La fecondazione eterologa nel privato. Roberto Laganara

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La fecondazione eterologa nel privato. Roberto Laganara"

Transcript

1 La fecondazione eterologa nel privato Roberto Laganara

2 I riferimenti normativi La pratica clinica

3 I riferimenti normativi Conferenza delle Regioni e delle Provincie autonome 14/109/CR02/C7SAN DOCUMENTO SULLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLA FECONDAZIONE ETEROLOGA A SEGUITO DELLA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE NR. 162/2014 «Indirizzi operativi per le Regioni e le Provincie autonome, che saranno recepiti con delibera di giunta regionale o con specifico provvedimento regionale» La Regione Veneto ha recepito il documento con la DGR numero 1654 del 9 settembre 2014

4 Conferenza delle Regioni e delle Provincie autonome 14/109/CR02/C7SAN Centri autorizzati alla pratica della fecondazione eterologa La normativa europea identifica. perciò solo i centri PMA, conformi alle normative regionali in materia di autorizzazione/accreditamento, risultano parimenti idonei ad effettuare procedure di PMA anche eterologa compresa la fase di selezione dei donatori/donatrici, il recupero e la crioconservazione dei gameti. Di conseguenza la normativa esclude che qualsiasi altra struttura che crioconservi gameti al di fuori di un centro PMA possa selezionare donatori/donatrici e comunque occuparsi di donazione di gameti.

5 Conferenza delle Regioni e delle Provincie autonome 14/109/CR02/C7SAN Età donatori: tra 18 e 40 anni Età donatrici: tra 20 e 35 anni Selezione dei donatori Donatori di gameti maschili: 1. donazione spontanea e altruistica, non in concomitanza di un trattamento PMA o 2. in concomitanza di un trattamento di PMA (sperm-sharing???) 3. soggetti che hanno crioconservato gameti in passato e decidono di donarli Attenzione, in particolare al punto 3: spesso mancano gli esami e le valutazioni necessarie per la donazione!

6 Conferenza delle Regioni e delle Provincie autonome 14/109/CR02/C7SAN Selezione dei donatori 1. Team composto da endocrinologo/urologo con competenza andrologiche e biologo, sotto la supervisione del ginecologo Responsabile del centro PMA. Possibilità di consulenza di genetista e psicologo. 2. Buono stato salute, anamnesi familiare e genetica disponibile e negativa. 3. In grado di intendere e volere e in buone condizioni di salute psico-fisica. 4. Escludere l esistenza di potenziali motivi finanziari o emotivi (???). 5. La pregressa fertilità è auspicabile me non obbligatoria. 6. Raccomandabile la valutazione psicologica. 7. Esclusi proprietario, operatori, direttore del laboratorio, dipendenti del centro, medico del paziente o medico esecutore dell inseminazione. 8. Sono esclusi soggetti con esposizione professionale a rischio riproduttivo (radiazioni o sostanze chimiche) 9. Sono esclusi pazienti sottoposti a chemio o radioterapia da meno di due anni

7 Conferenza delle Regioni e delle Provincie autonome 14/109/CR02/C7SAN Qualità del seme Analisi eseguita secondo i criteri WHO Possibilmente più di una valutazione con astinenza 2-5 giorni Parametri di concentrazione e motilità progressiva maggiori del 50% centile Test di scongelamento: motilità rettilinea >50% di quella precrioconservazione

8 Conferenza delle Regioni e delle Provincie autonome 14/109/CR02/C7SAN Test di screening per i donatori Cariotipo Ricerca mutazioni fibrosi cistica Elettroforesi emoglobine per ricerca emoglobine patologiche (solo se emocromo evidenzia riduzione volume globuli rossi) Esami sierologici*: HBsAg o HBV-NAT, HBsAb, HBcAb IgG e IgM Ac anti HCV o HCV-NAT HIV 1-2 Ac o HIV-NAT Ac anti Citomegalovirus IgG e IgM TPHA-VDRL per Treponema HTLV I-II solo per i soggetti provenienti da aree a rischio elevato o con partner provenienti da aree a rischio elevato Spermiocoltura ed urinocoltura: ricerca di Neisseria Gonorr., Micoplasma H., Ureaplasma U., Chlamidya T. nel liquido seminale o nelle urine. Gruppo sanguigno e fattore Rh Analisi chimico-cliniche di base: emocromo, glicemia, creatinina, colesterolo totale, colesterolo HDL, trigliceridi, transaminasi, G6P-DH * Per HBV, HCV e HIV deve essere eseguita analisi NAT il giorno della donazione o si richiede quarantena del campione di 180 giorni e ripetizione degli esami.

9 Conferenza delle Regioni e delle Provincie autonome 14/109/CR02/C7SAN Donatrici di gameti femminili 1. donazione spontanea e altruistica, non in concomitanza di un trattamento PMA o 2. in concomitanza di un trattamento di PMA (cosiddetto egg-sharing) 3. soggetti che hanno crioconservato gameti in passato e decidono di donarli Attenzione, in particolare ai punti 2-3: spesso mancano gli esami e le valutazioni necessarie per la donazione (in particolare indagini infettivologiche, genetiche e psicologiche!

10 Conferenza delle Regioni e delle Provincie autonome 14/109/CR02/C7SAN Selezione delle donatrici 1. Team composto da ginecologo e biologo con possibilità di consulenza di genetista e psicologo, sotto la supervisione del Responsabile del Centro (ginecologo). 2. Buono stato salute, anamnesi familiare e genetica disponibile e negativa. 3. In grado di intendere e volere e in buone condizioni di salute psico-fisica. 4. Escludere l esistenza di potenziali motivi finanziari o emotivi (???). 5. Esclusi dalla donazione proprietaria, operatrice, direttrice del laboratorio, dipendenti del centro PMA. 6. Esclusi medico del paziente e operatrice della donazione. 7. Sono esclusi soggetti con esposizione professionale a rischio riproduttivo (radiazioni o sostanze chimiche) 8. Sono escluse pazienti sottoposte a chemio o radioterapia da meno di due anni

11 Conferenza delle Regioni e delle Provincie autonome 14/109/CR02/C7SAN Test di screening per le donatrici Cariotipo e ricerca mutazioni fibrosi cistica; elettroforesi emoglobine per ricerca emoglobine patologiche (solo se emocromo evidenzia riduzione volume globuli rossi) Anamnesi negativa per malattie ereditarie e caratteristiche cliniche (ecografiche ed ormonali) compatibili con una donazione di ovociti adeguata Esami sierologici*: HBsAg o HBV-NAT, HBsAb, HBcAb IgG e IgM Ac anti HCV o HCV-NAT HIV 1-2 Ac o HIV-NAT Ac anti Citomegalovirus IgG e IgM TPHA-VDRL per Treponema HTLV I-II solo per i soggetti provenienti da aree a rischio elevato o con partner provenienti da aree a rischio elevato Tampone vaginale e cervicale: ricerca di Neisseria Gonorr., Micoplasma H., Ureaplasma U., Chlamidya T.. Gruppo sanguigno e fattore Rh Analisi chimico-cliniche di base: emocromo, glicemia, creatinina, colesterolo totale, colesterolo HDL, trigliceridi, transaminasi, G6P-DH Consigliabili PAP-test o HPV-test ed ecografia mammaria. * Per HBV, HCV e HIV deve essere eseguita analisi NAT il giorno della donazione (se ovociti freschi) o si richiede quarantena del campione di 180 giorni e ripetizione degli esami.

12 Conferenza delle Regioni e delle Provincie autonome 14/109/CR02/C7SAN Scelta delle caratteristiche fenotipiche del donatore Non è possibile per i pazienti scegliere particolari caratteristiche fenotipiche del donatore/donatrice Il centro deve ragionevolmente assicurare la compatibilità delle principali caratteristiche del donatore/donatrice con quelle della coppia ricevente

13 Conferenza delle Regioni e delle Provincie autonome 14/109/CR02/C7SAN Anonimato dei donatori La donazione deve essere anonima (in entrambi i sensi!) I dati clinici del donatore/donatrice devono essere disponibili per il solo personale sanitario in casi straordinari, e con procedure «istituzionalizzate», per eventuali problemi medici della prole, ma in nessun caso alla coppia ricevente. I donatori/donatrici non hanno diritto a conoscere l identità dei nati da donazione di gameti e viceversa per i nati da donazione

14 Conferenza delle Regioni e delle Provincie autonome 14/109/CR02/C7SAN Numero donazioni Ogni donatore/donatrice non potrà determinare più di dieci nascite, per ridurre il rischio di involontaria futura consanguineità dei nati da donazione (eccezione si può fare per le coppie che cercano un eventuale seconda gravidanza con tecnica eterologa)

15 I riferimenti normativi Decreto 1 luglio 2015 del Ministro della Salute Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n.161 del LINEE GUIDA CONTENENTI LE INDICAZIONI DELLE PROCEDURE E DELLE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA Versione aggiornata delle linee guida che sostituisce quelle del 11 aprile 2008, pubblicate sulla GU del 30 aprile 2008

16 Linee Guida PMA del 1 luglio 2015 Caratteristiche fenotipiche dei donatori Nel caso di applicazione di tecniche di PMA di tipo eterologo, al fine di evitare illegittime selezioni eugenetiche, non è possibile per le coppie scegliere particolari caratteristiche fenotipiche del donatore

17 La pratica clinica Le indicazioni all eterologa maschile Uomini con dimostrata infertilità da fattore maschile severo (cioè azoospermia e oligoastenoteratozoospermia severa o mancata fertilizzazione dopo iniezione intracitoplasmatica dello spermatozoo - ICSI); Uomini con disfunzione eiaculatoria incurabile; Uomini affetti o portatori di un significativo difetto genetico o che hanno una storia familiare di una condizione per la quale lo stato di portatore non può essere determinato; Uomini con infezione sessualmente trasmissibile che non può essere eliminata; Uomini con fattore iatrogeno di infertilità; Uomini con emogruppo Rh positivo e la cui partner Rh negativa è gravemente isoimmunizzata.

18 La pratica clinica Le indicazioni all eterologa femminile Donne con ipogonadismo ipergonadotropo (menopausa precoce); Donne in avanzata età riproduttiva ma comunque in età potenzialmente fertile (?); Donne con ridotta riserva ovarica dopo fallimento di fecondazione omologa; Donne che sanno di essere affette o portatrici di un significativo difetto genetico o che hanno una storia familiare di una condizione per la quale lo stato di portatore non può essere determinato; Donne con ovociti e/o embrioni di scarsa qualità o ripetuti tentativi di concepimento falliti tramite tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita; Donne con fattore iatrogeno di infertilità.

19 La pratica clinica Le tappe - 1 Consulto medico per stabilire diagnosi e indicazione al trattamento

20 La pratica clinica Le tappe - 2 Firma del consenso informato al trattamento

21 La pratica clinica Le tappe - 2 Firma del consenso informato al trattamento

22 La pratica clinica Le tappe - 3 Il modulo per il fenotipo della coppia

23 La pratica clinica Le tappe - 4 Il viaggio dei gameti: partenza! 27 novembre 2014!

24 La pratica clinica Le tappe - 5 Il viaggio dei gameti: l arrivo a Padova!

25 La pratica clinica Le tappe - 6 La prima nascita!

26 La pratica clinica La nostra attività «eterologa» ad oggi

DOCUMENTO SULLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLA FECONDAZIONE ETEROLOGA A SEGUITO DELLA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE NR.

DOCUMENTO SULLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLA FECONDAZIONE ETEROLOGA A SEGUITO DELLA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE NR. CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/109/CR02/C7SAN DOCUMENTO SULLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLA FECONDAZIONE ETEROLOGA A SEGUITO DELLA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE NR. 162/2014

Dettagli

COMMISSIONE SALUTE Roma, 03 settembre 2014 PREMESSA

COMMISSIONE SALUTE Roma, 03 settembre 2014 PREMESSA COMMISSIONE SALUTE Roma, 03 settembre 2014 Proposta di documento per il confronto sulle problematiche relative alla fecondazione eterologa a seguito della sentenza della Corte costituzionale nr. 162/2014

Dettagli

A relazione dell'assessore Saitta:

A relazione dell'assessore Saitta: REGIONE PIEMONTE BU38S2 18/09/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 15 settembre 2014, n. 12-311 Recepimento dell'accordo interregionale approvato in data 4 settembre 2014 dalla Conferenza delle Regioni

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DIREZIONE E REDAZIONE PRESSO LA PRESIDENZA DELLA REGIONE - VIALE ALDO MORO 52 - BOLOGNA Parte seconda - N. 228 Anno 45 12 settembre 2014 N. 279 DELIBERAZIONE DELLA

Dettagli

GIUNTA REGIONALE - Deliberazioni

GIUNTA REGIONALE - Deliberazioni GIUNTA REGIONALE - Deliberazioni 22.10.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 42 27 codi ca, la lavorazione, la conservazione, lo stoccaggio e la distribuzione di tessuti e cellule umani

Dettagli

Direttive sulla Procreazione medicalmente assistita eterologa

Direttive sulla Procreazione medicalmente assistita eterologa Direttive sulla Procreazione medicalmente assistita eterologa 1. La normativa applicabile Le disposizioni di riferimento per la regolamentazione alla donazione dei gameti sono contenute in una molteplicità

Dettagli

Direttive sulla Procreazione medicalmente assistita (PMA) eterologa

Direttive sulla Procreazione medicalmente assistita (PMA) eterologa Allegato B Direttive sulla Procreazione medicalmente assistita (PMA) eterologa 1. La normativa applicabile Le disposizioni di riferimento per la regolamentazione alla donazione dei gameti sono contenute

Dettagli

23-1-2015 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 4 35

23-1-2015 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 4 35 23-1-2015 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 4 35 ta dall azienda con il proprio provvedimento interno, in materia di conferimento di incarichi di struttura complessa, conformando

Dettagli

Linee Guida donazione di gameti

Linee Guida donazione di gameti Linee Guida donazione di gameti SIFES AGUI AOGOI CECOS SIA SIAMS SIDR SIERR SIFR SIOS 03 settembre 2014 1 Le procedure di Donazione di Gameti si applicano alle coppie di maggiorenni di sesso diverso, coniugate

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, CIRACÌ. Disposizioni in materia di procreazione medicalmente assistita di tipo eterologo

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, CIRACÌ. Disposizioni in materia di procreazione medicalmente assistita di tipo eterologo Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2654 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FUCCI, CIRACÌ Disposizioni in materia di procreazione medicalmente assistita di tipo eterologo

Dettagli

U.O.S.D. Fisiopatologia della. Andrologia

U.O.S.D. Fisiopatologia della. Andrologia U.O.S.D. Fisiopatologia della Riproduzione Titolo catalogo e PMA Andrologia Direttore: Dr. Giancarlo Morrone SEDE: Piano Terra dello S.O. Annunziata Plesso Vecchio CONTATTI SEGRETERIA: Tel.: 0984 681054

Dettagli

CONSENSO FIVET CON SEME DI DONATORE

CONSENSO FIVET CON SEME DI DONATORE CONSENSO ALLA PROCEDURA DI FECONDAZIONE IN VITRO CON SPERMA DI DONATORE (ICSI-D) Redatto secondo la legge 40/2004 del 19 febbraio 2004 e il documento della Conferenza delle Regioni e delle Provincie Autonome

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI URGENTI IN MATERIA DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA DI TIPO ETEROLOGO Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Vista

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE DEL SERVIZIO A. CARATTERISTICHE E CRITERI DI SELEZIONE DEL DONATORE/DONATRICE

PRESCRIZIONI TECNICHE DEL SERVIZIO A. CARATTERISTICHE E CRITERI DI SELEZIONE DEL DONATORE/DONATRICE Allegato 1 INDAGINE ESPLORATIVA PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL SERVIZIO DI ACQUISIZIONE DI GAMETI PER IMPIEGO IN TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) ETEROLOGA PREMESSA La Regione

Dettagli

Governo e Parlamento

Governo e Parlamento RASSEGNA WEB QUOTIDIANOSANITA.IT Data pubblicazione: 14/07/2015 Redazione Pubblicità Contatti HiQPdf Evaluation 07/14/2015 Governo e Parlamento Quotidiano on line di informazione sanitaria Martedì 14 LUGLIO

Dettagli

CONSENSO INFORMATO. il a ( ) residente a in via tel CF. nato il a ( ) residente a in via tel CF

CONSENSO INFORMATO. il a ( ) residente a in via tel CF. nato il a ( ) residente a in via tel CF Pag. 1/6 DICHIARAZIONE DI PER LA TECNICA DI PROCREAZIONE ASSISTITA DI I ETEROLOGA CON DONAZIONE DI SEME Ai sensi della Legge 19 febbraio 2004 n.40 e successive modificazioni Noi sottoscritti: Sig.ra nata

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2632 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DE GIROLAMO, DORINA BIANCHI, PAGANO, CALABRÒ, ROCCELLA, BERNARDO, SALTAMARTINI, TANCREDI,

Dettagli

'&(&) '*%%&$'%&'+&!$&#,$'%$

'&(&) '*%%&$'%&'+&!$&#,$'%$ !"#$! %&%' '&(&) '*%%&$'%&'+&!$&#,$'%$ Visti: - la Legge 19 febbraio 2004, n. 40 recante Norme in materia di procreazione medicalmente assistita; - la Direttiva 2004/23/CE del Parlamento Europeo e del

Dettagli

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA PMA

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA PMA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA PMA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA NUMERI E CAUSE La fertilità della specie umana è bassa. Infatti, ad ogni ciclo mestruale, una

Dettagli

Requisiti specifici per l'accreditamento dei Centri di procreazione medicalmente assistita (PMA)

Requisiti specifici per l'accreditamento dei Centri di procreazione medicalmente assistita (PMA) Requisiti specifici per l'accreditamento dei Centri di procreazione medicalmente assistita (PMA) Nell ambito della procreazione medicalmente assistita le prestazioni possono essere divise in tre diverse

Dettagli

Inseminazione artificiale

Inseminazione artificiale Inseminazione artificiale In cosa consiste? L inseminazione artificiale è una tecnica di procreazione assistita che consiste nell introduzione di spermatozoi, trattati in precedenza in laboratorio, all

Dettagli

INFORMATIVA PER PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA ETEROLOGA

INFORMATIVA PER PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA ETEROLOGA Pag. 1 di 7 A.G.I. MEDICA Codice Centro ISS 090029 Autorizzazione N. 86 del 16/01/2012 Accreditamento Istituzionale N. 1126 del 26/03/2014 Convenzionato con il Sistema Sanitario Nazionale INFORMATIVA PER

Dettagli

Decreto Legge 10 settembre 1998

Decreto Legge 10 settembre 1998 Decreto Legge 10 settembre 1998 Protocolli di accesso ad esami di Laboratorio e di Diagnostica strumentale delle donne in stato di gravidanza ed a tutela della maternità (Gazzetta Ufficiale 20 ottobre

Dettagli

'&(&) '*%%&$'%&'+&!$&#,$'%$

'&(&) '*%%&$'%&'+&!$&#,$'%$ !"#$! %&%' '&(&) '*%%&$'%&'+&!$&#,$'%$ Visti: - la Legge 19 febbraio 2004, n. 40 recante Norme in materia di procreazione medicalmente assistita; - la Direttiva 2004/23/CE del Parlamento Europeo e del

Dettagli

CONSENSO INFORMATO. Ai sensi della Legge 19 febbraio 2004 n.40 e successive modificazioni. il a ( ) residente a in via tel CF

CONSENSO INFORMATO. Ai sensi della Legge 19 febbraio 2004 n.40 e successive modificazioni. il a ( ) residente a in via tel CF Pag. 1/6 Noi sottoscritti: DICHIARAZIONE DI PER LA TECNICA FIVET-ICSI (FECONDAZIONE IN VITRO E TRASFERIMENTO DELL'EMBRIONE) TECNICA DI PROCREAZIONE ASSISTITA DI II LIVELLO Ai sensi della Legge 19 febbraio

Dettagli

del Consiglio regionale, terra' una audizione sull'argomento indicato in oggetto, martedi 23 Il Presidente Napoli 1810912014

del Consiglio regionale, terra' una audizione sull'argomento indicato in oggetto, martedi 23 Il Presidente Napoli 1810912014 Napoli 1810912014 Consigliere regionale Angela Cortese Consigliere regionale Rosa D'Amelio Componenti della V Commissione Aw. Filomena Gallo Dott.ssa Giulia Ziwrc Prof. Giuseppe De Placido Dott.ssa Moira

Dettagli

LA LEGGE 1514 E LE SCELTE RIPRODUTTIVE DELLE COPPIE DI PORTATORI FC, DEI SOGGETTI MASCHI E FEMMINE AFFETTI DA FC.

LA LEGGE 1514 E LE SCELTE RIPRODUTTIVE DELLE COPPIE DI PORTATORI FC, DEI SOGGETTI MASCHI E FEMMINE AFFETTI DA FC. LA LEGGE 1514 E LE SCELTE RIPRODUTTIVE DELLE COPPIE DI PORTATORI FC, DEI SOGGETTI MASCHI E FEMMINE AFFETTI DA FC. Per necessità l esposizione è schematica. Si rimanda alla consultazione del genetista il

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 28-07-2014 (punto N 35 ) Delibera N 650 del 28-07-2014 Proponente LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO

OPUSCOLO INFORMATIVO Allegato A.1.1 OPUSCOLO INFORMATIVO Allegato al modulo di consenso informato per il trattamento della tecnica di PMA di I livello Inseminazione semplice eterologa con donazione di sperma Al fine di consentire

Dettagli

U.O.C OSTETRICIA E GINECOLOGIA. Centro per la Sterilità di Coppia, la Crioconservazione dei Gameti e l Andrologia OSPEDALE S. MARIA GORETTI LATINA

U.O.C OSTETRICIA E GINECOLOGIA. Centro per la Sterilità di Coppia, la Crioconservazione dei Gameti e l Andrologia OSPEDALE S. MARIA GORETTI LATINA Pag. 2 di 16 ORGANIGRAMMA Dirigenti Medici Dott.ssa Immacolata Marcucci (ginecologa) Dott.Giuseppe Sorrenti (ginecologo) Dott. Pietro Salacone (endocrinologo-andrologo) Dirigenti Biologi Dott.ssa Annalisa

Dettagli

TRATTAMENTI DI PRIMO LIVELLO

TRATTAMENTI DI PRIMO LIVELLO Il presente documento fornisce le informazioni relative ai costi per le varie prestazioni di PMA. Gli oneri di ogni trattamento di PMA sono suddivisi per tipologia e frazionati nelle varie tappe del percorso

Dettagli

Ricevimento degli ovociti

Ricevimento degli ovociti Ricevimento degli ovociti In che cosa consiste? Consiste nel fecondare in laboratorio gli ovociti provenienti da una donatrice con lo sperma del partner della donna ricevente, per trasferire in seguito

Dettagli

CONSENSO INFORMATO. Il sottoscritto: Sig.ra. nato a il residente in via tel C.F. PREMESSO CHE

CONSENSO INFORMATO. Il sottoscritto: Sig.ra. nato a il residente in via tel C.F. PREMESSO CHE Pag. 1/7 DICHIARAZIONE DI RELATIVO ALLA DONAZIONE VOLONTARIA DI SEME FINALIZZATO A TRATTAMENTO DI Il sottoscritto: Sig.ra. nato a il residente in via tel C.F. PREMESSO CHE Nel rispetto dei principi e delle

Dettagli

normativa ed organizzazione

normativa ed organizzazione L ambulatorio di I e II livello: normativa ed organizzazione C. Tabanelli, A.P. Ferraretti Reproductive Medicine Unit - Via Mazzini, 12-40138 Bologna sismer@sismer.it I Centri di PMA in Italia Ripartizione

Dettagli

Management Software for medically assisted procreation

Management Software for medically assisted procreation Management Software for medically assisted procreation Il software destinato ai Centri di procreazione assistita per : / Gestione attività mediche / Gestione attività amministrative / Attività di ricerca

Dettagli

Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998. (pubblicato in G.U. 20 ottobre 1998, n. 245)

Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998. (pubblicato in G.U. 20 ottobre 1998, n. 245) Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998 "Aggiornamento del decreto ministeriale 6 marzo 1995 concernente l'aggiornamento del decreto ministeriale 14 aprile 1984 recante i protocolli

Dettagli

Ministero della salute

Ministero della salute Ministero della salute Ufficio Legislativo Audizione del Sig. Ministro della salute CAMERA DEPUTATI COMMISSIONE XII ( Sala del Mappamondo) 29 luglio 2014, ore 14.30 Iniziative del Governo conseguenti alla

Dettagli

TECNICHE DI II - III LIVELLO. Fecondazione in Vitro e Trasferimento dell embrione (FIVET)

TECNICHE DI II - III LIVELLO. Fecondazione in Vitro e Trasferimento dell embrione (FIVET) TECNICHE DI II - III LIVELLO Fecondazione in Vitro e Trasferimento dell embrione (FIVET) È una tecnica di PMA in cui i gameti (ovocita per la donna e spermatozoo per l uomo) si incontrano all esterno del

Dettagli

A.G.I. MEDICA Codice Centro ISS 090029. DICHIARAZIONE DI CONSENSO INFORMATO PER PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA DI TIPO ETEROLOGO in regime SSN

A.G.I. MEDICA Codice Centro ISS 090029. DICHIARAZIONE DI CONSENSO INFORMATO PER PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA DI TIPO ETEROLOGO in regime SSN Pag. 1 di 10 A.G.I. MEDICA Codice Centro ISS 090029 Convenzionato con il Sistema Sanitario Nazionale DICHIARAZIONE DI CONSENSO INFORMATO PER PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA DI TIPO ETEROLOGO in regime

Dettagli

Interrogazione a risposta scritta. presentata dagli Onorevoli. LOCATELLI, DI LELLO, DI GIOIA, Claudio FAVA, PASTORELLI

Interrogazione a risposta scritta. presentata dagli Onorevoli. LOCATELLI, DI LELLO, DI GIOIA, Claudio FAVA, PASTORELLI Interrogazione a risposta scritta presentata dagli Onorevoli LOCATELLI, DI LELLO, DI GIOIA, Claudio FAVA, PASTORELLI Alla Ministra della Salute Per sapere premesso che: - Il 9 aprile 2014, con sentenza

Dettagli

La crioconservazione del seme e del tessuto testicolare. Francesco Lombardo

La crioconservazione del seme e del tessuto testicolare. Francesco Lombardo La crioconservazione del seme e del tessuto testicolare Francesco Lombardo CRIOCONSERVAZIONE La crioconservazione consente di mantenere cellule e tessuti in una condizione di vita sospesa, utilizzando

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LABRIOLA, RAMPI, ROSTAN. Modifiche alla legge 19 febbraio 2004, n. 40, recante norme

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LABRIOLA, RAMPI, ROSTAN. Modifiche alla legge 19 febbraio 2004, n. 40, recante norme Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2337 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LABRIOLA, RAMPI, ROSTAN Modifiche alla legge 19 febbraio 2004, n. 40, recante norme in materia

Dettagli

PROCEDURA di I LIVELLO INSEMINAZIONE INTRAUTERINA ARTIFICIALE OMOLOGA (AIH IU)

PROCEDURA di I LIVELLO INSEMINAZIONE INTRAUTERINA ARTIFICIALE OMOLOGA (AIH IU) PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA PROCEDURA di I LIVELLO INSEMINAZIONE INTRAUTERINA ARTIFICIALE OMOLOGA (AIH IU) ISTRUZIONI PER LA COPPIA Iniezione intrauterina del liquido seminale Aggiornamento 15.01.2013

Dettagli

Programma di Ricezione Ovocitaria

Programma di Ricezione Ovocitaria Programma di Ricezione Ovocitaria Programma di Ricezione ovocitaria Indice La ricezione ovocitaria... 3 In che consiste il trattamento?... 4 Prima di iniziare il trattamento........ 4 La prima visita alla

Dettagli

CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA. La sottoscritta. documento. e il sottoscritto. documento

CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA. La sottoscritta. documento. e il sottoscritto. documento CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA La sottoscritta e il sottoscritto acconsentono liberamente di sottoporsi al trattamento di procreazione medico-assistita FIVET (Fertilizzazione

Dettagli

Maria Gabriella Bafaro. Carta dei Servizi

Maria Gabriella Bafaro. Carta dei Servizi Maria Gabriella Bafaro Carta dei Servizi Due parole sulla Fertilità Come descritto brevemente da Wikipedia, Fertilità è in generale la capacità di riproduzione degli organismi viventi. Se intesa come misura,

Dettagli

Infertilità e Procreazione Medicalmente Assistita (PMA)

Infertilità e Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) Infertilità e Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) Indice Definizione Epidemiologia Etiopatogenesi Diagnosi Terapia PMA Presentazione, attività e risultati del Centro per la Diagnosi e la Terapia

Dettagli

MANUALE DI COMPILAZIONE DEI CAMPI IN MEDITEX PER L ESPORTAZIONE CORRETTA DEL MODULO ATTIVITÀ E RISULTATI-TECNICHE II E III LIVELLO DELL ISS

MANUALE DI COMPILAZIONE DEI CAMPI IN MEDITEX PER L ESPORTAZIONE CORRETTA DEL MODULO ATTIVITÀ E RISULTATI-TECNICHE II E III LIVELLO DELL ISS MANUALE DI COMPILAZIONE DEI CAMPI IN MEDITEX PER L ESPORTAZIONE CORRETTA DEL MODULO ATTIVITÀ E RISULTATI-TECNICHE II E III LIVELLO DELL ISS Il modulo in questione conta il numero di cicli con ricezione

Dettagli

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA: NON SOLO TECNOLOGIA

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA: NON SOLO TECNOLOGIA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA: NON SOLO TECNOLOGIA di Anna Pia Ferraretti, Luca Gianaroli, Maria Cristina Magli Società Italiana Studi di Medicina della Riproduzione - SISMeR, Bologna I trattamenti

Dettagli

II Corso: Diagnosi e Terapia della Infertilità Involontaria di Coppia

II Corso: Diagnosi e Terapia della Infertilità Involontaria di Coppia II Corso: Diagnosi e Terapia della Infertilità Involontaria di Coppia Presidente: G.B. La Sala Direttori: A. Nicoli, M.T. Villani Reggio Emilia 20-21 maggio 2011 15 crediti ecm Sede del Corso: Aula di

Dettagli

DAL PICK UP TRANSFER. Lab. Biologia della Riproduzione - Potenza

DAL PICK UP TRANSFER. Lab. Biologia della Riproduzione - Potenza DAL PICK UP ALL EMBRYO TRANSFER Lab. Biologia della Riproduzione - Potenza Fisiologia del gamete maschile Lo spermatozoo è costituito da tre parti principali: a) La testa: sede del patrimonio genetico;

Dettagli

(Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 20 ottobre 1998, n. 245) IL MINISTRO DELLA SANITÀ

(Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 20 ottobre 1998, n. 245) IL MINISTRO DELLA SANITÀ D.M. 10 SETTEMBRE 1998 Aggiornamento del d.m. 6 marzo 1995 concernente l'aggiornamento del d.m. 14 aprile 1984 recante protocolli di accesso agli esami di laboratorio e di diagnostica strumentale per le

Dettagli

Carta delle ESENZIONI

Carta delle ESENZIONI Pagina 1 di 6 ESENZIONE PER REDDITO Ai sensi della Legge 24.12.1993 n 537, modificata dalla Legge 23.12.1994 n 724 e dalla Legge 28.12.1995 n 549, prevede i seguenti casi e situazioni soggettive con sottoscrizione

Dettagli

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE ALLEGATO A PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE 1. Prestazioni specialistiche per la donna 89.26.1 PRIMA

Dettagli

Glossario essenziale a cura di Salvino Leone

Glossario essenziale a cura di Salvino Leone Glossario essenziale a cura di Salvino Leone I molti termini tecnici usati dagli addetti ai lavori in materia di procreazione assistita non sono usuali. Ne proponiamo un elenco che pur non essendo completo

Dettagli

Medicina della Riproduzione

Medicina della Riproduzione Pagina 1 di 6 Dichiarazione di consenso informato per Procreazione Medicalmente Assistita ai sensi legge 19 febbraio 2004, n 40 ai sensi del Decreto Ministeriale n 336 16 dicembre 2004 Ministeri Salute

Dettagli

Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore

Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore Ref. 123 / 2009 Reparto di Medicina della Riproduzione Servicio de Medicina de la Reproducción Gran Vía Carlos III 71-75 08028 Barcelona Tel.

Dettagli

Fitelab TS 1 dicembre 2011

Fitelab TS 1 dicembre 2011 Fitelab TS 1 dicembre 2011 Esperienza ventennale nel Laboratorio di Tossicologia e Farmacologia di Patologia Clinica. Dalla nascita del Sevizio in Procreazione Medicalmente Assistita Da tecnico di laboratorio

Dettagli

Tecniche avanzate di PMA

Tecniche avanzate di PMA Procreazione medicalmente assistita e legge 40/04 Tecniche avanzate di PMA FIVET fecondazione in vitro ed embrio-transfer ICSI intra-citoplasmatic sperm injection GIFT gamete intra-fallopian transfer ZIFT

Dettagli

Consenso Informato alla Fecondazione in Vitro con Ovociti Scongelati Id /

Consenso Informato alla Fecondazione in Vitro con Ovociti Scongelati Id / Ai sensi della legge del 19 febbraio 2004, n. 40 e della sentenza 151/2009 della Corte Costituzionale del 31/03/2009 Noi sottoscritti: (Donna) nata a il (Uomo) nato a il Dichiariamo di essere coniugati

Dettagli

RISULTATI DEI TRATTAMENTI PMA. 1985-2012 S.I.S.Me.R - Bologna e Centri Satellite

RISULTATI DEI TRATTAMENTI PMA. 1985-2012 S.I.S.Me.R - Bologna e Centri Satellite 4 RISULTATI DEI TRATTAMENTI PMA 1985-2012 S.I.S.Me.R - Bologna e Centri Satellite 1 2 Premessa In questo fascicolo sono presentati i risultati della attività di PMA svolta dal 1985 al 2012 in Italia dalla

Dettagli

Area Preconcezionale

Area Preconcezionale Pagina 1 di 6 Dichiarazione di consenso informato per Procreazione Medicalmente Assistita ai sensi della legge 19 febbraio 2004, n 40 ai sensi del Decreto Ministeriale n 336 16 dicembre 2004 Ministeri

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI DESTINATE ALLE COPPIE CHE CONSULTANO IL CENTRO PER LA PRIMA VOLTA

INFORMAZIONI GENERALI DESTINATE ALLE COPPIE CHE CONSULTANO IL CENTRO PER LA PRIMA VOLTA Direttore Sanitario: Dott.ssa Giuliana Bruno Spec. in Ginecologia e INFORMAZIONI GENERALI DESTINATE ALLE COPPIE CHE CONSULTANO IL CENTRO PER LA PRIMA VOLTA Revisione n. 4 del 17.02.2014 Pagina 1 di 15

Dettagli

I principali valori dell'offerta dell'istituto sono riassumibili nei seguenti aspetti:

I principali valori dell'offerta dell'istituto sono riassumibili nei seguenti aspetti: www.iirm.ch Istituto Internazionale di medicina della Riproduzione International Institute for Reproductive Medicine Internationales Institut für Reproduktive Medizin Institut International de Médicine

Dettagli

0-270... e oltre Un percorso che ora possiamo affrontare insieme.

0-270... e oltre Un percorso che ora possiamo affrontare insieme. PMA - Diagnosi Prenatale - Crioconservazione del sangue cordonale, in un unico servizio a voi dedicato. 0-270... e oltre Un percorso che ora possiamo affrontare insieme. NASCE 0-270... e oltre Il primo

Dettagli

DIAGNOSI E CURA DELLA QUALITA

DIAGNOSI E CURA DELLA QUALITA DIAGNOSI E CURA DELLA QUALITA SPERMATICA MASCHILE INFERTILITA MASCHILE Si definisce infertilità la mancanza di concepimento dopo 12 mesi di rapporti non protetti e con adeguata frequenza. In passato si

Dettagli

Dr.ssa Gabriella Silvestri Istituto di Neurologia, UCSC, Fondazione Policlinico A. Gemelli Roma Dr.ssa Marcella Masciullo IRCSS Santa Lucia, Roma

Dr.ssa Gabriella Silvestri Istituto di Neurologia, UCSC, Fondazione Policlinico A. Gemelli Roma Dr.ssa Marcella Masciullo IRCSS Santa Lucia, Roma Ereditarietà delle PSE e counselling genetico Dr.ssa Gabriella Silvestri Istituto di Neurologia, UCSC, Fondazione Policlinico A. Gemelli Roma Dr.ssa Marcella Masciullo IRCSS Santa Lucia, Roma Paraparesi

Dettagli

IL NOSTRO PROGRAMMA DI OVODONAZIONE

IL NOSTRO PROGRAMMA DI OVODONAZIONE IL NOSTRO PROGRAMMA DI OVODONAZIONE Il Centro Medico Manzanera ha stabilito un programma di ovodonazione per coppie residenti all estero che permette di ottenere alti tassi di successo e, allo stesso tempo,

Dettagli

Fattori di rischio ed epidemiologia

Fattori di rischio ed epidemiologia Fattori di rischio ed epidemiologia Aldo E. Calogero Andrologia ed Endocrinologia Di.M.I.P.S. Università di Catania Roma, 19 marzo 2012 Policlinico G. Rodolico Università di Catania Principali patologie

Dettagli

RICEZIONE DI OVOCITI CON FINI RIPRODUTTIVI.

RICEZIONE DI OVOCITI CON FINI RIPRODUTTIVI. RICEZIONE DI OVOCITI CON FINI RIPRODUTTIVI. DOCUMENTO INFORMATIVO SOCIETÀ SPAGNOLA DI FERTILITÀ I. In cosa consiste? Attraverso questa procedura si ricevono ovociti provenenti da donatrice con finalità

Dettagli

F.I.V.E.T. SU CICLO NATURALE

F.I.V.E.T. SU CICLO NATURALE Rev. 10 Data di appl. 11/09/2014 INFORMAZIONI RELATIVE AI TRATTAMENTI F.I.V.E.T. SU CICLO NATURALE Pagina 1 di 4 Rev. 10 Data di appl. 11/09/2014 Al momento di inizio della terapia devono essere già stati

Dettagli

CONSENSO INFORMATO. La sottoscritta: Sig.ra. nata a il residente in via tel C.F. PREMESSO CHE

CONSENSO INFORMATO. La sottoscritta: Sig.ra. nata a il residente in via tel C.F. PREMESSO CHE Pag. 1/8 DICHIARAZIONE DI RELATIVO ALLA DONAZIONE VOLONTARIA DI OVOCITI FINALIZZATI A TRATTAMENTO DI La sottoscritta: Sig.ra. nata a il residente in via tel C.F. PREMESSO CHE Nel rispetto dei principi

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DECRETO 1 luglio 2015. Linee guida contenenti le indicazioni delle procedure e delle tecniche di procreazione medicalmente assistita. IL MINISTRO DELLA SALUTE Vista la legge 19 febbraio 2004, n. 40, recante

Dettagli

Regione Toscana. Deliberazione G.R. 11 gennaio 2010, n. 11

Regione Toscana. Deliberazione G.R. 11 gennaio 2010, n. 11 Regione Toscana. Deliberazione G.R. 11 gennaio 2010, n. 11 Indicazioni per il miglioramento della qualità nel percorso procreazione medicalmente assistita (PMA). Approvazione Pubblicata nel B.U. Toscana

Dettagli

La fecondazione eterologa Aspetti etici Presa di posizione del Comitato etico provinciale

La fecondazione eterologa Aspetti etici Presa di posizione del Comitato etico provinciale La fecondazione eterologa Aspetti etici Presa di posizione del Comitato etico provinciale L inseminazione artificiale in generale e la forma eterologa in particolare provocano varie questioni etiche, mediche,

Dettagli

LABORATORIO ANALISI CLINICHE. K.R.A.S.I. srl. Ematologia. Immunologia. Chimica clinica. Parassitologia. Esami Microscopici

LABORATORIO ANALISI CLINICHE. K.R.A.S.I. srl. Ematologia. Immunologia. Chimica clinica. Parassitologia. Esami Microscopici LABORATORIO ANALISI CLINICHE K.R.A.S.I. srl Via Annone,1 00199 Roma Tel. 06 86 06 414 fax. 06 86 38 43 71 Direttore: Dott. Giovanni Finazzi Agrò Laboratorio Analisi Cliniche K.R.A.S.I srl diretto dal Dott.re

Dettagli

Gentile Signora, Gentile Signore,

Gentile Signora, Gentile Signore, Biotech PMA Centro di Procreazione Medicalmente Assistita Numero 050040 del Reg. Naz. PMA presso l Istituto Superiore di Sanità Direttore Sanitario: Dott.ssa Giuliana Bruno Spec. in Ginecologia e ostetricia

Dettagli

Allegato DM PREMESSA. Verranno quindi presi in considerazione anche:

Allegato DM PREMESSA. Verranno quindi presi in considerazione anche: LINEE GUIDA CONTENENTI LE INDICAZIONI DELLE PROCEDURE E DELLE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA Art. 7 Legge n. 40/2004 LINEE GUIDA 2015 PREMESSA La legge 19 febbraio 2004, n. 40 "Norme in

Dettagli

S.S. di Fisiopatologia della Riproduzione Umana - Banca del Seme e degli Ovociti Responsabile: Dott. Francesco Tomei

S.S. di Fisiopatologia della Riproduzione Umana - Banca del Seme e degli Ovociti Responsabile: Dott. Francesco Tomei TAVOLA ROTONDA La Tutela delle coppie infertili ed il SSN. Roma, 5 giugno 2014, Sala Aldo Moro Palazzo Montecitorio Francesco Tomei Direttore Centro PMA _ Azienda Ospedaliera Pordenone Componente del Gruppo

Dettagli

PROGETTO MULTIDISCIPLINARE di PMA e GENITORIALITÀ RESPONSABILE per le COPPIE con INFEZIONE da HIV-HCV

PROGETTO MULTIDISCIPLINARE di PMA e GENITORIALITÀ RESPONSABILE per le COPPIE con INFEZIONE da HIV-HCV ASMN Reggio Emilia S.C. Malattie Infettive Direttore: Dott. G. Magnani ASMN Reggio Emilia S.C. Ostetricia Ginecologia Direttore: Prof. GB La Sala PROGETTO MULTIDISCIPLINARE di PMA e GENITORIALITÀ RESPONSABILE

Dettagli

Attività e risultati - Tecniche di II e III livello

Attività e risultati - Tecniche di II e III livello Attività e risultati - Tecniche di II e III livello Dipartimento di PMA - U.O. Ostetricia e Ginecologia - A.O. di Desenzano del Garda - P.O. di ManerbioVia Marconi, 7 - Manerb Codice Centro: 321 Data inserimento:

Dettagli

STERILITÀ ETÀ-CORRELATA E PMA

STERILITÀ ETÀ-CORRELATA E PMA Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Ginecologiche e della Riproduzione Umana Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia Direttore Prof. Giovanni Battista Nardelli STERILITÀ

Dettagli

SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI

SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI 1 Prima Stesura Redattori : Cosenza Data: 20-01-2014 SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI Indice 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 4 DESCRIZIONE ATTIVITÀ...

Dettagli

DICHIARAZIONE ETEROLOGA. da parte di. Società Scientifiche su PMA Eterologa

DICHIARAZIONE ETEROLOGA. da parte di. Società Scientifiche su PMA Eterologa DICHIARAZIONE ETEROLOGA da parte di Società Scientifiche su PMA Eterologa "La sentenza della Corte costituzionale del 9 aprile 2014 sulla legge 40 del 2004 ha dichiarato l'illegittimita' del divieto della

Dettagli

Attività e risultati - Tecniche di II e III livello

Attività e risultati - Tecniche di II e III livello Attività e risultati - Tecniche di II e III livello SSD Procreazione Medicalmente Assistita - IRCCS Burlo Garofalo Via Dell'Istria, / - Trieste - Trieste Codice Centro: Periodo di inserimento: Livello

Dettagli

Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia

Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: IL PUNTO DI VISTA DELLE COPPIE IN PMA Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia SINTESI DEI RISULTATI Roma, 18 maggio 2016 A otto anni di distanza dalla

Dettagli

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza Dott.ssa Nadia Gussetti U.O. Malattie

Dettagli

Che cos è la fibrosi cistica

Che cos è la fibrosi cistica La scoperta del gene responsabile della fibrosi cistica ha permesso la messa a punto di un test genetico per identificare il portatore sano del gene della malattia. Si è aperto quindi un importante dibattito

Dettagli

PRE-GRAVIDANZA INFEZIONE DA CITOMEGALOVIRUS UMANO

PRE-GRAVIDANZA INFEZIONE DA CITOMEGALOVIRUS UMANO FIGURA 1 PRE-GRAVIDANZA IgG - IgM - IgG + IgM - Soggetto suscettibile all infezione primaria Soggetto immune (infezione pregressa) Referto commentato: : se in previsione di una gravidanza, consulti il

Dettagli

Centro di procreazione assistita Trattamenti per l infertilità di coppia - 18

Centro di procreazione assistita Trattamenti per l infertilità di coppia - 18 Centro di procreazione assistita Trattamenti per l infertilità di coppia - 18 01. IL PROCESSO RIPRODUTTIVO 3 La Riproduzione umana 4 Infertilità di coppia 5 Percorsi terapeutici e opportunità 6 L Inseminazione

Dettagli

Banca di ovociti crioconservati

Banca di ovociti crioconservati Banca di ovociti crioconservati ProcrearEggBank e' una banca di ovociti crioconservati creata dal Centro di Riproduzione Assistita Procrear con l'obiettivo di facilitare la disponibilità immediata di ovociti

Dettagli

F.I.V.E.T. SU CICLO NATURALE

F.I.V.E.T. SU CICLO NATURALE Rev. 10 Data di appl. 11/09/2014 INFORMAZIONI RELATIVE AI TRATTAMENTI F.I.V.E.T. SU CICLO NATURALE Pagina 1 di 4 Rev. 10 Data di appl. 11/09/2014 Al momento di inizio della terapia devono essere già stati

Dettagli

A.G.I. MEDICA Codice Centro ISS 090029 Autorizzazione N. 86 del 16/01/2012 Accreditamento Istituzionale N. 1126 del 26/03/2014

A.G.I. MEDICA Codice Centro ISS 090029 Autorizzazione N. 86 del 16/01/2012 Accreditamento Istituzionale N. 1126 del 26/03/2014 Pag. 1 di 12 A.G.I. MEDICA Codice Centro ISS 090029 Autorizzazione N. 86 del 16/01/2012 Accreditamento Istituzionale N. 1126 del 26/03/2014 Convenzionato con il Sistema Sanitario Nazionale INFORMATIVA

Dettagli

MICRODELEZIONI DEL BRACCIO LUNGO DEL CROMOSOMA Y

MICRODELEZIONI DEL BRACCIO LUNGO DEL CROMOSOMA Y L infertilità è considerata dall Organizzazione Mondiale della Sanità una patologia. Per infertilità si intende l assenza di concepimento dopo 12/24 mesi di rapporti mirati non protetti. Il fenomeno dell

Dettagli

Legga le informazioni che seguono e poi risponda alla domanda:

Legga le informazioni che seguono e poi risponda alla domanda: La scoperta del gene responsabile della fibrosi cistica ha permesso la messa a punto di un test genetico per identificare il portatore sano del gene della malattia. Si è aperto quindi un importante dibattito

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 725 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori RIPAMONTI, PALERMI, SILVESTRI e TIBALDI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 GIUGNO 2006 Modifiche alla legge 19 febbraio

Dettagli

TRATTAMENTO E CONSERVAZIONE DEL LIQUIDO SEMINALE PER TECNICHE DI FECONDAZIONE ASSISTITA

TRATTAMENTO E CONSERVAZIONE DEL LIQUIDO SEMINALE PER TECNICHE DI FECONDAZIONE ASSISTITA OSPEDALE SAN CARLO Azienda Ospedaliera Regionale-Potenza DIP. MATERNO INFANTILE Dir.: Dott. Sergio Schettini Lab. Di Biologia della Riproduzione Resp.: Angela Ferri TRATTAMENTO E CONSERVAZIONE DEL LIQUIDO

Dettagli

ESENZIONI PER GRAVIDANZA (D.M. 10.09.98)

ESENZIONI PER GRAVIDANZA (D.M. 10.09.98) IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE 400 Prestazioni prescrivibili per la donna 89.01 ANAMNE E VALUTAZIONE, DEFINITE BREVI Storia e valutazione abbreviata, Visita successiva alla prima Consulenza ginecologica -

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2592 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MARZANO, CAPUA, FASSINA, GALGANO, GRIBAUDO, GIUSEPPE GUERINI, LA MARCA, LAFORGIA, LAVAGNO,

Dettagli

ICSI IN CONVENZIONE SSN REGIONE TOSCANA

ICSI IN CONVENZIONE SSN REGIONE TOSCANA Rev. 10 Data di appl. 11/09/2014 INFORMAZIONI RELATIVE AI TRATTAMENTI ICSI IN CONVENZIONE SSN REGIONE TOSCANA Pagina 1 di 4 Rev. 10 Data di appl. 11/09/2014 Al momento di inizio della terapia devono essere

Dettagli