100,0 100,0 30,0 Itinerari 42, ,0 Enogastronomia 28, ,0 Sport - 100, ,0 Business 14, ,0 Quota di Tour Operator che venderanno i prodotti della provincia di Taranto nel 2012 (%) % sul totale Tour Operator che venderanno taranto Media Europa Usa Totale Mare 55,6 100,0 63,6 Sport 11,1 50,0 18,2 Enogastronomia 22,2-18,2 Itinerari 22,2-18,2 Agriturismo 11,1-9,1 Motivo di non commercializzazione della provincia di Taranto (%) Non conosco quella zona/ho difficoltà a trovare informazioni Basso standard qualitativo/servizi inefficienti Operat. Italiani non disponibili con intermediari stranieri Ho intenzione di farlo ma non l'anno prossimo Non c'è richiesta per quella zona Totale Media Europa 12,7 2,0 0,6 11,0 73,7 100,0 Usa 24,3 1,4-14,3 60,0 100,0 Canada 30, ,0 60,0 100,0 Brasile 50, ,0 100,0 Argentina ,0 100,0 India 67, ,1 31,9 100,0 Giappone 30, ,0 100,0 Cina 70, ,0 100,0 Corea 70, ,0 100,0 Australia 50, ,0 40,0 100,0 Totale 26,6 1,4 0,3 8,8 62,9 100,0 Periodo di riferimento: 2012 Pagina 50 di 59

51 2.2.4 Brindisi La provincia di Brindisi è venduta dal 14,6% degli operatori interessati alla Puglia e, rispetto alle altre zone della regione, trova negli Stati Uniti un mercato particolarmente importante. Negli USA, infatti, ha sede il 28,6% di tutti gli intermediari che la vendono, con una quota pari al 40% di quelli che commercializzano la regione Puglia, puntando su una gamma di prodotti che va da quelli più tradizionali, come il mare, le città d arte allo sport, l agriturismo, l archeologia e i charter nautici. In Europa la provincia di Brindisi è venduta dall 11,1% degli operatori, che la propongono per pacchetti di vacanza al mare, in agriturismo o su charter nautici, mentre in India (dove è venduta da tutti gli operatori che trattano la Puglia) si punta sul balneare. Nel 2013, le quote di operatori che venderanno la provincia subiranno una contrazione passando dal 14,6% all 11,8%, soprattutto negli Stati Uniti (dove sarà venduta dal 16,7% dei T.O.) e in India (dal 50%). Questa contrazione si riflette anche in una minore diversificazione dei pacchetti: mare e agriturismo per l Europa, cui si aggiungono città d arte e sport per gli Stati Uniti e mare per l India. Periodo di riferimento: 2012 Pagina 51 di 59

52 Tour Operator che hanno venduto la provincia di Brindisi nel 2012 e previsioni di vendita nel 2013 % sul totale Tour Operator che hanno venduto la Puglia Variazione 2013/2012 Regno unito - 25,0 25,0 Svizzera 16, ,7 Russia 50, ,0 Olanda 100,0 100,0 - Paesi Scandinavi 20,0 40,0 20,0 Danimarca - 33,3 33,3 Svezia 50,0 50,0 - Media Europa 11,1 10,8-0,3 Usa 40,0 16,7-23,3 India 100,0 50,0-50,0 Totale 14,6 11,8-2,8 Periodo di riferimento: 2012 Pagina 52 di 59

53 Quota di Tour Operator che hanno venduto i prodotti della provincia di Brindisi nel 2012 (%) % sul totale Tour Operator che hanno venduto Brindisi Media Europa Usa India Totale Mare 50,0 50,0 100,0 57,1 Agriturismo 25,0 50,0-28,6 Città d'arte - 50,0-14,3 Archeologia - 50,0-14,3 Sport - 50,0-14,3 Charter 25, ,3 Quota di Tour Operator che venderanno i prodotti della provincia di Brindisi nel 2013 (%) % sul totale Tour Operator che venderanno Brindisi Media Europa Usa India Totale Mare 50,0 100,0 100,0 66,7 Agriturismo 50,0 100,0-50,0 Città d'arte - 100,0-16,7 Sport - 100,0-16,7 Motivo di non commercializzazione della provincia di Brindisi (%) Non conosco quella zona/ho difficoltà a trovare informazioni Basso standard qualitativo/servizi inefficienti Operat. Italiani non disponibili con intermediari stranieri Ho intenzione di farlo ma non l'anno prossimo Non c'è richiesta per quella zona Totale Media Europa 13,1 2,0 0,6 11,4 72,9 100,0 Usa 19,7 1,4-15,5 63,4 100,0 Canada 30, ,0 60,0 100,0 Brasile 50, ,0 100,0 Argentina ,0 100,0 India 65, ,2 31,2 100,0 Giappone 30, ,0 100,0 Cina 70, ,0 100,0 Corea 50, ,0 100,0 Australia 30,0-10,0 30,0 30,0 100,0 Totale 25,2 1,4 0,5 9,9 63,0 100,0 Periodo di riferimento: 2012 Pagina 53 di 59

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Osservatorio turistico della provincia di Pavia INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Settembre 2009 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: CCIAA

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

La vendita dei viaggi organizzati nella destinazione Italia nel 2014 e le previsioni per il 2015: i grandi buyer internazionali

La vendita dei viaggi organizzati nella destinazione Italia nel 2014 e le previsioni per il 2015: i grandi buyer internazionali La vendita dei viaggi organizzati nella destinazione Italia nel 2014 e le previsioni per il 2015: i grandi buyer internazionali Il sistema dei viaggi organizzati nel mondo e verso l Italia Il sistema dei

Dettagli

Destinazione Italia SCENARI DEL TURISMO

Destinazione Italia SCENARI DEL TURISMO Destinazione Italia I viaggi organizzati verso il nostro Paese mostrano segnali positivi di ripresa. Premiata la qualità e la varietà dell offerta. Meglio se certificate testo e foto di Aura Marcelli Cresce

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE GIAPPONESE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE GIAPPONESE per Osservatorio Nazionale del turismo INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE GIAPPONESE Maggio 2008 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente: Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

LA TOSCANA E I MERCATI ESTERI TENDENZE DEL TURISMO ORGANIZZATO PER IL 2014

LA TOSCANA E I MERCATI ESTERI TENDENZE DEL TURISMO ORGANIZZATO PER IL 2014 Osservatorio turistico Regione Toscana LA TOSCANA E I MERCATI ESTERI TENDENZE DEL TURISMO ORGANIZZATO PER IL 2014 Agosto 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente: Unioncamere

Dettagli

Imago Report mercato turistico

Imago Report mercato turistico Imago Report mercato turistico REPORT SULLE NUOVE TENDENZE DEL TURISTA ITALIANO ED ESTERO FOCUS SUL TURISTA ENOGASTRONOMICO 22 LUGLIO 2015 Indice: I principali trend del turismo in Italia Il turista ESTERO

Dettagli

REPORT MERCATO TURISTICO

REPORT MERCATO TURISTICO REPORT MERCATO TURISTICO Report sulle nuove tendenze del turismo italiano ed estero Focus sul turista enogastronomico 22 luglio 2015 INDICE Trend del turismo estero in Italia.. pag. 3 Trend del turismo

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011 OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011 Focus Provincia di Savona Maggio 2012 A cura di I flussi turistici nelle strutture ricettive Le principali dinamiche e tendenze manifestate

Dettagli

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Turismo & Toscana La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Il turismo nell economia Toscana Nel 2014 oltre 43,5 milioni di presenze ufficiali (+ 3 milioni

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO ESTATE 2006, IL TURISMO IN ITALIA HA PIU VELOCITA : PIU PRODOTTI PER PIU TURISTI SOPRATTUTTO STRANIERI 3 Rapporto Indagine sulle prenotazioni/presenze nelle

Dettagli

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Milano, 10 febbraio 2016 Turismo incoming in crescita progressiva Arrivi di turisti negli esercizi ricettivi

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO Unioncamere Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO ESTATE 2005: 2 Rapporto Indagine sulle prenotazioni/presenze nelle

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO Unioncamere Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO EUROPEO luglio 2004 a cura di SOMMARIO

Dettagli

Tavola 8.1 - Capacità degli esercizi ricettivi per tipo di alloggio - Comune di Lecce - Anno 2009

Tavola 8.1 - Capacità degli esercizi ricettivi per tipo di alloggio - Comune di Lecce - Anno 2009 8. Turismo Nel 2009 nella categoria esercizi alberghieri gli alberghi a 4 stelle costituiscono il 40,0% degli esercizi con una dotazione di posti letto pari al 59,4% del totale. La permanenza media del

Dettagli

Il turismo in Veneto nel 2015

Il turismo in Veneto nel 2015 Federico Caner Assessore all'attuazione del programma, rapporti con Consiglio regionale, programmazione fondi UE, turismo, commercio estero Palazzo Balbi Venezia, 18 febbraio 216 I numeri del turismo Veneto

Dettagli

A.P.T. della Provincia di Venezia - Ufficio Studi & Statistica

A.P.T. della Provincia di Venezia - Ufficio Studi & Statistica RELAZIONE flussi turistici /2012 STL JESOLO ED ERACLEA 1. ARRIVI / PRESENZE 2. COMPARTO alberghiero ed extraalberghiero 3. PROVENIENZE 4. RICETTIVO 5. FOCUS: SETTEMBRE 2013 1. ARRIVI / PRESENZE Nel periodo

Dettagli

SCHEDE MERCATO BRASILE

SCHEDE MERCATO BRASILE SCHEDE MERCATO BRASILE Dicembre 2011 in collaborazione con Sommario Quadro d insieme... 1 Il mercato turistico brasiliano... 3 Conclusioni... 11 Nota metodologica... 12 Quadro d insieme Caratteristiche

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2012

Il turismo a Bologna nel 2012 Il turismo a Bologna nel 212 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE Le vacanze dei liguri 2008 - Abstract Aprile 2009 A cura di Sommario Premessa... 3 Le vacanze

Dettagli

Estate 2011 Prospettive per il turismo in Toscana. Progetto Check Markets. in collaborazione con il Centro Studi Turistici.

Estate 2011 Prospettive per il turismo in Toscana. Progetto Check Markets. in collaborazione con il Centro Studi Turistici. Estate 2011 Prospettive per il turismo in Toscana Alberto Peruzzini Progetto Check Markets in collaborazione con il Centro Studi Turistici Dirigente Servizio Turismo Toscana Promozione Firenze, 20 giugno

Dettagli

Il peso del turismo nell economia Toscana

Il peso del turismo nell economia Toscana Turismo & Toscana Il turismo in Toscana: un modello export led alla prova della crisi Enrico Conti Firenze, 13 giugno 2014 Il peso del turismo nell economia Toscana Nel 2013 oltre 43 milioni di presenze

Dettagli

BIBIONE: CON IL WEB IL TURISMO REGGE ALLA CRISI

BIBIONE: CON IL WEB IL TURISMO REGGE ALLA CRISI COMUNICATO STAMPA BIBIONE: CON IL WEB IL TURISMO REGGE ALLA CRISI Secondo uno studio dell'associazione Bibionese Albergatori, nella stagione 2012 Bibione ha ospitato più di 770.000 turisti. Prenotazioni

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA

IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA CERNOBBIO 28 MARZO 2015 PREMESSA L esposizione universale, a due mesi dall avvio, è considerata come la grande occasione per il rilancio del turismo italiano. Non solo

Dettagli

tab.2.1.1consistenza delle strutture ricettive della provincia di Brindisi. Periodo 2006/2012

tab.2.1.1consistenza delle strutture ricettive della provincia di Brindisi. Periodo 2006/2012 Il Turismo 1 Nel 2012 la provincia di Brindisi ha migliorato la propria offerta ricettiva ed ha registrato un incremento degli indicatori quali-quantitativi della ricettività locale (densità degli esercizi

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013 Il turismo a Bologna nel 213 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

La Toscana e la domanda internazionale. Caratteristiche e aspettative per il 2013

La Toscana e la domanda internazionale. Caratteristiche e aspettative per il 2013 TURISMO & TOSCANA 28 giugno 2012 La Toscana e la domanda internazionale Caratteristiche e aspettative per il 2013 a cura di Elena Di Raco Responsabile Dipartimento Ricerca IS.NA.R.T. Turisti che ricorrono

Dettagli

1 Rapporto dell Osservatorio Nazionale sul Turismo

1 Rapporto dell Osservatorio Nazionale sul Turismo 1 Rapporto dell Osservatorio Nazionale sul Turismo a cura di Flavia Maria Coccia Direzione Operativa Isnart Unioncamere Roma, 14 luglio 2011 www.isnart.it 1 L occupazione delle camere nelle imprese ricettive

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Ottobre 2011 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale struttura. Il confronto dei dati dell Istat con le stime della Banca d Italia sembra evidenziare la presenza di altri fenomeni, oltre quello misurato dalle presenze straniere nelle strutture ricettive.

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine

Dettagli

INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO

INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO Maggio 2010 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T.

Dettagli

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Comunità di Sant Egidio Anziani nel Mondo, Europa e Italia Le regioni europee in cui si vive più a lungo L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Secondo le Nazioni Unite nel 2010 la popolazione

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO Unioncamere Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO ITALIANO PASQUA 2004: GERMOGLI DI RIPRESA 1 Rapporto Indagine sulle prenotazioni/presenze

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

La stagione turistica estiva 2013*

La stagione turistica estiva 2013* Novembre 2013 La stagione turistica estiva 2013* Il Servizio Statistica presenta i dati definitivi relativi agli arrivi e alle turistiche della stagione estiva (1) 2013 sulla base delle informazioni trasmesse

Dettagli

APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011

APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011 APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011 I consumi culturali: La spesa delle famiglie italiane per la cultura e lo spettacolo rappresenta il 7% della loro

Dettagli

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010 AICEB (Associazione Italiana Centri Benessere) IL MERCATO DEL BENESSERE: IMPRESE E SERVIZI OFFERTI* Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione Rimini Wellness, 14 Maggio

Dettagli

Settore cultura, turismo, moda, eccellenze

Settore cultura, turismo, moda, eccellenze Settore cultura, turismo, moda, eccellenze Flussi Turistici di Milano e Provincia 2013 in attesa di validazione da parte di ISTAT, i dati sono da ritenersi provvisori e soggetti a modifica Indice 1. Capacità

Dettagli

Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane

Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane RISORSE NATURALI E CULTURALI COME ATTRATTORI QSN 2007-2013 Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane Roma, 28 settembre 2005 INDAGINI DOXA PER IL MINISTERO ATTIVITA PRODUTTIVE - PON ATAS

Dettagli

LE VACANZE DEGLI ITALIANI NEL 2006 11.288.000 0 5.000.000 10.000.000 15.000.000 20.000.000 25.000.000 30.000.000 35.000.000

LE VACANZE DEGLI ITALIANI NEL 2006 11.288.000 0 5.000.000 10.000.000 15.000.000 20.000.000 25.000.000 30.000.000 35.000.000 ABSTRACT LE VACANZE DEGLI ITALIANI PRIMO SEMESTRE 2006 Sono 17,8 milioni gli italiani che nel primo semestre 2006 hanno effettuato almeno un periodo di vacanza (35,9% della popolazione). Nel complesso,

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Risultati definitivi stagione invernale 2006-2007

Risultati definitivi stagione invernale 2006-2007 Statistiche in breve 29 giugno 2007 Turismo a cura di Roberta Savorelli e Manuela Genetti Risultati definitivi stagione invernale 2006-2007 Il Servizio Statistica presenta i dati definitivi relativi agli

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Le imprese ricettive nel Comune di Livorno. Le caratteristiche dell offerta ricettiva L andamento dei flussi turistici

Le imprese ricettive nel Comune di Livorno. Le caratteristiche dell offerta ricettiva L andamento dei flussi turistici Le imprese ricettive nel Comune di Livorno Le caratteristiche dell offerta ricettiva L andamento dei flussi turistici Origine dei dati di rilevazione Rilevazione censuaria movimentazione clienti strutture

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

ANALISI CONGIUNTURALE 2009

ANALISI CONGIUNTURALE 2009 ANALISI CONGIUNTURALE 2009 COMUNICATO Gennaio 2010 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: CCIAA di Brindisi Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine rilevazione: dicembre

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa PROSPETTIVE FUTURE I temi di approfondimento I consumi

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

L indagine sui flussi di turisti con esigenze specifiche: parametri e risultati della ricerca

L indagine sui flussi di turisti con esigenze specifiche: parametri e risultati della ricerca CONVEGNO NAZIONALE Piemonte, un Emozione da Vivere per Tutti Novara, 22 Giugno 2011 L indagine sui flussi di turisti con esigenze specifiche: parametri e risultati della ricerca Elena Di Raco Responsabile

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE La Liguria sui mercati dell intermediazione internazionale - sintesi Settembre 2010 A cura di La Liguria sui mercati

Dettagli

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Strettamente riservato Roma, 10 novembre 2015 Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Valerio De Molli 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITT I RISERVAT I. Questo documento

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

PROGETTO PROMOZIONALE STRATEGICO 1

PROGETTO PROMOZIONALE STRATEGICO 1 Titolo Progetto Settori Merceologici Destinatari dell intervento Tipologia di Intervento Allegato 1 a D.D. n. 690 del 29/11/2013 PROGETTO PROMOZIONALE STRATEGICO 1 SCHEDA SINTETICA PROMOZIONE DEI PRODOTTI

Dettagli

Cultura e Tempo Libero

Cultura e Tempo Libero Cultura e Tempo Libero Corso in Statistica Sociale Anno Accademico 2012-13 Anna Freni Sterrantino Sommario Definizione e introduzione Le indagini multiscopo Spesa in attività culturali Confronti con i

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE La Liguria sui mercati dell intermediazione internazionale SINTESI Settembre 2011 A cura di Sommario Premessa... 3 Osservazioni

Dettagli

Tabella 1.1 Evoluzione arrivi e presenze degli stranieri in Puglia. Anni 2009-2010-2011. Arrivi Presenze Arrivi Presenze 2009 417.063 1.626.

Tabella 1.1 Evoluzione arrivi e presenze degli stranieri in Puglia. Anni 2009-2010-2011. Arrivi Presenze Arrivi Presenze 2009 417.063 1.626. Il turismo internazionale in Puglia Nel 2011 la Puglia ha registrato più di 540mila arrivi dall estero e 2,1milioni di presenze. Dal 2009 al 2011 l incoming dall estero è cresciuto di 2,8 punti percentuali

Dettagli

IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali

IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali Il capitale territoriale: una leva per lo sviluppo? Bologna, 17 aprile 2012 Il ruolo delle infrastrutture nei processi di

Dettagli

ART CITIES EXCHANGE: CHE COS è

ART CITIES EXCHANGE: CHE COS è ART CITIES EXCHANGE: CHE COS è Art Cities Exchange è il workshop leader per la promozione del turismo artistico-culturale italiano e del Mediterraneo. Un evento che sviluppa i tradizionali siti turistici,

Dettagli

La promozione dell azienda agrituristica Il punto di vista di un Tour Operator Farm Holidays

La promozione dell azienda agrituristica Il punto di vista di un Tour Operator Farm Holidays La promozione dell azienda agrituristica Il punto di vista di un Tour Operator Farm Holidays Andrea Mazzanti Agriturismo Villa Tombolina Montemaggiore al Metauro (PU) 19 Novembre 2008 Agriturismo in Italia

Dettagli

Viaggi e vacanze in Italia e all estero

Viaggi e vacanze in Italia e all estero 19 febbraio 2007 Viaggi e vacanze in Italia e all estero Anno 2006 L Istat presenta le stime preliminari dei principali aggregati relativi alla domanda di turismo in Italia nel 2006. Le informazioni provengono

Dettagli

Osservatorio Turistico

Osservatorio Turistico Osservatorio Turistico Turismo: congiuntura, profilo della domanda, identikit e bisogni delle imprese savonesi Savona, 4 febbraio 2005 ISNART S.c.p.A. Chi è Cosa fa Mercato Istituto Nazionale Ricerche

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane A. Alivernini, M. Gallo, E. Mattevi e F. Quintiliani Conferenza Turismo internazionale: dati e risultati Roma, Villa Huffer, 22 giugno 2012 Premessa:

Dettagli

LA FASE CONGIUNTURALE DEL MERCATO

LA FASE CONGIUNTURALE DEL MERCATO Firenze 8 luglio 2015 Dott. Alberto Peruzzini LA FASE CONGIUNTURALE DEL MERCATO Crescita sostenuta nei primi cinque mesi del 2015, trainata dalla domanda straniera malgrado le incognite del quadro internazionale

Dettagli

LA STRUTTURAZIONE ATTUALE DELLE IMPRESE DEL VINO ITALIANO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE

LA STRUTTURAZIONE ATTUALE DELLE IMPRESE DEL VINO ITALIANO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE 6 novembre 2015 LA STRUTTURAZIONE ATTUALE DELLE IMPRESE DEL VINO ITALIANO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DENIS PANTINI Direttore Area Agroalimentare Nomisma Responsabile Wine Monitor Outline Evoluzione dei

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Provincia di Bergamo OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO DATI STATISTICI ANNO 2005 Introduzione...pag. 3 1. MOVIMENTI DEI CLIENTI NELLE STRUTTURE RICETTIVE DELLA PROVINCIA DI BERGAMO, COMPRESO

Dettagli

Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende

Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale dello Sviluppo Economico

Dettagli

L innovazione e l internazionalizzazione del turismo in Puglia nel 2013

L innovazione e l internazionalizzazione del turismo in Puglia nel 2013 L innovazione e l internazionalizzazione del turismo in Puglia nel 2013 Misurare in tempo reale la competitività della destinazione Puglia e monitorare le variazioni quali/quantitative dei flussi turistici

Dettagli

Certificazione di affidabilità doganale e di sicurezza: L Operatore Economico Autorizzato (A.E.O.)

Certificazione di affidabilità doganale e di sicurezza: L Operatore Economico Autorizzato (A.E.O.) Certificazione di affidabilità doganale e di sicurezza: L Operatore Economico Autorizzato (A.E.O.) dott.ssa Cinzia Bricca Direttore Centrale Accertamenti e Controlli Agenzia delle Dogane Milano 25 marzo

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Il turismo in Puglia nel 2011

Il turismo in Puglia nel 2011 Il turismo in Puglia nel 2011 Key words Internazionalizzazione Consolidamento Innovazione A cura di: Osservatorio del Turismo della Regione Puglia PUGLIA 2011: INTERNAZIONALIZZAZIONE E CONSOLIDAMENTO La

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Pag. 1/6 Sessione ordinaria 2015 Il candidato svolga la prima parte della prova e risponda a due tra i quesiti proposti nella seconda parte. PRIMA PARTE IL TURISMO, RISORSA PER LO SVILUPPO DELL ITALIA

Dettagli

UNA REGIONE GEOGRAFIA. COME FARE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. Completa la tabella.

UNA REGIONE GEOGRAFIA. COME FARE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. Completa la tabella. Studiare con... le tabelle Completa la tabella. UNA REGIONE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. REGIONE... LOCALIZZAZIONE E CONFINI NORD... SUD... EST... OVEST...

Dettagli

Flussi Turistici di Milano e Provincia 1 Semestre 2013 gennaio giugno

Flussi Turistici di Milano e Provincia 1 Semestre 2013 gennaio giugno Flussi Turistici di Milano e Provincia 1 Semestre 2013 gennaio giugno in attesa di validazione da parte di ISTAT, i dati sono da ritenersi provvisori e soggetti a modifica Indice 1. Capacità ricettiva

Dettagli

Capitolo 18. Turismo

Capitolo 18. Turismo Capitolo 18 Turismo 18. Turismo Il sistema delle statistiche ufficiali sul turismo si avvale di diverse fonti informative, la maggior parte delle quali rappresentate da rilevazioni ed elaborazioni Istat.

Dettagli

Provincia di Verona PROVINCIA DI VERONA

Provincia di Verona PROVINCIA DI VERONA PROVINCIA DI VERONA Il turismo nell intera Provincia di Verona è rappresentato dal 69,10% da turisti stranieri, tra cui spiccano i turisti di area tedesca (tedeschi e austriaci) con presenze pari a 2.032.589

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto)

2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto) 2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto) 2.1 GLI OPERATORI COINVOLTI NELL INDAGINE Sono stati intervistati

Dettagli

La fedeltà nella scelta della destinazione turistica

La fedeltà nella scelta della destinazione turistica 1 La fedeltà nella scelta della destinazione turistica L Italia ed il turismo internazionale Venezia 15 Dicembre 2009 PAOLO SERGARDI Contesto 2 Ad Aprile 2008 è stata inserita una nuova domanda nel questionario

Dettagli

Provenienza dei turisti italiani. Graduatoria delle presenze e permanenza media

Provenienza dei turisti italiani. Graduatoria delle presenze e permanenza media PROVINCIA DI VERONA Il turismo nell intera Provincia di Verona è rappresentato dal 33,30% da turisti stranieri, tra cui spiccano i turisti che arrivano dall Est Europa (tra cui spiccano Romania, Russia

Dettagli

Viaggi e vacanze in Italia e all estero

Viaggi e vacanze in Italia e all estero 20 febbraio 2008 Viaggi e vacanze in Italia e all estero Anno 2007 L Istat presenta le stime preliminari dei principali aggregati relativi alla domanda di turismo in Italia nel 2007. Le informazioni provengono

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL SENTIMENT DELLE IMPRESE ASSOCIATE RIFERITO ALLE DINAMICHE DEL CREDITO NEL TERRITORIO PROVINCIALE ANCE SALERNO: RISCHIO USURA SEMPRE ELEVATO Sebbene il trend risulti in diminuzione

Dettagli

Movimento turistico periodo gennaio agosto 2011

Movimento turistico periodo gennaio agosto 2011 Movimento turistico periodo gennaio agosto 2011 MOVIMENTI TURISTICI Dati per province Periodo di riferimento Gennaio Agosto 2011 Arrivi: 522.704 Presenze: 3.364.619 Arrivi: 598.394 Presenze: 3.049.349

Dettagli

Obiettivo Russia: Quadro della domanda turistica. Russia: alcuni dati statistici CONSTAT CONSTAT. Mo sca. 600 miliardi USD RUBLO CAPITALE

Obiettivo Russia: Quadro della domanda turistica. Russia: alcuni dati statistici CONSTAT CONSTAT. Mo sca. 600 miliardi USD RUBLO CAPITALE Obiettivo Russia: Quadro della domanda turistica Russia: alcuni dati statistici CAPITALE Mo sca SUPERFICIE (kmq) 17 075 200 POPOLAZIONE 143 500 000 P.I.L. 600 miliardi USD TASSO DI INFLAZIONE 11,7 MONETA

Dettagli

1. Gli italiani in vacanza nel 2012

1. Gli italiani in vacanza nel 2012 1. Gli italiani in vacanza nel 2012 Nel 2012 nonostante l imperversare della crisi economica il 62,8% della popolazione ha trascorso almeno un periodo di vacanza, pari a 31,7 milioni di italiani. Un dato

Dettagli

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA TURISMO ESTERO, CONFESERCENTI- REF: GLI STRANIERI CONTINUANO A SCEGLIERE L ITALIA, MA CONOSCONO POCO IL SUD: PREFERITO IL CENTRO-

Dettagli

Gli immigrati e i pubblici esercizi

Gli immigrati e i pubblici esercizi II Immigrati Gli immigrati e i pubblici esercizi La crescita della componente immigrata rappresenta uno dei principali fattori di trasformazione del nostro mercato del lavoro in questi ultimi anni con

Dettagli

Viaggi e vacanze in Italia e all estero

Viaggi e vacanze in Italia e all estero 17 febbraio 2010 Viaggi e vacanze in Italia e all estero Anno L Istat presenta le stime preliminari dei principali aggregati relativi alla domanda di turismo in Italia nel. Le informazioni provengono dall

Dettagli

Viaggi e vacanze in Italia e all estero

Viaggi e vacanze in Italia e all estero 18 febbraio 2009 Viaggi e vacanze in Italia e all estero Anno L Istat presenta le stime preliminari dei principali aggregati relativi alla domanda di turismo in Italia nel. Le informazioni provengono dall

Dettagli

totale Dal punto di vista settoriale sono particolarmente vivaci le imprese appartenenti al comparto editoria, telecomunica-

totale Dal punto di vista settoriale sono particolarmente vivaci le imprese appartenenti al comparto editoria, telecomunica- Introduzione LE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE UN INDICATORE SINTETICO FRANCESCO SOLARO 1 - - ad esempio alla crescita del fenomeno e-commerce che ha fatto registrare un aumento sia degli ordini che degli

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE La Liguria sui mercati dell intermediazione internazionale: i primi risultati Luglio 2012 A cura di Lo scenario mondiale

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli