Scuola SuperioreMedico Tecnica Formazione Tecnico in Analisi Biomediche Anno:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scuola SuperioreMedico Tecnica Formazione Tecnico in Analisi Biomediche Anno:2012 2013"

Transcript

1 Scuola SuperioreMedico Tecnica Formazione Tecnico in Analisi Biomediche Anno: Nuovo test di screening rapido per la messa in evidenza dei micobatteri del complesso tubercolare e della resistenza alla rifampicina nell espettorato tramite GeneXpert Autore: Cuccu Luciana Maria Sede: Ospedale Regionale di Mendrisio Referenti: Dr.ssa Franca Baggi Dr.Franco Keller

2 Abstract Introduzione: La tubercolosi si sta ripresentando interessando anche la Svizzera. Per i casi registrati in Ticino si tratta per lo più di immigranti soggiornanti nel Centro Asilanti di Chiasso la cui gestione è presa a carico dall Ospedale Beata Vergine Mendrisio. Lo scopo di questo lavoro di diploma è rispondere all esigenza di una diagnostica più veloce che migliori la gestione dei casi e aiuti il contenimento delle spese sanitarie, introducendo un nuovo test di screening rapido per la messa in evidenza dei micobatteri del complesso tubercolare, agenti eziologici della malattia. Materiale e metodi: Sono stati analizzati 18 campioni tra: sedimenti di espettorato, lavaggi e aspirati, forniti dal Servizio di Microbiologia Eolab(SMIC), con GenExpert Dx System utilizzando il kit MTBRif Xpert. Il principio utilizzato dall analisi è una PCR realtime che permette la detezione dei micobatteri del complesso tubercolare e la resistenza alla rifampicina. I risultati ottenuti sono stati paragonati con i precedenti della microscopia diretta, della coltura e dove disponibile della PCR realtime Roche utilizzati presso lo SMIC Risultati Dal paragone dei risultati emerge che il nuovo test di screening rapido MTBRif Xpert è in grado dettetare la presenza del micobatteri del complesso tubercolare in tutti i casi con microscopia e coltura positiva costituendo un analisi con elevata sensibilità diagnostica. Rispetto alla PCR Roche è invece leggermente meno sensibile per via della soglia di detezione più alta. Non si presentano casi di falsi positivi. Conclusioni Il test MTBRif Xpert proposto come screening rapido presenta un ottima sensibilità diagnostica presentandosi adatto allo scopo diagnostico per cui era previsto,fornendo un primo risultato in meno di due ore. La validazione è riuscita e l obiettivo è stato raggiunto. Introduction: Tuberculosis disease is coming back, also in Switzerland. In Ticino the majority of registered cases are found among immigrants that stay in the center for asylum seekers in Chiasso. These tuberculosis cases are principally treated by the Regional Hospital of Mendrisio. The purpose of this Diploma Work is improve the management of these disease cases and help to contain the healthcare costs, by introducing a new rapid screening test that can detect the m. tuberculosis complex and also the Rifampicina resistance. Materials and methods 18 different samples of: sputum sediment, washing and aspirations, supplied by the microbiology service of Eolab,were analyzed with GenExpert Dx System using the kit MTB Rif Xpert. Employing PCR realtime, this test detected the presence of m. tuberculosis complex and also mutations that cause a Rifampicina resistance. Rifampicina is an antibiotic used in the treatment of tuberculosis disease. The results obtained with this new test were finally compared with the previous results from direct microscopy, culture and Roche PCR made use of by the microbiology service of Eolab. Results By comparing the results it can be seen that this new rapid screen test detected the presence of m. tuberculosis complex every time that is positive in microscopy and culture, showing an high diagnostic sensitivity. It is slightly less sensitive in comparison to PCR Roche because of the higher detection threshold. No false negative case were found. Conclusion The MTBRif Xpert test can well be used as a screening test because it has an high diagnostic sensitivity, demonstrating its suitability for the use for which it was planned. With this test it s now possible to have a first result in less than 2 hours and so the aim of the study was reached.

3 Sommario Abstract Introduzione: I micobatteri: agente eziologico della tubercolosi Classificazione dei micobatteri La Tubercolosi Scoperta Vie di trasmissione Fasi cliniche della malattia Complicazioni della tubercolosi Epidemiologia della tubercolosi Incidenza Mortalità Trattamento Resistenze antibiotiche della tubercolosi La tubercolosi nel territorio svizzero Rischio di contrarre la tubercolosi Diagnostica Biosicurezza Test diagnostici classici Altri test Test molecolari Motivazione della scelta del lavoro di diploma Obiettivo Test MTBRIF Genexpert Cappa a flusso laminare GeneXpert Descrizione dell analisi PCR realtime Regione di resistenza per la rifampicina Materiali e metodi Campioni clinici Materiali non forniti nel kit materiale del kit Controlli di qualità... 21

4 5.3 Principio della procedura Procedimento Lettura del risultato Limitazioni del metodo Sensibilità rispetto al Gold Standard Sensibilità analitica Validazione Risultati Discussione Conclusioni Bibliografia

5 1 Introduzione: 1.1 I micobatteri: agente eziologico della tubercolosi Il Mycobacterium è un microrganismo della famiglia delle Mycobateriacee. Esistono oltre 20 specie di micobatteri patogeni per l uomo; alcune sono considerate sempre patogene altre sono patogene opportunisticamente, spesso in pazienti immunocompromessi, ed infine specie saprofitiche che sono per lo più micobatteri ambientali, raramente patogene per l uomo. Questi microrganismi hanno una forma bacillare, sono lunghi da 2 a 4 µm e larghi da 0,2 a 0,4 µm. Si possono rilevare delle variazioni morfologiche dovute a influssi esterni come la coltura, dove i micobatteri hanno la tendenza ad accorciarsi ed assumere una forma piuttosto coccobacillare, mentre quelli estratti da pazienti con prolungato trattamento spesso si ritrovano frammentati come a formare delle catenelle di granuli. Hanno un metabolismo aerobio e microaerofilo, necessitano solo di piccole quantità di ossigeno per la sopravvivenza. Essendo batteri immobili non sono in grado di muoversi; sono anche sprovvisti di capsula e non sono in grado di produrre spore. Le caratteristiche principali che li distinguono sono: Lentezza replicativa: il loro ciclo replicativo ha la durata di circa 20 ore, tempo in cui un comune battere come l E.coli raggiunge 4000 copie circa. Questa sua caratteristica spiega quindi la tempistica molto lunga per la sua coltura. Bisogna comunque accennare l esistenza di alcuni micobatteri a crescita più rapida, che non hanno particolari esigenze nutritive e sono in grado di crescere anche su terreni aspecifici. Composizione ad alto contenuto lipidico: essi sono ricchi di fosfolipidi, acidi micolici e cere, quasi tutti legati a proteine e polisaccaridi. Lo strato di peptidoiglicano cui sono legati polisaccaridi a lunga catena può causare la formazione di granulomi. I fosfolipidi contribuiscono alla formazione di necrosi caseose ed il fattore cordale presente in alcuni micobatteri costituisce un fattore di virulenza che è in grado d inibire la migrazione dei neutrofili. L alcoolacido resistenza: questa caratteristica è dovuta all elevata quantità di lipidi della membrana batterica. I micobatteri non si colorano bene con la colorazione di Gram, mentre trattengono molto bene coloranti acquosi in soluzione di fenolo. Il fenolo ha la funzione di facilitare l entrata dei coloranti nella parete cellulare. Tali coloranti a base fenolica non vengono eliminati dal trattamento decolarante con miscela alcolacido. (1) 2

6 1.2 Classificazione dei micobatteri All interno della grande famiglia dei micobatteri si applica una principale distinzione che ha lo scopo di dividere i micobatteri in grado di causare una tubercolosi e quelli che non sono in grado di causare tale malattia. Si hanno quindi secondo la classificazione del Bergey s Manual due principali categorie: Micobatteri del complesso tubercolare (M.tubercolosis complex) M. tuberculosis, M. bovis, M. bovis B.C.G.(ceppo vaccinale),m.caprae, M. africanum e M.pinnipedi. MOTT (Mycobacteria Other Than Tuberculosis) Anche chiamati atipici ovvero micobatteri diversi da quelli del complesso tubercolare. Fra i MOTT sono di particolare interesse clinico: il M. leprae che causa la lebbra; i M. avium complex responsabili d infezioni polmonari e linfoadeniti, il M. kansasii responsabile anch esso d infezioni con localizzazioni polmonari ed altre sedi, ed infine il M. marinum che crea ulcerazione e lesioni superficiali cutanee. Per i MOTT vi è un altra classificazione: la Runyon che fa capo a caratteristiche cromogene e di velocità di crescita. (1) 1.3 La Tubercolosi Scoperta Fu il biologo tedesco Robert Koch a scoprire la tubercolosi, da egli deriva anche la seconda nomina attribuita al M. tubercolosis: bacillo di Koch. Ne annunciò la scoperta il 24 marzo del Lo identificò, dopo diversi tentativi di colorazioni su un espettorato di un paziente affetto da tubercolosi e mediante osservazione al microscopio ne scopri la forma bacillare. Egli fu anche in grado di isolarlo e coltivarlo per estrarne successivamente la proteina della tubercolina. Fu così lui a scoprire che l agente eziologico della tubercolosi era il micobatterio Vie di trasmissione La trasmissione della tubercolosi avviene principalmente per via aerogena. Per infettarsi un individuo deve inalare particelle di aerosol contenti i bacilli tubercolari. La diffusione di tali particelle avviene attraverso colpi di tosse, starnuti emessi da una persona infetta ed infettiva, quindi portatrice di una tubercolosi aperta e perciò in grado di trasmetterla. La prova di una tubercolosi aperta è costituita dalla presenza di micobatteri nell espettorato. Ovviamente se i micobatteri presenti nell espettorato sono morti, come può capitare in pazienti già trattati e guariti, il pericolo d infettarsi venendo in contatto con essi è nullo. Le particelle tubercolari quindi, fluttuano sospese nell aria in goccioline di 15 µm e possono essere inalate da altri individui sani. Queste goccioline una volta inalate raggiungeranno gli alveoli del nuovo ospite. 3

7 La probabilità di essere infettati dipende principalmente dalla concentrazione di micobatteri nell aria dal tempo d esposizione e dalla situazione immunitaria della persona che viene in contatto con queste particelle. (2) Fasi cliniche della malattia Una volta che i micobatteri inalati raggiungono il parenchima alveolare danno una lesione di tipo essudativo dove i macrofagi alveolari fagociteranno i micobatteri(risposta immunitaria aspecifica). Se questo tipo di lesione non riesce ad evadere il sistema immunitario andrà incontro ad una guarigione spontanea senza conseguenze. L infezione primaria: si sviluppa invece quando la sola risposta immunitaria aspecifica non riesce a risolvere l infezione. Così raggiunto un certo numero di macrofagi infetti, in cui i micobatteri riescono a sopravvivere protetti dalla loro parete, tra la seconda ed ottava settimana dal contagio, entra in atto la risposta immunitaria cellulomediata che porta alla formazione del granuloma. Il granuloma è strutturato in: una parte centrale formata da cellule giganti polinucleate che contengono i micobatteri fagocitati, poi vi è una parte intermedia costituita da cellule epiteliodi disposte a raggiera che fungono da isolamento della parte centrale, ed infine il tutto è avvolto da uno strato periferico di fibroblasti, linfociti e monociti. Quando successivamente lo strato periferico viene avvolto da tessuto fibroso e la zona centrale incorre in necrosi caseosa, questa struttura prende il nome di tubercolo. A questo punto il tubercolo può rimanere circoscritto ed andare incontro a calcificazione, contenente ancora all interno micobatteri in grado di riattivarsi anche a distanza di anni; oppure la necrosi caseosa può fuoriuscire per via della rottura del tubercolo e dare luogo ad una cosi detta cavità tubercolare. Queste due strutture sono diagnosticabili con una radiografia toracica. L infezione postprimaria o riattivazione: può essere causa di reinfezione esogena da un nuovo ceppo, riattivazione di micobatteri tubercolari del complesso primario oppure riattivazione di granulomi formatisi nell infezione primaria. I sintomi sono una continua tosse per settimane o mesi, spesso nei fumatori passa inosservata. A livello di laboratorio segnali tipici che dovrebbero far pensare ad tubercolosi sono: un aumento della proteina Creattiva, una leucocitosi spesso accompagnata da monocitosi ed uno stato anemico. (2) Complicazioni della tubercolosi Le complicazioni che si possono verificare in seguito ad una tubercolosi sono: La tubercolosi extrapolmonare: ha una frequenza maggiore nei bambini piuttosto che negli adulti. Si tratta di una delocalizzazione dei batteri tubercolari, spesso per via ematica o linfatica, che raggiungendo altri organi possono dare luogo a queste forme particolari di tubercolosi. 4

8 Le tipiche forme di tubercolosi extrapolmonari sono: Linfadenite tubercolare caratterizzata da ingrossamento spesso indolore dei linfonodi. Si manifesta principalmente nei linfonodi cervicali e sottomandibolari e meno frequente quelli della zona mediastinica e retroperitoneale. Tubercolosi pleurica dovuta dalla diffusione d un infiltrato polmonare, a volte la diffusione raggiunge la pleure per via ematica. Tubercolosi urogenitale non sempre causa di una tubercolosi primaria. Infatti nel trattamento del carcinoma vescicale viene usato il M. B.C.G del ceppo vaccinale che favorisce la desquamazione dell epitelio vescicale riducendo l entità del tumore. In questo caso si tratta di una tubercolosi urogenitale terapeutica indotta e che non è conseguenza di una tubercolosi primaria con delocalizzazione. Tubercolosi ossea più frequente nei pazienti anziani Meningite tubercolare anch essa delocalizzazione del battere. Come sintomo della patologia si manifesta febbre ed alterazione rapida dello stato generale del paziente La tubercolosi miliare: è una forma di tubercolosi extrapolmonare molto particolare con prognosi negativa, con difficile risoluzione anche con trattamento. Colpisce soprattutto persone con un sistema immunitario indebolito. Prende il nome miliare perché la caratteristica di tale malattia è un polmone che nella radiografia si presenta tappezzato di numerosi piccoli granuli della grandezza di un chicco di miglio. A causa di una mancata risposta immunitaria efficiente i micobatteri riescono a raggiungere le vie linfatiche ed attraverso esse giungono nei linfonodi ed in tutto l organismo. Si può parlare di una sorta di setticemia tubercolare Figura 1: radiografia paziente con tubercolosi miliare con conseguenze gravissime per il paziente. Nella radiografia di fianco sono ben evidenziabili i numerosi focolai che si sono formati a causa di questa diffusione batterica. (2) 5

9 Lavoro di diploma 2013 Cuccu Luciana Maria 1.4 Epidemiologia della tubercolosi SSMTTAB3 La tubercolosi rimane oggi giorno un problema d interesse mondiale, costituisce la seconda causa di morte nel mondoo subito dopoo l HIV. L Organizzazione Mondiale della Sanità(OMS) ha dichiarato l emergenza globale tubercolosi già nel Col programma DOTS( programm to stop tubercolosis diffusion), proposto dall OMS(sigla inglesee WHOWorld Health Organisation), il quale comprende delle linee guida per la gestione, la diagnosi, la cura e la registrazione dei casi,, ci furono già dei cospicui progressi con un successo di curaa del 85%. Ovviamente aumentano i casi dichiarati, che arrivano fino a cinque milioni quell anno, casi che senza queste nuove linee guida son sarebbero stati portati alla luce. Nel 2006 si sviluppa s un nuovo progetto the stopp TB strategy che per il 2015 prevede la riduzione del 50% della comparsa di nuovi casi e la diminuzione delle morti, in rapporto ai dati registrati nel L OMS, sempre inn prima linea nella lotta alla a tubercolosi, ha registrato tra il 2010 e il 2011 una diminuzione del 41% della mortalità, prospettando un buono scenario per il raggiungimento del traguardo prefissato entro il (3) Incidenza Stimare l incidenza della tubercolosi, cioè nuovi casi l anno, non è semplice, per via della concentrazione della malattia in certe aree geografiche. Nel 2011la stima è di 8,7 milioni di nuovi casi, quindii una frequenza di 125 casi su 100'000 abitanti: il 59% dei casi si registra in Asia, il 26% in Africa, mentre in Figura 2:incidenza TBC nel mondo anno 2011 Europa si ha il 4,3 % dei casi. Di questi 8,77 milioni di nuovi casi circa 1,2 milioni sono HIV positivi. (3) Mortalità Nel 2011 si stimano 1,4 milioni di morti l anno per tubercolosi, i dati mostrano una mortalità di 20 persone su 100' 000 abitanti, tenendo conto anche dei pazienti HIV H positivi. Rispetto al 1990 c è stata anche una riduzione della mortalità del 41%; in America la riduzione della mortalità ha raggiunto gli scopi prefissati per il 2015( mortalità<50% rispetto ai a dati registrati nel 1990).Il calcolo della mortalità equivale al numero di morti sul numero di malati l anno. (3) 6

10 Lavoro di diploma 2013 Cuccu Luciana Maria SSMTTAB Trattamento Il trattamento per la cura della tubercolosi prevede una fase inziale con utilizzo di una combinazioni con più farmaci tubercolari, con lo scopo di ridurre drasticamentee il numero di micobatteri presenti. Successivamente si attua un trattamento t a lungo termine per eliminare tutti i micobatterii residui. Prima di iniziare il trattamento si dovrà indentificare il microrganismo ed effettuare i test di sensibilità ai farmaci antitubercolari. Questi farmaci antitubercola ari di prima linea sono l isoniadzide e la rifampincina che hanno funzione battericida, uccidono il battere; l etambutolo che funziona come batteriostatico, contenendo la replicazione dei micobatteri presenti ed il piradzinamide che in associazione ai precedenti aiuta ad abbreviare i tempi della durata terapeutica. (2) Resistenze antibiotiche della tubercolosi Una delle problematiche che oggi interessa il trattamento delle tubercolosi è la resistenza antibiotica che certi ceppi tubercolari sviluppano nei confronti di medicamenti della prima linea. Si tratta di resistenze all isoniadzide, rifampicina, etambutolo e pirazinamide e. Queste resistenze vengono diagnosticate con test di sensibilità, che possono prevedere un ulteriore chiarimento con l utilizzo di analisi genetiche. Le resistenze si riscontrano maggiormente in pazienti: già trattati in precedenza, provenienti dall estero o con età superiore ai 65 anni. Le principali resistenze sono quella all isoniadzine ed alla rifampicina. Per questi pazienti andrà applicato un protocollo terapeutico differente che andrà scelto dii caso in caso. (2) La tubercolosi nel territorio t svizzero Sempre più bassi i numeri di casi c di tubercolosi in Svizzera, solo nel 2009 si riporta un lievee aumento con 556 casi di tubercolosi, da ricondurree ad un ondata migratoriaa proveniente dal corno dell Africa. Rimane comunque in calo il numero di tubercolosi tra gli originari della Svizzera, mentre dal 1996 le resistenze antibiotiche registrate rimangono pressoché invariantee con una prevalenza della resistenza all isoniadzine. Dai dati raccoltii tra il 2005 e il 2009 emerge che nel 71% dei casi di tubercolosi si tratta di persone nate all estero o di nazionalità straniera. (2) 7

11 Lavoro di diploma 2013 Cuccu Luciana Maria SSMTTAB3 È inoltre dimostrata una correlazione tra richieste d asilo e casi di tubercolosi, nel 2009 sii parla di 91 casi di tubercolosi su 159 richieste d asiloo e rifugiati. Confrontand o malati di tubercolosi svizzeri e quelli stranieri si delinea una discrepanza in base all età: 67 anni nei n casi d origine Svizzera e 33 nei casi di migranti. Questo è da ricondurre alle condizioni socioeconomiche differenti; oggi giorno in Svizzera il rischio di venire in contatto conn la tubercolosi è basso rispetto r a quello che si presenta nei paesi in via di sviluppo da dove provengono la maggioranza dei migranti. In svizzera sono piuttosto le persone anziane a presentaree tubercolosii poiché nella loro giovinezza erano decisamente più a rischio di contrarre la malattiaa infatti spesso si tratta di casi di riattivazione, tipici nelle condizioni in cui il sistema immunitario diventa meno efficiente come l avanzare dell età (2). Dal grafico sopra che riporta l età e l origine dei malati di tubercolosi tra il 2005 e il 2009 si s può vedere che nei casi di tubercolosi tra gli stranieri l età in cui si ha più p frequenza della malattia e nella giovinezza tra i 20 ed i 40 anni (2) Rischio di contrarre la tubercolosi Maggiormente infettivi sono i pazienti chee presentano un espettorato spontaneo o indotto positivo per la microscopia. Vivere in ambienti dove vi è una persona infettiva aumenta di molto la possibilità di contrarre la malattia per contagio. La probabilità di essere contagiati è proporzionale alla durata d esposizione ad ambienti con pazienti infetti. Tra tutti i tipi di tubercolosi soloo quella polmonare presenta la possibilità di contagio. Un altoo rischio di contrarre la malattia m è la condizione d immunosoppressione, tra questi casi sono molto noti quelli di pazienti HIV positivi, poiché nelle loro condizioni la malattia è in grado di progredire. Anche i bambini al di sottoo dei 5 anni sono s una categoria a rischio. (2) Rimane quindi importante l indagine ambientale, che indentifica i casi d infezione tubercolare. 8

12 1.5 Diagnostica Biosicurezza Prima di parlare concretamente dei vari test diagnostici è importante interrogarsi sulle misure di sicurezza da intraprendere all interno del laboratorio. Trattare materiale infetto da micobatteri del complesso tubercolare richiede l utilizzo di misure di sicurezza diverse rispetto al normale trattamento di materiale biologico per la determinazione indiretta della malattia tramite sierologia. I batteri vengono suddivisi in quattro classi di rischio: Agente biologico di gruppo 1 (nessuno o basso rischio individuale e collettivo) Agente biologico di gruppo 2 (moderato rischio individuale, limitato rischio collettivo) Un agente che con poca probabilità è causa di malattie nell uomo o negli animali. Un agente patogeno che può causare malattie nell uomo o negli animali, ma che è poco probabile che costituisca un serio pericolo per chi lavora in laboratorio, per la comunità, per il bestiame e per l ambiente. Le esposizioni in laboratorio possono causare patologie, ma sono disponibili trattamenti efficaci e misure preventive e il rischio di diffusione è limitato. Agente biologico di gruppo 3 (elevato rischio individuale, basso rischio collettivo) Un agente patogeno che usualmente causa gravi patologie nell uomo o negli animali e costituisce un serio rischio per i lavoratori. Difficilmente si propaga nella comunità e comunque sono disponibili efficaci misure terapeutiche e preventive. Agente biologico di gruppo 4 (elevato rischio individuale e collettivo) Un agente patogeno che normalmente provoca gravi patologie nell uomo e negli animali, costituisce un serio rischio per i lavoratori e può propagarsi rapidamente nella comunità. Non sono di norma disponibili efficaci misure terapeutiche e preventive. Il micobatterio fa parte della classe III della classificazione degli agenti biologici a rischio d infezione. Un battere di classe III può causare malattie gravi in soggetti umani e costituisce un serio rischio per i lavoratori; l agente biologico può propagarsi nella comunità, ma di norma sono disponibili efficaci misure profilattiche o terapeutiche. Dopo questa classe ne segue solo una: la quarta con rischi maggiori, dove sono classificati microrganismi che causano malattie per cui odiernamente non sono disponibili cure, come ad esempio l HIV. Si deve quindi pensare al livello di biosicurezza d applicare nel laboratorio diagnostico. Per il trattamento di espettorati senza coltura basta un livello di biosicurezza 1 o 2, come sono attrezzati già il laboratori dell Ente, quindi anche quello dell Ospedale Regionale di Mendrisio. 9

13 Solo in caso di coltura sarà necessario avere un livello di biosicurezza 3 che prevede un aria dedita solo per tali manipolazioni con accesso controllato, ventilazione a pressione negativa senza riciclo d aria, cappe di sicurezza come il livello due. (4) Test diagnostici classici Di regola uno dei primi esami diagnostici che si esegue davanti ad un sospetto di tubercolosi è la radiografia polmonare accompagnata da esami di batteriologia. La radiografia polmonare permette di identificare alterazioni polmonari ed indurre quindi a proseguire l indagine medica. Generalmente l immagine radiologica positiva va di pari passo con la successiva identificazione della presenza di micobatteri tubercolari nella batteriologia. Le lesioni tipiche riscontrabili sono le caverne e le lesioni da tubercolosi miliare. A causa delle lesioni aspecifiche, che possono esserci anche se non si tratta di tubercolosi, essa non può costituire da sola un mezzo diagnostico. La batteriologia si base sull esaminazione di materiale clinico sospetto per presenza di micobatteri. I materiali indagati sono molteplici. Si tratta principalmente di espettorato spontaneo o indotto, ma si può eseguire una ricerca di micobatteri su liquido di lavaggio ed aspirato bronchiale, urina, puntati, secreti, pus, dializzato, linfonodi, liquor, succo gastrico (tipicamente nei bambini),biopsie, feci, sangue e midollo osseo. I materiali non sterili dovranno subire un processo di decontaminazione ed arricchimento prima di essere inseminati su terreni di cultura. I campioni dovranno subire dei pretrattamenti. Questi pretrattamenti sono: la decontaminazione e la digestione: La fluidificazione che consiste nel sciogliere lo sputo in modo da ottenere un campione più fluido e meglio maneggiabile. Generalmente si usa della sputolisina. La decontaminazione prevista per i materiali che in origine non sono sterili per la presenza della flora batterica residente. La risospensione dopo centrifugazione in tampone fosfato Il materiale può essere anche concentrato tramite centrifugazioni. Una volta fissato il materiale sul vetrino si potrà procedere con le colorazioni. (2) Microscopia delle colorazione dei micobatteri A causa dell alcolacido resistenza, non si utilizza la colorazione di Gram per identificare microscopicamente i micobatteri. Sono necessarie delle colorazioni speciali Attualmente al servizio di microbiologia Eolab sono utilizzate due colorazioni specifiche per questo tipo di batteri: Ziehl Nielsen ed auramina. 10

14 Colorazione ZiehlNielsen: mette in evidenza i bacilli alcolacido resistenti. Viene adagiata la soluzione di fucsina sul vetrino e successivamente scaldando a fiamma il preparato si creano dei pori nella parete dei micobatteri e il colorante riesce cosi a penetrare nella parete batterica. Segue una decolorazione con alcolacido e una colorazione di contrasto con blu di metilene. I batteri alcolacido resistenti risulteranno colorati di rosso, mentre i batteri che non possiedono tale resistenza assumeranno una colorazione blu come si vede dall immagine accanto. Figura3:http://www.oocities.org/gbruno _2000/mico.htm Colorazione fluorocromica con Auramina: questa è una colorazione in fluorescenza. I preparati andranno dunque osservati sotto microscopio a fluorescenza. Il limite questa tecnica è la rilevabilità a concentrazioni di almeno bacilli per millilitro. Con questa colorazione i bacilli risulteranno colorati di giallo su uno sfondo nero, mentre gli altri batteri non saranno visibili (microscopio a fluorescenza). Figura4:http://www.lung.ca/tb/images/full _archive/107_bacillus.jpg di Il vantaggio della colorazione ad auramina è che aumenta la possibilità di visualizzare anche pochi micobatteri poiché solo loro emettono fluorescenza mentre la flora residente,che è presente normalmente negli espettorati,non emettendo fluorescenza, non costituisce intralcio nella visualizzazione. Nell osservazione microscopica dei preparati colorati con le colorazioni sopracitate si darà un valore in base alla quantità di micobatteri riscontrabili: pochissimi, pochi, alcuni, numerosi e numerosissimi. Questo valore costituisce il risultato dell analisi microscopica. 11

15 Coltura: è complementare all osservazione microscopica sia perché la coltura permette la valutazione di vitalità dei micobatteri sia perché se la quantità di micobatteri presenti nell espettorato fosse cosi bassa da non essere visibile nella microscopia in coltura moltiplicandosi sarebbe evidenziabile la loro presenza. Si possono verificare casi in cui campioni con una microscopia negativa siano positivi per la coltura. Esistono terreni di coltura: Solidi: tubi contenti il terreno. Vengono utilizzati due tipi differenti di terreni: il Löwenstein Jensen ed il Colestos. Una volta inseminati i terreni vengono incubati a 37 per otto settimane in posizione orizzontale, per favorire l inseminazione dell intera superfici. I tappi a vite dei tubi vengono aperti leggermente per far entrare l anidride carbonica (che è presente tramite bombola nell incubatore) poiché ne favorisce la crescita dei micobatteri. Liquidi: contengono antibiotici con arricchimento di crescita. L antibiotico aiuterà a non far crescere rimasugli della flora residente. Questi tubi di terreno liquido vengono incubati in un apparecchio, il MGIT, il quale con lettura fotometrica segnalerà la presenza di una crescita nelle successive otto settimane d incubazione. Il MGIT viene utilizzato anche per testare le sensibilità antibiotiche dei micobatteri resistenti. Il principio di lettura è sempre fotometrico. La coltura può positivizzarsi anche dopo una settimana, tutto dipende dalla quantità di micobatteri inseminati e dalla loro vitalità e velocità di crescita. Per ogni coltura positiva viene poi effettuata una colorazione di Gram ed un ZiehlNielsen per essere certi di avere una crescita micobatterica ed escludere un eventuale crescita di altri batteri che si trovavano nel materiale, flora residente del luogo di prelievo del campione. Crescite aspecifiche saranno comunque di rilevanza clinica nel caso il materiale di partenza doveva presentarsi fisiologicamente sterile. I test di sensibilità agli antibiotici vengono effettuati sempre tramite MGIT. Il MGIT è un apparecchio che funziona come incubatore a 37 C per le provette contenti i campioni in coltura liquida; esso è in grado di rilevare l anidride carbonica prodotta dall utilizzo di ossigeno dei micobatteri poiché marcata radioattivamente. Quando si trova la coltura positiva si può procedere anche ai test di resistenza antibiotica sempre tramite MGIT. Questo consente di fornire al medico informazioni importanti per la scelta del trattamento farmacologico per la terapia di pazienti affetti da tubercolosi. La microscopia e la coltura costituiscono ancora oggi il GoldStandard per la ricerca dei micobatteri tubercolari. Come Gold Standard s intendono le analisi atte ad eliminare dubbi che possono sorgere 12

16 con altre analisi. Quindi per la rilevazione dei micobatteri l analisi più efficace ed efficiente è la microscopia con la coltura. (5) (6) Altri test oltre alla batteriologia classica sono disponibili: Test della tubercolina È un intracutaneo, viene iniettata della tubercolina, si formerà una bolla ed a seconda della presenza o meno di anticorpi contro questa proteina del micobatterio si svilupperà una zona indurità. La lettura del test avviene dopo 72 ore e si misura questo indurimento in termini di millimetri. Sono noti falsi positivi da infezione con micobatteri ambientali e precedente vaccino con ceppo BGC. Questo perché la positività al test indica solo che il paziente è venuto in contatto con il micobattere e che ne ha una memoria immunologica. IGRA (Interferon Gamma Release Assays) Questo test si basa sulla produzione di Interferone Gamma da parte dei linfociti T stimolati con dopo incubazione con tre antigeni di Mycobacterium tuberculosis: ESAT6, CFP10 e TB7.7. Il vantaggio di questi test è l assenza di falsi negativi da vaccino con BGC. o da infezioni con altri micobatteri non tubercolari. Attualmente i più comuni IGRA test sono: il QuantiFERONTB Gold InTube ed il TSPOT.TB (2) (5) Test molecolari I test di biologia molecolare con ricerca del materiale genetico tubercolare costituiscono oggi un complementare ai gold standard della batteriologia classica. Sono dei metodi PCR cioè di amplificazione genetica. Sono meno sensibili ma altamente specifici. Purtroppo con un analisi di questo tipo non si verifica la vitalità dei micobatteri, ciò significa che potrebbero essere trovati anche micobatteri morti. Questi utilizzano la tecinica PCR e Real Time PCR PCR e PCRrealtime. La tecnica PCR consiste nell utilizzare una coppia di primer ed una DNA polimerasi per amplificare un segmento specifico di DNA. Si susseguiranno dei cicli termici che consistono in una fase di denaturazione del DNA a temperatura elevata, una fase di appaiamento dei primer, a temperatura inferiore rispetto alla denaturazione ed una fase di estensione del filamento a singola catena del DNA con una temperatura intermedia. L amplificazione sarà esponenziale. La realtime PCR utilizza delle sonde a fluorescenza, rileva e quantifica un segnale di fluorescenza, che direttamente proporzionale alla quantità di materiale amplificato, ciò permette di monitorare l amplificazione durante i cicli. La quantità di target è inversamente proporzionale al numero di cicli necessari al rilevamento del 13

17 segnale fluorescente soglia definito anche C T (threshold cycle). Threshold Cycle è il numero del ciclo in cui la fluorescenza diventa positiva e quindi rilevabile. Poiché il C T viene determinato durante la fase esponenziale di amplificazione, il risultato è di gran lunga più affidabile di quello ottenibile in endpoint con la PCR tradizionale. Come End Point si intende un risultato disponibile solo alla fine dell amplificazione e non indica a che ciclo il materiale è messo in evidenza. Per la ricerca dei micobatteri tubercolari si possono utilizzare varie zone del DNA come target. Dovranno essere delle zone conservate in tutti i micobatteri del complesso tubercolare Le più note sono: il rdna 16S una fra le regione più conservate nei batteri IS6110 è una sequenza di basi in grado di duplicarsi e di spostarsi all interno del genoma di micobatteri del complesso tubercolare; di essa è possibile ritrovarne fino a 25 copie, anche se nella grande maggioranza dei ceppi il numero è compreso fra 5 e 20 (5). 14

18 2 Motivazione della scelta del lavoro di diploma La tubercolosi, malattia fino a poco tempo fa considerata debellata nei paesi occidentali, si sta ripresentando. La riemergenza sarebbe dovuta a flussi migratori, zone in gravi condizioni di povertà e casi d immunodepressione. Questa problematica interessa anche la Svizzera e la realtà ticinese. Nella maggior parte dei casi che si presentano in Ticino, si tratta di soggiornanti nel centro asilanti di Chiasso. La gestione di tali casi è presa principalmente in gestione dall Ospedale Regionale di Mendrisio (OBV). Introdurre una diagnostica rapida come quella del kit MTBRIF Xpert permetterebbe una diagnostica della tubercolosi in tempi brevi e consentirebbe d isolare precocemente il paziente, evitando cosi altri contatti e contaminazioni, nonché aiuterebbe a contenere parte delle spese sanitarie, particolarmente quelle generate dall isolamento del paziente. 3 Obiettivo Lo scopo di questo lavoro di diploma è quello di validare l analisi per la ricerca di micobatteri del complesso tubercolare con il kit MTBRIF GeneXpert della Cepheid. Kit che oltre a rilevare la presenza del M. tubercolosis Complex è in grado di rilevare la presenza delle resistenze alla Rifampicina, medicamento di prima linea per il trattamento delle tubercolosi. L introduzione in routine di tale analisi non andrebbe comunque a sostituire le attuali analisi di microscopia diretta e coltura dei micobatteri presso il servizio di microbiologia Eolab. Si tratterebbe di aver un primo risultato in due ore, che in caso di positività consentirebbe d isolare immediatamente il paziente aiutando quindi il trattamento di tali casi all interno dell equipe medica. In caso di rilevamento della resistenza alla rifampicina, si avrebbe una prima indicazione terapeutica. 15

19 4 Test MTBRIF Genexpert L Xpert MTBRIF è un sistema semiquantitativo per la messa in evidenza di DNA di micobatteri del complesso tubercolare (MTBC) e presenza delle mutazioni del gene rpob responsabili della resistenza alla rifampicina su campioni d espettorato, tramite realtime PCR utilizzando come apparecchio il Genexpert System. L integrazione in routine dell MTBRIF fornisce due informazioni importanti per il sospetto di tubercolosi: La detezione di genoma micobatterico del complesso tubercolare Un eventuale mutazione che porta alla resistenza alla rifampicina L esecuzione di questo test comporta la manipolazioni con campioni con potenziale presenza di micobatteri del complesso tubercolare. È necessarie quindi misure di sicurezza adeguate al trattamento di un battere di classe III. Il laboratorio dovrà perciò disporre di una cappa a flusso laminare dove poter effettuare le manipolazioni sul materiale clinico d analisi in totale sicurezza. 4.1 Cappa a flusso laminare Il primo passo per l introduzione di tale analisi è stato quindi l acquisto di una cappa a flusso laminare di cui il laboratorio dell Ospedale di Mendrisio non era a disposizione. La scelta è stata una cappa biologica a flusso laminare verticale di tipo due. La principale caratteristica è quella di proteggere l operatore grazie al flusso verticale ed allo schermo regolabile che separa l operatore dalla zona di lavoro. È dotata di: quattro filtri HEPA (High Efficiency Particulate Air filter), d illuminazione, prese di corrente attivabili dai tasti esterni, lampada raggi UV con attacco a calamita e possibilità di regolazione timer. Funzionamento: l aria pressurizzata spinta nell aria di lavoro, attraverso motoventilatore, passa, insieme all aria proveniente dall esterno attraverso la griglia bucherellata,che costituisce la superficie del piano di lavoro. Da li viene aspirata nel canale che porterà l aria nel retro della cappa dove passa attraverso il filtro HEPA. Parte di essa viene rigettata all esterno nell ambiente e parte torna nella zona di lavoro. Il nome flusso laminare è dovuto proprio a quest unidirezionalità dell aria che crea una corrente d aria omogenea priva di turbolenze. Per assicurare il flusso laminare l operatore dovrà utilizzare la cappa nel modo corretto, cioè tenere l apertura al minimo indispensabile 20 cm circa e non coprire la Figura 5: movimento aria in una cappa a flusso laminare 16

20 superficie poiché interrompe il flusso omogeneo e causa il rigetto dell aria della zona di lavoro all esterno costituendo cosi un pericolo di contaminazione della zona circostante l aria di lavoro qualora si fosse creato dell aerosol durante la manipolazione di campioni infetti da TBC. Cura della cappa: terminate le manipolazioni si pulisce la cappa con disinfettanti appositi per i micobatteri, si chiude la cappa e si attiva la lampada raggi UV per circa tre ore per effettuare una sterilizzazione dell aria di lavoro, eliminando eventuali tracce di micobatteri che durante le manipolazioni possono essere stati sparsi nell aria di lavoro. (7) 4.2 GeneXpert GeneXpert della ditta Cepheid è un apparecchio di biologia molecolare automatizzato in grado di eseguire una PCR realtime e dei principiali processi associato ad esso cioè: l estrazione del DNA, l amplificazione del Target e il rilevamento; utilizzando delle cartucce fornite dai vari kit per le diverse analisi. I kit che siamo andati a utilizzare con il sistema GeneXpert è l Xpert MTBRIF, per la ricerca dei micobatteri del complesso tubercolare, fornito sempre dalla ditta Cepheid. 4.3 Descrizione dell analisi Prima di poter iniziare con l analisi, si deve pretrattare il campione. Il pretrattamento consiste nel fluidificare il campione utilizzando il reagente campione, che ha la funzione di omogenizzare il campione e ridurre la vitalità dei micobatteri per abbassare i rischi infettivi. La cartuccia utilizzata, fornita nel kit, è costituita da quattro aree di reazione un tubo di aspirazione centrale che comunica con il filtro sottostante e degli scompartimenti dove sono contenuti i reagenti, che contengono i tamponi con surfattanti, e le microsfere, che contengono i costituenti necessari per la PCR realtime (primer, sonde, KCl, MgCl₂, HEPES ph 8,BSA, HEPES ph 7,2, polimerasi, dntp). Una volta dispensato il campione nella camera del campione ed inserita la cartuccia nel modulo, l apparecchio introdurrà il pistone nella camera di aspirazione e procederà all aspirazione del campione nella zona attiva. Con un sistema di pressione spinge il campione sul filtro aspira i diversi reagenti contenti i tamponi e procede con la fase di estrazione del DNA,che avviene mediante un corno sonoro che causa la lisi dei bacilli tramite ultrasuoni. Il materiale genetico liberato passa oltre la membrana del filtro e viene spinto nelle camere di contenimento delle prime due microsfere. Tramite il controllo PCC l apparecchio verifica l idratazione delle sfere liofilizzate ed al momento opportuno inietta il campione con le sfere reidratate nella camera di reazione dove avverrà la prima reazione PCR. Terminata la prima reazione dispensa il materiale nella camera contente le altre sfere liofilizzate. Come prima appena l idratazione sarà completa ridispensa il campione nella camera di reazione e avviene un altro ciclo con l utilizzo della detezione della fluorescenza. 17

21 4.4 PCR realtime La PCR realtime viene utilizzata come applicazione in campo medico per determinare la presenza di DNA anche a concentrazioni molto basse. Costituisce cioè un metodo altamente sensibile. Utilizza dei cicli termici per le differenti fasi della PCR: Denaturazione (9496 ) In questa fase avviene l apertura della catena a doppia elica Ibridazione (5656 ) La temperatura dipende dai primer utilizzati. In questa fase i primer si legheranno al Dna Target single strand. Estensione del filamento Fase in cui la polimerasi andrà a costruire il filamento complementare al DNA target utilizzando i dntps. Nel susseguirsi di questi cicli, generalmente 30, le copie di filamento che verranno a formarsi saranno raddoppiate per ogni ciclo completato. Si ha quindi un amplificazione esponenziale dei filamenti di DNA target. L amplificazione non andrà avanti all infinito, è limitata dalla quantità dei dntps, dall attività della polimerasi e dall ibridazione dei filamenti del DNA target. Si raggiunge quindi una fase di plateau, dove il numero di copie rimane invariato. Il numero di copie ottenuto è proporzionale alla quantità di DNA templato inizialmente presente nel campione. La realtime PCR ha proprio il vantaggio di poter monitorare la crescita esponenziale, fornendo dei risultati semiquantitativi in tempo reale. Ciò avviene grazie all utilizzo della fluorescenza. Questa fluorescenza si ottiene o con l intercalare nel DNA di sostanze coloranti fluorescenti o con l ibridazione di sonde specifiche fluorescenti, come nel caso del kit MTBRIF. La lettura della fluorescenza avviene attraverso un light termocycler che nel caso del GeneXpert è contenuto nel modulo. 18

22 Lavoro di diploma 2013 Cuccu Luciana Maria SSMTTAB3 4.5 Regionee di resistenza per la rifampicina Nell analisi PCR realtime del Kit Xpert MTBRIF viene analizzato il gene rpob per la resistenza alla rifampicina. È noto che tutte le resistenzee alla rifampicina sono dovute a mutazioni del gene rpob. Il kit contiene cinque differenti sonde che possono ibridizzare coprendo l interaa zona di 81bp del gene. Figura 6: sequenza del gene di resistenza alla rifampicina In questo modo si riescono a metterein evidenza tutte le possibili mutazioni che avvengono del gene rpob. Quando non viene rilevata una fluorescenza delle cinque sonde che ibridizzano ciascuna zona del filamento di DNA del gene, vuol dire che nella zona identificata dalla sonda c è stata una mutazione per cui essa non riesce ad ibridizzare, ciò spiega la mancanza del segnale. (8) 19

23 5 Materiali e metodi Campioni clinici I campioni clinici su cui si può effettuare l analisi MTBRIF GeneXpert sono: Espettorato spontaneo o indotto Sedimento di espettorato dopo decontaminazione (forniti dal servizio di microbiologia) Tutti i materiali vanno considerati potenzialmente infetti Materiali non forniti nel kit Cappa a flusso laminare: ditta: EHRET modello: BIOSAFE numero di serie: 4574 Genexpert: ditta: Cepheid modello: numero di serie: analizzatore automatico di biologia molecolare, con computer, lettore cd, lettore codice a barre e manuale dell operatore non disponibile la stampante pipette sterili falcon per diluire il campione vortex guanti contenitore per smaltimento rifiuti disinfettante portaprovette per falcon 20

24 5.1.3 materiale del kit cd: file di definizione del saggio istruzioni per l importazione dellafd nel software GX foglio illustrativo pipette di trasferimento con tacca che segna il volume minimo di campione 10 cartucce Xpert MTB/RIF con provette di reazione integrate 10 flaconi da 8ml di Reagente del Campione(RC) :idrossido di sodio e isopropanolo In ogni cartuccia: Microsfera 1: primer, sonde, KCl, MgCl₂, HEPES Ph 8, BSA(sieroalbumina bovina) Microsfera2:sonda, polimerasi, KCL, MgCl₂, dntp, HEPES, ph 7,2,BSA Microsfera 3: circa 6000 spore di controllo non infette per la preparazione del campione Reagente 1: 4ml tampone Tris,EDTA e surfattanti Reagente 2: 4ml tampone Tris,EDTA e surfattanti (8) 5.2 Controlli di qualità Ogni analisi include: un controllo di elaborazione del campione (SPC) e un controllo per la sonda (PCC) L SPC contiene spore non infette mentre il PCC misura il segnale emesso dalle sonde per controllare la reidratazione delle sonde contenute nelle microsfere liofilizzate. (8) 5.3 Principio della procedura GeneXpert Dx System consente di integrare e automatizzare l analisi dei campioni, l amplificazione degli acidi nucleici e il rilevamento delle sequenze bersaglio in campioni semplici o complessi, utilizzando la PCR in tempo reale e trascrittasi inversa. Il kit non fornisce le temperature di denaturazione di ibridazione e di estensione del filamento. (8) 5.4 Procedimento Preparazione del campione di espettorato(lavoro sotto cappa a flusso laminare) Assicurarsi che il campione non contenga materiale alimentare. Etichettare le cartucce con l identità del paziente o scrivervi il nome ai lati 21

25 Lavoro di diploma 2013 Cuccu Luciana Maria SSMTTAB3 Sotto cappa aggiungere nel contenitore del campione il reagente campione in volume: 2:1(2 volumi di reagente per 1 volume di campione)per l espettorato 3:1(3 volumi di reagente per 1 volume di campione) per ill sedimento di espettorato Ritappare e assicurarsi che sia ben chiuso ermeticamente Mescolare vigorosamente per volte Incubare il campione per 15 minuti a temperatura ambiente mescolando di tanto in tanto. I campionii devono risultare liquefatti e omogenei Aprire la cartuccia senza toccare la linguetta retrostante Porzionare con la pipetta all interno della cartuccia, aspirando fino alla prima tacca e trasferirla nell apertura aposita senza creare bolle. Richiudere bene la cassetta Precauzioni : il lavoro sotto cappa deve rispettaree le norme base di sicurezza del trattamento di materiale potenzialmentee infetto. Quindi utilizzo di guanti e modalità di lavoro accurato sotto cappa, cioè evitare la creazione di aerosol e non eseguire manovre che possano interrompere il flusso laminare della cappa. Esecuzione del test (all apparecchio GeneXpert) Andare all apparecchio GeneXpert, creare il test, Scansionare prima l etichetta a barcode del paziente o Inserire il numero del paziente a mano Scansionare il codice a barre dellaa cartuccia e cliccare su start s test. Attendere la luce verde lampeggiante Aprire il modulo segnalato dall apparecchio Inserire la cartuccia facendola scivolare dentro dolcemente Richiudere bene lo sportelletto del modulo La luce verde non dovrebbe più lampeggiare e il test è in esecuzione. Nella schermata del computer c è visualizzabile l icona test in esecuzione Al termine dell analisi la luce verde sopra il modulo si spegne e il test sarà visibile il risultato. Lo sportello del modulo si sarà aperto automaticamente Estrarre la cartuccia e gettarla nel bidone giallo per i materiali biologici contaminati (8) 22

26 Lavoro di diploma Lettura del risultato Cuccu Luciana Maria SSMTTAB3 Cliccando sul l ID del test sarà possibile visualizzare :la primary curve ed il testt report La primary curve È un diagramma che mostra il segnalee fluorescente delle variee sonde utilizzate nel kit fornendo come informazione a che ciclo la fluorescenza diventa positiva per la singola sonda che nel grafico è indentificata dall diverso colore. Di fianco al grafico è disponibile la didascaliaa delle sonde fluorescenti. (8) Il test report: Fornisce i dettagli della primary curve in termini numerici. Con il Ct sii sa a che ciclo la zona indentificata dalla sonda risulta positiva e l end point da il valore numerico finale ad analisi terminata. Le principali informazioni sono fornite dal test result: la detezione della presenza di micobatteri e l eventuale detezione della presenza di resistenza allaa rifampicina. 23

27 Lavoro di diploma 2013 Cuccu Luciana Maria SSMTTAB3 24

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Aptima Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Per uso diagnostico in vitro. Solo per l esportazione dagli USA. Informazioni generali................................................ 2 Utilizzo previsto................................................................

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Tubercolosi sul luogo di lavoro

Tubercolosi sul luogo di lavoro Tubercolosi sul luogo di lavoro Rischio e prevenzione Marcel Jost, Martin Rüegger, Jean-Pierre Zellweger, Helena Shang, Beat Cartier, Alois Gutzwiller Le seguenti illustrazioni/foto sono state gentilmente

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Foglietto illustrativo QuantiFERON -TB Gold (QFT ) ELISA 2 x 96 (n di catalogo 0594-0201)

Foglietto illustrativo QuantiFERON -TB Gold (QFT ) ELISA 2 x 96 (n di catalogo 0594-0201) Foglietto illustrativo QuantiFERON -TB Gold (QFT ) ELISA 2 x 96 (n di catalogo 0594-0201) 20 x 96 (n di catalogo 0594-0501) Test dell'ifn-γ sul sangue intero per la misurazione delle risposte agli antigeni

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic. Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.it è un sistema integrato completo di tutti i moduli per eseguire

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE.

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. C. Sintoni C. Galli Servizio di Anatomia Patologica - Presidio Ospedaliero S. M. delle Croci - Ravenna Attualmente nel nostro

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario QUADERNI SULLE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE N. 2 Il sistema immunitario ASSOCIAZIONE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE ONLUS Quaderni pubblicati da AIP ONLUS N.1 La sindrome di Wiskott Aldrich (WAS) N.2 Il sistema

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA IL PRESENTE TESTO E UNA SINTESI DEL TESTO COMPLETO EDITO DA LA MEDICINA BIOLOGICA, n.4, 2010, WWW.MEDIBIO.IT Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA Lo sviluppo

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Optima CG / Optivent CG. Soluzioni innovative a flusso laminare per sale operatorie

Optima CG / Optivent CG. Soluzioni innovative a flusso laminare per sale operatorie Optima CG / Optivent CG Solzioni innovative a flsso laminare per sale operatorie Optima CG / Optivent CG Solzioni innovative a flsso laminare per sale operatorie Applicazioni Clean Air Power Generation

Dettagli

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico.

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. Elettroforesi su gel L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. La mobilità della particella dipende dalla forza elettrostatica netta che agisce

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 1 RAPPRESENTARE I DATI: TABELLE E GRAFICI Un insieme di misure è detto serie statistica o serie dei dati 1) Una sua prima elementare elaborazione può

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI IGIENE GENERALE ED APPLICATA LEZIONE II EPIDEMIOLOGIA GENERALE DELLE MALATTIE INFETTIVE PROF.SSA DANIELA ANASTASI Indice 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ----------------------------------------------------

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch

Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch Sei vaccinato? Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch 0844 448 448 Chi ha il morbillo deve restare a casa. www.stopmorbillo.ch L eliminazione del morbillo un obiettivo internazionale

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Delibera n. 328 del 25 marzo 211 COMITATO TECNICO PREPOSTO AL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Dr.

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Mario Sarti Microbiologia Clinica Provinciale Azienda USL di Modena 9 STRATEGIE DI REFERTAZIONE PER FAVORIRE L USO APPROPRIATO

Dettagli